.

.

domenica 24 agosto 2014

Quel calcio del Bambi sempre più androgeno

Il mistero su chi sarà il nuovo centrocampista si fa sempre più fitto, in alcuni posti più umidi ci sono tifosi che la mattina trovano persino la guazza sulla propria auto. Cuadrado se ne andrà o resterà ancora a regalare imprevedibilità al gioco della squadra e soprattutto ad un calcio italiano in evidente dismissione? Con quale modulo giocheremo, difesa a tre o a quattro? Vargas è veramente diventato imprescindibile, così tosto e capace di far male arrivando da dietro, oppure viene riciclato per mancanza di fondi? A questo proposito il Bambi sostiene che il peruviano è giocatore adattissimo alla crisi economica che strangola il calcio e il paese, tanto che la Fiorentina ricicla esattamente come fa lui che per la sua macchina, ormai con troppi anni e troppi chilometri, i pezzi di ricambio li va a prendere da un demolitore, l’unico tra l'altro dove ancora riesce a trovare qualcosa. Ma da un po’ di tempo, sempre per il problema che la sua macchina è troppo vecchia, anche lui ha qualche difficoltà a reperirgli i pezzi. E allora ha cominciato a rivolgersi altrove: gli ammortizzatori per esempio, glieli ha forniti un tombarolo di Tarquinia. Il Milan non si vergogna ad utilizzare giocatori fratturati, e il nostro campionato è diventato il magazzino dei pezzi di ricambio per i campionati più ricchi e che amano il vintage, adesso toccherà a Benatia andarsene, forse anche a Vidal. Per non parlare dell’evoluzione tattica che sta colpendo la nostra passione, peggio ancora di una bomba d’acqua, sempre di più difficile comprensione, con Bacconi come tutor della ASL, con variazioni di moduli continue all’interno della stessa partita, giocatori che cambiano fascia e maglia all’interno della stessa azione. Il Bambi che è un tifoso passionale ma alla vecchia maniera, grezzo come l’olio non filtrato, ha difficoltà a seguire lo svolgimento di una partita senza che gli entri il mal di testa, senza avere più i terzini come riferimento, ma soltanto insulsi esterni bassi, senza più ali ma indefinibili esterni alti, vive la sua passione ormai tra bassi e alti, solo ieri mi raccontava il disagio che gli procura più in generale un mondo che fa sempre più fatica a riconoscere, come gli succede sempre più spesso con i giocatori quando nelle partite di precampionato contro i dilettanti scendono in campo senza il nome sulle maglie, di più difficile lettura per adesso ha trovato solo il caso di un uomo che è morto durante l’operazione per cambiare sesso e diventare donna, non ha capito cioè se definirlo un omicidio oppure un femminicidio.

115 commenti:

  1. http://www.violanews.com/news-viola/serenita-gioco-e-boom-dei-giovani-lestate-da-sogno-della-fiorentina-20140824/

    RispondiElimina
  2. Se non esistono più le mezze stagioni, non esistono più neanche le mezze ali?
    Una volta c'era il tornante, ora come si chiamano? Curve a gomito?
    É il laterale a sostegno, cosa sarebbe? Un muro ai lati della porta?
    Il centromediano metodista era uno che religiosamente faceva sempre le stesse cose? Quelli che producono le carte Modiano avevano il centromodiano?
    Un secondino giocava nella squadra del carcere ma non voleva sminuirsi nel fare il terzino, mentre lo scrittore dilettante voleva fare le terzine ma fu capito male e non permisero di schierare due donne come difensori di fascia.
    L'ala tattica poi? Deve fare un corso di studi per essere proprio tattica?
    Ci sarebbe l'estremo difensore, uno al quale piace fare delle cose al limite della morte!
    Forse le squadra che "si difendono bene" hanno giubbotti antiproiettile?
    Se un 6-0 é un cappotto, un 7-0 cos'é? Cappotto con cappuccio?
    Il cappotto dovrebbe essere quando il risultato é 8-0, quindi capp'otto!
    Una volta il Krasnodar perse 6-0 ad Astrakhan e tutti parlarono del cappotto di Astrakhan, diventato poi pellicola di successo....
    Il cappotto per un giornalista bolognese é l'ottavo errore di Gonzalo Rodriguez.

    RispondiElimina
  3. Ieri sera Comi, attaccante dell'Avellino ha morso (alla coscia) l'avversario...oramai Suarez é tendenza.
    La corazzata Bari (che vorrebbe Wolski) eliminato in Coppa Italia ma c'é stato il momento catartico, quasi una nemesi del deus ex machina, Paparesta, il quale ha chiesto agli arbitri "Di essere più obiettivi...di non farsi condizionare...".....ah ah ah ah ah ah ah...Mancava la chiosa arbitrale su calciopoli!!!
    Paparesta, chiuso nelle...sue convinzioni!
    La Roma in difficoltà per schierare i centrali contro la Fiorentina, vuoi vedere che da "messi peggio" veniamo superati da "messi male " dei giallorossi?!?!?
    Galliani continua a cercare Falcao, J.Martinez, Destro...non riesce proprio a nominare un giocatore sotto i 10 milioni, deve avere un blocco mentale!!
    Regini suggerito da Montella, come sará? Speriamo non sia di Reggio Emilia...Vasco-reggiano.....!
    Ilicic al Milan.

    RispondiElimina
  4. regini non è male, anche se ninente di trascendentale (poi non è giovanissimo, ha 24 anni); dubito arrivi, gioca terzino sinistro e lì siamo coperti (alonso, vargas, pasqual).
    mi turba un po' questo temporeggiare: certo, se lo facessero per portare a casa il grande nome avrebbe un senso, ma ne dubito fortemente, per cui insomma, per una volta, possono anche cedere su quei 700 000 mila euro e portare a casa stambouli, visto che con la roma non siamo ancora certi di poter schierare pizarro e sarebbe il caso che il mediano non arrivi il giorno prima. merda

    RispondiElimina
  5. stefano vienna24 agosto 2014 11:21

    Ho letto adesso che Ballarò lo condurrà Giannini, certo che i romanisti ormai controllano tutto. O è quello di Repubblica? Va bene, tanto ormai Repubblica a partire dal fondatore non fa più politica, s'occupa in realtà solo di questioni legate agli interessi giallorossi. Scalfari, D'Alema, un inizio da rivoluzionari e finiti a fare i capi ultrà per la squadra della Capitale (sigh!), che destino infame! E Andreotti, come tifoso, aveva più classe.

    RispondiElimina
  6. Il principe Giannini allena una squadra mediorientale o qualcosa del genere...Giannini di Ballaró é quello di Repubblca, uno che sputtana, scrive senza documentarsi molto ma mai fa reprimenda, mai corregge errori. Si é fatto molti nemici, anche a sinistra...

    RispondiElimina
  7. Se lo dice il mio profeta Nevio Scala, mi fido...

    http://www.fiorentinanews.com/scala-conte-punti-sui-giovani-come-bernardeschi/

    RispondiElimina
  8. Santon infortunato sino a novembre. Profilo ideale. Ah ah ah ah ah ah ah....alcuni dettagli fanno la differenza.

    RispondiElimina
  9. Se tu sapessi che salotti bazzicava il falso moralista Scalfari, quando era in cerca di finanziatori...

    RispondiElimina
  10. Mal di pancia a Roma

    http://www.violanews.com/altre-news/rudi-garcia-non-mi-preoccupa-la-fiorentina-ma-il-mercato-20140824/

    RispondiElimina
  11. Un altro dei motivi per cui (come i dice quì) "la gufo" alla Roma è perchè non sopporto la santificazione di Sabatini, ottimo ds ma non il re taumaturgo che guarisce dalla scrofola con il tocco delle delle mani che è diventato nell'immaginario collettivo nell'ultimi. Se vendono Benatia e/o Destro per rientrare dei soldi di Iturbe, quella della Roma non mi sembra una campagna irresistibile. PAssando a casa nostra, qualche giorno fa' su twitter Rialti è stato rassicurante su due rinforzi: terrzino dx e cdentrocampistsa

    https://twitter.com/AlessandroRialt/status/503137128893906944

    Oggi sul "sitone" si parla anche di Uchida e Richards, il primo l'ho visto giocare una volta e mi sembrava buono, il secondo mai (credo che abbia fatto molta panchina ultimamente).

    RispondiElimina
  12. stiamo parlando sempre di gente valutata 7-9 milioni. Quindi di opzioni in campo solo se parte Cuadrado, purtroppo.

    RispondiElimina
  13. Scalfari non mi risulta abbia mai avuto impeti rivoluzionari, nemmeno i primi tempi di Repubblica, anzi...

    RispondiElimina
  14. A meno di prestiti: Marin e Galliani docent...la speranza etc etc

    RispondiElimina
  15. Certo se oggi uno può essere chiamato in nazionale senza avere sulle spalle nemmeno una partita in serie A...Penso che ai tempi un fuoriserie come Giordano dovette aspettare due anni e passa, per essere convocato, e li trascorse a suon di gol e giocate fantastiche.

    RispondiElimina
  16. Benatia è mezza difesa, Destro se non ricordo male è il principale marcatore, pur avendo giocato pochino...Bisogna vedere chi arriva al loro posto, ma non mi sembra un percorso antitetico al nostro come dice Lud, nel caso. Tra parentesi noi Cuadrado non è ancora certo che lo cediamo...

    RispondiElimina
  17. Se Bernadeschi fosse nero o della juventus o fidanzato con una velina (esistono ancora) forse sarebbe stato già convocato. il presente non è un gran bel periodo da questo punto di vista ( e da molti altri purtroppo)

    RispondiElimina
  18. Non sapevo che Santon si fosse operato al ginocchio quest'estate, pare abbia avuto una ricaduta e non possa giocare fino a novembre. Ricordo passati problemi sempre alle ginocchia - con tempi di recupero lunghissimi - vista la giovane età lascerei stare. Un peccato per lui, però, mi dicevano che dovrebbe aver superato altre problematiche...

    RispondiElimina
  19. Infatti i salotti frequentati erano tutto fuori che rivoluzionari. Un grande giornalista senza dubbio ma falso come pochissimi.

    RispondiElimina
  20. quando l'unico nero della storia della nazionale italiana ha esordito in nazionale aveva 59 presenze e 20 gol in serie A, tutti fatti, tra l'altro, nella squadra campione d'Italia e d'Europa. Non diciamo stupidaggini, su...

    RispondiElimina
  21. è vero, però non paragonerei la cessione di Destro a quella di Benatia. La cessione di Benatia sarebbe fatta, come quella di Cuadrado, per fare una plusvalenza enorme e finanziare acquisti in altre zone del campo (tra l'altro già fatti, vedi Iturbe), mentre Destro sarebbe venduto per prendere un attaccante considerato più affidabile, vedi Jackson Martinez. Secondo me alla fine Benatia, se davvero girano quelle cifre, sarà venduto, e giustamente. Mentre Destro boh, metti anche che glielo paghino 20 milioni, te lo porti a casa un centravanti titolare più forte per lottare per lo scudetto, con quei soldi? Non sono sicurissimo...

    RispondiElimina
  22. a questo punto, una cosa va detta: la cazzata della deadline, ADV, se la poteva risparmiare. Sappiamo tutti come funziona il mercato, le offerte arrivano quando arrivano e se ho in mano 40 milioni in contanti mi apri anche se è la notte di Natale. Però, appunto, non inventiamoci le deadline quando poi non siamo in grado di rispettale, perché così si fomenta solo il nervosismo dei tifosi e si rovina il clima intorno alla squadra.

    RispondiElimina
  23. È vero: se prendi alla lettera le mie parole ho detto una stupidaggine... Anche se c'è stato anche ogbonna (non il fenotipo WASp ) che quando fu convocato da Pranselli militava in B ( se non sbaglio). Mi riferivo più al recente passato quando è stato convocato nonostante sceneggiate è prestazioni mediocri. Il tutto per un malinteso senso dj colpa della società: guarda in italia va tutto bene c'è un nero in nazionale e una nera al governo. Poi chi se ne cerca dj tutti gli altri..

    RispondiElimina
  24. Peccato però che Pescara non sia nelle marche

    RispondiElimina
  25. Dead-line per noi.................

    RispondiElimina
  26. richards era buono, ma ha giocato 5 partite negli ultimi due anni e quelli prima non era già più titolare.. rischio troppo grosso, lasciare dov'è

    RispondiElimina
  27. Aquaro, ottima punta, alla Sambenedettese...Aguero al City. A volte una consonante e una vocale dicono tanto...

    RispondiElimina
  28. non sapevo nemmeno io; a questo punto, lasciare dov'è oppure prendere in prestito per dargli una stagione di chance, ma dubito che a queste condizioni te lo lascino

    RispondiElimina
  29. bah, io ho criticato Prandelli per l'eccessiva importanza data a Balotelli, però considero proprio sbagliata l'idea che, per meriti sportivi, non andasse convocato. Da ragazzino era un fenomeno, i numeri dei suoi anni all'Inter con cui si è guadagnato la convocazione sono davvero incredibili per l'età. Poi, per colpa della testaccia bacata che si ritrova, non si è dimostrato all'altezza di quelle promesse e non è diventato quel fenomeno. Però numeri da convocazione nazionale li ha sempre avuti. 2 anni fa agli europei è stato decisivo perché arrivassimo in finale, e perfino quest'anno, la peggiore annata della sua carriera, ha comunque fatto 18 gol, e attaccanti di livello superiore non ne vedo tantissimi...
    Poi concordo che Prandelli abbia sbagliato a centrare il suo progetto in nazionale su un giocatore così incompiuto tecnicamente e inaffidabile caratterialmente, però convocazioni immeritate, da un punto di vista strettamente tecnico, non ne ho viste.
    Credo che il colore della pelle di Balotelli sia un problema di chi lo critica, sinceramente. C'è un meccanismo psicologico che crea ostilità verso chi appare diverso, e che ci porta a essere più esigenti e più critici verso chi appare diverso da noi. È normale, non c'è niente da criminalizzare, ma credo sia importante rendersene conto. Balotelli ha tante colpe, ma quello che ha avuto nel calcio lo ha avuto per i piedi che ha, non certo per la pelle. Che, anzi, l'ha solo danneggiato creandogli questa ostilità intorno che non ne ha certo facilitato la maturazione.
    Se fosse stato bianco, i giornali ne avrebbero parlato meno, sarebbe stato lasciato in pace, e magari sarebbe maturato più in fretta, questo sì.

    RispondiElimina
  30. sì ma se è così, come fanno a chiedere 10 milioni? Cioè 10 milioni rotto li valeva giustamente Rossi, uno che sanno ne varrebbe 50, ma Santon non mi pare proprio Pepito Rossi...

    RispondiElimina
  31. stefano vienna24 agosto 2014 14:57

    Ciao Lele, su Scalfari, figurati, sfondi una porta aperta. Leggevo per noia l'editoriale di oggi, patetico. Tra l'altro, errore madornale quando parla degli effetti di un intervento della BCE sul mercato dei cambi: vendendo dollari, il tasso di cambio (nominale) migliora, ovvero l'euro si svaluta, ma questo comporta una riduzione dell'offerta di moneta, che, ceteris paribus, ha effetti deflattivi (se l'intervento non è sterilizzato). Per Scalfari, invece, miracolosamente questa operazione genererebbe anche inflazione, tipo bacchetta magica. Un vero ignorante, ma questo purtroppo è il livello del giornalismo italiano, anzi dei suoi guru.

    Si occupasse solo della Rometta -come tra l'altro fa piú o meno lecitamente-, Scalfari farebbe meno danni. Con mio padre che legge regolarmente gli editoriali di Scalfari come fosse il Vangelo ormai non è più nemmeno possibile parlare. L'ultima volta ho provato a spiegargli la differenza tra PIL reale e PIL nominale e non mi ha rivolto la parola per una settimana. Disseminare ignoranza è un lavoro, di solito ben pagato.

    RispondiElimina
  32. Esatto se Balotelli fosse stato lasciato in pace nel bene e nel male , sarebbe stato meglio per tutti soprattutto per lui. Avrebbe capito che doveva maturare per meritare. Poiché è nero lo hanno trasformato in un personaggio , la colpa non è sua anzi secondo me lui è la "vera" vittima. Ps ho controllato Ogbonna giocava in B, comeChinaglia e il buon Carnasciali

    RispondiElimina
  33. Che gliene fotte a Garcia, lui vuole il 4-3-3 col falso nueve, eh eh eh.

    RispondiElimina
  34. sì, quello che voleva dire è che questo vale per l'attenzione mediatica, non per le convocazioni, perché obiettivamente vedo difficile trovare di meglio da convocare. Poi sul circo mediatico sono ovviamente d'accordo, d'altra parte è legato al fatto che non ci siamo abituati, siamo ancora un paese di recente immigrazione (il saldo emigrati-immigrati si è invertito solo a metà degli anni '70), non siamo abituati al fatto che esistano anche gli italiani neri, cosa che invece in paesi come UK, Francia, Germania, sono abituati a vedere da una vita. E quindi Balotelli è diventato il simbolo di qualcosa di più grande di lui, cioè un mutamento storico della società italiana. Senza esserne minimamente in grado, scemo com'è. Il calciatore simbolo di una generazione di neri francesi è stato Thuram; appena appena superiore, come cervello e carattere, e infatti è andata ben diversamente.

    RispondiElimina
  35. Giornalisti veri? Saranno rimasti in 7, 8 forse.
    Il bravo giornalista oramai é alla stregua di un ottimo sindacalista: va a lavorare per il padrone.
    A parer mio ci sono belle "penne" dissacranti sia a destra sia a sinistra ma la vera informazione é altra cosa. Per avere qualche dato equilibrato, "freddo" e senza troppa retorica di parte bisogna sfogliare "Internazionale" o alcuni giornali "non di cassetta". La quasi totalità dell'informazione italiana é in mano a logiche di partito, volate da tirare, l'altro da infangare, smentite zero.
    Gli editoriali di Scalfari sono serviti a chi di dovere ma tutta la stampa italiana ha concorso di colpa nella situazione economico-politica italiana. A loro imputo terrorismo psicologico, errate informazioni sulle VERE politiche dei partiti, il silenzio sulle mafie all'interno della Camera e del Senato, l'incapacitá di informare i cittadini sull'Europa, l'incapacitá di creare consenso per chi vorrebbe "linee" diverse, il voler tenere il "nuovo che avanza" lontano dal grande pubblico, il non aggiornare su ciò che quotidianamente avviene nel Parlamento Europeo.
    La più grande aberrazione é che i giornali debbano avere finanziamenti! O vendi o chiudi! (Queste sono mie idee, discutibilissime).

    RispondiElimina
  36. eheheh, certo, solo che quella è una roba che sanno fare bene giusto 5 o 6 persone in Europa, l'unico dei quali a costare meno di 40 milioni l'abbiamo preso noi perché è rotto...

    RispondiElimina
  37. Tutti ad attendere la bomba di mercato da Donesk, invece l'hanno tirata li la bomba....

    RispondiElimina
  38. Ha giocato anche Ogbonna in nazionale...Tra i tre comunque l'unico fattore accelerante mi pare l'appartenenza a juve o milan, per la nazionale.

    RispondiElimina
  39. Fomentando uno dei peggiori articoli di sempre su sitone...

    RispondiElimina
  40. davvero... con tanto di augurio che la situazione peggiori ancora in modo da ottenere uno sconticino su Fernando... Bacati nel cervello.

    RispondiElimina
  41. http://www.calcioefinanza.it/2014/07/28/bundesliga-diritti-tv/

    RispondiElimina
  42. Io non sono d'accordo nemmeno sui maggiori diritti conseguenti a maggiori meriti sportivi, perché chi è restato indietro un anno sul campo, l'anno dopo rischia di restarci ancora di più a causa dei minori introiti...Un po' come i finanziamenti ai partiti alle elezioni.

    RispondiElimina
  43. VALTOLIN, ti riassumo cosa ha fatto e detto il super manager (manager vero!) della Lega Calcio Usa : uguale ripartizione dei diritti televisivi sin dalla nascita (10 anni fa), draft/scelta sul modello Nba (un po' complesso ma riescono ad attuarlo), una specie di salary cap. Risultato? 7 vincitori diversi in 10 anni e squadre competitive, nessuno che fagocita.
    A proposito di bilanci e tutto ciò che é connesso: il FairPlay finanziario sino ad ora ha portato all'esclusione di un paio di "squadrette" dalle competizioni europee (il piccolo che paga...), il blocco di mercato per una sessione al Psg (abilmente aggirato..il grande non paga!), il blocco del mercato per il Barcellona (ha già acquistato/bloccato un paio di assi...Blocco aggirato, il grande non paga...). Alla fin fine cui prodest? Noi tutti continuiamo a vedere acquisti di calciatori con vagonate di milioni di euro, ascoltiamo e leggiamo di bilanci traballanti ma alla fine? Succede nulla....Sbaglio? O é come nella società di tutto i giorni: il ricco aggira e fa i comodi suoi, il medio-piccolo paga per tutti?

    RispondiElimina
  44. Altro dettaglio: torneo statunitense per Roma, Milan, Inter. Bene, avete notato quante maglie delle squadre indossavano i tifosi sugli spalti? Impressionante!! Tutte originali! In Italia? Lentamente il tarocco arretra ma, come sempre, la legge a tutela dell'originale e contro la contraffazione non vede attuazione, eppure basterebbe che la finanza (o chi per loro) andasse fuori gli stadi di serie A e sequestrasse il materiale contraffatto. Cosa ci vuole? Se sequestrano ogni domenica, entro due, massimo tre mesi il venditore (al dettaglio) non compera più dal grossista- troppo alto il rischio di sequestro merce e perdita guadagno- e il grossista non avrà più acquirenti, quindi o non vende più o si ri-qualifica. Non si vuole agire! Basterebbe applicare la legge.
    Come al mare: il chiosco paga affitto, occupazione suolo e fa scontrini...poi passa il venditore ambulante di bibite con il Gióstyle e gli brucia 10 o 15 vendite, al nero.
    Due esempi di come continua ad alimentarsi la camorra. Controlli in entrambi o casi? Zero.
    Come i vu cumpra' sulla spiaggia, non si riescono ad arginare...se li fermi sei un razzista senza cuore, se non li fermi sei uno che non fa nulla per tutelare le tue spiagge....E la camorra che gestisce gongola.
    Tornando ai diritti Tv abbiamo già scritto qui che sono gestiti da una società che ha a capo un ex pupillo della galassia Mediaset, pupillo che deve rispondere di circa 370 milioni che non si sa dove siano finiti....
    Che merda 'sto sistema italiano!

    RispondiElimina
  45. mah, difatti 10 bucce son cifre che raccontano i giornali, bisogna vedere quanto siano vere

    RispondiElimina
  46. (anche se comunque il suo non è un infortunio gravissimo, per cui diciamo il prezzo non scende tantissimo [diciamo che 6-6,5 mln potrebbe essere quello reale])

    RispondiElimina
  47. intanto rebic continua a non giocare nelle squadre di club ma ad andare in nazionale..
    http://fiorentina.it/it/news/articolo.37.16143/viola-in-prestito-convocazione-nella-croazia-under-21-per-ante-rebic.html

    RispondiElimina
  48. Un pupazzo.

    RispondiElimina
  49. Sulle magliette c'è da tenere conto anche di una componente di classe non da poco: negli Usa il calcio è sport d'élite, da noi no (e per fortuna), quindi il paragone nella capacità di spesa ci sta fino a un certo punto.
    Sul resto concordo, figurati, a parte sul sistema dei draft che è splendido ma funziona in un sistema in cui hai un microcampionato d'élite con pochissime squadre enormi e ricchissime in un intero subcontinente, a cui contribuisce, come giocatori, l'intero movimento sportivo. Probabilmente se si facessero i draft in una superlega europea, Bernardeschi sarebbe finito al City e la Fiorentina neanche giocherebbe un quel campionato. Poi è un sistema completamente diverso, figurati, nell'NBA è anche vietato comprare i cartellini dei giocatori, si possono solo scambiare...
    Ma la ripartizione egualitaria dei diritti e il salary cap mi trovano completamente d'accordo, avercene.

    RispondiElimina
  50. VALTOLIN, torno in ritardo sull'affaire Balotelli. Sono stato leggero nel postare perchè - specie con il telefono - non è facile argomentare compiutamente e su certi argomenti è necessario essere precisi per non offendere sensibilità di persone che non conoscendo de visu potrebbero essere più acute delle mie su certe parole.
    Quando dico che un Bernardeschi nero, forse sarebbe stato convocato, non mi sto allineando a Tavecchio, anzi, sto criticando un sistema per cui il "nero" è sempre - nel bene e nel male - uno speciale. Questo perchè l'Italia è un paese arretrato e Balotelli è stato utilizzato - a mio avviso - come alfiere di una integrazione che ancora è lontana in Italia, ruolo che lui stesso rifiuta, ma che alla fine ha utilizzato quando tirò fuori la frase sui fratelli africani. In Inghilterra, dove ho avuto la fortuna di vivere per un anno, quando Balotelli ha fatto le cazzate che ha fatto (petardi nel condominio, lite con Mancini..) è stato giudicato per le sue azioni, senza pensare al colore della pelle. E' quella l'Italia che auspico. Non quella di Prandelli che a scelte tecniche ha affiancato considerazioni di immagine, a mio avviso, e dei commentatori RAI e gran parte della stampa e del mondo politico di centro sinistra che hanno provato a accreditare Balotelli come modello di integrazione, del povero nero che ha successo perchè gli itlaiani sono brava gente. Anni fa (Sopra se o ricorderà) a RAI3 Lazio, avevano messo uno speaker di colore per far vedere quanto erano buoni: l'unico problema è che un indoeuropeo che avesse letto in quel modo non sarebbe stato preso (curioso particolare, lo speaker di colore si è candidato per l'estrema destra). Ovvio che nello spettatore medio, quella scelta sembrasse un'ingiustizia, alimentando sentimenti non positivi.
    PS DEYNA quando il Pranda convocò Ogbonna, il ragazzo giocava in serie B e nel Torino non nella Juventus, che comunque rimane il più forte fattore di accelerazione per la nazionale (vedi Bonucci versus Criscito)

    RispondiElimina
  51. in realtà ero intervenuto dicendo cose piuttosto simili alle tue, ma il post si è perso nelle pieghe della moderazione, secondo Disqus, boh...
    Concordo sulle forzature fatte da Prandelli sul ruolo pubblico di Balotelli, che ho sempre criticato non tanto perché le giudicassi sbagliate in sé (i simboli possono anche essere utili, in certi frangenti), ma perché lui non era proprio in grado di assumere quel ruolo. È scemo, è un dato di fatto. Un ruolo simile, di modello positivo per processi di integrazione, in Francia 15 anni fa l'ha ricoperto uno come Thuram, ma ci sono due differenze enormi: 1) Thuram ha un cervello e un carattere che Balotelli si sogna; 2) la Francia è abituata all'immigrazione, e di conseguenza al fatto che esistano francesi di tutti i colori, da decenni, mentre l'Italia è un paese di recentissima (e ancora numericamente molto limitata) immigrazione, e quindi la gente è molto meno pronta a cose del genere. In UK figurati: lì che Balotelli fosse nero non faceva assolutamente notizia, per il semplice fatto che un nero gli diede la medaglia d'oro dei 100 metri a Barcellona '92, quando il sottoscritto, personalmente, non aveva ancora pratiacmente mai visto un nero, figuriamoci un nero italiano, figuriamoci un nero simbolo vincente dello sport italiano.
    Quello su cui non ero d'accordo è il legame tra questo le convocazioni in nazionale: per quanto non sia mai diventato il fenomeno che prometteva di diventare quando aveva 18 anni, Balotelli in questi anni è stato uno dei migliori attaccanti italiani, purtroppo, e dico purtroppo perché non è un granché, ma questo passa il convento. Per me Prandelli ha sbagliato a farne il centro del suo progetto, perché non ne era tecnicamente all'altezza, e a caricare questa scelta di eccessive attenzioni extrasportive (che però, in un paese come il nostro, in cui un grande calciatore italiano nero non si era mai visto, erano davvero difficili da evitare). Ma non convocarlo mi sembra fosse davvero difficile. Più forti di lui, a parte Rossi, non ne vedo...

    RispondiElimina
  52. Sta al club mandarcelo o no in base ai report medici, sbagliò la Fiorentina l'anno scorso a lasciarlo partire, ridicolo che se la sian rifatta sul giocatore. Altro discorso se uno tira per le lunghe un infortunio rifiutandosi di giocare nel club al minimo doloretto, e poi da un giorno all'altro vuol partire per giocare con la nazionale, quello indisporrebbe, ma non mi risulta sia stato il caso di Rebic, a quel che ne so lui spingeva per giocare anche qui, erano i medici che lo frenavano. Di Jovetic invece non direi la stessa cosa, a naso...

    RispondiElimina
  53. La Roma probabilmente prende Nastasic...

    RispondiElimina
  54. obiettivamente se vuoi giocare a quattro, vendere Roncaglia per 3 o 4 e prendere Santon per 6-7 mi sembrerebbe ottimo.

    RispondiElimina
  55. se veramente glielo danno in prestito con riscatto a 15 milioni l'anno prossimo è un affarone. Vendono Benatia a 30 e si trovano un sostituto forte, che pagheranno forse l'anno prossimo e comunque la metà. Chapeau.

    RispondiElimina
  56. Come disse il Visconte di Cambronne alla fine della battaglia di Waterloo? Ah si "Merde!"

    RispondiElimina
  57. CORTO, era Fidel Banga Bauna; si candidò e fu eletto, a Roma.
    Integrazione: in un qualsiasi sportello bancario o postale italiano un impiegato mulatto ( neri mai visti!) ha gli occhi addosso delle persone in coda. In Francia o Inghilterra trovi impiegati di colore ovunque.

    RispondiElimina
  58. In Francia e Uk già da 20 anni...

    RispondiElimina
  59. Al di là della espressione francese di prima, vedere Nastasic alla Roma mi seccherebbe, perchè mi dispiace augurare di giocare male a un giocatore che è stato viola (come Lijac). Però devo dire che secondo me Nastasic è comunque stato sopravvalutato a Firenze e in Italia, buon difensore ma non eccezionale. Ormai l'Italia è un campionato di seconda fascia e quelli che qui eccellono spesso si ridimensionano in Europa. Lamela è un caso eclatante,Pastore - credo, non segue la Ligue - anche, su JoJo sospendo il giudizio visti gli infortuni. Saranno anche i casi Lamela, Pastore a rendere in questa estate difficile piazzare i Cuadrado e i Benatia alle cifre richieste dai club nostrani? Che all'estero si siano finalmente resi conto della nostra subalternità tecnica.
    Il discorso è simmetrico, vedere il caso Gervinho. Tutto ciò mi lascia ben sperare per Marin.

    RispondiElimina
  60. sì, ma a maggior ragione credo che Nastasic a Roma possa fare bene come fece a Firenze, non facendo rimpiangere Benatia. Se riesce, operazione impeccabile, niente da dire. E abbasserebbero anche l'età media allucinante di quella difesa...

    RispondiElimina
  61. Personaggio peraltro simpaticissimo il buon Fidel Banga Bauna. In UK (almeno a Londra) con l'integrazione sono molto più avanti di tutti con l'integrazione, città veramente multiculturale. A londra condividevo il pianerottolo con una famiglia neozelandese, una cingalese, una ragazza (carina) giapponese e a tutti appariva naturalissimo.

    RispondiElimina
  62. Per la gioia della Svizzera. Se l'operazione va in porto, tutti a Canossa dal buon LUD

    RispondiElimina
  63. ahahah, ovviamente se fossimo noi a vendere il difensore più osannato del campionato per fare cassa, sostituendolo con uno che negli ultimi 2 anni ha miseramente fallito, in prestito, gli utonti si straccerebbero le vesti strepitando di gnignignismo e di pontellizzazione... Ma proprio per non mischiarmi al coro, riconosco che sarebbe un'ottima operazione.

    RispondiElimina
  64. Una buona notizia per Hegazi

    http://fiorentina.it/it/news/articolo.54.16148/egitto-hegazi-torna-in-nazionale-convocato-dal-ct-gharib.html


    per un ragazzo martoriato salla sfortuna. A me piace ed mi sta simpatico a pelle, anche se mi è sembrato un po' lento

    RispondiElimina
  65. Van Gaal come Iachini...

    RispondiElimina
  66. http://www.violanews.com/altre-news/ex-viola-per-frey-ce-la-possibilita-di-un-ritorno-in-italia-20140824/

    RispondiElimina
  67. Lazzari come Vargas?

    http://www.firenzeviola.it/copertina/il-lazzari-ritrovato-162696?utm_medium=facebook&utm_source=twitterfeed

    RispondiElimina
  68. stefano vienna24 agosto 2014 20:54

    Non scherziamo, Vargas può veramente essere l'arma in più quest'anno. Detto questo, visto il livello del campionato italiano, un Lazzari in rosa da buttare nella mischia gli ultimi 15 minuti non sarebbe certo una tragedia. Ogni tanto la butta pure dentro. Meglio di Anderson -quello imbolsito visto a Firenze- lo è di sicuro.

    RispondiElimina
  69. stefano vienna24 agosto 2014 20:55

    E probabilmente meglio pure di Ambrosini -almeno quello visto a Firenze l'anno scorso. Con in più il fatto che Lazzari, a differenza di Ambrosini, non partirebbe mai nella formazione titolare.

    RispondiElimina
  70. stefano vienna24 agosto 2014 21:10

    Concludo il dibattito con me stesso dicendo che, viste le assenze e un Pizarro comunque in precarie condizioni, un Lazzari in panchina all'Olimpico potrebbe anche far comodo, magari per difendere un improbabile vantaggio, chi lo sa. E che il buon Brillante dia più garanzie al momento di un Lazzari è anche tutto da dimostrare. Poi lo si può sempre piazzare a gennaio, in una squadra di medio-bassa classifica Lazazri si gioca tranquillamente un posto da titolare. L'anno che si rischiò la B, nella mediocrità generale, Lazzari fu uno dei meno peggio.

    RispondiElimina
  71. stefano vienna24 agosto 2014 21:12

    De Rossi centrale contro Gomez e Babacar? Magari. Il rischio è che ce ne rompa qualcuno, visto anche la benevolenza arbitrale nei suoi confronti. Se andiamo noi in vantaggio, De Rossi diventa una mina vagante, si trasforma in un killer alla Rinaudo.

    RispondiElimina
  72. stefano vienna24 agosto 2014 21:13

    Anzi Rinaudo in confronto è un agnellino.

    RispondiElimina
  73. Chi crede che Nastasic non possa far rimpiangere Benatia, vuol dire che non ha potuto vedere le rare, tragiche, sue prestazioni nel City. Che ben arrivi contro Gomez/Baba, benvenuto.

    RispondiElimina
  74. Barça in vantaggio con Messi, ma una difesa a tre troppo alta. Tanto che Mascherano va subito fuori alla prima fuga avversaria. Eccessi da manie di emulazione guardiolesche.

    RispondiElimina
  75. Danni di Van Gaal, che al mondiale ha fatto una versione offensiva della difesa a 3 e lanciato la moda...

    RispondiElimina
  76. Dici? A me è sembrata l'Olanda più catenacciara di sempre.

    RispondiElimina
  77. per essere l'Olanda sì, dato che aveva il 3-5-2. Però era un 3-5-2 falso, nel senso che spesso i due laterali di difesa si allargavano diventando praticamente due terzini e lasciando il centrale da solo, ma poi scendeva qualcuno dal centrocampo ad aiutarlo, e, insomma, diventata di fatto una difesa a 4. Però ho avuto l'impressione che con questa roba Van Gaal abbia sdoganato nel footbal contemporaneo europeo (in cui il dogma dell'offensivismo, spesso falso e sterile, prevale) un modulo normalmente considerato catenacciaro, e che ora in tanti si accodino senza avere granché idea di quello che stanno facendo...

    RispondiElimina
  78. è vero, ma tu credi che sia diventato scarso lui o era la distanza di livello tra Premier e Serie A a fare la differenza? Perché nel secondo caso potremmo rivedere a Roma quello di Firenze, che non era niente male...

    RispondiElimina
  79. SOPRA, comunque la Roma ha anche Astori, come centrale...

    RispondiElimina
  80. Nastasic faceva errori anche a Firenze; mi pare di ricordare un suo errore grave (che causò un goal) anche nella sua ultima partita a Udine con la Fiorentina.
    Per questo dicevo che è stato sopravvalutato a Firenze. Non abbiamo mai visto Benatia in premier e quindi mi risulta difficile quantificare a priori quanto potrebbe indebolirsi la Roma con una operazione del genere. Certo, dovendo vendere Benatia per ragioni di contratto (come dicono in società) o di bilancio (come credo), Matia è una buona soluzione.

    RispondiElimina
  81. No dai, Lazzari è un incubo.

    RispondiElimina
  82. No, calma, Lazzari quell'anno piazzò 2-3 buone partite nella seconda metà di stagione, ma per il resto fu un disastro assoluto, un ectoplasma che si aggirava ingobbito per il campo.

    RispondiElimina
  83. Non ci scordiamo che Nastasic giocò con la Viola a 18-19 anni, e ne ha tuttora 21, con ben 13 presenze nella nazionale maggiore della Serbia...Claro che di errori ne fa ancora, ma quanti suoi coetanei ci sono in giro per l'Europa che giocano in squadre del calibro di Fiorentina, Roma e Manchester City? I giudizi su di lui mi sembrano assurdamente severi.

    RispondiElimina
  84. Sto guardicchiando il Villarreal, mi era sfuggito che aveva acquistato Vietto a 5.5...Chissà che Macìa non riesca a "prenotarlo".

    RispondiElimina
  85. stefano vienna24 agosto 2014 23:24

    Si riprese alla fine, vero. Gioca a testa bassa, cosa che si vede raramente a quei livelli.

    RispondiElimina
  86. bah, non ti so dire deyna onestamente, però insomma, è una faccenda quantomeno strana: qualcuno, o il giocatore o i medici, stanno facendo confusione

    RispondiElimina
  87. la ragazza giapponese te la sei schiacciata?

    RispondiElimina
  88. sì ma marione, anche se sembra un pacioccone messo lì, non è certo un tipo facilmente sottomettibile, dà retta

    RispondiElimina
  89. per fortuna, intendi

    RispondiElimina
  90. anche secondo me, matija diventarà un giocatore di prima fascia, se non un top - una volta lo credevo, ora non ne sono certissimo, ma comunque la mia opinione su di lui è molto alta.
    ciò detto, credo che nell'immediato la roma ci perderà - e di conseguenza, noi potremmo approfittarne.
    nel complesso, però, credo che nastasic diventerà, una volta maturato, un centrale ben più forte di benatia, che tuttora non gli è così nettamente superiore come si dice (stagione mostruosa, l'ultima sua, ma le precedenti ad udine sono nulla più che buone [l'ultima in particolare un po' sottotono]: ma chi non avrebbe fatto bella figura nell'ultima meravigliosa ed odiatissima roma?)

    RispondiElimina
  91. eh vabbé, ora sono tutti scarsi... siccome ci si stava già trastullando con l'idea "la Roma non ha neanche un centrale di ruolo da schierare contro di noi", facevo notare che uno ce l'ha, e così scarso non è, su.

    RispondiElimina
  92. pure Castan, in precedenza il difensore più infamato dai propri tifosi in serie A, sembrava improvvisamente diventato Cannavaro...

    RispondiElimina
  93. concordo, quell'anno fece pena, ad eccezione di qualche partita veramente sopra le righe; però non era male, almeno quando arrivò: giocatore interessante, con un bel piede, e con diversi limiti. non un cesso, però; sembra comunque che da quell'anno da noi non si sia più ripreso. se tornasse quello di cagliari, potrebbe far comodo, come riserva: ad ogni modo, fosse per me, lo sbolognerei, sebbene non lo consideri un brodo alla bakic, intendiamoci

    RispondiElimina
  94. a me invece non ha mai entusiasmato più di tanto, ti dirò. secondo me in europa fa flop. come sta andando?

    RispondiElimina
  95. tripletta per ciccio tavano e cinquina di di natale oggi

    RispondiElimina
  96. bah, lo dicevo anche un mese e mezzo fa e rimango dell'idea, per ora: giocatore molto sopravvalutato, da metà classifica nulla di più, e dei due centrali del cagliari mi è sempre piaciuto maggiormente quello che si voleva noi, Rossettini, solo molto meno sponsorizzato, però. ad ogni modo, più o meno il livello è quello. da noi oggi sarebbe il quarto centrale e non sono certo sia meglio di tomovic

    RispondiElimina
  97. comunque pollock, va bene l'editoriale e tutto ma la foto di oggi l'è un troiaio, potevi quantomeno bilanciarla

    RispondiElimina
  98. PENDELLUFT....é riciclata, già apparsa l'anno scorso. Sono le nuove tendenze, esplorazioni sessuali di POLLOCK. Io attendo sempre un paio di foto inedite della traduttrice di Gomez e Marin...

    RispondiElimina
  99. Sta in panca, come anche Musacchio. A me Vietto piace molto invece, come anche l'altro giovane argentino Dybala, che vedrei bene in Viola ad imparare il mestiere da Montella e Rossi, ai quali somiglia molto.

    RispondiElimina
  100. l'anno scorso seguivo il blog come un occhio invisibile, ma non in maniera assidua; rarissimamente, commentavo pure. ma 'sta fotaccia non la ricordo.
    SOPRA, quelle inedite le attendono tutti, è che POLLOCK non tenga il muso una volta persi i clienti, visti i servizi offerti di recente..

    RispondiElimina
  101. fingers crossed

    RispondiElimina
  102. difatti: vediamo se si riconfermano oppure, come penso, sono forti ma quella scorsa è stata la stagione del 101%

    RispondiElimina
  103. Se LUD pubblica un paio di foto di ragazze da GP...Pollock rischia!

    RispondiElimina
  104. A fari spenti....continuiamo.

    RispondiElimina
  105. http://fiorentina.it/it/news/articolo.51.16159/ultimi-7-giorni-di-mercato-attese-nomi-promesse-dubbi-e-speranze.html

    Oh, avevo indovinato che era Schweinsteiger, il nome impossibile. E infatti era impossibile. Nel frattempo si sta facendo di Cognigni il capro espiatorio di tutto, come fu con Corvino, soluzione comprensibile ma che lascia il tempo che trova: la società è dell'azionista, le scelte sono di sua responsabilità, fino a prova contraria.
    Che sempre più sitoni e sitelli di area viola dicano esplicitamente che Cuadrado deve restare, suggerirebbe che si tratti dello scenario più probabile, non essendo i suddetti retti da noti cuor di leone nel chiedere alla società ciò che la società non vuol fare. Ma il mio naso (finto) mi continua a dire che tra domani e dopodomani saluteremo Gianguglielmo, sostituito da Bonaventura, un mediano e un terzino. Dixi.

    RispondiElimina
  106. Beh se Cuadrado va via, è probabile arrivi davvero Bonaventura, che è bloccato sul mercato...

    RispondiElimina
  107. E domani Matos contro C. Ronaldo...

    RispondiElimina
  108. ho detto due cazzate, ciccio n'ha messi due e totò quattro

    RispondiElimina
  109. anche dybala mi lascia un po' sdubbiato: il primo anno in italia pensavo facesse meglio, ma era giovanissimo e si doveva adattare al calcio italiano, e comunque qualche lampo di classe l'ha mostrato; l'anno scorso in B ha invece deluso, anche se è vero che giocatori come lui soffrono più una categoria plebea come la B che la serie A: diciamo che quest'anno mi preparo per un giudizio completo; per ora lo vedo con grande potenziale, però immaturo, più di quanto m'aspettassi, in realtà.
    comunque concordo sulle somiglianze, specialmente con l'areoplanino.
    musacchio in panchina? lui invece sì che mi piace molto, se davvero lo scambio savic-musacchio non ci richiederebbe un esborso aggiuntivo andrebbe fatto subito (nel senso, cessione di uno e acquisto dell'altro)

    RispondiElimina
  110. Sì, Dybala non è ancora esploso - anche perché qualche genio a Palermo gli ha fatto fare a lungo il trequartista... - ma secondo me può farlo da un momento all'altro, specie in un contesto di squadra tecnico e offensivo come la Maquina. Sarebbe una bella scommessa, come backup di Pepito e poi suo erede. Musacchio anche a me piace tanto, sono allarmato solo dal resoconto di Lele, che mi dice che è reduce da una seconda parte di stagione pessima [in quel periodo non ho potuto seguire il calcio]. Ma comunque sia i mezzi per me li ha tutti...

    RispondiElimina