.

.

lunedì 19 gennaio 2015

La finestra sempre aperta

Una vittoria e un girone di andata in agrodolce, giriamo a 30 avvicinandoci al terzo posto ma avremmo dovuto averne almeno 35 per essere terzi da soli. 30 punti non sono il massimo, poi ti rendi conto che la nostra coppia di attaccanti titolari ha fatto 1 (un) solo gol e allora pensi che 30 punti sono un mezzo miracolo. Vinciamo finalmente una partita al 94° ma ci riportiamo a casa il problema Gomez che puzza dalla testa, e in pullman che è notoriamente un ambiente chiuso sarebbero stati meglio addirittura i crauti. Abbiamo perso Neto ma abbiamo trovato Tatarusanu, portiere certo ancora tutto da scoprire ma che lascia intravedere doti che dimostrano che alla fine non era stato un errore affiancarlo al brasiliano. Godiamo per i tre punti quando ormai nessuno ci sperava più, questo non toglie però che la Fiorentina ha dimostrato per l’ennesima volta il suo limite nel non saper chiudere le partite. C’è un espressione tipica almeno Diladdarno che ha dato il là ad una serata diversa da come sarebbe potuta essere prima del guizzo del centravanti più fertile: “Si gode come maiali”. Babacar è uno di quei centravanti capaci di farti svoltare la domenica a 20 secondi dalla fine, mentre il modo di giocare di Cuadrado sta diventando irritante come l’ortica. E in San Frediano siamo più abituati a scansare le merde di cane sui marciapiedi che l’ortica. Avere un centravanti che segna sembrerà strano ai più ma ti permette di vincere le partite. Quello di Gomez è un enigma della città che si lega ad un altro che riguarda il palazzo in piazza Santissima Annunziata all’angolo con via de’ Servi. Un palazzo nobiliare come tanti, ma che sulla facciata presenta una finestra molto particolare, conosciuta da tutti come "La finestra sempre aperta". Da ormai molti secoli, i suoi scuri vengano sempre lasciati socchiusi. Secondo una leggenda fiorentina, un rampollo della famiglia Grifoni partì per la guerra verso la fine del '500. Da una finestra del secondo piano del palazzo la moglie si affacciò per rivolgergli l'ultimo saluto. La donna, disperata ma speranzosa di poterlo rivedere, cominciò a trascorrere intere giornate affacciata a quella finestra. Il marito purtroppo non fece più ritorno e la donna morì vedova. Da qui in poi la tradizione si divide, riportando due finali diversi della storia: il primo sostiene che il vicinato, commosso dalla triste vicenda amorosa, decise di tenere la finestra sempre aperta in ricordo della donna che tanto tempo vi aveva trascorso. Altri raccontano invece che, non appena la persiana venne chiusa, dentro la stanza cominciarono a verificarsi strani fenomeni: le luci si spensero, i quadri si staccarono dalle pareti e i mobili iniziarono a spostarsi. Non appena la finestra venne riaperta, tornò tutto alla normalità. E da allora così è rimasta. Secondo quanto invece si dice in San Frediano che siamo più maligni, le versioni non collimano affatto, tutti sanno che ci abita un nobile tifoso Viola sfegatato e squattrinato a tal punto che, e qui il finale si divide tra chi sostiene che la finestra rimane sempre aperta perché non bastava essersi rovinato dilapidando tutti i soldi di famiglia con le puttane, ma a forza di vedere Gomez inciampare sul pallone sono già un paio di volte che i Vigili del Fuoco lo riprendono sul davanzale disperato. Mentre c’è chi sostiene invece che con la scusa di una visita guidata ai palazzi storici della città, col fatto che la leggenda narra che lo sguardo della statua equestre di Ferdinando I de’ Medici, collocata nella piazza davanti all'edificio, sarebbe rivolto proprio verso quella finestra sempre aperta, l’intenzione sarebbe quella di farci affacciare il tedesco e poi dargli una bella spinta per buttarlo di sotto.




170 commenti:

  1. E' bello leggere i commenti su Fiorentina.it: se uno non conoscesse il risultato, potrebbe pensare che ieri abbiamo perso e che siamo in dodicesima posizione.

    RispondiElimina
  2. Vebbé, nessun post stamattina?
    Metto io qualche foto

    RispondiElimina
  3. kucka per giugno mi pare un'ottima mossa: costo zero e deciso upgrade in sostituzione a kurtic.
    per il resto, formazione per la partita di mercoledì, un mix tra una squadra che ci garantisca il passaggio del turno (spero comunque che anche l'atalanta faccia turn over o ci richiederà più energie del previsto) ed il riposo per i giocatori chiave in vista della roma:

    TATA
    RICHARDS - HEGAZY - TOMOVIC
    CUADRADO - KURTIC - BADELJ - VARGAS - ALONSO
    DIAMANTI - GOMEZ

    eventualmente, potremmo togliere alonso, spostare vargas in fascia e arretrare un po' diamanti per far spazio a marin/ilicic, che non ho messo perché li considero oramai fuori dal progetto (il primo verrà rispedito indietro, il secondo ceduto).
    altra variante, spostare vargas in fascia e inserire brillante, che non m'era dispiaciuto nel precampionato, onestamente.
    in porta è rebus: io metterei tata anche per fargli acquisire un po' di ritmo partita, ma c'è il rischio rosati. addirittura, montella potrebbe anche mettere neto.

    prestiti: speriamo che in questi 6 mesi wolski e rebic si sveglino. anche matos deve migliorare, anche se non lo vedo da fiorentina in ottica futuro, ma può avere mercato. vecino pronto per il ritorno alla base, pare. camporese sta avendo continuità e di conseguenza dimostrando che la serie b non è la sua categoria. il prossimo anno ultimo prestito, in serie A, poi a 23 anni può fare ritorno alla base per stare con noi in pianta stabile. capezzi sta facendo benissimo, ma - sempre che si confermi su questi livelli, comunque, spesso i giovani crollano - ha bisogno ancora di 1-2 anni di prestito. fazzi non è male, giocatore tecnico che a perugia s'è adattato a fare il tornante alla joaquin. ah, piccini è bene che continui a giocare fuori che magari due lire ce le fa guadagnare.

    RispondiElimina
  4. Ci sono aspetti che concordo con l'editoriale, Gomez, Baba, Cuadrado e il non esaltarsi per i 30 che potevano essere 35. Andando nei dettagli, certo, potevano essere 5 in più, ma per averli devi farli e non sognare a tavolino. Intanto lo scorso anno ne avevamo 7 in più, conteggio che avvalora la mia antica ma attuale tesi: il gioco era carente da tanto e solo Rossi era il differenziale. Di conseguenza, progressi manco a parlarne, anzi, continuando numericamente, questi 7 punti minimo li abbiamo spregiati contro squadre che hanno rose inferiori. Unico responsabile, Montella, nonostante una rosa che pare un roseto,. Cuadrado irritante, non vero, verissimo, al quale do' però la metà della responsabilità, l'altra se la becca tutta il tecnico che fa di tutto per mandare in confusione uno giocatore che già di per sé stabile tatticamente non lo è, spostandolo come un aggeggio da tutte le parti salvo quella dove è dimostrato eccellere, vanificando dunque le sue doti a danno della manovra. Joaquin potrebbe stare benissimo a sinistra, male minore. Gomez...vedendo Lazio Napoli e focalizzando Higuain, il paragone imbarazzante viene spontaneo, ma siccome non do' grucciate agli zoppi, mi astengo da un giudizio oggi crudele, solo reputo doveroso Baba titolare coi tre dietro, Cuadrado Diamanti Joaquin. Le note positive, il portiere che sembra reattivo, il ritrovato Borja e l'inarrivabile Mati, questi ultimi che rincuorano la mia ipotesi di pensione dai titolari di Pek ed Aquilani, non c'è posto per loro, salvo spezzoni.

    RispondiElimina
  5. Sul sitone continua la faccia al pelo nell'uovo, gente divisa tra "Joaquin da togliere ieri" e "Migliore in campo il Torero", "Badelj ci può stare" e "Badelj via"...come sempre.
    Io ieri mi son divertito, ed é quello che chiedemmo tre anni fa a questa squadra, far divertire il pubblico.
    Quel che non é mancato ieri é stato certamente il chiudere il match, unico appunto di Montella alla squadra.
    Letto Rialti stamane e il suo scritto é pacato, sereno, oggettivo e con un buon giudizio complessivo su partita e tecnico.
    Impressionante la grinta e la voglia di chiudere il match della Juve, concetto che dovremmo apprendere.
    PENDELLUFT , io sono spaventato dalla difesa che proponi!! Fortunatamente potrà giocare Savic, che si piazzerà al centro; il resto va bene.
    L'Atalanta ieri é andata a San Siro con Denis- Pinilla e Moralez dietro le due punte ma non credo che verrà a giocarsela con quel tridente. Vedremo "La settimana enigmistica" (esce il giovedì) Marin?
    Prendo spunto dal tuo post molto "Calciomercato": Piccini sta giocando titolare e lo fa bene, il Betis é in piccolo filotto (non perde da 5 partite, più o meno) e é in zona promozione; Piccini può maturare e poi vedremo se sarà buono per noi.
    Riporterei a casa Capezzi, che sta giocando benissimo, meglio di quanto immaginavo.
    Su Matos e Wolski non credo ci siano speranze di rientro per fare i titolari...

    RispondiElimina
  6. Wolski è in prestito al Mechelen (o Malines, se preferisci, attualmente squadra di medio-bassa classifica nella Serie A belga) fino al giugno del 2016.
    Matos è tornato alla base dopo aver giocato pochissimo nel Cordoba, adesso penso che andrà a qualche altra squadra, a meno che non rimanga con noi a fare numero, viste le probabili cessioni di Ilicic e Marin (altri ruoli, lo so).

    RispondiElimina
  7. Matos va al Palmeiras.

    RispondiElimina
  8. Eccoci a commentare una nuova vittoria della viola. A gioire mi sembra esagerato, vista la prestazione del gruppo, tutt'altro che convincente. Resta da capire se le responsabilità di un rendimento non proprio esaltante siano del Chievo, dimostratosi squadra rognosa e accanita (certo, se gli togliamo pure l'accanimento, resta ben poco...), del pessimo fondo del campo (adatto più a patate ed insalata, che al calcio. Infatti alcuni dei nostri "tecnici" lo hanno sofferto, il prato infame. Altri, invece, non ci hanno proprio capito un "tubero"), alle scelte tecniche dell'allenatore o, infine, soltanto alla giornatuccia di alcuni degli interpreti principali. Poche note positive (Tata sicuro, Baba, Joaquin e Borja forse), alcune note negative (Gomez, Cuadrado, Basanta) ed in generale una prestazione dei singoli sicuramente inferiore rispetto all'ultima casalinga. Ovvio. Per la viola, casa o trasferta cambia poco, mentre incide molto l'atteggiamento delle altre: il Palermo fuori porta se l'è giocata, invece il Chievo, fra le mura amiche, l'ha impostata per il pareggio. Risultato: solite sofferenze inaudite, punte (o presunte tali) spaesate e senza certezze di sorta. Si dice sempre che il gioco di Vincenzino non dà punti di riferimento agli avversari: invece, ai nostri attaccanti...
    Il Chievo: ha fatto la sua partita, per quello che ha potuto. Ha anche subito alcune decisioni discutibili di Cervellero, protestando niente, o quasi. Detto fra noi, fossi stato un tifoso gialloblù avrei avuto da ridire su entrambi i gol della viola. Nel primo Borja era in fuorigioco ininfluente neanche un po' (si abbassa, per evitare il pallone, mettendo in confusione Bizzarri); nel secondo, la spinta di T'Challa era un po' troppo vigorosa, per essere veniale (e infatti Gamberini si imbufalisce, con arbitro e Baba).
    La Fiorentina, considerando i reparti:
    1) Difesa: uno bene (Tata. Buon lavoro di pasta abrasiva, la ruggine sta scomparendo), uno male (Basanta. Primo tempo insipido, secondo inguardabile; condito dalla "cappella sistina" del gol clivense. A proposito, non capisco perché ci si ostina a dare responsabilità a Pasqual: dopo la sbucciata smarcante dell'argentino, neanche Tiramolla...), gli altri così così, con meriti e demeriti (assist, gol, cross pericolosi. Ma anche alcuni lisci, in scivolata e non, che ci hanno fatto rabbrividire).
    2) Centrocampo: non male nessuno, ma nessuno bene. Rapportando il giudizio alle loro capacità, si intende. Due parole per Badelj e Pizarro: entrambi hanno un grosso problema. Il problema del primo è che deve sostituire il secondo, il problema del secondo è che dovrebbe avere l'età del primo. Detto che il croato non è stato disastroso (anche qui, siete forse troppo cattivi), l'ingresso del cileno ha avuto l'effetto di una boccata d'aria fresca, per la squadra. Non male neanche Borja e Joaquin, anche se un gradino al di sotto della loro scorsa interpretazione. Gli spagnoli, comunque, non mi sono
    dispiaciuti: chilometri e qualità è il loro motto. Scusate se è poco. Mati,
    invece, pur soffrendo un po' il campo, qualcosa ha combinato. Resta il fatto
    che, in assenza di vespe, è uno dei pochi a saltar l'uomo in dribbling. Lui in
    mezzo, l'iberico biondo (me lo ricordavo più spelacchiato: Cetrin?), sull'ala.
    Teniamoceli stretti, finché dura.
    3) Attacco: ahia, velo pietoso. Nessun commento, se non quello di notare che anche la Pantera Nera un po' lo soffre, il tiqui taca lento. Per forza: quando la palla arriva, ne ha già un paio addosso. Ma T'Challa ha qualità acrobatiche, agonismo e cattiveria (???) che il Gomez di adesso si sogna. Tigre di marmo carrarino, dicevo qualche tempo fa. Ravaneto, mi viene da pensare adesso. Quanto al cugino di Cuadrado, non so proprio più che pensare. Ah, averlo venduto in tempo...
    4) Allenatore: ha vinto, e ciò basti. Almeno per ora. Però, Vince', almeno con il Chievo, uno spezzone di gara con due punte...

    RispondiElimina
  9. Si si matos palmeiras, già fatto. Su wolski intendevo che con la nuova avventura deve svegliarsi, anche se in un campionato inferiore, poiché la sua crescita non dev essere tecnica ma fisica e mentale

    RispondiElimina
  10. Guarda, sulla difesa l unica incognita è hegazy, ma mi pareva buono; richards è un lusso per la coppa Italia, e tomovic sappiamo cosa può daee. Comunque hai ragione, giocherà savic a sx con l egiziano in mezzo, oppure savic al centro con tom a sx. Casomai il problema è l amalgama non la qualità dei singoli.

    RispondiElimina
  11. Neto - soprattutto in casa - non lo farà giocare. Ieri sera alla DS predicozzo di (guarda caso) Allegri, sul "malcostume italico" di mettere fuori rosa gli svincolati che rifiutano il rinnovo.
    Insisto:per me Neto si è promesso da un pezzo alla Juve

    RispondiElimina
  12. Qualcosa in positivo è cambiato rispetto a fine anno. Contro Genoa e Sassuolo si è visto un forcing finale poco convinto, coi tiri di Aquilani e Pizarro sparacchiati in tribuna. Ieri no. Ha carburato l'asse spagnolo Boria Joachin

    RispondiElimina
  13. Rispetto a inizio anno

    RispondiElimina
  14. Tatarusanu 7.5; Tomovic 6+, Rodriguez 6.5, Basanta 5.5; Joaquin 6.5, Mati Fernandez 6.5, Badelj 6--, Borja Valero 6.5, Pasqual 5.5; Cuadrado 4.5, Gomez 5 [Vargas s.v., Pizarro 6.5, Babacar 7]. Telegraficamente: arbitro non ostile, diciamo; partita vinta all'ultimo minuto del recupero, troppa sofferenza con una squadra di raccattati; solita schiacciante supremazia in palleggio, solita desolante inesistenza di movimenti offensivi dalla trequarti in su, giocatori fermi nella loro mattonella; consueta gara a chi delude di più tra Gomez e Cuadrado, a sto giro la spunta il colombiano, che mai salta l'uomo, perde palloni innescando contropiedi pericolosi, tira mollemente, non capisce mai dove deve stare e cosa deve fare in campo, ignora sistematicamente i movimenti del tedesco, che almeno si rende utile alla squadra, pur nella sua attuale pochezza. Un bravo a Tatarusanu, banksiano nel togliere la palla dalla linea di porta in seconda parata, al Pek che entra e determina immediatamente superiorità numerica nel mezzo, e al Baba, non troppo brillante ma astuto nel prepararsi il gol col mestiere che non ha. Il fatto che non siamo ancora risucchiati nella medio-bassa classifica, nonostante tutto, è l'indice più eloquente del livello dell'attuale serie A.

    RispondiElimina
  15. 2019 savic. ora babà.

    RispondiElimina
  16. mi pare di non aver ancora detto, oggi, che a Babacar va detto: "tu sei il centro del progetto Fiorentina per l'attacco, Gomez non sarà con noi a Moena".

    RispondiElimina
  17. Ahahahahah, Deyna, mi dovrebbe essere rimasta qualche scatola di antidepressivi in giro per casa, te la mando?

    RispondiElimina
  18. Eeeeehhhhh, Ramadani, l'amico di Gnignigni, non fa scherzi, questo va detto

    RispondiElimina
  19. ci mancherebbe altro, dopo che gli abbiamo affidato l'intero mercato estivo...

    RispondiElimina
  20. non ho niente contro Badelj. Ma prendete la Fiorentina prima dell'ingresso di Pizarro e quella dopo e ditemi che non ha completamente cambiato volto. Per me finché ne ha voglia quel ruolo è suo, un altro così tanto non ce lo possiamo permettere.

    RispondiElimina
  21. Se si parla della Fiorentina attuale, mi fanno quanto il viagra a un eunuco. Ieri quando è iniziata l'azione del 2-1, in preda allo scoglionamento più totale, mi dicevo: "Ecco, ora inizia l'azione del gol della vittoria in extremis, credici...ora la palla viene portata avanti, è l'ultima occasione, dai, ora Joaquin la mette dentro...ora Baba...gooool!". E' andata bene, ma non mi scordo che eravamo stati capaci di pareggiare fin lì una partita con degli scalzacani totali.

    RispondiElimina
  22. Pizarro ha una capacità di farsi trovare e di assistere il portatore di palla che non ha nessuno. È anche una questione fisica, con quelle gambette e quel baricentro è rapido.
    Così, da solo, cuce le distanze tra i vari reparti, mantendendoci compatti e dandoci intensità. Ieri, in verità, non è che abbia cambiato molto, ma in generale è uno dei segreti, anche difensivi, di questo modo di giocare. Facesse qualche cazzata di meno, sarebbe da sette fisso.

    RispondiElimina
  23. Pizarro è mezza Fiorentina, almeno nelle partite impegnative. Quella parvenza di Maquina che ancora rimane, che si intravede, svanisce senza di lui.

    RispondiElimina
  24. E comunque faccio notare la classifica marcatori:

    - 13 reti: Tevez (2 rigori-Juventus).

    - 10 reti: Icardi (1-Inter); Higuain (1-Napoli); Dybala (1-Palermo)



    ARGENTINA! ARGENTINA! ARGENTINA!!!!

    RispondiElimina
  25. Io sta storia che so tutti scarsi fatico a farmela andare giù. Non chiudiamo le partite, è vero, facciamo un paio di cazzate a partita, però non rubiamo niente, mi pare. Se prendi gli uomini del Chievo, forse sono la loro formazione migliore da tre, quattro anni a questa parte, e non è che non ci abbiano mai fatto sudare in passato. Boh, c'è un senso generale di insoddisfazione che non condivido, sembra tutto scontato, tutto schifoso. Non vi capisco, sinceramente.

    RispondiElimina
  26. Vogliamo commentare 'st'uscita di Pasqual!??! Dopo due partite da titolare? Cerca la rottura?
    Comunque: Fiorentina- rinnovi 1-1, Neto (R)- Savic (F).

    RispondiElimina
  27. L'ha commentata Pradé:

    "Le parole di Pasqual? La società è molto seccata da queste dichiarazioni, sono stati sbagliati sia i tempi che i modi. Ha chiesto rispetto e riconoscenza ma deve essere reciproca. Non me lo sarei aspettato perchè ne stavamo parlando del rinnovo sia con lui che con il suo procuratore. Noi abbiamo fatto un contratto con lui appena 9 mesi fa. Non è vero che abbiamo rifiutato un’offerta del Milan, se per offerta si intende prendere il giocatore e pagare solo lo stipendio fino a giugno, non è un’offerta."

    RispondiElimina
  28. Effettivamente avrebbero rotto un poco il cazzo.

    RispondiElimina
  29. "Tana!!" per Galliani.

    RispondiElimina
  30. sì, cioè, se comincia a fare i giochini con le interviste sul mercato anche Pasqual, vuol dire che c'è proprio il liberi tutti...

    RispondiElimina
  31. Pasqual ha il Milan dietro con gli spiccioli in più s due, tre anni di contratto. Invece di cacare il cazzo, potrebbe dire chiedere di andarsene e via. Chi lo incatena?

    RispondiElimina
  32. Non sono tutti scarsi, ma nemmeno l'Invincibile Armata che delinea il Chiari sul blog ticinese, il Modello di calcio spettacolo...Abbiamo qualche ottimo giocatore per la serie A, gravi mancanze in diversi ruoli e in fatto di giocatori di gamba e grinta, e una totale assenza di movimenti e schemi offensivi. Per me una squadra da 4-5° posto, poi oh, se han ragione quelli che sostengono che pure il terzo posto ci sta stretto e i fatti dan loro ragione, sono il primo a festeggiare.

    RispondiElimina
  33. Son tutti scarsi gli avversari, intendo. Siamo imperfetti, sono il primo a sottolinearlo, ma se alla fine è tutto ancora aperto, evidentemente non è tutta merda. Poi la pretesa di vincerle tutte, anche fuori casa, senza neanche soffrire, mi sembra una cosa nuova tra i tifosi della Fiorentina.

    RispondiElimina
  34. Pasqual a giugno si libera a parametro zero, può benissimo andare al Milan (a giugno) e nessuno gli dice niente, non si capisce cosa voglia adesso.


    Che poi... vada pure al Milan a raggiungere Montolivo e Cerci, poi gli si dà anche Lazzari e magari si prendono Cassani, così anche loro perdono 0-5 contro i gobbi

    RispondiElimina
  35. Val, Foco, Deyna... si sa, si sa. Più o meno s'è detto tutti. Lunga vita al Pek meno sbagliante possibile.

    RispondiElimina
  36. DEGNA, ma tutto questo spleen non sarà collegato, forse, a problemi di FREYNA?
    Ahahahahahaahahahahahahha

    RispondiElimina
  37. Mi farebbe piacere illuminaste un ciechino come me che non ha visto tutto questo bagliore portato da Pek. Più che difetti visivi, però, mi chiedo quando finirà questa celebrazione cne lo vede incensato sempre e comunque. Aggiungo che certo Badelj non ha strappato applausi.

    RispondiElimina
  38. Qualcuno ha detto freyna?

    RispondiElimina
  39. Lele, ti si pone un problema, però: se davvero arriva il Luciano che invochi, Pizarro te lo cucchi in campo fino ai suoi 50 anni, come Sir Stanley Matthews, ahahahah

    RispondiElimina
  40. Comunque buona giornata a te, Dannato Foco

    RispondiElimina
  41. Il calcio spettacolo non lo puoi fare sempre. Nel corso di una stagione ci sono gli infortuni, i mal di pancia, le polemiche, i cazzi e i mazzi. Partite come quelle di ieri, contro avversari inferiori ma che cominciano a sentire il peso dei punti le vinci stando sul pezzo fino al 94esimo, devi essere concentrato, cattivo, non dare nulla per scontato, non devi distrarti mai, non devi sottovalutare nulla e nessuno. Così si raggiungono gli obiettivi. E' il salto di qualità che chiedo a Montella da inizio stagione. Mi interessa vedere una squadra compatta, che si aiuta, che non arriva seconda sui palloni mezzi e mezzi, che fa girare il pallone velocemente e che non si intasa in infiniti cambi di fronte a 4 tocchi e a due all'ora. Così è troppo facile difendersi, per tutti. Ieri ho visto un miglioramento in questo, c'è stato il solito black out nella ripresa, fatti salvi i primi dieci minuti nei quali partiamo quasi sempre sparati. Nel periodo di buio si è rischiato molto, troppo e ci ha salvato il portiere. Non sono un fissato della tattica, pur osservando quello che fa e che cambia via via l'allenatore (Mati nel ruolo di Pek non mi pare ci possa stare ne ci viene impiegato; è troppo diverso come giocatore, lui gioca diversamente, nessuno ha le caratteristiche del piccoletto), ieri per esempio ha fatto una cosa intelligente, nella ripresa ha scambiato Borja con Badelj che come perno centrale perdeva palloni su palloni e veniva sistematicamente infilato da Hetemaj. Lo ha messo interno sinistro, una posizione dove hai meno responsabilità, dove passano meno palloni e dove rischi meno figuracce. Pasqual mi pare altra cosa rispetto ad Alonso, pur nei suoi limiti difensivi ha maggiore dimestichezza nei traversoni (un solo errore, anche se clamoroso e che avrebbe probabilmente consentito a Gomez di segnare), penso che il titolare debba essere lui e non lo spagnolo. Per Diamanti ho belle e capito che ci sono da aspettare i tempi Montelliani ma quando sarà pronto il cugino e visto questo Joaquin direi di mandare il colombiano a meditare. Davanti, ovviamente, il BabaNero.

    RispondiElimina
  42. Grazie. Mi sembra che ci sia della Thailandia in quello che dici.

    RispondiElimina
  43. C'è poco da commentare, loro, i calciatori di questa epoca, vivono in un mondo diverso, con parametri diversi. Parlano di riconoscenza come parlare d'un bicchiere d'acqua, si ricordano di aggiornare a rialzo il contratto come fosse dovuto, mai che succeda il contrario. Non fa eccezione Pasqual, un eccellente professionista, ma sempre uno che ad oggi ha giocato una manciata di partite, anche bene, e sparla di chi lo ha retribuito in media di 100 mila netti/ mese per 9 anni.
    Io non ce l'ho con lui in particolare, come non ce l'avevo col Pek nell'estate dopo il primo anno, loro sono alieni, sono fatti strani, diversi, sta a noi non farne idoli.
    Debbo però dire che prima non erano proprio così, quando li frequentavo erano i tempi di Giancarlo, Bertoni, Graziani, Oiali, Gentile, coach Picchio, insomma erano uomini, quando parlavano non era quasi mai a vanvera. Mica come la scorsa settimana, quando il sindacalista Pizarro si è pure scaldato perché si sono toccati gli equilibri interni con l'affare Neto,, uno che, a torto o ragione, rifiuta un milione netto per andare a prendere il doppio. Poi Rui e Bati, Schwarz, come paragonarli ad un El Ham che sgomma per Firenze con una Ferrari bianca. Sono degli ufo che gravitano sulla terra, non sono umani, SOPRA.

    RispondiElimina
  44. Pasqual si è autoeliminato con la sega del contratto. C'è sempre Vargas che non mi pare sia peggio degli altri due, sotto nessun aspetto. Badelj, per me, non ha fatto male, è solo che ha un passo differente da Borja e Mati e, spesso, gli rimane troppo lontano. Ha sbagliato un solo passaggio ( sanguinoso) ma non è il giocatore in grado di accorciare la squadra.

    RispondiElimina
  45. Nono, tutta carne caucasica, da frollare

    RispondiElimina
  46. non ho seguito cosa ha detto Pasqual, sono stanco di queste cose... se ha fatto casino nelle dichiarazioni allora andrà via già a gennaio. Sul campo e per rimanere al campo è ovvio che Vargas è il migliore ma visto lo scarso utilizzo immagino limiti fisici, però il titolare fino ad oggi è stato Alonso... Pasqual in due partite mi pare abbia fatto vedere una certa superiorità rispetto allo spagnolo... Badelj è un giocatore che fatico a vedere nel calcio moderno, ha sicuramente una buona tecnica ed una discreta visione ma soprattutto in una mediana come la nostra dove non c'è gente che possa coprirlo in interdizione è un giocatore regalato. Non ti fa la differenza in fase di possesso e non tappa buche quando la palla ce l'hanno gli altri. Pek non ha sostituti ed il giorno che decideranno di farne a meno si dovrà cambiare sistema di gioco.

    RispondiElimina
  47. Ah, a me piace in ogni forma, colore e ceppo etnico. Mi manca l'estremo nord, l'aborigena australiana e qualcosa di mongolo, poi posso dire di aver finito l'album.

    RispondiElimina
  48. Che pizza!! Sono quasi due anni che in società, qualcuno, avrebbero dovuto cercare il sostituto di Pizarro...da Antofagasta sino a Brisbane (oddio, li hanno trovato Brillante...!), passando per Alkmaar, finendo a Finisterre.
    Invece si son fatti consegnare a domicilio Badelj....
    La pizza é più buona se la trovi e la consumi sul posto, a casa perde un pochino...

    RispondiElimina
  49. Lele, non mi dire che non trovi differenza tra quando c'è lui in campo e quando no. Se non altro come velocità di giro palla.

    RispondiElimina
  50. Condivido in pieno le parole di Foco
    "Boh, c'è un senso generale di insoddisfazione che non condivido, sembra tutto scontato, tutto schifoso. Non vi capisco, sinceramente".

    RispondiElimina
  51. Spiego io, come disse il fazzoletto........................Togliete per un anno e mezzo Callejon e Higuain al Napoli, poi vediamo se fa gli stessi punti.
    Togliete Icardi e Palacio all'Inter, togliete Djordjevic e Candreva (o il nuovo furetto brasiliano) alla Lazio, togliete Tevez e Llorente (Morata) alla Juve....ma dai.....
    Ricordo, senza sorrisini- please, che Montella ha giocato senza le due Punte titolari il 70% (più o meno) delle partite della viola.

    RispondiElimina
  52. Non è un problema per me, visto che sono anni che dico basta arretrare Mati.
    Poi Luciano, che apprezzo molto, non è la mia prima opzione, ben sapendo che la Fiorentina non rappresenta la dimensione di rientro nel calcio che lui cerca. Ma quando gli finisce il super contratto?

    RispondiElimina
  53. credo che l'insoddisfazione sia semplicemente dovuta al fatto che tutti credevamo che quest'anno si sarebbe fatto meglio dell'anno scorso e invece, numeri alla mano, si sta facendo peggio. Poi ci sono mille attenuanti, anche gli altri sono calati e quindi c'è ancora tutto il tempo per cui vada a finir meglio. Però il motivo per cui non facciamo i salti di gioia mi sembra chiaro...

    RispondiElimina
  54. Me compreso. Certo però che un conto è chiedere l'allontanamento di chicchessia, un altro è valutare i punti fatti in relazione al gol messo a segno dalla coppia Rossi/Gomez.

    RispondiElimina
  55. ma infatti io credo che ci siano attenuanti, per la situazione in cui stiamo, e non chiedo la cacciata di Montella. Però che siamo insoddisfatti con 30 punti in 19 partite mi sembra comprensibile...

    RispondiElimina
  56. Valto, io parlo in generale, quando dico che l'insoddisfazione mi sembra figlia di poca serenità è perché non si è chiesta la sola cacciata di Montella (che in quanto allenatore può anche pagare per colpe non sue in questa logica contorta) ma la si è chiesta per tutti a girare, forse tranne il solo Guerrini. Viste le attenuanti mi è sempre sembrato tutto molto eccessivo. Lecito ma eccessivo.

    RispondiElimina
  57. Problemi....

    RispondiElimina
  58. Mah, sarà che io c'ho ancora sotto gli occhi le annate merdose di qualche tempo fa o che, non avendo mai visto vincera altro alla mia squadra che un paio di coppe Italia, sono diventato provinciale. Fatto sta che ,però, per me, ogni partita ha una storia a sè e ogni stagione idem. Se abbiamo un tecnico scarso, un centravanti di sego e altri due o tre non all'altezza, con quale logica si può pretendere di andare su ogni campo a vincere senza che nemmeno si affaccino dalle parti del nostro portiere?
    Abbiamo fatto campionati di merda pura, questo non sarà esaltante ma non è minimamente paragonabile agli sfaceli che ci sono passati davanti agli occhi pochi anni fa. E mantenendo pressappoco gli stessi parametri finanziari, per giunta.
    Io non godo, ma neanche mi prendo a scudisciate per quello che stiamo facendo.

    RispondiElimina
  59. L'importante è fare molta attenzione alla data di scadenza.

    RispondiElimina
  60. A Firenze adesso si discute del rinnovo del giocatore: lei gli consiglierebbe di restare a Firenze?

    "Certo, Firenze è l'ambiente ideale per crescere e per fare il
    definitivo salto di qualità: non si allontani! Io gliel'ho anche detto
    svariate volte che deve firmare in bianco il prolungamento con la
    Fiorentina. Mi auguro che mi possa dare retta".
    http://www.firenzeviola.it/copertina/speciale-fv-parla-chi-scopri-baba-l-acf-non-lo-voleva-ora-diventera-meglio-di-balo-171653

    RispondiElimina
  61. Sono d'accordo, FOCO. Siamo una squadra di seconda fascia, con aspirazioni per la prima fascia ma è faticosissimo arrivare in alto.

    RispondiElimina
  62. Valto, invece di pensare a Baba, vai di là che lo svizzero t'ha appena spiegato come giochiamo realmente. Esci dalla nebbia che ti ottenebra, abbraccia la luce!

    RispondiElimina
  63. Anzi. Palermo e Chievo due partite e emozioni a go go. Il goal all'ultimo minuto i 49 euro del biglietto li vale tutti.
    Paloschi è il solito petardo. Ma meno fumoso del fumogeno Cuadrado. Per cui o lui o Gila potrebbero arrivare. Non si può continuare a giocare senza attaccanti che segnano e aspirare a posizioni di vertice. Higuain: un tiro - tre punti

    RispondiElimina
  64. Il dato che più mi entusiasma è riferito alla mentalità/gioco che Montella è riuscito a trasmettere alla squadra, con il risultato di vincere oltre il 50% delle partite giocate in trasferta. Ciò non toglie che in casa, soprattutto quest'anno, bisogna assolutamente invertire la tendenza.

    RispondiElimina
  65. a questo punto ho il sospetto che lui proprio non abbia idea di quale sia il significanto del trattino fra i numeri di un modulo, cioè del fatto che quei numeri rappresentino linee di calciatori...

    RispondiElimina
  66. A proposito di Babacar, ma tutti i geni che da mesi sostenevano che a gennaio sarebbe partito per la Coppa d'Africa dove sono finiti?

    RispondiElimina
  67. Guarda, dalle mie parti si dice : " è inutile che spingi se c'hai il cazzo corto", un detto che puó anche essere esteso a chi cerca intuizioni geniali in campi del tutto sconosciuti. Però i presuntuosi sono quelli che gli ribattono, mica lui che caga stronzate senza rete.

    RispondiElimina
  68. Avevano comprato i biglietti per le partite del Senegal

    RispondiElimina
  69. sì, ma infatti il punto è tutto lui, cioè nel fatto che lui non riesce ad accontentarsi di essere un semplice tifoso che scambia impressioni e opinioni con altri, deve inventarsi fantasiose teorie per fare il figo, solo che così facendo si rende sistematicamente ridicolo...

    RispondiElimina
  70. Comunque Baba è otto anni che è in Italia e non ha mai giocato nella nazionale maggiore. Non sarebbe il caso di fargli fare una partita nelle nostra di nazionale?

    RispondiElimina
  71. Adesso s'incazza Deyna ah ah ah

    RispondiElimina
  72. Beh, di fare i mondiali col Senegal, penso non lo creda neanche lui...

    RispondiElimina
  73. stefano vienna19 gennaio 2015 18:30

    Ero abbastanza insoddisfatto di Montella per la prima parte del girone di andata. Bisogna ammettere che ha trovato una soluzione a molti dei problemi, in parte risolti con la riscoperta di Joaquin. Per me rimane un allenatore con dei limiti dovuti un pò all'età e un pò al carattere. I fatti dicono che il primo anno ha fatto molto bene, ma poi i risultati sono stati in linea con la rosa a disposizione, forse leggermente inferiori. Insomma, non si giustifica nè la celebrazione nè il malcontento.


    A livello tattico i miei gusti sono per un'altro tipo di gioco, ma la rosa è stata scelta per le idee di Montella, quindi per fare un altro tipo di gioco bisognerebbe reimpostare tutta la campagna acquisti futura. E dubito che Montella, dai segnali che sta lanciando, abbia molta voglia di restare a Firenze. Lui si sente, a torto secondo me, pronto per un salto di qualità. Speriamo che non inizi a distruggere tutto per preparare la fuga, come fece il Giubba.

    RispondiElimina
  74. ottimo, la matematica c'è non a caso...

    RispondiElimina
  75. stefano vienna19 gennaio 2015 18:37

    Comunque finora l'assenza di Savic s'è fatta sentire più di quella di Neto.

    RispondiElimina
  76. credo che a Firenze il calcio non morirà, se ha la sete dei suoi conterranei per me se la può levare tranquillamente...

    RispondiElimina
  77. http://video.corriere.it/conduttrice-tv-egiziana-onda-la-maglia-roma/a067e714-9fb7-11e4-84eb-449217828c75?playlistId=a7bd04a6-7de1-11df-a575-00144f02aabe





    ...perchè...perchè...perchè ????

    RispondiElimina
  78. Ma questa era passata inosservata?



    ACF Fiorentina comunica di aver raggiunto l’accordo per il
    rinnovo del contratto con il proprio tesserato Stefan Savic. Savic,
    arrivato alla Fiorentina nel 2012, ha collezionato nelle tre stagioni in
    maglia viola 86 partite, realizzando 4 reti. Il calciatore montenegrino
    ha firmato un contratto che lo legherà alla società gigliata fino al 30
    giugno 2019.

    RispondiElimina
  79. p.s. una settimana fa esatta il Cala aveva detto che sia lui che Babacar non avrebbero rinnovato... fuori uno, ahahah

    RispondiElimina
  80. stefano vienna19 gennaio 2015 19:03

    Non tutti stimano Savic, per me è il migliore là dietro. E infatti nelle ultime due partite s'è ballato molto.

    RispondiElimina
  81. stefano vienna19 gennaio 2015 19:05

    Scusa, se mi intrometto, ma pensi anche tu che la Roma sia stata danneggiata fino ad ora nella corsa allo scudetto? Così almeno pensano a Roma.

    RispondiElimina
  82. stefano vienna19 gennaio 2015 19:07

    Spero solo che, se decidesse di andare via, sia più furbo di Prandelli e che trovi una strada più consona per giustificare la partenza. Infondo, tradire Firenze non porta vantaggi e pare che non porti nemmeno molto bene.

    RispondiElimina
  83. stefano vienna19 gennaio 2015 19:10

    Per tradire non intendo l'andare via, che è una cosa legittima. Il modo è più importante.

    RispondiElimina
  84. anche per me, lo vado dicendo dal primo anno quando c'era l'innamoramento generale per Roncaglia prima e Gonzalo poi...

    RispondiElimina
  85. ... certo, ho capito. Sul come avverrà la separazione (per me oramai quasi certa) non ho buone sensazioni, visto quello che sta succedendo con alcuni giocatori...

    RispondiElimina
  86. Okaka, un altro che si é montato la testa...

    RispondiElimina
  87. non vado a leggere i motivi del litigio con Osti e Miha (mi sono stancato...) ma riconosco che è sempre più difficile gestire questa gente che vive in un mondo parallelo, condivido il ragionamento che ha fatto Lele oggi...

    RispondiElimina
  88. comunque voglio fare una menzione d'onore ancora alla stampa fiorentina: 10 giorni prima dello strappo neto, per due giorni s'era parlato di un accordo trovato; stamani, senza il minimo preavviso, savic firma il contratto. ma dove cazzo erano i giornalisti, a fare i taglia e incolla alle parole di montella?

    RispondiElimina
  89. ..ma perchè devi scusarti? Nessuna intromissione ci mancherebbe, non non lo penso, penso invece sia stata fino ad oggi una grossissima delusione, lontana anni luce da quella dell'anno passato, complice anche qualche infortunio di troppo..è un Campionato mai iniziato e, lo dissi qualche anno fa, se la juve vuole può arrivare a venti Titoli consecutivi, l'unico ostacolo tra lei e quei titoli può essere dato da un Berlusconi che torni ad investire...ma siamo nella fantascienza...altro ostacolo potevamo essere Noi se qualcuno lo avesse veramente desiderato.E comunque Garcia non è Spalletti ma su questo mai avuto dubbi.

    RispondiElimina
  90. Ahahaha ahahaaha ahahaha..ahahah...grande PENDELLUFT !!! Questa l'avevano persa, o la davano impervia.....ahahaha ahahahah ahaha!!
    LOUIS, Okaka si sta comportando da "svincolato", dimenticando che prima era un emarginato e Osti ha creduto in lui, con Miha che lo ha sempre portato in palmo di mano.
    Io sono felicissimo per Savic, una roccia sicura. (dismission? Impossible).

    RispondiElimina
  91. stefano vienna19 gennaio 2015 19:39

    Sì, ma la società avrà imparato dagli errori, così almeno si spera. Intanto mi sembra che abbia già fatto capire a Montella che anche lui, come gli altri dipendenti, deve comportarsi in modo professionale (vedi polemica su Gomez). E poi Montella mi sembra più furbo di Prandelli, uno che credeva di essere, a torto, il più furbo di tutti, anche più di Diego. Montella non mi sembra ottuso, magari presuntuoso, ma non ottuso.

    RispondiElimina
  92. Ci metto la mano sul fuoco che Okaka andrà al Milan, comportamento Montolivesco, di Okaka ("Un giorno saprete la verità, verrà fuori...", pari pari le parole che proferì Montolivo!! Ma Galliani li ammaestra???).

    RispondiElimina
  93. ...con un qualsiasi altro allenatore (eccetto UNO, forse due), saresti dove sei adesso, il Campionato è mediocre perchè gli attuali tecnici sono di quel livello, l'unico attualmente sopra la media è quello che ti faceva sbattere la testa contro il muro quando era a Firenze...lo rivorresti? Pur con tutte le scusante che può aver avuto a quei tempi io lo lascerei dov'è, altri che stan facendo miracoli? Io non ne vedo quindi Montella non è e non sarà un fenomeno ma la " colpa " o il "merito " di questa nostra posizione non è di Montella.Poi per me può andarsene quando vuole che non piango.

    RispondiElimina
  94. ah, anche okaka è in scadenza? non sapevo.. certo che se bastano 3 gol in 19 partite per puntare i piedi, capisco perché el ham con la sua media se ne vada a giugno a parametro zero..

    RispondiElimina
  95. ok, capito la situation...

    RispondiElimina
  96. http://www.violanews.com/altre-news/adesso-e-ufficiale-giovinco-andra-al-toronto-20150119/

    roba da matti

    RispondiElimina
  97. stefano vienna19 gennaio 2015 19:50

    Per me il problema della Roma è lo spogliatoio, unito solo in apparenza. Garcia doveva puntare su Ljajic, costruirci intorno un gioco, invece contano solo i senatori e lui si deve adeguare.


    Su di noi, vista in una prospettiva più ampia, contano invece le Champions League perse per volere del palazzo, l'ultima rubata dal Milan. Fossimo andati in Champions, si sarebbe potuto fare il salto di qualità e diventare l'anti-Juve. Al netto degli errori nostri, che ci sono stati.

    RispondiElimina
  98. ...sono tante le cose...ieri guardando juve-Verona sul 2 a zero per le merde ho visto Marchisio incazzarsi come una bestia per un angolo non concesso...e questo dopo 3 Campionati vinti...altro mondo sia a Roma che da Noi...mi è capitato spesso e volentieri di vedere certe partite della Viola e sembrava stessero giocando per l'aperitivo..lasciamo stare va.

    RispondiElimina
  99. stefano vienna19 gennaio 2015 19:59

    Fossimo andati in CL il primo anno di Montella, sarebbe rimasto Ljajic e sarebbe arrivato un centrocampista di alto livello. Si sarebbe almeno ridotto quel gap economico. Poi certo non avremmo comunque avuto automaticamente quella mentalità vincente, ma si poteva costruire, attraverso anche l'arrivo di giocatori con quella mentalità (Rossi per dire è uno con quella mentalità).

    RispondiElimina
  100. il giochino del qualsiasi altro allenatore è vecchio come il cucco e somiglia un po a quello delle 3 carte... ma non risolve la questione... siamo a fine girone d'andata, chiuso se non sbaglio al minimo storico della gestione Montella. Sinisa non lo rivorrei come non rivorrei nessun'altro che qui c'è già stato, quello che avrebbe fatto o potrebbe fare chiunque altro è un discorso che non ha riscontri, iniziamo a valutare quello che si vede con chi c'è ora. Per te è il massimo? Son contento per te... io non pretendevo la luna ma 5/6 punti in più tra Genoa, Sassuolo, Empoli e Parma non mi sembrano le bizze di quello mai contento, poi ognuno la vede a modo suo. Adesso si riparte, c'è un Diamanti in più e si può far tesoro degli errori già fatti.

    RispondiElimina
  101. Giovinco, come altri giocatori, si è trovato di fronte a un bivio: o perseguire una sua affermazione personale come giocatore o andare a guadagnare un fracco di soldi, di fatto smettendo di fare seriamente il calciatore. Solo che altri hanno affrontato il dilemma dopo i 30 anni, non a 28 anni, lui mi sembra un po' giovane per uscire dal grande calcio. Va detto che scelte simili sono state fatte da Lisandro Lopez e Nilmar, per esempio.

    Giovinco, parlandoci chiaramente, poteva rimanere a fare la riserva nella juve, oppure poteva andare a giocarsi il posto in squadre tipo la nostra o il Napoli o la Lazio oppure ancora andare a fare il titolare e la "stella della squadra" in una squadra di medio-bassa classifica (come ha fatto a Parma). Nel primo caso avrebbe guadagnato anche bene, nel secondo bene ma un po' meno, nel terzo caso molto meno. Ha deciso invece di guadagnare una cifra che nessuna squadra europea mai gli avrebbe dato ma di scomparire dal mondo del calcio.

    homo faber fortunae suae

    RispondiElimina
  102. Bel post Anto...poi magari tra un anno fa come Diamanti e altre decine come lui...

    RispondiElimina
  103. è quello il salto di qualità che chiedo a Masaniello da settembre...

    RispondiElimina
  104. In piena sintonia, io sono il falco anti Montella per due motivi anzi tre, ben precisi
    1) da sfatare le parole di Zeman, come molte che circolano, che con qualsiasi altro allenatore fuor di Spalletti ( che non verrà mai, se non andremo in CL ) saremmo nella solita posizione. Ma chi lo dice? Con che prove?
    2) questa nenia che ci vede sculati senza Rossi e Gomez, verità, ma storiella messa sempre come scusante. Osaka, Eder, Matri sono lì a confermare che chi ci circonda non ha chissà chi. E poi Baba è un grande attaccante. Noi abbiamo una rosa che le nostre concorrenti manco si sognano, oltre uno bravo, Marin, che si dovrebbe appellare al tribunale dell'Aja.
    3) Montella, a parte tutto, lo reputo mediocre davvero.
    Ieri da fonte certa ho saputo che da tempo studia inglese, speriamo non sia per arricchimento personale, ma perché preambolo di una chiamata all'estero.

    RispondiElimina
  105. Louis, il fatto è che se uno mi dice che non gli sta bene Tizio mi deve però anche dire che al suo posto vorrebbe Caio..Re Luciano costa troppo, un altro non possiamo permettercelo, il terzo vuole acquisti importanti, il quarto pretende giocatori di livello...a sto punto che facciamo? Si, per me è il massimo visto che consideravo e considero questa una squadra da settimo/ottavo posto, sono al sesto e gongolo, con la Società che ho alle spalle se arrivo a Febbraio e ho 40/42 punti per me è manna dal cielo...Genoa, Sassuolo ed Empoli mi pare abbiano creato grattacapi un po ovunque, l'ultimo è Mancini che mi pare percepisca qualcosa in più di Montella...adesso è arrivato Diamanti ah ah ah ah, mi auguro tu stia scherzando Louis...ripeto, non sono un fans del napoletano ma io me ne sarei già andato da un pezzo.

    RispondiElimina
  106. Aridaje, ti sono stati fatti nomi e cognomi, ma senza Spalletti fai lo gnorri.

    RispondiElimina
  107. ..e allora chi lo dice che oltre sta Società di merda un c'è nulla? Andate a rivedervi gli acquisti di Agosto, qualche buontemponi li aveva definiti grandi acquisti...ditemi voi chi gioca di quei fenomeni arrivati per rafforzare la squadra

    RispondiElimina
  108. i nomi che avete fatto sono tutti a livello Montella, asino Montella e asini tutti, per ambire a qualcosa o pigli il Mago o pigli Conte, il resto è fuffa buona per un anno poi il secondo chiediamo di cambiare il tecnico.

    RispondiElimina
  109. Zeman, non rientra nella mia mentalità il fare confronti per di più basati sul nuilla. Potrebbe venire Ancelotti e girare a 25 punti o magari prendi Sarri e ne fa 38, chi lo sa? Luciano non è una questione di soldi, non viene perchè qui sa che non può vincere, è inutile girarci intorno all'infinito... fosse solo il problema dei soldi basterebbe ridurre la rosa e mandare al diavolo marocchini, ucraini i bergamaschi che costano quanto quasi due anni di Spalletti e avremmo risolto il problema... lui non viene perchè aspetta una strisciata, te lo dice il bischero di Louis... credi che non ce lo vorrei vedere sulla nostra panca? Non immagini neanche quanto ma ho smesso di farmici il fegato marcio, è come sperare di trombare la Arcuri, spero, spero, spero e poi finisco sempre a farmi le seghe... eccheccazzo...

    RispondiElimina
  110. ..e quindi va dato atto a Montella di restare in una Società che non vince..e comunque Luciano in una strisciata non va..garantito...poi volendo siamo strisciati nerazzurri pure noi da 13 anni.

    RispondiElimina
  111. Ah ah ah vuol dire poco il fatto che studia inglese. Dipende con quale profitto.
    Mia cognata questa estate era vicina di ombrellone in Puglia di Conte. Beh lui aveva un'insegnante personale di inglese messogli a disposizione da un club di Premier. Eppure sta ancora qua. Agghiaggiande

    RispondiElimina
  112. Mai detto che oltre i DV non ci sia nulla. D'altra parte ho aspramente criticato ADV, ultimamente. Ma lo faccio per la gestione tecnica, e lo sperpero di energie per dirigenti e tecnico non all'altezza, non certo perché lesina quattrini, visto che addirittura il mese scorso ha scucito una cifra mostruosa in rapporto ai risultati sportivi. Ho tifato tutti i proprietari nessuno escluso come dimostrano 18 anni di abbonamenti. Rispetto ma non comprendo il tuo disprezzo per i DV, fuori ruolo quanto vuoi, ma che mai metteranno le mani nelle casse viola alterando bilanci e girando fatture false tra società del gruppo. Punto più basso della storia viola.

    RispondiElimina
  113. Dai, non facciamo uno zuppone. A Spalletti manca un gradino per completare un percorso di crescita. Una carriera. Sappiamo benissimo tutti quanti che quello scalino NON può chiamarsi Fiorentina. Colpa dei DV? Non lo so, è legittimo che lui voglia andare in un top club e noi non lo siamo adesso con questi e non lo siamo mai stati, purtroppo... e non riattaccare con Vittorio, per piacere.... Questo non vuol dire accontentarsi sempre e comunque, ci sono momenti e momenti. Oggi, 2014/2015 la classifica dice ed il quadro del calcio italiano ci dice delle cose che si stanno ripetendo da più campionati... Le milanesi le vedi anche te, il Napoli non vola, le genovesi fanno miracoli ma non penso siano meglio di noi, la Lazio ha limiti e si son visti... se ti sembra matto o fuori dal mondo chi ritiene di poter lottare fino all'ultimo per un terzo posto del cazzo allora non so più cosa dire, rassegniamoci e guardiamo solo ai bilanci...

    RispondiElimina
  114. Tempo fa frequentavo un'indossatrice, figa, di un paesino umbro, Pantalla. La vedevi e cominciavi a sognare, apriva la bocca e ti laccio immaginare. Un tipo cosi: bella davvero, ma gomiti sul tavolo, testa bassa, schiena riserva, chiamava cameriereeee! Ma che figa! Una volta sentendomi al telefono con un cliente mi disse, anche io voglio imparare l'inglese, ed io, naturalmente, calma, andiamo per gradi...e Conte e Monty mica sono fighe!

    RispondiElimina
  115. Schiena ricurva, questo correttore! Sembro di Pantalla...

    RispondiElimina
  116. ..scusa ma dici a me "guardiamo solo i bilanci"? Io sono il primo a dire (e l'ho pure scritto), che questo poteva essere un Campionato alla portata, vuoi per le milanesi fuori gioco, vuoi perchè in panca al napule c'è un imbecille, Signore finchè vuoi ma imbecille, vuoi per tutto ma...signori miei, se voi davvero pensate che nell'ultima campagna acquisti Montella abbia richiesto Brillante, Kurtic, Marin e tutti gli altri di cui manco so il nome ...beh..a tutto c'è un limite, il gravissimo torto del napoletano è semmai aver accettato questi scarti umani, segno di schiena poco dritta certamente....detto questo sono anche dell'idea che Montella non è allenatore da grande squadra ma non lo posso giudicare oggi che ha in mano 20 carciofi (tolgo Mati e Valero e togliamo anche Pizarro)....e comunque Giovinco, che andràn al Toronto, continua ad essere incluso nella rosa, Neto no...oltre a fessi sono anche fessi.

    RispondiElimina
  117. ...l'importante è che lasci perdere le marchigiane...poi puoi far tutto..

    RispondiElimina
  118. Non faccio mai questione geografica, ma di struttura. Di marchigiana una ex moglie di un nazionale, ovviamente senza fare nomi.

    RispondiElimina
  119. era un'iperbole, se è scontato che non si debba vincere nulla, gurdiamo ai bilanci... A me di chi ha chiesto non interessa, se non gli andava bene la minestra si levava di culo, parliamo di un milionario che non muore di fame se sta qualche mese in giro con la barca... Gli hanno preso anche Basanta, Tatarusanu che non mi pare un brocco, Richards nazionale inglese, Marin bisogna chiedergli che problemi abbia visto che le uniche due partite che gli ha fatto giocare ha segnato due gol... Tutta gente misteriosamente ignorata mentre ci siamo sciroppati a mesate carciofi sloveni, bimbetti spagnoli e compagnia cantante... 5/6 punti in più li poteva/doveva fare, saremmo stati dove era preventivabile ed i discorsi sarebbero stati altri, beato chi si accontenta, io no...

    RispondiElimina
  120. ...se era la moglie di chi dico io ti metto la lingua in bocca..però io intendo un inter-nazionale..

    RispondiElimina
  121. Grande Giovinco! Ha tutta la mia stima.

    RispondiElimina
  122. Tatarusanu ai tempi del Cecchi l'avrebbero mandato a C'è Posta per te, mi tocca difendere uno che non mi frega un cazzo di difendere ma lo difendo perchè sono stufo, stanco, esasperato di vedere tutti gli anni che manda Gesù Bambino, qualcuno sulla graticola e le due merde salvarsi sempre il culo, e Corvino, e Sinisa, e Delio Rossi, e Montella e Pradè e il portavoce, e il giornalista e la troia de la su mamma.

    RispondiElimina
  123. è ciclico, ogni par di settimane ci si trova a discutere delle stesse cose, tanto non se ne esce, io la vedo bianca, te rossa... Notte...

    RispondiElimina
  124. ...quindi sei diventato un mezzo marchigiano pure tu...notte...ti auguro di sognare delle Hogan che pestano cacche per tutta Firenze..traditore....traditore e interista...e Forza Roma..

    RispondiElimina
  125. ahahahah, non esagerare, offendimi pure ma con moderazione, eheheh... Notte...

    RispondiElimina
  126. ..laziale...notte

    RispondiElimina
  127. sì vabbè, ma io non ho i soldi del Sopra... Notte davero... (con una c sola alla lucchese)

    RispondiElimina
  128. Visto che oggi siamo a solo tre punti dalla CL, tocca giustamente sottoporsi autodafé a chi non è contento. Io non lo sono, non voglio entrare nel merito della questione se Montella è bravo o no, se con un altro saremmo stati in una posizione più alta in classifica. Dico solo che ci sono alcune cose che della gestione Montella mi irritano e quindi il mio è un giudizio di pancia. Quando mi metto a vedere una partita, mi da fastidio vedere Cuadrado fuori ruolo, vedere i contropiedi sprecati regolarmente (gli ultimi gol in contropiede che mi ricordo sono quello di Wolski e quello favorito da Anderson), vedere i cambi sempre tardivi, vedere in panchina giocatori che non entrano mai in campo (magari a ragione Montella, con Marin si perde, ma a me dispiace anche vedere Brillante sempre in panchina, sarà uno scarsone, ma mi dispiace). Insomma mi diverto sempre meno (mi sembra che Ljuka tempo fa esprimesse lo stesso giudizio, lo sto seguendo più o meno). Ho un sentimento analogo a quello che capita quando un rapporto con una fidanzata con cui hai vissuto un anno bellissimo, si guasta nella quotidianità e mi dispiace perché il primo anno calcisticamente parlando mi ero innamorato del Montella allenatore in campo e in tribuna stampa, il secondo incominciavo a rimproverare piccoli difetti, nel terzo mi sto disamorando e sto iniziando (per proseguire nella metafora) a dormire sul divano.

    RispondiElimina
  129. Ho letto oggi la dichiarazione di Osti , neanche troppo velatamente critica verso Montella. Dice che questa Fiorentina da sempre l'impressione di poter essere rimontata dall'avversario, accusa cali di concentrazione e di personalita'.
    Non riesco a dargli torto. Poi però vedo -per esempio - Badelj che tira tre volte e non prende lo specchio della porta e mi chiedo quanto incidono pure gli errori individuali e di reparto

    RispondiElimina
  130. Grazie Louis... Sì, magari resta cinque anni in Canada (è quello che fece Schillaci in Giappone), ma anch'io penso penso che, se non fra uno, fra due-tre anni tornerà per andare al Genoa o alla Samp o al Bologna o al Verona, ovviamente con uno stipendio molto minore (ma con il portafoglio già parecchio gonfio). Intanto, però, ogni residua speranza di Nazionale sarà svanita.

    RispondiElimina
  131. La questione Giovinco dimostra che:

    1)) Nessuna italiana/europea si sarebbe svenata per lui= mercato europeo zero! (Anche da svincolato!);
    2) La potenza della Juventus di poter perdere a parametro zero un buon giocatore;
    3) la facilità con la quale un atleta decide di sparire, pur di guadagnare;
    4) di fatto, salvo miracoli, la rinuncia (di Giovinco) anche alla nazionale;
    5) 20 gennaio, già danno l'annuncio, in barba a qualsiasi regola/legge!

    RispondiElimina
  132. Era de Pantalla e parlava con lo gnocco'n'bocca.

    RispondiElimina
  133. O ragazzi ma Giovinco si farà i cazzi suoi. Se gli danno sei milioni l'anno ci va e sarebbe poco coglione a non andarci. E' un giocatore da 1-1,5 in tutta Europa, ma ad esagerare. Ha 28 anni! E' vero che ognuno ha i suoi CTQ (critical to quality) dicono glia americani, però 30 milioni in cinque anni buttarli via è dura. Comunque son cazzi suoi o che mi devo preoccupare io, o voi?

    RispondiElimina
  134. Calma, andiamo per gradi, intanto impara a far le pipe!

    RispondiElimina
  135. Giusto. Io per sei carte al mese andrei a fare il metalmeccanico a Perugia, pensa te.

    RispondiElimina
  136. A falle credo che non imparerò. A ricevelle mi son sempre comportato discretamente, ma da signore quale sono, le ho sempre chiamate manifestazioni d'affetto spontaneo.

    RispondiElimina
  137. Lele, te li faceva mettere i guanti? Piazzare la barriera?

    RispondiElimina
  138. È il punto 2) quello che colpisce e ti fa capire perché non vinceremo mai lo scudetto

    RispondiElimina
  139. Comunque Giovinco ( mio idolo incontrastato da ieri) pare che andrà a prendere sette milioni di dollari più tre di bonus, l'anno. Io il contratto lo rispetterei per tutti e cinque gli anni, m'importa sega di fare la mezza figura in nazionale. Questo a 32 anni avrà accumulato 50 milioni di dollaruzzi, mica pugnette. Chiamatelo stronzo, con quello stipendio gli fanno una lamborghini con i pedali alti trenta centimetri, la casa di barbie in muratura e gli scarpini della chicco coi tacchetti in platino.

    RispondiElimina
  140. Eh pure D'Amico, il procuratore, il villone a Cala Moresca se l'é assicurato

    RispondiElimina
  141. stefano vienna19 gennaio 2015 22:27

    Nell'ultima campagna acquisti non è arrivato nessuno, ha ragione Zemanviola, ma non c'erano nemmeno i soldi per comprare. Con quel poco che s'aveva più di un Badelj e un Basanta non li pigli. Tra l'altro, guadagnano pure poco. Quindi, probabilmente, siamo sulla carta da quarto-quinto posto.


    Però.


    L'unico acquisto decente, Marin, non gioca mai. Un altro degli arrivi più validi, Bernardeschi di ritorno dal prestito, non giocava mai. Perchè? Perchè non rientrano nei piani tattici di Montella che sono molto rigidi. Questo purtroppo è un limite di Montella: per lui esiste un solo modo di giocare (a parte variazioni minime) e spesso gioca sempre con la stessa formazione. Altro limite.


    Insomma, i limiti dell'allenatore ci sono, sono individuabili da chi li vuole vedere. Ci si potrebbe anche lavorare sopra, ma Montella è testardo e la società, storicamente, lascia troppa libertà all'allenatore di turno.

    RispondiElimina
  142. Il 6% sicuro. Grande D'Amico, adesso si può ricompare la tinta per capelli.

    RispondiElimina
  143. Neanche Richards, gioca mai. Fino a qualche anno fa era titolare nel City, non nel Feralpisalò. Mah sarà un brocco anche lui.

    RispondiElimina
  144. Certo ci sono anche errori individuali, ma anche Badelj in tre mesi che è a Firenze avrà giocato 180 minuti, un po' poco per pensare di averlo pronto e reattivo all'istante.

    RispondiElimina
  145. Si fino a tre anni fa però negli ultimi due campionati di Premier ha giocato 9 partite in 2 anni, nell'ultimo anno 2. Insomma non era certo in una fase positiva di carriera.

    RispondiElimina
  146. E' vero, ma in un settore nevralgico come quello è difficile aspettare che uno entri a regime se hai alternative.

    RispondiElimina
  147. stefano vienna19 gennaio 2015 22:46

    Sì, ma Richards lo vedo ancora acerbo per il campionato italiano. Al massimo come terzino, ma siamo passati al 3-5-2 e, opinione personale, terzo a sinistra farebbe solo danni. In quel ruolo, esterno sinistro di difesa, poi c'è Savic e Tomovic che dà più affidamento. La difesa titolare la vedo buona anche senza Richards e poco migliorabile dagli altri elementi in rosa.

    Invece, un Marin o un Bernardeschi o un Diamanti (vedremo se almeno lui gioca) potrebbero risolvere i problemi offensivi che persistono ormai da mesi. Se non giocano -o non hanno giocato- è perchè Montella sembra non consideri più la possibilità di cambiare modulo.

    RispondiElimina
  148. stefano vienna19 gennaio 2015 22:48

    Un altro limite di Montella: le dichiarazioni post-partita. Troppo protagonismo, secondo me. Capisco che, nel calcio d'oggi, ogni occasione è buona per crearsi un'immagine mediaticamente vincente -rivendibile poi in un futuro più o meno vicino-, ma mi sembra che Montella cerchi più di mettersi in mostra che di svolgere il proprio dovere, che è quello di rappresentare il gruppo e dare le giuste motivazioni alla squadra e all'ambiente. Quando si presenta davanti alle telecamere, a me sembra di vedere uno spot televisivo scritto, diretto, e interpretato da Montella con soggetto unico Montella stesso. Io, fossi allenatore, cercherei di passare inosservato, un paio di frasi standard e via negli spogliatoi o sul pulmann a motivare i giocatori.

    RispondiElimina
  149. Su Marin sfondi una porta aperta, sono stato perculeggiato da ZemanV per la mia passione per il tedesco e ci ho litigato con lo svizzero. Su Diamanti concordo, dissi subito che era l'unico quasi pensionato che avrei preso (non il Gila ne il fenomeno).
    Sulla difesa: quando sono mancati Savic e Gonzalo, ha preferito adattare Alonso (entrato forse nel cerchio magico?) piuttosto che provare Micah o il povero Hegazy.

    RispondiElimina
  150. Cuadrado ha grande velocità e ottimo dribbling, se lo metti a fare il cavallo pazzo sulla fascia va benissimo, tra l'altro torna(va?) anche a coprire bene. Il suo difetto è che è tatticamente primitivo e, soprattutto, non ha la minima visione di gioco, per cui se messo a fare il trequartista, o la mezzapunta o la seconda punta è destinato a essere inutile, se non dannoso (anche per l'atteggiamento supponente che ha quest'anno). Lo definirei una risorsa tecnica malissimo allocata.

    RispondiElimina
  151. Quel che noi non sappiamo, non conosciamo e cosa chiede Montella a ogni singolo calciatore, cosa chiede di fare e cosa chiede di non fare.
    Il nocciolo é che lui chiede qualcosa che questi calciatori (i titolari per eccellenza/merito/bravura/contingenza) sanno fare o comunque lo soddisfano.
    Ieri parlavo con Guidolin e Mascetti, fuori lo stadio, ed entrambi hanno stravolto qualsiasi idea avessi in testa sullo spogliatoio, sulle motivazione, sugli argomenti del mister per i calciatori.
    Guidolin ha affermato: i giornali scrivono quello che interpretano, e non é mai ciò che veramente dice o attua un allenatore (quanti giornalisti competenti esistono di tattica, di moduli, etc.?), un allenatore parla nello spogliatoio di cose, di argomenti che neanche sfiora ai microfoni, un allenatore da precise disposizioni ai singoli e se giocano epé perché soddisfano le aspettative del mister, al netto degli errori causati o che comunque fanno parte del gioco.
    Io avevo iniziato discutendo di modulo, di posizionamento dei singoli e Guidolin ha affermato "Io Cuadrado non é che non lo consideravo, non lo vedevo funzionale al calcio che intendo io; ognuno ha le sue "direttive" che vuole eseguite. Quanti allenatori danno l'ok a cessioni che noi definiamo strane o non dovute? Evidentemente quel calciatore non é funzionale"....era la risposta alla domanda se conoscesse Marin! E ha aggiunto "Uno come Marin obbligherebbe a stravolgere il modulo sulle fasce, non tornerebbe a coprire o perché non é suo ruolo o perché non ha capacità...e i moduli sono delicati. Sicuramente ha capacità ma un ingranaggio sbagliato rende difettoso il meccanismo...".
    Guidolin non si esprimeva come un prete, io avevo in mano il panino, se occorre mostro foto....Emiliano Mascetti annuiva.

    RispondiElimina
  152. Non mi convince del tutto quello che dice Guidolin, è molto pro-domo sua e "casta" allenatori.
    Il concetto "non lo vedevo funzionale al calcio che intendo io" è limitativo, se a Guidolin avessero comprato Messi e lui non lo avesse fatto giocare perché non funzionale, cosa avrebbe cheaveva sbagliato Giaretta

    RispondiElimina
  153. stefano vienna19 gennaio 2015 23:52

    Guidolin è il pretino più pretino che c'è. Prandelli in confronto è un epicureo. Che Dio ci scampi dai pretini.

    RispondiElimina
  154. Boh....quindi ha parlato in allenatorese...

    RispondiElimina
  155. stefano vienna19 gennaio 2015 23:57

    Bè sì, Guidolin ha ragione, l'utilizzo di Marin richiederebbe una trasformazione tattica che Montella non vuole provare, forse per inesperienza o per insicurezza. Questo però è un limite, un limite tipico di allenatori alla Guidolin, bravini, ma non da grande salto.

    RispondiElimina
  156. Giandonato (pupillo di Traversi) al Catanzaro...

    RispondiElimina
  157. Concordo. Secondo me è anche il limite attuale di Montella, più ambizioso e sfacciato di Guidolin, ma poco esperto. Uno come Ventura - ricordato da Foco qualche giorno fa' - come Reja (lo cito giusto per farmi criticare di nuovo) sono allenatori che hanno magari magari meno talento di Montella ma che sono stati costretti negli anni a giocare con materiale umano di maggiore varietà. Non per fare il vecchio, ma l'esperienza conta.

    RispondiElimina
  158. stefano vienna20 gennaio 2015 00:17

    Io in passato feci l'esempio di Mondonico, ma siamo sulla stessa linea (l'unico appunto è che Reja però a me non piace proprio).

    RispondiElimina
  159. Reja era una provocazione, feci il suo nome come traghettatore in caso di esonero/dimissioni di Montella in quanto mi sembrava il meglio sulla piazza per sei mesi. Certo non lo prenderei per "aprire" un ciclo, non entusiasma neanche me.

    RispondiElimina
  160. stefano vienna20 gennaio 2015 00:26

    Tata
    Savic-Gonzalo-Basanta
    Joaquin-Mati-Valero-Alonso
    Diamanti-Cuadrado
    Gomez

    RispondiElimina
  161. stefano vienna20 gennaio 2015 00:30

    extrema ratio

    RispondiElimina
  162. Non vedere funzionali al calcio che intende l'allenatore giocatori che poi si vendono, altrove, a trenta milioni, qualche dubbio sulle capacità dell'allenatore di utilizzare le risorse lo pone. Marin non copre. O omo, ma si sta parlando di un trequartista-seconda punta, ma perché Giuseppe Rossi copre? Cuadrado coprirà anche, nel suo casino quantità ne fa, ma ti tarpa ogni logica di manovra offensiva. Se l'allenatore cominciasse a cercar di ottenere il massimo dalla gente che ha cercando invece di modidicare, per quello scopo, il calcio come lo intende lui?

    RispondiElimina
  163. Orsi non Osti

    RispondiElimina