.

.

venerdì 8 novembre 2013

Non ci abbiamo lasciato le penne

Forse sarò di bocca buona ma io mi sono proprio esaltato nel finale per questa vittoria che ci ha mostrato una Fiorentina affamata, si, è stata proprio la determinazione nel voler vincere anche se dopo il pareggio mancavano solo una manciata di minuti dalla fine che mi lascia la bocca buona. Sarà solo Romania, sarà tutto scontato ma a me il pane e salame mi piace sempre anche se prima di addentare so già che è buono. La quarta poi è tanta roba anche quando non si parla di poppe ma di vittorie consecutive in Europa, e se le seconde sono misure un po’ troppo contenute, le seconde linee non convincono troppo. A Mati manca sempre un verso mentre le finte abbondano, Alonso continua a non riempirci gli occhi e a confronto Pasqual è come Vettel, Yakovenko stecca mentre Patos non è più una seconda linea. Qualcosa di buono si è intravisto anche con l’ingresso di Ilicic, mentre per Cuadrado sono finite le parole e quelle poche rimaste le spendo per salutare con piacere l’esordio di un’altro ragazzo della cantera Viola. In una bella serata ancora una volta corsara stonano solo le parole di Calvarese che visto quel Cuadrado dare spettacolo, al bar del paese è voluto ritornare sul suo errore marchiano sapendo di avere il culo sudicio. Ha parlato a vanvera di giustizia sportiva per procurarsi un alibi, ed ha persino preteso rispetto per le mamme risentendosi perché a Firenze hanno offeso la sua. Calvarese si chiede cosa s’intende come concetto di Giustizia, ed ha fatto l’esempio dei Bassotti arrestati, e a parte il fatto che vorrebbe conoscere la mamma dei Bassotti, povera stella, povera stella un cazzo, come si fa a chiamare i figli 167-761, perché con un nome così, sfido che uno fa una brutta fine, comunque mentre lui sconta l’errore di Firenze passando le domeniche al bar,  i Bassotti arrestati per reati anche gravi (parliamo di furto con scasso, rapina a mano armata) li arrestano?  Nel numero dopo di "Topolino" sono ancora liberi. Ma allora la pena massima è una settimana?  "Com'e' andato il processo?" "Eh, mi hanno dato una settimana di ergastolo!" Cazzo, allora Calvarese dovrebbe entrare nella sezione di Topolinia così le arbitrerebbe tutte. E a Firenze si lamentano per un rigore e un’ammonizione di troppo. Mentre in Champion fallisce miseramente il tentativo di coreografia dei Drughi, in Romania si raggiungono vette inaudite e inarrivabili  con un semplice striscione “Nonno, a sto’ giro te la scelgo io la badante”. Si, mi sono divertito, come dicevo forse mi accontento di poco o mi lascio influenzare solo dal risultato, ma è così, specie quando si rimonta, del resto ho sempre avuto un debole per i ribaltamenti, a partire da quello dei primi sedili di quando avevo la 127 con i fari gialli, e bello è essere ancora a punteggio pieno, bello è vincere, fare gol, esultare, Pandurii o non Pandurii, perché poi ci sono di nuovo le mattine nelle quali ti devi mettere per forza la giacca, e si sa che il taschino della giacca è uno dei luoghi più pericolosi. Molti ci lasciano le penne.

112 commenti:

  1. Chiarificatore8 novembre 2013 08:09

    La partita di ieri dimostra che abbiamo una grande rosa e soprattutto di elevata qualità tecnica, che ci consente non solo di mantenere la qualità del gioco anche in assenza dei suoi migliori interpreti (ripeto, l'anno scorso bastava che mancasse Pizarro per vedere la qualità del gioco ed i risultati ridimensionarsi) , ma ci consente anche di affrontare partite come quelle di ieri, dove non era vitale vincere, con la necessaria determinazione ed avendo la forza e la voglia, per non dire rabbia agonistica, fino all'ultimo secondo, che servono per portare a casa la vittoria sempre, anche quando la partita sembra stregata.

    A proposito di rosa, quindi, dedichiamo alla Fiorentina il capolavoro che allego, nelle parole bisogna solo sostituire la parola uomo con Fiorentina:

    http://www.youtube.com/watch?v=1zFc7nIJnvo

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore8 novembre 2013 08:12

    E pensare che girano, nei siti viola, coglioni che sostengono che la rosa di quest'anno è più debole, che s'è deciso di abbandonare il sogno del bel gioco, che con i giovani abbiamo fatto un passo indietro e , ultima coglionata, che ora dobbiamo solo costruire la squadra ed il gioco su Cuadrado.

    RispondiElimina
  3. Sarà forse perchè mi ero perso il primo tempo, Pollock, ma mi sono esaltato anch'io, balzando dalla poltrona al gol finale in cui ormai non credevo più, visto l'ostruzionismo dei rumeni nei pochissimi minuti dopo il pari. Erano scarsi che più scarsi non si può, ma abbiamo parlato mille volte delle figure di merda delle altre italiane già dai gironi di questa coppa.

    RispondiElimina
  4. Avevo previsto 3 a 1 con
    doppietta di Matos, è mancato agli atti un gol del brasiliano, che Zazà aveva
    previsto esterno e che ha giocato invece, stranamente, dove doveva e dove lo si
    attendeva, riferimento centrale (credo sia il primo errore che io debba rilevare
    in una disamina tecnica del pietrasantino: non vorrei che il tempo si
    guastasse, pertanto). Minimo sforzo, massimo risultato in trasferta contro
    squadra all'ultima spiaggia. Paurosa la lista degli esclusi dalla lista UEFA,
    paurosa quella degli infortunati e lasciati in panca, paurosa anche (ma senza
    antifrasi, stavolta) la prandelleria di schierare Cuadrado interno. La rosa
    disumana ci permette di riproporre un Ilicic sùbito convincente, bella sorpresa
    di una bottiglia derrière les fagots, e di apprezzare il riscatto di Montella
    che per vincere sa mandare un ragazzino in campo, il pronto Capezzi. Giovacchin
    è sovrautilizzato ma spremerlo ieri consentirà di risparmiarlo totalmente
    domenica, così come l'efficace titolarità di Matos, nostro cannoniere di
    Coppa sebbene trascurato scelleratamente (per avverbiare alla Gat) in
    campionato, permetterà di vedere Rebic dal primo minuto contro Merdelio da
    strapazzo e da strapazzare. Iakovenko vuol dar ragione a quella testina di
    Beberri e, in questo caso, non la negheremo al deficiente dei fatturati il
    quale, come Wallenstein, è in pontellizzante dismissione da cloaca per eccesso di vittorie
    viola: dall'ucraino si cava poco, ma una menda in tanta immacolatezza di
    mercato ci può stare, è anzi utile per contrasto. Sì, Chiari, sì, hacia la tarde del amor, completa, con la rosa de fuego en vuestra mano.

    RispondiElimina
  5. Non importa neanche più che ci siamo meno un titolare, siamo belli a prescindere. Sbaglio o sul sitone latitano i commenti, stile Fiorentina-vince-non-commento....?

    RispondiElimina
  6. Sì, Chiari, sì, tu la vedi! La vedi, com’ io ch’a proprio nome vo per la rosa giù di foglia in foglia!15

    RispondiElimina
  7. E' venuto fuori un «15» del cazzo, per errore di battuta, ma il concetto è sempre immarcescibilmente wordsworthiano: and lovely is the rose!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore8 novembre 2013 08:39

    Io distribuirei a tutti quelli che abbiamo sotto contratto, calciatori e non, un bel pro-memoria su cosa è successo a Pato, nel caso in cui la BB italica per rubarci qualcuno mettesse sul piatto la gnocca, ah ah ah ah ah ah ah ah.

    RispondiElimina
  9. E la donna che di questi tempi mi trombo è la stessa di Vittorio Emanuele II: la bela Rosin!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Chiarificatore8 novembre 2013 09:18

    Penso anche io che Jakovenko sia stato un acquisto sbagliato, ci sta, ma il punto è che nel sitone più di uno è intervenuto, dopo una partita come quella di ieri, solo per infamare Jakovenko e magari anche Alonso. Non ci sono parole.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore8 novembre 2013 09:21

    A proposito di Alonso, secondo me ieri non è stato assolutamente insufficiente, il punto è che può dare molto di più, ha bisogno solo di continuità di impiego per acquisire sicurezza nei propri mezzi. E' nella stessa situazione in cui era Neto l'anno scorso.

    RispondiElimina
  12. Il secondo goal l'aveva fatto, subito dopo il primo, Matos, ed era anche buono, ma gliel'hanno annullato.

    RispondiElimina
  13. Stefano Vienna8 novembre 2013 09:33

    Montella Fa bene ad arrabbiarsi, ma io ho Vista una grande prova soprattutto in fase difensiva. Poi nel calcio prendi un gol casuale come ieri e invece non prendi due gol dopo errori difensivi clamorosi come all'andata. Come a Milano l'esperimento Aquilani come Vice-Pizarro sorprendentemente funziona Dando piu' solidita' difensiva e buona circolazione ai livello della Maquina. Non Sara' forse che Valero si inserisce e segna perche' con Aquilani ha meno compiti difensivi.

    RispondiElimina
  14. in effetti ieri Borja poteva farne due, uno se lo è mangiato in maniera clamorosa (è parso solo a me o l'ha presa di sinistro anziché di destro, in quell'occasione?)

    RispondiElimina
  15. e uno glielo ha preso bene il portiere, un bel tiro piazzato nell'angolo alto.

    RispondiElimina
  16. Africa al Cuadrado



    Il match di ieri ha portato in evidentza ancora di piu' le seguenti indicazioni

    1) Cuadrado a sinistra perde molto del suo enorme potenziale

    2) Cuadrado interno perde molto del suo potenziale

    3) Con Cuadrado a destra la squadra torna ad essere molto piu' pericolosa

    4) Ho sempre pensato a Mati versione centrocampista davanti a Gonzalo,
    vicino alle punte sembra abbia perso la sveltezza necessaria

    5) Alonso ha potenzialità, ma se non mette palle nella sua azione resta un discreto.

    6) La squadra ha tante possibili varianti, ma lasciamo Cuadrado a destra please.

    7) Montella sta lavorando molto bene, ma deve lavorare moltissimo sulla
    cattiveria, la squadra si specchia troppo, il; campo non é una
    passerella di moda, non solo estetica, ma tackle, pressing, e
    soprattutto buttarla dentro. Fare solamente due gol ieri é ridicolo.



    LELE

    RispondiElimina
  17. Anche Munua è un acquisto sbagliato, tanto da dover pregare che a Neto non venga mai un raffreddore. Nel complesso, la rosa è indubbiamente molto forte, ma incompleta. Mancano infatti i sostituti di Gonzalo, Pizarro e Gomez, anche se per gli ultimi due si sta ovviando con l'inamovibilità di Aquilani e Borja Valero e con l'esplosione di Matos (in attesa di Rebic).

    RispondiElimina
  18. Torno sulla discussione di ieri sera con Leo su Gonzalo. Ci sono giocatori che per motivi diversi non hanno potuto esprimere tutte le loro potenzialità, ma una volta messi in condizione da scelte giuste o da una tregua da infortuni, possono tranquillamente prendere posto tra i migliori. Dire che Borja a quasi trent'anni è diventato uno dei migliori centrocampisti d'Europa non è una bestialità. Dire che se Cuadrado fosse stato allenato ancora due anni da un allenatore ,incapace di vederne le qualità ,come Guidolin, probabilmente non sarebbe diventato quello che è, anche. Ramos ha grandi qualità fisiche, ma come giocatore di calcio non vale Gonzalo, non ne ha la tecnica e l'intelligenza. Doti che ha Thiago, giocatore che incide sulla partita in maniera non dissimile dal nostro. Il palmares quando giochi con Ibra e altri sei, sette di alto livello te lo fai anche se sei Abate o Sirigu. Non cadiamo nell'errore di sminuire i nostri valori assoluti quando ci sono. Gonzalo adesso lo è perché non trova riscontri di simile efficacia in Italia e ne trova molto pochi in Europa.

    RispondiElimina
  19. Foco su Thiago Silva e Gonzalo ho già dato e detto e non cambio idea, anche su Borja secondo me sbagli, non è diventato forte nella Fiorentina ma nel Villareal diversi anni prima, anche per lui non si può parlare di maturazione a questa età.Non ci si consacra a 28-29-30 anni, da nessuna parte a nessuna latitudine e altitudine, si possono fare, dopo queste età, della annate buone, migliori, peggiori, stratosferiche ma rimangono annate che non si discostano dal valore massimo raggiunto dal giocatore a sua completa maturazione che raramente arriva dopo i 26 anni, età limite questa in cui un giocatore raggiunge il top del rendimento.

    RispondiElimina
  20. LELE, Mati davanti a Gonzalo? Con le sue finte se perde una palla nella nostra trequarti campo, diventa Pek2 la vendetta. Hazardous.

    RispondiElimina
  21. Top della maturazione, scusate, il rendimento può essere costante anche negli anni.

    RispondiElimina
  22. Qualcuno si è accorto di Joaquin a sinistra, l'intercambiabilità con Cuadrado può diventare un'arma per scardinare anche le difese più toste. Soluzioni tante, idee non tutte buone (Cuadrado interno non si può vedere!!!!), al netto degli infortunati saremmo davvero a ridosso della terza ma per lo scudetto, torno a ripeterlo, serve altro.

    RispondiElimina
  23. Thiago Silva si fa preferire nel complesso a Gonzalo, ma non di troppo, a mio avviso. Non so da dove sia venuta fuori la fola che avrebbe più margini di miglioramento, visto che sono coetanei. Parlando di vette, il brasiliano lo trovo un po' sopravvalutato. Gran centrale, certo, ma non ai livelli dei mostri sacri del passato. Non so quanto sia serio Montella parlando di Cuadrado terzino, ma se non il ruolo, intende sicuramente che vede il giocatore esprimersi al massimo partendo da lontano, come da esterno nel 3-5-2. Parole che mettono una pietra tombale sul Cuadrado "esterno alto", attaccante da 4-3-3...

    RispondiElimina
  24. Si parla di 30 milioni per la metà di Cuadrado, cifra per me incredibile per un giocatore che [per ora?] segna col contagocce, discriminante per chi gioca da centrocampo in su, anche sulla fascia. Fosse vero, appare chiaro che la Fiorentina non ci metterà quei soldi, e farà anche bene, sarebbe follia.

    RispondiElimina
  25. Altra strigliata di Montella al "Bello di Notte" Matos, speriamo non si monti la testa...

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore8 novembre 2013 11:34

    L'alta quotazione di Cuadrado per me è pienamente giustificata, Deyna, e se da un lato ciò rende più problematico da parte nostra riscattarlo, per certi aspetti rende ancora più problematico l'acquisto del 50% dell'Udinese da parte di squadre Italiane, se a ciò aggiungi il fatto che all'estero la comproprietà non è consentita, il nostro potere contrattuale, nonostante tutto, cresce, e non solo perché sull'altra metà abbiamo la prelazione. Io penso che intanto rinnoverà con noi, poi quando a noi andrà bene ( e varrà ancora di più) , ma non credo entro un anno o addirittura due, se ne potrà parlare, eventualmente, anche di cessione, ma senza dimenticare che nel frattempo cresceremo anche noi e quindi si potrebbero creare le condizioni per blindarlo a lungo, chissà.

    RispondiElimina
  27. Leo, io non dico che Gonzalo sia migliorato in questi due anni, dico che lui, come Borja, siano stati ottimi giocatori in contesti che non li valorizzavano per quello che potevano effettivamente rendere. Un esempio che posso farti attualmente è Dedè, che non è considerato come Ramos pur avendo le doti per mangiarsi lo spagnolo a colazione in quanto non gioca in un club come il Real. Deyna, Cuadrado è considerato per quello che fa oltre ai gol, cioè praticamente tutto. Ha un'incidenza sul match che hanno in pochi, esclusi i semidei. Se Bale vale 100, il colombiano vale 60. Riscattarlo a 15 significa poterne sempre ricavare in futuro altrettanti, da un punto di vista economico non cambierebbe niente, da quello tecnico come il sole e la luna.

    RispondiElimina
  28. Deyna, il trauma da separazione da Ljajic lascia ancora strascichi. Evidentemente non hai ancora elaborato il lutto. M'è successa la stessa cosa quando s'è ritirata dalle scene Selen. Poi , però, guardandosi in giro...Facendomi forza...con l'aiuto di un bravo noleggiatore di DVD...

    RispondiElimina
  29. Su Ramos concordo, difensore molto esaltato dal contesto, più che dalle doti proprie [molto buone, ma non esaltanti]. Sul mercato dei giocatori offensivi gran parte della valutazione la fanno i gol, è sempre stato così...Per i 15 milioni, stamani dormo in piedi e forse non ho capito, se Cuadrado vale adesso 60 milioni, l'altra metà non ci costa 30? A meno che il Barucco del sitone non abbia sbagliato a scrivere, e intendesse 30 milioni per TUTTO Cuadrado, valutazione in quel caso giustificata.

    RispondiElimina
  30. Che c'entra mo Ljajic? Ma tanto tornerà, oh sì se tornerà...ahahah

    RispondiElimina
  31. Borja non mi sorprende perchè lo conoscevo già da qualche anno, avendolo visto in diverse gare internazionali, e sapevo già che era forte come lo vediamo oggi, e già nel Villareal l'avevo visto mezzala a tutto campo, anzichè regista quale invece lo descriveva lo descriveva la stampa al momento dell'approdo in viola; acquisto che, come ho scritto altre volte, mi fece cascare dalla sedia quando ne lessi notizia, perchè fu una news improvvisa ma soprattutto perchè mai avrei pensato (soprattutto in quel momento, con ancora in ritiro tutta la rosa reduce da una scampata retrocessione) che un giocatore così forte sarebve potuto arrivare da noi.
    Gonzalo invece, in tutta sincerità, fino ad agosto 2012 non avevo idea di chi fosse, ma, se vogliamo metterla sul piano delle nazionali come tornasole del talento, va detto che lui in quella maggiore argentina ci aveva esordito da ragazzino, in coppia con Samuel, e nel prosieguo ha avuto tutti gli infortuni che sappiamo. In questo senso, perciò, direi che la teoria fochiana del predestinato tarpato dalla sfiga può essere plausibile, vedendolo giocare ora.

    RispondiElimina
  32. http://www.youtube.com/watch?v=TkgatM3-t4k

    RispondiElimina
  33. LUD, so che ci leggi. Come fai li, con nessuno o quasi che non ti caga di striscio? Come fai? Come stai? LUD, il matrimonio è l'anticamera del divorzio...con chi sposerai le tue idee, li nel mare magno?

    RispondiElimina
  34. L'Africa non è l'Argentina e quindi Deyna non ti risponde





    Certo SOPRA. Mati nasce traquartista, con l'età ha perso la brillantezza
    nell'uno contro uno, ma la tecnica resta invariata. In assenza del Pek
    in nazionale, Mati é stato messo centrale in impostazione e lontano
    dall'area ha dato il meglio. Ho visto diverse partite e lo confermo.

    In queste mai ha rischiato quanto il Pek, non ricordo palle perse a
    bischero. Per me la ricerca del vice Pek, qualora davvero se ne senta
    questo bisogno, per questa stagione ce l'abbiamo in casa. Poi certamente
    se mi chiedi un forte investimento, ti dico Clasie prima di Naingoillan
    e Jorginho.

    Se invece guardiamo ancora piu' in là, da quello che ho visto Danilo mi sembra davvero ottimo.

    DEYNA, nel tuo ranking, stai svalutando Cuadrado. Lascio da parte i valori pecuniari, ma il ragazzo é

    1) giovane

    2) ottimo professionista, non avido, bravo ragazzo

    3) duttile, puo' infatti coprire piu' ruoli, anche se brilla sulla destra.

    4) su 10 dribbling, 7/8 sono vincenti e ti portano in superiorità. Da
    notare che, a differenza di Bale per esempio, li puo' effettuare sia in
    velocità che da fermo e mai da un lato solo.

    5) ottima tecnica,

    6) gran corsa, polmoni infiniti, quindi gran fisico.

    Questi parametri lo portano alle vette di mercato. Il punto 4 é spesso
    sottovalutato e faccio un esempio: vedendo il Barca si nota che un
    Cuadrado impostato nella posizione di Alves, renderebbe i catalani
    imbattibili. Infatti il brasiliano é ottimo in corsa, nel cross e negli
    inserimenti, ma non salta l'uomo nemmeno per sbaglio il che, rende il
    suo valore tecnico la metà se non meno del colombiano. Il solito punto 4
    é in cima ai desideri di tutti gli allenatori. Non fa molti gol??? Ah
    dopo quello che fa , dovrebbe pure farne tanti...Poi la valutazione in
    moneta non mi interessa, ma certamente di molto superiore a Ljiajc,
    esempio, e vedrai che le squadre che lo cercheranno, non saranno le
    solite che "cercavano" il serbo ( che pure a me piace) Penso invece, con
    malizia ma senza scherzare, che se fosse argentino il discorso
    cambierebbe, eh eh.

    LELE

    RispondiElimina
  35. Per amor del cielo Sopra, non evocare il rompipalle fintosvizzero. Stiamo tanto bene senza sentire la sua solita cantilena senza senso. Vorresti che tornasse qui a dire che adesso dobbbiamo impostare tutta la squadra su Cuadrado perché Joaquin è stato deludente? C'è un limite anche la masochismo più sfrenato.

    RispondiElimina
  36. Ma lascialo stare, no?

    RispondiElimina
  37. CuadrAdo ha una valutazione di 30 milioni per l'intero cartellino. Per questo servirebbero 15 per farlo nostro del tutto. Non credo di più. Spesa che comunque permetterebbe un corposo guadagno futuro.

    RispondiElimina
  38. Infatti Danilo lo sta trattando la Juve. (DEYNA....ah, se fosse stato Cuadradao o Cuadrado Astrada!! Ehehehe....)

    RispondiElimina
  39. E' comunque sudamericano, e come tale parte con un +1 di valutazione nel mio ranking, secondo le teorie di Ugola Viola, eheh. Una sorta di Cuadrado - con tutte le dovute differenze, anche di posizione in campo - l'Argentina ce l'ha, è Di Maria, non per questo lo esalto oltre misura. Cuadrado ha tutte le doti che dici, ma oltre a non segnare come dovrebbe un "top", è anche abbastanza ottuso tatticamente, e se costretto a ragionare [quando cioè non deve partire d'istinto negli spazi, ma pensare davanti a difese chiuse] spesso anche calcisticamente. Ho l'impressione che in squadre ultra-organizzate come Barça e Bayern troverebbe grosse difficoltà, proprio per questo. Dani Alves a me non ha mai esaltato, anche quando aveva più gamba, ma come tempi di gioco si fa preferire, pur non essendo nemmen lui un mostro di intelligenza.

    RispondiElimina
  40. P.S. africani



    P.S. VITA mi fai incazzare...

    RispondiElimina
  41. Mi riferivo a questo articolo

    http://www.fiorentina.it/notizia.asp?IDNotizia=142001



    ma ora è stato corretto, prima attribuiva a Cuadrado un valore di 60 milioni, ovvero follia.

    RispondiElimina
  42. Pare che Sabatini abbia bloccato Paredes del Boca per gennaio, bel colpo per la Roma...

    RispondiElimina
  43. Oh Lele o icchè ho fatto? Non ho il cruscotto in radica? Gioco a gòrfe con Volpecina anzichè con Cuccureddu??!!

    RispondiElimina
  44. Il lupo perde il pelo...

    http://www.violanews.com/altre-news/ravanelli-caos-in-francia-per-sospetto-doping-20131108/

    RispondiElimina
  45. ANTOI m'hai fatto apri' 'sta pagggggina e me' so' sporcato de mmerda!,

    RispondiElimina
  46. Uno degli esseri più spregevoli che io mi ricordi nel calcio. No vabbè, in realtà l'elenco di cui fa meritatamente parte è lunghissimo, ma in gran percentuale provengono da decenni di storia di quella società di merde.

    RispondiElimina
  47. Notare come il doping di Ravanelli non figuri nei siti più "nazionali". Sulla home di sportmediaset preferiscono riempire lo spazio con una choccante confessione a favore della campagna contro il Piquècidio.

    RispondiElimina
  48. http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/calcioestero/2013/articoli/1016678/barcellona-pique-shock-van-gaal-mi-picchio-.shtml

    RispondiElimina
  49. Penso che Disqus l'abbia fatto confondere col Sopra...

    RispondiElimina
  50. Di Rapanelli parlano anche lì:

    http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/europa_league/2013/articoli/1016719/europa-league-pandurii-fiorentina-1-2-la-viola-ai-sedicesimi.shtml

    Da quel sito ho poi appreso che il Milan sta cercando di disfarsi di Balotelli.

    RispondiElimina
  51. Ops è vero mi correggo, anche se il titolo sulla home non è tanto in evidenza, anzi...

    RispondiElimina
  52. Se a Cuadrado vuoi far fare l'universale lo incasini, ma se gli fai fare quello che sa forse come nessuno al mondo (almeno io non li vedo oggi) è uno che spariglia da solo le partite come ha fatto a Chievo, come stava facendo col Napoli con un arbitro meno idiota, come ha fatto ieri in dieci minuti. Non scherziamo, Ljajic non è nemmeno paragonabile alla lontana nella capacità dell'uno contro uno e sulla capacità di influire in una partita. Anche Di Maria non mi sembra gli somigli molto, è un'ala tattica con ottima visione di gioco ma la velocità, lo scatto da fermo, la fantasia di Cuadrado se li sogna. A farne uno di quei due verrebbe fuori uno da 100 milioni.

    RispondiElimina
  53. Il 4-3-3, se sono disponibili Gomez e Pepito ha una pietra tombale per conto suo. Ergo...

    RispondiElimina
  54. Scuse africane



    DEYNA, non tutti hanno sviluppo tecnico progressivo e Cuadrado ha iniziato (e
    continua a farlo) da Lecce. Certo che la visibilità che dava questa
    squadra e gli obiettivi della stessa non erano gli stessi che aveva
    Liajic, approdato da noi a 16 anni, ma solo dopo 4 anni ha cominciato a
    mantenere le promesse. Gli trovi come difetto un punto debole che tu
    denunci in ottusità tattica, ma se non avesse neppure quello,
    correggibile tuttavia, si parlerebbe di un fenomeno. Ho fatto il
    paragone di Alves per dirti che nel panorama mondiale, gente che dribbla
    é roba rarissima.

    Scusa VITA, me era apparso il tuo nick evocante il maligno. Noto pero' che
    segui il suo tentativo perculeggiante, in verità scadente.

    LELE

    RispondiElimina
  55. Sopra ma che ci vai a fanculo! se tu senti la nostalgia vai a trovallo di là, da morto, da vivo, da come ti pare, ma un ce lo fa torna' qui che tu ci fa' 'ncazza' tutti!

    RispondiElimina
  56. Dedè te l'ho detto io da un a vita. Ora un copiare!

    RispondiElimina
  57. Chiarificatore8 novembre 2013 14:54

    Spara deliri a mazzi come gli asparagi, nel sitone, ed anche lì dove, nel mucchio delle notizie e degli utenti, hanno la fortuna di non essere gli unici, si stagliano per la loro magnificenza. Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  58. E' comunque sempre un cercare il pelo nell'uovo, stabilire se può valere 20, 25, 30, 40 o 60 milioni, averne di Cuadrado! Il mio dubbio su di lui è se in una grandissima e organizzatissima squadra tipo Barça o Bayern riuscirebbe a inquadrarsi in meccanismi molto più precisi, e con meno spazio all'"anarchia organizzata" ridpetto alla Maquina di Montella. Ma a quel punto non son più problemi nostri, è solo per ragionare sul valore assoluto del giocatore.

    RispondiElimina
  59. Ci fa 'ncazza' tutti ma un n'è Vita gli è i'Sopra

    RispondiElimina
  60. Se il Barça lo mette al posto di Dani Alves e gli dice di bucare la fascia destra fa sfracelli. Poi Martino si dia da fare per fargli guardare le spalle. Se me lo mette nel mezzo a far giro palla diventa uno qualsiais

    RispondiElimina
  61. Lele, ovviamente il mio perculeggiamento voleva essere non per te, ma per l'autore di quelle battute, evocato appunto dal Sopra, che l' avevo immaginato che Disqus te l'avesse fatto confondere con me

    RispondiElimina
  62. La fascia la buca, ma poi deve fare i conti con i movimenti e i tagli dei compagni, spesso molto complicati, è qui che ho dei dubbi sulle sue capacità. Nella Fiorentina ha gioco molto più facile, il gioco d'attacco non è così perfezionato, c'è più spazio per le giocate estemporanee. Già Sanchez, un altro non intelligentissimo nel vedere il gioco, renderebbe molto di più da un'altra parte.

    RispondiElimina
  63. Chiarificatore8 novembre 2013 15:17

    Cuadrado lo vede il gioco Deyna, più di Sanchez, ieri non ha segnato ma ha fatto segnare. Certo spesso, come fanno quelli che saltano con grande facilità l'uomo e magari anche il secondo, prima crea superiorità numerica, ed in modo devastante, svista la sua velocità sia da fermo che in progressione, ma è proprio lì il suo grande valore.

    RispondiElimina
  64. stefano vienna8 novembre 2013 15:18

    Con Vargas, Mati e Vecino disponibili, il ritorno di Pizarro non mi sembra necessario. Speriamo di non beccare gol nelle ripartenze come al solito e che Pizarro sia più ispirato in fase di costruzione. Altrimenti Aquilani in mezzo e.... dico Vargas a sinistra.


    Joaquin partendo dalla panchina è una grande risorsa. Forse anche Pizarro se entrasse gli ultimi minuti in caso si dovesse recuperare.

    RispondiElimina
  65. Sopra, stai zittino, P E R L A M O R D I D D I O !

    RispondiElimina
  66. Questo è interpretabile marxianamente: la storia che si ripete in farsa: fa le stesse cose del suo nonno: quello sembrava un signore, lui fa un po' ridere

    RispondiElimina
  67. Lapo avrà sicuramente un tostapane elettrico, una lavatrice elettrica, un coltello elettrico, un frullatore elettrico, un'auto elettrica. Potessi gli regalerei una sedia elettrica.

    RispondiElimina
  68. Sopra, non mi ero accorto che avevi sviluppato una dipendenza così devastante.

    RispondiElimina
  69. Mai vendicato a caldo. Neanche a freddo. La vendetta a me piace gelida.

    RispondiElimina
  70. Chiarificatore8 novembre 2013 20:09

    Scusate ragazzi ma io ho letto delle considerazioni un po' superficiali su Pizarro. Una cosa è dire che quest'anno riusciamo a giocare bene anche senza Pizarro, altra cosa è fregarsene di Pizarro. Rimane uno dei migliori al mondo nel suo ruolo, un ruolo che per il gioco di Montella, e non solo per il gioco di Montella, è fondamentale, oserei dire il più importante, in rosa abbiamo più di uno che può coprirlo, quel ruolo, quando il Pek è indisponibile o quando va fatto riposare, ma un'altro specialista come lui non ce l'abbiamo, probabilmente lo avremo l'anno prossimo visto che la società stessa ha dichiarato l'esistenza di questo problema irrisolto a causa di mancate cessioni. Nel frattempo lunga vita al Pek.

    RispondiElimina
  71. Sopra t'ha belle mandato 'n culo mezzo sitollock, o che seguiti? o che lo lasci fare? va' a trovallo a Massaciuccoli, fatti mangia' dalle zanzare insieme a lui, ma abbozzala di rischia' di riportaccelo qui perchè ti si scatena Foco con le bamboline e gli spilloni!

    RispondiElimina
  72. e va a vendicatti da un'artra parte! o che ti vo' vendica' di noi? o icche ti s'è fatto?

    RispondiElimina
  73. Chiarificatore8 novembre 2013 20:35

    In questo blog ci sono state discussioni accese tra alcuni di noi, discussioni che non hanno riguardato solo Ludwig, certamente alcune eccessive, ma sempre, anche se solo virtualmente, guardandoci in faccia, senza maschere, esponendoci per quello che siamo, almeno in rete. Che un mascherato multinick, dei tanti del sitone, ci voglia dare lezioni di comportamento è paradossale.
    Quanto a Ludwig non è tanto quello che dice che non sopporto, quello lo critico, e continuerò a farlo visto che scrive su siti viola, non sopporto però la sua maleducata abitudine ad ignorare quello che l'interlocutore dice. Alle obiezioni, alle domande che vengono fatte è buona norma rispondere puntualmente, soprattutto quando non si è d'accordo, altrimenti viene meno il presupposto della discussione stessa.

    RispondiElimina
  74. JORDANONE, probabile tu abbia ragione. Volevo usare il suo "metodo" per stancarlo, come un tonno. CHIARI, hai abbastanza centrato la questione. Io volevo risposte, facevo obiezioni pertinenti, se avete letto.

    RispondiElimina
  75. C'è anche un ammiratore di Ludwigzaller. Sarà un altro che lo piglia per il culo o è il multinick solito infestante che pensa di pigliar per il culo noi?

    RispondiElimina
  76. Per me può andare a farsi strafottere dove gli pare, basta che non torni. Non gli rivolgo verbo e penso sarebbe meglio far così tutti quanti. E' irrecuperabile al consesso dialettico umano, forse al consesso umano stesso, che si diverta col multinick ed a farsi prendere per le mele da ZV.

    RispondiElimina
  77. Ha pareggiato Radamel, strano, non la butta mai dentro!

    RispondiElimina
  78. Qualcuno scriverebbe "Falcao, che Ranieri non vede centrale in attacco...." ahahahahaha.......ahahahah......

    RispondiElimina
  79. Sopra ma era la tua droga ?! eh eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  80. Parli te??? Sei andato sul sitone a sfruttare un mio assist e a mettere la pietra tombale all'ammiratore! Sagace, LEO, sagace. E vendicativo.

    RispondiElimina
  81. L'ammiratore meritava una risposta, il Lud manco lo considero.

    RispondiElimina
  82. Dico la mia una volta e poi mi dedicherò esclusivamente a sproloquiare di calcio, figa e fisica quantistica.
    È stato tutto un po' troppo esagerato. Prendersi troppo sul serio su un argomento poco aggregante come il calcio porta inevitabilmente ad una discussione. Discussione che , quando le personalità sono molto diverse e definite , facilmente trascende. La mia soluzione per evitarlo è l'ironia, la uso praticamente in ogni discorso, facendolo diventare , almeno da parte mia, meno serio. E quindi meno a rischio di scontro. Intimamente penso ( come tutti, credo) di possedere la verità calcistica assoluta, sono consapevole che se questa mia convinzione trasparisse, mi ritroverei a parlare di pallone con il frigorifero e basta. Non trovo piacere nella lite, ne in quella che mi vede attore, ne in quella che mi vede spettatore. Io continuerò nel pigliarmi/vi e nel farmi pigliare per il culo, perché se non c'è spazio per infilare una risata nemmeno nelle discussioni di pallone, allora siamo tutti messi male.
    Questo delirio è solo una mia riflessione, prendo spunto ma non mi riferisco a nessuno, solo al disagio che provo quando assisto a posizioni inconciliabili.

    Adesso posterei volentieri un bel culone abbronzato, ma ho la mia mamma che si è seduta di dietro e luma l'ipad.

    RispondiElimina
  83. Quando si tifa la stessa bandiera dovrebbe essere aggregante, non il contrario, non ho mai capito il voler buttare molte discussioni sulla sfida a chi ci capisce di più, perché tante situazioni divenute inconciliabili sono partite proprio dal presupposto del volersi schierare su ogni argomento trattato, sia quando riguardava la proprietà, sia l'area tecnica, sia i calciatori o la filosofia adottata per raggiungere un risultato.
    Ridicolo!
    E non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  84. stefano vienna8 novembre 2013 21:40

    Chari, io non criticavo Pizarro e di solito non critico un giocatore, tantomeno un grande giocatore, in senso assoluto, della serie è bono o non è bono. Io mi chiedevo se, viste le alternative e il tipo di squadra che si vuole mandare in campo, conviene utilizzarlo oppure no.
    Insomma, io sono per mettere in campo la formazione migliore a seconda delle circostanze. Il discorso sui singoli giocatori non mi ha mai interessato. Infatti se avessimo due terzini di ruolo, uno come Pizarro davanti alla difesa ce lo potremmo più facilmente permettere. Il mio dubbio è che la difesa a tre più Pizarro ti consente maggior possesso palla, più efficacia in fase offensiva, ma ti rende molto vulnerabile in fase difensiva. Ed è una osservazione che valeva pure l'anno scorso.
    Certo possiamo parlare di un trade-off, ma visto che in avanti siamo più concreti dell'anno scorso (anche quando Pizarro non ha giocato), forse un accorgimento tattico (Aquilani davanti alla difesa, Vargas a protezione di Pasqual) vale la candela.
    Poi non sono un talebano, si può partire in un modo e finire in un altro a seconda delle circostanze. Se però a cinque minuti dalla fine si è in vantaggio e non ci si accorge che siamo in difficoltà, io un difensore in più oppure un centrocampo che fa più filtro, lo metto senza vergognarmi più di tanto.
    Ma dobbiamo essere contenti che ci siano alternative e più duttilità tattica, è un segno che si è fatto un salto di qualità.
    L'unico al momento che è insostituibile è Gonzalo, ma se arrivasse un alternativa, ci sarebbe da rallegrarsi -anche se poi arriverei io a dire che Gonzalo può anche accomodarsi in panchina. Per ora che gli dei ce lo preservino.

    RispondiElimina
  85. Chiarificatore8 novembre 2013 21:56

    Stefano, io non ne sto facendo un discorso di moduli, perché Montella ne sta adottando diversi, ma soprattutto perché in ognuno di essi la costante sono i tre tenori, con Pizarro, ovviamente quando è disponibile, in mezzo, e con ciò garantendo alla Fiorentina, attraverso il dominio e la qualità tecnica del gioco, non solo maggiori chances di vittoria ma anche una maggiore copertura.
    Certo, se Pizarro dovesse, malauguratamente, accusare un calo si porrebbe già quest'anno il problema di chi può giocare al suo posto, e per fortuna la Fiorentina ha dimostrato di poter giocare il suo gioco anche in sua assenza, ma secondo me, e, se non ho capito male, anche secondo Montella, con Pizarro è meglio.

    RispondiElimina
  86. Foco non sono le posizioni inconciliabili, ma il modo di comportarsi che è inconciliabile con qualsiasi tipo di discussione. Tutti noi crediamo di avere il verbo, hai ragione, e tutti noi rischiamo di parlare col frigorifero se siamo intransigenti con questa convinzione. Quindi dobbiamo sforzarci di capire almeno quello che dice il prossimo vedi che, qualche volta, possa avere anche ragione. Chi non lo fa, per principio, non serve alla discussione, si isola e va a parlare, appunto, col frigorifero. Finchè non ci va è solo elemento di disturbo, quando c'è andato, lasciamocelo che è il solo posto dove sarà capace di condurre un colloquio.

    RispondiElimina
  87. Aquilani davanti alla difesa per me può giocare solo in partite "minori", non ha la rapidità nello stretto né i tempi giusti del contrasto, rallenterebbe il gioco e sarebbe a continuo rischio rosso.

    RispondiElimina
  88. Ammiratori del pensatore.....

    RispondiElimina
  89. La foto dell'editoriale di oggi, POLLOCK, è un tifoso viola....eheheheh...capito anche chi è!

    RispondiElimina
  90. Chiarificatore8 novembre 2013 22:27

    Abitudine "di" ignorare, non "ad" ignorare.

    RispondiElimina
  91. Sono anni che sogno Lapo presidente (e AD, e plenipotenziario) della juve

    RispondiElimina
  92. «E anche questa è fatta, come disse il primo impresario rivolgendosi a Patty Pravo» (Zemanviola), «tagliamo corto, come disse il sarto a Giovinco» (Sopra) e poi il Morto (ancora Sopra) non posso antologizzarlo perché è tutto a 21 carati: il trasloco di Zazà ha scatenato una gara d'ingegni di cui mi beo.

    RispondiElimina
  93. El alma vuela y vuela buscándote a lo lejos, rosa tú, melancólica rosa de mi recuerdo.

    RispondiElimina
  94. Within the petals of a rose a sleeping love I spied.

    RispondiElimina
  95. Moses supposes his toeses are roses, but Moses supposes erroneously.

    RispondiElimina
  96. Où mes ardeurs mettront des roses, je poserai ma bouche en feu.

    RispondiElimina
  97. Lou tu es ma rose

    Ton derrière merveilleux n'est-ce pas la plus belle rose

    Tes seins tes seins chéris ne sont-ce pas des roses

    Et les roses ne sont-ce pas de jolis petits Lous

    Que l'on fouette comme la brise

    Fustige les fesses des roses dans le jardin

    Abandonné

    Lou ma rose ou plutôt mes roses

    Tu m'as envoyé des feuilles de rose

    Ô petite déesse

    Tu crées les roses

    Et tu fais les feuilles de roses.

    RispondiElimina
  98. Mit gelben Birnen hänget

    Und voll mit wilden Rosen

    Das Land in den See,

    Ihr holden Schwäne,

    Und trunken von Küssen

    Tunkt ihr das Haupt

    Ins heilignüchterne Wasser.



    Weh mir, wo nehm' ich, wenn

    Es Winter ist, die Blumen, und wo

    Den Sonnenschein,

    Und Schatten der Erde?

    Die Mauern stehn

    Sprachlos und kalt, im Winde

    Klirren die Fahnen.

    RispondiElimina
  99. Monito a Vincenzino:




    «Llamó a mi corazón, un claro día,

    con un perfume de jazmín, el viento.



    —A cambio de este aroma,

    todo el aroma de tus rosas quiero.



    —No tengo rosas; flores

    en mi jardín no hay ya; todas han muerto.



    —Me llevaré los llantos de las fuentes,

    las hojas amarillas y los mustios pétalos.

    Y el viento huyó... Mi corazón sangraba...



    Alma, ¿qué has hecho de tu pobre huerto?».

    RispondiElimina
  100. stefano vienna9 novembre 2013 00:24

    Se Pizarro non gioca domenica, il ct cileno non lo convoca. Motivo in più per risparmiarlo?


    Sarò tardo o forse è solo tardi, Colonel, stai bene?

    RispondiElimina
  101. Ma se proprio volesse portarci a morte, pur con rosa mistica a sua disposizione, che Vincenzino lo faccia così:


    «Un soir fait de rose et de bleu mystique,
    Nous échangerons un éclair unique,
    Comme un long sanglot, tout chargé d'adieux;
    Et plus tard un Ange, entr'ouvrant les portes,
    Viendra ranimer, fidèle et joyeux,
    Les miroirs ternis et les flammes mortes».

    RispondiElimina
  102. E adesso la classifica finale del campionato: 1) Baudelaire (scudetto); 2) Hölderlin, 3) Machado (entrambi in Champions); 4) Apollinaire; 5) Verlaine (entrambi in UEFA). Coleridge vince la Coppa Italia e si classifica pur esso per la UEFA. Rimane fuori Gene Kelly ma non può stupire: difesa ridicola, attacco leggero, non bastano i giochini di tacco e di punta a centrocampo, il calcio non è per ballerine.

    RispondiElimina
  103. Stefano Vienna9 novembre 2013 00:37

    Va bene, ma quale e' il monito di Machedo a Vincenzino?

    RispondiElimina
  104. Machado... Di curare il giardino.

    RispondiElimina
  105. Stefano vienna9 novembre 2013 00:41

    Disqus... Ma Vargas (Llosa) me lo metti nella formazione per domenica?

    RispondiElimina
  106. Quello de La ciudad y los perros senz'altro, il destrizzato dell'ultimo quarto di secolo no.

    RispondiElimina
  107. Stefano vienna9 novembre 2013 00:45

    Comunque concordo, il cileno in panca, troppo giocherellone.

    RispondiElimina
  108. Stefano Vienna9 novembre 2013 00:50

    E' quello il suo problema, non si sa Mai quale Vargas ti trovi davanti, disordine bipolare? Ma dopo la caduta puo' sempre rialzarsi.

    RispondiElimina
  109. Stefano Vienna9 novembre 2013 00:52

    In Senso poetico, il sacrificio di Troisi nonostante.

    RispondiElimina