.

.

lunedì 5 gennaio 2015

L'olio di Argan

Il capro espiatorio è ricercato almeno quanto un capro firmato, e in questo periodo di saldi ognuno può sognare di portarsene via uno davanti al quale aveva sospirato durante la durissima stagione del prezzo intero. C’è chi, tra tutti coloro che hanno l’indole più artigianale, che quando è molto piccolo, lo trasformano addirittura in formaggio per farne un caprino espiatorio. Io che malgrado sono un convinto sostenitore di Montella, oggi scrivo una poesia per tutti coloro che invece lo ritengono inadeguato come allenatore, ma perfetto come capro espiatorio. Una poesia al contrario. E grazie a questa ognuno potrà dimostrare all’altro il proprio disprezzo. Non vale solo per il napoletano naturalmente, vale per qualsiasi altro capro espiatorio, si anche per l’ex para, diventato Sparapanzaneto dopo averci rivelato le ragioni che lo porteranno lontano dal suo presente così poco autonomo. Vale anche per quello che viene considerato l’abc del capro espiatorio, da quelli cioè più Arcigni fino a quelli più ironici come Benigni, per passare al più marchigiano dei Cognigni. Per la propria ex. Per uno dei due fratelli Della Valle alla volta. Anche se per qualcuno sarebbe meglio considerarli sempre in coppia per avvalersi del plurale e quindi definirli caproni espiatori. Ma ancora non sono riuscito a scrivere una poesia così piena di disgusto rivolta a un ménage à trois, oppure ad una famiglia allargata. Del resto sono un poeta conservatore, tanto che per conservarmi meglio la Rita mi fa dei trattamenti viso con olio puro di Argan. Mentre quando ero ancora senza rughe, sull’Argan ci studiavo storia dell’arte. Si insomma studiavo, quando l’ho venduto in via Laura sembrava ancora così giovane, come se avesse ricevuto tutti i benefici che solo l’olio di Argan può darti. Fino a sembrare mai aperto.

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni...
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.
Ma vaffanculo.


157 commenti:

  1. Pare che Pradè e Montella stiano snobbando Mutu, ora basta, tornatevene tutti e due a Roma a far danni! Il tecnico l'ho sempre difeso, nonostante le crescenti castronerie, ma ya basta!

    RispondiElimina
  2. A Santo Domingo non c'è obbligo d"estradizione. Ma la storia col Chelsea ? Comunque, Deyna, Montella, non considerando Mutu, farebbe finalmente qualcosa di positivo, eh eh.

    RispondiElimina
  3. In questi giorni si parla tanto di riconoscenza, ebbene la Fiorentina dell’era DV deve TUTTO a Mutu, senza il Fenomeno non avremmo mai visto i campi dell’Europa che conta, né sentito la musichina della CL. Si deve aver rispetto per i simboli Viola, meritava una possibilità, poi se non andava stava in panchina, ma non si manca di rispetto a chi ha fatto le tue fortune. Per considerare chi, poi? Quei brodi di Giovincolo©, Diamanti, e compagnia "bella", gente tra l'altro non giovane, che gioca in Cina o non gioca in italia? Ci porteranno un nuovo Matri?

    RispondiElimina
  4. Se Montella fa una sgarbo del genere a Mutu entro a pieno titolo nella legione dei contro, per motivi magari opposti ai tuoi, ahah. Ho ancora da capire quanto forte sia il legame e l'identità di vedute con Pradè...Se è forte, via entrambi, e non prendiamo mai più dirigenti e allenatori dalla Roma.

    RispondiElimina
  5. Mi sembra invece la prima cosa logica che fanno da molto tempo a questa parte. La Fiorentina ha bisogno di molte cose, ma non certo di Mutu. Siamo obbiettivi e lasciamo perdere il sentimentalismo.

    RispondiElimina
  6. In quel caso non far trapelare niente, anzi non lo contattare neanche, non ci pensare neanche. Prenderlo per il culo così è da dirigenti di terza categoria, e se è quello che ti preoccupa fai ugualmente la brutta figura di aver cercato un 35enne fuori dal calcio che conta. Ma che hanno nella testa? Montella poi dovrebbe essere più rispettoso verso un fuoriclasse, ha smesso da poco, certe cose dovrebbe ancora capirle. Voglio proprio vedere chi arriva ora. Poi lasciamo perdere pure il sentimentalismo, ma non ci attacchiamo allora a uno col ginocchio in mano, che non si sa quando né come tornerà...Uno che, a proposito di riconoscenza, ha tradito la fiducia datagli dalla Fiorentina - unica in Europa ad aver avuto il coraggio di comprarlo - per puntare alla nazionale.

    RispondiElimina
  7. Mutu è di Ramadani, indovina chi lo porta? Che faccia la fine di Marin, Rebic, Tata (ora è quasi obbligato ma non è detta l'ultima, mi dicono di un Montella straincazzato con la società per la faccenda Neto ed ha tutte le ragioni) non è difficile da prevedere. A giugno andranno via tutti, il problema è che rimane Cognigni

    RispondiElimina
  8. Un saluto al grande Pino che mi ha accompagnato per un tratto dei miei anni.

    https://www.youtube.com/watch?v=qr1HBySXBPI

    RispondiElimina
  9. Fulmine a ciel sereno, l'ho ascoltato tantissimo fino a metà anni '80, poi francamente il resto della produzione è abbastanza dimenticabile...Mi dispiace

    RispondiElimina
  10. Guarda che arrivo a dire: se Conhinhi/Ramadani mi portano Rebic [non eran prevedibili gli infortuni, ed era giovane di assoluto valore], Marin [io pensavo al persistere di problemi fisici, ma comincio a pensare alla ripicca, non è possibile che non giochi MAI, quando in EL segna], un discreto portiere come Tatarusanu a zero, Mutu...meglio lui di Pradè.

    RispondiElimina
  11. Grande pinuccio, è un peccato

    RispondiElimina
  12. Deyna peró bisogna esser onesti, pare che la società la chance gliela avrbbe concessa, ma lui sia irrintracciabile, probabilmnete perche indisposto che c abbiano pensato su.. insomma, se cosi fosse sarebbe lui a dover essere un po piu umile e capire che ha 35 anni e va per i36 e da un anno non gioca, e che dubbi una riflessione della società è comprensibile (tra l alrro pare che fossero disponibili). Io sono ra i delusi come te perche avrri preso due punte, una pronta e mutu, e sono fra i delusissimi come jordan per la vicenda neto, peró oramai qui si da la colpa sempre alla societá e ci si affeziona solo ai giocatori. io, personalmente, sono molto affezinato a DV.

    RispondiElimina
  13. Oooooh, il Noumeno, il Noumenoooooo!

    RispondiElimina
  14. Tuttosport, quindi falso.


    http://www.violanews.com/calciomercato/tuttosport-lentourage-di-mutu-nega-lo-strappo-con-la-fiorentina-20150105/

    RispondiElimina
  15. ragazzi che Montella pretenda di vedere correre Mutu prima di far spendere soldi alla società per niente mi pare il minimo comportamento responsabile da parte di un allenatore, non scherziamo... Se Mutu vuole così tanto giocare a Firenze, qual è il problema? Altrimenti può accomodarsi in uno degli altri top club europei che lo vogliono...

    RispondiElimina
  16. sì? Meglio due rotti che non mettono in fila due presenze che Valero, Gonzalo, Pek, Aquilani, Rossi, Gomez... Dai, su.

    RispondiElimina
  17. (Prima di leggere i 16 commenti precedenti): l'ultima strofa chi l'ha suggerita? Masini?
    Bona, Gubernator! Argan ad hoc.
    Quando divenne sindaco di Roma (Argan) già all'epoca con finanze disastrate, volle vedere tutta la lista delle uscite; arrivato alla voce "Cibo per cani e gatti, canile" decise di cassare quella voce e da li la leggenda/storia della frase "Non c'é trippa per gatti"....che si adatta un po' al mercato viola di adesso.

    RispondiElimina
  18. Si stanno avvelenando tutti con l olio di hogan

    RispondiElimina
  19. Mhm....con frizioni di questo tipo tanto valeva azzerare tutto a maggio scorso. Ho appena letto che Prade' aveva da tempo messo gli occhi su Sepe per l'anno prossimo. Sarà vero?

    RispondiElimina
  20. DEYNA, l'inconscio parla e trascrive; più giù, quando commentavi di Mutu hai scritto "....rispetto...etc etc.....uno che ha smesso da poco..."(più o meno il senso é questo). Ecco, lo hai scritto: ha smesso. Se davvero voleva giocare a calcio non stava a Miami, stava da qualche parte, magari anche al Quattro Strade, ad allenarsi.
    Rispetto si, per Mutu, il campo no. Sarebbe un altro da riabilitare, dopo Marin e Richards. Basta, basta, basta, basta con mezzi rotti, infortunati, reduci, over 32.
    Basta.

    RispondiElimina
  21. http://www.manolemesterul.ro/index.php/evenimente/661278-adrian-mutu-drama-in-familie-sarbatori-in-spital.html



    Pare ci siano grossi problemi familiari.

    RispondiElimina
  22. No, dicevo che Montella ha smesso da poco di giocare, non Mutu, quindi dovrebbe capire ancora un fuoriclasse. Seguendo la tua linea dunque un no secco a Diamanti, quasi 32enne, e ai margini del calcio vero con un rendimento modesto in Cina.

    RispondiElimina
  23. A forza di niet secchi torna in campo Yako

    RispondiElimina
  24. A sto punto è la viola che porta sfiga.

    RispondiElimina
  25. Piuttosto, speravo che con l apertura del mercatipo ci fossero giá 3\4 colpi in uscita programmatu (i soliti 3, almeno). Sara veramente dura darli via, speriamo negli arabi e che lazzari accetti di decurtarsi lo stipendio per andare a cagliari.

    RispondiElimina
  26. Che ne pensate di sogliano-. Berta?

    RispondiElimina
  27. http://www.violanews.com/news-viola/mutu-ho-rifiutato-la-fiorentina-per-stare-con-mia-madre-20150105/

    RispondiElimina
  28. Peccato brilliantul, sarebbe stato un ritorno gradito. Ennesima conferma delle notizie false dei giornalai, ad ogni modo

    RispondiElimina
  29. Comunque utili per trovare il modo di dare nuove responsabilità a Montella. In un certo senso Vincenzo nell'immaginario collettivo toscano ha sopperito al bisogno di un Berlusconi.

    RispondiElimina
  30. Riguardo a Mutu, MOntella si è comportato benissimo. Vedere prima di comprare è l'atteggiamento giusto.

    RispondiElimina
  31. Deyna, dai su', svegliati, siamo nel 2015 è dal 2009 che sei appisolato. Guarda che nel frattempo Mutu da ottimo giocatore, è diventato un ex calciatore in vacanza a S.Domingo, dimora di delinquenti inseguiti da fisco e vicende giudiziarie varie. Su' Deynuccio, domani si gioca a Parma, mica il ritorno col Liverpool: Ahahahahahahah

    RispondiElimina
  32. Faccio solo notare che Berta è di Orzinuovi...

    RispondiElimina
  33. LELE, scusa una domanda, ho visto dallo svizzero che continui a citare la vendita di Romulo (a un prezzo comunque dignitoso) come un grande errore... Ma il fatto che quest'anno, finora, abbia giocato in 4 mesi per ben 100 minuti (una partita da titolare in campionato contro l'ultima in classifica, un subentro negli 8 minuti finali contro il Milan e un ingresso in pieno recupero per perdere tempo sul 2-0 col Malmoe), non ti fa cambiare idea? Non è che forse è stato sopravvalutato l'estate scorsa perché aveva azzeccato il livello giusto a Verona, e resta un buon giocatore ma non certo di più, non certo un titolare da Juve e probabilmente neanche da Fiorentina? È incompetente anche Allegri?

    RispondiElimina
  34. in quanto a Cerci, quello che ho sempre letto è che a Montella fu chiesto di scegliere tra lui e Ljajic, e lui scelse il secondo. Secondo me fu un'ottima scelta. Errore della società non rinnovare subito, ovviamente, ma io tra Adem e il romano continuo a non avere dubbi, il campione è il serbo.

    RispondiElimina
  35. se l'Inter davvero prende Shaqiri, l'Uefa è meno credibili dei vigili urbani di Roma...

    RispondiElimina
  36. M te tu ti sei innamorato di Sepe o che l'ha' mvisto ai' gabinetto?

    RispondiElimina
  37. credo che sia vera la notizia di BELVA, dato che sembra che Sepe abbia il contratto in scadenza nel 2015. A parametro zero non sarebbe niente male. Ma sinceramente credo che il Napoli un'offerta gliela faccia, dato che Rafael dà tutt'altro che garanzie...

    RispondiElimina
  38. Romulo è un ottimo esterno, ambidestro, con molta gamba, non è di sicuro un centrocampista e la Juve è sinceramente troppa roba. Dovrebbe giocare al posto di Liechtesteiner che è più forte. Visto che a destra a fare il 3-5-2 non abbiamo nessuno perché ci si è incaponiti a fare di Cuadrado un tuttologo nullafacente per bene, ci poteva far comodo, ,ma Montella l'ha bocciato evidentemente. Non è comunque un fenomeno ma un buon giocatore se impiegato bene, sì, come ha fatto vedere a Verona.

    RispondiElimina
  39. sì, appunto, un buon giocatore, ma non uno che andato via sta spaccando il mondo ad alti livelli. Siccome Lele continua a citare Romulo e Cerci come massimi esempi dei danni fatti da Montella alla Fiorentina, cerco di capire quale sia il ragionamento dietro, perché non mi convince. I difetti di Montella in panchina li posso vedere, ma nella scelta degli uomini ancora gli devo veder fare un errore macroscopico.

    RispondiElimina
  40. Io anche su Cerci ci andrei piano. Giocatore con indubbie doti tecniche ed atletiche ma molto difficile da gestire e da inserire in un gruppo. E' andato bene solo con Ventura! a casa sua era emarginato e quasi smetteva di giocare, a Firenze alti e bassi, grandi prestazioni e polemiche e periodi bui, all'Atletico, con un sergente di ferro come Simeone, via a calci in culo. Insomma per me il campione è un'altra cosa. Mi pare come i ragazzi difficili a scuola, quelli che hanno bisogno dell'insegnante di sostegno, ma il calcio è un'altra cosa.

    RispondiElimina
  41. ma infatti l'ho scritto sotto: la scelta fatta da Montella di preferire Ljajic a Cerci, per quanto mi riguarda, fu ottima, e la sottoscriverei ancora. Tant'è che Ljajic, pur con tutti i suoi limiti, si sta guadagnando spazio in una squadra che lotta per lo scudetto, mentre Cerci una stagione decente sopra il settimo posto la deve ancora fare...

    RispondiElimina
  42. La società ha enormi difetti, tra i quali non ci sono diktat al tecnico, a meno che non lo si voglia sollevare sempre e comunque da responsabilità che gli competono, come spesso leggo nei tuoi scritti. Dove tu abbia letto poi di quella su Cerci mi risulta ignota, a memoria. Cerci io non lo avrei mai e poi mai ceduto. Ragioni tecniche e spiego: il gioco di Montella è molto prevedibile e lento. Infatti le ultime belle partite, lontane nel tempo, sono vissute sui guizzi di Rossi e Cuadrado. In Italia gente capace di questi, oltre che saltare l'uomo per mettere in superiorità, sono rarissimi, noi avevamo il colombiano e lui, due che potevano agire sugli esterni, creando non pochi grattacapi agli avversari. Il tecnico, e solo lui, ha deciso che poteva farne a meno, cazzata per me, giustificabile solo se ottenevi una gran bella cifra. Il capolavoro che è sortito, in 18 mesi se ne sono privati tecnicamente e il Toro ha fatto plusvalenza di 11. Io proprietario, mi sarei incazzato come una bestia. Aggiungo che, appreso da fonti certissime, la vita extra calcio di Cerci non era quella descritta. Romolo era ed è buon esterno, ma anche jolly, sempre pronto, mai una polemica. Nonostante questo, venduto per poco al Verona, poi alla Juve, dove è ingiudicabile perché infortunato. Per lui vale lo stesso discorso di Cerci. Gravissimo, per me e certo non per i montellas, che il tecnico richieda il questo mercato di riparazione, un esterno. Icche' fa, piglia per il culo? E ce n'aveva tre un anno e mezzo fa, due, e li ha lasciati andar via, colpevole lui,. Per pochi denari, colpevoli i DS. Ecco uno solo dei perché chiedo tabula rasa, sono inadeguati tutti.

    RispondiElimina
  43. Conferenza stampa: se l'é cavata. Lasciando agli apostoli di Montella il compito di sbizzarrirsi nell'interpretare le diverse chiavi di lettura, noto che:
    - considera Diamanti un giocatore "pronto" e idoneo ad integrarsi con Gomez;
    - chiede un altro portiere per tenere Neto in panca;
    - non sottovaluta l'impegno di domani per l'effetto post vacanze.

    RispondiElimina
  44. A rischio di farmi sfiorare da un vaffa ti faccio sommessamente notare che è pagato , come ogni tecnico, anche per fare da parafulmine

    RispondiElimina
  45. Comunque nessuno vuole convincere altri di parere diverso, ci mancherebbe.
    Voglio solo far notare che l'attuale casino che regna in società, che vede colpevoli e vittime rinfacciarsi responsabilità, era qui sul Sitollock ampiamente previsto solo da due persone: il Colonnello ed il sottoscritto.
    Lui chiedeva la testa di Montella da gennaio scorso, io, pur criticissimo, a giugno. Il giocattolo stava scricchiolando da tempo e l'assenza di Rossi che risolveva le partite, ha fatto il resto. Il tempo è stato galantuomo anche coi DS, smascherandone l'improvvisazione che allora era parsa genialità, quella che frutto' il primo notevole anno che ha tutti illuso. In poco tempo siamo passati da sbeffeggiare Corvino a rivalutarlo alla grande, visto che si devono a sue intuizioni le risorse dei mercati ultimi. A giugno faranno repulisti con un anno di ritardo, impoveriti tecnicamente ed economicamente.
    Almeno su questo credo si sia d'accordo.
    Via tutti.

    RispondiElimina
  46. Ludovico, l'apostolo finto-elvetico di Montella, ha già cominciato ad elevare alti lai, avendo sentito dire al suo Santino di essersi sentito solo nella vicenda Neto. Il teatrino dunque sta andando avanti in questa stagione maledetta in cui tutti sembrano aver perso la trebisonda. Personalmente io non mi aspetto più nulla di buono da questa annata, per la semplice ragione che non ce n'è uno che abbia le idee chiare sul da farsi. Per fortuna non corriamo pericoli di retrocessione, ma, se le cose dovessero continuare ad andare avanti così, temo fortemente che non riusciremo ad andare neanche in EL:

    RispondiElimina
  47. D'accordissimo, Lele. A giugno, via tutti. Purtroppo Cognigni rimarrà e saremo punto e daccapo.

    RispondiElimina
  48. il tecnico ha deciso di fare a meno di Cerci perché aveva un'alternativa, cioè Ljajic. Se rimuoviamo fattori dall'analisi, diventa difficirle farla corretta. E allora la si deve buttare in rissa, inventarsi "i montellas", ecc. Boh, vabbé, non importa, non mi va di litigare.

    RispondiElimina
  49. a me sembra che abbia detto le stesse cose che diciamo tutti da giorni:
    - su Neto la situazione che si è creata è orrenda, in particolare per l'annuncio pubblico, e quindi ora bisogna solo provare a limitare i danni, e non sarà facile;
    - Mutu era un fenomeno ma bisogna vedere come sta fisicamente.
    Su tutto il resto, da Marin al mercato, non vuole dire niente in pubblico, ormai lo sappiamo, il suo stile è quello, può piacere o non piacere ma sarà difficile sentirgli dire qualcosa che già non sappiamo.

    RispondiElimina
  50. Tra le altre cose Montella ha detto quello che ieri qui ha scritto Jordan: "A me non dà fastidio far giocare un giocatore in scadenza, ma qui si tratta di un portiere. Si è ufficializzato tutto troppo presto, creando un problema ad allenatore e squadra."
    La vicenda è stata gestita malissimo, in più da tempo questa società ha enormi problemi di comunicazione, anni fa sembrava fosse colpa di Corvino, evidentemente il problema è a monte.
    A proposito, Gino Salica che fine ha fatto?

    RispondiElimina
  51. Sono sulla linea di Mcguire. Finchè ci rimane Gnigni sarà vita dura fare le cose per bene per chiunque. Voi date la colpa a Montella che, per me, con i suoi difetti ed i suoi errori, è una vittima, come lo è, ancora di più, Pradè al quale do l'unica importante colpa di non aver mandato tutti al gas.

    RispondiElimina
  52. E' paradossale dare la colpa a Montella per aver snobbato Cerci ed esaltare Simeone che invece lo ha bocciato.

    RispondiElimina
  53. Questo l'avrebbe capito anche un bambino dell'asilo ma non so cosa si aspettavano. Che per la paura dello sputtanamento firmasse? Davvero non so che giravolte mentali faccia quell'unico neurone che sembrano avere nel capo. Si son privati dall'oggi al domani del portiere titolare per il gusto di nulla. Non hanno il minimo concetto di come gestire queste situazioni. Come mai i casini per i parametri zero succedono solo da noi? Tevez ha detto che non firmerà a fine anno prossimo, Non mi risulta nessuna sollevazione popolare in quel di Stupinigi. Né mi risulta che tatarusanu sia finito in panchina allo Steaua, eppure che veniva via a zero era ben noto anche là, ma non avevan fatto piazzate. L'unico cjhe riesce ad imbastire casini simili è Lotrito, ma che bel termine di paragone!

    RispondiElimina
  54. Neto non era sereno già da tempo. La dimostrazione sono certi errori delle ultime partite (compreso Cagliari). Questo è il problema, e far finta di niente non ci avrebbe aiutato per niente.

    RispondiElimina
  55. Vero. Ed è un meccanismo che si reitera. Per questo risulta difficile pensare che sia solo un problema di incapacità di singoli

    RispondiElimina
  56. Di errori ho visto solo quello di Cesena e con l'Empoli ti ha salvato il pareggio. Comunque se metti uno con le spalle al muro a campionato in corso, se lo metti in queste condizioni che ne risenta può darsi. Per questo non devi far casino, cerca di sapere ma tra quattro mura. Come mai Tata ha giocato tutto il campionato e non gli ha rotto i coglioni nessuno allo Steaua, eppure anche lui portiere nazionale, vecchio della squadra, aveva rifiutato le offerte e se ne andava a parametro zero. Siamo dei pecorai compreso quel minus habens del fratellino minore che mi sembra una checchina isterica. Montella in conferenza stampa aveva mille ragioni e credo che si sia contenuto molto. Lo dicono incazzatissimo.

    RispondiElimina
  57. Cognigni, per paura che i tifosi si incazzassero con lui per come era stata gestita la faccenda, ha imbastito lo show con il comunicato, lo striscione, ecc., in modo da creare il capro espiatorio, approfittando ovviamente anche del fatto che Neto tutta pulita non l'ha fatta. Ma ora questo crea a Montella l'ennesimo casino da gestire nello spogliatoio, nel rapporto con i tifosi, nel rapporto con la società... Spero che l'allenatore ne sappia uscire, anche se obiettivamente dubito che abbia l'esperienza necessaria per gestire al meglio una situazione del genere.

    RispondiElimina
  58. beh vorrei vedere che non fosse incazzato, perdere il portiere titolare a gennaio è una cosa che personalmente non ho mai visto in vita mia. Spero che Pradè, Cognigni, Ramadani o chi per loro riescano a tirar fuori un coniglio dal cappello e a darlo per una manciata di milioni al Liverpool come sembra, sarebbe davvero un modo miracoloso di limitare i danni.

    RispondiElimina
  59. A Cagliari c'era rigore ed espulsione per esempio. Tutto dipende da come si è comportato Neto, che prima dice di voler rinnovare e poi non lo fa traccheggiando. Non puoi pretendere che uno si faccia prendere per il culo e poi stia anche zitto. Via!!!

    RispondiElimina
  60. Anche e soprattutto con lo spogliatoio. Neto ha un rapporto ottimo con quasi tutti e vederlo sputtanato così non ha fatto felice nessuno, oltre al fatto che vedere un compagno messo da parte per questioni contrattuali non riempie di gioia. Quando si richiede la concentrazione massima prima di una partita questo è come buttar merda nella minestra. Bisognerebbe che Neto se ne andasse subito. Dicono che è arrivata un'offerta alla soceietà del Liverpool, speriamo, perché se dura questo casino si paga tutti.

    RispondiElimina
  61. sì, la cosa del Liverpool è esattamente quello che ho scritto ora, sarebbe un mezzo miracolo...

    RispondiElimina
  62. Ma che cazzo dici? A Cagliari ha salvato un goal con un'uscita fuori porta e dopo ne ha tentata un'altra, disperata, su giocatore lanciato e solo che non gli è riuscita per un pelo,, i miracoli possono non ripetersi. Che ci fosse un rigore lo dici tu, comunque han fatto goal e non certo per colpa sua. Per il culo si fa prendere chi non sa fare il suo mestiere e non decide quando c'è da decidere. Comunque poi, se te lo sei fatto mettere nel culo, stai fermo, se ti muovi fai il suo gioco. Qui non facevano nemmeno il suo gioco, ma di sicuro nemmeno il loro. Han fatto più danni della grandine. Sono indifendibili e se ti senti e ti risenti l'intervista dell'allenatore forse lo capisci.

    RispondiElimina
  63. riciccia fuori, come a ogni gennaio, il nome di Gaston Ramirez. Premesso che non ci credo, qualcuno l'ha visto in Premier? Ai tempi del Bologna non mi dispiaceva, però i suoi numeri degli ultimi anni sono davvero sconfortanti...

    RispondiElimina
  64. In questa offertta del Liverpool credo che Pradè, Cognigni, Ramadani c'entrino poco. Il Liverpool, con la Roma soprattutto, è sulle piste di Neto da tempo, forse è proprio quella più avanti e visto quel che è successo sta giocando d'anticipo. Ora se non si titillano la minchia per fare un'asta e risolvono alla svelta forse ci si cava. A questo punto meno ci sta Neto a Firenze e meglio è.

    RispondiElimina
  65. Sembra che Badelj abbia lasciato i campini. prima dell'allenamento, senza che si sia voluto fornire nessuna spiegazione. problemi personali o un altro casino in vista?

    RispondiElimina
  66. dipende da quanta fretta hanno. Se poi, come sembra, saranno carichi di soldi per la vendita di Sterling, diventa tutto più facile...

    RispondiElimina
  67. Aveva dimenticato di passare al centro commerciale a comprare dolci e regali i per la befana. Ha chiesto il permesso.
    Visto che quel che é successo in 10 giorni, neanche mi meraviglierebbe una faccenda del genere.

    RispondiElimina
  68. Ma secondo voi i DV avranno capito il casino che Gnignigni ha combinato con l'affare-Neto? Oppure crederanno a quello che presumibilmente dirà lui ("grazie a me abbiamo preso un portiere più forte a parametro zero, lui è il nuovo Montolivo", ecc...)?

    RispondiElimina
  69. Secondo me è tutto ingigantito oltre il reale valore del giocatore. Questa è la mia premessa e opinione. Quindi per me si può andare avanti senza fare isterismi. L'allenatore si lamenta perché vengono a modificarsi gli equilibri. Ma lui è lautamente pagato, e la sua è un'amarezza professionale, mentre chi l'ha preso nel culo è la società. E si parla di tanti soldi. E' giusto che dica le cose come stanno primo per rispetto dei tifosi e poi se è possibile per creare i presupposti della cessione immediata. Il tappeto rosso mi sarebbe sembrato troppo anche a me che sono un buono. Troppo anche per me che per non farlo intristire in tribuna lo manderei in Fiesole dove troverebbe tutto l'affetto possibile ah ah ah.

    RispondiElimina
  70. Da oggi é in atto una tenzone particolare: chi in porta a Parma.

    Giocando Neto avremo:
    a) Montella che impone scelta tecnica rispetto a quella societaria, tiene huevos (?!!!),
    b) crepa accentuata tra parte tecnica e parte "economato",
    c) Tatarusanu che penserà "Ma come? Mi avevano detto/fatto capire che....". Scontento, probabilmente.
    d) Lazzerini muto (mutu?).

    Giocando Tatarusanu:
    a) la società impone sua scelta (Cognigni divide-con Rama?- et impera),
    b) crepa accentuata tra parte tecnica e parte "economato",
    c) Neto che passerà 6 mesi in panca,
    d) Lazzerini rinfrancato e magari motivato per il futuro.

    A quanto sembra la "b" (volgarmente denominata K) sarebbe la costante che torna a fare capolino.
    Aggiungo (al pensiero di LELE) un dettaglio che non auguro al miglior tifoso viola: il rischio di un altro anno (due?) low-profile, come lo furono nel dopo Pranda.
    La ciclicità riguarda anche questa faccenda.
    Spiego: ripianare 30 cocozze, mercato in uscita che non prende nulla neanche ora che ci sono i saldi (quindi entrate pochissimo o nulla, occorrerà solo per diminuire monte-ingaggi= gioia dell'economato), impossibilità ad acquistare anche e solo un low-cost...come faremo mercato estivo, se non cedendo un pezzo pregiato (minimo), quindi facendo ancora scendere monte ingaggi(= gioia in economato)?
    A me é stato insegnato (guarda caso dal procuratore di Giovinco, spesso in riva al Lago di Garda) che i club iniziano a febbraio/marzo a programmare.
    Problemi, questioni, senza soluzione di continuità che a Firenze vengono procrastinate quando oramai sembra tardi.
    Non é vero dei ritardi? 85% campagna acquisti fatta l'ultimo giorno di calciomercato, Neto portato ad essere un bubbone, che poteva essere risolto molto molto prima. Due indizi fanno una prova.
    Voglio i DV, li voglio come presidenti/e ma metta degli uomini di calcio, quelli che lavorano sfasati, cioè sono sempre 6 mesi avanti.
    Vero (credo lo abbia scritto VALTO o BELVA), a noi manca sempre un passo per varcare una porta importante. Per ora l'ha varcata Neto, a quanto sembra. Noi? Piantati sulla linea, non siamo "usciti" nella nostra area piccola.

    RispondiElimina
  71. credo di sì, dato che do sempre per scontato che se certe cose le noto io, che sono l'ultimo degli stronzi e ne leggo su Internet, chi c'è dentro le sa da tempo. Il punto è se decideranno di agire di conseguenza, cosa sulla quale sono piuttosto scettico. La mia impressione è che lo scazzo con Corvino abbia provocato in loro una diffidenza enorme verso i professionisti del calcio, e che ci vorrà un bel po' prima che diano a un professionista del calcio l'autonomia di cui ha bisogno.

    RispondiElimina
  72. "Secondo me è tutto ingigantito oltre il reale valore del giocatore. Questa è la mia premessa e opinione. Quindi per me si può andare avanti senza fare isterismi"....esatto POLLOCK.
    La questione non é "Neto", la questione é "lo staff".

    RispondiElimina
  73. ..ieri, oggi e domani...SEMPRE SARAI IL MIO PORTIERE!!!!!

    RispondiElimina
  74. Sopra, francamente Neto non mi appassiona. Come non mi appassiona più di tanto chi oggi scende in campo. Quello che un tempo invece era il calcio. Oggi un manipolo di mercenari spalleggiati dal peggio del peggio che il calcio ha generato e che sono i procuratori. Io da debole parteggio per i deboli, e quindi sto dalla parte delle società. Per me sono solo dei pazzi chi decide di mettere soldi in questo merdaio. E quindi ribadisco nello specifico caso Neto che il problema non è lo staff ma il giocatore.

    RispondiElimina
  75. ho fatto l'errore di ascoltare il Pentasport. Calamai è riuscito a dire, in tre frasi diverse, prima che Diamanti ha 34 anni, poi che ne ha 35 e poi che ne ha 36. Per la cronaca, ne ha 31. Questi sono i professionisti dell'informazione sul cacio...

    RispondiElimina
  76. Quello che più che mi dà noia di tutte 'ste storie, è il fatto che siamo a tre punti dal terzo posto e in un momento che deve essere decisivo per staccarsi da quelle formazioni che verranno destabilizzate dai movimenti di mercato.
    Serve uno scatto in avanti e, per poterlo fare, servirebbe tranquillità.
    Io lo abolirei il mercato di gennaio.
    Comunque, domani si gioca. Siamo senza Borja e col rischio di trovarsi davanti una squadra messa a specchio nel 3-5-2. Kurtic in campo sembra inevitabile, visto che Aquilani è sempre a mezzo servizio e che Badelj pare marcar visita.
    Il pericolo della partita di domani, per me, non è nella cifra tecnica del Parma, che avevo battezzato in serie B a settembre, ma nell'uno contro uno che si verrebbe a formare con due squadre tatticamente speculari. Col Cesena , che pretendeva di poter far male, ci è andata bene, visto che ogni duello ha visto prevalere la nostra caratura superiore, ma Donadoni non è matto. La mia paura è che i crociati si chiudano quasi esclusivamente per non subire, trasformando i duelli singoli in vere e proprie marcature a uomo. È uno scenario che, con Cuadrado seconda punta, potrebbe bloccarci, come spesso accade, al limite dell'area avversaria. Fortunatamente Cassano e Palladino sono attaccanti che non hanno nella velocità la loro migliore caratteristica e questo mi tranquillizza un po', con l'attuale scelta di tenere la difesa molto alta che adottiamo.
    Se stesse bene, io opterei, una volta tanto, per Vargas interno, con la doppia funzione di rottura e di aiuto ad Alonso sulla fascia, in modo da avere sempre una doppia possibilità per mettere cross al centro. A destra riporterei Cuad, per il missmatch tecnico e fisico col vecchio Gobbi, giocatore intelligente ma dal passo molto più lento. Davanti le scelte sarebbero obbligate dalla penuria acuita dal forfait di Baba. Dovrebbe giocare Marin, se sta bene, anche per aumentare la rapidità del gioco offensivo, oltre che per puntare i tre centrali parmensi, molto lenti soprattutto correndo all'indietro.

    RispondiElimina
  77. Eh, L'ho fatto anch'io, l'errore, ed è stato esattamente a quel punto che ho spento...

    RispondiElimina
  78. allora ti sei perso un'altra perla: non serve una seconda punta perché c'è Bernardeschi, e chissà perché Montella non punta su Bernardeschi, ecc., con i conduttori imbarazzatissimi che non sapevano come fargli notare che Bernardeschi è rotto e tale resterà ancora per un bel po'...

    RispondiElimina
  79. Bè questo significa che a nella fabbrica di Casette D'Ete (ammesso ci sia rimasto qualcosa) nessuno li ha mai delusi?
    Scusate ma ce lo vedete un direttore di produzione che viene giudicato incompetente rimpiazzato STABILMENTE (non temporaneamente) da un capo del personale o da un direttore amministrativo?
    No dico, si fa un bel parlare, e giustamente, che le società di calcio sono DIVERSE ma in questo caso, se le cose stanno veramente come si dice, stiamo parlando di qualcosa che va al di là.
    L'unica maniera per giustificare questa serie vera e propria di cazzate è che Diego ne sia stato preventivamente informato ed abbia approvato pure.
    E in questo caso non ci sarebbe più assolutamente scampo.

    RispondiElimina
  80. Marin? Lo porta la befana?

    RispondiElimina
  81. Tata; Savic, Gonzalo, Basanta; Cuadrado, Badeli, Pek, Mati, Vargas; Gomez, Marin

    RispondiElimina
  82. sì ma infatti questo dicevo: credo che i DV si siano ben resi conto che Gnigni fa cazzate. Ma preferiscono uno che fa cazzate ma tiene i conti in ordine piuttosto che uno bravo che poi alla fine lascia i casini, come fu il Corvo. Il fatto che finalmente le cazzate di Gnigni abbiano fatto saltare anche i conti mi lasciano qualche speranza su un intervento...

    RispondiElimina
  83. Vero..... da quando era passato al Pop, oltretutto melodico, aveva perso freschezza, si era un po' accomodato......
    Però la prima produzione era inimitabile.
    Un' altro Grande che se ne va ed era pure giovane.

    RispondiElimina
  84. Ok, Badelj non è stato convocato, allora Kurtic

    RispondiElimina
  85. Azzz..eccezionale. Pure io ieri proponevo Vargas per gli stessi motivi. "Kurtic inevitabile" è ottima ah ah ah

    RispondiElimina
  86. Anche il mio. Tu lo dici per prendere per il culo. Io no.

    RispondiElimina
  87. È ciò che adombravo in un commento precedente. La reiterazione di comportamenti induce a pensare che non si possa addebitare tutto alle estemporanee iniziative di un
    singolo ma che bensì gli accadimenti rientrino in un perimetro di direttive.
    Resto in ogni caso dell'idea che l'avere una società economicamente solida sia un valore di per sé perché il peggio è sempre dietro l'angolo

    RispondiElimina
  88. Oggi si è dato contro a Montella perché si pensava aver fatto ostruzione al ritorno di Mutu. Poi si è dato colpa al clima di confusione per il fatto che Badelj se ne fosse andato dall'allenamento. Forse la febbre non ce l'ha solo lui.

    RispondiElimina
  89. Gentile Master&Commander, la responsabilità , a mio parere e senza isterismi, non porta mai la firma di una unica singola parte.
    In questo tipo di giochini è piuttosto chiaro ormai che i due contendenti devono fare a gara a scoprire il deretano del proprio interlocutore senza, al contempo disegnare un bersaglio sul proprio e metterlo in bella mostra.
    Non è mica una novità per gente che si vuole credere così scafata.
    In tutti i casi fin qui delineati, seppur ciascuno con i propri distinguo, la società ha disegnato una bella "H" gigantesca sul proprio deretano e ci ha fatto atterrare in tutta tranquillità l'elicottero del giocatore, procuratore a bordo con l'asta da selfie sfoderata e ben puntata.
    In particolare nell'ultimo caso, gli schizzi di sostanza marrone hanno coinvolto pure il mister.
    Che dire vedremo a giugno che succederà, ma la mia paura è che il cerchio si chiuda, come dice il Sopra, con il consueto paio d'anni di Asinis......

    RispondiElimina
  90. Che chi paga sia il debole è un'interpretazione abbastanza originale. In genere chi ha i quattrini comanda, a meno che non sia coglione, ma, se è coglione, è bene che nel calcio non ci entri. Non è terreno da fave.

    RispondiElimina
  91. Lo spero anch'io, ma mi faccio pochissime illusioni. A giugno se ne andranno sicuramente Pradè e Montella, quasi sicuramente Macia. Purtroppo Gnigni è l'uomo di fiducia di Diegone e solo lui può cacciarlo. E sarà sempre troppo tardi.

    RispondiElimina
  92. Non è detto se Gnigni lo riportasse ad occuparsi delle scarpe forse non andrebbe via nessuno, ma se dovessi scegliere tra il levar dalle palle il laureato in scienze politiche e qualsiasi altra soluzione, sarei per quella.

    RispondiElimina
  93. E' più originale il fatto che tu pensi che lo sia.

    RispondiElimina
  94. Sembra ovvio anche a me.

    RispondiElimina
  95. A parte i discorsi, supposizioni e simpatie tutti legittimi e anche comprensibili, guardiamo i fatti. La Fiorentina ha offerto un rinnovo per 3 anni o 4 (non ricordo) a 1,4 netti l'anno. Neto non ha accettato il rinnovo.

    RispondiElimina
  96. Razionalmente è così, le ultime righe dell'intervento del Sopra sono condivisibili.
    Altrettanto razionalmente tutti sappiamo che ciò che il Sopra si augura ha scarsissime probabilità di accadere, anzi la cosa più probabile è che si vada verso un altro paio di anni di "rientro" dai debiti, specialmente (e qui si apre un mondo) se il traccheggìo con la vicenda Stadio dovesse seguitare.
    Per questo istintivamente NON POSSO NON ESSERE DACCORDO CON ZV (Vittorio o non Vittorio).

    RispondiElimina
  97. Appunto ma il comandante ancora non ha capito che Neto è un episodio, grave, ma un episodio, il problema serio è cosa c'è alla base di quell'episodio. Un'assoluta mancanza di capacità direzionale, un casino di attribuzioni che nessuno sa quello che deve e può fare e con uno che può e vuole fare quello che non sa fare. Se Neto non vale quello che altri gli offrono perchè ci si sono incazzati tanto? perchè alla fine glielo hanno offerto quasi anche loro? Se uno è una pippa lasciatelo andare dove vuole e fate giocare quello bravo. Ma si voleva ripigliare le spese! Fave, ci dovevate pensare quando eravate in tempo e, caso mai, l'ambaradan farlo allora, possibilmente a campionato finito e palla ferma. Ma allora era troppo facile, no le volpi del deserto devono complicarsi la vita per far vedere quanto sono fave.

    RispondiElimina
  98. ..no IMMENSO JO, lo dico perche chiunque vada contro quei due ha la mia stima..mi hanno davvero rotto il cazzo e indipendentemente da Neto.Non ne posso più.

    RispondiElimina
  99. Non l'ha accettato perchè qualcuno, tra l'altro più importante della Fiorentina, gli dà di più. Solo che questo succede perchè tra un mese è svincolato. Non succedeva a giugno e meno ancora a marzo o aprile, quando con questa offerta, ma anche con il 50% meno si sarebbe svegliato la notte e sarebbe andato di corsa a firmare a piedi e in pigiama. Ma è così difficile da realizzare?

    RispondiElimina
  100. Comunque la storia di Weidenfeller mi sembra l'ennesima bufala

    RispondiElimina
  101. Non è questo in discussione.... non mi far pensare che fingi di non saperlo......
    Ogni mercato ha le sue leggi, vai a far spesa al Mercato di Tunisi e poi da Peck a Milano.
    Prezzi a parte, i codici di comportamento e le leggi che regolano gli scambi ti aspetti che siano uguali?
    Sapresti stare qui e là?
    Io no da entrambe per motivi diversi, quindi sto a guardare e basta e mi godo lo spettacolo.
    Se scelgo di starci mi faccio aiutare da persona che ritengo competente. Se mi delude vado da altri..... insomma ci siamo capiti..... spero.

    RispondiElimina
  102. ..bravo, è quello che penso pure io, oggi Neto, ieri un altro e domani il prossimo, se questo è il meglio datemi Pupo che almeno canto.

    RispondiElimina
  103. In questo caso siamo d'accordo, ma non in generale. Prima di arrivare alle scelleratezze del tuo ne devon fare di strada (anche se sono incamminati bene).

    RispondiElimina
  104. JORDAN, mi sa che non hai colto che aria sta tirando... Di là il colonnello è in modalità linciaggio contro Montella, nel frattempo Calamai va in radio a inventare bufale sull'allenatore, appaiono misteriosi striscioni anonimi su Neto, insomma, la situazione mi sembra chiara: questa stagione andrà come andrà, ma dato che c'è l'ipotesi che vada male, servono capri espiatori, e questi sono già stati individuati.

    RispondiElimina
  105. VALTO, l' aria che sta tirando l'hanno creata ad Agosto.

    RispondiElimina
  106. E cosa vuoi che dica Gnigni? "Sono una fava, quando a giugno Pradè mi ha portato la richiesta di Neto a 850000 euro quando avevo detto non più di 800000 a dire di no, aspettiamo, sono stato io"? Richelieu butta la merda nel ventilatore e lo direziona lontano da sè.

    RispondiElimina
  107. L'ho colta, l'ho colta e non mi piace nemmeno un poco, per questo m'incazzo

    RispondiElimina
  108. appunto. E allora abbozzo e me la metto via, ché a fare la guerre per difendere Montella e Pradè (che considero i meno responsabili) ci rimetterebbe solo la Fiorentina. Perciò bene così, se qualcun altro ci gode a guidare l'epurazione di tutti tranne che di chi fa danno, ben venga, ha campo aperto, e spero che la squadra ci guadagni, anche se, purtroppo, non credo che succederà.

    RispondiElimina
  109. Ti rispondo qua Jordan perché quello che più mi da fastidio della vicenda Neto, e di questo calcio più in generale (come avrai capito lo affronto sempre in maniera molto disincantata per fortuna) è il fatto che si consideri normale un illecito come quello compiuto da Neto che parla con altre società prima che questo sia consentito. Perché se oggi Neto rifiuta 1,4 l'anno netto che sono quasi tre lordi, ovvero se è di tre anni quasi 10 in totale, vuol dire che ha un accordo con un'altra squadra. Sennò l'ingenuo sei te non la società che invece lo sa benissimo. O fai come Lotito o non puoi niente se il giocatore non vuole firmare. Tu puoi fare tutte le supposizioni che vuoi ma la realtà è che oggi Neto rifiuta il tuo rinnovo perché si è accordato con un 'altra squadra (altrimenti ti saresti potuto mettere d'accordo e venderlo come è successo con altri). E siamo qua (anzi siete) a buttare merda sulla società che sul giocatore avrebbe investito più di 10 milioni lordi (questa si una gran cazzata), mentre la vivo come una botta di culo perché sarebbe stata un'operazione sbagliata. Ai posteri l'ardua sentenza.

    RispondiElimina
  110. ...e il fatto stesso che ci siano 180 presunti colpevoli, ti dà la risposta, i 180 potranno non essere dei numeri uno, ma sono tutti messi in condizioni di lavoro penose.Quindi, dal mio punto di vista, ingiudicabili.

    RispondiElimina
  111. Il punto è che tutto 'sto casino andava fatto scoppiare a giugno, aveva più senso, farlo a metà campionato è da idioti autolesionisti. Altrimenti, se solo a gennaio ti accorgi di essere preso per il culo (o di aver sbagliato tutto, vedete voi), abbozzi e vai avanti senza far casino.
    L'unico scopo del comunicato della società potrebbe essere quello di convincere Neto ad accettare il trasferimento adesso a una squadra che ci dia un pugno di euro, ma adesso va venduto subito, SUBITO, entro domenica deve essere a Valencia, a Liverpool, a Roma, dove volete, ma non a Firenze.

    RispondiElimina
  112. Di sicuro Neto ha accordi con un altro se no è cretino, lui e il suo procuratore, ma è cosa che, a un mese dalla scadenza del contratto succede con chiunque abbia mercato o fai finta di non saperlo e pensi che Neto ed il suo agente siano gli unici? La coglioneria è portarceli a questo punto. Ora nemmeno Lotito farebbe molto, non hai più armi. Le avevi sei mesi fa, un anno fa, e io ti dico che non ce n'era nemmeno bisogno ma tu non ci vuoi credere e fai come ti pare. Se ce ne fosse stato bisogno le avevi. I tuoi amici sono degli incompetenti o, meglio, son guidati da un incompetente che rende inutile anche la professionalità dei dipendenti.

    RispondiElimina
  113. E' inutile continuare a discutere se tu giustifichi un illecito ai danni della tua società.

    RispondiElimina
  114. Pollock, scusa, ma se chiedi di attenerti ai fatti lo devi fare pure tu. No?

    RispondiElimina
  115. Nessuno giustifica niente, Gianni, il punto è che farsi prendere per il culo in questo modo per la terza volta (se così è andata) è da idioti. E nel mondo degli affari non c'è posto per gli idioti.
    Te lo ripeto: o lo capivi prima e lo vendevi a giugno oppure adesso abbozzi, l'ultima cosa da fare è far scoppiare questo casino a due giorni dal ritorno in campo.

    RispondiElimina
  116. E comunque, voglio seguirti, "a la guerre com'a la guerre" (o come si scrive) per me.
    Porgere l'altra guancia per chi, per cosa?

    RispondiElimina
  117. ZAPHOD, io sono d'accordo con te, dico solo che ci dev'essere un limite. Tutto qua.

    RispondiElimina
  118. Per me finisce in panca o peggio, senza isterismi da parte mia, casomai arriverebbero dal procuratore.
    Lotito aveva scelto la via del conflitto aperto, ma non ce ne sarebbe bisogno.
    Unico caso in cui, senza far tanto chiasso, prevederei ingerenze nella sfera tecnica da parte di quella amministrativa.
    E' in gioco, oltre i milioni, soprattutto l'immagine del club.

    RispondiElimina
  119. E intanto domani, alle tre, si gioca (sigh...) col serio rischio di andare a -1 dal terzo posto. In altri momenti saremmo stati tutti fomentati e a cazzo dritto, parlando di rimonta, mentre invece sembra che si stia aspettando il prete per l'estrema unzione a una stagione che non è nemmeno a metà. Sicuramente abbiamo una società un po' confusa, ma pure noi tifosi, non è che siamo messi bene a serotonina.
    Abbiamo perso il portiere titolare, per irriconoscenza o dilettantismo, ma fortunatamente sembra che in panchina ci sia qualcosa di meglio di Avramov e Lupatelli, quindi, se doveva succedere, meglio sia successo col culo, speriamo, parato. Fortunatamente quel somaro di Montella l'ha fatto giocare quasi una volta a settimana in Europa league, quindi è probabile che risenta meno dell'inattività, rispetto al Neto di due anni fa.
    Intanto, per domani, siamo abbastanza a corto a centrocampo, quindi si spera che l'umidità non disturbi le giunzioni del vecchio califfo cileno, il che sarebbe problema un po' meno risolvibile di quello in porta.
    Gomez ha fatto il bagnetto, come da testimonianza fotografica, e si spera che si sia lavato via anche l'ansia insieme alla formaggia mista a eau de toilette Hugo Boss. Stavolta non vaticino gol a grappoli ( cosa che evidentemente porta merda), però spero che abbia ritrovato lo spunto per anticipare almeno un Cristiano Lucarelli pronto per andare a passare i suoi pomeriggi su una panchina del porto di Livorno.
    Speriamo anche che Cuadrado tenga fede alle sue parole nello spot Volkswagen e che quindi l'abbiano scelto per l'agilità, non per come si dimostra a volte il vero freno a mano di questa squadra. Io farei per lui una coreografia particolare allo stadio, come quella che facevano per Forrest Gump quando, nel film, giocava a football americano: un grosso cartello con scritto " go Juan" o "stop Juan" a seconda dei momenti di gara.
    Forse ne servirebbero anche uno con scritto "passala dio bono Juan" e un altro " dove cazzo vai Juan".
    I tre gringos dietro, dovranno evitare di farsi irretire dalle finte grasse di Cassano. Soprattutto Gonzalo, a cui bisogna far passare quell'insana voglia di takle, unico rischio contro il culone butterato.
    Insomma, domani si giocherebbe, deponete le ascie di guerra e ricominciate a pensare che nonostante tutti gli incapaci che girano in Fiorentina, l'estrazione per la lotteria del terzo posto è ancora lontana. E il biglietto ce l'abbiamo ancora in tasca.

    RispondiElimina
  120. Io non combatto questa guerra dove ogni giorno l'obiettivo è la ricerca del capro espiatorio per dare di cretino a qualcuno. Considero lungimirante l'acquisto di Tata.

    RispondiElimina
  121. Ma se si mette a buco pillonzi e si cala le brache c'è la provocazione grave e se uno glielo mette in culo ha le attenuanti.

    RispondiElimina
  122. Lo so che siamo d'accordo però il limite lo dai tu agli altri con la tua reputazione, che se è quella di suor Maria Teresa li inviti a nozze.
    Poi ci sono i limiti economici che non ti consentono sempre di rendere pan per focaccia a chi è più grosso di te, però se li abitui ad affondare la lama calda nel burro vengono sempre a cercare te per primo.

    RispondiElimina
  123. sottoscrivo tutto, come quasi sempre, anche se la botta psicologica dell'affare Neto non va sottovalutata: semplicemente, se prima ci prendevano poco sul serio, ora lo faranno ancora meno. E mi riferisco ai tifosi delle altre squadre con cui parlo tutti i giorni, e di conseguenza anche ai media, ai procuratori, ai dirigenti, agli arbitri... D'è poco da fare: se fai una figura da provinciale, da provinciale sarai trattata.
    Per il resto, a Cuadrado servirebbe una di quelle radioline nell'orecchio che hanno i ciclisti, con Montella che gli detta i movimenti da fare. Certe volte sembra il Jan Ullrich del calcio, scemo quant'è dotato. Di Gonzalo contro Cassano mi fido abbastanza, sinceramente, visto che normalmente soffre dinamismo e forza fisica, due cose che Antonio nostro proprio non ha in abbondanza. Spero che il Pek abbia passato le feste sotto una campana di vetro a stirare il celebre smoking, perché domani, come al solito, o è il suo show o è la sofferenza.

    RispondiElimina
  124. certo, è evidente che è così, anche con gli arbitri del resto. E però altrove un po' di multe le hanno date. Iniziamo da 6 mesi di squalifica a testa per Raiola e Galiani, poi ne riparliamo.

    RispondiElimina
  125. Hai mai visto un deputato ridursi lo stipendio?
    Un vigile che si multa da solo?
    Un onorevole FI o PD che vota a favore della legge sul conflitto di interessi?
    E' l'Italia bellezza, e non si va a migliorare.

    RispondiElimina
  126. Non è questo il caso te lo vuoi mettere nel capo? Qui non c'è stato nessun Galliani che è venuto fuori due anni prima. Qui c'è stata negligenza grave dei dirigenti viola e basta e se uno lo porti a un mese dalla scadenza le offerte gli arrivano se ha mercato e se gli arrivano più alte di quello che gli puoi dare tu te lo pigli nel bocciolo

    RispondiElimina
  127. Lasciamo l'ascia e accettiamo l'accetta...... Ehehehehe

    RispondiElimina
  128. Non è così perché è da tanto che ci stanno provando. Lo ha detto lo stesso Neto. Tu dici che non ha firmato per 50.000 euro, per me non è così.

    RispondiElimina
  129. Che palle! ma sei duro eh! La prima offerta è di fine campionato 800000 (circa) controfferta 850000, risposta, se ne riparla. E dopo le vacanze comprarono tata e non ne riparlarono più fino a due mesi fa. E te lo ridico per l'ultima volta. Mettiamo per assurdo che tu abbia ragione che a giugno sia stato lui a non voler concludere. E' allora che fai la voce grossa, non adesso te lo vuoi mettere nel capo? Adesso fai come S.Lorenzo, l'hai preso nel culo e fai silenzio perché più ti muovi e più ti fa male. Ora hai perso il porteire titolare e continui a pagarlo.

    RispondiElimina
  130. Lungi Mirante?

    RispondiElimina
  131. Infatti, per fortuna abbiamo Tata e non Rosati come alternativa. Ma ti chiedo: se Tata è stato preso perché si sospettava che Neto facesse il furbo, non sarebbe stato meglio vendere il brasiliano in estate? Perché creare 'sto casino a metà campionato?

    RispondiElimina
  132. Da violanews:

    Dopo l’incontro avvenuto in giornata tra Andrea Della Valle e Neto, arrivano delle brevi dichiarazioni del patron viola rilasciate ai microfoni all’Ansa: “Questa situazione mi ha tanto ferito a livello umano lasciandomi una profonda amarezza. So bene che sono situazioni che nel calcio succedono spesso ma faccio fatica ad accettarlo”.

    RispondiElimina
  133. stefano vienna5 gennaio 2015 19:20

    Buon anno a tutti e spero che finalmente con Neto -e soprattutto dopo Neto- si inizi ad usare il pugno duro. Chi non firma rimane fuori rosa, punto.

    RispondiElimina
  134. Ma contattare Dani Alves? 2,5 a lui e fascia coperta per due anni....
    Intanto Piccini é tornato titolare.

    RispondiElimina
  135. credo che su Dani Alves a parametro zero si possa scatenare l'asta, dubito che 2,5 basterebbero. Con uno così te la potresti giocare con "il progetto", come facesti un anno e mezzo con fa con Gomez, ma ora quella credibilità non c'è più, a meno che chiaramente non si arrivi terzi, nel qual caso ci viene di corsa, a giocare la Champions da titolare. Ma dal quarto posto in giù ce lo sognamo, credo.

    RispondiElimina
  136. ...145 COMMENTONI in uno scialbo lunedi pre-befana...alle ore 20.22..e te credo che il POLLOCK non vuole che se ne vadano....sono pane per il suo ego smisurato di conquiste...POLLOCK, domani il massimo sarebbe: 1) Paperoga di Tara ta ta su retropassaggio di Gomez...2) Pareggio di Marin, entrato a tempo scaduto, con partenza dalla nostra area e serpentina a farne fuori 21 tra noi e loro...3) Raddoppio loro al 95 su Paperinia di Ta ta t'amo pio bove...4)Andrea che si dice (per la 452ma volta dall'inizio del mandato), ferito (ma cazzo...ma ste ferite sò tutte superficiali?)...5) Tu che mercoledi 7 Gennaio sbatti in Prima Pagina: NON SIETE MAI CONTENTI....6) Mercoledi 7, ore 20.25, 4911 Commenti...battuto sul fil di lana il Lud fermo a 4910.....Pollock, io tifo per la Tragedia Sportiva...tutti con TE!!! NORBERTO NEL CUORE!!!

    RispondiElimina
  137. ..grazie per avermi fatto dimenticare VIVIANO.....NETUNODINOI!!!!

    RispondiElimina
  138. Nor berto, nor male, no reply, No rimberga, no thing.

    RispondiElimina
  139. 2-0.... Primo tempo. Ferrero balla contento....

    RispondiElimina
  140. È esploso Anderson, autore di una partita monstre. Giocatore che mi sembra molto diverso dal trequartista tutto tocchetti che avevo visto in tv nel campionato brasiliano, buono ma tutto un'altra cosa. Nove milioni non sono stati pochi, ma, nel giro di due anni, questo ne potrebbe valere almeno tre volte tanti.

    RispondiElimina
  141. Comunque di neto non voglio piú parlare, queste diatribe mi paion da bimbetti. Spero solo che un trans brasiliano lo metta nel sellino non a lui, ma alla su donna. Perchè so perdonare. Buonanotte, domani c è da fare pochi discorsi e vincere, il tempo è signore e probabilmente solo lui.

    RispondiElimina
  142. Poero piccino........

    RispondiElimina
  143. Ah, bene, mai che si prenda noi un giovane talento sudamericano.

    RispondiElimina
  144. Autore del secondo goal (Viviunodinoi innocente?) e assist sul primo e sul terzo goal con due scatti brucianti.
    Nel terzo goal ne ha saltati due prima di fare un tunnel.
    Mah sembrava un compagno di merende del presidente avversario.....

    RispondiElimina
  145. Viviano tre uscite da "Notte horror con Zio Tibia" (su una Romagnoli salva una palla che stava per andare in porta); risultato più netto del 3-0 stesso.
    Sampdoria senza vis pugnandi, il nulla.
    Domani andrò a Parma (quasi vicino a ZEMANVIOLA!), vediamo la Befana cosa ci porterà.....

    RispondiElimina
  146. Il Tottenham che vi aveva spaventato ha pareggiato, formazione titolare, contro il Burnley...

    RispondiElimina
  147. comunque la Lazio non deve stupire. Era un'eccezione che andasse male, l'anno scorso. Dal punto di vista economico ha le nostre identiche dimensioni, anzi, l'anno scorso aveva un monte ingaggi più alto del nostro, ora ce l'ha pressoché identico (li abbiamo superati con l'aumento a Cuadrado). Se la Fiorentina è una grande squadra che ambisce al terzo posto, è assolutamente normale che lo sia anche la Lazio. Poi secondo me noi siamo molto più forti, perché abbiamo giocatori che rendono molto più di quanto il loro ingaggio faccia sembrare (uno su tutti, il Pek), e perché abbiamo un allenatore che, con tutti i suoi difetti, negli ultimi due anni si è dimostrato migliori di Petkovic e Pioli.

    RispondiElimina
  148. Yes. I agree with you. (Loro hanno un Lotito in più, dettaglio?).

    RispondiElimina
  149. dettaglio da non trascurare, di sicuro, visto il rigore macroscopico che gli hanno abbonato a Firenze

    RispondiElimina
  150. Intanto Buck ci informa che Rossi, tra un po', correrà sul " tapin roulant"...eeeeeeeeeeeehhhhhhh...se penso che questo scrive sui giornali, invece di spalar letame...

    RispondiElimina
  151. E quello su Okaka stasera....

    RispondiElimina
  152. Tra lui e Calamai ne avessero azzeccata una....una!

    RispondiElimina
  153. H. 01,27, sveglio.
    Insonne.
    Già preparate 3 sciarpe per prole.
    Già preparato abbigliamento.
    Già preparata "cuccuma" per il caffè.
    E sono appena 184 km passando per Verona- Campogalliano- Modena-Parma. Per Bologna sono 206 km.
    Oggi é venuta la Tata (23 anni...ehehehehehe) e le ho chiesto se era pronta per domani, se temeva Cassano.
    Mi ha guardato modello trainspotting, forse pensava fossi ubriaco.
    Neanche l'ho molestata. Stavolta (!).
    Organizzerò petizione, non si può stare così tanto senza football.
    Cosa dovevano dare i calciatori? Magna'?

    RispondiElimina
  154. A Parma dire "dormo tra due guanciali", significa dormire tra due teste di maiale?

    RispondiElimina