.

.

sabato 16 agosto 2014

Il muro del rimpianto

Una volta se un giocatore era scarso tecnicamente lo si metteva davanti a un muro e giù a calciare per ore con la speranza che migliorasse, a conferma di un metodo grezzo ma abbastanza efficace, si è avuta riprova a Berlino dopo la riunificazione, quando cioè i giocatori mezzi e mezzi si son visti crollare soprattutto la speranza di migliorare certe sensibilità. E’ anche vero che là dove non è avvenuta nessuna riunificazione non sempre si notavano miglioramenti significativi, il muro del pianto insomma, e allora si diceva che il muro non sempre poteva fare miracoli. L’idea per una nuova metodologia decisamente risolutiva mi è venuta leggendo l’incredibile storia di Roger Frisch, un musicista professionista dell’orchestra del Minnesota che ha dovuto sottoporsi ad un intervento chirurgico per risolvere un problema neurologico che gli causava continui tremori alla mano, debilitanti quindi per il suo lavoro. Nel 2010, mentre si sottoponeva a un'operazione a cervello aperto in anestesia locale, ha suonato il violino proprio come Gilardino. Il cervello è privo di recettori del dolore, e così  mentre Frisch suonava il violino i medici hanno potuto individuare il punto giusto da stimolare con particolari elettrodi. L'intervento è perfettamente riuscito e Frisch è tornato ad esibirsi un mese dopo. E allora perché non applicare anche al calcio questo metodo di elettrostimolazione cerebrale, e una volta individuato un calciatore che ce l’abbia un cervello, si potrebbe andare a correggerne i difetti. Per abbattere il muro del rimpianto, molto egoisticamente ho pensato a Jakovenko e al rimpianto per l’investimento della Fiorentina, in modo da operarlo mentre tira in porta, e con l’uso massiccio degli elettrodi vedere di dargli un verso, per far si che possa mettere in mostra finalmente qualche qualità, o anche solo per fargli prendere almeno una volta la porta in tutta la carriera. Per quanto riguarda la moglie, invece, l’idea sarebbe quella di una stimolazione di tipo diversa.




121 commenti:

  1. Stefano Vienna16 agosto 2014 10:20

    Fernando + Cuadrado = terzo scudetto

    RispondiElimina
  2. Fernando+Cuadrado : scudetto= Montolivo+Yakovenko : Anticalcio

    RispondiElimina
  3. Ancora a proposito della percezione soggettiva dell'età dei calciatori: Fernando dello Shakhtar viene percepito come un titolare da inserire nella nostra squadra, mentre Vecino, Wolski e Camporese sono considerati dei giovani da mandare altrove a maturare; in realtà sono tutti coetanei (anzi, precisamente Vecino è il più vecchio, in quanto del 1991, mentre gli altri tre sono del 1992).

    RispondiElimina
  4. Sì, ma Fernando, oltre all'esperienza ucraina, ha già alle spalle diverse partite nel Brasile...

    RispondiElimina
  5. Vecino ha l'età di Savic che gioca titolare fisso da 2 anni... Il punto è che "giovane" è semplicemente un'attenuante per non dire "scarso". I 3 che citi si sono sempre dimostrati, finora (a parte, a tratti, Wolski, ma solo a tratti) sotto il livello della squadra, quando hanno giocato. Si spera che la giovane età sia uno dei motivi e che quindi migliorino. Se uno invece è già forte, come Savic, e credo Fernando sia così, allora gioca e basta.

    RispondiElimina
  6. Vecino, Wolski, Camporese...forse dentro una serra maturerebbero, forse.

    RispondiElimina
  7. vero, e questo non significa che il livello assoluto poi sarà diverso (wolski può diventare fortissimo, potenzialmente è il più forte; anche vecino ha tutto per diventare un ottimo incursore; lo stesso camporese, se non fosse stato bloccato dagli infortuni, per lo meno in italia avrebbe potuto avere un ruolo di risalto); ma attualmente, fernando è un giocatore e loro sono solo speranze: il brasiliano ha giocato due campionati da titolare nel gremio, è stato pagato dieci milioni ed è venuto in una squadra competitiva - seppur il campionato non sia di alto livello - ed ha giocato la champion's; inoltre, s'è messo in luce anche in patria, essendo stato convocato - e fatto giocare - diverse volte con la maglia verdeoro. Insomma, ad oggi è un'altra cosa, poi certo, ognuno ha tempi di maturazione propri (ad esempio, wolski e camporese sono stati bloccati da infortuni, vecino ha perso un anno per il transfer), però ad oggi i fatti sono questi.
    inoltre, fernando non è propriamente una scommessa, è un giocatore che può migliorare ma già ad oggi è veramente bravo: se davvero arrivasse e restassimo così, potremmo veramente puntare al terzo.
    deyna, mi piacerebbe sapere cosa pensi di marin nel caso restasse cudrado: 3-5-2 e riserva di lusso per passare camaleonticamente al 4-3-1-2? vice rossi? [tra l'altro, nel caso restasse davvero cuadrado, spero facciano cassa con ilicic]

    RispondiElimina
  8. C'è chi matura prima, chi più tardi, chi non matura mai, chi non aveva mezzi da far maturare, chi matura presto ma poi si blocca lì, e così via. Camporese i mezzi per fare una A di buon livello li ha, ma finora testa e fisico hanno mostrato problemi; Vecino secondo me deve essere impostato in un ruolo [mezzala incursore] e non spostato qua e là in improbabili esperimenti; Wolski ha classe deliziosa, ma scarsa concentrazione per ora, e un impatto fisico un po' deficitario; Piccini non è da Fiorentina, per ora, e forse nemmeno da serie A come titolare...ha una gran corsa, ma non sa marcare, e quando avanza è piuttosto approssimativo tecnicamente. E' una grossa incognita per me, potrebbe accelerare molto il processo di crescita con Montella, come fermarsi qui, non ho proprio idea.

    RispondiElimina
  9. Non voglio pensare a una permanenza di Cuadrado per ora, se accadrà se ne riparla...

    RispondiElimina
  10. L'età conta fino ad un certo punto, contano anche e soprattutto le esperienze fatte, ed il fatto che te le abbian fatte fare o meno può esser già segno di diversità di livello o di puro e semplice culo. Fernando ha già fatto un grande campionato nella serie A brasiliana due anni fa ed è entrato nell'orbita seleçao a vent'anni, poi è andato in Ucraina per quella mania che hanno i (procuratori) brasiliani, di tirar subito tutto quello che possono, ma anche là è andato bene. Insomma è un '92 con già due-tre campionati alle spalle. Vecino nel Nacional giocava qualche volta e qui idem, Wolski veniva da sei mesi di fermo ma anche lui era soprattutto un under 21 con un monte di classe. Insomma devono esser provati con i giocatori "grandi" (che non sono necessariamente i grandi giocatori ma solo giocatori adulti). Camporese poi più rotto che intero vive su tre partite di A giocate sorprendentemente bene con Sinisa, poi della serie "chi l'ha visto"? (anche lui cerca ancora Eto'o). Insomma le referenze contano perchè avere potenzialità è bello ed indispensabile ma aver mostrato già di saperle tradurre in atto fa una bella differenza.

    RispondiElimina
  11. Io credo che quando un ragazzo a 22 anni non ha ancora trovato la sua collocazione tattica, la colpa è maggiormente sua. Wolski ( ma anche Bakic e Vecino) ha tutti i mezzi per giocare in serie A, ma il ruolo lo trovi se segui le direttive del tecnico, se calpesti le zone di campo che ti vengono dette, se porti il pressing in particolari momenti della partita. E lo devi fare in maniera convinta. Il ruolo di questi ragazzi non era chiaro neanche quando sono arrivati. Vecino, ad esempio, tre anni fa sembrava che andasse al Napoli ed era indicato come un regista. Quando l'abbiamo preso, sembrava giocasse da esterno sinistro di centrocampo, mentre qualcuno ne parlava come di un interno. Il problema è il calcio da cui provengono, tatticamente poco definito, e ,soprattutto, l'attitudine all'apprendimento. Non avendo le stimmate del fuoriclasse come un Pogba ( che tuttavia era già stato impostato da un campionato d'origine più tatticamente evoluto), i ragazzi devono capire che si devono affidare ad una visione esterna dei loro ruoli, abbandonando la loro visione di se stessi in termini calcistici.
    Piccini e Bernardeschi sono anni luce davanti a loro, in questo.
    Deyna, su Piccini non sono d'accordo. A me sembra un ragazzo molto sicuro e contro il Betis è risultato molto ben impostato anche dietro. Quello che mi piace è la personalità, che lo fa andare avanti senza paura e cercare di incidere anche al tiro. Può essere che si perda, ma se tutto va per il verso giusto, il ragazzo è qualcosa di molto somigliante a quello Zambrotta che era tra i migliori d'Europa nel ruolo.
    Fernando mi sembra il classico mediano brasiliano degli ultimi quindici anni, un tipo di giocatore che forse ci potrebbe permettere una variazione della posizione di Pizarro, leggermente spostato sull'esterno, come gioca Xavi. Posizione che gli permetterebbe di essere meno pericoloso quando gli piglia la smania della finta ad libitum e di essere più libero di rifinire.
    Comunque Aquilani mi sembra che sia un po' sottostimato da noi tifosi, per me, questi due anni, è stato la mezzala classica più forte del campionato.

    RispondiElimina
  12. Foco in parte è vero, in parte no. Un giovane ha bisogno di spazio e fiducia, poi, se c'è, deve venir fuori. Ma se arriva in una squadra dove la concorrenza è troppa o dove il suo modo di giocare non s'incastra bene nelle idee tattiche dell'allenatore e non gli viene dato il modo di giocare e anche di sbagliare è difficile che ne venga fuori, Vedi quanti fanno schifo un anno ed esplodono quello dopo, magari cambiando aria? Dove potevi fare giocare Wolski con continuità? O dove Vecino? difficile mettersi in mostra giocando venti minuti al mese. Resta comunque la domanda di base. Giocano maluccio perchè giocano poco o giocano poco e quindi anche maluccio, perchè sono pippe? Domanda alla quale solo il tempo darà risposta, ma noi, in genere, non ce l'abbiamo. Aubameyang al Milan è stato bocciato come pippa e ora costa 15 milioni, ed è il primo che mi viene in mente.

    RispondiElimina
  13. Aldilà del rendimento, mi sembra che manchino proprio sicurezze quando si interpreta il ruolo. Certo, bisogna dar loro la possibilità di provare in partita, però quello che mi lascia perplesso è che non trovano mai la posizione, e quella la provi in allenamento in settimana. Mi basterebbe vederli in una prova senza acuti ma "ordinata", invece oltre a non incidere mi danno la sensazione di non aver la più pallida idea di cosa fare.
    Era un problema che aveva anche Jovetic, sebbene fosse di una pasta tecnica diversa, e lui giocava sempre. Succede quando il ragazzo non si vede nel ruolo che gli viene assegnato, lo interpreta, ci prova, ma alla fine va dove decide lui.
    Comunque quest'anno andranno in prestito e vedremo cosa sanno fare.

    RispondiElimina
  14. L'idea di un frequente scambio di posizioni tra Fernando e il Pek tra centro e centro-destra l'avevo pensata anch'io, può funzionare. Piccini ha 22 anni, non è più un giovanissimo, e non mi pare aver fatto salti quantici dai tempi in cui Sinisa lo lanciò in serie A. Allora mi piaceva, per il potenziale [molto] grezzo che si intravedeva, ma difensivamente e tecnicamente non mi pare aver fatto grandi miglioramenti. Commette anche dei preoccupanti errori di valutazione degli spazi quando si lancia in avanti, non so esattattamente se per carenze tecniche specifiche, o per sopravvalutazione della sua velocità. La corsa e la resistenza possono farne un Maicon come un De Silvestri, è il resto che deve venir fuori...Non ci punterei mai come titolare, ma lo terrei fino a gennaio per istruirlo e valutarne i miglioramenti.

    RispondiElimina
  15. Deyna scatenato sul mercato, in arrivo il terzo colpo, Marco Mugello. Sperando che l'agente non faccia brutti scherzi.

    RispondiElimina
  16. Tutti questi arrivi mi rendono nervoso, mi era stato assicurato il posto da titolare. Oggi incontrerò il titolare del blog " Torte artistiche e scambismo".

    RispondiElimina
  17. queste questioni, altrove, vengono risolte dalle squadre B. Sistema che in Italia si scontra inevitabilmente con la tradizione dei mille campanili ognuno dei quali vuole una squadra professionistica...

    RispondiElimina
  18. Intendevo dire proprio questo: Fernando ha la stessa età di Vecino e Wolski (anzi, il primo ha un anno di più) ed è già affermato, mentre quelli che consideriamo "giovani" in realtà hanno 22 anni e sono ancora abbastanza al palo (Wolski, tra l'altro, ha la stessa età che aveva l'anno scorso Ljajic). Lo stesso dicasi per il paragone Savic - Camporese. È ben vero che ci sono giocatori che maturano più tardi rispetto ad altri, ma resta il sospetto che noi stiamo un po' sopravvalutando certi nostri giovani giocatori.

    RispondiElimina
  19. Piccini può restare ed imparare da un cursore più esperto; personalità ne aveva e ne ha ma se tu Società lo mandi in Serie C...chi lavora sugli aspetti lacunosi, chi va a lavorare sulle pecche? A Carrara ti curano la crescita di un giovane? Dalla Primavera alla Carrarese (Serie C!) gli hai fatto perdere l'anno dello "scafamento, é già tanto non si sia perso come Nocciolini, Collacchioni, Bambi, Taddei, Memmo...
    In B almeno hanno cura del soggetto, magari anche per interesse. Il La Spezia ha vissuto stagione di alti e bassi, cambio di allenatore, di moduli...non si é salvato nessuno, forse solo Ebagua...
    La fortuna di Bernardeschi ë stata quella (oltre la bravura) di andare in una piazza che ha dato luce e crescita ad un onesto predatore (Morleo), aveva valorizzato uno già "pronto"- Florenzi, aveva aiutato la crescita di Del Prete (molto richiesto in B), insomma una società, il Crotone, che lavora per migliorare le risorse che le vengono date.
    Io sarei per lavorarci un pochino su, almeno sino a gennaio- Piccini.
    Vecino: a Cagliari buone prestazioni, a Firenze é sempre "senza un sei per pareggiare la primiera"; la dimensione dell'uruguagio, ad oggi, é quella di una provinciale.
    Wolski: necessità prima di tutto di quel che permise sia a Jovetic sia a Liajic di poter reggere la Seria A, cioè la costruzione di un fisico, di una muscolatura adatta a non essere fuscello o canna al vento. Poi atteggiamento e decisione; questi i due punti per la sua crescita ed splosione.. Tecnica ne ha da vendere, classe limpida, quindi basterà- credo- lavorare sulla muscolatura. Lui, il polacco-non-Deyna- é quello che ha bisogno di essere disciplinato.

    RispondiElimina
  20. Ciao a tutti, compreso quel bucaiolo del padron di casa. Oggetto del giorno, giovani più o meno talentuosi, cosa fare? Wolski senz'altro in prestito in squadra che gli permetta minutaggio, tipo la Samp di Sinisa che si mostrava interessata.
    Vecio un altro anno a Cagliari non lo vedevo male, anche se non con le stesse potenzialità,del ceko, mentre Piccini, DEYNA, non lo lascerei andare, a destra siamo debolucci in spinta e poi mica deve rapportarsi a Maicon, per anni tra i migliori al mondo, basterebbe venisse come Maggio, troppo presto sbolognato e cui somiglia. Camporese vive di rendita da anni, che faccia bene a Bari poi se ne riparla. Rebic con noi senza se o ma, lui è pronto per essere la terza punta. JORDAN, vorrei ricordarti pure che il Milan si fece scappare un Vieira ventenne...clamorosa cappella.
    Un benvenuto a tutti i nuovi, non so ancora bene quanti e chi, spero comunque che chi si occupa degli acquisti ( DEYNA?) si ricordi di Loino, pugliese con sangue viola di qualità.

    RispondiElimina
  21. Wolski, polacco, errata corrige

    RispondiElimina
  22. Sarai sempre più relegato al ruolo di 6° uomo del basket o meglio ancora a "Santillana" dei giorni nostri...

    RispondiElimina
  23. Wolski, a parte il fisico, mi sembra che debba migliorare di testa, lo vedo troppo discontinuo. L'ideale sarebbe mandarlo un anno da Zeman, ma il Cagliari non mi sembra molto interessato.
    Vecino sinceramente non mi ha mai entusiasmato, mi sembra un buon giocatore ma non uno che possa ambire a diventare un titolare di squadra di alta classifica.
    Quanto a Piccini, sono anch'io per tenerlo almeno fino a gennaio per vedere di che pasta è fatto.

    RispondiElimina
  24. Nono, Foco è il capitano! Anzi no, dopo ogni espulsione squalifica doppia, meglio di no...

    RispondiElimina
  25. VALTOLIN, per prima cosa ti saluto, non credo di averlo fatto prima. E meno male che siamo il Paese dei mille campanili, che tramandano in tutti i campi tradizioni anche millenarie, non ultima quella della tavola. Le squadre B rappresentano l'espressione più sfrenata del potere economico. Nessuna squadra del campionato inferiore sarebbe in grado di sopportare contratti onerosi come quelli stipulati dalle Big, che si assicurano un giocatore di probabile successo ma di prematuro impiego a certi livelli. Una curiosità, perché non l'ho mai capito: queste squadre B vengono inserite in campionati di un certo livello 'per meriti sportivi' o per 'manifesta superiorità', che poi sarebbe 'l'arroganza del potere' di cui sopra?

    RispondiElimina
  26. Io sono assolutamente contrario alla creazione di squadre B, e se proprio vogliono farlo, che partano dalla terza categoria e vengan su per meriti sportivi.

    RispondiElimina
  27. Allora sono sereno, Il Dogo argentino la pensa come me, ahahah!

    RispondiElimina
  28. Se ci sei riuscito è un grande acquisto. 'Garantito al limone', come si diceva dalle nostre parti, la sua compresa, tanti anni fa!

    RispondiElimina
  29. Ciao Lele. Rebic in prestito al RedBull Leipzig, serieB tedesca! Non lo sapevi?

    RispondiElimina
  30. GONFIA, non hai alcun bisogno di convincermi sul "no al calcio moderno", fidati. Il mio non era in giudizio di valore ma di fatto: le squadre B permetterebbero ai club di serie A di crescere meglio i loro giovani. Dall'altra parte pesa la difesa di una tradizione di calcio cittadino dal potere economico. Benissimo scegliere il secondo piatto, mi trovi anche d'accordo, tra l'altro, facevo solo notare l'esistenza del primo, che permette alle squadre spagnole (e credo anche tedesche) una migliore gestione dei giovani. Faccio anche notare che peggio delle squadre B, comunque, ci sono le succursali informali all'italiana, che scambiano giovani con punti facili...

    RispondiElimina
  31. Sulla crescita dei giovani, credo che un esempio illuminante possa essere il confronto tra Totti e Balotelli. Entrambi partivano da situazioni individuali simili (giovanissimi con grande talento, arroganza e poco cervello), anche se ovviamente da background familiari molto diversi. Uno ha avuto la stabilità in una squadra di seconda fascia, con poche pressioni e buoni maestri. L'altro è stato sballottato da uno squadrone all'altro come salvatore della patria. Uno è maturato sia dal punto di vista tecnico sia da quello personale. L'altro, ancora, no.

    RispondiElimina
  32. No Gonfia, cazzo mi pare una cagata pazzesca. Anzi lo e.
    Uno che gioca partite del mondiale in B??? e più pronto del Baba...mah! Ascrivo la cagata a Montella, cominciamo bene!

    RispondiElimina
  33. Stasera non la vedrò a causa dell'altra mia grande passione. Chi può la racconti.

    RispondiElimina
  34. Sei perdonato solo perché è un'amichevole.

    RispondiElimina
  35. Non mi sembrano storie molto simili. Totti non è mai uscito dal suo guscio e ne è stato, da sempre, il re, osannato da tutti in casa sua. Inoltre sarà ignorante ma non è affatto cretino. Balotelli invece mi sembra proprio un minus habens, senza fissa dimora, senza casa, senza niente cui aggrapparsi. Difficile trovare equilibri anche per uno normale e lui ho i miei dubbi che lo sia.

    RispondiElimina
  36. Se l'altra tua grande passione comincia per "f" anche lei (e non è la ferrari) sei ampiamente scusato.

    RispondiElimina
  37. Finocchi? Jordy ha fatto finalmente outing! Ahahahahah

    RispondiElimina
  38. Essì, è quella. In un altro momento c'avrei pensato, ma se prolungo l'astinenza un altro po', faccio le buche per terra.

    RispondiElimina
  39. e dai! ma un tu sara' miha buho davvero te?

    RispondiElimina
  40. Ahahahahahahah, e un fa la piccata, e si ruzza!

    RispondiElimina
  41. Anche a me quella delle squadre B sembra una bella cazzata. E chi se le potrebbe permettere? Il Barcellona ed il Real Madrid? In Italia una B della Fiorentina non reggerebbe la C2 e allora a che serve?

    RispondiElimina
  42. Nè per scherzo nè per burla 'ntorno a icculo un ci voglio nulla!

    RispondiElimina
  43. FOCO, non so se ti recapiterà di vedere un Real-Fiorentina...chiaramente da tifosissimo di auguro di si, magari tra 15 mesi in CL.
    Le fighe vanno e vengono ("vengono" grazie alla nostra bravura...ah ah ah ah ah!), il Real non so.....

    RispondiElimina
  44. ...inoltre un apputtanamento si può sempre rinviare al giorno dopo, una partita no, escludendo un caso di alluvione.

    RispondiElimina
  45. Ragazzi se tra una partita di calcio e una fica che merita e vu' ci avete de' dubbi e vu' siete buchi davvero. A me stasera mi tocca la Fiorentina.

    RispondiElimina
  46. tra l'altro la partita e tu la po' registrare, ma la trombata e te la fa un antro!

    RispondiElimina
  47. L'hai detto, ormai: per la sfida decisiva per il Terzo a fine campionato si fa una colletta e ti si porta la meglio modella o starlette brasiliana del momento, vo vede icchè fai!

    RispondiElimina
  48. La partita registrata è come fassi un raspone davanti ar filmino della topa in questione!

    RispondiElimina
  49. appunto e vo' mettere invece i' trombare 'n diretta!

    RispondiElimina
  50. Porta, porta, poi la partita vu me la raccontate voi e la mia la te la racconta lei.

    RispondiElimina
  51. Alto tradimento! Chiedo la riunione immediata della Corte ed espulsione con disonore dal Sitollock!

    RispondiElimina
  52. Il Man Utd ha bisogno di tante cose, non solo di Cuadrado. O meglio, prima di Cuadrado. Oggi sono stati imbarazzanti. Anche il Tottenham ha fatto abbastanza pena e l'Arsenal pieno di trequartisti fino ad ora sembra un groviglio con poco senso. Le prime partite della prima di Premier sono state una bella rottura di coglioni. Per me è un campionato che mortifica la tecnica e che ingoia talenti.

    RispondiElimina
  53. Foco-Foca? Io gioco "over 3,5". Paga poco ma è sicuro, almeno penso, ahahahah!

    RispondiElimina
  54. ma a che ora inizia? Perché ho un volo alle 21.20 e se inizia presto potrei almeno beccarmene un pezzo in streaming dall'aeroporto...

    RispondiElimina
  55. cheppalle. Vabbé finora ho visto solo il Palmeiras, forse va bene così...

    RispondiElimina
  56. mah, di giocatori a cui mancano "i valori" è pieno il mondo. Se dovessi stimare un calciatore per quello in cui crede, povero me. Il punto è avere testa ed equilibrio per badare a se stessi, e giocatori che a 20 anni non li hanno sono tanti, Totti compreso. Ma lui ha trovato le condizioni giuste, come ben diceva JORDAN, per maturare, sia come uomo sia come calciatore. Balotelli, al momento, no.

    RispondiElimina
  57. stasera 4312 con Borja trequartista. Un esperimento interessante e un giusto omaggio allo stesso tempo. Bravo Vincenzino, saggio oltre i suoi anni.

    RispondiElimina
  58. e per intervenire sul discorso di prima, io due mesi di astinenza per Di Maria alla viola li scambierei volentieri. Di più no, ma due mesi sì. Poi si gode con gli interessi...

    RispondiElimina
  59. Copula pure tranquillo...

    RispondiElimina
  60. Guelindatv si vede benissimo in streaming. (Khedira gioca con noi).

    RispondiElimina
  61. Lindo primero tiempo!

    RispondiElimina
  62. bella Fiore! e ottimo Babacar. A veder giocare Khedira , si direbbe che c'é l'accordo con la Fiorentina eheheh

    RispondiElimina
  63. Il Pek sembra quello del primo anno, elisir trovato ?! Gomez dinosaureggia, che pessima allocazione.......ottimo Baba, è pronto. Gonzalo capponeggia davvero, sarà la maschera, Basanta è poco, serve altro. Alonso rimandiamolo in prestito, dove non è importante. Segnali confortanti dall'Aquila, buon Tom, discreto Savic, solito Borja. Neto c'è, sul goal nessuno para.

    RispondiElimina
  64. certo che se ora entrano Benzema, Bale e Kross, noi si risponde con Pasqual e Piccini....

    RispondiElimina
  65. La moglie di Iako impedirebbe a qualsiasi uomo sano di mente una qualunque professione agonistica di livello eccetto il curling.

    RispondiElimina
  66. stefano vienna16 agosto 2014 21:39

    Valero trequartsta e si gioca uno in meno, ma con Vargas ottimo interno il todocampista scartato dal Real rischierebbe il posto, almeno se fossi io in panchina. Ottimi Alonso, per me titolare fisso e Babacar su cui invece faccio mea culpa.

    RispondiElimina
  67. Difficile replicare a chi ti decuplica quanto a risorse, in ogni caso un Berna ce lo possiamo sempre giocare........

    RispondiElimina
  68. stefano vienna16 agosto 2014 21:40

    Su Alonso prendi una toppa clamorosa

    RispondiElimina
  69. Aquilani in forma smagliante, macina, suggerisce, cuce e crea (assist e traversa!). Da rivedere la fascia sinistra , lo sapevamo. Due punte è un "must"!

    RispondiElimina
  70. l'idea mi piace, all'arrembaggio!

    RispondiElimina
  71. Per me no, e mi pare che sia più clamorosa la tua su Borja. Mi conforta il fatto che lo spagnolo pelato lo vedremo sempre, l'altro non so.

    RispondiElimina
  72. Sopra, che roba é guelindatv ? io non l'ho trovata

    RispondiElimina
  73. stefano vienna16 agosto 2014 21:43

    Valero trequartista un oscenita giustificabile solo per una amichevole

    RispondiElimina
  74. A me sembra che giochi a tutto campo come sempre, ma chi l'ha detto che è trequartista? Ottimo Babacar e grande goal di Gomez. Ottimo Aquilani. Gonzalo d'accordo con Armagnac per fare incazzare Deyna. E' un'amichevole ma reggere così il Real fa piacere, almeno per un tempo. Alonso non mi piace ma oggi il suo l'ha fatto.

    RispondiElimina
  75. E poi si vede che l'ha sposato non per i soldi, ma perché é bello.. di profilo

    RispondiElimina
  76. Chi per la fica mor vissuto è assai

    RispondiElimina
  77. Qui ogni tanto parte un treno, a seconda di chi prende il biglietto, una volta Neto, un'altra Savic, adesso è il turno di Borja, l'importante è criticare i pezzi meglio. Senza vedere bene nemmeno quello che fanno.

    RispondiElimina
  78. Lei è bella davanti, dietro, di lato, in mezzo, girala come ti pare ma girala.........

    RispondiElimina
  79. stefano vienna16 agosto 2014 22:12

    Leo, ricreduto, questo e' buono, non ci sono cazzi

    RispondiElimina
  80. Per niente Stefano, è macchinoso, lento, buono in progressione ma lo vedo mortifero in difesa. E' giovane, magari ci sono margini su cui lavorare ma quelli buoni non saltano da una squadra all'altra senza trovare identità e fissa dimora. Se questo abbiamo e con questo dobbiamo fare W Alonso, altrimenti non ci perdo il sonno se continua a girare di squadra in squadra o rimane a far panca qui da noi.

    RispondiElimina
  81. stefano vienna16 agosto 2014 22:26

    Vedremo, cmq un giovane su cui puntare

    RispondiElimina
  82. Qui sfondi una porta aperta. Tanta personalità, ottima tecnica e non da oggi, bisogna testarne il rendimento sul medio-lungo termine ma la stoffa pare esserci.

    RispondiElimina
  83. Anche se l'unica dote calcistica/atletica di Alonso fosse la progressione, rispetto a Pasqual sarebbe già un passo avanti, almeno lo spagnolo una dote ce l'ha.

    RispondiElimina
  84. Scusa VIGILE ma ero distratto dal match! Avevo cercato MilloxTv e avevo trovato questa tv in lingua spagnola; telecronaca imparziale, elogi per la viola.
    Il test era probante, la prova é stata ottima. Di Maria ha mangiato il gol ma Ilicic é veramente una ciste! Lo sloveno: un passaggio alto indietro ad innescare il nemico e il solito gol mangiato con 7,50 metri di porta davanti (manco ha preso lo specchio!). St'asino!

    RispondiElimina
  85. Pasqual ultimo ad entrare a sinistra, gerarchie sovvertite?

    RispondiElimina
  86. Sono amichevoli, il Real testa e prova molti giocatori, lo stesso abbiamo fatto noi, e a perdere non ci sta nessuno. Non contano molto, o forse si, chi ne vince tante in estate a volte ha fatto pena in campionato, a volte sono state indicazioni pesanti e le squadre sono arrivate in vetta. Speriamo sia la seconda condizione la nostra dimensione. Mi ha colpito, in queste amichevoli, il fatto che prime, seconde e terze linee dovevano fare, muoversi, dialogare e giocare sapendo benissimo quello che gli veniva chiesto, come filosofia, idea di gioco e movimenti corali, tanto che si è assottigliato, spesso, la differenza di categoria fra i vari interpreti, segno che un progetto tattico c'è e tutti lo abbracciano senza tentennamenti o interruzioni. Buona la condizione, anche da parte di quelli a cui è stato tirato il collo, vedi Borja e Savic. Lazzari da rispedire al mittente, Lazzari con fisico da culatello da rimandare a Udine, Wolski risucchiato nel maelstrom del suo talento, tanto, con una personalità da margherita pestata. Peccato, un Morfeo ancora più povero. Ilicic indisponente con quell'andamento caracollante, sempre in debito di ossigeno, inizio a pensare che nemmeno il sinistro sia più il suo piede, magari è bravo con le mani. Mancano due settimane per iniziare a godere.

    RispondiElimina
  87. stefano vienna16 agosto 2014 22:50

    Ce ne ha piu' di una, un minimo di visione di gioco e mentalita' meno provinciale.

    RispondiElimina
  88. Rispetto a Pasqual appaio fenomeno io, figuriamoci uno qualunque per non farlo giocare.............

    RispondiElimina
  89. stefano vienna16 agosto 2014 22:53

    Bisogna crederci, a volte poi serve sentire la fiducia per esprimersi anche sopra il proprio livello attuale

    RispondiElimina
  90. oh, questo sì che è un bell'atterrare a Firenze...

    RispondiElimina
  91. Per i risultati nelle amichevoli son quasi luddiano, non mi interessano, e a volte le vittorie son dannose. Mi interessa invece la prestazione, che stasera c'è stata, eccome. Male la difesa, anche per lo scarso filtro - Fernando, vieni! - ma c'è da considerare che davanti avevamo i C. Ronaldo, i Di Maria, i Benzema...Neto para tutto il parabile, sul gol non ha possibilità di arrivarci, mi lascia perplesso invece sul gol annullato a Benzema, ma era fuorigioco e magari ne era consapevole. Tomovic un po' meno peggio del previsto, Savic a fasi alterne, malissimo Il Batcappone Gonzalo in due o tre occasioni pericolose [speriamo sia fastidio da maschera], piuttosto valido Alonso, che impreziosisce la sua prova con un bel gol in incursione. A centrocampo, grande il Pek, che insegna calcio alle stelle, e Aquilani, molto in palla e autore del cross per Gomez e del tiro che scheggia la traversa. Più sottotono Valero, che intesse comunque geometrie con Pizarro. Vargas continuo - Navas si conferma grande portiere strozzandogli l'urlo del gol in gola - benissimo Babacar a dare profondità, andare al tiro, fare sponda: un giovane maturato incredibilmente, sempre presente in partita, mentre prima bighellonava indolente. Bene Gomez, betteghiano il suo gol in tuffo. Con Baba però si pestano un po' i piedi. Tra i subentrati, stasera mi è piaciuto Piccini, mentre Ilicic continua a sconcertare. Buone due chiusure di Hegazi in pochissimi minuti disponibili. Spero che questa prestigiosa vittoria non illuda Pradè e Montella di poter fare a meno di sostanziosi innesti per la Maquina...

    RispondiElimina
  92. Sono d'accordo, Piccini, a mio parere, è uno che deve godere di fiducia, dargli modo di sbagliare e rimandarlo in campo la volta dopo o quella ancora successiva. Novellino ci ha riconsegnato un Babacar cresciuto in un solo anno di cura, stasera son rimasto estasiato a vederlo muoversi da "adulto", con atteggiamenti corretti, seri e sbagliando pochissime scelte, roba che Balotelli ancora deve cercare con la bacchetta da rabdomante pur avendo talento nettamente superiore. I giovani devono crescere in pace, credere in loro, se si vuole vince subito (e noi siamo a metà del guado, vogliamo la CL spesso) bisogna prenderli quasi fatti e costosi, se vogliamo farci in casa uno squadrone si deve avere pazienza, e fare altri ragionamenti con progetti a lungo termine. Piccini parte da una base solida, potrebbe bastare quest'anno per fargli spiccare il volo.

    RispondiElimina
  93. O Deyna ma che cazzo doveva farci un Cristo sul goal annullato a Benzema, a uno che gli viene davanti solo dentro l'area con palla a balzello? Allora anche Navas doveva prendere il goal di Alonso. Via non diciamo corbellerie.

    RispondiElimina
  94. Ammazza Pat, pensavo fosse solo nipote ma qui gatta ci cova eh eh eh eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  95. Navas ha intuìto, Neto stava andando dalla parte opposta, soprattutto senza tentare di avanzare a chiudere lo specchio o spaventare benzema. Può darsi che si sia accorto del fuorigioco, non so, ma non mi è sembrato un gran portiere in quell'occasione.

    RispondiElimina
  96. Gomez ha scovato un sinistro nel primo tempo che se entrava gli ridavano subito il posto in nazionale. Poi sempre nel vivo del gioco, come del resto il suo compare Baba, il quale ha la stoffa del trascinatore

    RispondiElimina
  97. Anche quando battono un rigore spesso vanno dalla parte opposta. Ma quanto tempo aveva di fare quel che dici? Benzema ha fatto due passi e stamburato dentro o quanti passi doveva fare Neto? Via, che si discuta un portiere per un goal come quello è roba da Colonnello quando vuol fare incazzare il prossimo. Magari doveva prendere anche quello annullato a Di Maria. deve prenderli tutti, anche quelli annullati, anche quelli che vanno fuori e anche quelli che fanno a Tata.

    RispondiElimina
  98. Non mi piace e non mi piacerà mai il ticche-tocche in difesa, specialmente in situazioni sovraffollate che se va bene finisce con un rinvio come doveva essere fatto già prima, il possesso palla fino allo sfinimento con passaggi all'indietro alla cieca da centrocampo (Vargas e Ilicic hanno fornito due assist spettacolosi agli avversari). Non facciamo pressing nella nostra metà campo ma densità larga che lascia spazio e tempo alle giocate degli avversari. Spero solo che oggi non sia stato un caso, le due stagioni precedenti non hanno però testimoniato a favore di questa organizzazione difensiva. Sto cercando il pelo nell'uovo, troverò la trave nel mio occhio, lo so, ma è una mia fissazione.

    RispondiElimina
  99. Non è discuterlo, se lo prendeva era una grandissima parata, ma il livello della concorrenza si è alzato, dovrà tornare a farne, prima o poi, di grandi parate. E bada, per me ne ha fatte e non poche, il campionato scorso...

    RispondiElimina
  100. A me invece quei due mi son garbati e mi ha sorpreso Baba che mi ricordavo tecnicamente forte ma un po' cammellone, indolente, con poca voglia di muoversi, invece ha corso, ha fatto degli ottimi tagli, ha recuperato palloni, insomma ha fatto davvero il centravanti. Ma lo svizzero di massaciuccoli che dice del goal del dinosauro?

    RispondiElimina
  101. Il Baba oltre che mentalmente è anche fisicamente un altro, ora è un armadio...

    RispondiElimina
  102. Concordo, e quando ad un armadio impianti un cervello nuovo migliorando pure la tecnica.......beh, l'equazione è semplice. Delittuoso mandarlo via, spero rimanga, ne giocherà parecchie se assume il ruolo di prima riserva.

    RispondiElimina
  103. Mi è parsa una densità intelligente la in mezzo sugli attacchi avversari, si può discutere sulla flemma con la quale si riparte o si tenta di costruire sotto pressione ma è pure vero che con simili squadre se rilanci fuori o nel mezzo rimani costantemente sotto pressione senza allentarla mai. Ho pure visto bei fraseggi e contropiedi tali da provocare una discreta figura di merda al Real se venivano concretizzati, al momento mi pare una bella Viola ma sospendo il giudizio fino a quando gli esami non conteranno punti o passaggi del turno. Le sensazioni sono ottime.

    RispondiElimina
  104. Io rimango del mio parere ma spero, chiaramente, di sbagliarmi alla grande.

    RispondiElimina
  105. scusa, non capisco quel " a me invece.." visto che di quei due ne ho tessuto le lodi nel mio post..o forse pensavi che ironizzavo?
    Comunque ribadisco che Babacar ha sciorinato giocate di fino e soprattutto ha avuto slanci da trascinatore perché ha sempre puntato i difensori con successo e Gomez ha ancora una volta fatto vedere che la classe non é acqua

    RispondiElimina
  106. http://www.violanews.com/news-viola/twitter-il-commento-di-cuadrado-al-match-20140816/

    RispondiElimina
  107. Io ho visto zero freneticitá, e questo é positivo; le azioni sono state quasi sempre ragionate e pazienti, le verticalizzazioni ottime ma attendono sincronismi migliori.
    L'interdittore forte e coriaceo occorre, un difensore roccioso anche. Siam sempre li...

    RispondiElimina
  108. Quel tipo di fraseggi insistiti, anche quando siamo assediati, li vedo fare solo ai nostri, credo che in questo concordi. Mi domando come facciano tutti gli altri a ripartire. Boh! La filosofia oramai è questa e spero che non sia dannosa, ma anche oggi abbiamo corso pericoli. Falli ripartire dalla loro tre quarti ed hai tutto il tempo di riprendere le posizioni.

    RispondiElimina
  109. Concordo, SOPRA, i passaggi in difesa sono una strategia per uscire dal pressing in modo ragionato, senza panico, e funziona anche per attirare il pressing avversario in maniera da creare spazi in attacco e opportunità di contropiede.
    Anch'io prima soffrivo a vederlo fare, ma ora non soffro piu' di tanto perché mi fido, visto che lo sanno fare con tranquillità e sicurezza. Casomai li trovo scarsi sui contropiedi altrui, e questo non da ora

    RispondiElimina
  110. Mi giudico abbastanza preparato nel valutare giocatori africani, ma Babacar lo davo come uno dei tanti bravi che ho visto, che per spocchia e arroganza, si credono arrivati subito e si perdono per strada. Invece mi son sbagliato alla grande ed ovvio, bene che sia così, ma Novellino deve aver fatto un mezzo miracolo. Speriamo si confermi ma l'inizio è incoraggiante.
    Dove non mi sbagliavo è su Alonso e ancora bene così.

    RispondiElimina
  111. vacci piano tigre con quella

    RispondiElimina
  112. sto vedendo ora un po' di video. Davvero impressionante la parata di Navas su Vargas...

    RispondiElimina
  113. Intensità. C'é intensità. La sintesi potrebbe essere il pallonetto fuori di Di Maria (irresistibile, un gradino sopra tutti!) e il tiro di Vargas...
    Valore del match? Medio alto, secondo me.
    Gonzalo da infarto un paio di volte, Tomovic tosto nonostante l'avversario terribile (Dima), Savic ottimo di testa.
    Vuoi divertirti? Ho letto i post/commenti sul sitone dalle h. 20,45 alle 23,00. Esilaranti. Mentecatti dietro una tastiera, gente priva di un minimo di senso delle analisi, commenti di pancia, gente sfigata. Da ridere...

    RispondiElimina
  114. Chiudo, abbasso la saracinesca; neanche oggi é passato Basanta, e così attendiamo....Attendendo Rabiot? O Fernandò?
    Per la cronaca: FOCO s'é persa 'na goduta strepitosa..ha preferito la vil carne.
    Vi ricordo che all'occhio allenato (e alle mani, e agli occhi) non é sfuggito che la moglie di Yako é rifatta. Rifatta bene però...lei é Viagra naturale.

    RispondiElimina
  115. E' quanto ho detto qui sotto.

    RispondiElimina
  116. E' un '96 ma è un difensore centrale, gran fisico, forse un po' esuberante, titolare degli allievi nazionali di Guidi l'anno scorso, quest'anno probabile titolare della primavera. Credo sia una questione di ruolo se han portato lui invece di altri.

    RispondiElimina
  117. A proposito di fidanzate, quella di Yako: la versione originale doveva essere una gran bella figa, onestamente adesso mi sembra un frankenstein, una via di mezzo tra un trans, Morticia e una bambola gonfiabile. Rimpiango già il mancato ritorno del Fenomeno foss'anche solo per Lei, Consuelo, donna dalla bellezza inarrivabile, che avremmo potuto rivedere a Firenze.

    RispondiElimina