.

.

sabato 3 gennaio 2015

Lotta dura contro la verdura

A Firenze si fanno solo nomi di ex giocatori così tanto che anche Desolati comincia a sperare e si allena sui Lungarni. Qualcuno non ha ancora digerito il cenone e si rigira tutto sudato mentre gli incubi gli forniscono verità distorte? Forse, perché intanto è stata finita in tempo da record anche la nuova pista dell’aeroporto, 2400 metri ideali per far atterrare l’areo di Del Piero direttamente dall’Australia. Mentre la seconda linea della tramvia porterà Ennio Pellegrini in via dello Statuto. Nel panino con il lampredotto in realtà ci sarà la Simmenthal. La bistecca è alta come una braciola e la braciola come la bistecca. Finalmente un incubo al quale si può rimediare visto che basterà ordinare una braciola alla fiorentina cotta poco. La braciola nell’incubo si serve solo fritta, proprio mentre anche il procuratore di Maiellaro si rivede intorno allo stadio. Al primo piano del mercato centrale di San Lorenzo, tra le eccellenze alimentari si vende anche la foto autografata di Marcio Santos. Bucchioni fa il discorso alla nazione e spiega che finalmente con Tatarusanu sarà dato spazio anche se non proprio a un giocatore italiano, almeno ad uno sardo. El Cholo Simeone in dialetto napoletano sosterrà di essere l’allenatore migliore al mondo malgrado abbia bocciato Cerci, insomma confesserà che non l’ha bocciato tecnicamente, ma solo perché è un romano di merda. Poi nell’incubo il sudore si concentra soprattutto dietro la schiena, c’è qualcosa di troppo che non facilita la visione della partita della Fiorentina che gioca con le maglie a strisce in mezzo alla nebbia. Dal campanile di Giotto si sente il muezzin fare il nome di Kharja, per i saldi la roba costa tutta il doppio, così come Neto che in fondo a via Calzaiuoli costa già più di Cristiano Ronaldo. Paszkoswski è diventato Tomaszewski, poi Luisa via Napoli, piazza della Monarchia, e quello che è più grave, piazza della Passera è diventata piazza dell’Uccello. Il ponte Vecchio riempito di botox, negli Uffizi solo i quadri con i risultati del primo trimestre di figli che non hanno voglia di studiare, Boboli destinato alla coltivazione della Colza, in via Maggio si contano le pecore. Dal piazzale per vedere Firenze c’è da lottare contro il radicchio e altre verdure. Alla fine, stremati, ci accorgeremo che San Frediano è diventato San Tommaso perché saremo costretti a toccare il culo alle ragazze, increduli cioè che siano veramente così sodi come sembrano. Forse questa sarà l’unica scusa del falso incubo. Poi alla fine si capirà perché escono fuori tutte queste voci di giocatori fuggiti dalla Specola, no, il cenone non c’entra niente, non è un incubo ma la triste realtà di chi vive senza togliere il cellophane dal divano.

204 commenti:

  1. Esiste anche chi non toglie il cellophane dall'interno della propria automobile.
    Curioso il caso di un allenatore, tal Montella, al quale hanno regalato un calciatore e neanche lo ha scartato....cioé lo ha scartato tecnicamente ma nella realtà il pacco é rimasto intatto.
    Sembra che per accontentare coloro che vogliono il vintage a tutti i costi Pradé e Macia stiano cercando addirittura Villa, il barbuto regista dell'Argentina che fu!
    Nella foto un momento nel quale sembravano, i due ds, aver trovato l'ex regista ma nella realtà non é stato così....

    RispondiElimina
  2. Sei in forma Sopra oggi! Bell'inizio.
    Boss , hai citato Desolati che a un vecchio tifoso come il sottoscritto, fa tornare alla mente una splendida domenica allo stadio con una gran Fiorentina messa in campo dal Barone.
    Picchio e Merlo mezze ali, Nevio Scala mediano e un giovane col numero sette (a quei tempi i ragazzi all'inizio li schieravano sulla fascia, lontani dalla zona nevralgica). Indovinate come si chiamava

    RispondiElimina
  3. Concordo grande Desolati, io inizia a tifare Fiorentina (come scrissi in passato) la domenica in cui Desolati rifilò tre gol all'Inter, prima mi interessavo poco di calcio (avevo solo 8 anni). Quella domenica passata con i miei nonni tifosi fiorentini a sentire la partita a Tutto il Calcio Minuto per Minuto, non la scorderò mai!

    RispondiElimina
  4. Deyna, Adrian perde il pelo ma non il vizio. In vacanza a...Santo Domingo..

    RispondiElimina
  5. Come scrivevo tempo fa, Desolati è stato il mio "idolo" viola dell'infanzia - non che non vedessi che Antonio era più forte, ci mancherebbe - come Masala lo era nella Primavera. Peccato per la frattura stronca-carriera, ma, si sa, non siamo fortunati.

    RispondiElimina
  6. La moglie è di là

    RispondiElimina
  7. Per non dimenticare.


    https://www.facebook.com/consuelomutuofficial

    RispondiElimina
  8. Apprendo ora che Adrian ha un Dogo Argentino! Niente è a caso!

    http://www.libertatea.ro/detalii/articol/mutu-a-dat-3-000-de-euro-pe-doi-caini-foto-410908.html

    RispondiElimina
  9. https://twitter.com/adrianmutu/status/225300089730629632

    RispondiElimina
  10. https://twitter.com/adrianmutu/status/225300089730629632 !

    RispondiElimina
  11. https://twitter.com/adrianmutu/status/225300089730629632

    RispondiElimina
  12. Vediamo se c'è verso di postarlo...

    https://twitter.com/adrianmutu/status/225300089730629632

    RispondiElimina
  13. Ci sono comunque dei calciatori che verrebbero alla viola, magari un po' vintage, ma chissà....

    RispondiElimina
  14. ...mi è arrivata proprio adesso la foto del cane di DIEGO...lo ha voluto assolutamente con zampe proporzionate alle sue braccia....

    RispondiElimina
  15. ...scusate ma sono tutte mail personali che voglio condividere..ecco il cagnolone di una delle tante tifose ammiratrici di JINGLE...per lui darebbero la vita ...(per JINGLE intendo...)

    RispondiElimina
  16. Questo faceva il barista a Campinas nel club del Ponte Preta e giocava la domenica. Il Faraone lo prese e lo presentò come un fenomeno a Pistoia, Poerino....

    RispondiElimina
  17. ...chiudo con la razza preferita da LOUIS...questo splendido esemplare di Prelato (allevamento Bettega ), si chiama QUATTRO..è da riporto nel senso che 4 ne porta comunque a casa...è molto fedele soprattutto se disegni la tua casa a strisce...non sporca perchè non ne ha il tempo visto che ovunque dura poco...molto adatto per cerimonie e benedizioni....chi fosse interessato tel Sede Juve orario Champions...

    RispondiElimina
  18. ...Pastore Caucasico..e per la difesa...e per l'attacco...e soprattutto per il centrocampo...detto anche LO STERMINATORE..nonostante le apparenze ha un animo sensibile...solitamente a 7 ( inflitti ) si ferma e lecca l'avversario moribondo...Re incontrastato della Russia si è ambientato bene anche nell'Impero Romano da LUI creato e portato all'apoteosi...un Cucciolo di questi ti riempie le giornate e le bacheche...nella foto l'unico esemplare vivente, si chiama Hannibal...Hannibal Lecter...allevamento di Certaldo....brividi...

    RispondiElimina
  19. Ora con tutti questi cani avete rotto. Questa è la mia pura multi-razze. C'è un po' di tutto, quindi è la meglio.

    RispondiElimina
  20. Ahahah, simpatica! Da notare il cappellino da malato doc.

    RispondiElimina
  21. ZEMANVIOLA, eccolo....!Due esemplari di Sette-r.

    RispondiElimina
  22. Mi arrendo. Mi hai convinto.
    Idi di marzo (prima non ce la fa) per Mutu.
    Bentornato In viola

    RispondiElimina
  23. Per non dimenticare...

    RispondiElimina
  24. Panino con salame, pecorino e mostarda di fichi. Da " il Cernacchino" in via della Condotta, ah 2 bicchieri di vino per combattere la febbre del saldo.

    RispondiElimina
  25. Tieni salda fa fede.

    RispondiElimina
  26. ahahahahahah, sei una fava!

    RispondiElimina
  27. Ultime da Udine, intercettate da Tuttomercatoweb.com sul futuro di Luis Muriel.
    Nei giorni scorsi il colombiano e Sinisa Mihajlovic, tecnico della
    Sampdoria, si sono sentiti al telefono. Il ragazzo, assistito da
    Alessandro Lucci, ha avuto rassicurazioni sul fatto che giocherà al
    posto di Gabbiadini e lui è già concentrato sul futuro a Genova. Il
    problema, però, è la cifra. L’Udinese accetta il prestito con diritto di
    riscatto ma per questo la Samp mette sul piatto 6 milioni. Pochi, per i
    friulani, che non individuano giovani da inserire nell’affare. Pur
    restando la Sampdoria in netto vantaggio, Gonzalo Bergessio non viene
    considerato nell’affare ed è così che l’Udinese sta lavorando ad una
    trattativa clamorosa. Uno scambio di prestito con riscatti già fissati
    con la Fiorentina per Khouma el Babacar. Muriel
    andrebbe volentieri a Firenze, dove troverebbe Vincenzo Montella e
    soprattutto per Juan Guillermo Cuadrado. All’Udinese piace tanto Babacar
    ma lo scoglio è l’ingaggio: Babacar è un classe 1993 che guadagna, ora,
    600mila euro. Troppi, per la politica friulana. Ma il retroscena è
    servito…

    RispondiElimina
  28. “Mutu mi sembra un’operazione vintage, non adatta ad
    una squadra proiettata al futuro. Credo che farlo allenare sia un
    contentino di Della Valle verso uno dei calciatori più amati. Sul
    mercato si punterà su un calciatore capace di dare qualcosa che manca
    alla squadra. Diamanti costa molto, in Cina ci sono ritmi diversi, non mi sembra adatto al gioco di Montella. Neto
    se non rinnova sarà ceduto oppure andrà in tribuna, sicuramente
    giocherà Tatarusanu, questa è l’indicazione data dalla società. Ilicic resterà in Italia, ha rifiutato tre squadre tedesche; piace al Torino e all’Udinese, si sta inserendo il Cagliari. Quagliarella
    è un calciatore particolare nella gestione dei trasferimenti. La
    Fiorentina ha interesse nel rivalutare Ilicic, per cui uno scambio di
    prestiti può essere la soluzione giusta. La pista Muriel invece si è
    raffreddata. A Parma è un rischio per tanti motivi, è una partita delicatissima. Per il terzo posto
    la situazione inizia a preoccuparmi; le altre non stanno a guardare e
    la situazione si sta riequilibrando. Fino a poche settimane fa la
    Fiorentina puntava su Marin, se poi lui si è arrabbiato
    per il mancato utilizzo è un altro discorso. L’ideale sarebbe stato
    farlo giocare seconda punta accanto a Gomez con Mati Fernandez a
    centrocampo, oppure schierare Lazzari o Badelj, ma la miglior situazione
    è il recupero di Aquilani. Montella è un ottimo
    giovane allenatore, che ha fatto cose importanti e altre meno. Ha
    iniziato da grandissimo allenatore, le difficoltà sono cominciate quando
    gli altri hanno imparato a neutralizzare il suo gioco. Gli manca il
    cambiare le partite in corso, deve migliorare nei cambi e nelle
    situazioni tattiche. Non vincere più in casa è un aspetto su cui deve
    lavorare.

    Il 31 agosto, a mercato chiuso, non c’erano giudizi
    negativi; gli acquisti si sono rivelati meno efficaci di quanto
    preventivato. Andrea Della Valle avrebbe comprato un attaccante in più. Gilardino
    sarebbe un vice Gomez, secondo me ci vorrebbe un giocatore più di
    movimento. Non credo sia un obiettivo reale. Babacar e Gomez possono
    giocare insieme nel 3-5-2, non nel 4-3-3, anche se credo serva un
    giocatore diverso accanto al tedesco. La Fiorentina poteva vendere Neto
    per fare casa, ma adesso il coltello dalla parte del manico ce l’ha il
    giocatore. I viola si sono cautelati con Tatarusanu, quindi con le
    spalle coperte possono anche permettersi di alzare la voce con Neto.
    Sabatini su Iturbe avrà visto qualità nascoste, ma un’operazione di quel
    genere non l’avrei fatta. Anche su Cerci ho dei dubbi, perché ha fatto
    bene solo con Ventura. Gomez ha avuto infortuni
    pesanti, non lo considero un fallimento. Non è facile rinnovare un
    contratto, non è solo la Fiorentina ad avere difficoltà. Sul rinnovo di Babacar
    sono preoccupato, così come la Fiorentina, perché non si sa a quale
    titolo si è inserito Raiola, anche se il procuratore attuale sembra una
    persona seria”.

    RispondiElimina
  29. Ora ci manca solo che si regali Babacar all'Udinese per avere in prestito quella caparotta di Muriel! Va a finire che lascio il calcio (fare il tifo per un'altra non mi riesce!)

    RispondiElimina
  30. per me è una balla, dietro a tuttomercatoweb c'è quel fenomeno di Criscitello, da sempre dichiarato simpatizzante dei friulani... più che altro è una speranza, sua, mi sa...

    RispondiElimina
  31. ma infatti dice che è l'idea dell'Udinese, mica che la Fiorentina sia d'accordo...

    RispondiElimina
  32. Facendosi un po' i cazzi degli altri, trovo che gli equilibri non si vanno spostando.
    Il Napoli ha preso Gabbiadini per Insigne, un cambio che non aggiunge più di tanto, e Strinic, che non è Roberto Carlos. Un vero salto di qualità lo avrebbe fatto, mantenendo questo modulo, solo con un paio di grandi difensori, un centrale e un terzino destro, affidabili.
    Il Milan aggiunge Cerci là dove non mancavano certo gli esterni offensivi. Scelgono di puntare tutto su un modulo senza centravanti e si accorgeranno presto che questa scelta è limitante. Poi le necessità impellenti toccavano altri reparti, come la difesa ed un centrocampo che deve aggrapparsi al ritorno di Montolivo. Il ch dice molto.
    L'Inter ha fatto una scelta che le costerà molto in almeno due campionati.
    Il mercato estivo è stato fatto, faricosamente, per consegnare al tecnico di allora una squadra che potesse esprimersi esclusivamente col 3-5-2.
    Mancini è integralista almeno quanto Mazzarri, ma verso idee tattiche completamente opposte e non adattabili l'una all'altra. Prendono un attaccante quando l'attacco, paradossalmente, è l'ultimo dei problemi. Modestissimi dietro e a centrocampo, si trovano a dover rifondare tutto senza averne le possibilità.
    La Samp rischia di alterare quegli equilibri di squadra che l'hanno portata a fare più di quello che la cifra tecnica globale le poteva assegnare. Muriel ( vale anche per noi) è un calciatore avulso da ogni dettame tattico. Un solista che necessita di spazi, opposto, per disponibilità, a Gabbiadini. È una squadra che sta dando il110% con undici, dodici giocatori, un calo mentale o un paio di infortuni potrebbero farli fermare definitivamente.
    Il Genoa, per certi versi, è la più insidiosa. Gasp ha trovato un assetto discreto che, però, dovrà fare i conti con quel giocatore di fantacalcio che ci mette i soldi. Tino Costa era un bel giocatorino, un poco lento ma con una perizia balistica rara. Il punto è che nel Genoa si porta molto la croce e si canta poco, cosa che lui non predilige. Facundo Ferreyra è un buon centravanti, ma Pinilla conosceva molto meglio squadra e campionato. Non lo ritengo uno scambio che possa apportare chissà cosa in più.

    In sostanza, credo che siamo ancora padroni del nostro destino, anche senza aver fatto acquisti.

    RispondiElimina
  33. FOCO viene-da applausi- a rinfocolare noi integralisti viola.
    Quindi... interessante scoprire che "600.000 euro sono troppi per un '93, per l'Udinese..."; o siamo polli noi o c'é qualcosa (ariecco l'uomo dell'Adriatico protagonista) che non quadra.
    Se Babacar, già contrattualizzato (canterano!) prende é prendeva 600.000 euro- quindi già a 19 o 20 anni- io non capisco qual'é la politica della società.
    Il portiere della nazionale olimpica brasiliana e nella rosa per la prima squadra dei Verdeoro dovrebbe guadagnare quanto? E volevano rinnovare a 700/800 mila euro, illo tempore?
    E c'é ancora il patrigno di Tatarusanu che insiste...

    RispondiElimina
  34. Ad oggi, 3 gennaio 2015, il post di Foco non fa una piega. Bisognerà però rivedere il tutto fra un mese e tenere presente che le occasioni saltano fuori sempre nelle ultime ore, quando il tempo stringe e chi ha bisogno di giocare o chi di svendere per alleggerire il monte ingaggi cala, e di parecchio, le braghe.

    Certo, sulla carta, non ci sono stati grossi movimenti, per ora. Anche se Gabbiadini al Napoli mi pare un bel colpo dei partenopei, stiamo parlando di uno dei pochi attaccanti italiani con un minimo di prospettiva e di valore tecnico. Strinic è un giovane di prospettiva, è una scommessa e solo il campo ci dirà. Di Milan e Inter temo l'ultima settimana quando grazie ai soliti canali preferenziali coi grandi club inglesi e spagnoli potrebbero ottenere gente che in Italia ha la capacità di fare ancora la differenza. Vedremo.

    Noi abbiamo un mare di esuberi che difficilmente potremo piazzare senza rimetterci e purtroppo se non cediamo/alleggeriamo siamo bloccati... l'unico davanti che ha la doppia peculiarità di costo/potenziale è Pato, almeno alle condizioni che si leggono in giro. Gente come Diamanti o sotto ancora Mutu può essere utile solo come seconda ruota di scorta, non certo come pedina da buttare in mischia al primo soffio di vento.

    RispondiElimina
  35. Ed avrebbe rinnovato per 850000 sei mesi fa! Guarda che 600000 li prende anche Rebic che non ha giocato mai! E se non gli riesce di levarsi di torno quelli che non servono tu credi che sia perchè? Perchè li pagano uno sproposito. Sembra quasi una politica da sindacato dei tempi d'oro (del sindacato) tutti devono guadagnare più o meno uguale, le pippe e i fuoriclasse. Così quelli boni vanno via e le pippe...chi te le piglia? un milione a Lazzari,1,2 al marocchino (ma era un vizio anche dell'era Corvino dunque), 700000 a Yakovenko...nemmeno a regalalli!

    RispondiElimina
  36. Di Diamanti non direi, se solo è quello di Bologna, dell'anno scorso è pronto subito e può anche fare del bene. Solo che lo ritengo fuori mira per l'ingaggio. Non lo vedo un trentunenne con 6 milioni netti a contratto per i prossimi due anni che ci rinuncia, almeno in buona parte, per venire all'ombra del Cupolone. Nè vedo Gnigni avallare un'operazione che costerebbe tanto senza sconti (e, nel caso, penso farebbe anche bene). Quindi continuo a ritenerle balle di giornalai

    RispondiElimina
  37. oltre alle indiscutibili beghe economiche che rammenti, che di fatto annullano l'operazione, personalmente ho anche qualche dubbio sulla condizione di uno che è all'ingrasso in Cina, in un campionato paragonabile alla nostra Nazionale Dilettanti e che bisognerebbe vedere anche in che condizione fisica sia... sul giocatore, se torna quello di Bologna, poco da dire, ma tra una sembola e l'altra, prima che arrivi e si metta in pari, si va a metà febbraio...

    RispondiElimina
  38. http://www.violanews.com/calciomercato/ag-mutu-da-lunedi-si-allenera-con-la-fiorentina-20150103/



    Ooooooooooh, il Fenomeno, il Fenomenooooooooo!

    RispondiElimina
  39. attenti però a non fare confusione sugli ingaggi: i 600 mila a Babacar non risalgono a quando aveva 19-20 anni (credete che il Modena avrebbe potuto pagare quei soldi) ma a un adeguamento con allungamento di un anno fatto l'anno scorso. E 600 mila uno che fa 20 gol in B li vale. I 700 mila di Yakovenko sono legati al fatto che è arrivato a parametro zero: se non paghi il cartellino paghi l'ingaggio, non lo scopriamo adesso. Il vero scandalo sono gli 1,2 di Lazzari, eredità corviniana, questo sì.

    RispondiElimina
  40. O io non capisco nulla di managerialità (dopo 15 anni di gestione risorse/fatturati) e commercio o alla viola sono figli di Pacioli e Cartesio!
    Ma gli "esuberi" si piazzano a gennaio o si lavora da mesi e quindi ORA si stringe loro la mano e si congedano?
    Il Milan, e non penso di essere il solo a saperlo, da due mesi lavorava per Cerci (al di la delle dinamiche per averlo), l'Inter non é andata ieri a prendere Podolski, il Napoli ha acquistato Gabbiadini un mese fa; non voglio discutere del valore o dell'utilizzo dei calciatori, voglio discutere- se qualcuno vuole- di dinamiche, praticità, velocità, strategie e non stratagemmi.
    La Fiorentina é una locomotiva moderna che va a carbone oppure é una Littorina che fa quel che riesce a fare?
    - Neto, a quanto sembra, non rinnova.
    - Yakovenko manco in Siberia.
    - El Ham rifiuta due squadre e difficoltà a cederlo.
    - Ilicic ha rifiutato l'estero.
    - Lazzari non sa di che morte deve morire.
    - Babacar sta li ad attendere di imputarsi e ridere per la proposta che arriverà al suo 8o gol.
    Cazzo, ma possibile che non c'é autorità da parte di qualcuno, in società?
    Possibile non ci sono agganci per risolvere problematiche che si trascinano da mesi?
    E chi scrive o parla di Diamanti o non conosce nulla della realtà viola o pensa che i DV ripianano i 30 milioni, tengono gli esuberi, pagano l'ingaggio che nessuno prende a Firenze. Diamanti é il primo da cancellare dalla lista dei papabili.

    RispondiElimina
  41. sono sempre d'accordo con FOCO, anche oggi, però attenzione: è vero che dal cambio Insigne-Gabbiadini il Napoli ci perde, però fatto sta che perso un giocatore se ne prende un altro di livello, non un pensionato di lusso. E il titolare in quel ruolo resta Mertens.
    Concordo sul Milan che accumula tanti esterni senza una punta vera, non perché sia impossibile giocare così, ma perché c'è bisogno che di quelli uno ti esploda in termini realizzativi, e ad oggi quello che ha segnato di più è Menez... Solo una cosa può salvare il Milan, tanto per cambiare, ed è che inizi a fare tanti gol l'unico della loro rosa che li sa fare, cioè El Shaarawy. Se lui inizia a girare, tra una spinta e l'altra il terzo posto lo prendono. Altrimenti faticano a prendere il quinto.
    Concordo sulla Samp, anche perché tra un poco Ferrero dovrà pur iniziare a pagare gli stipendi, e non avendo un euro voglio vedere che succede.
    Quella che mi fa più paura, e qui dissento da FOCO, è l'Inter: Podolski è un tassello nel passaggio al 4-2-3-1, che di certo non è il modulo per cui è stata costruita la rosa (e infatti credo che stiano provando a piazzare uno tra Palacio e Osbajo), ma è un modulo che permetterebbe di far rendere alcuni dei giocatori al meglio. E Podolski per la serie A di ora mi sembra davvero un buon acquisto.
    In tutto questo, noi continuiamo a essere con gli uomini contati davanti (di 5 attaccanti due sono trequartisti dati per partenti, Marin e Ilicic, uno non è un attaccante, Cuadrado, e gli altri due sono doppioni, Gomez e Babacar) e ad avere un centrocampo pieno di ottime riserve ma privo di un solo titolare che non lo fosse anche 2 anni fa. Ad oggi il modulo con cui rendiamo meglio è un 3-5-1-1 che mette il nostro giocatore più pagato da solo in mezzo a 5 o 6 avversari senza un compagno nel raggio di 25 metri.
    Proprio perché non vedo fortissimi gli altri, proprio perché siamo solo a 3 punti dal terzo posto, vorrei una seconda punta vera. Perché una seconda punta vera ci darebbe opzioni offensive, ci darebbe la possibilità di cambiare formazione, ci darebbe l'opportunità di mettere in difficoltà gli avversari. Non pretendo chissà cosa, mi basterebbe un Marco Sau, un Eder, una seconda punta da 5 o 6 milioni che conosca il campionato e che faccia da qui a maggio 6 o 7 gol e altrettanti assist. Così, sì, ci giocheremmo il terzo posto.

    RispondiElimina
  42. I problemi dell'Inter sono i centrali difensivi, gli esterni bassi e l'assoluta mancanza di quelli alti. Podolski è un giocatore che si adatta abbastanza bene, ma che non garantisce chissà quanti gol. Nel complesso è una squadra che ne può vincere diverse, ma con molte lacune che, per me, ne impediranno la continuità che serve per rimontare fino al terzo posto. Gabbiadini è buono, sicuramente, ma va a coprire un buco che si è creato, non uno strutturale. Le pecche del Napoli rimangono intonse e non credo che spenderanno molto di piu.
    Per quello che riguarda noi, non posso esprimere ancora giudizi, perché di solito i nomi che escono sono sempre diversi da quelli che arrivano.

    RispondiElimina
  43. Valto son d'accordo su QUASI tutto, è un po il discorso che si faceva ieri sera, però, mia semplicissima e opinabilissima idea, andare a spendere 5/6 milioni per un Sau o un Eder, con i cappi finanziari grazie ai quali ci siamo autostrozzati, non la vedo una grande trovata... A quel punto farei un pianto e un lamento, alzerei a 10 il budget e proverei a prendere qualcosa che faccia la differenza in un team con ambizioni come il nostro e sarebbe comunque un investimento per il futuro... Ci sono altri tasselli da sistemare e se non ci metti mano, un Sau o un Eder non ce la fanno a colmare quel buco (centrocampista alla Allan/Fernando e magari anche un esterno sinistro più forte...)

    RispondiElimina
  44. l'unica soluzione, se vuoi fare mercato ora a gennaio di un certo tipo, è cedere uno tra Cuad e Savic, intaschi il contante e prendi la seconda punta ed il medianomoderno... sennò arriveranno altri Anderson, Marin o Mutu...

    RispondiElimina
  45. "Ana Maria Prodan, collaboratrice di Ramadani e procuratrice tra gli altri di Adrian Mutu come si evince dal suo sito personale," o icche t'aveo detto lucchese? e vien davvero, ora un c'è più dubbi, se c'è Ramadani dietro Gnigni spinge!

    RispondiElimina
  46. O Louis ma se Cuadrado un l'hanno venduto a giugno per mancanza di offerte adeguate, vuoi che lo svendano a gennaio? Se per miracolo qualche pazzo vien fori con 30-35 milioni in bocca...Ma che ci credi?

    RispondiElimina
  47. ma ha senso un investimento grosso su una seconda punta quando hai tuttora in rosa Rossi e Bernardeschi? Il centrocampista alla Allan/Fernando serve, ma non credo proprio che lo si trovi a gennaio...

    RispondiElimina
  48. La nostra è una situazione di NON ritorno, come scritto sotto al Sopra, l'unica possibilità per fare un mercato VERO adesso a gennaio, per noi, è mettere sul mercato uno tra Cuad e Savic e sperare di trovare qualcuno che ci dia almeno 35 per il primo e 15 per i secondo. In entrambi i casi avremmo un surplus di una quindicina di milioni da poter spendere per la seconda punta, di qualità, chiesta da Montella e magari fare un'operazione intelligente su un Allan o Fernando o chi preferite facendo un prestito oneroso con la cifra pagata per questi sei mesi da considerare come acconto in un obbligo di riscatto... Le ciofeche che stanno da noi in esubero non le piazzi se non partecipando quasi interamente al pagamento degli emolumenti o fai il classico scambio in cui molli uno zoppo e ti prendi un cieco. Io la vedo così...

    RispondiElimina
  49. a dirti la verità no, dicevo che è l'unica possibilità, seppur remota, per avere poi le carte in mano per poter "pretendere" qualcosa che non siano i cavalli "stanchi" di ritorno o le solite scommesse impossibili da rilanciare...

    RispondiElimina
  50. Certo, al Napoli servono un mediano coi controcazzi e un paio di difensori. Però quello che volevo dire è che loro Insigne l'hanno sostituito, noi Rossi e Berna no.
    L'Inter sinceramente passando a 4 dietro potrebbe recuperare Vidic e Ranocchia a livelli decenti, non che siano due grandi centrali al momento, però le loro difficoltà le vedevo legate alla difesa a 3, a 4 ce la possono fare. È vero che hanno lacune, però mi danno l'idea di aver imboccato una strada: un allenatore, un modulo, un gioco, acquisti di livello nella giusta direzione... Vorrei poter dire altrettanto di noi.

    RispondiElimina
  51. E Gila a rota, direi che, anche numericamente, siamo apposto, ahahah

    RispondiElimina
  52. Sapevo che la Prodan - tipa particolare, dà un'occhiata su google immagini... - era amica di Adrian, ma non che ne avesse la procura. Se c'è dietro Ramadani meglio, mi sento più sicuro.

    RispondiElimina
  53. a Rossi gli voglio un mondo di bene ma per quest'anno piglio pe' miracolo qualsiasi minuto giochi e comunque sarà sempre un'incognita, purtroppo... Berna anche lui è alle prese con un brutto infortunio ed in A non ha ancora fatto vedere praticamente nulla... io lo avrei mandato a giocare ad agosto, per esempio...

    RispondiElimina
  54. io, più preoccupato invece, ahah

    RispondiElimina
  55. sì LOUIS, ma tra 3 mesi li hai in rosa tutti e 2, e l'altra seconda punta che hai comprato per 15 milioni dove la metti? Al massimo quest'estate, vendendo uno di quei due, ci si può ragionare. Ma ora mi accontenterei tranquillamente di un Sau o di un Eder. Il problema è che per come siamo messi neanche quei 5 o 6 milioni saranno spesi.

    RispondiElimina
  56. già, ci facciamo un monte di seghe mentali, eheheh... semplicemente facevo il ragionamento di Roggi che qualche giorno fa rispondeva a chi gli faceva notare che a marzo tornano i rotti dicendo che tra due mesi e mezzo/tre, la presenza di Rossi potrebbe essere oramai inutile... comunque, come si dice dalle nostre parti, ci leveremo la famosa sete col prosciutto, intanto da lunedì ci godiamo il ritorno del Fenomeno, per la gioia del mio Socio, ahahahah

    RispondiElimina
  57. il ritorno del Fenomeno farebbe la gioia anche mia, cosa credi, io sono qui che aspetto le 48 ore necessarie all'apertura dei biglietti per Fiorentina-Palermo per piazzarmi in Fiesole nell'attesa speranzosa dell'inchino... Essere tifosi viola e non avere Mutu nel cuore è semplicemente impossibile. Solo che non ci credo, che quello che è ora a Santo Domingo sia un atleta in grado di fare uno scatto sul campo, davvero mi sorprenderebbe se lo fosse. Negli ultimi 5 anni si è coperto di ridicolo ovunque è andato, nessuna squadra in Europa lo vuole, ha dovuto implorare anche solo per potersi allenare (gratis, spero). Quante probabilità ci sono che possa giocare davvero?
    Poi la fede è fede, l'11 gennaio sarò in curva a cantare "il Fenomeno, il Fenomeno", però razionalmente non ci credo neanche un minuto.

    RispondiElimina
  58. Ho lasciato il campo della ragione quest'estate, la prima volta che ho letto di una possibilità di ritorno del Fenomeno. Ci rientrerò semmai a calci nel culo constatato il triste fallimento di uno che si trascina in campo come una vecchia gloria, ma fino ad allora continuo a sognare. Anche perché non mi resta altro in chiave Viola, non so voi...

    RispondiElimina
  59. C'é la rescissione contrattuale. Prade' è messo all'angolo. Quale surplus? C'é una posta di 15 milioni a titolo di anticipazione nel precedente bilancio e si parla di 30 nell'ultimo. Non ci sono spazi di manovra. La relazione im calce al bilancio e' chiara. Si punta all autofinanziamento incrementando i ricavi col marketing e il futuro stadio. La linea è tracciata.
    Ma è vero o è una chiacchera che un tempo Cognigni faceva il curatore fallimentare?

    RispondiElimina
  60. Sì. Per quest'anno non resta altro

    RispondiElimina
  61. siamo sulla stessa barc... ehm, scialuppa, Socio... Poi, a uno che lasciava il lavoro per andare a vedere Edi ai campini volete che un ni garbi Mutu? E' ovvio che razionalmente ragiono come Valto, ma, hai visto mai, si ricordasse chi era, in una A del genere ne mette a sedere ancora parecchi...

    RispondiElimina
  62. Si torna a ballare!


    https://www.youtube.com/watch?v=8GDpH-dQQMk

    RispondiElimina
  63. Di Cognigni non lo so, forse Jordan... i miei erano calcoli esclusivamente riferiti alle differenze tra costi d'acquisto e di eventuale rivendita dei giocatori nominati... però se prendiamo in considerazione quanto da te scritto c'è da vedere che li vendano entrambi .... per ripianare i debiti... quanto alla rescissione degli esuberi la vedo dura, gente che ha avuto la fortuna di strappare quei contratti non penso rescinda rimettendoci parecchi soldini, a meno che non abbiano una buonustica e prendano il resto da chi gli rifà un contratto da un'altra parte... comunque sempre difficile...

    RispondiElimina
  64. Marketing ne possiamo fare a iosa, merchandising senza vittorie o comunque situazioni strepitose ci fai poco, non certo calciomercato.
    LOUIS, si! Allan. Piazzato davanti la difesa. Mi piace molto, con grandi margini di miglioramento. Sicuramente caro.

    RispondiElimina
  65. A mio umile avviso, se non entra un trofeuccio quest'anno, ci sarà una colossale s - vendita. I saldi sono già iniziati se si parla di 4 milioni per Ilicic che ha una clausola rescissoria sul contratto di 25 milioni. Viviano non c'entra nulla: qualcuno su di lui ha puntato, con un contratto a lungo termine fallendo miseramente la valutazione. Per me sarebbe una colossale svendita cedere a titolo definitivo lo sloveno allo stesso prezzo di mercato di Badelj

    RispondiElimina
  66. Vogliono/sperano valorizzare il brand all'estero

    RispondiElimina
  67. sì, i numeri dicono questo, è stata folle la cifra d'acquisto, il problema, adesso, è trovare qualche matto che se lo prenda, io credo che nemmeno per 4 sia facile piazzarlo, in Italia quasi lo escludo, magari qualche club di seconda fascia inglese... oppure lo scambiamo con qualche altro giocatore nella speranza che faccia 6 mesi buoni da un'altra parte...

    RispondiElimina
  68. Cerci farà bene, sarà la cinghia di trasmissione del 433. Perfetto per il non gioco di Inzaghi. Al centravanti non rinunciano a priori. Hanno chiesto Soldado e sondato Immobile. È che Menez è difficile toglierlo dal campo

    RispondiElimina
  69. http://it.violachannel.tv/vc13-dettaglio-breaking/items/data_03-01-2015_comunicato-neto-non-prolunghera-in-viola.html

    RispondiElimina
  70. magari, Allan come mediano è la soluzione che sponsorizzo dall'anno scorso come alternativa relativamente low cost rispetto ai vari Fernando & co. ma di sicuro affidamento, e di certo migliore di Kurtic. È chiaro che ogni giorno che passa diventa più caro (anche se in realtà mi dicono che quest'anno sta giocando meno bene dell'anno scorso).

    RispondiElimina
  71. Temo che Neto possa andare a giocare nell'innominabile

    RispondiElimina
  72. Una decina di milioni di euro buttati nel cesso

    RispondiElimina
  73. Hai fatto bene a mettere il relativamente quando vai a Udine "low cost" è un termine esoterico

    RispondiElimina
  74. Speravo diventasse uno dei pilastri del futuro. Ora si rischia di perdere pure Baba. Scappano tutti

    RispondiElimina
  75. Se il Baba giocasse di più, secondo me non ci sarebbero problemi, mi sembra attaccato alla squadra. Ci vorrebbe un po' più di coraggio da parte di Montella che dovrebbe farlo giocare più spesso accanto a Gomez. Se mi si prospettasse la panchina, anche io penserei ad andarmene.
    PS Aggiungo che secondo me il Baba è uno che copre abbastanza

    RispondiElimina
  76. Bernardo Vitale Brovarone
    21 min ·
    La
    mia paura è che questi giocatori che preferiscono andare altrove per
    vincere abbiano riconosciuto in questa società un limite di ambizioni e
    di gestione del club, e non vorrei pagarla cara anche con
    altri....dobbiamo iniziare a dare segnali forti in questo senso, ci
    troviamo al solito bivio, secondo me si è sempre lavorato bene con i
    giusti investimenti ma poi ti trovi sempre con una squadra ben costruita
    a cui manca il salto definitivo e tutto s'ingarbuglia di fronte a
    richieste ritenute esose, e mercato di profilo inferiore al
    necessario....vorrei tanto che di fronte a questo tipo di eventi si
    facessero le giuste riflessioni, altrimenti scaliamo di due marce con i
    proclami e proviamo a fare la guerra a tutti ma con consapevolezze
    differenti....BVB


    Mi pare una giusta considerazione, ora con tosse cane e febbre a 38 meglio che vada in branda, bona...

    RispondiElimina
  77. Delegare le faccende a chi ne mastica,e fuori dai tre passi chi ha
    creato tutto questo casino. Mi può stare bene anche mettere in croce i
    responsabili del mercato e della gestione calciatori, ma certe
    decisioni, come per esempio questa, non hanno visto in prima linea chi
    avrebbe dovuto esserci per competenze e per incarico ricevuto...oggi
    paghiamo la megalomania di qualcuno che e' voluto entrare in situazioni
    che non lo avrebbero dovuto riguardare ...e a pioggia abbiamo iniziato
    a pagare dazio su più fronti....oggi chi comanda deve prendere
    posizioni forti, decise, e restituire guide autentiche e ben distribuite
    a una società che ha perso le sue gerarchie. Non ci perdiamo in un
    bicchier d'acqua, mettere ordine oggi diventa la priorità ...magari
    avranno già iniziato a farlo....me lo auguro di cuore perché questo
    giochino è diabolico, non ti lascia scampo....AGIRE

    Bernardo Vitale Brovarone

    RispondiElimina
  78. Corto, attaccato alla squadra? ma non facciamo ridere, vuoi che siano attaccati alla squadra giocatori che vengono da tutti i continenti del mondo e che prima di venire credevano magari che Firenze fosse negli Stati Uniti? Sono dei professionisti e fanno i loro interessi. Bisogna stargli addosso e soprattutto tenerli sotto controllo contrattuale. Nel calcio le situazioni cambiano, ci sono i momenti in cui sei forte e altri in cui sei debole, se vai allo scontro finale quando sei debole, sei coglione e basta. Il problema è che credo che le valutazioni dei giocatori e la gestione degli stessi non si sa bene a chi sia affidata. Se decidi di puntare su Neto (ma potrei dire Ljajic, Baba, Bernardeschi o chi vi pare) e ci credi, la prima cosa da fare, appena cominci ad investirci davvero, è assicurarti che rimane o che, comunque, lo puoi gestire tu. Il contratto non si rinnova nemmeno a giugno (e si era ancora in tempo) ma a gennaio dell'anno scorso, dopo mezzo campionato già promettente. Il contratto a Baba e Berna lo rinnovi adesso e magari è già tardi. E se poi fanno flop? Hai sbagliato le previsioni, ma se non sei capace nemmeno di valutare chi hai in casa come puoi pensare di valutare i giovani fuori che devi prendere, anche loro, prima che spicchino il volo ed arrivino a cifre assurde? per Neto son contento e gli auguro tutto il bene possibile, ormai son suo tifoso per sempre, anche perchè lo conosco e so che se lo merita.

    RispondiElimina
  79. Anche io mantengo la volontà di decidere autonomamente di mandarlo affanculo!!.

    RispondiElimina
  80. Non credo proprio. A meno che Buffon non abbia deciso di smettere, cosa che non mi risulta. Credo che vada a Roma o a Liverpool, ma lui già sa dove, se no avrebbe firmato. A non farlo giocare ora gli fanno solo un piacere. Farsi male ora sarebbe un bel rischio.

    RispondiElimina
  81. Vorrei comunque leggere il comunicato ufficiale perchè come al solito è riportato a cazzo. Quella che lui "considera ufficialmente conclusa la sua esperienza professionale a Firenze" è una cazzata. E' sotto contratto fino a giugno, fino a giugno viene pagato e fino a giugno è a disposizione, di sicuro nè lui, nè il suo procuratore possono aver detto quello che viene riportato a meno di una risoluzione contrattuale della quale non viene fatto cenno in nessun'altra parte.

    RispondiElimina
  82. La Fiorentina ha confermato il tutto attraverso un comunicato sul
    proprio sito: "ACF Fiorentina comunica che in data odierna, attraverso i
    suoi rappresentanti il calciatore Norberto Murara Neto , ha
    ufficialmente comunicato di non voler prolungare il rapporto con la
    Fiorentina e di ritenere definitivamente conclusa la sua esperienza
    professionale con il Club. Il calciatore ha anche precisato che non si
    tratta di una decisione riconducibile all'aspetto economico, ma della
    volontà di decidere autonomamente per il suo futuro".

    http://www.gazzetta.it/Calciomercato/03-01-2015/fiorentina-montella-diamanti-guangzhou-evergrande-cannavaro-cina-100375062807.shtml

    RispondiElimina
  83. Bah, la mia sensazione è che alla fine andrà a Roma subito, con il polacco da noi in contropartita. A Neto voglio bene, ma gli ricordo la fine che hanno fatto quelli che hanno fatto la stessa trafila prima di lui. Resta il danno economico, che comunque non quantifico in una cifra troppo alta, sono anni che i portieri non smuovono fantastilioni. Comunque la storia deve finire, non è possibile che dopo un paio d'anni discreti, tutti si comincino a sentire troppo stretti in questa maglia. Spero per lui che ci sia un posto da titolare ad aspettarlo, perché un ritorno in panchina potrebbe mandare a puttane la crescita degli ultimi tempi.
    Intanto speriamo che Tata abbia imparato ad uscire...

    RispondiElimina
  84. E' un fenomeno che riguarda tutti. Anche Tata, a proposito di portieri, lo abbiamo preso a scadenza di contratto.

    RispondiElimina
  85. Jordan il giocatore,nel comunicato,avrebbe specificato che " non si tratta dell'aspetto economico,ma di poter decidere autonomamente del proprio futuro ". Ma che vuol dire?Allora un firma per nessuno mai se vuol decidere del proprio futuro.Un contratto con una società lo dovrà sottoscrivere se vuol giocare, e non certo per un anno solo.Quando un giocatore se ne andrà dicendo che lo fa per soldi( come fanno TUTTI in ogni campo,sportivo o no) avrà il mio rispetto totale ed assoluto.Se si sta dietro a quello scrivono e dicono i giocatori,su 1000 trasferimenti non ce ne sarebbe uno che lo fa per soldi. Ma pensano che si sia tutti scemi come loro?(non ce l'ho con Neto,lui fa il suo;mi fa rabbia che nessuno dica la verità e cioè che la Fiorentina offriva una cifra che Neto, potendo andare a prendere di più, non ha preso in considerazione.Tutto normale,come normale dovrebbe essere che da oggi vada in tribuna,come NON fu fatto per Montolivo).

    RispondiElimina
  86. Meglio ancora è che si levasse dai coglioni. Subito.

    RispondiElimina
  87. se accettano di mollarlo a zero sicuramente, e sarebbe meglio senz'altro...

    RispondiElimina
  88. Foco,se va a Roma( o strisciata) sinceramente gli auguro di non vincere un cazzo e che anzi contribuisca ad eventuali disfatte.Come ho sempre fatto con tutti gli altri( ultimi Montolivo e nutellomane)

    RispondiElimina
  89. A zero una sega!!

    RispondiElimina
  90. ti concedo al massimo un esubero di qualche altra squadra che ti viene incontro per averlo con 5 mesi d'anticipo...

    RispondiElimina
  91. È quello che sembrava l'uovo di Colombo per le società di questo campionato disastrato: evito l'esborso dei soldi del cartellino e pago di più il giocatore. Cosa che poi si è rivelata una colossale stronzata, perché iperpagando i contratti ti accolli oneri enormi e il rischio di non poterli più sbolognare in caso di fallimento. Il Milan dovrebbe far scuola in questi senso, eppure si continua, incentivando i procuratori a giocare sporco. Quando questo cancro arriverà alla soglia dei campionati giovanili, potremo anche portare i crisantemi alla fù SerieA.

    RispondiElimina
  92. Parole da scolpire nella pietra.

    RispondiElimina
  93. Ci vogliono i soldi, altrimenti torna in soffitta.

    RispondiElimina
  94. però Neto lo ha pagato, e alla fine, a quei tempi, nemmen poco...

    RispondiElimina
  95. e allora torna in soffitta, abbiamo il sostituto in casa, giocherà lui e avanti che non finisce il calcio a Firenze...

    RispondiElimina
  96. Non è mica detto che sia completamente vero. Se sono, come sembra, Liverpool e Roma, sono squadre che hanno anche più ambizioni e visibilità della Fiorentina e se uno vuole stare nel giro della sua nazionale lontana deve essere internazionalmente visibile.. C'è poi anche da dire che, dal comportamento di alcuni dirigenti e dalle stesse parole di ADV non mi sembra che il clima fosse diventato idilliaco. Ora se uno deve rinunciare a guadagni maggiori e a maggiore visibilità per restare dove stai anche sui coglioni a parecchi tifosi e alla società il mandare tutti a fanculo mi sembra quasi matematico. Ai soldi (se non son tanti) ci rinunci anche, ma se stai come un baco nel bozzolo, se no chi te lo fa fare?

    RispondiElimina
  97. Ripeto, gli fai un piacere. Non rischia di infortunarsi in un periodo in cui un infortunio sarebbe ben pericoloso. Il 1 febbraio può già firmare con chi gli pare.

    RispondiElimina
  98. Io non porto rancore, non serve. Indifferenza. D'altronde, se siamo considerati un club di transizione, un motivo ci sarà.

    RispondiElimina
  99. Condivido al 99%. Spero però che un giocatore che è cresciuto nelle giovanili di una squadra un minimo di attaccamento alla squadra, alla città lo abbia. Magari mi sbaglierò ma mi piace pensarla così

    RispondiElimina
  100. JORDAN secondo me se Neto va via , a guadagnar di più e a lottare per vincere fa bene.Ma che non ci racconti cazzate. E se va via a zero, come Montolivo e come provó a fare il ciccione serbo, qualcuno in società dovrà dare delle spiegazioni porca troia

    RispondiElimina
  101. vabbè comunque anche 6 mesi a guardare non è che siano il massimo, io spero provino almeno a raccattare uno scambio con qualcuno di quelli che lo vogliono, di certo se chiedi soldi ti pigliano anche per il culo...

    RispondiElimina
  102. E' un comunicato scritto a cazzo. Ritenere la sua esperienza professionale conclusa adesso è impossibile in mancanza di una risoluzione contrattuale che non mi risulta eseguita.

    RispondiElimina
  103. Sul fatto che qualcuno va preso a calci in culo non c'è dubbio alcuno, ma son mesi che lo dico.

    RispondiElimina
  104. che sia scritto a cazzo sono anche d'accordo, ma è quello che ha fatto uscire la Società...

    RispondiElimina
  105. Vabbè via, tanto si sapeva ormai da settimane che andava a finire così. Speriamo almeno che: A, il rumeno sia bono uguale e, B, sia la volta buona che capiscono che a ritrovarsi in certe situazioni non ci si guadagna mai nulla...


    poi mi vien da ridere se ci si va a lamentare che si staccano gli assegni per ripianare, inizi Andreino a tirare du orecchie a chi di dovere, perchè can che abbaia un morde e mi sa che l'han capito tutti ormai... E lui firma...

    RispondiElimina
  106. FOCO mica è rancore; solo che se va a Roma o strisciate gli auguro tutto il male (sportivamente parlando),perché vorrebbe dire il male per quelle squadre(come penso che facciamo tutti quando giocano)

    RispondiElimina
  107. Dipende dall'urgenza che hanno. La Roma ha quel pippone di De Sanctis e vuol lottare per lo scudetto, il Liverpool ne ha uno rotto e l'altro che gli fa cappelle in serie...Può anche darsi che un esborso modesto lo possano fare, ma il più semplice è farsi rivogare qualche scontento, ma non saprei su due piedi chi.

    RispondiElimina
  108. Jovetic è stato mandato al Manchester, dove voleva andare, a guadagnare sei milioni netti l'anno. Non vedo perchè dovrebbe avere irriconoscenza verso chi l'ha lanciato nel grande calcio. Ha rinnovato con una gamba in mano, che paragoni mi fai? Anche Neto avrebbe rinnovato e di corsa, e alla metà di quanto gli è stato offerto adesso, solo un anno fa, anzi solo sei mesi fa. Ed era in perfetta salute. Ora non ci sarebbe stata nessuna sirena, perchè chi lo voleva doveva trattare con la società e non con Castagna. Al massimo c'era da piangere per qualche adeguamento, come succede con tutti quelli che ti premono. Ma se invece che dei dirigenti abbiamo delle cucuzze te la vuoi prendere con Neto?

    RispondiElimina
  109. JORDAN leggi i miei post qui e sul sitone: non me la sto prendendo con Neto, anzi dico che per un professionista è naturale fare scelte economiche e di carriera che lo facciano progredire. Dico che in alcuni casi, possono esservi motivazioni di carattere affettivo (attaccamento a una determinata istituzione, a una determinata università) che ti fanno orientare le scelte professionali. Poi se quando si parla di Neto e sei giustamente incazzato, vuoi sparare ad alzo zero spara pure.

    RispondiElimina
  110. Mica male l'idea. E' un 94, più seconda punta che centravanti, due anni fa lo volevan tutti ora si è normalizzato un po' ma è sempre forte. Poi l'è anche rotto (stiramento) sicche sarebbe l'ideale. Bravo Foco, ma che ce l'hai 7-8 milioni?

    RispondiElimina
  111. Sono troppo incazzato con ADV, un beota col culo d'essere fratello d'un grande imprenditore. Su Neto scrivo da tempo, ma gravissimo il regalo Cerci, svenduto da Prade' a nemmeno sette milioni, snobbato dal mediocre Montella che ora chiede un esterno...Io credo difficile anche il solo commentare queste mosse in casa viola non esiste limite al ridicolo. Anzi ho vergogna.

    RispondiElimina
  112. Il potere di firma e di contrattare i rinnovi, completamente in mano a Gnigni ( quindi alla ditamazione diretta di Diego) dovrebbe salvaguardare, almeno in questo, l'area tecnica dalle pernacchie, no,Lele?
    Il nostro problema principale è storicamente il modo di affrontare certe questioni, che è tipicamente Diegonesco. Arrivare allo scontro aperto, come se per ogni rinnovo fosse una questione personale, non piegarsi a certi piccoli ricatti , è un modo di fare che può dar frutti in molti mondi ma non in quello del calcio che su certi metodi, ha costruito una serie di regole non scritte ma sicure come la morte.
    Questi non sono insuccessi targati Andrea o Pradè, che non hanno nessun potere in causa, ma sui quali è scritta, a caratteri cubitali, la firma di Cognigni e, quindi, di Diego.
    Se non si vuole demandare a gente che conosce certe dinamiche, allora è bene uscirne, perché tra la visione di un imprenditore serio e che basa tutto sul lavoro e i valori e il modo in cui funzionano le cose nel calcio, non c'è nessun punto di contatto.

    RispondiElimina
  113. E chiudo stasera: Berna va fatto firmare ora che è infortunato, Baba ho paura sia già tardi visto che il nostro mediocrissino tecnico non lo impiega titolare come stramerita. Anzi, con questi due sono già in ritardo. Poi dopo Neto, se la società non si muove mostrando carattere allontanando coloro che fanno danni, i giocatori capiranno quanto sono scarsi e i più giovani se ne vorranno andare, poi tutti a invocare gratitudine. Idioti! Incompetenti! Fuori dalle palle!

    RispondiElimina
  114. ...snobbato dal mediocre Montella ma bocciato dall'immenso Simeone.

    RispondiElimina
  115. Giusto poco tempo fa mi chiedevo che fine avesse fatto, è sparito dal mirino dei grandi club...

    RispondiElimina
  116. Adesso no, forse a giugno. Giusto il tempo di vendere un paio di koi e la collezione di fumetti...

    RispondiElimina
  117. Se mi leggi saprai che se ti volevi privare di Cerci, (cazzata) almeno beccati i quattrini che si è preso Cairo. Poi è vero che Montella a Simeone può solo portare le casacche ai campini, o preparare il thè caldo.

    RispondiElimina
  118. La collezione di fumetti no, è come l'oro della Banca d'Italia. Si usa solo in situazione di vita e di morte!

    RispondiElimina
  119. Infatti scherzavo, per Fisher , però, almeno le ristampe le venderei.

    RispondiElimina
  120. Esento Diego solo perché defilato, ma connivente in quanto proprietà.
    Come scrissi mesi fa', gennaio brucia.

    RispondiElimina
  121. Forse definisci mediocre Montella perché lo ha SOLO snobbato, mentre il grande Simeone l'ha proprio fatto fuori!! La parte economica è un'altra storia che non riguarda i due tecnici.

    RispondiElimina
  122. Mi girano troppo le palle. Ciao, a domani.

    RispondiElimina
  123. Montella ha sbagliato per primo. E sai che novità...

    RispondiElimina
  124. Babacar da quel che si legge mica è ancora del tutto a posto fisicamente, però...

    RispondiElimina
  125. Sono finalmente riuscito a recuperare lapassword del giochino, ma ormai avete già detto tutto voi.
    Ne sono anche in qualche modo contento perché sono diversi annetti che mi trovo ripetitivo e mi do anche fastidio da solo.
    Non riesco più a trovare niente di positivo, se non il pathos da partita ogni volta che vedo 11 maglie viola in campo, nel modo in cui si muove questa società che sembra composta, fatemelo dire, di "cazzoni avariati" (cfr. Notting Hill).
    Non c'è nulla, ma proprio nulla, che possa giustificare ai miei occhi la ripetizione imperterrita, inesorabile delle solite situazioni (e non parlo solo di Neto).
    Mi domando come tutto questo possa star bene a chi paga i conti sempre in fondo al mese e mi domando soprattutto come sia possibile che della gente apparentemente così abile in altro genere di affari si possa far prendere per i fondelli in questo modo per così tanto tempo.
    Le cazzate le fanno tutti, ripetere le cazzate e pagarle molto care di nuovo è una cosa che nessuno si dovrebbe poter permettere, tantomeno ai livelli in cui gli scambi di denaro sono a sei zeri o più.

    Terminato lo sfogo, del quale mi scuso, mi pare di poter dire che concordo ampiamente con le considerazioni a mente fredda del Sopra.
    Aggiungerei che se uno come BVB si spinge a dire certe cose più o meno apertis verbis (gli mancano solo nomi e cognomi), forse potrebbe farlo spinto da qualche tornaconto personale, ma non mi pare sia stato mai smentito da nessuno.
    Allora si può continuare a vedere una società in cui la direzione tecnica è tenuta per il piccolo cabotaggio, mentre i "grossi contratti" sono appannaggio della direzione amministrativa che sembra ogni volta compiere cazzate inenarrabili?
    Cambiamo pure la direzione tecnica Lele, ma per cosa, se i principali artefici delle più grosse cazzate sia in tema amministrativo sia, in tempi passati ma non tanto, in tema di rapporti con i "dipendenti" stanno sempre là con il beneplacito e la fiducia di babbo e mamma?

    Neto per me in tribuna da subito e tanto più dopo le parole che dal comunicato stampa sembra abbia usato.
    Il suo addio non mi lascia indifferente solo per il fatto che insieme agli altri costituisce l'ennesimo precedente a causa del quale ogni genietto incompreso pensa di poter prenderci per le mele guadagnandoci anche su.
    Adesso direi anche basta. Spero che vada almeno all'estero.

    Saluto ZV che essendo un signore ed avendo visto la luce prima di tutti noi ha ritenuto di non dover sparare sulla croce rossa.

    Ora me ne vado a vedere il mitico Capitan Harlock e in culo tutto il resto.

    RispondiElimina
  126. Io proprio perché non ritengo che i nostri siano delle fave mentri gli altri dei gran ganzi, a prescindere dal caso Neto, come sempre vi suggerisco di leggere questo articolo di Pippo Russo:

    https://cercandoblivia.wordpress.com/2015/01/03/marotta-ci-spieghi-1-danilo-fenomeno-sulla-fiducia/

    RispondiElimina
  127. La banditaggine del guercio ha poco a che vedere con la coglioneria dei nostri, anzi direi del nostro, perché per me la colpa è soprattutto di uno e di chi ce lo tiene.

    RispondiElimina
  128. Cuadrado ha rinnovato così come Borja Valero. Ma per farlo bisogna essere in due.

    RispondiElimina
  129. Ed allora io riporto questa, i miomenti di gloria, alla fine del campionato scorso, quando il rinnovo sarebbe stato una formalità davvero.

    RispondiElimina
  130. Lo dici te che sarebbe stata una formalità. Alla stessa maniera posso dire che non lo sarebbe stato affatto.

    RispondiElimina
  131. Sì appunto, in due, anche la società, che, in entrambi i casi voleva rinnovare e in tempo

    RispondiElimina
  132. Io lo dico perché lo so, tu lo dici ma non lo sai.

    RispondiElimina
  133. Me l'ha detto il Bambi. Non so se tu puoi vantare fonti più credibili.

    RispondiElimina
  134. Diego è il padrone ed ha quel piglio da padrone delle ferriere che però non può delegare ad un impiegato che non ne ha le stigmate e sa solo essere arrogante. Diego fa salire Toni in macchina ed in venti minuti risolve il problema. Lo vedete Cognigni a fare lo stesso? Lui sa solo nascondersi dietro Pradè per dargli di coglione quando le cose vanno male come sta cercando di fare adesso, quando i veti li ha sempre messi lui.

    RispondiElimina
  135. Gioca nell'Ajax, ha fatto i suoi gol in campionato, ha giocato sempre in Champions, per un '94 cosa vuoi di più. Questi giovani fenomeni però se perdono l'attimo poi gioco forza rallentano. A 18 anni tutti pensano di avere trovato Pelè, a 20 è un ottimo giocatore. Poi magari ha perso o rifiutato il treno dei mafiosi, chissà. Comunque è ottimo bravo Foco, ne ne ero scordato, però attenti al Napoli, è della stessa scuderia di Mertens.

    RispondiElimina
  136. Verosimile. Il curriculum vitae di Cognigni firmato di suo pugno, è reperibile in rete. Ragioniere con laurea in scienze politiche. Pregresse esperienze in ambito calcio zero

    RispondiElimina
  137. Il discorso che faccio sul "Dieghismo" è strettamente legato ai concetti di riconoscenza e lealtà che si vanno invocando. Nei casi spinosi di rinnovo, si è cercato sempre di prevalere usando il pugno di ferro e puntando su quello che la Fiorentina avrebbe dato al giocatore. Ecco, non va così nel calcio. Usando questo modo di fare trattativa, si va solo incontro ai procuratori, non avendo nenche le armi del blasone, della visibilità e di una disponibilità economica concorrenziale. Pradè queste dinamiche le conosce a menadito, ma non ha inchiostro nella penna. Se si vuole costruire un patrimonio tecnico e, quindi, finanziario, bisogna dimenticarsi i manager e affidarsi ai dirigenti di calcio.
    Altrimenti, avoglia ad assumere geni del marketing e del merchandising.
    Prima del marchio, va tutelato il prodotto, una cosa che DV ancora non è riuscito a fare nel calcio. Poi ce la possiamo prendere anche col magazziniere, ma, ormai non credo ci siano più dubbi, il male è al vertice della piramide. E c'è stato messo dal padrone dell'immobile.

    RispondiElimina
  138. L ho gia scritto, secondo me siete un po accecati dal buon faccino di neto, ma non è molto diverso dalle altre carogne del mondo del calcio.. Certo non è un montolivo, ma metto, ad esempio, il suo comportamento al di sotto di quello di un ljajic. Come tutti, neto racconta le solite balle, adesso dopo un anno e mezzo di serie a se la svigna zitto zitto, e per l amor del cielo la colpa sara anche dei nostri polli in dirigenza. Per quanto mi riguarda, poteva esser furbone rinnovare e poi esser venduto di comune accordo a 5 milioni, adesso si fara sei mesi di tribuna (spero, altrimenti siam bischeri davvero a puntare su di lui avendi tata) e poi affari suoi: venderlo a una cifra simbolica di un milione e mezzo mi pare ridicolo.
    Altri rinnovi: su baba e savic dicono che ci stiano lavorando, a berna scade nel 2017 per cui direi di pensarci a settembre-gennaio. Piuttosto, a meno di cifre esose, terrei molto volentieri aquilani che mi pare fra i nostri centrocampisti wuello con piu cattiveria. A luglio poi tiriamo le somme sul pek.
    Cio detto per me neto vale una 15 di milioni di euro ma non la mia stima.

    RispondiElimina
  139. È che vorrei un po' di freddezza nordica in più in questa squadra

    RispondiElimina
  140. quello che dicono FOCO e JORDAN sulle responsabilità di Cognigni, e che sapete ripeto io stesso da tempo, ormai credo sia chiaro a tutti tranne forse Lele, ma in realtà
    credo anche a lui. Pradè è uno del mestiere, né genio né incompetente,
    può imbroccarne alcune e sbagliarne altre, se ne sbaglia troppe lo si
    cambia e non succede niente, però purtroppo il problema si riproporrà,
    perché Gnigni vuole fare il padrone ma non è il padrone, non è credibile. E non è credibile lui perché inizia a non essere più credibile, nel mondo del calcio italiano, Diego Dalla Valle.
    È triste ma è così.
    DDV che fa salire in macchina Toni e lo convince è il milionario arrivato nel mondo del calcio carico di soldi ed entusiamo che in 4 anni porta la squadra dalla C2 alla zona Champions, è la potenza emergente del calcio italiano. DDV ora, mi dispiace, è il milionario interessato alla politica che col calcio non ha più niente a che fare e, per paura che suo fratello si appassioni troppo, delega le questioni al contabile. Contabile il cui potere assoluto, va detto, è un'eredità delle cazzate dell'ultimo Corvino, che hanno reso DDV diffidente oltre ogni limite nei confronti dei ds, tanto da impedir loro di fare il proprio mestiere.
    Ragazzi, a me il comportamento di Neto ha fatto incazzare, e i parametri zero ormai sono ovunque. E però perdere il portiere titolare a gennaio, magari a vantaggio di una diretta concorrente, è una cosa che non si è mai vista nella storia della Serie A. Mai vista. Una figura di merda di dimensioni storiche. Che non farà altro che far diminuire ulteriormente la credibilità di questa società.

    RispondiElimina
  141. Persone che erano allo stadio per Fiore Rube raccontano di una sgradevole scenetta a fine partita. Baci e abbracci con Buffone e poi capannello con Bonucci e col Fabbro. Pacche sulle spalle, clima cameratesco. Questo va a Torino

    RispondiElimina
  142. Qui scriviamo in modo oculato, chiaro, con dati oggettivi e soggettivi supportati da fatti concreti.
    In società discutono un po'(poco poco, basterebbe) come noi?
    Ri-ri-ri- ripeto: un uomo di calcio renderebbe la squadra più omogenea e tecnicamente giusta per Montella, e sarebbe in grado di non depauperare sia il patrimonio delle risorse sia quello bancario.

    RispondiElimina
  143. SOPRA, ma un uomo di calcio ce l'abbiamo, si chiama Pradè. Se non va bene lui, lo si cambi, se c'è una cosa che non manca in Italia sono i dirigenti sportivi esperti. Ma chiunque sia a quel posto, abbia dietro a sé una proprietà che definisce paletti e concorda strategie, non un concorrente-commissario, se no davvero non si va da nessuna parte.

    RispondiElimina
  144. Nella sua ultima intervista, Ljajic ha detto che si sono sentiti spesso con Neto su argomenti di cui non poteva riferire. Che sia un pensiero che gli ronza in capo da un pezzo, è il segreto di Pulcinella. Alla Juve, però, rischia di fare la riserva ancora per un paio d'annetti, Buffon, anche con le pezze, non è Viviano. Inoltre è fresco di rinnovo.

    RispondiElimina
  145. Sinceramente io la penso più o meno come JORDAN e mi sembra FOCO. Non vedo perché invocare la riconoscenza dei giocatori nei confronti della società, almeno in casi normali. Neto è un professionista e ha scelto di andare via. Punto. La società in questi anni non l'ha tenuto per filantropia. Non gli rimprovero neanche di non aver parlato prima, magari la decisione l'ha maturata qualche mese fa, ma sinceramente perché doveva fare outing prima? Per vivere un clima pesante? Sarò un vigliacco, ma io non lo farei. Su Ljaijc ho una mia ipotesi, ovviamente non verificata e anche qui "favorevole" al giocatore. La mia ipotesi è che Ljajic abbaia voluto capire chi arrivava e quali erano le gerarchie. A fine campionato era titolare nella Fiorentina. Con l'arrivo di Gomez e il rientro di Rossi diventava un panchinaro. Non è piacevole sentirsi scavalcati, specialmente se hai padre e procuratore che vedono in te la gallina dalle uova d'oro e che soffiano sul fuoco. La società ha percorso una strada anche giusta ma che alla luce degli infortuni è stata disastrosa. Ma lo scegliere il pur ottimo tridente Rossi-Gomez-Cuadrado non poteva non mettere a rischio il rinnovo. E' andata male, ma pace, vedo poche responsabilità della società. Le responsabilità della società sono gravi nel caso di Neto se come dice Jordan - che non credo sia un mitomane gli è stato rifiutato - il rinnovo per 50.000€. Aggiungo che anche l'argomento che Montella abbia creduto in lui è un po' debole. Che doveva fare Montella l'anno scorso quando sembra sfumò l'arrivo di Roberto Carlos? Giocare con Munua?
    Poi è vero ci sono giocatori che per motivi affettivi fanno scelte diverse da Neto e Ljajic. Ma Borja è stato oggetto di venerazione dei tifosi, Neto e Ljajic no (saponeto, paperaneto, il nutella, ma forse i giocatori leggono i social network , qualche volta).
    Su Baba cresciuto a Firenze, che sembra rifiutò di andare alla corte di Ferguson nutro speranze che abbia affetto per la squadra e la città (magari si è trombata qualcuna di Firenze). Ma certo come dice anche LELE, se non gioca e continua a far panchina, la vedo molto molto dura.

    RispondiElimina
  146. Calamai scrive di un possibile scambio con Giovinco in modo che i due club evitino di perderli entrambi a zero. Sarebbe ottimo per entrambi i club, ma non vedo perché mai i giocatori dovrebbero accettare, non mancando a loro le offerte.

    RispondiElimina
  147. Le ristampe si può!

    RispondiElimina
  148. Neto è stato applaudito e incitato perfino 2 giorni fa, nell'allenamento a porte aperte di Capodanno, quando era già chiaro che ci stava facendo lo scherzetto. Il maltrattamento da parte dei tifosi non esiste, lo posso capire per Cerci (che era preso di mira per questioni extrasportive), ma Neto è stato infamato quando ha sbagliato, come tutti, ed esaltato quando ha fatto bene, come tutti.
    Per me Neto è un professionista e può fare quello che gli pare. Ma una cosa è aspettare la scadenza del contratto e andarsene. Un'altra è provocare quella scadenza fingendo di voler restare per evitare di essere messo sul mercato, e poi non firmare, in modo da poter speculare qualche centinaia di migliaia di euro in più al momento della firma con la prossima società. Per me c'è differenza tra la libertà di scelta di un professionista e lo speculare facendo giochini sulle spalle di una società. Poi è tutto legale (a parte prendere contatti con altre squadre prima di gennaio, ma quella è una parte che tutti dimentichiamo) ed è liberissimo di farlo, ma a me non piace per niente. Poi ovviamente questo non cancella le cazzate fatte dalla società, su cui ho già scritto sotto.

    RispondiElimina
  149. Attenzione, non sto dicendo che è andato via per i maltrattamenti dei tifosi (magari mi sono spiegato male). Sto dicendo che è stato trattato come gli altri. Sto dicendo che per un giocatore come Borja, come Totti che sono diventati idoli dei tifosi, che amano la città perché vi sono nati o perché si sentono adottati, le motivazioni affettive possono portare a scelte che professionalmente ti possono penalizzare (almeno in termini monetari).
    Poi molto del mio giudizio è basato sugli insights di JORDAN, di cui mi fido.

    RispondiElimina
  150. Gila? Me lo sono perso.

    RispondiElimina
  151. io a quello non credo, Gila a noi non serve davvero in nessun modo...

    RispondiElimina
  152. lo spero. Anche perché il mercato a gestione Gnigni è contemporaneamente il mercato più in passivo e quello di maggiore insuccesso della nostra storia recente...

    RispondiElimina
  153. Commento di Louis più sotto. Quello tuo di ieri sulle varianti tattiche era sublime. L ho letto ora

    RispondiElimina
  154. Pensa che neanche me lo ricordo ahahahah

    RispondiElimina
  155. È questo il punto. Che si chiamino Mendes Raiola o Ramadani i procuratori di riferimento sono una rovina.
    Octavio è stato preso per fare un favore a chi? In cambio di quale promessa?

    RispondiElimina
  156. Bicchiere mezzo pieno: come dimenticare il fantastico piazzamento della barriera sul tiro di Pirlo nel giovedì nero di EL?
    E altre perle.
    Buonanotte

    RispondiElimina
  157. Non ho detto che è una vittima, è uno che andrà a guadagnare dei bei soldi per almeno tre o quattro anni per giocare a pallone, vorrei essere io una vittima come lui! Dico solo che non è nemmeno quella carogna che vorrebbero far sembrare tanti in questi giorni. Non aveva nessun piano un anno fa e nemmeno sei mesi fa, per il semplice fatto che non c'era nessuno a proporglielo. E' allora che devi intervenire se lo vuoi tenere, e si è dormito, ci si è titillato la minchia sui risparmi di caccolino. Prima si dava la colpa a Corvino per queste strategie del cazzo, ma, evidentemente la colpa è altrove o la malattia è epidemica. Lui la fine del contratto l'aspetta, è obbligato a farlo, è la società che l'ha ,messo spalle al muro dopo aver dormito per un anno. Una società intelligente con le spalle al muro lo mette a giugno, se è lui che non vuol firmare, ma, siccome, non era così, si son titillati fino alla scadenza per poi fare i sorpresi.

    RispondiElimina
  158. magari. Ma non ci credo. Converrebbe alle due società, ma non certo ai due giocatori...

    RispondiElimina
  159. Basta che se ne convinca il capo, ma ho i miei dubbi.

    RispondiElimina
  160. Forse al procuratore Carlos Leite che ci porterà Rômulo dello Spartak Mosca in scadenza. Oppure a un puttanone di Fortaleza che è sua cugina. Almeno speriamo la prima, se Jordan dà la benedizione.

    RispondiElimina
  161. Appunto, è il problema è quello.

    RispondiElimina
  162. eheh, anch'io tempo fa su Transfermarkt avevo visto la stessa cosa, ma non oso dirlo per scaramanzia (anche perché il giocatore l'ho visto solo su Fifa).

    RispondiElimina
  163. eh lo so che su Richelieu siamo d'accordo.

    RispondiElimina
  164. Io su Fifa ancora no, quando faccio la mia Fiorentina ( campione di cinque scudetti e quattro champions consecutive, non so se mi spiego...) vado su altre tipologie di calciatori.
    Ah, a proposito, sempre su Fifa ho perso a parametro zero proprio Neto, oltre che Cuadrado ed Aquilani.
    Sarà impostato così...

    RispondiElimina
  165. Ma non va alla Juve. Va alla Roma se non si fa tentare dall'avventura oltre manica. Con Ljajic ci ha parlato un mese fa, ma che le sirene si fanno sentire sono due o tre mesi non molto di più.

    RispondiElimina
  166. ..ciao ZAPH, ti saluto da quassù ma ti assicuro che non sono un signore...ho cercato di leggere un po tutti alla ricerca di una speranza, giusto per farmi forza e spegnere il FOCO del mio pessimismo cronico...questo oltre Neto, oltre Babacar e i mille altri che seguiranno...purtroppo vedo che non è giornata...è una di quelle giornate in cui ti scordi che "l'essere tifosi Viola" vuol dire soffrire e non vincere un beneamato cazzo...cosi raccontavano i "saggi" tantissimo tempo fa...diciamo ieri l'altro...leggendovi con gli occhi umidi ho sentito trillare il telefono..era Californiaviola...mi ha detto: che diamine, su col morale, ne abbiamo passate tante e poi...poi cosa? gli domando...poi io penso che questa sia la miglior Proprietà possibile, abbi fede...California, non ho avuto il coraggio di dirtelo prima al telefono ma te lo dico ora: ma vedi d'annà affanculo pure te.Notte pessimisti del mio cuore!!!

    RispondiElimina
  167. Quando sei troppo preso dal pessimismo...guarda la LUNA. E vedrai che passa tutto.

    RispondiElimina
  168. Anche gli SCONCERTI più radicati spariranno.

    RispondiElimina
  169. Oppure fa come me, pensa che domani è un altro giorno e infischiatene francamente.

    RispondiElimina
  170. ..pensiamo positivo...domani, cascasse il mondo, non perderemo...

    RispondiElimina
  171. e un ci fanno nemmeno un goal!

    RispondiElimina
  172. ..poi quello che più mi fa incazzare è, ma con tutte le squadre appetibili del Pianeta...ma proprio...li doveva finire cazzo???...vabè...JORDAN, tienti libero per Maggio.

    RispondiElimina
  173. ..JORDANNNN, ie rompemo er culo a sti zozzi co e strisce...Neto splende er Pupo stende...mortacci de tutti!! bonanotte abbelli!! JUVE MERDA SEMPRE!!!!

    RispondiElimina
  174. Se va alla Roma mi tocca a fammela diventa' simpatica!

    RispondiElimina
  175. Calamai se non dice una cazzata non dorme tranquillo. Se fanno uno scambio di prestiti li perdono tutti e due a zero perché a giugno son liberi tutti e due e l'ingaggio a Giovinco chi glielo paga? Bisognerebbe che ci dessero Giovinco in prestito pagandogli parte dello stipendio per lasciar libero Neto per loro a gennaio. Dubito che sia possibile e soprattutto dubito che Neto abbia il progetto Juve in testa, sarebbe completamente coglione. Che io sappia va alla Roma, ma è tentato anche dal Liverpool però è tempo che non ho conferme

    RispondiElimina
  176. ...alla facciaccia di JINGLE...Perin, Perin vaffanculo!!

    RispondiElimina
  177. Proprio così Valto, una cagata di dimensioni storiche che in una società appartenente alla massima serie non si è mai vista.
    E non contenti, Deyna mi perdonerà, ci mettiamo anche il carico da undici con le rievocazioni storiche.
    Guardate che Renzi ha cambiato le regole, adesso ci vogliono 20 anni o più per risparmiare sul bollo dei ferrivecchi.......

    RispondiElimina
  178. Ho già detto quello che penso. Non credo che Neto vada alla Juve, cioè non credo che sia la Juve la società che ha dietro (ovvio che per aver rifiutato 1,5 milioni netti qualcuno dietro ce l'ha di sicuro). Mi sembra comunque una soluzione del cazzo, degna del Calamai. Cosa ammortizzano? La Juve avrebbe il giocatore mezzo campionato prima, ma non le serve subito, la Fiorentina avrebbe da pagare l'ingaggio di Giovinco che è, attualmente, il quadruplo di quello di Neto.

    RispondiElimina
  179. Si, poteva rinnovare ed esser venduto di comune accordo, ma, a parte che doveva esser d'accordo anche il compratore che si trovava quei 5 milioni in più da pagare, per fare questi accordi ci vuol collaborazione tra le parti invece mi sembra, a giudicare dal tono del comunicato, tra l'altro scritto anche male per quanto ho già spiegato, che si sian lasciati a sportellate in faccia.

    RispondiElimina
  180. Più che altro non conviene alla Fiorentina, sto quarto di giocatore.

    RispondiElimina
  181. Ai due giocatori potrebbe invece anche convenire, ammesso che sia la Juve la società che c'è dietro (cosa che, ripeto, non credo). Uno ha chiuso, male, con un ambiente e prima va via meglio è, oltre al fatto che invece che 250000 euro per i prossimi sei mesi ne prenderebbe tre volte di più. L'altro non gioca e se va in una squadra dove gioca di più non ha che da guadagnarci per mettersi in mostra e cercare un nuovo contratto (ammesso che non ce l'abbia già).

    RispondiElimina
  182. Mi sovviene adesso che il titolo di ieri stava bene oggi poeta.
    Buonanotte a tutti.

    RispondiElimina
  183. Non è male, Dunga lo ha anche convocato, ma preferisco Fernando. Comunque è un mediano che ci farebbe comodo

    RispondiElimina
  184. E' la Prodan, procuratrice di Mutu, della scuderia Ramadani che annuncia, prima ancora della Fiorentina che Mutu si allenerà con i viola lunedì (invece sembra sia mercoledì ma ci sarà) e che tra un mese arriverà anche Gila. Se lo dice Ramadani c'è da crederci.

    RispondiElimina
  185. Giovinco è peggio di zero? Dai, Deyna, su...

    RispondiElimina
  186. JORDAN, ho scritto che non ci credo, ma alle società converrebbe eccome, perché entrambe metterebbe a bilancio una sostanziosa plusvalenza, invece di andare al massimo in pari con gli ammortamenti (Fiorentina) e di dover scrivere "minusvalenza" (Juve). La Fiorentina si troverebbe l'ingaggio di Giovinco ma si troverebbe anche una seconda punta titolare da Serie A di fatto a parametro zero. Buttalo via. Poi secondo me non è credibile, però se capitasse sarei ben contento.

    RispondiElimina
  187. Però i Della Valle, caro ZEMANVIOLA,.....vabbe'...te lo scrivo domani...

    RispondiElimina
  188. Venisse a zero totale [zero stipendio e zero spesa per il cartellino], sei mesi in panchina a coprire le spalle a eventuali infortunati glieli farei anche fare, così no

    RispondiElimina
  189. Quella della minusvalenza della Juve me la spieghi. Se danno in prestito Giovinco alla Fiorentina per sei mesi cosa gli cambia da un punto di vista patrimoniale? A giugno avranno la stessa minus-valenza che avrebbero se Giovinco restasse a Torino. A meno che non facciano uno sgamotto contabile, facendo finta di vendersi i giocatori alla cifra che gli pare, ovviamente uguale, ma ci si piglia per il culo, perché mentre la Juve Neto lo può anche mettere sotto contratto per quattro anni e mezzo e quindi ammortare la cifra fittizia, la Fiorentina che ci mette che a giugno il giocatore non ce l'ha più?

    RispondiElimina
  190. Costa 2,2 milioni di stipendio per sei mesi, non è pochissimo. Se ce li paga la Juve...

    RispondiElimina
  191. davo per scontato che si parlasse di scambio di cartellini, mica di prestiti...

    RispondiElimina
  192. Per fare uno scambio di cartellini la Fiorentina dovrebbe mettere sotto contratto Giovinco ai tre milioni l'anno che chiede e che qualcuno magari a giugno gli ha promesso per tre o quattro anni, il che credo fuori dal mondo.

    RispondiElimina
  193. mah, se l'alternativa è perdere Neto a zero, credo che incassare il cartellino di Giovinco pagando solo l'ingaggio, facendolo giocare ora che ci serve e sapendo che magari lo si può poi vendere in estate e 10 milioni li fai di sicuro, non sia un'opzione che alla Fiorentina farebbe schifo. Ma continua a sembrarmi impossibile perché i giocatori preferiranno sempre andare dove gli pare a giugno, con tanto di asta sull'ingaggio.

    RispondiElimina