.

.

giovedì 7 marzo 2013

Marketting

Il modo di comunicare è decisamente cambiato negli anni, da quando usavamo coriandoli di carta per salutare le formazioni, ad oggi che le le telecamere ci frugano dentro alle emozioni, quasi in endoscopia, disorientati come siamo davanti a display e al piatto fumante dello spezzatino di tofu delle televisioni. E ognuno si difende come può, Cassano quando se lo ricorda mettendosi la mano davanti alla bocca, e il povero Garrone non ha avuto certo questa fortuna. Moggi usava le schede telefoniche svizzere, Conte il telefonino per fare le sostituzioni dallo Sky Box bypassando così squalifiche virtuali, Grillo fa le Parlamentarie online e il PD le Primarie hotline decidendo con Bersani di metterlo in culo al Paese. Non dico che Renzi fosse stata la soluzione ideale, ma se avessero davvero voluto un candidato autorevole in quel senso avrebbero potuto pensare almeno a Rocco Siffredi. I giocatori comunicano su Twitter, le società rispondono all’Ansa mentre ai tifosi viene l’ansia, monta anche se non c’è più Monti ma Viviano in porta, tra comunicati del medico sociale, quelli del Giudice Sportivo, fino a quando l’esercito di Radio Blu fuori dai campini non ci racconta cosa ha immaginato dell’ultimo allenamento a porte chiuse, e a seconda dell’umore di chi fa il collegamento la squadra risulterà più o meno tonica, ansia che raggiunge il suo picco massimo però solo quando in città arriva Ramadani. Anche la gioia per il gol nel tempo ha subito trasformazioni importanti, alzare semplicemente le mani è diventato ormai un modo superato, da quando si è preso coscienza che in Italia non arrestano più nessuno, un atteggiamento ormai utilizzato solo durante le rapine e solo se indispensabile, ovvero se c’è una qualche pistola puntata alla testa. Sennò capriole, balletti, pollici in bocca, la gioia omertosa di chi fa gol alla sua ex squadra, suggerirei a tal proposito a Pizarro in caso di gol all’Olimpico di alzare la maglia per mostrare al direttore di gara la tshirt con su scritto “arbitro ammoniscimi”. I tifosi tendeno a naufragare non più nella classica isola deserta ma in stadi sempre più deserti, e allora comunicano con gli striscioni preventivamente autorizzati, che è come chiedere di fare all’amore alla propria donna attraverso una raccomandata con ricevuta di ritorno, striscioni che però danno almeno da mangiare a Militello come le pentole a Mastrota, e i tifosi in cattività, quelli cioè davanti alla televisione, loro comunicano attraverso i  siti web e le radio, e così chi è figlio unico può trovare un fratello, cugini e zie, basta inventarsi nick su nick per far crescere la famiglia Viola come quella dei falsi invalidi. Ci si scrive e ci si da ragione, ci si fa compagnia, e come per il GPS, per capire di non essere d’accordo nemmeno con il proprio pensiero facciamo la triangolazione del post per avere la localizzazione di dove ci siamo nascosti per scrivere di nascosto. Il primato dei comunicatori comunque non lo conquista Berlusconi, come erroneamente percepito dall’immaginario collettivo, anche se a lui gli avvisi di garanzia glieli comunicano di continuo, perché il più puntuale e prolisso risulta per distacco essere sempre Equitalia. Un calcio che a sua volta non comunica più passione, tra calendari cervellotici, crisi economica, povertà tecnica e una bella spolverata di volgarità. Violenza verbale e razzismo. Nell’era della comunicazione il calcio comunica incomunicabilità, e per questo Delio Rossi pensò alla fine di risolvere tutto con il linguaggio dei segni, cercando di lasciare segni sul viso di Ljajic, forse perché a Firenze non era riuscito a lasciare altra traccia.

24 commenti:

  1. Sopravvissuto7 marzo 2013 08:56

    Prima Pensa Poi Parla Poiché Parola Poco Pensata Porta Pena....Chiedo:ma l'uccello esotico variopinto,cioè Romulo,rientra nei ranghi?Osannato per il suo fare tra Garrincha e Hoddle,acclamato per il suo caracollare alla King Kevin Keegan,incitato per i dribbling alla Carrasco o alla Rocheteau(o Didier Six!)non è contemplato da nessuno per domenica?Leggevo ieri Prizio,che come al solito era li a far nulla,a non incidere nella civiltà odierna e mi domandavo se quel pezzo che ha scritto avesse originalità,se svelasse qualcosa di veramente "giornalistico",se accendesse una querelle.Nulla.Piatto come la tora dell'altro giorno.Un poema per scrivere che Ramadani è venuto a rompere i maroni....Bastava lo chiedesse e avremmo spiegato,a Prizio,che Ramadani è un artista,vive di arte.L'arte del ricatto,come quasi tutti i procuratori.

    RispondiElimina
  2. Chitarre africaneIeri
    e'morto Alvin Lee, un mito."I'm going home" suonato a Woodstock,
    e'espressione chitarristica che nessuno potrai mai superare ne'
    avvicinare.
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  3. Si dice che Pradè voglia portare a Firenze Ruffier, per la porta...Se è quel che ho visto, è reattivo, bravo in uscita bassa, ma è "piccoletto", quasi non esce alto, e non mi sembra volare molto tra i pali. Visti i trascorsi spero proprio che il portiere non lo scelga Pradè...

    RispondiElimina
  4. Grandissimo Alvin Lee...

    RispondiElimina
  5.  http://www.gazzetta.it/Calcio/Squadre/Fiorentina/07-03-2013/fiorentina-decisa-porta-si-cambia-obiettivo-ruffier-92350582489.shtml

    RispondiElimina
  6. Louis, a me questo francese non convince molto, e credo non costi nenache poco...Certo non pretendo Lloris, ma in giro c'è di meglio. 

    RispondiElimina
  7. Magari, tornasse Boruc...M'importa assai de piedi! Si divertirà un po' più Gonzalo, eheh

    RispondiElimina
  8. Di Ruffier un mi piace nemmeno i'nome! A parte le battute, è un portiere solido, molto bravo tra i pali, molto meno fuori. Ha uno stile che non rappresenta il mio ideale di portiere però è efficace. Se non si cambia difensori ci serve un portiere molto più bravo nel gioco aereo.

    RispondiElimina
  9. E invece Yakovenko lo conoscete?

    RispondiElimina
  10. Vita, l'ho visto giocare poche volte, ma da quelle poche mi sembra poca roba, tranne qualche sprazzo...I nomi di oggi insomma non sono entusiasmanti, eheh

    RispondiElimina
  11. Io non conosco nè il ruffiano nè il russo (che allora spero, Deyna, che quando l'hai visto te l'hai beccato nelle giornate sbagliate, perchè lo dànno per già preso). Chissà se il Colonnello si sarà ripreso dalla nottata a fihe col Marchese Martelloni.

    RispondiElimina
  12. Colonel Blimp7 marzo 2013 20:23

    «tal Arbeloa, terzino che farebbe fatica a togliere il posto a Comotto.
    Quanto al resto si potrebbe parlare a lungo del Cerci madridista (De
    Maria), del Palombo madridista (Khedira), dell'Aquilani madridista
    (Ozil), e mi fermo qui»: meno male perché, se continuava, per portarlo via dovevano prima fargli un'iniezione... Eh sì, «quelle terribili coliche di aria! Come me le ricordo!», per dirla con un blog interessante che è con tutta evidenza ispirato dal capolavoro polanskiano dei Sixties (a proposito, grande AntoineRouge, cosa metteresti al top, per l'ineguale ma geniale Roman: io, dopo tutto, "Chinatown").

    RispondiElimina
  13. Colonel Blimp7 marzo 2013 20:50

    Evidentemente, a forza di osservare il Genk (per Vossen), qualcosa è venuto fuori. Parametro zero, per il sostituto di Pasqual. Bella boccia. Con Ruffier continueremmo con la tradizione di Quelli Che Non Escono (o lo fanno alla cazzo di cane): ma in porta vale tre Viviano e un Neto e mezzo. Se arriva vuol dire che c'è pacchetto d'affare col mio assistito, Auba-Auba. Pollock, leggo su cloaca che i' Dorf preferisce acqua salata, benché priva di plancton: mi sembra normale ma il fatto che non lo si veda più da queste parti vuol dire che ha accolto la tua suggestione? Certo che sputare nel piatto, quantunque con spruzzo di delfino, non era molto coerente. Grazie del pensiero, Vita: in effetti quel debosciato (con stent coronarico, da notare) mi trascina in diavolerie che non sono più per me anche se Attila crede e spaccia che siano ancora per lui (il Patriarca sfoglia il libro dei ricordi e fra poco lo raggiungo).

    RispondiElimina
  14. Colonel Blimp7 marzo 2013 20:54

    Punto interrogativo, dopo «Roman».

    RispondiElimina
  15. AntoineRouge7 marzo 2013 21:04

    Sì Colonnello, Chinatown resta il suo capolavoro, senza dimenticare, tra i tanti grandi film girati, il suo esordio con Il coltello nell'acqua.

    RispondiElimina
  16. Sopravvissuto7 marzo 2013 21:07

    Quindi,BLIMP,eri tra l'incudine e il Martelloni....

    RispondiElimina
  17. ...e subito gol di Bale, per le polluzioni africane di Lele...

    RispondiElimina
  18. Io sono per Repulsion e Chinatown

    RispondiElimina
  19. Altra rimballata per l'Inter

    RispondiElimina
  20. Amala, pazza Inter! Ahahahahah

    RispondiElimina
  21. Signor Deyna ma che fa, ride? Non lo sa che nelle competizioni internazionali si fa il tipo per le squadre italiane?

    RispondiElimina
  22. Questa invece la dedico al Dorfino curioso: "ma che fa Canà, ORIGLIA??!!"
    http://www.youtube.com/watch?v=_iAujJJc770

    RispondiElimina
  23. Il Patriarca ogni tanto, senza esagerare, qualcosa per rinfrescare la memoria lo mette in opera (e non vuol dire che mette la capoccia sotto la cannella), ancora l'oblìo e la pace de sensi sono lontani (forse).

    RispondiElimina