.

.

venerdì 8 maggio 2015

Nel prossimo blog spiegherò come si può essere maschi alfa anche senza occupare costantemente la corsia di sorpasso

Nella partita più importante della stagione la Fiorentina mostra tutti i suoi limiti, prima quelli individuali, tradita dai giocatori che avrebbero dovuto fare la differenza, e poi una volta regalato il raddoppio, anche quelli di squadra. Dopo il  due a zero infatti la squadra si scioglie, incapace di reagire, non più in grado di creare una sola azione da gol. Probabilmente raggiunge il suo massimo con le due semifinali, rimane il rammarico di non aver tenuta aperta la partita di ritorno. Rimangono anche dei bei ricordi di questa manifestazione, come rimane nel complesso anche una brutta ultima parte di stagione. Essere arrivati ai bordi delle due finali, da una parte ci tira fuori tutto l’amaro della delusione, e dall’altra ci ricorda che è stato anche grazie a delle belle emozioni se queste partite ce le siamo potute giocare. Oggi è normale che prevalga la voglia di buttare via tutto, il tifoso non riesce a gestire il carrello della spesa figuriamoci la rabbia. Dopo le occasioni clamorose sprecate nel primo tempo devo dire che se c’è chi si lamenta ancora per la fase offensiva, io guardando il carrello provo  invece più rabbia nel constatare che nel 2015 la Yomo non ha ancora inventato la linguetta che non si strappa in un pezzo solo. Ci sono delle priorità, oggi sarà tempo di consuntivi, di bocciature, ognuno individuerà le sue persone spregevoli, quelle capaci di tenere una mongolfiera incatenata a terra, oppure quelle capaci di tenere Marin in panchina. Usciamo da questa partita frastornati, peggio della labirintite di Boateng, e alla fine il tre a zero è come il rumore assordante che fa un amore non corrisposto. Un amore che può esser messo a tacere solo infrangendo il muro del suo no. Non ci può essere vergogna in una sconfitta però, il Siviglia è stato semplicemente più capace, non a caso ha già vinto più volte questa manifestazione negli ultimi anni, onore all’avversario che ci ha murati vivi nei nostri limiti. No, non butto via tutto quello che di buono ho vissuto in questa stagione, cerco l’orgoglio dentro ad una giornata afosa per combattere l’amarezza e la frustrazione che mi sembrano andare un po’ troppo oltre. Anche il disfattismo alla fine può rivelarsi un limite come la fase offensiva. Vedo troppi musi lunghi, sono troppe tutte 'ste barbe a giro che alla fine c’è da darsi una regolata prima che sembriamo tutti usciti dal Vecchio Testamento. E anche io me la sono lasciata crescere. Ieri sera ho stentato un po’ ad addormentarmi, poi mentre ci stavo riuscendo è arrivata la pecora che mi ha detto "dobbiamo parlare di Montella".




209 commenti:

  1. GeppettoDanese8 maggio 2015 07:22

    Che la colpa sia di Montella, dei DV, di Gomez, di Cognigni o della team manager, oggi è un giorno di merda per tutti i tifosi.
    Buongiorno

    RispondiElimina
  2. Tutti hanno responsabilità e tutti hanno meriti. Giocatori, allenatore e società. Ognuno di noi in ghita ha la propria idea di chi sono le maggiori responsabilità. Per alcuni i primi, per altri il secondo e per altri ancora la società .Il quesito è : come si più fare per esaltare i meriti( dovuti alle caratteristiche positive degli attori) e provare ad azzerare le responsabilità ( cioè quanto di negativo emerso nell'ultimo periodo?). Secondo me non certo addossando tutte le colpe ad uno solo dei soggetti sopra citati viceversa salvando in foto qualcuno

    RispondiElimina
  3. Passator Cortese8 maggio 2015 07:58

    Il padrone di casa che per vezzo spesso ci dice non voler addentrarsi in aspetti tecnici ci offre invece oggi in poche righe un'analisi tecnica della Fiorentina di ieri e di questa stagione che a mio modesto e sommesso, e sottolineo modesto e sommesso, avviso, è impeccabile.
    La delusione è tanta, per come sono andate le cose nel primo tempo e per come conseguentemente la Fiorentina si è sgonfiata nel secondo.
    A questo punto della stagione mi sembra che tutti siano sotto esame, ma, a mio modesto avviso, meno Montella, il quale, pur avendo qua e là fatto i suoi errori, per me non è lui il punto critico, anzi è il principale artefice di quanto di esaltante la Fiorentina ha fatto anche quest'anno, quindi quello che dà più garanzie per il futuro.
    I problemi vanno cercati e risolti altrove.
    Fatto salvo il fatto che tra una settimana la Fiorentina con il pieno sostegno di noi tifosi avrà il dovere di provarci, più in generale questa ultima parte di stagione dovrà dirci se questa rosa è solo da ritoccare o se è da rifondare.
    Sulla difesa, troppo perforabile, troppo leggera ed incerta nelle due, e sottolineo due, fasi, tendo ad essere certo fin da ora, ed a concludere che a questo proposito forse il GAT ha sempre avuto tutte le ragioni, io salverei solo Alonso e Basanta.
    Le prossime partite ci dovranno dire se anche il centrocampo va rifatto completamente, se Pizarro e Valero sono alla frutta fisicamente o se hanno ancora un futuro come titolari, quanto agli altri, Mati, che nonostante l'errore di ieri giudico una certezza, lo terrei, gli altri no, Badelj, la grande delusione di ieri, compreso.
    L'attacco invece mi sembra il reparto dove le cose paradossalmente dovrebbero essere più semplici in relazione al futuro.
    Gomez seconda grande delusione di ieri, ha fallito, e non solo ieri, al di là delle sue vicissitudini fisiche e psichiche con questa Fiorentina sembra entrarci come i cavoli a merenda, ed anche in questo caso sembra che dovremo dar pienamente ragione a chi, come Ludwigzaller, lo dice da sempre. Di Rossi bisogna solo capire se è ancora in grado di giocare a calcio, ma in ogni caso, se terremo Salah, Babacar e Bernardeschi il futuro è assicurato.
    Forza ragazzi, bisogna rialzarsi subito, in campo e fuori, nel ritorno c'è da salvare almeno la faccia ed in campionato c'è da conquistare l'Europa.

    RispondiElimina
  4. Sopravvissuto8 maggio 2015 08:04

    Ma basta, basta....pure questa era " ala partita più importante dell'anno"????!!???!
    Lazio- Fiorentina 4-0 partita più importante dell'anno...
    Viola-Juve 0-3 partita più importante dell'anno...
    Udinese-Fiorentina 2-2 partita più importante dell'anno...
    Fiorentna-Torino 2-1 partita più importante dell'anno...
    Viola-Verona 0-1 partita più portante dell'anno...
    Siviglia-Viola 3-0 partita più importante dell'anno...

    A parte i vostri problemi con i superlativi, confusione tra relativi e assoluti ma la domanda é : "Solo quando perde era la partita dell'anno?".

    RispondiElimina
  5. GeppettoDanese8 maggio 2015 08:06

    Nessuno addossa le colpe a un solo attore. Questa oggettivamente non è una rosa da metà classifica, men che meno una rosa da magre figure come ne stiamo facendo dall'imbarcata con la Lazio. Capita di fallire appuntamenti importanti, ma non così. Non così. È la mancanza di rabbia che mi preoccupa, a parte pochi elementi non vedo spirito di abnegazione. Per i limiti tattici "basta" cambiare il manico (che ha ampi margini di miglioramento perché giovane, ma manca drammaticamente di polso e l'elasticità tattica non è delle migliori), ma per tutto il resto? Manchiamo in alcuni singoli, e per me la testa di Pradè dovrebbe cadere insieme a quella del tecnico, ma gli enorme vuoti si vedono a livello societario.

    RispondiElimina
  6. Sopravvissuto8 maggio 2015 08:08

    Sotto esame a 4 giornate dalla fine del campionato? Mica faremo come a scuola che con l'ultima interrogazione salviamo l'anno?
    Le squadre si fanno, tu m'insegni, tra aprile e luglio...ad agosto gli allenatori neanche sanno degl ultimi arrivati (vedi Marin).

    RispondiElimina
  7. Sopravvissuto8 maggio 2015 08:09

    Pagelle non da deluso ma da illuso...
    Gli attaccanti evitavano con brio la porta, Neto giocava a palla avvelenata...ogni tiro cercava di evitare di essere toccato dalla sfera.

    Neto 4: come sempre prende un gol senza neanche buttarsi; quando lo fa sembra un portiere che battezza un lato su penalty. Funga ha avuto più coraggio di Monty.

    Tomovic 5: un utente di là ha scritto "...crossa ANCHE due o tre volte...". Anche???

    Savic 5: ha una fidanzata da competizione. Bella!

    Gonzalo 5: prova a tenere la barra ma sarebbe meglio il barre' della sua chitarra...

    Alonso 5: mani mulinate come un ramarro che sale su un muro. Lo trova, un muro.

    Joaquin 6,5: da 5 mesi uno dei migliori. Perché Cuadradizzarlo a sinistra?

    Valero 4,5: un maratoneta senza meta. Sembrava Tico Torres tra giocatori di Nba.

    Badelj 4,5: un bel 10 al suo manager e in più denuncia all'Adiconsum.

    Mati 5: una mozzarella lasciata fuori frigo 15 giorni. Il gol divorato é da ritiro di patente calcistica. Quel tipo di gol mangiato é simbolo della stagione viola...

    Gomez 3: non esiste il delitto perfetto? Lui lo sta compiendo, sicario di questa Fiorentna. (El Sharaawy si nota di più, ultimamente..................!).

    Salah 6: un'altra categoria; abbassa oramai i suoi standard, tanto....

    Montella 4: "L'abbiamo preparata con attenzione"(6/05/2015).

    Società 5: pensiero di un utente (in post ampio) "...mettere in lista Uefa uno che ancora non ha messo gli scarpini...." (Pepito e le nebbie societarie...).

    RispondiElimina
  8. Passator Cortese8 maggio 2015 08:17

    Ho detto che proprio le partite restanti ( ed io ci metto anche il ritorno col Siviglia) serviranno a fare quell'esame ( per poi fare le cose come dici tu al momento giusto), che ho anticipato, nel suo esito, in tutta modestia, solo per quanto riguarda la difesa.

    RispondiElimina
  9. Passator Cortese8 maggio 2015 08:18

    Sottoscrivo.
    Anche perchè si potrebbero, persino con più ragione, considerare partite dell'anno le tante entusiasmanti ed importanti vittorie.
    Solo una eventuale, ed a questo punto molto problematica, finale, sarebbe LA VERA partita dell'anno.

    RispondiElimina
  10. stefano vienna8 maggio 2015 08:48

    Quali scusa?

    RispondiElimina
  11. stefano vienna8 maggio 2015 08:51

    Non così e non ripetutamente. Con Juve, Lazio, Napoli, Sevilla abbiamo perso 14-0. Nemmeno il Cagliari ha fatto peggio di noi, Non si può tenere in panchina un allenatore del genere.

    RispondiElimina
  12. stefano vienna8 maggio 2015 08:53

    Su 50 partite, ne hai azzeccate tre: Juve andata di CI, Roma ritorno di CI, Tottenham ritorno di EL.

    RispondiElimina
  13. Allora te lo rispiego anche a te come l'ho già spiegato diverse volte a quelli del sitone. Per faregli spiritosi bisognerebbe prima conoscere i regolamenti. Nelle liste UEFA puoi mettere 25 giocatori, ma almeno quattro devono provenira da lega giovanile fatta in Italia. Noi a settembre ne avevamo appunto 4,contati, Aquilani, Pasqual, Lazzari e Pepito. Se non mettevi Pepito ne iscrivevi 24 ma non potevi cedere il posto a nessuno. E' chiaro? Quando a gennaio hai preso Diamanti, Gilardino e Rosati avresti potuto cambiarlo con uno di questi tre, ma qui c'era il limite della tre sostituzioni massime e già avevi deciso di includere Mati, Joaquim e Salah, nessuno dei quali è italiano e quindi nessuno poteva andare al posto di Pepito. E' richiaro? Quindi ci sta anche di mettere in lista UEFA uno che sfortunatamente non ha nemmeno potuto mettere gli scarpini (ma, magari, qualche mese fa ci si sperava anche), l'alternativa era avere una lista di 24.

    RispondiElimina
  14. Bobby Caponata8 maggio 2015 09:01

    Montella e la squadra l'avevano preparata bene e il primo tempo ne è la prova. L'ho scritto ieri nell'intervallo che è frustrante fare la partita e essere sotto di un gol... l'effetto della frustrazione è il secondo tempo specialmente dopo l'ennesima mazzata rappresentata dal secondo gol. Meglio non parlare dei singoli.. però Gomez è stato vergognoso.. neanche di sponda.. nè di carattere.. niente di niente.

    RispondiElimina
  15. Una squadra che gioca una semifinale europea e che si smonta al 2-0 fuori casa con 35' ancora da giocare è una squadra di trullallà preparati da un trullallà. Non devi vincere, basta fare un goal e ti si riapre il paradiso, corri, azzanna, tira fuori tutto quello che hai. Invece si prende un goal dalla Juve in casa quando basta pareggiare e ci si sgonfia e se ne piglia 3,col Napoli idem, col Siviglia idem, con la Lazio non se ne parli. Ma che vadano a scopare il mare, loro e chi li guida! Squadra senza palle.

    RispondiElimina
  16. Passator Cortese8 maggio 2015 09:12

    Appunto, a quelle facevo riferimento, ti sei risposto da solo.

    RispondiElimina
  17. Passator Cortese8 maggio 2015 09:14

    ..in primo luogo, ma non sono le sole. Perchè non sarebbero bastate a portarci nelle due semifinali delle Coppe e ad un passo dall'europa.

    RispondiElimina
  18. Sopravvissuto8 maggio 2015 09:16

    Non rimanere in superficie, JORDAN, leggi tra le righe e vai in profondità ; la tua capacità di analisi permette di cogliere alcune sfumature di concetto.
    (Fermo da un anno, viaggi transoceanici, visite, rientra a novembre, no a marzo, no giocherà semifinale, no no ci sarà a Varsavia, anzi no in campo a Napoli, non avete capito l vedremo contro la Juve, macché ci vediamo a Moena.... Comunicazione ufficiale questo sconosciuto).
    Quell'altro che dice "Il mister non sapeva di me... E Rosi, e la vicenda Neto.
    Si dice "Come fai una cosa così fai con tutte le cose della tua vita" e se ci sono errori strutturali, di direttive, di ruoli, di competenze...le vittorie mascherano, ma poi (come una donna che toglie maquillage e cerone) affiorano errori, pustole, etc.
    So che intendi...

    RispondiElimina
  19. Bobby Caponata8 maggio 2015 09:21

    Sì va bene.

    RispondiElimina
  20. Intendo sì e se vuoi dire che alla Fiorentina manca una guida di vertice seria e professionalmente capace sfondi una porta aperta. Un Allodi, un Nassi, vorrei dire, ma non ci sono più ed i DV non si fidano dopo la trombata Corvino (che non è e non sarà mai un Allodi) e ci mettono aziendalisti apprendisti stregoni. Ultra d'accordo, però li attacchi proprio su un punto,forse l'unico, nel quale non potevan fare altrimenti. Anche Allodi avrebbe fatto lo stesso. Che poi tutta la vicenda pepito sia stata strascicata mediaticamente male è vero, ma questo lo vedo meno importante, il problema serioè che non si sa ancora se questo rigiocherà mai, ma questo non dipende da Allodi o da Cognigni. Dipende invece da loro fare una squadra seria, con acquisti mirati al progetto dell'allenatore, dopo aver scelto sul serio anche lui e queste cose Allodi non le sbagliava, magari si incazzava e sbatteva la porta se gli andavano di nascosto a farsi pigliare per il culo da Rumenigge quando lui aveva già comprato Voeller. Perchè a Firenze l'attrazione per il casino si è sempre avuta.

    RispondiElimina
  21. Mah, io sono sereno dopo il mal di stomaco di ieri.
    Spero anche lucido, nonostante la sveglia ad orari da rientro dei trans.
    Questa squadra è stata un esperimento che ha voluto provare a far convivere un gioco basato sull'autostima più estrema è un gruppo di giocatori bisognosi di ritrovarla, l'autostima, dopo carriere che avevano preso chine discendenti o che si erano svolte nel mezzo anonimato di squadre grigie.
    Il progetto tattico mirava a farci sentire una grande squadra a dispetto dei palmares individuali e collettivi, a dispetto delle valutazioni di mercato e delle promesse non mantenute. Un gioco basato sul dominio del pallone per autoconvincersi di poter essere, collettivamente e individualmente grandi.
    Una bella utopia, a tratti esaltante che doveva prescindere dell'avversario per infondere forza ai suoi stessi interpreti. Un'utopia ,però, che ,in quanto tale, si fonda su poche certezze assolute.
    La partita di ieri rispecchia fedelmente la Fiorentina di questi tre anni. Un primo tempo dove riusciamo ad autoconvincerci di essere grandi e che ci vede fare la partita a casa d'altri e un secondo tempo dove i limiti fanno capolino tra le maglie di questa convinzione, minandola fino a farla scomparire, alla fine.
    Noi non siamo deboli mentalmente, siamo scissi. C'è quello che pensiamo di meritarci che spinge contro quello che sospettiamo di essere. E quando la prima metà lascia un attimo di spazio all'altra, crolla tutto il castello di arroganza buona che ci siamo creati.
    Gomez a parte, non c'è neanche l'orgoglio determinato da trionfi passati a sorreggere nessuno dei nostri, i quali ricominciano a vedere i fantasmi delle loro carriere mai veramente sbocciate.
    Non siamo una grande squadra, ci travestiamo psicologicamente da grande squadra per scacciare l'idea stessa di non esserlo. E funziona fino a quando il risultato ci sorregge.
    È stata un'idea che ha dato i suoi frutti, che non potevano essere duraturi p presi come certezze assolute. Perché un travestimento non è mai una pelle vera.
    Io, personalmente, sono fiero di chi cerca di saltare ostacoli più alti di quello che ha superato fino ad allora è, quindi, sono fiero di questi ragazzi.
    Le squadre dalle quali è lecito pretendere sono altre.

    RispondiElimina
  22. Bravo FOCO, anche se romantica è un'analisi che personalmente ritengo assolutamente corretta.E condivido

    RispondiElimina
  23. E' la stessa mia interpretazione, anche se io tendo a nasconderla dentro al carrello della spesa. Bravo. Anche io sono fiero. Il coraggio però a Montella è mancato nella vicenda Neto.

    RispondiElimina
  24. ...se a fine serata ti senti un po' mogio giocati tutto in Sant'Ambrogio (non ci rimane che la Play Station)
    http://video.repubblica.it/edizione/firenze/le-ragazze-dei-locali-di-firenze-la-parodia-spopola-sul-web/199730/198771

    RispondiElimina
  25. concordo con FOCO, del resto tempo fa scrivevamo di una Fiorentina che per due mesi ha viaggiato sopra i propri limiti...
    La tristezza non è per la sconfitta, ma per la fine di un ciclo, e, di conseguenza, il periodo più o meno lungo di mediocrità assoluta che ci aspetta.
    Anche oggi, come dopo la sconfitta con la Juve, sono circondati da gente che gode della nostra sconfitta, perché da noi erano stati a loro volta sconfitti: milanisti, interisti, romanisti. La Fiorentina odiata perché fa male alle presunte grandi: una sensazione che raramente ho provato e di cui ringrazio giocatori e allenatore.
    E ora stappiamo le bottiglie e godiamoci Di Francesco...

    RispondiElimina
  26. Pensa che io ritengo invece sia una delle poche giuste che ha fatto E che doveva fare? mettere in porta Lezzerini come volevi tu o poeta di sciagure? Guarda che non sono nello spirito di sopportar cazzate, mi girano i coglioni a ventola.

    RispondiElimina
  27. FOCO tu hai scritto una bella poesia, ma questi son semplicemente gente senza palle guidati da uno senza palle in panca.

    RispondiElimina
  28. E' un peccato che tu non sia nello spirito di sopportar cazzate, perché io solo quelle riesco a esprimere.

    RispondiElimina
  29. Lo vedo ma in genere ci rido, oggi no.

    RispondiElimina
  30. Non so però se oggi riuscirai a trovare qualcuno più competente che possa almeno sostenere che il raddoppio del Siviglia sia da addebitare alla fase difensiva.

    RispondiElimina
  31. E' morta la mia amata nonna, donna forte come una roccia, arrivata a passare di un anno il secolo di vita.
    Tantissimi ricordi, è dura pensare che non ne potremo più fabbricare di nuovi, insieme.


    Guardo la partita per "rilassarmi" un po', e l'umore scende ulteriormente. Si può perdere 3-0, anche 4-0, ma mollare psicologicamente dopo un paio di gol sbagliati e un gol preso è inaccettabile. Una tale mancanza di palle è inammissibile. Siamo stati mangiati vivi dal Siviglia, una squadra tecnicamente inferiore a noi, ma che ha compattato un corpo unico tra tifoseria, allenatore e squadra. Vedi Emery indemoniato che incita i suoi giocatori a stritolarci, a passarci al tritacarne, poi l'inquadratura vira su Montella, che passa dall'aplomb inglese, alle sterili, contrariate discussioni col collaboratore, alla rassegnazione. Vedi una squadra bellina, leziosetta, che fa la sua figura finché la lascian giocare - senz'altro una strategia di Emery, inizialmente - ma che ai primi pugni si scioglie come neve al sole. A immagine e somiglianza del suo tecnico, tutto immagine positiva e possesso palla, ma incapace di dare movimenti offensivi e bava alla bocca. A giugno, rifondare tutto. A parte il sogno Bielsa, se DDV decidesse di fare una buona volta questo maledetto salto di qualità, dare a Emery e Monchi le giuste garanzie e portarli a Firenze [vinta un'altra EL potrebbero decidere di essere giunti al loro massimo possibile a Sevilla] sarebbe la mossa della svolta. Ma temo ci si limiterà a continuare a vivacchiare, seppur con classe.

    RispondiElimina
  32. La partita passa in secondo piano. Condoglianze

    RispondiElimina
  33. stefano vienna8 maggio 2015 10:33

    All'assenza di centrocampo e all'errore di Badelj. Potevano farci 7-8 gol se volevano. Sull'1-0 hanno smesso di attaccare. Una delle sconfitte più nette della storia viola insieme ad altre tre in questa stagione (Juve, Lazio, Napoli), solo quella di Delio Rossi con la Juve, ma si giocava in 10. Ma la formazione messa in campo da Montella era come giocare in 10.

    RispondiElimina
  34. L'ha scritta i' mi'figliolo 'ncazzato con Gomez.Fresco di studi, da S'i'fosse foco di Cecco Angiolieri (che un n'è un argentino segnalato da Deyna):
    S'i fossi coco
    i'sugo brucerei
    s'i'fossi vacca
    i'latte un lo farei
    s'i'fossi vento
    un peto sembrerei,
    s'i' fossi forte
    un artro io sarei
    s'i' fossi vita
    presto finirei
    e similemente farian le mi' squadre
    s'i' fossi i'crucco com'i' sono e fui
    e un fare' go' nemmen fosse mi'madre
    a stare 'n porta nelle reti altrui

    RispondiElimina
  35. Passator Cortese8 maggio 2015 10:36

    Condoglianze. L'età non conta, non è mai tempo per perdere una persona amata. Forza caro Deyna.

    RispondiElimina
  36. Tutti i competenti lo dicono infatti. Chi di calcio non capisce una sega dà tutta la colpa al portiere, che ha sbagliato,ma per cercar di rimediare alle fotte altrui.

    RispondiElimina
  37. Sarà andata in finale, Deyna.

    RispondiElimina
  38. stefano vienna8 maggio 2015 10:39

    Se mettevamo un fornaio avremmo fatto meglio.

    RispondiElimina
  39. Ho deciso che guarderò anche la partita del ritorno. E non perché abbia speranze di passare il turno.
    Quello che voglio nella partita di ritorno è uno scatto di orgoglio, una partita in cui tiriamo fuori una prestazione per uscire con onore, insomma una partita da vincere, anche solo con un gol di scarto, per far vedere che la Fiorentina esce dalla Coppa a testa alta. Vi porto l'esempio del Toro: ha perso all'andata degli ottavi 2-0 contro lo Zenit fuori casa, ma al ritorno ha attaccato per tutta la partita, ha sbagliato molte occasioni da gol e ha vinto 1-0; è uscito dalla EL ma ha fornito una prestazione da squadra che lotta fino alla fine.
    Uscire dall'Europa League in semifinale non è da vergognarsi, bisogna vedere come: l'importante, l'essenziale, è non svaccare nelle ultime partite, finire dignitosamente questa coppa e vincere almeno 3 delle ultime 4 partite di campionato per poter dire che la stagione è comunque nel complesso buona.

    RispondiElimina
  40. Ahah, geniale. Certo quando lo si è visto dopo pochi minuti stoppare il pallone e scosciarsi a terra in una goffa, involontaria semispaccata, è stata una scena ben triste. Han voglia di dire, purtroppo le gambe e un gli reggon più bene.

    RispondiElimina
  41. Non mi interessa trovare capri espiatori, penso solo che la squadra non potesse rendere come nel 2012/2013, quando giocavamo solo il campionato e Pizarro non aveva bisogno di turnover, Borja era sontuoso e e poi c'era Aquilani che in fatto di incisività sovrastava il Mati che oggi è titolare. La base del progetto tattico fondato sul possesso-palla era questo centrocampo atipico fatto solo di piedi buoni, che in quanto privo di incontisti o mastini poteva funzionare solo quando la palla riuscivamo a tenerla fissa noi. Ma questo, se i tre non sono al 110%, non può riuscire. Da ex difensore sono solidale con i nostri difensori, perchè quando oltre all'attaccante che devi marcare ti vedi arrivare un centrocampista che il tuo compagno non ha seguito vai via di cervello, un occhio a questo un occhio a quello e finisci per non marcare entrambi da metri di distanza, l'allenatore dice "te stai sul tuo, poi se tira l'altro non è colpa tua", sì, ma il gol lo becchi comunque, dal centrocampista. A meno che il centrocampista avversario non sia della Fiorentina, qui dato che nessuno si indiavola senza palla a seguire la ripartenza e buttarsi nel corridoio libero. Anche perchè nessuno dei nostri ne ha il passo. E così non la buttiamo dentro, nè con i centrocampisti, nè con gli attaccanti che restano sempre isolati e quindi murati, da difese a cui la nostra staticità senza palla facilita il compito perchè mai le scopre in inferiorità numerica, per quello bisogna sempre sperare che un Joaquin o un Salah con una finta ne scavalchino tre alla volta. Ciclo finito, squadra da rifondare.
    Qu

    RispondiElimina
  42. GeppettoDanese8 maggio 2015 10:53

    Il "qu" finale sta per "quod erat demonstrandum"?

    RispondiElimina
  43. Mi dispiace Deyna, condoglianze.

    RispondiElimina
  44. No, sta che ho scritto velocemente da uno smartphone rudimentale che non mi facilità la rilettura e la cancellatura degli errori.

    RispondiElimina
  45. GeppettoDanese8 maggio 2015 10:58

    Ci berremo una brocca di vino in sua memoria, se e quando organizzeremo un'abbuffatollock

    RispondiElimina
  46. Resta il fatto che il crollo psicologico e nervoso che abbiamo avuto dai gol di Matri e Pereyra in avanti è inspiegabile.

    RispondiElimina
  47. Un abbraccio Deyna

    RispondiElimina
  48. Ahahahah secondo me gli ha più preso da nevrastenix ahahahaha.........

    RispondiElimina
  49. Deyna carissimo. Quanto ti caapisco. Tre anni fa in ottobre mi (ci) lascio' la mia amatissima, anche le ultracentenaria, nonna, colei che mi trasmise l'amore per la Fiorentina. Mi manca ancora tanto. E` un raro privilegio quello di avere una nonna cosi a lungo che pero` si paga con un piu` grande dolore

    RispondiElimina
  50. Condoglianze Deyna.
    Ci scommetto che non era una nonna col foularino......

    RispondiElimina
  51. Le palle sono un concetto vago. Ti potrei dire che ci vogliono le palle per pensare di far la partita in trasferta in semifinale.
    Il concetto che voglio esprimere io è semplice: il tipo di gioco che facciamo serve per mascherare certe mancanze teniche e tattiche della squadra, sia individuali che collettive. Per farne uno diverso, serve gente diversa.
    Io sono convinto che se avessimo avuto una filosofia più speculativa non avremmo fatto di più in generale ma, anzi, certe tare sarebbero state evidenziate molto di più. Quindi, per me, c'è un'idea di fondo che ha dato certi risultati.
    Poi, tornando alle palle, Gomez a parte ( che merita un capitolo tutto suo), questa squadra è composta da gente che non ha mai vinto niente, una cosa che se da un lato dovrebbe farti avere "fame", dall'altra non ti crea un background di sicurezza feroce dei tuoi mezzi. E questo è un discorso che coinvolge per forza anche un allenatore con quattro anni di panchine alle spalle. Bisogna misurarsi per capire i propri limiti ed eventualmente correggerli. Ieri ci siamo misurati con una realtà tecnica, tattica ed organizzativa che è più avanti di noi, perché non accettarlo serenamente?
    Se avessero perso, loro non credo si sarebbero fatti prendere dalla voglia di sfasciare tutto, gli è capitato spesso e dopo hanno cercato di migliorare per quelle che sono le loro possibilità. È possibile che sia quella la strada da seguire.

    RispondiElimina
  52. Condoglianze Deyna.

    RispondiElimina
  53. Sei troppo avanti.

    RispondiElimina
  54. E' una bella visione poetica Foco e ti ringrazio per averla condivisa.
    Quando sarà trascorso il tempo necessario a metabolizzare il giramento potremo tutti riassumere le tue romantiche parole in un più prosaico "non si possono fare le nozze con i fichi secchi".
    Troppo "asciutto", o forse rovente come una colata continua da una siviera senza fondo.
    Può darsi, ma sono 13 anni che ce la raccontano e ce la facciamo raccontare, mi chiedo se non sarebbe ora di chiamare le cose col proprio nome.

    RispondiElimina
  55. Sicuramente complicato da spiegare, si sa però che bastonata dopo bastonata non può essere casuale. Non reagiamo più alla minima difficoltà, nemmeno se vai in svantaggio col Cagliari quando sei in casa e ci sono ancora quasi 90 minuti da giocare. Compattezza persa quando in tutti e tre i fronti veniva il bello, autostima persa da una squadra che già di per sè i suoi punti di forza li aveva non certo nelle palle. Motivazione esaurita = gruppo alla frutta

    RispondiElimina
  56. Sì, il gruppo è alla frutta, la responsabilità dell'allenatore c'è ed è pesante, ma c'è anche la responsabilità da parte della società.


    E' assurdo, ma sembra che il gruppo si sia sfaldato da quando è stato ufficiale l'addio di Macia.

    RispondiElimina
  57. come Foco, sono abbastanza sereno, ieri sera durante la partita ho infamato Gomez come non mai, sinceramente parlando, mi ha rotto i coglioni. Poi la delusione e la consapevolezza che il Siviglia ha meritato perchè è più forte della Fiorentina attuale, più compatta e costruita con i Giocatori giusti al posto giusto, con più forza e più determinazione e che sanno correre bene. Della Fiore che dire, ad un certo punto ho smesso di incazzarmi perchè la realtà era evidente e anche solo sognare un gol in quelle condizioni mi è diventato difficile,credo che lo stesso sia successo nella testa dei ragazzi, purtroppo la debolezza mentale dei nostri, che secondo me eleva il lavoro fatto da Montella, fa capire con che giocatori siamo arrivati in semifinale. Un gruppo di buoni calciatori che in alcuni frangenti si sono rivelati ottimi, quando la mente era libera e l'intensità del gioco faceva la differenza, ma che alla lunga si sono rivelati quello che sono. Oggi siamo questi, anche io come Foco sono orgoglioso di questi ragazzi e non li infamo, a parte Gomez che è venuto a svernare a Firenze (non credo assolutamente a chi scrive che non è adatto al gioco di Montella, il Gomez che abbiamo noi è un cugino scarso del Giocatore di Calcio che conoscevamo e non mi dite che non arrivano palle giocabili o che non lo servono). Spero che i Tifosi capiscano la realtà e che già da domenica a Empoli incoraggino questi ragazzi che probabilmente di più non possono fare, aiutandoli e poi alla fine dell'anno si farà il resoconto, sperando che chi di dovere capisca cosa serve veramente a questa squadra per crescere (2 terzini veri, 2 centrocampisti e una punta, via 10 zavorre e dentro 5 boni), ma si sa che chi visse sperando...





    E comunque, senza dilungarmi ancora, a volte i miracoli avvengono, era il 1980, in coppa delle coppe,chi se la ricorda?


    andata Roma - Carl Zeiss Jena 3-0 5' Pruzzo
    28' Ancelotti71' Falcao

    ritorno Carl Zeiss Jena-Roma 4-0 Reti: 26' Krause, 38' Lindemann, 71' e 87' Bielau

    RispondiElimina
  58. Infatti no, per nulla, ed ha anche specificato che non lo voleva per la vestizione! Pensa che fino a 99 anni portava tranquillamente due confezioni da 6 bottiglie da 2 l. d'acqua, una per mano!

    RispondiElimina
  59. Allora anche il Deportivo La Coruna contro il Milan nel 2004... ma in quei casi (soprattutto nel caso del Jena) forte è il sospetto di doping.

    RispondiElimina
  60. Più che altro così mostri pericolosamente il lato B.

    RispondiElimina
  61. ...... per chi ha voglia di seguirla senz'altro si.

    Ieri sera abbiamo avuto la riprova sul campo, la dimostrazione lampante, che una società in tutto e per tutto dimensionalmente simile alla Fiorentina è anni luce avanti per, come giustamente hai scritto, "tecnica, tattica ed organizzazione".
    Quello che non riesco ad accettare serenamente è la certezza che non ci arriveremo mai semplicemente perché chi potrebbe non vuole.

    RispondiElimina
  62. E' vero, pensavo di essere ormai preparatissimo, invece mi rendo conto che il dolore è più grande proprio perché ci ho vissuto molto a lungo, e a stretto contatto. Pensa, la sorella "giovane" superstite [95 anni] della "cucciolata" è tifosissima della Viola, ha anche una figurina di Antonio risalente agli anni '70 su una piastrella sopra l'acquaio della cucina...

    RispondiElimina
  63. GeppettoDanese8 maggio 2015 11:35

    Approvo e sottoscrivo

    RispondiElimina
  64. Chissà se è un caso, penso di no, visto che molti giocatori sono sicuramente a lui legati. Certo questo non li giustifica

    RispondiElimina
  65. Belvaromana578 maggio 2015 11:39

    Quello zoccolo duro di lussuosi "non vincenti", nucleo di partenza di questo ciclo come dice Foco, è stato costruito un po'a immagine e somiglianza della carriera calcistica del tecnico. Orgoglioso
    ma sempre ad un metro dalla definitiva consacrazione.
    È un po' questo che deve far riflettere secondo me.
    Condoglianze Deyna.
    Torno a ribadire quello che scrivevo a marzo.
    Interroghiamoci sul senso di una permanenza di Montella depotenziato da una campagna acquisti all'insegna del risparmio.
    Da quello che ho letto di voi mi sembra di aver capito che l'unico punto di convergenza assoluta sia la necessita' di modificare in maniera sostanziale la rosa. E per qualita', e per caratteristiche temperamentali.
    Ciò, come sappiamo, non accadrà

    RispondiElimina
  66. a proposito di realtà, potrà sembrare una cazzata a qualcuno però lo staff del Siviglia ha messo a disposizione di tutti su you tube 5 anni 5 di allenamenti, ci sono i video di TUTTI gli allenamenti fatti dalla prima squadra dalla preparazione in poi, questo perchè non hanno "paura" di far vedere come lavorano, anzi vogliono esaltare e divulgare il loro metodo, tanto sono consapevoli che non è importante quello che fai ma come lo fai!

    RispondiElimina
  67. No, non li giustifica per niente, resta il fatto che - caso strano - abbiamo cominciato a crollare dopo che lui se ne è andato. Il che getta una luce inquietante sulla gestione sociale e tecnica.

    RispondiElimina
  68. Ora, l'ho sempre detto e lo ripeto: Montella via e va bene, ma allora che si prenda un tecnico forte ed esperto, certo non un Di Francesco o simili. Per prendere Di Francesco, o anche Iachini (con tutto il bene che gli voglio) allora teniamo Montella. Se invece prendessimo gente tipo Bielsa o Spalletti allora va bene.


    E' comunque un discorso accademico, sono convinto che (a meno di un crollo totale nelle ultime quattro di campionato) Montella sarà riconfermato. E comunque se non sarà riconfermato prenderemo Mazzarri, cioè un tecnico completamente diverso da Montella, e lì c'è da valutare la questione.

    RispondiElimina
  69. stefano vienna8 maggio 2015 11:48

    Quando si parla di palle di solito passo oltre, ma ieri ho visto un allenatore con le palle Quadrate. Uno solo purtroppo.

    RispondiElimina
  70. stefano vienna8 maggio 2015 11:49

    preferisco incazzarmi con Mazzarri che vedere questo scempio un altro anno

    RispondiElimina
  71. In realtà nevrastenix l'ha un po' aiutato, gli erano incazzati tutti e due...

    RispondiElimina
  72. GeppettoDanese8 maggio 2015 11:55

    Quando il presidente dice che "l'annata resta comunque ottima" significa che Montella verrà confermato, la rosa spuntata e smussata alla buona e alla via così. Anch'io non sono per Di Francesco o altri emergenti, specie se l'impianto della squadra resterà sostanzialmente questo (e sarà così, a meno di un crollo verticale in queste ultime partite, come hai detto tu).

    RispondiElimina
  73. Possiamo comunque consolarci con un bel bilancio molto più sano delle ginocchia del crucco.

    RispondiElimina
  74. Fui facile profeta. Boccone amarissimo.
    A me quelli che parlavano di rosa da secondo posto li ho sempre trovati simpatici. Idem quelli che sostenevano che eravamo ad un passo da quel traguardo. Simpatici pure loro.
    Distanti dal mio modo di vedere il calcio, ma simpatici.
    Rimango convinto che un Gomez/Rossi non se lo permettono in molti e con quei due tante cose sarebbero state vere, o realizzabili.
    Jordan vedi di non difendere Neto anche oggi, non scriviamo cazzate sugli errori del centrocampo, il primo palo è il suo, lo devi coprire, se non lo fai e becchi goal sei un coglione col botto. Stop! Che poi badelj abbia perso più palloni e contrasti di quanto Moana perdeva le mutandine nei film è altro paio di maniche. Che simili voragini mandino in tilt pure i due nostri migliori la dietro come Gonzalo e Savic è altro assunto dimostrato parecchie volte quest'anno ma ciò non toglie che il brasiliano sia portiere nella norma, senza lode né infamia ma non quel giocatore che ti ostini a descrivere.
    Due semifinali, mica poco, il boccone però resta amaro. Quello gobbo ancora non è sceso, troppo spreco, questo è meno duro da mandare giù, anche il Siviglia ci è superiore (per buona pace di chi straparla di rose forti) e non da oggi, mica è una novità. Tutto facile e preventivabile, i DV la coppa l'alzeranno l'anno prossimo, forse. La CI era li, per la finale avevano già scritto Fio sul tabellone, ci sono ancora i righi della cancellatura, giusto per rendere ancora più grandi le merde tante volte ne avessero bisogno, noi ce li abbiamo spinti. Per l'El serviva altro e per 30 minuti l'ho creduto possibile, chiaro, se crei in continuazione e non realizzi mai è inutile stare a parlare di moduli o di carattere. Quando crei sei già oltre la metà dell'opera, penso ad un Rossi sano, ieri sera ne sbatteva due in fondo al sacco, amen. Pure lui è un ex. C'è molto da buttare ?! No, non è una squadra di vecchi ma da ricostituire mentalmente e fisicamente, siamo pochi con qualità, e tanti con poca qualità; inutile essere tanti se non arruolabili, meglio meno o pochi ma scelti e se scelte dobbiamo farle dal prossimo anno che le si facciano da subito, su tre fronti non siamo attrezzati né competitivi, e non lo saremo mai.

    RispondiElimina
  75. Sul fatto che ADV ha detto che l'annata resta ottima.


    Se (e sottolineo SE) arriviamo quinti l'annata è comunque buona, come risultati (quinti posto, semifinali di EL e CI), ma se oltre al risultato globale andiamo a vedere nello specifico cosa è successo, risulta che fino ai primi di aprile l'annata è stata eccezionale, mentre l'ultimo mese è stato disastroso.
    Bisogna capire COSA è successo nell'ultimo mese, altrimenti non si riparte.

    RispondiElimina
  76. Foco ma Simeone come allenatore che cazzo aveva vinto prima di andare all'Atletico? e quanti anni sono che allena? C'è chi la vis pugandi ce l'ha nel DNA e chi non ce l'ha. Montella non ce l'ha. Gli piace vincere in souplesse, ma, per farlo, devi avere Messi e delle volte non basta. Credi che il Siviglia abbia un organico superiore al nostro? Io non credo, ma sono ben selezionati, ben messi e ben cazzuti se no non si vincono tre Coppe Europa (quasi quattro forse). ma si vedono vincere. Comunque questa non è nemmeno la Fiorentina di Montella ma un ectoplasma apallico che non sa reagire a nulla. Sciolta come neve al sole. Il perchè non lo so, scoppiati di gambe e di testa.

    RispondiElimina
  77. Anzi, analizziamo bene la stagione:
    1) mediocre da settembre a novembre, quando creavamo pochissime occasioni e segnavamo pochissimo;
    2) ottima da dicembre a gennaio, quando con il recupero di Joaquin e Mati e il ritorno al 3-5-2 abbiamo ricominciato a giocare e a far punti;
    3) eccezionale da febbraio a marzo, in continuazione al periodo precedente, dopo la cessione di Cuadrado e l'acquisto di Salah sembrava girare tutto bene;
    4) disastrosa ad aprile e questo inizio maggio: gente che aveva fatto molto bene nei due mesi precedenti, come Neto, Badelj, Savic e Gomez è crollata a livelli infimi, mentre di Pizarro si sono perse le tracce.

    RispondiElimina
  78. Mah, su Mazzarri sono indeciso

    RispondiElimina
  79. GeppettoDanese8 maggio 2015 12:08

    Sì vabe', se in una stagione giochi bene un mese e mezzo (dove strameriti in 3-4 partite e nelle altre te la cavi), parlare di stagione buona mi pare fuori luogo. Che questa squadra sia arrivata quinta senza brillare e senza una costanza di rendimento durante i tre impegni la dice lunga. A inizio anno ero convinto che saremmo arrivati in finale di Europa League, che NON saremmo arrivati terzi (ma sotto sotto ci speravo) e che avremmo vinto la Coppa Italia battendo il Napoli, ma più per redenzione che per altre velleità.

    RispondiElimina
  80. Sono con Foco e Giglio, con qualche distinguo. D'accordo per i limiti tecnici. Però io ho visto anche enormi limiti tattici, sempre e comunque. Sia con squadre più forti, che con squadre più deboli. Attenzione a giustificare troppo, ed attenzione a porre limiti a chi non vorrebbe porli. Migliorare, per sé stessi, è l'essenza dello sport. Si sapeva che il Siviglia era più forte, ma si è visto che di più forte aveva solo convinzione ed autostima. Il resto, mica tanto. La viola ricorda tanto mio figlio. Bravo, in generale. Ma non è capace di resettare, se le cose non vanno come vorrebbe. Nello sport, e nella vita, non è mai così. Se non ti prepari, scendi in campo in tutù rosa. Non è bello per niente, se non sei ballerina classica.
    Quanto alla tattica, dobbiamo decidere. Non è possibile continuare a sentir dire che la squadra non è costruita per Gomez. Ma benedetti tutti, costruiamola per qualcuno, allora. Gomez no, Salah nemmeno (anzi, se mi spiegate cosa c'entra Salah con il gioco della Fiorentina mi fate un favore). Vogliamo costruirla per il portiere?
    Limiti tattici, dicevo. Ed infatti all'inizio della ripresa è stato inserito uno che con la tattica niente ha a che fare (e poi prendetevela con Tomovic, sì), incasinando anche la fascia destra, che fino ad allora aveva retto.
    Due gol da un finto terzino, abbandonato a sé stesso dai nostri esterni. Ma non lo conoscevano Vidal? Se non sono limiti tattici, cosa sono?
    Torno a Salah, andando contro corrente: non mi sembra un fenomeno, tutt'altro. Ha limiti tecnici e tattici pure lui, se lo vuoi far giocare nello stretto. O prende palla e si schianta sui difensori, oppure prova il dai e vai. Punto, di altre possibili giocate, non se ne parla. Deve necessariamente essere sfruttato in altro modo, se non lo vuoi esporre a figuracce.
    Accettiamo la realtà: abbiamo due punte che non la buttano dentro neanche con le mani. Possiamo pensare che siano pippe invereconde, o che invece ci siano altri problemi. Decidete voi di che tipo.
    Per finire, che sia stato fatto il passo più lungo della gamba (la società, non la squadra), l'ho scritto in tempi non sospetti, quindi non sono sorpreso. Ma sono infastidito: quando sei in gara, devi far sempre meglio che puoi. Se gli altri sono più bravi, vincono. Ma, scusatemi tanto, non venitemi a dire che la viola di ieri sera ha fatto il massimo possibile. Lontani dal nostro meglio da ogni punto di vista. In tutù rosa, eravamo. In tutù rosa.

    RispondiElimina
  81. io su mazzarri sono indeciso... se diventare tifoso del clodiasottomarina (se viene alla Fiore)

    RispondiElimina
  82. Sono uno a cui piace illudere.

    RispondiElimina
  83. Belvaromana578 maggio 2015 12:20

    Joachin è un'ala d'attacco che per ritagliarsi un posto in questa squadra si è adattato a fare il quinto di centrocampo nel 352 operaio.
    In due anni non l'ho mai visto segnare accentrandosi partendo da sinistra per colpire col destro. Anzi, non l'ho mai visto tirare da quella posizione.
    Ieri lo ha messo a sinistra ben potendo immaginare che davanti alla sua gente, avrebbe cercato la giocata spettacolare in attacco più che curare la fase difensiva. E dalla sua parte Emery aveva guarda caso messo un centrocampista col turbo nel motore a fare il terzino

    RispondiElimina
  84. Allora un tu voi capire. Neto doveva stare a pèrotezione del lato vicino,esinnqui non ci piove, lo dicono i sacri testi. Dopo di che però probabilemnte lo impallinavano senza rimedio dall'altra parte, perchè uno che arriva a cinque-sei metri con la porta spalancata difficilmente sbaglia. Quindi errore c'è stato, ma non è stato quello a detreminare lo 0-2, o, almeno, lo avrà al massimo un poco facilitato. E' come dar la colpa al portiere se si buitta prima per parare un calcio di rigore. Se sta più fermo è in genere meglio ma il problema è aver procurato il calcio di rigore.

    RispondiElimina
  85. se non sbaglio contro il Palermo ha fatto un gol così.

    RispondiElimina
  86. Sopravvissuto8 maggio 2015 12:36

    Molte bollicine ma non é champagne, al gusto.

    (Condoglianze, DEYNA, ne ho una di 92 che ancora regge ed é autosufficiente ....nostre nonne another category!).

    RispondiElimina
  87. Credo ne abbia fatti un paio del genere

    RispondiElimina
  88. Ho sempre posto la questione su un piano diverso da quello tecnico, Montella e la società hanno scelto in maniera diversa da quello che avrei fatto io, e l'ho accettato. Anche oggi non l'ho neanche nominato, non ho minimamente sottolineato l'errore, ma francamente non è possibile nemmeno sminuirne così sfacciatamente le responsabilità. Se io ti prendo per il culo con Lezzerini, tu mi prendi per il culo con Neto. Io da quando seguo il calcio non ricordo una minchiata di questo tipo, almeno a livello professionistico.

    RispondiElimina
  89. Grazie...Forgiate nell'acciaio, sì

    RispondiElimina
  90. Se copri il tuo palo é piu' difficile per l'attaccante incrociare il tiro. Neto ha purtroppo abboccato all'occhiata del terzino che ha guardato a centro area, si vede benissimo in certi replay, e ha creduto di anticipare il cross. Errore marchiano come quello di Boateng che aspetta che Messi vada sul sinistro, anche se sono istanti fuggitivi e fasi di gioco che capitano mille volte in una partita, solo che nella catena degli errori sono gli ultimi quelli che pesano. Quindi non buttiamo le croci, ma la valutazione sbagliata resta

    RispondiElimina
  91. Lasciate in pace Montella, oggi, che si è fermato a Sevilla a prendere ripetizioni...

    https://www.youtube.com/watch?v=zVqtaNJXbkg

    RispondiElimina
  92. Io sereno non sono, nè per il pugno di mosche che ci è rimasto nè per il futuro. Secondo me se cambiamo solo allenatore ma resta questo gruppo facciamo come quando andò via Prandelli, il cui gruppo allo sbando passò in mano a uno che poi in seguito ha dimostrato di esser tutt'altro che asino, quale invece lo ritenne gran parte della piazza.
    Su Gomez non so che dire, non credo fosse venuto a Firenze per svernare (aveva 28 anni!), come non credo a priori che sia incompatibile con Montella. Il giocatore sicuramente non è mai entrato in condizione psico-fisica, la squadra non funzionando fa il resto, non mi pare che noi mettiamo davanti alla porta gli attaccanti come invece viene puntualmente fatto contro di noi.
    Bisogna mandarlo via? Boh, non lo so, è un grande giocatore che ancora non ha compiuto 30 anni, e quelli di un certo spessore possono sempre risorgere se ritrovano un'annata senza rotture di coglioni, vedi Toni che è ringiovanito dopo 3-4 anni anonimi tra Bayern, Roma, Genoa, Rube e Qatar. Quando rifondo ripartirei dai grandi giocatori, a meno che coloro che ci parlano a quattr'occhi e li seguono in allenamento (staff tecnico, dirigenza) non ravvisino voglia di svernare o testa altrove.
    Ljuka, la squadra ieri non ha fatto il massimo possibile, anzi è da un mese che fa meno del minimo possibile, salvo le due gare con la Dinamo Kiev. Il massimo possibile l'aveva fatto probabilmente a febbraio-marzo, poi la Juve, in vista degli esami di maturità, ci ha bocciati, e la squadra ha fatto come chi non si ripresenta a ripetere la quinta superiore per andare a lavorare.

    RispondiElimina
  93. Belvaromana578 maggio 2015 12:44

    Giglio: secondo te Salah lo hanno disinnescato gli avversari o il nostro gioco e la sua posizione?

    RispondiElimina
  94. Lasciamo perdere i peana, per quello che servono, e diciamo che si poteva senz'altro segnare, le occasione chiare le abbiamo avute, anche piu' di loro. Io casomai sono dispiaciuto della mancanza di reazione immediata dopo il secondo gol, e questo, secondo me é un segnale che doveva venire in primis dalla panchina, la quale pure lei é andata in bambola. Chiaro che non aveva molte alternative, ma cercare di dare una scossa era fondamentale, a caldo, in quel momento

    RispondiElimina
  95. Condoglianze Socio.

    RispondiElimina
  96. ti dico come lo farei giocare io Salah, ma non sono Montella e rispetto quello che fa il mister, gli darei la maglia e gli direi fai i cazzo che ti pare, giocando con un altro attaccante vero davanti ( e non il nostro stopper d'attacco col 33) e con un trequartista di ruolo,Montella ha il 433 nel suo dna da Allenatore, dai tempi di Catania e rispetto quello che ha fatto alternando i moduli 352 e 433, ma aldilà dei numerini (Jordan altrimenti s'incazza) è l'intensità e la forza mentale e fisica che metti in campo, io ultimamente non vedo negli occhi di Salah quella cattiveria che aveva quando è arrivato, probabilmente si è adeguato allo stato mentale della Viola, però che Montella lo ingabbi mi pare assurdo.

    RispondiElimina
  97. Deyna, si vede che sei e sei stato un bravo ragazzo, non come me che ho sempre un po' ecceduto nei giuramenti. I miei nonni sono morti più giovani proprio per via di tutti i miei falsi "Te lo giuro su mio nonno”.

    RispondiElimina
  98. Io la vedo, al solito, in maniera diametralmente opposta a quasi tutti gli altri, pazienza.

    Sarò sicuramente fatto male io ma mi son rotto le palle di essere fiero di chi va in giro per il mondo a farmi fare figure di merda. E sia ben chiaro che il riferimento coinvolge Montella solo in parte, non più di quel che lo riguarda almeno. Abbiamo preso una lezione di calcio e non solo da una squadra che personalmente non conoscevo, di cui nonso i fatturati e non me ne frega sinceramente un cazzo, di sicuro non sono il Barcellona, il Real e nemmeno l'ATM... Che differenza ci sarà mai tra noi e loro? Ho visto molte similitudini nelle due squadre, loro, come noi, han tirato su un mix di giovani da lanciare, vecchi da accompagnare alla pensione e scommesse da rilanciare...Ma tutte le volte che si arriva lì c'è sempre un qualcosa o un qualcuno su cui rimbalzare. Ed io mi sono rotto i coglioni di questo andazzo. Sono deluso? Vedo il bicchiere mezzo vuoto? Mah... Di che me ne faccio della vittoria di Torino se poi il seguito è la mazzata del ritorno? Ah beh, il pareggione di Londra contro la.... settima della favolosa premier league.... a 25 punti dalla prima è sicuramente da ricordare e raccontare ai nipoti che non ho e non avrò... oppure l'eliminazione della Roma pigliatutto o della Dinamo cui seguono questi spettacoli... No, io non ce la faccio, si accomodino gli altri, sono fiero di chi mi ha portato ai 40 anni, non di chi piglia milioni per prendermi per il culo, chiedetelo ai mille che sono andati a Siviglia quanto son contenti...

    RispondiElimina
  99. Parliamoci chiaramente, sappiamo benissimo che non abbiamo alcuna possibilità di ribaltare il 3-0 o, almeno, le minime speranze sono legate ad una – allo stato – improbabile prestazione superlativa fra sei giorni, condita da una grinta che sembriamo non possedere.
    Questo però è il ragionamento che facciamo noi tifosi, invece la Fiorentina (intesa come società, dirigenti, tecnici e giocatori) ha il DOVERE di crederci. Altrimenti che cazzo ci stanno a fare?
    Se siamo una società seria, occorre che qualcuno con le palle (dovrebbe essere il Presidente o un dirigente carismatico; altrimenti l’allenatore; al massimo un giocatore carismatico) faccia un appello pubblico, con la faccia dure, dicendo che loro ci credono, che i giocatori giovedì prossimo devono entrare in campo con cattiveria e determinazione per ribaltare il risultato perché non è impossibile e chiamando a raccolta il popolo viola affinché il Franchi al ritorno sia una bolgia. Ma non deve essere Montella che pacatamente e quasi mollemente dice “io ci credo, loro ci hanno fatto tre gol e possiamo farglieli anche noi”, occorre che tutto l’ambiente della Fiorentina sia compatto e cattivo e che il portavoce sia credibile in questo ruolo da "duro". Il punto è: chi è che può caricare l’ambiente in questo modo? Andrea Della Valle certamente no, è troppo mollo, i dirigenti neppure, non ce li vedo proprio (forse Guerini, ma non ha abbastanza credibilità, visto il ruolo defilato), Montella neanche. Forse l’unico che potrebbe farlo è Pizarro.

    RispondiElimina
  100. Beh, almeno non hai giurato sui figli come Berlusconi...

    RispondiElimina
  101. Tra i giocatori il Pek, altrimenti Diego, ma non credo si sprechi e si esponga a una figuretta probabile.

    RispondiElimina
  102. Dalla parte in cui c'era Alonso che se ancora non ha capito che non sa difendere, allora è proprio duro

    RispondiElimina
  103. Diego negli ultimi anni si è tenuto troppo da parte per risultare credibile come motivatore agli occhi dei giocatori e dell'ambiente.
    L'unico è il Pek. Forse anche Vargas o Basanta, Non ce n'è altri.

    RispondiElimina
  104. Penso che non sai cosa dici. Ma parli per partito preso e allora è inutile perderci tempo. La minchiata del portiere è quella di Padelli, un pallone inncouo che diventa goal. E' quella di Beto,anzi le due di Beto con lo Zenith. E' quells di Neto a Udine su Muriel tre anni fa. Palle non pericolose che diventano gol per colpa del portiere. Quella di ieri è un errore perchè ha avuto un esito negativo, ma se Vidal tirava sull'altro palo o crossava e Neto neutralizzava grazie alsuo anticipo avva salvato un goal fatto. Perchè quello che non ti vuoi mettere nel capo è che quello era un goal quasi fatto non è un goali inventato dal portiere.

    RispondiElimina
  105. Vigile siamo d'accordo al 100%. Errore sì ma non causa principale dello 0-2.

    RispondiElimina
  106. Belvaromana578 maggio 2015 14:07

    Per giovedì vada come vada: tutto quello che viene è tanto di guadagnato. Il passivo avrebbe anche potuto essere più pesante ma i valori tecnici individuali non sono da 0 a 3. Sarà una partita da affrontare filosoficamente (parlo dei tifosi).
    A me personalmente allarmano di più le prospettive di mercato, i nomi che girano, Paloschi Mario Rui, gli ignoti stranieri, gente che non aggiunge qualita' né personalita' vincente. Vivacchiare all'interno del perimetro dell'autofinanziamento farà contenti i cultori del fair play. A me personalmente ammoscia

    RispondiElimina
  107. Invece credo proprio che la voce del padrone,l'unico che la possa far sentire è proprio il padrone. Ho sentito De Laurenitiis attaccare Platini a bestia. Lui esagera ma se anche i nostri si mostrassero un po' più partecipi non sarebbe poi male. Questo mosciume nasce dalla testa.

    RispondiElimina
  108. Partito preso? E' un po' che per me Neto non è più un giocatore della Fiorentina. Per me non esiste. Ma se parliamo da un punto di vista tecnico la sua è una minchiata epocale.

    RispondiElimina
  109. Visto che si va sul tecnico, o non capisci un cazzo di calcio o lo fai apposta. Nei due casi non vale la pena perderci tempo. Ho giàspiegato e rispiegato per quelli che han voglia di capire.

    RispondiElimina
  110. stefano vienna8 maggio 2015 14:37

    Ma la domanda da farsi per il ritorno: siamo tutti d'accordo che schierare un centrocampo del genere contro una squadra tosta come il Sevilla (come lo fu con la Juve o con la Lazio) è un suicidio. Vogliamo suicidarci per l'ennesima volta?

    RispondiElimina
  111. Tu puoi spiegare quello che vuoi, ti ascolto, ma poi la posso pensare diversamente. Soprattutto senza darti come opzione quella di non capire un cazzo.

    RispondiElimina
  112. Bobby Caponata8 maggio 2015 14:40

    Jordan così ti butti via.. Neto deve fare il suo e non buttarsi dove guarda chi ha la palla... ma scherzi? Un portiere così gli attaccanti se lo sognano la notte ;-). A parte Gomez....

    RispondiElimina
  113. stefano vienna8 maggio 2015 14:42

    Mazzarri mi sta sulle palle, è un allenatore mediocre. Ma farebbe meglio di Montella perchè almeno è un allenatore.

    RispondiElimina
  114. Quell'azione è una rassegna di errori concentrata al massimo: Badelj che si fa prendere il pallone in quella maniera assurda, Vidal che scende libero (facendo anche delle segnalazioni ai compagni) senza che nessuno lo segua oppure esca e gli vada rapidamente incontro a chiudere o almeno a dargli noia, Neto che fa la vaccata. Una cosa da far cascare le palle di colpo a terra.

    RispondiElimina
  115. PS: condoglianze a Deyna per la nonna

    RispondiElimina
  116. stefano vienna8 maggio 2015 14:44

    Prima o poi tutti dobbiamo morire. Ma non ci costringe nessuno a suicidarci.

    RispondiElimina
  117. Sopravvissuto8 maggio 2015 14:56

    Quindi, a Empoli?? Turnover?

    RispondiElimina
  118. Belvaromana578 maggio 2015 14:56

    Veramente gli unici motivati sembrano quelli che aspirano a strappare il rinnovo di contratto tipo Vargas o quelli messi in discussione come Mortimer.
    Borja e Gonzalo hanno i vitalizi, Salah mi sembra un ostaggio.
    Eppoi: ci credono ancora nel gioco che il tecnico gli chiede di praticare?
    Quanto è frustrante per un giocatore correre a destra e a manca e poi prendere tre goal a partita?

    RispondiElimina
  119. GeppettoDanese8 maggio 2015 14:58

    Ma anche no

    RispondiElimina
  120. Se si deve pigliare Mazzarri allora ri-pigliamo Ranieri. Una coppa ce l'ha fatta vincere...

    RispondiElimina
  121. Non è questione di ignoti stranieri, ben vengano gli ignoti stranieri se sono forti. Hai visto il Siviglia? Due anni fa conoscevi Bacca? Io no.
    Se gli ignoti stranieri sono dei Bacca, dei Bruno Peres o quelli sconosciuti che il Porto o l'Udinese vanno a pescare in Sudamerica va benissimo.
    Il Borussia qualche anno fa ha vinto lo scudetto andando a prendere in Giappone uno che si chiama Kagawa, tu pensa i commenti se lo avessimo preso noi.

    RispondiElimina
  122. Turnover per poter tenere meglio in panchina Pizarro giovedì prossimo?

    RispondiElimina
  123. Per me il trio di centrocampo dovrebbe essere composto da 1) Pizarro 2) Badelj o Aquilani 3) Mati o Valero o Aquilani o Badelj

    RispondiElimina
  124. Sì, ma Andrea non lo farà mai perché è mollo e Diego non può farlo perché è troppo defilato per pensare di avere una qualche credibilità come motivatore.

    RispondiElimina
  125. C'è una cosa che mi ha dato molto fastidio quest'anno. Una convinzione generalizzata che "quest'anno o mai più", l'idea che fosse un'occasione imperdibile per mettere qualcosa nel paniere e poi aspettare il passaggio della prossima cometa di Halley per rivincere qualcosa. Per me è come dire di essere condannati ad essere mediocri, un modo di rubare quello che non ti spetterebbe. E forse tanta rabbia è anche acuita da questo pensiero sotto traccia. Al di là di chi sarà il tecnico o i giocatori futuri, per me, bisogna crescere come ambiente, in società e fuori, non sentendosi di colpo una grande squadra dopo una buona annata, ma creando i presupposti per diventarlo nel tempo. Non perdendo la visione della propria forza alla prima annata anonima. In questo il Siviglia può insegnarci moltissimo.
    Questo è l'unico appunto che faccio ai Della Valle, non aver saputo essere immuni da una certa umoralità che inevitabilmente ci ha portato ad avere una dimensione variabile nel mondo calcio.
    Senza essere una realtà consolidata sotto tutti i punti di vista, certe partite saranno sempre un'eccezione e ,in quanto tali, difficilmente gestibili a tutti i livelli.

    RispondiElimina
  126. stefano vienna8 maggio 2015 15:29

    Se Pizarro sta bene deve giocare, poi uno tra Mati e Valero. Per il terzo al momento non si può tenere fuori Vargas, che è l'unico capace di fare a sportellate e di uscirne vincitore.

    RispondiElimina
  127. non entrerò nel merito delle prestazioni di montella (sta sbagliando tantissimo, non trasmette carattere e tutto il resto, ma io credo che in squadra non lo seguano più e a dispetto di quanto si dice qualcuno voglia fargli le scarpe, altrimenti non si spiega.. motivo in più, ad ogni modo, se le cose stessero così, di sostituirlo l'anno prossimo.. ma non con di francesco per piacere) o neto (quella di ieri è stata una parla alla viviano, forse peggio per come è svenuto, ma altre volte c'ha salvato le chiappe e dunque amen).
    la cosa che mi fa più male è che se avessimo in squadra gente come batistuta o trapattoni, oppure anche solo come ujfalusi o padalino, scenderemmo in campo come l'intenzione di mangiarceli vivi, e se per mal disgrazia si segnasse nei primi 10-15 minuti quelli uscirebbero con le mutande sporche (pur andando, probabilmente, a varsavia); invece andremo là, mosci e molli, col fair play negli occhi (ieri sera c'hanno randellato ma abbiamo preso più ammonizioni noi per proteste..) e il piedino a ballerina (borja non lo tollero più, non per le prestazioni, ma un centrocampista che non fa contrasti non può giocare una semifinale di uerfa; pizarro e mati fisicamente valgono quanto lui, ma il piede ce lo mettono eccome).
    scenderemo in campo con la consapevolezza d'esser castrati, con la paura di prenderne altri tre, con un centravanti convinto d'essere il nerd grasso della classe. questa cosa non la sopporto. non chiedo di passare il turno, non chiedo nemmeno di vincere, però vorrei vedere 11 uomini che si lanciano nelle fiamme con un automa muto e inconsapevole.
    ad ogni modo, sarò a tifarla come sempre.

    RispondiElimina
  128. bravo foco, sei sempre molto lucido.
    oddio sempre, certi sabati sera meno..

    RispondiElimina
  129. stefano vienna8 maggio 2015 15:31

    Valero e in parte anche Mati quando prendono palla non provano mai a fare fallo per impedire le ripartenze, gli manca la forma mentis del centrocampista, difendono come difenderebbe un attaccante.

    RispondiElimina
  130. stefano vienna8 maggio 2015 15:32

    quando perdono palla...

    RispondiElimina
  131. E non mi hai mai visto certe domeniche mattina...

    RispondiElimina
  132. stefano vienna8 maggio 2015 15:34

    E un giocatore così a centrocampo puoi anche permettertelo, metterne due è un suicidio se giochi contro squadre aggressive e tosto a centrocampo.

    RispondiElimina
  133. Sopravvissuto8 maggio 2015 15:54

    Tramonto definitivo dei tre tenori?

    RispondiElimina
  134. stefano vienna8 maggio 2015 16:04

    Dipende da quali partite e da quali tenori. Ma in linea di massima, se due/terzi dei tenori in campo contro squadri quali la Juve o il Sevilla sono Mati e Valero significa suicidarsi.

    RispondiElimina
  135. Belvaromana578 maggio 2015 16:08

    Certo ma non sono quelli gli ignoti stranieri di cui si legge. Dei talenti sconosciuti i giornali parlano a cose fatte in quanto le società lavorano sottotraccia. Cosa che non si è vista in Fiorentina nelle sessioni di mercato degli ultimi due anni.

    RispondiElimina
  136. Belvaromana578 maggio 2015 16:14

    Fiorentina news. Mondonico:" la Fiorentina si è giocata il risultato sulla corsia di Joachin che non può difendere"

    RispondiElimina
  137. GeppettoDanese8 maggio 2015 16:19

    Ujfalusi per la prossima panchina!

    RispondiElimina
  138. Mazzarri non avrebbe perso col Sevilla? Questo è poco ma sicuro: si sarebbe fatto (scientemente) cacciare nel girone, come ha sempre fatto...

    RispondiElimina
  139. Su questo sono d'accordo, è dai tempi della Samp che scrivo che per me è un mezzo allenatore. Come ho sempre detto anche che Mancini allenatore è The Great Football Swindle

    RispondiElimina
  140. Il Mondo sarà anche un allenatore così così, ma legge le partite come pochi. Aveva giocato in anticipo, dicendo che la Fiorentina, tra le tre italiane rimaste, aveva beccato la squadra più forte. Real compreso.

    RispondiElimina
  141. Non sono molto d'accordo sul finale. Io non chiedo nulla. Se vincono 2-0 facendo una partita grandiosa, restano le fave che sono stati ieri sera. Ma anche se vincono 3-0 e si va fuori nei supplementari o ai rigori: sempre fave.
    In teoria, hanno un solo modo per riabilitarsi.

    RispondiElimina
  142. Lasciamo perdere Mazzarri...
    Però farsi (scientemente) cacciare dal quarto (quinto? sesto?) posto in campionato, non mi sembra tanto meglio.

    RispondiElimina
  143. Arrivare quarti o quinti non fa nessuna differenza.

    RispondiElimina
  144. Foco, dal '90 ad oggi una semifinale di Europa minore ogni 5-10 l'abbiamo fatta e perciò auguriamoci che ricapiti quanto prima e che ci vada meglio del solito, ma per quanto riguarda il ciclo "Montella/tenori/W la España" penso proprio che, tuo malgrado, fosse l'anno dell'"ora o mai più".
    C'è da rifondare, e Pradè e Angelucci devono fare un miracolo se vogliono rifare in un anno una Fiorentina più vincente di questa. Già non è semplice rifarla subito come quella avuta dal settembre 2012 al marzo 2015, visto che non abbiano nè chissà quali finanze nè una direzione sportiva virtuosa alla Siviglia, o alla Arsenal o alla Dortmund.

    RispondiElimina
  145. Pende, avessimo perso 3-0 perchè era solo una serata storta potremmo anche pregare il ritorno di fuoco&fiamme, ma da un gruppo che non reagisce più nemmeno in svantaggio di un gol col Cagliari quando sei in casa e ci sono ancora 90 minuti, aspettarsi la prestazione che vorresti temo che sia come aspettarsi che un nonno che sbava in TV davanti a Belen abbia anche il vigore di scoparsela ripetutamente dalle 23.00 alle 04.00 in quindici posizioni diverse.

    RispondiElimina
  146. con l'aggiunta di avere alle spalle un terzino che non sa difendere. Emery ci ha messo un'ala e ci ha massacrato.

    RispondiElimina
  147. esatto, per me il motivo della tristezza, più che la semplice sconfitta è questo: che un ciclo si chiude (e fin qui non ci sarebbe niente di male, per quanto questo ciclio mi sia piaciuto) e nulla di meglio sembra alle porte...

    Mi piacerebbe, ogni tanto, che una nuova Fiorentina potesse essere costruita su quella vecchia, in un processo di crescita. Non mi pare che sia il caso, neanche stavolta.

    RispondiElimina
  148. anche sostituendo Montella con un altro valido, se si resta con questo gruppo temo si faccia come nei 2 anni successivi a Prandelli, quando quasi tutti chiedevano la testa di Sinisa che in seguito ha dimostrato che proprio asino non lo è.

    RispondiElimina
  149. Sopravvissuto8 maggio 2015 18:24

    Benedetto Ferrera ha "liquidato" Gomez.

    RispondiElimina
  150. Appunto il problema non è solo Montella, è questa squadra che è alle pompe. Il suo cuore-polmone-cervello che era il centrocampo è bollito in tutti i suoi membri. Anche se restasse l'allenatore bisognerebbe cambiarne mezzi, tutti quelli mezzi.

    RispondiElimina
  151. ma no, VITA, cosa dici. Va tutto bene, a parte Montella, che è un sabotatore, un non-allenatore, e ci ha anche privato del genio di Marin. Vedrai che senza di lui il triplete è nostro... Stappiamo!

    RispondiElimina
  152. Calabresi lo ha fucilato. Anche aldilà del lecito e dell'onesto.

    RispondiElimina
  153. Gomez per me è chiaramente rotto, non ce la fa fisicamente, non gli reggono le gambe, ha problemi di schiena. Forse gioca per motivi contrattuali, ma non capisco a cosa gli giovi, è tutta pubblicità negativa per lui e i suoi sponsor.

    RispondiElimina
  154. A nessuno dei due sta il gilè che così bene sta a Montella.
    Sarri poi quando lo vede gnigni in tuta c'è il rischio lo mandi a Casette a fà le scarpe.
    Facezie a parte per me Sarri tutta la vita (non arrivando agli altri) ma tanto un ci viene lui.

    RispondiElimina
  155. stefano, io su valero ti seguo, ma su mati no: è l'unico che cerca di verticalizzare, tenta la giocata per la superiorità numerica e va a contrasto (a mio avviso talvolta cerca anche il fallo, certo non come il gigante polacco loro nel mezzo [tra l'altro, peccato averlo perso], solo che il fisico non lo aiuta). valero no, è uno zombie, ma la cosa che mi indispone di più e vederlo fare i contrasti in una semifinale europea col piedino di fata. mavvia.
    io su mati punterei anche dopo la probabile e necesaria rifondazione.

    RispondiElimina
  156. sono d'accordo con te, difatti è questa la cosa che mi tristezza

    RispondiElimina
  157. Oltre ai contrasti col piedino da fata, non salta MAI una volta, mai ! Capisco che non è il tuo forte, ma almeno il tentativo fallo, no?

    RispondiElimina
  158. Belvaromana578 maggio 2015 19:08

    Sarri ha detto che è disponibile ad andare "ovunque ci sia la cultura
    del lavoro".
    Avrà firmato col Borussia?

    RispondiElimina
  159. Belvaromana578 maggio 2015 19:11

    Esatto. E secondo me questo mette in imbarazzo la società. Troppi della rosa hanno un senso solo con Montella tecnico. Partisse lui diventano vuoti a rendere sul mercato

    RispondiElimina
  160. stefano vienna8 maggio 2015 19:18

    Io non me la prendo ne con valero ne con mati, ma con chi li mette in campo contemporaneamente in partite come quella di ieri, con in piu' joaquin per dirla tutta. Maschio alfa un par di cazz... meglio un maschio alfa fallito che uno che e' disposto a suicidarsi per far dispetto al prossimo. E meglio Beppe il fornaio di un incompetente non-allenatore pure arrogante e montato.

    RispondiElimina
  161. Più che altro non abbiamo più un Macìa operativo.

    RispondiElimina
  162. GeppettoDanese8 maggio 2015 20:05

    Guardate il lato positivo: sicuramente l'anno prossimo vedremo una maglia più bella della attuale.

    RispondiElimina
  163. Molti sono vuoti a rendere anche con Montella.E si vede.

    RispondiElimina
  164. Anche perchè quarti un c'è verso d'arrivare.

    RispondiElimina
  165. Io sarò esagerato, ma non comprendo l'astio verso Gomez. Va bene, non sta giocando bene, ma lo ha mai fatto? il suo punto di forza è stato sempre il gol. Per fare gol bisogna arrivare in area, non sulla trequarti. Il gol che non ha fatto all'inizio non mi sembra sia stato così deplorevole. Non mi sembra un gol mangiato. Ne vediamo tante di azioni simili che non si trasformano in gol, anche da parte di attaccanti ancor più quotati. Pochi veramente, prima che il tedesco venisse da noi. Ve lo ricordate Matri? una capra da noi. Adesso è tornato nella sua dimensione, cioè quella di un attaccante discreto, che fa il suo.
    Di Gomez mi preoccupa lo stato di forma. E potrei pensare a qualche problema postumo agli infortuni, ma allora Valero cosa ha? sbaglia tutto e cammina in campo, anche se con quel fisico potrebbe anche fare a meno della preparazione atletica! Il nostro vi sembra un centrocampo normale? Lo spazio lasciato agli avversari è disarmante. Siamo nulli, siamo improduttivi. Mi domando, ma i tiri da lontano si provano in allenamento? e i calci d'angolo? come può un Mati, con quei piedi battere quelle schifezze di corner?
    E Salah? la mediocratizzazione dell'egizio è spaventosa.
    Non so quante colpe ha Montella. Ha dimostrato la sua bravura in due mesi, però adesso si è buttato tutto alle ortiche. Non abbiamo schemi, non facciamo tiri. Giochiamo 20 minuti a partita, durante i quali creiamo, e falliamo (Gomez incluso) i gol. Poi gli altri con due ripartenze ci bruciano.

    RispondiElimina
  166. Ecco quanto di meglio ho letto tra milioni di righe, copiincolla del pensiero di un tifoso della Fiorentina che rispecchia il mio stato d'animo al 200%. Lascio parlare lui perchè io sono svuotato da ogni energia emotiva. Scusate il mio ed il suo sfogo ma cercate di ricordare almeno un qualcosa di queste righe.


    Un'altra annata è finita (non credo ai miracoli). Stacco per un po. Buona serata a tutti Voi.

    ----

    Che giornata dì cazzo,ho dormito male,mi sono alzato peggio,un mi capacito:
    C'era un atmosfera surreale oggi a Firenze,sembrava che ieri,unnavesse giocato nessuno.
    Tutti vogliono cancellare,rimuovere,ma icchè lè successo ieri sera??
    Nulla......
    E invece qualcosa gliè successo puttana miseria.
    La mì donna,più che la mi vede così,e più che la mi da di bischero,come se la un mi conoscesse ormai.

    Ma icchè tu voi,sa una sega lei,come la maggior parte delle donne,non
    tutte eh,ì calcio lo pigliano giusto giusto in pasticche,o in fiale,a
    seconda dei gusti.
    Io Bernardino mio ti posso dare anche ragione su
    Montella,magari diventerà un grande allenatore,ma te tu lo sai,noi da
    che calcio si viene,che Fiorentine sè visto.
    Io,sono figlio dei Tendi,dei Casagrande,dei Firicano,dei Volpecina,dei Dell'Oglio ecc. ecc.
    Tutta gente che se tu li metti insieme,cò un mensile di Gomez,tu gli paghi lo stipendio di un anno.
    Antiestetici abbestia,brutti,sporchi ma cattivi CAZZO!!!!!!!

    Gente tecniocamente limitata per la serie A,ma che in campo dava tutto e
    che anche se si perdeva,usciva sempre tra gli applausi.
    Io a
    vederli ieri sera,lì,assenti,come se fossero a fare un'amichevole di
    ferragosto,mi si pigliava gli strizzoni,te lo giuro......
    Te lo
    ricordi,quando sè passato annate vivacchiando tra ì centro-bassa
    classifica e l'Europa un si sapeva nemmeno icchè l'era,però,magari si
    giocava contro i gobbi,si sputava sangue e magari qualche volta,a
    Firenze si riusciva anche a vincere.
    Ci si contentava di poco.

    E'questo quello che vorrei fare capire a tanti,io di questo calcio fair
    play,imbalsamato,impomatato coì vestito di Armani,che contano solo le
    apparenze,le cose effimere,sono stufo....STUFO!!!!
    Tempo fa scrissi che questa squadra aveva delle analogie con quella dell'89/90.
    Sbagliavo,ho detto una cazzata grossa come una casa.

    Perchè almeno quelli,anche se erano tecnicamente inferiori agli
    avversari,perlomeno in coppa,davano l'anima,sputavano sangue e in finale
    almeno loro ci sono andati.
    Per questo condivido in toto il post del Daniel Caudillo.
    Basta ora.
    13 anni quì e non hanno capito un cazzo,non hanno mai capito come siamo fatti noi Fiorentini.
    Che vadino a comprare ì Milan,ai posto di Mister Bin,che lè una società più consona a loro.
    Noi siamo fiorentini cazzo,io son fiorentino,provinciale bottegaio,ma son contento così.
    Che vadino tutti a fare in culo questi manichini:

    Io ti appoggio in toto Bernard,voglio chetammi fino a Giovedì alle
    undici e mezzo,ma se puttana miseria avessi la fortuna di poterne
    trovare almeno uno pè la strada di questi signorini,glielo direi nì
    muso,che Giovedì,noi la nostra parte si fa,come sempre,ma loro,devano
    mangiare fulmini e cacare saette,come gli disse Miky ai grande Rocky
    Balboa:
    Poi,a me personalmente,dì risultato un mene importa una
    sega,ma se proprio dovesse andà male,quelli di Siviglia,e ci devano
    andare colle grucce a Varsavia.......
    CAZZOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!
    scusate lo sfogo e se ho monopolizzato un attimino la pagina,vi amo tutti.......

    RispondiElimina
  167. stefano vienna8 maggio 2015 21:16

    Grazie, Louis, hai scelto un bel post, a 20 ore di distanza dalla disfatta pensavo ormai di essere l'unico a vederla in questo modo.

    RispondiElimina
  168. ..c'è un piacentino che ha capito come son fatti certi Fiorentini forse perchè è toccato in testa come loro...dico certi perchè ci sono anche Fiorentini che somigliano alla maggior parte dei piacentini e allora io preferisco quelli tarati male...13 anni ma non è vero che non hanno capito un cazzo, sono escrementi stupidi ma la forza di un fesso spinge sulla debolezza di un giusto e ne conquista l'attenzione.Il Franchi di giovedi deve si essere una bolgia ma una bolgia di rivoluzione..o adesso o mai più..che possiate crepare soffocati dalle vostre menzogne.Vi Odio e mi prendo anch'io una bella pausa, questa non è la mia Fiorentina, questo è il vostro conto in banca, marchigiani del cazzo.

    RispondiElimina
  169. Belvaromana578 maggio 2015 21:47

    Louis Zeman: vi siete superati. Grandiosamente divertenti, veracemente audaci, fuori dall'ordinario nella vostra assoluta normalita'.
    Grazie per ogni sorriso che mi strappate

    RispondiElimina
  170. Belvaromana578 maggio 2015 21:49

    Ellamiseria!! È proprio vero

    RispondiElimina
  171. ..se il mio commento ti ha fatto sorridere o l'hai trovato divertente due sono le cose, o non sono stato chiaro o tu mi prendi per il culo, in ogni caso non c'è problema.

    RispondiElimina
  172. Belvaromana578 maggio 2015 21:53

    Nessuna delle due. Mi piace l'approccio

    RispondiElimina
  173. ..il mio approccio è iniziato 13 anni fa...scrivo le solite banalità da 13 anni...sono scontato quasi come i due escrementi che passano per un "qualcosa che rimpiazza il nulla"....oltre loro il nulla, peccato si scordino di ricordare agli altri che tra un nulla certificato e un nulla da dimostrare qualcosa ci corre..comunque va bene, c'è e ci sarà sempre un Montella d'accusare, c'è e ci sarà sempre qualcuno che il primo tempo di Siviglia -Fiorentina non l'ha potuto seguire.

    RispondiElimina
  174. http://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/roma/2015/05/08/news/fair_play_finanziario_multe_e_obbligo_di_pareggio_per_roma_e_inter-113890578/?ref=HRLV-2

    RispondiElimina
  175. Belvaromana578 maggio 2015 22:10

    È una dinamica simile ai ragionamenti di Sopra rispetto alle mogli.
    L'incognita del "nuovo" ci porta a deglutire il presente con quattro buste di Alka Seltzer.
    Ingeriamo aria per sentirci satolli.
    Zeman io ti leggo da qualche mese, non da 13 anni, per cui.mi diverto

    RispondiElimina
  176. Avete già detto quasi tutto e meglio di come avrei potuto farlo io. La Fiorentina dei tre tenori è finita. ha ragione Stefano quando dice che Borja e Mati insieme non possono giocare a certi livelli; non il Borja di questo ultimo anno e mezzo, forse quello dei primi 18 mesi, che non perdeva mai palla e che quindi non doveva neanche recuperarle, si.
    Per le ultime partite dell'anno, vorrei vedere sempre Pek e Badelj insieme: Badelj qualche recupero lo fa; che al posto del PEK non possa giocare perché se aggredito non riesce a ragionare, credevo fosse un fatto acclarato per giusta fama. Ma sicuramente sbaglio io. Inoltre sono gli unici due che possono verticalizzare: Mati e Borja non lo fanno.
    Colpe della società: Tomovic è discreto ma non va bene per una semifinale di EL con il Sevilla (forse con il Dnipro?), ma sono 4 campagne acquisti (estate e inverno) che sulla fascia destra non arriva nessuno più affidabile. Sento parlare di Mario Rui, lo segnalai a gennaio dopo averlo visto con il Napoli, mi sembra buono, ma è un esterno sx e a noi serve (di più) uno dx.

    RispondiElimina
  177. Scusate ma ho seguito a malapena la partita in questi giorni, ma Basanta e Pizarro sono stati lasciati fuori dalla battaglia di Siviglia per scelta tecnica?

    RispondiElimina
  178. Il Pek credo di sì (cfr mio posto appena sotto)

    RispondiElimina
  179. Abbiamo al massimo 3/4 giocatori di personalità ed esperienza per una gara del genere, e ne lasci fuori due? Ma allora...ma allora.......................

    RispondiElimina
  180. stefano vienna8 maggio 2015 22:24

    E Vargas? Per riconoscerla la personalità bisogna averla.

    RispondiElimina
  181. Sopravvissuto8 maggio 2015 22:26

    Domenica giochiamo a Empoli....

    RispondiElimina
  182. Sì, è la stessa cosa che ho pensato io ieri sera quando alla lettura della formazione ho notato che quei due erano in panchina.

    RispondiElimina
  183. Continuando il discorso di Loino, ho notato che ieri Gomez, a un certo punto, preso da disperazione, ha tirato, seppur pressato, da fuori area (alle stelle), cosa che non fa mai.

    RispondiElimina
  184. GeppettoDanese8 maggio 2015 22:32

    Mi pare sia stato nel primo tempo. E se la frustrazione ti monta già nel primo tempo...

    RispondiElimina
  185. http://www.violanews.com/news-viola/neto-errori-fatali-adesso-tocca-a-tatarusanu-20150508/

    RispondiElimina
  186. Sono strasicuro che in un'altra squadra renderà ai suoi livelli. Spero non sarà italiana. Non c'è un kaiser da fare, giocano tutti male. Tutti! anche i passaggi elementari vengono sbagliati.L'unico capace di fare un cross è Vargas. Gomez secondo me è frustrato da questa situazione. Ha una carriera troppo luminosa alle spalle per sopportare queste porcherie di partite

    RispondiElimina
  187. Sopravvissuto8 maggio 2015 22:42

    Ahahaha....ahahah....ahahahah... Potessi sapere chi lo ha deciso!!

    RispondiElimina
  188. Questa non l'ho capita

    http://www.violanews.com/altre-news/valcareggi-con-lacquisto-di-badelj-la-proprieta-avrebbe-deciso-di-disfarsi-di-macia-20150508/

    RispondiElimina
  189. Mi sa che neanche lui l'ha capita. Non lo so ma quando lo vedo nei dibattiti mi ispira scarsa credibilità, solo un gradino (basso) in più del Masala, bambolaio, etrusco et similia (ci sono ancora?)

    RispondiElimina
  190. Sopravvissuto8 maggio 2015 23:10

    Macia aveva altro "per le mani" o in trattativa....arrivando Badelj Edoardo un po' viene delegittimato, un po' fa brutta figura con quelli "in trattativa".

    RispondiElimina
  191. No dai, qui si ride....sono sicuro che è da fine marzo che ho un incubo! svegliatemi!!

    RispondiElimina
  192. Sopravvissuto8 maggio 2015 23:21

    E il sitone tempesta di pubblicità di voli per Varsavia....

    RispondiElimina