.

.

mercoledì 17 luglio 2013

Il punto G

Al Gomez day abbiamo toccato il punto G con un dito, e quella M puntata messa là davanti sta per M di “mona”, un’articolo che a Firenze tira sempre anche se il punto G della nuova Mona Lisa bionda arrivata in città fa parte di un collezione privata tedesca, ma il G day  è stato anche un momento di commozione nel quale si è capito definitivamente quanto un personaggio come il Ciuffi fosse entrato nelle nostre case prima ancora dell’ufficiale giudiziario, molte le testimonianze d’affetto nei suoi confronti, pensieri che esprimevano sostanzialmente il rammarico per la sua assenza in un momento così carico di emozioni e speranze. Vorrei rassicurare tutti, il Ciuffi non è morto, sta solamente cercando ancora un parcheggio. E anche se in mezzo a un traffico di pensieri d’affetto così congestionato, lo spettacolo della vita non può fare la coda e così subito a ruota adesso tocca a Ilicic, espressione certo più adatta al ciclismo o a un gommaio, ma che rende bene l’idea di questa girandola di emozioni che si susseguono,  perché sullo sfondo di un’estate madida di Madè c’è pure Verratti ad occupare la casella del prossimo desiderio. Ma se da una parte c’è festa da altre parti c’è il rammarico di non fare più parte della città e della squadra, è la fidanzata di Montolivo che interviene risentita per il coro offensivo rivolto al suo Riccardo, un intervento che tradisce questo tipo di sentimento, un’occasione che le è servita anche per fare chiarezza su certe voci che sono circolate sul suo conto, sul fatto cioè che fosse stata diseredata in quanto fidanzata di un metrosexual, in breve ha dichiarato “La verginità non è ereditaria”. Una bella giornata quindi, anche se a volte riversare tanto affetto può nascondere un’esigenza di chi te lo chiede non del tutto sana, non dico che la presentazione di Gomez nascondesse una qualche patologia, però per un attimo mi ha fatto venire in mente una storia d’amore di quando ero ancora un ragazzo acerbo, e non come adesso che sono un uomo acerbo, una storia per la quale avevo pensato che il mio fascino fosse così irresistibile da fare impazzire anche una signora più matura e che per questo mi chiedeva affetto in quantità sempre doppia di quelle che pensavo potessero essere le normali esigenze di coppia, questo mi inorgogliva, ricordo il giorno che invece ho scoperto il motivo e mi è caduto il mondo addosso, quando dopo una serie di effusioni tutte al quadrato mi ha detto “Baciami due volte, sono schizofrenica”. La squadra nel mentre, nel tempo di un frappè o nel frattempo è arrivata a Moena dove troverete la prima vera novità della stagione, in questa settimana infatti non avremo più la Bice come inviata ma Salvatore Napolitano, uomo tutto d’un pezzo come un Presidente della Repubblica, un uomo anche molto sintetico nei suoi resoconti, ristretto appunto come un un buon espresso, la seconda settimana avremo invece Orcio che darà il cambio al “partinopeo”, lui sarà il nostro secondo contenitore di notizie, intanto le prime indiscrezioni importanti che ci arrivano da Salvatore detto anche “Il bagnino” riguardano però il ritiro della Juve, dal quale sembrerebbe che per ovviare al sovrappeso di Tevez gli abbiano consigliato di partorire. E adesso visto il gruppo che sta nascendo, uno di quelli importanti anche numericamente, capiremo meglio come Montella riuscirà a gestire le molte personalità al suo interno, vediamo se dimostrerà di saper parlare anche con gli eventuali scontenti, una situazione che richiama alla mente vedute diverse sulla gestione del gruppo come quella di Prandelli che invece preferiva avere una rosa più corta di soli fedellissimi. Un Gesù che aveva i suoi apostoli, 12 perché considerava due Giuda, uno in campo, Montolivo, e l’altro che serviva invece per andare a prendere accordi con Bettega,  una filosofia che partiva dal concetto dei soli devoti, tanto che ci fu la fuga degli adulteri, la fuoriuscita dei fedigrafi, insomma il rogo degli eretici primo tra tutti Osvaldo. La filosofia di Cesare era quella tipica contadina, quella del microcosmo, del km zero, dell’intera filiale, dal produttore al consumatore, quella del mi alzo all’alba e vado a letto al tramonto, dove è solo il fattore che manda avanti le cose, nel quale pollaio non ci possono stare tanti galli, diciamo che il bresciano è uno di quelli che con un orologio sanno che ore sono a differenza di chi ne ha due e non è mai sicuro. Figuriamoci il casino che c'è nello staff di Montella che sono una decina, ci dice infatti Salvatore che probabilmente ne sta arrivando uno nuovo, e dopo Gianni Vio per i calci da fermo, questo si dovrà occupare solo dell'orologio.

63 commenti:

  1. Confermo ciò che ha scritto Salvatore. L'articolo che ho citato sulla fortuna personale di Gomez proviene da un sito che produce a ciclo continuo notizie inventate, scritte in modo apparentemente serio e credibile, allo scopo di far cadere in errore i professionisti dell'informazione. Anche Huffington post ci è cascato. Il gioco, un po' noioso a dire il vero, non potrà durare a lungo. Non sono invece d'accordo con Jordan sul fatto che il modulo con il falso centravanti sia stato avaro di goal. Cuadrado ad esempio ne ha fatti quattro in pochi mesi, che solo apparentemente sono pochi, perchè se avesse segnato agli stessi ritmi da inizio anno rischiava la doppia cifra. Di Ljajic si è detto, e vanno aggiunti i goal dei centrocampisti. Quest'anno si attende un nuovo cambiamento tattico. Immagino che Montella ci stia lavorando. E siccome ho la massima fiducia dormo tra due guanciali. Ora però è giunto il momento di lasciar parlare il campo. Gli scudetti estivi mi terrorizzano. Una parola per Giuseppe Rossi: non è atteso e lavora in sordina ma con molto impegno. Mi attendo molto da lui sin da subito, visto che di fatto è operativo sul campo da marzo.

    RispondiElimina
  2. Pare inoltre ufficiale il rinnovo di Ljajic, ingaggio raddoppiato e clausola tra i 10 e i 15 milioni. Io avrei previsto ingaggio a salire in funzione di goal e presenze fino a 2,5 in due anni e clausola di 25. Così sarebbe stato meglio tutelato l'investimento affrontato in passato per Adem. Temo infatti che la clausola bassa significhi partenza certa tra un anno.

    RispondiElimina
  3. stefano vienna17 luglio 2013 09:02

    Ljajic, Gomez, Rossi, Cuadraro, Ilicic, Joaquin. Attacco stellare. Non svegliatemi.

    RispondiElimina
  4. Si parla di Flamini, svincolato dal Milan.

    RispondiElimina
  5. Forse se n'era già parlato, ma questo Mihaylov, portiere del Twente, com'è?

    RispondiElimina
  6. L'avessimo ceduto oggi sarebbe andato via per 8-10 milioni, se l'anno prossimo se ne andrà per 15 (faccio un esempio) sarà almeno una volta e mezzo a quanto lo cederemmo oggi, non a zero in ogni caso. E chi mi dice che il ragazzo, dopo aver rinnovato non capisca che possa raddoppiare al prossimo rinnovo e questo sia l'ambiente ideale per lui ?! Quando va bene un giocatore rimane 4-5 anni in una squadra ad alto livello, per ora Ljajic ha fatto mezza annata, c'è tempo per ragionarci su, intanto il prossimo gioca per noi (se la notizia è ufficiale) e non è poco.

    RispondiElimina
  7. Per una pasta e fagioli e un tetto contro la pioggia prenderei pure lui, eccome, ha 29 anni e quintali d'esperienza ad alto livello. Altro mediano incontrista molto più di un portatore d'acqua. Capisco che i vari Ralf o Medel accendano molto di più la fantasia ma di piedi buoni ne abbiamo la in mezzo, non scordatevi Mati e Vecino già pronti alla sostituzione dei tre tenori. Adesso servono giocatori con queste caratteristiche, come il già nostro Ambro, e come potrebbe essere lui.

    RispondiElimina
  8. http://www.violanews.com/altre-news/de-laurentiis-e-gomez-niente-sgarbi-ai-della-valle-20130717/

    Dev'essere il fumo della nettezza bruciata o le piste che vendono a Scampia che rendono tutti dei venerato demens. Erano mesi che c'era una trattativa in corso con il Bayern, figuriamoci se Rummenigge non sapeva o gli avesse dato il via libera a trattare. Karina l'orologio se lo vuol vedere al polso e ostentarlo senza temere di tornare a casa con il moncherino, chiaro che voglia girare per il centro senza scorta. De Laurentis decanta le lodi di Napoli ma lui vive a Capri, che gli costa sparare cazzate......

    RispondiElimina
  9. stefano vienna17 luglio 2013 10:49

    Premesso che, come detto ieri, chi non vuole restare vada pure via, a condizioni comunque accettabili. Ma che interesse ha Ljajic ad andare al Milan per 1,5 milioni all'anno (cifra riportata oggi) firmando un contratto di quattro anni? Per come la vedo io, Adem fra uno o due anni può tranquillamente strappare un contratto molto più alto. Certo, il Milan ha più appeal mediatico , gioca la Champions e probabilmente Ljajic sarebbe titolare fisso. Nonostante questo, capirei se il Milan gli offrisse 2,5-3 milioni. Forse Ramadani e Ljajic si immaginano scenari diversi da qua a due anni.

    RispondiElimina
  10. Il mio ragionamento su Ljajic si può riassumere così. Quest'anno è stato molto bravo, ma forse è vero che sei mesi sono ancora pochi per una consacrazione, anche se le doti sono evidenti. Dunque è giusto aver raddoppiato l'ingaggio senza andare oltre. Ma fermiamoci un attimo a riflettere: se l'anno prossimo il ragazzo si conferma e segna ancora più di dieci goal diventa uno dei migliori giovani europei. La Fiorentina deve prevedere questa possibilità e sin d'ora scrivere sul contratto: se segni dieci goal l'ingaggio sale a 2 milioni. Se poi si ha una ulteriore conferma l'anno dopo non vedo perchè Adem non dovrebbe arrivare alle cifre che guadagnava Jovetic. Con una scaletta di questo tipo il giocatore si lega davvero alla società. Naturalmente la clausola rescissoria deve rispecchiare questa progressione nell'ingaggio, e quindi essere almeno di 20-25 milioni di euro. A calare, dice il proverbio, c'è sempre tempo. E nella pratica si è visto che ottenere l'intera clausola specie in contanti non è semplicissimo.

    RispondiElimina
  11. Pollock, certe foto ti cambiano la mattinata.

    RispondiElimina
  12. Da te che è ambiente complesso, non ci dovrebbero essere dei punti di raccolta dopo un'evaquazione, ci dovrebbero essere dei punti G come quello della foto, e così tutti si raccoglierebbero più velocemente.

    RispondiElimina
  13. Ah, sicuro! Anche se avendo a disposizione panorami e punti di vista come quelli della foto, credo che si aggraverebbe di molto la crisi della siderurgia.

    RispondiElimina
  14. Non ho detto che il modulo è avaro di gol anche perchè non so se ti sei messo ancora in testa il fatto che il cambio di modulo durante il campionato è stato per me marginale e non un fatto epocale come per te. Montella ha sempre voluto un terminale offensivo e finchè Toni è stato in piedi ci ha messo lui, quando non ce l'ha fatta più ha provato con Jovetic. Il modo di approcciarsi alle partite è dovuto alla differenza di caratteristiche tra i due e dal fatto che Jovetic è parso molto restìo a cambiare le sue. Che questo abbia aperto la strada all'affermazione di Ljajic è una conseguenza non so nemmeno quanto studiata e quanto dovuto anche ad altri motivi (stato di forma psichica e atletica del ragazzo). Cuadrado un grande relizzatore non è, certo se lo fai giocare più avanti gli capitano più occasioni e ne può imbuchettare di più, ma non è certo una punta come ti sei fissato tu.

    RispondiElimina
  15. Il Twente non lo seguo, l'ho visto solo un paio di volte in partite di coppa, quindi giudizi su come è non ne dò. Si possono derivare dalla sua storia. E' figlio d'arte, suo padre è stato grande portiere bulgaro degli anni 80-90, e adesso è presidente della federazione bulgara. E' andato giovanissimo al Liverpool (ce lo deve aver portato Macìa visti i tempi) dove non ha giocato mai ed è stato dato in prestito al Twente. Prestito rinnovato per tre anni fino all'acquisto definitivo nel 2010 per poco meno di 2 milioni. Quindi, punto 1) il Liverpool, dopo averlo tenuto sott'occhio, lo ha lasciato andare per una cifra non importante. Nel Twente ha da lì in poi giocato come titolare e dicono bene se è stato premiato come migliore atleta bulgaro nel 2011 (ma il padre presidente...). Fisicamente è possente (1,94), molto reattivo ma con poca presa, non ho visto molto di più dato il poco a disposizione. E' un '88, quindi giovane anche lui. Magari è bravissimo ma apriori non vedo quali sicurezze in più dia rispetto a Neto.

    RispondiElimina
  16. Questa che Ljajic vuole andare al Milan è una storiella messa in giro da qualche media compiacente e magari dallo stesso Ramadani. Ljajic al Milan adesso non credo proprio ci andrà perchè il Milan non ha i soldi nè per i dieci milioni almeno di cartellino nè per quei 2,5 almeno di stipendio che gli varrebbero la pena di insistere per cambiare. L'unica cosa che può fare il Milan è rompere i coglioni con promesse per l'anno prossimo a parametro zero, come ha fatto con Montolivo. Stanno invece trattanto il rinnovo e, fissato il valore dello stipendio su quel 1,4 al quale la società sembra disposta ad arrivare, si tratta sul valore dell clausola rescissoria, che Ramadani vuole e più bassa possibile (8 milioni è fantasia, allora lo vendo subito) e la Fiorentina acetta se superiore almeno ai 15 milioni. Questo almeno ci dicono le cronache.

    RispondiElimina
  17. Do, Do, CuadraDo

    RispondiElimina
  18. Già facevo l'alzabandiera....Ora Viagra come calmante.

    RispondiElimina
  19. E questo è quello che succederà Jordan, hai descritto molto bene la situazione e 100 mila più 100 mila meno è quello che succederà. Se rinnova dimostra di avere più cerebro dei predecessori e questo dovrebbe bastarci.

    RispondiElimina
  20. De Laurentis ha cinguettato sul suo profilo twitter che ha 124 milioni di liquidità e che li investirà totalmente nel Napoli. Aspetto riscontri da Salvatore se e quando si realizzerà questa profezia, con questa cifra si allestisce squadra da CL altro che scudetto. Vediamo.

    RispondiElimina
  21. http://www.violanews.com/altre-news/calamai-forse-jovetic-e-montolivo-si-pentiranno-20130717/

    Folgorazione sulla via di Damasco.

    RispondiElimina
  22. Passi per Ambrosini, ma pure Flamini no, eh! L'unica dote che ha è l'inserimento al tiro, per il resto uno scarsone epocale.

    RispondiElimina
  23. Scarsone per te Deyna, per me no, a me piacciono questi giocatori rognosi che non mollano neanche un centimetro di campo. Tranquillo, non arriverà, ma non sono questi i giocatori che rappresentano un'esubero in rosa o che peggiorano il rendimento del centrocampo. Qualità ne abbiamo a iosa con la conferma di Pizarro più tutti quelli che abbiamo, servono i cagnacci, a me piacciono.

    RispondiElimina
  24. Da Fiorentinanews:

    «L’allenatore Corrado Orrico, ospite di Sky Sport, vede così l’ingaggio di Mario Gomez da parte della Fiorentina: “Tante volte un bufalo dentro un negozio di cristalli qualche danno lo può fare. Mi sembra che il suo acquisto strida un po’ con la filosofia di gioco di Montella, ma rimane comunque un grandissimo calciatore”».

    E adesso, Lud, cariha con questa granaha i' bazooka, picchia duro, fagne vede a qui' fresconi d'i' sitollock!

    RispondiElimina
  25. http://www.violanews.com/calciomercato/babacar-al-modena-domani-si-chiude-20130717/

    Non lo mollano e fanno bene, serve però un addestramento in stile arancia meccanica, legato ad un seggiolone a ingurgitarsi filmati dei professionisti con scotch e spilloni per tenere le orbite spalancate.

    RispondiElimina
  26. http://www.fiorentinanews.com/2013/07/viaggio-nel-bilancio-della-fiorentina-altro-che-otto-milioni-borja-valero-e-stato-un-affarone-ma-anche-gonzalo-e-mati/

    Se un giornalista volesse fare il suo mestiere con passione e serietà invece di lanciare provocazioni da uno scranno di immondizia o dall'etere virtuale dovrebbe soffermarsi su queste notizie, divulgarle, giusto per far capire come e quanto vale chi lavora in questo settore. Pagati complessivamente 7,2 milioni valgono, oggi, circa 30 milioni. Vogliamo ragionare di plusvalenze ?!

    RispondiElimina
  27. Flamini poteva andare per la Fiorentina di Sinisa/Delio, ora abbiamo alzato notevolmente il livello, mi pare del tutto inadeguato alla Maquina. Cagnacci sì, ma con buoni piedi!

    RispondiElimina
  28. Corrado Orrico, una delle genialate di Moratti, chiamato dopo anni di muffa dal Gavorrano (che con Buso sarebbe stato salvo!) per condurlo dalla Terza Serie (vecchia C2) all'Interregionale, perso primo match in casa(andata degli spareggi) 0-3 in casa....ancora pontifica?? Quello che esce dalla bocca e dalla mente di Orrico scoraggia e scoreggia, é diarrea mentale. Gomez tra pochi mesi toccherà la testa dei bimbi come un Papa, Gomez (con tutta la Signoria della Squadra) permetterà alle avversarie, lontano da Firenze, di fare incasso e di risvegliare i tifosi milanesi mummificati dalle parole di Galliani....Orrico? Era brutto da piccolo che la mamma non spingeva la carrozzina, no. La tirava per non vedere il figlio!

    RispondiElimina
  29. Non c'è più il Blimpe di una volta, quando una battuta come quella della carrozzina l'avrebbe usata per aizzarmiti contro.

    RispondiElimina
  30. DeLaurentiis twitta: "Verratti l'avevo comprato dal Pescara, ma ha preferito Parigi"
    17/07/2013
    Aurelio DeLaurentiis, Presidente del Napoli, su twitter esprime il suo pensiero su Verratti, giocatore obiettivo della Fiorentina: "Verratti l'avevo comprato dal Pescara ma non trovando posto nel Napoli ha preferito andare al PSG" e continua: "Ho provato a ricomprarlo, ma non c'è stato niente da fare." E uno......
    "Volevamo Gomez ma...." E due.........
    "Abbiamo sondato Montella..(...)...è perfino Klopp ma...." E tre.........
    Ma De Laurentiis se la porrá una domanda alla serie di dinieghi ottenuti?

    RispondiElimina
  31. Siccome passo per uno che di calcio non capisco, Blimp, mi fa da un lato piacere che Orrico confermi un dubbio mio, visto che Orrico sicuramente è un grande intenditore. Dall'altro lato però, Blimp, Gomez è qui, abbiamo giocato spesso con Toni e Montella avrà avallato l'acquisto. Per tutti questi motivi un vero tifoso viola si deve augurare che Orrico si sbagli.

    RispondiElimina
  32. LUDWIGZALLER....ma Orrico non ha lasciato nessuna traccia nel calcio vero, é alla stregua di un Bruno Pace; se ti metti al suo livello di pensiero attui un vero down-grade. Ogni hanno in Toscana ci sono 7 feste rosse sul calendario, sono le sue disfatte con le varie squadre. Chiaramente oggi, OGGI, é più facile (per avere uno scampolo di notizia su se stessi, visto che di Orrico non frega un cazzo a nessuno) pronunciare frasi che dissentono da ciò che affamano tutti, sulla Viola; colpisce più uno che afferma quelle cose negative su Gomez, rispetto a chi dice che é un ottimo centravanti e si incastona tra le altre gemme viola. Oggi conviene girare con un mestolo in mano....si, per mescolarsi alla folla nell'acclamazione della Fiorentina. LUD, ti ho scritto un post anche su fiorentina.it, ieri in tarda serata, per rispondere alla tua poco velata vena di pessimismo.

    RispondiElimina
  33. "uno che di calcio non capisce" per favore se no ho dei dubbi anche sull'italiano.

    RispondiElimina
  34. Che Orrico dì calcio non capisce un cazzo lo dice il suo curriculum, tu gli prepari la trappola e lui ci si butta dentro, ma tu sei una cacca!

    RispondiElimina
  35. Intanto deve ancora cominciare. Investire nel Napoli vuol dire anche raddoppiare gli stipendi di tutti i familiari alla greppia? Magari ci compra Vargas!

    RispondiElimina
  36. Dopo 30 saggi, tesi di laurea e dottorato, una qantità non precisata di articoli divulgativi tra storia e letteratura e due libri per complessive 600 pagine spero che sul mio italiano non si avanzino dubbi, Jordan. Altro discorso è quello dei refusi che su di un blog sono frequenti, ma che per principio non correggo.

    RispondiElimina
  37. Se Gomez farà 30 gol come Toni il primo anno o farà come Rebonato come spera Ciro Venerato rientra nel futuro ignoto. La prima ipotesi ha per me più del 50% di probabilità di realizzarsi, l'ultima non arriva all'1% nel mezzo tutto il resto. Però dire che Gomez non si incastra nel gioco montelliano è cazzata sublime che offende chi l'ha preso e Montella stesso che l'ha voluto, ma soprattutto l'intelligenza di chi la fa che del gioco montelliano dimostra di non aver capito una ceppa.

    RispondiElimina
  38. anch'io non li correggo ma quello non sembrava un refuso, comunque se lo era è chiarito il discorso.

    RispondiElimina
  39. Da un libro di Mario Sconcerti, Storia delle idee del calcio, traggo questa citazione: Non era la scienza a mancare ad Orrico e nemmeno la qualità. Era stato il migliore del suo corso a Coverciano, Italo Allodi ne parlava come di un altro Sacchi. Mi pare scontato che Orrico non sia il primo venuto in fatto di tecnica calcistica. Che poi non abbia ottenuto risultati è altra cosa.

    RispondiElimina
  40. Se uno non sa unire la grammatica alla pratica qualche motivo serio ci deve essere. Per esempio potrebbe essere un facilone che emette giudizi per sentito dire, che ha poca capacità di comunicazione, che è ingessato nelle sue teorie e non ha elasticità mentale. Non me ne importa una sega, nell'occasiona ha detto una cazzata, lui e chi gli sta dietro.

    RispondiElimina
  41. Orrico fu il tentativo di Pellegrini di emulare quel che aveva fatto Berlusconi con Sacchi, ma fu sufficiente la sua prima sproloquiante conferenza stampa come nuovo tecnico dell'Inter (con tanto di spiegazione del WM) per capire che il tipo vendeva merce totalmente avariata.

    RispondiElimina
  42. Anche Buso era soprannominato l'enciclopedia del calcio ma alla resa dei conti quando ti si presentano delle occasioni e le fallisci in serie senza lasciare traccia del tuo lavoro qualcosa di sbagliato deve esserci. Era un buono studente, vero, ma sul campo solo un onesto professionista come ce ne sono a vagonate ed il fatto che uno come Sconcerti lo dipinga per quello che non è stato non cambia di una virgola il suo valore. Lo stesso Sconcerti prende delle cantonate epocali ma non è che debba renderne conto a qualcuno, non l'ha mai fatto, neanche quando l'evidenza gli si è ritorta contro.

    RispondiElimina
  43. Segue le mode, colleziona i no di quelli che non arrivano ma che rappresentano obbiettivi comuni delle big. Fa come Corvino, era dietro tutti i migliori ma non arrivavano perché inavvicinabili secondo le nostre possibilità, e che li seguiva a fare allora ?! E' un presuntuoso, aspetto di vedere la "campagna" da 124 milioni, sono proprio curioso.......

    RispondiElimina
  44. Nel sito del settore tecnico della Federazione Gioco Calcio leggo il seguente avviso: Scuola allenatori
    FIRENZE, 10 luglio 2013 – Andrea Stramaccioni ha tenuto oggi una lezione di tecnica calcistica a Coverciano agli allievi del corso per Allenatore professionista di Seconda categoria Uefa A.
    Tanto per intenderci Leo. Ciao!

    RispondiElimina
  45. Ciao Antoine. Pensavo proprio a te e al fatto che era un pò di tempo che non ti si vedeva da questa parti.

    RispondiElimina
  46. Presidente: "Corrado, quasi quasi ti prendo un campione che fa la differenza"
    Orrico: "Uhm... sì... ma... no, via, mi romperebbe gli equilibri in squadra".
    E fu così che tornò ad allenare squadre e categorie senza campioni.

    RispondiElimina
  47. Lud, ma gli ultimi quindici righi dell'editoriale odierno di Pollock li hai letti? E non dici niente? Mi aspettavo una carica a testa bassa fin dalla mattina e invece sono le 19,17 e l'Oltrarnista si fa l'aperitivo incolume. Quando si dice i' culo dell'omo!

    RispondiElimina
  48. "quasi certa la permanenza di Marrone". È uno scandalo che un campione di tale qualità non abbia trovato pretendenti. E che non siano stati spesi gli otto milioni che permettevano di aggiudicarselo. Nonostante a Montella fosse risaputo che piacesse. Sono questi gli errori che ci impediranno di vincere mai qualcosa. Gomez è il fumo negli occhi per nascondere questi sbagli.

    RispondiElimina
  49. Intanto, Foco, Gabbiadini è andato a lasciare la sua impronta nella storia della Samp: e la Viola se ne torna con le pive nel sacco, sai!

    RispondiElimina
  50. Con questi incapaci non vinceremo mai niente . Via gli scarpari dalla Fiorentina. Tra parentesi è risaputo che Montella preferisce le espadillas.

    RispondiElimina
  51. Niente da dire sull'editoriale di Pollock Blimp. Mi dispiace di non poter innescare qualche centinaio di risposte con relativo aumento delle credenziali del blog. Ho sempre sostenuto che con Montella si è aperto un'era nuova. E quello staff ne è uno degli elementi. Ero diffidente ma funziona avere parecchi collaboratori ai posti giusti. Si pensi alle punizioni. Ed è vero che la rosa ampia da' più soluzioni e che Vincenzo la gestisce bene. Sempre onore a Cesare, però, anche se il suo metodo appartiene all'epoca pre-Barcellona e pre-Guardiola.

    RispondiElimina
  52. POLLOCK

    Giubba merda!





    P.S.
    Caro Lud, Pollock sta incontrando gli stessi problemi di Lele a postare e mi ha chiesto dunque di far da tramite al suo laconico commento.

    RispondiElimina
  53. Ho conosciuto molto bene Corrado Orrico (in effetti lo conosco da 40 anni) e devo dire che è un signore che non è quasi mai riuscito a dar corpo a certe sue intuizioni che, sulla carta, potevano risultare interessanti. Ricordo che nella sua Carrarese di fine anni Settanta si giocava un pressing di tipo abbastanza simile a quello in uso oggi. Orrico utlizzava il "gabbione" livornese per gli allenamenti e, in genere, riusciva a dare una buona preparazione fisica alle proprie squadre. ma in panca, purtroppo per lui, non riusciva quasi mai a leggere le partite. Il che spiega perché, alla fine, abbia fallito quasi sempre in qualsiasi piazza. A partire dalla sua unica occasione importante, quella all'Inter, conclusasi con una sua precipitosa fuga.
    Oggi lo utlizzano come commentatore in spettacolini estivi da calciomercto, dove si può dire qualsiasi scemenza, a patto dirla con faccia seriosa per far finta di renderla almeno un po' credibile.

    RispondiElimina
  54. E allora? che cosa vuol dire? se questi sono i maestri che cazzo di allievi vuoi che tirino fuori? Ecco che un medioman come il santo sembra buono.

    RispondiElimina
  55. Ciao Pollock, non intervengo ma ti leggo.

    RispondiElimina
  56. Agli albanesi piace l'affogato.....eh eh eh .....Ai montenegrini? L'amaro?

    RispondiElimina
  57. Prima battuta in Calderoli-style ma ne ho altre in serbo se Adem non firma.....altre anche in croato......eh eh eh....Un dì riprenderemo la nostra Sebenico, il nostro Palazzo di Dioclezano! Ah, lo stadio Quemal Safa dove nonno diede tutto!

    RispondiElimina
  58. Vero Lud, si parla di tecnica calcistica anche se gli allenatori insegnano tattica, non tecnica; sul fatto che Orrico non sia l'ultimo arrivato (il primo arrivato non l'ho mai sentito) credo sia il suo palmares ha parlare più delle chiacchiere, diciamo che si è salvato ogni anno all'ultima giornata in termini calcistici, un po' poco perché si possa dar risalto alle sue dichiarazioni su Gomez che, di fatto, lo squalificano quanto ad attendibilità.

    RispondiElimina
  59. Leggendo le interviste di Gomez, Cuadrado e Dabro (ancora sedicenne) si capisce quanto la percezione del pianeta Fiorentina sia cambiato a livello internazionale. Non una dichiarazione fuori luogo, molta maturità da parte degli intervistati, nessun proclama. Vi è in corso una selezione naturale degli elementi, molto dotati tecnicamente ma pure provvisti di parecchio cerebro, sono binomi che portano lontano, garanzie che danno frutti certi a scadenze determinate. Sono lontane le cene a base di pernici rubate.

    RispondiElimina
  60. a con l'h non passa neanche come refuso, scusate.......

    RispondiElimina
  61. Seconda giornata di lavoro a Moena. Seduta mattutina molto lunga e intensa - piú di due ore - e seduta pomeridiana di circa un'ora e un quarto. È bello vedere quando Montella mette i suoi ragazzi a fare il giro palla. Del gol di Gomez avete letto: prima che partisse il cross di Romulo tutti avremmo scommesso sul gol, visto il movimento di SuperMario - quello originale - a prendere posizione su Facundo. Vi racconterò piuttosto una cosa che non leggerete: una bellissima parata di Neto su botta da fuori di Facundo. Tiro potente e preciso, indirizzato nell'angolo alto alla sinistra del portiere: balzo felino e in bello stile e palla deviata in angolo. Un paio di colleghi si sono girati verso di me - ieri abbiamo fatto un mini sondaggio e sono l'unico che partirebbe con Neto titolare, quindi sono oggetto di frizzi e lazzi - e uno ha avuto persino il coraggio di dire che la palla aveva preso la traversa. L'unico fallo della partitella lo ha fatto Olivera su Pizarro: chissà se il ghiaccio che gli han messo alla fine è dipeso da ciò.

    RispondiElimina
  62. Ciao Leo! A questo punto, De Laurentiis poteva anche dire che ha 224 milioni da investire... 324 ancora meglio ahahahahahah

    RispondiElimina
  63. Sono in tanti che dovranno ricredersi, però sarebbe il caso che Montella lo dicesse chiaro nella conferenza di domani che è convinto e parte con lui per farla far finita con questo stillicidio di trattative per portieri che si inventano ogni giorno e che credo non contribuiscano alla tranquillità di Neto. La novella che la decisione dipende da questo mese di ritiro ha del ridicolo eppure hanno messo in giro anche quella.

    RispondiElimina