.

.

venerdì 22 marzo 2013

Nasce tutto da lì


Mentre gli Scolari sembrano più essere quelli vestiti di giallo, una volta maestri, Prandelli scolaro stilista ad honorem tenta di distruggere il made in Italy lanciando il primo maglione a collo alto che supera abbondantemente il mento e persino il rendimento di Cerci anche lui lanciato nella mischia di quello che è un concetto di moda offuscato dall’influenza questa volta molto basso bresciana. Il cappottino poi è un inno al quattro a zero contro la Spagna, che gli sta perfettamente attillato come una muta da sub o come la scena muta di fronte alla finale europea. A me è piaciuta molto l’Italia, a parte qualche orrore difensivo che risente probabilmente del look orrendo del suo Mister che anche se non si trova bene a Firenze come negozi, potrebbe abbandonare il suo proverbiale gusto di campagna e andare almeno da un Gianni Campagna a farsi rimettere al mondo, perché l’Italia meritava ampiamente di vincere, ma non di mettere in vetrina lo stile da preservativo del suo allenatore,  da preservativo comunque con serbatoio per le idee tattiche di una bella Nazionale, mentre il Brasile è stata una gran bella delusione considerato che siamo a solo un anno dal mondiale. Balotelli di un’altra categoria, Cerci in rialzo proporzionalmente al ribasso di certe teorie che lo descrivevano come un giocatore da squadra minore, al ribasso come gli exit poll sulla pontellizzazione, al ribasso come i commenti su Fi.it quando non c’è da sputare merda sulla Fiorentina che vince. Mentre il pensiero corre veloce, diciamo ferma il tempo a 19”72 per ricordare un grande atleta italiano che ci ha lasciato proprio ai blocchi di partenza della primavera, una nuova stagione che voglio salutare dai Lungarni di una “mattinata fiorentina” non essendo il Botticelli e non avendo neanche uno straccio di capasanta gigante da dove far nascere la Venere prandelliana strinta nel suo cappottino di neoprene. Botticelli la dipingeva dieci anni prima che Colombo scoprisse l’America, mentre l’affresco sulla pontellizzazione che era stato dipinto nella testa di tifoso buono solo per dire cappella e con la testa a forma di cappella è stato rimosso. La nascita di una nuova stagione Viola ci da lo spunto per ridare una speranza anche ai vedovi inconsolabili, per farli uscire dalla loro Caporetto della passione, il loro mondo non è più custodito a Trespiano, la vita continua, la Fiorentina rinasce come la Venere anche se l’ha dipinta Botticelli invece di Prandelli, poi c’è sempre la Nazionale per ammirare Cesare e gli Uffizzi per chi preferisce il Botticelli. Perché alla fine tutto nasce da lì, il calcio da un Santo e il Rinascimento da una capasanta.

140 commenti:

  1. Subito dopo la convocazione di Cerci Vitalogy e Blimp come un sol uomo si sono affrettati a chiedere il mio parere. Avrei potuto rispondere: che c'entro io? Ho invece correttamente fatto notare che secondo me a Firenze con Mihajlovic il giocatore non era cresciuto ne' sul piano tattico ne' su quello umano. Di qui la bocciatura di Montella, la cena delle pernici, la sostituzione con Cuadrado (ieri Nevrastenix o Jordan Cerci giocava nella posizione di Cuadrado in viola). E' vero che Sinisa insisteva a mandarlo in campo, ma è altrettanto vero che lo utilizzava male. O forse più semplicemente non ne "giustificava" sufficientemente il ruolo e la posizione in campo. In altre parole nessun giocatore in se stesso è utilizzato bene o male. Si tratta di capire come si inserisce nel progetto di gioco. Con sette o otto giocatori a pressare come disperati e una squadra corta, Prandelli si è potuto permettere di concedere maggiore libertà ai due esterni, Cuadrado ed El Sharawi: libertà relativa perchè rientravano entrambi in difesa. E Cerci rincorreva, eccome, il difensore brasiliano se questi gli toglieva la palla. Come posizione Robben continua a partire ancora più da dietro, mentre Cerci anche con Prandelli fa l'ala. Balotelli con Prandelli sfrutta le sue doti fisiche per fare un ottimo lavoro di copertura, lo vedo spesso intorno alla linea di metà campo. Nella asfittica Fiorentina di Mihajlovic Cerci non so per colpa di chi stava certe volte senza toccare palla per l'intera gara e prendeva quattro. Anche sul piano caratteriale ha fatto una gara di sostanza. Non c'è dubbio a mio parere che Cuadrado resti comunque superiore e me lo tengo perchè ha doti tecniche e atletiche straordinarie.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore22 marzo 2013 08:33

    Da La Nazione do oggi una notizia che se fosse fondata e si concretizzasse significherebbe per noi mezzo scudetto ( i punti che non abbiamo fatto quando è stato assente Pizarro): "Mercato Viola Viola in pressing su Clasie Feyenoord pronto a dire sì..."

    RispondiElimina
  3. colonel.blimp22 marzo 2013 09:34

    Lud, la Fiorentina di Miha è ovvio che fosse inferiore alla Nazionale, ma 4 a Cerci lo davano, e sempre, solo i bovini che sappiamo. Circa la prestazione di Cerci, vale quel che ha scritto Jordan ieri in uno dei suoi aurei post: non rincorreva nessuno. Cuadrado ha un altro ruolo, nella Fiorentina attuale, rispetto a Cerci, è un quinto di centrocampo di fascia, parte da più lontano e deve fare un lavoro di spola (lo fa ottimamente) che a Cerci non è chiesto, e che infatti non svolge, nel 4-3-3. Il confronto può darsi solo quando Cuadrado ha giocato da attaccante (primo tempo contro la Roma all'Olimpico) e in quel caso non è stato positivo per Cuadrado, né potrebbe esserlo per Cerci se egli giocasse di spola.

    RispondiElimina
  4. Ho indicato almeno tre o quattro precisi momenti della partita durante i quali Cerci rincorre l'avversario o sta addirittura in difesa. La Fiorentina, certo, era inferiore alla nazionale, ma soprattutto non aveva, con Mihajlovic, una identità e una struttura di gioco che valorizzasse le prestazioni dei singoli. Nel calcio di Montella come in quello di Prandelli ognuno sa cosa deve fare. Nel calcio di Sinisa tutto era affidato all'improvvisazione, non possedendo Mihajlovic un acume ed una preparazione a livello tattico. Si è visto ieri sera che Cerci inserito in una squadra tatticamente avvertita rende molto di più. Credo che lo stesso avvenga nel Torino di Ventura, che confesso di aver seguito poco. Oggi su Repubblica un giornalista intelligentemente ha detto che il modulo del Brasile è un 4-2-pensateci voi. Quello di Sinisa aveva più o meno le stesse caratteristiche tecnico-tattiche.

    RispondiElimina
  5. Azzardo un'ipotesi Lud, ma Sinisa t'ha pestato un callo o peggio.....?!

    RispondiElimina
  6. Nella tua fobia contro Mihajlovic (s)ragioni per postulati e pieghi la realtà a quello che vorresti che fosse. Ieri Cerci correva di più anche indietro perchè giocava mezzo tempo di un debutto in nazionale contro il Brasile, vuoi che si mettesse a far finta di tirarsi su i calzettoni? Prandelli ed i suoi compiti tattici non c'entra un beneamato cazzo. Qualunque allenatore anche dei dilettanti, se ha un minimo di preparazione, dice ai suoi di tenere la squadra corta, è un "must", quindi che gli attaccanti debbano ripiegare nella fase di non possesso. E' meno automatico che le ali debban fare i terzini, cosa che Cuadrado fa, ma che non puoi chiedere a Cerci, El Sharawi, Neymar e compagnia cantando. Loro possono fare quel che facevano ieri e che Cerci ha fatto anche a Firenze, con maggiore o minor convinzione, ripiegare, fare il primo contrasto, stare sulla nostra trequarti per questo e per essere pronti a ripartire. Questo gli può chiedere ogni allenatore che si chiami Mihajlovic o Delio Rossi o Prandelli o Montella o Ventura che poi lo faccia dipende dal coinvolgimento emozionale, dalla convinzione, dalle condizioni fisiche e psichiche del momento. Cerci non ha preso solo 4 con Mihajlovic, ha preso anche dei 7 ed ha avuto, in media, proprio col serbo il suo rendimento medio più alto in viola. Montella ha consentito a disfarsene soprattutto per motivi disciplinari e comportamentali.

    RispondiElimina
  7. Quanto a Cuadrado e Cerci direi che Cuadrado nelle ultime due partite ha giocato più o meno nella posizione di Cerci di ieri, ma Cuadrado, che è meno punta ed ha ben più ampio respiro e fondo atletico, può giocare anche esterno di centro campo, cosa che non puoi chiedere a Cerci.

    RispondiElimina
  8. Cerci a Firenze non poteva ambire alla nazionale per via della sua discontinuità, a Torino non è "esploso" nella qualità, che già si era vista e conoscevamo, ma nella quantità e in atteggiamenti più consoni ad un professionista quale è. Non fa compiti in più, fa i soliti, ma per lungo tempo. Se si mantiene va al mondiale e non perché ha imparato a difendere.

    RispondiElimina
  9. colonel.blimp22 marzo 2013 11:08

    No, Lud, in nessuno dei momenti lo rincorre, Jordan ti ha spiegato magistralmente che un conto è fare primo pressing alto, un conto arretrare con tutta la squadra e con essa quindi far muro, un conto intervenire in anticipo su passaggio dell'avversario, altro conto rincorrere l'avversario sulla fascia, cosa che Cerci sa fare quanto Pasqual (siamo giù giù, quindi) e non certo come Cuadrado cui è, tatticamente, imparagonabile. Pensare poi che Cerci abbia maturato mirabolanti cambiamenti in tre giorni è da mistici ingenui (e, come scrivevo giorni fa, deviatamente egolatri) quale tu sei. Prandelli è, allo stato delle cose, sicuramente miglior allenatore di Miha, non vedo quindi per chi tu predichi, qua sul sito (ma non voglio pregiudicare per AntoineRouge, che eventualmente potrebbe essere l'unico a non concordare): i primi due anni prandelliani furono addirittura da 9, come più volte ho scritto negli anni. Certo che a Miha Prandelli legò un'eredità da 4, nell'ultimo anno, onde credo che dovresti leggere l'ottavo posto e il successivo esonero (a favore di chi, il Pugile, riuscì a far peggio, benché tu ne decantassi le lodi) anche alla luce di quella situazione, dell'errore dei DV nel non liquidare i Cinque Senatori Bolliti, dell'aggressione di piazza per dare la spallata, quasi sognando asse Tutunci-Prandelli..

    RispondiElimina
  10. E' un temperamentale ed avere il proprio pubblico e l'ambiente in genere a favore o contro fa per lui la differenza tra il giorno e la notte. Se poi l'averlo a favore o contro dipenda anche da lui è questione di lana caprina, come dire se nasce prima l'uovo o la gallina. E' più o meno quel che succede, "mutatis mutandis" con Balotelli, che ora al Mlan marca ogni partita, ma che all'Inter e anche al City era in guerra col mondo. Ma nessuno dice che Mancini è un peracottaro e Allegri un fenomeno (Prandelli sì, ma quello è un altro postulato).

    RispondiElimina
  11. Difatti, fra le cazzate che imputo ai DV è stato riconfermarlo confermando in toto un'organico che andava smantellato prima. Forse a quel punto, avremmo capito meglio il valore del tecnico Mihajlovic, che per me rimane basso, ma di certo a Firenze, in quel periodo era difficile fare bene. Nemmeno Delio che ritengo una spanna sopra ne è venuto a capo.

    RispondiElimina
  12. Jordan magari a Balotelli hanno trapiantato un cervello a Milan Lab, allora son cazzi per tutti!

    RispondiElimina
  13. Cerci è meno duttile di Cuadrado e questo rappresenta il suo unico limite attuale. Se veramente ha registrato il suo modo di atteggiarsi in partita e in allenamento, allora ci troviamo di fronte all'esterno d'attacco più forte d'Italia. Purtroppo però rimane ancora un giocatore che può dare il suo meglio solamente in un 4-3-3, o in alternativa da seconda punta molto atipica. Come Cuadrado spacca le partite, crea azioni pericolose con un dribbling e uno scatto, garantisce superiorità numerica in attacco. Il colombiano però è un fenomeno assoluto a livello atletico e questo gli consente una maggiore intensità d'azione e la possibilità di essere a volte tatticamente anarchico. Dette queste ovvietà, rimane la cosa più importante: li abbiamo in mano entrambe. Cerci poteva essere venduto, invece si è scelto di avere la possibilità di riportarlo a Firenze. Scelta che ancora una volta fa capire quanto i DS capiscano di calcio e delle dinamiche di crescita dei giocatori.
    Il caso Clasie mi entusiasma, aldilà del suo arrivo. Si cerca la qualità in prospettiva, senza sprecare nulla di quello che già si aveva in casa. Ljajic e Seferovic sarebbero stati da altri sbolognati in nome di un nuovo corso, invece sono stati valutati sul campo, senza pregiudizi o frenesie di repulisti. In tanti anni di tifo non mi sono mai sentito così fiducioso per presente e futuro. Siamo qualcosa di nuovo per il calcio italiano, un modello a parte che trova similitudini solo all'estero, nell'Arsenal di qualche anno fa e a mio avviso soprattutto nel Dortmund.

    RispondiElimina
  14. stefano vienna22 marzo 2013 11:42

    Ho visto ieri solo il primo tempo poi ho portato la bambina a letto. Ho visto un'Italietta composta di gregari, ma che, con una difesa a tre (non ci sono grandi terzini in Italia) e con altri interpreti (Verratti al posto di De Rossi, Marchisio o Aquilani al posto di Montolivo, El Sharawi al posto di Osvaldo, Giovinco o Diamanti o Cerci o Pepito Rossi al posto di Giaccherini) potrebbe dire la sua al Mondiale. Su Cerci, non avendolo comunque visto ieri sera, rimane un rebus tattico. Io lo vedo seconda punta, non lo vedo esterno in un attacco a tre. Nella Fiorentina del prossimo anno, non sarebbe comunque titolare e lo scambio Ogbonna-Cerci per me è assolutamente da fare perchè ci mancano centimetri in difesa.

    RispondiElimina
  15. colonel.blimp22 marzo 2013 11:45

    Ottimo, puntuto ma anche euforico post di Sacro Foco! Incandescente, quasi direi... ahahahahahahahahahahahahahah! Il richiamo a Seferovic, che avevo già fatto nei giorni scorsi, è poi sacrosanto: gli mancava solo il gol, lo ha trovato, habemus papam! E il Wunderteam è sempre più Wunderteam e... dismission? Impossible!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  16. Caro Foco, nella parte finale del tuo post hai prescritto l'antidoto della pontellizzazione. Quando verrò in Thyssen mi riconoscerai dalla sciarpa Viola. Tu che sei un "addetto" posso dirti che in Romania sono stato in Tenaris.

    RispondiElimina
  17. Leo cerchiamo di essere seri. Mihajlovic non mi ha pestato un callo. A mio parere e' semplicemente un non-allenatore. Credo che il diritto di critica sia garantito sempre e comunque allo spettatore come al critico professionista. Se vado all'opera e vedo un grande allestimento applaudo, se lo spettacolo e' medio non dico nulla. Se si scende drammaticamente sotto la media fischio. Si fa alla Scala, da quando in qua non si può fare allo stadio? Se però a te la Fiorentina di Mihajlovic piaceva non sei obbligato a unirti ai miei fischi.

    RispondiElimina
  18. colonel.blimp22 marzo 2013 11:50

    Caro Pollock, ho notato che è cambiata la configurazione della pagina per quel che concerne i post, sia per l'invio sia per la compresenza di tutti i messaggi in pagina unica. E' molto meglio!

    RispondiElimina
  19. Ho dato vita all'aggiornamento della pontellizzazione

    RispondiElimina
  20. Eh, Lele, purtroppo ( o per fortuna) la Thyssen non c'è più. La situazione è complessa. I Tedeschi hanno dismesso il ramo acciaio vendendo alla finlandese Outokumpo. La quale è stata bloccata nell'annessione dall'antitrust della comunità europea in quanto con la fusione dei due colossi, sarebbe nata un'entità preponderante nel mercato dell'acciaio e quindi un colosso che avrebbe messo a rischio la concorrenza facendo in pratica il prezzo. Per avere il via libera, i finlandesi hanno scelto di lasciare sul mercato alcune realtà, tra le quali la nostra. In pratica adesso le acciaierie sono in vendita e le può comprare solo un soggetto che con le nuove acquisizioni si deve tramutare almeno nel quarto produttore europeo. Insomma un casino. Comunque se capiti a Terni, mi darai una grossa mano, almeno nel mio reparto raddoppieremmo il numero di tifosi viola.

    RispondiElimina
  21. Non sono Scipione l'africano. Io non sono la rocia che non teme scosa, sono pollock in carne e osa. E un po' la conosco la situazione acciaierie.

    RispondiElimina
  22. colonel.blimp22 marzo 2013 12:21

    A forza di fare il portapost di Lele, caro Pollock, vieni con lui identificato: un solo corpo e un solo spirito. E che la pontellizazione sia con voi, per la buona e per la cattiva sorte.

    RispondiElimina
  23. Chiarificatore22 marzo 2013 12:44

    Ieri a Ginevra il Brasile non c'era, era appena arrivato a Firenze:
    http://www.youtube.com/watch?v=DU9OoUOiztU

    RispondiElimina
  24. Prandelli e Ventura hanno sdoganato Cerci, dimostrando che se ben utilizzato può far parte di una squadra moderna, Foco. A Firenze appariva spesso isolato, avulso dal gioco, poteva giocare da sette ma anche fare partite da quattro. Non escludo a questo punto che possa fare la sua figura anche nella squadra di Montella, specialmente se schierata con un 4-3-3, dunque con un esterno basso che lo sgravi da compiti difensivi immediati. Cuadrado continua a sembrarmi superiore in termini di impatto sulla partita. Cerci è più classico, dunque migliore nel cross e nel tiro, ma Cuadrado può anche fare l'esterno basso su Muriel e togliergli la palla. Cerci può svolgere due ruoli: attaccante o esterno destro alto. E in entrambi entrerebbe in concorrenza con i titolari di adesso, Cuadrado appunto ed i vari Jovetic, Ljajic, Rossi. Va aggiunto che a Firenze ha lasciato qualche rancore e pare non ci torni volentieri.

    RispondiElimina
  25. colonel.blimp22 marzo 2013 13:05

    Però il caricamento della pagina è più lento, almeno per me: non so se è un effetto della riconfigurazione-pontellizzazione del sitollock.

    RispondiElimina
  26. Allora rassicurami, dimmi che non finiremo in una cordata italiana.

    RispondiElimina
  27. Concordo con Ludwig, anzi, lui è anche poco generoso nei confronti di Prandelli e Ventura, perchè Cerci loro non lo hanno sdoganato, l'hanno proprio concepito e uno dei due se l'è anche portato nove mesi in grembo.

    RispondiElimina
  28. Quindi sono due entità? Illuminami colonnello.

    RispondiElimina
  29. colonel.blimp22 marzo 2013 13:34

    Vitalogy... ahahahahahahahahahahah! Ma poi c'è voluto il forcipe dell'ostetrica, e non un'ostetrica qualunque, un'ostetrica «importante»!!!!!!

    RispondiElimina
  30. colonel.blimp22 marzo 2013 13:45

    Dall'ottimo Fiorentinanews:

    «Oscar Damiani Jr, procuratore di Pierre Aubameyang, ha parlato del suo assistito a Radio Toscana: “Confermo l’interesse della Fiorentina, lo hanno seguito molto in questo periodo e lo hanno giudicato all’altezza della Fiorentina. Il Saint Etienne ed il ragazzo in questo momento sono molto concentrati sul finale di stagione, non è facile avere un’idea su cosa potrà accadere in futuro. L’idea del ragazzo è quella di giocare in una coppa europea, lui potrebbe rimanere al Saint Etienne solo se centrassero la Champions, ma è un’ipotesi remota. Credo proprio che lascerà la Francia in estate. Con lui ho già parlato della Fiorentina, sarebbe contento di arrivare a Firenze che è una squadra ambiziosa e di prestigio. Pradè mi ha detto più volte che è interessato, siamo rimasti d’accordo che ne parleremo più avanti. La cifra? Credo che sia difficile prenderlo per meno di 12 milioni di euro. In Italia sono stato contattato solo dalla Fiorentina. Poi piace a PSG, Borussia Dortmund ed Arsenal"».








    Roncaglia già fatto a gennaio per il Kazan a giugno (8 milioni), Larrondo mestamente di ritorno a Siena (peccato, Louis!) tanto c'è Seferovic, Cerci, notoria «pippa fantasmagorica» che «è doveroso fischiare», manda elegantemente (e c'ha ragione) Firenze e i fiorentini: queste le altre del giorno.

    RispondiElimina
  31. colonel.blimp22 marzo 2013 13:46

    «manda», qua sotto, dove ben s'intende...

    RispondiElimina
  32. Beh si Vita è proprio così e lo dice anche Cerci che si dichiara "rinato" rispetto al periodo fiorentino. Non è colpa mia prenditela con lui. Oggi su Repubblica Maurizio Crosetti definisce "non una frase quasi una miccia" le dichiarazioni di Mihajlovic su Arkan. Pagina 61: non l'ho pagato io.

    RispondiElimina
  33. Ahah Colonnello l'importanza dell'ostetrica scioglie il mio dubbio su chi dei due fosse il mammo!
    Lud, certo che lo spettatore pagante ha il diritto, almeno teoricamente (perchè allo stadio è probabile che lo spettatore sia anche tifoso a differenza del teatro, quindi tal diritto lo dovresti filtrare secondo la logica del sostegno alla tua squadra), di fischiare chi fa schifo. Ma Cerci faceva schifo già durante il riscaldamento? Sai, dallo stadio ti posso testimoniare che veniva fischiato ancor prima di entrare, anzi, i fischi erano il minimo che ricevesse, gli insulti erano ben peggiori.

    RispondiElimina
  34. Se a Torino non hanno il vizio di urlargli cose tipo "Torna a Romaaaaaa, Monnezzaaaaaa", si può dire che magari i torinesi hanno dato un maggior contributo dei fiorentini al suo sdoganamento

    RispondiElimina
  35. colonel.blimp22 marzo 2013 14:07

    Beh sì, Vita, è stata una delle pagine più vergognose del tifo fiorentino, contro il quale e contro il giornalismo beota locale più volte si sono scagliati Cerci e la compagna, Cerci che non ha mai avuto una parola pubblica, et pour cause, contro Miha, il suo pigmalione in serie A (Ventura lo fu per le «sire minori» dove, secondo qualche illuminista, era «destinato» a tornare... ahahahahahahahahahahahahahah!). A' Prizio, riparlace der gatto ar guinzajo, adesso! Ahahahahahahahahahahahah! Ed ecco, interessantissima e scrosciante sciacquonata per Lud, l'intervista a Sinisa di Firenzeviola del 19/9/2012:












    «Nei giorni scorsi Alessio Cerci ha speso parole bellissime su di lei, spazzando via le voci di vecchie incomprensioni... "Con Alessio ho tuttora un bellissimo rapporto, ci sentiamo spesso. Potenzialmente, nel suo ruolo, è uno dei giocatori più forti in Italia. Con me, nei mesi in cui abbiamo lavorato assieme a Firenza, ha dimostrato d'essere un esterno offensivo da Nazionale. Io spero che lo diventi a Torino, con Ventura, un tecnico che come me lo apprezza tantissimo". Di cosa ha bisogno Cerci per diventare un calciatore in grado di fare la differenza? "Per dare il meglio di sé ha bisogno di allenarsi con regolarità e di essere al 100% dal punto di vista atletico. Nel recente passato è stato condizionato da acciacchi, piccoli problemini che spesso gli hanno impedito di dare continuità al suo lavoro". A Torino si è presentato in punta di piedi, con apprezzabile umiltà: forse anche per dimostrare che certe etichette non gli appartengono... "Alessio è un ragazzo buono e generoso, però anche molto timido. Quando conoscerà meglio tutti i suoi compagni si rivelerà un giocatore importante anche nello spogliatoio, perché sa fare gruppo. Io dico che Cerci può dare tanto al Toro, con Ventura potrà davvero fare la differenza"».

    RispondiElimina
  36. colonel.blimp22 marzo 2013 14:09

    Non «sire minori» ma «serie minori», ovviamente, qua sotto.

    RispondiElimina
  37. Infatti, Colonnello aggiungiamoci anche tormentoni quotidiani come quelli del Cinguetta e del Pestal'uggia ("no via, s'è pagato 4 milioni, no via, l'anno prossimo ce lo davano a 0, no via, ti rendi conto? 4 milioni, no via..."), che mi hanno fatto passar la voglia di ascoltare la loro radio

    RispondiElimina
  38. colonel.blimp22 marzo 2013 14:15

    Miha e Prandelli uniti nella lotta! Come avete letto, per tutti e due, il garrinchino aveva solo bisogno di «continuità»: così, è diventato «esterno offensivo da Nazionale», ne' denti a chi lo voleva terzino o morte. «Per dare il meglio di sé ha bisogno di allenarsi con regolarità e di
    essere al 100% dal punto di vista atletico. Nel recente passato è stato
    condizionato da acciacchi, piccoli problemini che spesso gli hanno
    impedito di dare continuità al suo lavoro»: lo avevamo detto in settimana, tra una riproposizione e l'altra di post cazzoni di paralitici mentali che avevano insultato i' mi' cercino per due anni interi.

    RispondiElimina
  39. Le parole di Sinisa non contraddicono in nulla quello che ho scritto Blimp. A Firenze Cerci giocava a sprazzi ed era spesso contestato. Non credo lo contestassero per partito preso, ma perchè giocava talvolta da sette ma spesso da quattro. Sinisa probabilmente lo stimava, ma un conto è la stima un conto saper mettere in campo il giocatore.

    RispondiElimina
  40. Cerci a Firenze veniva contestato a prescindere, in quanto romano di merda, in quanto rotto, in quanto i fiorentini si sentono superiori, in quanto non ci capiscono un cazzo di calcio. Vita sono perfettamente d'accordo, Pestuggia non si può sentire. Così come ormai Radio Blu. Così come non è più possibile leggere Fi.it.

    RispondiElimina
  41. colonel.blimp22 marzo 2013 14:30

    Assodato, a citazioni pesanti come il piombo, che fra Cerci e Miha c'era e c'è un bellissimo rapporto, come da benefattore a beneficato, assodato che per Miha e per Prandelli Cerci mancava solo di continuità, dovuta ai frequenti stop (poi arriva il Pugile, e fine, come con Nutella), assodato che Cerci era insultato a Firenze da bovini che adesso Cerci ripaga con elegante disprezzo, leggiamoci adesso un paginone di critica calcistica di profondità abissale. Autore, ovviamente, il Guetta poc'anzi citato da Vitalogy. E' del 16/12/2013. Appena tre mesi fa: un indovino (ahahahahahahahahahahahah!). Leggete e ridetene tutti:

    «Ogni volta che leggo di una cerciata, ogni volta che vedo i pessimi voti
    di Vargas vengo colto da un fremito di paura: mica ce li renderanno
    prima del tempo? Non è che se ne vorranno sbarazzare subito per evitare guai negli
    spogliatoi superiori ai disastri combinati dal peruviano in campo e al
    quasi niente (nel quasi c'è purtroppo il gol alla Fiorentina) del
    "giocatore che ci hanno chiesto i più grandi club europei". Non so in tutta onestà se ci possono rendere a gennaio gli uomini neri, spero di no, e comunque due così non sapremmo davvero dove metterli, dentro e fuori dal rettangolo verde.Un altro po' di stordimento lo provo quando cerco di capire quando
    scadono questi eterni contratti, che assomigliano molto a cambiali
    pesantissime.Vargas arrivò nel 2008, possibile che gli si debba dare oltre due milioni e mezzo lordi fino al 2014?Quando mai gli è stato rinnovato il contratto? Devo aver rimosso. Cerci ha un quinquiennale? Meglio pensare un anno alla volta, magari trovando qualche club misericordioso che li ospiti gratis».

    RispondiElimina
  42. Sopravvissuto22 marzo 2013 14:34

    Nell'opera d'arte eseguita da Botticelli ci sono due angeli,uno dipinto dallo stesso Botticelli,l'altro da Leonardo da Vinci.In quella enorme,palese,potente differente bellezza espressa dal Vinciano ci sta anche tutta la differenza tra il Cerci ala pura senza compiti extra di Torino e quello che doveva farsi il mazzo(a Firenze) per rincorrere l'avversario,concetto a lui quasi del tutto sconosciuto e poco entusiasta di eseguirlo.

    RispondiElimina
  43. colonel.blimp22 marzo 2013 14:35

    Pollock, è come dici ed triste a dirsi, eppure io darei la vita per una nazione, l'Italia, e per una città, Firenze, di povere teste di cazzo. D'altra parte, da qualche parte bisogna nascere e tener fede: altrimenti si è gobbi e si va all'inferno.

    RispondiElimina
  44. Cazzo, Prandelli ha sdoganato Cerci facendogli giocare un tempo di un'amichevole! E' proprio vero che è un santo e fa i miracoli, basta che guardi negli occhi e dica: "Alzati e cammina".

    RispondiElimina
  45. La Fiorentina di Mihajlovic non esiste più da un anno e mezzo. E' possibile che tu l'abbozzi di romperci i coglioni con i tuoi fischi postumi? Non ti piaceva? l'abbiamo capito? Per te era tutta colpa di Mihajlovic? L'abbiamo capito. Per me no, ma anche questo lo dovresti aver capito. Quando esci da uno spettacolo che non ti è piaciuto seguiti a fischiare da fuori per un anno e mezzo? e se qualcuno ti consiglia una visita specialistica ti offendi?

    RispondiElimina
  46. ..e io faccio le barricate in Borgo Tegolaio a difesa di Piazza Santo Spirito dove i vuturiani vorrebbero vomitare la loro inadeguatezza.

    RispondiElimina
  47. Lo spero per lui ma ci credo poco

    RispondiElimina
  48. Guetta in certi casi è un personaggio degno di Julius Verne, come sonda le profondità abissali lui...

    RispondiElimina
  49. Eppure abbiamo avuto altri romani, come lo stesso Aquilani, cui non si rimprovera la romanità. È possibile che sia stato criticato anche per ragioni extra-calcistiche ma che abbia sempre giocato bene lo contesto. Il pubblico applaude chi gioca bene e sostiene le squadre vincenti. Sono convinto che anche Cuadrado sarebbe stato contestato se avesse deluso e sarebbero magari saltati fuori argomenti extra-calcistici simili a quelli usati per Vargas. Ridurre tutto all'odio per i romani mi pare semplicistico.

    RispondiElimina
  50. Poverino, il Guetta semplicemente di calcio non ne capisce una mazza, è umorale e uterino. Il riferimento ad Arkan nell'intervista di Mihajlovic (che sembra sia stata tradotta in modo errato in croato, donde le proteste) c'entra con Cerci come il culo con le quarant'ore, ma tanto è, quando uno è fissato, è fissato.

    RispondiElimina
  51. Il pubblico non è fatto di persone tutte uguali. C'è chi applaude chi gioca bene, c'è chi applaude chi gioca male ma ha bisogno di sostegno perchè si trova in difficoltà, c'è chi applaude per educazione o maleducazione, e c'è chi applaude per quanto ne capisce (un cazzo, talvolta): se tra il settembre 2010 e l'autunno 2012 ti è capitato di andare allo stadio, saprai bene quante dagli spalti ne venivano tirate addosso -ad esempio- anche a Ljajic.

    RispondiElimina
  52. E' lo sculo che regge i fatti della vita, se Cerci fosse arrivato a Firenze tre anni prima, avrebbe trovato il santo che gli avrebbe imposto le stimmate e ne avrebbe fatto l'Edmundo de Roma. Tutti lo avrebbero amato e anzi la moda del capello a cespuglio col nastrino avrebbe preso tutti i ragazzi fiorentini. Come è successo con Osvaldo, Pazzini, Balzaretti, Kuzmanovic etc....

    RispondiElimina
  53. Cerci è un purosangue che vive di scatti furenti, di strappi, di cambi di direzione secchi...Pochi lo ricordano, ma prima di venire a Firenze ha avuto una storia personale di infortuni assai pesante, che ne ha ritardato l'esplosione, tanto che la mia principale preoccupazione era la sua integrità fisica. Fortunatamente non ha più avuto ricadute grosse, ma una serie di contrattempi sì. Lo stesso Ventura, testa a parte, dice che il Cerci arrivato a Torino anche fisicamente aveva poco del calciatore professionista. Probabilmente si è rimesso solo ora del tutto. Quanto a Sinisa, non è colpa sua se gli ustascia croati cercano pretesti per attaccare lui e la Serbia, come si evince da questo articolo.

    http://www.gazzetta.it/Calcio_Estero/Primo_Piano/22-03-2013/mihajlovic-blindano-rifinitura-92609084707.shtml

    RispondiElimina
  54. Si, come all'odio per i marchigiani, ci sono momenti storici dove si odiano e altri dove invece si amano. Aquilani con i vuturiani che soffiavano sul fuoco per cacciare il pontellizzatore dell'oliva ascolana sarebbe stato un romano di merda. I DV oggi sono competenti, ieri Zamparini era più attaccato alla squadra. Oggi Zamparini s'attacca al cazzo!

    RispondiElimina
  55. colonel.blimp22 marzo 2013 15:09

    Ma è arcisicuro, Lud, che alcuni aspetti della personalità di Cerci non «abbiano aiutato» e su ciò Sopra ha già scritto cose sagge! Se tuttavia avesse tutta la testa, uno che stoppa e meglio direi spegne di coscia una battuta da calcio d'angolo come ha fatto lui ieri sera, cosa sarebbe? Come è vero che è un tipo di giocatore che ha bisogno di affetto preventivo, tal quale certi figli e certi scolari. Ora, se capiti in una città fondamentalmente iperconformista, ostile al diverso qualunque egli sia, calabrese o omosessuale, marocchino o capellone, una città che ha finito stancamente col banalizzare il Rinascimento in una formula livellatrice (scherzosamente, Gombrich: «Guai alle città che non hanno avuto il loro barocco!»), se vi capiti e sei Cerci hai comperato guai.

    RispondiElimina
  56. Interessanti voci su Leali alla Fiorentina, portiere di proprietà della juve, che ho seguito per qualche partita incuriosito da Dubbio che lo riteneva superiore a Perin. Ebbene, una volta tanto aveva ragione! Per me è un mezzo fenomeno del ruolo, già molto maturo e freddo per l'età. Se i gobbi sono tanto pazzi da lasciarsi sfuggire l'erede di Buffon, da prendere al volo!

    RispondiElimina
  57. colonel.blimp22 marzo 2013 15:17

    «Una volta tanto»... ahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  58. Più che la romanità la coattaggine e non tanto sua quanto della fidanzata. Cerci cominciò male, a causa di un problema al piede e poi di un comportamento indolente che fece incazzare Mihajlovic. Il quale come difetto principale aveva quello di lavare i panni sporchi in conferenza stampa. Quando però tutto sembrava andare per il verso giusto, poi è comparsa la coattona con la fissa del social network all'amatriciana . Qualcuno non aspettava altro per riempire le paginette ed ecco che il giocatore era bruciato. Calcio in culo contro la juve e mistero della pernice sono stati fremiti da orgasmo per i giornalettari.
    Però chi di calcio sa evidentemente non legge i giornali che vorrebbero parlar di calcio.

    RispondiElimina
  59. colonel.blimp22 marzo 2013 15:20

    A me la coattona garbava e garba più di tante stronze patinate col pin.

    RispondiElimina
  60. A proposito di Croazia, son curioso di vedere chi si prende il fortissimo, geniale Halilović [classe '96!], davvero una delizia di giocatore.

    RispondiElimina
  61. Deyna chi prenderesti Jordy Clasie o Leandro Paredes? E del centravanti dell'America Raul Alonzo Jmenez che sembra stiano seguendo insieme a Jesus Corona, che è quello della nazionale olimpica messicana che ha battuto il Brasile, che ne dici? E' un bel marcantonio.

    RispondiElimina
  62. Mi pare evidente: con Prandelli in campo Cerci sarebbe stato inserito in un modulo preciso. O riusciva ad inserirsi o era fuori e sarebbe stato rivenduto. Allora però Prandelli non si era ancora convertito al 4-3-3 e nel 4-4-2 si avvaleva di un esterno più duttile in copertura come Marchionni. Montella Cerci poteva tenerlo ma non l'ha voluto. Dovrebbe dunque essere lui prima di ogni altro a trovarsi sul banco degli accusati, se è vero che Cerci è il grande incompreso della storia viola.

    RispondiElimina
  63. Halilovic e Ibra nell'incontro di Champions Dynamo-PS, sembrano babbo e bambino.

    RispondiElimina
  64. In altre parole sarebbe stato sdoganato! credo che a venir tre anni dopo gli sia andata bene.

    RispondiElimina
  65. colonel.blimp22 marzo 2013 15:43

    Uno dei grandi incompresi: ogni squadra di A ha avuto storicamente i suoi. Diciamo che per la Fiorentina, però, alcuni incompresi hanno trovato comprensione dallo stesso allenatore, in Nazionale, che non li comprendeva quando era allenatore della Viola e questo è abbastanza unico.

    RispondiElimina
  66. Dipende Jordan, come vice Pizarro prenderei senz'altro Clasie, Paredes lo vedo più dietro a Borja. Seguiamo Raul Jimenez? Mi piace molto, ha fisico, ma si muove molto bene, tira con entrambi i piedi [anche da fuori], e di testa la prende, anche se è migliorabile, per la stazza che ha. Penso sia uno dei centravanti giovani più interessanti in Centro/Sud America, col cileno Castillo, l'argentino Facundo Ferreyra, ed anche l'uruguaiano Rolan. Sicuramente mi scordo qualcuno, lo so...

    RispondiElimina
  67. https://www.youtube.com/watch?v=qCOO8xPjsvA



    I terribili riti di iniziazione alla maturità calcistica cui è sottoposto Cerci nel ritiro della nazionale.

    RispondiElimina
  68. C'è troppa distanza tra la politica e il paese reale, e così la vergogna entra per vie centrali bucando la moralità.

    http://www.facebook.com/photo.php?v=351717824941527&set=vb.149832495073115&type=2&theater

    RispondiElimina
  69. Tanto vi dovevo. Da notare il cavo che esce direttamente dalla finestra più in alto a destra per connettersi in rete.

    RispondiElimina
  70. Una curiosità, Pollock: il ristorante a cui alludi nel tuo editoriale è quello a Legri o quello lungo la statale a metà tra Calenzano e Barberino?

    RispondiElimina
  71. colonel.blimp22 marzo 2013 19:08

    Nooooooooo, con la nuova versione il Capo s'è fatta la pottatina, la targhetta «Mod»!!!! E' tornato dalla Romania con deliri di onnipotenza alla Ceausescu!!!!

    RispondiElimina
  72. Vita, a quale ristorante alludi che io abbia alluso?

    RispondiElimina
  73. Blimpe sto facendo delle prove. Sbaglio o i commenti adesso si leggono tutti e non più cinque

    RispondiElimina
  74. colonel.blimp22 marzo 2013 19:20

    Te l'ho già detto qualche ora fa, sì, e l'insieme è più gradevole.

    RispondiElimina
  75. Ti piace la targhetta Mod eh?

    RispondiElimina
  76. colonel.blimp22 marzo 2013 19:28

    Ce l'avesse il Traversi altro che ungulati saremmo! Se te la vede ci fa una malattia!

    RispondiElimina
  77. colonel.blimp22 marzo 2013 19:39

    Così Mencucci:








    «Sono felice per Cerci, un giocatore di proprietà della Fiorentina che ha fatto molto bene ieri sera. E' ancora nostro per metà: è migliorato, a Firenze vogliamo giocatori che si comportano bene, starà a Montella decidere cosa fare».









    E il procuratore di Clasie dice per far la riserva del Pek il suo assistito a Firenze non viene.

    RispondiElimina
  78. Deyna, dagli un'occhiata a Leandro Paredes c'è un mio amico argentino che mi fa due palle così. "Il nuovo Riquelme" un giugno '94 titolare del Boca in realtà scarso non deve essere.

    RispondiElimina
  79. Blimpe, il Gat in crisi per la targhetta, e il dorfino??

    RispondiElimina
  80. colonel.blimp22 marzo 2013 20:04

    «dice che per fare», qua sotto.

    RispondiElimina
  81. Jordan, Leandro Paredes lo "osservo", figurati se un seguo il Boca! E' molto, molto buono, l'avevo un po' sottovalutato in quanto, non so perché, credevo fosse un '91 e non un '94...Per avere 19 anni è un mostro, veramente notevole, solo che non lo vedo come vice-Pizarro, semmai a crescere dietro a Borja ValHero©. Se mi prendono un terzetto di giovani alle spalle dei tre tenori, tipo Clasie-Paredes/Canteros/Quintero-Vecino, è roba da urlo.

    RispondiElimina
  82. Croazia 2 Serbia 0. Essendo stato accusato di avere motivi personali di antipatia o peggio nei confronti di Mihajlovic non aggiungo altro. E non commento neanche la sua decisione di escludere un campione in ascesa come Ljajic per la questione dell'inno. Tra le due squadre ci sono ora nove punti.

    RispondiElimina
  83. Pollock ho equivocato, qui in zona c'è una famiglia di ristoratori uno dei quali risponde al nome che hai fatto, e siccome ti piace parlare spesso di mangiare... dopo la tua riposta io invece ho mangiato la foglia andando su google, che mi ha suggerito che probabilmente ti riferivi a uno stilista, di cui ignoravo l'esistenza.

    RispondiElimina
  84. Beh Lud, ma sbaglio o ieri anche il Pranda si è adag... ops, rettifico: ma sbaglio o ieri anche il Branda si è sdraiato sull'ennesima non-vittoria consecutiva?

    RispondiElimina
  85. Prandelli è vice-campione europeo e mi risulta che abbia perso non più di una o due partite ufficiali della nazionale escluse le amichevoli. Di rado però l'Italia nelle amichevoli si presenta nella formazione migliore e più sperimentata. Di solito l'amichevole è utilizzata per gli esperimenti.

    RispondiElimina
  86. L'impressione che potrà poi essere corretta è poi che la Spagna sia più forte dell'attuale Brasile e dunque risulti al momento ancora la squadra più forte del mondo, salvo rivedere meglio l'Argentina di Messi.

    RispondiElimina
  87. Il fatto che tu riporti trionfante il risultato conferma i tuoi motivi personali di antipatia o peggio nei confronti di Mihajlovic. Io non sapevo nemmeno il risultato. Avevi il filo diretto?

    RispondiElimina
  88. Infatti ieri ha lasciato a casa Pelè

    RispondiElimina
  89. Dell'attuale Brasile son più forti una decina di squadre almeno se no l'Italia del santo non ci faceva la figura che ha fatto. Non è affatto detto, anzi non credo, che sia così tra un anno.

    RispondiElimina
  90. Ma di che targhetta parlate? La Spagna è al momento ancora la squadra più forte del mondo, ma ritengo ai limiti del possibile, statisticamente, che riesca a vincere il quarto grande trofeo di fila [Europeo-Mondiale-Europeo...Mondiale], anche perché si gioca in Sudamerica. Il Brasile a un anno dal torneo è in ritardo mostruoso, senza centrocampo. L'Argentina sta venendo forgiata da Sabella in modo intelligente, in particolare nella maniera di sfruttare l'attacco atomico Messi-Aguero-Higuain, con Di Maria scheggia impazzita che li innesca. Non mi convincono ancora, però, alcune convocazioni, e la difesa è senz'altro migliorabile. L'Uruguay è una mina vagante, nuovi leader crescono [Suarez, Cavani, Coates...], ma i vecchi stan calando [Lugano, Forlan]. Ho visto Croazia-Serbia, la squadra di Sinisa non ha giocato male, ma è assolutamente priva di qualità dopo la linea mediana. La difesa sulla carta sarebbe fortissima, ma oggi ha scazzato [da ufficio inchieste il primo gol croato, con Kolarov che con punizione per la Serbia sulla sinistra fuori area, serve al centro un avversario]. Fosse ancora unita la Jugoslavia di Tito, avrebbe una squadra in grado di arrivare tra le prime al mondiale, come del resto negli anni '90. Con la difesa serba, e i centrocampisti e attaccanti croati, bosniaci e montenegrini, sarebbe uno spettacolo. Oggi superbo Nastasic, tignoso Igniowsky, grandissimo Modric, ottimo il terzino sinistro Strinic, che mi piace da sempre.

    RispondiElimina
  91. colonel.blimp22 marzo 2013 20:50

    Un risultato non sorprendente, Lud, è giusto quindi, come dici, non aggiungere altro (ma conoscendoti ne dubito... ahahahahahahahahahahah!): la Croazia è ben più forte e giocava in casa e il valore di un allenatore non si giudica in una sola partita. L'esclusione di Ljajic non aveva motivazioni tecniche, dunque non è conferente al tuo discorso anche se la evochi con una pachidermica preterizione. Né vedo quali motivi personali di antipatia o peggio puoi avere nei confronti di Miha, a meno che fra voi non ci siano stati trascorsi di donne e tu ce lo taccia. Ad ogni modo è il de profundis per la Serbia, ai fini delle qualificazioni, questo è certo, come è pressoché certo l'esonero di Miha alla fine del girone. Credo che Sinisa abbia gestito male il proprio séguito di carriera dopo l'esonero a Firenze: è tornato ad allenare troppo presto, con una nazionale poi, e cioè cimentando la sua inesperienza in un nuovo campo, davvero minato per lui in considerazione del coinvolgimento emotivo e delle oggettive difficoltà per una squadra più debole in partenza di due competitrici.

    RispondiElimina
  92. Non ho capito se devo essere felice o triste per il fatto che la Croazia ha battuto la Serbia. Ditemelo, cosi' mi regolo di conseguenza e passo il WE piu' sereno.

    RispondiElimina
  93. Giusto Vita, Campagna stilista riferito al look di Prandelli. Deyna, la mitica targhetta che farà impazzire il Gat e il Dorfino è quella "Mod" accanto al mio nick.

    RispondiElimina
  94. Anto, io personalmente sto diventando tifoso di entrambe e ho ordinato una maglia da calcio double face, Serbia da un parte e Croazia se la rigiro

    RispondiElimina
  95. colonel.blimp22 marzo 2013 20:54

    Scusa Pollock, ma ad occhio e croce gli ultimi due post firmati da Lud non sono di suo pugno. Ma che sta succedendo? Oppure, Lud, stavi per caso multiniccando e sei stato scoperto dalla nuova versione del sistema? Di sicuro c'è un pastrocchio. Adesso leggo che Pollock attribuisce uno dei due post a Deyna: mi torna di più così, ma allora perché continuano a portare la firma di Lud?

    RispondiElimina
  96. colonel.blimp22 marzo 2013 20:57

    Ecco! Adesso la firma torna a Deyna! Ma cosa era successo? Vi assicuro che per dieci minuti il post di Deyna appariva attribuito a Lud! E anche quello breve, e di poco precedente, di Jordan!

    RispondiElimina
  97. Oddio una decina di squadre più forti del Brasile mi pare esagerato Jordan. Forse più organizzate, questo si. Ma poi costrette a soccombere a fronte di una azione personale di uno degli assi brasiliani. Ps: mai usato altri nick.

    RispondiElimina
  98. Ma che domande fai Colonnello, come fai a non sapere che era Sinisa a tentare di sabotare il blog?

    RispondiElimina
  99. Blimpe, non so cosa sia successo però adesso oltre alla targhetta ho messo anche l'immagine selezionata addirittura con la parte più viola dell'immagine.

    RispondiElimina
  100. Ah figuriamoci, l'ho notata mo, la targhetta Mod! Quindi Pollock sei un personaggio da Quadrophenia? Nemmeno io, Vita, riesco a decidermi decisamente per la Serbia, simpatizzo anche per la Croazia. Anzi, a dirla tutta io vorrei vedere resuscitare il Maresciallo Tito a riunificare la Jugoslava, un giorno possiamo giocare a metter giù una formazione che riunisca serbi, croati, montenegrini, macedoni, bosniaci...

    RispondiElimina
  101. colonel.blimp22 marzo 2013 21:14

    Beh, Deyna, non che vincessero di più per questo, quando erano Jugoslavia, eppure tecnicamente avevano i migliori giocatori del continente. Non sono mai riusciti, salvo tra la fine dei cinquanta e l'inizio dei sessanta, a fare nel football quello che loro è riuscito nel basket.

    RispondiElimina
  102. Tito Corsi oggi ha definito Mihajlovic con una parola come novellino o neofita. Ed è singolare perchè credo che abbia sicuramente molte più partite al suo attivo come allenatore di Montella. Ma se (absit, direbbe Blimp) Montella venisse ingaggiato da un top club nessuno parlerebbe di immaturità. Vincenzo è "nato imparato".

    RispondiElimina
  103. Deyna e la foto?

    RispondiElimina
  104. colonel.blimp22 marzo 2013 21:19

    Montella è un grandissimo talento. Ad ogni modo Corsi è una figura modesta, locale, i suoi giudizi non sono pietra filosofale. Miha batte Montella, a occhio e croce, di una ventina di presenze in panca di serie A, non di più, direi.

    RispondiElimina
  105. Blimpe, mi sono accorto che gli ultimi tuoi 2 commenti erano stati assegnati a Lud, me ne sono accorto dalla posta dove invece erano stati correttamente assegnati a te. Ho rinnovato la pagina del blog e tutto è tornato a posto. Anche te hai visto quello che ho visto io?

    RispondiElimina
  106. colonel.blimp22 marzo 2013 21:29

    No, Pollock, evidentemente chi posta non può accorgersi dell'errata attribuzione.

    RispondiElimina
  107. Blimpe, ti evidenzio tre chiavi di ricerca con cui mi hanno trovato ieri "blimp per un pugno di gamberi" "blimp pollock cerci" blimp pollock cerci robben"

    RispondiElimina
  108. colonel.blimp22 marzo 2013 21:32

    Ad ogni modo è un Lud pigliatutto! Non gli basta di spingere il sitollock a vertici di postaggio che alzano quasi letalmente il tasso di bilirubina nel sangue al Dorf, ormai fagocita la produzione altrui, s'insinua ovunque. Pollock, darei un'occhiata in camera da letto, non si sa mai...

    RispondiElimina
  109. colonel.blimp22 marzo 2013 21:36

    Mi sorprende, Pollock: a mio avviso la chiave di ricerca più sicura del sitollock è «Ludwig Prandelli Sinisa».

    RispondiElimina
  110. visualizzazioni di pagina per browser:
    Safari 345 (34%)
    Chrome 331 (32%)
    Internet Explorer152 (15%)
    Firefox 98 (9%)
    Mobile Safari 69 (6%)
    Opera 7 (<1%)
    BingPreview 1 (<1%)
    CriOS1 (<1%)
    OS;FBSV 1 (<1%)

    RispondiElimina
  111. colonel.blimp22 marzo 2013 21:40

    Così basso Firefox? Così alto Chrome? As time goes by...

    RispondiElimina
  112. Visualizzazioni per sistema operativo:

    Windows 535 (53%)
    Macintosh 184 (18%)
    iPad 174 (17%)
    Android 69 (6%)
    iPhone 35 (3%)
    Linux 7 (<1%)

    RispondiElimina
  113. colonel.blimp22 marzo 2013 21:41

    E iPad sta raggiungendo Mac: incredibile!

    RispondiElimina
  114. Tutte le statistiche sono riferite alla giornata di ieri.

    Visualizzazioni di pagine per paese:

    Italia 922

    Congo - Kinshasa 34

    Austria 16

    Stati Uniti 9

    Federazione Russa 6

    Malta 4

    Messico 4

    Svizzera 2

    Francia 2

    Germania 1

    RispondiElimina
  115. colonel.blimp22 marzo 2013 21:46

    Fuori d'Italia Lele ha la parte del leone, con evidenza.

    RispondiElimina
  116. colonel.blimp22 marzo 2013 21:50

    Ma a Malta chi c'è, i' Dorf fra una riemersione e l'altra dalle acque?

    RispondiElimina
  117. Complimenti a Pollock per il suo successo internazionale. E grazie a Blimp. A Cerci e Sinisa saranno sicuramente fischiate le orecchie, ma auguri a tutti e due. Cerci è ormai destinato all'affermazione definitiva e non può non far piacere. Sinisa secondo me può rigenerarsi solo accettando una piazza minore e ripartendo da lì. Ma chissà, magari gli offrono l'Inter e sfonda anche lui.

    RispondiElimina
  118. Post più visualizzati:

    "Messaggio di servizio (come ti sevizio l'IP)"
    31/gen/2013, 271 commenti 810 visualizzazioni

    "Pezzo di merda"
    04/ago/2012, 181 commenti 759 visualizzazioni

    "La partita mononota"
    18/feb/2013, 161 commenti 705 visualizzazioni

    "Guida pericolosa"
    22/ott/2012, 125 commenti 690 visualizzazioni

    "Buon compleanno Tommy"
    27/gen/2013, 129 commenti 690 visualizzazioni

    "Acqua di colonia penale"
    30/gen/2013, 113 commenti 673 visualizzazioni

    "Tappami Levante"
    19/giu/2012, 247 commenti 661 visualizzazioni

    "Il piano B potrebbe essere forte come il Forte Bel..."
    18/mag/2012, 157 commenti 660 visualizzazioni

    "Piazza Cestello, pazza piazza"
    26/mag/2012, 116 commenti 657 visualizzazioni

    "L'idraulica della passione"
    29/gen/2013, 146 commenti 651 visualizzazioni

    RispondiElimina
  119. Aggiornamenti:

    Commenti pubblicati 28002»

    Visualizzazioni di pagine: oggi 864 »

    Post 486 »

    Lettori fissi 31 »

    RispondiElimina
  120. colonel.blimp22 marzo 2013 22:09

    «Messaggio di servizio» è quello del record di post (271), con Harvey Keitel e Keith Carradine a pompare le visualizzazioni degli scommettitori su chi venisse sbudellato prima, a Vicchio o in Sabina.

    RispondiElimina
  121. Mi unisco ai complimenti a Pollock. La chiave di lettura più usata per il sifone, invece, sarà "Del Piero"?

    RispondiElimina
  122. Da lunedì, per una settimana, tu aggiungi anche la Scozia

    RispondiElimina
  123. Era solo per condividere qualche dato. I numeri sono di tutti.

    RispondiElimina
  124. Jordan allora portaci una bottiglia di Lagavulin 25 years old, ti rimborsa il padrone di casa per festeggiare il successo del suo blog

    RispondiElimina
  125. colonel.blimp22 marzo 2013 22:22

    Per la Scozia c'è già un oriundo, il Chiari... ahahahahahahahahah! La LInda, una delle fiamme del Marchese Martelloni, scozzese di Inverness, ebbe l'idea di aprire un piano-bar: serviva il vino con un centellinatore assurdo, di quasi mezzo metro, e con grande compunzione. E noi dovevamo, al banco, estasiarci davanti alla sua tirchieria... ma vaffanculo! Ed era pure bella donna, ma finì col chiudere presto, la gente era disgustata.

    RispondiElimina
  126. Prova [in culo al Delfino]

    RispondiElimina
  127. Blimpe, hai visto che adesso non c'è più bisogno di aggiornare la pagina, e visualizzato un nuovo messaggio, qualche secondo dopo si sposta sulla sinistra cancellando il contrassegno giallo.

    RispondiElimina
  128. Prova 2 [naturalmente ancora omaggiando nel deretano il Dorfy]

    RispondiElimina
  129. Cristo il piano bar, una delle cose che odio di più, insieme al karaoke!

    RispondiElimina
  130. Dicono che la Fiorentina voglia prendere il portiere danese di quella squadra dal nome impronunciabile che ha giocato in Champions con la Juve, il Nordsjallaend. E' un gobbo DOC. Ecco la sua dichiarazione alla vigilia di quella partita: "Brevemente intervistato da Sky Sport 24, il portiere del Nordsjaelland Jesper Hansen ha parlato della sua passione per i colori bianconeri della Juventus in vista della sfida al club torinese di domani sera. Una bella storia quella del ventisettenne estremo difensore danese: "Sono tifoso della Juve sin da bambino e tutt'ora lo sono dato che seguo con attenzione i loro risultati, è un sogno che si realizza quello di sfidarli domani sera. La mia passione per i bianconeri è nata nel 1996 con la loro cavalcata con vittoria in Champions League, ammiravo parecchio Peruzzi poi è arrivato Zidane che è stato il mio idolo assoluto con Buffon. Gigi lo seguo dai tempi di Parma e il fatto che sia poi andato alla Juventus mi ha fatto ancora più piacere. Spero che domani giochi, sfidarlo è il massimo e poi a fine gara gli chiederò sicuramente la maglia". Non vorremo mica scherzare? Da ViviUnodinoi a JesperUnodiloro!

    RispondiElimina
  131. colonel.blimp22 marzo 2013 22:41

    Più che altro, se a 27 anni gioca ancora in una squadra di beduini non vedo possibilità.

    RispondiElimina
  132. Da fiorntinanews.com: "La Fiorentina potrebbe aver trovato il suo nuovo portiere. Secondo quanto riportaIlsussidiario.net, i viola avrebbero in mano Jesper Hansen, portiere del Nordsjaelland, club danese che in questa stagione ha anche affrontato la Juventus in Champions League. Il ventottenne estremo difensore si è messo in luce con una grande prestazione proprio nel match di andata. Hansen potrebbe arrivare a Firenze a prezzo di saldo, perchè il suo contratto scade il 31 dicembre 2013. La prossima estate, quindi, Pradè potrebbe prenderlo versando solo un simbolico indennizzo." Questo al massimo è un secondo. Non avranno mica intenzione di tenere Viviano? Speriamo sia una balla.

    RispondiElimina
  133. Prendo nota, poi se si batte il Milan ci si 'mbriaca.

    RispondiElimina
  134. Farà il secondo al massimo questo, dai. Lo dico comunque senza averlo mai visto giocare, magari è Zamora. La mia linea difensiva a quattro da sogno, col sacrificio doloroso di Facundo: Mario Fernandes-Geromel-Rodriguez-Orban. Quando anche i terzini stringono, voglio vedere chi la becca di testa, tra l'altro. Anche se Geromel credo giochi pochissimo in Spagna, non so per qual ragione, l'ho perso di vista.

    RispondiElimina
  135. Fra le visualizzazioni (complimenti) ci sarebbe da festeggiare quel Malta 4. Un vero portento.

    RispondiElimina
  136. colonel.blimp22 marzo 2013 23:31

    Io continuo a parteggiare per la difesa a tre.

    RispondiElimina
  137. Anch'io parteggio per la difesa a tre, era solo per il gusto di immaginare i miei pupilli Mario Fernandes e Orban insieme, ahahah. Anche se potrebbero giocare anche nella difesa a tre, anzi, forse ancora meglio, visto che sanno farlo anche da centrali. Comunque rettifico, Geromel in Spagna sta giocando, non so che ricordavo.

    RispondiElimina
  138. Grande Deyna!!!!! La foto. Che poi è un invito anche agli altri. Provvedere please.

    RispondiElimina
  139. Geromel gioca nel Mallorca, ha fatto 21 partite per 1802 minuti. Visto che c'è andato in prestito a prezzo di banana quella è stata una bella mancata. Ci avrebbe fatto un sacco di comodo adesso, altro che Compper!

    RispondiElimina
  140. e un so come si fa

    RispondiElimina