.

.

lunedì 29 luglio 2013

Un puzzle di ricordi

Se è vero che un cannibale può morire anche per un’ intossicazione alimentare dopo essersi mangiato, per Vargas il problema è più di forma, e non solo quella fisica, la colpa è da ricercare in quel viziaccio di mangiare con le mani, specie quando si tratta del pollo che utilizza in dosi massicce, la causa principale della sua attuale svalutazione si trova in una sostanziale mancanza di bon ton, quella che lo ha portato a ribaltarsi e ad essere oggi un giocatore senza mercato, uno che prima di abbandonare le posate era il miglior crossatore al mondo, diventato uno che non passa mai la palla e neanche la canna, e tutto per colpa di quelle dita appiccicose tipiche di chi mangia il pollo con le mani e che ragiona con i piedi. E’ proprio vero che bisognerebbe nascere vecchi come Bergomi a 16 anni e poi diventare giovani come si crede ancora Paola Ferrari, perché a proposito della marijuana che Vargas non passa mai, e della sua utilità in alcune terapie come quelle per alleviare il dolore dei malati di cancro, solo oggi mi rendo veramente conto di quanti miei compagni dell’Istituto d’Arte erano in fin di vita e io non me ne sono mai accorto. A Firenze comunque, giovani o vecchi siamo gente diretta come l’Alta Velocità, fuggiamo da certi rapporti regionali dove si fanno tutte le fermate, non ci piacciono le tappe d’avvicinamento al nocciolo della questione, magari ruvidi e non accomodanti, ma comunque senza scalo, e anche per questo i giocatori li riconosciamo a pelle, ci piacciono quelli immediati, impulsivi, quelli che si danno, istintivi proprio come noi un attimo primo di addentare il panino con il lampredotto perché intuiamo che ci piacerà. E Diladdarno non a caso, Oltrarno perché c’è sempre un’altra parte dove mettere quelli che invece sono formali, convenzionali come i buoni pasto, quelli artificiosi anche quando non devono disinnescare le bombe. Sarà per questo che a Firenze e in special modo in San Frediano ci piace così tanto Antonio Conte, perché alla fine è spontaneo come un ictus. I ricordi intanto affiorano come un periscopio che scandaglia il Ponte alla Carraia, ricordi come puzzle che si montano e poi si smontano, quando inevitabilmente se ne perdono i pezzi, oggi ne ho ritrovato uno tra Borgo San Frediano e l’inizio di via de’ Serragli, una tessera di una parte di Firenze che vive tutti i giorni smontandosi e rimontandosi proprio come un puzzle, perché la Milena e la Liliana, le zie di via del Campuccio che non ci sono più, avevano un banco in San Lorenzo dove per un’ estate ho lavorato, un banco che sapeva di cuoio fiorentino, quando ancora si parlava italiano, quando c’era Marino Groovy, e alle spalle del banco c’era un Mercato Centrale più sostenibile, non certo quello dove l’altro giorno il Perini  ha fatto un conto di oltre 300 euro a dei francesi che hanno pensato bene di non darglieli e di lasciargli tra le altre cose quella cinta senese che gli deve esser sembrato un ladrocinio come quello del Monte dei Paschi. Sono molto più onesti in Sardegna allora, perché mentre noi cerchiamo di fregare il turista senza tanti riguardi, loro grazie all’anonima sequestri hanno stabilito almeno una convenzione che consente di vendere sull’isola solo auto con la cintura di sicurezza nel bagagliaio. Più la guardo e più mi accorgo che la faccia della città è davvero cambiata, la pelle è più olivastra ed ha il profumo del kebab, gli occhi sono quelli orientali dei ristoranti cinesi, i rapporti sono crudi come il sushi che imperversa come prima succedeva invece con il baccalà dentro alle vasche di alluminio fuori dai negozi dei pizzicagnoli, non c’è più un naso aquilino ma lineamenti multietnici, il giovedì delle badanti ha scalzato i fiorentini dalle panchine delle piazze, mentre i peruviani  hanno sostituito la festa del grillo a Porta Romana, argentieri e corniciai sono solo un ricordo incorniciato e poi gettato dentro al nastro d’argento. E così quando voglio andare a trovare un fiorentino vado a Trespiano a trovare il babbo. Poi torno in “buca” e chi c’è c’è, tanto a me basta sognare per vincere, perché un vincitore non è altro che un sognatore che non si è arreso, l’ho imparato all’Istituto d’Arte, ad usare cioè gli strumenti più utili nella vita, perché l’importante è fare anche a costo di sbagliare, per questo in fondo alle matite c’è sempre una gomma.

84 commenti:

  1. Sono stato uno sponsor di Ljajic e lo sono ancora. Nonostante ciò sono convinto che la eventuale perdita possa essere assorbita e che la Fiorentina possa fare a meno di questo giocatore. La rosa attuale è molto forte e completa, ci sono molti ricambi ed anche se Adem va via ci sarà chi farà tanta panchina. Non è da trascurare, credo, l'aspetto tattico. Per far giocare Ljajic titolare Montella dovrebbe cambiare gioco ed inserire un tre-quartista. E' una possibilità che Deyna aveva dato per scontata, ma le prime mosse di Montella vanno in un'altra direzione. Montella ha detto infatti che il centrocampo a tre è il punto fermo della squadra e che non intende modificare l'assetto fondato sui tre tenori. Inoltre in amichevole ha sempre schierato Ljajic fuori dalla formazione titolare. Ciò perchè Gomez e Giuseppe Rossi sono due giocatori intoccabili. Al primo è stato garantito il posto per contratto, il secondo ha una fame di calcio ed una ambizione inesauribile. Insomma, i posti sono assegnati. Una analisi di questo tipo mi aveva portato già a giugno a ipotizzare un reparto di attacco più equilibrato. Se al posto di Gomez fosse stato preso un centravanti disposto a fare la spola tra la panchina ed il campo, uno che nelle gerarchie partisse se non dietro alla pari con Ljajic, le possibilità di Adem di giocare sarebbero state più alte. E' impossibile che al giocatore sfugga questo aspetto. Se deve fare panchina preferirà sempre giocare altrove, o fare panchina, si, ma in un grandissimo club, uno di quelli che nelle gerarchie calcistiche ci precede come pubblico e fatturato. L'altro aspetto è l'ingaggio. L'ho detto, deve essere un ingaggio a salire che partendo da una base di 1,5 milioni di euro l'anno, salga con step di 500 mila euro a 2,0 nel 2014 e a 2,5 nel 2015 in funzione di presenze e goal. Ma stiamo attenti, se Adem non gioca regolarmente non raggiungerà mai gli step programmati e la sua carriera farà un passo indietro. In definitiva fossi il suo procuratore gli consiglierei francamente di andarsene. Che ci sta a fare qui?

    RispondiElimina
  2. Molto poetico e malinconico, Pollock, oggi. Sei veramente un artista.

    RispondiElimina
  3. Lud, nelle partitelle a cui ho assistito e nell'amichevole contro la Cremonese Liajic è stato schierato nella formazione dei 'titolari' accanto a Gomez nel 3-5-2. Stessa cosa sarebbe stata contro il Limassol, dove è stato schierato Yako e non Pepito, che tutte le volte era parte dell'undici di riserva. Ma questo è normale, vista la condizione ancora non al 100% di Rossi. Liajic giocherebbe un bel numero di partite secondo me. In particolare perchè Montella chiede anche alle punte un lavoro di sacrificio nel coprire eventuali riprtenze avversarie. Penso che Liajic dovrebbe rimanere con un allenatore e in un ambiente che lo conosce e ora apprezza tanto. Se poi vuole fare soldi da subito si accomodi in altra squadra e buona fortuna.... Io se fossi la Fiorentina alzerei un po' l'offerta dell'ingaggio per assicurare ad entrambi (noi e lui) un anno di tranquillità mentale.

    RispondiElimina
  4. Mi fa piacere ciò che dici, Orcio, anche se penso che Giuseppe Rossi sia un caterpillar, vista la sua formazione statunitense e che presto lo vedremo al top. Ma secondo te l'arrivo di Ilicic non ha dato noia ad Adem?

    RispondiElimina
  5. Anto, mi sto solo rincoglionendo. Pensa che sabato ho persino comprato il Lancers Rosè per attivare certe malinconie. Grazie, troppo buono.

    RispondiElimina
  6. Non ho dato niente per scontato, ma pensavo [e penso] che Montella sappia gestire l'abbondanza di talento, e far giocare due punte come Gomez e Rossi, con gli inserimenti da dietro di due elementi offensivi come Ljajic e Cuadrado [più da lontano, lui]. Come ti ha detto Orcio, finchè è stato disponibile titolare è peraltro partito Ljajic, non Rossi. Che, se non vogliono rischiare che finisca davvero la carriera, non verrà fatto giocare per più di 25 partite, sulle 50/60 totali della stagione. Anche nella tua ottica di un'alternanza secca tra i due, Ljajic e Rossi giocherebbero comunque circa 25 partite a testa, considera che il serbo l'anno scorso ne ha fatte 28...Ljajic se resta giocherà tantissimo, nessuno può tenerlo in panchina se è quello dello scorso finale di campionato [e dalle amichevoli mi sembra anche meglio]. Il problema è solo lo stipendio...Di intoccabile comunque non c'è nessuno, neppure lo stesso Gomez giocherà proprio tutte le partite, ogni tanto dovrà esser fatto rifiatare. Figuriamoci Pepito.

    RispondiElimina
  7. Deyna, io penso che il ruolo di riserva di lusso si addica già poco a Ilicic, meno ancora a Ljajic. Credo che ragionare in termini di "ne giocherai tante perchè i titolari debbono rifiatare o recuperare da infortuni" non sia esattamente quello che Ljajic si aspetta. Per crescere avrebbe dovuto essere titolare. Credo si sia compreso a questo punto che i miei rilievi a proposito dell'arrivo di Gomez non prendevano tanto di mira il giocatore, ma piuttosto volevano esprimere perplessità sul prezzo e l'ingaggio, troppo elevati e sulla reale necessità, avendo già Ljajic e Rossi di un altro titolare inamovibile. Io avrei preferito perciò un centravanti che partisse sulla stessa linea di Adem. Gomez è troppo ingombrante per poter essere tenuto fuori contro il suo parere. Se Montella lo esclude dovrà giustificarlo e non sarà facile. Rischia di fare la fine di quelli che hanno messo fuori Baggio.

    RispondiElimina
  8. Sono tornato oggi in ufficio dalle ferie, inoltre piove e quindi tendo già di mio a lasciarmi andare a una vena malinconica (quanto al processo di rincoglionimento, per me è in atto da tempo ed è irreversibile), per cui trovo che il tuo post di oggi, tra la foto e l'affresco della Frienze d'antan, sia veramente un capolavoro, uno dei migliori della tua produzione. Dico davvero.

    RispondiElimina
  9. Lud, ti ricordo che Montella ha imparato moltissimo dal suo maestro Fabio Capello, forse l'allenatore più bravo a gestire il gruppo e le rose ampie. Vincenzino ha già dimostrato di saperci fare, anche da questo punto di vista.

    RispondiElimina
  10. Gomez infatti salterà solo le partite meno importanti, quando giù di forma...Poi, se Ljajic doveva essere titolare inamovibile e così Rossi - secondo la tua visione - l'ipotetico Gabbiadini di turno quando mai giocava? Il punto infatti è che Montella ha voluto [da sempre] il centravantone punto fermo del suo attacco...Spero che Ljajic resti, secondo me ti farà vedere che giocherà tantissimo.

    RispondiElimina
  11. Per la gioia di Lele, pare che stiamo per prendere (in prestito) Borriello.
    Per la gioia mia, lo prenderemmo come riserva.

    RispondiElimina
  12. Apprezzo quello che scrivi come fosse lampredotto. E allora beviamoci su, vai. Per buttare giù tutti questi complimenti. Alla salute.

    RispondiElimina
  13. Poi non ho capito, Lud, dove giocherebbe titolare fisso Ljajic nel milan, quando ci sono Balotelli e El Shaarawy. Trequartista? Ma allora lo può fare anche da noi!

    RispondiElimina
  14. Sarebbe bella per perculeggiare chi crede che a Montella il centravantone lo disturbi. Nelle poche partite che salterà Gomez, ecco pronto il simil-Gomez, però credo sia una notizia da "Nazione", roba da cessi insomma. Borriello prende uno stipendio che credo lo metta fuori da ogni logica, soprattutto per il ruolo di rincalzo che avrebbe.

    RispondiElimina
  15. Manca l'humus di fondo, una preparazione basica che si possiede o non si possiede, a questa età non s'impara e non ci si crea quella preparazione, il sapere quante partite ci aspettano ed il capire quello che succede in campo, se non si ha idea di cosa comportino certi impegni e che ci saranno da giocare anche 6 partite ogni 15 giorni per diversi mesi è inutile scrivere all'infinito le stesse cose, anche facendolo non verranno assunte a rango di verità certe considerazioni sbagliate, candide nella loro innocente sciocchezza. La titolarità oggi nelle squadre top possono vantarla una decina di giocatori, a Ljajic si vuol dare già la patente dei Messi e dei Bale, dei CR7 o dei Balotelli, perché ha fatto quattro (4) mesi quasi, "quasi", al livello dei sopracitati. Nessun allenatore ragiona in modo così approssimativo, nessun DS concede aumenti ad otto cifre per ripagare mezza stagione a fronte di due e mezza anonime (complice anche una situazione particolare, è bene ricordarselo sempre). E' la mancanza di sostanza logica e pratica di chi fa questi ragionamenti che rende noioso riscrivere le stesse cose dare sempre le stesse risposte a fronte di questi non argomenti privi d'interesse e completamente sballati, o ci si rende conto che per apparire interessanti non è necessario annaspare in argomenti più grandi di noi o si può continuare a far finta di esserne all'altezza e suscitare ilarità in chi legge.

    RispondiElimina
  16. Se Ljajic pretende di essere titolare fisso in una squadra di primo livello deve fare un corso accelerato da Messi per ora ad esser buoni ha frequentato solo le scuole medie. Il che non vuol dire che non possa anche arrivare alla laurea (anche se sono meno sicuro di tanti sul fatto) però, di sicuro, ancora non ce l'ha. Quindi ha ragione Montella corri ragazzo, corri, e non rompere troppo i coglioni. Qui hai un allenatore che ti stima, che ti ha rilanciato, che sa quello che puoi fare e che ci crede, altrove chissà. Comunque la scelta è tua e sono un'altra volta con Montella ha bisogno più Ljajic della Fiorentina che il contrario.

    RispondiElimina
  17. Non vedo però quali meraviglie abbia mai fatto Balotelli all'Inter, al City o al milan, per metterlo al livello di Messi, Bale o C. Ronaldo...Ljajic nel campionato italiano - naturalmente la sua versione sbocciata - fa già meglio.

    RispondiElimina
  18. Dipende per cosa, se puntiamo al massimo traguardo senza Ljajic non ci sono possibilità. Naturalmente secondo me, sempre bene precisare...

    RispondiElimina
  19. Deyna, Ljajic ha avuto mezza stagione ad alto livello, il Balo di più ed è venuto fuori 3 anni prima nonostante microcefalia acclarata. Ci corre ancora parecchio fra i due, smettiamola di mitizzare i nostri per 4 mesi buoni, dopo un anno o due se ne riparla.

    RispondiElimina
  20. Quanto al livello di Ljajic, certo Messi è irraggiungibile. Se lo si paragona ad altri trequartisti, però, secondo me nel giro di un paio d'anni Goetze e Ozil, ad esempio, se li mangia a colazione, se continua così.

    RispondiElimina
  21. Se per ogni 4 mesi buoni un giocatore fosse da vice pallone d'oro, come vorresti attribuirgli tu Deyna, ci sarebbero campioni dietro ogni angolo. Parli di Ljajic come se fosse Baggio, Mattheus, Van basten "massimo dei traguardi, senza non ci sono possibilità". Un po' di equilibrio sarebbe necessario. Spero firmi e rimanga anche più di un anno, se ritorna il nutellino di prima vi do dietro con una sedia!

    RispondiElimina
  22. Non sono d'accordo con te, Deyna. Dicevi più o meno le stesse cose l'anno scorso dopo la cessione di Nastasic e le cose sono andate diversamente dai tuoi pronostici.
    Ljajic è un prospetto interessantissimo, ma deve confermare tutto il buono fatto negli ultimi quattro mesi. E' molto probabile che ci riesca. ma, a mio parere, andando via da Firenze adesso, corre il rischio di regredire. Per questo Montella ha detto che ha pià bisogno lui della Fiorentina che la Fiorentina di lui. E, d'altra parte, la squadra ha in piedi moltissime alternative e varianti in attacco e, detto tra noi, il Ljajic attuale non partirebbe titolare fisso.
    Comunque sia, io spero vivamente che rimanga e possa effettuare in viola quel salto di qualità che in molti gli pronostichiamo. L'importante è che non venga ceduto al Milan: glia vversari diretti non si devono rafforzare a nostre spese.

    RispondiElimina
  23. Balotelli, che ha un anno di più ed è un centravanti, ha fatto vedere sprazzi, ma né all'Inter né al City ha fatto la differenza. La scorsa stagione ha fatto più di una mezza stagione ad alto livello? Ma se al City ha fatto un solo, misero gol, e giocando centravanti! Al milan si è procurato e ha realizzato rigori spesso inesistenti, ha giocato quasi da fermo in modo indolente, trovando qua e là zampate vincenti. Ljajic ha giocato molto meglio, e ha segnato anche di più, se consideri i rigori...

    RispondiElimina
  24. Per me non è così determinante, oggi domani chissà, e, credo, nemmeno per Montella se no gli avrebbero già dato quello che chiede (ora sembra tornato vicino ai 2 milioni) e, soprattutto, non avrebbero preso Ilicic. Ve l'ho detto subito, appena ufficializzato lo sloveno il rinnovo di Ljajic mi è sembrato di colpo difficile (mentre lo ritenevo probabile, alla fine), ed infatti è tornato ad essere diffiicile. Se va via e li reinvestono su Najngolan o Capoue credo, a differenza tua, che la fiorentina sia addirittura più forte.

    RispondiElimina
  25. Io rimasi delusissimo dal doppio colpo partenza di Nastasic + mancato arrivo di Berbatov, e non cambio mica idea: con loro in squadra si arrivava assai più avanti. Allo scudetto no, ma in CL si andava di sicuro, nonostante gli arbitri.

    RispondiElimina
  26. No, non è Messi, né C. Ronaldo, Aguero, o altri giocatori di quel livello. Ma è quello che qui da noi fa la differenza, salta sempre l'uomo/gli uomini, fa assist, segna, imbuca le punizioni. Non ce ne sono altri in rosa che possono fare quel lavoro con quella qualità, né c'è in giro niente del genere da portare a Firenze, se non svenandosi.

    RispondiElimina
  27. Sono due casi diversi, in uno (Nastasic) fu una scelta, nell'altro una birbantata. Che con Berbatov si sarebbe probabilmente arrivati in Champions è molto probabile. L'influenza di Nastasic la so valutare meno, ma devi tener conto che ci ha valso il contante per rifare mezza squadra, quindi considerare il semplice cambio Nastasic-Savic non è molto corretto

    RispondiElimina
  28. Quindi al City gettano i soldi dalla finestra, o magari lo fanno al Milan ?! Perché a leggere codesti numeri paiono tutti sotto insolazione che hanno valutato 35mln prima e, a rimessa, 20 mln dopo un giocatore che non ha mai mostrato nulla! Io penso che l'affare l'abbia fatto il milan, che poi sia un pumpkinhead è un altro discorso.

    RispondiElimina
  29. Nastasic fu ceduto gli ultimi giorni di mercato, i suoi soldi semmai son serviti a comprare Rossi in seguito, la squadra era già fatta allora.

    RispondiElimina
  30. "Saltare sempre" l'uomo non li abbiamo in rosa ?! Deyna, quando parti per la tangente ti si tiene a freno pure te, a parte che il sempre non esiste nel calcio, non forzare ragionamenti pure tu ma Joaquin, Cuadrado, Giuseppe Rossi, ma anche i tre tenori a centrocampo non saltano l'uomo quando vogliono e non forniscono assist a nastro ?! Equilibrio Deyna, equlibrio, quando scrivi nessun'altro in rosa lo perdi di brutto.

    RispondiElimina
  31. Parlo ovviamente di quella posizione del campo, l'unico paragonabile è Rossi, che comunque deve giocare davanti e non può né sa partire da lontano e spomparsi nei rientri. E intendo ovviamente uno che sa fare TUTTE quelle cose INSIEME, tra cui tirare punizioni, specialità in cui l'unico che può vagamente avvicinare Ljajic è Aquilani.

    RispondiElimina
  32. ha portato 16-17 milioni in contanti, se li vuoi ritenere usati per colmare una buca precedente o per investimenti in Pepito o, addirittura, quest'anno non cambia molto, il fatto è che non fu uno scambio alla pari e quindi da una parte c'è Nastasic, dall'altra Savic, Rossi e quant'altri hai preso utilizzando quei fondi (la tempistica dei pagamenti è un dettaglio).

    RispondiElimina
  33. Vabbé lo ami, ne prendo atto.......eh eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  34. Ilicic, anche se con stile diverso, è addirittura più prolifico di Ljajic, ha segnato gli stessi gol in una squadra retrocessa. Comunque, e lo ripeto, se Montella la pensasse come te avrebbe battuto i pugni sul tavolo, invece mi sembra più che allineato anzi, è più realista del re!

    RispondiElimina
  35. Il City di Balotelli si è sbarazzato ben volentieri [aveva segnato 1 solo gol nella sua ultima mezza stagione là, lo ricordo ancora], non si era mai imposto come titolare indiscusso e determinante. Non vedo come si possa citare a fianco di Messi o C. Ronaldo! Al milan ha fatto meglio, ma se togli rigori e tocchetti sottoporta alla Toni, la differenza vera io non gliel'ho vista fare che in un paio di occasioni. Tra l'impatto sulle partite suo e quello di Cavani ci corre un abisso, per dire...Io trovo che sia Balotelli il grande sopravvalutato.

    RispondiElimina
  36. Ilicic pare essere stato richiesto espressamente da Montella, l'unico nome fatto dal tecnico è stato lui, su Ljajic è stato tagliente a fine stagione "serve più La Fiorentina a lui......" e molto deciso e chiaro pochi giorni fa "non è sereno...". Uno lo prova pure interno quando sa fare praticamente tutto in attacco, l'altro lo schiererà quando la situazione sarà risolta altrimenti panca, arrivederci e grazie. Possibile non si renda conto di quanto sia decisivo e imprescindibile ?!

    RispondiElimina
  37. Eh no, perché non ci hai rinforzato la squadra per quella stagione, ma l'hai indebolita. Che poi l'operazione fosse da fare, a mente fredda ti dò ragione, ma il risultato sportivo secondo me ne ha risentito, perché terzo di sinistra nella difesa a tre ha giocato tutto l'anno un arrangiato, e le carenze in impostazione e nei lanci si sono viste tutte.

    RispondiElimina
  38. "Basico" in italiano è un termine della chimica. Nel senso in cui lo utilizzi Leo si tratta di un americanismo deteriore e scorretto e cacofonico. Suggerisco "preparazione di base".

    RispondiElimina
  39. Non citiamolo accanto a loro Deyna ma non citiamo neanche Ljajic come campione affermato e risolutivo, in ogni caso, per ora, Balotelli vale e costa più di Ljajic, dal prossimo anno vedremo.

    RispondiElimina
  40. Deyna è piu estremista di me su Ljajic. Ad ogni modo io credo molto nelle possibilità di Adem. Da tempo immemore sto scrivendo che la Fiorentina non l'ha posto al centro dei suoi progetti. Quindi forse la cessione è vicina, va capito se avverrà subito o tra un anno. Siamo comunque molto competitivi. E per l'attuale stagione non dispero. Tra due o tre anni ci potremmo pentire, però.

    RispondiElimina
  41. Se ci affidiamo a Ilicic, auguri. In una Maquina che troverà inevitabilmente davanti a se' spazi stretti è lento, ed entra e esce dalla partita come un sonnambulo. Se impara a coprire meglio potrebbe fare la mezzala alla Aquilani e sfruttare il tiro da fuori e gli inserimenti, ha classe e fantasia, ma non può fare quello che fa Ljajic. Ha 25 anni poi, mi meraviglierebbe che diventasse ora un mostro di continuità, anche se sono convinto che migliorerà molto con Don Vincenzo...

    RispondiElimina
  42. Utilizzo uno stile colloquiale per venire incontro alle tue capacità Lud, di cacofonico ci sono questi suggerimenti con i quali vorresti atteggiarti a professorino senza cattedra delle mie gonadi. Ti lascio questo compito, a qualcosa devi pur servire sul blog.

    RispondiElimina
  43. Non mi devo affidare io a lui ma il tecnico che lo ha richiesto espressamente. Questo è un dato di fatto Deyna, accettalo.

    RispondiElimina
  44. Aricecco, aritoccami che la mamma la un rivede! ma se non vuoi schermaglie, se vuoi parlare solo di calcio (con chi ha pazienza per starti dietro) perchè non la smetti di stuzzicare e di rompere i coglioni? Allora ti diverti a far la guerra? E dillo, ma non frignare per le labbrate!

    RispondiElimina
  45. Lascialo perdere Jordan, non perde occasione di togliere dubbi residui a tutti e lo ammetto, ci riesce benissimo. Ormai da me ne ha prese troppe, chiaro che cerchi la rissa ad ogni occasione, è infantile, rancoroso e consapevole di averne raccattate di tutti i colori e tutte le forme, ormai non c'è storia fra me e lui quanto attendibilità sulla materia, è chiaro a tutti. Non riesce a farsene una ragione e deve scovare nuove strade per cercare rivalsa, cazzo, su un qualcosa riuscirà a spuntarla. Se lo segano a Salerno gli danno il buffetto ad harvard, l'è tutto uno spergiurare sulla sua bravura, altro che complesso d'inferiorità.

    RispondiElimina
  46. Deyna se davvero pensi che Ljajic valga più di Goetze avresti dovuto sposare la mia tesi. Avendo il nuovo grande crack a livello europeo non ci serviva Gomez. Bastava un ottimo centravanti giovane che non chiudesse Adem.

    RispondiElimina
  47. L'ho scritto anche sotto ma qui si fa tutto tranne che ragionare con obbiettività. Si vuol dare l'assalto ad un piazzamento CL e puntare all'EL e si punta tutto su una riconferma di un giovane a certi livelli ed un attaccante giovane dallo score dubbio. Eppoi si ritiene di essere ganzi a scrivere certe cose.

    RispondiElimina
  48. Invece nella sua illogicità di base, qui il discorso un senso logico ce l'ha. Uno che dice che senza Ljajic non abbiamo possibilità di vincere lo scudetto (perchè con Ljajic invece?) gli dà un valore tale che lo dovrebbe porre al centro del progetto e quindi avrebbe un senso anche non prender altri che ne potessero addirittura complicare l'impiego. Per me il discorso non sta in piedi perchè tutta questa importanza a Ljajic non la dò, il centravantone era indispensabile e considero il serbo come un delizioso e talvolta prezioso optional, ma non di più, però, uno che dice quel che dice Deyna non dovrebbe essere tanto distante dalle posizioni di LZ se no qualcosa non torna. Che con Gomez e Rossi si imponga di giocare a due punte e che, quindi, l'utilizzo di Ljajic (che ci sarà, non c'è dubbio) si limiti alle assenze di Rossi o a quei momenti tattici in cui un trequartista-terza punta ha un senso, mi sembra ovvio. Se questo al serbo non basta, come ho già scritto, deve studiare parecchio, perchè è difficile che, ora come ora, trovi molto di più altrove.

    RispondiElimina
  49. Tutta questa importanza a Ljajic non viene data neanche dallo staff tecnico attuale né dalla dirigenza che se ne guarda bene dal concedergli ingaggi da due milioni o giù di li. Più volentieri sono pronti a perderlo a 8-10 milioni adesso avendo, credo, già pronte altre soluzioni per il rimpiazzo. Che nell'immediato l'impatto di un Gomez sia superiore a quello del serbo lo testimonia la titanica impresa di averlo preso a quelle cifre e dato quell'ingaggio, cosa che, oggi, Ljajic non si può neanche sognare di prendere o chiedere. Persino Rossi sano è più devastante e questo senza nulla togliere a nutellino che pare avere nelle gambe, non so quanto nella testa ancora, quei numeri che possano proiettarlo, nel suo ruolo, nel gotha del calcio mondiale. Solo che oggi è ancora un prospetto che deve confermarsi, gli altri sono giocatori già affermati che per prestazioni e rendimento rappresentano una garanzia sotto tutti i punti di vista. Queste sono valutazioni che non vengono stravolte da scommesse o concessioni di fiducia illimitata a chi deve dimostrare, sono certezze scaturite dalle prestazioni in campo. Si può dubitare sul recupero di Rossi, si può temere una tempistica necessaria a far assimilare certe dinamiche delle difese italiane a Gomez ma non si può avere incertezze sul valore di questi giocatori. Con 50 partite da fare a ritmi infernali per lunghi periodi che ci siano perplessità su chi schierare e quanto schierarlo mi pare problema da non prendere in considerazione e parlare di singoli da mettere al centro di un progetto in una squadra che vanta così tante individualità e un gioco in cui vengono esaltati meccanismi e movimenti corali lo ha pure meno. Se rimane anche Ljajic benissimo, chi non vuole qualità in squadra alzi la mano, che le sue richieste o la mancanza di voglia a rimanerci anche per un solo anno ci precluda chissà quale traguardo è illogico anche crederlo, farà la fine di Montolivo, che per un anno c'è finito davanti (ed il modo lo sappiamo) dal prossimo ci vede le chiappe per un bel pezzo.

    RispondiElimina
  50. A proposito di...

    http://www.fiorentina.it/notizia.asp?IDNotizia=135993

    RispondiElimina
  51. Daje Lud, sei mancato per questo, dì la verità:


    www.youtube.com/watch?v=sH_Q69WanCk

    RispondiElimina
  52. CUADRAAAAAAAAAAAAAAAADO

    RispondiElimina
  53. Adem Liajic, il nostro Tony Tormen.............

    RispondiElimina
  54. ovvero "il tormento e l'estasi"

    RispondiElimina
  55. Si sta parlando per ipotesi, ma, magari, se non arrivavano i soldi di Nastasic, per rientrare dello speso dovevan vendere qualcun'altro. Poi valutare quanto influisca un difensore centrale nelle fortune di una squadra è abbastanza opinabile. Savic ha fatto un buon campionato in fondo. Ripeto, sull'importanza del mancato apporto di Berbatov son d'accordo, ma lì si è trattato di un opera di banditaggio, per Nastasic un po' meno.

    RispondiElimina
  56. Chiederei al nostro inviato, poi, se le voci che mi sono arrivate di un certo "disimpegno" e scarsa applicazione negli allenamenti condita con malannetti vari di Ljajic negli ultimi giorni (il che avrebbe scatenato la tirata d'orecchi in pubblico di Montella) corrisponde a verità. Perchè se così fosse vorrebbe dire che è messa davvero male.

    RispondiElimina
  57. La cessione di un prospetto come Sefe per soli 3 milioni alla quarta squadra di Spagna dimostra come il problema, per la Fiorentina, sia disfarsi di Ramadani. Il giudizio su Ljajic, a questo punto, è secondario.

    RispondiElimina
  58. LELE



    Allo struggente editoriale odierno di Pollock, e al quadro che ha
    pubblicato, aggiungo, modestamente, questa foto che ho fatto pochi
    giorni fà dal Ponte S.Trinita.



    Lele

    RispondiElimina
  59. Il mio ottimismo sul rinnovo di Ljajic è stato incrinato dall'acquisto di Ilicic e dalla cessione (forse svendita) di Seferovic e ha subito un durissimo colpo dalle parole di Montella dell'altro ieri: ha praticamente detto che, se non rinnova, o accetta la destinazione voluta dal club o non gioca.
    Se Ljajic è un po' furbo, capisce che per lui e per la sua crescita professionale è importantissimo, direi fondamentale, continuare a essere allenato da Montella.

    RispondiElimina
  60. Ciò non toglie che Ilicic ha caratteristiche diverse da Ljajic, è più contropiedista e adatto agli spazi larghi, laddove Ljajic mi sembra più bravo nello stretto, in teoria potrebbero anche coesistere.

    RispondiElimina
  61. LELE



    DEYNA, mi spiace contraddirti come quando partisti lancia in resta dopo
    l'affare fantasmagorico della cessione Nastasic. In momenti di stizza a
    vole ti fai prender la mano, come quando dici che Rossi non passa il
    pallone, ora senza Ljajic non siamo da scudetto. Consiglio di attendere
    la chiusura del mercato. Tornando a Nastasic, ho visto sufficienti
    partite del City per fare questa valutaziuone: tra lui e Savic c'e'
    differenza, ovvio in suo favore, ma per non piu' di 4/5 milioni dovuti
    soprattutto all'eta'.
    Ti assicuro che ho parlato con diversi addetti e
    la pensan tutti cosi'. Lo scorso anno puo' esser stato di assestamento,
    ma nell'uno cointro uno se lo son bevuto diverse volte e non si e'
    dimostrato valere la cifra spropositata che inoltre ci ha permesso
    un'ottima campagna acquisti. Mentre Berbatov ti avrebbe portato
    sicuramente in CL, Nastasic al posto di Savic molto difficile. L'affare
    Ljajic, non puo' essere paragonato a nessun altro. Si tratta di
    recuperare un rarissimo errore dei due DS ( ne abbiamo parlato anche se
    c'e' chi ha diverse vedute) della scorsa estate, ma se prima del
    viaggio del piazzista Ramadani in Inghilterra, la firma sembrava una
    formalita', ora sembra l'opposto. Puo' benissimo starci che il piazzista
    abbia trovato facile collocazione lassu', in una squadra dove ha il
    posto assicurato, che non e' il Milan che ci e' inferiore in tutto
    anche per ragioni di cassa.

    Mi conosci come un supporter di Adem, ma bisogna mettersi in testa che la
    priorita' della societa'sono ragazzi seri che amano stare o venire da
    noi ( i casi di quest'anno son eclatanti) e non gente col culo torto.
    Chi buba per un motivo o l'altro, chi ha atteggiamenti da primadonna,
    fuori dalle palle. Ribadisco che non e' lo stipendio il problema, ma la
    clausola rescissoria che tra l'altro non ne' obbligatoria. Infatti
    sarebbe sensato esser pronti a fare il nuovo contratto, (che conoscevo a
    1.3 ed e'la cifra giusta per 6 mesi super, in piu' e' l'80% in piu' di
    quello che prende Cuadrado, lui si che varrebbe 2 milioni di ingaggio)
    senza nessuna clausola. Mi conforta che usano il braccio duro, a partire
    da Montella. Ljajic troverebbe spazio eccome, non ci sono titolarissimi
    a parte 3/4 e Rossi non le giochera' tutte, ma questo e' un aspetto
    tecnico tattico, prima i ragazzi motivati a star qui, l'ambiente viola
    non va inquinato.

    Poi dopo che se ne sarà andato, i vale 30 che ci si puo' fare? Non tutte riescono col buco.



    Lele



    P.S.
    Lo so che mi perculeggi, ANTO, e ti devo una cena, eh eh, ma il mio
    favore per Borriello era in un periodo storico preciso; sfumato
    Berbatov, si poteva prendere, ( e non avrebbe sfigurato, pur con uno
    stipendio che non vale nemmeno per sbaglio) ma non e' la mia prima
    scelta del vice Gomez, che e' Denis.

    RispondiElimina
  62. Ehehehe, Lele, pensa il cambiamento di prospettiva rispetto a un anno fa! Comunque come vice-Gomez anch'io preferirei, e di gran lunga, Denis, che tra l'altro si accontenterebbe di un ingaggio inferiore.
    Su Ljajic sono d'accordo con te, sono due mesi che dico che è giusto seguire la linea dura nelle trattative: è servito con Jovetic, è servito con Pizarro, servirà anche con Ljajic. Ora la decisione se rimanere o andare via spetta a lui, spero decida per il meglio (per noi).

    RispondiElimina
  63. Trovati i soldi per il rinnovo di Ljajic

    http://www.firenzeviola.it/primo-piano/ddv-venduta-saks-per-362-milioni-di-dollari-139426

    RispondiElimina
  64. No, perché per me Ljajic non sarebbe chiuso da niente e da nessuno. Se secondo te Rossi l'han preso per giocare quasi tutte le partite, e Ljajic deve giocare titolare fisso sempre nello stesso ruolo di punta, la coppia d'attacco verrebbe ad essere Rossi-Ljajic, che per me è improponibile. Il tuo centravanti giovane sarebbe inserito solo nelle situazioni di emergenza, invece per me il centravantone era una priorità [ed anche per Montella]. Se il livello del centravanti poi era quello di Gabbiadini, stavamo freschi...

    RispondiElimina
  65. Stefano Vienna29 luglio 2013 18:17

    Con Ljajic vinciamo lo scudetto. Detto questo, dipende da lui. Per me dietro c'e' Marotta.

    RispondiElimina
  66. Non ci sono molti titolari fissi in squadra, ma in attacco Gomez è inamovibile. Resta un posto e Ljajic se lo gioca con Rossi. Cuadrado, attaccante o meno che sia, è un altro che le giocherà tutte se sta bene.

    RispondiElimina
  67. Dopo aver cercato di dirigere Jojo alla Juve, adesso Luca con la merda invece dell'inchiosto nel calamaio cerca di portare Ljajic al Milan: vuoi vedere che gli va buca anche stavolta?

    RispondiElimina
  68. Lud, Cuadrado non può giocarsele tutte, non solo per via del numero di impegni che ci attende: ricorda come l'anno scorso l'anda e rianda con la Colombia per le qualificazioni ai Mondiali abbia inciso in qualche misura sulla sue prestazioni, pensa a quanto dispendioso sia il suo calcio.

    RispondiElimina
  69. Avoja a porta' la montagna a Maometto, quella nun se move! Non hanno i soldi per una moto usata (Honda), un sopravvalutato (Bonera) azzoppato, una foca stirata (Robinho), trattano un esodato (Silvestre) dopo aver ricevuto una Paletta (di merda) in faccia; a Milano stanno rompendo il maialino dei figli (Marina l'incazzosa) pe' trova' du' spiccioli per rimedia' alla perdita di uomini, appeal, classe...perdite pari a quelle di una ragazza al primo giorno di marchese. Calamai, me sembra, è anacronistico! Non ha capito nulla, zero della filosofia e metodologia Della Valliana: non si cede a condizioni poste da altri; per Calamai approfondire la vicenda Jovetic (Diniego di Diego), la vicenda Seferovic ( a San Sebastiano, ahò martire trafitto da frecce!) per capire il new deal viola è troppo faticoso? Le lenticchie, ricordava GUBERNATOR tre giorni fa, vanno bene ma una volta d'estate e poi a Natale...Galliani offre il suo sacchetto di semi marroni a Pradè ma per quelle cifre gli si da una giumenta senese, manco un ronzino!! Non hanno una lira a Milano, entrambe sponde del Naviglio, come alla Roma...devono vendere! Mentre noi, in surplace, trattiamo J.Cesar(?), Borriello, Agazzi(?), Nnaingolan ma su quest'ultimo, per andare da Cellino, bisogna recitare il nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Sardo.....ah ah ah ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  70. Il sostituto naturale dovrebbe essere Joaquin, grande giocatore che non credo voglia svernare.

    RispondiElimina
  71. ... ed è per questo che abbiamo preso Joaquin...

    RispondiElimina
  72. e due, così, siccome probabilmente non ci sarà a questo punto, tu e Deyna potrete dire che l'avevate detto. Perchè lo scudetto, con o senza Ljajic ho paura che lo rivedremo vincere. Poi su cosa diventerà Ljajic lontano da qui, se ne riparla, occasioni non mancheranno

    RispondiElimina
  73. il calcio d'oggi si gioca in quattordici per volta. C'è posto per tutti, l'importante è vincere a mantenere l'entusiasmo nel gruppo. I problemi vengono quando si perde.

    RispondiElimina
  74. Inutile che mi ripeta. Ljajic doveva essere elemento chiave nella Fiorentina del futuro e titolare fisso già quest'anno. Preso atto che non è andata così credo che la squadra sia ugualmente forte. Sarà una di quelle squadre pensate per vincere subito. Di solito erano club come il Milan a puntare sui giocatori fatti. Ora è il contrario. Il Milan ha gli El Sharawi, i Balotelli e forse avrà (ma spero di no) anche Ljajic. A Firenze sfoggeremo i Gomez e i Pizarro. È un cambiamento singolare che rientra nello stile di Pradè, uno che ha chiarito che ama le squadre così.

    RispondiElimina
  75. Il Milan punta sui giocatori svincolati o che costano poco perchè non ne ha più uno per far due. Ljajic non andrà al Milan. Continuo a credere che alla fine si accorderà con una clausola rescissoria di compromesso o andrà all'estero, in Spagna od in Premier League, ma al Milan non ci va.

    RispondiElimina
  76. Quando hai uno dei migliori giovani talenti europei, per di più in un ruolo di trequartista che fa la differenza, se lo perdi è un danno enorme, c'è poco da girarci intorno. Per vincere subito, Lud, Ljajic era indispensabile, Pradè vuole i geronti ma non tanto da riempirne la squadra, anche perché nell'arco della stagione conta anche la tenuta fisica. Per me - se davvero andrà nel peggiore dei modi - stanno rovinando un altro mercato che sembrava prossimo al dieci, con l'aggravante che quest'anno gli obiettivi erano più chiari ed ambiziosi. Da una squadra che poteva lottare per lo scudetto, si passa ad una squadra che farà fatica ad entrare in CL, contenti voi...Questo naturalmente per come considero io Ljajic, se sarà facilmente sostituito che dire, brindo.

    RispondiElimina
  77. È inutile,infatti, ma ti sei ripetuto.

    P.S. oggi a che ora hai mangiato?

    RispondiElimina
  78. Da Violanews:

    Daniele Pradè ha parlato di mercato ai microfoni di Sky dopo la compilazione del calendario di Serie A: “Stiamo lavorando sul rinnovo di Ljajic. Chi vuole rimanere lo deve dimostrare, noi siamo una società forte. Il calciatore ci deve dire cosa vuole fare.” Incalzato anche dalle domande “comprerete Nainggolan?” e “comprerete Agazzi?” il Ds viola ha risposto “No” sorridendo…

    RispondiElimina
  79. Da Fiorentinanews:

    Oltre a quanto già detto sul mercato e su Ljajic, Daniele Pradé ha espresso altri concetti sulla Fiorentina nata quest’estate, su SkySport24: “Non esiste né prima né seconda punta in questa formazione, noi siamo una squadra fortemente offensiva e possiamo giocare con due punte, due esterni offensivi, un trequartista. Alla Fiorentina non manca nulla.

    RispondiElimina
  80. Parlare di mercato rovinato, quando anche i prezzolati c'inseriscono nella lotta allo scudetto, vincolandolo al rinnovo di un giocatore che ha fatto un'ottima mezza stagione a me paiono barzellette, una forzatura. A detta di molti giocatori e allenatori siamo fra quelle che ne escono maggiormente rinforzate e non tengono conto del rinnovo in essere, se leggessero cosa viene scritto su questo blog riguardo ad Adem ci rinchiuderebbero tutti. Su 23 titolari se uno se ne va duriamo fatica ad entrare in CL, boh ?!

    RispondiElimina
  81. "Quando hai uno dei migliori giovani talenti europei"...Deyna ma questo è quello che pensi tu, se lo pensassero anche Montella e il duo Madè gli avrebbero già dato i due milioni che vuole e chi se ne frega di chi s'incazza, al limite si cambia mezza squadra. Se lo pensassero i DS e gli allenatori dei top-club europei si sarebbero già fiondati per prenderlo, non son certo gente loro che fa i calcoletti di Lord Fester. Pagano 43 milioni Pastore o 37 Goetze, figurarsi se hanno problemi a tirarne fuori una ventina per "uno dei migliori talenti europei", l'importante è battere la concorrenza, non risparmiare sul lesso se c'è lo sceicco che paga. Invece si sta discutendo su una clausola rescissoria di 8 o 13 milioni, perchè quello è il suo valore, oggi e non è un valore da grande talento europeo ma solo da giovane promessa che ha già fatto intravedere bagliori, ma che dovrà confermarli. Oltre a questo ha una preoccupante tendenza all'imbrago ed è già una settimana che fa incazzare a bestia il capo, dopo averne fatto uscire di testa un altro solo un anno fa.

    RispondiElimina
  82. Tutto vero, ma il "no" non l'ha detto sorridendo, pareva anzi abbastanza scocciato. Anche Mencucci ha detto che son bravi ma è bene che restino a Cagliari. Però Calamai glieli compra senza dirglielo e lo scrive sulla Gazzetta. Magari paga lui.

    RispondiElimina
  83. Ho cercato di aggiungere qualche concetto nuovo. Nei blog monotematici ripetersi è inevitabile.

    RispondiElimina
  84. Quando DEYNA "s'innamora" di un calciatore.....Comunque: Quattro mesi fa la Maquina non poteva puntare a nulla senza centravantone...Due mesi la Maquina non poteva fare a meno di Pizarro....Un mese fa bisognava trovare un portiere d'esperienza altrimenti addio sogni di gloria....Ora senza Liajic non si raggiungono obiettivi. (non sono parole di DEYNA, la mia era una panoramica sull'essere tifosi). Il serbo fa come Jovetic: non parla. E manco firma. Ecchè2palle!! Ma quello chemtira il carretto, nella foto, è Messi? E quello dietro a destra e Borja Valero?........

    RispondiElimina