.

.

giovedì 2 aprile 2015

La Dimora della Zarina

L’affaccio della camera è sulla cattedrale di Mormanno, il B&B a sua volta sembra una cattedrale nel deserto. 3 camere in tutto, lei è architetto, lui il dottore del paese e abitano al piano di sopra. La zarina era una vecchia zia. Ieri sera il dottore è andato a fare l’aperitivo con il farmacista, e già immagino un’amicizia forte basata su principi attivi. Forse anche un conflitto di interessi attraversa subdolo i loro buffet, perché alla fine di una loro giornata tipo il dottore avrà prescritto il fatturato del farmacista. Intanto la stagione estiva sembra già compromessa (come se fosse allenata da Montella), il sequestro del viadotto Italia dirotta il traffico in entrambi i sensi per Laino Borgo- Laino Castello. Marcondirondirondello. Impensabile che qualcuno decida di affrontare le curve a gomito, la strada stretta, l’asfalto sgranato, 30 minuti terribili disegnati da un destino diretto da Tarantino. E in questa serata di controsensi, l’essere nel parco del Pollino senza nessuna da impollinare, mi spinge verso una riflessione dolorosa. Una donna che ha ragione, ha ragione. Un uomo che ha ragione, è un uomo solo. Ieri ho talmente avuto ragione su tutta la linea che ho persino sognato un giudice di porta che mi controllava la linea. Sogni così dolorosi che il dottore mi ha prescritto il Lasonil che mi ha venduto il farmacista che al mercato comprò. Forse “La dimora della zarina” non esiste a Mormanno, è solo un pesce d’aprile. Un 1° aprile, dove sui giornali ho letto notizie più credibili del solito. Sul caso Ruby c’è un fondo in prima pagina che è anche una considerazione di fondo, di come gli italiani, ignari, abbiano trombato solo maggiorenni. Soddisfazione si legge invece per una nuova stagione di trasparenza in Vaticano. Il prossimo Natale metteranno anche l’etichetta con l'allevamento d'origine sul bue del presepe. La Fiorentina alza finalmente una coppa. Il seguito di Pretty Woman viene girato in Italia e così Julia Roberts diventa ministra. Poi l’immancabile sondaggio dove la maggioranza risulta essere contro i matrimoni tra omosessuali. Ma solo perché se vengono tutti di fila la popolazione poi non ho abbastanza soldi per fargli il regalo. Ho letto che Neto va alla Juve e Salah è il nuovo treno dell’Alta Velocità, che farà il coast to coast malgrado i No Tav. Gente rimasta scioccata da Tavecchio. Ci sono gli auguri ad Antognoni, un po’ di pubblicità con un’offerta che se ti abboni a Youporn, ad aprile ti danno un paio di occhiali neri e un bastone in omaggio. Oggi faccio colazione e sopralluoghi tra gallerie da realizzare e gallerie degli errori. Non capirò mai infatti, quelle coppie che al primo appuntamento mangiano gli asparagi. Ci vediamo al prossimo altrove.








65 commenti:

  1. Boss. Visto che sono seminuovo e sei sempre in giro, oggi nella mia terra (anche se tanti km più a nord) posso chiederti come mai? Sempre che tu non sia un agente segreto.. Nel qual caso mi fido della soffiata su Neto alla odiata rivale. Con indiscrezione.. E affetto.

    RispondiElimina
  2. Seguo i cantieri delle Grandi Opere. E dove c'è da realizzare una galleria cerco di mettere in sicurezza gli operatori che ci lavorano. Insomma, come i topi mi ficco dentro ai buchi. Nel tratto Laino - Campotenese ne stanno realizzando 10.

    RispondiElimina
  3. O Pollocke, e quella che ti ficchi dentro i buchi spiegala meglio

    RispondiElimina
  4. Se un fermavano la TAV tu andavi a lavorare diquaddarno....

    RispondiElimina
  5. Vorrei lasciare un velo (imene) di mistero

    RispondiElimina
  6. Sopravvissuto2 aprile 2015 10:13

    LOINI, t'ha detto bene!! Se POLLOCK aveva l'incarico della galleria di Loino (e non Laino!) erano capperi, per te!! Ahaha ahahaha...
    Ma Marcondirondirondello é quello di Siena? Dal castello di Monteriggioni a quello di Laino, in zona LOINO? ...non se ne esce. Dal buco.

    RispondiElimina
  7. Sopravvissuto2 aprile 2015 10:14

    Tornato il campionato, terminate le bischerate di calciomercato passivo....

    RispondiElimina
  8. devi interpretare quel "buchi" come plurale di buco, o per dirla meglio, buho.

    RispondiElimina
  9. Ho capito giovani! ma non scherzate con i buchi di Loino eh! sono sacri.
    Cmq grazie, spero di non essere stato invadente.
    Ci sono passato due settimane lì da quel tratto, ma che tragedia!! anche se la panormaica interna non è male.
    Hai ragione Sopra! basta minchiate da calciominchiate o mercato...come dir si voglia!W la Fi! W la Fiorentì!

    RispondiElimina
  10. Bobby Caponata2 aprile 2015 11:45

    Parla Delio Rossi (che sottoscrivo pienamente)

    Cosa pensa di Mihajlovic?

    “Tecnico di grande carisma, a volte bastano certi accorgimenti per
    risolvere i problemi di una squadra. Mihajlovic ci è riuscito, anche
    grazie al mercato della Sampdoria e a nuovi investimenti da parte della
    società. Questa squadra è diversa da quella che ho allenato io”.

    Cosa pensa di Montella?

    “Lo considero un grandissimo allenatore, uno che oltretutto sa farsi
    intendere con la società. È una persona ambiziosa, vuole sempre il
    massimo. Se vince con la Fiorentina entra nella storia della società, ma
    forse lo è già”.

    http://www.violanews.com/esclusive/d-rossi-a-vn-montella-il-rischio-e-non-vincere-20150402/

    RispondiElimina
  11. Sopravvissuto2 aprile 2015 12:34

    MONTELLA é già nella storia della Fiorentina, inutile elencare il perché...qualcuno si adonterebbe....eheheheh ehehehe eheheh.......

    RispondiElimina
  12. Bobby Caponata2 aprile 2015 12:53

    Su Montella ha esagerato... forse per togliere meriti a Sinisa.. ehehhehe..

    RispondiElimina
  13. Indovinello: che cos'è il "bocconotto" di Mormanno?

    RispondiElimina
  14. Non voglio dire che Mihajlovic sia il peggior allenatore della serie A, ma certo a me non pare uno dei migliori. E comunque io preferisco un calcio diverso: giocato, non assatanato. Avrei voluto vedere la Samp se avesse avuto per due mesi il ciclo che ha avuto la Fiorentina. Giocare una volta alla settimana aiuta.
    E poi Sinisa, come del resto Rossi, mi richiama alla mente l'incubo di quelle due stagioni nelle quali la proprietà pensò sciaguratamente di mettere tutto in mano a Corvino, il quale - con un organico che aveva il quinto monte ingaggi della serie A - assieme agli ineffabili Sinisa e Delio, suoi scendiletto, presi proprio per questo - ci fece rischiare la retrocessione.

    RispondiElimina
  15. Io lo so.. Ma non faccio testo vero?

    RispondiElimina
  16. Belvaromana572 aprile 2015 13:32

    È un dolce. Si sposa bene con la marmellata. O perlomeno a me piace cosi'. Prova ad assaggiare quelli che la' chiamano i turdilli

    RispondiElimina
  17. Sopravvissuto2 aprile 2015 13:42

    Credevo una tipica fellatio di Castrovillari....

    RispondiElimina
  18. a proposito di buchi e di grande opere, oggi sono esattamente 17 anni da un colpo di culo tra i più clamorosi e splendidi della storia di calcio, apice assoluto dell'opera del mio conterraneo Guidolin, un bravo artigiano che fece il suo capolavoro troppo giovane: https://www.facebook.com/video.php?v=1575493699358841&set=vb.1482230825351796&type=2&theater

    RispondiElimina
  19. Se non ricordo male, dopo l'1-0 in casa, il Vicenza andò in vantaggio per 1-0 anche allo Stamford Bridge, poi il Chelsea - che non era al livello attuale ma era comunque più forte - rimontò e vinse 3-1, andando poi a vincere la Coppa Coppe contro lo Stoccarda. Peccato, adesso può sembrare incredibile, ma il Vicenza poteva veramente vincere una coppa europea. E Luiso fu capocannoniere della Coppa Coppe.
    Un percorso simile l'aveva fatto anche'Atalanta di Mondonico (che era in serie B!!!) dieci anni prima.

    RispondiElimina
  20. sì, quello era il primo grande Chelsea, che inziava a fare incetta di campioni in giro per l'Europa (c'erano Vialli, Zola, Di Matteo, Flo, ecc.), e il Vicenza sembrava l'Empoli di ora: una squadra di illustri sconosciuti che gioca come una macchina perfetta, un'organizzazione di gioco che le grandi si sognano, una dedizione totale da parte di tutti, allenatore compreso.
    Fra le grandi imprese in Coppa delle Coppe non va dimenticato il primissimo Parma di Scala, che, certo, aveva davanti Asprilla e non Otero, però non ancora Zola, che la andò a vincere a Wembley mi sa nel '93 o giù di lì...

    RispondiElimina
  21. Paolotto è un'analisi troppo semplice la tua che parte da concetti giusti (l'errore di fare di Corvino il plenipotenziario quasi senza controllo e di subordinargli in toto gli allenatori), ma trascura anche fatti importanti, come il monte di macerie lasciato nel gruppo e nell'ambiente da Prandelli e l'infortunio di Jovetic, ad esempio che resero il compito di Sinisa il primo anno quasi impossibile da assolvere, 51 punti in quelle condizioni non furono affatto un traguardo da disprezzare. Il secondo anno fu una merda, ma sopratttutto per il motivo Corvino. Delio Rossi poi non ci capì nulla, e rivalutò così anche il predecessore; andò in depressione per finire con quella sceneggiata che lo ha e ci ha fatto vergognare davanti al mondo.

    RispondiElimina
  22. Il reindirizzamento ai pornazzi del sitone è arrivato anche per la versione da PC.
    Chissà se è un programma predisposto per la Santa Pasqua.......

    RispondiElimina
  23. Bobby Caponata2 aprile 2015 15:03

    Le macerie c'erano ma non erano di Prandelli.. e attenzione che la storia potrebbe ripetersi con Montella. Poi sarà facile dare la colpa a Montella quando se ne sarà andato (c'è una lunga schiera di persone che non aspetta altro per la felicità di alcuni personaggi in società pronti a cavalcarli). Rossi lo dice chiaramente "oltretutto sa farsi intendere con la società", quindi è uno che come Prandelli vuole un "progetto", diciamo delineare un percorso di crescita. In quest'ottica sono dispiaciuto per la partenza di Macia che non so valutare se sia un fenomeno o meno, so solo che la squadra che "vince" (che va bene...) non si tocca.

    RispondiElimina
  24. Altro compleanno illustre, oggi...Ma quand'è nato Montolivo?

    https://www.youtube.com/watch?v=O84j3kd33dM

    RispondiElimina
  25. E' morto un grande regista, attivo fino all'ultimo.

    http://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2015/04/02/news/e_morto_il_regista_manoel_de_oliveira_aveva_106_anni-111061012/

    RispondiElimina
  26. Più o meno ogni tre/quattro mesi vado a rivedere le gesta di questo fuoriclasse. Mi ha sempre affascinato quel grugno duro e rabbioso abbinato ad una tecnica straordinaria. Palla al piede imprendibile.
    Ma le sfortune del milan sono coincise con l'arrivo di montolivo o il contrario? in ogni caso uno scenario inquietante..

    RispondiElimina
  27. Ti immagini ad avere Edmundo e Salah larghi col Bati nel mezzo?

    RispondiElimina
  28. La dimora della Zaira, dignene Gano...

    RispondiElimina
  29. Lo sapete che l'ha detto davvero? Perlomeno l'ha ridetto perchè ce lo ha detto a me, a mio figlio in diretta:"Che coglione sono stato, mi han sempra trattato da re, ma io son fatto così, tutto istinto, forse se non fossi così non sarei nemmeno Edmundo sul campo di calcio" Dopo mezzora faceva volare i tavolini del Bamboa perchè uno l'aveva guardato storto e gli aveva fatto un discorso a bischero.

    RispondiElimina
  30. No non lo immagino. Non voglio stare male per una favola che non potrò mai leggere!!!
    Mi faceva impressione...sembrava odiasse tutti tranne il pallone.

    RispondiElimina
  31. Ahahah...tipico Edmundo. A me lo presentarono a Firenze degli amici, devo dire che era simpatico, perfino timido

    RispondiElimina
  32. Che loffiaggine oggi!
    Via per tirare su l'adrenalina vi posto quello che ho scritto nel sitone sotto la notizia dell'addio di Macià:

    Premettendo sempre che si parla senza essere informati 'dall'interno' invece a me la partenza di Macià dice altre cose.
    1) La perdita di un database sconfinato di calciatori 'da fiorentina' dove per questi ultimi si intende giovani prospetti da raggiungere PRIMA che i grandi club rendano inutile qualsiasi nostro approccio.
    2) Cosa assai più grave, la sconfitta della parte dell'azienda competente per ruolo in fatto di mercato. Di fatto con la permanenza (sicuri?) di Pradè si avalla una figura paravento del duo Gnigni-Ramadani, in cui è inutile che illustri chi è veramente che fa il mercato.

    Si dirà, che c'è di male nel mettere il mercato nelle mani di un procuratore esperto ed importante come Ramandani?
    Nulla, per carità, tanto in Italia siamo abituati ai conflitti di interesse da ormai non farci più caso.

    Se io fossi Ramadani porterei OGNI TANTO un campione (un fuoriclasse sarebbe troppo), magari un po' usurato ed in cerca di rilancio, qualche volta acciaccato ma dal prezzo abbordabile, tanto la piazza me lo osanna in tutti i modi.
    Poi senza neanche tanto faticare scaricherei la massa dei mezzettoni, scaldabagni e lavatrici (© DEYNA) che ho in scuderia a prezzo maggiorato.

    Poi pazienza (anzi meglio) se la Fiorentina non riesce a schiodarsi da dov'è, d'altra parte bisogna salvaguardare il bilancio.

    RispondiElimina
  33. Portieri: sento parlare di 20 milioni per il saltimbanco Perin, mi par roba da matti. Dovessi scommettere su un italiano, punterei forte su Sportiello, portiere che mi piace molto, per copertura della porta, intuito, bravura sui rigori, uscite alte, uso dei piedi nelle parate ravvicinate "alla Garella"...Non ho ancora ben capito come sia sulle uscite basse però. Ma ha una qualità importante e rara oggi, Boruc ce lo insegna: una buona presa.

    RispondiElimina
  34. Gano in Piazza de' Nerli2 aprile 2015 18:03

    Tu m'hai rubato la parola. Volevo pe' l'appunto dire che quella la sarà la casa della zarina, ma la 'unn'è di certo la casa della Zaira (in Piazza de' NERLI).
    Ma che lo sapevi che sono a i' pronto soccorso di Torregalli? E cascai da i' letto, l'altra notte, mentre discutevo con la Zaira di quella vecchia storia con l'Ivana di Borgo Stella. Son tutto un dolo.

    RispondiElimina
  35. A me piacciono le passere a km zero, quelle "raccolte" in via dell'Orto.

    RispondiElimina
  36. Gano in Piazza de' Nerli2 aprile 2015 18:39

    Ah, Pollocche, ma tu stai in via dell'Orto? O sali a trovammi quande tu passi. Ora però in questi giorni a casa 'un c'è altri che la Zaira. I chilometri anche se 'un sono zero, glienno pochi, anzi, son du' passi. Ma quanto a passere, tu caschi male, t'avverto. Meglio le zarine delle zaire.
    O qui' pezzo di bischero di' mi' omonimo (vedi, so parlare anche come si deve) di Piazza de' Nervi,che lo conosci? Occhill'è?

    RispondiElimina
  37. Le macerie erano di Prandelli, perchè si può anche andar via, anche Montella può andar via, ma dubito che vada via come il prete di Orzinuovi, dopo esser rimasto attaccato come un'ostrica per tre mesi per fare tutti i danni possibili. Un uomo con un minimo di serietà a marzo avrebbe sbattuto la porta, ma la serietà non è nel suo bagaglio e sputtanò in tre mesi tutto il bene fatto in quattro anni e mezzo. 17 punti nel girone di ritorno e dici che non lasciò macerie?

    RispondiElimina
  38. Bobby Caponata2 aprile 2015 20:17

    Punti di vista.. Sul Prandelli alla Fiorentina non ho niente da rimproverare, anzi pur non vincendo niente lo ricorderò come uno dei periodi più belli. Non ho memoria ma mi fido del parere che mi feci di quel periodo :-). Come quello che mi feci su DDV.... Quello che è successo dopo in nazionale poco mi interessa anche se mi sembra che col codice etico l'abbia buttata di fuori. Come con Rossi che doveva portarlo anche se per farlo giocare solo mezz'ora (e avrebbe fatto meglio sicuramente di Cassano..). Dopo la Fiore ha preso una bella legnata... ma lo stimo ancora e sono certo che sia sempre una persona corretta e dignitosa.

    RispondiElimina
  39. Sì, era il 1993, e il Parma vinse in finale contro l'Anversa 2 o 3 a 1, ricordo un bel gol di Cuoghi. Noi invece quando siamo andati in Coppa Coppe ci siamo beccati Benfica e poi il Barcellona di Ronaldo e Figo...

    RispondiElimina
  40. Perin a 20 milioni è fantascienza, comincio a rivalutare chi ne chiede 15 per Darmian, allora.

    RispondiElimina
  41. Bobby Caponata2 aprile 2015 20:51

    Questo è il listino per russi e arabi. Per il mercato italiano c'è lo sconto almeno del 50 percento.

    RispondiElimina
  42. Tempo di compleanni. Oggi è quello del mio più grande idolo. Edi. Nonostante Antonio, nonostante Baggio, nonostante Bati. Per il "matto" persi subito i' capo, una vera e propria fissa con la quale ho mandato al manicomio quasi tutti gli amici, che essendo per il novanta per cento calciofili, alla fine decisero di appiopparmi Alves come soprannome. Non lo conoscevo, non sapevo calcisticamente chi fosse, ma la famosa intervista che il Socio ricorda sempre fa capire tutto del personaggio e del calciatore. L'atmosfera che ho vissuto nell'anno e mezzo del brasiliano è stata unica ed irripetibile. Ricordo ancora come fosse ieri i prepartita, le settimane che precedevano le gare della Viola. Dopo Ronaldo anche noi avevamo finalmente il nostro Fenomeno. "Pezzi" da capogiro, finte che mandavano ai barre il primo (sempre), il secondo (quasi sempre) e i' terzo (spesso), una visione di gioco da Pirlo, un senso della porta ed una freddezza ai sedici metri di prima categoria. Un talento pazzesco come pazzesa era la sua testa. Ricordo ancora gli allenamenti ai campini, il giovedì, col Trap che gli urlava dietro e lui che si girava verso di noi (centinaia di matti che lasciavano d'ogni osa per andare a vedere qualche "pezzo" del brasiliano) e rideva, come a dire: "ma icche vole questo?" Morale della favola, mentre il gruppo, col Bati e Rui in testa, sgobbava agli ordini dei preparatori, lui faceva giohesse che solo sui filmini maradoneschi di youtube potreste rivedere. Il campionario era quello, gente impazzita... Palloni tirati venti metri per aria e stoppati tra capo e collo... in partitina i bimbetti della primavera scherzati come birilli e la gente che impazziva... Sul campo lo abbiamo visto tutti, ci sono tre perle di quel fuoriserie che mi son rimaste stampate nel cervello; quel Parma-Fiore col Male in panchina in cui si rivela al calcio italiano e segna saltando come birilli Thuram, Cannavaro e Buffon. Il famoso Fiore-Juve vinto col gol del Bati, l'anno dopo, col Trap in panca; alla fine del primo tempo aveva fatto ammattire tutti, espellere Montero che si gira verso Lippi e alza le braccia... Ed infine quella partita che ricorda sempre Stefano, Roma-Fiorentina con la scandalosa e tristemente famosa sostituzione del Trap. Imprendibile per tutti, una classe infinita. E' stato bello averti con noi. Auguri Fenomeno!

    RispondiElimina
  43. http://www2.raisport.rai.it/news/rubriche/cmercato/199801/08/34b5571501ca5/edmundo2.JPG

    RispondiElimina
  44. Lo sai che l'anno scorso è tornato a Firenze ed è andato anche allo stadio?

    RispondiElimina
  45. che fosse tornato a Firenze mi sembrava di averlo sentito ma dello stadio proprio non lo sapevo ... ho riguardato ora il video sotto postato da i'Socio... mamma mia se era forte, da quelle riprese fatte dal passo si vede bene a che velocità scambia il pallone da un piede all'altro... impossibile portarglielo via... eppoi che fosse lento è una novella, quando decideva di "pigiare" un lo pigliavi mai...

    RispondiElimina
  46. L'EffeNberg combina casini
    http://www.corriere.it/sport/15_aprile_02/edona-trans-accusa-effenberg-sesso-droga-senza-pagarmi-909b685c-d94a-11e4-938a-fa7ea509cbb1.shtml
    mi il nostro EffeMberg, che fine avrà fatto?
    Mi mancano i suoi editoriali...

    RispondiElimina
  47. Bobby Caponata2 aprile 2015 22:11

    Sotto l'articolo c'è lo spazio di "come ti invecchia il calciatore" con dei visi clamorosi..

    RispondiElimina
  48. Edmundo, per me, è il più grande traditore della storia Viola. Non ci sono montolivi che tengano. Quando vidi Bati accasciarsi in corsa verso la porta del Milan, lo odiai istantaneamente. Se avessimo avuto Maradona e lui avesse sputato sulla Fiorentina come ha fatto il brasiliano, per me sarebbe sparito anche lui. Il fatto che lui faccia il compleanno il giorno dopo Antonio, serve ancora di più per demarcare il solco tra chi si è meritato quella maglia e chi non l'avrebbe mai dovuta indossare.

    RispondiElimina
  49. Grande Louis! C'è stato Antonio, c'è stato Bertoni, c'è stato Passarella, c'è stato Baggio, c'è stato il Bati, c'è stato Mutu, ma uno che mi ha acceso così a vederlo giocare deve ancora venire.

    RispondiElimina
  50. Non ne dubito, ma una cosa non esclude l'altra...Comunque l'impressione che mi fece fu quella

    RispondiElimina
  51. Su Edmundo sono abbastanza d'accordo con Foco, nonostante il mio filobrasilianesimo. Non lo odio come lui, ma lo considero responsabile del mancato scudetto del '99.
    Anche se so benissimo che O Animal era più forte, io ho un ricordo molto migliore di Enrico Chiesa.

    RispondiElimina
  52. Hai letto che pare sia stato Sinisa a segnalare Neto al Corvo?

    RispondiElimina
  53. Io ne riconosco la grandezza tecnica, ma è stato grande solo in quello.

    RispondiElimina
  54. Ma poi veramente gli mettete dietro Baggio?

    RispondiElimina
  55. Sì, non lo sapevo, ma mi sembra un po' inverosimile che Sinisa in vacanza in Brasile vada a vedere le partite dell'Atletico Paranaense...

    RispondiElimina
  56. Edi per me aveva ancora più talento, e soprattutto più personalità e cattiveria. La sua pazzia lo portava poi ad essere meno continuo, quindi in carriera Baggio si è espresso di più, anche se con limiti di carattere [Cruijff e Maradona col cazzo che si sarebbero fatti mettere in panca da Lippi e Capello].

    RispondiElimina
  57. Credo che per Lezzerini intendesse Neto, visto che, d'accordo con le direttive del capo,nemmeno lo nomina. Che Lezzerini sia buono è tutto da dimostrare e se seguitano a tenerlo in panca lo rassodano per sempre.

    RispondiElimina
  58. per il mercato milanese, non confondiamo

    RispondiElimina
  59. Infatti poi lo faceva giocare sempre

    RispondiElimina
  60. Tu sei filosudamericano ma se Baggio fosse nato a Rosario non parleresti così. Edmundo era capace di giocate assurde da fuoriclasse assoluto, ma aveva anche le sue lune storte che faceva incazzare anche le panche.

    RispondiElimina
  61. Dell'Edmundo viola so poco perchè in quegli anno ero in Brasile e quindi seguivo solo da lontano. Conosco l'Edmundo brasiliano e vi posso assicurare che sono state gioie, grandi, ma anche dolori dovunque è andato e le ha girate quasi tutte, delle grosse gli manca solo il S.Paolo, le altre le ha beccate tutte. (Botafogo, Vasco, Fluminense, Flamengo, Corinthians, Santos, Palmeiras). Anche l'ultimo anno al Vasco, a 37 anni, fece sempre 13 gol. Però per essere grandissimo, almeno qui, gli è mancata la continuità e, quindi, l'affidabilità almeno nel medio periodo. Più di un paio d'anni non ha retto da nessuna parte e tu Foco, te la pigli per la fuga di Carnevale! E' come una donna, meravigliosa, ma abbastanza maiala, che ha il tradimento nella sua essenza, o, in modo meno impietoso, che è sempre alla ricerca di nuovi stimoli. I' mi' nonno diceva "un n'ha basto che gli entri" ma si riferiva a' ciuchi. Se tu la vo' sposare tu se' un disgraziato, trombala sinchè gli va, e le saranno trombate meravigliose, ma un ti c'incazzare perchè tu se' te che un tu n'ha' capito nulla.

    RispondiElimina
  62. Parole di Guerini: "Qualcosa è stato sbagliato nel rinnovo di Neto". OH, oh ora anche la voce ufficiale si lascia a dire un po' di verità?

    RispondiElimina
  63. Bobby Caponata3 aprile 2015 08:39

    Parlavo di pianticelle.

    RispondiElimina