.

.

sabato 12 maggio 2012

I miei primi 50 anni


Ho adottato due diverse strategie di depistaggio convergenti, una necessariamente già pianificata da qualche giorno, l’altra a incrociare come l'unico lancio di Montolivo in sette anni, da mettere in atto stasera, e siccome domani compio 50 anni ho pensato a qualcosa che mi permettesse di sfuggire all’appuntamento, quello che non è riuscito a Ljajic per scappare dalla furia mite di Rossi. Per prima cosa ho pensato che il tempo non si distrae mai, che non dimentica le scadenze, un po' come Equitalia, e allora ho pensato di confonderlo e mi sono fatto crescere la barba, sale e pepe quanto basta, come quella di George Clooney, con la speranza che oltre a regalarmi un fascino irresistibile, serva a non farmi riconoscere dal tempo, o al limite a farmi scambiare per qualcun altro che magari ne compie 45. La strategia di supporto da mettere in atto solo stasera, invece, è quella di non farmi trovare a casa, cioè, prendo e me ne vado a Livorno con la Rita e Tommaso a mangiare il cacciucco, con questa contumacia e con la barba potrei farla franca anche se con la Rita, e poi ritornare a casa dopo la mezzanotte sempre con i soliti 49 o magari con i 45 di quell'altro. L’idea mi è venuta guardando Cassani, un giocatore irriconoscibile da quello che avevamo visto a Palermo, e ho pensato cosa gli fosse potuto mai accadere, e dopo tutta una serie di riscontri incrociati commissionati alla Playtex, azienda specializzata in Criss-Cross dal fondo, un tipo di indagini-reggiseno dall'incrocio magico, è emerso che il giocatore risulta irriconoscibile perché si è fatto crescere la barba, ed è il calcio in questo caso che non gli riconosce più l'abilitazione a farne ancora parte, e la stessa cosa è successa anche al povero Gamberini. Nel loro caso il cambiamento ha provocato un' involontaria e dolorosa perdita d'identità, e allora ho pensato che se il calcio è così facile da distrarre, il tempo che è un tifoso di quelli che non si ferma mai, che fa tutte le trasferte come il Tocca, potrebbe esserlo altrettanto. Artur Boruc per esempio, dopo la vittoria di Roma si è rasato, e la volta dopo, non riconosciuto più come grande portiere, ha subito preso due pere contro il Novara, sono anche convinto che se Zeman smettesse di fumare e magari cominciasse a masticare le gomme, potrebbe cazzottare Verratti, mentre il mite Delio se smettesse di masticare le gomme e cominciasse invece a fumare, verrebbe ingaggiato da Lina Wertmuller per un “corto”, come del resto la sua presenza in Viola, dal titolo “il duro della panchina ha perso la panchina, chi la ritrova è pregato citofonare Zdenek”. Se da una parte riesci a confondere il tempo come nel mio caso, dall’altra proprio perché miri a confondere potresti essere confuso con un altro, non vorrei per esempio che la Canalis me la volesse dare, mentre una volta sorpreso ad applaudire la scelta della società di prendere Zeman, a volermele dare fosse invece Delio solo perché ho applaudito. E poi Cerci finalmente innamorato di Firenze, leggendo distrattamente il blog tra una multa e un rogito nelle Isole Vergini come i suoi libri, non scambi la mia barba per un condimento, come io i suoi capelli per un cesto di indivia, e non lo dico per invidia. E poi anche il gioco in orizzontale di quest’anno ci ha fatto venire la barba, fino al punto da non riconoscere più lo stadio, ed è per questo motivo che spesso è stato vuoto, perché la gente sbagliando andava a riempire quello di Pescara, e c'è anche la Juve in cerca di camuffamenti, impegnata a rifarsi la verginità barando sulle stelle per rimescolare un passato ingombrante, e così anche Palazzi è dovuto entrare in sala trucco, per smascherare quelli del calcio e rifare così anche quello del prossimo campionato, sgombrando le ombre a colpi d’ombretto e penalizzazioni. Comunque andrà a finire la mia latitanza dal tempo che passa, dopo il cacciucco e sotto il cielo della mia clandestinità dalla carta d’identità, brinderò con un paio di ponce, sperando che anche Ranieri si presenti vestito con un poncho, e dopo aver firmato il contratto e tolto improvvisamente il travestimento messicano-livornese, manifesti la sua vera identità di nuovo allenatore della Fiorentina, ricamando la sua inconfondibile Zeta sulla pancia del Masala. 

51 commenti:

  1. On n'a pas tous les jours cinquante ans, caro Pollock, per parafrasare la canzone (in cui per la verità erano venti: non lo dico per scoraggiarti...), che qualche botta di decade fa mi cantava in macchina a squarciagola, a finestrini abbassati in pieno inverno perché tutti i passanti udissero, una bella inciucchita dai festeggiamenti per il suo plus beau jour de la vie. Uno dei migliori, per me, sarebbe se Baldini fosse scaricato dalla Roma (tranquilli tifosi, non mettete fretta per la scelta di DG e DS: il DJ, ce l'avete, è quel cazzone, il bimbo mai cresciuto il quale scrive per il giornalazzo dell'opposizione sciccosa che piace alla finanza sempre stronza ma senza orbace... Era Lasker, del resto, a dire: se avete trovato una buona mossa, aspettate, non giocatela subito, potreste trovarne una migliore!) e decidesse di tornar dalle parti sua in compagnia di un altro che da due anni canta, nelle steppe innevate, «La porti un bacione a Firenze» e che ha abbandonato il pettine e non deve più preoccuparsi di forfora da quand'era in fasce, credo.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore12 maggio 2012 09:02

    Poeta da domani in avanti non dovrai più pensare agli anni in meno, ma ad arrotondarti quelli che hai per farti dire che li porti bene. Colonnello, se dovesse venire miracolosamente
    venire il pelato  i DV rinuncerebbero ai “servigi”
    di Zeman, ma guadagnerebbero quelli di un altro Zeman che li odia. Eh,eh,eh. Detto questo l'accoppiata Baldini-Spalletti sarebbe da favola, ma, appunto, temo che rimarrà una favola.

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore12 maggio 2012 09:05

    Nel mio post qua sotto c'è un "venire" in più, ma nonostante ciò ben difficilmente verrà.

    RispondiElimina
  4. Poeta io li compio oggi (qualcuno di più), hai visto che tori! Auguri.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore12 maggio 2012 09:42

    Auguroni Jordan!

    RispondiElimina
  6. Ciao Pollock (Gianni), auguri anche dalla Romagna! Siamo distanti una decina, ma dello stesso segno, come Jordan. Il mio a fine aprile, il mio regalo fu la vittoria a Roma. Il tuo spero una vera rinascita! Come diceva mia nonna: "centomila di questi giorni"!

    RispondiElimina
  7. TOCCA L'ALBICOCCA12 maggio 2012 10:10

    Occhè siete tutti tori,come la mi'moglie...bada che banda!Auguri buhaioli!!!

    RispondiElimina
  8. Auguroni Jordan: ne avrai viste, in un secolo! Ahahahahahahah!

    RispondiElimina
  9. Auguri a tutti, vecchiacci che non siete altro!!!
    Voglio dire la mia su Zeman. Io francamente accetto che ci sia chi lo osanna ma io tutta questa sapienza calcistica e tutto questo calcio spumeggiante e innovatore non è che proprio proprio... ma magari sono io che non so apprezzare...Se vogliamo guardare terra terra ai suoi risultati storici dopo le tre mitiche stagioni a Foggia (ma si parla di una ventina di anni fa) ci sono le esperienze alla Lazio (un ottimo secondo posto, un buon terzo posto e un esonero) e alla Roma (due quinti posti); tre mesi al Fenerbahce con tre sole vittorie, dimissioni, approdo al Napoli e dopo sei partite e due pareggi viene esonerato (il Napoli retrocederà comunque con Mondonico); nei due anni successivi alla Salernitana in B (un sesto posto e un esonero); nel 2003-2004 retrocede in C1 con l'Avellino; una salvezza col Lecce nell'anno di disgrazia (nostra) 2005 col secondo migliore attacco e peggiore difesa (tipico); nel 2006 in B subentra a Maran nel Brescia alla trentunesima giornata (allora quinto in classifica) ma non ottiene il piazzamento per i play off arrivando decimo; nel 2006-2007 ancora a Lecce non mangia il panettone dopo un girone di andata deludente (10 sconfitte su 18 partite); nel 2008 va in Serbia ma viene subito esonerato dalla Stella Rossa dopo tre sconfitte; nel 2010 torna a Foggia in Lega Pro ma non riesce ad accedere ai play off e se ne va deluso a fine campionato. Quest'anno un ottimo campionato a Pescara. Infine le sue dichiarazioni su Calciopoli e quel maledetto Lecce-Parma così contraddittorie, così fumose (e visto il personaggio la cosa ha un suo perché) e così a dimostrare che non ci aveva capito una cippa, mi sono rimaste sempre sullo stomaco. Ah, almeno anagraficamente ha quattro anni di più di Ranieri (ma magari è più giovane dentro)!

    RispondiElimina
  10. Auguri!

     http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=nNI-zVJy9nE

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore12 maggio 2012 12:11

    Deep , certo parlando di Zeman stiamo
    parlando di un estremista della tattica calcistica, che annovera quindi  clamorosi esoneri  dovuti a questa sua spregiudicatezza,  ma anche 
    all’affannosa ricerca del risultato subito, soprattutto in certe realtà provinciali
    dove ci si deve salvare ad ogni costo; dove invece lo hanno lasciato lavorare
    in po’ di più ( Foggia) e con maggiori risorse (Roma e Lazio) ha fatto bene ed
    ha lasciato un ottimo ricordo. In ultimo col Pescara, che poi è quello che deve
    contare di più, sta dimostrando anche di aver aggiustato meglio la squadra in
    campo senza perdere nulla in spettacolarità ed in chiave offensiva. Per me, sia
    la sua “maturazione” che la situazione attuale della Fiorentina rappresenterebbero
    il momento ideale per un “matrimonio”. Quanto alle sue dichiarazioni, a volte
    saranno un po’ ermetiche ma non certo fumose anzi il più delle volte molto
    esplicite e coerenti. In questo modo s’è fatto sicuramente nemici dappertutto,
    visto il marciume diffuso, ma in particolare tra i potenti ed i prepotenti del
    calcio, e questo , secondo me , non può che andare a suo merito. Io credo che
    il grande e giustificato consenso che sta raccogliendo tra i tifosi viola sia
    dovuto anche a questo ultimo aspetto, oltre al fatto che il suo calcio
    entusiasma persino al di là del risultato.

    RispondiElimina
  12. Auguroni a Jordan e Pollock!!  In quanto a vetustà credo di essere il primo della fila...Il cuore e la mente reggono abbastanza, per il resto c'è bisogno di spinte continue, quindi continuate a mostrare foto stimolanti mi raccomando.  Sarebbe bene pubblicare anche un manuale di istruzioni per ovviare ad eventuali cadute di memoria. Lo sapete che sul sitone ci prendono per i fondelli proprio per l'anagrafica??  In realtà questa è una eletta congrega di eggheads, altro che storie....

    RispondiElimina
  13. Visto che siamo a fare gli auguri a Gianni (altri 50 di questi giorni!!!) fatemeli anche a me che ieri ne ho finiti 42. Grazie! 

    RispondiElimina
  14. Qui, Attila, c'è il Sapere Puro and that's all. C'è solo Deyna, appunto l'imberbe della compagnia, che delude con raccomandazioni per sue protette le quali andrebbero bene appena appena per Fede, nella cuccia che il padrone gli riserva ad Arcore. Deep non ci scassare i' cazzo, qui si vole Zema e sennò i' Pelaho, Mazzarri n'andrebbe bene anche ma vallo a dire a' grulli che preparano la contestazione pe' domani!

    RispondiElimina
  15. Chiarificatore12 maggio 2012 12:56

    Auguroni anche a te, giovane  Leo,  che  hai l'età della mia prima figlia.  

    RispondiElimina
  16. Colonel, grazie per l'imberbe [tutto è relativo, e comunque nei periodi di pigrizia patologica ho una barba da afghano], ma gli "scarti da Emilio Fede" come Beatrice Dalle, Charlotte Rampling e Veruschka me li prenderei al volo, senza indugio alcuno. Si parla ovviamente delle versioni under 25. Quanto all'allenatore, chissà se è il nuovo ds a noi sconosciuto che lo sceglie, o se la decisione è in mano a DDV, ADV, Conhinhi e Mencucci. Per stare sul solido punterei sull'accoppiata Lo Monaco-Mazzarri, volessi rischiare e galvanizzare l'ambiente con l'Idea e il gioco spettacolare cercherei di portare a Firenze Zeman o Bielsa.
    Ranieri non è chiaramente un incompetente, ma mi sembra l'opposto di ciò di cui necessitiamo ora: il suo gioco è noiosissimo; non ha un'idea sua di calcio ma si adatta agli altri mantenendo un suo modulo fisso e quasi immutabile; non mi sembra portato a migliorare i giovani. Penso che, se verrà scelto lui, sia una decisione presa prevalentemente per l'immagine, di sobrietà, saggezza ed equilibrio, per cercare di far dimenticare la vicenda-Rossi. Ma, per come la vedo, sarebbe in netto contrasto col presunto rilancio del Progetto. Sono state spese parole IMPORTANTI, come "rilancio", il ritorno a una "grande Fiorentina", vedano di non deludere troppo le aspettative che loro stessi creano, una volta ancora.

    RispondiElimina
  17. No no Colonnello, Zeman lo vorrai tu, non certo io.
    Chiari è chiaro che un tifoso viola si innamora di Zeman x le sue lotte di potere ma una volta che queste si saranno trasformate in vessazioni arbitrali, il tifoso viola, non le troverà più tanto di suo gradimento.

    RispondiElimina
  18. Augurissimi a Pollock, a Jordan e a Leo. tutti insieme appassionatamente. Vi leggo ma mi manca il tempo Nella disquisizione. Sto comprando casa e chi di voi ci e passato prima ( credo tutti, capitalisti nascosti che non sietebaltro) sa che ti toglie anche il respiro. le pagelle del Colonnello son quasi perfette. Quasi perche piccole imperfezioni nei voti di Natali (6,5), Pasqual (6+), e Montolivo (5,5). Un saluto a tutti

    RispondiElimina
  19. Colonnello concordo al 100% sulle tue pagelle!!!

    RispondiElimina
  20. TOCCA L'ALBICOCCA12 maggio 2012 17:23

    Sono prevenuto nei confronti delle pagelle in genere,ma sono abbastanza d'accordo col Colonnello salvo piccoli ritocchi qua e là.
    Darei 7 sia a Camporese che a Nastasic,Felipe,Babacar e Montolivo sv e Salifu 6.
    Mezzo voto in più a Lazzari e Amauri,perchè i gol non solo si contano ma soprattutto si
    pesano,e loro ne hanno fatti due pesantissimi che salvano una stagione,non la loro ma quella della Fiorentina e di tutti noi di sihuro...

    RispondiElimina
  21. Chiarificatore12 maggio 2012 17:54

    Deep, io capisco benissimo che qualcuno, come nel tuo caso, non apprezzi il calcio di Zeman, così spregiudicato e rischioso, anche se ti confermo che mi sembra che lo abbia un po’ aggiustato, ed i risultati che sta ottenendo a Pescara parlano a suo favore ( tra poco si gioca lo scontro al vertice Pescara Torino e potrò essere subito smentito, eh,eh, eh). Infatti moltissimi tifosi viola, come ho scritto qui sotto, lo vorrebbero SOPRATTUTTO per questo suo calcio, POI anche per la sua battaglia morale. Quanto poi al danno che questa sua battaglia morale potrebbe causarci in termini di vessazioni arbitrali, ti potrei dire che più di quanto già le subiamo da sempre, le vessazioni arbitrali, mi sembra difficile  e che quindi siamo ultra vaccinati da questo punto di vista. Se non cambia radicalmente il sistema calcio lo saremo sempre danneggiati, per quello che rappresentiamo,  Zeman o non Zeman.  Lasciami essere un po’ retorico, Deep, ma non mi risulta che le vessazioni abbiano mai scoraggiato i nostri tifosi, la battaglia a viso aperto che DDV fece  contro Galliani, e contro Berlusconi,ci costò moltissimo, ma i tifosi  mai osteggiarono  DDV per questo, anzi.

    RispondiElimina
  22. Chiari, occorre aiutare coi farmaci il Multinick, che è di nuovo andato in tilt con tutte le sue opzioni di firma. Sotto la news sulle dichiarazioni di Allegri che preannunciano l'arrivo di Montolivo (incredibile! Ma alle su' donne non glielo ha detto nessuno? Non sarebbe mai andato al Milan, non aveva firmato con nessuno, cip cip cip cip...), scrive: «12/05/2012 17:39:08 Sandro, Perché se Montolivo voleva andare via, non c'era nessun problema, visto che non e' un grande calciatore, come ci si aspettava, ma almeno doveva far rientrare la Fiorentina, degli 8 milioni spesi più i 6 anni di ingaggi presi puntualmente, come hanno fatto tutti gli altri giocatori, compreso Felipe Melo, e non aspettare 2 anni da separato in casa, per andare via a gratis , per riscuotere ingaggi milionari spropositati. E' chiaro a tutti ormai, che Montolivo ed il Milan, si siano messi d'accordo dal 2010, durante i Mondiali del Sudafrica, prendendo per i fondelli l'ACF Fiorentina ed i suoi tifosi» Poi, solo dieci minuti dopo, prima ancora che il post precedente sia pubblicato, scrive: «12/05/2012 17:49:31 Sandro, Sandro ha
    detto tutto. Quello che fa incaxxare i tifisi viola, non e' l'aspetto tecnico
    che viene a mancare, ma l'aspetto economico, che quanto meno avrebbe garantito
    i soldi per prendere il sostituto, magari migliore, mi viene in mente Biglia
    dell' Anderlecht, che costava 8 milioni a gennaio... ora non si sa', oppure
    Kranjkar del Tottenham». Hai capito, Chiari, Sandro dà ragione a Sandro, e senza nemmeno aver avuto il tempo di leggerlo, ahahahahahahahah! Per il resto, le obiezioni di Venetoviola e di Tocca sono meditate e da meditarsi: a Natali avevo assegnato dapprima 6,5 ma qualche suo affanno, talora, mi ha impedito di assegnare lo stesso voto che a Campo e a Nasty, per i quali stravedo e dunque non volevo d'altronde, per partigianeria, strafare con un 7, perché qualche scotto all'inesperienza l'hanno pagato. Anche su Monto sono stato incerto se dargli 5,5, ma il giallo prima del Milan mi ha ancorato al 5+. Pasqual 6+ per l'attaccamento alla maglia lo merita senz'altro, in un campionato come questo conta più di tutto. A Felipe, Tocca, non mi sento di apporre gran che: non l'hanno cagato e quando l'hanno tolto dal cellofan ha fatto bene. Per Salifu ho stima (chi scrisse che non avrebbe mai esordito in A aveva dunque gasbarroneggiato per l'ennesima volta) ma non ha mostrato proprio la stessa maturità di Campo o di Nasty, essendogli fornita la stessa occasione. Per Lazzari bisogna anche considerare il girone d'andata e, con quello, è difficile arrivare a sufficienza. Amauri ha segnato gol importantissimo ma solo quello e per un centravanti non è il massimo della vita.

    RispondiElimina
  23. Chiari quest'anno gli arbitri sono stato per lo meno giusti, io alle vessazioni arbitrali il callo non lo farò mai e servirgli l'occasione così su un piatto d'oro ni sembra poco furbo. Comunque non è solo il lato politico che mi fa dubitare di lui, c'è anche quello tecnico che tu dici aver corretto ma un conto è la serie B un altro è la serie A.

    RispondiElimina
  24. Chiarificatore12 maggio 2012 19:05

    Pagelle equilibrate e condivisibili
    le tue Colonnello,nulla da aggiungere. Sui vari multinick nel sitone  si può fare come per Ranieri, piangere o
    ridere. Meglio ridere. Alle vessazioni non bisogna rassegnarci certamente,
    Deep, quest’anno anche io non ne ricordo di clamorose ma semplicemente perché non
    stavamo dando fastidio a nessuno. Il giorno in cui torneremo a darlo, fastidio,
    stai pur tranquillo che torneranno anche quelle, ripeto Zeman o non Zeman. Deve
    cambiare il sistema, tenere lontano Zeman non serve a nulla. Nel frattempo il
    Pescara ha chiuso il primo tempo contro il Torino in vantaggio per 2 a 0, dando spettacolo come sempre, attaccando
    con costanza ma anche con intelligenza, senza registrare sbavature in difesa,
    in una partita come se ne vedono poche in serie A, eh,eh,eh. Vediamo cosa
    succederà  nei secondi 45 minuti.

    RispondiElimina
  25. Non mi sembra siano da voto per mancanza di dati le prestazioni di Neto (valutare un portiere giovane per tre partite in una stagione e mezzo e bocciarlo per un unico errore, con la Roma, mi sembra realmente fuori luogo) e di Felipe, che non è arrivato ai novante minuti totali, pur giocandoli bene. Per il resto più o meno ci siamo, a parte la consueta severità un po' preconcetta per Montolivo e Gamberini che meritano almeno mezzo voto di più.

    RispondiElimina
  26. Grazie a tutti per gli auguri anche a quella merdaccia del Colonnello al quale assicuro che al secolo qualcosa ancora mi manca (e a lui, quanto?)

    RispondiElimina
  27. Siamo lì, Jordan, siamo lì... ahahahahahah! Io comunque sono Vergine e dal Toro mi guardo attentamente, specialmente se infoiato, ahahahahahah! Neto ha giocato, Neto è dunque giudicabile e non è vero che ha fatto solo una cappella con la Roma, perché in campionato a Bergamo in uscita è stato penoso due volte. Felipe  (che i novanta minuti li ha passati) è entrato in situazioni ogni volta spinosissime dopo tanto stop e tanto spregio e ha fatto bene: chapeau! Se offro mezzo punto in più a Montolivo arriva a 6--: vorrai scherzare, vero, per la peggior stagione della sua carriera e per il contegno disfattista? Per Gambero, idem: arriverebbe a 5,5 e col buco costante che ha prodotto in mezzo all'area saremmo troppo su.

    RispondiElimina
  28. Pagelle da valutare, mi raccomando, considerando l'INTERA stagione, e non qualche sprazzo estemporaneo, che pure qualche quarto di voto lo fa raggranellare: Boruc 7-, Neto 6-, Cassani 5.5, De Silvestri 5, Gamberini 5, Natali 6+, Felipe 6+, Nastasic 7, Camporese 6.5, Pasqual 6, Munari 4+, Salifu 5.5, Behrami 7.5, Montolivo 5+, Kharja 4.5, Vargas 5-, Lazzari 5+, Olivera 5.5, Marchionni 4, Romulo 5.5, Ljajic 5, Jovetic 7+, Acosty 6-, Amauri 5+, Gilardino 4.5. E che questa generosa immagine porti fortuna per la prossima annata, che va presa di petto, con Zeman [m'avete convinto, e ancor di più m'ha convinto la paura che arrivi davvero Ranieri: al diavolo i bastoni tra le ruote dal Palazzo, avanti tutta!] o Bielsa!

    RispondiElimina
  29. Bielsa andrebbe benone, anche, ma ha bisogno della rosa completa al primo giorno del ritiro. Ci troviamo d'incanto sulle pagelle, Deyna, e mi avrebbe sorpreso il contrario. Due soli voti mi lasciano perplesso: il 4+ a Munari e il 7+ a Jojo, per quanto ho scritto su loro. Sul resto si può tirar l'elastico (che invece scioglierei volentieri a questa qui sotto, per farla respirare un po'...).

    RispondiElimina
  30. Quelle due uscite penose di Neto a Bergamo non me le ricordo, (certo non sono state come quelle di Boruc, che pure è garnde portiere per me, a Lecce, se no me le ricorderei),  comunque un portiere di 23 anni che gioca una volta ogni sei mesi che abbia qualche incertezza nei tempi dell'uscita è quasi matematico perchè il senso della porta è proprio
    quello che si acquisisce soltanto giocando e rigiocando. La prestazione di Bergamo è stata giudicata ampiamente sufficiente da tutti, comunque. Felipe ha giocato un quarto d'ora a S.Siro e settanta minuti a Lecce, non so se arriva a novanta totali, ma siamo giù di lì. Ha giocato bene e son sempre stato uno dei suoi difensori, ma mi sembra poco per un voto stagionale.

    RispondiElimina
  31. Se poi i voti coinvolgono anche i procuratori e le beghe contrattuali allora mi cheto. Io giudico il campo e quello che ho visto tutte le domeniche (o simili) dal 1' al 90' inclusi i recuperi:
    Boruc 6,5, Neto (n.g.), Cassani 5,5, De Silvestri 5+, Romulo 5+, Gamberini 5,5, Natali 6+, Camporese 6, Nastasic 7, Felipe (n.g.), Pasqual 6, Vargas 5-, Behrami 6,5, Munari 4,5, Salifu 5,5, Montolivo 6-, Lazzari 5,5, Kharja 5+, Marchionni 5, Cerci 6, Amauri 5,5, Gilardino 5, Olivera 5,5, Acosty (n.g.), Jovetic 7, Ljaic 5-

    RispondiElimina
  32. Ops, m'ero dimenticato Cerci Er Più©! Voto 6, alla fine. Sarei tentato di dargli mezzo voto in più per la storica intervista dell'altro giorno [Non bevo, non fumo, e non vado a mignotte"], ma mi si ricorda giustamente che si giudica solo il campo.

    RispondiElimina
  33. No, Jordan, non è stata giudicata ampiamente sufficiente da tutti ed ha anzi svegliato in molti seri dubbi sull'affidargli la maglia di titolare il prossimo anno. Le beghe contrattuali non dovrebbero influire sulla prestazione, in effetti: è uno dei criteri per giudicare il bravo professionista, quale Montolivo quest'anno ha dimostrato di non essere. Se giudichi in base a quel che vedi sul campo fai bene, Jordi, ma non sei così unico nel genere.

    RispondiElimina
  34. Intanto Ciccimmondo si scaglia alla cieca, come il bisonte ottuso che è, contro Guerini, né si capisce perché: il finale di campionato deve sembrargli troppo idilliaco, non scorre il sangue che pregustava, allora va bene il primo che passa per sputargli in faccia. Poro Guerra, più che vincere a Lecce, rispondere garbatamente alla stampa e reggere la barca in mezzo alla tempesta forza otto di quest'anno, cosa deve fare?

    RispondiElimina
  35. Avete lasciato il Tanque!!! Quale voto per il  grandissimo Santiago Silva?

    RispondiElimina
  36. Chiarificatore13 maggio 2012 08:20

    Buon compleanno Gianni!

    RispondiElimina
  37. Un portiere da una partita lo può giudicare un tifoso, non certo un addetto ai lavori che deve trarne  conclusioni sul crederci o meno. Ce l'hanno avuto sotto gli occhi un anno e mezzo, tutti i giorni e devono aspettare una partita, la prima giocata in campionato dopo un anno e mezzo, oltre tutto giocata senza magari avere grosse opportunità di lodi, ma anche senza infamia alcuna, per avere dei dubbi? Sarebbero da rinchiudere, come da rinchiudere sono per aver tenuto un giovane in panchina per un anno e mezzo. Non so in che condizioni sia adesso, forse ha fatto come le uova e ne avrebbe ben donde, due anni fa era molto forte e la considerazione in cui è tenuto da chi lo conosceva è provata dal fatto che continuino a considerarlo in termini dei seleçao nonostante  l'assenza prolungata dai campi di gioco. Se non si è sciupato noi era molto buono.
    Per il Tanque 5 con tutta la simpatia e ad esser buoni, o quanto vuoi dargli?

    RispondiElimina
  38. Due partite, Jordan, non una, e oggi fanno tre. Due partite la cui importanza, per giudicarlo, è stata sottolineata dallo stesso allenatore (potrai rispondere, è vero: sì, ma hai visto che allenatore...). Preoccupa la mancanza di tempi e di posizione nelle uscite: o siamo miseri in quanto a staff di preparazione dei portieri o il ragazzo è duro di menta, come si dice in Florence. Ribadisco che ha eccellenti qualità fra i legni, tuttavia un voto andava assegnato e un giudizio anche. A Tanque aggiungerei un meno al 5 di Jordan: certo però che è stato mal gestito, preferendogli in diverse partite Gila fin dall'inizio quando il biellese era ormai sbiellato (il Genoa lo ha messo in panca, senza le nostre superstizioni, pur avendo da poco per lui sborsato 8 milioni) e affondandolo subito con critiche becere che erano in effetti dirette non a nuora ma a suocera. Ora in Argentina fa fracassi: non poteva essere, e non lo era, il bidone che è stato dipinto.

    RispondiElimina
  39. L'allenatore ha detto, a suo tempo, che un portiere lo si giudica dalle partite che contano tre punti, ma non da una all'anno, perchè lo stesso allenatore ha sempre detto che un portiere deve giocare per un periodo e mai lo avrebbe messo, a meno di urgenze, per riuscire la volta dopo. I tempi nelle uscite ed il senso della porta non si insegnano, ma si acquisiscono e si perfezionano(chi ce l'ha nel DNA, perchè chi non ce li ha hai voglia...) solo giocando, e si perdono o si affievoliscono non giocando. Sono istintivi, se ci ragioni su hai già perso il tempo, come quando devi parare su un tiro da vicino. Ti ci trovi su e l'hai presa o sei rimasto impalato a veder gonfiare il sacco.

    RispondiElimina
  40. Colonnello, neppure in Argentina mi pare che stia facendo faville, da che è andato al Boca mi pare si sia fatto notare più per le risse coi tifosi avversari che per i goal!!!

    RispondiElimina
  41. Tanto per chiarire meglio, ci sono aspetti delle caratteristiche di un portiere che si sviluppano e si perfezionano bene in allenamento (la preparazione fisica, la reattività tra i pali, i vari tipi di parate) e ce ne sono altre che si "allenano" solo giocando e giocando partite che contano. Come appunto, il tempo dell'uscita, soprattutto quelle alte in mezzo alla gente, il senso della porta (dov'è, quando ti muovi per coprirla seguendo l'azione), l'abitudine alla concentrazione anche in condizioni di stress, etc...Tutto questo è tanto più importante quanto più giovane, quindi in formazione, il portiere. Uno di trent'anni che ha già fatto dieci campionati tanti automatismi ormai ce li ha e, quindi, restare in panca può essere meno nocivo. Uno che ne ha venti e ha ballato una sola estate invece può essere più sensibile alla desuetudine dall'impegno agonistico. Perciò dare giudizi assoluti su Neto dalla partita di Bergamo (che, peraltro, è stata giudicata da 6 da quasi tutta la stampa, andare a vedere per credere, perchè da 6 è stata), o da quella di oggi che ancora minor significato avrà, non è da addetti ai lavori.

    RispondiElimina
  42. Andare anche a vedere per credere il 5,49 assegnato dalla media utenti, Jordan, ma la tua supinità verso il parere del Disc-Jockey, tanto per dire, lascia basiti. Sulla tecnica nelle uscite, Jordan, tu che sei stato portiere non mi negherai l'incidenza dell'addestramento, nemmeno per difendere un brasiliano (Frey fu fatto fuori dall'Inter più giovane di Neto perché valutato purtroppo non perfettibile nella specialità). Rossi disse quello che disse, sbagliando forse, ma non si possono ortopedizzarne le dichiarazioni ad usum delphini: lo disse, stop. Che sia stato commesso un errore a non mandarlo a giocare, d'accordissimo (questo era il compito degli «addetti ai lavori»), che dobbiamo rischiarlo titolare il prossimo anno per fargli fare esperienza mi trova molto meno consenziente, ma questa sarà l'alea, eventualmente, per gli «addetti ai lavori». Infine: si giudicano le prestazioni, l'«a monte» è oggetto di considerazioni a sé. Se ammazzo un pedone sulla strada le cause possono essere le più svariate, dall'ubriachezza o dall'incapacità del guidatore all'imprudenza o al raptus suicida del pedone medesimo, il quale intanto è al cimitero sotto qualche metro di terra.

    RispondiElimina
  43. Santiago Silva 5: è arrivato da noi all'ultimo giorno di mercato, non facendo quindi la preparazione, ad un'età in cui probabilmente sta iniziando a imboccare la parabola discendente. Messo in un contesto come quello fiorentino, con una squadra demotivata e spaccata, a giocare a pezzi e bocconi, il risultato è quello sotto gli occhi di tutti: inincisività assoluta in zona gol, ma bravo nell'assistere i compagni. Mettiamoci pure che non è nemmeno il tipo di attaccante adatto al calcio italiano. Neto: sono completamente d'accordo con Jordan, anche sulle virgole, avendolo visto giocare quando era in Brasile. Avevo preso a vedere spesso l'Atletico Paranaense per Chico, poi mi erano entrati nell'occhio anche Neto e Rhodolfo. Il portierino mi sembrava ottimo, avendo per l'età una freddezza incredibile, e agilità e senso della posizione notevoli. Anche nelle uscite lo ricordo migliorabile, ma già bravo. L'assurda decisione di tenerlo fermo tutto questo tempo sicuramente non gli ha giovato, e solo per questo non gli affiderei la porta della Fiorentina quasi a scatola chiusa, in vista di una stagione difficilissima. Vanno ridotte al minimo le possibilità che qualcosa non funzioni all'inizio, altrimenti il clima si farà da subito irrespirabile. Terrei per un ultimo anno Boruc, sempre che lui voglia, e manderei Neto a giocare, per valutarlo meglio e definitivamente.

    RispondiElimina
  44. La media degli utenti! in una partita che si perde la sufficienza non la prende nessuno, il 5,49 di Neto è infatti uno dei voti più alti, quindi fa poco testo. Si parlava di addetti ai lavori, di quelli che decidono se puntare su un giocatore o no e che non son certo la media degli utenti, inoltre io ho parlato di stampa specializzata che gli ha dato, per quel che possono valere anche loro, quanto detto. Frey lo bocciarono all'Inter dopo averlo provato per un campionato (quasi) non dopo una partita giocata peraltro benino. La tecnica poi è una cosa, il tempo di esecuzione è altra. Comunque un Frey giovane e magro mica mi farebbe schifo. La tecnica te la possono insegnare, il tempo e la decisione, no. Rossi disse quello che dici e altro, che ti ho riportato, ma che non vuoi considerare, ed il discorso vale in toto, non a pezzettini. Il portiere si giudica nelle partite che valgono tre punti, ma non da una sola, ma da una serie sufficientemente lunga, disse tutto questo non solo la prima parte. Chi ortopedizza ad usum delphini sei tu. Di sicuro il decidere se puntarci o no è compito degli addetti ai lavori e dipende anche dalle alternative. Con Boruc seguiterei con Boruc e manderei Neto a giocare in serie A in Italia o in Brasile, ma se devo spendere diversi milioni per prendere Viviano che, per me, è mediocre portiere, punto su Neto.

    RispondiElimina
  45. Boruc devi venderlo adesso, Deyna, perché ha ottimo mercato, fra un anno non si sa, vista anche l'età. Le voci su Viviano sono preoccupanti, ma depongono in favore della tesi che non ci sia fiducia nell'affidare sùbito la porta a Neto, che altrimenti sarebbe stato venduto anche a gennaio, quando per Boruc l'offerta certa era di 5,5 (alcuni dicono 6) milioni. Il tempo dirà, Deyna, di sicuro ci sono delle ottime qualità di base ma sulla tecnica c'è da lavorare e, ripeto, non lo farei sulla nostra pelle già screpolata da questi ultimi due anni e mezzo. Se però un Sarti (sempre tenuto alla larga nell'organigramma dalla Fiorentina, anche ai tempi in cui era era in vigore fisico e in lucidità da anagrafe) mi dicesse, dopo accorta valutazione diagnostico-prognostica: «Vai ciccio!», allora vai ciccio. La tua analisi del campionato tanquiano è invece aurea, Casimiro.

    RispondiElimina
  46. E tu per addetti ai lavori (che hanno assegnato sufficienza mera, non abbondante come tu dicevi) intendi i giornalisti locali? Sono quelli che «prendono le decisioni»? E sono loro da idolatrare, loro che ben conosci e per i quali hai scritto, giustamente, più volte giudizi severi? Loro che guardano le partite come i tifosi, anzi spesso meno di loro, e che a differenza dei tifosi non hanno ragioni spurie per dire viva o abbasso? E quanto agli addetti ai lavori, ma quelli veri, se tu da tifoso puoi dar di fava, come hai fatto, a Corvino in ogni salsa, dove va a finire la sacertà di quell'essere addetto? Insomma, Jordan, la disparità d'opinioni non può essere soppressa con richiami al Trono e all'Altare che, sempre inaccettabili, è inconsistente da parte di chi ha sempre rivendicato il diritto di critica per sé verso gli addetti medesimi, veri o falsi che siano.

    RispondiElimina
  47. «Sono inconsistenti».

    RispondiElimina
  48. Nessuno, Jordan, l'ha giudicata «ampiamente sufficiente», nessuno, lo ribadisco («ampiamente sufficiente»). Né tutto è nato da una replica, per la contraddizion che nol consente, ma da ciò che l'ha motivata. Tu hai portato a tuo sostegno la piatta sufficienza di cinque o sei giornalisti locali (quali quelli che votarono la partita di Bergamo) scambiandoli con un tour de passe-passe con quelli che prendono le decisioni, e che sono i Corvino della situazione. La media degli utenti ha espresso i dubbi miei non solo col voto (5,49; e tralascio le valangate per la partita di Coppa a Roma) ma coi commenti del dopo-partita, che puoi comodamente andare a rileggere su ogni blog che di viola si tinga, a partire dal sitone. Può esser che mi sbagli ma non perché il Disc-Jockey, esempligrazia, dice il contrario e perché lui lo dice. E ora magno qualcosa sennò niente stadio.

    RispondiElimina
  49. Perché è lui che lo dice: la fretta maledetta, ancora. Ciao a tutti (Deyna, Viviano è maestro di cappella, ma in quel ruolo mi va bene solo Bach).

    RispondiElimina
  50. Tanto per non far dimenticare il tema parallelo, qualche immagine di Consuelo, la Fenomenale moglie di Mutu...
     

    RispondiElimina
  51. Non mi hai risposto. Chi sono quelli cui sarebbero sorti i dubbi dopo la partita di Bergamo? I multinick del sitone? Quelli che fanno le pagelle del tifoso che han dato dal 4 al 5 a tutti a Bergamo?Tutta gente che, per la maggior parte di calcio ne capisce una cippa.  Io non ho nemmeno menzionato gli addetti ai lavori, quindi non so a che tour de passe-passe ti riferisca, se non per dire che, chi è tale, non cambia di sicuro i giudizi, che già deve avere, per una singola partita giocata dopo un anno di inattività.
    Dopo oggi ti posso dire che il ragazzo è in realtà un po' arrugginito, non esce mai per paura sui palloni alti, ad esempio, cosa che gli riusciva anche bene, ma che è la prima cosa che si perde non giocando, mentre mantiene buona posizione e buona reattività tra i pali, infatti ha salvato la partita con un ottimo intervento a due minuti dalla fine. E' da far giocare, con un po' di pazienza anche, ma la stoffa c'è. Di Viviano che, ripeto, non è gratis e che devi comprare a due società che o lo vendono perchè non gli serve o te lo fanno pagare caro, sappiamo ormai quasi tutto e son d'accordo col giudizio di Deyna. Gran fisico, quindi buona reattività tra i pali ma preliminari scarsi ( non ha presa e respinge tutto) e, anche lui, ma senza le scusanti di Neto perchè lui ha giocato, a parte gli infortuni, esce poco e male sulle palle alte.

    RispondiElimina