.

.

lunedì 26 gennaio 2015

E' una battaglia persa anche se abbiamo pareggiato

Prima di parlare della partita devo annunciare con orgoglio che ieri ho lavorato tutto il giorno per riuscire a risolvere il mistero della suora di clausura rimasta incinta. Poco prima del calcio d’inizio sono riuscito ad incrociare le ultime informazioni raccolte, e così posso affermare con sicurezza che la suora aveva trombato. Se uno volesse invece approfittare degli sconti per cambiare idea su certi allenatori, zompando aldilà dei pregiudizi, ne approfitti perché ci sono i salti di fine stagione, e visto il primo tempo della Fiorentina, magari considerare che quel primo tempo fa capo a Montella e non a Garcia. Così come nel pomeriggio Mancini si era bevuto una Moretti sotto gli occhi di un attonito Thoir, e a niente sono serviti Podolski e Shaquiri acquistati con spericolate manovre finanziarie foriere di bancarotte se l’Inter non andrà in Champion. Mentre Montolivo è servito più che altro a Klose. Infine buono l’impatto di Cerci in una domenica che per le milanesi equivale a un disastro, così come per la classe arbitrale. Il gol fantasma di Genova conclude in gloria una settimana dove ne hanno combinate davvero di tutti i colori. E passiamo alla Fiorentina che ha disputato un primo tempo splendido per gioco e intensità, è mancato come spesso accaduto quest’anno, il colpo del KO, che abbiamo pagato come spesso è accaduto quest’anno, subendo la Roma nei primi 15 minuti del secondo tempo. Nel complesso rimane comunque una gran bella partita con qualche ripartenza sbagliata di troppo nella ripresa, moto bene Tata, bella presa, gran deviazione sul colpo di testa di Nainggolan, grande operazione di mercato che ci mette il culo al riparo dalla decisione di Neto di non rinnovare. Joaquin sontuoso e Gomez finalmente Gomez, deboluccio invece Borja Valero e poco ispirato Mati Fernandez, in un centrocampo che è sembrato il reparto dove abbiamo sofferto di più. Cuadrado prende molti falli ma spreca, è evanescente, ed è poco lucido nella scelta giusta della soluzione della giocata, Pasqual cala vistosamente e manda a puttane un contropiede pazzesco. Fuori Mati per il pessimo Kurtic, la squadra passa a quattro in difesa, e Babacar non riesce ad avere lo stesso impatto decisivo di Verona. Anzi ce l’ha, ma questa volta non trova la rete. Peccato solo per quel primo tempo nel quale non abbiamo capitalizzato il gran gioco espresso, ma nel quale abbiamo dimostrato di essere una squadra importante. Insomma, il punto è uno solo, ma la Fiorentina è da applausi. Abbiamo giocato da grande squadra, cambi obbligati viste le assenze, ce la siamo giocata a viso aperto fino alla fine, quando è stato Garcia a togliere Ljajic per mettere Maicon. Si lo so cosa pensate, che è Garcia invece l’allenatore da invidiare, così come Iachini, Stramaccioni, Pioli, Sinisa, Di Francesco, e Montella quello da mandare via, non basta certo un primo tempo come quello disputato dalla Fiorentina per dimostrare qualcosa, alla fine ci sarà sempre qualche sostituzione a cui attaccarsi, e poi ho smesso di cercare di riportare la gente alla ragione da quando piuttosto che vederla tutto il giorno davanti al televisore, ho convinto mia zia Milena a ricominciare a ricamare. E così, lasciate da parte Barbara D’Urso, Paola Perego e Mara Venier, ha spento la tv e ha iniziato a passare i suoi pomeriggi ricamando lenzuola, fazzolettini e federe. E’ così brava che alla fine è diventata famosa. Ora ogni pomeriggio è ospite come opinionista nelle trasmissioni di Barbara D’Urso, Paola Perego e Mara Venier. E’ una battaglia persa.



65 commenti:

  1. Esatto. Nella pochezza di centrocampisti, Montella cambia dei pari-ruolo (più o meno) mentre Garcia toglie l'offensivo più pericoloso per un laterale che ieri palesava (Maicon) la tipica panzetta dei brasiliani a fine carriera...

    RispondiElimina
  2. In arrivo all'Inter un centrocampista; praticamente ogni non-vittoria c'è un acquisto per Mancini.

    RispondiElimina
  3. Anche se un c'entra nulla, in bocca al lupo a Tsipras.

    RispondiElimina
  4. Qualche considerazione su alcuni singoli:
    1) Tatarosanu: si sta dimostrando all'altezza del miglio Neto e con maggiore esperienza;
    2) Gomez: sta migliorando molto, le sue occasioni se le è sempre create, adesso è più freddo come realizzatore (ho ha meno sfiga, boh), resta il problema che fisicamente regge ad alti ritmi solo un'ora e non di più (cala sempre nei secondi tempi) e resta il problema che gli arrivano poche palle giocabili in verticale (vedi punto 3);
    3) Cuadrado: ieri l'ho visto nettamente migliorato, sia fisicamente sia di testa, resta il fatto che in quella posizione rende molto meno di quello che vale, considerando che non ha il minimo senso tattico né visione di gioco, per cui il dialogo fra lui e Gomez è praticamente inesistente; certo, fino a che Joaquin è a questi livellli, il posto a destra è occupato;
    4) Joaquin: persiste ad essere il migliore di tutti;
    5) Kurtic ha subito un'involuzione incredibile: nelle prime partite, ad inizio stagione, sembrava il migliore del controcampo, adesso fa rimpiangere Migliaccio e l'Ambrosini 37enne; c'è da dire che nelle prime partite della stagione giocavamo talmente male che lui spiccava almeno per grinta e corsa, adesso che giochiamo bene, in una squadra di palleggiatori sembra un pesce fuor d'acqua;
    6) Alonso: anche lui è in netto calo rispetto a qualche mese fa;
    7) Vargas; perché non gioca?

    RispondiElimina
  5. Poeta, mentre ricamavo all'uncinetto davanti al video, ho assistito a uno scambio di opinioni tra Ambrosini e Montella.
    In due battute, Ambro sosteneva che la Fiorentina di Montella si esprime appieno fino a quando riesce a tenere vicini i reparti. Come ben sappiamo, ciò accade per circa trenta minuti a partita per limiti fisici fisiologici nell'essere umano. Per Ambro quando la squadra si allunga soffre. Ho banalizzato ma il succo è questo. Montella ha confermato dicendo che Ambrosini ci conosce meglio degli altri.
    Conclusione: d'accordo che ogni sconfitta non può e non deve essere l'occasione per processare il tecnico.
    Del pari, secondo me, ogni risultato positivo non comporta in automatico che Montella venga incensato

    RispondiElimina
  6. Belva, sono concetti detti e stradetti, ripeterli è noioso per chi li scrive e fanno passare una critica corretta come una campagna anti Momtella.
    Io sono visto cosi', un'estremista. E difatti ho scritto la mia analisi, per quello che vale, sul sitone nelle pagelle.
    Anto, Kurtic non è Naingollan, ma immesso in un centrocampo che non filtra mai, dietro ad attaccanti che neppure per sbaglio pressano il difensore, inserito quando le poche energie fisiche della squadra sono esaurite, messo accanto o vicino ai ragazzini... Pizarro e Joaquin che dopo un'ora giustamente hanno esaurito tutto, cosa credi possa fare? In quelle condizioni fallirebbero in molti. Certo è che lui è un buon gregario, onesto lottatore con un discreto tiro, ma se oltre a quanto detto sopra, viene spesso spostato a destra, col pubblico che fischia il suo ingresso, ecco che anche il non tantissmo nelle sue corde scende a zero o giù di li'.

    RispondiElimina
  7. L'introduzione dei 3 anzichè 2 punti a vittoria taglia la testa alla soggettività di punti di vista circa il bibattito sul bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto: il pari è 2/3 di sconfitta e 1/3 di vittoria. Che ieri mi ha lasciato tanta amarezza, perchè esser freddati in quel modo dopo quel primo tempo non è solo prerogativa della Roma, ma una nostra costante come ci ha già insegnato l'Empoli, o come ci avrebbe insegnato il Chievo se il Baba avesse i capelli a spazzola. Il terzo posto non si allontana mai, la volata tra le pretendenti ha il passo più lento di tutti i tempi, ma di passare a tirarla noi pare che non ne vogliamo proprio sapere. Lo dicevamo ad agosto che c'era da far attenzione alle milanesi, mentre il Napoli era "allo sbando": sembra che la squadra allo lra ci abbia ascoltati e che da allora non abbia mai guardato chi c'è avanti.

    RispondiElimina
  8. Io continuo a pensare che il primo tempo non sia stato questa gran meraviglia. Lo penso perché la Roma era messa decisamente male, peggio del Palermo per intenderci, e tutto il campo che ci ha concesso doveva essere sfruttato meglio. Soprattutto perché riuscivamo anche a vincere tutti i duelli individuali. Così si spreca un Joaquin deluxe che va sempre sul fondo e deve temporeggiare per mancanza di densità nostra in area. Così si sprecano i movimenti di Gomez che gioca sul tempo e poi viene fatto fuori dal mezzo secondo in più. Contro la Roma più abbordabile degli ultimi anni, ci sarebbe voluta un pizzico di mente fredda in più per finirli nei primi quarantacinque minuti. Invece io ho visto una certa confusione, bellina, certo, ma sempre confusione.

    RispondiElimina
  9. La Fiorentina da dopo Parma sembra decisa, convinta che l'avversario deve essere finito subito dopo il gol ma non riesce a chiudere sul 2-0 i primi tempi; l'intensitá per 45'/50' minuti c'é ma credo siam normale che possa scemare,ma anche perché chi entra non apporta quel che dovrebbe (dinamismo, decisione, geometrie, etc., a seconda del ruolo).
    La Roma, sembra a detta degli esperti, regala i primi tempi (da un mese), la viola regala 30' agli avversari nella ripresa.
    Una cosa che ieri i miei amici (ognuno di squadre diverse) ha affermato ieri: "finalmente una partita di calcio vero, senza perdite di tempo, entrambe propositive, ribaltamenti, tensione agonistica, poche o nulla le botte....dovrebbero essere tutte così...".

    E domenica? Senza Pizarro? Kurtic di nuovo?

    RispondiElimina
  10. Noi abbiamo mandato Marin, nella Jupiler League...
    (Marin, 15 minuti in campo, senza lasciare traccia....han perso 2-0).

    RispondiElimina
  11. Questo blog sta morendo......o dormendo.
    Sornioni, qui.

    RispondiElimina
  12. Beh, quindi 15 minuti è in grado di giocarli (più di Diamanti?)

    RispondiElimina
  13. Vargas interno?

    RispondiElimina
  14. Belva, ti rispondo sul fatto del non dover incensare Montella per ogni risultato utile, che trovo corretto come concetto. Trovo meno corretto quindi attaccarlo invece per ogni risultato negativo, visto come sostieni giustamente, che bisognerebbe piuttosto guardare il suo lavoro in questi tre anni.

    RispondiElimina
  15. 1) ci andrei cauto. Finora ha fatto quattro partite una senza infamia e senza lode, una scarsina e due da "7" in pagella. Le parate di ieri le faceva anche Neto e le ha fatte, anche di più difficili (l'ultima, il pallone che prese con l'Empoli alla fine salvandoci almeno il pareggio, quello sul secondo tiro rasoterra, era molto più difficile del pur bell'intervento sul colpo di testa di Naingolan). Se continua così va bene, ma fuori di porta mi sembra lasci a desiderare più di Neto che per quello qualcuno ha tanto criticato. Tra i pali sembra invece sicuro e dotato di un ottimo senso della posizione. 2) Cresce a vista d'occhio, ed era l'ora, fisicamente e di testa, se avesse dietro un Cassano (che bestemmia ora qualcuno mi tira) invece del folletto colombiano anarcoide, farebbe due gol a partita. 3) Già detto. Tanto talento e tanto vigore atletico sprecati per l'assoluta ignoranza di quel che vuol dire giocare a calcio insieme ad altri, 4) Joaquim era un fenomeno e tecnicamente resta tale, peccato l'anagrafe, se no avremmo Cristiano Ronaldo e non sarebbe qui. 5) E' anche impiegato poco e male, un giocatore di quantità, non di qualità, se non può dare quantità cosa vuoi che dia? Magari non è all'altezza di giocare qui, e questo è il problema. 6) Alonso difensivamente è una pippa, solo Montella pensa che possa essere o diventare un difensore. 7) Non lo so, certo non è peggio di Pasqual e di Alonso.

    RispondiElimina
  16. Thoir starebbe per "fare" un bond, per sostenere investimenti per l'Inter...

    RispondiElimina
  17. su Calciomercato.com appaiono due articoli di Luca Cellini nel giro di 2 ore.
    Quello delle 12.00 si intitola "Violamania: aria di fine ciclo", e disegna un ritratto a tinte fosche, con Cognigni onnipotente, Pradè esautorato e Montella incapace di reagire.
    Quello delle 14.00 si intitola "Fiorentina: il direttore sportivo sarà ancora Pradè", e parla della massima coesione di tutta la società sul progetto per il presente e per il futuro.
    Siamo oltre il ridicolo...

    RispondiElimina
  18. A pranzo si beve.

    RispondiElimina
  19. E' ciò che intendevo con "spericolate manovre finanziarie"

    RispondiElimina
  20. Sul punto 1) sapevo di stanarti ehehehe, comunque direi che nonostante il mancato rinnovo di Neto, col Tata cadiamo in piedi. Sul punto 2) concordo, penso che Diamanti l'abbiamo preso apposta, certo è in una forma scandalosa, mercoledì scorso dopo quindici minuti di una partita già vinta era sudato marcio e con la lingua penzoloni come se avesse scalato il Mortirolo.

    RispondiElimina
  21. Sopra, questo blog sta morendo sopra-ttutto di alcolismo.

    RispondiElimina
  22. La finta che ha messo a sedere Holebas

    http://www.violanews.com/altre-news/video-finta-e-doppio-passo-joaquin-manda-a-cecce-holebas-20150126/

    RispondiElimina
  23. Gli hanno fatto un liscio e busso ed ha dovuto correre a smentire se stesso. Se conoscessi il personaggio mica ti meraviglieresti.

    RispondiElimina
  24. Palermo Chievo Roma ci siamo divertiti come pochi.
    Altro punto a favore, l'utilizzo obbligato di Kurtic in quanto unica riserva a centrocampo, ha confermato il gap di valore della rosa di cui si lamento' a maggio.
    Quando competi con club che si permettono di dare due milioni l'anno a un medio giocatore come Florenzi, esce tutto fuori alla luce del sole.
    Restano però i punti buttati al vento nel girone di andata e quei limiti (motivazionali? Tattici?) che anche Foco evidenziava e in un certo senso pure Montella ieri ha ammesso

    RispondiElimina
  25. Il pezzo delle 14 non è in realtà benevolo con Prade' così come può sembrare. I meriti della riconferma per l'articolista sarebbero il fatto che ha accettato la decurtazione dello stipendio, l'aver lasciato supinamente campo libero a Gnigni in estate e essersi esposto a nome della società nella vicenda Pasqual.
    In pratica: oh yes! Man

    RispondiElimina
  26. Personalmente io non lo conosco, ma mi ricordo i suoi articoli in epoca post-Prandelli. Un continuo spargere veleno sempre in modo gratuito contro la Fiorentina. Niente di originale, per carità, seguiva la corrente, ma è esattamente il tipo di personaggio che detesto.

    RispondiElimina
  27. Intervista a Macia della quale sottolineo questa frase "La forza della Fiorentina? Le decisioni vengono ratificate solo quando tutti sono d’accordo".

    http://www.violanews.com/news-viola/macia-lottiamo-per-la-champions-nonostante-il-monte-ingaggi-20150126/

    RispondiElimina
  28. 1) Può darsi, speriamo. Resta il fatto che per pura insipienza manageriale abbiam perso un giovane portiere di valore indubbio. 2) Uno che è due mesi che si allena da solo e che viene da un campionato come quello cinese che sia al top è difficile e poi lui è uno che corre parecchio e se non ne ha si vede

    RispondiElimina
  29. Luca Ciellini....un Ciellino?

    RispondiElimina
  30. Io continuo a riproporre questa statistica:

    http://www.violanews.com/statistiche/studio-vn-con-gomez-titolare-la-fiorentina-raddoppia-il-rendimento-20150126/

    RispondiElimina
  31. ..goduria allo stato puro..a vederlo non c'entra proprio nulla con la gestione DV...è giocatore d'altri tempi..

    RispondiElimina
  32. Ieri ho notato come Babacar è entrato in campo. Non so se è stata solo una mia impressione, ma l'immagine mi ha riportato agli anni scorsi, quando ciondolava, caracollava e pareva un passante. Tutta un'altra storia da quando da inizio campionato, quando mostrò un approccio rabbioso che mi aveva impressionato. Ignoro se dovuto al mercato, se al rinnovo o altro, resta il fatto che non vorrei si sentisse arrivato.

    RispondiElimina
  33. Ieri non ho visto errori del tecnico, anche i cambi hanno avuto una loro logica. Per me è mancata brillantezza mentale nelle scelte, più che tenuta fisica. Scelte che devono fare i conti con i soliti difetti dati da certe caratteristiche di alcuni singoli, non proprio centrate col gioco di squadra. Joaquin ci fa stropicciare gli occhi perché fa quello che deve fare, con la tecnica di cui è in possesso, certo, ma anche con una sapienza tattica da giocatore vero. Quando dico che ieri non mi sono piaciuti, intendo che in quella situazione di dominio a centrocampo, sarebbe bastato muoversi con maggiore intelligenza per affondare molto più facilmente in una difesa che aveva gli esterni in grande difficoltà e i due centrali ( soprattutto Yanga'mbiwa) poco protetti. I corridoi che Gomez ha creato col suo movimento a risucchiare i due centrali, sono stati colpevolmente lasciato vuoti.
    Nel secondo tempo, poi, Gonzalo ha faticato nel far alzare la difesa, spezzando la squadra in due e lasciando solo Gomez davanti. Questa è una cosa che non possiamo permetterci, perché quando ci allunghiamo, perdendo le distanze, la difesa a tre diventa pericolosa. L'azione in cui prendiamo gol è identica a tante altre avvenute in passato, in cui basta un lancio diagonale a trovarci poco protetti. Perché l'esterno è troppo lontano e il centrale deve indietreggiare e spostarsi lateralmente, un movimento che non permette di mantenere una posizione difensiva ottimale.
    Per me, rispetto al Palermo, la prestazione di ieri è stata in tono minore. Certo la Roma è tecnicamente più forte, non sono scemo, ma ieri era tatticamente e fisicamente messa male, quindi andava battuta facendo cose semplici.

    RispondiElimina
  34. Lele, certo che non mi pare trattato benissimo, uno che ti risolve la partita prima nei secondi finali e gli fai giocare gli ultimi 10 minuti di una partita che andava vinta..boh...stiamo mandando a puttane una risorsa ma vabè, in una società di coglioni è normale circondarsi d'imbecilli.

    RispondiElimina
  35. Ancora è un po' indietro e ieri gli hanno fischiato un fallo di mano inesistente mentre andava verso la porta. Per me Gila gli farà bene.

    RispondiElimina
  36. Ritornando alla partita di ieri possiamo dire che: - il modulo 3-5-1-1 (o 3-5-2) visto ultimamente regge bene finché si corre e pressa molto, come ieri nel primo tempo. Esaurita la corsa e il fiato se non si vuole crollare dopo 60/65 minuti di gioco siamo costretti a inserire pedalatori alla Kurtic che fanno perdere qualità al centrocampo ma lasciano un po' di ossigeno ai Pek, Joaq e Valero di turno. Non potendo cambiare 4-5 giocatori, l'allenatore, specie contro squadre forti come la Roma, è costretto a coprire maggiormente la difesa, passando a 4 e inserendo Alonso al posto di Pasqual. Ieri miracolosamente Montella effettua il 3° cambio al 30' della ripresa e per poco non torniamo in vantaggio (occasione di Tomovic). Gomez cresce ma ieri non impazzisco per la prestazione: segna un gol "suo", si inserisce e lotta davanti, ma nel secondo tempo sparisce e ancora non si vedono tanti movimenti davanti, o meglio a volte gli vengono piuttosto malino, finendo spesso in fuorigioco. Cuad sempre disordinato, ma sull'1-0 vera spina nel fianco per le ripartenze, tolto lui più facile farsi schiacciare. Gioacchino fantastico, Alonso e Pasqual dovrebbero imparare da lui anche a coprire. Valero e Mati si vedono meno, ma lasciamo più l'iniziativa alla Roma e toccano meno palloni. Inizio di secondo tempo dove dovevamo dare noi la stoccata per tramortire definitivamente la Roma e invece ci facciamo schiacciare e partiamo molto molli: su questo l'allenatore si dovrebbe un po' incazzare. Io sono contento per la prestazione, ma risultato che è una sconfitta per entrambe. A Genova senza Pek, che si possa vedere un Diamanti titolare a centrocampo? Solo se ha gamba, se sovrappeso giusto attendere. Chiudo su Tata: a me piace come è entrato senza grandi scossoni, dando una certa continuità al ruolo. Sulle uscite, Jordan, sii clemente come lo sei stato con Neto, che nei primi mesi non brillava per tempismo anche peggio del rumeno.

    RispondiElimina
  37. Su un giovane che son due anni che non scende in campo posso essere clemente, perché penso che migliori (infatti è migliorato e parecchio), un po' più dubbioso sono con uno che di anni ne ha 29 ed ha giocato sempre o quasi.

    RispondiElimina
  38. http://www.firenzeviola.it/news/parma-cassano-shock-puo-rescindere-in-serata-172145?utm_medium=facebook&utm_source=twitterfeed

    RispondiElimina
  39. Il fatto centrale è: fino a che abbiamo palla tra i piedi ed energia nelle gambe, oltre ai due esterni che sanno cosa fare ( Joaquin a destra che salta avversari, Pasqual a sinistra che più modestamente si propone dettando passaggi ) i tre nel mezzo hanno soluzioni e con squadra corta, offriamo buon calcio e le occasioni ci sono.
    La musica cambia quando arrivano le tossine e per vocazione gli attaccanti non pressano mai chi inizia l'azione avversaria e i centrocampisti non filtrano. Ne consegue un arretramento di venti metri senza, o quasi, opporre resistenze. Contro l'evidente qualità modesta del Palermo questi limiti si notano meno, contro squadre toste, Roma, Napoli, Lazio, becchiamo o soffriamo. È così, non ci sarà un qualcosa o qualcuno che cambierà questa attitudine. Montella ha sposato questa linea, poco atletismo, pochi muscoli, poca rabbia, attaccanti disinteressati quando il pallone è tra i piedi avversari, niente fisicità in mezzo, pressing poco, improvvisato e senza organizzazione, con i difensori sotto stress, col risultato che quando uno ha giornata storta, come le tante di Gonzalo negli ultimi mesi o ieri Basanta, gli avversari vanno a nozze.
    Questo è il calcio di Montella, nessuna sospesa.

    RispondiElimina
  40. Ora si piglia anche lui

    RispondiElimina
  41. questa era sotto la notizia di Cassano che rescinde, non so perché me l'han messa qui

    RispondiElimina
  42. Andrà al Manchester City o PSG....

    RispondiElimina
  43. Anche Sarri stecca....

    RispondiElimina
  44. Su due corner loro mandavano appositamente Iturbe a disturbarlo per impedirgli di uscire

    RispondiElimina
  45. Però il modestissimo Palermo ha perso una sola volta nelle ultime 13 partite( tra l'altro ieri a casa Miha meritava pure di vincere, ed avrebbe vinto se gli davano il gol buono che aveva fatto)

    RispondiElimina
  46. Ho capito. Indurre i giocatori a sfruttare meglio i movimenti di Gomez non è compito del tecnico?

    RispondiElimina
  47. Modesto in confronto a noi. La squadra che abbiamo schierato in EL, è più forte delle loro titolari. Samp Palermo è stata nobilitata dalla sapienza dei due tecnici, uno non potrà più tornare, l'altro lo prenderei oggi, ma, a parte Dybala e un poco Eder, vorremmo nessuno dei loro e nemmeno per la panchina.

    RispondiElimina
  48. Che c'é un gradino di differenza tra Palermo e Fiorentina lo ha detto persino Zamparini. Okaka in viola potrebbe giocare. Anche Maresca lo preferisco a Kurtic

    RispondiElimina
  49. Anch'io l' ho visto stranamente indolente. A rigor di logica doveva invece essere indiavolato per cercare il gol-partita, sarebbe stata una bella soddisfazione per lui essere ancora decisivo. Per essere un attaccante fresco poco più che ventenne con quel fisico non ha dato (anche se è stato in campo poco tempo) tutto quello che poteva dare.

    RispondiElimina
  50. Ahahahahaha quando è crollato a sedere come un pollo Gioacchino (immenso) era già lontano cinque metri

    RispondiElimina
  51. O di questo non parlava Deyna un po' di tempo fa?

    http://www.violanews.com/calciomercato/dalla-francia-la-fiorentina-ha-individuato-leventuale-alternativa-a-cuadrado-20150126/

    RispondiElimina
  52. Ora se lo vede i'lucchese e gli porta Cuadrado 'n collo 'n Inghilterra.

    RispondiElimina
  53. Appunto, se un portiere di 29 anni si fa fa le riffe da Iturbe...lo sai quanti vanno a rompere i coglioni ai portieri nelle mischie de' calci d'angolo?

    RispondiElimina
  54. Avrebbe bisogno di essere rimandato da Novellino che peraltro dice di sentirne molto la mancanza.

    RispondiElimina
  55. Sì, ma ne parlavo soprattutto quando era ancora in Argentina. Non credo sia roba per noi, mi sembra molto strano. Ha ancora da migliorare nell'atteggiamento in campo, ma ha un potenziale enorme, magari...

    RispondiElimina
  56. Pareggio del Genoa

    RispondiElimina
  57. Rigore inventato per il Napoli

    RispondiElimina
  58. Certo, ma ieri avevi Baba come unica alternativa a Cuadrado punta.

    RispondiElimina
  59. Non credo che Montella schifi un certo tipo di centrocampista, che, peraltro, ha richiesto spesso a completamento della rosa. Il fatto è che, da Migliaccio a Kurtic, di quella tipologia di giocatore gli hanno preso solo roba non all'altezza. Fernando doveva essere l'upgrade definitivo, in grado di completare il centrocampo per qualità è caratteristiche. Purtroppo dieci milioni non li ha cacciati nessuno e a zero euro è arrivato uno da zero euro.

    RispondiElimina
  60. Che vergogna. Era dai tempi di Ovrebo e Soriano Aladren che non si vedeva un arbitraggio così.

    RispondiElimina
  61. L'anno scorso il Napoli venne avvantaggiato da decisioni arbitrali quasi peggio dei gobbi.

    RispondiElimina
  62. è incredibile come le partite venga sistematicamente truccate a favore delle solite note. poi per farci chetare, ci danno rigore con l'atalanta in coppa italia, mavvia..
    cassano per me va all'estero, in italia oramai è compromesso con tutti, forse potrebbe tornare solo alla samp ma se hanno già preso eto'o e muriel.. poi boh, l'unica forse sarebbe la juve, ma dovrebbero esser matti male.
    ocampos pensavo sarebbe diventato fortissimo, però son 3 anni che è al monaco e quel salto non l'ha ancora fatto; certo è un '94, mi ricorda un po' la carriera di dybala, vediamo se da un momento all'altro detona.
    per il resto, teniamo duro e prendiamo 3 punti pesantissimi a genova. credo che davanti alla difesa ci sarà badelj, anche se non mi dispiacerebbe l'idea di piazzarci borja e mettere vargas sul centro-sinistra, seppur non accadrà mai.
    davanti per me non c'è alternativa che gomez-babacar, e a destra uno fra cuadrado e joaquin: potrebbe riposare lo spagnolo per metterlo contro la roma (due partite in 3 giorni non può farle), anche se rinunciarci ora come ora mi risulta davvero difficile

    RispondiElimina
  63. Nell'organico ci potrebbero stare ma Okaka lo fai giocare al posto di Gomez? o anche di Babacar? Che Maresca sia meglio di Kurtic è vero, ma Kurtic sta in panca. Maresca è meglio di Pizarro?

    RispondiElimina