.

.

venerdì 10 aprile 2015

E' solo un grande equivoco

La parte di popolo Viola che dopo la sconfitta sanguinosa contro la Juve ha confermato l’attitudine ad attaccare l’allenatore e la società, quella parte di noi col patentino per intendersi, non può essere giudicata responsabile solo perché più istruita, al limite possiamo dire che essendo più preparata ha una visione più completa, perché il fatto di vivere a ridosso di Coverciano fin da piccoli già di per se per alcuni si è dimostrata una condanna a capire meglio il calcio, e quindi anche a leggere gli errori tattici più banali. Vivere Diladdarno non aiuta invece, la gente è ignara, e così crede a tutti i millantatori che siedono in panchina. Semmai c’è stato qualche malinteso di troppo che ha portato a conclusioni così dure dopo le ultime analisi sull’operato dell’allenatore e della società, ma solo cosucce senza troppa importanza. Perché sentirsi tecnicamente forti come Il Barcellona, ed economicamente garantiti da una proprietà tipo quella del Chelsea, con diritti televisivi tre/quattro volte superiori agli altri, è dovuto principalmente ad un grandissimo equivoco di fondo. La colpa è tutta delle commedie italiane anni '80, che hanno fatto crescere molti tifosi illudendoli che anche se eri Lino Banfi potevi trombarti la Bouchet. Fregandosene oltretutto del fairplay finanziario. Poi possiamo discutere sull’opportunità di addossare le colpe a Montella, reo di aver commesso errori macroscopici tutte le volte (poche per fortuna) che abbiamo perso una partita. E quindi di sentirsi allenatori migliori di lui e DS migliori di Pradè. Si può discutere o anche no decidendo come ho fatto io di vivere da separato in casa. Chiedo quindi almeno le attenuanti generiche per queste persone, e se potessi, in riferimento al singolo tifoso Viola, la mia sarebbe addirittura una richiesta di assoluzione per non aver fatto il commesso. Devo dire che per chi tende ad inveire contro qualcuno in maniera sistematica, che adesso sorge un problema importante legato all’avvicinarsi della stagione estiva. Da che mondo è mondo queste persone dovranno affrontare diete funzionali alla temutissima prova costume. Certo, le persone vanno pesate. Ma senza sassolini nelle scarpe. Due approcci diversi i nostri, due modi di vivere la professione del tifoso. Normale se si pensa che ai ginecologi piace L'utero, ma non tutti sono protestanti. E poi a me non interessa avere ragione, e per questo non discuto. Su Montella, sarà semmai Il tempo che mi darà ragione, e solo perché il tempo non è donna.



92 commenti:

  1. stefano vienna10 aprile 2015 08:15

    Sul fatto che Montella abbia tappato clamorosamente tutto il possibile martedì, il tempo non può darti ragione, a meno che fra qualche anno non si scoprisse che il vero Montella fu rapito il lunedì e sostituito con un sosia.


    Che il Montella attuale, nonostante ciò, sia un buon allenatore, non c'è bisogno di aspettare il futuro per dirlo, visto che l'ha comunque dimostrato in questi tre anni. Il tempo semmai ci dirà se, limando alcuni difetti caratteriali -'a capa gluriosa-, diventerà un grande allenatore. Anzi, forse non dobbiamo nemmeno aspettare tanto tempo, perchè il Montella degli ultimi mesi senza attacchi di hybris galattica può benissimo portarci, insieme a questo gruppo, ad alzare la coppa rimasta, quella importante.

    RispondiElimina
  2. I tifosi siamo tanti. Ci sono quelli come te, innamorati pazzi aldilà dei limiti del ragionevole che perdonano tutto all'amata (agli amati), e quindi le corna proprio non le vedono, non le immaginano proprio. Ci sono quelli che invece le vedono anche quando non ci sono, e brontolano sempre, anzi, se non trovano proprio nessun appiglio per sospettare, quasi ci si incazzano e sono tristi. Infine ci son quelli che certi atteggiamenti li criticano, pur senza andare dall'avvocato a iniziare le pratiche. Fuor di metafora, che si accetti senza batter ciglio di perdere 3-0 in casa,quasi senza giocare, una semifinale di Coppa contro un avversario forte sì, ma decimato e con la testa altrove, è un pretesa che possono avere solo quelli della prima categoria. Errori ne sono stati fatti sì, e parecchi, e soprattutto dall'infallibile, che resta un allenatore dai molti pregi, ma anche dagli innegabili difetti. Questo il tempo l'ha già detto, se poi ci dirà che questi difetti è capace di limarli e correggerli per diventare davvero grande come lo prevedete, bene, applaudiremo, ma, per adesso i difetti ci sono e le partite si toppano, senza discussione alcuna.

    RispondiElimina
  3. gente fa male a tutti ma oramai la partita coi gobbi è andata, fra du giorni c'è il napoli e ci giochiamo tanto, tanto davvero. senza considerare che fra una settimana c'è la dinamo.
    gli errori di tutti (montella in primis) li abbiam visti, ora per voltiamo pagina. poi fra un mese coi gobbi ci si rigioca e il giorno seguente sono sicuro faremo altri discorsi.

    RispondiElimina
  4. Non butterei via nulla per scelta, quindi lotta anche in campionato, ma la priorità deve essere all'EL, dove dovremo schierare sempre la squadra migliore e con gli uomini chiave riposati, nei limiti del possibile. Quindi mai più cazzate come far giocare Gomez, Borja, Basanta ecc con la Samp, su un campo infame, per poi riproporli a distanza di due giorni nella semifinale di coppa italia con i gobbi. E mai più mandare Pizarro col Cile se è nel pieno di problemi muscolari, come ha fatto capire anche il ct Sampaoli. Perché magari quando è arrivato là aveva solo un fastidio residuo, che si è riacutizzato giocando, seppur pochissimo. Ma per questo ci stanno i dirigenti. E mandare invece in campo un Savic che aveva addirittura difficoltà a girarsi che senso ha avuto?

    RispondiElimina
  5. E ora Ripa a capo dello scouting, vai con l'improvvisazione e l'italianizzazione!

    RispondiElimina
  6. Per accontentarsi di poco bisogna avere molto......

    RispondiElimina
  7. Quello che occorre nell'immediato futuro....

    RispondiElimina
  8. Degno omaggio a Macìa:

    http://www.violanews.com/news-viola/eduardo-un-sognatore-cosmopolita-che-non-si-e-arreso-20150409/#comment-332678

    RispondiElimina
  9. Sì, però ci punterei facendo giocare gente fresca e motivata, non spremendo come limoni vecchiarelli ed acciaccati, perché così rischiamo di perdere su tutti e due i fronti. Comunque Montella ha una gestione del turn over per me incomprensibile.

    RispondiElimina
  10. Il problema di adesso è che siamo in un ciclo di dieci giorni con quattro gare tutte dure (Samp - juve - Napoli - Dinamo Kiev), per cui fare il turnover è più difficile.
    Chiaro che quando invece incontreremo Verona o Cagliari in campionato, allora potremo in quelle partite fare un turnover più pesante - inserendo financo Rosi, se vogliamo - per far giocare i migliori in EL.

    RispondiElimina
  11. Patriarca, non so se segui la Liga, ma hai visto Sergio Asenjo? Dopo tanta sfortuna si sta esprimendo ad altissimi livelli, è finalmente diventato davvero il portierone che ci si aspettava anni fa. Non è il mio ideale, li preferisco più alti, ma para veramente forte, ed ha grande personalità...

    RispondiElimina
  12. Mi sa che, a 'sto punto, lo rivedremo il prossimo anno.

    http://www.violanews.com/stampa/stadio-rossi-la-migliore-delle-ipotesi-e-il-rientro-a-palermo-20150410/

    RispondiElimina
  13. Ma è inutile far giocare tre-quattro partite di fila a Joaquin, per dire, col rischio che le giochi tutte male...

    RispondiElimina
  14. La desinenza finale in "ic" farebbe la spia ad un'altra mano.....

    RispondiElimina
  15. Infatti con la Samp non ha giocato, se non sbaglio.
    Penso che non giocherà nemmeno a Napoli per essere pronto per Kiev.

    RispondiElimina
  16. Io speravo in un rientro per le ultime 3/4 partite di campionato, con qualche golletto che lo rendesse appetibile sul mercato. A Firenze il prossimo anno non lo vorrei vedere, anche perché sarebbe probabilmente la stessa solfa di quest'anno. Fosse possibile venderlo all'italia lo farei di corsa.

    RispondiElimina
  17. In questo caso turn over giusto. Con la juve comunque non ho ancora capito perché non venisse servito: Allegri che tagliava i rifornimenti su quella fascia [non mi è parso], miopia strategica dei centrocampisti, genialata di Montella che ha cercato la superiorità numerica a sinistra? Boh.

    RispondiElimina
  18. Non sarebbe certo il momento adatto

    RispondiElimina
  19. Sì, anch'io mi sono stupito, ha fatto solo due azioni (anche belle) sulla destra, poi non gli sono arrivati altri palloni ed è uscito. Boh. Comunque la tua terza ipotesi la escluderei, allora faceva prima a non farlo giocare.

    RispondiElimina
  20. stefano vienna10 aprile 2015 13:24

    Sfondi una porta aperta, io in certe partite farei giocare pure Lazzari.

    RispondiElimina
  21. Se vincerà scudetti e coppe da altre parti avrai avuto ragione. Per predestinato, ovvero come tu e altri qui sopra lo dipingono, io intendo questo. Qualsiasi altro risultato dimostrerà quello che penso del napoliello. Uno bravino, punto.

    RispondiElimina
  22. http://www.firenzeviola.it/news/andreolli-lascera-l-inter-ci-sono-anche-i-viola-176891



    Ecco che cominciano a materializzarsi i miei incubi...

    RispondiElimina
  23. ahahahahah, dimmi 4 italiani (uno per ruolo) che ti garbano via...

    RispondiElimina
  24. Andreolli, l'eterna promessa... pensavo fosse più giovane, ho visto che ha quasi 29 anni.
    Può essere una riserva tipo Compper, ma a quel punto ha più senso puntare su Hegazy e/o Camporese.

    RispondiElimina
  25. Se vuoi te ne dico io tre: Scuffet, Verratti e Destro. Di difensori italiani un po' forti (a parte i gobbacci) in questo momento non me ne vengono in mente.

    RispondiElimina
  26. Portieri: Sportiello
    Difensori: nessuno
    Centrocampisti: Verratti [anche se è un bel po' sopravvalutato]
    Attaccanti: in prospettiva Belotti, ora Berardi

    RispondiElimina
  27. Io invece parlo chiaro e fuori da metafore oltrarno capiscono un cazzo diladdarno sono tifosi veri. Il tuo editoriale, Gianni, lo reputo una cazzata e offensivo. Se non ti va che sul tuo blog ci sia gente, come me, che ha criticato, correttamente e peraltro anticipatamente o in diretta, non il giorno dopo, una partita oscenamente preparata dal responsabile tecnico e per questo fai il broncio, quindi il separato in casa, sinonimo di sopportare a malavoglia chi non si allinea alla tua forma adorante, bene, capisco il messaggio e mi levo dai coglioni. Ma non perché me lo dici tu, perché non mi trovo bene in una casa prima ossigenata, ora oppressa da un'aria che se non ti allinei al mantra Montellagrandissimoallenatoreinfallibileiltempomidaràragionechinonlapensacosinonèverotifoso, devi sopportare battute del cazzo ad ogni editoriale perché c'è chi non la pensa come te, e comportamenti infantili come il tuo.
    Saluto tutti e un abbraccio.
    Forza viola sempre.

    RispondiElimina
  28. stefano vienna10 aprile 2015 15:54

    Dai, Lele, Pollock è un compagno che sbaglia.

    RispondiElimina
  29. Lele, ovvia! Non ci autoescludiamo dalla discussione.
    Se devo dire come la penso, caro Pollock, trovo fuori luogo questo astenersi dal partecipare al dibattito, troppo facile farlo quando Montella ci guida alle vittorie contro Tottenham e Roma, o contro la juventus stessa a Torino [e tutti gliene abbiamo reso atto, non abbiamo detto che in fondo non è che avessimo fatto una partita stellare, e nessuno si è attaccato alle giocate soliste di Salah...], bacchettando chi l'aveva criticato in precedenza, sostenendo che se fosse stato per i critici non avremmo visto tutto questo. Come se si fosse chiesto l'esonero di Montella a metà stagione...Ricordare bacino di utenza, diritti tv, rosa che non è da Barcellona ecc ecc non lo trovo attinente, dopo una partita persa in modo umiliante senza giocare né lottare, quando avevamo solo l'imbarazzo della scelta su come impostarla, dopo il grande vantaggio guadagnato con l'andata. Un allenatore che sbagli in modo così marchiano turn over e approccio "psicotattico" alla partita DEVE essere criticato, e anche aspramente, per il bene della Fiorentina. Altrimenti si ricade nella sindrome della SdA, con Prandelli intoccabile e esente da colpe anche quando nel 2010 ci portava a rotta di collo nel precipizio.

    RispondiElimina
  30. io sono d'accordo con te, solo che non mi sembra che ora stiamo andando a rotta di collo nel precipizio, o sbaglio?

    RispondiElimina
  31. MONTELLA é il nuovo Mosé! Quello divideva le acque, VINCENZO divide i tifosi....ora poi, con uno in squadra che viene da zona-Sinai!

    RispondiElimina
  32. Noi i presidenti li meritiamo così....
    "Un’idea rivoluzionaria. Quella che Aurelio De Laurentiis ha spiegato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli: “In Lega stiamo cercando di verificare se è possibile giocare la prima giornata del prossimo campionato in 10 città del mondo diverse. Londra, New York, Parigi, Pechino, Giakarta, potrebbe essere un’idea per far vedere all’estero una nuova faccia del campionato italiano".
    Immagino Chievo-Torino al Parco dei Principi, oppure Fiorentina-Sassuolo a a Giakarta.......

    RispondiElimina
  33. stefano vienna10 aprile 2015 16:05

    No, ma qui si rischia di non centrare obiettivi importanti, siamo nella situazione opposta. Da qui alla fine Montella non deve fare errori pacchiani come quelli di martedì. A parte le battute e le scaramanzie, la finale di Europa League è oggettivamente alla nostra portata anche grazie al Montella lucido degli ultimi mesi, anzi quasi perfetto contro Tottenham e Roma. L'ultima Coppa Europea, e l'unica, l'abbiamo vinta quasi 50 anni fa. Non è detto che ricapiti così facilmente

    RispondiElimina
  34. Ma infatti io critico la singola partita, non la stagione. Ma di fronte a disfatte così si va oltre la singola gara, va detto, un po' come Prandelli che fa un discreto Europeo e poi fa il naufragio in finale con la Spagna...E' un blackout mentale che ci capita ricorrentemente, vedi partita con la Lazio, e ci va posto rimedio se vogliamo crescere. Poi resto sempre della mia opinione, se è possibile arrivare a Bielsa non ho dubbi e prendo lui, altrimenti avanti con Montella, anche perché con lui non dobbiamo ripartire da una tabula rasa o quasi.

    RispondiElimina
  35. Appunto, si critica perché Montella e la squadra non ricadano nell'errore.

    RispondiElimina
  36. stefano vienna10 aprile 2015 16:18

    Adesso però sei troppo conciliante, alla squadra puoi imputare poco, al massimo qualcuno di quelli in campo poteva andare da Montella e dirgli che continuare così era un massacro. Ma solo i grandissimi possono permetterlo, uno di questi era Dunga.

    RispondiElimina
  37. L'allenatore alla vigilia di certe partite sicuramente deve trasmettere atteggiamento tattico e mentale, caricare la squadra, ma i giocatori devono avere palle per loro conto. Già dai primi minuti - se non dai primi piani durante l'ingresso in campo - ero preoccupatissimo, Mati pareva un coniglio bagnato, Borja nervoso dalla tensione [negativa], Aquilani impaurito, Gomez stesso questa volta mi ha deluso per approccio alla partita...Per una volta sono d'accordo con Traversi, il prossimo anno Mati e Borja è bene che restino, ma come alternative di lusso [il che vuol dire che giocheranno comunque molto], nelle partite con difficoltà alte non hanno abbastanza carattere, se si vuole fare il salto. Iturraspe primo obiettivo.

    RispondiElimina
  38. Ah, un'anticipazione: ecco il primo acquisto per l'anno prossimo.

    http://www.calciomercato.com/news/athletic-bilbao-il-ginocchio-di-muniain-ha-fatto-crack-7-mesi-fu-831169

    RispondiElimina
  39. Senza tener conto della disparità di trattamento fra chi deve fare una partita (e quindi una trasferta) a Parigi o Londra e chi deve farla a Giakarta o Pechino o Los Angeles.

    RispondiElimina
  40. Le critiche a Montella per la partita di martedì e per come l'ha preparata psicologicamente sono sacrosante e - senza esagerare e farsi cogliere dagli isterismi - devono essere fatte, per il bene della Fiorentina e dello stesso Montella.

    RispondiElimina
  41. stefano vienna10 aprile 2015 16:41

    Io sono d'accordo invece, ma solo se la Fiorentina viene a giocare a Vienna.

    RispondiElimina
  42. Si bonaaaa, saranno quattro o cinque anni che deve venire, tra un po' smette di giocare

    RispondiElimina
  43. stefano vienna10 aprile 2015 16:44

    Ma un allenatore dovrebbe anche conoscere i limiti dei propri giocatori.

    RispondiElimina
  44. ..l'allenatore lo attaccano in 3, a volte 4...la Società dei magnaccioni solo io....POLL, dopotutto ti rimangono pur sempre 28/29 utenti intelligenti...pensa che sul Sitone ce ne sono solo 3...(JINGLE che con quella bocca può dire ciò che vuole..e magari anche fare.... e magari lo farà....Californiaviola e Pecos Bill )...un saluto agli ultimi due EROI...e un abbraccio al primo che mi ripagherà stanotte grazie a quella bocca ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  45. stefano vienna10 aprile 2015 17:01

    Sul centrocampo, una lista dalle migliori fino alle peggiori opzioni.
    Borja-Badelj-Mati
    Mati-Pizarro-Badelj
    Valero-Pizarro-Kurtic
    Mati-Badelj-Kurtic
    Poi tutte le varianti con Vargas e quelle con Aquilani (se sta bene).
    Se mancano tutti, pure Lazzari va bene.
    Ultima in assoluto: Valero-Aquilani-Mati.

    RispondiElimina
  46. Deyna, non so perché ma stanotte ho sognato il poeta che pronunciava queste precise parole: "tu quoque Deyna, fili mi"......

    RispondiElimina
  47. Cazzo! Potremmo mandare le merde a Fukushima!

    RispondiElimina
  48. La migliore opzione per me al momento è la seconda...

    RispondiElimina
  49. Siete sempre tre, tre somari e tre briganti sulla strada longa longa di Girgenti. Certo che metterti insieme a Pecos Bill e California Viola....ti manca solo Armando Impruneta posi siete a scopa. Jingle lascialo fare, con tutti i suoi difetti mi sembra non c'entri niente con voi fissati contro i fartelliini.

    RispondiElimina
  50. Non penso che le nostre critiche aiutino Montella che, credo giustamente, probabilmente manco sa che esistiamo. Quindi mi sembra difficile che possano fare il bene della Fiorentina. Detto ciò, mi sembra anche superfluo scrivere che il diritto di critica è sacrosanto. In questo blog, come al bar, in ufficio o sugli spalti del Franchi, si crea discussione e tutte le discussioni, soprattutto se hanno un periodo lungo come un campionato per alimentarsi, creano schieramenti di pensiero. Parliamoci chiaro, quando si discute, è molto probabile che si perda di vista l'obiettività, sia in uno schieramento, piuttosto che in un altro, ma alla fine è anche quello il bello. Io stesso, se non ci fosse un confronto, anche sotto la cintura, probabilmente perderei parte di interesse.
    Mi risulta,però, che da nessuna parte come in questo blog, ci sia chiaro anche un filo comune che ci unisce tutti, anche quelli con le idee più antitetiche, un interesse comune che permette di interagire nonostante si sia diversi in molte sfumature, soprattutto di pensiero.
    Ogni volta che qualcuno manifesta l'intenzione di abbandonare, io la vivo male, perché non penso che le ragioni siano più forti dell'idea di base che ci ha permesso di unirci in questo posto. Perciò, da semplice utente, vi invito ad abbozzare un po' di più, senza però togliervi il gusto di rispondere, e a non privarvi di un confronto che può essere a volte fastidioso, ma sempre stimolante.

    Questo è un discorso che faccio in generale, anche a chi se n'è andato da un bel po'.

    RispondiElimina
  51. Bobby Caponata10 aprile 2015 17:20

    Manca Borja-Pizarro-Badelj che vedo bene al pari di quella di Deyna. Tralasciando la partita di martedì...

    RispondiElimina
  52. Di recente no, ma prima sì. Mi ricordava parecchio Peruzzi. Mi piacciono altri portieri come stile di gioco, ma è indubbiamente molto reattivo ed efficace.

    RispondiElimina
  53. Io invece credo più nel camnpionato, col finale che abbiam, che nella EL, dove ci deve andar bene per 5 partite di seguito, tutte una più difficile, anche se non impossibile, dell'altra.

    RispondiElimina
  54. stefano vienna10 aprile 2015 17:39

    Vero, io la metterei tra il terzo e il quarto posto.

    RispondiElimina
  55. stefano vienna10 aprile 2015 17:40

    Bè, con Pizarro in forma, gioca Pizarro, su questo siamo d'accordo.

    RispondiElimina
  56. In nessuna delle combinazioni sopra vedo un centrocampo adatto al tipo di partita "bava alla bocca" che ha impostato la juve.
    Gli altri vedono i filmati e, specialmente in Europa, hanno anche la possibilità di imitare il metodo, se non precorrerlo come hanno fatto gli Inglesi.
    Loro forse più per istinto che per ragionamento tattico-strategico.
    La presenza di Kurtic forse avrebbe un senso se coadiuvata da una difesa a quattro (ma con Richard e non Tomovic), e la presenza dei "cojones" di Alino.
    Ma tutto questo, dopo, è ovvio e non dimostrabile.

    RispondiElimina
  57. stefano vienna10 aprile 2015 17:43

    Sul sitone è pieno di anti-dellavalle, ma si fa fatica a leggerli, mi sa che li salti a piè pari pure tu

    RispondiElimina
  58. stefano vienna10 aprile 2015 17:47

    Con la Juve non era per nulla difficile scegliere visto che Badelj e Pizarro mancavano. Doveva giocare Kurtic e magari pure Vargas. Purtroppo Montella ha scelto la peggiore in assoluto, ancora più sbagliata perchè Allegri, avendolo intuito, ha schierato tre mastini di centrocampo. Poi bisognerebbe anche chiedere a Montella perchè ha messo la difesa a tre quando Savic non si reggeva in piedi.

    RispondiElimina
  59. Riguardo ai talenti italiani, reali od eventuali, mi dispiace essere d'accordo con Gian Travo su un nome : Rugani. Avendo avuto la fortuna di vivere la crescita di Nesta da abbastanza vicino, mi espongo oltremodo affermando che il biondino dell'Empoli è il prodotto che più gli si è avvicinato in questi anni. Meno tecnico, sicuramente, ma con la stessa precisione nello scegliere i tempi d'intervento e la stessa calma capace di estendersi ai compagni di reparto.
    Già da oggi è il miglior centrale del campionato, per caratteristiche prettamente difensive. Inoltra le piglia di testa come un dannato.

    Il centrocampo italico del futuro non può prescindere dalla presenza di Cataldi della Lazio. Fiato, tecnica, fisico e cattiveria, il giovanotto è il segreto che ha permesso la crescita di Biglia, giocatore buono ma lento come la merda, andando a tappare tutte le falle di un centrocampo leggero come può essere quello di un 4-2-3-1. Già a Crotone con Berna, era il leader assoluto della squadra, lo diventerà anche della nazionale.

    Zappacosta, nome a parte, è l'esterno più interessante di un campionato drammaticamente privo di interpreti nel ruolo. Un trattore che sa crossare e inserirsi. Potente, veloce, tecnicamente molto cresciuto, è stato uno dei migliori giocatori in assoluto della scorsa B. Perfetto da terzino, ottimo da esterno.

    Belotti del Palermo ha sofferto scelte di modulo, più che l'esplosione argentina.
    Per me è la reincarnazione fisica di Casiraghi, con in più la velocità in progressione e un gran tiro di destro. La sua qualità più grande, però, è l'intensità d'azione che gli permette di cacare il cazzo ai difensori per tutta la partita. Un'energia nervosa straripante che a volte gli fa sbagliare qualche gol, ma che gli permette di avere una pericolosità senza grosse pause.

    Berardi è una tdk di cui si sentiva disperatamente il bisogno. Cattivo come pochi ragazzini in passato, ha un controllo di palla in velocità ed un tiro che appartengono solo a certi grandi. Gioca a destra per due motivi: la possibilità di liberare il sinistro e la poca intelligenza calcistica. Egoista in una squadra che dipende molto da lui, potrebbe ampliare le sue qualità in una squadra di cui essere semplice interprete.

    Bernardeschi è meno dotato di Berardi nella velocità e nella potenza di tiro, ma gli è superiore nel capire dove sistemarsi in campo e, soprattutto, nello scegliere le soluzioni migliori per la squadra. Tecnicamente completo, ha anche un fisico importante che gli permette di tenere palla e aspettare il momento della giocata. A Crotone fece un annata straordinaria, oltre che per i gol, per la naturalezza con cui si prese la squadra passando direttamente dalla primavera al professionismo difficile. In un campionato dove, per intendersi, Dybala ha faticato anche a giocare e Vasquez non ha fatto granché. Probabile campione.


    Ci sarebbe anche Mattiello del Chievo, ragazzo interessantissimo, ma Naingollan ha deciso di rinviare il giudizio.

    RispondiElimina
  60. Bobby Caponata10 aprile 2015 17:54

    Per me è inutile e spesso dannoso giudicare un allenatore partita per partita.. Per me l'Allegri del Milan non era un pessimo allenatore come dicevano, probabilmente non è il fenomeno di questi giorni ma su cm.com gliene dicevano di tutti i colori. L'ho difeso come ho difeso Mazzarri che è tutt'altro che un cane, se fosse minimamente simpatico sarebbe meglio del Mancio che non vale così poco come si potrebbe dire ora. Io non capisco perchè uno come Montella in base alla sua storia di allenatore, non lunga ma significativa, si meriti un giudizio nel complesso talmente negativo che dopo molte partite fatte bene (e non sarà certo tutto merito suo) venga aspramente criticato dai propri tifosi per una partita andata storta che magari aveva preparato bene e la squadra si è comunque sciolta in campo o non c'ha capito niente.. Poi se uno è convinto che Montella sia un incapace allora vuol dire che nella maggior parte delle esperienze positive avute, ha avuto culo e nei pochi fallimenti è emerso se stesso..

    RispondiElimina
  61. stefano vienna10 aprile 2015 18:04

    Nella maggior parte delle esperienze positive è emerso se stesso. Nei pochi fallimenti è emerso il Masaniello ('a Capa gluriosa) che è in lui. Abbiamo tutti un lato oscuro, Bobby. Montella, come tutti noi, deve imparare a controllarlo, a conviverci senza che il lato oscuro prenda il sopravvento. Come tutti noi, del resto.

    RispondiElimina
  62. Bobby Caponata10 aprile 2015 18:05

    10 aprile 1997
    https://www.youtube.com/watch?v=GBzs3yhruxc#t=17
    porca miseria devo fare gli auguri a mia madre...

    RispondiElimina
  63. Ma sono d'accordo anche se penso che avremmo perso ugualmente perché non siamo abituati per indole a ritmi del genere.
    Certo che fra perdere così è almeno discuterne c'è la sua differenza.....

    RispondiElimina
  64. Illusi dopo un risultato positivo all'andata, come in finale di Coppa Italia 1999, come negli ottavi di EL l'anno scorso e come - ancor di più - in semifinale di Coppa Italia quest'anno.

    RispondiElimina
  65. Sì, quest'anno il centrocampo Badelj - Pizarro - Mati si è rivelato il migliore.
    2/3 di esso contro la juve mancava.

    RispondiElimina
  66. ..non mi metto a dialogare con quelli che definisci 2 somari (il terzo credo d'aver capito chi è), per il semplice fatto che si rendono ridicoli ripetendo all'infinito le solite litanie...non voglio unirmi a nessun partito, io ho il mio altri hanno il loro...criticare i DV può anche sembrare assurdo come allo stesso tempo io ritengo assurdo condannare un allenatore che sta facendo , a mio avviso, più che bene...osannarlo dopo Totthenam, Roma, inter, milan, juve e immediatamente dopo rimetterlo sulla graticola è, sempre a parer mio, ridicolo a livello dei 3 somari sopra...a VOI tutti v'ho capito, tardi ma v'ho capito...si può ridere e denigrare tutti, dal Papa al Presidente a Gesù Cristo, guai però a dare d'imbecilli ai vostri VERI SANTI MARCHIGIANI....oltre loro c'è il nulla, invece oltre Montella c'è una scelta infinita...JINGLE lo stimo pure io e la mia era na battuta ma VOI le battute non le capite perchè oramai il sangue è marchigiano...seguo LELE e vi saluto, mi raccomando, i Trofei che accumulate cercate di spolverarli ogni tanto.

    RispondiElimina
  67. Al di la' della reazione di Lele (che mi dispiacerebbe oltremodo non trovare più qui e doverlo andare a leggere sul sitone) e del tono perculeggiante dell'editoriale, vorrei dire che:
    1) La Juventus era più forte di noi e che probabilmente sarebbe passata lo stesso, quindi sinceramente non sono molto incazzato
    2) Ha ragione e aveva ragione Lele quando scriveva appena letta la formazione se ricordo bene che la formazione non era quella giusta. L'ha detto anche Montella, che pensavo fosse di Napoli e non di Borgo ognissanti
    3) Non capisco il ragionamento dell'ex post. Ripeto non sono arrabbiato, caspmai rassegnato a priori con la Juventus, nella doppia sfida le prendiamo sempre. Ovvio che uno come me possa non azzeccare una formazione e non criticare ex ante la formazione e farlo ex post dopo aver visto il risultato. Non sono (non siamo) allenatori pagati milioni di euro. Quello è Montella, è lui che deve capire le cose ex ante, e questa volta non le ha capite (sua ammissione).
    Per il resto, sono soddisfatto della stagione fin qui, nonostante rimanga convinto che Montella ci ha messo tanto per carburare.
    Au revoir

    RispondiElimina
  68. Postilla sulla partita. La Juventus meritava di vincere. Fossi stato l'arbitro non avrei dato il gol di Salah e quello di Gonzalo. Resto della convinzione che quei due gol alla Juventus li avrebbero dati eccome.
    A ri Au revoir

    RispondiElimina
  69. Aggiungo che devo fare ammenda nei confronti di Lele e Louis.
    Il secondo match con gli inglesi conteneva in sé lo stesso tema messo in campo martedì. La differenza l'hanno fatta la precisione delle punte e l'efficacia della difesa entrambe scarse quelle inglesi.

    RispondiElimina
  70. Non siamo abituati a ritmi del genere. E' verissimo. Però se chi ci supera per qualità ci supera anche nel ritmo, allora non c'è gara. E si visto martedì sera.

    RispondiElimina
  71. non ci capita "ricorrentemente", altrimenti avremmo perso più di 3 partite in 3 mesi... Ovviamente se salissimo di livello con Bielsa ci farei la firma, ma sul livello dell'attuale Serie A mi pare che Montella basti e avanzi...

    RispondiElimina
  72. Però in pratica non ha giocato manco con la juve

    RispondiElimina
  73. Anche la mia era una battuta e mi sembrava abbastanza evidente. Quanto al criticare per me va sempre bene sia l'allenatore, sia la società. Però altro è la condanna senza appello, ripetuta, continua, spesso offensiva che tu (spero soprattutto per scherzo) ed altri (disperatamente sul serio) fate cinquecento volte al giorno, senza giorni festivi. Non ho mai condannato l'allenatore, ma l'ho criticato tutte le volte che mi sembra lo meriti, come martedì. Perdere 3-0 in casa contro mezza Juve in una partita per noi d'importanza fondamentale non è normale.Non è vero che sono più forti di noi, cioè non è vero che lo erano martedì, il fatto è che noi eravamo molto più deboli del nostro standard e chi pecora si fa il lupo la mangia. Il trofeo più importante che ci ha costretto a vincere quella sciagura di consumatore di zafferano è stata la vittoria del campionato....di C2.

    RispondiElimina
  74. Credo che i due novelli desaparecidos dovrebbero rileggere il post di Foco. Io l'ho fatto una volta e mi son reso conto, col tempo, di aver sbagliato. Questo posto è troppo genuino e intriso di complicitià per essere abbandonato causa quelle che ritengo cazzate. Fatela poo lunga e tornate, col Bosse fate come me, ripagatelo con la stessa moneta... lui, in quanto fava, capirà, eheheh...

    RispondiElimina
  75. Allora Pollock sarebbe Pangloss?

    RispondiElimina
  76. Sì, il Socio, nella sua foga argentina, dimentica Rugani e Zappacosta, peccato che sul primo siano già arrivati i soliti idioti. Nemmeno Sturaro è malaccio, un mastino che in quell'ambiente puù crescere davvero tanto. Belotti piace anche a me ma è indietro come le pine verdi e se continua a fare spezzoni invece di partite intere maturerà dopo i 28... Anto, Destro mi sarebbe piaciuto vederlo da noi, Verratti è ovvio, Scuffet va rivisto ma ne parlano tutti come di un potenziale craque... Poi, purtroppo, pochissimo altro, da seguire i nostri Fazzi e Capezzi.

    RispondiElimina
  77. Esatto, è del tipo Peruzzi

    RispondiElimina
  78. Anche il nostro Vecino, direi

    RispondiElimina
  79. Vecino è uno dei miei cavalli, Corto. Qui però si parlava di italiani, sempre che l'uruguagio non finisca, anche lui, nelle grinfie del parrucca...

    RispondiElimina
  80. Ho avuto un black out, Vecino è uruguaiano

    RispondiElimina
  81. Mi stavo rispondendo da solo.. è venerdì e sono un po' rinco, mica sbaglia solo Montella
    ahahahah

    RispondiElimina
  82. Partiva da dietro e non c'erano quasi mai sovrapposizioni.
    Savic e Aquilani non erano in condizioni adeguate per giocare una partita come quella.
    Gioacchino è naufragato come tutti gli altri

    RispondiElimina
  83. stefano vienna10 aprile 2015 22:16

    Ahahah, il migliore degli allenatori possibili...

    RispondiElimina
  84. stefano vienna10 aprile 2015 22:17

    Io ti dico che è la volta buona che rompiamo la tradizione. Comunque per scaramanzia bisogna sperare di perdere a Kyev.

    RispondiElimina
  85. E' LUI! E' LUI! BATISTUTA! AL CAMP NOU, NELLO STADIO DI RONALDO!

    RispondiElimina
  86. Rugani non l'ho citato perché l'ho visto troppo poco, ma quelle volte non mi ha poi impressionato così tanto.

    RispondiElimina
  87. Se Vecino rinnega l'Uruguay non lo voglio più a Firenze, così come Minutella [ma lui ne ha di strada da fare].

    RispondiElimina