.

.

lunedì 21 aprile 2014

Le conigliette di cioccolato della Lindt

La sconfitta contro la Roma ha riaperto l’eterna discussione sull’allenatore, ma per non sentire niente fino al 3 maggio mi sono chiuso in casa. E così per colpa di Nainggolan non posso più  vedere neanche i film western, che adoro tanto, quelli in cui certi personaggi si facevano giustizia da soli, sparando qua e là, facendo duelli, scazzottandosi nel saloon fino sulla strada polverosa. Peccato che sia un genere che non va più di moda. E quando la Fiorentina ancora vinceva, per godere dello stesso spettacolo, ogni tanto mi facevo un giretto in centro nei locali della movida. Ora guardo solo Dmax, che non è la televisione di Allegri. Non ho voglia di sentire certi tifosi che hanno una concezione così blanda della nostra storia, il Bambi mi ha detto che quest’anno vorrebbe festeggiare due feste della liberazione, lui figlio di un ex partigiano ne festeggia una il 25 aprile, e una quando se ne andrà via Montella. Un tempo c’erano quelli che la seconda se la lasciavano aperta come un biglietto aereo, aspettando di indicare il giorno in cui moglie e suocera sarebbero state travolte da una valanga. Meglio chiuso in casa che in strada a sentire tanta cattiveria e così poca riconoscenza, sarà che sono troppo sensibile per vivere il duro mondo del calcio, e quando si avvicina un esonero mi torna sempre in mente di quando ero piccolo e tutti mi dicevano che assomigliavo tantissimo a mia madre. Era insopportabile perché, diventando adolescente, mi imbarazzava molto essere paragonato a una donna. Una volta arrivato ai quarant’anni decisi di farmi crescere la barba. Niente da fare, cominciarono a dirmi che assomigliavo a mia nonna. E allora quando la situazione si fa tesa in San Frediano mi chiudo i casa. No, non sono buono per vivere nella trincea della passione Viola, il consumismo ci ha avvelenato, ci sarà sempre un altro modello nuovo di iPhone dopo il 5 S, quando mi sono sposato il TV 28 pollici era un must, ora è da sfigati, c’è infatti chi toglie la libreria vuota per far spazio a un 60 pollici, e quindi anche gli allenatori vanno sostituiti come le pile del vibratore per certe donne vogliose. Donne mangia allenatori come candele mangiafumo. Le donne si sa non si fanno certo abbattere da una febbre a 37,5, loro inveiscono contro Montella lo stesso. Io riesco a fare solo una cosa per volta, e adesso per difenderlo non riesco a fare altro che stare chiuso in casa. Le donne più esperte di San Frediano, invece, durante l'atto sessuale, possono riuscire a raggiungere... la cucina, scolare i broccoletti e reinfilarsi sotto le coperte. Ovviamente, tutto questo senza che noi ci siamo accorti di nulla. E allora da chiuso in casa chiudo con un pensiero amaro di Woody Allen “La scienza ha sconfitto molte malattie, ha decifrato il codice genetico e ha perfino mandato l'uomo sulla luna, ma se un ottantenne viene lasciato solo in una stanza con due conigliette diciottenni non succede niente di niente. Perché i veri problemi non cambiano mai”. E l’allenatore nel calcio sarà sempre un problema.

53 commenti:

  1. Pollock, visto che ultimamente guardi solo Dmax, lo sapevi che Chef Rubio non sa cucinare? Io non me lo sarei immaginato. Forte, eh?

    RispondiElimina
  2. No, però l'ho guardato perché raccontava di cibo di strada. Uno chef che non sa cucinare è un po' come un Montolivo che va al Milan per vincere.

    RispondiElimina
  3. Ahah. L'ho saputo guardando casualmente Deejay Tv, di cui era ospite, e lo ha confessato. Comunque è un gran mangiatore, questo sì. E stasera, se ricordo bene, ricomincia una nuova serie di 'Unti e Bisunti'.

    RispondiElimina
  4. Unti e bisunti? Unti= Prandelli? O unti di olio= Marotta?

    RispondiElimina
  5. Ma che cazzo guardate alla TV? E' vero che io la guardo poco ma Chef Rubio per me potrebbe essere amico di Geronimo.

    RispondiElimina
  6. Invece l formazione di cui sopra la trovo interessante. Se si mette una di quelle al posto di Gonzalo quando giochiamo con l'Inter Icardi è già annullato

    RispondiElimina
  7. E' stato anche a Firenze a mangiare il lampredotto.

    RispondiElimina
  8. Trovo che Maxi abbia una grande pazienza: il suo competitor vincente sarebbe da spacciare e da far ritrovare in un vicolo cieco col pipi succiso in bocca. Quanto alla Wanda (prima della Guerra, famoso il casino di lusso che teneva una sua omonima in Lungarno Cavalleggeri), sarebbe auspicabile crapa rapata come alle collaborazioniste e cartello al collo con la scritta «Io sono una maiala». Tutto ci sta in amore (chiamiamolo così, anche in questo caso) e la donna ha sempre ragione, sempre (così papà mio e così Joseph Losey), ma lo scherno pubblico e compiaciuto merita le vie di fatto.

    RispondiElimina
  9. E aggiungo che, in ciò, la morale sanfredianina si rivela legislatrice insuperabile. Fai un lacchezzo del genere a uno di là d'Arno e ti raccattano col cucchiaino. Un gentiluomo gode e tace e la donna, poi, è come se si chiudesse nel burka della nuova relazione appetto alla vecchia: così, nel mondo civilizzato. Fra le bestie umane, altrimenti. Ma le bestie umane si trattano per come meritano.

    RispondiElimina
  10. Dice che Pradè lo chiama «Gian». E lui come lo chiama? «Ric»? E Armstrong come lo chiamava? E il Duca? Lacci forti, muri di gomma, musica soft, alimentazione sobria, pasticche quattro volte al giorno, infermieri comprensivi: non ci vuole altro.

    RispondiElimina
  11. Mi sembra tu ti ci incazzi un po' troppo. Che Icardi non sia un gentiluomo e sia tendente alla testa di cazzo e la Nara una maiala mi sembra sia cosa patente, ma son sempre cazzi loro. Magari anche il Maxi Lopez con qui' ciuffo biondo a buco e ci ha le sue da fassi perdonare. Gentuccia ma quanto a passare alla violenza, mi sembra tu sia più di fori delle terrazze, spero tu scherzi se no tu sei grave.

    RispondiElimina
  12. Qui c'è chi «molla», Pollock! Te lo scrivono in cloaca: sentivo un certo puzzo... E c'è un imbecille sotto, l'istruttore di querele arrotolate in culo a lui & C., che prende la metafora per metà fora come nelle barzellette!

    RispondiElimina
  13. Ahahahahahahahaha... Foco! S'è preso seccamente di fava in du' righi! Ahahahahahahahah! Cerca di metter zizzania ma lo prend'in culo more solito... ahahahahahahahahah! L'unico a potere metter d'accordo i di qua e i di là d'Arno: Ludde, la Fava Atomica! Ahahahahahahahahah! Sceeeeeeemooooooo, sceeeeemooooooo, sceeeeemooooooooo! Aahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  14. Comunque, Ludde, se non ti risponde Jingle ti rispondo io: vai a cercare dalle parti di Montaigne. A monte, non mi risulta nei «Dicta Catonis», ma occorrebbe, di quel testo così influente nel Medioevo (e pur noto a Montaigne), conoscenza della sterminata variantistica e del tanto che è stato sommerso dal tempo edax rerum.

    RispondiElimina
  15. Vedo che il blog viene continuamente citato per via dell'aria cattiva che si rspira. Ci ho pensato molto in questi giorni che sono chiuso in casa in attesa del 3 maggio. E devo dire che è vero. Il luogo è ributtante. Noi di San Frediano non ci nascondiamo dietro un dito. Allora ho chiamato un'amica che suona e canta in chiesa. L'ho convinta e gli ho fatto comporre l'inno del blog. Almeno in questo siamo i primi. I primi ad avere un inno

    https://www.youtube.com/watch?v=1E-I23NH4dw

    RispondiElimina
  16. Grandissima, grandissima!!!!! Una vera sanfredianina!!!!! Di quelle di fronte alle quali sbaverei in ginocchio!!!! Grandissima!!!! Inno che vale quello di Narciso Parigi!!!!

    RispondiElimina
  17. "Se non ti risponde Jingle ti rispondo io" e dove sarebbe la differenza?

    RispondiElimina
  18. Vive la différence! Dicono in Francia! Tanto per rimanere sulla Wanda (ma il ciuffo da buho che dici abbia Maxi sembra ai tuoi occhi diminuirla, fra i due ex-coniugi... forse fornire attenuanti...).

    RispondiElimina
  19. Gente fina. Falla mandare da Maxi Lopez a Wanda Nara

    RispondiElimina
  20. Devo dire che Vigile avrebbe anche disegnato la copertina del nostro inno. Lo ringrazio pubblicamente perché i disegni me li ha inviati in posta, il sistema però allega immagini solo fino a 2 MB e lui deve aver utilizzato qualche obiettivo dell'osservatorio di Arcetri. Così non ve li posso far vedere. Comunque grazie, Vigile!!

    RispondiElimina
  21. Oddio, se fosse buho qualche ragione la ce l'avrebbe sì anche lei. Uno schianto di fica come quella senza uccello l'è contro natura!

    RispondiElimina
  22. Jordan tocca un tasto dolente, Pollock, che già Ludde, la Fava Atomica, ha pertrattato nei suoi scritti calcistici e non (a pensarci bene, anche i suoi scritti calcistici sono «non»... ahahahahahahahah!): l'irrozzimento del sitollock, il suo indulgere ormai a una volgarità che sembra non avere più argine. Tu, Pollock, tu, cazzo di Budda, sei il primo responsabile di tutto ciò, 'io can! E la gente fina ci lascia e in cloaca ci piglian pe' pezzenti! Primo fu il Tocca, ma lì era partita persa: che tu vo' lottà co' lorde inglesi?

    RispondiElimina
  23. Beh, rimpiccoliscili,no? Lo puoi fare online oppure basta anche Paint.
    Te lo dico perché ho un'altissima concezione di me stesso.

    RispondiElimina
  24. Sì ma il processo mi sembra molto indiziario: un ciuffo biondo... Se qualcuno gli ha spaccato il culo è lei, con quel che gli ha fatto.

    RispondiElimina
  25. Poi c'è il problema, che dovremo pur affrontare un giorno, del fochista. Va bene geometri, al limite ok per i macellari, un passi provvisorio per i golfisti sardi, ma il fochista no, che cazzo! E ci si butta troppo giù, in cotesta maniera, Pollock!

    RispondiElimina
  26. Cencio che dice male di straccio

    RispondiElimina
  27. Sono già zippati.

    RispondiElimina
  28. Ahaaaaah, allora diccelo che li voi solo per te!

    RispondiElimina
  29. No, no, domani uno lo metto nell'editoriale. E' o non è la copertina dell'inno del blog?

    RispondiElimina
  30. Il fochista è veramente troppo. Che poi ,con la crisi del motore a vapore, trovar lavoro è diventato difficile almeno quanto per i laureati in scienze umanistiche.
    I fochisti presuntuosi, poi, sono di un fastidioooso!
    A questo proposito vorrei donarvi un detto popolare delle mie parti, rapportabile anche a chi cerca di districarsi in cose di cui non sa: " è inutile che spingi se c'hai il cazzo corto". Il Colonnello, potrà confermarmi se è di origine popolana o ha riscontri nei testi classici.

    RispondiElimina
  31. Ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  32. Ad esempio, Pollock, roba come questa che allego, per mero esempio deteriore, non avrebbe mai cittadinanza in un sito serio! Vergognati! Mistificatore!



    Mi presento, sono Wanda!
    Non son certo un'educanda,
    mi ci vuol tutta una banda
    per schiacciarmi sulla branda
    per du' ore, anda e rianda,
    bei negroni dell'Uganda.
    Poi mi faccio una lavanda
    e vi pongo una domanda:
    come state, voi, a ghianda?

    RispondiElimina
  33. Non c'è nessun processo solo ipotesi che impediscono comunque a chi non sa in fondo un cazzo di proporre capestri e gogne. A me delle corna di Maxi Lopez, se se le è meritate o no, non mi importa in fondo sega, saranno un po' cazzi suoi. Certo che gli altri due, con quelle pagliacciate delle corna sul volante, una bella figura non ce la fanno, ma la finesse la un si compra mica da' i' pizzicagnolo.

    RispondiElimina
  34. Una foto poi ti si manda
    ma si tratta inver di randa.

    RispondiElimina
  35. Ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  36. In realtà non è un prodigio di finesse, nemmeno questa. Penso che in fondo ci sia una certa invidia per il tatuato testa di cazzo. Lasciaci lui sulla branda colonnello, magari tu ci faresti una figuraccia, quella l'è abituata bene.

    RispondiElimina
  37. Aldilà dei motivi ( gli interisti affermano che Lopez sarebbe stato beccato ripetutamente a trombarsi cameriere), quello che squalifica il giovanotto è il fatto che era stato accolto in casa dal biondo, per aiutarlo nell'ambientamento.
    Quindi è un tradimento d'amicizia, crimine grave e con poche scusanti. Il torello è giovane e ormonalmente carico, ma ringrazi che il fatto è successo qui da noi e non nella terra d'origine dei protagonisti, cosa che altro che San Frediano. Avremmo avuto un altro desparecido ( vedi link).

    RispondiElimina
  38. Eh, Pat, con la dottrina scheleriana del risentimento si andrebbe lontano anche nel tuo senso.... Stiamo ai fatti, gran gentleman farmer: a parte quel che scrive Foco qua sotto ci sono due personaggi pubblici che si lasciano e la donna e il nuovo cominciano a prendere per il culo il vecchio pubblicamente e grossolanamente. L'invidia per un mascalzone cafone come il nuovo la lascio tutta a te, Pat, con la tua psicoanalisi improvvisata ( o unn'eri contro? A sehonda di doe la batte, come spesso ti avviene...). Ma sei solo un bastian contrario da due soldi la pezza: se io avessi sfottuto Maxi eri lì a scorbacchiare l'altro. E' un tu c'ha più nulla da dire, sul blog, che non sia reattivo e ad personam.

    RispondiElimina
  39. Vedi link... ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  40. Il Gat ah ah ah ah ah ah "Per quell’orrida, putrescente palude gestita dall’irresponsabile/corresponsabile/ineffabile Mr. Pollock" ah ah ah ah ah. Gat, fammi la recensione dell'inno ah ah ah ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  41. Ahahahahahah... Pollock! Eravamo laghetto, ora siamo palude... ahahahahahahah! Mistificatore irresponsabile sanfredianino: o icche c'è di più ignobile nella scala dei viventi? Ahahahahahahahahahah! Te lo dicevo che cominciavo a sentir puzza... L'è arrivaha fino a Bologna! Stamani ho trovaho un dorfino stecchito sulla riva. Così muore un blog... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  42. Contro a icche? a un bischero che dice che siam tutti buchi sì, ma a fare un'analisi di pensieri ed azioni no di certo. L'invidia non è per il cafone, ma per la voglia di passera, se no la un si spiega. Ora che uno possa condannare il fatto morale va bene, anch'io mica gli ho detto bravi, ma tra qui e pensare a gogne e capestri ce ne corre se uno un ci ha quarche uzzolo fuori misura. Tra me e te c'è l'enorme differenza di uno che cerca sempre la misura nelle cose e nelle posizioni ed uno che invece porta avanti i discorsi per eccessi. Non ci può essere accordo nemmeno quando la si pensasse allo stesso modo. Un'altra differenza fondamentale è che io attacco ma non offendo, tu invece sì, sei fuori misura anche lì.

    RispondiElimina
  43. Luogo malsano, indubbiamente, e pure puzzolente. Però ci dev'essere una patologia mentale, finora poco considerata, che porta le persone affette a recarvici spesso, sia pure solo per una potente aspirata ai miasmi. Il torbido piace, vero banda di boccolosi principi azzurri con l'inconfessabile sogno di poter un giorno diventare batraci?

    RispondiElimina
  44. Veramente il bischero che tratta da buco il prossimo perché porta un ciuffo biondo sei tu e quanto all'altro, che dice che lo siamo tutti inconsciamente, lasciamo perdere, che un ignorante, nonché villanzone omofobo, come te non ne può parlare. Cos'è poi che «non si spiega»? Che condanno una coppia di mascalzoni pubblici? Chi ha bisogno di arraparsi davanti alle foto delle maiale più volgari sei tu, da che esite questo sito. Io dico il mio e d'improvviso sbuca un imbecille che censura, sospetta in altri il lercio che c'è nella sua anima, vorrebbe dettare il bon ton del sito, che è semplicemente quel che pensa lui. Ti ritagli il figurino dell'equilibrato e sei solo un poveraccio in cerca di avversari e che si schiera secondo convenienza di polemica. Hai fatto il tuo tempo, sei un vecchio che arranca dietro. E ricòrdati sempre di andare affanculo, come tutte le fave del tuo stampo.

    RispondiElimina
  45. Caro Foco, attento alla normalizzazione che avanza! La normalizzazione a colpi di Badoo (ahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  46. In questo post c'è un campionario di offese che ti qualifica. Sei un maleducato ignorante (anche gli acculturati lo sono e tu ne sei esempio), irascibile, disadatto al confronto dialettico. Il lercio c'è nella tua anima o immane testa di cazzo. Gli avversari come te mi fanno pena sei un povero idiota che sa solo portare avanti le sue tesi per eccessi senza curarsi di offendere chiunque gli faccia comodo per ganzeggiare e quando non ti basta farlo con un nick ti moltiplichi come le cellule cancerose senza il minimo pudore. Ma va un po' te affanculo che forse con te Freud ci ha anche visto giusto e ti garba davvero!

    RispondiElimina
  47. Ma no, nella tua, visto quel che mi avevi scritto. Con le offese hai cominciato tu, e continui in serie allucinata (rileggiti, o posato ed equilibrato interlocutore!), io ho appena fatto un timido entr'acte. Infine: non ho mai interloquito con te con più di un nick alla volta, uno basta e avanza.

    RispondiElimina
  48. Quando avrei cominciato io? rileggiti tu che hai cominciato con un imbecille non si sa bene rivolto a chi, poi hai seguitato col "bastian contrario da due soldi la pezza", "bischero" "villanzone omofobo" "uno che si arrapa con le foto delle maiale" (ma senti da che pulpito vien la predica!") "l'imbecille" col "lercio nell'anima" "vecchio che arranca" "poveraccio in cerca di avversari" per finire con l'invito classico di andare affanculo come tutte le fave. E poi chi ha cominciato sarei io. Mi dici quale offesa c'era nei miei post precedenti a questo? critiche sì, divergenze sì, ma offese, dove? Se poi tiri fuori la clava mi riesce anche a fare alle bacchiolate e, se pur vecchio, le so ancora tirare bene.

    RispondiElimina
  49. Ho risposto a uno che mi accusava di denunciare l'immoralità altrui per immoralità mia propria, solo frustrata e che ricominciava con la solfa dell'omofobia (il ciuffo di Maxi): ciò mi ha fatto legittimamente incazzare. Sottolineo che le maiale non mi piacciono, non mi sono mai piaciute, anche se a volte mi sono accorto di averci avuto, preterintenzionalmente, rapporto. Le seduttrici non sono delle maiale, tali io non le considero a priori. Comunque ti voglio bene, Jordan, scusa se ti ho fatto incazzare e se ho ecceduto, sai che ho stima per te. Può esere che per divertirmi e per pimentare la discussione talvolta io enfatizzi rabelaisianamente. Tu però fai il Catone a sproposito, a volte, con la verga (quella di frassino, veh) levata per aria, ti metti a fare il pomposo giudice delle anime e questo, da parte tua, devi comprendere che agli altri può non esser bene accetto.

    RispondiElimina
  50. E in segno di pace, Jordan, ti dedico quest'ultima, immortale creazione:


    Mi presento, son la Nara!
    Già nei modi son bovara
    dalla fama ormai preclara,
    di pompini non ignara,
    sempre prima nella gara
    fra chi puppa la fanfara
    e chi seghe al volo spara.
    Provocai una caciara,
    una storia molto amara
    che persino nel Sahara
    non è più notizia rara.
    Chi maiala mi dichiara
    mi avrà sempre sua scolara!

    RispondiElimina
  51. Devo dire che Hagler vs Robinson vi ha fatto decisamente una pippa. E stavolta l'incontro me lo sono goduto in diretta, ehehehehe.
    Cari miei, siete le due anime di questo blog, volenti o nolenti. E come jin e yang siete opposti ma complementari. Come Gomez e Rossi, uno può giocare anche senza l'altro, ma lo spettacolo vero c'è quando giostrano insieme. Ho imparato a volervi bene ( virilmente) e fino a quando ci sarete voi, questo blog non morirà. Alla faccia della confederazione elvetica.

    RispondiElimina
  52. Dopo quell'incontro Maurizio Mosca smise di scrivere di pugilato. Era talmente sicuro della vittoria di Marvin che fece quella promessa, che rispettò. Vinse Ray Sugar, ma era Leonard, Foco. (scusami per la precisazione)

    RispondiElimina
  53. Giusto, ho sbagliato sugar.

    RispondiElimina