.

.

domenica 19 aprile 2015

L'amatriciana

Dopo Kiev e prima della partita con il Verona torna d’attualità il tanto temuto turnover. Amato, odiato, massiccio, leggero come Vita Snella, oppure bandito come Giuliano? Vale sempre il detto “Squadra che vince non si cambia?” In realtà ci sono cose che non dovrebbero essere mai cambiate, altrimenti svaniscono. È il caso per esempio dei 50 euro. Non lo so però se questa regola può essere applicata anche ad una squadra di calcio che gioca 60 partite a stagione. Perché la banconota da 60 non esiste. Vorrei poter scrivere che sono d’accordo con quello che deciderà Montella, ma ho paura a farlo. Ho paura di voi. Forse un giorno riuscirò a tornare, forse dovrò usare lo stesso metodo di quando scelgo di dar torto a una donna. La guardo negli occhi e glielo dico con voce ferma mentre il Bambi mi aspetta col motore acceso. Vorrei tornare ricoprendovi di parole dolci, ma non posso dire parole dolci perché se me le rimangio poi ingrasso e l’estate è ormai alle porte. Ha ragione chi dice che sono un fantasma, e ha ragione anche l’Irma (Mia madre) che ha sempre detto che sono un Conte senza palazzo. Messi insieme i due concetti incarno perfettamente la crisi anche nell’ambito della metafora. Così oggi mi ritrovo ad essere un fantasma senza fissa dimora. Sarà per questo che a volte mi sento fuori luogo, e lo trovo un posto bellissimo. La bella stagione poi non aiuta un mio rientro, sono un po’ come Pepito Rossi pur senza avere specifiche fragilità alle giunture, sono molto distratto in questo periodo pur non soffrendo i pollini. Non sono gli antistaminici e nemmeno i dolori alle articolazioni il motivo vero che mi tiene lontano. Neanche il lavoro e il fatto che sto ripartendo verso il sud, è vero invece che a guardare certe minigonne ultimamente soffro di una febbre d'accavallo. Poi mettici che in alcuni paesi in cui vado la porchetta è sagra, e così si capisce che tutto concorre a farmi distrarre dagli impegni presi con voi. Per finire mettiamoci che non sono neanche troppo diplomatico, non scrivo mai niente o faccio qualcosa per accattivarmi le vostre simpatie. Insomma, non sono un ruffiano. No agli ammiccamenti, si alla amatriciana. E’ domenica e ci sta anche bene con un Sagrantino di Montefalco visto che non c’è nemmeno la Fiorentina. E poi questo fatto che per uscire bisogna togliersi il pigiama deve finire.








50 commenti:

  1. Oggi sono di Maratona di Sant'Antonio.....a più tardi, poltroni...

    RispondiElimina
  2. Poeta, se esci in pigiama, ma con la cravatta puo' andare, ma quello che é intollerabile sono quelli che mettono i calzini con i sandali: un vero scempio pubblico. Comunque la febbre d'accavallo é grandiosa :-)

    RispondiElimina
  3. Che fai, corri con l' I-phone in mano ?

    RispondiElimina
  4. ieri sera la donna m'ha fatto gnocchi di ricotta con sugo di triglie e capesante gratinate.

    RispondiElimina
  5. Dalla foto mi pare di capire che il pronostico per lunedì sia il pareggio........

    RispondiElimina
  6. Lascia fare, che ci hai bevuto?

    RispondiElimina
  7. Poeta, il tuo editoriale sembra una canzone di de Gregori, come spesso accade, bello e aperto a diverse interpretazioni.
    Se il disagio che credo di intuire fosse anche colpa mia, me ne dispiace alquanto.
    Un saluto a tutti che ho appena acceso il braciere per le bistecche di chianina

    RispondiElimina
  8. Poeta la t'è presa brutta pe' Montella, peggio di quell'altra. Anche perchè ora un tu ti po' nemmen mettere a fa' l'antiCristo,e un tu ci se'm artro che te! (vediamo se s'incazza e risponde, armeno nell'editoriale).

    RispondiElimina
  9. A parte che molti locali, SOPRAtutto al nord, scrivono "La matriciana" (disconoscendo la geografia italiana)....
    VIVIGILE, era il pregara....
    Nel frattempo risultato insperato!!(21o).

    RispondiElimina
  10. Quanti chilometri? I classici 40 e rotti? Io non riesco ancora a arrivare a farla.

    RispondiElimina
  11. Magari! 10 km.....
    A Padova fanno la maratona da 42,500 (dove vai? Il keniota l'anno scorso l'ha fatta in 2h e 35 minuti!!!), la mezza maratona 22 km (abbastanza tosta, occorrono almeno 3h al giorno per prepararsi), la 10 km (cronometrata e con chip) e la 5km non competitiva (si parte da qui, cercando di stare sotto i 25 minuti....almeno!)
    (CORTO, io ho ripreso a ottobre dopo 15 anni di fermo totale, immobilità imbarazzante, pigrizia maoior!).

    RispondiElimina
  12. Ma la Piolesca Lazio trattata alla stregua di una qualsiasi squadra che va a Torino? Le imbarazzanti scusanti di stampa e utenti ("Eeeh, mancava De Vrij!", non valevano per noi le assenze di Pizarro o altri...), la disorganizzazione tattica sui due gol ("Eh, abbiamo sbagliato l'uscita..", come fossero in autostrada...quella lasciata a Tevez e Bonucci...), F.Anderson inesistente e alla ricerca della giocata risolutiva quasi Cuadratesca, Parolo versione Montolivo, Mauri Iliciccizzato....
    Le sconfitte dei propri protegee sono sempre più edulcorate.....

    RispondiElimina
  13. SOPRA, congratulazioni per la tua ripresa.
    Io ho ripreso un paio di anni fa, ma non riesco a essere regolare negli allenamenti. Devo andare alle 7 am a Villa Pamphili durante la settimana e mi fa fatica spesso alzarmi (specie d'inverno quando piove) e poi mi si sveglia la moglie e mi spiace (anche se lei è brava e non si lamenta...troppo). La domenica riesco a fare anche 14 km in Villa (terreno un po' del cavolo, ma almeno puoi correre 11 km nel verde senza ripetizioni) sarei quasi pronto per la mezza maratona, ma mi manca ancora un po' di fiato.

    RispondiElimina
  14. La Lazio gode della mancanza delle coppe europee, come in parte la Roma l'anno scoro. Soli i giornalisti prezzolati e ruffiani non lo fanno mai notare. Pioli allenatore discreto, a Bologna mi piaceva, che credo abbia raggiunto il suo top (mentre Montella secondo me ha ancora margini significativi di miglioramento).

    RispondiElimina
  15. Intanto abbiamo scoperto dove va a radersi i capelli il Poeta...

    RispondiElimina
  16. Ahahahahaha
    L'ho sempre sospettato che dietro quell'eteronimo polacco si nascondesse un genio..

    RispondiElimina
  17. E' il passo successivo che non riesco a fare, dopo i 14 km devo fermarmi per almeno una settimana. Peso ancora troppo e dovrei fare un programma di allenamenti serio, ma non ci riesco. Un mio amico che faceva al massimo 5,6 km l'ha fatto e nel giro di sei mesi è riuscito a fare la mezza maratona di Ostia, ma ha un tipo di lavoro che gli consente di andare in ufficio alle 11

    RispondiElimina
  18. Bobby Caponata19 aprile 2015 15:22

    Si alza la protesta..
    https://img0.etsystatic.com/054/1/5221499/il_570xN.686173842_6rou.jpg

    RispondiElimina
  19. Sta lavorando per il futuro...

    RispondiElimina
  20. Bobby Caponata19 aprile 2015 15:41

    Ehehhehe.. perfetto

    RispondiElimina
  21. Fiano d Avellino. Prima un gin tonic con monkey47 e fever tree. Che ne pensi?

    RispondiElimina
  22. Roma, Inter, Udinese, Juventus, Empoli han sbattuto la testa contro Donadoni & Co.!
    ...sono sul punto di perdonare la viola per la sconfitta patita a Parma.

    Giornata pro-Viola?

    RispondiElimina
  23. Bobby Caponata19 aprile 2015 16:59

    La Roma è sempre nel dramma..

    RispondiElimina
  24. Grazie anche all'Atalanta di Reja :-)

    RispondiElimina
  25. Io ne ho fatte tre di quelle vere, 42,195, New York, Londra e Firenze, ma i tempi non ve li dico (anche se a Londra 3h 38' non era poi da buttar via per un over 90 (Kg). Solo che l'ultima era nel 1989!

    RispondiElimina
  26. Bobby Caponata19 aprile 2015 17:15

    Ehehhehe ..e un grandissimo slvataggio di Vin Diesel-Migliaccio.

    RispondiElimina
  27. stefano vienna19 aprile 2015 17:31

    Per raggiungerle purtroppo serve il teletrasporto, intanto speriamo in Zeman!

    RispondiElimina
  28. Bobby Caponata19 aprile 2015 17:35

    Forse è meglio puntare sugli schiaffoni dei tifosi sardi...

    RispondiElimina
  29. Ahahahahahahahah, giuro che se non ci riuniamo tutti, abbandono io!

    Anonimo ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "fuga da Alprazolam - a Cracco gli partiva un embol...":

    Big Fire,
    la situazione attuale di Ghita mi ricorda quanto scrisse il Colonnello, per l'animaccia del quale prego ognora, intorno a Baron Ninì, il quale aveva fondato un gruppuscolo di estrema sinistra e un bel giorno lesse, in esecutivo, un'indignata lettera di dimissioni di un membro: era lui medesimo, Baron Ninì, e, in quanto presidente, ebbe l'onore di accettare le proprie dimissioni... Sarebbe questione da sottoporre a psicoanalista se il medesimo Colonnello, alla cui influenza da sempre soggiaccio, non avesse una volta troncato netto la questione con un «après maman le déluge», e non ci fu bisogno del vicchione omoneto latente affinché il Marchese Martelloni gli rispondesse: «ubi mater minor cessat». Lessi infine che quel presuntuosetto di Jingle vorrebbe abbozzare una filosofia del controtempo! Manco fosse lo Zaller! Ma che, è stato investito sulle strisce da una Audi? Gli è andata la caponata di traverso? Anche lì, infatti, i moduli sulla lavagna lasciano il tempo che trovano, di interpretazioni si tratta! Se, poniamo, vi trovate con una trottolina, cosa credete, di applicare rigidamente il modello classico, aquiniano? Illusi! Le corte leve della tarpanotta, per quanto brava, la lasceranno in ritardo quando recuperate la direzione di ronda, sempre che ella non conosca già la figura, non comune (ma anche in quel caso c'è sempre, nella ballerina, sorpresa iniziale: nonostante la marca, l'inversione di salida appare contro norma, l'attesa è per un controtempo, seppur la marca sia esattamente contraria). Come fare? Direte: rinunciare alle tracagnotte! Ma mica si può sempre scegliere, in milonga (nella vita appena un po' di più...)! E poi le bassine possono essere gustosamente morbide... Rinunciare alla controbase, allora! Certo, soprattutto se la sala è stipata e non c'è volume sufficiente allo sviluppo di figura. Ma è così bella quell'evoluzione, di gran soddisfazione reciproca! Suggerirei quindi di pronunciare circolarità nel ritorno alla base e di marcare il peso sulla destra, poi, partendo in cruzada. Gli argentini preferirebbero morire di mille morti piuttosto che innestare lì una cruzada, asimmetrica rispetto alla salida iniziale e soffocante l'ariosità della figura nella sua completezza. La mia variante permette però alla corticella di colmare lo svantaggio di spazio, evitandole di troppo goffamente allungare il passo, e d'altra parte fa guadagnare un tempo essenziale qualora la coppia davanti si sia ravvicinata. Zemaviola, una Uefa vale du' coppette «atalantine» moltiplicate per dieci.

    IL GRANDE ZOT



    Postato da Anonimo in Il giovane Foco alle 19 aprile 2015 13:23

    Mi correggo: «una filosofia della controbase», qua sopra. Correzione indispensabile (va bene che si parla ad appena un po' più ignoranti, in materia, che sul football, ma insomma!).

    IL GRANDE ZOT

    RispondiElimina
  30. Leonardo da Vinci scrisse "Se sei da solo, sei tutto tuo", ma qui la solitudine sta facendo grandi danni.

    RispondiElimina
  31. MInchia Jordan, tutta la mia ammirazione!

    RispondiElimina
  32. Tramontato il gioco Zemaniano? Rimasto nulla?

    RispondiElimina
  33. Bobby Caponata19 aprile 2015 20:00

    Mah.. staremo a vedere chi comanda... se continua Pallotta resta solo.
    http://img.sportmediaset.mediaset.it/binary/79.$plit/C_29_articolo_1063829_upiImgPrincipaleVert.jpg

    RispondiElimina
  34. Bobby Caponata19 aprile 2015 20:09

    Il gioco di Zeman si realizza con la stessa frequenza delle eclissi totali.. Richiede la presenza contemporanea di una serie di eventi parecchio complessa. Però quando accade è uno spettacolo.:-)

    RispondiElimina
  35. Il Parma mi pare più coperto, ma gli tocca di essere penalizzato per le scoperture finanziarie. La Roma di Pallotta - meno che in mutande, direi - gareggia invece per la qualificazione Champion's.
    Perché, come è noto, la legge è uguale per tutti.

    RispondiElimina
  36. Era quello che speravo: una stagione inferiore alle attese e i tifosi fanno di tutto per mandare tutto a puttane.

    RispondiElimina
  37. Se prendiamo 3 punti domani, ne dobbiamo recuperare ancora 7 a Roma e Lazio. Credo che i Biancocelesti pur ridimensionati ieri siano irraggiungibili. La Roma, invece sembra alla frutta:va al rallentatore ma non ricordo se il calendario è da scampagnata di fine anno o se avranno partite impegnative. Anche il Napoli resuscitato da noi una settimana fa ha più chance. Certo che un terzo posto sarebbe fondamentale per continuare a costruire una squadra più forte. Viste le voci di Rialti & co...

    RispondiElimina
  38. Bobby Caponata19 aprile 2015 20:56

    La legge colpisce le società, per fortuna lo sport è un'altra cosa..

    RispondiElimina
  39. Bobby Caponata19 aprile 2015 21:01

    A parte la Lazio, che comunque non è esente da crisi (e calendario complicato), qualche carta da giocare ce l'abbiamo.. Ad iniziare dalla vendetta coi GOBBI!! Pollock, te come la vedi..?

    RispondiElimina
  40. Bobby Caponata19 aprile 2015 21:08

    A proposito di Tarzan.. https://www.youtube.com/watch?v=-8G7_lW94Y0
    Pollock non me ne volere..

    RispondiElimina
  41. è meraviglioso

    RispondiElimina
  42. Purtroppo gli scontri diretti ci penalizzano anche in nel caso che riuscissimo ad annullare il gap con una delle due romane. Inoltre c'è il Napoli a fare da quarto incomodo. Per la Champion's abbiamo un unica via e passa da Varsavia.

    RispondiElimina
  43. Da quando il Guttalax viene confezionato in formato "Derby di Milano"?

    RispondiElimina
  44. Bobby Caponata19 aprile 2015 21:41

    Guardo le moto.. ;-)

    RispondiElimina
  45. L'assente di domani, nel Verona, mi sarebbe piaciuto in viola...Halfredsson.
    Serio, mai da 7,5/8 ma sempre da 6,5/7.

    RispondiElimina
  46. Il "vicchione omoneto latente", ahahahahahahah

    RispondiElimina