.

.

mercoledì 8 aprile 2015

Dispiacere doppio

La Juve merita e bisognerebbe anche  imparare a rendere onore all’avversario oltre che a esprimere solo il proprio risentimento. Mi piace invece il coro pieno di orgoglio che si è alzato dalla Fiesole all’86°, come al contrario spero non siano vere le prime indiscrezioni che parlano di cori fatti per insultare la memoria di Scirea, quella dei morti dell’Heysel e dello spirito fuori luogo su Pessotto. Perché questa sarebbe la vera sconfitta di ieri. Prendo atto poi che alcuni di voi qua sul blog non hanno aspettato nemmeno che la salma si freddasse. Come in quelle famiglie dove si comincia a litigare per l’eredità quando ancora il morto è sul letto. E’ un peccato andare fuori dalla Coppa Italia fallendo l’obiettivo della finale quando era lì a un passo, come è un peccato vivere la passione cercando a tutti i costi di trovare un'Amanda Nox e un Sollecito da mettere dentro. Sono bastati solo 45 minuti per fare dimenticare quanto di buono la squadra è riuscita a fare, e quindi il mio ennesimo tentativo di sdrammatizzare può sembrare come un bicchier d’acqua per un alcolizzato. Comunque quando le cose non vanno bene, quando mi sento giù, di solito suono e mi faccio aprire. Dal Bambi o da chi trovo. Adesso non suonate anche voi tutti a lui perché altrimenti s’incazza. Ammesso che sia in casa e non sia invece sceso in strada a farsi giustizia da solo. La Juve ha grandissima qualità anche nelle seconde linee e domina una partita nella quale la Fiorentina sbaglia letteralmente approccio, forse tesa, forse troppo protesa a gestire il risultato non essendone capace. Di sicuro la Juve ha dimostrato di essere più forte anche fisicamente, scavando ulteriormente il divario che c’è con il resto delle altre squadre italiane. I 21 punti di differenza in classifica vorranno pur dire qualcosa, e l’aver vinto a Torino non poteva essere di per se il lasciapassare verso la finale. La Fiorentina sta studiando da grande squadra, ieri ha dimostrato di non esserlo ancora, il dispiacere è forte, ma anche la consapevolezza che è stata intrapresa la strada giusta. Si, quella per me rimane intatta. Non viene scalfita anche se mi dispiace aver letto su questo spazio, al quale peraltro ho sempre cercato di dare uno spirito scanzonato proprio sperando che fosse in qualche modo contagioso, esagerazioni rivolte al tecnico che sanno più che altro di faida personale, giudizi ancora una volta ingenerosi, dopo che già era stato commesso lo stesso tipo di errore, ma capisco. Perché anche il Bambi è così, vive cercando colpevoli che lo possano far sentire migliore, l’altro giorno parlando di come non riesce a superare lo scetticismo nei confronti di certe persone, mi ha fatto l’esempio del suo matrimonio, e per capire quanto per lui sia difficile superare del tutto i dubbi verso la compagna, mi ha fatto presente che appena se l’è sposata di fatto è diventata subito la sua ex-fidanzata. “Dimentica la tua ex”, gli ho detto, “Adesso hai una moglie”, e così lo dico anche a voi. Bisogna dimenticare, guardare avanti, questa partita dovrà rimanere a disposizione solo per chi cerca tracce di DNA napoletano sulla scena del delitto. Cromosomi di cromosomma Vesuviana. La squadra è chiamata a regalarci nuove emozioni come ha fatto fino a ieri prima della partita, e io sono convinto di potermi ancora divertire. L’unica cosa che mi sento di dire della partita, a conferma della superiorità schiacciante della Juve, è il fatto che il migliore della Fiorentina è stato proprio un giocatore della Juve. Quindi la mia delusione oggi è doppia, per la partita, e questa la condividiamo, e poi come dicevo perché non sono riuscito ad attaccarvi proprio niente di quello che è lo spirito di questo spazio, ma possiamo continuare benissimo da separati in casa. E anche da separati auguro comunque di avere tutti una vita vista mare.



163 commenti:

  1. ...bellissimo Edit, POLL, bellissimo..e straordinario finale, come straordinario è stato il comportamento e l'incitamento di una tifoseria UNICA al mondo, si, una tifoseria che sicuramente non critica da 13 anni la Proprietà, ma altrettanto sicuramente non si è messa ieri al 90mo ad "analizzare" Montella tornato ad essere non l'artefice ma la causa.Riflettendo su me stesso ho anch'io cambiato idea (ma grazie a Dio sono in ottima compagnia), convinto fino a ieri di dover imparare qualcosa dagli amici utenti/tifosi, beh, oggi quella convinzione vacilla.Abbiamo perso perchè avevamo davanti una squadra che "se vuole vince" e quelli, merde o non merde che siano, lo vogliono spesso, certo, forse sarebbe bastato averne quanto loro e finiva solo 0 a 2.Prendiamone atto oggi, non facciamoci la bocca solo quando c'è da convincere con belle argomentazioni ZV, avevamo davanti una squadra immensamente più forte, di testa, di gambe, di tutto, pensiamo OGGI ai tanti soldi che questa Proprietà ha investito per Firenze, pensiamo di Montella quello che pensavamo una settimana fa quando solo in due ( l'altro è Big JO), avrebbero "osato" sostituirlo a fine stagione con Spalletti...cerchiamo di non perdere quella dignità che abbiamo svenduto 13 anni indietro...andiamo avanti, da parte mia un Grazie ai ragazzi, a Montella e a questo straordinario pubblico.Un saluto.

    RispondiElimina
  2. Il fatto è che il calcio, o Eupalla come diceva Brera, ti concede talvolta delle occasioni: giocare in casa contro la juve priva di Pirlo, Pogba, Tevez, Llorente, Lichtsteiner e Buffon partendo da un 2-1 fuori casa dell'andata era un'occasione ghiottissima. A non sfruttarla Eupalla poi si incazza.
    Non è stata tanto una questione di formazione, di tattica o di un giocatore piuttosto che un altro, è l'approccio mentale alla partita che è stato sbagliato.

    RispondiElimina
  3. E tu dov'ero finito, nei giorni scorsi?

    RispondiElimina
  4. http://www.violanews.com/news-viola/eppure-la-difesa-era-a-4-e-non-a-3-20150408/

    RispondiElimina
  5. ...ero a "svernare" palle al sole...ma il punto è che ho poi poche cose intelligenti da scrivere e allora preferisco dare spazio ad altri.

    RispondiElimina
  6. Sturaro, Storari, Pereyra, Padoin, Bonucci (!!!), Matri(!!!), per quanto mi sforzi di essere obbiettivo non ci riesco, non con questa juve scesa a Firenze per non rimediare figuracce e preservando i migliori per altri obbiettivi dato che questo era dato per disperso dopo la debacle torinese. Debacle che ci vedeva con oltre il 75% di possibilità di passare il turno. Questo dicono le statistiche di coppa per un risultato così fuori casa, a prescindere dai nomi dei giocatori o dei rispettivi club. Le imprese sono anche queste, noi (quasi) in formazione tipo, loro zeppi di riserve, 0-3 e a casa, anzi eravamo in casa. No no no, no, no e ancora no!
    Dare i voti sarebbe ingeneroso, li lascio alle suore ma per il centrocampo uno strappo alla regola si concede.
    Borja 3,87, suo il mancato tackle che da il via al primo goal, impalpabile, educanda, forse era la frangia sugli occhi ad ostruirgli la visione di quel poco di gioco che doveva impostare.
    Aquilani 3,33, come regista non si ricordano gesta degne di nota, mai. Né alla roma, al Liverpool, al milan o qui da noi. Come incontrista, beh, almeno questo da una mezz'ala ce lo aspettiamo, niente, np ieri sera, o accetta uno stipendio simil Pasqual 8che già ruba parecchio.....) o che se ne vada finalmente in culo da un'altra parte.
    Mati Fernandez 3,4987, da lui ci si aspetta di più, snaturato nel ruolo ?! Fisicamente freak ?! Tenuta psicologica da overdose di valium ?! Qui sul blog è sempre piaciuto, io l'ho sempre sopportato sapendo bene quali limiti (enormi) possedesse e quali (pochine e poco ben distribuite) qualità fosse in grado di offrire. Forte con i deboli, se la squadra gira fa un figurone (come Pasqual appunto), debole con i forti, se uno o più compagni vanno in bambola mai aspettarsi il LA da lui, il suono della carica o l'esempio di reazione nei momenti di difficoltà; coniglietto bagnato con personalità inane i cui tocchi deliziano quando i giochi son chiusi da un pezzo.
    Il voto lo meritano loro più di altri, grigi comunque, anche quel gran fenomeno di Gonzalo, perché la partita la si è persa li in mezzo al campo, come sovente accade nel calcio di oggi, contro Pereyra, Sturaro, Vidal (è vero) non nel suo anno migliore, Marchisio (è vero) che qui si descrive come cane ma che io prenderei bendato, sempre, non contro Pirlo e Pogba, non contro Tevez e LLorente, ma Matri (sic!!!) e Morata (bidone al nome di un gelato). Questo fa incazzare, difatti, lo sono ancora parecchio.

    RispondiElimina
  7. Fai bene a sdrammatizzare boss. Le nostre dita ieri sera si sono incattivite al pari delle nostre lingue e del veleno che ci scorre dentro. Ma è difficile accettare una sconfitta del genere contro lei. Contro la nemica di sempre, alla quale glielo avevi messo pure lì un mese fa, a casa sua.
    Come dici tu arriveranno giorni migliori, ma oggi mi tocca andare a lavoro e vedere il mio collega gobbo gobbissimo sorridermi e dire le solite frasi del cazzo, tipo "dai siete una buona squadra". Io non voglio più una squadre simpatica.. Voglio una squadra tosta furba affamata.
    In ogni caso non riesco a togliermi dalla testa quei nomi così bassisonanti, padoin matri storari sturaro.

    RispondiElimina
  8. Anch'io ho amici e conoscenti gobbi che stamattina, mentre portavo i bimbi a scuola, facevano i sorrisetti o fischiettavano l'inno della Fiorentina, ma il fatto è che (ed è strano) non mi brucia tanto aver perso dai gobbi, quanto aver perso la possibilità di andare in finale dopo il risultato dell'andata.

    RispondiElimina
  9. Grandi squadre si diventa. Se c'è la stoffa. Noi siamo sulla buona strada, ci si applica e si fanno confortanti progressi, ma essendo ancora in formazione ogni tanto si hanno delle rovinose ricadute.
    La Juve ha qualità e personalità. La qualità, sulla carta, ieri se non era pari era lì lì, ma la qualità per venir fuori ha bisogno anche della personalità e quella della Juve - va detto - è ancora inarrivabile. Volevano qualificarsi per la finale e hanno giocato alla morte. L'agitazione di Allegri sul 3-0 per lui a cinque minuti dalla fine lo dimostra. La prolungata scenata di Chiellini per un calcio d'angolo nel primo tempo, sull'1-0 per loro, lo dimostra. C'è poco da dire: noi quell'animus pugnandi riusciamo a metterlo in mostra solo qualche volta. Ed è quello il granello di sale che fa di un'ottima squadra una grande squadra.
    Noi, forti del 2-1 in trasferta e delle molte assenze bianconere (quasi uno sberleffo), avevamo due strade. Fare la nostra partita giocando e cercando di vincerla: se fosse andata male potevamo perdere 0-2 o anche peggio, ma se fossimo stati quelli che sappiamo essere forse stamani saremmo tutti qui a gioire. Oppure, con una formazione diversa, potevamo fare quella che gli esperti chiamano "gara di contenimento".
    E' andata a finire che non abbiamo seguito né la prima né la seconda strada. Siamo scesi in campo schiacciati da quella montagna di novanta minuti - un'enormità, devono esserci parsi - da far scorrere restando indenni e la nostra intima convinzione è stata che non ce l'avremmo fatta. L'insicurezza ci ha reso titubanti sul tipo di interpretazione da dare alla gara (forse Montella lo aveva detto? Immagino di sì) e la nostra titubanza ha raddoppiato lo spirito della Juve. Quel gol casuale, nato da un errore di Borja e da un nostro colpevole incespichìo difensivo, è giunto a partita ancora giovane: ha ingigantito i timori nostri e le speranze bianconere.
    E poi loro corrono il triplo di noi. Come faranno?
    Il rischio da evitare è che questa batosta faccia passare in secondo piano il molto di buono di questa stagione, pregiudicando gli obbiettivi prestigiosi che ancora sono raggiungibili e facendoci dimenticare i momenti esaltanti che abbiamo vissuto in questi ultimi mesi. Se riusciremo ad evitare questo, avremo fatto un importante passettino in avanti nel cammino per diventare una grande squadra.

    RispondiElimina
  10. Montella è un bravissimo allenatore, ed il superlativo non è usurpato, ma nella gestione della gara è monocorde. Può capitare di preparare male una partita, se ne ricordano poche di veramente sbagliate, non saremmo dove siamo, ma quando capita, tu che gestisci il polso dei tuoi giocatori, devi capirlo al primo sentore, al primo refolo devi chiudere le imposte altrimenti il tifone ti entra in casa e poi ti tocca rimettere e ricomporre i cocci. Può sbagliare pure lui ma il correttivo non deve presentarsi a gara compromessa, Speriamo capisca in fretta.

    RispondiElimina
  11. a napoli la chiamano "cazzimma" da qualche altra parte "gli occhi della tigre" ecco, quando ho visto come quella merda di chiellini protestava per un calcio d'angolo e come i nostri (e "l'arbitro")si ritiravano nelle spalle diventando piccoli piccoli di fronte a chi è abituato a gestire queste partite, ho capito come sarebbe andata la serata: solo chi è abituato a queste situazioni, perchè ha la MENTALITA' che solo le Grandi squadre hanno vince, prime o seconde linee in campo, la differenza la fa la cattiveria calcistica che si chiama Mentalità vincente. Quella Mentalità che noi non abbiamo ancora acquisito e che quando acquisiremo, se lo faremo mai, ci farà diventare una Grande Squadra. Sono d'accordo con te e con Pollock sul rischio che potrà lasciare questa disfatta...

    RispondiElimina
  12. Bobby Caponata8 aprile 2015 09:25

    Sono d'accordo. In sintesi sono più forti di noi ma in realtà si sapeva. C'ha fregato la loro gara storta dell'andata.. Con la Samp, solo qualche giorno fa, abbiamo visto una Fiorentina formato iuve e ieri una Fiorentina formato Samp.. Vanno avanti i più forti.

    RispondiElimina
  13. Vanno avanti i più forti, ma loro erano in campo senza metà squadra, saranno stati più forti lo stesso, ma noi potevamo permetterci anche di perdere 0-1. Perdere 0-3 è inaccettabile.

    RispondiElimina
  14. Bobby Caponata8 aprile 2015 09:46

    Mah.. quello che è certo è che il primo gol ci ha fatto perdere lucidità e concentrazione.. Di chi è la colpa..?
    p.s. anche a noi mancavano delle pedine fondamentali.

    RispondiElimina
  15. Il primo gol è colpa della mollezza con cui siamo scesi in campo: Borja si è fatto soffiare la palla da Marchisio, poi la difesa ha pasticciato; il gol è frutto anche si un rimpallo (s)fortunoso, ma comunque eravamo mal posizionati e deconcentrati. Dopo quel gol, poi, abbiamo preso paura e loro si sono esaltati, perché le belve attaccano quando sentono l'odore della paura.

    RispondiElimina
  16. stefano vienna8 aprile 2015 10:01

    Tranquilli, Masaniello si materializza una volta al mese, per i quarti e la semifinale di Europa League in panchina dovrebbe sedere Montella.

    RispondiElimina
  17. E a maggio? Spero Masaniello si materializzi a Palermo o ad Empoli e non in EL.
    Perché io lo dico chiaro, a me interessa l'EL.

    RispondiElimina
  18. stefano vienna8 aprile 2015 10:17

    Su una eventuale finale a Varsavia, non metto le mani avanti, potrebbe riapparire. Nel dubbio, anche se un pensierino al viaggio l'avevo fatto, me la vedrò eventualmente a Vienna.

    RispondiElimina
  19. Bobby Caponata8 aprile 2015 10:36

    Esatto. Anche se non eravamo proprio molli all'inizio.. Insomma una certa senzazione di fragilità sulle ripartenze la diamo molto spesso.. i gobbi non ce l'hanno perdonata.

    RispondiElimina
  20. BIELSA O MUERTE! Per il salto di qualità!

    RispondiElimina
  21. Anche a me interessa l'EL, anche perchè, se nelle 9 restanti gare di campionato facessimo tutti e 27 i punti (utopia), bisognerebbe che o la Roma facesse max 19 punti (ma almeno 7 su 9 gliele faranno vincere...), o che la Lazio ne facesse max 20 (e senza EL almeno 21 punti li fa, è troppo in salute); se noi ne facessimo 24 (che già è dura), la Roma max 16 o la Lazio max 17... anche tralasciando l'umore a terra per il crollo di ieri sera, mi pare razionalmente impossibile

    RispondiElimina
  22. Belvaromana578 aprile 2015 10:51

    Grandi squadre si diventa. Certo. Anche adulti. Ho conosciuto ragazzi di 16/17 anni che si allenavano in umidi sottoscala (le palestre griffate allora non c'erano), cresciuti in assenza di genitori. Bastava incrociarne lo sguardo per capire che erano uomini fatti.
    Ora vedo quarantenni che entrano in crisi perché la ragazza è "rimasta" incinta e non si sentono pronti ad affrontare certe responsabilita'.
    Certo, grandi squadre si diventa ma in quanti anni Poeta me lo puoi spiegare?

    RispondiElimina
  23. Sì,però nella sfida decisiva con il PSG in campionato ha perso in casa per 2-3...

    RispondiElimina
  24. Aaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhh! Tenetelo lontano!!!!

    http://www.violanews.com/altre-news/zeffirelli-e-la-visita-nel-ritiro-viola-20150408/

    RispondiElimina
  25. Guarda i giocatori che ha a disposizione lui, e quelli che ha il PSG...

    RispondiElimina
  26. La partita di ieri ha evidenziato in modo spietato come sia indispensabile la presenza di un incontrista [educato, certo] alla Javi Martinez o alla Iturraspe in mezzo al campo, quando giochiamo partite di livello contro avversari che pressano e ripartono veloci. Borja, Aquilani e Mati sono tremendamente inconsistenti nelle fasi di recupero palla, in queste condizioni. Pizarro sarebbe servito in costruzione ma non aggiunge molto in riconquista, solo Badelj è un po' più pesante nei contrasti per scelta di tempo e posizionamento tra le linee di passaggio, ma non certo una vera e propria diga. Capito adesso perché Guardiola ha sempre messo in campo i Mascherano, gli Yaya Toure, i Busquets, i Javi Martinez? Senza, il suo meraviglioso impianto di gioco crollerebbe miseramente, in partite contro squadre di spessore e intensità. Del Bosque del resto di incontristi ne schierava addirittura due - uno decente tecnicamente, Busquets, l'altro ottimo, Xabi Alonso - alla faccia dei cosiddetti tre tenori. Come del resto fa Bielsa. Sono per il calcio bello e innovativo, ma senza la presunzione di costruire palazzi futuristici che non stanno in piedi. A certi livelli, Montella è un architetto arrogante che pretende di edificare una meravigliosa Torre di Badelj...ehm, di Babele, tralasciando le fondamenta.

    RispondiElimina
  27. Vincessimo la EL vo in culo alla coppa italia, è solo che l'obiettivo era ormai vicinissimo, qui.

    RispondiElimina
  28. Cazzo, il penultimo periodo che hai scritto mi fa fischiare le orecchie!

    RispondiElimina
  29. Belvaromana578 aprile 2015 11:09

    Ah ah ah i figli sono la cosa più bella della vita.
    Goditelo!!!
    E futtetenne del resto

    RispondiElimina
  30. Sono appena arrivato a Monaco dove tra parentesi ho perso la coincidenza perchè ci siamo arrivati con un'ora e mezzo di rirtardo, e messa su la connessione Internet sbavando dalla voglia di sapere il risultato, son rimasto di sasso. Non ho visto un cazzo quindi non posso fare analisi, posso solo dire che questi black-out da delusione sono un po' ripetitivi, la Lazio, ora la Juve. Quando si va in svantaggio invece di alzare la marcia, si annaspa, ci si scolla, insomma mi sembra un'evidente carenza di palle. Ganzi quando riusciamo ad imporci, cagoni quando ad imporsi sono gli altri. Carenze senza dubbio di organico (Dunga fatti una cura Voronoff e torna a noi) ma, ed il poeta non s'incazzi, anche di quello in panca. Più non dico, son troppo incazzato.

    RispondiElimina
  31. Eh, è per quello che sono così incazzato

    RispondiElimina
  32. Serve un incontrista, che sia anche veloce (perché i nostri centrocampisti sono tutti lenti, salvo Kurtic che però è Kurtic) e che si inserisca in zona gol (perché dei nostri centrocampisti l'unico che segnava era Aquilani nei due anni precedenti - e comunque ieri è stato l'unico interno che ha tirato in porta - mentre gli altri di solito manco tirano). Serve insomma un Nainggolan o simil- Nainggolan, e che sia un truzzo me ne frego.

    RispondiElimina
  33. Ah, se venisse Naingollan per me può farsi pure il piercing al setto e un prince albert.

    RispondiElimina
  34. Ieri, senza Pogba, Tevez. Liecthesteiner e Pirlo non erano più forti di noi tecnicamente ma ci surclassano nello spirito di guerra che non gli dà certo Allegri, ma che è nel DNA di quella Società dio merda ma cazzuta, corroborata da tre anni di parrucchino. Di contro noi siamo troppo innamorati di noi stessi e quando distribuivano i testicoli molti dei nostri erano assenti o distratti.

    RispondiElimina
  35. Appunto, che una squadra che parte da un 2-1 fuori casa vada in crisi per un goal preso dopo 18' è il segnale di quante poche palle abbiamo.

    RispondiElimina
  36. Giglio, quella mentalità, che indubbiamente ci manca, o è nel DNA di chi va in campo, almeno dei più rappresentativi, o gliela inculca chi sta in panca, meglio tutte e due le cose. Noi siamo invece carenti in entrambe, con l'aggravante di una società che ama il foularino de cachemire e che, quindi, al sangue della pugna è essa stessa poco portata. Non so se mi spiego, non vorrei essere equivocato, ma quando il marchio di fabbrica è il "fair play", il messaggio passa e può essere quello equivocato. Fair play un cazzo, correttezza sì, ma quando si deve vincere si morde (non come Suarez!). Chiellini è brutto, antipatico, ma morde, eccome se morde, e lo stesso tutti gli altri, noi ci si fa fare le riffe anche in casa!

    RispondiElimina
  37. stefano vienna8 aprile 2015 11:37

    Discorsi sulle palle o sulla mentalità non mi convincono. Ieri il suicidio è stato regalare peso, centrimenti, rapidità al centrocampo tutto muscoli della Juve. Tra l'altro, Aquilani e Mati sono fuori condizione e si sapeva, quindi gli hai regalato pure ulteriore dinamicità. Poi come faceva Notare Deyna, anche Savic era a mezzo servizio.
    La Partita con la Lazio fu anche persa per suicidio, lasciando le fasce libere all'unica squadra in Italia che gioca prevalentemente sulle fasce.
    Il problema è che Montella sottovaluta i punti di forza degli avversari, da qui nascono le debacles, poche per la verità.

    RispondiElimina
  38. stefano vienna8 aprile 2015 11:43

    In una gara di scatti, i nostri tre centrocampisti schierati ieri arriverebbero sempre dietro quelli della Juve. E di molto. Che c'entra la mentalità? E' questione di fisica, di anatomia. Kurtic o Vargas erano indispenabili ieri sera, lo dicevo prima della Partita ai miei amici, e durante la Partita eravamo tutti d'accordo, si arrivava sempre dopo sul pallone, palloni recuperati zero. Orlando ha fatto lo stesso appunto a Montella, ma chiunque abbia visto la Partita senza perdere lucidità l'aveva capito dopo dieci minuti.

    RispondiElimina
  39. stefano vienna8 aprile 2015 11:46

    Suicidio annunciato. Anche Savic era fuori condizione. Non ti puoi presentare così alla Partita dell'anno. Chissá magari in Brasile ti puoi pure permettere di giocare con un centrocampo che non fa filtro e non recupera palloni, ma certo non contro la Juve di ieri sera. E poi con giocatori acciaccati è veramente il colmo.

    RispondiElimina
  40. stefano vienna8 aprile 2015 11:48

    Neto
    Richards-Gonzalo-Basanta-Alonso
    Joaquin-Kurtic-Valero-Vargas
    Gomez-Salah
    Così non avremmo mai perso tre a Zero nemmeno giocando dieci Volte.

    RispondiElimina
  41. Bobby Caponata8 aprile 2015 11:53

    Se ci avessero buttato fuori con Kurtic e Vargas in campo sarebbero successo il finimondo... e siccome col senno di poi siamo tutti fenomeni ti garantisco che non sarebbe andata meglio.

    RispondiElimina
  42. stefano vienna8 aprile 2015 11:56

    Ho inserito tre giocatori che hanno più muscoli e sono più veloci nel breve, che recuperano palloni per questi motivi, non per questioni di testa. E che non erano acciaccati.
    Le spiegazioni più semplici sono quelle da preferire, il rasoio di Occam.

    RispondiElimina
  43. Quando parlo di mentalità sbagliata e di approccio alla partita sbagliato con riferimento a ieri sera, non voglio criticare solo Montella: la colpa, in questo, non è solo sua, ma anche della società. E' anche la società che deve far capire ai giocatori, e allo stesso allenatore, l'importanza di giocare con il coltello fra i denti certe partite e di non sottovalutare una squadra solo perché la si è battuta all'andata.

    RispondiElimina
  44. stefano vienna8 aprile 2015 11:57

    Le mele cadono dagli alberi e non svolazzano come le piume d'uccello.

    RispondiElimina
  45. stefano vienna8 aprile 2015 11:58

    Abbiamo giocato in 9 e mezzo contro 11. La società sbaglia a dare troppa libertà a Montella, servono figure intermedie a cui Montella debba almeno spiegare le proprie scelte tattiche.

    RispondiElimina
  46. No con molto giramento di palle

    RispondiElimina
  47. Sì, quando parli di società col foularino... è quello che intendo anch'io.

    RispondiElimina
  48. Eh, sì, altri Guerini

    RispondiElimina
  49. stefano vienna8 aprile 2015 12:01

    San Francesco parlava agli animali, se avesse parlato con le mele per convincerle a non cadere dagli alberi, l'avrebbero preso per matto.
    Poi certo, c'è Gesù che camminava sulle acque e Masaniello che voleva costruire un ponte che arrivasse da Napoli fono in Spagna.

    RispondiElimina
  50. stefano vienna8 aprile 2015 12:02

    Guerini non ha questo ruolo in società, ma certo lo potrebbe anche fare lui se i fratelli gli danno la delega.

    RispondiElimina
  51. No questa no, o ti fidi o ne prendi un altro, sotto tutela non ha senso, a meno che non se lo scelga lui, e magari ce l'ha in Caccia.

    RispondiElimina
  52. Sopravvissuto8 aprile 2015 12:03

    "Risalgono ad alcuni dipinti religiosi del XIV secolo le prime scene di dannazione in cui gli obesi vagano per l'Inferno, condannati allo yogurt e alle insalate". (W.Allen).
    Quegli obesi sono emersi - zona via Dei Mille, zona Bar Marisa, zona via Calatafimi, zona Parterre, arrivando sino sul manto erboso, Ieri sera- e hanno fagocitato tutto e tutti.

    RispondiElimina
  53. Un allenatore come Montella al quale venisse detto di consultarsi con chicchessia per le scelte tecniche che spettano solo a lui avrebbe tutto il diritto di mandare tutti a fanculo.

    RispondiElimina
  54. Ora, parliamoci chiaro: società, allenatore e giocatori erano già convinti di aver passato il turno, perché convinti che alla juve, impegnata in campionato e CL, non interessasse la Coppa Italia e non interessasse sprecare energie fisiche e nervose per recuperare l'1-2 dell'andata. E' stata una previsione sbagliata, perché la juve lo scudetto ormai l'ha vinto e sa benissimo che in CL arriva in semifinale e si ferma lì, per cui l'unico obiettivo facilmente raggiungibile, dopo tre scudetti consecutivi, è fare la doppietta Campionato - Coppa Italia.
    Questa convinzione, di poter passare perché la juve non si sarebbe impegnata più di tanto, era diffusa nell'ambiente fiorentino e anche fra noi tifosi, ma che sia stata fatta propria da società, tecnico e giocatori è più grave. Ieri era una battaglia e come tale andava affrontata.

    RispondiElimina
  55. Io penso che cambiando modulo e/o qualche giocatore non saremmo passati ugualmente.Come molti di voi hanno sottolineato, la partita di ieri l'abbiamo persa prima di scendere in campo.E la responsabilità è certamente di Montella ed anche dei giocatori.Anche perché,se ogni volta che perdiamo o pareggiamo, diamo la responsabilità alla formazione sbagliata o cambi errati,vorrebbe dire che facendo la formazione giusta e facendo i cambi corretti saremmo a punteggio pieno in campionato.E sinceramente mi sembra utopistico.La Juve è più forte di noi e ragionando a mente fredda il risultato "bugiardo" è stato quello dell'andata.Con questo non voglio dire che non mi girano le palle come un'elica.

    RispondiElimina
  56. Sopravvissuto8 aprile 2015 12:10

    Battaglia, hai scritto bene. Per la Juve era guerra.

    RispondiElimina
  57. Consultarsi no, ma magari confrontarsi può essere utile. Anche solo uno come Massimo Orlando che ieri sera gli ha chiesto: "scusa, ma perché dopo lo 0-1, col centrocampo in sofferenza, non hai tolto uno degli interni per inserire Kurtic"? Ti assicuro che a quella domanda Montella ha fatto una faccia eloquente e ha capito di aver fatto una cazzata. Se speri che una domanda simile gliela faccia Mencucci o Gnigni...

    RispondiElimina
  58. Sopravvissuto8 aprile 2015 12:14

    Io mi ero scagliato contro chi aveva detto/scritto "La vittoria a Torino era demerito della Juve...etc etc" ma devo fare ammenda, credo. Avevano ragione loro?
    Ieri anche 12 (noi) contro 11 non passavamo il turno.
    Il mi' babbo stamani, solito commento post-partita al telefono "Ma...'sto cazzo di Gomez che fa? Ma non lo vede nessuno che non incide? Aspettiamo aspettiamo.....e che aspettiamo? Queste devono essere le sue partite!...Babacar tre conclusioni, va bene sbilenche, ma almeno ha provato a tirare, in 10 minuti!"

    RispondiElimina
  59. Sì, il risultato dell'andata sarà stato bugiardo, ma visto che c'è stato, l'occasione andava sfruttata. Parliamoci chiaro, anche l'1-1 col Tottenham era bugiardo, visto che loro meritavano di vincere, ma al ritorno abbiamo affrontato la partita col giusto spirito (e con un po' di culo, vedi gol mangiato da Soldado) e abbiamo vinto.
    Ricordati che ieri bastava anche la sconfitta 0-1. Ora, vi farà schifo quello che dico, ma io avrei difeso lo 0-1.

    RispondiElimina
  60. Anto hai ragione, facevo un discorso in generale.Comunque in Europa siamo diversi noi ma soprattutto sono diverse le squadre ed il tipo di gioco che attuano( a parte l'italica Roma che abbiamo devastato).Sarò pazzo,ma tra coppa Italia(anche se fossimo arrivati in finale) ed EL vedo(vedevo) più probabilità nella vittoria europea.

    RispondiElimina
  61. Belvaromana578 aprile 2015 12:21

    Beh, anche sulla precisione al tiro del furetto egizio ci sarebbe da ridire ma non so se si può: è un tabù?

    RispondiElimina
  62. Stefano una domanda: se con la Lazio abbiamo perso per "suicidio" tattico,così come ieri con la Juve(partita per la quale hai asserito che con altra formazione saremmo passati in carrozza); se con altre squadre non abbiamo vinto sempre a causa di formazioni errate e cambi sballati, allora facendo le cose come tu intendi non avremmo mai perso?Saremmo primi in campionato?

    RispondiElimina
  63. Se gliela fa in TS magari quello non risponde, magari gli dà ragione, ma è troppo tardi, ma che si pretenda che si consulti o si confronti con altri prima e magari di imporglielo,mi sembra fuori dal mondo. Ma quale allenatore già un poco affermato accetterebbe una cosa simile?

    RispondiElimina
  64. E' troppo tardi, ma magari capisce per la volta successiva. Imporgli qualcosa no, certo, ma qualcuno cui spiegare certe scelte (e che le capisca) non guasterebbe. Qualcuno anche che (senza foularini di cachemere) carichi allenatore e giocatori nella maniera giusta.

    RispondiElimina
  65. Belvaromana578 aprile 2015 12:30

    Ripeto quello che ho scritto ieri. Tutti dite che è mancata la mentalità vincente. Bene. Voglio guardare dall'attico con vista mare come scrive il Poeta.
    La costruzione di una squadra vincente è discorso che passa atteaverso l'interazione fra diversi soggetti, società inclusa. Serve qualche campione in campo che trascini la squadra, non con i proclami ai giornalisti.
    Poi però leggo che obiettivi di mercato sono Di Maio e Bertolacci

    RispondiElimina
  66. Chi di voi, nonostante la vittoria all'andata, nonostante il periodo buono, nonostante l'essere in corsa su tre fronti, non aveva, nascosta da qualche parte dell'inconscio, la paura che ci avrebbero buttati fuori a casa nostra?
    Io credo tutti. È il bagaglio che ci portiamo dietro, frutto di anni di delusioni che puntualmente si realizzano, di sogni che s'infrangono sempre nel modo più doloroso. Succedeva con Bati e compagnia, con Baggio in campo e succede anche adesso. C'è, secondo me, un'attesa di una vittoria che ci ripaghi di tutto troppo ingombrante per non incidere anche sulle paure.
    E, sempre per me, è qualcosa che lega pubblico e squadra. Il gol di Matri ha avuto il medesimo effetto su di noi e su chi era in campo.
    Purtroppo, l'unico modo per guarire è una grande vittoria e questo crea un meccanismo emotivamente pesante che si autoalimenta da solo.
    In Europa succede meno, forse perché alla vittoria finale non ci crede quasi nessuno fino in fondo e si affrontano le partite con più fatalismo, prendendo senza drammi tutto quello che viene ed esaltandoci il giusto, che tanto la coppa non la vinceremo mai. In Europa esce fuori la personalità dei giocatori, che sembrano più liberi di esprimersi e che gli permette di mandare a casa formazioni più forti sulla carta.
    Ieri c'era un problema tattico di natura strutturale, poco rimediabile,in quanto non c'era un terzo centrocampista centrale a disposizione, ma solo interni non adatti a proteggere i centrali e a far girar palla. Io non so se con Kurtic, giocatore mediocre anche in fase di contenimento, al di là delle leggende, o con Diamanti in un ruolo non suo, avremmo vinto. Io so solo che con un difetto strutturale obbligato, tutti devono dare il 110% per tamponare le falle. E per farlo devi essere in forma e avere la mente abbastanza sgombra.
    Probabilmente Montella ha sbagliato l'intelaiatura tattica, credendo che giocare in un modo che si conosceva a menadito avrebbe potuto sopperire ai guai di formazione, ma, per me, la differenza l'ha fatta la libertà mentale di una squadra che ormai aveva solo tutto da guadagnare,che ha lasciato libere le gambe di correre. Aquilani che libero dalla marcatura non esegue un'apertura sulla sinistra, ma si ritorna per cercare l'appoggio sicuro all'indietro, mi è sembrato esemplare come indizio di paura.

    RispondiElimina
  67. Belvaromana578 aprile 2015 12:54

    In quell'occasione Montella si è rivolto al pubblico che rumoreggiava in tribuna invitando alla calma.
    La chioccia che protegge i pulcini

    RispondiElimina
  68. stefano vienna8 aprile 2015 13:04

    No, le partite le puoi perdere per tanti motivi. Dico che è strano che una squadra forte come la Fiorentina prenda imbarcate come quella di ieri e come quella con la Lazio.
    Per me comunque siamo la seconda forza del campionato almeno da gennaio e i numeri lo dimostrano. Le imbarcate come quella di ieri però dicono che siamo una squadra instabile per tanti motivi, in primis l'allenatore.

    RispondiElimina
  69. Foco, contro una Juve cui mancano Pogba, Pirlo, Leichtestiener e Tevez, non puoi perdere 3-0 in casa quando ti basta perdere 1-0. Soprattutto non puoi fare una partita amebica come quella mi dicono si è fatta. I discorsi fan poca farina. Siamo farlocchi, in campo e in panca. Se non dai il 110% in una partita così quando lo dai?

    RispondiElimina
  70. stefano vienna8 aprile 2015 13:05

    Uscire, ma non così. Ci ha umiliato la Juve dei rincalzi. Con la Lazio poteva finire 8-0. Non nascondiamo la testa sotto la sabbia.

    RispondiElimina
  71. stefano vienna8 aprile 2015 13:08

    Non si tratta di tutela, le scelte le deve fare Montella, ma a qualcuno deve anche spiegarle. Tutti le grani squadre hanno queste figure intermedie anzi spesso è il presidente che esige spiegazioni, siamo noi l'eccezione.

    RispondiElimina
  72. stefano vienna8 aprile 2015 13:09

    Non parlavo di imporre, ma di spiegare le scelte e avere comunque un referente.

    RispondiElimina
  73. e poi l'allenatore non può venire a prenderci per il culo in TS dicendo che non ha nulla da rimproverare ai ragazzi, che han dato tutto. Non mi può dire che abbiamo sofferto un cenmtrocampo degli avversari muscoalre quando ha messo tre tenori convalescenti e mezzi rotti, quando tutti i muscoli che ha li ha lasciati in panca! Se non capisce che il calcio è fatto anche di grinta, di concentrazione, di voglia di vincere non a discorsi, rimarrà sempre un'incompiuta anche lui.

    RispondiElimina
  74. stefano vienna8 aprile 2015 13:10

    Non puoi perdere così. Hai regalato due uomini già in termini di condizioni. E' stato un suicidio.

    RispondiElimina
  75. Lasciamo perdere i presidenti che chiedono spiegazioni o che vanno negli spogliatoi a far casino per favore. A che titolo un presidente può pretendere di dire ad un professionista che paga profutamente che questo è giusto e quello è sbagliato? Sa una sega lui. Lo fa Berlusconi e nemmeno sempre anche lui.

    RispondiElimina
  76. Se è vero, come E' vero, che eri sera ci siamo presentati con la difesa a 3 per poi giocare a 4 dal '10 minuto con Savic(depotenziato) a destra quando in panca hai Richards, senz'altro più adatto per stato di forma alla pugna di ieri sera, ditemi voi cosa pensare.
    Per carità col senno di poi siamo tutti bravi, però ci sarà un motivo se io parlo a posteriori da dietro la tastiera, e lo faccio gratis e non richiesto, mentre qualcun altro invece riscuote alcuni ml di euro in fondo all'anno.
    Inoltre non mi pare di peccare di invidia o scarsa riconoscenza se dico, come altri, che Montella ha fatto finora un buon lavoro ma gli manca ancora la capacità di concluderlo, di tirarne le fila.
    Come un cavallo al trotto, rompe in dirittura finale quando i ritmi si alzano oltre un certo (suo) limite.
    Sicuramente son cose da mettere nel conto di un allenatore in crescita, ma non è questo un valido motivo per evitare accuratamente farsi una opinione personale e non per questo la si deve tacere tale opinione.
    Anche perché le "crisi" di crescita sono fatte appunto per non ripresentarsi, almeno non in fotocopia, o per farlo più di rado mano a mano che il tempo passa.
    Altrimenti si potrebbe pensare che non riesci a staccarti da certi cliché (uno dei quali ho citato nel primo periodo) quindi a crescere e magari a farlo insieme a quelli che ti stanno intorno contribuendo alla crescita di tutto un ambiente.
    Montella NON E' chiaramente la sola componente che DEVE contribuire alla crescita dell'ambiente fiorentino ma ne è una componente importante. Come molti allenatori prima di lui, ed al pari di quello che si dice di certi giocatori (vedi Mati), probabilmente in questo momento non ha la capacità di brillare di luce propria. Non è un fattore di traino e non riesce a lavorare bene se si trova in un ambiente che fornisce stimoli ed indicazioni che non vanno nella giusta direzione.
    Si torna sempre lì: se hai un certo budget puoi avere il centrocampista veloce, ma non dotato, oppure puoi avere quello dotato ma lento. Non ti potrai mai permettere il top: veloce e dotato, non ti dico il Pirlo ma neanche il Nainggolan perché non hai i soldi e lui da te non viene perché non sei il suo target di squadra.
    Così per gli allenatori, bisogna farsene una ragione.

    RispondiElimina
  77. quello che scrive FOCO riflette abbastanza quello che pensavo ieri allo stadio: formazione sbagliata. ma con poche alternative. Ci siamo presentati con un centrocampo orrendo, ma era il migliore possibile. Quindi su quello a mio parere le colpe di Montella sono limitate. Più pesanti, invece, e in questo concordo con LELE, le responsabilità dell'allenatore nella preparazione della partita, perché squagliarsi così dopo un quarto d'ora di dominio, un gol annullato, e un gol di culo preso, non si può vedere, a questi livelli.

    RispondiElimina
  78. Vedi Jo, per me i tre tenori non esistono. Esiste un centrocampo fatto da un regista e due interni, per il modo di giocare che conosciamo noi. Un modo in cui puoi anche sostituire un interno con Kurtic, ma non puoi sostituire il centrale con un giocatore che non sappia far girar palla.
    Kurtic in campo ci avrebbe fatto vincere? Non lo so, so solo che non si tratta di un mediano di rottura e nemmeno di uno che sposta gli equilibri a centrocampo. Per me, dopo il primo gol, non abbiamo più saputo che fare, se attaccare o chiuderci,rimanendo nel mezzo, mentre loro sapevano bene cosa dovevano fare, visto che dovevano segnare per forza. Per me le colpe di Montella sono più nel non aver saputo comunicare alla squadra la scelta del gioco da fare dopo il gol di Matri, probabilmente perché neanche lui sapeva se sarebbe stato più giusto andare all'arrembaggio o chiudersi per difendere il risultato. Perché , oltre che nei problemi di un centrocampo per forza incompleto, siamo mancati nella conduzione omogenea del gioco, sia che si volesse attaccare, sia che ci si volesse difendere.

    RispondiElimina
  79. E' proprio quella paura, Foco, quella paura dell'inculata che chi prende miliardi (delle vecchie e sane lire) avrebbe dovuto curare, temere, trasformare in rabbia agonistica e voglia di rivincita per dimostrare che torino non era stato un caso. Invece siamo andati in campo con superficialità e sicuri di essere già a Roma ed abbiam preso l'ennesima lezione da chi ha la bacheca piena di coppe e campionati. Ma montellino e soci se ne fregano di noi tifosi che da anni prendiamo bastonate e prese per il culo da questi strafottenti ladri merdosi. Che glie frega a loro, noi paghiamo per farci il sangue amaro, loro riscuotono milioni per fottersene. Mi gira più il cazzo oggi di ieri...

    RispondiElimina
  80. Stamani poi ci s'è messa anche una cliente (gran rompicoglioni) con le lamentele. E mi c'ha trovato, per l'appunto, affanculo anche lei...

    RispondiElimina
  81. Io penso che se se ne fregassero, vinceremmo molto di più. Per questo gli applausi di ieri sera potrebbero averci salvato la stagione.

    RispondiElimina
  82. Sull'analisi tattica (per quanto mi sia indigesta in casi come questi) sono con Foco. La storia dei tre tenori è fasulla, dato che Mati e Borja giocano, di fatto, da interni di centrocampo. Abbiamo pagato l'assenza di Badelj ed il fatto che gli altri due sono adattati in quel ruolo, soprattutto lo spagnolo che non ha i tempi dell'incontrista. Lo scrivo da anni, riguardatevi l'azione del primo gol, palla mezza e mezza, come ne girano milioni in ogni partita a metà campo, lui va mollaccione e Vidal porta via ogni cosa avviando l'azione che porta alla rete dei gobbi. Nessuno mi leva dalla testa che un Allan ci serva come il pane, lo dico da tre anni e continuiamo a prendere inculate che mi fanno rodere il fegato in tal senso..

    RispondiElimina
  83. e io spero che tu abbia ragione...

    RispondiElimina
  84. stefano vienna8 aprile 2015 13:52

    Il prossimo che scrivo di rabbia agonistica e mentalità fa la fine della cliente di Louis.
    P.S. scherzo eh!

    RispondiElimina
  85. stefano vienna8 aprile 2015 13:54

    Bastava non prenderne tre, e Kurtic probabilmente l'avrebbe impedito.

    RispondiElimina
  86. Stefano, i giocatori erano quelli, non penso che un Kurtic per un Aquilani avrebbe cambiato chissà cosa... magari avrei messo dentro Micah e irrobustito la difesa ma la differenza la fanno il cervello e chi lo dirige... Joaquin era stato risparmiato apposta, nel mezzo siamo corti ma lo dico da anni però passo da bischero... poi arrivi alle gare decisive e mangi polvere, come sempre...

    RispondiElimina
  87. ieri non ero in grado di dare voti. In ogni caso, è piuttosto semplice: 6 a Neto, Salah e Diamanti, 4 ad Aquilani, 5 a tutti gli altri.

    RispondiElimina
  88. Sopravvissuto8 aprile 2015 14:00

    Pallorum digitatio admissa est quam League Europae.

    RispondiElimina
  89. Sopravvissuto8 aprile 2015 14:05

    Parliamone....

    RispondiElimina
  90. E poi vado a lavorare, così l'incazzatura rimane ma almeno rientra un po di dinero...

    Hai vinto 2-1 a Torino, quando ti ricapita...

    Hai fatto turnover per arrivare nelle migliori condizioni possibili...

    Gli altri si avviano a vincere, in carrozza, il quarto scudo di fila, hanno alle porte un quarto di finale di champions contro il Monaco e lasciano fuori mezza squadra, vengono qui con un centravanti che da noi è stato spernacchiato a più non posso e vai fuori tre a zero senza se e senza ma...


    Vorrei che quello che almeno ha messo un po le palle al sole mi dicesse che colpa c'hanno in questo quelli che scuciono i soldi... Detto e scritto da uno che non compra le tod's...

    RispondiElimina
  91. comunque, certo, ci siamo presentati senza regista a una semifinale di Coppa Italia, ma in compenso il Pek ha potuto esibirsi per un quarto d'ora in amichevole, sono sicuro che ne è valsa la pena...

    RispondiElimina
  92. comunque oggi noto una cosa che non mi era mai capitata: godono della vittoria della Juve con noi anche romanisti, milanisti, interisti, mentre normalmente era il contrario. Dobbiamo proprio aver lasciato il segno, in questi mesi, per seminare così tanta invidia...

    RispondiElimina
  93. stefano vienna8 aprile 2015 14:28

    Entrambi Kurtic al posto di Aquilani fuori forma e Richards al posto di Savic convalescente. Se poi pensi che regalare due giocatori alla Juve non sia stato decisivo, allora mi rimetto alla Vulgata popolare sulla mancanza di personalità.

    RispondiElimina
  94. stefano vienna8 aprile 2015 14:30

    E Kurtic al posto di Aquilani. Kurtic che giocò l'andata.

    RispondiElimina
  95. io avrei tolto Aquilani dopo 10 minuti, solo che quando l'unica alternativa è Kurtic faccio fatica a pensare che avrebbe fatto la differenza...

    RispondiElimina
  96. ...nessunissima colpa, sono stati 13 anni di arbitraggi contro, vento a sfavore, il Complotto della Capitale, Lotito, Ovrebo, Dondarini, Moggi, la Cupola, Er Cupolone, il Nido del Cuculo....sono stati 13 anni di scelte "sbagliate" in fatto di allenatori (Prandelli a parte che le partite importanti le avrebbe sapute preparare, epperò alle partite importanti bisogna in qualche modo arrivarci)...sono stati 13 anni di "errorini" ma a una Società che ha speso tanto vuoi non perdonarli?...sono stati 13 anni di tutto contro ma chi sceglie il Viola lo fa per proprio per quello, scopare sarà pure piacevole ma vuoi mettere prenderla nel culo?...nessuna colpa LOUIS, proprio nessuna, la colpa è di quel mentecatto di Montella che non ha pensato di schierare Badelj, per il resto tutto bene, si arriverà Terzi e si vincerà l'EL (per quest'anno possiamo accontentarci), il prossimo, dopo il mercato, sfida alla juve e dopo il Terzi arriverà il Terzo.Dammi retta, compratele ste Tod's, l'abito non fa il monaco ma forse la juve si farà il Monacò.Saluti e sempre Roma merda e lunga vita ai DV.

    RispondiElimina
  97. scopro il sitone che il colonnello considerava ovvio lasciare fuori Gomez, Borja e Savic per fare giocare al loro posto Baba, Kurtic, e non si sa chi (immagino Tomovic). Mi sembrano osservazioni sagaci. Certo, me le devo essere perse, quando le ha scritte ieri pomeriggio...

    RispondiElimina
  98. ..Renato Portaluppi se non sbaglio...credo giocò nella Roma ai tempi di un altro "fenomeno", Andrade....non ricordo l'allenatore della Roma all'epoca..

    RispondiElimina
  99. Il fatto è che lo 0-1 è venuto troppo presto. Il gol di Matri non è nato da fasi di gioco nelle quali la Juve prevaleva. E' nato - duole dirlo - dall'ennesima mollezza-favalessaggine di Borja, il quale - se atleticamente non si regge in piedi - andrebbe lasciato in tribuna, con tanto dolore per tutti, certo. Ma mi rendo conto che assenti Pizarro e Badelj, era difficile fare a meno dello spagnolo. E mi rendo anche conto che l'ennesima favalessaggine di Borja si è coltivata nell'assenza mentale con la quale tutta la squadra è scesa in campo fin dall'inizio, sicura di una cosa sola: sicura di non farcela.
    Il discorso sulla catastrofica prova di Borja e di Aquilani aprirebbe un capitolo doloroso. Pizarro va per i quaranta, lo spagnolo e il romano sono ormai fisicamente inaffidabili. Abbiamo solo Badelj e ... Kurtic, oltre a Mati che per me è un po' atipico.Se vogliamo evitare di fare come in passato - tornare precipitosamente indietro quando siamo quasi in cima alla scala - ci sarà da spendere la prossima estate. Da spendere a centrocampo.

    RispondiElimina
  100. Amico fraterno di Edmundo

    RispondiElimina
  101. Andrade era soprannominato "Er Moviola"

    RispondiElimina
  102. Anche, Stefano, ma al di là del discorso sui singoli, che può valere come esempio ma su cui non c'è controprova, a me interessa il discorso complessivo, l'andare un po' oltre la singola partita. Anche se è LA partita.
    Non saprei dare un nome alla sindrome che prende la squadra quando va in svantaggio in partite importanti. Ha probabilmente ragione chi dice che va tutto bene quando niente va storto e basta un granello di sabbia per far salire il terrore puro di non farcela nella mente dei giocatori. Questo lo puoi forse evitare con la preparazione psicologica del match e in questo Montella manca, per inesperienza e forse anche per impostazione personale.
    Però il nostro è comunque in sintonia con la società che lo ha ingaggiato e giustamente lo apprezza per tanti altri motivi.
    Mutuano dall'esempio che ho fatto prima sui centrocampisti, se non ti puoi permettere il Nainggolan di turno, puoi cambiare ma devi essere sicuro di poter cambiare in meglio.
    Così per gli allenatori, chi pensa che possa arrivare Bielsa o Spalletti può anche cominciare (indipendentemente dai gusti) ad attendere Di Matteo o Guardiola.
    Al risveglio, sudato, si ciuccerà il simil Montella di turno e dovrà sorridere, contento che non gli sia arrivato un cavallo di ritorno........

    RispondiElimina
  103. Prova a leggere quello che ho scritto sotto. Per me il filo conduttore è sempre quello da 13 anni.

    RispondiElimina
  104. Sì ma non si vede quando parte la palla, in quel momento sinceramente a me Gonzalo sembrava avanti, anche se non ho più riguardato.

    RispondiElimina
  105. Sopravvissuto8 aprile 2015 15:40

    Ahahahahaha ahahahahahah ha ahahaha...ahahahahaha.....ahahahahahah hah......ahahaha ...ahahahahaha.....Uno Zaller più ragionato! Ahaha ahahaha ahahaha hahahaha

    RispondiElimina
  106. E in quelli da Lazie?

    RispondiElimina
  107. Comunque son più incazzato di ieri. Altro che cultura della sconfitta e fair play, mi sembra che a Firenze ci siamo rincoglioniti tutti. Farci prendere a pallate da gobbi che vengono a sbruffoneggiare sul nostro campo, con una partita preparata nel peggior modo possibile dopo un vantaggio dell'andata incredibile. Per andare fuori con la juve B occorreva impegnarsi ma ci poteva anche stare, ma non in questo modo. Queste sconfitte non le accetterò mai. Questa fa il paio con lo 0-5 di Delio, con l'aggravante che quella era una singola partita di campionato che di per sé contava il giusto, questa era la porta verso il paradiso sportivo. E non mi consola che stavolta non c'era Capitan Infamia negli spogliatoi all'intervallo a pregare Pirlo di non infierire...

    RispondiElimina
  108. Belvaromana578 aprile 2015 16:00

    Non lo so ma i laziali in questo momento vivono un delirio di onnipotenza

    RispondiElimina
  109. http://www.violanews.com/altre-news/lex-napoli-dossena-arrestato-per-taccheggio-20150408/

    RispondiElimina
  110. Ho rivisto ora l'azione del gol annullato a Salah, il gobbo in primo piano è distante dagli altri due, è la foto che inganna. La spinta comunque c'era, se avessero convalidato un gol così alla juve avrei bestemmiato per mesi...

    RispondiElimina
  111. Tocca però "tifarla" nell'eventuale finale...Come tiferò il Napoli, sempre contro i gobbi.

    RispondiElimina
  112. Si inizia con le geniali operazioni di Pradè...


    http://www.firenzeviola.it/primo-piano/mercato-roncaglia-la-chiave-per-bertolacci-176784

    RispondiElimina
  113. Sopravvissuto8 aprile 2015 16:19

    Due giocattolini per il figlio, poi chiamato di corsa.......un caotico quiproquo.

    RispondiElimina
  114. Presto succederà a Buffon in gioielleria, la D'Amico chiamata al cellulare dovrà abbandonare di corsa la trasmissione.

    RispondiElimina
  115. Io Roncaglia me lo riprenderei, se il Genoa non esercita il diritto di riscatto

    RispondiElimina
  116. In rosa ci sta bene, ad esempio ieri l'avrei messo.

    RispondiElimina
  117. Con la foga dei gobbi ieri il rigore era sicuro.
    100 mila volte meglio Richards.
    Certo fra i due, meglio il bilancio.......

    RispondiElimina
  118. Belvaromana578 aprile 2015 16:39

    Essi'..in effetti

    RispondiElimina
  119. Richards è decisamente più forte di testa (che è il punto debole di Facundo), per il resto Roncaglia è tecnicamente migliore. Un po' rozzi tatticamente lo sono entrambi.

    RispondiElimina
  120. Comunque, parlando di CL, quanti elementi di alto livello internazionale ha secondo voi la juve? Secondo me Vidal [anche se ora è il 50% scarso del giocatore pre-infortunio], Pogba e Tevez, stop. Buffon e Pirlo non lo sono più. Nonostante ciò sono arrivati ai quarti, con buone probabilità di arrivare in semifinale [dove spero vengano umiliati]. E quanti ne abbiamo noi? Attualmente, il solo Salah, credo. Neto non lo è ancora forse, Pizarro, Joaquin e Gomez non lo sono più. Ma ancor di più, manca la mentalità, la ferocia agonistica...

    RispondiElimina
  121. Dimenticavo Savic, per me ci arriverà.

    RispondiElimina
  122. Vidal ieri mi è sembrato sui livelli pre-infortunio. Tra l'altro la presenza di Pereyra gli impone di giocare più indietro, più di quantità che di qualità, ed è letale.

    RispondiElimina
  123. Sta riprendendo, ma non è ancora lui mi pare. Mancano proprio le proiezioni e l'impressionante quantità di campo che copriva in una partita...

    RispondiElimina
  124. La mentalità e la ferocia agonistica nella juve ce l'hanno tutti, per cui Marchisio, Bonucci, Chiellini, Lichtsteiner, Llorente, Caceres, che sono molto forti ma non sono fenomeni, riescono a completare la squadra ottimamente. Poi chiaro che, dopo aver eliminato il Monaco, in semifinale usciranno. Almeno spero.

    RispondiElimina
  125. Ieri Vidal migliore in campo, purtroppo.

    RispondiElimina
  126. Ci sarebbe Rossi, se stesse bene.

    RispondiElimina
  127. Mah io ricordo distintamente una partita, mi pare proprio con i gobbi, in cui si divertivano a lasciare libero di impostare il tecnicamente migliore. Ricordo un rigore inutile procurato con avversario spalle alla porta per foga malcontenuta e non necessaria. Non che l'inglese sia chi sa cosa, lo considero più o meno tecnicamente alla pari (entrambi con i piedi ad incudine) ma almeno è abituato per provenienza ad impiegare la forza in maniera controllata.

    RispondiElimina
  128. A me piace decisamente più l'inglese. Anche in marcatura, oltre che di testa, mi pare più forte.

    RispondiElimina
  129. Beh, Richards a impostare me lo vedo anche meno di Roncaglia.
    Sul fatto di rigori procurati per troppa foga in effetti hai ragione, anche quest'anno mi ricordo uno procurato nel derby di Genova.

    RispondiElimina
  130. Tecnicamente Facundo è superiore, non è raffinato, ma stoppa meglio la palla, sa cambiare gioco [che vede anche meglio], tira bene in porta.

    RispondiElimina
  131. Scotennacignali su Chiellini, perla odierna del sitone:T'hai un naso pare la custodia di quello di Ibrahimovic...

    RispondiElimina
  132. Belvaromana578 aprile 2015 18:21

    Morata è fortissimo

    RispondiElimina
  133. Jingle, non capisco perché ti rivolgi a me e cosa vuoi dire ("il terzo è Richards...")


    ????

    RispondiElimina
  134. Quelli buoni costano Belva, lo so. Ma allora Gomez me lo son sognato io che l'han pagato 40 miliardi di lire. E che in coppia con lui ieri sera c'era uno che fino a 24 ore fa lo mettevamo dietro solo ad altri due? E Borja, e Mati, e Gonzalo e Savic e Joaquin e Diamanti + Baba in panca. Terza scelta Ilicic, uno che farebbe il titolare in 3/4 di serie A. Ma con chi giocava Allegri lo avete visto o me li sono sognati io gli Sturaro, i Padoin e gli Storari? c'è una partita che conta qui a Firenze, una, cazzo. E valeva anche un'altra finale, è stata cannata al cento per cento e ora ci attacchiamo a Badelj pur di non dire che il predestinato non ci ha capito un cazzo.

    Porca puttana, stai a vedere che da ultimo me li fate tornar simpatici...

    RispondiElimina
  135. ...ma se solo un paio di settimana fa, giusto per provocare, ho fatto una semplicissima domanda a cui ha risposto affermativamente solo Big JO, 40 han preferito non rispondere forse pensando di essere alla domandona finale di SuperMike, in 2 (tu e Lele), mi avete (legittimamente) risposto che QUESTO Montella non l'avreste sostituito a Giugno con Spalletti...ma cazzo...ma sto Montella è bravo, intelligente, capace a gettone? Ma possibile che ingrani 3 partite consecutive e sia insostituibile poi ne sbagli una ri-diventando un idiota? I Padoin, gli Sturaro (a parte che avercene di Sturaro), gli Storari crescono guardando i Pirlo, i Pogba, i Tevez...qui da Noi crescono guardando i filmati anni 90, al limite...ma adesso è diventato un disonore anche perdere contro una squadra che probabilmente se ne andrà in Finale Champions? Vuoi sapere a parer mio qual'è l'errore costante di Montella? Far giocare un Valero che non è più Valero e insistere con quell'ectoplasma di tedesco davanti, quel cazzone di gesso che rovinerebbe un Barcellona andandoci a giocare.Per il resto sbagliate da 13 anni bersaglio, ma questo lo dice un tifoso della Roma non un vero Viola come leggo da ieri sera sui siti.

    RispondiElimina
  136. stefano vienna8 aprile 2015 20:35

    Se quello di ieri fosse il vero Montella saremmo ultimi in classifica, ergo non era lui o almeno non nei suoi cenci. La mia teoria sulle crisi acute e' l'unica che si adatta ai fatti.

    RispondiElimina
  137. ... e allora te lo ridico: per me Montella è un normale, non il fenomeno che qui si vuol dipingere, quando se lo merita gli faccio i complimenti, quando scazza, come ieri sera, lo scrivo. Io non sono di quelli che non rispondono, non rientra nel mio essere, piuttosto dico/scrivo una stronzata ma non mi tiro indietro... ed in QUEL momento ti dissi che non capivo il motivo di quella domanda... Anche a me piace Spalletti, di certo molto più di Montella, ma te l'ho sempre detto, mica lo scrivo ora perchè mi girano i coglioni...

    sul DISONORE: eh no, cazzo. Qui siamo andati fuori contro una squadra che andrà (se gli va bene) in semifinale champions solo perchè han più culo che anima e han beccato gli unici scaci che c'erano in giro (s'avesse mai noi un decimo del culorotto che hanno questi ladri nel midollo) e per di più infarcita di riserve le quali se facessero mezza partita ridicola qui da noi staremmo a bestemmiare e a infamare a settimane su chi cazzo ci hanno comprato... c'era un vantaggio notevole e l'abbiamo sperperato. Diamo la colpa a chi paga, che vi devo dire. Fortuna (per loro) che gli assegni non li stacco io sennò ieri sera altro che Vittorio. Maremma maiala.

    RispondiElimina
  138. ..e oggi l'hai capito il senso di quella domanda? Il senso di quella domanda è che per tutto il prossimo anno continuerete a scassare la minchia con Montella, e questo dopo ogni sconfitta..e questo dopo un pareggio...e questo perchè Montella i miracoli non li sà fare come il 99% degli allenatori...e allora, siccome fino a che resteranno sti due imbecilli non si vincerà mai un emerito pene, passerò l'anno a leggervi dare addosso a Montella....e con tutto quello che ha a disposizione...ma come farà mai a non vincere con quel popò di Società alle spalle...e ma allora è proprio fesso...ma come? Gli han pure preso i' Gila...ma dai Louis...vantaggio notevole? Vantaggio notevole cosa che in Campionato hanno 85 punti più di noi? E secondo te due gol in trasgferta a chiunque quelli non riescono a farli? E sarà colpa di Montella che non ha dato la carica...la danno i due idioti la carica, quelli si...son 13 anni che mi caricano...di merda.Basta, ho finito, mi scuso con tutti, ciao.

    RispondiElimina
  139. Parole sante Valto. La cosa mi fa tutt'ora girare i maroni.

    RispondiElimina
  140. non condivido nulla Zeman, ma tanto lo sai... io guardo i giocatori a disposizione e il discorso continua a non tornarmi... io non stimo e non lecco il culo ai Dv perchè negli anni gli ho visto cose che per me chiudono una porta e non la riaprono. Ma quello è un altro discorso e cerco di non mescolarlo con la Fiorentina. Anche se è difficile. Che quei gobbi di merda son più forti lo so anche da me e lo riconosco ma in questa particolare situazione non vedo scuse, per i motivi che già ti ho scritto sopra e che non sto a ripetere, sono furente, oggi più di ieri, mi hanno rovinato la giornata e forse anche di più... ciao.

    RispondiElimina
  141. Il Disqus deve aver fatto passare per te Valtolin

    RispondiElimina
  142. Belvaromana578 aprile 2015 21:57

    Beh..Diego ha detto che il fratello è giovane e prima o poi vincerà qualcosa (sic).
    Allora, dico io, aiutiamolo un po' a vincere al fratellino: se è vero che le partite si decidono a centrocampo. .embè compriamo un pezzo da 90, un leader, un trascinatore. Magari uno che ogni tanto ci prova a tirare da fuori. Almeno un paio di campioni in squadra ci vogliono. E sani

    RispondiElimina
  143. Alla fine il Napoli ha fatto la nostra stessa fine.
    In finale (se avrò voglia di vederla) mi toccherà tifare per la Lazzie.

    RispondiElimina
  144. Belvaromana578 aprile 2015 22:47

    Napoli a casa. Bene. Speravo nei supplementari per fiaccarli.
    Felipe Anderson da urlo

    RispondiElimina
  145. Anderson è il miglior prospetto brasiliano che c'è in giro e forse non lo sanno nemmeno laggiù.
    Forse sarebbe il caso che si cominci a vendere le partite, o a comprarle, o a fare uso di doping, o a fare i bulli in serie C, o i buffi da pagare a babbo morto, ecc.
    Visto che alla fine i risultati arrivano.

    RispondiElimina
  146. Beh, fosse per me ci regalerei Iturraspe davanti alla difesa, e Herrera polone di centrocampo, ma il secondo è ormai fuori portata...

    RispondiElimina
  147. Belvaromana578 aprile 2015 23:08

    È l'anno di Lotito. Ingaggio più alto: 2 milioni: Klose

    RispondiElimina
  148. Belvaromana578 aprile 2015 23:10

    Insomma in finale mezza Italia tifera' Lazio: il problema è l'altra metà.
    Quella con la protuberanza

    RispondiElimina
  149. stefano viennastefano vienna8 aprile 2015 23:11

    Ritornano le mie previsioni, segnatevele: a kyev si perde anche nettamente, ma ho molta fiducia nell'impresa al Franchi.

    RispondiElimina
  150. Mah, casomai il contrario. Per me era meglio giocare l'andata a Firenze ( cioè, visto l'andazzo "in trasferta")

    RispondiElimina
  151. Lele:

    http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2015-04-08/tsipras-putin-mosca-pronta-ad-alleggerire-l-embargo-grecia-155426.shtml?uuid=ABjgy6LD

    RispondiElimina
  152. stefano vienna9 aprile 2015 02:18

    Robocop sul sitone dice bene: "ieri montella doveva mettere gente che corre , forte fisicamente e che ha giocato poco... tipo richards, vargas,kurtic...giocando magari con un 442 si era piu' coperti sulle fasce,si allargava la loro difesa che centralmente concedeva poco e arrivava qualche cross in piu' per gomez......montella deve fare attenzione alle formazioni e agli uomini che mette in campo perche' ogni partita persa da ora in poi significa fallire piano piano tutti gli obiettivi stagionali!!!!"

    RispondiElimina
  153. stefano vienna9 aprile 2015 02:22

    Benissimo anche Simone: "A mio modo di vedere si doveva giocare come contro il Tottenham, ostinati, ostici, brutti da vedere ma concreti e cinici, possibilmente a 4 dietro, 4 in mezzo (ma al massimo uno di quelli messi in campo ieri), e 2 veloci in avanti pronti a sfruttare il contropiede. Ma tu hai osservato l'azione del gol di Matri seppur casuale ? Marchisio supera in scioltezza l'asfittico e inutile B.Valero (che non vince un contrasto dai tempi in cui giocava negli Allievi Elite del Real) e avanza per venti metri senza incontrare nessuno avanti a se. Ti sembra questo il modo di affrontare la squadra più forte d'Italia ? Roba da matti. E così tutto il primo tempo"

    RispondiElimina
  154. stefano vienna9 aprile 2015 02:25

    Geniale Davide da Imola (BO): "Ci risiamo, il nostro allenatore - ogni volta che si trova a disputare una gara importante - ricade nel solito peccato di presunzione e schiera sempre la formazione che lui reputa in grado di assecondare al meglio i suoi dettami tecnico-tattici. Il vero limite di Montella è questo. ossia non preparare le partite a seconda delle condizioni in cui ci si trova, valutando gli avversari e le situazioni specifiche. Senza i nostri registi - Pek e Badelj - non abbiamo modo di spostare in avanti il nostro baricentro, poichè nè Borja, nè Aquilani e men che meno Mati sono in grado di dare ordine in quella zona del campo. Quindi era inutile schierare Joaquin e si doveva optare per un centrocampista di interdizione Kurtic posto al centro del campo (e non sulla fascia, altra illuminazione montelliana) e provare a ripartire sfruttando il contropiede. Gomez, quindi non doveva giocare e al suo posto era sensato mettere Babacar, infine Salah lo si poteva mettere nel secondo tempo e prima inserire Diamanti, un giocatore con carisma e che è in grado di gestire meglio la palla. Difesa a 4 senza mettere Savic che non era in forma e tanta tanta rabbia agonistica, che non mettiamo mai. Montella è un buon tecnico, ma se non comincia a fare esperienza di queste batoste, resterà sempre un insopportabile presuntuosetto e quel che è peggio un allenatore perdente. Resta la profonda delusione di aver perso contro i gobbi, per di più in formazione talmente scarsa che non so quando ritroveremo le stesse condizioni"

    RispondiElimina
  155. stefano vienna9 aprile 2015 02:28

    Un pò più pessimista, ma ottima analizza di PolemicoViola: "Come vado dicendo ormai non so più da quando, Montella troppo spesso è schiavo del suo ego e delle sue fissazioni in termini di modulo e di formazione: non si contano più le volte in cui ha dovuto cambiare in corsa per raddrizzare un impatto iniziale sbagliato nella gestione delle partite, senza contare altre volte in cui si è intestardito addirittura nel portare avanti fino all'85° la squadra così com'era prima di decidersi ad apportare cambiamenti. Abbiamo perso molti punti così, ma ieri sera l'errore è stato ancor più grave, sia perché partivamo da una situazione di vantaggio, sia per ciò che c'era in gioco, sia perché giocavamo contro la nemica storica. Diciamo che è stata forse la prima volta, da quando c'è lui, che le sue carenze si sono materializzate nella sua nemesi, in modo netto, ufficiale; e serve a poco e niente recriminare sugli errori (figli di timore reverenziale pro strisciate o di incompetenza che siano, poco conta) arbitrali nel caso dei goal, perché restava comunque da giocare tutto il secondo tempo nel quale invece non abbiamo compicciato niente. E nonostante tutto questo io resto soddisfatto comunque dell'impegno che hanno messo i giocatori in campo, perlomeno considerando il loro livello e la loro attuale condizione ( resta chiaro però che Borja e Aquilani non sono più presentabili a questi livelli). A parer mio hanno comunque corso, sono arrivati in area avversaria tante volte, insomma non hanno dato l'impressione di subire la Juve tanto da giustificare il punteggio finale. Devo quindi dire che l'altro grande difetto che imputavo a Montella, cioè l'incapacità di trasmettere grinta e determinazione ai giocatori, da qualche tempo è meno evidente; penso che almeno lì ci siano stati miglioramenti. Resta come dicevo l'altro problema, aggravato dal fatto che nonostante il suo ripetersi, specie nelle partite clou, l'allenatore pare non decidersi mai ad 'imparare la lezione': ripete sempre lo stesso copione. A partire da quel maledetto 3-5-2 che ci ha fatto male praticamente ogni volta che è stato proposto. Adesso dobbiamo concentrarci sulla Uefa, credo, perché 9 partite per recuperare 6 punti su una Lazio in versione corazzata mi paiono pochini. Il fatto è che se Montella non si decide a ragionare con più raziocinio e con meno ego il problema si riproporrà. FVFE"

    RispondiElimina
  156. stefano vienna9 aprile 2015 02:31

    Tenace Violalè: "TENÉ 'A CAPA GLURIOSA Ad litteram: tenere la testa gloriosa Si dice cosí di chi sia incline ad improvvisazioni assurde, astruse trovate, soluzioni ardite quando non pericolose, espedienti improvvisati, complicare situazioni semplici. Purtroppo è la foto del nostro allenatore, che in vantaggio all'andata, senza i registi Pizarro o Badelj, con Savic al rientro, mica schiera una bella difesa a 4, magari inserendo a centrocampo un Kurtic o perfino un Rosi per poi operare in contropiede sfruttando le doti di Salah, NOOO, troppo facile, meglio un centrocampo di svolazzi, stanchi per aver giocato nel fango ( ma il turnover? ) senza copertura per i difensori. Un vero capolavoro. Ma già, tutti dicevano che la Viola doveva fare il suo gioco. Ma de che? Perchè quando ha giocato con la difesa a 4 non ha giocato bene?Sassuolo, Totthenam, Inter, andata con i gobbi, Sampdoria...bastava rifare la formazione di Torino, poi magari si usciva uguale, ma senza fare la figura dei polli. Oltretutto caduto in pieno nella trappola psicologica di Tevez. Vaia, vaia"

    RispondiElimina
  157. stefano vienna9 aprile 2015 02:51

    Sono tanti, c'è anche un sintetico Posalaquaglia: "Ieri sera per passare il turno erano sufficienti Cuore e Corsa: ma Montella ha rinunciato a questo convinto di poter passare perché il suo calcio è superiore a a quello degli altri. Peccato che non sia così"

    RispondiElimina
  158. stefano vienna9 aprile 2015 02:56

    Ancora Simone, quello di prima, che si fa la domanda che mi faccio da qualche mese: "eri Montella è stato punito in tutta la sua presunzione per aver schierato un centrocampo fragile e lento ma soprattutto una difesa a tre per giunta con Savic al rientro dopo l'infortunio ma anche per non aver messo una toppa dopo un primo tempo ignobile e inguardabile. Ma non si confronta con nessuno dei suoi collaboratori nell'intervallo ? Possibile mai che nessuno gli abbia detto...guarda tra Aquilani Borca e Mati di tre non ne fanno uno vero...metti Kurtic, o Vargas a fare un pò di sostanza in mezzo ...possibile ?

    RispondiElimina