.

.

martedì 8 maggio 2012

Meriti, demeriti e dementi


Nel campionato delle divisioni, nel quale siamo riusciti a dividere per due anche le presenze degli spettatori, e nel quale si sono visti i Sinisiani dei calci in culo contro i sostenitori del Rossi dei pugni in faccia, in un faccia a faccia dove sono rientrati naturalmente tutti, DV e Corvino compresi, Montolivo si è distinto più che per le doti tecniche, proprio per la capacità di essere separatore. Un giocatore che nel periodo finale della sua carriera fiorentina è riuscito ad appassionare molto di più quando non ha giocato, perché invece del pennello dal quale sarebbero dovuti uscire i suoi suggerimenti vincenti, si è dimostrato più pannello, un paravento, per non usare espressioni più colorite, dietro al quale è montata la divisione. Ha diviso insomma, anche se la percentuale di quelli che si sono schierati contro è superiore, ma comunque è stato un buon tramezzo dietro al quale urinare la delusione per una stagione di scontri, di corpo a corpo, di rese dei conti, un anno orribile con il coltello tra i denti, nel quale Montolivo è stato la perfetta transenna della zona di prefiltraggio tra la passione e la passata, e se alla fine, la stagione è stata almeno parata, evitando l’autogol della retrocessione, il buon Riccardo in tutto questo si è elevato a perfetta paratia, dove le divisioni, appunto, non sono mancate neanche all’interno dello spogliatoio, e chissà forse alimentate anche da certe decisioni di Delio Rossi di accantonarlo per qualche partita, oppure invece per averlo ripresentato, Un Delio Rossi non certo amato in quello spogliatoio, e prova ne è stato proprio il dopo partita di Lecce, nel quale, a salvezza acquisita, non è stata spesa mezza parola nei suoi confronti da parte di nessun giocatore. Non avevo mai parlato di Montolivo, lo faccio oggi anche se malvolentieri, e solo per sottolineare un aspetto, dopo che contro il Novara il giocatore è stato esaltato per la sua prestazione, fino a considerarla prova indiscussa della sua grande professionalità e classe, qualità queste che gli avrebbero permesso di togliersi la soddisfazione di salvare la Fiorentina. Alla faccia di tutti coloro che invece avevano esaltato le prove della Fiorentina rese possibili proprio dalla sua assenza, era tornato a fare la differenza e a sistemare la pratica salvezza con un pareggio interno contro il Novara dai contorni epici al tal punto, che anche il mite Delio Rossi, esaltato dalle gesta eroiche di chi invece di pensare al proprio futuro già scritto si prendeva la briga di calciare un rigore, si è fatto tradire dall’adrenalina a discapito di Ljajic. Ma in tutta questa legittima visione delle cose Viola, mi sarei aspettato almeno una qualche enfasi, però, anche per Alessio Cerci, che evidentemente non ha fatto abbastanza per meritarsi le stesse investiture da salvatore della patria concesse a Montolivo, anche se ci ha provato in tutte le maniere secondo me, forse svantaggiato dalla sua romanità troppo meno sobria dell’umiltà della bergamasca. Alessio da Valmontone, così, si distingue per gol, gatti, storie di Vigili Urbani e Social Network, e mentre Riccardo, con gli occhi da bravo ragazzo andava incontro alla gloria che gli veniva riconosciuta per una salvezza conquistata grazie alla doppietta contro il Real Novara, Cerci con la faccia da coatto e un modo di fermare i capelli troppo poco bergamasco, dopo aver realizzato il vero gol salvezza, da quegli stessi tifosi che avevano dimostrato di amare le realizzazioni salvavita, gli viene riservato solo il silenzio dei deficienti. Alessio Cerci ha sbagliato molto nella sua esperienza fiorentina, non ha saputo farsi amare, e soprattutto non ha trovato continuità di rendimento, mostrando le sue qualità solo a sprazzi, ma per alcuni è mancato soprattutto nel modo di porsi, ed è per questo motivo che oggi non gli vengono riconosciuti certi meriti, e tanto meno quindi possono essere esaltati. Fondamentalmente gli viene riconosciuta una mancanza di educazione, che a Firenze invece è imprescindibile, ed è proprio questa la differenza tra i due, e che si manifesta nel comportamento molto più signorile da parte di Riccardo, che invece le conosce molto bene le buone maniere, e mentre Cerci porta a Firenze solo eccessi, stranezze e il gol della salvezza, Riccardo che non si presenta mai a mani vuote, a Milano porta il contratto in regalo, e la classe si sa, non è acqua, in una Milano da bere nella quale l’acqua non è affatto gradita, il regalo invece si, quello lo è molto di più, perché Montolivo si presenta bene, da bravo ragazzo, portando con se non proprio dei bruscolini, mentre Alessio proprio quelli ci ha portato, i semi di una zucca molto spesso vuota.

10 commenti:

  1. Chiarificatore8 maggio 2012 09:09

    Permettimi,Poeta, di utilizzare la tua ospitalità per dare il buongiorno al Colonnello anche oggi in chiave politica, e per tranquillizzarlo. Aveva la preoccupazione che il governo Monti logorasse la sinistra e galvanizzasse la destra. E' successo l'esatto opposto, a quanto pare. eh,eh,eh.

    RispondiElimina
  2. Chiari un governo che ti fa stringere la cinghia non può galvanizzare che le estreme o gli anarchici  (vedi Beppe Grillo), come è puntualmente successo  pur con tutti i distinguo che le amministrative impongono. Quanto al pdL non può non risentire dell'uscita di scena del capo e credo non si fermi qui se non inventano qualcos'altro che, però, vedo difficile.

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore8 maggio 2012 09:41

    Premesso che condivido i tuoi
    giudizi, Pollock, su Montolivo e su Cerci, insisto però su un aspetto più
    generale secondo me ancora più importante per la rosa futura della Fiorentina.
    E’ sbagliato, a mio parere,  continuare a parlare di questa rosa, ed in particolare di questo spogliatoio, così come ne
    parlavamo negativamente  anche solo qualche
    settimana fa. In queste ultime settimane sono successe cose importanti che ne
    hanno cambiato il modo di essere dal punto di vista del gruppo,e non solo. Questo
    è un gruppo che secondo me si è formato proprio nel momento in cui ha perso la fiducia
    nel tecnico (dopo lo 0-5 contro la rube), ed ha dovuto, in qualche modo, ricompattarsi,
    salvarsi e rilanciarsi da solo. Facendocela si è cementato. Questo sarebbe
    stupido non vederlo, perché è un grande vantaggio che potrebbe restituirci atleti,
    riserve ma anche possibili titolari, come appunto nel caso di Cerci, che  sembravano ormai inutili a Firenze ,anche solo
    come riserve, e di ragionare per quanto riguarda i cambiamenti in entrata ed in
    uscita, sul piano esclusivamente tecnico. 

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore8 maggio 2012 09:50

    Certo Jordan è vero quanto dici,
    in linea generale, anche se nel caso di queste amministrative parziali, la
    destra ,anche estrema, non se ne è avvantaggiata. Ciò non toglie che i
    toni populistici, individualistici, predicatori, di irresponsabilità economica,
    sociale ed istituzionale, siano negativi sempre, anche se vengono dall’estrema
    sinistra. 

    RispondiElimina
  5.  

    In sintesi Chiari, vorrei investire i sentimenti su chi non è già un
    ex,  e Cerci, con tutti i difetti del
    mondo, comunque ancora non lo è, quindi, una parola spesa per lui ha senz’altro
    più senso.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore8 maggio 2012 10:22

    Sottoscrivo, Poeta.

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore8 maggio 2012 13:16

    Ragazzi guardatevi sul sitone ( ore 12.41) il video dell'intervista a Guerini. E' stato un grandissimo  calciatore Viola, ed oggi dimostra di essere un grandissimo  dirigente dell'area tecnica della Viola.Lo voglio nella Fiorentina a vita.La rubentus invece con la storia del 30° scudetto dimostra ancora una volta di non saper vincere. Fanno vomitare.

    RispondiElimina
  8. Pollock sei un grande, condivido parola per parola tutto il tuo articolo.

    RispondiElimina
  9. Da l'Africa, ma siamo già a maggio, quando torna il corrispondente?

    Ciao Pollock
    l'editoriale e'centrato,ci si e'tutti soffermati sulla querelle Montolivo,che ormai non se ne puo'piu'e sarebbe il caso si archiviarla una volta per tutte,credo.Hai ragionissima su Cerci!Io quando arrivo'Rossi e lo butto'in un angolo come un cencio puzzolente(ricordo s'ando'a Cagliari con Lazzari centravanti...)perche'lo prese subito in...simpatia.scrissi piu'volte sul sitone,che se un allenatore entra in corsa e non lo fa in punta di piedi,madi fatto col piglio dittatoriale,alla lunga questo risultera' un atteggiamento'pericoloso.Ricordate anche le critiche pubbliche a Jo?
    Le due vittorie a Milano e Roma,a questo punto,credo siano state figlie di una presa di coscienza degli stessi giocatori,piu'che genialate del mister.Ovvio si ragiona col senno di poi...Penso che troppo spesso,quando si dice che il coach ha lo spogliatoio contro,subito la gente pensa,ma guarda questi rammolliti scansafatiche viziati...Io non la penso necessariamente cosi'.Lo spogliatoio e'fatto di persone che,pur con rari picchi di intelligenza,non sempre sono cerebrolesi.Credo che il coach il rispetto debba conquistarselo ogni giorno,soprattutto a livello rapporti umani,poi tecnici.
    L'intervista a Behrami,appena pubblicata,dimostra che Rossi li'ha fallito,come va dicendo Jordan da qualche giorno.
    Per parlare di futuro,penso che Oriali sia il massimo di quelli che possiamo permetterci,anche perche'e'gia'stato a Firenze,cosa di non poco conto.Persona seria,quindi di sicuro nell'obiettivo dei DV.Io mi auguro che possa venire Guidolin,anche se ha dichiarato che in Italia non vorrebbe andare altrove,e seriamente tentato da esperienze estere.Con Oriali e lui,l'assetto tecnico,pur non essendo sue simpaticoni,salirebbe di livello e soprattutto darebbe una stabilita'caratteriale.La squadra,che in difesa e'messa bene,(il trio Boruc/Nestasic/Camporese e' di alta qualita')va veramente pensata nel mezzo e davanti,ma attorno ai giganti JO e Behrami,non dovrebbe essere poi una cosa impossibile.
     
    Un saluone a tutti

    RispondiElimina
  10. Lele di cosa ci stupiamo? Appena arrivato ha litigato con Gilardino, poi son toccate a Cerci, poi è stata la volta di Jovetic, poi di Amauri, poi siam passati per Gamberini e abbiamo concluso con Kharja e Ljajic. Serviva uno che desse tranquillità all'ambiente......sticazzi!!!!

    RispondiElimina