.

.

domenica 31 agosto 2014

Delusione e speranza


Squadra titubante più che brillante, almeno nel primo tempo dove il 70% di possesso palla Roma produce di fatto solo il gol di Nainggolan lanciato negli infiniti spazi australiani. Poi solo tiri da fuori area ma senza che Neto si debba affannare più di tanto. Sbaglia Montella a proporre l’uomo venuto da lontano, che bene aveva figurato nel precampionato dimostrando qualità che ci potranno tornare utili più avanti, ma che evidentemente non è ancora pronto, specie all’esordio, e su un campo difficile come quello della squadra più forte insieme alla Juve. E’ vero anche che alla Fiorentina mancavano Rossi e Cuadrado, che Pizarro giocava condizionato dall’infortunio e che Aquilani era in panchina condizionato dalle scelte dell’allenatore. Sta di fatto che nel primo tempo si è vista la Fiorentina meno montelliana di sempre, con un centrocampo decisamente in difficoltà, e se di Pizarro e Brillante è già stato detto, di Borja Valero posso dire che è sembrato leggero come un aeroplanino di balza in balia del riscontro generato dal pressing giallorosso. Ripresa migliore nella quale il possesso palla della Roma si abbassa al 56%,  e dove la Fiorentina confeziona un paio di occasioni niente male per pareggiare, fino a riprendere gol nella stessa identica maniera, anche se questa volta a perdere palla per ci pensa Pizarro. Poi Montella sbaglia anche la sostituzione di Babacar vicinissimo al gol solo pochi minuti prima, Vargas no e Tomovic no, contribuiscono alla giornata no di tutta la squadra, che non lascia una buona impressione di se. Ma come avevo anticipato ieri, non cambio la mia opinione sul fatto che la Fiorentina potrà essere una delle protagoniste del campionato, ha iniziato male, ha deluso insieme al suo allenatore, ma rimango comunque fiducioso, la squadra è forte e lo dimostrerà. E mentre mi stavo immalinconendo nel cercare di trasmettere messaggi positivi, tra la posta che mi arriva in privato, questa volta anche una segnalazione dura, molto cruda, di quelle che dietro al freddo mondo dei numeri ci racconta il dramma di chi predica la qualità ma poi tradisce un grande bisogno di quantità. Riporto il grido di dolore di Lud sul suo blog: “Alle 18,30 Pollock era in vantaggio soltanto di un post. A quel punto ha incominciato a postare Cuccureddu e la forbice si è di nuovo allungata. Antonello, potevi restare in Sardegna qualche giorno di più”. E così la San Frediano della generosità si è subito mobilitata in favore dell’amico in difficoltà, per l’occasione e solo per fare della beneficenza si è riunita la banda degli scippatori. Il matematico, il tattico e il Bambi detto Sollicciano, si sono messi intorno a un tavolo per studiare il da farsi. Il matematico che all’epoca aveva il compito di dividere in parti uguali il bottino ha fatto un’analisi della situazione mettendo poi il tattico nella condizione di disegnare la strategia. Insomma, solo ieri sui 46 commenti del suo blog ben 22 se li è scritti da solo. Questo il primo dato saliente. Ovvero quasi il 50%. Non certo come me che sui 139 sempre di ieri ne ho scritti la miseria di 4 che è meno del 5%, e che poi vedremo sarà una percentuale che mi inchioderà non consentendomi gli stessi margini di miglioramento di Lud. Per ragionare su un periodo di tempo più lungo il matematico ha calcolato il gap settimanale in modo da fare una statistica più credibile, e subito sono sembrati molto fiduciosi. Il blog di Lud ha raccolto 113 commenti scrivendone personalmente la bellezza di oltre 50, contro i  miei 1095 con bene o male lo stesso numero d’interventi personali. E allora è sceso in campo il tattico con la soluzione, il blog di Lud può crescere moltissimo mentre il mio no, questo è stato il verdetto, come? La soluzione è scritta proprio nel numero dei commenti che si manda da solo. Basta solo che se ne mandi molti di più e il gioco è fatto. Io invece me ne mando troppi pochi per avere quel margine di crescita. E visto che erano a fare  della beneficenza ha calcolato anche lo sforzo in termini di tempo necessario a Lud per ridurre definitivamente il gap, secondo il tattico sarebbe sufficiente che si impegnasse a scriversi commenti per tre ore e un quarto. Semplicemente il tempo di un film, tre docce e una passeggiata in meno alla settimana. Numeri decisamente più interessanti di quelli della partita di ieri all’Olimpico. Numeri di speranza.



278 commenti:

  1. Ottimo Pollock.
    I limiti di Montella, analizzati e denunciati per mesi, sono riemersi ieri sera come uno schiaffo. Il ragazzo non capisce e dubito capirà, che al calcio si gioca di tecnica, ma anche con muscoli, corsa, agonismo. I vincenti non sono quelli della sua pasta, o del santino, ma i Garcia, Conte, Simeone, allenatori ad ora, anni luce avanti. Non credo sia solo per fattore uomini, anche se Nainggoillan è un marziano, lui non sa infondere carattere, basta rivedere il nostro primo tempo. Oltretutto mi tocca vedere Tomovic tornante e una difesa a quattro contro chi non schiera punte centrali, toglie la nostra che assicurava kili e pericolosità, per un esterno messo dalla parte meno utile. Se ci infiliamo la cronica assenza di pressing e le croniche palle perse dai centrocampisti, abbiamo già un quadro dell'annata che ci aspetta.

    RispondiElimina
  2. Deyna, abbandona la patetica polemica, nata come sfottò, ora su acidi binari.
    Ti spiego, la Cattolica era per anni, modello vincente di società e squadra. Se da ragazzo non andavi alla Fiorentina, subito dopo nei sogni di tutti, c'era la Cattolica Virtus Pignone. Ovvio che la selezione era di vertice, Paolo Rossi da Prato venne lì a formarsi prima dell'acquisto Juve. Ricordo pure che al mio provino arrivammo in cinquanta, e ne facevano due al mese. Di quella squadra, io riuscii ad essere titolare e pure capitano in qualche partita. I motivi per i quali non sono capitato in A, come Damiani giustamente fa notare, sono molteplici e non mi va di elencarli qui, ( non ultime le capacità tecniche, ovvio) resta il fatto che fuori dalla CVP, si respirava l'invidia di quelli che credevano fossimo forti perché aiutati da arbitri, i soliti che avrebbero difficilmente superato il provino. E si sa, l'invidia ha un sapore acido anche a distanza di tempo. Per i tunnel...forse, SOPRA, quelli sulla Firenze Bologna, forse...

    RispondiElimina
  3. Partita impostata per contenere, snaturando quindi la filosofia di gioco montelliana, per lasciarli sfogare e poi venir fuori quando avevan la lingua di fuori. Ci sono stati degli errori di scelta (lasciar fuori Aquilani perchè era stanco e far giocare Pizarro che non stava in piedi ha dell'insostenibile, come rischiare Brillante nella zona di Nainggolan che, a parte l'errore, lo ha triturato come era logico che fosse, far fare a Borja il trequartista in una partita di contentimennto è altra idea maluca), ma la filosofia di base non era nemmeno sbagliata, tanto è che quasi ci si fa. La Roma domina il primo tempo e ci umilia sul piano del gioco ma fa goal nell'unica occasione che ha, per di più regalata. Nel secondo cala e si poteva pareggiare benissimo se De Sanctis non si mettesse a parare solo con noi, e si sta in partita più che bene. Il 2-0 al 93' dà un'idea fasulla del risultato ma non conta. Anch'io non avrei tolto Babacar che era il migliore là davanti ed avrei messo Joaquim al posto di Tomovic, ma, forse, così, il 2-0 veniva prima. Avrei senz'altro messo molto prima Aquilani che ha confermato di esserci. Insomma errori Montella ne ha fatti diversi, ma, secondo me, non quello di impostazione della gara. La Roma ha più sprint, più ritmo, più sostanza di noi e giocare alla pari quando non si sono stancati un po', vuol dire prenderle senza remissione. Che poi il ritmo, la grinta, la capacità di accelerazione siano merito di Garcia e demerito di Montella il non averle in viola, può darsi. Bisognerebbe vedere se con Naingolan, DeRossi e Pjanic di qua le cose sarebbero state uguali o no.

    RispondiElimina
  4. concordo con JORDAN sulla volontà rinunciataria della viola del primo tempo, frutto della volontà di non esporsi alle ripartenze della Roma, un po' sul modello del ritorno di coppa contro l'Udinese l'anno scorso, non per niente insieme alla Roma la più letale in contropiede. E la difesa, una volta tanto, si è dimostrata all'altezza di una tattica di questo tipo . Il segno distintivo di questa scelta mi sembra il fatto che Neto abbia fatto solo rinvii lunghi, proprio come quella volta con l'Udinese, invece di giocarla alla difesa come al solito.
    Anche la scelta di tener fuori Aquilani mi sembra andare in questo senso: alle sue precarie condizioni fisiche non credo, da ciò che si è visto. Piuttosto credo che Montella abbia pensato di inserirlo nel secondo tempo proprio per segnare il passaggio dalla fase passiva a quella attiva, in vista anche di un potenziale appannamento di Pizarro.
    Il problema è che non ha funzionato. Abbiamo preso gol nell'unica occasione vera, certo, e con un minimo di fortuna saremmo arrivati all'intervallo sullo 0-0 pronti a rilanciare, però il gol stesso è frutto di questa tattica: se metto gente con l'idea di distruggere, quando provano a costruire ci sta che sbaglino. Quello che ha sofferto di più il primo tempo è stato Borja: già non è al massimo, in più avere 4 giocatori intorno chiamati Vargas, Brillante, Baba e Dino, non è la stessa cosa di avere Pizarro, Aquilani, Rossi e Cuadrado, per esaltare le caratteristiche di Borja. Abbiamo anche avuto occasione di scriverlo, che per fare il trequartista dietro a quei due è meglio Ilicic.
    Meglio il secondo tempo, dove comunque non si è vista la maquina ma dove almeno abbiamo fatto paura.
    Urgono:
    - insegnare ad Alonso a crossare
    - un terzino destro o il 352
    - un centrocampista integrabile nella maquina, altrimenti fa la fine del povero Brillante
    - che Rossi e Marin si riprendano in fretta.

    RispondiElimina
  5. Ieri sera abbiamo conquistato chiavi dove non c'erano porte...

    RispondiElimina
  6. Alcune considerazioni sui centrocampisti:
    1) Borja non era in forma, va bene, ma è stato penalizzato dalla posizione in campo come trequartista puro non va bene, deve giocare più indietro o comunque a tutto campo; anche ieri ha giocato meglio riportato più indietro;
    2) Brillante e Pizarro assieme non vanno bene, o uno o l'altro;
    3) Vargas secondo me ieri è stato il peggiore in campo (insieme a Gomez, qui di il peggiore a centrocampo); io comincerei a pensare di utilizzarlo come terzino sinsistro;
    4) Ilicic è stato, dopo Neto, il migliore dei nostri: sarà indolente, sarà discontinuo, ma è l'unico che prova a tirare in porta e a verticalizzare; di fatto siamo migliorati molto a partire da quando è entrato lui;
    5) Mati ieri avrebbe fatto comodo.

    Serve quindi un altro centrocampista, va bene, deve fare filtro, va bene, ma secondo me deve essere uno che almeno tiri in porta: tanto per capirci, come caratteristiche servirebbe un Andow quando era nei suoi cenci.

    RispondiElimina
  7. Jordan, l'impostazione forzata del primo tempo, io non la valuto un'arguzia, e ancorché se non errata, resta un limite preciso. Se non dobbiamo giocarla alla pari, se ci valutiamo di fatto già inferiori al via, c'è qualcosa, anzi, tanto che non va. Questo mi andrebbe bene fossimo tifosi del Genoa o Chievo, ma una squadra ambiziosa non può avere quell'atteggiamento iniziale.
    Un tale centrocampo, mettici pure Aquilani col Pek e Borja, verrà preso a randellate 10 volte su 10. A me poi sta storia dei tre tenori, sta sulle palle, ce li possiamo permettere talvolta e con certi avversari, non certo coi romani. Ma è l'identità del gioco a centrocampo che non regge a certi livelli. Stiamo dietro all'estetica, ai tocchetti, mentre se vuoi emergere servono anche gli altri ingredienti. Nonostante queste caratteristiche, che ci limiteranno sempre, stamattina voglio vedere alcuni raggi di sole:
    - Baba è da serie A, attaccante che cerca profondità, pressa e non ha riverenze.
    - Finalmente si gioca con due punte, (almeno dall'inizio)
    - Pasqual non è in campo.

    RispondiElimina
  8. Mi ripeto, ma se dobbiamo giocare a 4 dietro, serve un terzino destro: credetemi, io sono un estimatore di Tomovic, come destro in una difesa a 3 o centrale in una difesa a 4 va bene, ma come terzino in una difesa a 4 assolutamente no: in fase difensiva può andare, ma in fase di possesso è un disastro, fa anche buoni movimenti e buoni inserimenti, ma quando riceve la palla sulla fascia all'altezza della trequarti avversaria si vede benissimo che non sa che cazzo fare.

    RispondiElimina
  9. Per concludere, la difesa a quattro va archiviata. Ieri ha fatto abbassare la nostra linea, non avevano avversari diretti se non quelli che a folate, attraversando il burro del nostro centrocampo, si presentavano all'arrembaggio. Tre dietro e cinque nel mezzo, Alonso o Vargas esterni.
    Piccini, come temevo, doveva restare.

    RispondiElimina
  10. Su Rossi metterei una pietra sopra sino a dicembre, di fatto non lo ritengo ne abile ne arruolato, di conseguenza é un costoso optional che un bel di utilizzeremo. Se pensiamo al momento contingente non si può ritenere Rossi un titolare da utilizzare. Punto.
    Il problema di due centrocampisti che possano essere di ricambio per i tre-tenori lo trasciniamo da due anni, vista anche la fragilità di Mati Fernandez; non é servito affidarsi a gente sul viale del tramonto (Ambrosini) e neanche a fabbri (Migliaccio), quando il tuo mestiere é ingegneria.
    Sul terzino destro ho imbarazzo a pensare alla cessione di Roncaglia (e la trattativa c'era da molto tempo, altro che rumors!) e a un ripiego su Konko, poi magari qualcuno mi convince che Konko- eventualmente- al 31 agosto era una prima scelta.
    Ieri abbiamo giocato contro una squadra che aveva un falso nueve (Totti) che giocava a 20-25 metri (un falso 8 e mezzo!) dalla nostra porta ma era supportato da inserimenti continui delle falangi romanista che convergevano; ecco, gli inserimenti: anche l'anno scorso- rispetto al 2012/13- abbiamo visto molti meno inserimenti, molti meno tagli dei centrocampisti. Strano.
    Un centrocampo dinamico come quello romanista non può essere fronteggiato dalla staticità di Vargas, che vive sospeso tra due ruoli, senza interpretare da "7" nessuno dei due.
    Due righe su Brillante: le scommesse si vincono e si perdono, gli atteggiamenti di stizza non servono (cambio immediato). Per non perdere l'australopiteco bisogna che la prossima partita giochi (o dal primo minuto o comunque va rimesso subito in campo nella ripresa. Speriamo ci sia la possibilità).
    Le certezze che emergono da ieri sera: 1) Neto, 2) Alonso, 3) i centrali, 4) Babacar, 5) Aquilani, se non altro per il dinamismo e la garra "romana", che lui ha.

    RispondiElimina
  11. Questa non la capisco:

    http://www.violanews.com/calciomercato/la-fiorentina-tratta-con-il-manchester-city-per-john-guidetti-20140831/

    RispondiElimina
  12. I convocati da Conte:


    Portieri: Buffon (Juventus), Padelli (Torino), Perin (Genoa), Sirigu (Paris Saint Germain);
    Difensori: Astori (Roma), Bonucci (Juventus), Chiellini (Juventus), Paletta (Parma), Ranocchia (Inter);
    Centrocampisti: Candreva (Lazio), Darmian (Torino), De Rossi (Roma), De Sciglio (Milan), Florenzi (Roma), Giaccherini (Sunderland), Maggio (Napoli), Marchisio (Juventus), Parolo (Lazio), Pasqual (Fiorentina), Poli (Milan), Verratti (Paris Saint Germain);
    Attaccanti: Destro (Roma), El Shaarawy (Milan), Giovinco (Juventus), Immobile (Borussia Dortmund), Osvaldo (Inter), Zaza (Sassuolo).

    RispondiElimina
  13. che dire? La stessa difesa ridicola del mondiale (peggiorata dall'assenza dell'unico grande difensore italiano di oggi, cioè Barzagli), un centrocampo che si conferma con molte opzioni all'altezza (tranne che sulle fasce, non per niente si deve ricorrere a Pasqual), un attacco con due giovani in prospettiva ottimi (Destro ed El Shaarawy), un fallito del calcio (Giovinco), un grande goleador che non ha niente a che fare con la nazionale (Immobile) e due presenze imbarazzanti (Osbajo e Zaza).
    L'elemento peggiore, ovviamente, è la riconferma di Buffon e De Rossi, che dopo le parole indegne di qualsiasi spirito di squadra pronunciate alla fine dell'avventura brasiliana non dovrebbero mai più rivedere la nazionale. Daspo a vita, altro che capitano. L'elemento migliore è che non c'è più Thiago Motta.
    Conte si dimostra di vedute un po' più ampie rispetto allo strisciato pride di Prandelli (e infatti fa un passo indietro rispetto alle inspiegabili esclusioni di Florenzi e Destro). La scelta di tener fuori Balotelli è un segnale che ci potrebbe anche stare, se non fosse per la scelta di confermare i suoi accusatori, che stride con l'idea di ripartire da zero. Basta che siamo consapevoli del fatto che attaccanti italiani migliori di Mario ce n'è pochi. Spero faccia una grande stagione a Liverpool e si riconquisti la maglia alla faccia di Capitan Biretta e dello Scommettitore Nazista.

    RispondiElimina
  14. Conoscevo la Cattolica, quando giocavo aveva ancora un'aura di mito anche a Lucca, per quanto riguarda le realtà toscane. E' che semplicemente avevo letto di fretta, e "civetti" per me, in quelle condizioni, è linguaggio da iniziati. Insomma, essendo di passaggio, avevo preso quel che ha scritto il Colonnello per una difesa di Damiani, come esempio di un'ala che ecc ecc. Ma anche non avessi preso l'abbaglio, anche l'avessi definito "l'idolo del Colonnello" giusto per ischerzo, non ne vedrei il dramma, né tantomeno la malafede imputatami. Un po' come se si parlasse di Mascherano. Meno ancora capisco questa fissa in negativo per Stambouli, per il mancato arrivo del quale certo non mi dispero, né ho lanciato alcuna crociata polemica né qui né altrove. Sembrava a un passo dalla Fiorentina, e, incuriosito, ho preso visione di un compattino di 50' mandatomi da un altro malato di calcio, tutto qui. Con questo certo non mi voglio improvvisare esperto in stamboulismo, lo dico da sempre che i montaggi lasciano il tempo che trovano, tanto che come prima cosa chiesi un parere al Colonnello stesso, che il giocatore l'aveva visto per partite intere. A me tra parentesi non sembra tanto terribile, anzi, del resto il fatto che se lo sia preso il Tottenham qualcosa vorrà pur dire...Venendo alla Fiorentina, il punto è che manca una figura di quel tipo o migliore, un mediano che sappia anche giocare a calcio, oltre a cacciare palloni e avversari. E certo non può essere Brillante...

    RispondiElimina
  15. giusto per dare un contributo: credo che il gioco di Montella possa e debba evolvere nel senso di una maggiore concretezza, e mi pare lo sappia anche lui, anche se non sempre lo fa nel modo giusto, vedi ieri sera. Ma credo che sarebbe suicida pensare di volerlo stravolgere. Perché è vero che non la rosa che abbiamo non riusciamo sempre a farlo in maniera perfetta. Ma è anche vero che è con quel gioco che la rosa che abbiamo è in grado di rendere a un livello ben superiore rispetto al proprio valore di mercato. Pizarro e Aquilani erano due scarti del calcio europeo prima di iniziare a giocare così, e temo che lo ridiventerebbero se smettessimo. Lo dico giusto come nota di realismo. Evoluzione e concretizzazione sì, stravolgimento e dietrofronte no.

    RispondiElimina
  16. Guidetti mi piaceva un sacco quando esplose al Feyenoord: potente, rapido, esplosivo, ottimo tiro con entrambi i piedi, tecnico. Al City però è scomparso, tra virus e ginocchio [non so cosa, di preciso, spero non l'ennesimo crociato, tra chi interessa a noi] sono in pratica due anni che non gioca...Ad ogni modo un'altra punta mi sembra l'ultimo dei problemi, anche se occorre pensare bene alla situazione di Rossi.

    RispondiElimina
  17. Non è il numero dei centrocampisti ad essere basso, visto che se ne invocano sempre di nuovi, ma la qualità complessiva a latitare, qualità che rimane la stessa dell'anno passato. Non bassa, non elevatissima. Se a questo dato ci si aggiungono emergenze, defezioni ed esperimenti (lo riscrivo, far esordire un 21enne australiano in casa della Roma significa mortificarne anche le potenzialità che a mio avviso ci sono) ecco che il pareggio di ieri sera, qualora fosse arrivato, aveva del miracoloso. Tanto distanti non siamo andati, e questo è un fatto che mi conforta, nel secondo tempo le distanze si sono accorciate, siamo stati noi a far la partita nella fase più calda e abbiamo giocato alla pari tutto il secondo tempo, rischiando il cappotto ma pure un pareggio che di scandaloso non aveva nulla viste le nostre condizioni e assenze, ben peggiori di quelle della Roma. Il nodo, per me cruciale, passa dal Pek, a prescindere dallo stato di forma di ieri sera, non ha più il passo, il fisico, l'occhio e la rapidità per giocare palle in velocità, di smistare rapido nelle ripartenze, ieri ne ha soffocate quattro sul nascere, i ritmi sono cambiati e lui non può più reggerli, l'unica vera lacuna, grave, alla quale non abbiamo messo neanche una pezza è li in mezzo, che ti costringe a far giocare Vargas interno, Borja trequartista, Tomovic esterno (che a volte fa benissimo, ieri no.....) e via discorrendo; ti costringe perché Montella, oltretutto, vuol trovare soluzioni fai da te, come la pasta fatta in casa, per far giocare quelli che gli offrono maggiori garanzie senza snaturarne il progetto tattico che, di fatto, si snatura proprio per l'utilizzo di giocatori in ruoli non propri. Che in due sessioni non si sia trovato di meglio che un giovane prospetto mi pare francamente un'errore imperdonabile.

    RispondiElimina
  18. Concordo, pezze si, toppe no!

    RispondiElimina
  19. Tra i terzini destri di cui si parla eviterei Richards: potente, per carità, ma dalla tecnica imbarazzante, strambo nel posizionamento difensivo, un De Silvestri nero insomma. Per di più in pratica fermo da due anni...

    RispondiElimina
  20. Lele se con i tre tenori contro un centrocampo robusto come quello giallorosso c'è da piangere, purtroppo per noi l'alternativa è metterci nel mezzo Vargas (che per me centrocampista non sarà mai) e Brillante. Di là ci sono Derossi e Nainggolan e sarà anche colpa di Montella e merito di Garcia (anch'io il cambio delle panchine lo farei, intendiamoci), però vorrei cambiare anche quelli in campo per vedere quello che succede. Quando ho letto le due formazioni mi son detto che se non ci lasciavamo le penne era un miracolo ed è quasi successo. Il 2-0 è molto bugiardo, e un 1-1 ci sarebbe alla fine stato tutto. Quindi non ci faccio una tragedia. Un'altra volta non ci è andata bene, ci mancava gente importante, direi fondamentale e, per me, la Roma è più forte di noi. Se no non di perderemmo regolare ida e volta da diverso tempo.

    RispondiElimina
  21. Che con Cuadrado la difesa a quattro sia un'assurdità mi sembra lapalissiano. Ma ieri non c'era e chi ci mettevi a pompare sulla fascia a destra? Alonso e Vargas son mancini tutti e due, ammesso che Vargas possa ancora fare quel mestiere.

    RispondiElimina
  22. Il Mondo io non lo avrei mai mandato via e dubito che si sarebbe ottenuto di meno che col Giubba se gli davano gli stessi uomini. Poi si è ammalato non so nemmeno se sarebbe in condizioni adesso, ma era un piccolo grande uomo di calcio.

    RispondiElimina
  23. stefano vienna31 agosto 2014 13:17

    Per me fu l'errore più grave di tutta la gestione Della Valle e ha avuto un effetto devastante. L'avessero tenuto non si sarebbero dovuti nemmeno piegare al sistema moggiano. Niente penalizzazioni, Champions a go-go. Insomma un'altra storia. Ma ormai è il passato. Con Montella purtroppo non si andrà da nessuna parte, continuerà questo Purgatorio perenne. Speriamo che se ne vada a fanculo l'anno prossimo.

    RispondiElimina
  24. Credo sia stato operato, al ginocchio, ma non so assolutamente a cosa. Se potesse essere recuperato ai livelli olandesi sì, non esiterei a prenderlo, con 3 milioni ti metti in casa uno utile sùbito, che tra un paio d'anni può valere cifre oggi inimmaginabili.

    RispondiElimina
  25. vabebé, io ve lo dico, a criticare gli errori di Montella sono disposto anch'io, ma a metterci a creare un altro capro espiatorio da crocifiggere a colpi di "ha già firmato con" perché non vince con una squadra costata più del doppio della sua, secondo me, prenderemmo una cantonata.

    RispondiElimina
  26. stefano vienna31 agosto 2014 13:31

    Ma quale capro espiatorio? Le partite si possono perdere con squadre più forti e con squadre più deboli. Il problema è come si perdono. Io non posso accettare un allenatore che toglie una punta e mette un ex-giocatore che non si sa che ruolo faccia, a venti minuti dalla fine, in svantaggio di un gol, in una trasferta come quella di Roma. Tralasciando la boutade Brillante, poverino, su cui eventualmente si può sorvolare.


    Alla Roma, rispetto a quando giocammo all'Olimpico l'anno scorso mancavano: Benatia, Castan e Strootman. Sostituiti da giocatori non scarsi, ma inferiori. In più, Totti ormai è un giocatore finito, Gervinho passaggiava di malavoglia in mezzo al campo, De Rossi è quello visto ai Mondiali, niente di più.



    P.S.: la Roma ieri in difesa faceva ridere, noi eravamo molto più forti. Di gran lunga Savic miglior difensore in campo, Gonzalo superiore ad Astori, i due terzini giallorossi niente di trascendentale, al livello dei nostri.

    RispondiElimina
  27. ma infatti degli errori sono disposto a discutere. Basta che non ci mettiamo nell'ordine di idee che con Mondonico in panchina una squadra con Pizarro e Aquilani migliori elementi del centrocampo arriverebbe terza in campionato, perché, secondo me, sarebbe un'illusione autoindotta, e sono le più dolorose.
    Anche secondo me mettere e togliere Brillante in questa maniera è stato un errore, e l'ingresso di Joaquin aveva senso (ha spaccato altre partite) ma con un conseguente cambio di modulo passando a 3 davanti (come era stato, infatti, in quelle altre partite), non al posto di Babacar.
    Ma un ragionamento per cui abbiamo una squadra che starebbe in cima al campionato se non fosse per le ossessioni ideologiche del suo allenatore, per me, è fuori dalla realtà.

    RispondiElimina
  28. infortuni secondo Transfermarkt: http://www.transfermarkt.it/john-guidetti/verletzungen/spieler/98596

    RispondiElimina
  29. stefano vienna31 agosto 2014 13:55

    Ecco, ma perchè Pizarro e Aquilani cos'hanno adesso? Sono diventati due brocchi? Questi sono i discorsi a cappella che facevano quelli della setta degli adoratori. Sono minchiate, anzi stravinciate. Tra l'altro, e non volevo entrare nella discussione, l'aeroplanino dovrebbe spiegarci come gli sia venuto in mente di lasciare Aquilani in panchina.


    Qui sarebbe da andare ai Campini lunedì e prenderlo a schiaffi, altro che capro espiatorio. Che si svegli e che scenda dal piedistallo. A calci in culo.

    RispondiElimina
  30. Sulle ipotesi è dura persino ribattere Stefano. Visto che siamo a coltivare pie illusioni e sciocchi rimpianti perché non puntare al top, altro che Mondonico..........

    RispondiElimina
  31. stefano vienna31 agosto 2014 13:59

    Era una provocazione, Leo. A parte la stima per Mondonico -l'ultimo allenatore viola che ho stimato-, vorrei un allenatore della Fiorentina, non un miliardario viziato con la testa da un'altra parte e che si crede un genio del calcio. Gente così a Firenze fa una brutta fine, Giubba docet.

    RispondiElimina
  32. stefano vienna31 agosto 2014 14:00

    Minchiate, anzi straminchiate.

    RispondiElimina
  33. Totti lo si da per finito da anni eppure........l'anno passato tutto è parso che al capolinea, quest'anno dovranno gestirlo, hanno la champions. Gervinho più che passeggiare volava e De Rossi è sempre il solito gran centrocampista utile alla bisogna pure in difesa, a sminuirli ci si fa del male da soli. Critiche vanno mosse ma senza isterie del momento che disegnano come brocchi gli avversari, noi di brocchi ne abbiamo più della Roma e chi non accetta questa evidenza può individuare sempre nel manico il primo problema. Manico che quest'anno strapperà applausi, come il primo anno. I conti non si fanno alla prima ma all'ultima e l'ultima dell'anno passato ci ha visti quarti con le due punte davanti praticamente mai schierate insieme.

    RispondiElimina
  34. Ti ho risposto sopra Stefano.

    RispondiElimina
  35. no, non sono diventati due brocchi: lo erano diventati tra il 2009 e il 2012, quando sono stati scaricati da mezza Europa (Roma, City, Liverpool, Juve, Milan) prima di finire svincolati a parametro zero, perché nessun altro li voleva, da noi. Da noi hanno trovato un tipo di gioco in cui hanno ricominciato a rendere ai livelli che avevano abbandonato 3 anni prima, Pizarro anche ben oltre (alla Roma non era mai stato così forte come il primo anno da noi).
    Ora, io non sono innamorato a prescindere di quel tipo di gioco e ne auspico da tempo un'evoluzione nel senso di una maggiore concretezza, ma non ignoro che è quel tipo di gioco ad averci permesso di far esprimere a livelli da alta classifica una rosa i cui componenti, in altri contesti, erano stati scartati da tutti.
    Poi questa è la mia opinione, non faccio parte di alcuna setta e quando c'è da criticare Montella lo critico, l'ho fatto anche oggi. Però, ripeto, le considerazioni sulla nostra dimensione che valgono per la società, per me, valgono, a maggior ragione, per l'allenatore. Essere convinti di avere la squadra più forte del mondo, pur avendola pagata la metà, perché tutti gli altri sono scemi e la differenza la fa la cupola del Brunelleschi, per me, è un'illusione autolesionista. Ma a ciascuno il suo, figuriamoci.

    RispondiElimina
  36. condivido pienamente.

    RispondiElimina
  37. stefano vienna31 agosto 2014 14:06

    Mancavano, rispetto all'anno scorso, Benatia e Castan, al loro posto due alla prima partita insieme. Strootman che è più forte di Nainggolan.
    Buona squadra la Roma, ma Garcia è un grande allenatore.


    Noi purtroppo, nonostante gli sforzi di Montella di farci perdere, abbiamo sofferto molto meno dell'anno scorso anche se abbiamo concesso più possesso palla.


    Ragazzi, Montella non batterà mai Garcia in vita sua, neanche a scopa.

    RispondiElimina
  38. stefano vienna31 agosto 2014 14:08

    vedi sotto

    RispondiElimina
  39. stefano vienna31 agosto 2014 14:11

    Mentre stiamo qui a trovare i cavilli pro e contro, a me già il pensiero di vedere la faccia di Montella in panchina tutto l'anno mi provoca l'orticaria. E' lungo un anno, cazzo.

    RispondiElimina
  40. Certo...convocare Giovinco che con lui giocava con il contagocce, modello Prandelli -2 la vendetta.

    RispondiElimina
  41. "Strootman che è più forte di Nainggolan...." così si fa come le figurine della Panini, più forte a fare cosa ?! Con Pjanic, Totti, Gervinho e Iturbe ti serve un'incontrista più che un regista e Najinggolan lo è molto più dell'olandese e quando giocherà lui è probabile vedere il belga accanto prima del bosniaco. Cuadrado non possiamo regalarlo a nessuno, innalza troppo il nostro potenziale e un Pizarro così vale -2 giocatori. Ma son lo stesso discorsi a cappella, non è la sola somma dei valori dei singoli che determina un risultato altrimenti i risultati si saprebbero prima che la giochino ma delle scelte tattiche e agonistiche con cui gli allenatori preparano l'evento. Le scelte di Garcia si sono rivelate azzeccate, quelle di Montella meno che ha pure snaturato il ruolo a due giocatori, eppure il pareggio è stato li a portata di mano, meritato, segno che tutte sciocchezze non gli passano per la testa. A voler disegnare facile l'utilizzo di un modulo e dei giocatori adatti può risultare banale a chi muove critiche e basta dietro un monitor, ieri sera non è stato imbarazzante il risultato ma solo il primo tempo in cui siamo stati messi all'angolo. Ho fiducia che faremo più punti dell'anno passato, basta che la sorte ci sia proprizia quanto a infermeria e che oggi arrivi quel Fernando che ci toglierebbe qualche castagna dal fuoco.

    RispondiElimina
  42. stefano vienna31 agosto 2014 14:15

    Per non fargli perdere valore, semplice.

    RispondiElimina
  43. Esatto, l'anno prossimo la Juve dovrà fare cassa con lui.

    RispondiElimina
  44. Come centrocampista, visto che Fernando pare ormai perso, direi che Kucka (meglio) o Kurtic possono andare bene.
    Quanto al terzino, sono curioso di vedere se e chi verrà acquistato: teniamo conto che noi avevamo Cassani, Roncagli e Piccini, niente di trascendentale, per carità, ma è ovvio che se si è rinunciato a loro occorre prendere uno che sia più forte di loro, altrimenti non avrebbe senso. Non capisco però, a questo punti, chi si potrebbe comprare.

    RispondiElimina
  45. Basta una partita persa e vedo catastrofismo a gogò.Sul sitone manco ci entro quando si perde...mi bastano gli amici gobbi,non ne vado a cercare anche di virtuali.Abbiamo perso a Roma.E allora?siamo da retrocessione?Mancavano i due migliori ed alla fine eupalla(come da copione consolidato da anni) ci ha bellamente dato contro.Traversa e miracolo.La Roma ha giocato molto meglio della Fiorentina nel primo tempo.Nel secondo se avessimo pareggiato(in funzione delle occasioni create) niente da dire.Siamo umorali,questa è la realtà.Montella non era un genio prima e non è un demente oggi.La Roma è forte.Punto.La prima seria candidata allo scudetto(insieme a Juve ed Inter).Con un monte ingaggi che è il doppio del nostro.Abbiamo fatto degli errori(se Brillante non regala palla quando segnano?);Montella ha forse sbagliato qualcosa,innegabile.Ma alla fine il pareggio sarebbe stato giusto.Quello che mi fa incazzare davvero è leggere i commenti di quelli che vengono oggi a mostrarsi con "l'avevo detto...".Molti non aspettavano altro che una sconfitta della Fiorentina per venire a dirci che LORO lo sapevano.Tifosi viola(o presunti tali) che invece di essere amareggiati sono contenti.Contenti perchè oggi possono dire che la campagna acquisti è stata sbagliata,che le risorse sono state male allocate,che senza ali non si vince(scordandosi che l'ala l'abbiamo,ma era squalificata;scordandosi che Cuadrado sarebbe andato via perchè incompatibile con Gomez-Rossi;scordandosi di avere detto a più riprese che per la campagna acquisti dell'anno scorso Cuadrado sarebbe andato via sicuramente.Gente che oggi apprezza gli acquisti di Iturbe(28-28-28 MILIONI!) ma si dimentica delle cessioni di Lamela e Benatia e Marquinos(100 e passa milioni,gente venduta GIOVANE).Gente che idolatra la roma perché ha creduto in Lijacic.Diventato senza Montella un semplice scalda panchine.Ma questa gente andasse a fare in culo e tifasse per gli altri(come già stanno facendo).L'unico interesse loro è sperare che la Fiorentina vada male per esaltare il proprio ego;che Gomez faccia cacare perchè si possa dire che le risorse sono state male allocate;che quelli comprati dagli altri facciano bene perchè almeno si può apprezzare il progetto degli ALTRI.Niente di nuovo sotto il sole fiorentino...

    RispondiElimina
  46. Stefano, scusa, ma fatico a conciliare le proposte di rinunciare a un titolare come Pizarro e ricostruire da capo il centrocampo, con l'atteggiamento solitamente benevolo nei confronti delle scelte di autofinanziamento della società, sinceramente.
    Per carità, rispetto le posizioni di tutti e sono un tifoso che giudica dal divano come tanti altri, però proprio perché critichiamo le vedove di VCG mi darebbe fastidio che si finisse a fare le vedove di Sinisa e Delio Rossi. Perché Montella avrà tanti difetti, ma solo un ambizioso emergente può permettersi di venire ad allenare la settima rosa per ingaggi e quinta per cartellini (a posteriori, contando quando sono stati comprati saremmo settimi anche lì) del campionato di fronte a una piazza che si indigna se si perde in casa di una delle prime due...
    Montella è un allenatore emergente e ambizioso per una società emergente e ambiziosa. Gli allenatore vincenti e affermati vanno nelle società vincenti e affermate, non penso di doverlo spiegare a nessuno.
    I limiti di Montella ci sono, ma a mio parere sono minori di quelli della rosa, e la combinazione tra queste due componenti resta molto positiva per la dimensione economica della Fiorentina. Speriamo di crescere, sappiamo quali sono gli ostacoli (diritti tv, bacino d'utenza, ecc.), ma l'illusione di avere la rosa più forte del mondo (e non si capisce perché tutti gli altri siano così scemi da pagare Nainggolan 12 milioni, quando c'è Brillante per mezzo), le cui possibilità sono bloccate da un allenatore incapace, a mio parere, è pericolosa. A dare la colpa a uno solo (e ne aveva, ben più di Montella!) assolvendo tutte le altre componenti, ci siamo ritrovati due anni che sinceramente non vorrei rivivere. Avanti così, per quanto mi riguarda.

    RispondiElimina
  47. Pizarro ieri sera giocava, ri-vedere per credere, un metro davanti la nostra area di rigore; il cileno in difficoltà se entrava nella gabbia Nainggolan-Pjanic-De Rossi, quindi si é rintanato dietro.
    Difficoltà immane a iniziare le azioni per il pressing molto alto della Roma sui potenziali "cerebri", di conseguenza Valero spesso arretrava per cercare palla, Pizarro rimaneva dietro ma era costretto a lanciare, Brillante foglia al vento.
    Sappiamo che il nostro gioco ha un costrutto particolare ma dovrebbe esistere un Piano-B. Allo stesso tempo l'equivoco Vargas va chiarito.
    Il problema é che con Pizarro e Vargas ragioniamo troppo con il cuore e poco con la mente. Forse.

    RispondiElimina
  48. Io non sono così sicuro come te su Cassani, ma mi domando perché sia stato sbolognato tanto in fretta. In fondo è un terzino destro di ruolo passabile e sa scendere bene, anche se poi le palle che mette in mezzo non sono proprio eccezionali...

    RispondiElimina
  49. Questa è la visione che ho anch'io di Cassani, senz'altro migliore di altri in una difesa a quattro, pur non essendo eccezionale. Ma se deve giocarci Tomovic...

    RispondiElimina
  50. Piccini: a me non sembra così bravo, tecnicamente. La palla la controlla, ma poi dribbla spesso male, se parte in progressione a volte se la porta fuori per mancanza di sincrono tra corsa e controllo, cross così e così, tiri abbastanza a casaccio. Ad oggi mi sembra avere più che altro mezzi atletici degni di nota, perché anche difensivamente ha molto da imparare. Ieri Gervinho l'avrebbe massacrato, per dire.

    RispondiElimina
  51. Dopo Stambouli salta anche Fernando: ci stiamo facendo prendere pel culo in tutta Europa, se proprio bisogna chiedere delle dimissioni, io le chiedo di Pradè.

    RispondiElimina
  52. su Cassani fatico a esprimersi, su Konko e Kurtic concordo, nel senso che continuare a comprare riserve che non hanno il tasso tecnico dei titolari non ci fa migliorare la squadra.

    RispondiElimina
  53. Non ho visto - per fortuna - la partita. Ma a naso concordo con DKNE1 (anche io non vado nel sitone dopo le sconfitte). La Roma ha una rosa superiore alla nostra (e non potrebbe essere altrimenti visti i milioni spesi) e quindi il risultato ci stava. Montella ha i suoi limiti ma è un buon allenatore, in prospettivo ottimo considerando la sua giovane età. Dovrà crescere anche lui e tentare meno colpi di genio che spesso non gli riescono (non mi riferisco a ieri, ovviamente non avendo visto la partita).
    La Roma potrebbe perdere terreno se uscisse malamente dalla Champions.
    La rosa è nel complesso buona, dobbiamo ancora vedere Marin e Basanta, che qualcosa in alla squadra dovrebbero dare. Certo Pizzarro ha un anno in più e Borja l'anno scorso nella seconda metà del campionato è calato. Si spera di rivederlo ai livelli del primo anno. Leggo buone impressioni su Alonso e Babacar, nonchè su Neto.
    Siamo solo alla prima partita e il campionato è lungo, certo un po' di delusione per i mancati arrivi c'è e qualche perplessità sulla cessione di Facundo. Speriamo arrivi quel qualcosa di interessante auspicato da ADV. Io in questo momento sono più che altro preoccupato dalle voci su Aquiliani, molto più in gamba di quanto pensino in generale i tifosi della Fiorentina (in questo sono un GATtiano di ferro).

    RispondiElimina
  54. Presi alla gola. Ora occorrono più soldi di un mese fa.
    Il mio timore é che si ripieghi sugli "Andow" di turno.

    RispondiElimina
  55. vabbé, vendere Aquilani (che non mi sembra neanche abbia tutto questo mercato, sinceramente), in un centrocampo in cui non arrivano acquisti di peso, sarebbe semplicemente suicida. Non credo proprio, dai.

    RispondiElimina
  56. Mi sa che il ripiego ci sia già stato: ero entusiasta dell'arrivo di Marin, ma poi l'incredibile dichiarazione di Guerini: "E' in fase di guarigione"! Ci rendiamo conto, l'han preso ancora infortunato!

    RispondiElimina
  57. Da sitone:

    Cartman 31/08 14.32


    La carriera di bomber Prade parla da sola...alla Roma pacchi bomba tipo Giuly,Nonda,Loria,Baptista,Riise,Cicinho,Ferrari,Elefteropoulos,Dellas,Kuffour...
    Da noi a parte la prima campagna con Borja,Gonzalo,Cuadrado,Mati,aquilani e la botta di mele Savic per un uomo di Corvino,Nastasic con soldi.gli altri mercati da panico...Ilicic,Joaquin,tomovic,Anderson ,Diakite,Matri,Comper,Yakovenko...un se ne fa' uno di tutti.
    Meno male rimangono dei ragazzi dalla primavera del Corvo,sono i nostri acquisti quest'anno,per il resto scielte discutibili, Dovute dalle poche finanze stanziate o per la capacità limitata del direttore?





    Aggiungerei che gli acquisti del primo mercato del Duo son quasi tutta roba di Macìa/Corvino...

    RispondiElimina
  58. ragazzi io non sono un particolare fan di Pradé, ma:
    Anderson: prestito gratuito
    Diakité: prestito gratuito:
    Matri: prestito gratuito:
    Yakovenko: svincolato
    Compper: comprato a 200 mila e rivenduto a 550 mila.


    Giudicare un ds da 6 acquisti fatti spendendo 200 mila euro in tutti mi sembra assurdo.

    Ilicic sappiamo bene che è un'eredità del Corvo, come le tante eredità positive che giustamente vengono sottlineate (mai avuto particolari antipatie nei suoi confronti). E Joaquin credo che sia stata la punta titolare (l'anno scorso lo fu per mesi) meno pagata del campionato.

    RispondiElimina
  59. Sì, ma bisogna guardare anche al risultato sportivo, sennò diventiamo tutti dei piccoli Conhinhi...La campagna invernale di Pradè è stata raccapricciante. Ilicic poi non vedo cosa c'entri col Corvo, che prima di andarsene aveva bloccato alcuni giocatori e aperto strade con altri [Roncaglia, Borja Valero, ecc], ma non con lo sloveno, che è arrivato solo per risarcire il Palermo dello sgarbo fatto con Viviano. Semmai uomo di Corvino era El Hamdaoui...

    RispondiElimina
  60. Valtolin, non è tanto l'ipotesi di cessione che mi preoccupa, che anche io reputo remota. Sono le difficoltà sul rinnovo che sembrano esserci e i relativi rumors giornalistici alimentati dall'esclusione iniziale di ieri, che magari è motivata dalle pessime prove passate di Alberto contro la Roma (motivo che eventualmente Montella non potrebbe sbandierare ai 4 venti). Ma nell'incertezza, non sono del tutto tranquillo

    RispondiElimina
  61. Anch'io sottolineavo le "assenze" di Aquilani nei match contro la sua Roma, era come giocare in dieci, ma mai mi sarebbe passato la testa di lasciarlo fuori per Brillante. Ci fosse stato disponibile Mati, invece, avrei preferito il cileno.

    RispondiElimina
  62. DEYNA, però un ds che fa una campagna invernale a zero euro per scelta sua, mentre la società gli metterebbe a disposizione fior di milioni, lo devo ancora vedere... Che a gennaio, senza spendere un euro, ci fosse a disposizione qualcosa di meglio di Matri, Anderson e Diakité, mi sembra tutto da dimostrare. Poi non voglio difendere Pradé, che neanche conosco. Dico che non è su queste basi che lo si può criticare. A questo punto ha più senso la critica di LUD, che almeno lo critica per un investimento vero fatto, cioè quello su Gomez, e non per non essere riuscito a fare le nozze coi fichi secchi a gennaio.
    Su Ilicic hai ragione, mentalmente associavo l'affare Viviano al Corvo, ma era già Pradé.

    RispondiElimina
  63. credo che l'esclusione di ieri fosse più che altro dettata dal tentativo di fare un primo tempo di rimessa, per poi cambiare marcia nel secondo, nonché dalla volontà di sostituire con Aquilani un Pizarro che si prospettava in affanno. Scelte che si sono dimostrare, a posteriori, sbagliate.
    Che non rinnovi può darsi, mi dispiacerebbe, ma devo dire che abbiamo già abbastanza problemi quest'anno per preoccuparci del prossimo.

    RispondiElimina
  64. sottoscrivo tutto.

    RispondiElimina
  65. Buttare nella mischia Brillante mi ha stupito molto, specie dopo la policy sui vari Wolki, Rebic etc dell'anno scorso. Al di la delle qualità che Montella può aver intravisto nell'australiano, forse era meglio anche Lazzari, giocatore medio, medio, ma più rodato. A questo punto suppongo siano riusciti a piazzarlo da qualche parte.

    RispondiElimina
  66. mi sa che Brillante è il nuovo Matos: buon giocatore, niente di speciale, ma che risponde perfettamente in allenamento alle indicazioni tattiche di Montella e che di conseguenza passa avanti nelle gerarchie rispetto ad altri, anche più dotati...

    RispondiElimina
  67. Soprattutto a scopa.

    RispondiElimina
  68. Pek non è più da A ad alto livello. Mati lo si vede campione qui sulla Riblogghita ma non c'è mai stata una fila a chiedercelo. Qui è stato scritto che Gonzalo è perfino migliore di Thiago Silva, insomma, a me di sparare sulla misericordia piace il giusto. Tu consideri il Gervinho di ieri un "passeggiatore" e Totti finito e De Rossi sempre il "solito", beata innocenza Stefano.

    RispondiElimina
  69. Benatia non manca, l'hanno venduto, quindi o l'affare era di quelli irrinunciabili o hanno ritenuto Manolas un degno sostituto. Voglio vedere il Castan di quest'anno senza il marocchino accanto, segnatela, vediamo a fine anno il rendimento.

    RispondiElimina
  70. Montella le gerarchie sa stravolgerle, si è visto coi portieri e con il capitano in panca. Come si possa già liquidare un ragazzo di quell'età per un retropassaggio sbagliato non si sa. Se Montella è umorale qualcuno è in piena tempesta ormonale Valtolin e non mi riferisco a nessuno in particolare, ritengo che la prima sconfitta brucia, sempre coi soliti coatti con i quali non vinciamo da tempo, aspettiamo a bocciare rosa, mister e campagna acquisti. Aspettiamo.

    RispondiElimina
  71. DKNE il più quadrato e posato nei commenti. L'anno passato pareva fosse l'anno della giubilazione montelliana, quarti senza Gomez e Rossi, vediamo quest'anno. Ieri sera non ci hanno presi a pallate, nel primo tempo un'occasione loro e un regalo nostro, nel secondo parità di occasioni e pericolosità, e la Roma parte per altri traguardi rispetto a noi. Hanno una rosa superiore e giocavano in casa.
    Se si parte così a qualcuno schianta il fegato anzitempo, ci sono 37 partite ancora, state calmi se potete. [cit.]

    RispondiElimina
  72. Pek è ancora da A ad alto livello, purtroppo lo è per un sempre minor numero di partite, causa l'aumento della ricorrenza dei problemi fisici. Mati è bravo, campione solo in potenza, i suoi limiti sono un carattere non da trascinatore, e soprattutto una tendenza ormai cronica all'infortunio. Gonzalo non è ovviamente Thiago Silva, ma nella serie A italiana non vedo una guida difensiva migliore di lui. Come marcatore c'è di meglio, ma questo deve essere il compito di altri, mi auguro Savic e Basanta in una difesa a tre. Totti non è finito ma ci manca poco, nonostante i lampi di classe, Gervinho è un'iradiddio [pur con i suoi limiti di intelligenza calcistica e davanti alla porta], De Rossi per la serie A è ancora forte, specie con la protezione arbitrale di cui gode. A livello internazionale però è da sempre il nuddu miscatu cu nenti.

    RispondiElimina
  73. Su Brillante sospendo il giudizio non voglio certo liquidarlo. Non ho liquidato Alonso l'anno scorso.., il ragazzo aussie qualità ne ha fatte intravedere, certo difficile dire qualcosa di più ragionato sulla base delle sole amichevoli (almeno io non sono così bravo). Mi ha solo stupito solo il gettarlo nella fossa dei leoni, e poi toglierlo dopo l'errore. Ma ripeto sto lavorando di congettura non avendo visto il match

    RispondiElimina
  74. Vedi Deyna, tu consideri ancora il Pek abile per certe partite io manco per il fischio, proprio la vediamo all'opposto. Pek rende se tutti corrono anche per lui e la squadra gira alla perfezione, non è mai stato un'incontrista ma adesso mi rallenta pure l'azione. Mati ha fatto bene solo in sudamerica, niente di male nel dover ammettere che è inadatto al vecchio continente. A Gonzalo vale il discorso fatto sopra per Castan, gli serve un Benatia accanto per esaltarsi se deve dirigere lui l'orchestra apriti cielo, è lento e di testa niente di che nonostante l'altezza. Sul manca poco di Totti lo si reitera da anni, per me era finito 3 anni fa, mi ha tappato la bocca alla grande, sugli altri due inutile discutere, età, score e rendimento cantano, negarli vuol dire non saper leggere.

    RispondiElimina
  75. Quello ha stupito pure me, e Montella non può battezzarli nel fuoco giocatori senza esperienza. Magari diventerà bravo, bravino o bravissimo ma ieri ha rischiato e l'averlo punito al 35' non l'ho capito, poteva aspettare i 45', a bocciare un 21enne in una partita simile con quel dirimpettaio son tutti bravi.

    RispondiElimina
  76. Quello che ha fatto ieri Montella con Brillante è inaccettabile, psicologicamente da analfabeta. Ha preso un ragazzo che ha giocato solo in Australia, e alla prima di campionato lo carica di responsabilità, gettandolo nel Colosseo di fronte ai leoni, contro la squadra probabilmente più forte del campionato. Poi lo toglie dal campo immediatamente dopo l'errore, senza nemmeno aspettare la fine del tempo. Roba da matti, un po' come buttare sul ring un 13enne che si allena da 6 mesi, davanti a Monzon.

    RispondiElimina
  77. L'ha tolto dal campo per scaricare la colpa su di lui, anziché su sé stesso, ovvero su chi l'ha messo in campo.

    RispondiElimina
  78. ahah, mi sembra di essere uno dei pochi che il mister non lo sto bocciando affatto, anzi, anche se credo che con Brillante abbia fatto un doppio errore ieri sera (metterlo e toglerlo). Ma do per scontato che col senno di poi se ne sia accorto anche lui.
    Della rosa tendo a ricordare i limiti solo perché qui qualche volta sembra che abbiamo quella del Real Madrid e che è sempre colpa di tattiche sbagliate se non vinciamo in casa di una delle principali candidate allo scudetto, nonché regina di 4 campagne acquisti morattiane consecutive.

    Sulla campagna acquisti credo che ci esprimeremo tutti in maniera più sensata a partire da domani sera. Per ora apprezzo gli investimenti, finalmente, e alcune buone idee (in particolare Marin) e segnalo alcune lacune (centrocampo e fascia destra), covando ancora la speranza che siano colmate entro domani sera.

    RispondiElimina
  79. LEO, Totti gioca sempre meno partite, corre sempre meno - avrai notato che a Roma comprano sempre più giocatori "da corsa"... - segna sempre meno su azione. Rimane intatta la sua classe, la sua visione di gioco, la sua intelligenza calcistica, che gli permettono di dettare ancora i tempi in attacco, e di servire al bacio i compagni. Non poco, ma penso che potrebbe finire la benzina improvvisamente, da un momento all'altro. Lo scorso anno del resto nel girone di ritorno non ne aveva più...

    RispondiElimina
  80. Di grave è la sostituzione dopo quell'errore, con quel metro, in certe partite, dopo 15' avrebbe esaurito tutti i cambi. Il segnale che doveva mandare al ragazzo, ma io non alleno, era il cambio durante il riposo, una pacca, un bravo e il ragazzo a macerare sull'errore dato che mi sembra molto intelligente. Ha poco senso prendersi un rischio e sconfessarlo così platealmente, più che una forma di protesta verso la società per il mancato arrivo di centrocampisti buoni pare un'umiliazione rifilata al ragazzo, senza necessità, con un pretesto la cui possibilità si verificasse era dato a 1, a poco valgono le parole di stima nel dopo partita.

    RispondiElimina
  81. Sai Deyna, a 37 anni, in quel ruolo mi pare pure normale. Di fatto è ancora protagonista nella sua squadra e senza togliere il posto a nessuno dato che incide ancora parecchio, due sue giocate hanno messo il compagni in condizione di battere a rete uccellando la copertura dei nostri. Il Pek, che è pure più giovane e gioca in ruolo meno dispendioso, non è più presentabile a certi livelli, due anni fa ha sparato le ultime cartucce, già l'anno passato ha scricchiolato lungamente e inutilmente, quest'anno è un azzardo l'averci puntato e non aver trovato di meglio. Devono girare in troppi, a mille, per potercelo permettere.

    RispondiElimina
  82. c'è da dire che ieri sera finché c'era solo Iturbe, sulla fascia destra, Alonso ha tenuto botta, mentre quando ha iniziato a presentarsi Totti, sono iniziati i dolori, perché sull'atletismo tra l'argentino e lo spagnolo non c'è un abisso, mentre sulla tecnica, di fronte al testaccino, c'è solo ad alzare le mani e sperare che non faccia troppo male. Quando poi, nel secondo tempo, si è messo a sinistra, ahinoi e ahiTomovic, soprattutto. Per non parlare della quantità di fischi a favore che riesce a prendersi (molti rubandoli, ma valgono anche quelli), o dall'ammonizione che è riuscito ad accollare a Gonzalo provocandolo dopo il fallo di Savic (e noi ci presentiamo alla seconda giornata con 3 difensori titolari su 4 diffidati, olé). Concordo col fatto che potrebbe finire la benzina e sarebbe un colpo potenzialmente letale per la Roma, ma finché ne ha, anche poca, sono dolori per gli altri.

    RispondiElimina
  83. Ma infatti ho detto quasi finito, mica già finito...

    RispondiElimina
  84. ma infatti io spero, come te, che finisca il prima possibile...

    RispondiElimina
  85. Anche nella Roma devono girare tutti a mille per poter mettere Totti in campo, portalo a Firenze e vedi che succede, con una squadra a questi ritmi, e senza movimenti offensivi...

    RispondiElimina
  86. Un tacco ed un passaggio in diagonale in mezzo alle gambe e son saltate due nostre marcature con due uomini in raddoppio, antipatico quanto si vuole, ma er'pupone è sempre li.

    RispondiElimina
  87. Ma a me dispiacerebbe anche, è un campione, tanto non siamo in lotta per lo scudetto con la Roma...Meglio vincano loro che la juve.

    RispondiElimina
  88. Non sono paragonabili carriere e risultati fra i due Deyna, è tutto a favore del romano. Sono due ruoli differenti ma sono anche due campioni differenti, il cileno è arrivato, l'altro ancora no. Totti corre, ha corso più chilometri di Pizarro ieri sera, a più velocità ed incidendo il quadruplo, seppur nel suo ruolo. Non li accostare Deyna, è una Waterloo per il nostro.

    RispondiElimina
  89. Totti: se lo definisci, menti. Se lo cerchi, lo,perdi. Se lo vedi, ti vedi.

    RispondiElimina
  90. no, vabbé, è un campione, niente da dire, fortissimo, ma ha rotto il cazzo. Ciao Francé, è stato bello, ora scostate che voglio vedere di che rendita campa Gervinho senza di te...

    RispondiElimina
  91. Questo no, so che sto bestemmiando ma per me meglio la Juventus. Non potrei sopportare rivedere gli scalini della salita del tamburino dipinti di giallo e di rosso...

    RispondiElimina
  92. una frase del genere da me non la sentirai mai. Ma tanto con i gobbi non ci parlo, e quando vincono sono talmente sfigati che non se ne accorge nessuno. Questi altri, invece, ci farebbero una testa...

    RispondiElimina
  93. Giugno, luglio, agosto...tre mesi per arrivare al 31 agosto alla ricerca di un centrocampista almeno di pari livello di quelli in rosa...........
    Giugno, luglio, agosto...tre mesi per arrivare al 31 agosto con il sacco di Roncaglia e l'affannosa (?) ricerca di un terzino destro....
    Giugno, luglio, agosto....e magari prendere Kurtic che avevi a un'ora e mezza di auto...
    Come un cieco che trovasse un tesoro nella spazzatura, lasciano passare l'estate....

    RispondiElimina
  94. Bah, le colpe si Montella, ieri, secondo me, possono essere relegate alle sostituzioni, non certo alla formazione iniziale. Formazione iniziale che su questo blog è stata votata da tutti, a parte il povero Brillante.
    Questa squadra ha manifestato delle criticità lo scorso campionato. Criticità che hanno un impatto negativo sul gioco e che sono la mancanza di un certo numero di centrocampisti sullo stesso livello o quasi e un assortimento difensivo che costringe a giocare al meglio in un solo modo. Il mercato non le ha risolte, tutt'altro. Ecco quindi che bisogna recuperate a tutti i costi Pizarro, anche se palesemente non in condizione, adattare gente come Vargas e Brillante in ruoli mai stati loro, giocare a quattro con un terzino non di ruolo.
    È colpa di Montella? Può essere, ma Montella queste pecche le ha sottolineate più volte. È colpa dei DS? sicuramente non sono innocenti, ma loro possono muoversi solamente in base al budget, che però dice sempre poco più di zero euro. Quest'anno è un'occasione imperdibile per cercare di fare il famoso saltino, verso una possibile realtà che porterebbe anche la possibilità di fare mercato senza infastidire i conti, fallirla perché bisogna sempre passare dal ragioniere, sarebbe un grosso peccato.

    La partita di ieri ha detto che il centrocampo della Roma ha avuto il sopravvento per un'ora, fisicamente. E questa superiorità ha azzerato le scelte tattiche, perché se Pizarro cammina e Naingollan è un trattore, puoi fare fli schemini che ti pare sulla carta, la palla la prende sempre prima il belga.
    Inoltre ieri nessuno si è scambiato mai la posizione, come accade sempre nel nostro modo di giocare a centrocampo. Pek, Brillante, Vargas e Borja, hanno mantenuto rigidamente la postazione di partenza e questo non per motivi tattici, ma tecnici ed individuali. La Roma, pressando Pizarro , si è insediata sulla nostra trequarti, tenendoci bassi, ma questo è successo perché i due interni non hanno mai dato la disponibilità ad iniziare l'azione. E non l'hanno mai fatto per il semplice motivo che non lo sanno fare.
    È inutile girarci intorno, se vogliamo vedere la miglior Fiorentina, bisogna pregare che i tre tenori entrino in forma dalla prossima partita e per tutto il campionato, a prescindere dal modulo che si userà. L'alternativa è l'arrivo di due grossi centrocampisti nelle prossime 24 ore, ma mi sembra difficile.

    RispondiElimina
  95. Gobbi, romanisti, interisti, milanisti, napoletani.......tutta robaccia, si ragiona dal Chievo in giù.

    RispondiElimina
  96. Non facevo nessun accostamento tra i due, impossibile del resto visti i ruoli. Dico solo che tutto nella Roma gira attorno a Totti, compresi gli acquisti e le caratteristiche dei giocatori, sempre più da corsa. Nella Fiorentina attuale, senza i movimenti di chi gli corre intorno e lo fa anche per lui, probabilmente apparirebbe già finito. Come appariva anche a Roma nel girone dell'anno scorso, quando la squadra abbassò i ritmi...

    RispondiElimina
  97. 31/08 15.38
    effemberg
    Nulla di nuovo sotto il sole,in questo caso sotto i riflettori dell'Olimpico visto l'orario del match.Ricordo di un concetto di tempo ciclico rettilineo,in cui attraverso l'osservazione della regolarità temporale e nella costanza dei ritmi biologici,tutto si ripresenta sempre uguale,come le stagioni(oddio),nulla accade che non sia accaduto:mi viene così da riassumere la partita di ieri,all inclusiv,ma stavolta senza dubbi sull'operato arbitrale a nostro sfavore.Inutile dire quanto tenessi a questa partita,visto il derby in famiglia almeno quello in pareggio;quante aspettative,speranze,non mi sono lasciato ingannare neanche dalla Real-vittoria di cui ho fortemente gioito,quasi a manifestare il gaudio represso post finale di coppa Italia,stavo quasi perdendo il mio proverbiale equilibrio in attesa del forte centrocampista,del forte terzino,dello sfoltimento della rosa e la scelta di valorizzare qualche giovane in casa,della voglia di questa società di fare un salto verso l'alto senza nascondersi dietro regali alla città o quant'altro.Chissà che in questi due giorni succeda il finimondo,inizio a dubitarne,di tempo ce n'è stato,comprese le difficoltà del mercato,evidentemente bisogna accettare questa realtà.La partita di stasera mi è apparsa sbagliata,dall'allenatore ai calciatori,ma ritengo non sia questa la vera Fiorentina che vedremo in seguito.La rosa di questa squadra a poche ore dal termine del mercato(finalmente) è pressoché identica a quella di settembre scorso,di conseguenza incompleta,per noi tifosi appasionati.La critica, però deve essere costruttiva se si vuole accedere a dibattiti obbiettivi,molti frequentatori del sito espongono argomenti,a prescindere dal condividere o meno,ma molti distruggono solamente,ci vorrebbe più buon senso.Questa squadra unisce e divide,ma ci ha scelto,quindi...Saluti e sempre forza Viola

    RispondiElimina
  98. Foco Vargas interno ha poco senso, difatti. Brillante lo rischi se è un predestinato, un mezzo campioncino, venendo dall'Australia per una manata di euro mi pare poco un buon precampionato per bruciartelo così. Borja trequartista non l'avevo mai visto se non per spezzoni, molto rari. Non so chi l'avesse votata questa formazione, ero assente.

    RispondiElimina
  99. Richards al Sundeland, fuori uno.

    RispondiElimina
  100. Sul valore assoluto di Totti: grande campione per quanto riguarda il campionato italiano, ma non ha mai avuto la dimensione internazionale di Antognoni e Baggio, tranne qualche prestazione sopra le righe qua e là. In questo più che a loro è accomunabile a Mancini...

    RispondiElimina
  101. Non ne sono convinto, il tasso tecnico fra i due, fatta la distinzione sui ruoli, è di un paio di categorie.

    RispondiElimina
  102. Il punto è proprio questo, non c'erano alternative più credibili.

    RispondiElimina
  103. Non sono d'accordo, si è lasciato prendere un po' troppo dalla vis creativa ed ha pagato, giustamente, dazio.

    RispondiElimina
  104. Totti, ha goduto e gode di maggiore stima di quanto ne abbia goduto Mancini, anche il palmares è troppo differente, complice pure una nazionale che ha visto il romanista protagonista per quasi un decennio. Con Baggio non c'è match, con Antognoni non saprei, siamo li.

    RispondiElimina
  105. Non piace a nessuno, a me si, Kurtic lo prenderei al volo, non un ripiego ma un giocatore che ci farebbe un sacco di comodo.

    RispondiElimina
  106. Mancini intanto vinse una Coppa delle Coppe e perse la Coppa Campioni solo in finale col Barcellona di Cruijff...In nazionale ha fatto ancora peggio di Totti, anche perché ci ha giocato molto meno. Ma nemmeno Totti si è mai imposto con l'italia, mai è stato protagonista di spicco a Mondiali o Europei, se non per lo sputo al danese. Antonio a livello internazionale era molto più valido, nell'82 fino all'infortunio in semifinale era il migliore dell'italia [a differenza di altri, lui giocò bene anche nel girone iniziale], ed era sempre schierato titolare nei vari Resti d'Europa e del Mondo, mettendo in panca gente come Platini. Senza contare che atleticamente era superiore, pur essendo validissimo anche il Pupone. Va da sé che né Antognoni, né Baggio, né tantomeno Mancini e Totti si sono mai nemmeno avvicinati ai grandissimi dieci degli anni 70/80, ossia Cruijff, Maradona e Zico. C'è però da essere orgogliosi del fatto che i due più grandi campioni del calcio italiano degli ultimi 40 anni abbiano vestito il Viola.

    RispondiElimina
  107. non lo conosco abbastanza (lo ricordo solo contro di noi all'ultima di campionato), ma credo che il timore diffuso sia un piede non sufficientemente educato per la maquina...

    RispondiElimina
  108. A questo punto meglio che nulla servirebbe anche lui, per caratteristiche, ma come titolare non è certo del livello che auspicavo...

    RispondiElimina
  109. Non ha roncole ai piedi, serve uno con attitudine al recupero, lui ce l'ha.

    RispondiElimina
  110. Mah, mi piaciucchiava già nel Toro, ma non mi sembra un Naingollan. Forse tra le seconde scelte preferirei Kucka: meno ordinato, più discontinuo, a costante rischio rosso, ma ci vedo molto potenziale inespresso...Se però dovessi metterne in campo uno domani, meglio Kurtic.

    RispondiElimina
  111. Va bene, ma qui a forza di farsi piacere le seconde e terze scelte perché non possiamo arrivare a Sonia Aquino, si finisce a trombà la Laurito!

    RispondiElimina
  112. DEYNA, Totti semplicemente e il calcio.

    RispondiElimina
  113. Totti lo ritengo di una caratura superiore a Mancini, anche più continuo e incisivo. Hanno vinto molto entrambi ma quelli di Totti sono più "pesanti" come titoli, e lui gregario non lo è mai stato.

    RispondiElimina
  114. è il concentrato massimo del Football.

    RispondiElimina
  115. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10204652330207097&set=gm.10152230409116277&type=1&theater

    RispondiElimina
  116. Non che Octavio, Beleck e Brillante fossero prime scelte......eppoi chi lo dice che Kurtic non tolga il posto a qualcun'altro ?!

    RispondiElimina
  117. Li trovo abbastanza vicini loro due, è più una questione di gusti. Mancini non è mai stato gregario di nessuno, mi pare, non certo di Vialli o Veron. Nemmeno Totti del Bati, anche se era al suo servizio, come Mancini lo era di Vialli, ma questo è dovuto al fatto che erano due macchine da assist.

    RispondiElimina
  118. Smettila di postare, confondi le percentuali.

    RispondiElimina
  119. Se Totti è il calcio, forse si intende il sale minerale, essendo esistito Maradona. Per carità, mica lo voglio sminuire, ma a livello internazionale, a livello di fuoriclasse veri in tutto e per tutto, Totti fuori da Roma non è mai nemmeno esistito. Poi che sia un piacere per gli occhi e per la mente vederlo giocare, anche oggi a 38 anni, è un altro discorso...Come lo era guardare Ronaldinho, che pure fuoriclasse a livello mondiale per un paio d'anni lo è stato davvero.

    RispondiElimina
  120. Vero che certe condizioni si verificano alla fine della sessione di calciomercato, chi vende, chi deve farlo, chi compra, chi deve farlo, chi è preso per la gola, chi per il culo, chi ha infortunati, grane contrattuali, gli ultimi botti ci sono e ci saranno sempre ma.......alla faccia della programmazione.

    RispondiElimina
  121. E ora lasciatemi in pace, vado a fare autoipnosi, mi devo convincere che Kurtic sia il miglior acquisto possibile.

    RispondiElimina
  122. Guarda Deyna che Totti fuori da Roma gode di stima internazionale elevata, forse non lo sai o non te ne rendi conto ma il fatto di giocare a Roma lo ha un po' limitato, come Antonio con noi, in altre squadre avrebbe collezionato titoli su titoli. Ha scelto di essere una bandiera in casa sua ma non confondiamo valore e capacità coi meri e nudi titoli.

    RispondiElimina
  123. Guardando ai possibili arrivi in mediana, Sandro al Tottenham non gioca, è dato in partenza, e nessuna grande sembra cercarlo. Dovrebbe avere anche un prezzo parecchio ribassato, a causa di una stagione non felice. Indizio?

    RispondiElimina
  124. Bevici una minerale e spera che arrivi. Io lo sto già facendo.

    RispondiElimina
  125. Domani sera parleremo dei ritocchi fatti, qualcosa arriva, speriamo in un mezzo nome eh eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  126. Su 140 uno non è proprio come 22 su 46

    RispondiElimina
  127. Siamo a due. Baro!

    RispondiElimina
  128. a 140 era uno

    RispondiElimina
  129. Tre, mi rivolgerò al Codacons. Ha ragione Lud, Cuccureddu deve starne fuori.

    RispondiElimina
  130. Più che una scelta credo sia stata una necessità, un po' perché i top club stranieri non l'hanno mai fortemente voluto [sennò lo avrebbero preso], molto perché Totti ben sapeva che fuori da Roma non avrebbe goduto del suo ambiente protetto di cui era il Reuccio, e avrebbe dovuto confrontare la sua leadership con altre molto più influenti. Un po' come, in piccolo, De Rossi. A livello internazionale poi nessuno considera Totti un grandissimo, mi sembra.

    RispondiElimina
  131. Allora non hanno voluto Baresi, Antognoni, Riva........Totti è l'ultima vera bandiera del calcio nazionale e internazionale, che non avesse mercato non scriviamo sciocchezze, si è fatto pagare profumatamente la permanenza a Roma (chiedere a Sensi) ma è una situazione atipica nel panorama del calcio mondiale. Il valore del giocatore è fuori discussione.

    RispondiElimina
  132. Se fosse Sandro mi meriterei un caffè. Qualche tempo fa dissi che era uno dei giocatori adatti che non era mai stato accostato alla Fiorentina. Per continuare il wishful thinking aggiungo che sembrava nel mirino del Napoli ma dubito siano ancora interessati senza i milioni della champions. Nota a margine: quello del Napoli é il vero scempio di calciomercato. Anzi il vero schempionS (scusate la battutaccia).

    RispondiElimina
  133. Ai tempi di Antognoni e Riva gli italiani non andavano a giocare all'estero...Per quanto riguarda Baresi era già in quello che per qualche anno è stato il miglior club in Europa, che si muoveva a fare? I fatti restano fatti, Totti è stato grande in serie A, molto meno in Europa con la Roma, e nel mondo con la nazionale, con cui non ha mai brillato particolarmente né agli Europei né ai Mondiali.

    RispondiElimina
  134. Campione under 21, campione del mondo, insomma, in nazionale sono pochi a potersi fregiare di simili titoli. Mi pare che in nazionale i fatti sia tutti dalla sua parte, non si può certo sostenere lo stesso per Mancini. Quanto al fatto che sia rimasto alla Roma è un fatto che Sensi, per farlo rimanere, gli ha pagato per anni lo stesso ingaggio che avrebbe percepito in Inghilterra o in Spagna. Fra ingaggio e premi ha viaggiato stabilmente oltre i 10 mln, l'anno, Inghilterra e Spagna simili ingaggi hanno iniziato a pagarli negli anni duemila, con l'avvento di russi, sceicchi e orientali, anche questi son dati di fatto Deyna, mi pare inutile tentare di dissimulare l'evidenza. La sua è stata una scelta, come classe lui viene dopo i Baggio, e nemmeno troppo distante, anzi, scusa se è poco.

    RispondiElimina
  135. A me Kurtic piace, lo scrivo da due anni ma é uno da rosa, non aggiunge, non da un valore aggiunto.
    Vargas interno: se penso agli "interni" che ha avuto alla Fiorentina, faccio due pianti con il mi' babbo!!!
    Stambouli é andato veramente alla viola d'Inghiterra! Il primo tempo gli spurs presi a pallate, Sterling uno slalomista!

    RispondiElimina
  136. Ragazzi, rassicuratemi che nessuno della società, domani, affermerà che il miglior acquisto é stato Cuadrado........o il recupero di Pepito Rossi.
    Rassicuratemi, se avete fegato.

    RispondiElimina
  137. De Laurentis oltre che tronfio e pallone gonfiato come persona è anche il presidente della serie A che capisce meno di tutti di calcio. A parte il fatto che se continua a intascarsi parte dell'attivo di bilancio del Napoli verrà sulle palle a tutti i tifosi, è pure venuto a quanto pare, ma se continua a disfare la squadra rimpiazzando le partenze con mezzi brocchi in entrata vien da pensare che sottobanco anche Benitez prenda dei soldi. Gli smontano la squadra e continua ad affermare che non è un dramma uscire dalla CL, e questo prima del preliminare, mai visto nessun allenatore subire e accettare simili decisioni e un simile scempio senza un tornaconto sotto, mai. Bastava poco per rimanere a certi livelli, con Michu, Koulibaly e De Guzman (l'unico decente) non è che migliori tanto se perdi Behrami, Reina, Fernandez e, forse, Dzemaili. Ben per noi. Certo, cala il Napoli e sale l'Inter, non che cambi molto.

    RispondiElimina
  138. Montella concede due giorni di riposo ai viola. Ogni notte prego per conseguire la forza di smettere di pregare....

    RispondiElimina
  139. E' la verità, Cuadrado e Gomez sono gli acquisti principali. Rossi, rassegnamoci, tutto l'anno non lo gioca più, troppi e brutti gli infortuni patiti, non ha più autonomia per campionati interi. Peccato.

    RispondiElimina
  140. Mancini ha vinto due Coppe delle Coppe, trascinando squadre non di vertice come la Samp e la Lazio...Anche lui arrivò in finale con l'Under 21 [vabè...] agli Europei, perdendo solo su rigore con la Spagna. Quanto ai Mondiali 2006 "vinti" dall'italia, Totti non fu certo una figura di spicco, giocò in modo anonimo, certo anche a causa delle condizioni fisiche non ottimali. Ma nemmeno negli altri Europei e Mondiali in cui ha giocato è mai stato una stella...Poi anch'io preferisco Totti a Mancini, ma non vedo molta differenza tra i due, entrambi sono molto distanti da Antonio e Baggio. La scelta di Totti di rimanere a Roma anziché confrontarsi con la realtà dei top club europei è stata secondo me di comodo, perché ben sapeva di non essere un leader a quei livelli, e di non reggere la pressione fuori da un ambiente protetto come quello romano [non dimentichiamo, già a Roma e con l'italia, le frequenti uscite di testa che non indicano certo una forza nervosa da fuoriclasse, in testa a tutte la ridicola rincorsa con calcione volontario a Balotelli, roba da campini estivi per 13enni...]. Una debolezza per certi versi simile l'ha avuta Zidane, ma lui si è affermato ovunque, dando mostra di sé ai massimi livelli mondiali.

    RispondiElimina
  141. Opinioni Deyna, giuste o sbagliate non lo so, rimane un grande della storia del calcio italiano, al netto di antipatie o valutazioni soggettive.

    RispondiElimina
  142. Del calcio italiano certamente, non del calcio mondiale.

    RispondiElimina
  143. Pollock se fai come "altri",rispondendo ad ogni singolo intervento degli utenti,anche solo per dire "grazie di essere intervenuto e spero che anche altri lo possano fare",raddoppieresti i commenti quotidiani!Ora,per questo prezioso consiglio,cui nessuno era arrivato(se non l'"altro")voglio essere remunerato!!

    RispondiElimina
  144. Grave perdita a proposito quella del Chiari, che qui commetteva errori di ortografia andando a correggerli sùbito dopo con altro post, moltiplicando i commenti. La trafila del sitone [nickname-mail-conferma] evidentemente di là lo ha scoraggiato da far ciò.

    RispondiElimina
  145. Stasera son curioso di vedere l'Inter di Medel, Osvaldo e Icardi. A poi!

    RispondiElimina
  146. Ma se le sconfitte sono SOLO colpa di Montella,quando si vince perché i meriti son di tutti e non del tecnico?Si vincesse col Genoa mi aspetterei grandi complimenti al tecnico,soprattutto da quelli che l'hanno criticato aspramente oggi.A chi mi dirà che vincere col Genoa é dovuto in quanto noi oggettivamente più forti,rispondo che perdere col Roma era dovuto in quanto loro più forti.Anche perché ,se qualcuno ritenesse che noi siamo superiori alla Roma,mi si dovrebbe spiegare la differenza DOPPIA del monte ingaggi.Sabatini un demente e Pracia genio?O hanno giocatori(rosa) più forti ?E se è così (ed è così),la nostra sconfitta rientra nella normalità.O qualcuno pensa che a tecnici invertiti ,con le medesime rose (e con assenze di Cuadrado e Rossi ovviamente),Garcia avrebbe vinto?

    RispondiElimina
  147. L'Honda s'é messa in moto...?

    RispondiElimina
  148. Tendo a pensarlo anch'io, ma direi nonostante Ranocchia, eheh. Mazzarri lo stimo, anche se non mi piace il suo calcio.

    RispondiElimina
  149. Non ci piove DKNE.

    RispondiElimina
  150. Vero,nonostante Ranocchia.Ma con Vidic accanto probabilmente farà meglio(anche perché per fare peggio degli ultimi due anni ce ne vorrebbe;se Gonzalo è cappone Ranocchia cosa sarebbe?Gli hanno segnato tutti i centravanti della serie A, domenicalmente

    RispondiElimina
  151. Comunque per le prossime due settimane il sitone non l'apro nemmeno.Troppi gobbi,troppa negatività,troppi che sperano e godono se la viola perde...che vadano in culo questi maledetti

    RispondiElimina
  152. esattamente quello che dicevo stamattina: la rosa della Roma è palesemente superiore. Ciononostante, possiamo fare un bel campionato. E Montella ha tanti difetti ma sono convinto che il suo ruolo sia tra i fattori positivi che ci permetteranno di fare un campionato al di sopra della posizione che ci assegnerebbero i dati meramente economici.

    RispondiElimina
  153. Non hai letto l'editoriale.

    RispondiElimina
  154. Con la K potrebbero arrivare Kagawa, Konko, Kadlec, Khedira, Kurtic, Kramer, Klose, Koulibaly, Kaká, Keko, Koman, Kalou, Kamara, Kaboul, Kiko, Keita...Chi arriverà?

    RispondiElimina
  155. A fari spenti....

    RispondiElimina
  156. E Ki può saperlo! (Lillo e Greg)

    RispondiElimina
  157. Kurtic & Konko così la seduta la deve far doppia il povero Deyna.

    RispondiElimina
  158. Intanto il Milan strapazza la Lazio...........l'incognita Inzaghi quanto reggerà ?!

    RispondiElimina
  159. Ribadisco: s'è perso la prima, contro la squadra più forte del campionato, in trasferta, senza due dei tre campioni che abbiamo in squadra e se avessimo avuto un po' di culo magari si pareggiava pure. insomma, niente allarmismi, ma realismi: nel mezzo serve uno, uno che faccia filtro, che recuperi palloni principalmente, se imposta pure bene - ma oramai trovo molto difficile riuscire a comprare un giocatore del genere, a meno che non si tirino fuori i quattrini -, ma sostanzialmente va bene anche che la passi 5 metri più in là, a borja, aquilani, mati o pek. il terzino secondo me serve relativamente, con cuadrado si farà sempre il 3-5-2, anche, dunque piuttosto un fluidificante che SEMMAI possa giocare anche a 4: se il centrocampista in arrivo fosse di spessore - dubito - mi andrebbe bene anche ripiegare su konko per la fascia.
    montella ha fatto un errore grave, quello di mettere brillante - a me aquilani sembra il più in forma nel mezzo, in realtà - e poi di sostutuirlo dopo mezz'ora in seguito al suo errore, roba da tranciare le gambe.
    ma, insomma, capita.

    ci sarebbe da riflettere di più sull'operato di pradè, semmai, perché se è vero che i soldi sono pochi e fino all'ultima non sapeva cosa fare con cuadrado, è anche vero che stambouli e fernando erano nomi che interessavamo sul serio e da prendere - almeno uno -, e se l'è fatti soffiare da bischero. adesso aspettiamo lunedì prima di giudicare l'operato del DS e qualche mese prima di valutare la squadra. calma e gesso, io ho ancora fiducia - ci mancherebbe, dopo una partita.. - e sono convinti che si possa far bene: credo che arriveremo terzi, nonostante gli isterismi. forza viola.

    RispondiElimina
  160. sinceramente in prospettiva terzo posto mi fanno più paura dati "politici" che calcistici. In un contesto in cui i primi rilevanti investimenti stranieri nel nostro calcio (Pallotta e Tohir) andranno premiati, o quantomeno tutelati, e in cui fatico a immaginare una Juve fuori dal podio, credo che per arrivare terzi ci servirebbe una squadra da primo-secondo posto, e non ce l'abbiamo.

    RispondiElimina
  161. E' impressionante, c'è da farsi venire il mal di stomaco.

    RispondiElimina
  162. Io ce l'ho con voi che ci andate, soprattutto chi va nel blog dello svizzero. Peggio delle seghe a martello che si gode quando non ci si coglie!

    RispondiElimina
  163. Il Milan, attraverso Galliani ha fatto una dichiarazione d'intenti. Molto chiara. Limpida. Liquida.

    RispondiElimina
  164. Ovvìa sù, un po' d'ottimismo, sempre che si impari dagli errori. A Prato fanno a' cazzotti pe' perde' la prima!

    RispondiElimina
  165. Badelj credo sia ufficiale da fiorentinanewa

    RispondiElimina
  166. Effemberg (utente del sitone) in avvicinamento, ha risposto positivamente all'invito.....eh eh eh eh eh eh...a fari spenti di qua va meglio!

    RispondiElimina
  167. Sapevo di Campi.

    RispondiElimina
  168. Se tu fai come quell'artro che ammoniva, tempo un mese e ti troviamo lì anche te!

    RispondiElimina
  169. Ottimo, vo a cena contento! Non avrà mantenuto tutte le promesse, ma in mezzo al campo stecca e gioca bene...

    RispondiElimina
  170. Iemmello in gol...Madrigali in gol....Piccini non gioca...

    RispondiElimina
  171. Badelj anche su FIrenzeviola. Sento puzza di Beck.

    RispondiElimina
  172. Cavolo, pensavo di avere il posto da titolare o almeno in panchina assicurato. Così rischio la tribuna

    RispondiElimina
  173. Io ricordo Prato. Comunque sempre da un'antra parte, ahah!

    RispondiElimina
  174. Arriva BADELJ. Com'é? Vale i titolari? Cosa fa? Tampona? Di rottura? Costruisce?

    RispondiElimina
  175. Badelj... Se ne parlava già ai tempi dell'Europeo, due anni fa, se non ricordo male

    RispondiElimina
  176. Ufficiale:

    http://it.violachannel.tv/vc13-dettaglio-breaking/items/data_31-08-2014_raggiunto-laccordo-con-lamburgo-per-badelj.html

    RispondiElimina
  177. I discorsi li porta via il vento, anche di là. E 30 meno 14 fa 16.

    RispondiElimina
  178. Zoran Boban ha commentato così a SKY il neo acquisto Milan Badelj, giocatore croato, come Boban, ex Amburgo: “E’ un centrocampista maturo che non potrà giocare con Pizarro e Borja Valero, perché ha le loro stesse caratteristiche, anche se ha molto più fisico”.
    Quindi???? Un tenore!?!!!!!

    RispondiElimina
  179. Si sa che cappello porta? Di paglia, a bombetta o da cerimonia?

    RispondiElimina
  180. 195eeeeeeeeee!

    RispondiElimina
  181. Sono legato affettivamente al sitone,penso di essere stato tra i primi a frequentarlo.Peró negli ultimi anni la direzione ha privilegiato il numero dei commenti al bene della Fiorentina e questo per me è inaccettabile.D'altra parte basta fare in giro su qualsiasi sito di tifosi di qualsiasi altra squadra e vedrete che per postare ci si deve registrare per evitare che un singolo utente faccia 400 commenti.Perchè se uno legge il sitone pare che a Firenze Montella sia sull'orlo dell'esonero,i giocatori sono delle pippe clamorose ed i Della Valle degli strozzini.Il blog dello svizzero è un concentrato di tutto ció.

    RispondiElimina
  182. Uno che gioca davanti la difesa. Non è un lampo ma ci mette fisico e tecnica. A me ricorda, per tocco e postura, un pochino Ilicic, anche se ovviamente come ruolo non c'entra un cazzo. Ultimamente l'Amburgo è un posto che ammazza i talenti, speriamo gli faccia bene il cambio d'aria. È già un grosso passo avanti rispetto a Bakic.

    RispondiElimina
  183. Guarda, io sono anni che non leggo il sitone dopo una sconfitta o un pareggio in casa. Ci si incazza e basta, se voglio sentire certi discorsi allora parlo con i miei amici strisciati, che almeno sono miei amici e non fanno finta di essere viola.

    RispondiElimina
  184. Mamma mia il centrocampista: è dato come lento. Mi sa diacquisto del cazzo

    RispondiElimina
  185. E' una nonciclopedia del calcio, giusto per farsi quattro risate perché esilaranti come le sue analisi non c'è niente in tutto il panorama del web riguardante il calcio. Intervengono anche utenti che ci capiscono (e non so perché dispensino perle a quell'analfabeta....) ma rimane un orticello, il suo, dove se le canta e se le suona. E' incredibile come a Firenze la polemica prenda sempre il sopravvento su tutto, eppure abbiamo vinto pochissimo ma siamo esigenti più dei gobbi e dei milanesi, curioso 'sto fatto. Ci sono squadre retrocesse dove i tifosi rinnovano l'abbonamento e sono fiduciosi per una pronta risalita in A, noi coi DV si è raggiunta una dimensione da europa (spesso la minore, va bene) fissa tutti gli anni eppure pare merda pure quella. Boh........?!

    RispondiElimina
  186. stefano vienna31 agosto 2014 21:14

    Dkne1, il tuo post di tre ore fa è ad un livello di conformismo che, per prima cosa, mi sorprende perchè ti stimo, ma che mi fa venire in mente il periodo buio della SDA. Così non si va da nessuna parte. Purtroppo non sei l'unico che cade in questo errore, da Leo, a un Foco stranamente poco lucido, ai nuovi arrivati. Insomma, è andato via il Colonel, l'anticonformista per eccellenza, e voi vi state trasformando in adoratori. Rimaniamo solo io, Lele e Deyna a mettere un pò in crisi le certezze ideologiche.

    RispondiElimina
  187. V'incazzate perché considerate senzienti gli infiltrati e i bipolari che lo bazzicano ma ci sono anche menti eccelse che vale la pena leggere, altro discorso è se mi dite della fatica nel fare selezione per trovarle, è la monnezza a prevalere, ma quello è assodato.

    RispondiElimina
  188. stefano vienna31 agosto 2014 21:17

    Per bilanciare il conformismo, ecco il buon Mondo, che evocavo oggi. Leggetevi bene la parte in cui parla del livello dei nostri giocatori e accendete il cervello.

    http://fiorentina.it/it/news/articolo.37.16556/mondonico-a-fiit-quel-maledetto-vizio-di-approcciare-male-le-garema-ho-fiducia.html

    RispondiElimina
  189. Siete jihadisti nella vostra caccia ai fantasmi, e non mi riferisco a quelli che annoveri come tuoi compari, ti fai prendere dalle vampe e perdi di lucidità, se rileggi i post ti renderai conto che qui nessuno adora ma mettere alla gogna Montella o rimpiangere le vecchie glorie........vedi tu Stefano.

    RispondiElimina
  190. S'è scritto prima dell'intervista avvenuta oggi. Mi sa che c'è da accendere altro........

    RispondiElimina
  191. stefano vienna31 agosto 2014 21:37

    Leo, tra le credenziali che annoveri c'è quella che scrivevi le stesse cose su Prandelli. Repetita iuvant? Ed anche allora, voi della sda davate di al-qaedisti a chi mettava in dubbio le capacità e il carattere del Giubba.

    RispondiElimina
  192. insomma, anche stavolta i fari li ha accesi Ramadani...

    RispondiElimina
  193. stefano vienna31 agosto 2014 21:38

    Devono avere inventato la macchina del tempo. Appaiono gli stessi messaggi che si leggevano sul sitone cinque anni fa. Che noia!

    RispondiElimina
  194. Stefano quello che scrivi da ieri sera è molto peggio, credimi, sei intimamente convinto che con questa rosa si possa vincere uno scudetto, e da tifoso lo accetto, il duro viene il doverti leggere a ogni sconfitta o pareggio in casa, sarebbe titanica l'impresa di farti comprendere il contrario. Io sono realista, non adoratore, tu disfattista dopo appena un turno di campionato. Mica è un problema, e colore anche il tifo come il tuo.

    RispondiElimina
  195. Stefano forse hai capito male in quanto non mi sono saputo esprimere;mi riferivo alla monnezza del sitone principalmente.E di certo io non adoro nessuno ed io per primo mi rendo conto degli errori di Vincenzo.Non lo ritengo infallibile,non lo ritengo il migliore e non ne sono innamorato.D'altra parte ho apprezzato il tentativo di fare nel gioco ed i risultati ottenuti.Il mio risentimento non è verso chi critica;è verso chi li fa a prescindere per tornaconto personale e chi ritiene il nostro allenatore come uno portato dalla piena.In fin dei conti,leggendo qua e là,il vero conformista OGGI è chi critica...io che in qualche modo lo difendo minimamente mi sento anti conformista.Ma cresimi,di te e Lele ho stima assoluta e la mia incazzatura non era certo nei vostri confronti

    RispondiElimina