.

.

sabato 16 maggio 2015

Aspettiamo che finisca l'Expo per il calcinculo


De Laurentis porta tutti in rito e rompe il silenzio stampa per rimpiangere i tempi in cui a Napoli dal balcone si stendevano i panni invece dei passanti. Ma hanno fatto rumore soprattutto le parole poco accomodanti di Montella nel dopo partita, quando ha suggerito  dopo Expo 2015 di utilizzare l'Albero della Vita come calcinculo. Per questo io rimango dell’idea che sia un genio e che spero rimanga, Di Francesco col cavolo che avrebbe avuto un idea così sul come rivalutare una struttura statica rendendola addirittura divertente. Quello che se rimane dovrebbe fare con Gomez se rimane. Un allenatore più tradizionale di entrambi, di quelli tipo Mazzarri per intendersi, dopo la partita avrebbe sicuramente rilasciato dichiarazioni più diplomatiche, esprimendo magari la volontà di tirare fuori il meglio da ognuno dei suoi giocatori. Una sorta di giro top a Expo 2015 dove i primi nel padiglione Italia, la carne nell'argentino, il dolce nell' austriaco e farsi prestare i soldi da quello tedesco. Io invece quello che non capisco è tutta questa voglia di ritorsione, ci sono tre partite ancora da preparare, poi potremo additare il colpevole. Farlo oggi mi sembra solo controproducente. Io poi non potrei fare mai l’allenatore, così come non potrei mai aprire un blog. Sono troppo poco diplomatico, per esempio non riuscirei a scrivere cose solo per non andare contro l’opinione degli utenti, che magari per questo motivo alla fine se ne andrebbero pure. Tipo le conferenze stampa post partita di allenatori che vogliono arruffianarsi  la piazza. O come il Salucci che era un noto sciupatore di femmine, e che le conquistava proprio con i discorsi. Quando doveva convincerne una usava parole di miele, proprio quelle che la preda di turno si sarebbe voluta sentir dire, e allora lui gli prometteva che dopo aver fatto l’amore avrebbe installato piccole lampadine nella loro borsetta come si fa con i frigoriferi. Io comunque rilancio sempre il solito concetto, e vi ribadisco per l’ennesima volta che l'ottimismo è il sale della vita. Forse per questo non trombo come il Salucci. Una delle sue donne mi avrebbe risposto che troppo ottimismo fa venire la cellulite. E lui per curarla avrebbe suggerito prodotti e tecniche tipo il Sadomasomatoline della foto. Ma non voglio essere troppo ripetitivo con questa storia dell’ottimismo quando invece alla gente girano le palle. Essere ripetitivi è tipico degli anziani. Essere ripetitivi è tipico degli anziani.


262 commenti:

  1. Marco Gruppo Chiava16 maggio 2015 09:13

    Quello che scrive Bucciantini è sacrosanto. Non guasta il fatto che lo faccia anche magnificamente.

    RispondiElimina
  2. Tenerani: "La Fiorentina non va rifondata ma difesa e centrocampo hanno bisogno di innesti concreti"

    RispondiElimina
  3. Bucciantini is a God.

    "Anche io non sono diplomatico, disse il bignè al babá.....".
    Eppoi non é vero che essere ripetitivi é da anziani...
    Eppoi non é vero che essere ripetitivi é da anziani...
    Eppoi non é vero che essere ripetitivi é da anziani...
    Eppoi non é vero che essere ripetitivi é da anziani...

    Guarda Pollock, che Murolo- il napoletano che a Miano ha ucciso due parenti e ne ha stesi altri 6- non sparava nel mucchio...eheheh ehehehe...
    (Straordinario il titolo italiota di un giornale "Lite per panni stesi, un uomo stende sei persone", ma cos'é questo straordinario senso del macabro, del quale uno dei principali pionieri fu Leonardo? Eheheh eheheh ehehe....

    Mi piace che la gente stia pian piano capendo la dimensione della Fiorentina, il Bucciantini- pensiero andrebbe divulgato, affisso, dovrebbe diventare virale.
    Suggerisco l'editoriale- all'interno di Stadio- di Rialti, che punta il dito ANCHE verso la proprietà, un po' come Bucciantini.
    Diradati i fumogeni, si iniziano a vedere i volti delle persone. Fortunatamente.

    RispondiElimina
  4. non ho letto Rialti ma ora lo cerco: uno dei giornalisti fiorentini che vale la pena di leggere e che vuole veramente bene alla Fiorentina.

    RispondiElimina
  5. Ma come mai il Siviglia di Emery che ha fatto più partite di noi perchè viene dai preliminari, ed ha meno giocatori in rosa di noi e non più forti, ci ha mangiati vivi? Se un allenatore porta la sua squadra alle pompe ad aprile e perde tutto quel che c'è da perdere e anche di più (0 punti in casa con Verona e Caglairi è roba da Guinness!) proprio nella fase decisiva, siete sicuri che gli si deve dire bravo? A me del giochino titicche-titocche me ne importa una bella sega. Dire che si è avuto possesso palla per il 70% quando si è perso idem. Dire che si impone il nostro gioco a tutti quando, con le quattro che (per ora) ci precedono si son presi due punti su ventiquattro,idem. Questi son numeri, non discorsi. Abbiam preso dai 40 ai 50 gol all'anno (per ora siamo a 44 ma ci son tre partite da fare), la maggior parte in contropiede o da azioni da palla inattiva, dimostrando una recidività negli errori che non può non chiamare in causa il tecnico. Non abbiamo schemi offensivi, si vive sull'improvvisazione di un giocatore o due, ma manovre corali, studiate, movimenti senza palla, copertura degli spazi, ritmo...quando? Chi ha visto la rapidità delleripartenze del Siviglia e la nostra non può non aver notato la differenza. In difesa poi si compiono cazzate di marcatura e copertura, perfino a palla ferma, in quantità industriale. E all'allenatore gli devo dire bravo? Vaia Vaia Bucciantini!

    RispondiElimina
  6. Fatturato Fiorentina 94 milioni. Fatturato Siviglia 77 milioni

    RispondiElimina
  7. repetitiva iuvant: cacciare un allenatore che non si considera all'altezza è tra i diritti (anzi, tra i doveri) di una società. Convincere la gente che è lui a voler andar via ma non lo dice perché è un traditore sabotatore, in modo che a un certo punto o se ne va davvero o resta ma senza rompere i coglioni sul rafforzamento della squadra, non solo è disonesto verso i tifosi, è anche disonorevole nei confronti della Fiorentina stessa, che, a mio parere, dovrebbe essere una società che sceglie il miglior allenatore, non una che si fa scegliere da uno che considera scarso...

    RispondiElimina
  8. Monte ingaggi Fiorentina 2013 48 milioni.
    ADV agosto 2014: obiettivo entrare tra le prime sei.
    Monte ingaggi Fiorentina ottobre 2014 dopo rinnovo Cuadrado 60 milioni.
    Qualcosa si è rotto. Asticella alzata improvvisamente

    RispondiElimina
  9. Per questo comportamento che pure non condivido ci sono due spiegazioni che credo valgano entrambe:
    1) la fobia dell'impopolarità. Buttarlo fuori a calci in culo, come avrebbero dovuto fare con Prandelli, o anche semplicemente per loro decisione tecnica coem dovrebbero fare con Montella (se avessero questa convinzione) alienerebbe le simpatie di tutti gli "adoratori" ed i filomontelliani e renderebbe comunque difficile una partenza con altri. Se inducono l'allenatore ad andarsene,meglio se con infamia, pensano di mitigare questa reazione. Tattica che non paga, ma non capiscono dagli errori,. Con Prandelli ottennero il peggio del peggio pagandolo con due anni di casini.
    2) una questione economica. Se uno se ne va non lo pagano, addirittura possono pretendere un indennizzo (nel caso di un allenatore mi sembra pazzesco, ma a contratto c'è), se lo mandan via devon pagarlo fino alle fine a meno che non si reimpieghi altrove.

    RispondiElimina
  10. Un cul de sac

    RispondiElimina
  11. GeppettoDanese16 maggio 2015 11:31

    Certo che sì, perché ora abbiamo L'IDENTITA'. Capito? L'identità!

    RispondiElimina
  12. L'identità de' piglianculi

    RispondiElimina
  13. GeppettoDanese16 maggio 2015 11:36

    Chiunque resti o arrivi sulla nostra panchina il prossimo anno, spero si riparta da Babacar e Bernardeschi. Anche se quest'ultimo non lo vedo molto convinto a restare, e sarebbe una delusione gigantesca. Delusione imputabile a Pradè (la cui testa, per me, è comunque da far saltare. Ma si sa, nel calcio il rapporto spesa/resa ha una logica tutta strana)

    RispondiElimina
  14. GeppettoDanese16 maggio 2015 11:43

    quello è poco ma sicuro. E siamo noi tifosi, i piglianculi, non loro. Loro, che percepiscono emolumenti per ottenere dei risultati, che gli importa una bella sega se il tifoso si spella le mani in applausi o se gli collassa il diaframma pe i fischi.
    E questo disprezzo nei nostri confronti, questa sorta di paternalismo da "state boni che tanto si sa noi cosa è meglio per voi" lo vedo in tutte le parti interessate.

    RispondiElimina
  15. I numeri elencati da Jordan sono inattaccabili. L'unico appunto che gli faccio è che ha elencato solo la parte negativa. A tali numeri bisogna aggiungere anche che: 1) la Fiorentina di Montella è arrivata quarta due anni su 3( il che avrebbe significato CL , sino a 2 anni fa).2)abbiamo disputato una finale di CI ed una semifinale di EL( e non è che siano risultati che noi fiorentini raggiungiamo molto spesso).3) a parte un paio di coppe Italia( che tra l'altro come dice sempre Jordan, e su cui sono d'accordo, ci sono costate due retrocessioni di cui una dalla C2) la Fiorentina non vince una minchia dal 69. Quindi, il fatto che Montella non abbia alzato un trofeo non è certo motivo di rammarico( ma ci è andato vicino).4) questi risultati sono stati raggiunti senza, per la maggior parte del tempo, i due giocatori più forti( Gomez e Rossi).5) è il tecnico con il record di vittorie esterne. Detto tutto questo, che in qualche modo rappresenta il bicchiere mezzo pieno, ribadisco che le critiche ed i numeri portati da JORDAN sono reali e rappresentano il bicchiere mezzo vuoto. La perfezione sarebbe riempire il bicchiere, eliminando tutto ciò che Jordan( e con lui LELE, Louis ed altri) enuncia. Ma da giovedì Montella non sarà più l'allenatore del futuro. Secondo me ha pisciato fuori dal vaso; attaccare i tifosi( che anche secondo me hanno sbagliato, non a fischiare, ma a prendere per il culo alla
    fine di una semifinale europea) in quel modo, dopo che per tre anni allenatore e giocatori sono stati coccolati, viziati, adorati e portati in trionfo dopo tappe intermedie( le vittorie esterne contro le big , soprattutto nelle coppe) mi è stato veramente inconcepibile. La mancanza di uomini di calcio con esperienza accanto a lui si è fatta sentire come non mai. Ed in tutto questo, seppur ritenendo ad oggi il meglio che ci possiamo permettere ( aspettando gli insulti di Zeman per questa affermazione), la società deve migliorare assai, esattamente come l'allenatore.

    RispondiElimina
  16. stefano vienna16 maggio 2015 11:53

    Ormai stare a discutere su pregi e difetti di Montella non porta da nessuna parte, ha avuto senso fino a giovedì. Ormai la stagione non ha più nulla da dire, il problema adesso è come ripartire l'anno prossimo e l'impressione è che ci sia al momento grande confusione. La permanenza o meno di Montella mi sembra l'ultimo dei problemi. Su questo punto, Bucciantini ha le sue ragioni.
    P.S.: poi certo se Montella va via, non mi metterò certo a piangere.

    RispondiElimina
  17. Noi sì e chi se no? Loro? Come vorrei essere un piglianculo come Mariol Gomez che guadagna piùdi 10000 euro al giorno netti da tasse e si tromba anche la Karina! Ci starei anche a riscaldarmi le chiappe in panchina ed andare a far giri di campo con la pettorina ad libitum di Montella!

    RispondiElimina
  18. Lo dici te che è l'ultimo dei problemi. E' la cartina tornasole anche degli altri. Se si partisse con Spalletti, ad esempio, vorrebbe dire che abbiamo in mente programmi importanti, se no non ci viene, e bischero non è. Lo so bene comunque che il problema più importante è l'assetto societario ma, un'altra volta, in questo casino uno come Spalletti a farsi bloccare da Gnigni e Ramadani le sue richieste di mercato per prendersi un "icce" qualsiasi di scuderia non ci viene. Quindi è importante sì chi viene, perchè puoi capire tutto il resto

    RispondiElimina
  19. GeppettoDanese16 maggio 2015 12:04

    Di Francesco, Sarri, Donadoni, Stramaccioni. Sono tutti passi indietro.
    Intanto il silenzio continua (il patetico intervento di Pradè non lo conto).

    RispondiElimina
  20. Sono d'accordo con Bucciantini. Sono d'accordo con Bucciantini. Essere ripetitivi è tipico degli anziani. Essere ripetitivi è tipico degli anziani.

    RispondiElimina
  21. C'è un nuovo arrivato vedo. Del cui gruppo dovrebbe essere presidente il Salucci a occhio e croce.

    RispondiElimina
  22. in entrambi i casi, stanno prendendo per il culo la gente. Ripeto: molto meglio cacciare Montella che fare così. A me Montella piace, ma se lo cacciano amen, se ne troverà un altro e speriamo che sia meglio. Ma questa dinamica è distruttiva e rischia di fare danni veri, molto più di un semplice cambio di allenatore...

    RispondiElimina
  23. appunto. Il cambio di allenatore può essere considerato sufficiente da chi crede che la squadra sia perfetta e che il problema sia solo il traditore sabotatore che la guida. Se la si pensa così, allora, certo, anche Stramaccioni farebbe meglio.
    Vedremo. Ricordo che per fare meglio di quanto fatto da Montella quest'anno bisogna arrivare a una finale di coppa o al terzo posto.

    RispondiElimina
  24. De Marzio dice che staremmo offrendo Vecino + cash per Valdifiori. A me sembra una cazzata, anche solo per la differenza di età.

    RispondiElimina
  25. Ciao Poeta, ho riletto un po' di editoriali passati (ne avevo saltati alcuni per la frattura di mia figlia di domenica) e ho scoperto che lunedì eri A Er buchetto. Io lavoro a un toro di schioppo da li (non sono Alfano però, tranquilli). La prossima volta che scendi potremmo prendere un panino insieme parlando di come Di Francesco schiera i tre tenori

    RispondiElimina
  26. Volentieri. L'avevo scritto che ci sarei andato. Lui è un laziale.

    RispondiElimina
  27. Si. lunedì avevo dato una occhiata distratta al sitollock. Offro io però..ricordatelo

    RispondiElimina
  28. GeppettoDanese16 maggio 2015 12:37

    in effetti sì, lo è

    RispondiElimina
  29. Anche a me sembra una cazzata. Speriamo sia una cazzata di Di Marzio e non di Pradè. Vedrei bene invece lo scambio Gomez - Destro, che mi sta ampiamente sulle palle da quando fece quello spettacolo indegno con il Cagliari (ma l'ambiente romanista spinge a fare certe cose secondo me), ma che prenderei volentieri

    RispondiElimina
  30. GeppettoDanese16 maggio 2015 12:40

    Bene, ora abbiamo l'editoriale di Calamai in cui si dice che Montella resta solo a patto che ci siano interventi importanti sul mercato. Ovvero, un concetto diametralmente opposto a chiunque avesse insinuato che dietro il muro contro muro ci fosse un interesse della Roma. A quanto pare i Della Valle non sono poi così bravi a comprare la penna di chi dovrà dipingere il "sabotatore" di turno come qualcuno che sottobanco tratta con altre squadre.

    RispondiElimina
  31. Stefano Vienna16 maggio 2015 12:42

    Bisognerebbe prima far capire ai Della Valle che non si puo' gestire una societa' di calcio tagliando tutti i ponti con chi a Firenze ha conoscenza del gioco del calcio. E' come aprire una falegnameria senza falegnami

    RispondiElimina
  32. JO sbaglio o subiamo una marea di ripartenze quando siamo noi a battere i corner, il che mi sembra assurdo. Sono arrivato al punto che quando ci danno un calcio d'angolo mi gratto più di quando lo danno contro di noi

    RispondiElimina
  33. E' una situazione potenzialmente pericolosa per tutte le squadre, dato che i centrali solitamente scendono in area avversaria per prendere il pallone di testa. Ci sono degli schieramenti-tipo per riuscire comunque a coprirsi in queste situazioni. Forse noi siamo "speciali" che non ne abbiamo bisogno, oppure negligenti, oppure troppo lenti anche a rientrare.

    RispondiElimina
  34. E' come dice Buran qui sotto, ma in genere si prendono contromisure. Gli elementi più veloci (succedeva spesso con Cuadrado) e magari meno forti in acrobazia, andavano in copertura. Ma le situazioni di palla ferma possonoe ssere studiate e ben capite ed applicate, lo insegnano anche a Coverciano.

    RispondiElimina
  35. Ho visto, a proposito di negligenza, qualche volta gli uomini "in copertura" avanzare parecchio, tanto da lasciare un avversario libero, pur se defilato, a ridosso della linea del centrocampo, ma dalla sua parte. In genere è andata bene e il pallone non gli è arrivato, ma andrebbero ripresi e gli andrebbe fatto notare che in quel caso l'avversario non è in fuorigioco

    RispondiElimina
  36. Per me, il tempo dell'incazzatura è già scemato. Ma inizia quello peggiore, quello del distacco, dell'amarezza, della delusione. Probabilmente ha ragione un vecchio compagno di Bistecche&Putto che teme un dopo Prandelli-bis, scenario che non auguro a nessuno di NOI.



    Non so che intenzioni abbiano, se ha visto lungo Jo sull'allontanamento di Macià, sono mosse che dall'esterno si giudicano male, quasi impossibile. Non ho buone sensazioni, questo sì, sono stanco di inseguire sempre il sogno, il vorrei ma non posso, non smetterò mai di essere Viola fino nel midollo però mi rendo anche conto che chi si fa prete, in confronto a noi che abbiamo scelto questa, di fede, si fa una 15 giorni ad Ibiza. Che s'è fatto di male? Magari un giorno me lo spiegheranno per benino.

    RispondiElimina
  37. Un punto forte che lega (e legherà) Montella a Firenze é la clausola rescissoria; oggi, con i chiari di luna italiani, andare a pagare 5 milioni di euro per un allenatore - al quale poi devi fare contratto, minimo biennale da 2/2,5 milioni annui (lordi siamo a 5 circa)- per un investimento totale di circa 15 milioni la vedo un'impresa; con quei soldi acquisti un buon giocatore.
    Con Spalletti libero un presidente li investirebbe li, quei soldi. Pensateci!
    (Biennale da 4 milioni netti a stagione, lordi sono circa 16 nel biennio.....).
    Quanto ho illuminato De Laurentiis o Galliani con questo ragionamento? Dio, quanto sono bravo con i soldi altrui!!

    RispondiElimina
  38. Un dopo Prandelli bis è possibile, purtroppo, anche se non deve essere per forza così. In ogni caso, leggendo qua e là, il morto non è neanche morto che già ci sono in abbondanza le vedove

    RispondiElimina
  39. Sopra, tutto vero. Ma basta un incontro di un paio d'ore a fine stagione, si buttano giù i programmi da una parte e le richieste dall'altra. Se non coincidono, la clausola, a quel punto, credo sia solo carta straccia...

    RispondiElimina
  40. vero, ho anche io notato questa cosa... stavolta, se non altro, non sono tra quelle che hanno perso il marito, ahahah

    RispondiElimina
  41. La clausola in un contratto con un allenatore mi sembra solo una cazzata. Come fai a tenere un allenatore perforza? Lo mandi in tribuna? Credo che quando un raporto è finito con la clausola ci si vada al water.

    RispondiElimina
  42. Sarebbe decisamente una cazzata.

    RispondiElimina
  43. Adesso vi faccio una domanda io: chi pensate che possa rimanere di questa rosa coi seguenti allenatori
    Spalletti
    Di Francesco
    Bielsa
    Mazzarri (mi vengono i conati solo a scriverlo)

    Aspetto i vostri pareri e mi chiedo se piuttosto che rifondare, sia il caso di completare una volta per tutte questa squadra.

    RispondiElimina
  44. Giusto, ma appunto mi sembra (e mio sembra che concordate sia te che JORDAN) che nel corso delle partite, noi ci esponiamo relativamente di più di altre squadre e - per contro - siamo meno bravi a sfruttare le ripartenze sui corner altrui. A parte qualche ripartenza con Salah, il nostro amore per l'orizzontalità ci ha condizionato parecchio

    RispondiElimina
  45. Da sitone:


    Ma in tutta questa considerazione post-fioretto, NUVOLA, chi ci proponi per sostituire gli usurpatori, Manenti? Presidenza e società sono ovviamente criticabilissime, specialmente ora che è stato fatto scappare l'unico che capiva di calcio, ovvero Macìa. Ma Montella va inchiodato alle sue responsabilità: non si può vedere una squadra - che non è da secondo posto, ma nemmeno da caduta libera - sfaldarsi a questo modo nella parte decisiva della stagione. Un raggelante mix di crollo motivazionale, fisico, tattico e psicologico di cui l'allenatore non può non render conto. Quanto al gioco, l'idea di "barcellonizzarci", grazie anche e soprattutto alle entrature di mercato di Don Eduardo, era ottima, se solo non fossimo rimasti a metà del guado. Occorreva proseguire l'opera dopo il primo anno, e invece non ci sono state migliorie in difesa, non la si è protetta con una diga di centrocampo che anche Barca e Spagna hanno sempre utilizzato, non si sono costruiti i tipici movimenti e schemi offensivi del calcio del Pep. Così siamo annegati in un prevedibile, lento, sterile possesso palla, che somiglia più al titicche-titocche delle squadre portoghesi anni 80/90, che al tiqui taca. Che fare? Rinnegare tutto e ricominciare da capo, inneggiando al calcio difensivo e all'italianizzazione? Comprare mezzettoni e scaldabagni italici, portare a Firenze l'inguardabile mostro ranocchiaimmobileflorenziastoriandreollidescigliodarmianvaldifioriabatebertolacci? NO. Ci vogliono giocatori giovani e integri, adatti a un certo tipo di calcio, ci vogliono gli Orban, i Musacchio, gli Iturraspe, ci vogliono i nuovi Dybala & Vietto [che quando gli consigliavo semisconosciuti per la Viola, la gente qui rideva...]. Ci vuole un allenatore dall'utopia concreta, uno che insista col gioco propositivo e sul dominio del pallone, ma portando in più intensità, schemi offensivi e movimento continuo, mentalità, preparazione fisica, uno che martelli i giocatori fino all'ossessione. Ci vuole Marcelo. Bielsismo o muerte!!!!

    RispondiElimina
  46. c'è un problema di età media, Foco, è una domanda complessa che richiederebbe post senesi come risposta... ti dico molto velocemente la mia: Io sarei per mollare Borja, Pek, Joaquin (a meno che non accetti di rimanere come riserva extralusso), anche Gomez per una cifra sopra ai 14 milioni... sugli arrivi, ne chiedo solo tre, poi facciano loro. Allan, Zappacosta e Glik... con questo modo di operare penso che verrebbero volentieri tutti quelli che hai detto, certo il primo sarebbe il massimo ma, ti dico la mia, prima di Di Francesco, prendo Mazzarri...

    RispondiElimina
  47. L'eventuale conferma di Montella metterebbe spalle al muro Gomez.
    La questione: ciclo da proseguire corroborando la squadra con freschezza e gamba Vs. nuovo ciclo- New deal neanche si pone, e spiego perché:
    Proseguire:

    1) significa togliere anagraficamente alcuni soggetti e sostituirli;
    2) cercare giocatori (4 potrebbero bastare) per alzare il livello tecnico-fisico della squadra, punto che unito all'1 potrebbe rivelarsi miscela perfetta;
    3) stabilizzare la Fiorentina società/squadra come livello di considerazione;
    4) costerebbe meno che ripartire facendo una tabula rasa o quasi...basta un ottimo mercato;
    5) le due semifinali (perse) sarebbero un punto di partenza, non di arrivo*;
    6) sarebbe segnale di aver imparato dalla vicenda Prandelli.
    7) Montella potrà essere messo alle strette, "pretendendo".

    Non proseguire, quindi a New deal:

    1) smembrare una realtà di spogliatoio consolidate e- sembra- unita;
    2) si abbasserebbe un po' il livello, occorre molto tempo per ripartire;
    3) rischio di percezione negativa all'esterno ("questi ogni due o tre anni ricominciano daccapo...");
    4) occorrerebbero almeno due sessioni di mercato per assemblare una nuova Maquina;
    5) significherebbe azzerare le due semifinali, che diventerebbero eventualmente dei punti di arrivo;
    6) situazione che ricalcherebbe quella di Prandelli.
    7) un nuovo mister (sicuramente non uno con palmarés dietro!) dovrà avere tempo di sbagliare, tempo di mettere in piedi il suo gioco.

    * In Nba una squadra che arriva alle finali di conferenze, l'anno dopo va alla finale nazionale...un team che si ferma alla prima fase dei playoff l'anno dopo avanza almeno sino ai quarti. Si migliorano costantemente.

    Chiaramente, come sapete, io sono per proseguire con Montella.
    Non possiamo permettere di penelopizzare un'altra volta il cammino è la crescita della viola. (Garantito 100% Sopravvissuto).

    RispondiElimina
  48. Sono 5 milioni, allora perché l'hanno messa? In ogni cosa c'é il "Reason why", tu m'insegni.

    RispondiElimina
  49. Andrebbero fatti quattro elenchi diversi l'uno dall'altro, quindi prendo in considerazione l'unica soluzione decisiva, Bielsa. Con lui possono rimanere Gonzalo come regista difensivo, Mati più perché so che lo apprezza che come caratteristiche, Vecino che è giocatore da calcio del Loco e potrebbe esplodere, forse Alonso ma ci dovrebbe lavorare parecchio, Babacar, Salah...

    RispondiElimina
  50. A parte la mitica galoppata solitaria di Salah a Torino, servito da Kurtic su rinvio da calcio d'angolo avversario, non mi viene in mente altro. Osservando altre squadre blasonate (ad es. il Barca), vedo che loro riescono a pressare molto meglio il primo avversario a cui arriva il pallone, rallentandone l'azione, e non di rado riescono a ostacolare fin da subito i potenziali giocatori a cui il pallone potrebbe essere passato. Ovviamente questo è dovuto alla bravura dei giocatori, ma forse anche a elementi di tattica provati e riprovati in allenamento e ormai assimilati.

    RispondiElimina
  51. Su Glik non vi ho mai risposto, ma io non lo considero migliore di Savic, anzi. Dai tempi del Palermo è migliorato, ma la mia impressione è che dia il suo meglio in un modulo in particolare dove è compensato in velocità dagli altri centrali. Oltretutto non ha il piede per cominciare l'azione. È forte di testa e molto coraggioso, ma palla a terra non ci darebbe niente di più, secondo me.

    RispondiElimina
  52. contano parecchio anche i tempi ed i momenti in cui vengono fatti i contratti... non ricordo quando abbia rinnovato con adeguamento, probabilmente nel momento di massimo fulgore e la società, sapendo che c'erano altri club dietro, si è voluta tutelare... però le cose cambiano ed oggi potrebbero lasciarsi anche per nulla...

    RispondiElimina
  53. sono d'accordo con te sia nel paragone con Savic sia nella valutazione generale, infatti io lo vedo come sostituto di Basanta per fare una difesa a tre con il torinista mezzo destro, Gonzalo centrale e Savic mezzo sinistro... Zappacosta come esterno nei 5 di centrocampo e gli altri li lascio scegliere a voi...

    RispondiElimina
  54. Glik e Savic nella stessa difesa è da film dell'orrore, tra tutti e due ci viene un piede destro...

    RispondiElimina
  55. Sarà l'esperienza, ma marca meglio di Savic, tiene meglio la posizione, chiude meglio gli spazi...oltre ad essere più forte di testa. Vero però che va compensato con almeno un compagno veloce, quindi gli acquisti da fare sarebbero due...

    RispondiElimina
  56. 5 milioni lordi è più o meno il costo degli ingaggi diYako Mounir e Lazzari. Quasi il 10% del monte ingaggi totale. Un fardello che ha pesato sulla coscienza di più di uno.
    Forse qualcuno se lo ricordera': per fare cassa questa estate hanno provato a vendere anche Mati e Joachin

    RispondiElimina
  57. Punto 4):...basta un ottimo mercato.
    Hai detto niente

    RispondiElimina
  58. Se devono arrivare i Di Francesco, i Mazzarri ecc, meglio continuare con Montella. Ma non so se Montella saprà dare finalmente copertura alla difesa e movimenti offensivi, soprattutto non so se voglia restare...Se si vuole proseguire con una certa filosofia di gioco migliorandoci di netto, Bielsa.

    RispondiElimina
  59. DEYNA, ma infatti se è la società a cacciare Montella per prendere un grande allenatore, io firmo subito. Se invece si aspetta, si tergiversa sulle prospettive di mercato, finché Montella se ne va e si prende il primo stronzo che passa, allora proprio no, teniamoci Vincenzo.

    RispondiElimina
  60. Speriamo ci sia chiarezza, da entrambe le parti.

    RispondiElimina
  61. Sarebbe la prima volta

    RispondiElimina
  62. Sopra, il punto fondamentale è questo: la realtà di spogliatoio è unita?

    RispondiElimina
  63. per me far valere la clausola rescissoria sarebbe ridicolo, da parte della società: o c'è intesa con un allenatore (lui vuole stare, e tu lo vuoi tenere), e allora lo tieni, oppure arrivederci e grazie. Se Montella resta, spero che sia perché la società crede che sia un buon allenatore per la Fiorentina, altrimenti farebbero bene a cacciarlo subito.

    RispondiElimina
  64. Tranne qualche scontento sì per me. Semmai c'é da chiedersi quanti ancora credono in un gioco dispendioso e poco produttivo

    RispondiElimina
  65. A Di Francesco non voglio neppure pensare. Per Mazzarri non ci sono giocatori adatti, salvo le punte e pochi altri, per cui si dovrebbe riconsiderare tutta la rosa e non mi sembra che convenga.
    In generale l'idea è che, se chi allena mantiene l'impianto attuale, servono due terzini forti al posto di Richards e Alonso, un mediano forte al posto di Kurtic, il ritorno di Vecino al posto di Aquilani, un qualche giovane al posto di Ilicic. Poi bisogna prendere una decisione per Gomez

    RispondiElimina
  66. 1) mi sembra che valga in entrambi i casi, montellizzati o meno. C'è da rinverdire e da rinforzare.
    2) non ho capito perchè si abbasserebbe il livello. Dipende da chi compri
    3) me ne batto il cazzo, se vinci poi tutti applaudono,se perdi tutti ti spernacchiano
    4) Lasciate perdere le maquine nella formula 1. Io voglio una squadra che gioca e vince e non fa teatrini fini a se stessi,stile Siviglia che alla "maquina" gli ha fatto un culo come una sporta
    5) Tutti gli anni azzeri e ricominci daccapo con e senza l'infallibile. Anche questa non la capisco
    6) Per ora non c'entra proprio niente con Prandelli che fece una pantomima di tre mesi da falso come le monete di bronzo come è. Qui si tratta solo di cambiare guida tecnica come nel calcio succede ovunque e di continuo
    7) Il nuovo mister, if any, non potrà essere Cinci dell'Aiazzi, ma uno con le palle. Dopo di che avrà il tempo che ci è voluto ad Allegri, o allo stesso Montella quando è arrivato. Non vedo il problema. Quanto al mettere alle strette si fissano programmi ed obiettivi ed a quelli si deve mirare, col vecchio o col nuovo.
    Io sono per cambiare con, nell'ordine di preferenza:
    1) Spalletti, 2) Bielsa,3) Mazzarri, 4)Jachini

    RispondiElimina
  67. Palati esigenti.
    Di Francesco:" Se resto al Sassuolo? Devo capire le ambizioni del club (!!!!)"

    RispondiElimina
  68. Anche a me dall'esterno sembra che lo sia, ma quando ci sono crolli improvvisi come quello degli ultimi 40 giorni qualche sospetto mi viene.

    RispondiElimina
  69. un altro che vuole essere mandato a fanculo. Basta che non venga qui, è un Montella 2

    RispondiElimina
  70. Anche a me non convince

    RispondiElimina
  71. magari. Per ora di Montella ha mostrato tutti i difetti e nessuno dei pregi...

    RispondiElimina
  72. Sembra avere però un agente che lo sa promuovere molto bene.

    RispondiElimina
  73. In sostanza io ho il timore che buona parte di questa rosa ( soprattutto a centrocampo) abbia toccato il suo apice con questo e per questo modo di giocare. Ed è una tesi avvalorata dalla storia dei giocatori in causa.
    Montella o un altro in panchina non è un dubbio che mi toglie il sonno, ma sono molto meno tranquillo quando penso a cosa potrebbe portare un cambio radicale in termini di composizione della nuova rosa, e quindi di mercato.
    Considerando che quest'anno non c'è il jolly da vendere forte, si proporrebbe il problema di un rinnovo radicale almeno di un reparto e investimenti sparsi quantomeno necessari in altri ruoli. Cosa che mi sembra difficile coi criteri usati in questi due anni di mercato. Montella o non Montella, io credo che sarebbe molto più augurabile uno sforzo per completare ( finalmente) un progetto tecnico che ha dato qualche risultato, magari integrandolo in quelle che sono state le sue criticità in questi tre anni.
    Io, dopo il mercato estivo, ho avuto la brutta sensazione che si fosse persa un'occasione. Avevo sperato in una riedizione dell'anticipo di cassa di qualche anno fa, per avere qualche certezza in più sugli eventuali obiettivi da raggiungere, però non è stato e, siccome i soldi non sono miei e alla fine mi va tutto bene,basta che sia Fiorentina, ho voluto sperare che bastasse quello che si era fatto.
    Accoglierei con un certo fastidio una rifondazione, perché, per me, significherebbe non avere, ancora una volta, quel minimo di certezze sulla nostra dimensione tecnica.

    Una nota a margine sul Siviglia: gli spagnoli hanno raggiunto anche due noni posti in campionato molto recentemente, l'anno scorso hanno vinto la coppa e sono arrivati quinti, quest'anno probabilmente replicheranno. Fanno autofinanziamento ma alla fine prendono ciò che viene senza troppe pressioni.
    Miracoli pochi dunque, solo scelte ponderate senza pepe al culo.

    RispondiElimina
  74. Indovinalagrillo, dipende anche da chi chiedono loro. Quello che pretenderebbe meno è ovviamente Di Francesco, ma è un tarocco di Montella, allora tanto vale rimanere con l'originale. Gli altri tre li prenderei tutti e tre (senza conati di vomito) con ovvie rpeferenze per Spèalletti e Bielsa.

    RispondiElimina
  75. allenare una squadra che ha come obiettivo la salvezza con un budget da Uefa farebbe sembrare un genio chiunque, credo...

    RispondiElimina
  76. tu davvero preferiresti anche Mazzarri a Montella?

    RispondiElimina
  77. Una stagione fallimentare passata a perdere le partite che contano...

    http://www.violanews.com/statistiche/ranking-uefa-viola-al-9-posto-stagionale-secondo-miglior-risultato-degli-ultimi-40-anni-20150516/

    RispondiElimina
  78. Saranno anche arrivati quinti, come (forse) noi, ma delle utlime tre EL ne han vinte due e sono arrivati in semifinale dell'altra. Adesso forse ne vincono un'altra (almeno infinale ci sono). Più di tutto ci hanno spazzolato in casa e fuori. Se per difendere l'infallibile devi sminuire il Siviglia non ti riconosco più. Magari avessimo un impianto soceitario e di gioco come gli spagnoli!

    RispondiElimina
  79. concordo sul fatto che una rifondazione richiederebbe un forte investimento. Appunto per questo vorrei che avvenisse, se deve avvenire, tramite la cacciata di Montella e non tramite le due dimissioni.
    Perché se è la società a cacciare Montella, bocciandolo perché troppo scarso per Firenze, allora la società si prende la responsabilità A) di prenderne uno meglio; B) di costruire una squadra più forte.
    Se invece si tirerà in lungo sperando che Montella si scazzi e se ne vada, allora sarà l'alibi per A) prenderne uno peggio; B) mettergli in mano una squadra peggio.

    RispondiElimina
  80. Budget da UEFA? Il capitano è Marianelli che, quando era alla Florentia Viola, Cavasin non ha mai fatto debuittare in C2

    RispondiElimina
  81. Sì, il titcche titocche mi è venuto sulle palle, voglio vedere gente che corre in verticale e fa gol e non ne prende!

    RispondiElimina
  82. da UEFA era un'iperbole, ma hanno il 10° monte ingaggi della Serie A, il doppio di quello del Cagliari, il triplo di Empoli e Cesena. Ripeto: se l'obiettivo è la salvezza, con quei numeri, si sta proprio tranquilli.

    RispondiElimina
  83. Ho visto il Sassuolo solo un paio di volte con la Fiorentina, non ho un'opinione precisa su Di Francesco. Ma non vorrei che - se venisse - al primo risultato negativo fosse crocifisso. O addirittura fosse crocifisso ancor prima del ritiro.

    RispondiElimina
  84. boh a me Mazzarri fa davvero cahà: buono a spremere i giocatori, ma poco altro. Ovviamente niente da dire su Bielsa e Spalletti, ma mi andrebbe bene anche Sarri piuttosto che quel montato piagnucolone...

    RispondiElimina
  85. È ciò che mi sforzo di dire. Con un altro tecnico questa rosa va al macero in gran parte. Al contempo, o c'é un potenziamento reale o anche con Montella si prospetta una stagione anonima.
    Le ultime sessioni di mercato sono state una presa per i fondelli

    RispondiElimina
  86. CORTO, se la Fiorentina lo prendesse diventerebbe il nostro allenatore e gli augurerei di azzeccarle tutte. Del resto non mi convinceva per niente l'idea di prendere Montella, e come il suo operato mi ha fatto cambiare idea, lo potrà fare anche Eusebio.
    Però, dato che ancora è tutto da decidere, dico che non mi convince. Perché è un allenatore che ancora non ha dimostrato nulla (se non di riuscire a salvarsi con lo stesso budget con cui la Samp lotta per il terzo posto), e perché, ben che vada, sarà un clone di Montella, mentre io vorrei che, se cacciamo un allenatore perché non lo riteniamo abbastanza valido per noi, ne prendessimo uno meglio e non uno che al massimo farà come lui...
    Per fare meglio di Montella l'anno prossimo serve o il terzo posto o una finale (quelli sono gli unici obiettivi che non ha raggiunto). Benissimo, ci farei la firma. Ma se questi sono gli obiettivi, non credo che Di Francesco sia la scelta giusta. Poi, se dovesse arrivare, faremo tutti il tifo per lui, ci mancherebbe, non sono certo io quello che mette vie le bottiglie per stapparle in caso di sconfitta e conseguente cacciata dell'allenatore,,,

    RispondiElimina
  87. seguo lo spunto di JORDAN e faccio anch'io la classifica di chi vorrei vedere l'anno prossimo sulla panchina viola:
    1) Bielsa
    2) Spalletti
    3) Montella
    4) Sarri
    5) Ventura
    Degli altri nomi che girano, sinceramente, non ce n'è uno che mi convinca. Poi magari verranno e mi convinceranno coi fatti, come ha fatto Montella, ma per ora la penso così.

    RispondiElimina
  88. No, Montella non c'entra un cazzo, io volevo solo dire che è una realtà diversa dalla nostra. Per me sono molto simili all'Udinese attuale, e non hanno la pressione dell'obiettivo da raggiungere. Per essere come il Siviglia, insomma, bisogna ragionare come loro. Ne siamo capaci noi?

    RispondiElimina
  89. Se ci fai vincere tre EL in quattro anni chi non ne sarebbe capace. L'Udinese non ha vinto una mazza, come noi. Ma noi cosa si è fatto più del Siviglia? Ma come caqzzo ragioniamo noi? Tutti tesi a taroccare il Barcellona? Bella soddisfazione della minchia!

    RispondiElimina
  90. Sarri è il primo campionato che fa in serie A e non èun ragazzino. Voi siete tutti innamorati ma ci andrei con i piedi ben di piombo.

    RispondiElimina
  91. (e a costo di viaggiare sistematicamente tra il 5° e il 9° posto in campionato)

    RispondiElimina
  92. Fino a qualche giorno fa si diceva che i giocatori stavano volentieri a Firenze perché non c'erano troppe pressioni e stavano sereni. Alcuni di noi (non ricordo chi) commentavano la cosa come non molto positiva, i giocatori erano indotti ad adagiarsi troppo. Ora invece pare che le pressioni siano troppe...sarà per questo che, come dice Montella, tutti vogliono andare via...

    RispondiElimina
  93. sì, che vale sia in positivo sia in negativo però. Ha più successi ma anche più fallimenti... Comunque non mi dispiacerebbe, anche se resta la 5° opzione. Meglio di Di Francesco, comunque.

    RispondiElimina
  94. Ottimo Buran. Il ricambio che auspico nella rosa non è solo di valori tecnici ma di personalita'. Che attualmente latita tolti due o tre

    RispondiElimina
  95. Perchè noi invece si è vinto un monte di scudetti nel fattempo. Poi in un campionato dove ci sono Real e Barcellona edadesso anche l'Atletico,si gioca per il quarto posto. Di Coppe ne ha vinte due di seguito più una SuperCoppa in due anni dal 2006 al 2007 (quindi 3 Coppe in 2 anni) ed un'altra l'anno scorso. Quest'anno è in finale, con grosse probabilità di vincerne un'altra. Io il cambio lo farei.

    RispondiElimina
  96. Ventura è un gran tattico. Klopp e' libero?

    RispondiElimina
  97. Argomento che condivido e rafforza le mie perplessita'

    RispondiElimina
  98. GeppettoDanese16 maggio 2015 15:32

    Klopp è libero, sì, e a me non dispiacerebbe. Per la verità non mi dispiacerebbe neanche Ventura

    RispondiElimina
  99. giusto, mi sono scordato Klopp. Anche lui ovviamente lo prenderei alla grande.

    RispondiElimina
  100. Se parte Montella sono le mi due opzioni.
    Secondo me si accontenterebbero di quello che passa il convento.

    RispondiElimina
  101. Pare che stiamo dietro a
    Luka Jović, già seguito da Macìa...Molto buono, è un bel nueve in prospettiva, un torello che sa giocare.

    RispondiElimina
  102. GeppettoDanese16 maggio 2015 15:39

    Secondo me no, e parlo soprattutto di Klopp. Per quanto credo che entrambi non storcerebbero il naso se gli venisse detto che dobbiamo ripartire da Baba-Berna in attacco.

    RispondiElimina
  103. ma mica dico che fa schifo, correggevo solo un dato che non era vero, tutto qua...
    Il Sevilla è una squadra che ha dimensione economica simile alla nostra ma che lavora diversamente, con un ricambio di calciatori a livello globale continuo e veloce, molto alla Corvino, per capirci, quindi pieno di scommesse, che la maggior parte delle volte vanno maluccio (e infatti si arriva noni), ma che quando si imbroccano è perfetto (e si arriva noni lo stesso, ma si vince la coppa). Una gestione sicuramente diversa da quella dei DV; che invece vogliono stare costantemente in Europa e quindi rischiano meno.

    Non sto dicendo che un modello è migliore dell'altro, volevo semplicemente chiarire di cosa stiamo parlando, perché se no sembra che il Sevilla è tutto rose e fiori, e, ahimè, non lo è.

    RispondiElimina
  104. GeppettoDanese16 maggio 2015 15:40

    Non lo conosco, ma si parlava molto bene anche di Dabro...

    RispondiElimina
  105. Il punto e' che il nuovo allenatore (if any) non dovrebbe fare meglio di quello che Montella ha fatto quest anno. Ma di quello che farebbe Montella se rimanesse ancora un anno. (cfr Rubin, potential outcomes, 1900 e rotti).

    RispondiElimina
  106. Dabro per me è roba di classe, ma questo è già pronto fisicamente, e gioca [e segna] in prima squadra con la Stella Rossa...

    RispondiElimina
  107. ma non stavamo cacciando Montella dopo una stagione deludente? Vogliamo farne una ancora più deludente?

    RispondiElimina
  108. La migliore comunque é di LOUIS, in questa settimana: "Occorerebbe un post senese per spiegare.......etc etc....".
    Ahahah ahahahah ahahahaha....
    Io temo solo un colpo da teatro della società, che decide la separazione da Montella e ci propina il famoso "Mai nominato".....
    Quindi affrettatevi a nominarne più possibili!!!!!!

    RispondiElimina
  109. Il rischio c'è eccome, e anche grosso. Mettiamo (ed è possibile) che si inizi il campionato con qualche stecca, magari al Franchi, con squadre tipo il Carpi o anche il Verona, con una delle solite partite secondo copione. Partirebbe subito la bambola.

    RispondiElimina
  110. No la stagione non è stata deludente sotto il profilo dei risultati, l'ho già scritto. Lo è stato il finale, gravemente deludente (ma non per l'EL). Io cambierei Montella perché ritengo che il suo ciclo sia finito e un po', perché, come JORDAN un po' il gioco della Fiorentina tiki-taka mi ha un po' stancato.

    RispondiElimina
  111. Anzi, ritengo è troppo forte, cerchiobottisticamente direi" temo"

    RispondiElimina
  112. ah, ok, allora scusami, è che a forza di leggere gente che sostiene che la rosa è da triplete e se non vinciamo è per colpa del sabotatore, mi ero confuso...

    RispondiElimina
  113. Do not worry, e comunque è vero che ho avuto giudizi altalenanti. In alcuni momenti all'inizio (partita con il Napoli soprattutto) ho pensato che non stesse utilizzando bene la rosa. Poi i risultati per me sono arrivati, magari ogni anno arrivassimo a due semifinali e (touch wood) un quinto posto. All'ultimo si è tutto sfasciato in campionato e poi in EL per come abbiamo perso.

    RispondiElimina
  114. Bastava un "unete", non importava il triplete. Ma effettivamente non abbiamo capito la nostra dimensione

    RispondiElimina
  115. Relax. Vedrai che domani in conferenza stampa Vicienzo ricuce coi tifosi

    RispondiElimina
  116. GIGLIO, visto cosa succedendo?? Il Frosinone in A! Noooo! La squadra del mio paese l'ultima volta, in Interregionale vinse a Frosinine 0-1!! E oggi??
    I ciociari in A?? Un altro derby per Lazio e Roma...

    RispondiElimina
  117. Carpi e Frosinone, proprio quelle che non voleva Lotito

    RispondiElimina
  118. concordo, e sinceramente mi viene quasi da pensare che se non avessimo avuto quei due mesi esaltanti tra febbraio e marzo ora saremmo tutti meno delusi. Magari andavamo fuori con Juve e Tottenham, nessuno se la prendeva più di tanto perché sembrava una roba normale, e poi la squadra teneva botta fino in fondo e paradossalmente poteva arrivare al terzo posto. Non vorrei che anche dal punto di vista della condizione fisica fosse andata così...

    RispondiElimina
  119. il problema dell'unete è che lo vince solo uno. E quell'uno raramente ha Marcos Alonso in campo.

    RispondiElimina
  120. Pavolini sarai tu, o aspirante ducetto dei du' siti. Io su Montella ripeto da oltre un anno la stessa valutazione: un buon allenatore, per ora non un grande (forse in futuro lo sarà ma questo non ci riguarda), che sostituirei tranquillamente con uno più forte di lui. Quando si sono fatti i nomi di improbabili minestrari per sostituirlo, mi sono opposto, e continuo a farlo. Se lo si sostituirà con un grande allenatore (come Bielsa o Spalletti o Klopp) ne sarò felice, lo dicevo un anno fa e lo ripeto ora. Tra chi ci è dietro in classifica, in Italia, non conosco nessuno che possa fare meglio di lui, ma credo che Sarri e Ventura possano provare a fare più o meno quanto ha fatto lui.
    Se venisse Spalletti non avrei alcun imbarazzo, anzi. Continuo a pensare che non succederà, ma le opinioni sono sempre smentibili dai fatti, vedremo. Del resto quando arrivò Montella non credevo fosse bravo, e i fatti mi hanno fatto cambiare idea.
    A essere in imbarazzo sarà, purtroppo, chi continua a parlare di rosa da triplete sconfitta solo dall'incompetenza del tecnico: quando il prossimo tecnico arriverà (presumibilmente, poi anche lì sperò che la società mi sorprenda con una campagna acquisti sontuosa) e farà, se gli va bene, quanto Montella, che succederà? Nulla, perché anche il prossimo tecnico sarà un ciullo da scherzare, chiaramente... Oh, tutti noi li becchiamo!

    RispondiElimina
  121. SOPRA, ma che domande fai? È stato il Munifico Mecenate! Quello che ha costruito la rosa da triplete, ha capito che il Ciullo ne sta sabotando i successi, ha già in tasca il contratto per sostituirlo con LUCIANO, ma non lo caccia perché è intimidito, povero, dal trauma di Mondonico... Secondo me dietro al personaggio c'è un tutunciano incallito che gode nel dipingere i DV come dei fessi...

    RispondiElimina
  122. altro risultato positivo dell'Anderlecht, che con il 3-1 sul Club Brugge sale al secondo posto nei playoff della Jupiter. Determinanti per il risultato gli applausi, dalla tribuna, di Marko Marin...

    RispondiElimina
  123. A parte che ancora non è finita, ma, se rimane, il rischio è grosso, anzi,è quasi una certezza.

    RispondiElimina
  124. quindi la logica è: con un allenatore che in 3 anni ha fatto un terzo, un quarto, un quinto (toccandosi) posto e tre semifinali (il periodo migliore della Fiorentina a mia memoria, in termini di risultati), faremo di sicuro peggio. Mentre con allenatori che non hanno mai visto questi risultati manco col binocolo, ci sono grandi probabilità di andar bene... Sono opinioni, tutto è possibile, però deve stare sul cazzo davvero a morte Montella per ragionare così...

    RispondiElimina
  125. Sinceramente avrei preferito, andar fuori col Tottenham (con la Juve ci siamo andati, cosa volevi di peggio?) ed arrivare terzi. Come dicevo a suo tempo non ci sarebbe mancato molto. Datemi i sei punti quasi ovvi con Verona e Caglairi e vedi dove saremmo adesso e con un calendario tutto in discesa. Io credo che con 70 punti in Champions ci si va,o molto vicino.Nessuno avrebbe fischiato, anche perchè nel ritorno avrebbe voluto dire averne fatti 40 il che non è mai successo nell'era DV.

    RispondiElimina
  126. ma infatti ti stavo dicendo quello, il mio timore (ma è una sensazione, niente di più) è che anche in termini di condizione fisica e tensione mentale si sia speso troppo in quel periodo, per star dietro al mantra "serve un titolo" che società, allenatore e giocatori hanno ripetuto per mesi, e che poi ne abbiamo pagato le spese in campionato. Probabilmente senza l'Europa con Verona e Cagliari avremmo vinto, chissà. Anche se non credo, avendo un non-allenatore che viaggia su una retta parallela rispetto al calcio e non ha alcuno schema offensivo, peggio di Guerini, mi pare difficile arrivare al terzo posto in ogni caso...

    RispondiElimina
  127. Quello che conta per un allenatore, o per una squadra, è il presente, non il passato e nel presente, in un mese e mezzo si son vinte due partite (Cesena ed Empoli) e se ne son perse un ballino, un po'con tutti, anche con delle belle sorbole. Siamo in rottura prolungata, se si ricominciasse così non si arriverebbe ad ottobre. Pensare di cambiare non è utopia, ma sembra una necessità.

    RispondiElimina
  128. con questa logica a marzo gli si sarebbe dovuto fare un contratto a vita...

    RispondiElimina
  129. Ce l'ha di già fino al 2017, o dove avevi paura che scappasse?

    RispondiElimina
  130. poi sulla rottura concordo, come ho detto: se lo cacciano, per me va benissimo, perché equivale a considerare negativa una stagione da quinto posto e due semifinali, e quindi ha impegnarsi per crescere. Quello che mi fa girare i coglioni è che, appunto per questo, non lo cacceranno. Lo terranno a bagnomaria sperando che se ne vada, in modo da poterlo usare come capro espiatorio e da spacciarci l'anno prossimo come transizione e "ricostruzione sulle macerie lasciate da Montella":..

    RispondiElimina
  131. lo straccia quando vogliono, e lo sai, ché a 40 anni nessuno si vuole rovinare la carriera attaccandosi alle clausole, buone solo per i pensionati di Certaldo...

    RispondiElimina
  132. Anche oggi sontuoso, immagino.

    RispondiElimina
  133. dicono che l'allenatore dell'Anderlecht sia di origine partenopea...

    RispondiElimina
  134. Equivale a considerare negativo un finale di competizioni nel quale su 11 partite ne abbiam vinte 3, pareggiate 1 e perse 7 che è uno score da retrocessione in qualsiasi campionato. Facendo 12 gol e prendendone 22, due di media a partita. E' un ritmo da Prandelli ultimo girone quando di punti ne fece 17 in 19 partite, qui siamo a 7 in 11 (anche se 4 son partite di Coppa). Se ti sembra da tripudiarci su e non da pensarci bene fai te.

    RispondiElimina
  135. se con questo finale siamo comunque quinti, dev'essere stato miracoloso il resto dall'anno. Ma quello non conta, giusto.
    Comunque, ripeto: bene se Montella viene cacciato, male se viene costretto ad andarsene. Bene se Montella resta perché la società ci crede e gli dà garanzie, male se ci resta perché non ha altre opzioni. Penso che da questo nodo dipenda gran parte del nostro futuro. E dipende molto più dalla società che da Montella, dato che alternative a Montella più forti di lui ce ne sono in giro, a partire dai due grandi disoccupati, quello di Certaldo e quello crucco...

    RispondiElimina
  136. Ma se gliene faceviuno a vita era uguale. Ma forse pensavi ai pensionati turchi? Le clausole son buone anche per l'infallibile. Se lo esonerano lodevon pagare, per questo un po' di manfrina, if any (ma per ora è solo nella tua fantasia), sarebbe anche comprensibile.

    RispondiElimina
  137. copio anche qua, perché oggi mi va di aiutare il poeta a fare statistica: se lo cacciano, per me va
    benissimo, perché equivale a considerare negativa una stagione da quinto
    posto e due semifinali, e quindi a impegnarsi per crescere. Quello che
    mi fa girare i coglioni è che, appunto per questo, non lo cacceranno.
    Lo terranno a bagnomaria sperando che se ne vada, in modo da poterlo
    usare come capro espiatorio e da spacciarci l'anno prossimo come
    transizione e "ricostruzione sulle macerie lasciate da Montella":..

    RispondiElimina
  138. i pensionati turchi sono appunto pensionati. Montella non lo è, e alla sua età stare fermo un anno non conviene prima di tutto a lui.

    RispondiElimina
  139. Non gli han detto che arrivava, 'sti belgi!

    RispondiElimina
  140. Ripeto, io il cambio lo farei, subito, a "portaria fechada" prendo tutto e gli dò tutto.

    RispondiElimina
  141. Un classico.
    Magari la società entro due o tre settimane decide di fare una conferenza stampa, si proferire parole sulla situazione.
    Bisogna ammettere che se la società non si é ancora espressa, dopo due giorni, sulle parole di Montella...be' sta dando ragione al mister.
    Quando non hai argomenti o parole, sei perdente.
    Gli addetti alla comunicazione, in una grande azienda, quelle parole di Montella le rigiramo in positivo, se decidono di farlo.

    RispondiElimina
  142. e chi ha detto che sta fermo un anno. Così infallibiel, ci sarà la fila. Vedo una separazione consensuale se non fanno la pace. omunque il turco piglia il doppio di lui, e dove lo trova un altro allocco che glieli dà? Solo i turcchi.

    RispondiElimina
  143. tornato al gol gojko kakar

    RispondiElimina
  144. Grande! Una delle più grosse delusioni della mia scuderia, ahahaha

    RispondiElimina
  145. Allora non fa più Kakar! Era il beniamino di Deyna

    RispondiElimina
  146. esatto, anch'io vedo una separazione consensuale, per quello dico che le clausole in quel caso sono inutili... Il turco si è scavato la fossa con le sue mani. Come ho detto tempo fa, tra un po' potrebbe tornare a fare una dignitosa carriera a Samp o Verona, ma solo dopo un bagno di umiltà che non vedo probabile...

    RispondiElimina
  147. SOPRA, tra quei 7 rispetto solo il primo e il penultimo (sull'ultimo il giudizio è sospeso, speriamo bene). Se il primo si degnasse di metterci la faccia, dato che non gli piace perderla, allora forse qualche soddisfazione ce la toglieremmo. Girano notizie che sia parecchio arrabbiato: bene, se interviene lui e caccia Montella, stasera stappo una bottiglia buona anch'io, perché a quel punto davvero gli tocca far venire Luciano o chi per lui, e fargli la squadra. Perché, ripeto, se si caccia un allenatore da quinto posto e due semifinale, bisogna prenderne uno (e preparagli una squadra) da terzo posto e almeno una finale. Fallo, Diego, e sarai Munifico Mecenate invece che Mackie Messer. Se invece, come purtroppo temo, si partirà con i "Montella dica che non va alla Roma", allora alé, altri 2 anni di purgatorio, con Di Francesco nella parte di Sinisa, Reja in quella di Delio Rossi e Guerini in quella, eterna, di se stesso.

    RispondiElimina
  148. Allora se copi tu copio anch'io: "Equivale a considerare negativo un finale di competizioni nel quale su
    11 partite ne abbiam vinte 3, pareggiate 1 e perse 7 che è uno score da
    retrocessione in qualsiasi campionato. Facendo 12 gol e prendendone 22,
    due di media a partita. E' un ritmo da Prandelli ultimo girone quando di
    punti ne fece 17 in 19 partite, qui siamo a 7 in 11 (anche se 4 son
    partite di Coppa). Se ti sembra da tripudiarci su e non da pensarci bene
    fai te."

    RispondiElimina
  149. quindi tu dici che va bene cacciarlo e accontentarci di qualcuno che invece di quinto arrivi sesto, ma basta che faccia le sconfitte a gennaio e non a maggio, così le sentiamo meno? Mah, contento tu...

    RispondiElimina
  150. sì per davvero, che involuzione. a noi servirebbe quel prototipo di centrocampista, comunque; vecino potrebbe anche diventarlo.

    RispondiElimina
  151. No,io dico che se continua con questo rtimo a settembre dopo un mese siamo nella merda fino al naso ed allora meglio cercare d inon entrarci.

    RispondiElimina
  152. per fortuna a settembre non abbiamo semifinali da giocare, allora.

    RispondiElimina
  153. Scenario inquietante proprio perché plausibile

    RispondiElimina
  154. non è ancora l'unico possibile, per fortuna...

    RispondiElimina
  155. LELE, io non ho accusato la società, dato che non ho parlato. Io ho accusato alcune persone precise (Bucchioni e alcuni commentatori di questo sito, nella fattispecie) di fare questo giochino e di fare di Montella un capro espiatorio. Sulla società ancora non so nulla, tant'è che continuo a metterla in termini di alternativa: o farà una cosa o farà un'altra. Posso dire che io ne preferisco una, oppure no? Io preferisco che Montella sia bocciato e cacciato dalla società all'eventualità (un'eventualità, non una teoria, e un'eventualità che spero non si verifichi) di un'immiserente tiritera. E ho anche detto perché: perché a una bocciatura e una cacciata dovrebbero, logicamente, seguire la scelta di un sostituto migliore e un potenziamento della rosa, mentre alla tiritera dei complotti e delle dimissioni, tendenzialmente, seguono i Di Francesco e i Delio Rossi. Da tifoso avrò il diritto di sperare che la mia società prenda in mano la situazione e mi metta davanti una squadra migliore, l'anno prossimo, o no?
    Il fatto che tu non abbia letto una mia parola sui fischi e le dichiarazioni di Montella è possibile. Purtroppo non posso determinare quello che tu leggi, almeno posso determinare quello che io scrivo, e ne ho scritto, direttamente a caldo giovedì, appena tornato dallo stadio, discutendone a lungo con DKNE (che era molto critico, a differenza del sottoscritto, nei confronti della tifoseria): per me i fischi sono assolutamente giustificati, gli sfottò un po' meno ma comunque comprensibili visto lo scoramento generale (e personalmente li ho apprezzati per come sono riusciti a stemperare un po' la tensione). Quindi la penso diversamente da Montella su questo, anche se non considero particolarmente gravi né particolarmente rilevanti le sue parole, che mi sembrano un tentativo di difendere la squadra in un momento delicato della stagione. Insomma: io e lui la pensiamo diversamente, ma io non ho la responsabilità di un gruppo di giocatori e lui sì.
    Mi pare di essermi espresso ampiamente su tutto, puoi pensarla diversamente da me ma non dire che non mi schiero: a me questi tre anni con Montella sembrano molto positivi, e in termini di risultati sono tra i migliori della nostra storia. Può essere che sia il caso di cambiare, e se così dev'essere spero che sia per scelta della società e non dell'allenatore, perché significherebbe che la società ha in mente un sostituto che ci porterebbe a risultati migliosi, cosa che normalmente da tifoso mi auguro...

    RispondiElimina
  156. non si son perse solole semifinali

    RispondiElimina
  157. non si sono persi manco i quarti e gli ottavi...

    RispondiElimina
  158. Tu. Però io non credo che ci sarebbe tanta tranquillità attorno ad una squadra che magari arriva nona e va fuori in semifinale di Europa League.
    Se si prende un modello bisogna accettare tutte le eventuali sfaccettature.
    Il Siviglia costruisce negli anni perché non sentono l'obbligo di vincere e se non arrivano in posizioni da Champion's non succede niente. Vendono i migliori senza sollevazioni popolari e comprano giocatori semi-sconosciuti senza che nessuno urli tutti i giorni che sono braccini. L'isteria del tifoso fiorentino se la sognano. E evidentemente la cosa aiuta a raggiungere qualche risultato rilevante. Per me il problema più grosso di questa società e questo ambiente è che certi limiti non sono stati certificati e, di conseguenza, certe aspirazioni non vanno di pari passo con la realtà oggetiva di quello che siamo. Vogliamo essere il Siviglia italiano? A me sta bene, basta che le cose siano chiare a tutti i livelli, come le implicazioni di certi modelli.

    RispondiElimina
  159. nell'ultimo mese e mezzo? Ho detto che siamo in rottura prolungata più che preoccupante, le mie statistiche partono dal 7 aprile. Se tu mi vai a parlare di tre mesi fa non ci si capisce. Ho detto che conta il presente più del passato. Se busso a picche e rispondi a fiori...

    RispondiElimina
  160. Esatto. Tra l'altro il Sevilla l'anno scorso ha vinto una coppa a cui non si era neanche qualificato, partecipandovi solo perché due squadre che gli erano arrivate davanti hanno perso la licenza... Ragazzi, ripeto, sono pure in imbarazzo a dover parlare male di una squadra che adoro. Però...

    RispondiElimina
  161. se bussi a bastoni e rispondo a denari (scusami ma le carte francesi le usate solo voi in Italia, eheh) è perché tu mi parli di tresette mentre stiamo giocando a briscola. Il calcio è un gioco che si fa in 9 mesi, come il vino e i bambini. Se tu lo giudichi prendendo un mese a caso, farò così anch'io...

    RispondiElimina
  162. Non è un mese (e mezzo) a caso, è l'ultimo, è oggi, è l'attailità e quello che ha più probabilità di essere domani.

    RispondiElimina
  163. Oltre tutto è quello decisivo, quello in cui si tirano le somme, quello in cui si dovrebbe essere al massimo, invece ci si arriva boccheggiando come le boghe.

    RispondiElimina
  164. è quello decisivo solo perché sono andati bene i precedenti, altrimenti non decideresti un tubo. Conoscevo un ciclista che si teneva fresco per i chilometri decisivi, l'hanno visto fuori tempo massimo a metà tappa...

    RispondiElimina
  165. Era amico di quello che arrivava sempre ultimo a tutte le volate

    RispondiElimina
  166. esatto, e il secondo vinse il giro.

    RispondiElimina
  167. Valto una precisazione: io sono stato molto critico con i cori a presa di culo in una semifinale di EL, non con i fischi( ho scritto che ci potevano stare).Ma soprattutto, dopo essere tornato a casa, son stato di molto critico( e sono incazzato) per le parole di Montella contro la tifoseria. Perché dopo 3 anni di assoluta benevolenza, anche in alcuni momenti di sconforto( dove in altri luoghi i giocatori non sarebbero nemmeno potuti uscire di casa) lamentarsi così mi è parso fuori luogo, irreale. E l'unico fatto certo è che Montella ha creato un solco quasi insuperabile con i tifosi. Fermo restando che i cori di scherno continuo a ritenerli una cazzata assoluta, in una semifinale europea contro una squadra oggettivamente più forte

    RispondiElimina
  168. hai ragione, scusa, la mia sintesi ha semplificato troppo il tuo ragionamento. Tra l'altro ho visto uscire un articolo che la metteva più o meno come il sottoscritto, sul fatto che lo sfottò sia sbagliato ma che in fondo aiuti a stemperare la tensione e evitare il peggio: http://www.violanews.com/stampa/lironia-puo-ferire-ma-allontana-i-violenti-20150516/

    RispondiElimina
  169. Figurati. È che spesso io ragiono con la testa del tifoso da stadio. E altrettanto spesso dico cazzate sull'onda dell'emotività

    RispondiElimina
  170. se poi arrivasse davvero Luciano, potremmo dire così: l'ultima volta che abbiamo cacciato un giovane emergente che ci faceva divertire ma non portava risultati per prendere il vecchio vincente, abbiamo avuto un'annata non male...

    RispondiElimina
  171. beh ma con quale testa dovremmo ragionare se non con quella, e cosa dovremmo dire se non cazzate? Qui si parla di amore, mica di altro...

    RispondiElimina
  172. Repubblica.it:" Adesso vediamo che succedera' ma io delle valutazioni devo farle perché non voglio decrescere".
    Montella, 12 maggio 2014

    RispondiElimina
  173. GeppettoDanese16 maggio 2015 19:25

    Infatti è rimasto.

    RispondiElimina
  174. GeppettoDanese16 maggio 2015 19:31

    Possono piacere o non piacere, ma i cori di scherno sono stati l'indice di una frustrazione che non poteva più essere trattenuta. Alcuni tifosi hanno reagito così, altre se ne sono andati, altri ancora hanno fissato il campo o la tv in completa catatonia.

    RispondiElimina
  175. allora un doveva essere Montella se vinse qualche cosa

    RispondiElimina
  176. Morata ha messo da solo a ferro e fuoco l'Inter. Ranocchia soffre la mancanza di un partner della sua stessa levatura tipo, chennesò, una colonnina spartitraffico.

    RispondiElimina
  177. stefano vienna16 maggio 2015 19:52

    DDV e Montella sono in buoni rapporti, finora non c'è stata quella rottura 'scaricabarile' di cui parla Valtolin e che sarebbe controproducente per tutti. Qualcosa però s'è rotto, è inutile nascondere la testa sotto la sabbia. Montella ha ragione dal suo punto di vista quando chiede un rilancio come precondizione per restare. I Della Valle però non sembrano intenzionati a rilanciare e io non gliene faccio una colpa. Chi vuole Montella o spera in Spalletti o Bielsa, non sta facendo i conti con l'oste: è molto probabile che non ci sarà un rilancio in grande stile della proprietà. Realisticamente, ci sarà da ricostruire un gruppo partendo dai giovani già in rosa. E, quindi, realisticamente, Montella non resterà, mentre Bielsa e Spalletti non verranno.
    Insomma, mettetevi l'animo in pace e voliamo basso. Io appoggerò questo nuovo corso, ma spero che i Della Valle riallaccino i rapporti con chi è attaccato ai colori viola e sarebbe disposto a dare un mano: in primis Antognoni, poi magari un Orlando, Riganò e altri che sanno cosa vuol dire giocare a calcio.

    RispondiElimina
  178. GeppettoDanese16 maggio 2015 19:53

    E non succederà manco quello.

    RispondiElimina
  179. Io mettere un ex calciatore tanto per non la trovo chissà che mossa. Non è che uno che ha giocato a calcio,automaticamente ne capisce di talento e di tattica.
    Il problema è che molti ex vorrebbero solo dei posti di primo piano e non tutti ne hanno realmente le capacità. La Juve ha messo Nevded che però non ha poteri esecutivi, che sono saldamente in mano a Marotta e Paratici. Nel Bayern, Beckembauer, che nominavi, è il presidente, ma è uno che è stato un'icona nazionale, ha rivestito figure politiche importanti nel pianeta calcio e il club è strutturato in una maniera completamente diversa dalla nostra. Il problema nostro è l'individuazione di chi ha realmente potere decisionale in società, altrimenti puoi mettere tutte le vecchie glorie che vuoi, sarebbero solo figurine da dare in pasto ai tifosi.

    RispondiElimina
  180. Insomma via, Di Francesco no, Mazzarri neanche a parlanne, Sarri è vecchio e spigoloso.. Bielsa e quell'ttro ci vanno n'ì culo... Ho bell'e capiho come va a finire...

    p.s. Socio, guarda che i difensori devono impedire agli attaccanti altrui di segnare, la gente col piedino educato che poi mi fa piglià i go che s'è visto anche giovedì sera me la batto sulle palle...

    RispondiElimina
  181. per me chiacchera troppo, e non da ora, come vedi...

    RispondiElimina
  182. Due parole. L'annata non è fallimentare, di per sé. Due semifinali ed un (speriamo) quinto posto, non sono da buttar via. Se uno si fosse divertito, allo stadio, potrebbe anche essere contento. Io però non mi sono divertito.
    Cambiando un po' prospettiva, non più da tifoso, ma da utente, si potrebbe così riassumere.
    Un film, lungo un anno, che ricorda tanto certe pellicole francesi. Un po' troppo lente, con una trama che potrebbe anche essere valida, se non fosse per certi interpreti non proprio eccelsi e per il regista che predilige sempre le solite inquadrature. Il produttore, poi, non si è certo svenato per il cast.
    C'è chi critica gli attori, chi il regista, chi il produttore. A me non interessa, il prodotto non è soddisfacente. Non del tutto, almeno. E parlo solo dal punto di vista della gradevolezza della pellicola, non degli incassi al botteghino.
    Abbiamo un produttore che ha puntato solo su alcune scene, anche belle, ma non sulla totalità del film. Certo che spendere tutto per venti minuti di riprese e raffazzonare alla meglio il resto, non è sembrata idea particolarmente brillante.
    Abbiamo un regista, che sa usare soltanto la telecamera per fare ottimi primi piani, ma le riprese sono statiche, per lo più. Certo che scegliere Pippo Franco per impersonare Dante Alighieri soltanto per il naso, è cosa quantomeno discutibile.
    Gli attori si sono adeguati a quello che gli hanno chiesto, pur non essendo esattamente tagliati per quei ruoli. Non tutti, almeno. Edwige Fenech, se avesse impersonato l'infermiera prosperosa, anziché Desdemona, avrebbe fatto miglior figura.
    Risultato? un film "appena guardabile", nel complesso. A voler bene a tutti, una stella, forse due.
    Resta solo da chiedere:
    - chi ha scelto?
    - chi ha chiesto?
    - chi ha avuto il copione per tempo?
    - chi ha (e quanto ha) pagato?
    Rispondete, gente. Rispondete.

    RispondiElimina
  183. Bobby Caponata16 maggio 2015 20:47

    Più o meno quello che va dicendo anche quest'anno e mi sembra giusto. Non deve mica stare qui a parare il didietro a qualcuno, o c'è un percorso di crescita da seguire e sennò fa come Conte l'anno scorso.. (che poi se quello che l'ha sostituito ha fatto meglio di lui è un'altra storia)

    RispondiElimina
  184. Già, il Frosinone. Io son contento per Arturo e Mario. Chiamatemi nostalgico...

    RispondiElimina
  185. "Due parole. L'annata non è fallimentare, di per sé."

    "Risultato? un film "appena guardabile", nel complesso."


    Io l'ho definita deludente, ma non è stata presa bene... ;-)

    RispondiElimina
  186. Socio, Leandro Damiao ha rimarcato. Gioca nel Cruzeiro ed ha ricominciato a marcare un sacco di gol. Se ci si riprovasse ora che sembra guarito? Ma zitti un lo diciamo a nessuno. ora Dunga lo convoca e si piglia nicculo.

    RispondiElimina
  187. penso che Nedved conti molto di più di quel che sembri quando c'è da prendere qualche decisione...

    RispondiElimina
  188. O che ti sei aggiunto in Società e un mi dici nulla? Comunque il Brasile è tua competenza, io semmai vengo per la fauna femminile, i giocatori te li lascio volentieri, ahahah

    RispondiElimina
  189. L'annata nel suo complesso, se si arriva quinti, non è stata, come risultati deludente. Ma l'ultimo mese e mezzo più che deludente è stato inaccettabile, da far incazzare un santo, da far perdere la pazienza a Giobbe!

    RispondiElimina
  190. Ne parlavo l'altro giorno, mi sembra in forte risalita. Io lo prenderei al volo, a prezzo buono. Dunga comunque l'ha già messo nei 30 preconvocati per la Copa...

    RispondiElimina
  191. Un fare i' furbo, e ci vol l'utile e i dilettevole.

    RispondiElimina
  192. eh lo so, ma se facciamo come quello che va in fuga per duecento km, poi scoppia e arriva fuori dal podio ci rimangono gli applausi, come al solito, e gli altri alzano i trofei... a me unn'è che mi garbi tanto come scena e l'ho vista di già troppe volte, per i mi gusti...

    RispondiElimina
  193. PS: tra l'altro sarebbe l'ideale avere due centravanti come lui e Babacar: fanno grosso modo lo stesso gioco, con caratteristiche diverse, e hanno entrambi bisogno di non giocare troppo spesso...

    RispondiElimina
  194. Una società vispa e furba la partirebbe subito, si chiamasse Damianovic forse....Ramadani....

    RispondiElimina
  195. sì, ma quanto ci vole? Di che anno è?

    RispondiElimina
  196. E' un '89, con un decino forse ora lo pigli

    RispondiElimina
  197. Mah, io direi che mi sembra un primo film indipendente affidato ad un giovane regista e a ad un manipolo di attori un po' dimenticati che si è rivelato un lavoro fresco e originale e che ha fatto un ottimo risultato al botteghino.
    Poi, per il primo sequel si sono scelti una coppia affermata di attori che, però, hanno fatto la fine di Brandon Lee durante le riprese, lasciando la pellicola incompiuta e piena di controfigure che però, in quanto tali, non hanno saputo essere all'altezza. Regista un po' in difficoltà nel cambiare i ruoli principali in corsa.
    Il terzo film aveva bisogno di una sceneggiatura più solida e anche di un budget diverso per essere migliore. Invece la storia è rimasta quella, qualche attore era fuori contesto, il regista non si è adattato al 3D. Effetti speciali di basso budget ne hanno un po' penalizzato la riuscita. Un'oretta discreta rovinata da un finale poco convincente, con qualche inquadratura in cui si vedevano anche i cavi del set. Volano i popcorn in sala.
    Però i capolavori hanno bisogno di un po' tutto e poi per qualcuno è un capolavoro anche "Vieni avanti cretino".

    RispondiElimina
  198. E' dell'89, è giovane ancora. Quanto ci vole un lo so oggi, due anni fa prima di tutti gliincidenti un bastavan 20, ma ora gli è due anni che gli è quasi fermo, magari...

    RispondiElimina