.

.

sabato 5 maggio 2012

Salentoshining


Chissà come ci accoglierà quell’orco roco di Serse, se lo farà con il fucile a canne mozze o con un più invitante riso, patate e cozze, cioè, se riuscirà a sfruttare le nostre difficoltà, o rimarrà fregato dalla reazione di chi non ha gradito il riso, puntate e botte di quel maestro di calcio e pugni di un Delio. Insomma, se lo farà solo con la coppola o anche con una scoppola, e già lo vedo coccodrillo, anzi alligallenatore semi sommerso con gli occhi semichiusi, cercare di condirci con olio di semi e schemi, fino a far schiumare di rabbia agonistica la sua squadra, e se vogliamo essere semiseri almeno per una volta, bisognerà prepararci a tutto, sì, alla tortura di una partita tremenda, e anche al sale nelle ferite, anzi al Salento come a uno stillicidio lento di emozioni, di gran moda e di grande corsa, che crede ancora nella rincorsa, e ancora di più quando a via del Mare si presenterà una Fiorentina, che anche se non è una provinciale è comunque una squadra macerata nel caos e nello sbigottimento dei proprietari originari della provincia di Macerata. L’aspetto positivo, se proprio ne vogliamo trovare almeno uno, e io lo voglio almeno quanto l’erba voglio, è l’assoluto pronostico a sfavore e la partita in trasferta, due ingredienti che la Fiorentina ha mostrato di gradire almeno quanto io il riso, patate e cozze di quella magnifica terra di Puglia. Noi però, insieme alle difficoltà abbiamo anche la possibilità di mettere la parola fine a questo campionato duro come una marcia per chi non è allenato, per cominciare a ricostruire con gli occhi di Macia, dopo che la partenza di quel macio di Delio ci ha lasciato le macerie di un mercoledì da coglioni, e possiamo cominciare a farlo proprio oggi davanti alle masserie intonacate in calce bianca, sperando di dare finalmente un calcio anche a una stagione maledetta, dal Chianti al Salentoshire, dagli schianti di Rossi direttamente dentro a una partita nella quale speriamo solo di non schiantare. E giochi di parole a parte, che si giochi, perché il Lecce è comunque in calo e lo ha mostrato nelle ultime apparizioni, oggi oltretutto ha un solo risultato su tre, e quindi dovrà gioco forza rischiare, mi auguro e credo che Guerini bagni il suo esordio sulla panchina Viola con una vittoria, se lo meriterebbe lui e ce lo meritiamo noi, mi verrebbe voglia anche di fargli un applauso per quello che ha sempre dimostrato di provare per la Fiorentina, se non ci fosse il rischio serio che mi prenda a cazzotti, che poi lo esonerino, e che i tifosi esasperati per tutte queste mezzeseghe che applaudono, aprano una petizione per chiamare sulla panchina quel gran mite di Steven MezzaSegal. 

57 commenti:

  1. Chiarificatore5 maggio 2012 08:40

    Buona, Poeta, quella del mercoledì da coglioni,o meglio, da fascisti, come è fascista il grandissimo regista del film al quale alludi. E pensa che a sostenere la pazzia di Delio ed a far finta di scandalizzarsi per i presunti insulti di Lijajc son proprio quelli  che dell’insulto all’interlocutore fanno il loro modo di discutere.  Io mi aspetto una squadra compattata da quanto è successo, che certamente ha reso zimbello del mondo il nostro ex-allenatore, ma per fortuna ha evidenziato una società, la Fiorentina, e l’insieme dei suoi calciatori, certo sconcertati ed allibiti, ma soprattutto seri, equilibrati e capaci di reagire, i secondi, già sul campo contro il Novara, e  decidere, la prima,  le cose giuste, in ultimo inducendo la famiglia Lijajc a rinunciare ad una azione penale che avrebbe avuto un esito scontato ma che avrebbe distrutto un uomo che tutto sommato non la meritava.

    RispondiElimina
  2. Colonel Blimp5 maggio 2012 09:26

    Arrigo Sacchi ha parlato di violenza figlia dell'ambiente fiorentino, caro Chiari, e io mi trovo tanto d'accordo che ne avevo parlato fin dal mio primo post sulla striscia delle pagelle a Fiorentina-Novara. Poco fa scherzavamo, sotto il precedente pezzo, intorno al libro inginocchiato per Segnamai, ma tu capisci quanto sia difficile lavorare in una piazza dove si esprime un'inaudita virulenza verbale nelle bocche (più o meno «finite»...) dello stesso gentil sesso, quale quella che ha aggredito ieri Deyna, una piazza in cui il culto della personalità (scadente, come ogni oggetto di culto della personalità) fa sì che dopo tre anni che è partito ci s'impegni a cercar peana, obliterando i guai viola e anzi desiderandoli come controprova, per un poraccio che non la butta dentro nemmeno se gliela stoppi sulla linea di porta e per un altro che da due anni gioca altrove con la testa e a Firenze porta solo casini e malo esempio. I commenti sotto le pagelle dopo ogni partita sono per due terzi dedicati a insultare il prossimo, a decantare assenti (e talora assenti anche quando presenti), ad attaccare il viola in ogni sua manifestazione d'essere, a teorizzare il tifo contro. Allo stadio non va nessuno ma quando si tratta di pescar nel torbido le utenze fanno scoppiare i blog. C'è una logica borderline del «tutto o niente», per cui se non vinci le prime tre partite del campionato parte subito l'assalto alla diligenza, preferendosi l'annientamento grandioso, l'incendio di Atlanta a quello che sembra piccolo cabotaggio (Firenze vuole solo la vetta, chissà perché, visto che da più di quattro secoli non conta un piffero, su qualsiasi piano: ma Giotto, Brunelleschi e Michelangelo hanno parlato, con roca voce d'oltretomba, al medium e imposto di continuare la lotta, evidentemente...). Sto parlando di delirio collettivo, lascio da parte ciò su cui c'è ormai bibliografia sterminata, l'uso del blog come inconscia autoterapia a tentoni per piscopatologie di diagnosi facillima al primo post.

    RispondiElimina
  3. Quella che ha aggredito verbalmente Deyna sul sitone non mi sembra venga da Firenze, il libro su Pazzini e l'intervista son di due anni fa, quindi non ci s'impegna a cercar peana adesso, ma, caso mai, solo quando poteva valer la pena editorialmente, cioè col giocatore rilanciato e sulla cresta dell'onda (due anni fa), come è regola persino abbastanza ovvia. L'atteggiamento medio del tifoso fiorentino è invece vero, è quello descritto, purtroppo, ma ci metterei anche quelli che pigliano le fissazioni contro questo o quell'altro, senza preoccuparsi se castrano la squadra degli elementi migliori o li mettono in condizioni di non dare il meglio o di avere l'alibe per farlo. Siamo vincoli e sparpagliati come diceva Pappagone, ma soprattutto rissosi (fortunatamente prevalentemente a parole), un popolaccio e mi dispiace perchè gli voglio bene.

    RispondiElimina
  4. Colonel Blimp5 maggio 2012 10:27

    Caro Jordan, lascia perdere il dove che tizio o caio si accredita, tu sei un ingenuo, sei un buono... Sì, il libro è di due anni fa ma la follia del culto di personalità continua imperterrita e nociva, come puoi leggere ogni giorno. Infine, che vuoi, Jordan, bisogna nascer pur da qualche parte e noi siamo di qui, dunque dobbiamo amarci: difficile però, farlo con chi opera instancabilmente contro quel che ami e che lui dovrebbe amare.

    RispondiElimina
  5. Colonnello, una soluzione c'è: fai come me ed altri, taglio netto col sitone (che ormai leggo solo per le notizie), voltare pagina e andare avanti!

    RispondiElimina
  6. Colonnello, una soluzione c'è: fai come me ed altri, taglio netto col sitone (che ormai leggo solo per le notizie), voltare pagina e andare avanti!

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore5 maggio 2012 11:38

    Jordan a me pare che tu stia mettendo sullo stesso piano cose che sullo stesso piano non ci stanno. Un conto sono le critiche, i “perculeggiamenti”, stile Deyna, Colonnello, Terim, ed anche i fischi, qualche vola anche da parte di chi lo stima come calciatore, rivolti a Montolivo per certe sue prestazioni incolori e soprattutto per la sua farsa, tutte cose che capitano anche nelle migliori famiglie, tanto più tenendo conto che nella famiglia Fiorentina  il Monto è stato trattato con i guanti fino all’ultimo,nonostante tutto. In ogni caso,tutte cose che non si sono mai  manifestate, neppure verbalmente, in  odio. Altra cosa sono, non solo l’ostilità ma anche l’odio immotivato, manifestati persino preventivamente nei confronti di Sinisa, poi di Corvino, ora di Lijajc, ed ancora più immotivati, stupidi ed autolesionisti, da tempo, nei confronti dei DV.

    RispondiElimina
  8. Chiari tu non vivi a Firenze quindi penso che sottostimi certi fenomeni e atteggiamenti contro questo o quello che non si limitano certo alle diatribe epistolari di qualcuno di noi che hanno ovviamente ben poca importanza nel globale. Tra Sinisa e Corvino c'è una bella differenza, Sinisa è stato contrastato preventivamente e continuamente da grossa parte dei tifosi, cosa che non è successa affatto con Corvino, attaccato invece a posteriori e, secondo me, alla fine con buona ragione. Ljaic è un po' il capro espiatorio (e ci ha messo del suo per esserlo) del malanimo contro la squadra. Non ha fatto in fondo gran che, almeno non tanto da meritare tali levate di scudi. Se Delio lo avesse mandato a fare la doccia con gesto imperioso ma senza trascendere se ne sarebbe già smesso di parlare. Sull'atteggiamento contro i DV hai invece ragione in pieno, è figlio di delusione ma anche quasi di un odio di casta per il ricco ed il potente che a Firenze, città in fondo proletaria, alligna per DNA.

    RispondiElimina
  9. Una rafrica di considerazioni dal nostro corrispondente in Africa


    Buongiorno a tutti
    colgo lo spunto del Colonnello per denunciare quella che,per come la vedo io,e'una situazione di stati d'animo che deve necessariamente allertare.Hai ragione,il clima,da tempo,e'tutt'altro che buono.Noi siamo nati in era dove il Presidente,modesto o ricco,era colui che ci metteva il grano e noi tifosi si poteva anche contestarlo,ma tutto finiva in chiacchere al bar Marisa,o al mitico Chiosco degli soportivi.Con Desolati,o Bati,si andava lo stesso.Ho l'impressione che il"tifo"voglia o abbia gia' preso il sopravvento sulle legittime decisioni,giuste o sbagliate,della societa',quando dovrebbe si commentare,anche prendere le distanze se non e'd'accordo,ovviemante coi mezzi civili e di rispetto possibili,ma qui e'in atto una violenza verbale che mi pare soppressa perche'si e' sfiorata piu'volte un'aggressione verso i DV.Da Prandelli in avanti,c'e'divisione in tutto,se uno la pensa diversamente viene insultato,non c'e'piu'unione di intenti che dovrebbe portare all'unico denominatore comune:la Fiorentina.
    C'e'una rissa costante e devo dire che il sito sembra gestito apposta per dividere,vedasi l'ultimo sondaggio.
    Sono stato definito vedova di Sinisa,solo perche'lo stimo,e molto,come persona,pur riconoscendo che ad un certo punto la squadra non lo seguiva piu' e l'allontanamento allora fu anche da me ritenuto giusto.Ma il temp,galantuomo, ha dichiarato che la squadra non segue nessuno.I DV,sono quasi stati costretti dalla piazza ad assumere Rossi,che era si'la migliore scelta allora,ma se avessero preso un altro,nel pieno loro diritto,sai che casino!Ora c'e' la petizione per Rossi,allucinante,e molte altre cose verranno.Se venisse davvero preso in considerazione l'ipotesi Prandelli,che mi auguro proprio di no,sara'solo per tenere a bada gli urlanti e i casinari.Chiunque verra' di quelli alla nostra portata,ci sara' sempre qualcuno che belando,scrivera'le magnifiche gesta del Santo,un altro che dara'di mamma Ebe al DS di turno perche'non ha scovato il giocatore emergente di cui ora ignora il nome,ma che presentera'puntuale il prossimo anno.Depositari della verita' assoluta,che rifuggono contraddittori tecnici,perche'non ne hanno lo spessore,con la  malcelata e sprezzante arroganza di chi per farsi leggere,deve insultare e sgomitare senno'non li caca nessuno.Questo e' il livello del tifo,sul sito,senza contare quanti hanno minacciato Ljiajc,e quanti vorrebbero trovarsi di fronte Sinisa(non da soli pero'..ah ah)Allo stadio e segnatamente il parterre,e'ancora piu'violenza,con cori aberranti di tutti i generi.Ljiajc ha sbagliato,e molto,nel suo atteggiamento,ma chiedetevi se oggi puo'andare libero a fare due passi in centro.
    C'e'in agenda: nuovo allenatore,DS,Mercafir.Ditemi voi se non sara'una polveriera.
    Mah,se fossi nei DV,ci penserei bene  a stare in paradiso a dispetto dei santi.
     
    Forza  Viola sempre e comunque,forza Vincenzo.
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  10. Chiarificatore5 maggio 2012 12:52

    L’unica cosa di quanto dici, Jordan, che me la sento di contestare pur non vivendo a Firenze, è che l’odio verso i DV sia proletario. E’ un odio del ceto medio, piccolo borghese, come si diceva una volta, dei  bottegai , dei piccoli imprenditori di bassa lega e sostenuti da scribacchini e/o sfigati di infimo livello, incapaci di uscire tutti, culturalmente ed economicamente, dai confini sempre più asfittici del municipalismo e del localismo, quindi frustrati ed aggressivi nei confronti di chi ha saputo farlo alla grande e, vade retro!, viene a farlo in casa tua.

    RispondiElimina
  11. Colonel Blimp5 maggio 2012 13:24

    Temo che l'interpretazione jordaniana, che tu correttamente correggi, a mio avviso, sul piano sociologico, un'interpretazione tra bourgettiana (= les pauvres méritent d'être pauvres») e scheleriana (= das Ressentiment im Aufbau der Moralen), muova, o Chiari, dal destrismo politico, dal conservatorismo ottocentesco del nostro peraltro ammirevole amico.

    RispondiElimina
  12. Colonel Blimp5 maggio 2012 13:29

    Lele, l'incapacità di articolare un discorso tecnico, surrogato dall'abbaiar bavoso con accento di gorgia, è il peggio, in effetti, ma è anche alla base di tutto, perché i competenti sono sempre garbati e dialettici, è l'ignorante che bercia per coprire il difetto di ragioni. Attualmente si leggono sul sitone due stupende focalizzazioni dalla tastiera di Vitalogy (un altro che aspettiamo qua a gloria) e di Deyna: te le raccomando.

    RispondiElimina
  13. Colonel Blimp5 maggio 2012 13:44

    Apprendo in tempo reale, dal paese del Cioccolato e degli Orologi, che «non si condanna una persona per un quarto d'ora di follia»: bisognerà darne notizia al legislatore, in modo che proceda a opportuna riforma dei Codici. Inoltre, per quanto Crepet ce faccia ride e de gusto, quel che dice da sempre sulla gestazione e sui sottili «segnali» prodromici della follia è ormai una banalità acquisita in psichiatria, da cinquant'anni a questa parte, che però tarda a imporsi nella coscienza comune (cfr. dichiarazioni della vicina, «una così brava persona, sempre a salutare togliendosi il cappello quando lo incrociavi per le scale!», del preside «una ragazza studiosa, che non ha mai dato problemi, rispettosa degli insegnanti e dell'istituzione», del capufficio, «un impiegato modello, mai un ritardo, correttissimo coi colleghi»). In compenso, se non schiacci una mosca ma fai un'intervista su Arkan, che ti ha salvato la famiglia, oppure parli per metafora di calci in culo nello spogliatoio ai lavativi, allora sei l'ultimo essere della terra, sei lo zingaro, il teppista, lo stragista.

    RispondiElimina
  14. L'affetto e la stima sono legati ai risultati, fin quando ci sono stati qualsiasi tifoso avrebbe fatto da scendiletto a questa proprietà, da quando sono venuti meno (per scelte anche cervellotiche) e mancano da due anni ormai, l'umore nei confronti della dirigenza è cambiato. Non siamo passati dalla champions ad un 5°-6° posto ma alla lotta salvezza alla penultima giornata, la forbice è troppo ampia perché qualcuno possa comprendere e sopportare, è anche una questione di cultura sportiva, assente o quasi in Italia. A me dell'esonero di Prandelli è importato il giusto, è quello che ne è seguito che non è comprensibile, accettabile, gli errori (alcuni gravissimi) si sono reiterati fin quando non ci siamo trovati dove siamo oggi. C'è un limite anche alla buone fede, dopo si passa alla totale incompetenza ed il fatto che ci rimettano balle di milioni non mi fa certo piacere. I soldi sono loro, così come le scelte, credo che ognuno abbia il diritto di dissentire, lo ripeto, è sparito tutto quello che eravamo due anni e mezzo fa e non perché è stata sbagliata UNA campagna acquisti o perché si è puntato sul cavallo sbagliato (oddio, anche quello con il serbo) ma perché la summa di errori ha raggiunto un livello che quello che ne è scaturito dopo altro non è che una naturale e fisiologica conseguenza. Non amo guardare indietro, sono capace di azzerare tutto purché veda la volontà di cambiare direzione, non a parole. Di quelle se ne fa a meno ormai. 

    RispondiElimina
  15. Lo sapevo che a toccarvi il proletariato era come scuotere un nido di vespe. Destrismo politico e conservatorismo ottocentesco, non mi offendo per nessuna delle due definizione che hanno i loro lati positivi, come tante altre. C'è anche quello che dici tu, Chiari, in fondo se mi parli di Firenze bottegaia non si è molto lontani o cos'è il proletariato oggi?  non c'è mica la FIAT a Firenze. Quello che volevo dire che l'avversione per il padrone con i soldi è fenomeno di massa, magari diretto e cavalcato da un elite di rosiconi, ma troppo diffuso per rimanere elitario.

    RispondiElimina
  16. Colonel Blimp5 maggio 2012 14:12

    Ho una gran simpatia per la Destra Liberale ottocentesca, Jordan, e hai ragione per non offenderti perché offesa non c'era né poteva esserci (vedremo di trovarti una cella comoda, dopo il Gran Giorno: ahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  17. Colonel Blimp5 maggio 2012 14:19

    Tocca, guarda che è Deyna che ti ha appena citato sul sitone, e giusto sopra un post di Aldo in vena di classifiche ungulatorie! Pericolo totale, allarme rosso! Indossare gli scafandri! Rossi-Corvino-Montolivo-Pazzini für ewig, anche quando l'uomo sarà sbarcato su Plutone!

    RispondiElimina
  18. Colonnello, il Tocca ora sarà in tutt'altre faccende affacendato, in arrivo a Lecce. Gat ti sta riabilitando un po' alla volta, ora ce l'ha con Vitalogy (bella però quella del nick che termina con lettera dell'alfabeto greco!), da ora mi firmerò Orciø, cosí sarò lo scandinavo.... Sul tifo fiorentino penso che l'anarchia e l'essere sempre contro tutti, anche contro sè stessi, sin dai tempi del medioevo, faccia di Firenze una piazza sempre più ostica e complicata. E mi preoccupa che se la voglia passa definitivamente a chi ha messo soldi e pagato regolarmente giocatori, rimanga poco altro con cui elevarci da questa mediocrità tra metà classifica e lotta per non rtrocedere. Concludo, notando che ultimamente i rapporti si sono imbarbariti di parecchio, episodio Rossi-Liajic, sputi alla dirigenza fino ai toni da arena del sitone...

    RispondiElimina
  19. Salentoshining. ci metterei il faccione di Corvino nella foto, che sorride soddisfatto del misfatto. Datemi un Di Michele qualsiasi ed espugnerò Lecce!

    RispondiElimina
  20. Si avvicina l'ora fatidica della pugna, procediamo con la foto scaramantica di rito!
    Quanto mai necessaria, perché oggi, messi come siamo, per scamparla ci vuole un gran [vedi sotto]

    RispondiElimina
  21. Meno male che sei tornato sulla retta via, dopo tutti quei film di buhi!

    RispondiElimina
  22. Concordo, Jordan, e in più aggiungo che l'ultimo mercato del Corvo ha influito negativamente pure nell'eliminazione odierna della Primavera. Con Salifu ed Acosty probabilmente non saremmo stati eliminati anzi, non avremmo neppure dovuto fare i play off.

    RispondiElimina
  23. Chiarificatore5 maggio 2012 20:00

    EEEEEEEEVVVVVVVVVVAAAAAAAAAAIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!! La compattezza che mi aspettavo!!! Bravi ragazzi, oggi eroici, tutti, Cerci instancabile, inesauribile  e devastante!!!!! Fiorentina commovente!!!!!!  

    RispondiElimina
  24. Grande Vincenzo!!! Senza attaccanti lui vince, altri perdono!!! Senza Jovetic altri non hanno mai vinto, lui lo ha fatto alla prima. Grandissimo!

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore5 maggio 2012 20:04

    Inoltre, Deep, ha indovinato la mossa Marchionni, coraggiosa in quel momento e premiante.

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore5 maggio 2012 20:08

    Se lo merita Guerini questo successo, per quello che ha dato, per quello che ancor più avrebbe dato come calciatore, per quello che rappresenta e per quello che continua a fare per la Viola.

    RispondiElimina
  27. Deep stasera la tua vena polemica e provocatoria è del tutto fuori luogo. Pensiamo a godercela che per quest'anno è finita. Del prossimo turno importa il giusto, la testa adesso va a Giugno. Vediamo se l'hanno capita e la lezione è sufficiente. 

    RispondiElimina
  28. deep sarebbe da inventare se non ci fosse...

    RispondiElimina
  29. E' bastato Cerci, ma quando l'ho scritto non era nemmeno sicuro che giocasse. Han finalmente dato tutto, anche se alla fine sembravano più una succursale del Palagi che una squadra di calcio.

    RispondiElimina
  30.  Pollock si è trattenuto dall'ironizzare sull'ora della pugna, stiamo scoprendo un signore. Jordan, in realtà volevo proporre il culo flaccido di Ugo Tognazzi, ma fortunatamente la rete mi ha voltato le spalle. Anyway...Salvi! Simulo entusiasmo, ma tranne un sospiro di sollievo e un "evvai!", questa partita non mi ha smosso molto. Sarà perché sarebbe stato il colmo retrocedere? Comunque sono contento per Guerini, che quando era nel pieno della carriera di allenatore avrà sicuramente sognato la panchina della Fiorentina. Gli resterà sempre il bel ricordo di averci condotto alla salvezza, fuori tempo massimo per lui.

    RispondiElimina
  31. Se ci mettevi il culo di Tognazzi quel colpo di testa sull'uscita  a farfalle di Boruc finiva dentro ed eran cazzi acidi.

    RispondiElimina
  32. Dai su, Leo, non volevo fare polemica, volevo solo divertirmi un po' con te, lo sapevo che avresti abboccato eheheheheh.
    Hai ragione, Chiari, pensa che io ho pensato "ma che cacchio fa questo?" e lo stesso pensiero mi è venuto pure all'uscita di Montolivo, mi aspettavo Salifu in tutti e 2 i casi invece ripensandoci le mosse erano quelle perché noi si giocava talmente chiusi che un incontrista non sarebbe stato troppo necessario, mentre invece gente dinamica e veloce e tecnica come Marchionni e Lazzari ci potevano senza dubbio essere più utili nei capovolgimenti di fronte.

    RispondiElimina
  33. Mi sento un po' come descrive Deyna, contento soprattutto per l'incubo di un anno così messo oramai alle spalle. Da ottimista e forse anche un po' facile all'illusione, spero ora di avere a breve annunci di nuovi protagonisti nella conduzione sportiva della società. Cognigni. I sa che dovremo sorbircelo, speriamo che scompaia dalle cronache e che gli venga tagliata la lingua (tipo per affermazioni come quella su Montolivo ad inizio campinato, "la arsa è finita"). Come dice il saggio Jordan, dall'alto in cascata avremo le conseguenze di allenatore e rosa per il prossimo anno. Un dato di fatto è che la nostra difesa non è poi composta da interpreti così scarsi. Il centrocampo è invece da rifondare mentre l'attacco da costruire, dato che son due anni che siamo gravemente mancanti di giocatori davanti. Un plauso al Cerci delle ultime uscite: dopo la bischerata contro la Juve e la rabbia di noi tifosi ha mostrato carattere e abnegazione per cui spero che forse non sia dotato di un solo neurone (perché la classe è davvero tanta)

    RispondiElimina
  34. Ora speriamo che vengano ufficializzati al più presto DG, DS e allenatore!!!

    RispondiElimina
  35. Orcio Cerci è ottimo giocatore da contropiede, da ripartenze come si dice adesso, o comunque di movimento, quindi anche la sua utilità dipende da che tipo di gioco si fa e da che allenatore viene. Fossi lui andrei anche gratis a giocare con Zeman, ad esempio. Ci vogliono due centrocampisti forti e due attaccanti forti. Indietro son d'accordo con te che non ci vorrebbe poi molto. Terrei uno dei due portieri, prendendo un panchinaro affidabile, non pagherei 5 milioni per il riscatto di Cassani perchè è  troppo, e terrei De Silvestri recuperando Piccini mentre darei Romulo a Zeman e vedresti cosa ne tira fuori. Dei centrali terrei Felipe che ha altri due anni di contratto, è difficilmente piazzabile e non è affatto male,  i giovani e Babbo Natali (o altro, nuovo, esperto ed affidabile). A sinistra Pasqual se non si trova di meglio. Nel mezzo ce ne vogliono due buoni da aggiungere a Behrami, ma per sapere chi e con quali caratteristiche ci vuole l'allenatore. Lazzari lo terrei ma non per la formazione base, mentre non confermerei Kharja. Davanti c'è il problema ma ci vogliono due punte da trenta gol complessivi e, ammesso che uno possa essere Jovetic, ce ne vuole almeno un altro. Cerci, Olivera e lo stesso Amauri se si contentasse di un contratto onesto, potrebbero solo completare il reparto.

    RispondiElimina
  36. Jordan, visti i problemi di budget che probabilmente avremo per il prossimo mercato, mi sembra che dalle tue indicazioni con Zeman avremmo buona parte dei giocatori pronti per il boemo...:-)))))))
    Cassani dopo le ultime prestazioni non lo riscatterei, troppo impreciso in un ruolo come il suo, Pasqual dall'altra parte mi sembra meglio. Però su questo dipenderà come giocheremo il prossimo anno dietro: se a 3 (o 5) Cassani è poco efficace, meglio Lollo, mentre Felipe ritornerebbe in auge. Se dietro a 4, Cassani fornisce buona copertura, migliore di De Silvestri, e Felipe sarebbe più rischioso. Insomma, deciso l'allenatore, ne sapremo di più su chi va e chi resta.

    RispondiElimina
  37. Il problema è che Firenze non è pronta per il boemo e nemmeno i padroni. Se c'era quest'anno non durava più di un mese. Mi tenterebbe da un lato, ma dall'altro avrei una gran paura. Ci vuole tutta gente convinta, seria e che ci creda, quindi pochi nomi illustri e qui si comincerebbe subito a storcere la bocca. Se poi si partisse male, addio fichi.

    RispondiElimina
  38. Jordan, nomini due volte Zeman...non è che, sorprendentemente, aderisci anche tu alla "petizione" per portarlo a Firenze?!

    RispondiElimina
  39. In questo momento la società ha bisogno di persone competenti che sanno di calcio e sanno gestire un ambiente complicato e da rimotivare come quello fiorentino. I Dv mi sembra, e giustamente, sono orientati in primis ad uno-due profili gestionali. Da questi dovrebbe partire la scelta di un allenatore con tutto il pedigree desiderato dalla filosofia dellavalliana (correttezza, pacatezza, cuore, dedizione, ecc). Per le suggestioni proposte da blimp, mi intrigherebbe l'idea di Zeman, ma penso che sarebbe una scelta che brillerebbe troppo di luce propria, mentre se rifondazione ci sarà, e lo spero, partirà sicuramente dai piani sopra a quelli dell'allenatore.

    RispondiElimina
  40. Colonel Blimp6 maggio 2012 00:05

    Mi convince di più l'argomentazione di Orcio che quella di Jordan, intorno a Zeman: ricordo comunque che mi schiaccio su Pollock (ahahahahahahah!) per la questione zemaniana solo perché le mie prime due scelte, Spalletti e Mazzarri, sono inattingibili per varie ragioni.

    RispondiElimina
  41. Colonel Blimp6 maggio 2012 01:47

    O Deyna, Il Dubbio Delle Certezze sklera di brutto perché ho dato un sei tirato al Melenso mentre dovrei attenermi alla Media Orwelliana di 6,38 degli utenti (ma intanto siamo scesi a 6,30... Perché le statistiche variano, perché, corpo di bacco? Fermatevi al 52% per Hollande, please! E tra sei mesi voglio vedere se Carlà non ha già mollato lo sgorbio): se vede il tuo 5,5 sono cazzi amarissimi, fo pè dittelo... Volevo dire a Jordan, Pollock e a tutti coloro registrati sul sitone: ma non potete invitare voi, per posta, Vitalogy, Re Nudo e tutti quelli ganzi e civili che sapete? Mi resta un'insoddisfazione a non averli qui.

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore6 maggio 2012 08:26

    Vorrei che qualcuno segnalasse alla  Società quanto questo blog, con gli splendidi culi, rigorosamente di donna, continuativamente e tenacemente pubblicati con sprezzo del pericolo (censura), abbia contribuito alla salvezza della Fiorentina. Ci pensi tu Pollock? Magari ci scappa un compenso o almeno un pubblico riconoscimento, che so, al Franchi prima della partita contro il Cagliari.

    RispondiElimina
  43. Il problema non è certo la prova di un giocatore che probabilmente non vedremo più in campo con la maglia viola, dire a questo punto "chi se ne frega" avrebbe certo senso. Visto però che si parla di calcio e di calcio si emettono giudizi ha un senso evidenziare chi dà l'impressione, da tempo, di emetterli precostituiti. Per postulato tutto quel che fa quel giocatore va diminuito e questo a chi si sforza di giudicare con obiettività (ho detto si sforza, non che gli riesce) non può andar bene. Dare l'insufficienza o quasi a Montolivo ieri, dire che nel primo tempo si ripartiva bene per merito di Kharja e Behrami, dire che il tiro che ha neutralizzato Benassi era "scolastico", vuol dire essere prevenuti, come da tempo. Il che poco ha a che vedere con l'intendersi o  calcio, ma, caso mai, con la mentalità più o meno passionale, più o meno razionale.

    RispondiElimina
  44. Secondo me ieri più o meno hanno avuto lo stesso rendimento, se dovessi dirne uno meglio dell'altro direi Montolivo ma niente di particolare.
    Toto DG: Oriali
    Toto DS: Sartori
    Toto Allenatore: Pioli
    4-3-2-1 di Pioli:
    Boruc, Cassani, Natali, Nastasic, Pasqual, Behrami, Lodi, Gargano, Ramirez, Jovetic, Quagliarella/Matri (uno dei 2)
    Neto, Piccini, Camporese, Hegazy, Dramè, Salifu, Romizi, Pizarro, Olivera, Barrientos, Gabbiadini.

    RispondiElimina
  45. Concordo a grandi linee con Jordan su quello che vada fatto per quanto riguarda l'aspetto tecnico della squadra, chiaro che centrocampisti e attaccante (anche uno ma buono davvero, a patto che Jovetic resti), penso che solo un allenatore potrebbe accorciare i tempi di rilancio, così come avvenne con Prandelli: Valter Mazzarri. E può venire, so che lui partirebbe anche domani mattina. Il resto son ripieghi.

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore - Genova Uber Alles

    "Magari ci scappa un compenso"
    "Magari ci scappa un compenso"
    "Magari ci scappa un compenso"
    "Magari ci scappa un compenso"
    "Magari ci scappa un compenso"
    "Magari ci scappa un compenso"
    "Magari ci scappa un compenso"

    RispondiElimina
  47. Chiarificatore6 maggio 2012 13:57

    Non sarebbe così inappropriato un compenso Deyna, anche per chi non è genovese, in fondo si tratta di una mission di un blog che è anche culi-nario. 

    RispondiElimina
  48. Louis, mi sa che Mazzarri regge un altro anno a Napoli, arriverà terzo, la squadra ha ripreso a giocare dopo aver smaltito l'eliminazione champions, dubito che lasci la baracca a questo punto. Spalletti manco lo nomino, non sopportava le pressioni di Roma, e neanche gli mancano, figuriamoci se vuol farsi il sangue cattivo a Firenze. Ha un contratto che non possiamo nemmeno avvicinare, c'è un limite ai sogni. D'accordo con Deep, a me Pioli piace, è equilibrato e la squadra l'ha tenuta saldamente in pungo offrendo anche un buon calcio. Zeman è un altro manicheo che mal si sposa con questa società, si rischia un altro caso Prandelli se tutto va bene, o un licenziamento prima di Novembre se tutto va male. Troppo rischioso, mi basterebbe un anno da 5°-6° posto da europa league ma la rosa va o rivoluzionata (troppi soldi) o rimessa in sesto con gli acquisti suggeriti da Jordan che comunque, a discreti livelli, sono comunque onerosi. Lo Monaco su tutti come DS poi gli altri, credo che il "miracolo" Catania non sia da ricercare nel solo Pulvirenti o negli allenatori succedutisi (tutti bravi, evidentemente....?! Credo di no) ma in un DS che con un budget davvero irrisorio è capace di costruire organici di assoluto livello, talmente omogenei e completi che chiunque li alleni riesce a trovare la quadratura senza troppi affanni. Ed una squadra con questo DNA può essere gestita benissimo da un emergente come Pioli che nel Bologna ha saputo sfruttare le uniche frecce a disposizione dell'arco, vedi Diamanti, Di Vaio (non un ragazzino), Perez e Ramirez. Dipende dai DV. 

    RispondiElimina
  49. Ciao Leone, so che per Mazzarri è dura ma sarebbe l'unico in questo momento che, al pari di Cesare, potrebbe portare quel surplus che ripianerebbe il deficit tecnico della squadra che quasi sicuramente avremo nei confronti delle altre anche in caso di rilancio: mi spiego meglio scendendo nei dettagli tecnici. Portieri. d'accordo con Jordan, tenerli tutti e due è uno spreco, confermerei il polacco e manderei a giocare il brasiliano, così si vede di che pasta è fatto, rimanere qui a fare il secondo è tempo per perso, per lui. Però non mi par pronto nemmeno per fare il primo, a Firenze. Difesa: come già scrivevo di là, Campo e Nasta titolari senza se e senza ma, magari affiancandogli uno meglio di Natali. Via Gambero e darei un'altra possibilità a Felipe, specie in caso di 3/5/2 ovvero MAZZARRI, eh eh eh... Centrocampo: qui c'è da fare parecchio, tenere Behrami e fare repulisti di tutto il resto. Lazzari da tenere come panchinaro ma offrendo non più di 500.000 euro, se non bastano, che se lo riprenda Celllino. Per gli arrivi dipenderà da ds e allenatore. Davanti ci vuole, finalmente, un uomo da 15 gol, non sarà facile, personalmente punterei su qualche nome in uscita dai top club in cerca di rilancio, un'operazione sulla falsariga di quella intrapresa con Gila qualche anno fa. Ma non mi nominate Pazzini, per piacere, eh eh eh eh

    RispondiElimina
  50. Louis io credo invece che Neto sia pronto anche per fare il primo, lo era quando è arrivato. Non mi sembra però che sia pronto il pubblico di Firenze che l'ha preso, non so perchè, sui coglioni. E' un ragazzo serio, ottimo professionista, brasiliano del sud, di quelli che lavorano, non ha mai fatto polemiche, si allena sempre con impegno, eppure non piace. Forse perchè l'ha preso Corvino, forse perchè ha preso il posto da extracomunitario, forse perchè c'è un gruppo di fissati che vorrebbe Viviano (che è peggio di tutti e due, di lui e di Boruc). Non lo so, ma c'è stato dall'inizio un certo clima di linciaggio apriori. Se è così è meglio che vada ad affermarsi altrove.

    RispondiElimina
  51. Louis se tu dici uno da 15 gol a campionato, Pazzini non c'è, non temere!

    RispondiElimina
  52. Anche per me Lo Monaco sarebbe la soluzione tecnicamente migliore, nel senso che lo vedo il più preparato, però non credo che sarà seguita perchè vorrebbe dire ripetere con un altro, magari migliore, l'esperienza Corvino. Lo Monaco è abituato a fare tutto, a non avere referenti tecnici, nel Catania era AD. Io credo che vogliano organizzarsi diversamente e penso che prendano un DG come Fassone che, tra l'altro, prima di andare al Napoli, è stato alla Juventus prinicplamente incaricato di seguire la questione stadio e che quindi ben potrebbe lavorare nel progetto Mercafir, ed un DS, che potrebbero essere anche due, Macia per il mercato estero ed uno tipo Sartori o Vitale per quello interno.

    RispondiElimina
  53. Riconosco che su Neto non ho grandi conoscenze, è molto probabile che sia molto più forte di Boruc, diciamo che quando è stato chiamato in causa non ha impressionato ma gli concedo tutte le attenuanti, leggittime, del caso. Quindi per me non è assolutamente bocciato, anzi. Sono uno di quelli che invece lo avrebbe lanciato, anche lo scorso anno, a salvezza acquisita. Avrebbe avuto più vetrina, mi fido di quello che dici, tra l'altro di portieri, per di più brasiliani, ne sai molto più di noi. Mi stupisce solo che tu dica che Viviano sia peggiore, e premetto che non sono uno dei fissati con lui, penso invece che la valutazione che gli hanno dato la scorsa estate sia una cosa fuori dal mondo. Lo Monaco piace molto anche a me, auspico solo che non facciano la stessa cappellata di far fare tutto a uno solo, non si può dire che la tranvata per capire non l'abbiano presa...

    RispondiElimina
  54. Non ho detto che è molto meglio di Boruc, anche perchè a me Boruc, pur nel suo stile "balcanico" piace parecchio, ho detto che era già un bel portiere a 21 anni quando è venuto, spero non si sia rincoglionito a stare un anno e mezzo in panchina. Per il DS quel che penso che facciano l'ho detto, non credo che ripropongano l'esperienza Corvino con altro interprete, sono stati ben scottati, il che, credo, chiude la porta a Lo Monaco e mi dispiace.

    RispondiElimina
  55. Appunto Louis, Viviano costa parecchio, sinceramente li spenderei altrove, perchè per me quello che abbiamo è già meglio.

    RispondiElimina
  56. Che gufata ho tirato a Mazzarri............

    RispondiElimina
  57. Ora se letiga col cinematografaro (come è possibile perchè si vedono come il fumo neglio occhi) magari è disponibile sul mercato. Senza i milioni della Champions anche per il Napoli vedo tempi duri. Dovrà vendere Cavani e Lavezzi e non sbagliare il rimpiazzo a costi contenuti.

    RispondiElimina