.

.

giovedì 3 aprile 2014

L'amore ai tempi del tifo 2

Per chiudere il discorso su quanto sia variegato il mondo del tifo va detto che a Firenze e dintorni la passione van sempre a tutta birra, e forse è anche per questo che le azioni della Bud crescono del 400% e c’è gente che piscia sui muri di San Frediano. Variegato, per non usare termini meno diplomatici come "varie ed eventuali" dove per eventuali si intendente "ingrato". Varieingrato appunto. Sempre al massimo perché abituati al bello malgrado ci siano pecore nere del tifo come Stendhal sempre così cagionevoli, il vero emblema del tifoso senza la maglia della salute. il nostro gas di scarico non può essere che Chanel N°5 quindi, anche per onorare quel numero di maglia che oggi non esprime più il ruolo del libero, l’unico in campo che poteva sembrare uno di noi, come Ennio Pellegrini, quasi un impiegato del catasto, uno che passava di lì per caso come Brizzi e Galbiati, fino a quando non arrivò Passarella, la vera linea di confine tra l’eleganza del libero e l’inizio della cattiveria agonistica. Poi fu il tempo del centrale, noi che di centrale intendiamo solo il mercato di San Lorenzo o al limite la birreria in piazza de' Cimatori. Noi tifosi Viola abbiamo i baffi di Magnum P.I nel cassetto del comodino. Noi orgogliosi di avere Macia perché consci che anche Google lo usa come motore di ricerca per i giocatori. Noi che facciamo l’amore con il sapore. Del lampredotto. Noi che conosciamo bene il segreto dei cerchi nel grano perché c’è solo Pizarro che si allena a fare le piroette anche in campagna. Noi che siamo soprattutto dei rompicoglioni incontentabili, che era meglio quando era peggio. Noi che siamo incoerenti, illogici come degli orsi gentili, sempre alla ricerca del pelo nell’uovo o anche di un altro tipo di pelo, e che poi mangiamo l'uovo in culo alla gallina, e alla fine dei giochi Firenze non è Lecce. Fondamentalmente siamo tutti allenatori mancati, ho dei cari amici che in quanto cari mi hanno costretto a prendere il quinto sullo stipendio, ai quali non va mai bene nulla, per i quali il bicchiere è sempre rigorosamente mezzo vuoto e anche se Firenze non è Lecce è sempre mezzo vuoto di considerazioni Negramare. C’è Gino che aveva un banco in San Lorenzo che quando non c’è Pizarro si lamenta perché non c'è e quando invece gioca si lamenta perché fa troppi cerchi sul grano, un vero intenditore che ha sempre una buona soluzione tattica per tutti, al posto di quella che un tempo era una buona parola. Toni era finito, Borja Valero se era “bono” non veniva a Firenze, Neto nemmeno al Baglioni, il calcio non l’ha inventato Montella ma lui quando ancora lavorava in San Lorenzo. E per dire quanto sia difficile accontentarlo ha comprato un bellissimo ombrello griffato da un noto stilista, solo per andare allo stadio. L’impugnatura è di legno pregiato curvato a caldo e sulla curva ci ha fatto incidere “Sulla Curva Fiesole non ci piove mai” anche se ha l’abbonamento in Maratona, la stoffa è tinta Viola con colori naturali e cucita a mano da un mastro ombrellaio. Adesso, oltre a sperare di invertire il trend dei risultati, perché fosse per lui darebbe la squadra in mano a Guerini per poi richiamare Delio Rossi cercando così di recuperare un po’ di quella credibilità persa quando lo aveva accolto come il salvatore della patria, comunque spera soprattutto che non piova per non doversi infradiciare, visto che per quanto gli è costato non vuole assolutamente che l’ombrello si bagni.

61 commenti:

  1. Chiarificatore3 aprile 2014 07:35

    Beh, Poeta, allora mettiamoci anche quelli che quando al Fiorentina va bene grande Montella, quando va male l'allenatore non conta un cazzo, contano i giocatori.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore3 aprile 2014 07:36

    .....e quelli che hanno fondato una setta per adorare Prandelli ed ora ci spiegano che non è stato merito di Prandellli, ma di Mutu.

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore3 aprile 2014 07:53

    Il Colonnello per me sbaglia a chiedere l'avvicendamento dell'allenatore, ma visto che intanto l'avvicendamento non ci sarà, ed è abbastanza isolato in questo, mi preoccupano di più quelli che sminuiscono la crisi, che tanto siamo quarti, che guardano solo classifica complessiva, che dicono che intanto anche l'anno scorso è successo ( non è vero così a lungo e perdendo il filo del gioco), che abbiamo gli stessi punti dell'anno scorso, che è tutta colpa degli infortuni e degli arbitri, che in questo modo pensano di sostenere Montella e la Fiorentina.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore3 aprile 2014 08:01

    Io che speravo che l'artefice della bella Fiorentina di questi due anni fosse Montella, ho scoperto che allenatore è marginale. Che ingenuo che sono!

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore3 aprile 2014 08:06

    Quelli che dicono che l'allenatore è marginale, ma se si caccia Montella si fa un grave danno e si dovrebbe ricominciare da capo.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore3 aprile 2014 08:12

    Quando qualcosa mi va male preferisco amici che pur nei loro limiti provano a dirmi dove posso aver sbagliato piuttosto che quelli che mi dicono che non è nulla, che tanto prima mi andava bene e quindi non mi devo preoccupare.

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore3 aprile 2014 08:16

    L'importante è la salute. Buona giornata a tutti. O yeah!

    RispondiElimina
  8. È vero anche questo, lui ha vinto due Champions e l'ha fatto con due squadre che non la vincevano da secoli, e sotto quest' ottica, quella col Porto è il massimo (all'inizio della stagione in cui l'avrebbe poi vinta con l'Inter, scrivevo che quell'anno i nerazzurri avevano per me la seconda rosa più forte d'Europa, al pari di Chelsea e United, dopo il Barcellona, eliminato personalmente in semifinale, non senza una buona dose di culo nella gara di ritorno; la rosa del Porto invece era molto lontana da tale eccellenza). Di contro gli si può imputare di non averla vinta con Chelsea e Real, nonostante campagne di rafforzamento da 200-300 milioni di euro cadauna, e soprattutto il fatto di non aver mai saputo dare un gioco ai blancos, malgrado tutti gli elementi di classe sopraffina di cui disponeva.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore3 aprile 2014 09:26

    Infatti Vita, ieri sottolineavo che l'apporto di un allenatore, del dar forma e forza ad una squadra, si esplichi sul piano tecnico e su quello psicologico-motivazionale. Non c'è dubbio che la capacità di Mourinho si eserciti molto sul secondo aspetto, e che in quello sia forse uno dei più grandi di sempre.

    RispondiElimina
  10. Tra sminuire un periodo di appannamento secondo me dovuto principalmente a scarico mentale a seguito di perdita degli obiettivi principali (EL e terzo posto) e darne tutta la colpa all'allenatore mi sembra ce ne corra un po'. Non sono stato un adoratore di Prandelli (tutt'altro dal terzo anno in poi), non sono un adoratore di Montella mi sembrano però eccessive le critiche che gli si fanno. Un allenatore può contare anche molto nell'impostazione della squadra, del gruppo, nel sapersi far ascoltare e credere, nell'avere un team preparato (da solo non fa quasi più nulla nessuno), però quando le cose scappan di mano, e scappan di mano a tutti, prima o poi, la strada si fa in salita per chiunque. Nel nostro caso spero si tratti di problema passeggero e se si fa poco casino, può darsi che lo sia.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore3 aprile 2014 09:48

    Quando parlavo di adoratori non pensavo certo a te Jordan! Ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore3 aprile 2014 09:50

    Ad inizio anno EL ed il terzo posto erano raggiungibilissimi, lo scarico mentale potrei capirlo ora.

    RispondiElimina
  13. Sopravvissuto3 aprile 2014 09:51

    Per chi vuole divertirsi con il calcio....

    RispondiElimina
  14. Chiarificatore3 aprile 2014 09:51

    Nessuno d° tutte le colpe a Montella.

    RispondiElimina
  15. Chiarificatore3 aprile 2014 09:52

    ..anzi lo temo.

    RispondiElimina
  16. Chiari, verissimo, cerchi di trovare responsabilità a Montella, e ne trovi... e ti rispondono vorrei vedere te senza Gomez e Rossi ( che c'è stato eccome).
    Dunque si farebbe strada l'idea che il gioco e risultati che un allenatore consegue, dipenda solo ed esclusivamente dagli attaccanti, ma se per questa teoria chiedi un altro allenatore, eh no, senza Montella il buio, il vuoto.
    Ahahahahahah.

    RispondiElimina
  17. Secondo me la verità sta nel mezzo:Montella aveva studiato una formazione per l'anno 2013-14 che fosse meno "sparagnina" e "spettacolare",ma che al contempo fosse più concreta(Gomez-Rossi la coppia perfetta).Gli infortuni hanno di fatto reso questa idea impraticabile,e non è un alibi,ma la pura realtà.D'altra parte,trovandosi in queste condizioni,non è riuscito completamente a porvi rimedio.Ha rinunciato alle due punte e non ha valorizzato alcuni giovani.In un anno dove le partite infrasettimanali,se da un lato impedivano allenamenti e preparazione delle partite,dall'altro davano l'opportunità di far maturare e valutare alcuni giovani.Dal mio punto di vista Montella ha diritto acquisito(per questi quasi due anni) ad avere la possibilità di continuare il progetto,sperando che l'esperienza maturata(era il primo anno di coppe) serva per il continuo.L'anno prossimo(infortuni permettendo si intende e si spera) sarà il vero spartiacque:esperienza in EL e rimedio agli errori (che ad un giovane tecnico si possono concedere).

    RispondiElimina
  18. Attenzione DKne1 perché il buonsenso da queste parti viene ormai scambiato per adorazione.

    RispondiElimina
  19. Per quanto concerne invece la discussione su quanto gli allenatori "incidano":in alcuni casi tantissimo(in positivo).DelNeri a Chievo,Mazzarri a Reggio Calabria,Mou a Porto,Zeman a Foggia per citarne alcuni.Nella maggior parte dei casi però contano i giocatori.Perchè alla fine i risultati li portano i campioni(salvo rare eccezioni).Guardiola ha vinto tanto e propone un gioco bello ed a tratti veramente spettacolare;ma guardate le rose delle squadre che ha allenato.....sti cazzi mi verrebbe da dire.vero è che altri allenatori,con rose simili a disposizioni hanno cantano alla grande.Quindi,nella maggior parte dei casi si può dire che il bravo allenatore è quello che non fa danni

    RispondiElimina
  20. Chiarificatore3 aprile 2014 10:19

    No poeta, quello di Dkne, che indica possibili errori di Montella, è buon senso, la tua è cieca adorazione.

    RispondiElimina
  21. Chiarificatore3 aprile 2014 10:20

    Non ci provare poeta, quello di Dkne, che indica possibili errori di Montella, è buon senso, la tua è cieca adorazione.

    RispondiElimina
  22. Chiarificatore3 aprile 2014 10:24

    Gli infortuni di Rossi e Gomez, sono certo il principale motivo delle nostra difficoltà.
    Il punto sul quale si vuol discutere sono i rimedi, a quegli infortuni.
    Secondo me, ed a quanto leggo anche secondo Dkne, gli errori si annidano proprio in quei rimedi.

    RispondiElimina
  23. Chiari personalmente sono però lontano dalle tue (e di altri) valutazioni.Perchè seppur ritenendo che Montella abbia commesso errori(ma esistono allenatori che non ne commettono?),ritengo altresì questa annata estremamente positiva(se arriviamo quarti) e fantastica se vinciamo la coppa;in funzione ovviamente di tutto ciò che è successo(infortuni e torti arbitrali a gogò).Giudizio diverso se avessimo avuto la rosa al completo e fossimo stati trattati da squadra normale dai sicari col fischiettoIn questo caso il quarto posto era veramente il minimo sindacale,ma minimo minimo che mi sarei aspettato.

    RispondiElimina
  24. Ma una volta crocifisso Montella perché incapace di porre rimedio ancora non avete indicato COLUI che non sbaglia mai.

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore3 aprile 2014 10:25

    Il punto è quanto un allenatore non valido avrebbe vinto con quelle rose.

    RispondiElimina
  26. Riecco il buosenso.

    RispondiElimina
  27. STEFANO, l'idea migliore sarebbe riuscire a coalizzare tutti i paesi PIIGS (praticamente tutti fuorché i tedeschi) e spingere a rivedere i parametri UE.
    È incredibile che un solo paese, che nella storia ha dimostrato solo voglia di dominio, riesca ad imporre misure miserabili a tutti i paesi `amici` che utilizzano la stessa moneta, senza che nessun leader alzi la testa. Visto che UE e Germania sono la stessa cosa, non riuscirebbero nell'intento con le buone, quindi ci vorrebbe che tale coalizione fosse guidata da uno come Tsipras e trovassero il modo di far uscire la Germania. Questa misura sembra far ridere oggi, ma niente è impossibile se lo spettro della fame e miseria avanza.
    Tuttavia, rinegoziare i parametri pare irrealizzabile, perché per essere credibili e crescere davvero serve uno sforamento del PIL al 10% e congelamento del debito con rientro senza interessi e soprattutto scorporato retroattivamente da un calcolo privo di anatocismo. Impresa difficilissima certamente, ma impossibile con Renzi e tutti i leader pro € che dovrebbero perlomeno minacciare l'uscita senza rinegoziati. Che Renzo sia inefficiente, lo dice lui stesso, per il rilancio dell'economia, servono tanti quattrini, pas les arachides che cerca di razzolare spacciandole per medicina risolutiva. Purtroppo i responsabili il danno omicida l'hanno fatto, a partire dal dover comprare la moneta corrente invece di stamparla, e per questo chiudere ai mercati l'acquisto del debito invece di gestirlo in proprio. Ma che non siamo paese sovrano, senza moneta sovrana, abbiamo già detto.

    RispondiElimina
  28. Chiarificatore3 aprile 2014 10:28

    Dkne, anche tu mi leggi male, evidentemente temi di essere d'accordo, con me. Eh eh eh!
    Io non ho ancora fatto bilanci complessivi su questa annata, mi rifiuto di farli, siete voi che continuate a farli anzitempo.
    Dico solo che in questi tre mesi abbaimo giocato male ed abbiamo fatto punti da bassa classifica, anche per errori di Montella, che sono grosso modo quelli che hai indicato tu.
    Non temere quindi se dico che sono d'accordo con te. Eh eh eh.

    RispondiElimina
  29. Chiari, io no perché sono accecato dall'adorazione, ma quanto scrive DKne1, che tua hai valutato di buonsenso, dice anche "ritengo altresì questa annata estremamente positiva". Buonsenso o adorazione?

    RispondiElimina
  30. E visto che nessuno cercherà questa soluzione, l'unica uscita è fuori dal €. Alternativa, una morte certa.

    RispondiElimina
  31. Parlando di Luciano,che essendo fiorentino e tifoso mi sta simpatico a prescindere,e che prima o poi allenerà la Fiorentina,si pensa forse che non avremo niente da criticargli?Eppoi noi siam fiorentini,numeri uno al mondo per quanto concerne il "l'è tutto da rifare","un va bene nulla" etc etc.Sennò un saremmo fiorentini...

    RispondiElimina
  32. Chiarificatore3 aprile 2014 10:31

    Cerchi disperatamente aiuto, Poeta?
    Ti ho risposto sopra Dkne, e leggimi bene per cortesia, perché sennò più che di buon senso si tratta di mistificazione di quanto scrivono gli altri, cosa di cui il poeta è esperto.

    RispondiElimina
  33. Chiarificatore3 aprile 2014 10:32

    Gli ho risposto sul bilancio dell'annata. E' prematuro. Quindi in quello il buon senso non c'è.

    RispondiElimina
  34. Chiarificatore3 aprile 2014 10:34

    Non esiste colui che non sbaglia mai. Esistono gli errori e chi sa correggerli. Non dire bugie, io non crocifiggo Montella. Cerco di vedere dove può aver sbagliato. Punto.

    RispondiElimina
  35. Chiarificatore3 aprile 2014 10:38

    Non è tutto da rifare. Semplicemente se sono stati fatti errori bisogna correggerli. Molto semplice, direi elementare.

    RispondiElimina
  36. Chiari, so già dove porterà tutto questo, se vinceremo la CI (sempre valida la mia promessa) saremo attaccati con Hai visto? e saremo visti come non meritevoli di condividere questa gioia.Vedrai.

    RispondiElimina
  37. Chiarificatore3 aprile 2014 10:56

    Lele, nell'auspicato caso verranno lo stesso perché sanno che porterò il Pigato. Ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!

    RispondiElimina
  38. Lele concordo che tanti punti siano arrivati per Rossi.Infatti io ritengo,come più volte ho già affermato,che sono i campioni ed i fuoriclasse che ti fanno raggiungere i risultati.Guarda caso(sarà un caso sicuramente),anche la corazzata Juve(a parte essere andata fuori con dei dopolavoristi danesi),senza Tevez domenica non ha TIRATO in porta.La Roma senza Totti pareggiò 4 partite consecutive contro 4 squadre che lottano per non retrocedere.Quindi ritengo assai normale che giocatori alla Rossi "mascherino" lacune tattiche.Certo,preferirei che Montella fosse talmente bravo da non far pesare le assenze di Gomez e Rossi...ma qui saremmo nel campo dei miracoli.

    RispondiElimina
  39. Lele se vinciamo la CI di sicuro non verrò a menarvela(io almeno).Perchè sarò talmente contento che vi abbraccerò tutti indistintamente(in senso figurativo..).

    RispondiElimina
  40. Chiarificatore3 aprile 2014 11:00

    Quello che mi pare che Lele voglia sostenere, e che io condivido, caro Dkne, è che con la stessa rosa un grande allenatore è in grado di vincere il 40-50% in più di trofei di quelli che la stessa rosa vincerebbe con un allenatore incapace.

    RispondiElimina
  41. Chiari e Lele vi chiedo(non polemicamente,ma per sapere davvero):voi,alla luce di quanto accaduto quest'anno,sia in termini di risultati e di gioco,sia in termini di infortuni e torti,il prossimo anno ricomincereste con Montella a siete in linea con Blimp per un addio?

    RispondiElimina
  42. Scusa Chiari mi sono perso..a quale rosa vi state riferendo?

    RispondiElimina
  43. Chiarificatore3 aprile 2014 11:04

    Come ho già detto molte volte, per me è prematuro dirlo. Voglio vedere la Fiorentina da qui a fine campionato, quando più della CI ( che ovviamente sarebbe fantastico vincere), ai fini della sua conferma, mi interessa (ri)vedere il bel gioco.

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore3 aprile 2014 11:05

    Ad una rosa qualsiasi, ma che sia la stessa per il grande allenatore e per quello incapace.

    RispondiElimina
  45. Un ulteriore argomento di discussione per quanto concerne le coppe:siamo in finale di coppa Italia.Molti asseriscono che siamo in finale per il calendario assai agevole.Concordo.Però,per coerenza,dovremmo anche aggiungere che siamo fuori dall'EL per lo stesso motivo.Abbiamo pescato l'unica squadra contro la quale partivamo con lo sfavore del pronostico;come già avvenuto con Prandelli quando pescammo (da primi del girone) l'unica squadra tra le seconde che partiva nettamente favorita(Bayern Monaco).E contro tutte e due la qualificazione è stata in bilico sino all'ultimo secondo.Questo per dire che specialmente nelle coppe,per andare avanti e magari vincerle,ci vuole una grande dose di culo,che noi storicamente(e sfido chiunque a dimostrarmi il contrario) non abbiamo

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore3 aprile 2014 11:08

    Secondo me sbaglia tanto il Colonnello che vuol cacciarlo subito quanto quelli che dicono che va riconfermato qualsiasi cosa succeda da qui a fine anno.

    RispondiElimina
  47. Chiari non ti zallerizzare(scherzo eh!)...non mi hai risposto ahahahha

    RispondiElimina
  48. Chiarificatore3 aprile 2014 11:09

    Certo che ti ho risposto e chiaramente: ORA NON LO CACCEREI.

    RispondiElimina
  49. Chiarificatore3 aprile 2014 11:11

    Ma gliene direi! Ah ah ah ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  50. colonel.blimp3 aprile 2014 11:54

    Intanto io non sono isolato a chiedere LUCIANO sùbito anzi ieri se possibile, sono proprio solo come un cane: anche Zemanviola rifugge infatti dall'idea, perché ha paura che il suo beniamino si sciupi per parto prematuro. Quindi nessun pericolo da parte mia, sono uno stravagante, un eccentrico. Ce ne vogliono, in questo mondo così grigio, di infallibile buon senso, quel buon senso che inventa Cuadrado terzino (magari a sinistra, la ciliegina). Pollock, ti rispondo che nessuno è infallibile: c'è chi sbaglia più, chi sbaglia meno. Se l'allenatore conta poco per i risultati di una squadra non si capisce perché farla così pallottolosa nella difesa di Montella e non si capisce perché fondare, qualche anno fa, una confraternita di coglioni sfigati per adorare un allenatore e insultare e calunniare chi lo criticasse minimamente. Se Montella non pesa, siate più leggeri, dunque.

    RispondiElimina
  51. Se un allenatore avesse un'incidenza del 40-50% sull'andamento di una squadra, ergo, dei risultati conseguiti non si capisce perché a gente come Ibrahimovic, Rooney, CR e Messi danno dai 15 ai 18 milioni netti l'anno e a chi li allena meno di un terzo. Se Tata Martino incide per un 40% (ipotesi che reiterate) e Messi un 30% dubito fortemente che il restante 30% sia da dividere fra Iniesta, Jordi Alba, Dani Alves, Busquets, Piquè....etc.etc. si perderebbe il senso della realtà. E non si può scindere le qualità di un'allenatore fra quanto sia bravo a motivare, infondere una mentalità, insegnare una tattica o allenare fisicamente i giocatori prendendone ogni singola peculiarità ma si deve giudicare nel suo insieme, nella totalità delle sue competenze anche perché la risultante è una somma di tutte queste. Se Mourinho fa fare il terzino ad Eto'o (molto lontano dalle sue caratteristiche di attaccante) è un fenomeno, un motivatore coi fiocchi, un taumaturgo del calcio, se Montella mette Cuadrado terzino sinistro (molto più vicino alle sue, di caratteristiche) è un'incredibile idiota col botto che complica il facile rendendolo difficile. Chiedere uniformità e coerenza nei giudizi non mi va, ognuno esprime quello che gli pare, ma un minimo di obbiettività sarebbe giusto aspettarsela.

    RispondiElimina
  52. Chiarificatore3 aprile 2014 12:02

    Leo, il confronto è tra un allenatore capace ed uno incapace, non tra Guardiola e Messi, che fanno mestieri diversi.

    RispondiElimina
  53. Quanto al risultato finale di quest'anno, quarto posto e, magari, una CI ci sarebbe solo da plaudire alla continuità di risultati intrapresa l'anno passato, una sorta di sigillo alla bravura e alla competenza, non casuale, conseguita l'anno precedente, al netto di infortuni, torti subìti e condizione mentale e fisica curata male in questo periodo (in questo il grave errore di quest'anno montelliano). Sul giocare male da inizio anno, mascherato dal solo Rossi, trovate una porta sbarrata a tripla mandata, il "solo" Rossi senza il supporto di tutta la squadra non avrebbe raggiunto simili risultati, l'unico giocatore che spostava, quasi da solo, l'ago della bilancia sull'esito di una partita era un argentino che ha smesso di giocare 20 anni fa, oggi non ce ne sono come lui. In inverno qui si parlava ancora di scudo nonostante l'assenza di Gomez, stai a vedere che il "solo" Rossi era l'unica arma disponibile per lottare, allora ha ragione chi sostiene che senza Rossi e Gomez per quali cazzo di obbiettivi vuoi giocare....?!

    RispondiElimina
  54. Chiarificatore3 aprile 2014 12:07

    Colonnello, molte volte ho polemizzato con la tua stravaganza e la tua eccentricità, soprattutto in campo politico, ma questa volta le ritengo utili per mettere Montella di fronte alle sue responsabilità.

    RispondiElimina
  55. Chiarificatore3 aprile 2014 12:12

    Leo, Montella non ha mai messo Cuadrado terzino sinistro, lo ha messo una volta o due messo terzino destro e più volte ala sinistra, non ricordo che Mourinho abbia mai messo Eto'o terzino, gli ha chiesto di rientrare anche in copertura che è un'altra cosa.

    RispondiElimina
  56. Chiarificatore3 aprile 2014 12:16

    Leo, nessuno ha paragonato Rossi a Maradona. Rossi, dopo l'infortunio di Gomez, è stato lasciato, per me colpevolmente, solo, come punta, per fortuna è stato tanto bravo da coprire questo che secondo me è stato un errore. Matri non è altrettanto bravo.

    RispondiElimina
  57. Chiarificatore3 aprile 2014 12:23

    E resta il problema del come mai gli adoratori adorassero Prandelli e non Mutu. eh eh eh eh!

    RispondiElimina
  58. DKNE chiamare ora un allenatore nuovo e soprattutto Luciano, lo trovo nocivo avendone già spiegato i miei perché. Chiedo però alla società che a fine stagione sia valutata la conduzione tecnica alla luce dei risultati e con analisi che solo dall'interno si possono trarre. Senza sentimentalismi o paure che dopo lui non esista più buon calcio a Firenze. Il mio giudizio globale su Montella, non è ben definito e non potrebbe essere altrimenti su uno che allena da solo quattro anni. Per restare al viola lo valuto ottimo l'anno passato, scarso questo.
    Quello assolutamente da evitare è una stagione simile a questa, dove a fronte di innegabili attenuanti, ha regnato la confusione mentale, una approssimazione atletica e tattica che addebito a lui e che ci è costata, a mio parere, una decina di punti. Se poi mi chiedi chi preferisca in panca tra lui e Luciano, il secondo senza dubbio, ma mai in corsa.

    RispondiElimina
  59. Sopravvissuto3 aprile 2014 12:32

    L'Aberdeen di Ferguson dettó legge per un paio di anni, anche in Europa...Idem il Machester Utd di Ferguson. L'Aberdeen poi andò alla deriva, idem (quasi) lo Utd oggi. Quindi? Ferguson Dio? ....? Oppure Dei tutta la batteria di assi gestiti? Mica i Diavoli Rossi di oggi hanno seghe in campo, anzi, tutti calciatori appetibili! O vale ciò che disse Mourinho, nel suo stanzino del Bernabeu- un anno fa, esclamando ad alta voce "Hanno preso Moyes?!???! Ma non ha vinto nulla!!...".......

    RispondiElimina
  60. No Chiari, quando si parla d'incidenza di un'allenatore sul gioco di una squadra si prendono in esame il o i fautori dei successi che ne derivano, non ho mai visto un allenatore prendere più quattrini delle prime stelle in squadra e questo tappa la bocca sull'incidenza che ha nel raggiungimento di certi traguardi e obbiettivi. Quando scrivo un 20% (lascio ancora un margine piccolo del 4-5%) riconosco a chi allena responsabilità enormi. Enormi! Oltre non spingiamoci.

    RispondiElimina