.

.

martedì 26 novembre 2013

W le donne

A Udine non abbiamo fatto punti ma in compenso c’è stato il contatto Pradè-Pozzo, smentito per ovvie ragioni investigative dai Ris di Parma, mentre i più informati sostengono che non ci saranno problemi per riscattare la seconda parte del cartellino di Cuadrado proprio visti i buoni rapporti in essere tra i Della Valle e la famiglia Pozzo. Non sono così convinto che non ci saranno problemi di natura economica, e a questo proposito mi viene in mente il classico esempio del genovese che va a mangiare al ristorante insieme a un ebreo per concludere la trattativa Cuadrado lontano da occhi indiscreti. Tutto bene come sostengono sempre i ben informati, il pasto è quanto di meglio offra la cucina ligure, ed entrambi alla fine si sentono tanto soddisfatti dell'accordo quanto dell'abbondante mangiata. Nasce però il problema del pagamento, non specificato ovviamente in precedenza. Si sente allora la voce del genovese che piano piano dice:"Pago io!". Il giorno dopo si saprà che un noto ventriloquo ebreo è stato sgozzato per un regolamento di conti. Sgozzare infatti non è un problema, è solo sgozzare anche se i Ris di Parma non sono d’accordo. Intanto i soliti ben informati che ci avevano dato Gomez convocato per Udine, brancolano nel buio della buona informazione. Lei no invece, “La vita è una schifezza, e tu sei la vita mia!” Con questa frase Cristina de Pin ha accettato la proposta di matrimonio del suo Riccardo, del resto Montolivo è uno di quegli uomini che credono nella famiglia, e solo il Salucci di via de’ Serragli ci credeva più di lui, così tanto che ne aveva due. Una anche in via Senese. Gomez è in Germania dal dottore di famiglia, una visita che ci capita tra capo e collo, l’esatto contrario del cacio sui maccheroni di famiglia, i soliti ben informati sostengono, che l’esatto contrario sia invece un calcio su Maccarone. Scoperta nel frattempo la strategia di Fiorentina.it, non piace ai suoi vecchi utenti perché in realtà è rivolta a un pubblico prettamente femminile, lo dice Ceccarelli intervistato dalla rivista “Donna in sovrappeso” ha rivelato che l’idea è stata proprio quella di andare incontro alle donne perché se lo vedono prima loro la notizia si sparge più in fretta e così poi lo sanno anche i vecchi utenti. Per quanto riguarda il contatore degli utenti on-line, Ceccarelli ha affidato la gestione ad una squadra di cacciatori che si alterna con una di pescatori. Le sparano grosse anche i pescatori. Chiudo raccontando la storia di Furio che abitava in una topaia di via della Chiesa, sempre positivo a differenza di chi scrive su Fi.it che invece si lamenta perché gli scudetti sono solo due e le stagioni solo quattro , insomma, che sputa sulla Fiorentina anche quando c’è vento contrario, Furio era un entusiasta pur vivendo in quella topaia, io mi sentivo in colpa perché vivevo al primo piano e le mie finestre sul retro si affacciavano tutte sul giardino Torrigiani. Lui pur essendo il più disagiato tra noi non ne faceva una colpa a nessuno, anzi, sorrideva e aveva sempre le occhiaie. Quando veniva a casa mia mia madre gli faceva sempre l’uovo sbattuto, parlava di Fiorentina in maniera positiva, sempre, e mi diceva che a Siena non capivano una sega, oggi capisco a cosa si riferiva, mentre quel suo sorriso e quelle sue occhiaie non le capivo proprio come un post  di Lud, era addirittura più positivo di Corvino quando parlava dei 4 sgudetti, non mi ha mai fatto entrare in quella sua topaia, probabilmente perché se ne vergognava, e quando lo aspettavo fuori e apriva la porta usciva uno strano odore che io non avevo ancora mai sentito, e che pensavo fosse odore di muffa. Mi sono chiesto per tanto tempo come facesse a vivere in una topaia ed essere comunque sempre così di buon umore e con le occhiaie, mentre io che vivevo in un appartamento dignitoso mi calava la vista. Alla fine penso che non fosse una vera e propria topaia come intendiamo noi, era lui che la definiva così, un vezzo, solo perché era sempre piena di fica. Mentre lui trombava, io mi facevo le seghe e la mi’ mamma gli dava pure l’ovo sbattuto. Chiudo davvero, per superare le reti sbagliate da Cuadrado a Udine, e certi vecchi retaggi, visto che ieri è stata la giornata contro la violenza sulle donne, strappiamo certi manifesti che fanno tanto discriminazione territoriale e violenza negli stadi.

62 commenti:

  1. Per caso gli arbitri hanno letto il punto 5 di quella specie di decalogo e pensano di essere sposi di Pizarro?

    RispondiElimina
  2. Il finale su Furio è cosa grande.

    RispondiElimina
  3. Stefano, continuiamo qui così siamo aggiornati.
    Secondo me tu stai urlando sotto l'albero sbagliato.


    Il problema della Fiorentina non è il centrocampo.


    il problema della Fiorentina non è Pizarro.


    Il problema della Fiorentina è che, in assenza di Gomez, Montella ha deciso, inopinatamente, di farla scendere in campo con una punta sola e leggera.


    il problema della Fiorentina è che sulla fascia sinistra è molle ed impalpabile per colpa di un tornante che è un clamoroso equivoco ed ha anche la fascia di capitano.


    Sono convinto che se si risolvessero questi due enormi problemi tutto andrebbe a posto, e cioè l'impiego degli uomini giusti e la giusta collocazione degli uomini in campo, ed in particolare Cuadrado.


    Tutto lì.

    RispondiElimina
  4. Credo che le mie mogli, di quei 17 punti, hanno rispettato solo il primo e per un certo tempo: ora capisco dunque cos'è che non ha funzionato. Sì, Chiari, sono d'accordo con te. Ma a centrocampo Aquilani non può essere spremuto e il Pek è in oggettivo declino: dorato, ma declino. Sicuramente, il ritorno al 3-5-2 e una maggior assistenza a sinistra aiuterebbero anche Pizarro.

    RispondiElimina
  5. Si parla di uno scambio di prestiti, Ilicic-Lodi, io non lo vedrei male, anche con reciproco diritto di riscatto, considerando eventuali diverse valutazioni. Così la rosa sarebbe perfetta.

    RispondiElimina
  6. Le mogli...alla mia ho regalato il frullino elettrico, le ho regalato la poltrona massaggiante elettrica, regalato il microonde elettrico, ho regalato il districa-capelli elettrico, ho regalato il pulisci-pavimento elettrico, ho regalato la scopa elettrica, ho regalato l'irriga-vasi elettrico....Credo che le regalerò anche una sedia elettrica.

    RispondiElimina
  7. Io ti chiuderei in una stanza piena di femministe anni 70, Colonnello, e getterei la chiave. Ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  8. Pasqual : 1) se è un fluidificante non fluidifica, si limita a fare "il muretto" sul quale Valero fa rimbalzare la palla per rigiocarla (potevamo metterci Montolivo, fermo per fermo...); 2) se è un tornante "non va" quindi lo definirei un fluttuante, uno che ritorna pur non andando (potevamo metterci Brivio); 3) se è un laterale a sostegno quasi ci siamo, torniamo al punto 1; 4) se è un terzino non evoca nessuna terzina (e neanche un trocheo) epico-poetico (allora era meglio il prof.Secco di Belluno); 5) se è un difensore allora Roncaglia è l'avvocato difensore di Dio; 6) se ha la fascia per motivi di spogliatoio, allora la tolga prima di entrare in campo, oppure accompagna la squadra in campo e si fa da parte; 7) se avete notato il suo non-carattere nelle discussioni con gli arbitri...Non lo cagano di striscio. Date quella fascia da capitano ad Ambrosini e vedrete cosa significa una dialettica accesa e proficua con gli arbitro.

    RispondiElimina
  9. Chiari, sono stato spesso chiuso in una stanza con delle femministe (una alla volta, in verità) e volevano quel che vogliono tutte, ciò che loro ho dato con reciproca soddisfazione. Il problema è dopo, quando hanno bisogno di chiacchierare e vorrebbero che io, come loro, predicassi male e razzolassi bene.

    RispondiElimina
  10. L'ultima giornata, oltre a rivelarci che siamo incompleti per i noti motivi (poche punte, niente vice-Pizarro, Pasqual in campo, nessuno forte di testa in difesa... D'altronde saremmo più forti dei gobbi senza queste lacune), torna a ristabilire lo status quo in cui le merde bianconere sono i favoriti per lo scudetto mentre le altre 3 che ci precedono sono umane, anche se hanno tutte delle attenuanti (la Roma continua a non perdere e a non beccare gol o quasi, pareggi così sono fisiologici in quanto a punteggio pieno non chiude nessuno; il Napoli è atteso da una gara che vale una stagione; l'Inter se in realtà ne avesse segnati 4 a Bologna non ci sarebbe stato nulla da dire).
    Per noi un'occasione sprecata sicuramente, un giramento di palle che mi fa tornare a parlare di calcio solo oggi. Andrei comunque più cauto con le bocciature di Ilicuc e Aquilani, troppo frettolose secondo me.

    RispondiElimina
  11. Vecino e Mati dovrebbero giocare di più, lasciando rifiatare Aquilani e Pizarro. Joaquìn, data la modesta tenuta fisica, sarebbe bene utilizzarlo a partita iniziata, preferibilmente se si è già in vantaggio, partendo invece con Rebic o Matos accanto a Rossi, in attesa di Gomez. Cuadrado deve giocare a destra e fare tutta la fascia. Tomovic non può essere preferito a Roncaglia, neppure in una difesa a quattro. In quanto a Pasqual: con Alonso (intraprendente in avanti, svagato in difesa) o Vargas (che temo sia irrecuperabile ai livelli che gli competevano, visto che si sta allenando assiduamente da agosto e non ha ancora trovato la condizione migliore) al suo posto probabilmente miglioreremmo, anche se di poco. Montella non farà nulla di tutto questo.

    RispondiElimina
  12. Il Monto si è tagliato l'uccello: a chi gli chiedeva perché, ha risposto che gli stava decisamente sui coglioni (ahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  13. E bravo Colonnello, una alla volta come, come ne "Gli Orazi e i Curiazi". Furbo eh! Io non ho detto in una stanza con UNA femminista, ho detto in una stanza PIENA di femministe.

    RispondiElimina
  14. Se proprio non vede le due punte, il Monty potrebbe proporre Ilicic alla Ljajic. Ma non farà neppure questo.

    RispondiElimina
  15. Ilicic, Antoine, finora a Firenze si è dimostrato un punto interrogativo grande come una casa.
    Non sono neppure certo che sia stato acquistato sulla base di una vera necessità.
    Visto da fuori, insistere su di lui, a questo punto potrebbe essere rischioso, non ci sono più molti passi falsi che ci potremo permettere.
    Detto ciò può darsi che in allenamento stia dimostrando cose che in campo non si sono ancora viste, in questo caso ne sarei solo felice.

    Alla Ljajic potrebbe giocare Matos, anche se con caratteristiche un po' diverse, ma anche quelle di Ilicic lo sono.

    RispondiElimina
  16. Inoltre mi sembra che anche Rossi stia giocando un po' alla Ljajic, e anche meglio, il punto è che non si può lasciarlo solo.

    RispondiElimina
  17. Per Montolivo, BLIMP, faremo come con Tyson...attenderemo che qualcuno sputi il reperto e poi lo consegni, pubblicamente.

    RispondiElimina
  18. Ilicic mi è sempre piaciuto molto, anche se il suo arrivo mi è parso abbastanza insensato, visto che è di difficile collocazione in una Fiorentina con Rossi e Gomez. Fino a quando non rientrerà il tedesco, tuttavia, non sarebbe disprezzabile il suo utilizzo, magari facendolo giostrare dietro a Rossi, il che gli consentirebbe di inserirsi più volte in area nell'arco della partita, viste anche le capacità di quest'ultimo di fare da sponda. Rossi alla Ljajic lo vedo poco: dopo gli infortuni, mi pare infatti che il nostro sia divenuto meno mobile, ma più prolifico (forse addirittura migliorando). Insomma, Matos, Rebic, Ilicic: scelga Montella, ma non ci riproponga il modulo finto quattrotretresco.

    RispondiElimina
  19. Ilicic se a Gennaio verrà ceduto finirà nel cassetto delle meteore viola, con tanto di rimpianto da ambo le parti, sua perché non è riuscito a mostrare neanche un 20% di quello che vale, nostra perché a fronte di una simile spesa si durerà fatica a riprendere tutti i baiocchi per un giocatore sotto utilizzato. Peccato, mi è sempre piaciuto e lo considero fortissimo, spero che maturino situazioni e opportunità in cui possa mostrare il suo reale valore anche se non penso verrà ceduto in questa prima finestra, un simile esborso non può essere rinnegato dopo mezza stagione. Ljajic incide meno di quello che si pensava, sulla sinistra, come finto centravanti, come falso esterno, come ottava punta, vabbé, è giovane, ha smesso di mangiare nutella, un bel passo avanti per uno della sua età. Ci troviamo a 4 punti dal terzo posto, obbiettivo massimo per questa stagione in campionato anche se vorrei avere il vostro ottimismo al riguardo, aspetto con ansia Gomez, il tassello che può rovesciare la stagione come un guanto, su tutti i fronti, si è visto cos'è la roma senza Totti, la juve senza Tevez, il milan con un Balo a scartamento ridotto, hai voglia a schematizzare e parlare di moduli, quando togli le Santa Barbara migliori ad ogni squadra soffrono tutte come dannate, che si chiamino Barcellona o Bayern, a maggior ragione se ti chiami Fiorentina.

    RispondiElimina
  20. Mi rifiuto categoricamente di pensare, anzi anche solo di ipotizzare lontanamente, che una società come la Fiorentina, attenta al bilancio com'è, abbia speso 10 milioni per comprare un giocatore il cui profilo "tecnico-tattico" (per dirla alla Capello) non fosse stato attentamente valutato, e pensato nella rosa senza essere ritenuto un valore aggiunto.
    Poi il tempo potrà anche dire che tale valutazione (sul suo valore in soldoni, o sull'utilità delle sue propensioni tattiche in questa rosa) si sarà rivelata errata, o che le priorità di mercato erano in altri ruoli, ma solo dopo il responso del campo, che ad oggi riterrei avventato, dato che si tratta di giocatore di 190cm alle prese con la ricerca della forma fisica in una squadra nuova dove i giocatori del suo livello sono tanti. Ma l'ipotesi di leggerezza a priori, cioè dell'occasione di mercato colta en passant, non è da questa società, quando si parla di certe cifre.

    RispondiElimina
  21. Oltre tutto 9 milioni non mi sembra proprio un prezzo d'occasione. Sono dell'idea che col Palermo ci fossero debiti pregressi dai tempi di Viviano (l'ho già detto mille volte ma uno Zamparini che spende 3,5 milioni per riscattarlo dall'inter per poterlo dare in prestito a noi proprio non ce lo vedo). Certo è che il giocatore doveva servire, ma non vedo bene come se Gomez e Pepito stanno bene (se fosse stato bene fisicamente finora sarebbe invece servito e molto a fare il Ljajic, anche se con caratteristiche diverse). Con Gomez e Pepito l'unica sua posizione è il trequartista alle spalle dei due con problemi per il posizionamento di Cuadrado e di quadratura del centrocampo. D'altra parte sembra uno psicologicamente non fortissimo che patisce la panca o ruoli non primari, e allora?

    RispondiElimina
  22. Sono molto deluso da Montella quest'anno. Ho cominciato a vederci opaco dagli spalti contro Catania e Cagliari, poi Grasshopper, Inter, Lazio, Chievo, Udine e altre che mi dimentico. Dove mi é piaciuta molto invece é contro Dnipro. Gli sbagli sono stati subito qui notati, e non bisogna dimenticarsi che molti di questi sono stati coperti dalle giocate individuali di Cuadrado e Rossi. Insomma il gioco fluido dello scorso anno é un ricordo che appare qua e là, ma a con ritlmi decisamente lenti. L'ostracismo verso giocatori che siedono in panca messi in dimenticatoio, la tenacia nell'affidarsi all'usato sicuro, la presunzione di poter far rendere un giocatore in ruoli diversi dalle sue caratatteristiche,(Ilicic e Cuiadrado) sono inequivocabili ispirazioni al dogma del santino, prandellerie insomma o prandellite, malattia gravissima da curare in isolamento. Il solo pensare a questo regresso tecnico tattico é ributtante, Spero solo che in qualche maniera torni quello dello scorso anno e il prima possibile, a meno che quello non fosse frutto di tante coincidenze che hanno indotto tutti alla sua sopravvalutazione.

    RispondiElimina
  23. A proposito di Montella, devo dire che io invece lo apprezzo sempre di più.

    RispondiElimina
  24. Temo anche io che ci fosse una situazione di fatto da sanare col Palermo legata a Viviano,e che Ilicic abbia rappresentato per ambo le parte la soluzione. Ciò detto è ovvio che anch'io spero che mostri tutto il suo valore, se non a Firenze dandolo in prestito.

    RispondiElimina
  25. Lele io tutte queste differenze con il gioco dell'altr'anno non le vedo. Anche l'anno scorso era basato su possesso palla, ma raramente brillava per rapidità, che è quella che fa poi la differenza. Se c'è una qualche differenza in intensità non credo dipenda da Montella ma dalla minor vena dei tre tenori che, a parte Borja Valero e, più raramente, Aquilani, non hanno gli stessi ritmi dell'anno scorso. In più abbiamo Pepito, in meno i due "ic". Come punti siamo lì. Insomma se si pensa che è mancata, per ora, quasi tutta la campagna acquisti, non sarei molto col fucile spianato. Per me i problemi e le colpe, se vuoi, sono altre. Il non saper organizzare la difesa sulle palle inattive o il non essersi incazzato a morte per cambiare interpreti, se quello è il problema, ad esempio, o la filosofia di base che, però, o l'accetti o la rifiuti. Non si può accettare quando si vince e rifiutarla quando si perde. Nel dettaglio vedo una pericolosa involuzione nell'impiego di Cuadrado. Non può far da potta e da culo di continuo, soprattutto non gli si può dire che si deve divertire. Si deve divertire un cazzo, deve giocare per ottenere lo scopo unico che è quello di far goal o di farlo fare. Con quelle azioni meravigliose e solitarie concluse a schifio magari trascurando chi è solo davanti al portiere fa incazzare il prossimo e si rimane a zero goal. Se riescono a fargli capire che una volta fatto il più deve concentrarsi per fare al meglio il meno diventerà davvero un grande giocatore, un Garrincha, se no rischia di diventare un fenomeno da Circo Equestre. Questo è l'allenatore che deve farglielo capire e se comincia a farlo giocare sempre nel solito posto invece che una volta a destra,. una a sinistra, poi nel mezzo, poi in difesa, poi magari in porta, forse sarà più facile.

    RispondiElimina
  26. Anche io continuo a stimare molto Montella sia come tecnico che come uomo.
    Non mi sembra che ci sia una involuzione nel nostro gioco rispetto all'anno scorso.
    Ciò detto Montella non è un santo quindi non è esente da errori.
    A proposito di chi ama invece santificare ho trovato un degno amico dello svizzero: il compagno Bondi, eccolo qui sotto.

    RispondiElimina
  27. In effetti, questa prolungata assenza di Deyna desta preoccupazione.

    RispondiElimina
  28. Buon appetito

    http://www.teladoiofirenze.it/cibo/i-5-migliori-lampredotto-a-firenze/

    RispondiElimina
  29. JORDAN vengo diretto ai tuoi appunti, ma il non saper domare un cavallo di razza come Cuadrado é un limite enorme, come cambiargli il ruolo naturale, come il non saper cogliere il declino del centrocampo e trovare quindi soluzioni alternative, come imbrigliare Ilicic a destra demotivandolo e disinnescandolo, come l'insistere su Pasqual quando hai migliori alternative...come vedi ho citato solamente i tuoi distinguo e bastano ed avanzano per le mie critiche. Dici che abbiamo gli stessi punti? Certo ma c'e' Rossi che vale il triplo di Jovetic, lui fa quello che pochi sanno fare dal nulla: i gol. Diverse partite l'ha vinte lui da solo, qualcuna Cuadrado, ma il gioco collettivo e spigliato dello scorso anno, che per altro si arenava alle conclusioni, dove é? Siamo piu' lenti e di molto, e mi preoccupa la scarsa capacità di lettura della partite, E poi, che non si osi tirar fuori l'assenza di Gomez come alibi, perché anzitutto gli altri non hanno cecchini come Rossi, ma forse Udinese, Cagliari, Lazio Parma hanno Gomez? Ora si assiste al Prandelli bis, alla asntificazione di Montella che siccome é stato messo sull'altare diventa eresia criticare. Io ho i miei occhi che certo possono sbagliare, ma non quando vedono Pasqual titolare, Cuadrado a sinistra, poi terzino, Pizarro in campo che cammina, con Vecino in panca, Rossi lasciato solo anche quando si deve recuperare e Ilicic che viene ora sbrindellato, a destra quando un c'ha mai giocato in vita sua! Possono piacere o no, ma mi paiono rilevi oggettivi.

    RispondiElimina
  30. Certo é vero che la nostra difesa é composta da giocatori medi, ma erano gli stessi dello scorso anno.

    RispondiElimina
  31. Ti prego, sto pranzando! (polenta taragna e farinata)

    RispondiElimina
  32. Da Violanews:

    Anche le «picconate» di Boban si sono abbattute su Balotelli. Ai microfoni di Sky Sport 24 l’ex-milanista ha stigmatizzato, senza timori, l’atteggiamento dell’attaccante rossonero che è sempre al centro di numerose querelle. In campo, ma anche fuori. Hanno fatto scalpore i due ritardi consecutivi (sia domenica che ieri, lunedì) per l’appuntamento che precede l’allenamento. Ecco il ragionamento di Boban: “Smettiamola di parlare di questo Balotelli – ha detto “Zorro” – in vita sua non ha fatto nulla, se non panchina ovunque. Lui sarà sempre piu piccolo del Milan e il Milan sarà sempre piu grande di lui. Il suo comportamento svogliato dimostra che proprio con il cervello non arriva a capire alcune cose non capisce cosa vuol dire indossare quella maglia. Balotelli nel mio Milan, nella migliore delle ipotesi, avrebbe portato il “borsone” a Van Basten, a Weah, a Sheva – ha rincarato la dose il croato – Come è possibile che un calciatore possa arrivare in ritardo per due giorni di fila agli allenamenti? Nel mio Milan avrebbe preso schiaffi da gente come Maldini, Desailly, Seba Rossi, Costacurta, Baresi”.

    Io ho la risposta alla sua ultima domanda: basta vedere chi è il capitano del Milan.

    RispondiElimina
  33. Comunque é vero che la preoccupazione per DEYNA sale. Credevo di stanarlo con la pubblicazione della cicciona, assist a cui non avrebbe resistito, ma niente...

    RispondiElimina
  34. Ho sentito che la garfagnana ha avuto problemi di mal tempo e ci sono stati problemi con le comunicazioni. Forse non ha l'adsl momentaneamente.

    RispondiElimina
  35. L'ipotesi di Foco l'avevo formulata anch'io dentro di me. Altrimenti possiamo pensare al peggio, e cioè che una maiala di tre cotte l'abbia squestrato e un extreme bondage gli sia stato fatale.

    RispondiElimina
  36. In quel caso sarà mio compito preservarne il ricordo ad imperitura memoria. Una fine da eroe va tramandata di generazione in generazione da bardi sopraffini e poemi di epico splendor.

    RispondiElimina
  37. Intanto, per passare il tempo...

    RispondiElimina
  38. Comincio ad essere pure io preoccupato per Deyna..
    Intanto Buk è scatenato:

    http://www.firenzeviola.it/l-editoriale/i-piani-del-mercato-estivo-heitinga-e-mario-suarez-nel-mirino-in-arrivo-un-giapponese-e-un-cinese-di-grande-qualitae-ilicic-in-prestito-arrivano-onazi-146426

    RispondiElimina
  39. nessuno dei miei arriva in ritardo pero'...

    RispondiElimina
  40. Lele trovare alternative ai tre tenori dell'anno scorso non è semplcissimo ed i vari Bakic, Vecino e Wolski saranno anche buoni tra due o tre anni (forse) ma per ora sono giovani di belle speranze che non assicurano nemmeno la metà dei titolari soprattutto in fatto di continuità. Pasqual è un giocatore mediocre in chiara fase discendente, ma al suo posto chi ci metti? Alonso? per piacere, è un altro che come si sta in difesa non lo sa nemmeno per sentito dire, ha prestanza fisica, un discreto tiro e poco di più, mi pare un De Silvestri mancino. Vargas? ho paura che quello di quattro anni fa non lo vedremo più, però con lui ci proverei, è vero, almeno a un tempo per volta. Ilicic è una gatta da pelare non so quanto voluta dall'allenatore, ma, anche lui, è stato, almeno finora, ben lontano da condizioni atletiche accettabili. Con questo tante scelte di Montella non le condivido e l'ho ben detto e che tenda a scivolare nelle filosofia prandelliana di privilegiare lo spogliatoio su tutto sembra anche a me anche se son meno deciso di voi nel dire che, se facesse altrimenti, tutto sarebbe risolto. Se metti in panca uno Joaquim per far giocare Rebic o Matos, questi due devono dimostrare al resto della squadra di dare davvero di più, se no è il gruppo che insorge. Questa sicurezza credo non ci sia proprio, se no sarebbe facile.

    RispondiElimina
  41. Ti sei ribattezzato?

    RispondiElimina
  42. Va a grandi passi verso il rintronamento.

    RispondiElimina
  43. L'articolo di Bucchoni ("arrivano un cinese e un giapponese") pare tirato fuori dal pentolone delle barzellette di una volta, quelle dove c'erano un francese, un tedesco e un italiano. Comunque meno male per lui che uno dei due è giapponese anzichè essere cinesi entrambi, altrimenti la battuta gobba che sentivo da piccolo ("la Fiorentina compra due cinesi... Ciaoa, Si Va In Bi") avrebbe confermato il mio sospetto nei suoi riguardi, quello di bianconero che si finge viola poichè l'hanno mandato a lavorare a Firenze.

    RispondiElimina
  44. Zazà dichiara di aver aperto un blog ma non ha fornito l'indirizzo. Se si presenta, Cuccureddu sarà accompagnato alla porta.

    RispondiElimina
  45. Eccolo il blog di Lud

    http://www.fiorentina.it/it/blog/post.64.107/tra-realismo-e-utopia-il-caso-montella.html

    RispondiElimina
  46. La vendetta di Antoine Rouge, occhio Pollock! Ahahah!

    http://www.lanazione.it/firenze/cronaca/2013/11/26/988058-camion-furgone-trippaio.shtml#1

    RispondiElimina
  47. Il Colonello è il basista.

    RispondiElimina
  48. la guerra di'lampredotto!

    RispondiElimina
  49. Dall'altro canto si potrebbe dire, Mc, che giocar peggio ma centrare ugualmente i punti fa parte del cinismo che a sua volta fa parte delle grandi, sebbene nell'ultima giornata non sia andata così

    RispondiElimina
  50. Se inizi senza centrocampo e ti ritrovi sotto difficilmente un allenatore si mette a tamponare le falle, anche perchè vorrebbe dire che ha capito di aver toppato dall'inizio. E infatti non l'ha capito.


    Tra quelli da sostituire poi c'era Cuadrado che aveva ormai finito la benzina dopo le due partite in nazionale.

    RispondiElimina
  51. Piazza Tanucci e Via Gioberti: in poco più di un mese annientato il 20% del potenziale bellico del nemico! Fossi Pollock, me lo farei portare a domicilio d'ora in poi, con parola d'ordine obbligatoria, ahahah!

    RispondiElimina
  52. Me l'ero scordato.

    RispondiElimina
  53. Stasera grandioso barbeque di rosticciana, e magnifico controfiletto di allevamento sudafricano, fagioli all'olio di frantoio di Montespertoli, Cabernet Sauvignon , il tutto davanti alla TV. Prosit, Antoine.

    RispondiElimina
  54. Deynaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  55. Dopo puoi freccettare il primo negro che passa e inculare a morte un neonato. Prosit.

    RispondiElimina
  56. ACF Fiorentina comunica che il calciatore Mario Gomez, accompagnato da un rappresentante dello Staff Sanitario della Società, nel pomeriggio di oggi è stato sottoposto a visita specialistica presso la clinica del Prof. Muller Wolfhart in Monaco, il cui esito ha confermato la guarigione della lesione distrattiva del legamento collaterale mediale del ginocchio.
    La presenza di una infiammazione alla zona della zampa d’oca, suggerisce cautela nella ripresa agonistica completa, che sarà possibile alla scomparsa della sintomatologia dolorosa.
    Il calciatore proseguirà le terapie del caso a Monaco e rientrerà in Italia nei prossimi giorni.

    RispondiElimina
  57. Il che vuol dire che son cazzi. Le infiammazioni van via in tre giorni o in tre mesi! Ora lo stregone gli dà i beveroni di creste di gallo!

    RispondiElimina
  58. Il Celtic ha una difesa peggio della nostra sulle palle alte, non so se può esser di consolazione. Meglio così, che passino il turno, dopo li viviseziona una qualunque squadra che abbia in rosa un paio di calciatori che sappiano centrare lo specchio della porta, un mastino che azzanni un paio di palloni a centrocampo ed un portiere che pari il parabile per estrometterli dalla CL. Il Napoli un gliela fa', troppo Borussia, tanta distanza dalle tedesche, non solo loro per carità, ma da loro siamo a millemila anni luce. Risultati bizzarri, il Barça che perde in Olanda, il Chelsea che scopre nel Basilea (il BASILEA!!!) la sua bestia nera, o dovremmo dire che la scopre Mou. L'idolo di Zeman che ha più di un piede agli ottavi dopo una partenza disastrosa, il calcio regala sempre perle di saggezza, e la sorpresa è sempre dietro l'angolo, vediamo le merde cosa combinano, che passino o meno ha poca importanza, si giocheranno il titolo con la roma a noi tocca in dote un terzo posto se tutto gira a meraviglia ma dopo le ultime notizie sul nostro delantero ho davvero scarsissima fiducia, per vederlo al top se ne riparla a fine Gennaio, praticamente si è giocato il girone d'andata senza "il pezzo meglio" la davanti. E siamo ancora li.
    Altro che critiche, tanto di cappello a Montella a ripensarci bene.

    RispondiElimina