.

.

mercoledì 27 maggio 2015

Come la Marta

Continuerò a sostenere invano che è stata una stagione molto bella, piena di grandi emozioni e di grandi delusioni, come non me ne ricordo un’altra così nell’era Della Valle. Dico “invano” perché di contro in molti la considerano negativa, piena di recriminazioni e rimpianti che superano abbondantemente i momenti entusiasmanti. E’ comprensibile che certe partite perse a un passo dal traguardo da troppo tempo atteso abbiano contribuito ad ingigantire le ombre, le macchie, i difetti, i limiti, le colpe, ad allargare le crepe. Quindi oggi chiedo un minuto di silenzio per tutte le margheritine sui leggings che una volta indossati sono diventate girasoli. Della Fiorentina di Montella mi è piaciuta soprattutto la capacità di andare a fare sempre la partita su ogni campo, e molto spesso grazie a questa sua faccia tosta che le ha permesso d’imporre il gioco, anche vincendo. In certi momenti ho creduto davvero che fossimo diventati una grande squadra. E sono stato bene. Quello che poi ha fatto della Fiorentina un modello apprezzato in Italia e all’estero, anche se più fuori Firenze che in “Buca”, perché noi siamo fatti così. E per questo mi dispiace se non dovessimo continuare ancora un po’ a riconoscerne quei tratti spiccatamente ambiziosi anche l’anno prossimo, magari ritrovando l’anima di Borja Valero perduta forse in qualche angolo più nascosto dove di solito pisciano gli americani, ritrovando i gol di Rossi e di Gomez, o chi per loro. Aggiungendo ancora qualità e fame. Insomma, vorrei andare sul sicuro e continuare ad amare solo il gelato al pistacchio. So che però non si può vivere di soli ricordi e sarò il primo a fare il tifo per il nuovo allenatore, convinto che potrà fare meglio di Montella. Molto meglio. Non si può vivere di soli ricordi. Ma quella volta che trovai tre semafori verdi di fila la porterò sempre nel cuore. E’ anche vero che Vincenzo non sempre ha fatto bene, ha sbagliato mostrando i difetti dell’inesperienza, e forse anche dei limiti che sarà solo il tempo a dirci se superabili. Come sono convinto che sia in assoluto il migliore dei giovani allenatori sulla scena italiana, e che non sarà facile sostituirlo adeguatamente se non rilanciando con altri nomi di un livello superiore. Quindi nei suoi confronti non tutti i rimproveri sono inutili. Alcuni sono estremamente inutili. Lo so che non mi apprezzerete affatto per quello che scrivo, anzi se tra un po’ comincerò a parlare anche in terza persona, vi prego... abbattetelo. Del resto anche per fare apprezzare alla Rita questa benedetta Europa League sono costretto a sperare che la Fiorentina vada ai preliminari. Lei dice che non sono attendibile su Montella, e non solo, anzi sta avendo grosse noie con la giustizia dopo avermi lasciato a far la spesa al banco dei salumi. Ora è sotto processo per abbandono di incapace. Ma io continuo a sperare che il prossimo allenatore mi dia da subito le stesse sensazioni che mi ha dato Montella alla prima partita. Le stesse che avevo vissuto solo un’altra volta con la Marta che mi sembrò quella giusta quando al karaoke prese il microfono con 2 mani.


214 commenti:

  1. Marco Gruppo Chiava27 maggio 2015 07:20

    Sempre godibile Pollock. Mi dispiace non leggere il giudizio di Foco sulla stagione viola.

    RispondiElimina
  2. Passator Cortese27 maggio 2015 08:16

    Nelle ultime due righe hai saputo trasformare un divertente paragone che il comune senso del pudore potrebbe considerare volgare in pura poesia.
    Complimenti Pollock.
    E questa volta neppure il minimo appunto ti posso fare, dal mio modesto punto di vista, sei totalmente condivisibile anche nella tua analisi tecnica e nel tuo positivo ed equilibrato giudizio su Montella.
    Il dato delle vittorie in trasferta, poi, è lì a dimostrare quanto siano infondate le teorie di un centrocampo Viola che sarebbe fragile o, nel migliore dei casi, solo poche volte all'altezza, qualificandolo invece non solo con la faccia tosta ma anche tosto, e continuativamente tosto.
    Io ci penserei bene prima di impoverirlo, questo centrocampo, anche minimamente, sul piano tecnico.
    Due personalissimi auspici.
    Capitolo Allenatore.
    Io, fossi nei DV, farei a Montella una proposta che non si può rifiutare (da ogni punto di vista, anche dell'etica professionale), ma non solo di rispetto, anche di consolidamento del rapporto in essere.
    Qui e ora, e sottolineo qui e ora, non cambierei Montella anche con Bielsa e Spalletti, detto ciò se volesse proprio andare da chi fosse disposto a pagare il danno, questi sarebbero certamente gli unici due che mi farebbero digerire il suo abbandono. Tutti gli altri nomi fatti per me significherebbero un preoccupante passo indietro. E non vale l'obiezione che anche Montella quando venne a Firenze era una scommessa, ora non lo è più una scommessa è un grande, e se lo sostuituissimo con una scommessa o con uno mediocre faremmo indiscutibilemnete un passo indietro.
    Capitolo centrocampo.
    Io sono persuaso che il nostro centrocampo titolare di quest'anno sia tuttora e possa essere anche l'anno prossimo secondo a pochi al mondo e che abbia bisogno solo di una difesa diversamente composta, meglio registrata e più "omogenea" ad esso, e di un attacco finalmente funzionante in tutti i suoi effettivi.
    Quindi io, anche l'anno prossimo, non farei assolutamente a meno di Pizarro, Mati e Valero, e sottolineo Valero contando ragionevolemente su un suo ritorno ai suoi livelli, mi preoccuperei solo di prendere tre ottime riserve, due delle quali devono essere all'altezza dei titolari e poi una terza che sia magari un bel prospetto, come ad esempio lo stesso Vecino.
    Buona giornata a tutti i Tifosi Viola.

    RispondiElimina
  3. Speriamo che questa sia l'utlima su Montella. Una specie de De profundis, discorso funebre (in viola ovvio, per il resto salute e feliictà) e che tu giri pagina perchè un ti si regge più da tempo. Mi hai così confuso il cervello che non ho capito nemmeno quella del karaoke

    RispondiElimina
  4. Passator Cortese27 maggio 2015 08:56

    Jordan, per come l'ho capita mi è piaciuta, ma può darsi che anche io non l'abbia capita.
    Preciso che dalle nostre parti dire che una donna parla bene al microfono ha un significato inequivocabile. Eh eh eh.

    RispondiElimina
  5. Bello l'editoriale di Pollock, che condivido in pieno: Complimenti per la trasmissione! Non a caso questo è il più Bel posto di Tifosi Viola.Riguardo a Montella la penso più o meno come il Passator Cortese. Quindi non la faccio troppo lunga altrimenti Jordan ricomincia con la storia degli adoratori. Ricordo solo, più a me che agli altri, che fino al A.M. (avanti Montella) guardavo le partite con la tremarella e la paura, ogni volta che andavamo a giocare in certi campi mi sedevo sul divano consapevole che avremmo fatto la solita partita esterna, senza personalità e con la speranza di fare qualche azione in contropiede che, se fortunato, mi avrebbe fatto esultare. dal D.M.(dopo Montella) tutto il contrario, quando guardo la Fiorentina sono sereno e so che se la va a giocare con tutte le squadre e che cerca di imporre il proprio gioco anche contro quelle più forti. Da allora questa consapevolezza è la stessa che hanno i giocatori viola ed è frutto di un lavoro che il Mister ha fatto e che, spero,possa continuare ancora a lungo perchè ho "paura" che lo rimpiangeremo se andrà via. Spero che resti e che i difetti che ha li riesca a superare con l'esperienza e anche grazie a quei Giocatori che fino ad oggi gli sono mancati.

    RispondiElimina
  6. C'è modo e modo per valutare una stagione. C'è chi la giudica positiva per via delle numerose vittorie in trasferta, per quelle contro le cosiddette grandi. C'è invece chi giudica la stagione deludente per via degli esiti finali nelle varie competizioni che sono stati abbastanza disastrosi sul piano dei risultati. Come sempre, credo, la verità sta in mezzo, vale a dire che si è trattato di una stagione piena di luci ed ombre, ma sulla quale, alla fine, le ombre hanno oscurato molta luce. Il nostro bottino alla fine è un nuovo ingresso in EL, che è poi quello che ci ripromettevamo all'inizio della stagione. In questo senso la stagione può essere considerata positiva, ma non certo indimenticabile. Ma accanto a tutto questo, c'è stata una serie di partite, specie nel momento decisivo della stagione (ma anche prima) assolutamente deludenti sotto ogni punto di vista.
    Adesso non si fa che parlare dell'addio di Montella, che, a questo, punto, mi pare inevitabile ed addirittura auspicabile. Non avrebbe, secondo me, alcun senso affrontare la stagione con un allenatore che sta qui, a torto od a ragione, controvoglia. Monto meglio cambiare, dare una bella rinfrescata alla rosa dei giocatori e cominciare una nuova avventura, consapevoli che si tratta di un nuovo ciclo da aprire. Quello di Montella, coi suoi momenti belli e meno belli, è definitivamente chiuso.

    RispondiElimina
  7. Bobby Caponata27 maggio 2015 09:16

    Le famose "interviste"...

    RispondiElimina
  8. Bobby Caponata27 maggio 2015 09:18

    Attento Jordan che potrebbe anche restare.. http://www.violanews.com/calciomercato/inler-kranevitter-scuffet-e-darmian-la-fiorentina-fa-sul-serio-20150527/ o quantomeno dare la sua disponibilità...

    RispondiElimina
  9. Imporre il proprio gioco quando su 24 punti in palio con le quattro che ci precedono se ne piglian 2 mi sembra un po' illusorio, poi sarò io che sono terra terra. Io la tremarella ce l'ho quando in contropiede partono gli altri nelle praterie che si lasciano noi.

    RispondiElimina
  10. Mio commento su quello che scrive La Nazione:
    Inler: 8 milioni di euro per un 31enne che il prossimo anno va a scadenza? Ma siamo matti? Per caso credono che Pradé sia un babbeo?
    Darmian: va bene, ma 13 milioni sono eccessivi, a meno che accettino una formula del tipo Roncaglia + 4 o 5 milioni.

    RispondiElimina
  11. Di questi quattro forse viene Inler, ma non certo a 8 milioni, ma se tu credi che la "disponibilità" di Montella dipenda dai nomi di chi viene non hai seguito.

    RispondiElimina
  12. Mai sentita, insomma il microfono sarebbe un simbolo fallico?

    RispondiElimina
  13. Passator Cortese27 maggio 2015 09:34

    In quel caso che ho detto sì.

    RispondiElimina
  14. hai sempre la risposta pronta..comunque parlavo nel complessivo di questi 3 anni, io non ricordo una Fiorentina che giochi con tanta autorevolezza e personalità, a me questo piace, se a te piace un altro tipo di calcio nulla in contrario. Però non è che prima di Montella eravamo il Barcellona, io continuerei su questa squadra cercando di migliorare, Tu cambieresti cercando di migliorare, vedremo come andrà a finire, a me piace il Calcio che fa Montella e credo in questo tipo di Gioco con i suoi pro e contro.

    RispondiElimina
  15. Io credo che per vincere nel calcio non si può prescindere dal cercare di far fare meno gol pssibile all'avversario. Se si trascura questo aspettoi si deve avere una fase offensiva micidiale, come il Barcellona appunto (adesso, perchè già l'anno scorso batteva in testa) che non possiamo avere. Io credo che nel calcio sia più facile attaccare in spazi aperti che in venti in una trequarti campo. Io credo che i movimenti senza palla siano fondamentali qualsiasi strategia si voglia seguire. Tutto questo l'ho visto spesso fare a cazzotti con le teorie montelliane. Risultato: 46 gol presi (e potrebbe non essere finita), rovesci clamorosi tutte le volte che le condizioni psicofisiche per un motivo o per l'altro, non sono ottimali. A me di tener palle per passarsela sui piedi da fermo, meglio se all'indietro, non mi entusiasma, anzi mi fa venir sonno. Non che si sia sempre giocato così, ma spesso. Tutto questo poi è una discussione sul sesso degli angeli. Montella non lo mando via certo io, va via lui perchè i rapporti con la direzione (leggi Gnigni) si sono logorati e, qui, parecchia ragione ce l'ha lui.

    RispondiElimina
  16. Foco, Fochino, acqua.....ho scoperto perché il caro Foco non si fa piu' vivo: mi sa che ha investito i risparmi in un lucrativo business. Ma ancora piu' incredibile é che é roba da astemi....mah !

    RispondiElimina
  17. Se tu pensi che unnà capita nemmen lui...

    RispondiElimina
  18. De Scementiis ha detto che giovedì annuncera' una sorpresa. Chi sarà? Di Matteo?

    RispondiElimina
  19. Io seguo la Viola dagli anni sessanta e non ho mai visto una identità di gioco così marcata come quella data da Montella. Nel bene e nel male. Alla mission societaria iniziale di riportare la gente allo stadio, si sono evidentemente sovrapposte delle aspettative conseguenza della lievitazione del monte ingaggi. Le dichiarazioni di settembre di Montella lo dimostrano in maniera inequivocabile.
    Viceversa due anni di sessioni di mercato ridicole, non hanno consentito un progressivo svecchiamento della rosa e innesti validi nei ruoli lacunosi.
    A Montella ne hanno fatte di cotte e di crude e lui non ci sta più a fare da parafulmine. Situazione che si potrebbe ricomporre per reciproca convenienza

    RispondiElimina
  20. Scusa se mi inserisco, Giglio, mi sembra che tu abbia un passato, e credo presente, come allenatore. In che serie a mio avviso è relativo, chi sta sul pezzo, che vuol dire erba, pallone, allenamenti, tattica, fatica, tutte robe che non si possono capire davanti ad un pc, ha naturalmente una percezione del calcio più profonda. Dicevo quindi, sei allenatore, dunque non capisco come tu possa prendere a modello uno che ogni anno da tre anni, passa i 40 gol al passivo, senza mai una volta cercare di porre rimedio, cioè primo non buscare gol. Non mi dire che sono nati così geneticamente, che non si può raddrizzare il difetto clamoroso del centrocampo solo andando alla ricerca dei nuovi Barzagli e Chiellini perché queste sono boutade per giornalisti e tifosi naif, che rispetto sempre, ma il calcio è un'altra cosa se si vuol tentare di vincere e non partecipare.

    RispondiElimina
  21. sarebbero tutti da prendere, ma:
    kranevitter a 3 non te lo danno.
    inler a 8 non lo piglio.
    idem per darmian, mi piace ma lo piglierei a meno della metà di quel che chiedono. altrimenti zappacosta, atalanta.
    scueffet è bravo ma ci voglion gli sghei.

    RispondiElimina
  22. Bobby Caponata27 maggio 2015 10:45

    Questa è una parte del problema, poi penso, come sostieni che abbiano da appianare le questioni interne su "chi fa cosa"
    Poi per le quotazioni sono d'accordo con tutti.. e un altro dualismo in porta non mi convince (poi se Tata con la schiena a posto non crea problemi..)

    RispondiElimina
  23. Per inciso, Roncaglia ha fatto un campionato molto migliore di quello di Darmian, anche se sono due difensori diversi...

    RispondiElimina
  24. Annuncia una sorpresa a due giorni dalla partita decisiva per andare in CL??

    RispondiElimina
  25. si, ti assicuro che fare l'allenatore a qualsiasi livello lo fai è difficile, anzi,meno risorse hai e più fai fatica a far capire le tue idee,non riesci e pensi di essere un incompetente,poi quando però arrivano i risultati hai una soddisfazione indescrivibile. Lavorare sul campo con passione e dedizione è il mio motto e cerco di trasmetterlo ai ragazzi, la cultura del lavoro(sempre con la palla) e del sacrificio, abbinate alle capacità di ognuno, (forse)porterà a dei risultati. Quali sono questi risultati? La vittoria? Dico anche, ma io lavoro soprattutto sui miglioramenti dei ragazzi, che nel settore giovanile vanno oltre la cultura del risultato (che andrebbe combattuta nei genitori). Spesso la vittoria, nella testa di tanti, diventa sinonimo di successo e cancella quelli che sono i problemi, ritengo invece che a volte anche quando perdi hai vinto, soprattutto quando alleni i ragazzi,ci sono partite in cui ti dice male e che costruisci una mole di gioco impressionante e l'avversasio con un contropiede fa gol e tu perdi. Qui sta il punto, non fraintendere, non mi diverto a perdere, anzi...voglio vincere anche quando gioco con mia Figlia, figurati sul campo, però a me piace la Fiorentina di Montella, con i suoi difetti di mancanza di equilibrio (fondamentale per il Gioco del Calcio ma dovuta, secondo me, alla mancanza di Giocatori ), con la Sua Personalità e la Sua Idea di far giocare la palla. Chiaramente vorrei che anche il lui migliorasse e superasse i difetti, quando capirà che non è più nel settore giovanile ma nel calcio dei grandi farà un grande passo .Credo che Montella sappia Insegnare Calcio e che siamo lì lì per vedere qualcosa di bello, se la società gli prenderà 4 pezzi veri (2 terzini, un centrocampista e un attaccante), credo che ci divertiremo e arriveranno le vittorie attraverso il gioco, ma queste sono mie sensazioni, forse dovute ai tanti anni di campo,prima dentro e poi seduto, non cerco di far cambiare idea a nessuno, sono mie e le tengo per me. Credo che Montella sia Bravo, ma se arriverà un altro tiferò per lui perchè sono della Fiorentina, certo sarò dispiaciuto ma guardo avanti, o almeno cerco... ti scrivo qualche chicca detta da Bielsa,uno dei più bravi...

    "Difendere è un
    inconveniente,è il lavoro scomodo del
    calcio"
    "Non esiste un solo
    motivo, neppure uno,
    perché un giocatore in
    campo stia fermo"

    "Successo e felicità non
    sono sinonimi"

    "Il calcio è movimento. Il calcio è correre e smarcarsi"

    "Per me tutte le partite sono uguali.
    Si devono dominare. Il resto non conta"

    "Se c’è una cosa che rende splendido il calcio
    è che non sempre vince il migliore"



    "Il mio sogno è allenare in un calcio che sia più
    moderato, dove si accetta di perdere senza traumi. Ci
    sono due Paesi al mondo in cui succede: la Svizzera e il
    Cile. In Argentina quello che succede alla squadra
    incide sulla vita privata dei tifosi. Io non mi sento un
    argentino moderato, anzi, sono uno eccessivo. Per me il
    calcio è tutto. Io parlo la lingua del calcio, penso
    nella lingua del calcio, leggo la lingua del calcio, ma
    questa è una vita che non si può condurre in eterno.
    Perciò mi piacerebbe dare una calmata al calcio. Non
    sono un'istituzione, sono un impiegato".




    "Non c’è niente di meglio di un giocatore che ti risolve
    la partita, ma gli allenatori hanno deciso che il
    processo creativo è secondario. Se si potesse dare la
    palla a un Maradona e fargli risolvere la partita, io
    credo che saremmo tutti più felici. Però oggi i Maradona
    non ci sono più".

    RispondiElimina
  26. spero che si ricomponga, comunque nel calcio sono questioni marginali, si fa presto a ripartire per buona pace di quelli come me che vedono in Montella una risorsa e per la "disperazione" di quelli che vedono in Montella Il Problema.

    RispondiElimina
  27. Pensavo che se la sorpresa riguarda il.nuovo tecnico, Vincenzo è escluso

    RispondiElimina
  28. ma anche se arriviamo davanti al Napoli milionario (che è uscito dalle coppe come noi, ma con avversari più scarsi), resta una stagione fallimentare?

    RispondiElimina
  29. come minimo riassume Benitez.

    RispondiElimina
  30. http://www.fiorentina.it/it/news/articolo.37.30053/verso-il-chievo-gomez-ancora-in-panchina-dubbio-in-porta-tra-tatarusanu-e-rosati.html



    Non credo ci possiamo affidare a Tata per la prossima stagione, sono mesi che ha problemi, ed è recidivo...Più che su Scuffet punterei su Sportiello.

    RispondiElimina
  31. Onore e rispetto per l'entusiasmo che metti. Un sincero in bocca al lupo.
    La domanda che ti pongo include anche il mio modo di valutare Montella:
    ti mettessero alla guida tecnica della Fiorentina, continueresti nel tuo, nobile e che condivido, ma rapportato a diverse categorie, modo di concepire calcio o cerchersti di ovviare a quello che è il difetto più evidente in una squadra di A con delle ambizioni?
    Il succo sta tutto qui.

    P.S. il pensiero e calcio di Bielsa è lontano anni luce da quello di Montella.
    Basta osservare le rispettive squadre.

    RispondiElimina
  32. GeppettoDanese27 maggio 2015 12:12

    È quello che dico da un po' anch'io.

    RispondiElimina
  33. Credo di averti già risposto qui sotto in precedenza (lol). Non è una stagione fallimentare, perché almeno l'obbiettivo stagionale (accesso EL) è stato raggiunto. E' stata una stagione con luci ed ombre e, purtroppo, le ombre sono giunte nella fase decisiva della stagione stessa.

    RispondiElimina
  34. GeppettoDanese27 maggio 2015 12:14

    Ripeto, per COME sono arrivati certi rovesci, la stagione è stata tutt'altro che positiva. La Fiorentina nel tempo è diventata sempre più bipolare

    RispondiElimina
  35. Non sa nemmeno se gioca domenica. Comincerei a preoccuparmi sul serio.

    RispondiElimina
  36. Si arriva anche davanti. e molto di più, al Milan e all'Inter.Cosa c'entrano i guai degli altri con le nostre presunte prodezze. Anzi,siccome, gli altri, quelli più titolati di noi han fatto schifo, eral'anno buono per ottenere di più.

    RispondiElimina
  37. GeppettoDanese27 maggio 2015 12:18

    Questa sarebbe la stagione migliore dell'era Della Valle? Mah, memoria corta.
    Io credo che la stagione migliore sia quella in cui arrivammo quinti con la penalità sul groppone (terzi senza)

    RispondiElimina
  38. Se è questa la modalità, si fa prima a guardare al Milan e valutare la nostra una stagione straordinaria.

    RispondiElimina
  39. grazie. entrambe le cose: cercherei di portare avanti il mio modo di fare calcio cercando di migliorare dove sbaglio,però non credo che Montella non abbia la capacità di fare qualcosa di diverso, penso di più che gli uomini a disposizione fanno si che la bilancia penda di più da una o dall'altra parte. Credo che questa Fiorentina sia stata anche tanto sfortunata, avrei voluto vederla nei momenti decisivi della stagione coi giocatori al top e senza infortunati..ma questo fa parte dei se e dei ma che non mi appartengono. Riguardo a Bielsa, erano più un riferimento al mio pensiero che un paragone con Montella, tra l'altro non so nemmeno se a Montella piacciano le idee di Bielsa.

    RispondiElimina
  40. Nessuno dice che è una stagione fallimentare (almeno, non lo dico io, che la giudico buona o molto buona), ma è una stagione con moltissimi rimpianti, a maggior ragione vedendo cosa ha combinato il Napoli.

    RispondiElimina
  41. Sì, il 2006-07 è stato l'anno in cui abbiamo avuto la squadra più forte dell'era Della Valle. La stagione migliore per me è stata la 2012-13, la prima con Montella.

    RispondiElimina
  42. ANTO, non lo dici tu, ma qualcun altro sì.

    RispondiElimina
  43. Bene, dobbiamo affidarci a ciò che si vede per un'analisi, e ciò che si è visto è che Montella non vuole cambiare l'identità del suo centrocampo per tanti motivi facili da capire e valutare nei tre anni, ma soprattutto perché
    1) dato per assunto che in fase di mercato non è mai stato narcotizzato, non ha mai realmente chiesto elementi che portassero ad una diversa concezione. Al massimo pare, ripeto, pare che le sue richieste si limitassero, nell'oggetto centrocampo, ad un vice Pek, il che è sintomatico
    2) aveva in rosa due, non fenomeni, ma bravi che senz'altro potevano dare una mano, cito Romulo e Vecino, ma non ha alzato un dito quando hanno trattato le partenze. Errore ancora più marchiano perché i tre tenori del primo anno, sorpresa per tutti loro stessi compresi, sono diventati nel frattempo dei galletti sfiocati, e non certo per loro disimpegno.
    Di conseguenza, lui non vuole una diversa concezione nel mezzo.
    Limite enorme, perché quando trovi squadre come Juve B e Siviglia, organizzatissime, che pressano corte, letteralmente ti ribaltano.
    Poi tutti a rifarsela coi difensori, certamente migliorabili, ma che tu sai bene poco possono fare se presi in velocità dagli inserimenti avversari.

    RispondiElimina
  44. GeppettoDanese27 maggio 2015 12:49

    A livello di spettacolo sì, sicuramente. Ma ai tempi della penalizzazione avevamo una squadra forte perché riuscì a venir fuori da una spirale psicologica non indifferente. Quella era vera forza, altrimenti sulla carta non è che fosse proprio fortissima

    RispondiElimina
  45. Beh, insomma... Toni - Mutu in attacco, in porta il miglior Frey, Santana e Liverani a centrocampo, in difesa Ujfalusi e il miglior Gamberini, oltre a dei buoni gregari, era una squadra veramente molto forte.

    RispondiElimina
  46. Ah ah ah..questa è carina

    RispondiElimina
  47. Vittoria del Dnipro quotata da Snai a 5, 50. Pari 3, 75.
    Ho messo un centino sulla possibilita' che gli Ucraini arrivino almeno ai supplementari

    RispondiElimina
  48. Mi permetto di riportare dal Sifone il commento di Kurt delle 12:37 sotto l'articolo di Giorgetti riportato da: La Nazione.

    Sebbene non condivida del tutto la posizione troppo tranchant su Montella ("concezione del calcio probabilmente sbagliata in assoluto....."), secondo me spiega molto bene perché l'eventuale tecnico del futuro darà dei segnali precisi sulle stagioni successive.
    Al di là delle parole di cui proprietà e dirigenti si riempiranno la bocca.

    "Kurt
    Sul piano tattico penso che nessuno, salvo qualche talebano, si straccerà le vesti per l'addio di Montella. Gli errori che ha fatto, ma soprattutto una concezione del calcio probabilmente sbagliata in assoluto e certamente del tutto incompatibile con una realtà come quella della Fiorentina, rendono la sua partenza tutt'altro che drammatica in sé. Ma al piano tecnico-tattico si somma quello societario che è ben più importante. Analizziamo gli allenatori che i Della Valle hanno avuto dopo il ritorno in serie A: Mondonico (secondo me bravissimo ma percepito, come lui stesso amava definirsi, un tecnico pane e salame); Buso (un miracolato); Zoff (allenatore a fine corsa); Prandelli; Mihajlovic (provenienza provinciale); Delio Rossi (allenatore a fine corsa); Montella (provenienza provinciale). Ora, di tutti questi l'unico che incarnasse un progetto di crescita era Prandelli, non perché fosse chissà cosa ma perché aveva fatto bene a Parma e soprattutto l'anno prima era stato ingaggiato dalla Roma che poi non aveva allenato per i motivi che conosciamo. Se poi sia stato all'altezza delle attese è altra questione. Il problema non è la bravura ma il fatto che il tecnico di provenienza provinciale o a fine corsa consente alla società di abbassare l'asticella senza dirlo. Finché non è lui ad alzare la cresta. Allora si ricomincia il giro. Naturalmente perché il giochino riesca occorre non licenziare l'allenatore ma farsi lasciare da lui, come fanno alcuni un po' vili col partner. Probabilmente Sarri è bravissimo ma è certo che la Fiorentina di Sarri partirebbe con ambizioni molto inferiori a quella del quarto anno di Montella o del quarto anno di Prandelli. Perché per Sarri (come per Di Francesco, come per Donadoni) allenare la Fiorentina è una manna dal cielo da prendere senza alcuna condizione. Non così sarebbe per Spalletti, ma nemmeno per Mazzarri. Quindi: se vogliono abbassare l'asticella benissimo, basta che lo dicano. Altrimenti che venga uno meglio di Montella. Se non c'è, allora meglio tenersi Montella con tutti i suoi gravi difetti (soprattutto la sua scarsa attenzione alla fase difensiva). Va bene tutto, ma non ci prendano per il culo. Dimenticavo: se mettono un po' d'ordine in società fanno cosa gradita."

    RispondiElimina
  49. Qualcuno li conosce?

    http://www.violanews.com/calciomercato/dallolanda-fiorentina-attiva-su-due-talenti-del-feyenoord-20150527/

    RispondiElimina
  50. Io no, tranne che sono compagni di squadra di Clasie......

    RispondiElimina
  51. Non so se avete dato un'occhiata ai risultati dell'ultimo sondaggio del sifone che riguarda l'allenatore preferito dai tifosi in caso di partenza di Montella. Ebbene sì: il preferito è sempre lui, l'inossidabile Giubba Medioman che precede, nell'ordine, Unay Emery, Sarri e Donadoni. Quando si dice che le vedove non
    hanno rimpianti...

    RispondiElimina
  52. E' dai tempi di Prizio che abbiamo capito come funziona il meccanismo di quei sondaggi.....

    RispondiElimina
  53. Meccanismi collaudati e ormai noti ai più. Ognuno tira l'acqua al suo mulino e, anzi, almeno fino a qualche mese fa, Montella è stato sin troppo aziendalista.
    Piuttosto mi chiedo come possa ora bilanciarsi l'ingaggio di un tecnico con un anno di serie A alle spalle con la mania di grandeur internazionale dei fratelli.
    A luglio di gioca col Psg e col Chelsea. Va bene che è calcio estivo ma le brutte figure non promuovono l'immagine

    RispondiElimina
  54. GeppettoDanese27 maggio 2015 13:49

    Notare come dal sondaggio sia stato escluso Spalletti

    RispondiElimina
  55. GeppettoDanese27 maggio 2015 13:52

    Riguardo i gol di Fiorentina-Siviglia e penso che sarebbe stato più dignitoso farceli da soli.

    RispondiElimina
  56. Sondaggio filoprandelliano. Lo mettono al primo posto della fila e col pallino già cliccato. Escludono Spalletti che avrebbe un plebiscito mentre mettono Emery,come se fosse più facile arrivare allo spagnolo che al certaldese. Non so cosa vogliono dimostrare, finchè c'è DV Prandelli non esiste, e meno male.

    RispondiElimina
  57. Giorni e giorni a parlare dell'allenatore, a pesare le opposte fazioni ma il problema non è solo quello, detto da chi Montella lo cambierebbe domattina... Bisognerebbe cambiare passo in un'altra direzione ma non ci sono volontà e competenza per farlo e allora finiremo sempre col litigare sul mister di turno passando per la storia che dimostra quelli che sono i nostri limiti e allora tutti felici di non poterli oltrepassare. Io no.

    Non credo che non si possa fare di più, anche con tutte le nostre zavorre alle quali mi son rotto le palle di passare mesi a trovare nomi...

    Ho un sogno, consapevole che rimarrà tale...

    questo è ciò che vorrei ma occorrerebbe una rivoluzione, meglio aspettare il Di Francesco di turno...

    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/hphotos-xfa1/v/t1.0-9/11102891_984544401564986_7762556563079353692_n.png?oh=c445cd6d2127b9ba7efbea1b5ee56a74&oe=55F73ECD

    RispondiElimina
  58. Inrealtà sembra ci sia parlati prima. Dice tutto quello che ho sempre detto, quindi quoto in toto. Aggiungerei solo che l'ultima frase, quella dell'ordine in società, andrebbe enfatizzata di più. Credo sia alla base, questa volta, della separazione più o meno consensuale.

    RispondiElimina
  59. questo sogno si chiama DOYEN. Gran parte di questi soldi non è mai entrata nelle casse del Porto...

    RispondiElimina
  60. bastano e avanzano le "mance" se hai gente competente e unita a dirigere la baracca... quello sì, un sogno, per noi...

    RispondiElimina
  61. http://www.calciomercato.com/news/inchiesta-di-pippo-russo-il-porto-e-i-fondi-di-investimento-come-598075

    RispondiElimina
  62. quindi nemmeno il Porto va preso ad esempio...

    Russo, Bucciantini... tutti spulciatori di cazzate che magari non sanno nemmeno come è fatto un pallone...

    http://www.maidirecalcio.com/2014/08/01/spending-review-porto-il-tesoro-nascosto-dei-dragoes.html

    RispondiElimina
  63. Se han messo Emery, potevano mettere anche Bielsa.

    RispondiElimina
  64. Concordo pienamente

    RispondiElimina
  65. boh, saranno tutte cazzate, cosa ti devo dire...

    RispondiElimina
  66. Mah, ora come nel dopo-Brandelli si ripropone il tormentone del voler per forza far dichiarare ai DV che si abbassa l'astinenza... "chiarezza, chiarezza, chiarezza", come tre anni fa, e poi in stile marcosenese grattugiato di nuvola parmigiana rigrideranno alla dimissione, perchè i DV "non spiegano chiaramente che..." ... ma che cazzotti vi devono spiegare? Si sta in scia alle squadre che hanno più soldi di noi, quelli che abbiamo si cerca di usarli meglio di come li usano loro di modo che si possa far meglio di qualcuna di loro, io più delle volte ci riusciamo e qualche volta no, nonostante talvolta i proprietari siano pure intervenuti a ricapitalizzare di tasca propria. Che poi non ho capito perchè la scelta dell'allenatore dovrebbe dire se le ambizioni si ridimensionano o meno, sperate che piglino Guardiola? La suddivisione in categorie di Kurt mi pare superflua, quando mai la Fiorentina nella sua storia t'ha portato un Guardiola che fosse già Guardiola? Idem per i giocatori, c'è bisogno di spiegarlo che Batistuta l'abbiamo avuto solo perchè l'abbiamo preso ancora acerbo e che un Messi che è già Messi non è accessibile a noi ma nemmeno a quelle che ci precedono? Che palle, è un disco che viene riacceso in nostro ogni volta che si deve cambiare un allenatore, ma anche ogni volta che un giocatore sopravvalutato ci lascia perchè si illude di andare ad alzarla altrove questa fantomatica asticella... Ma i proprietari delle altre squadre l'hanno mai dichiarato che abbassano la asticella, cristo?!

    RispondiElimina
  67. Il correttore automatico (che non so come cazzotti si toglie) all'inizio mi ha cambiato "asticella" in "astinenza"... e magari è un presagio, perchè certi discorsi a me la fanno abbassare davvero l'asticella

    RispondiElimina
  68. Però Louis da qui si capiscono e si quantificano le plusvalenze, la domanda "a chi vanno in tasca" non a caso è rimasta sospesa.

    Qui forse ci aiuta l'articolo di Pippo Russo.

    Ed anche il comportamento del presidente dello Sporting Lisbona
    http://www.calciomercato.com/news/sporting-lisbona-vs-tpo-non-ti-pago-690251

    RispondiElimina
  69. E pure "dismissione" in "dimissione"...

    RispondiElimina
  70. E poi neanche Gnigni sa come è fatto un pallone se è per quello, e passa per "aver portato Salah".....

    RispondiElimina
  71. E "che cazzo" in "che cazzotti"... dannato cellulare nuovo

    RispondiElimina
  72. perché cazzotti era voluto? :-D

    RispondiElimina
  73. No davvero... comunque ora mentre invocavo qualche divinità qua e là sono riuscito nel frattempo a eliminarlo questo cazzo di correttore!

    RispondiElimina
  74. ahahahah pensavo non volessi scrivere parolacce...adesso andrai all'inferno.

    RispondiElimina
  75. Scusa Vita, ma il periodo Sinisa a te è sembrato di rilancio?
    E dico rilancio dopo il tonfo Prandelli, non rispetto alla media delle annate precedenti.
    A me è sembrato proprio quello che Kurt ha detto: prendere un allenatore che non rompesse troppo i cabbasisi sulla rosa che con tutta evidenza, almeno in partenza, era esattamente l'opposto di cui un allenatore giovane e senza esperienza come lui aveva bisogno.
    Il manico forte del Corvo e l'inesperienza di Sinisa non hanno fatto altro che allargare la buca perché certi equilibri indispensabili fra chi chiede e chi dà erano completamente saltati.
    Sinceramente non credo che noi tutti qui, te compreso e non solo, vorremmo rivivere quel periodo.

    RispondiElimina
  76. Ma sono una delle persone più blasfeme dell'universo, convinto come sono che non esista nulla... sono più presuntuoso di Montella, ahah

    RispondiElimina
  77. ma Montella ci crede nell'aldilà ?

    RispondiElimina
  78. Ipotesi sottovoce corpo 7:
    Unay -> Real
    Donadoni -> Milan
    Sinisa -> Samp
    Sarri -> Empoli
    Montella -> Firenze
    IL MANCANTE -> Napoli
    E' ipotesi, non preferenza. Vedremo.

    RispondiElimina
  79. Il periodo di Sinisa nelle intenzioni doveva essere di rilancio, poi strategie di mercato sbagliate (cioè il non aver rifondato la vecchia rosa) fecero sì che la squadra continuò ad andare di merda come già aveva fatto Brandelli nel suo ultimo girone di ritorno, mentre tutti se la rifacevano con l'allenatore che poi l'ha dimostrato altrove di non essere un coglione... ci misero due anni a capire che i rilanci si fanno diversamente, poi lo fecero con l'arrivo di un altro tecnico anch'egli emergente... certo che non voglio rivivere il film già visto con Sinisa (anche se ho visto di peggio, tipo la C2 grazie a Vittorio), a me semmai pare vogliano riviverlo quelli che dal finale di Prandelli (squadra che crolla = ciclo finito = allenatore ha fatto il suo tempo = squadra da rifondare) non hanno imparato la lezione

    RispondiElimina
  80. Si parla dello svizzero Kasami

    RispondiElimina
  81. immaginati ora che invece che il Corvo c'è Gnigni, che potere avrebbe un allenatore giovane! Ramadani-Zahvi al potere!

    RispondiElimina
  82. Prandelli ha lasciato una squadra è uno spogliatoio allo sbando, Montella no, per cui adesso direi che non è necessario uno smembramento della squadra col cambio di tecnico.

    RispondiElimina
  83. Io dico di sì, e crede di esserne anche il caposcala

    RispondiElimina
  84. GeppettoDanese27 maggio 2015 15:46

    Crede che ciascuno di noi, dopo la morte, tornerà nella propria dimensione

    RispondiElimina
  85. Benché siamo d'accordo sui fatti ne diamo interpretazioni differenti.
    Ammetto che il mio punto di vista è più "cattivo" del tuo, ma per me affidare ad uno come Sinisa una squadra più o meno fatta per uno come Prandelli è roba da incompetenti totali se fatta con buone intenzioni.
    Siccome il gioco allora lo menava il Corvo, che calcisticamente è tutto fuorché ingenuo, io sono fortissimamente ed intimamente convinto che abbia voluto Sinisa perché conveniva a lui e non alla Fiorentina.
    Allora come ora ritengo i fratellini addebitabili di responsabilità oggettiva perché "non potevano non sapere".

    RispondiElimina
  86. C'è un po' di vero, ma non esageriamo. Prandelli lasciò macerie, fece 17 punti nel girone di ritorno. Montella ne farà probabilmente 34. Insomma non è uno scatafascio anche se il declino negli anni è innegabile.

    RispondiElimina
  87. Appunto, passa per. Ma per questo basta avere qualcche amico che te lo scrive.

    RispondiElimina
  88. Bisognerebbe sapere cosa ne pensa Bucciantini.

    RispondiElimina
  89. Appunto, ai voglia a enucleare i motivi e le ragioni per cui le circostanza sono diverse!
    Saranno anche diverse ma il pericolo che portino allo stesso risultato c'è eccome!
    L'unica cosa che riterrei improbabile, vista l'attenzione del "Dirigente Amministrativo" (d'ora in poi D.A.) alla plusvalenza è che cadano preda di un fondo prima di eventualmente uscire di scena.
    E mentre ne scrivo mi è anche venuto in mente che l'alleanza procuratoria potrebbe rappresentare una long-exit-strategy.
    Qui si rasenta il fantacalcio ma solo perché non ci sono le prove.........

    RispondiElimina
  90. Io invece non sottovaluterei il fatto che nel momento cruciale la squadra si sia clamorosamente squagliata su tutti i fronti e sia rimasta inerme ogni partita ad osservare cani e porci che ci rifilavano tre pere ogni volta. Le ultime gare di campionato penso non facciano testo. Ho apprezzato per 2 anni e mezzo la Fiorentina di Montella e Borja, avevo apprezzato per 4 anni e mezzo quella di Prandelli, per 3 anni e mezzo di Ranieri, ma quando è basta è basta

    RispondiElimina
  91. non ho capito...

    RispondiElimina
  92. *....hai voglia....*

    RispondiElimina
  93. Dimensioni parallele

    RispondiElimina
  94. Doveva essere dismissione anche tre anni fa, quando partito Montolivo fecero plusvalenza con Behrami che al momento era l'unico centrocampista della rosa. L'hai detto tu stesso che mancano le prove, quindi eviterei di riesumare vecchi tormentoni già sbugiardati. I nasi rossi li lascerei ai tifosi del Genoa.

    RispondiElimina
  95. La Mata Hari turca ha risposto a Montella che le dimensioni non contano, quando c'è un sogno grande.

    RispondiElimina
  96. L'importante è chi il sogno ce l'ha più grande....
    L'importante è di averci la gioventù-ù-ùùùùùù

    RispondiElimina
  97. Per i nasi rossi non c'è bisogno di una dismissione......

    RispondiElimina
  98. bravino, però allora prendo kucka in scandeza. e poi ci sarebbe yacob, se non è già andato.

    per il futuro, se vuoi un nuovo pek (nuovo per dire, non ne esistono), prenderei appunto yacob e kranevitter, in modo da avere uno già pronto e un giovanissimo molto promettente da affiancargli. ribusserei anche per fernando, visto che lo shaktar farà la uefa (mi pare). se saltassero queste, andrei su claise.

    RispondiElimina
  99. l'ho già scritto, ma terim?

    RispondiElimina
  100. Sullo smembramento della squadra sono d'accordo, sul cambio di tecnico invece no e non perché ritenga Montella un incapace.

    RispondiElimina
  101. Non ne capisco il motivo.

    RispondiElimina
  102. Non me li ricordo tutti, un post di ZEMAN di qualche giorno fa, pur incompleto, ne elencava svariati.......

    RispondiElimina
  103. Intendi l'utente di fiorentina.it? Qui non ha mai scritto
    :-)

    RispondiElimina
  104. Poi comunque se volessero andare via non gliene faccio mica una colpa.
    Anzi, sempre parlando di fantacalcio, non è detto che lasciarci nelle braccia di un fondo sia la soluzione peggiore.....

    RispondiElimina
  105. Le ultime partite non faranno testo, ma ai tempi di Prandelli negli ultimi due mesi abbiamo pero con cani e porci, fino a farci sorpassare anche dal Bari (di Ventura, toh...), quindi la situazioni mi sembra diversa

    RispondiElimina
  106. Su codesto son d'accordo anch'io e l'ho ben detto in questi giorni a chi parlava di bilanci strapositivi. Ben negativi sono stati gli ultimi due mesi, quelli più vicini. Però devo puntualizare che, comunque, siamo ben lontani dai livelli prandelliani. Il gruppo c'è se no quattro partite di seguito non si vincono, nemmeno se son facili. perchè Verona e cagliari eran difficili? Reazione c'è stata, roba sana c'è

    , ma è lo stesso difficile pensare di andare avanti con chi ha dubbi e li esterna. Il capo del gruppo non può avere dubbi.

    RispondiElimina
  107. Infatti, non è detto che sia la soluzione peggiore. Quando si presenterà qualcuno si vedrà. Quando si presenterà. Per ora non si è presentato nessuno. In 13 anni, come ama sottolineare ZV. Nemmeno quando era gratis. Preziosi a parte, uno che di plusvalenze coi calciatori ne sa molto più dei DV. E di fallimenti di società di calcio pure, sarà per questo che nonostante le plusvalenze piace agli anti-DV nostalgici di Vittorio.

    RispondiElimina
  108. ..... attendo con ansia di diventare nostalgico dei DV.....
    Eheheheheheh

    RispondiElimina
  109. Lasciando da parte la diatriba che ormai ha scocciato (adoratori e non), io tutto questo declino non l'ho visto.Primo anno quarti.Secondo anno quarti(con finale CI e buttati fuori dai gobbi in EL,che piaccia o non piaccia e son di molto più forti di noi).Terzo anno quinti(forse quarti) con due semifinali(buttati fuori dalle vincitrici,o almeno una).Concordo che abbiamo buttato a mare punti in partite agevoli,che Montella ha sbagliato.Ma da qui a definire "declino" o ciclo finito ce ne passa.E se Montella è un allenatore con migliaia di pecche(tra noi qualcuno lo definisce un non-allenatore,altri quasi un incapace), mi aspetto che chiunque venga farà meglio(se avete ragione).In ogni caso,sia per la dimensione della Fiorentina,sia per la nostra storia, arrivare quarti e farsi le semifinali di coppa sinceramente un brutto risultato non mi pare.

    RispondiElimina
  110. E a chi dice che avremmo dovuto lasciar perdere la coppa,facendoci buttar fuori, vorrei ricordare che negli ultimi due anni non abbiamo partecipato alla CL proprio perché altre italiche squadre hanno fatto così.Perdendo punti per il ranking.Alla fine in CL ci andrebbero solo le prime due, e a noi di sicuro un toccherebbe.

    RispondiElimina
  111. Ma quale declino...
    Basterebbe aver visto come giocava la Fiorentina di Bersellini per rendersi conto
    che il livello di questi tre anni è più che buono. Con tante pecche, sia chiaro.
    È che siamo diventati tutti - mi includo - perfezionisti incontentabili.

    RispondiElimina
  112. Clausole...

    http://www.violanews.com/altre-news/per-il-dopo-montella-spunta-paulo-sousa-nel-suo-contratto-ce-una-clausola-20150527/

    RispondiElimina
  113. http://www.firenzeviola.it/tre-domande-a-luca-calamai/montella-vuole-tre-big-e-un-ruolo-alla-ferguson-accordo-difficile-babacar-ha-rinnovato-spunta-l-idea-guidolin-179850

    RispondiElimina
  114. http://www.firenzeviola.it/primo-piano/mercato-viola-scuffet-arriva-il-no-dell-udinese-179885



    Bene, io preferisco Sportiello

    RispondiElimina
  115. Bobby Caponata27 maggio 2015 18:28

    Forse non è una cosa stupida inserirle nei contratti degli allenatori.. :-)

    RispondiElimina
  116. Bobby Caponata27 maggio 2015 18:29

    No Guidolin no... Se Prandelli è un prete Guidolin è il papa..

    RispondiElimina
  117. Bobby Caponata27 maggio 2015 18:32

    Bisognerebbe averci lo sconto del 30-40% come ha Galliani... Confermato che trattare con l'Udinese è complicato.

    RispondiElimina
  118. Guidolin sarà anche antipatico, ma come tecnico è molto bravo, bisogna vedere se caratterialmente saprà reggere le pressioni di una piazza come Firenze, perché negli ultimi tempi mi è sembrato un po' stressato. Resta il fatto che è un tecnico più esperto di Montella e migliore rispetto a Sarri, Di Francesco, Maran, ecc..., anche rispetto a Iachini


    Comunque, se arriva lui, la difesa sarà a 3 e potrebbe tornare utile anche Roncaglia.

    RispondiElimina
  119. https://www.facebook.com/DiegoMaradonaOficial/photos/a.457499340968087.117729.104346839616674/934330713284945/?type=1&theater

    RispondiElimina
  120. Il papa è Bucciantini

    RispondiElimina
  121. Bobby Caponata27 maggio 2015 18:37

    Ha anche l'ombra della sua stessa ombra... Non lo incastreranno mai.

    RispondiElimina
  122. Bobby Caponata27 maggio 2015 18:38

    Primo rimbalzo http://www.firenzeviola.it/news/ole-3-mln-viola-per-kranevitter-non-bastano-179859

    RispondiElimina
  123. "...Dante, Petrarca e Bucciantini..."

    RispondiElimina
  124. No non è stupido è idiota. Voglio veder cosa fanno se uno vuole andar via. Lo tengon fermo e ne pagano due? Lo fanno allenare per forza?Tertium non datur

    RispondiElimina
  125. Sì bravino, ma a me il suo calcio praticone deprime quanto quello di Mazzarri. La sua falsità, la sua ipocrisia e la sua maleducazione, poi, ne fanno una persona che supera il peggio di Prandelli e il peggio di Mazzarri messi insieme. Ma fortunatamente anni fa rivolse un gestaccio in tribuna ai DV, così dalla lista dei futuribili ci si cancellò da solo per sempre. Si confermò tempo dopo, con la sceneggiata che fece quando Mutu segnò mentre Guana a terra simulava una gambizzazione. Se deve arrivare un Normal One, resto per Donadoni.

    RispondiElimina
  126. Bobby Caponata27 maggio 2015 19:24

    A Firenze avrebbe la piangina fissa..

    RispondiElimina
  127. Bobby Caponata27 maggio 2015 19:29

    Se proprio uno si impunta troveranno un accordo come si fa coi giocatori.. ci sono anche allenatori che tengono fede agli impegni..

    RispondiElimina
  128. E comunque lo afferma Calamai, la cui affidabilità nello stesso articolo è certificata anche dalla sua indiscrezione secondo cui la società vorrebbe acquistare subito la metà di Salah. Peccato che il meccanismo delle comproprietà a livello internazionale non esista e non sia mai esistito, era una peculiarità tutta italiana, praticabile solo tra club italiani e per giunta abolita dall'anno scorso.

    RispondiElimina
  129. Speriamo solo momentaneo

    RispondiElimina
  130. Sì, te l'ho detto, è antipatico e ipocrita, ma come tecnico è molto bravo e preparato. Non verrà mai, ma è meglio di Mazzarri.

    RispondiElimina
  131. Dài Gnigni chiudila!

    RispondiElimina
  132. Aperto ora, ero la Mapei Stadium...
    Vi leggo nei 132 commenti, vediamo se mi ispirate....
    Chissà su quelle argomenti vertono i post....chissà.....

    RispondiElimina
  133. Comunque si svincola Pazzini, se vi interessa, a giugno scade e il Milan non glielo rinnova. Per noi è una una notizia doppiamente brutta, perchè si rischia di riprenderlo, e perchè il Milan si libera di una zavorra che sul monte-ingaggi gli occupava 5 milioni lordi (2,7 netti a lui... ma scherziamo?? Se rinasco voglio essere Pazzini!)

    RispondiElimina
  134. Valto&Zaph, ho postato quel link perchè vorrei che la Fiorentina fosse governata da gente capace, spregiudicata, sempre sul pezzo, con un'idea globale e un uomo sempre pronto a prendere il Deco sconosciuto della situazione, magari nel Sudamerica che tanto ci affascina. Che poi, Firenze non è Milano o Roma e nemmeno Madrid lo so anche io e per l'appunto sono sempre stato convinto che il modo di sopperire esiste, eccome.I fondi e tutto il resto non mi interessano e col lato tecnico ci incastrano come il cavolo a merenda, mica dico che sono cazzate, dico che non è quello il punto. L'esempio che un certo modo di fare lo possiamo vedere anche da noi ce lo ha dato proprio il primo anno di Pracià; gente venduta bene per non dire benissimo e rimpiazzata con elementi dalle più varie caratteristiche, e di ruolo, e di provenienza, e di situazione personale, storica e contrattuale. Però lì ci siamo arenati; paradossalmente quando abbiamo iniziato a spendere e ad alzare il tiro in quello che per noi, parafrasando il Porto, sarebbe stato il Jackson Martinez della situazione, abbiamo sbarellato e non siamo riusciti a proseguire... E non è la prima volta. E' qui che io mi inalbero, io vedo grandi potenzialità in questa societàsquadracittà ed il fatto di rimanere sempre a metà del guado mi manda in bestia. Ragionerò male io ma la vedo così e non mi riesce fare altro che scriverlo, sopportatemi ma non riuscirò mai a snaturarmi...

    RispondiElimina
  135. E comunque, Socio, inizia a segnarti un po di nomi...


    non è obbligatorio andare sin dall'altra parte dell'oceano, c'è roba interessante anche nel giardino del vicino...

    http://www.transfermarkt.it/antonio-barreca/profil/spieler/241889

    http://www.transfermarkt.it/lucas-torreira/profil/spieler/318077

    RispondiElimina
  136. senti cosa ne pensano a Lucca e dintorni...

    RispondiElimina
  137. Ci manca solo che il Dnipro vinca l'EL, eh

    RispondiElimina
  138. Yacob con Pek non c'entra nulla ma a 0 è preso bene, di Kranevitter un amico malato come me proprio oggi mi faceva notare le 26 presenze "condite" da 0 tra gol e assist... insomma, oltre i 3 milioni siamo nella categoria "azzardo"... che piaccia o meno, di quelli visti e messi tra i papabili, il più pronto e meritevole d'investimento è Bertolacci, purchè non si passino gli 8 pippoli da abbassare, al limite, con Broccaglia...

    RispondiElimina
  139. Bah, tornerà alla Samp

    RispondiElimina
  140. Basta che arrivano ai supplementari

    RispondiElimina
  141. Interessamento della Fiorentina per Osvaldo

    RispondiElimina
  142. Intanto Dnipro-Siviglia 1-0

    RispondiElimina
  143. Pareggio del Sevilla

    RispondiElimina
  144. Deynaaaaaaa.... questo Vangioni?

    http://www.violanews.com/calciomercato/mercato-per-la-sinistra-idea-vangioni-20150527/

    RispondiElimina
  145. Insomma con questo Yacob!
    Ma l'avete visto?

    RispondiElimina
  146. No, dico, gli avete visto fare almeno una decina di partite?

    RispondiElimina
  147. Se poi prendono Bertolacci a 8 milioni mi incazzo.

    RispondiElimina
  148. Perché credo di no.

    RispondiElimina
  149. Evvai! E supplementari siano!

    RispondiElimina
  150. Io no. Tu che segui la Premier, cosa ne pensi?

    RispondiElimina
  151. Bobby Caponata27 maggio 2015 21:35

    E' dura.. il Siviglia è più forte..

    RispondiElimina
  152. ...........................................

    RispondiElimina
  153. Eeehhh, la dimensione...

    RispondiElimina
  154. E ti dico di no. Per questo ti ho chiesto tu che ne pensi

    RispondiElimina
  155. Intanto scopro che Kasami, accostato alla Fiorentina, ha come agente Raiola

    RispondiElimina
  156. Da lasciare dov'è. Hai presente Behrami? Un mostro al confronto.

    RispondiElimina
  157. Bobby Caponata27 maggio 2015 21:45

    Siamo rimasti nella rete...

    RispondiElimina
  158. Non avevo letto, ero distratto dagli highlights della Ivanovic...
    Dicevo, era un discreto incontrista tempo fa', sempre coi piedi a roncola, ma almeno con la forma fisica, qualche passaggio azzeccato lo faceva. Adesso è un Medel peggiore, che però si fa notare per il fisico.
    Viene a zero? Se come ingaggio pure, ok.
    E te lo dice uno che non dispiace certo gente fisica nel mezzo.

    RispondiElimina
  159. Continuo a pensare che tutti tutti i giudizi, i pareri, i commenti su Vincenzo Montella siano pesantemente condizionati da quelle tre (3) partite che tutti avete giudicati "indegne, assurde, bruttissime, etc.".
    Volendo forzare un paragone sarebbe come valutare positivo Josep Ilicic guardando le ultime 4 gare. Plausibile?
    Se Ilicic non é da confermare solo per queste 4 partite e alcuni sprazzi, allora Montella non può essere giubilato solo per quelle tre partite o per la prestazione di Parma. Plausibile?
    Abbiamo ammirato- per due o tre anni- il Borussia Dortmund di Klopp, ora partente, ma si può esprimere un parere negativo poiché ha perso la finale di CL (vs,Bayern) e poi ha perso pesantemente in CL contro la Juve (arjeccola) e dopo un girone di ritorno inguardabile?
    Alcuni ritengono la dipartita di Montella un segnale d'allarme ma allora potremmo anche dire "No, é 50% e 50%...se arriva Spalletti rientra l'allarme...", poiché c'é un nodo strano che si sta stringendo intorno al collo della Viola: le ambizioni della Fiorentina - non dei Della Valle, che di ambizione nel calcio non sanno cosa farsene- saranno misurate solo e solamente dal nome dell'allenatore che verrà. Errato: per assurdo arrivasse Ranieri (quasi mai sotto il terzo o quarto posto in giro per l'Europa) sarebbe uno da top-position ma "il profilo" no. Quindi?
    Quindi é così:
    - con questa rosa (buona per alcuni, ottima per altri) un low-profile (Donadoni, Di Francesco, Sarri, Stellone, Guidolin, Carosi, Agroppi, Chiappini, Castellucci, Farina, Iacolino, Toscano, Bellotti, Ninni Corda, etc.) starebbe a cuccia e sarebbe grasso che cola per lui stesso (il mister)....
    - con questa rosa (scarsa per alcuni, buona per molti, ottima per pochi) un high-profile (Spalletti? Bielsa? Klopp? Ancelotti? Mourinho?) darebbe quel "quid" che occorrerebbe per fare finalmente l'up-grade, magari convincendovi (o ipnotizzandovi) senza tre (minimo!) acquisti di alto livello calcistico?
    Siete un coacervo, uno zibaldone di contraddizioni ma neanche ve ne rendete conto.
    Mi sto accorgendo di una radice che accomuna due persone, due soggetti:
    Mont...olivo.................... Mont...ella....................... Mont.......agna da scalare.
    Sembra, in alcuni casi, che quasi siano sul punto di apparire uguali, nelle vostre descrizioni delle vicende.......ma é una mia personalissima sensazione.
    La realtà è che negli scenari della Fiorentina, da 12 anni, come un teatro Palladiano, due o tre protagonisti - giostrai- sono li, fissi...... Gli altri ruotano intorno, cambiando fisionomia- ma mantendo stesse copione- come i giostrai.
    L'unica cosa che oggi, a questo punto, non mi illude più é pensare di acquistare uno di quei giocatori che spesso elenchiamo, da 7 milioni di euro in su. Eccetto quelli che gli altri club hanno voluto (slavi, Cuadrado), non siamo in grado di saper vendere.
    Un conto è cedere, altra cosa è saper vendere. La Viola non fa fare acquisti, si fa comprare i calciatori. Sottile?......basterà guardare i pesi morti che da due anni vagano con cartellino viola...

    RispondiElimina
  160. Sì il Siviglia è più forte ma non è detta. Questi del Dnipro lottano. Il pari al 90' mi darebbe tre piotte. Da notare che Vidal fino ad ora si è visto poco

    RispondiElimina
  161. Ok, grazie.
    A me come centrocampista grintoso con fisico piace Kucka

    RispondiElimina
  162. Ho seguito bene Pato in Brasile, se Darmian vale 15 e il papero costa meno...ma siamo pazzi??? Come il mio pupillo Benteke!
    Tanto Rossi è un ex, Gomez quasi, liberarsi e puntare su gente giovane
    Baba, Pato/Benteke, Salah, Bernardeschi.
    Questo i DV devono fare per far tacere le vedove e checche!
    Poi in panca chi volete voi, ovviamente non il profeta infallibile, che giocherebbe con una punta, oppure tutti questi in panca e Ilicic falso nove.

    RispondiElimina
  163. Lele, io lo piglio solo a zero, come scritto e anche con Kranevitter ci andrei molto cauto...

    RispondiElimina
  164. Il rinnovo di Babacar è una buona notizia, i' mi omo prevede la doppia cessione Gomez - Savic che dovrebbe portare i denari per finanziare la prossima campagna estiva. Come idea non sarebbe nemmeno cattiva, certo bisogna capire a chi sarà affidato il timone e, solo dopo, vedere se rilanciano il progetto o si riparte, ancora una volta, da capo.

    Ci sono da trovare un portiere (Mirante o Sportiello + il baby udinese da girare magari all'Empoli per Saponara), due esterni bassi (Zappacosta + X), due centrocampisti (Berto&Allan) e un attaccante di nome e peso per sostituire Marione e/o Giuseppe Rotti...

    Insomma, c'è da fare e non poco. Darei una bella rinfrescata alla rosa e, soprattutto, cercherei di abbassare l'età media. Borja, Ilicic e Savic (non per meno di 13/15 pampani) devono portare i soldi per i nuovi arrivi.

    RispondiElimina
  165. Bobby Caponata27 maggio 2015 22:11

    Si soffreeeeeee :-)

    RispondiElimina
  166. Continui a snobbare Cagni. Non so che ti ha fatto

    RispondiElimina
  167. Saponara come si collocherebbe tatticamente?

    RispondiElimina
  168. Se possibile io Savic lo terrei

    RispondiElimina
  169. è un Totò meno punta e più trequarti... adatto al gioco di ... Montella... o di Sarri che lo ha rilanciato a Empoli...

    RispondiElimina
  170. anche io, purtroppo però è uno dei pochissimi che ti consentirebbero di fare un po di cassa...

    RispondiElimina
  171. Porca Bacca

    RispondiElimina
  172. io con una squadra giovane e vogliosa andrei diritto su Sarri... l'unico che merita a mio avviso, dei potenzialmente ingaggiabili...

    RispondiElimina
  173. Ilicic, Alonso, Gomez, Roncaglia, forse Badelj... con questi si può fare cassa

    RispondiElimina
  174. Sopra sei tu che ti contaddici e fai un casino della madonna. Montella vuole andare via lui, nessuno per ora lo ha messo alla porta. Lui fa discorsi molto prandelliani anche se un po' diverso è il modo. Vuole crescere, vuole che gli garantiscano non so che cosa. Dicono che abbia adombrato la richiesta di un ruolo più importante nel mercato. Per quel che ne so io c'è un grosso scazzo con Gnigni, per il mercato di quest'anno culminato con lafuga/allontanamento di Macìa e l'accantonamento di Pradè con iquali ilrapporto era ottimo e la collaborazione proficua. Montella vuole assicurazioni che non risucceda, non credo gliele daranno, perchè Gnigni è intoccabile. Quindi tutti i discorsi sull'apprezzamento delle prestazioni son fuori tema, sono per il sitone o per discuterne tra noi. Se Montella se ne andrà non sarà per i risultati che ciascuno può giudicare meravigliosi o solo normali, ma non sono in discussione in società.
    Quanto all'eventuale successore, sic stantibus rebus, mi sembra ovvio che la venuta di uno Spalletti o di un Bielsa, sginificherebbe che la Società si è impegnata in programmi che hanno convinto allenatori di quel calibro e sarebbe quindi molto più significativa della venuta di un Di Francesco o di un Sarri che probabilmente sarebbero felicissimi di prendere quel che gli danno e pronti anche a scommesse che gli altri due (aut similia) non accetterebbero.

    RispondiElimina
  175. stefano vienna27 maggio 2015 22:25

    Donadoni low-profile nel senso che non è uno che sa o vuole vendersi.

    RispondiElimina
  176. troppo poca, Anto, troppo poca... Gomez è duro da piazzare, considerando gli ultimi due anni e l'età... il contratto se non altro non se lo sobbarca interamente la società acquirente ma se ci tiri fuori 8 mln per me sei già uno bravo... tra tutti gli altri se non sbagli nulla racimoli una ventina di milioni... e sei a 28... ma ci devi rifare mezza squadra... 6/7 giocatori di discreto valore ce li compri con quei soldi? E' dura... Diciamo che se a questi aggiungi un altro quindicino da Savic sei a dama ... e poi però devi esser molto bravo a comprare... capisci perchè oggi ho messo quel link... ma ci vogliono anni e una struttura che costa per essere mantenuta ma con costanza e volontà poi passi alla cassa...

    RispondiElimina
  177. Per piacere Louis, vuoi fare l'Empoli 2? Se il tuo obiettivo è quello cerchiamo giovani, come fa l'Empoli sapendolo fare, e prendiamo Sarri che non ha mai allenato fino all'anno scorso ed aveva 55 anni,più della serie B, con il90% del tempo passato in divisione pro. Che vuol dire? Che non sa nemmeno alla lontana che vuol dire trattare con gente che prende dal milione di euro in su, che ha procuratori cazzosi, che non è abituato alle pressioni, alle critiche, ai rompirmenti di coglionin quotidiani che già una città come firenze ti dà. Per me non arriverebbe a Natale.

    RispondiElimina
  178. Anche Bagnoli....

    RispondiElimina
  179. Mezza squadra no, non sono d'accordo

    RispondiElimina
  180. stefano vienna27 maggio 2015 22:32

    Leggo che Montella vuole un ruolo alla Ferguson come precondizione per restare. Io voglio trombare una top-model al giorno. Chiamate un medico per favore, ma prima ditegli di passare a casa Montella.

    RispondiElimina
  181. Jo, al solo nominare Mazzarri manca poco mi/ci rincorrono, Spalletti è e rimane un sogno... dimmi te chi ci resta... Se devo prendere Di Francesco o Donadoni allora mi levo lo sfizio di vedere icche combina uno come il toscanaccio ...

    Se l'obiettivo, come sembra, è ridimensionare il monte ingaggi e ripartire con un nuovo ciclo tecnico, tanto vale farlo con uno che fa sgobbare la squadra e non ha peli sulla lingua... per farlo durare oltre Natale sai meglio di me come funziona. Una società presente a completo sostegno dell'allenatore che mette in guardia i furbetti e fa capire che anno nuovo è vita nuova, chiunque abbia frequentato un po il mondo calcio, a qualsiasi livello, sa cosa intendo. Questa è la domanda da porsi, ce l'abbiamo noi? O al primo temporale ricominciano le faide interne?

    RispondiElimina
  182. Eeeeeeehhhhhh, senza lilleri un si lallera.... i braccini.... la dimensione.... bisogna spendere.... comprare i campioni... Firenze non è Lecce... intanto il Sevilla che fa? Vende Negredo, lo sostituisce con Bacca e compra altri sconosciuti e vince l'Europa League.... poi vende Rakitic, acquista altri sconosciuti e vince di nuovo l'Europa League...

    RispondiElimina
  183. La viola....Battuta da due vincitrici...
    El Sevilla farà cassa con Bacca, credo.

    RispondiElimina
  184. sono questi i modelli da cui dobbiamo imparare... fondi permettendo, ahahah

    RispondiElimina
  185. 1 portiere, 2 esterni, 2 centrocampisti, 1 attacante

    totale 6...

    RispondiElimina
  186. Dalla fine del 2013 dico che Montella è un mezzo allenatore, e sarei influenzato da tre partite? È vero che in quei due mesi mi aveva quasi convinto potesse ravvedersi, poi ho capito che era un rigor mortis dovuto alla scossa Salah.

    RispondiElimina
  187. stefano vienna27 maggio 2015 23:05

    Per la prima volta in vita mia sono d'accordo con una frase detta da Brovarone: non c'è nessuno in società che abbia esperienza nel mondo del calcio. Una falegnameria senza falegnami. E, più che per il mercato, questa assenza pesa nella gestione tecnica della squadra e soprattutto nei rapporti proprietà-allenatori che non possono essere di delega completa, ma di controllo attento e costante. A maggior ragione, quindi, visto che un allenatore alla Fiorentina è ultra-libero di commettere svariate mischiate l'anno senza che in società se ne rendano conto, serve un tecnico di esperienza: basta esperimenti!

    RispondiElimina
  188. Lele, e te lo ridico anche a te... se levi i sogni che tu stesso hai definito tali quando si parlava di Spalletti e Mazzarri, rimangono i Di Francesco e i Sarri... io non so cosa ti aspetti che arrivi ma se il salto di qualità me lo deve dare Donadoni, via, non scherziamo... c'è come tra la zuppa e il panbagnato allora...

    RispondiElimina
  189. Chi volete era un paradosso, Sarri, perché gli è simpatico e toscano...
    Poi, oh, gli auguro il massimo, è una bella persona.
    E comunque, prima allontaniamo chi vorrebbe dettare delle condizioni.

    RispondiElimina
  190. Si, ma inferiore allo scorso anno.

    RispondiElimina
  191. Vabbe', ma hanno un tecnico.

    RispondiElimina