.

.

giovedì 7 agosto 2014

Lo swing nell'umore

Dopo la lezione di Schettino all’università sulla gestione del panico, dopo il volto scuro di Cuadrado, dopo aver trovato Semel chiuso per ferie, e soprattutto dopo la denuncia delle manovre sotterranee dei Pozzo, sotterranee in quanto idrauliche e quindi sotto traccia, bisogna dire che il Pozzo così come la nave da crociera non è più quel luogo romantico dove mettere in fresco il cocomero o andare per scogli. Mentre il mio umore si faceva nero come il volto di Cuadrado una volta preso atto che senza il panino con il ciuco anche il mio umore aveva lo swing e il ritmo giusto di chi ha l'umore di colore. E se il blog non può far niente per cambiare le rotte del calcio, può cercare almeno di cambiare il colore dell'umore senza essere per questo tacciato di razzismo. Intanto non importa essere più di colore come una volta per avere lo swing nell'umore. E per questo motivo voglio rilanciare l’allerta contro le truffe all’anziano tifoso romanticone rimasto solo in città con il problema Cuadrado e i negozi chiusi per ferie, quell’appassionato un po’ appassito come l'uvetta, legato ad un’draulica della passione intesa come quella di una volta, quella cioè dove la guarnizione qualche volta ancora perdeva, e non quella dei soli profitti di un Pozzo senza fine e senza cocomero. Una volta preso atto che esiste un certo tipo di giornalismo che fa propaganda, non solo non fa giornalismo, ma promuove modelli di calcio con il doppiofondo d'investimento, la mia intenzione è quella di mettere in guardia dalle televendite, dal Mastrota di turno che alimenta l’ambizione senza più il fastidioso gocciolio delle minusvalenze. Chi meglio di uno che ha toccato veramente il fondo, chi meglio del Bambi può mettere la propria esperienza negativa a disposizione degli altri per evitare agli innamorati di un calcio che non esiste più di cadere nella rete degli idraulici senza scrupoli. Se non fosse che le imprese scappano all'estero, servirebbe un Prandelli trombaio che introducesse l’etica dell’idrauilica anche in una categoria ormai senza più guarnizioni. Alla fine il povero Bambi ha aderito ad una di quelle televendite che propongono di sostituire la vasca con una più comoda doccia. Solo che, pur spendendo poco, pur riuscendo a farsi consegnare il nuovo bagno nelle 8 ore dichiarate, lo hanno comunque fregato. Sono andati a casa sua come promesso, ma alla fine del lavoro si è ritrovato con la stessa vasca messa in verticale e lo stesso umore di Cuadrado.



96 commenti:

  1. Per come hanno agito nei due anni passati non è errore pensare che Madè abbiano già in mano(o quasi) le soluzioni;e personalmente ritengo che sappiano (a differenza nostra e dei giornalai) l'epilogo della vicenda Cuadrado.Ed il vero colpo sarà a centrocampo;con un nome mai uscito (se non di sfuggita).Il tergiversare che mette in crisi chi deve scrivere di mercato dipende da "limature";nel caso rimanga di aumento di ingaggio,nel caso parta di qualche milioncino nell'offerta.Ma i giochi sono pressochè fatti.Nel frattempo mi ero perso l'ennesima pisciata fuori del vaso di GAT;leggere i suoi vaneggiamenti fa bene all'anima,ti fa iniziare bene la giornata con un bel sorriso..

    RispondiElimina
  2. meno male che il GAT c'è, fa folklore e ogni tanto ha pure ragione, come tutti gli ottusi, per la legge dei grandi numeri...

    RispondiElimina
  3. ma mi spiegate come La Nazione possa spacciare per "big che arrivano solo se parte Cuadrado", allo stesso modo, Khedira che costa 30 milioni, Clasie che ne costa 8 forse 10 e Rabiot che ne costa 4 o 5? Boh, davvero, così il giornalista sportivo lo faccio anch'io...

    RispondiElimina
  4. Se i DS non avessero pronti i nomi e, magari, i contratti per la sostituzione del Cuad, sarebbero cazzi poco dolci. Però il fatto che Montella non abbia provato nelle amichevoli nessuno schema alternativo, mi fa pensare che la società non gli abbia dato per sicura la partenza del colombiano. Credo che, nel caso, si sarebbero visti quegli esperimenti necessari per avere un ventaglio di possibilità maggiori, anche per far trovare una squadra pronta a ricevere giocatori con caratteristiche diverse da quelle del Cuad. Insomma, o è tutto pronto, per ognuna delle due soluzioni del caso, o si tratta di un azzardo che ci potrebbe costare molto, specialmente all'inizio della stagione. Mi fido della calma di Montella, uno che se ha qualcosa da dire, non si fa problemi.

    RispondiElimina
  5. Sopravvissuto7 agosto 2014 10:37

    Stamane alle h. 7,30 la mia vicina ha urlato così forte e con tanta decisione al figlio che...anche io mi son messo a sistemare la mia camera camera!
    Passeggiata con il cane, calma piatta sui giornali, calma piatta per la Fiorentina, una ragazza passa ma é piatta...
    Una moldava trova un portafogli con 500 euro dentro é lo restituisce; non si integreranno mai con gli italiani...(eh eh eh eh eh eh eh eh eh...)
    Montella ha ricevuto una raccomandata per andare a ritirare, finalmente, ciò che permetterà di avere finalmente un centrocampo più grande. Ha ritirato il pacco e dentro c'era una lente d'ingrandimento.
    Rischio -io- di sclerare, senza apparato della chiesa, per il calciomercato viola...

    RispondiElimina
  6. Ahahaha, ho letto, però va detto che, fra gli sproloqui e gli insulti, qundo, rivolgendosi a uno dei tanti che lo manda a caghér gli dice "Le ho dedicato, magnanimamente fin troppo tempo. Se ne rallegri e lo tramandi ai nipoti." mi ha fatto scompisciare ahahahaha

    RispondiElimina
  7. Sopravvissuto7 agosto 2014 10:38

    Di certo c'é quello che hai citato al 5o rigo. Il ventaglio.

    RispondiElimina
  8. colonel.blimp7 agosto 2014 10:49

    Ancora una volta fuggendo: Rabiot asso totale sempre più vicino; se falliamo un Fernando gli Abba ne propongono un altro, Zsa Zsa Gaibor, che non ha la gamba amputata ma rotto lo è, o almeno è reduce da rottura (con tutto ciò, il meglio d'Ecuador), e che però è jolly perché fa il centrale ma anche l'esterno di destra a centrocampo; Ludde rinnovante campagna antitedesca, stavolta per Khedira; solitudine del Grand Armagnac, papiniano uomo finito; apparentemente Mendez non è perso e siccome, per un Deynuccio dissennato sulla via dell'oppio, vale cinque Bernardeschi che vale due Ilicic, abbiamo secondo i miei calcoli un elveticamente classico 10-0 (TATA in porta più dieci trequartisti/seconde punte/esterni luddici/comecazzovolete). TERZO, oppure LUCIANO. Dismission? Impossible!!!!!!! Contro la pontellizzazione, per la lobontizzazione!!!!!!

    RispondiElimina
  9. in tutto questo, la voglia di farmi l'abbonamento mi è venuta proprio all'estero. Sarà la saudade. Quando torno mi metto in coda e verso l'obolo. Ma davvero Gaibor fa anche il centrale? Io l'avevo sempre sentito solo ala...
    Mendez magari, è che a noi il mito del giovane goleador sudamericano fa troppo 1991 per non abboccare. Tra Rabiot e Clasie il primo è probabilmente più forte e costa meno, ma il secondo è olandese e non francese, e per pregiudizio la mia scelta sarebbe chiara. Fiducia a Madé. Abbonarsi di più, abbonarsi tutti.

    RispondiElimina
  10. La concorrenza della Roma, se davvero siamo partiti in anticipo, forse si può ancora battere, quella di Barcellona e PSG no, quindi c'è da sperare che le due corazzate non siano interessate nell'immediato al giocatore [il Barça non credo, con Neymar, Suarez e Messi in squadra, tutti ancora giovani o nel pieno della carriera].

    RispondiElimina
  11. Sopravvissuto7 agosto 2014 11:08

    Appena fatto: passata uno ed esclamato "Abbona'...".

    RispondiElimina
  12. Gaibor, infortunio a parte di cui non conosco l'entità, è un frullino che può giocare su tutto il fronte della trequarti, sì, ma lo vedo molto leggerino per il calcio italiano, in ogni senso. Lo lascerei dove sta. Clasie lo prenderei ma solo ad un prezzo relativamente basso ed accettabile, non mi convince al 100%, per i mancati progressi. Rabiot pare avere un bel potenziale, ma nelle partite che gli ho visto fare non mi ha entusiasmato molto, anzi, faceva molti errori e incideva poco. Mi affascina lo stile che ricorda [molto vagamente. claro] quello di Redondo, ma perché sia pronto per trascinare una squadra come la Fiorentina in italia bisognerebbe aspettare un anno, se non due. Sempre che sbocci come pare essere nelle sue potenzialità. La nazionalità francese vale per me un buon punto in meno, per antico e consolidato pregiudizio. Mendez sarebbe un acquisto dalla riuscita sicura, dopo un periodo di adattamento al calcio italiano. Ha le stimmate del fuoriclasse, e una grinta e personalità in campo che non mi lasciano dubbi. Se non asseconda Macìa e non me lo porta a Firenze, chiedo sùbito la testa di Pradè, ahahaha. Specie se poi butta 10 milioni per Bonaventura.

    RispondiElimina
  13. Bonaventura a 10 milioni, se resta Cuadrado, non esiste, per me.

    RispondiElimina
  14. ma infatti meno male che c'è lui, in quel mortorio, almeno si ride...

    RispondiElimina
  15. Ma sarebbe un'operazione dissennata anche se Cuadrado partisse, son soldi buttati al vento.

    RispondiElimina
  16. Mortorio? Zitto lei, o zombie [anzi zombi, come dal GAT italianizzato], torni nel loculo.

    RispondiElimina
  17. sì ma quello che dico è che se resta Cuadrado non spenderanno mai 10 milioni per un centrocampista offensivo, a quel punto l'unico acquisto (se ci sarà) sarà più arretrato...

    RispondiElimina
  18. Anche perchè con Cuadrado e Borja (più Ilicic, Mati e Wolski in panchina) in un centrocampo a 5 non vado spazio per altri offensivi. Cioè, un 3-5-2 con esterni Cuadrado e Bonaventura lo vorrei vedere, però prendiamo più gol dell'anno scorso...

    RispondiElimina
  19. Sì anche per me, su tutto. Però facciamoli giocare, questi giovani fenomeni (qualsiasi essi siano). Se si prendono e poi si mandano in prestito per quattro palanche, e con ritorno dubbio, non ne vale la pena.

    RispondiElimina
  20. Bonaventura? Perché no? Ma alla metà del prezzo di mercato. Altrimenti, altro

    RispondiElimina
  21. La Roma "tutti quelli che passano sono miei"? Sei sicuro? Io mica tanto. Anzi, anche no.

    RispondiElimina
  22. Parlavo dei 10 milioni, infatti...Se proprio lo voglion prendere, a 4-5 milioni come alternativa in rosa ci può stare.

    RispondiElimina
  23. Beh intanto Carrasco non ce l'han fatta a prenderlo, han preso solo un bel rimbalzone. Claro che a parità di condizioni Mendez sceglie la Roma, che fa anche la CL, ma se siamo partiti prima e siamo più avanti nella trattativa - posto che al Penarol siano corretti - forse ce la potremmo ancora fare. Anche perché con Rossi a mezzo servizio, Mendez a Firenze avrebbe più spazio che a Roma.

    RispondiElimina
  24. No ma certo. Il punto è che la viola 10 milioni li paga per un titolare. E per Bonaventura un posto da titolare nel 3-5-2 con Cuadrado non c'è. Quindi a meno che il bilancio non faccia abbassare pesantemente le pretese a Marino, o Juanito o Jack. Uhm, che scelta difficile...

    RispondiElimina
  25. questi sono i momenti in cui la storica cazzata "Bati ambasciatore della viola in Sudamerica" avrebbe senso. Alzasse il telefono lui, scommettiamo che arriva?

    RispondiElimina
  26. Lele dove sei? Fa la telefonata che sai!!!

    RispondiElimina
  27. Scherzi a parte non sarebbe tanto una cazzata, almeno a quel fine il Bati sarebbe molto utile...Uno che vorrei collaborasse con la Fiorentina è Bertoni: a parte i motivi sentimentali, è un grosso intenditore di calcio, sui talenti e non talenti argentini ci ha sempre visto lungo...

    RispondiElimina
  28. ma infatti la definivo una cazzata perché è una roba che viene storicamente proposta su base semplicemente sentimentale, senza sapere se davvero Bati abbia da osservatore 1/100 delle doti che ha nei piedi (e uso il presente, perché il tiro da fuori della partita del cuore non mente). Però la sua moral suasion verso un '96 sarebbe potente, credo proprio di sì.
    E questa frase mi ha fatto venire in mente che stiamo proponendo come quasi titolare alla viola uno nato dopo lo sfondamento del record di Pascutti. Ciao mondo.

    RispondiElimina
  29. "Il sogno a centrocampo, per la Fiorentina, resta sempre Fernando dello Shakhtar Donetsk. La Fiorentina lo segue e si sarebbe fatta avanti per sondare la pista, ma nelle ultime ore l’Atletico Mineiro pare essere passato in vantaggio su tutti. L’offerta già presentata agli ucraini potrebbe bruciare tutti sul tempo".



    Ora, naturalmente si fa per parlare, e quel che scrivono i giornali è tutto da verificare...Ma se Pradè si fa bruciare dall'Atletico Mineiro per un giocatore di quel valore, è roba da matti.

    RispondiElimina
  30. ma infatti l'Atletico Mineiro dovrebbe avere fatto una proposta ancora più pulciara della nostra, tipo prestito gratuito, roba che gli fai "pussa via" solo con la plusvalenza di Compper...

    RispondiElimina
  31. Bati a parte, se ricordo bene è personaggio (non calciatore, s'intende) che alza il telefono non prima di aver emesso esosa fattura, il problema è un altro. Come diceva prima Deyna, la vera forza del dinamico duo è sempre stata il "genio". Che cos'è il genio? E' fantasia, intuizione, decisione e velocità di esecuzione (citazione colta, ndr). Le prime tre caratteristiche, i nostri, ce le hanno. Si scontrano tristemente con il quarto, essenziale, requisito. Causa assenza di dindi.

    RispondiElimina
  32. Come osservatore mi sembra meglio Bertoni di Bati.

    RispondiElimina
  33. Io ho letto, infatti, che l'Atletiico Mineiro lo ha chiesto in prestito

    RispondiElimina
  34. Come osservatore non so proprio, anche perché parla poco di giocatori e meno ancora di giovani, ma come "ambasciatore" sarebbe ottimo, in Uruguay è idolatrato come in Argentina! Bertoni invece ne capisce proprio molto, di talenti. Mendez avrebbe bisogno di un po' di ambientamento, andrebbe inserito per gradi, ma lo vedo già molto pronto per giocare un numero sempre crescente di partite da noi...Poi sarebbe in un ambiente ideale per imparare in fretta, sempre che Montella non lo "veda" come Rebic.

    RispondiElimina
  35. Questo ieri, non so se oggi offrono denari.

    RispondiElimina
  36. anche la viola sembrava l'avesse chiesto in prestito con riscatto, però magari noi mezzo milione ce lo mettiamo, di anticipo...

    RispondiElimina
  37. non ho idea, tempo fa mi sono visto su Youtube i suoi gol a mondiale e coppa america under 17, e davvero non è un livello che mi permetta di giudicare, né tantomeno di paragonarlo a Tevez, che a quell'età era titolare nel Boca (ma Bati ancora no, per dire). Comunque per me il giovane goleador uruguagio è da prendere a prescindere, nella serie A di oggi può essere un fenomeno. E Montella, con tutte le sue fisime, è l'allenatore perfetto per insegnare a giocare a ragazzi così, questo va detto.

    RispondiElimina
  38. Certo, oltretutto bisogna vedere se le notizie che sono uscite ieri ("Fernando preferisce l'Atletico Mineiro, che però chiede solo il prestito) sono vere

    RispondiElimina
  39. Per Deyna:

    http://www.violanews.com/news-viola/nazione-possibile-amichevole-contro-la-lucchese-ecco-quando-20140807/

    RispondiElimina
  40. Ah bene, cercherò di esserci, nel caso.

    RispondiElimina
  41. che lui se ne voglia andare da lì, anche perdendo qualcosa in termini di ingaggio, mi pare credibile, anche perché in una situazione del genere, per quanti soldi tu possa prendere, non sei neanche nelle condizioni di goderteli. Su tutto il resto, boh, chi lo sa...

    RispondiElimina
  42. Speriamo, perlomeno, che Cuadrado non sia venduto a peso.

    RispondiElimina
  43. non lo vedevi inchiattito?

    RispondiElimina
  44. Sì un po', ma da qui al giorno della vendita avrà già riperso tutto ahah

    RispondiElimina
  45. Lui vuole venir via (come tanti altri) e a tutti i brasiliani, specialmente quelli che sono andati in posti di merda, la cosa che piace di più è tornare a casa. Però sono anche attaccati al soldo e venire a Firenze è ben diverso che andare a Donets o come cazzo si scrive. Per cui credo anch'io che la lotta con l'Atletico Mineiro (che però ha risolto il contratto con Ronaldinho e quindi qualche soldo ce l'ha) sia solo virtuale, se si vuole vincere si vince. Certo se si vuole di regalo allora va a casa.

    RispondiElimina
  46. Probabilmente l'abbiamo già detto ma Cuadrado in tutto è stato pagato circa 21-22 milioni di euro, quindi è diventato l'acquisto più costoso della storia della Fiorentina (più dei vari Chiesa, Nuno Gomes, Gilardino e Mario Gomez).

    RispondiElimina
  47. appunto, dai. Se la loro offerta è il prestito gratuito, e vince, vuol dire che non siamo disposti a spenderci neanche la plusvalenza di Compper, appunto, e allora non interessa davvero.
    Il punto è che lasciar partire in prestito un giocatore pagato 11 milioni un anno fa non è una barzelletta. Cioè per noi sarebbe un affarone, ma bisogna che lui prema davvero...

    RispondiElimina
  48. Eh sì. Ma se lo vendiamo a 40 milioni, non passerà comunque gli 85 miliardi di Rui Costa. Altri tempi...

    RispondiElimina
  49. Lo si deve vendere a 50...

    RispondiElimina
  50. Penso che ai tempi uno venduto a peso sia stato Hulk

    RispondiElimina
  51. Tra l'altro, ironia della sorte, Manuel era costato, a 22 anni, quanto la prima metà di Cuadrado, pur essendo già allora un predestinato, titolare nel Benfica da 3 stagioni, e non un terzino scarso del Lecce...

    RispondiElimina
  52. Fossi il ds di una delle 3/4 grandi d'Europa Cuadrado mi potrebbe interessare, sì, ma più di 30 milioni non ce li spenderei mai. Poi ci sta di tutto, avvengono innamoramenti, spese pazze da parte degli sceicchi, ecc, ma il valore reale del giocatore più o meno lo vedo quello, e lì sono in sintonia con transfermarkt.

    RispondiElimina
  53. sono d'accordo, però affari come David Luiz, Lamela, ecc., dimostrano che vendere un giocatore ben al di sopra del suo valore di mercato è possibile...

    RispondiElimina
  54. cioè, 50 milioni per Benatia?

    RispondiElimina
  55. Intanto il made in italy trionfa ovunque:

    "Nello stabilimento Fiat di Kragujevac in Serbia (qui viene prodotta la 500L) gli operai sono entrati in agitazione contro le condizioni di lavoro giudicate sfavorevoli dal contratto. “Inaccettabili”, secondo il Consiglio anticorruzione serbo, il quale fa sapere di aver ricevuto solo una parte del contratto stipulato nel 2008 tra Fiat e Belgrado. Una mancanza giustificata dall’azienda con una nota sui «segreti industriali e commerciali cruciali per il successo della joint venture» impossibili da divulgare, confermata poche ore fa anche dal nuovo premier serbo Aleksandar Vučić, il quale in campagna elettorale aveva promesso che avrebbe reso noti i termini dei cosiddetti accordi segreti tra cui quello tra il governo di Belgrado e la Fiat. Passate le elezioni si è rimangiato la parola data sullo svelamento dei segreti della Fiat in Serbia: “Per quanto riguarda la Fiat, il contratto non verrà purtroppo reso noto. E’ l’accordo in cui lo Stato serbo ha speso più soldi” si è limitato a dire Vucic. Fiat Automobili Srbjia (Fas) pesa nell’economia della Serbia con più di 1,2 miliardi di euro investiti e oltre 3000 lavorati occupati. In un paese dove la disoccupazione è al 30% e solo a Kragujevac interessa 20mila persone, molte in cassa integrazione a 60 euro al mese. Per contro la FIat riconosce ai suoi dipendenti stipendi impensabili in gran parte dell’Europa e negli Usa, tra i 350 e i 400 euro al mese, questo nonostante avesse ottenuto all’atto del suo insediamento agevolazioni statali per 10mila euro per ogni posto di lavoro creato e un investimento iniziale serbo da 200 milioni oltre ai 500 per la Banca Europea di investimenti. La situazione dei lavoratori della Fiat a Kragujevac è fatta di ritmi ossessivi e bassissimi salari (poco più di 300 euro nelle qualifiche più basse per dodici ore di lavoro). Nel maggio dello scorso anno, un operaio era "esploso" durante il turno di notte danneggiando 31 autoveicoli per un ammontare di 50.000 euro di danni alla Fiat".

    RispondiElimina
  56. Certo che lo è, ma devi trovare appunto l'amatore, o il folle...Poi oddio, Lamela era un '92 reduce da un campionato da 15 reti pur non essendo una punta vera e propria, il Tottenham ha pagato anche la prospettiva...

    RispondiElimina
  57. Certo che Fernando sarebbe davvero un bell'acquisto...

    RispondiElimina
  58. Credo che di questi tempi abbiano da pensare ad altro ma dietro alle società ci sono spesso finanziarie che regalano poco. In prestito lo possono anche dare purchè oneroso e per niente vilio. D'altra parte tenere gente che vuole scappare può non essere un bel chiappo nemmen dal punto di vista economico. Però credo che un accordo, se si vuole, si può trovare, a livelli ai quali l'Aletico Mineiro non va e che non sono comunque esosi.Comunque non è Pelè, intendiamoci, è un buon mediano di corsa e quantità, giovane, come gioco ricorda Felipe Melo.

    RispondiElimina
  59. eh sì... Cioè, lo conosco poco, però per l'identikit che serve a Montella, cioè "mediano ma coi piedi buoni" mi sembra perfetto.

    RispondiElimina
  60. sì, beh, stiamo pur sempre ragionando di un affare a basso costo con Cuadrado che resta. A queste condizioni, Fernando mi sembra grasso che cola, insomma, l'alternativa è Kurtic, non Verratti...

    RispondiElimina
  61. Mi pare meno forte nel recupero palla [non che non lo sappia fare eh, anzi] rispetto ai vari Mauro Silva e Melo, ma abbastanza bravo nel far circolare la palla, oltre ad avere dei buoni inserimenti al tiro. Non avendo in ogni maniera un prezzo esorbitante, sarebbe un bell'acquisto. Anche mentalmente mi pare esserci, per quel che ricordo al Gremio e nelle partite che gli ho visto fare col Brasile. Penso che a Dunga possa piacere molto, impressione...

    RispondiElimina
  62. esatto, stiamo parlando dell'eventualità di prendercelo in prestito per una ciotola di riso, per sostituire Ambrosini e parzialmente Aquilani, in un contesto in cui non c'è un euro da spendere perché Cuadrado resta. Io la viola dell'anno scorso con un Fernando in più la guarderei molto volentieri, sinceramente.

    RispondiElimina
  63. comunque il clima sul sitone mi ricorda i romanisti medi a quest'ora l'anno scorso. Grattiamoci, ma...

    RispondiElimina
  64. vedo che sta tornando a girare, in qualche sito, l'affare che citavo l'altro giorno, cioè dar via Savic e prendere Manolas. Continuo a pensare che sarebbe potenzialmente un'ottima cosa (soprattutto se si riuscisse a fare un po' di cassa), dato che Manolas ha stessa età e ruolo di Savic ma esperienza internazionale ad alto livello e tigna in più. Mi pare strano che davvero si riesca, perché sembra lo cerchino in parecchi, però se davvero si riuscisse a fare questa sostituzione e guadagnarci, credo che dovremmo davvero dire bravo a Danieluccio.

    RispondiElimina
  65. Sopravvissuto7 agosto 2014 15:28

    Scirocco, leggerissimo. Calma piatta anche oggi......Meno piatte, al mare, fortunatamente....Notizie piatte per la viola.

    RispondiElimina
  66. L'ho visto troppo poco, ma tecnicamente c'è?

    RispondiElimina
  67. anch'io l'ho visto, la mia impressione è piede non finissimo ma ci si può lavorare. Come Savic, del resto.

    RispondiElimina
  68. Teniamo Savic allora, è anche già integrato...

    RispondiElimina
  69. La Lazio smentisce la trattativa per Balanta...

    RispondiElimina
  70. Manolas è più sicuro palla al piede e più in generale. La differenza è, secondo me, una certa tranquillità che al montenegrino sembra mancare. Di testa, nonostante le misure siano più o meno le stesse, si fa sentire di più.
    Potrebbe essere anche un futuro sostituto di Gonzalo, cosa che Savic non fa intravedere. Personalmente lo vedo più centrale che esterno di una difesa a tre, perché non è un fulmine. È destro come Savic, quindi, anche per lui, sarebbe limitante giocare a sinistra. Sarebbe un affare se nel cambio ci si guadagnassero anche tre o quattro milioni.

    RispondiElimina
  71. esatto. Per me Manolas non è di un altro livello, sta nello stesso ordine di grandezza di Savic, però alla sua età ha un mondiale e una Champions giocati da titolare con una certa personalità, che mi sembra lo facciano pesare di più. Insomma, la mia impressione è che peggio non sia, e forse anche meglio. Se ci si potesse raggranellare pure qualche soldino, come dice SOPRA, ci farei la firma.

    RispondiElimina
  72. Poi è vero che io ragiono sempre nell'ottica "ci vogliono due ottimi centrali" della difesa a 4, mentre forse Savic è più duttile per giocare a 3...

    RispondiElimina
  73. Mah, se dò via Savic - per il quale non stravedo e non ritengo adattissimo alla Maquina, sia chiaro - voglio un difensore che porti un bel miglioramento tecnico e in fraseggio, oltre ad essere più o meno equivalente in marcatura. A me questo Manolas non ha fatto una grande impressione in quel senso, e diffido in generale della "scuola" greca...

    RispondiElimina
  74. Però la scuola greca implica sputamento di sangue sul campo...

    RispondiElimina
  75. comunque in generale sono d'accordo con te, il mio era un ragionamento inscritto nel contesto "Cuadrado resta, l'unico altro che ha mercato è Savic, troviamo un sostituto all'altezza".

    RispondiElimina
  76. Non mi sembra che Savic si risparmi, i suoi attuali limiti son altri...

    RispondiElimina
  77. Beh sì, ma se devi venderlo per poi prendere un difensore che costa più o meno quanto lui e non migliora tecnicamente la difesa, non vedo il guadagno...

    RispondiElimina
  78. a guardare Transfermarkt ci guadagneremmo 7 milioni, metti anche che diventino 3 o 4, potrebbero essere il cartellino di Mendez... ;)

    RispondiElimina
  79. In che condizioni sarà Silvestre dell'Inter?

    RispondiElimina
  80. Deyna,Silvestre é il classico esempio di giocatore che disputa un paio di annate ad alto livello in carriera...ce ne sono a centinaia.Quelli buoni sono (secondo me) quelli continui;quelli che costantemente giocano bene,benissimo e al peggio sufficientemente.Per qualche anno.Il problema é che sono pochi.In ogni caso avete rotto i coglioni,anche in pieno agosto minimo un centinaio di commenti..Pollock chiudi per ferie,così fai contenti i gufi che ben conosciamo!

    RispondiElimina
  81. Silvestre ha fatto bene al Boca, a Catania, e anche a Palermo. E' stato progressivamente [neanche troppo] accantonato all'Inter, e non si è più ripreso, nemmeno in prestito al milan. Non so i motivi, ma è stato a buoni livelli per diversi anni, non uno o due. Fosse in condizioni decenti azzarderei una scommessa, perché lo prendi a poco o nulla ora, in diverse formule, e le qualità ci sarebbero.

    RispondiElimina
  82. Deyna, un colpo al cuore: tu quoque Osvaldino mio? http://www.violanews.com/altre-news/osvaldo-le-ex-squadre-cui-sono-piu-affezionato-espanyol-e-juve-20140807/

    RispondiElimina
  83. Sopravvissuto7 agosto 2014 20:06

    Silvestre? Mamma mia, saremmo messi male per tesserare un ex calciatore.
    Tutto lecito, DEYNA, ma sarebbe l'ennesimo che deve riscattare una stagione o due stagioni indecenti, soprattutto uno come lui per tentare l'assalto a una posizione utile per la CL?
    Spero nel libeccio, puntando la polena dello Swan verso Nebida...Magari un refolo, entro 24 ore, mi porta il nome (almeno quello) di un calciatore vero, non semi infortunato, non da ricostruire tecnicamente- moralmente- osteopaticamente....

    RispondiElimina
  84. Dopo Evra, Vidic, Cole e Marquez, anche Lugano sbarca in Italia: siamo diventati come il Qatar. Però non vedo i grattacieli col mare sopra.

    RispondiElimina
  85. Sopravvissuto7 agosto 2014 20:17

    Lo scrissi tempo fa, stiamo diventando la nazione di quelli che...il meglio l'hanno già dato.

    RispondiElimina
  86. Sopravvissuto7 agosto 2014 20:23

    Saluto con piacere VITA, e ricordo anche Keita...

    RispondiElimina
  87. Ennesima riprova caro Jordan, amara, ma riprova...

    RispondiElimina
  88. Si parlava di operazioni a basso o nullo costo, Silvestre mi sembra una scommessa accettabile, se va male non ci perdi niente o quasi, se va bene hai uno che da alternativa può diventare titolare, e di buon livello. Meglio lui imbolsito che spender soldi per Ogbonna!

    RispondiElimina
  89. Rabiot 7 milioni? I giovani francesi restano irraggiungibili come quelli italiani, a destinati perciò, come loro, a marcire sulle panchine delle grandi squadre, le uniche che possono permettersi quei prezzi, le uniche che non trovano posto in campo per loro. La fine di Giovinco...

    RispondiElimina
  90. Note swing nella notte. Agitazione nei poveri tifosi, inveleniti vieppiù. L'unico che ancora si controlla, guarda il mare, dall'isola lontana. Altalene di notizie, di impressioni, di comunicati, di minacce, sia nel mondo del calcio, sia nel mondo dei blog, dove si segnalano inquietanti presenze. Warm bodies, Fuori Legge, Stra(Ta)vecchio. Andiamo per ordine:
    Notizia 1: Basanta non giocherà, in Spagna. Il visto non arriva prima di settimana prossima: speriamo che, almeno, sia visto da comunitario. Non un gran problema, ma un po' innervosisce.
    Minaccia 1. Le nove dissidenti vorrebbero, neanche tanto velatamente, Tavecchio ed Albertini fuori dai piedi. Minaccia a vuoto, direi. Il primo continuerà fino alla presidenza, il secondo fino alla figuraccia. Ma potrebbero proporre un nome, o pare brutto? Commissario, il mio profeta (del gol?).
    Minaccia2. Gat ed il resto del sitone. Minacce variegate e variopinte, condite da parvenze linguistiche dotte. Più passa il tempo e meno li capisco, i poveri warm bodies. Ma smettere di reagire e passare al messaggio successivo, non è meglio?
    Impressione 1: Il buon Traversi sbaglia molto, nel definire Gonzalo. Ma non tutto. Trattasi di grande regista difensivo, con ottima visione di gioco e piedino di precisione, ma di marcatore appena normale. Si salva, quasi sempre, con l'anticipo: se però la condizione scade più del lecito, tende a ricordare troppo da vicino il ben conosciuto piatto natalizio. Deve essere, necessariamente, spalleggiato da almeno uno che abbia tanto pelo sullo stomaco e paura di nulla. Non credo che Savic sia adatto. Lo sarà, probabilmente, tra qualche tempo. Ma non adesso. Manolas? Non so. Non so proprio. Ambirei a qualcosa in più.
    Notizia 2. I warm bodies (me compreso), però, qualcosa fanno. Nonostante la preoccupante presenza di capponi, tigri e vespe (?), si ostinano ad assiepare le gradinate dello Stadio a Marte intitolato, quasi come negli anni belli (18.500, con tendenza ai 21.000 finali). Del resto, in tempi assai lontani, al dio guerriero era dedicata l'intera città. Popolo di combattenti, dovremmo essere, non di chiaccheroni. Alla pugna, alla pugna! In nome del terzo!
    Impressione 2. Fuori Legge (e fuori tema): verdicchio 100%, 12.5 gradi, con tendenza al più alcolico, un po' fuori zona, per essere Verdicchio (da qui il nome). Area del Conero (Ancona), gran bel vino da pesce. Niente a che spartire con l'amorfo "Verdicchio di Jesi".
    Stasera poca attività (sempre che 95 post possono ritenersi poca attività), invece il "Fuori Legge" si sta dando da fare. Eccome. Allegria diffusa, niente cerchio alla testa, sembra davvero un buon vino. Lascio la bordolese sul tavolo, vuota. Se qualcuno volesse informazioni, può leggere l'etichetta.
    E buona notte a tutti.
    ... "I'm a cowboy, on a steel horse i ride - I'm wanted, dead or alive"...

    RispondiElimina
  91. Ecco, adesso che so che Ljuka conosce pure Bon Jovi ( e quindi il rock in generale) posso pure meditare la fuoriuscita dal blog per mancanza di originalità di argomenti. Intanto chiudo. Le chiavi non le lascio da nessuna parte, tanto ero entrato spadinando la serratura.

    RispondiElimina
  92. Non sottovalutare la musica, Sopra. Tutta quanta. Per noi poveri, giovani, proletari era l'unico modo per competere con i più belli e con i più abbienti. Una chitarra (meglio due), un fuocherello sulla spiaggia ed annullavamo tanti dei vantaggi che madre natura e padre ricco sfondato avevano dato ai più fortunati.
    Ringrazierò sempre Guccini, Battisti, Led Zeppelin, Bon Jovi e Paolo Conte, per avermi aiutato. Un percorso andato, ma ricco di soddisfazioni ..."vecchia pista da elefanti, stesa sopra il Macadam"...

    RispondiElimina
  93. Ok, errore. Si tratta di Foco. Solito scherzetto del sito. Perdono.
    Il succo non cambia, però.

    RispondiElimina