.

.

mercoledì 31 luglio 2013

Dal giardino Torrigiani si vede il mare

Ognuno aveva la sua strategia, più o meno articolata, fantasiosa o grezza come l’olio d’oliva non filtrato, c’è chi lo voleva strusciare subito come l’aglio sulla bruschetta e chi lo inzuppava in maniera più elegante come fosse in pinzimonio, insomma, per arrivare a quello c’era persino chi usava metodologie di famiglia, tramandate come la salsa verde dei trippai, Galliani usa adescare garantendo il mantenimento della “battona”, “Ti faccio fare la bella vita basta che scappi di casa”. Marotta s’è rovinato la vista in bagno per non aver trovato un topa player che gliela desse. Tutte le tecniche sono comunque lecite, e come si dice all’Ataf “Il fine giustifica i mezzi pubblici”, ricordo quando andava di moda la collezione di farfalle, quando ancora non c’erano gli animalisti a rompere i coglioni, io però ero uno di quelli che si volevano differenziare, che voleva stupire e le farfalle ormai uscivano anche in edicola a fascicoli settimanali. Come potevo fare ad attirarle allora? I tempi non erano i migliori, in un periodo di austerity sessuale l’unica alternativa erano le targhe alternatiive, ma pari o dispari perdevo sempre, nessuna veniva a casa mia proprio come a giocare a Firenze ai tempi della pontellizzazione, e allora guardando fuori dalla finestra della cucina che dava sul giardino Torrigiani, con la fame mi si aguzzò l’ingegno e trovai la soluzione. Un lampo, un’intuizione che mi dotò di passepartout per la profanazione di tutte le toppe, e mentre le collezioni di farfalle fecero presto la fine delle pernici, al 156 di via de’ Serragli avevo messo su uno sviaggìo per quelle scale che la Burbassi del piano di sopra temette l’apertura di un ostello della gioventù. Insomma, raccontavo di possedere la più grande collezione al mondo di conchiglie marine, quando poi vedevano che non ne avevo nemmeno una da mostrare e stavano per incazzarsi, con la faccia a culo che ancora oggi mi ritrovo, dicevo “La tengo sparpagliata sulle spiaggie di tutto il mondo, forse l’hai vista.” A quel punto mi amavano aggiungendomi alla loro collezione di bipedi alati sparpagliati ben oltre San Frediano, e su e su a salire passata la Consuma, “Tanto la un si consuma nini”. Tornando a noi, nel calcio ci sono i giocatori forti e poi gli altri, quelli forti possono giocare tra di se anche se mescolati a casaccio come potrebbe fare Stramaccioni, per gli altri è stato inventato l’allenatore che così si prende tutte le colpe e così è stato inventato anche Zamparini, nella vita invece ci sono i belli e i brutti, se pensi a un bello e un brutto che camminano sulla spiaggia delle conchiglie, il bello avrà il vento nei capelli, il brutto la sabbia negli occhi. Migliaccio non è che sbagliasse gli appoggi o gli stop per cattiveria, aveva solo la sabbia negli occhi, ma sono i Migliaccio che fanno andare avanti il mondo, pensate a Dante che era brutto come Migliaccio, se fosse stato bello sarebbe stato tutto il tempo a trombare Beatrice e non avrebbe scritto la Divina Commedia. Ora io queste cose le scrivo sperando che Tommaso non le legga perché sono geloso dei miei trucchi, non voglio tramandarli, del resto sono un padre degenere ma onesto, perché sono stato chiaro fin da subito, gliel’ho detto “L’unica cosa in comune è la Fiorentina”, per il resto l’ho ammonito sul fatto che un figlio di San Frediano dal padre può aspettarsi solo che sia presente al concepimento. E a proposito di scheletri nell’armadio che però fanno da antitarme, c’era una ragazza brutta in San Frediano, quasi come Behrami, non la voleva nessuno, ma una volta mentre era a prendere il cappuccino dal Torcini seppe di quella strana collezione e allora s’imbucò dietro a un’americana di Milwaukee che studiava in piazza Savonarola e che amava tanto sentire il mare di cazzate dentro la conchiglia, la bruttona mise il piede a incastro nella porta per non farmela richiudere e mi disse “Se Maometto non va alla montagna, va al mare a vedere tutte queste belle conchiglie”, il genio è genio anche quando è brutto, e allora la ripagai di brutto. Ogni anno quando vado a ripagare le tasse penso a quanto era stato meglio ripagare la bruttona, mi sono inventato anche di andarci con tutte le buone intenzioni, l’ultima volta ci sono andato addirittura con il sorriso, ma loro hanno voluto i soldi. Visto il calendario e pensando alla grandezza di questa Fiorentina mi è venuto un cuoricino piccolo così, e non solo al pensiero che Jannacci non c’è più, ma ripensando alle sue parole in virtù delle forze in campo, è già chiaro cioè che purtroppo ci sarà un’impennata di violenza che si scatenerà in certe famiglie, dovuta a quelli che...quando perde l’Inter o il Milan contro la Fiorentina: “In fondo è solo una partita di futbol”, poi vanno a casa e picchiano la moglie e i bambini (nel senso dei figli).

115 commenti:

  1. Nessun dorma! o 'ndo vu siete? Soltanto i'capo "madruga" (si sveglia all'alba) e scrive e lavora e voi o dormiglioni? Se ora e ci ha i'momento di' tenero e ci riempie di scorci e panorami 'nvece che di culi e poppe e un vu v'arrapate più?Da icche si comincia oggi? sempre da Ljajic (che palle!!!) o da i' solito articolo di Riccardo Galli su i futuri portieri viola (che ripalle!!!!!). Meno male che oggi pomeriggio e ricominciano a allenassi se no un si sa più icche dire.

    RispondiElimina
  2. Adesso si parla del portiere dello Sporting Lisbona e della Nazionale portoghese Rui Patricio: non è male ma penso che costi un botto di soldi di cartellino.
    Comunque se penso al precedente portiere del Portogallo venuto in Italia (Eduardo del Genoa) mi vengono i brividi: fu un fenomeno ai Mondiali ma con i rossoblù fece pena.

    RispondiElimina
  3. La secondo foto dalla quale si scorge l'ingresso del giardino Torrigiani (via de' Serragli, ce n'è uno anche da via del Campuccio) è stata scattata praticamente davanti al 156 dove sono nato. Non c'è culo che tenga.

    RispondiElimina
  4. Buongiorno a tutti! Per non parlare sempre delle stesse cose, mi concentro sul duo Mario Gomez-Pepito Rossi. Forse, nemmeno noi ci siamo ancora resi del tutto conto di quali attaccanti abbiamo in squadra: Ma-rio Go-mez e Pe-pi-to Ros-si!!!! Mi sento ottimamente già solo a sillabarne i nomi... provate anche voi!

    RispondiElimina
  5. E poi a seguire: Tri-ple-te

    RispondiElimina
  6. Il mio pronostico: se ne va all'Atletico per 10, entro Ferragosto.

    RispondiElimina
  7. Ahahahahahahahah, Poeta sei EC-CE-ZIO-NA-LE!!!!

    RispondiElimina
  8. Per me rimane

    RispondiElimina
  9. Anto, il problema è che si parli, di chiunque, presentando queste due settimane decisive per un disgraziato che deve stare in porta e prendere decisioni veloci e senza ubbìe nel capo . Gli creano l'atmosfera peggiore per un portiere, che poi ne esca fuori o meno dipende dalla sua forza d'animo (che deve essere tanta) dal culo, dalle situazioni contingenti, ma è completamente sbagliato. Se vuoi davvero provare qualcuno, cosa di cui dubito perchè pensare di provare in due partite uno che hai in squadra da due anni e mezzo mi sembra una barzelletta, lo devi mettere nelle condizioni di fare quello che sa. Venendo a Rui Patricio, non so come vengano fuori questi nomi, di sicuro sono i procuratori in contatto con questo e con quello, ma ha un contratto fino al 2018 quindi lo dovresti pagare e bene, non credo proprio che in questo momento ci pensino sul serio, nè a lui, nè a qualcun'altro. Il problema portiere verrà fuori solo in emergenza, se Neto schianta di fronte a questa guerra che gli fanno o in caso d'infortuni, ma se no è già risolto.

    RispondiElimina
  10. Fino a una settimana fa ero dell'idea del poeta, ora, come ho detto, son più dell'idea che se ne vada. Se dovessi tirare a indovinare sarei più per una squadra di Premier, le cose son cambiate dal viaggio del persiano in Inghilterra, ipotizzare un aggancio laggiù non è fuori luogo. Però sto tirando ad indovinare, credo che la situazione sia ancora fluida, anche perchè il ragazzino non è docile come il montenegrino e potrebbe anche mandare in culo il persiano se si accorge che gli ciurla nel manico.

    RispondiElimina
  11. Atletico e la cifra del Blimp.

    RispondiElimina
  12. Il mio pronostico: 43 gol in due, parlando solo del campionato!

    RispondiElimina
  13. .......ottimista ?! eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  14. 43! se indovini te l'ha detto lo Strologo di Brozzi! Io comunque ci metterei la firma.

    RispondiElimina
  15. Voglio continuare ad essere ottimista su Ljajic per cui mi sbilancio come il Poeta: firma entro il 15 agosto il rinnovo.
    Se invece mi sbaglio e va via, anch'io sono più convinto della destinazione inglese che spagnola

    RispondiElimina
  16. 25 Gomez e 18 Rossi?

    RispondiElimina
  17. Ciao Jordan e Leo!!! Le sparo grosse per provare a distrarvi dalla questione Ljajic... con pochissimo successo, a dire il vero ahahahahahahah... il fatto è che se penso che circa due anni fa c'era il Tanque Silva e ora ci sono Gomez e Rossi non posso non essere ottimista!

    RispondiElimina
  18. Sono d'accordo, Jordan, non capisco perché Montella, che conosce Neto da un anno, dovrebbe valutarlo in 2 settimane. Comunque, leggendo i commenti dei giornalisti, mi sembra che adesso nessuno dubiti più delle sue doti tecniche, ma dubitano solo della sua tenuta psicologica. Le parole di Montella e Pradé quantomeno sono servite a questo, penso sia una strategia precisa volta a far accettare il giocatore all'ambiente (giornalisti e tifosi) tentando di incrinare il muro di ostilità.

    RispondiElimina
  19. Mi hai letto nel pensiero? ahahahahaha... ottimo Anto! Se però la ripartizione fosse diversa, mi andrebbe bene comunque!

    RispondiElimina
  20. stefano vienna31 luglio 2013 10:46

    Ma le foto della settimana scorsa non erano meglio? Pollock, hai finito l'archivio?

    RispondiElimina
  21. stefano vienna31 luglio 2013 10:51

    Comunque su Ljajic, l'articolo migliore l'ha scritto Dall'Olio. A propos, per Salvatore: vista da Vienna, violagol è la migliore trasmissione radiofonica sulla Fiorentina e non solo, se puoi far arrivare il messaggio...

    RispondiElimina
  22. stefano vienna31 luglio 2013 10:55

    Bello anche l'articolo di Paolo Fallai sul Corriere...

    RispondiElimina
  23. Ciao Stefano! Lo dico senz'altro oggi stesso a Marco, e sono certo che sarà contento del tuo apprezzamento!

    RispondiElimina
  24. Jordan per onestà dovrebbe ammettere di non essere mai stato un sostenitore di Ljajic, e direi che anche Leo non ne è certo entusiasta. Ammetterlo a questo punto significherebbe però rischiare l'impopolarità e nel proseguo del tempo, se Adem sfonda definitivamente, l'accusa di poca lucidità tecnica. Dunque non rischiano e restano sulla pisalanca.

    RispondiElimina
  25. e poi era tutta colpa dell'allenatore!

    RispondiElimina
  26. Come mai non perdi mai occasione per sprizzare un po' di veleno dimostrando che questo è per te più importante che capire qualcosa? Cosa ho scritto e pensato su Ljajic nei secoli dei secoli sta scritto non so cosa dovrei ammettere e la paura dell'impopolarità è qualcosa che abita i tuoi incubi, non i miei. Ho sempre detto che Ljajic è un giovane (è arrivato a Firenze a 19 anni) di grosse potenzialità, che ha trasformato in atto solo negli ultimi tre mesi del campionato scorso, il che è un po' poco, per me, per definirlo già un top player e per lui per pretendere retribuzioni da top player. Se sfonderà definitivamente, cosa che ritengo anche possibile, ma non sicura come per qualcuno di voi, ne sarò contento se sarà in viola, meno se sarà altrove. Il resto son tutte alchimie tue per far polemica che sembra essere il tuo unico scopo nella vita.

    RispondiElimina
  27. Ljajic lo do che rimane. Se non fosse dico Man Utd per i seguenti motivi : a) il Manchester lo aveva già preso prima di noi . b) Moyes lo voleva già all'Everton lo scorso anno. c) i red devils non hanno fatto ancora acquisti. d) è il club preferito del giocatore da sempre. La cifra la ipotizzo più alta, intorno ai 15, per il fatto che le inglesi pagano sempre per il valore del giocatore e anche oltre, mentre sono poco inclini a speculare sul contratto. Ovviamente anche io tiro a indovinare.
    Sulla coppia Gomez - Pepito, io ai tempi dell'acquisto di quest'ultimo affermavo che prima dell'infortunio era appena dietro Messi e Ronaldo in Spagna, quindi potete immaginare come li considero. Ho letto affermazioni di esperti che dicono che Gomez soffrirà con le difese italiane. Beh, è una cazzata epocale. Il campionato tedesco al momento ci è superiore e in Italia c'è grande penuria di buoni difensori. Inoltre il vecchio Klose sono due anni che le nostre difese le scherza. Col nostro gioco, migliorato dalla sua presenza, Gomez ha potenzialità da almeno 25/30 gol. Non è un'esagerazione, ma il rapporto tra le sue capacità ed il fatto che l'anno scorso siamo stati la squadra che ha tirato di più, pur provando meno del dovuto la conclusione da fuori area. Inoltre acquistiamo freddezza dal dischetto, visto che l'anno scorso sprecare rigori c'è costato punti. Insomma...quando cazzo passa st'estate del cazzo?

    RispondiElimina
  28. e siccome adombrano che il punto debole è la tenuta psicologica, borda a rompergli i coglioni fin che si può. In questo sono stati anche un po' incitati dalle dichiarazioni dell'allenatore che, con quel discorso un po' sospeso che ha fatto ha quasi incentivato il tiro all'orso, come se davvero volesse togliersi tutti i dubbi. Se non va nei pazzi con questo fuoco di fila vuol dire che c'è anche come capacità psicologiche. Però è da merde. Rischiano di distruggere ciò che, introdotto in altro modo, potrebbe essere ottimo.

    RispondiElimina
  29. Non è veleno, non c'è niente di male se non ti piace un giocatore.

    RispondiElimina
  30. Non so quanto sia produttivo pronosticare 30 goal per Gomez. Stiamo a vedere. Secondo me comunque la squadra nell'immediato è molto forte. Se. Mai la perdita di Ljajic si farà sentire tra un paio d'anni. Non credo vada al Milan. Seguirà come Jovetic piste straniere, spagnole o inglesi, tedesche o francesi. Credo sia molto richiesto.

    RispondiElimina
  31. Infatti se non mi piace lo dico, il veleno sta nel cercare di farmi dire quello che pare a te, nel cercare sempre di mistificare quello che si dice per attaccare, per dimostrare non so cosa.

    RispondiElimina
  32. Se fosse produttivo lo farei di mestiere. Sai com'è, l'acciaio mi è arrivato un po' sui coglioni.

    RispondiElimina
  33. SNap ha detto 25, Foco 25/30 e anch'io credo li possa fare, se tutto andrà come previsto nella squadra e senza particolari botte di sculo

    RispondiElimina
  34. Il pronostico sui gol della coppia Gomez-Rossi è solo un gioco tra amici, in attesa di notizie... a me il solo fatto che sia possibile ipotizzare tali cifre fa crescere il buonumore!!!

    RispondiElimina
  35. stefano vienna31 luglio 2013 11:57

    Per parlare d'altro, abbiamo un centrocampo incredibile almeno per gli standard della storia viola recente: Pizarro, Aquilani, Valero, Ilicic, Mati, Ambrosini (in ordine d'importanza) a cui bisognerebbe aggiungere Cuadraro e Joaquin in caso di cambio di modulo. Su Bakic e Vecino non mi esprimo ancora. Per fare un paragone estemporaneo, l'anno del carnevale di Edmundo, c'erano Cois, Amoroso, Amor, Di Livio oltre a Rui Costa, e poi arrivò Ficini.

    RispondiElimina
  36. Produttivo in senso metaforico. Amen

    RispondiElimina
  37. Io in ordine d'importanza metto Borja ai primi tre posti. Infatti con Borja è come se giocassimo in sei in mezzo. Sono borjoso.

    RispondiElimina
  38. stefano vienna31 luglio 2013 12:18

    E rispetto all'anno scorso, Ilicic per Romulo, Ambrosini per Sissoko (da gennaio e malandato), Joaquin e i giovani in più. Anzi, se poi resta Ljajic potrebbe giocare dietro Gomez e Rossi da trequartista avanzato. Sulla carta è chiaramente la Fiorentina più forte degli ultimi vent'anni. Vorrei vederla almeno qualche volta giocare così: Neto, Roncaglia, Gonzalo, Hegazi, Joaquin, Pizarro, Aquilani, Cuadraro, Ljajic (Ilicic), Rossi, Gomez

    RispondiElimina
  39. stefano vienna31 luglio 2013 12:20

    Borja, grandissimo giocatore, ma sono da anni estimatore di Aquilani. Ecco, che discutiamo su questo, fa capire quanta roba c'è.

    RispondiElimina
  40. Che non mi piace è da ieri sera che ti chiedo di pubblicare un mio post. Se poi gli acufeni ti dicono che non mi piace non ci posso far niente.

    RispondiElimina
  41. Sono tutti fortissimi i tre tenori e ognuno ha quel quid di differenza che madre natura gli ha dato. Nessuno dei tre è un grande interditore ma hanno piedi talmente educati, una visione di gioco eccellente, lancio, tiro e un apporto buono in zona goal, non li cambierei con nessuno e mi dispiaccio per l'età di Pizarro anche se sono sicuro che il sostituto verrà trovato. Non sottovalutate Ambrosini, vecchio quanto si vuole ma utilissimo la in mezzo. Borja è per me (piglio Foco anche io) il meglio pezzo la in mezzo, ne ha giocate più di tutti ed avrà preso un paio d'insufficienze in tutto l'anno, praticamente, formidabile.

    RispondiElimina
  42. Lud, «stare sulla pisalanca» è un'arguta e graziosa espressione, uno dei tanti tesori dialettali d'Italia che ho avuto grande piacere che tu proponessi e rinfrescassi sul sitollock. Essa però consente di cifrarti geograficamente con un'esattezza satellitare. Anche i vecchioni della costa sanno qual è il centro d'irradiazione, dalla Rocchetta in giù.

    RispondiElimina
  43. Quindi non è Il ginevrino. È Stanislao Moulinsky in uno dei suoi migliori travestimenti! ACC!

    RispondiElimina
  44. «Ebbene sì, maledetto Jordan!».

    RispondiElimina
  45. Che fosse viareggino s'era capito da tempo, ormai.

    RispondiElimina
  46. Io pronostico 26 gol per Gomez e 14 per Rossi. Questo se resta Ljajic, altrimenti El Matador che arriva a stento a 10, e Pepito che la imbuchetta 3/4 volte, ahahaha

    RispondiElimina
  47. Guarda che siamo ancora in tempo a darlo all'Atalanta per la metà di Gabbiadini e un conguaglio economico.

    RispondiElimina
  48. Anto, l'espressione non è viareggina-viareggina (anche se lì si è estesa), non propriamente. Intanto, ancora una volta, Orrico vola in soccorso di Ludsuperstar e fa strame dei suoi acerrimi nemici (e ciapa, Jordan, sai!):


    «Penso che El Shaarawy abbia già mostrato tutto il suo potenziale e difficilmente possa ripetersi in futuro. Per questo punterei con decisione su Ljajic della Fiorentina, un giocatore che dà maggiori garanzie sul piano realizzativo e della manovra offensiva. Problemi caratteriali? I grandi giocatori hanno tutti dei problemi a rapportarsi con gli altri perché dotati di grande personalità».

    RispondiElimina
  49. L'unica cosa in cui l'egizio può essere superiore a Ljajic è proprio la capacità di imbuchettarla, visto che è punta...Orrico ci chiappa in pieno, eh.

    RispondiElimina
  50. Allora Pietrasanta? Siamo sempre in Provincia di Deyna, mi sembra

    RispondiElimina
  51. Anto, ma fra un pratese e un fiorentino, ad esempio, corrono all'incirca sette o otto vie lattee, sai! Ti piacerebbe essere confuso con un bordigotto o con una (ahahahahahahahahahah!) bordigotta?

    RispondiElimina
  52. Non capisco perchè faccia strame. Anch'io prenderei Ljajic e non El Shaarawi, non so dove tu abbia letto il contrario.

    RispondiElimina
  53. Secondo il Pendolo di FOCO' il serbo rimane. L'ottimismo della zona Fere vorrei mi contagiasse, e mi faccio contagiare; BLIMP lo vede in Castiglia ma questa destinazione, i materassai biancorossi, sarebbe l'upgrade voluto da Ramadani? Da Adem? Cioè: vado via da una squadra in crescita (in tutto), che punta allo scudo e per la quale la Champions sarebbe un contentino, per andare in un club sfigato (non vince il derby da oltre un lustro) che mai, MAI, contenderà ll titolo al Real o al Barcellona? O l'Atletico è una tappa, o Lajic vola basso. ANTO, discorso simile: Arsenal significa prima fascia per blasone, economia, gestione, moduli, tecnico ma non regge per lo scudo contro le due di Manchester, il Chelsea e forse neanche il Tottenham, che se vende Bale avrà una montagna di denaro da spendere (con Di Maria e Contreao in rooster, come sembra). Per crescere, per provare a vincere ad Adem conviene Firenze; sicuro Pradè/Cognini, lo riscrivo, hanno un asso da giocarsi, sia con Rama sia per la squadra. Il tempo passa e le tre o quattro alternative si assottigliano: o firma e gioca o non-firma e va vicino a Merlo, in tribuna.

    RispondiElimina
  54. Deyna attento, se no ti retrocedo davvero! come barzelletta ci può fare anche ridere, se lo dici sul serio sei grave.

    RispondiElimina
  55. che cazzo c'entro io se uno delle Focette fa finta di essere ginevrino?

    RispondiElimina
  56. Oh cazzo, Jordan, metti la quarta! Foco stava parlando di Stanislao Mouilnski!

    RispondiElimina
  57. Ecco, arriva Pat e sciupa tutto! Tutta una lubrificazione per Lud buttata via!

    RispondiElimina
  58. Grazie Blimp, anche tu spesso mi delizi con il tuo linguaggio e la tua cultura sterminata è sempre un piacere leggerti. Di me si sa tutto ormai quindi anche che non sono ginevrino. Vero è che ho visitato spesso la Svizzera per lavoro ed amicizie. Dovendo scegliere un nick sono stato incerto tra Aloisio Zallerini (sudamericano) e Ludwig Zaller, poi ho scelto il secondo ma non escludo di utilizzare anche il primo. Come in altre parti della Toscana anche qui da me ci sono molti che tifano per squadre del Nord Italia. A me pareva assurdo e ho scelto subito la Fiorentina sin da bambino.

    RispondiElimina
  59. O ragazzi ma il nonno gli è stanco. Se mi ci vole un quarto d'ora a capire che Pat e son io tu vo' che pigli alla prima le battute su uno che un so nemmen chi l'è? O che leggevo e fumetti io? Dopo opportuno viaggio su google ho capito, ma mi ci vole i' mi' tempo!

    RispondiElimina
  60. o che te lo voi arruffianare? e t'ha belle dato una slinguata che ora e ti tocca a andare a fa' la doccia!

    RispondiElimina
  61. Sopra, lo sai che Merlo è diventato il Ds della Rufina? Incredibile, eh? A proposito, lo hai già sganciato un "maialino" sulla costa Tirrenica con le coordinate che hanno svelato? Non fare il nesci, sei andato in Sardegna apposta per avere una posizione strategica dalla quale annientare il nemico. Il motivo lo sappiamo solo io e te, ma non ti tradirò, tranquillo, ahahah!

    RispondiElimina
  62. Basta non essere confuso con uno di Imperia.
    Quanto alla presunta Bordigotta, non evocarla please.

    RispondiElimina
  63. GONFIA, dalla Sardegna ammiro meglio, immagino e fantastico meglio sulla Toscana, su Firenze. Poi, chiaramente, vado a togliere polvere a Carbonia, li dove qualcuno creò posti di lavoro, creò un paese dal nulla, creò benessere. Oggi la La Nazione riporta delle missive di Roosvelt al Duce. Che storia.....scritta un po' male! (l'ex allenatore che ha condotto la Torres, spesso avversaria dell'Audax, dall'Interregionale alla Terza Serie, ora allena la squadra del mio paese, molti ex dei sardi sono stati acquistati e quindi vigilo....Nenè l'anno scorso regalò la muta del Cagliari al mio primogenito, che accoppia maglia viola con calzoncini blu dei sardi, omaggio a mia moglie. Disorientamento insulare. Unito alla questione Liajic, alla punta di riserva, al portiere...non mi fanno chiudere occhio!)

    RispondiElimina
  64. Deyna, che mi dici del ventenne Sebastián Cristóforo su cui avrebbero messo gli occhi Madè?

    RispondiElimina
  65. Insomma, nessun intendimento bèllico, ma tanti bellìchi in Sardegna, ahahah!

    RispondiElimina
  66. Al duce sarò sempre grato per la creazione di Littoria. Un vero e proprio vivaio di figa della miglior qualità. Unire geni marocchini e cisalpini è stato rasentare il genio.

    RispondiElimina
  67. De la fia, Lud...Viareggino, camera con vista e scannatoio a Ginevra, e cittadinanza onoraria di Orzinuovi: e sei un cosmopolita di pe ride, sei...

    RispondiElimina
  68. E' interessante: dà meno soddisfazione all'occhio rispetto ad altri talenti sudamericani tipo Paredes, è meno appariscente, ma ha grande intelligenza, costanza, e maturità per l'età.

    RispondiElimina
  69. Mi sembra che se ne sia parlato anche a gennaio di un interesse di Juventus e Fiorentina. Non lo conosco ma un '93 che ha già fatto un campionato da titolare nel Penarol tanto pippa non deve essere.

    RispondiElimina
  70. In qualità di ds del Rufina Claudio Merlo ha lasciato Firenze diretto a Parigi per trattare Verratti con PSG. Il Rufina ce lo ha chiesto e ci pensiamo su, ha detto il ds parigino (Tuttomercato.com).

    RispondiElimina
  71. LUD, la tua tranquilla disperazione per Liajic ha finalmente generato un bel post....!! Ah ah ah ah ah ah ah....Sotto sotto ti piace farti insultare, sei un tipo al quale piace indurre le persone a deviare dal proprio bushido......eh eh eh eh. (Merlo deve avere un uccellino che ha suggerito della possibilità di acquistare Verratti, anche se c'era un corvo che voleva un'operazione diversa; tra falchi e colombe, nel frattempo, chiedo un canarino, sperando non ci siano gufi e che nessuno faccia papere).

    RispondiElimina
  72. Intanto stanno tesserando Vecino come extracomunitario perchè il passaporto non è arrivato. Così voglio vedere cosa inventano tutti quelli che vogliono Julio Cesar, anche se si trovasse un quasi impossibile accordo economico, come fanno a tesserarlo?

    RispondiElimina
  73. Ma non mi piace affatto farmi insultare, Sopra. Credo invece che alcune perplessità espresse con una certa energia, non chiamiamoli insulti, scaturiscano dal fatto che vedo un po' più avanti degli altri (senza modestia, è ovvio!). La mia visione della campagna acquisti, con un Ljajic messo al centro del progetto, non soltanto titolare sicuro ma autentico sostituto di Jovetic, affiancato in attacco da Rossi, Cuadrado e da un John Guidetti preso in prestito con diritto di riscatto prefissato, voleva prefigurare una Fiorentina vincente nel futuro. Ed è subito apparsa scandalosa ma continuo a considerarla plausibile e se permetti intelligente. In molti adesso riflettono sulla importanza di Ljajic e comprendono quale perdita possa essere la sua partenza. Ho scritto molte volte e ripeto che anche la squadra con Gomez e Rossi mi piace, credo che sia vincente e naturalmente non ho nessuna intenzione di criticare un giocatore come Gomez. E mi aspetto molto da lui. Magari anche un competere subito per lo scudetto, perchè no?

    RispondiElimina
  74. Incomincia il periodo del Ramadani, nel corso del quale i giocatori nella scuderia del noto procuratore non rinnovano e stanno a digiuno.

    RispondiElimina
  75. Concordo sul post precedente, basterebbe tu cercassi messo perentorietà negli scritti. Comunque Luajic, e tutti gli altri, sono tutti o nessuno al centro del progetto, oggi è quasi impossibile legarsi ad un calciatore; troppe clausole, bizze, malumori, offerte, mediatori, sirene.......Quelle che molti vorrebbero azionare per te, fortunatamente hai rimesso il cappello di paglia e hai trovato spirito Sitollockiano. Basta modularsi, a volte.

    RispondiElimina
  76. Questa mattina, prima di fare quel percorso di footing sostenuto, nella località dove mi trovo, che sono solito compiere da qualche anno, ho masticato del peperoncino, non so perché, forse perché l'ho visto in frigo più in vista del solito, boh! Mi è venuto fuori il miglior score stagionale e meno sudore (nonostante il caldo) a inzuppare la maglietta. Ricordo che un mio allenatore ci predicava, per il pasto precedente la partita, pastasciutta all'aglio, olio e peperoncino e poi un frutto come l'optimum. A letto, il peperoncino ha proprietà galvanizzanti che nessuno che abbia un uccello normale vorrà qui negare. Allora, perdonate la domanda ingenua: ma il peperoncino è fra le sostanze e alimenti dopanti proibiti dalla FIFA? Se non lo è, mi dite un po' perché i gobbi hanno speso milioni e milioni di euro, da quindici anni almeno, per maghi della bomba e per farmaci esoterici e leucemogeni quando, molto mediterranea e molto artigianale, la soluzione era così a portata di mano?

    RispondiElimina
  77. Ma per correre di più il peperoncino bisogna mangiarlo o metterlo in qualche altro anfratto?

    RispondiElimina
  78. Beh, quello sarebbe da cartoni animati, Jordan... Guarda che sono serio nel mio quesito! P.S. A essere esaustivo, dirò, come riconoscerà chiunque abbia un retto (stavolta, non un uccello) normale, che l'eccesso di peperoncino provoca fastidiosi bruciori all'anfratto di cui parli, l'indomani, talora fino al sanguinamento al termine dell'evacuazione, nettandosi.

    RispondiElimina
  79. Se non ci fosse un'altra volta quella pretesa di vedere avanti avresti scritto qualcosa che se non condivisibile almeno non è scandaloso. E' un parere sul quale non sono d'accordo, però poco male. Quello che rende impossibile il colloquio è la tua fissazione di essere sempre in competizione, anzi, in finta competizione, perchè fai l'umile ma poi vuoi sempre avere ragione tu. Tu non vedi avanti di nessuno, e non è questo lo scopo della vita in queste discussioni, tu pensi una soluzione basandola sulla valutazione di certi giocatori, valutazione che può essere anche sbagliatissima, oppure no, ma che di sicuro non è giusta perchè lo dici tu. Io dormo molto più tranquillo con Gomez che con Guidetti poi si vedrà, magari Guidetti sfonda nel City e diventa più bravo di Higuain, però, per ora, mi tengo Gomez.

    RispondiElimina
  80. Mi pare Sopra che le provocazioni non siano venute da me, almeno questa è la mia sensazione. In tanti anni che scrivo qui ed altrove raramente mi avrai visto esprimere giudizi su altri utenti. Io ho sempre e soltanto discusso le opinioni, non le persone. Mi sono mosso ed ho reagito quando l'attacco ha investito non ciò che scrivevo ma la mia persona. Ed ho ritenuto opportuno rispondere magari forzando un po' i toni a mia volta, del che mi scuso.

    RispondiElimina
  81. Naturalmente sarebbe stato facile per me esaltare Gomez, niente di più facile per guadagnare l'elogio. E' il giocatore che tutti vogliono, lo vedevano persino quando non c'era, se passava una Bmw dicevano che c'era lui a bordo. Sono andato controcorrente, ma non ho peccato contro la Dea Eupalla di breriana memoria proponendo una squadra impossibile da mettere in campo o assurda. Ad ogni modo lo ridico per l'ultima volta: la squadra con Gomez mi soddisfa, nell'immediato da' maggiori garanzie. Ma poichè il calcio è anche programmazione la squadra ipotizzata da me forse aveva più futuro. D'altronde nel calcio di oggi parlare di futuro è difficile, visto che i giocatori hanno in mano la possibilità di andarsene altrove in qualsiasi momento e se ne avvalgono. E dunque chissà se al termine di questo processo di maturazione i vari Ljajic Guidetti e Cuadrado sarebbero rimasti con noi giunti al vertice della loro carriera. O se non avremmo invece costruito senza volerlo il Milan o la Juve del futuro. Dunque tanto vale provare a vincere subito con Gomez. Poi si vedrà.

    RispondiElimina
  82. Un appassionato non si arroga il merito di saperla lunga o vederci meglio e prima degli altri. Un appassionato non etichetta altri interlocutori come DS falliti o allenatori presuntuosi ma si limita a esprimere la sua senza cercare consensi o condivisione lasciando spazio a repliche che possono abbracciare in toto il suo pensiero o vederselo discusso o ribattuto in ogni singolo punto. E li si ferma. Può andare o non andare d'accordo con altri utenti. Su tutto quello che hai scritto c'è il solito problema di fondo, mettere un giovane di ottime speranze al centro di un progetto in cui il gran numero di individualità già presenti ne sconsiglia quel tipo di utilizzo. Nessuna squadra lo fa, né in Italia né all'estero perché il calcio ha preso un'altra direzione, non si punta più su uno, due, cinque interpreti di alto spessore ma sul concetto di manovra totale dove la somma dei valori è elevata grazie al numero dei singoli che la compongono, è un modello a cui si sono ispirate tutte le big del recente panorama calcistico. Se per te questo è vederci lontano o prima di altri ci vede bene di nulla.


    P.S.: Se Ljajic valesse quello che già credi oggi o quello che pensi in futuro stanne certo ci sarebbe la fila, chi gli dava due e passa milioni d'ingaggio non era un problema. Sono li ad aspettare come si concluderà la vicenda prima di dare un assalto, andrà a prezzo di valutazione attuale, senza sconti se verrà venduto a 10 milioni, ne vale, penso, un paio in più ma la fila di squadre non c'è all'uscio.

    RispondiElimina
  83. Dopo l'omeopatia, il peperoncino dopante...Sei un caso da manuale di effetto placebo, e aggiungo bon per te!

    RispondiElimina
  84. Mi ricollego dopo l'intervento dell'haker che ho assunto come tecnico del pc! LUD il paese e la squadra si chiamano LA Rùfina. IL è il Vino Chianti Rùfina docg. Un te ne importerà una beata mazza, ma io ci tengo, permettimi.

    RispondiElimina
  85. No mi importa è giusto Gonfia, mi scuso. Io non sopporto quando storpiano i nomi delle località dalle mie parti.

    RispondiElimina
  86. Spesso prima di giocare (quando giocavo a calcio) ho mangiato gli spaghetti aglio olio e peperoncino. Sono molto meglio di quelli al burro, che spesso ti rifilavano (insieme al riso in bianco) assieme alla cononica bistecchina con insalata.
    Sinceramente non so se miglioravano le prestazioni, sta di fatto che li mangiavo volentieri.

    RispondiElimina
  87. Chi esalta Gomez non guadagna un elogio per se, ma quanto sei presuntuoso! Chi esalta Gomez esalta l'operazione della società della sua squadra del cuore perché ha preso il massimo o quasi dipsonibile sul mercato a livello internazionale. Viva Gomez non significa esser ganzi ma essere fieri di poter schierare un simile giocatore fra le nostre fila. L'arrivo di questo giocatore, quasi da solo, ha costretto tutti gli addetti (DS, allenatori, giocatori) a inserirci fra le prime del lotto per la conquista di un posto CL o un trofeo già quest'anno. E di questo si deve godere, non pensare a Guidetti o Gabbiadini come possibili alternative per mettere un giovane campione in cerca di conferme fra i "titolari fissi". Sai quanto pesano 50 e passa partite in un anno a questi livelli ?! No. Dato che non lo sai documentati prima di scrivere sciocchezze tipo "centro del progetto" e "titolare fisso" perché a scriverlo reiteratamente un simile concetto scadi nel ridicolo.

    RispondiElimina
  88. Non c'è di che, LUD

    RispondiElimina
  89. Non si dice la propria per guadagnare l'elogio, lo vedi che risbagli? Se tu pensavi che era meglio puntare su Guidetti o chi per lui facevi bene a dirlo, certo che non puoi pretendere che tutti si accodino, devi esser pronto a cavalcare e ad accettare il dissenso, lo sai quante volte non ci si trova d'accordo, più o meno tutti? Con Deyna sono spesso d'accordo, ma se per me esagera con Ljajic (un po' ci marcia perchè anche lui ci si diverte) glielo dico con energia e nessuno si offende. Poi avrà ragione lui? avrò ragione io? Lo dirà il tempo. Nei rapporti con te il problema non è quello che dici, ma come lo dici, senza accettare contradditori e pensando in fondo di vedere di più e meglio di tutti. Non è così, non è così per nessuno e di certo nemmeno per te.

    RispondiElimina
  90. Ho risposto. Non ho cominciato io. Se puoi provare che ti ho provocato prima che tu l'abbia fatto tu dimostralo, ma non credo che ti sarà possibile. Ad un certo punto rispondere è diventato inevitabile. Io alle medie non subivo i bulli, mi sapevo difendere.

    RispondiElimina
  91. La Rufina! Dicomano, Contea, Rufina, Pontassieve. Mugello e Val di Sieve e siam lì, una di seguito a quell'altro, anzi, da S.Piero 'n poi l'è tutta Sieve che a Pontassieve la si butta 'n Arno. Da Vicchio se chiamo e tu rispondi.

    RispondiElimina
  92. Intanto il Milan perde 3-0 dopo il primo tempo contro il City, due assist di Jovetic per primo e terzo goal. Ma 'ndo vogliano andare questa banda di pellegri?

    RispondiElimina
  93. Jordan, sono nativo della Rùfina, ho vissuto poi 15 anni, i migliori, a Firenze, proprio vicino a dove abitavi tu, mi sembra ricordare in Via del Palazzo Bruciato, io in Via Tabarrini che conoscerai senz'altro. Poi, da diversi anni, sono rivergato in su, non alla Rufina però, ma sempre da quelle parti. A proposito io sono stato a mangiare alla Colombaia: i tortelli e gli affettati sono mondiali, la carne non l'ho assaggiata. Se non sbaglio è l'agriturismo dove voleva venire Deyna qualche tempo fa.

    RispondiElimina
  94. JORDAN, Una banda di pellegrini mazzata dalla banda di Pellegrini? Ah ah ah ah ah..... E Jovetic due assist? Uh un uh uh uh ... Avrà mangiato peperoncino, il montenegrino! COLONNELLO, Jojo ti legge! Già l'inverno scorso, dove colse il tuo invito a lasciare la viola ed arricchire le casse, poi oggi con questa verve ritrovata....Senza aver mangiato peperoncino a Galliani inizia a bruciare il culo!! Ah ah ah ah ah ah....

    RispondiElimina
  95. Voglio immortalato il viso di Galliani!! A me un'istantanea eterna!

    RispondiElimina
  96. Se vedi del bullismo qui hai problemi a rapportarti con il prossimo perché proprio non v'è traccia. Se non credi a me chiedi pure ad altri. I toni, e te lo hanno scritto, li hai sbagliati tu quindi svesti i panni della vittima perché non lo sei e scriverlo mille volte, come i tuoi strampalati ragionamenti sulla materia proibita, non cambia il dato. Anche diecimila.

    RispondiElimina
  97. Uno scrive perentorietà e tu rispondi provocazioni! E allora continua all'infinito. Avrai qualche titolo ma almeno sai leggere ?!

    RispondiElimina
  98. La vergogna è aver portato a braccia, a colpi di rigori, una squadra del genere in Champions. Manco passeranno i preliminari. Una figura di merdissima per il calcio italiano. Ecco cosa «lede il prestigio delle istituzioni».

    RispondiElimina
  99. Vedi bene che è bullismo, maleducazione, provocazione, incapacità di vivere di vita propria e quindi necessità di impostare tutta la propria partecipazione al blog sull'insulto: sciocchezze, ridicolo, strampalati e via discorrendo. Io appunto mi sono difeso perchè non sono tipo da lasciar passare dieci insulti. Al terzo rispondo al quinto rincaro la dose. Al decimo ti do' del fallito. Ma te la cerchi.

    RispondiElimina
  100. Ti deferiranno con Canovi (vedi FiorentinaNews). Terminata la mattanza : 5 gol del City, una palo e un arrivederci (sperano,gli inglesi!) al Milan in CL. Troppo facile. Più che Liajic, credo, a loro occorre Roncaglia, o Gonzalo....eh eh eh eh

    RispondiElimina
  101. Ah bene, buona conferma...Ho problemi a muovermi, però se riesco prima o poi se po fa

    RispondiElimina
  102. Hai un concetto distorto del significato bullismo ma se non capisci il termine non è un problema. Tu ti ergi a giudice facendo prediche ad altri quando non ti rendi conto dei contenuti dei tuoi scritti, ti piace giudicare gli altri e vestire i panni del vessato dalle offese, di quello che scrivi e delle tue te ne sbatti bellamente come se uno tirasse concio e tu acqua di culonia, adesso ti arroghi anche il diritto di stabilire chi ha sbagliato i toni e atteggiamenti fin dall'inizio ma anche perché, per l'ennesima volta, non leggi quello che ti hanno scritto. Io ribatto su dei concetti definendoli sballati perché tu non perdi il vizio di volerli imporre, ti fa un baffo a te l'idea di lasciare aperta una discussione lasciando la libertà a tutti di esprimere un'opinione differente dalla tua. Bella razza di appassionato che sei.


    P.S.: Lud, qui si parla di calcio, prendere del fallito da te sulla materia, a te oscura, è una nota di merito. Un'esame passato con la lode perché diametralmente opposto alle tue inane visioni sull'argomento.

    RispondiElimina
  103. Esatto, io son nato in via del palazzo Bruciato o, meglio son nato a Calenzano perchè erano scappati tutti in campagna, nel maggio del '44 a Firenze tirava aria cattiva, mi dicono, però a due mesi di età ci son tornato e restato fino a nove anni quando sono andato in via Massaia, che non è molto lontano, magari ci si conosce, anche se non ho capito chi è più Patriarca. Deyna e Gonfia da settembre in poi si può fare, c'è anche in programma un churrasco a casa mia, le bistecche son garantite, il tempo no ma a settembre in genere è buono.

    RispondiElimina
  104. Comunque come lapsus "acqua di culonia" non è male

    RispondiElimina
  105. Penso tutto il male possibile del Milan. Tuttavia, oggi non era un test attendibile: ho visto il primo tempo e non è stata una partita di calcio. Però, loro erano schierati a quattro dietro con Antonini e Constant sulle fasce e Zaccardo e Vergara in mezzo. A centrocampo, De Jong, Muntari e Traoré, Boateng dietro El Shaarawy e Petagna. Insomma, non era il Milan vero. Non l'hanno mai, ma proprio mai, vista fino al 5-0: era il 35'! Poi in sei minuti han segnato tre gol. Che indicazioni vuoi trarne?

    RispondiElimina
  106. Grande Salvatore chi gli mancava? Di Sciglio ed il cascatore Balotelli, Montolivo e poi? guarda che non sono mica tanto di più. Se era un partita seria perdevano 8-0! Io penso che se non agganciano l'arbitro rischiano di non farlo nemmeno il gironcino. Così Balotelli lo pagano con i capelli di Galliani.

    RispondiElimina
  107. Sei tu il Patriarca. Io sono del '51. X il SOPRA, ascolta: sono nato nell'ex Casa del Fascio, l'unica con la terrazza nella piazza principale del paese, mi devi gli onori militari anche se son diventato comunista, ahahahah! Jordan ti ringrazio per l'invito.

    RispondiElimina
  108. Ciao Pat, spero ardentemente che vadano fuori dai preliminari e ritengo che noi fossimo più forti l'anno scorso e, a maggior ragione, adesso. Però, la copia Zaccardo-Vergara non la schiereranno mai più: hanno Mexès, Silvestre, Bonera e Zapata, tutti e quattro superiori. Abate mi sembra meglio di Antonini e Abbiati meglio di Amelia. Detto questo, anche il City era disinteressato alla fase difensiva, insomma non mi è parsa una partita. Fra l'altro, credo che il precampionato del Milan sia rivolto esclusivamente a raccattare qualche euro qua e là. Peggio per loro! Si allenano male e moltiplicano il rischio di infortuni. Infatti, ho guardato la partita come un gufo ahahahahahah

    RispondiElimina
  109. Da Fiorentinanews:

    Arriva un nuovo colpo per la Primavera della Fiorentina. Si tratta di Viktor Stevanovic, centrocampista classe ’97 proveniente dallo Sturm Graz. E’ austriaco ma ha origini serbe ed è stato voluto da Eduardo Macia. Può giocare come esterno, sia di difesa che di centrocampo, ed in passato ha fatto anche un provino per il Manchester City. Ieri, sul suo profilo Facebook, ha scritto: “Per me è un grande momento, ho firmato con la Fiorentina, uno dei migliori club”.

    RispondiElimina
  110. Lo so, son partite del cazzo, ma andare a prendere cinque gol in 35' è roba da fare il viso rosso, peggio se è per pochi spiccioli. Ci han rubato per andare così a sputtanarci per il mondo! e poi quegli altri palloni gonfiati fanno gli offesi!

    RispondiElimina
  111. Domani affrontano il San Paolo e spero che il gufo sia piú in forma di oggi ahahahahahah

    RispondiElimina
  112. Il suffisso " IC " è sempre stato buono per la viola, speriamo lo sia anche 'stavolta. Mi raccomando domani, dal macellaio "Mi da una bella fiorentina, tutta intera e....ecco...anche il Milan, che si fa a fettine...". Eh eh eh eh eh eh eh....

    RispondiElimina
  113. Poi dopodomani partono per gli Usa, dove vanno a racimolare qualche dollaro: mi sembra giusto, la tenuta dell'euro non è scontata ahahahahahah una gara la giocano a New York, l'altra a Miami... ti sembra una preparazione seria? Il gufo vigilerà!!!

    RispondiElimina
  114. Il S.Paolo perde da nove partite consecutive, se non vince con loro non vince più.

    RispondiElimina