.

.

domenica 7 giugno 2015

Potrei essere morto ieri intorno alle 14

Ci sarà da riabituarsi in fretta ad una Fiorentina meno spagnoleggiante, con l’addio quasi inevitabile di Montella ritroveremo quel gioco più maschio che alcuni ritengono indispensabile per una squadra con certe ambizioni, almeno nelle partite casalinghe. E se alla fine sarà bastato allontanare lui, potremo dire che la Fiorentina del dopo Montella è come un ex gay che organizza un corso per tornare etero. La lezione numero uno sarà il rutto. E quando si inizia una storia con una ragazza si cerca di fare le cose bene da subito, perché i fondamentali sono essenziali, e quindi se sbaglia lo stop è no. Tra i comunicati e i giornalisti che usano i social per rilanciare notizie, voglio dire che prima di WhatsApp, con l' sms a dieci centesimi insomma, col cazzo che si sarebbero mandati tutti questi bacini. Speriamo via, speriamo davvero che inizi un’altra bella storia perché a questo punto il tifoso Viola ha così bisogno d'affetto che ormai quando guarda un porno pensa che quelli che trombano sono proprio una bella coppia. Che c’era qualcosa che non andava tra Andrea e Vincenzo era ormai chiaro a tutti, adesso ci sarà il problema di come uscirne, di come cioè far passare peggio l’altro agli occhi della piazza. Si dice che Calamai abbia già pronto un tweet, dove in riferimento a certe strane abitudini dei napoletani, metterà in evidenza il fatto che c'è qualcosa di profondamente sbagliato nel genere umano sotto Roma, e che lo si può riscontrare proprio in quelli che come Montella stirano le mutande. Io per non sapere ne leggere e ne scrivere, viste le temperature degli ultimi giorni, per arrivare fino al nuovo allenatore portoghese programmerò il percorso in base all'ombra. Bucchioni intanto, sempre in lotta con Calamai fino all’ultima indiscrezione, si è dimostrato sveglio e reattivo come il babbo del Bambi quando in televisione squilla un telefono e lui va a rispondere a quello di casa. E quando parlo di nuove storie io sono proprio la persona più adatta ad apprezzarle, godendone ogni singolo istante, sono propenso al cambiamento, via Montella avanti un altro. L’ho sempre detto, la mia ex ragazza, se riesce a slegarsi, aprire il baule e fuggire dalla soffitta, è liberissima di uscire con chi vuole. Sono contento che il duo giornalistico più sveglio di Firenze si interessi di Montella e non di me perché ieri non ho mangiato frutta, ho bevuto poca acqua, sono uscito nelle ore più calde. Praticamente per loro potrei anche essere morto intorno alle 14. Ieri non mi sono meravigliato tanto per la vittoria del Barcellona spagnoleggiante sulla Juve più maschia, e nemmeno sulla staffetta di tweet, messaggi e rilanci di agenzia su quell’irreperibile di Montella, ma a un certo punto credevo di ascoltare un album new-age con i suoni del mare, e invece era il sudore che si era formato fra l'orecchio e le cuffie. A me però questa storia che i giornalisti possano sparare cazzate senza che nessuno gli chieda mai il conto mi sembra incredibile, a Montella non gli si perdona di aver perso con Cagliari e Verona, mentre Bucchioni e Calamai sparano cazzate a vicenda, di quelle come nei film, che se si beccano una raffica di mitra in petto continuano a camminare. Io becco la gamba del tavolino col mignolo del piede ed è subito agonia mortale.





188 commenti:

  1. Calamai ha twittato il 4 a 3 della Juve. Pogba al 597'.

    RispondiElimina
  2. Twitter irreperibile come Matteo Messina Denaro.

    RispondiElimina
  3. Calamai ha twittato che il suo preferito per la panchina viola è il verde vittoria. Bucchioni ha detto, invece che DV preferirebbe solo scartavetrare e al limite una mano di coppale

    RispondiElimina
  4. GeppettoDanese7 giugno 2015 09:04

    "Paulo Sousa quasi viola"
    Brividi

    RispondiElimina
  5. Ragazzi, tiratemi su il morale. Qualcuno vede del positivo in Sousa? Qualcuno pensa possa essere un buon allenatore?

    RispondiElimina
  6. P.S.: scopro che il motivo della rottura tra Montella e la dirigenza è l'arrivo di Pereyra. Ora , tra i mille mille mila motivi che hanno messo in contrasto le due parti, come si può indicare nell'arrivo di Pereyra quello determinante? Mah...

    RispondiElimina
  7. Il dubbio che mi assale è: ma se occupassero tutte queste energie nella ricerca di bravi giovani, non sarebbe meglio anche per il fatturato?
    Comincio ad essere un po' stanchino.

    RispondiElimina
  8. GeppettoDanese7 giugno 2015 09:23

    Se è una boutade, è ben studiata perché Pereyra lo vedrei bene nello scacchiere di Montella. On the other band, non mi pare sufficiente per una rottura. Ma magari è la goccia...
    Che poi, non mi pare un giocatore impossibile da prendere

    RispondiElimina
  9. GeppettoDanese7 giugno 2015 09:28

    Ognuno fa ciò di cui è capace

    RispondiElimina
  10. Marco Gruppo Chiava7 giugno 2015 09:36

    Montella è in Madagascar, lo dico tante le volte Calamai facesse filtrare indiscrezioni che lo vorrebbero a Ladispoli.

    RispondiElimina
  11. Questa dell'arrivo di Sousa bisogna vedere se è vera o se è l'ennesima boutade giornalistica.
    Considerando che il Buk scrive che l'arrivo di Sousa è il più probabile perché abbiamo preso (come sesto o settimo dirigente, ndr) Pereira che è portoghese e allora anche l'allenatore deve essere portoghese (portato e scelto dall'ultimo arrivato, aggiungo io), io qualche dubbio ce l'ho. Seguendo questo ragionamento, io posso sostenere che, avendo Rogg come direttore generale, come allenatore prenderemo Klopp, per assonanza.

    RispondiElimina
  12. Notizia che vien dai cantoni svizzeri

    RispondiElimina
  13. il nome di Sousa l'ha fatto uscire la Fiorentina stessa, spero ancora che sia un nome di copertura. In fondo Spalletti è ancora libero.

    RispondiElimina
  14. Ah, l'ha fatto uscire la Fiorentina?

    RispondiElimina
  15. Poi col Borussia ha battuto la juve in finale.... da questo punto di vista non mi preoccupa, quello che mi preoccupano sono le sue effettive capacità tecniche come allenatore.

    RispondiElimina
  16. Dove? Questa è bella.

    RispondiElimina
  17. a quanto ho capito sì, sono giorni che tutti i giornalisti dicono che in Fiorentina si dà per preso Sousa. Potrebbe essere anche un depistaggio. O forse il mio è solo wishful thinking...

    RispondiElimina
  18. Belvaromana577 giugno 2015 10:13

    Let's dance!

    RispondiElimina
  19. Nel suo blog, intendi?

    RispondiElimina
  20. Bah, dei giornalisti mi fido il giusto

    RispondiElimina
  21. Belvaromana577 giugno 2015 10:24

    Io non ho mai visto giocare il Basilea.
    Stanotte ho chiamato un gobbo che conosco e che gestisce una trattoria a Basilea per testimoniargli la mia solidarietà umana. Da quello che dice sto Sousa pratica un calcio molto diverso dal tiki taka montelliano, più in velocità.
    Mah...
    Vatti a fidare. Ventura si sa come gioca. È valido per me. Prende solo 800.000 euro l'anno al Toro (fonte Wiki)

    RispondiElimina
  22. ..Versilia..terra di noi BIANCONERI VERACI...festeggeremo sino a notte fonda...LUD dove sei amore mio??

    RispondiElimina
  23. E' solo la società che deve decidere i programmi. Vero, non vero, ma se è vero che cazzo vuole Montella? Poi c'è il comunicato dell'allenatore che in risposta a quello della società ricorda che si stanno parlando da mesi. Di che cosa stanno parlando se è solo la società che deve decidere sui programmi? Se la società non smentisce che di qualcosa stanno parlando da mesi probabilmente è vero che lo stavano facendo. Se è sui programmi significa che la società ha scelto di parlarne con l'allenatore, se non è sui programmi significa che stanno parlando di qualche altra cosa.

    RispondiElimina
  24. Alla fiesta non c'è fine!

    Visca el Barça, Visca l'espectacle!!!! A casa merde! Via i ladri dall'Europa! Ahahahahah, che bello vedere i gobbi che protestano per il presunto rigore - allora i catalani potevano appigliarsi con ben altre ragioni alla mano in area del terzinaccio svizzero, o al gol annullato a Neymar per tocco di braccio involontario... - quando in Europa con un arbitro normale e non pagato certe cose non gliele fischieranno mai! E' Pogba che si lascia cadere addosso a Dani Alves e commette fallo...Senza parlare di Vidal e di un altro par di strisciati che dovevano finire la partita per rosso entro il primo tempo, metà del secondo al massimo. Agli occhi di un acerrimo antijuventino, di un'esteta della disfatta bianconeroitalica, tuttavia il 3-1 lascia ancora come un senso di leggera insoddisfazione, non sazia come dovrebbe, non appaga del tutto. E' il 5-0 che si voleva, a illustrare l'enorme divario tecnico e di gioco tra le due squadre. Ma accontentiamoci, ci sono ancora anni di CL in cui completare l'opera di demolizione della ributtante squadra degli Agnelli! Per intanto, grazie Messi e grazie Iniesta per avere ispirato, grazie Rakitic, grazie Suarez, grazie Neymar per avere insaccato alle spalle del Buffone! MAGGIO 1982, FIRENZE NON DIMENTICA. A CASA, CLOACA D'ITALIA!

    RispondiElimina
  25. No, commento sparso

    RispondiElimina
  26. Cari Jordan e Lele, sul mese di silenzio ovviamente giocavo, ma davvero mi risulta incomprensibile come un Viola possa non dico tifare juve in finale col Barça, ma anche solo simpatizzare, o non gioire per il trionfo dei catalani. E che vuol dire se si è fuori Italia? Posso capire la nazionale, al limite, ma i gobbi son sempre i gobbi. Allora se ci si trova a cena a Pernanbuco con dei siculi nostalgici della loro terra che si fa, si dice che la mafia ha modi un po' bruschi, ma in fondo siamo tutti italiani?

    RispondiElimina
  27. Da Deyna questa è andata male. Speriamo nel ritorno dai!

    RispondiElimina
  28. Perché, se davvero da parte sua le cose fossero chiare e fosse andato in vacanza avendo dichiarato di restare, Montella chiede l'annullamento della clausola rescissoria, di cui peraltro ha negato l'esistenza in sala stampa?

    RispondiElimina
  29. Calamai ha twittato che le sopracciglia di Andreino Agnelli sono alla moda. E che avendole accatastate come copertura della tribuna vip dello Juventus Stadium, percepisce una parte dei proventi ma paga un botto di IMU.

    RispondiElimina
  30. ...che hanno detto?? Che era rigore??? Ah ah ah, poveri scemi abituati da sempre ai regali..io ho pensato solo che Buba' volesse avere un rapporto completo con Dani...ma bando alle chiacchiere...che la FIESTA continui...grazie Juve..grazie di esistere perché senza le tue imprese in Coppa sarei già morto da un pezzo.LUD dove sei amore mio...

    RispondiElimina
  31. Ahahaaahah che continui a sventolare sul terrazzo il bandierone del Barça, accanto a quello dell'Argentina! Sta a vedere che co sto caldo lo fan passare per un fenomeno di autocombustione!

    RispondiElimina
  32. mah, non sappiamo se sia davvero così, però può essere. La mia impressione è che lui abbia fatto richieste minacciando di andar via, loro gli abbiano risposto "dove cazzo vai che c'è la clausola, ti devi dimettere" e lui abbia risposto "ah sì? Allora resto".

    RispondiElimina
  33. In quel caso c'è poco da fare, devon licenziarlo. Anche se lui non ci farebbe certo bella figura...

    RispondiElimina
  34. ma infatti è un bel po' che dico che sarebbe stato molto meglio licenziarlo. Se un allenatore ti fa delle richieste che non ti vanno bene, lo cambi, non fai i ricattini con le clausole pretendendo che lui si dimetta e non possa andare altrove.

    RispondiElimina
  35. Bucchioni su Twitter si autoconplimenta

    RispondiElimina
  36. Ma la clausola non è un ricattino, è parte del contratto, magari ai tempi la richiese proprio lui...

    RispondiElimina
  37. Vabè comunque a me questa storia ha stancato, aspetto solo i risultati

    RispondiElimina
  38. ma allora lo tieni. Cioè se fai valere la clausola è per tenerlo, e quando ti dice "ok, resto" lo tieni. No?

    RispondiElimina
  39. idem. Tanto la rottura c'è stata ed è evidente. Spero solo che Sousa sia una boutade e che tengono nascosto il nome vero.

    RispondiElimina
  40. Twitter è anche empatia

    RispondiElimina
  41. E i festeggiamenti continuano! Olè!

    RispondiElimina
  42. Olè! Olè! Olè! E sono tre, ai "tetragoni e insuperabili difensori italiani" [cit. Traversi] Bonucci e Barzagli! Ahahahahah! E meno male che mancava Chiellini, sennò eran cinque! Alla prossima volta per la manita! Mai sazi!

    RispondiElimina
  43. stefano vienna7 giugno 2015 11:24

    Grande Deyna! Per come s'erano messe le semifinali, con tre squadre gobbe su quattro (Bayern, Real, Gobbi Italiani), la vittoria del Barcellona è una vittoria che assume un valore religioso, quasi mistico. E poi vedere Messi ai massimi livelli possibili, al massimo della sua carriera, è veramente uno spettacolo a parte.

    RispondiElimina
  44. Gli è mancato solo il gol, ieri, ma grandi prestazioni in tutta la stagione, non solo in zona tiro. In CL: Messi 13 partite e 10 gol; Neymar 13 partite e 10 gol; Suarez 10 partite e 7 gol [e solo a causa di squalifica e ruggini relative]. Immensi!

    RispondiElimina
  45. stefano vienna7 giugno 2015 11:29

    Io ho visto solo un Messi immenso, in confronto gli altri sono dei comprimari. Tevez ha un pò deluso invece, ma meglio così.

    RispondiElimina
  46. Ho esultato perchè il trionfo bianconero non avrei proprio potuto sopportarlo, ma in fatto di gobbaggine internazionale non è che il Barça sia diverso dal Real o dal Bayern eh. A me i due arbitraggi delle semifinali del '97 contro di noi bruciano ancora.

    RispondiElimina
  47. Fossi il suo direttore, lo spedirei a fare il corrispondente dall'Alaska

    RispondiElimina
  48. hanno parlato per mesi di come mettere d'accordo i bischeri della riblogghita.

    RispondiElimina
  49. Tevez ha sbagliato al tiro, ma tre o quattro belle azioni le aveva fatte...

    RispondiElimina
  50. E' chiaramente una superpotenza, ma vince col gioco, non con gli arbitraggi. Di quelli ne ha avuti a favore ma anche contro, vedi il gol di Milito in fuorigioco klosiano contro l'Inter di Mourinho...

    RispondiElimina
  51. stefano vienna7 giugno 2015 11:53

    I gobbi spagnoli sono il Real Madrid, già dai tempi di Franco. Il Barcellona rimane una grande potenza, almeno rispetto a noi.

    RispondiElimina
  52. M ancora non ci sono riusciti.

    RispondiElimina
  53. aspettiamo i comunicati

    RispondiElimina
  54. Lungi dal voler difendere l'Inter (altra odiata che specie negli anni post-calciopoli erano ancora più gobba dei gobbi), penso che la vittoria di Mourinho fu più che altro cuore e culo, Milito col Barça segnò in fuorigioco ma fu anche fermato su fuorigioco che non c'era, mentre al ritorno l'Inter fu messo tutta la gara in 10 per una sceneggiata di Busquets.
    Non metto in dubbio lo spettacolo del Barça, che apprezzo e che ieri mi ha dato grande soddisfazione, ma me l'ha data giusto perchè gli avversari erano proprio quelli.

    RispondiElimina
  55. E ridagli con la clausola. Ma non so se mi pigliate per il culo o proprio non capite. "Dove vai che c'è la clausola" non ha senso, "Dove vai che hai un contratto in vigore", basta quello, non può andarsene dove gli pare se non d'accordo con la controparte. Se poi le due aprti non sono d'accordo su programmi e obiettivi non vedo altra strada che andare ognuno per la sua strada, senza far tanto chiasso e tanti discorsi a bischero. Non sono d'accordo vorrei andarmene, solo se mi paghi cinque milioni, allora resto, ma io non ti voglio. Kafkiani.

    RispondiElimina
  56. 4...
    Peccato avere i braccini...

    RispondiElimina
  57. appunto, "solo se mi paghi cinque milioni":..

    RispondiElimina
  58. Qui sta appunto il kafkiano, che senso ha pretendere cinque milioni da uno che non vedi l'ora di levarti dai coglioni? Se ti va via a gratis senza che tu sia obbligato ad esonerarlo senza pagargli lo stipendio dovresti fare i salti di gioia. Vi è chiaro il concetto dell'assurdità della clausola?

    RispondiElimina
  59. Ilpoeta è impazzito. Per l'altra cosa il tifo, pardon, attenuiamo, il pathos con cui si segue una partita è istintivo, non lo guida il raziocinio. La palla sia avvicina ad una porta e speri che entri, si avvicina all'altra e ti dispiace. Sono andato in confessionale a dire, che, in quel clima di qui mi succedeva il contrario di come...succedeva di certo a te.

    RispondiElimina
  60. ma che sia assurda io lo so! Il problema è che non lo sanno loro!

    RispondiElimina
  61. ma c'è qualcuno qui a cui piacerebbe Paulo Sousa? Perché la mia impressione è che, dopo i casini di questi giorni che comunque lasceranno malumori, abbia poco senso prendere un allenatore che non piace a nessuno...
    Ci spero: LUCIANO!

    RispondiElimina
  62. Io non lo conosco proprio, quindi: boh?

    RispondiElimina
  63. Anonimo ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "fuga da Alprazolam - a Cracco gli partiva un embol...":

    Big Fire, ho appena udito Marcello Chirico, il pelato-scotennato juventino con bava verde alla bocca come una fontana mai secca, affermare che il tripletico Luis Enrique è «un perdente» (ahahahahahahahahahah!). Mi raccogli qualche parere su Ghita, intorno a questo pensiero acutamente anticonformista (ahahahahahahahah!) e intorno alla personalità di Marcellino pane e anfetamino?

    IL GRANDE ZOT



    Postato da Anonimo in Il giovane Foco alle 7 giugno 2015 11:24

    RispondiElimina
  64. A me era sembrato di capire che il problema fosse Montella, e che quindi il suo successore ci avrebbe permesso di ottenere quello che a Montella non era riuscito per incapacità. Chiunque esso sia. Per questo non è importante chi, basta che sia chiunque.

    RispondiElimina
  65. Questa è ovviamente una forzatura tua. Certo se Montella continua con l'atteggiamento che porta avanti dal dopo-Sevilla, se resta crea un clima impossibile per cui davvero sarebbe meglio chiunque.

    RispondiElimina
  66. Beh, se la Fiorentina del 4-3-3-con-falso-nueve della prima stagione montelliana è costantemente indicata da LUD come "vincente", appare chiaro come un tecnico che ha vinto CL, Liga e Copa del Rey non possa essere etichettato che come perdente.

    RispondiElimina
  67. Se cambia atteggiamento le incapacità rimangono comunque.

    RispondiElimina
  68. Quindi i gobbi hanno perso contro un tecnico perdente?

    RispondiElimina
  69. Nessuno lo conosce... ci vorrebbe uno svizzero (vero, però)

    RispondiElimina
  70. Ma basta con questo vittimismo conto terzi! Le incapacità erano indicate chiaramente come relative, nel complesso [per me] era superiore a tanti tecnici nonostante gli errori commessi, ma con questo atteggiamento non andrebbe bene nemmeno Bielsa, o Spalletti.

    RispondiElimina
  71. Appunto, fate il nome dell'allenatore perfetto così ci rivediamo il 5 luglio con il giusto atteggiamento.

    RispondiElimina
  72. Gene Gnocchi :
    “Montella ha comunicato alla Fiorentina che non sarà rintracciabile fino al 5 luglio. Poi ha imboccato la Salerno-Reggio Calabria”.

    RispondiElimina
  73. Sopravvissuto7 giugno 2015 14:49

    FOCO, fai riferire a Chirico che... "annullato un gol al Barça....era il massimo che si poteva ottenere con una Freemont".

    RispondiElimina
  74. Sopravvissuto7 giugno 2015 14:52

    Scusate il ritardo ma il Party da me organizzato per le due ricorrenze di ieri (compleanno di mia figlia, principessina Rebecca Viola e solita sconfitta di finale per la Juventus) mi hanno impegnato; per mia figlia piscina con Kid Creole and Coconuts (vengono a casa tue co' du' lire...) sino alle 18, pausa e poi dalle h.23 casa mia sembrava Barcelloneta.... Ahahaha ahahaha ahahaha ahahah......
    A colazione frutta....

    RispondiElimina
  75. ..pensare che Chirico è talmente coglione da apparire quasi simpatico...da sopprimere sarebbe Suma che infatti ha riempito You Tube di prelibatezze...Lud, dove sei amore mio..

    RispondiElimina
  76. Sopravvissuto7 giugno 2015 14:53

    Non commento più su Montella se sta a fa' lo stronzetto.....

    RispondiElimina
  77. ..e comunque non immaginavo che Marcello leggesse IL DUBBIO....Lud, dove sei amore mio..

    RispondiElimina
  78. sopravvissuto7 giugno 2015 15:00

    No mercy..

    RispondiElimina
  79. sopravvissuto7 giugno 2015 15:51

    Un genio....

    RispondiElimina
  80. Comunque non mi preoccuperei troppo dell'allenatore, quando in finale CL vanno due squadre allenate da Allegri e Luis Enrique...L'importante è che non sia un valore sottratto nel far danni.

    RispondiElimina
  81. http://www.violanews.com/esclusive/indiscrezione-vn-il-primo-rinforzo-della-fiorentina-puo-essere-donati-20150607/



    Prospettive entusiasmanti

    RispondiElimina
  82. Sopravvissuto7 giugno 2015 16:18

    Mica è una sega, dai....
    Visto El Khun stanotte?

    RispondiElimina
  83. Ciao a tutti, sicuramente ne avete già parlato. Ieri mi sembrava che - fatte le debite proporzioni - il Barca ha evidenziato problemi tipici della Fiorentina di Montella: gra mole di gioco, volontà di entrare in porta con il pallone, attaccanti in difficoltà negli spazi.
    Il gioco alla spagnola mi ha un po' stancato..

    RispondiElimina
  84. Sopravvissuto7 giugno 2015 16:21

    Infatti, 6 coppe in 9 anni, triplete due volte.... Il "nostro" gioco alla spagnola ti ha stancato, specifica... Furbo!

    RispondiElimina
  85. Non faccio il furbo "parlando a nuora ..". Ovvio che non posso contestare i trofei, conquistati però avvalendosi di campioni straordinari. Ripeto la sensazione che ho avuto ieri sera è che il Barca con quei talenti, avrebbe potuto spazzare via la Juve prima con una diversa impostazione di gioco.

    RispondiElimina
  86. Spero che la tua sia la chiave di lettura giusta. Soprattutto per la Fiorentina. Poi ci sarà il tempo di fare analisi sui comportamenti di Montella in questa vicenda dei comunicati (quando conosceremo qualcosa di più attendibile di quanto raccontato dalla coppia Calamai/Bucchioni). Spero cioè che il nuovo allenatore possa dimostrare quanto Montella non sia stato capace di far rendere al meglio il potenziale messo a disposizione dalla società. Speriamo.

    RispondiElimina
  87. Sulla vicenda Montella-DV non sto intervenendo (da qui la mia eclisse parziale sul blog dove si parla più che altro di questo) perché è una vicenda lose-lose da "dilemma del prigioniero" (perdona lo sfoggio di erudizione matematico-statistica), dove tutti ci stanno facendo una figura di cavolo.
    Sinceramente non mi interessa sapere se con un altro allenatore saremmo andati meglio o peggio. Se Montella va via, il prossimo anno se arriviamo primi non dirò "Visto senza Montella", arrivassimo decimi, non penserei necessariamente "Ah senza Montella."
    Le situazioni cambiano velocemente e non le ritengo confrontabili (potrei rifare uno sfoggio di erudizione matematico statistica al riguardo, ma in quel caso meriterei di essere mandato a cacare).

    RispondiElimina
  88. Mediocre...Grande Kun, e anche Di Maria. Ma le amichevoli contan poco.

    RispondiElimina
  89. simoparbonon si vince niente a firenze perché i tifosi capiscono le cose sempre al contrario, in questo caso le ragioni sono tutte dalla parte dei della valle, schierarsi con montella significa avere il cervello di una gallina, la clausola era a favore di montella non dei della valle perché lo libererebbe prima della scadenza del contratto, senza clausola è vincolato al 2017 fino alla scadenza contrattuale come tutti gli allenatori quando sottoscrivono un contratto liberamente senza avere la pistola puntata alla tempia, la clausola rafforzava la sua libertà di poter andare via prima così come si fece noi quando era a catania che si pagò la sua clausola con salifù; adesso è lui che vuole forzare la mano per andare via senza far cacciare una lira alla sua nuova squadra, poi quando ha visto che i treni sono già passati ha fatto l'arrogante dicendo "sono in vacanza un mese e non mi disturbate," piglia due cuculi all'anno e detta anche legge, è arrogante e antipatico che non ce ne sono, ma la piazza è con lui, soliti misteri fiorentini

    RispondiElimina
  90. e questa ricostruzione come si tiene insieme con il fatto che la società le uniche volte che ha parlato in pubblico ha ribadito che vuole Montella? Se è così, basterebbe che la società dicesse in pubblico che è andata così, liberandosi dell'allenatore e sputtanandolo davanti a tutti... Spero che lo faccia presto, allora.

    RispondiElimina
  91. Siamo in due.

    RispondiElimina
  92. Paulo Sousa perde la finale della Coppa di Svizzera 0-3: già si sta adattando...

    RispondiElimina
  93. Che non se ne può liberare non ti entra nella capocchia.........

    RispondiElimina
  94. Non so come sia Paolo Sousa, ma dalla Svizzera - dove non mi sembrava avesse allenato grandi "squadre" (e.g. il Basilea) - veniva anche Petkovic, che io reputo essere un buon allenatore oltre che un vero signore.

    RispondiElimina
  95. sopravvissuto7 giugno 2015 17:43

    Le pagelle...

    RispondiElimina
  96. sopravvissuto7 giugno 2015 17:50

    Chissà chi è stato il (silenzioso) Bela Güttman della Juventus
    ..

    RispondiElimina
  97. Belvaromana577 giugno 2015 18:20

    È uno che ha cambiato sei squadre in sette anni.
    Un globetrotter della panchina

    RispondiElimina
  98. Vuol dire che la società cerca la continuità tecnica con Il precedente allenatore?

    RispondiElimina
  99. sopravvissuto7 giugno 2015 18:23

    I campioni...

    RispondiElimina
  100. ..io e Marcello...due persone felici...Lud, perchè non rispondi amore mio...

    RispondiElimina
  101. https://www.youtube.com/watch?v=Q313MRejYu0





    25/05/83...sbocciò il mio amore per la Signora...Lud, con chi sei amore mio...

    RispondiElimina
  102. La ferita dello scudetto rubato ancora fresco, tutti a vedere la finale in un bar Viola in paese...Al gol di Magath un boato infernale di esultanza, un tipo che rientrava a casa in ritardo ci chiese speranzoso affacciandosi alla porta: "Ha segnato la juve???", e noi in coro: "No, l'Amburgo!"...Alla fine minicorteo in strada con le bandiere Viola sventolanti, un fiorire di "Grazie Magath" sui muri, cori contro i ladri. Non tiferei juve nemmeno se mi trovassi ospite dell'ambasciata italiana negli Stati Uniti.

    RispondiElimina
  103. ...FOCO...ho provato a postare un Commento sul tuo Blog e mi ha cacciato fuori..

    RispondiElimina
  104. sopravvissuto7 giugno 2015 19:08

    ZEMANVIOLA, fai un comunicato....

    RispondiElimina
  105. ...non posso, quello era un comunicato di uno ZV obiettivo e l'obiettività mi fa ribrezzo...concordavo con i voti di JINGLE ai Marziani..salvo che per me Iniesta è stato l'apoteosi e Rakitic, che ho imparato a conoscere moooolto tardi, è un giocatore che tutti vorrebbero ma che pochi cercano salvo poi dire " però...."..poi facevo un discorso sulla Signora..un discorso appunto obiettivo che non ripeterò perchè non mi va in realtà di essere misericordioso con le merde...chiudevo chiedendo a JINGLE un suo parere..che mi avrebbe dato ma che qui, luogo di Dellavalliani senza se e senza ma,, non posso chiedere.Lud, perchè hai scelto un altro amore mio...

    RispondiElimina
  106. Mi sembra strano, non ci sono filtri.

    RispondiElimina
  107. GeppettoDanese7 giugno 2015 20:05

    fosse almeno come Ibra..

    RispondiElimina
  108. Che problemi ha evidenziato il gioco del Barça? Fammi capire, perché io non ci arrivo. Fra l'altro adesso ha l'arma in più si un contropiede travolgente con cui soesso vince le partite. Ieri sera ha dominato la partita per 80 miñuti su 90, lasciando gli spiccioli alla Juve, alla faccia di tutti i corifei gobbi che parlano di grande partita delle merde, di un sospetto rigore (tutto da ridere, non siamo in Italia) e di un 1-3 ingiusto, quando avrebbero potuto tranquillamente perdere di goleada. Che tutti i giochi siani perfettibili è persiño ovvio, ma quello del Barç a ha pochi punti deboli, a mio sommesso parere.

    RispondiElimina
  109. Claudio Nassi ha così commentato la situazione attuale in casa Fiorentina ai microfoni di Radio Sportiva: “Il rapporto fra Montella e la società può essere ricucito, l’importante è che ci sia la buona volontà. La Fiorentina ha fatto una buona stagione però bisogna cercare di migliorare i risultati di quest’anno in tutti i modi, correggendo il tiro il più possibile, migliorando il quarto posto e le due semifinali. Il budget di 15 milioni di euro è sufficiente, non è questo il problema. La Fiorentnna si rinforzerebbe vendendo chi è in soprannumero, sia in società che tra i giocatori. È necessario che tecnico e società abbiano una linea comune, la proprietà deve essere in sintonia con l’allenatore. Comunque sono i calciatori che fanno gol e rendono forte una squadra, non l’allenatore, ieri a tridenti invertiti avrebbe vinto Allegri ad esempio”.

    RispondiElimina
  110. ..ma infatti...devo aver fatto qualche puttanata io...o forse ciò che domandavo nel finale a JINGLE (e, più che altro la risposta che mi avrebbe dato), ha infastidito i due Messi-A..di letame..

    RispondiElimina
  111. ..quello che però non mi è chiaro (ma questo dilemma si porta avanti da secoli) è questo: parlando di Barca ultimamente mi è spesso capitato di leggere che si, è facile allenare il Barca poichè basta dare la palla a Messi (tra l'altro ieri nullo per 88 minuti) e allora è facile...chiedo..ma Guardiola al posto di Messi aveva Diamanti?..tutto il resto...che poi dovrebbe interessare..Montella..il rapporto da ricucire..la campagna acquisti futura...finisce PURTROPPO con l'essere la parte meno interessante...poichè da mesi si discute ma si discute sull'irreale..su ciò che dovrebbe essere scontato ma finisce con l'essere fantascienza..la colpa? Sicuramente di Cecchi Gori che ci ha messo in questa situazione...e non sto scherzando..o la chiami sfiga o la chiami Vittorio...difendere Vittorio è da pazzi, difendere questi è da scemi ma scemi forte.

    RispondiElimina
  112. Deyna usa le parole di Simoparbo per farmi sapere che schierarsi con Montella significa avere il cervello di una gallina. Zeman invece sostiene che difendere i DV è da scemi ma scemi forte.
    Insomma, non ne esco proprio bene.

    RispondiElimina
  113. Tifoso juventino medio

    RispondiElimina
  114. Tifosi juventini in rientro da Berlino

    RispondiElimina
  115. dal sitone
    Quando farsi del male è di casa. Firenze è divisa e stanca

    Andrea Della Valle e Montella in Fiorentina-Torino 2-2E la deadline rischia di slittare ancora. Da martedì/mercoledì scorso, prima, passando per il giovedì/venerdì poi, per arrivare al weekend. Ma il tutto è ancora in forse. Perché? Semplice. Non si trova la parola fine a questa maledetta settimana. D’altronde la comunicazione non è mai stata la forza di questa società. Fin dai tempi del suo insediamento. E allora capita (ma solo a Firenze queste cose?) che da una parte non si riesca ad esonerare, confermare, imporre ad un allenatore praticamente nulla, e dall’altra il si definitivo ad alcune imposizioni societarie venga procrastinato continuamente. Che Montella fosse la priorità della Fiorentina lo si era capito ed era stato più volte detto. La palla passata dalla società all’aeroplanino, però, è stata rispedita più volte al mittente. Ma mai in maniera netta. E da lì il silenzio prima, la guerra di comunicati poi, fino ad arrivare ad una spaccatura che ha nella rottura totale il suo inevitabile finale. Ripartire così, in questo clima fatto di incomprensioni continue e comunicazioni attraverso i media avrebbe un senso?



    E Firenze si divide. Tra i Pro Montella, gli Anti Montella, i Pro Della Valle e gli Anti Della Valle. La partita è un miscuglio di posizioni quanto mai variegato. Se, e su questo sembrano essere tutti d’accordo tifosi e addetti ai lavori, meglio di Montella in giro c’è poco e nulla (tranne forse Spalletti che però è irraggiungibile a quelle cifre), sul modo in cui Montella ha espresso le sue posizioni in molti sono ancora scettici. In fondo cosa chiede il tecnico viola? Garanzie e non passi indietro. E’ per molti ancora lui il garante del futuro viola. Ma allo stesso tempo è pur sempre un dipendente, ed è qui che i Pro Della Valle convergono in toto con gli Anti Montella: come può una società importante come la Fiorentina farsi tenere prigioniera da un suo stesso dipendente? La guerra dei comunicati è invece passata come ridicola agli occhi di tutti, perché i panni sporchi si lavano in casa. Ed invece sono stati stesi alla pubblica mercede. Ma in ballo c’è uno stesso risultato: il futuro di Firenze e della Fiorentina. Ed è questo che forse alle parti non è ben chiaro. Perchè questa vicenda sta logorando fegato, anima e passione di una tifoseria intera. Esasperata, nel dividersi e nello scannarsi tra se stessa tra chi vuole ancora Montella, chi non lo vuole più, chi critica l’operato della società, chi del tecnico, chi di entrambi, e chi in tutto questo continua a dire conta solo la maglia. Intanto il vento continua a cambiare. Se nei primi giorni era spaccatura quasi a metà, nei giorni l’ago della bilancia si è spostato. Sui social network e nei commenti ai vari siti internet l’opinione pubblica viola si sta schierando sempre più contro la gestione da parte dei Della Valle di questa vicenda.



    Per fortuna tra poche ore tutto sarà finito. Oggi o al massimo domani avremo una risposta. Poco importa da che parte stiate/stiano tifoseria/dirigenti. Comunque vada a finire questa annosa vicenda la Fiorentina ha perso. In entusiasmo da una parte di chi aveva gettato alle spalle la delusione per due semifinali perse in malo modo (per errori di tecnico e società sia chiaro) ed era già pronta a ripartire con voglia e grinta in difesa della sua fede, comunque credendoci, e già in crisi d’astinenza in attesa della prossima stagione. Ed in credibilità dall’altra per chi non riesce a prendere una decisione (il tecnico) e chi non riesce ad imporla (la società)..



    Firenze è stanca. E purtroppo da alcuni errori del passato la lezione non è stata imparata. Quando farsi del male, insomma, sembra esser cosa di casa.

    RispondiElimina
  116. La soluzione peggiore per la Fiorentina è quella delineata da Nassi. Il rapporto appare in forte crisi e ricucire mi sembrerebbe come quelle coppie che vogliono separarsi, si fanno due conti, guardano il mutuo e dicono che si vogliono ancora bene. Mi sembra chiaro (poi potrei sbagliarmi) che i DV non vogliano pagare due stipendi e che Montella non vuole dimettersi visto che le panchine importanti sono andate via e restare un anno fermo sarebbe deleterio (non ritengo Montella un allenatore adatto a prendere una squadra in corsa, per i limiti che ha mostrato e penso che lui, essendo persona intelligente, possa concordare con me).
    Non so di chi sia la colpa principale ma una cosa è evidente: Montella ha sbagliato a mettere in dubbio lil famoso "progetto", è uno stipendiato, può non condividere le strategia societarie, ma in quel caso le strade sono due: o sbatti la porta e "esterni" o ti prendi i soldi e stai zitto.
    Questa si chiama deontologia professionale, nel mio piccolo la applico sempre, anche quando sono "Corto" anche quando non intervengo in alcuni argomenti extracalcistici che vengono sovente affrontati qui.
    Magari i DV sono i peggiori e stanno facendo mobbing per costringerlo a dimettersi: ma allora si denuncia il mobbing, non si mettono in piazza critiche alla società. E' un dipendente non un azionista.

    RispondiElimina
  117. Aggiungo che mi dispiace di non essere tra gli adoratori di Montella, perché avrei scritto esattamente le stesse parole.

    RispondiElimina
  118. La Roma ha già confermato Garcia?

    RispondiElimina
  119. ma infatti la penso grosso modo come te, tranne sulla critica alle parole di Montella sul progetto, che mi sembrano quelle che si usano in qualsiasi società.
    Sulla soluzione comunque concordo: dico fin dall'inizio che la società non ha intenzione di accontentare le richieste dell'allenatore, la soluzione migliore è cambiare. Solo che ogni giorno che passa diventa più difficile trovare qualcuno all'altezza... Spero che facciano in fretta.

    RispondiElimina
  120. stefano vienna7 giugno 2015 21:28

    Corto, io dal mio punto di vista anti-montelliano della prima ora sarei anche per condividere tutto quello che scrivi. Ma c'è un però. E sarebbe che, in tutta questa storia, una parte consistente dei tifosi viola continua a non capirci più una mazza. E allora preferisco mettere da parte i miei pregiudizi e accomodarmi al tifoso medio che fa fatica a capire cosa gira per la testa dei protagonisti. Non voglio appunto passare per quello che invece ha capito tutto e che si arroga il diritto/dovere di spiegare agli altri come stanno veramente le cose. Poi, con tutta onestà, io ero prima per cambiare allenatore sulla base di considerazioni tecnico-tattiche e rimango della stessa idea a prescindere da questa triste vicenda.

    RispondiElimina
  121. Belvaromana577 giugno 2015 21:28

    Perché si concretizzi una fattispecie di mobbing occorre il simultaneo concorso di una pluralità di fattori:
    - una pluralità di atti o comportamenti di carattere vessatorio;
    - l'intento doloso;
    - l'esistenza di un disegno volto a emarginare e/o estromettere la vittima.
    Fino a qui, con uno sforzo di immaginazione, ci potremmo anche arrivare, dando per scontate le varie versioni e dichiarazioni dell'interessato.
    Quello che manca è il danno al cui risarcimento è doverosamente finalizzata l'azione per mobbing.
    La società ha sempre elogiato in pubblico l'operato di Montella e anche di recente Cognigni ha parlato di " stagione positiva"in riferimento al quarto posto

    RispondiElimina
  122. ma infatti io sarei stato ben felice di un cambio di allenatore sulla base di considerazioni tecnico-tattiche, lo sai. Ma i DV da quel lato non ci sentono, deve diventare sempre una questione di contratti e tradimenti...

    RispondiElimina
  123. Non dico di aver capito tutto, sto solo stigmatizzando le dichiarazioni di Montella, che ritengo gravi anche qualora fosse una prassi comune nel mondo del calcio, parlare male delle società che ti pagano.

    RispondiElimina
  124. stefano vienna7 giugno 2015 21:46

    Può anche essere, ma il tifoso medio in questa vicenda non riesce a prendere posizione e mi accodo al tifoso medio.

    RispondiElimina
  125. Mobbing era una metafora, mi sono scordato le virgolette.
    Io come dicevo a Stefano sopra, non so se i DV hanno orchestrato una campagna mediatica contro Montella attraverso giornalisti amici (questo intendevo per mobbing) con lo scopo di screditarlo. Ma a questo punto non mi interessa, perché ritengo gravi le dichiarazioni di MOntella. (sensazione confermatami da un mio amico napoletano tifoso del Napoli - che cito come terza parte imparziale, che mi disse "non si è mai visto un allenatore che dice quelle cose")

    RispondiElimina
  126. stefano vienna7 giugno 2015 21:55

    La vicenda è troppo ingarbugliata, se senti Valtolin e tanti altri, ti dicono che Montella voleva solo intavolare una discussione franca sui programmi e i Della Valle invece hanno sbroccato. Ora dimmi tu in base a quali prove schiaccianti puoi confutare la loro ricostruzione del caso. Che poi anche la loro ricostruzione si basa su sensazioni, interpretazioni e in parte su un pregiudizio di partenza favorevole ad uno degli attori non equivale ad una confutazione. Su queste basi, potrebbero avere ragione o torto. Io preferisco astenermi, anche perchè tutti sanno che avrei esonerato Montella già tre volte: dopo la prima di campionato, dopo la sconfitta di Coppa Italia con i gobbi, e dopo la debacle in Spagna. Consapevole di avere un pregiudizio di partenza, preferisco astenermi dal commentare oltre. Riparlerò dell'allenatore della Fiorentina -qualunque esso sia- a settembre quando riparte il campionato.

    RispondiElimina
  127. Belvaromana577 giugno 2015 22:00

    Anche l'anno scorso Montella parlò di decrescita, fu cazziato,si eclisso' per un mese e poi aaccettò l'ennesimo mercato low profile.
    In assenza - per ora - di prova contraria, io tendo a ritenerlo sincero. E da tifoso me ne frego dell'Oscar dei bilanci e mi piace vedere gente forte in campo. Gli "articoli scritti sotto dettatura" sono un prezzo da pagare in qualsiasi piazza: ovunque c'é stampa compiacente.
    Il problema di Montella, come dice saggiamente LELE, è una certa tendenza al protagonismo e il brutto carattere.
    Piccolo particolare: tutti quelli che hanno carattere, hanno un brutto carattere.
    Ergo: i fratelli vogliono yesman.
    Legittimamente visto che la baracca la mandano avanti loro

    RispondiElimina
  128. Belvaromana577 giugno 2015 22:05

    Ottimo. Non abbiamo elementi concreti per valutare e, ad ora, non c'é nulla che dimostri che l'operato di Montella sia stato scorretto o comunque ispirato dall'opportunismo o dall'avidità.
    Mancano le prove.
    Diamogli almeno il tempo di costruirle a tavolino ah ah ah ah

    RispondiElimina
  129. Capisco il tuo punto di vista, anche io trovo la vicenda cosi penosa che non volevo commentarla. Il mio punto però è un altro: non voglio confutare la tesi di Valto e gli altri, se sono in buona fede, le dichiarazioni di Montella sono state un errore grossolano e gli errori dovrebbero essere sanzionati.

    RispondiElimina
  130. ....esonerarlo alla prima forse era davvero la soluzione migliore..ci risparmiavamo delusioni postume...se arrivi alle semifinali e le perdi sei un fallito, se non ci arrivi addirittura nessuno se ne accorge e allora magari sei pure bravo...un consiglio se ti va, al posto di parlare a Settembre del "qualunque esso sia allenatore", prova, per una volta, a parlare di chi quell'allenatore qualunque esso sia, lo assume...giusto una volta, tanto per provare anche questa latitudine.

    RispondiElimina
  131. Belvaromana577 giugno 2015 22:18

    Corto ti rispondo qui. Ma secondo te, se la società potesse sanzionare le dichiarazioni del tecnico non lo farebbe?
    Evidentemente qualcuno gli avrà fatto presente che non integrano una giusta causa di recesso.
    L'esonero non motivato sarebbe un bagno di sangue per la proprietà: una proprietà che si è sempre distinta per il rispetto dei contratti.
    Montella non è uno sprovveduto e il comunicato improvvido ai fratelli è tornato indietro come un boomerang.
    Io resto dell'idea che un passo indietro conviene a entrambe le parti. O proseguono il rapporto - con le incognite del caso - oppure trovano un accordo

    RispondiElimina
  132. Belvaromana577 giugno 2015 22:22

    E in caso di esonero per salvare la faccia (perché di questo stiamo parlando), l'accordo possono sempre trovarlo davanti al collegio arbitrale

    RispondiElimina
  133. Scusa stasera sono poco preciso: sanzionate dal nostro punto di vista, non legalmente dalla società.
    Sinceramente io trovo grave che un dipendente, sia pure particolare come un allenatore, dica quelle cose che ha detto Montella pubblicamente, sia che siano dolose sia che siano fatte per il bene della squadra e dei tifosi per intavolare un discorso sul "progetto".
    Sarà il tipo di lavoro che faccio, ma io lo trovo inconcepibile.

    RispondiElimina
  134. Sopravvissuto7 giugno 2015 22:24

    Forse siamo facendo troppi pensieri su aspetti che non conosciamo. Molti fumo e poco arrosto.

    RispondiElimina
  135. IN ARRIVO IL COMUNICATO, MONTELLA RESTA. TELEFONATE E SCUSE. ECCO COSA È SUCCESSO IERI

    RispondiElimina
  136. La giornata di ieri è stata la più importante e decisiva per la conferma di Montella a Firenze. Conferma che ormai sembrava essere diventata una semplice formalità. Così non è statao soprattutto dopo il comunicato di Andrea Della Valle nel quale metteva fretta al tecnico napoletano. Comunicato che ha messo a nudo tutta la fragilità e i limiti di una dirigenza, quella viola, che di questi errori negli anni ne ha commessi tanti.
    Nella giornata di ieri ci sono stati tanti colloqui telefonici tra Cognigni, Pradè e Montella. Lo “strappo”, se cosi si può dire è stato ricucito, questo almeno ufficialmente, sono stati spiegati i perché del gesto e il malinteso che ha portato a quel comunicato. Tutto è tornato a posto. Il lavoro di Cognigni e di Pradè è stato prezioso. Il gioco di diplomazia ha funzionato. Tra oggi e domani arriverà il comunicato della società nel quale verrà confermato Montella. Da lunedi (finalmente) inzierà il mercato viola. C’è una squadra da migliorare…

    RispondiElimina
  137. Sopra il punto che provo a spiegare senza riuscirci evidentemente è un altro: da quanto ho capito tu hai un'impresa. Se un tuo collaboratore ti viene a dire che è precocupato delle prospettive future dell'azienda, non c'è ninete di male anzi, lo apprezzerei. Se va alla tivu locale a dire che vuole chiarezza sulle strategie della tua società per continuare, io lo prenderei a calci nel culo.

    RispondiElimina
  138. Belvaromana577 giugno 2015 22:28

    Quando c'é puzza di bruciato qualcosa arde sempre

    RispondiElimina
  139. Belvaromana577 giugno 2015 22:29

    Come ho detto fin dall'inizio.
    Conviene a tutti

    RispondiElimina
  140. ..un malinteso può capitare...perbacco.

    RispondiElimina
  141. no, ma io cosa volesse intavolare Montella non lo so, come faccio a saperlo? L'unico giudizio che posso dare con precisione, perché si basa su notizie pubbliche, è che la società ha gestito la faccenda coi piedi invece di tagliare la testa al toro con una decisione netta, in un senso o nell'altro. Questo è il mio giudizio basato su notizie certe, mentre il resto, hai ragione, sono tutte speculazioni...

    RispondiElimina
  142. ..mi pare comunque che lo "strappo" pare ricucito...una grande annata ci attende...sotto col mercato e via, verso traguardi sempre più importanti che comunque avremmo conquistato anche con altri..notte.

    RispondiElimina
  143. Belvaromana577 giugno 2015 22:38

    Segue comunicato:
    La società, nel rinnovare la fiducia al tecnico sig.Vincenzo Montella, ha proposto al medesimo l'affiancamento di una figura calcistica di primissimo piano, individuata nella persona del sig. Franz Beckenbauer.
    Ad entrambi i migliori auguri di buon lavoro

    RispondiElimina
  144. ..io avrei messo Stielike ma mi sta bene quel che decide la Società...

    RispondiElimina
  145. Belvaromana577 giugno 2015 22:41

    Stielike era impegnato:è nello staff di Cagni

    RispondiElimina
  146. Bobby Caponata7 giugno 2015 22:42

    Ho provato a ricreare alcuni scenari di come si sarebbe potuta svolgere la vicenda... ( non vi sto ad annoiare..) e alla base di tutte emerge come fattore scatenante la stupidità, dettata magari dall'orgoglio, dall'essere permalosi... Non trovo una ragione intelligente che possa averci fatto giungere a questo punto...
    Poi mi sono chiesto, ma chi è capace di essere così idiota..?
    Mi è allora venuta in mente la richiesta al tecnico di restare "con entusiasmo..." poi l'innocuo e infantile comunicato di ADV... al quale è seguita la risposta più facile del mondo "resto con immutato entusiasmo" (un po' di ironia ci sta pure bene) ridando la palla in mano alla società.. Passando per i colpi a salve del duo Calamai Bucchioni, ora si aspetta la decisione della società (dicono con insistenza a sky) sul futuro del tecnico.. che nel frattempo se n'è andato giustamente in vacanza.

    Ma alla fine se Montella avesse chiesto di andarsene, non sarebbe stato più facile abbassargli la clausola e levarselo dalle palle?

    RispondiElimina
  147. Belvaromana577 giugno 2015 22:45

    Stefano esci dal tuo mutismo sulla vicenda Montella!

    RispondiElimina
  148. Sì. Però, avendo aspettato, gli si è fatto perdere Milan e Napoli. Così, se dovesse rimanere - ma non credo proprio - sarà ancora più incattivito.
    A chi giova?
    Via, via. Chiamare Ventura e addio Montella, addio clausola.

    RispondiElimina
  149. Il Signor Montella ha emesso un comunicato dal Madagascar nel quale si dice felice di andare a Moena con Entusiasmo e Professionalità, però aspetta che, con chiarezza e rispetto per i tifosi e per la maglia, glieli comprino, perché per ora non ci sono.
    La società ha replicato con un comunicato complimentandosi con Montella ed invitandolo a dare una risposta entro domani.
    Il Signor Montella, non volendosi fare attendere fino a domani, ha risposto subito dal Madagascar ringraziando la società e dicendosi disposto ad attendere una risposta entro domani.
    I tifosi, preso atto con sollievo dello scambio di comunicati, si stanno pacificamente radunando sotto la Curva Fiesole per dare tutti insieme una pacata e serena risposta a Montella e alla società.

    RispondiElimina
  150. Sopravvissuto7 giugno 2015 23:12

    Concordo. Pienamente. Sto per indire azione legale contro un socio, tra l'altro, beccato con mani nel lardo. Mortaccj sua!

    RispondiElimina
  151. Sopravvissuto7 giugno 2015 23:15

    Nel frattempo il Belgio mi ha divertito (e impaurito): Fellaini colonna portante, Nainggolan protagonista sostanzioso, Hazard divino, Mertens furetto imprendibile. Francia inconsistente.

    RispondiElimina
  152. Sopravvissuto7 giugno 2015 23:16

    Mio padre, 73 anni, viola -viola....ha commentato la vicenda Montell in modo stringato: "Sta a fa' lo stronzo".

    RispondiElimina
  153. Sopravvissuto7 giugno 2015 23:31

    Dico la mia, anche se volevo attendere...
    Due semifinali sono due semifinali (e un quarto posto, per tre anni consecutivi) perché sminuirle? Ma sono cose da tutti gli anni? Se non consideriamo due semifinali allora non consideriamo nulla e parliamo del nulla; due semifinali sono due risultati, a differenza di chi non c'é arrivato e quindi ha non-risultati da commentare e sui quali prendere provvedimenti.
    Noi che siamo coinvolti (marginalmente o nulla nelle decisioni, emotivamente tantissimo ) nelle vicende viola dovremmo leggere e ascoltare chi vede gli avvenimenti dall'esterno.
    La maggior parte della gente afferma "Come fate a discutere il mister? Questo mister? A me la Fiorentina ha sempre divertito con Montella e la guardavo sempre.... Dategli qualcosa in più e probabilmente porterà a casa qualcosa...".
    Rimane da capire, da chiarire, se uno dei Della Valle si degnerà di cagare noi tifosi, e quindi comunicare un nodo importante: il problema è Montella veramente? Cioè, vogliamo rendere Montella parte del problema Fiorentina-non vincente in 12 anni o vogliamo rendere Montella soluzione-per-agguantare qualcosa? A me sembra che nessuno ci abbia portato così vicino a sperare in un trofeo (al di là del risultato finale).
    Diego sta valutando?
    -Se l'obiettivo era entrare in CL, allora Montella ha fallito e DV-staff prende decisione che ritiene più opportuna, quindi esonero;
    - Se l'obiettivo era vincere (mi deve essere sfuggita questa affermazione, io l'unica che ricordo- a Moena- è stata "Quest'anno ci divertiremo", cfr. Andrea DV) qualcosa allora ha ragione la società;
    - Se l'obiettivo era "giocarsela" Montella è riuscito a giocarsela su due fronti;
    - Se l'obiettivo era provare perché altrimenti è un bagno, e quindi "dirigiamoci sulla EL" (quasi innegabile questo concetto!)allora hanno fallito sia società sia tecnico.
    Ecco una dichiarazione sottintesa ma congiunta c'é stata, allorché han fatto capire che l'EL era "l'obiettivo".
    Quando vogliono, sia DV sia VM, sanno comunicare ma adesso vedo la comunicazione di Montella leggermente in vantaggio. E mi dispiace.

    RispondiElimina
  154. Belvaromana577 giugno 2015 23:34

    Quindi: che fare?

    RispondiElimina
  155. stefano vienna7 giugno 2015 23:35

    Sinteticamente, lo dovevano esonerare prima in base a considerazioni tecnico-tattiche, ma dubito che ci sia qualcuno in società capace di fare considerazioni tecnico-tattiche. Sulla situazione attuale, le colpe sono in primis della società e sono colpe gravissime, sulla buonafede di Montella sospendo il giudizio -senza ipocrisia, non ho elementi per giudicarne le motivazioni-, su cosa fare adesso proprio non lo so anche perchè ci sono molti soldi in ballo e fortunatamente non sono i miei.

    RispondiElimina
  156. Sopravvissuto7 giugno 2015 23:37

    Quindi devo decidere io, ora? (Eheheh eheheh eheheh!).
    Caro BELVA, la palla sta nelle mani della società...ti traduco Montella? "Ahó, io me faccio un po' de ferie, v'ho detto che rimango con entusiasmo...più ddde questo.... Decidete che volete fa, io v'ho detto che rimango...".
    Quindi tocca alla Fiorentina tirare fuori l'apparato contente liquido seminale riproduttivo e prendere decisione. Più chiaro di così...si sono fatti incartare.

    RispondiElimina
  157. Sopravvissuto7 giugno 2015 23:38

    STEFANO, come darti torto?!? Situazione assurda.

    RispondiElimina
  158. Belvaromana577 giugno 2015 23:39

    Alla fine la pensiamo tutti allo stesso modo. Diavolo di un Pollock!

    RispondiElimina
  159. Il Montella allenatore presta il fianco a poche critiche, una macchia indelebile sulla stagione dove tutto quello che un'allenatore può sbagliare lo sbaglia, dall'approccio, alla carica mentale, fisica, nervosa, alla scelta degli uomini, insomma un disastro totale con le merde in casa e il solito limite di correggere tardivamente in corsa la cazzata iniziale, o non correggerla proprio.
    Ma chi non sbaglia ?! Il gioco e i risultati possono anche coprire certe situazioni, certi scivoloni.
    Il Montella uomo e comunicatore, il personaggio corretto eticamente e sportivamente mi fa parecchio cagare.
    Una serie di dichiarazioni che la società, giustamente, ha iniziato a tener conto, dalla perdita di giocatori importanti, alla mancanza dei vertici societari in difesa della squadra per dei fischi e dei cori legittimi (una ventina di goal presi a fronte di una decina, scarsi, fatti......) ed un mese che ha vaporizzato sogni, traguardi e ambizioni facendoci credere che il prima fosse solo un bel sogno e che il risveglio ci avesse scaraventato giù dal letto.
    Mancanza di umiltà, punire i giocatori quando sbagliano ma fare pochissima autocritica davanti ai propri errori, mai un ammissione di colpa, mai un briciolo d'imbarazzo anche di fronte a prove peggio che deludenti, mai una giustificazione che non andasse oltre all'esaltazione della prova o della squadra come se certi risultati fossero figli delle circostanze, si è visto come le merde dominino certi momenti negativi della partita e cosa buttano in campo quando salta qualche schema o una marcatura, noi no, mono corda, sempre coi giri contati, ticchete tocchete anche quando non serve a un cazzo e una banda di femmine quando ci sfondano la porta con un contropiedaccio!!!
    La mano dell'allenatore si vede anche in questo. Crescerà, diventerà uno dei migliori, lo è già in un certo panorama, ma salirà ancora di livello.
    Le dichiarazioni di chiarezza e di obbiettivi che ha richiesto alla società tagliano la testa al toro quanto a correttezza e rispetto dei ruoli, li ha prevaricato, i dubbi li ha sollevati lui, i mugugni pure, ha chiesto lui garanzie per proseguire, e non ne aveva il diritto, non con questi tempi e in questi modi.
    La società si è lasciata sfuggire la situazione di mano, un ragazzotto scaltro li ha messi in difficoltà senza sbattere neanche i pugni sul tavolo, e questa da molto da pensare a chi sono i padroni del vapore e di quanto poco abbiano imparato in quasi quindici anni di gestione della società.

    RispondiElimina
  160. Una parte consistente dei tifosi viola continua a non capirci più una mazza, tu dici. Ma guarda quella è la condizione normale, Una buona parte, non so se la maggioranza ma una parte molto significativa, non capisce un cazzo di suo, a prescindere. Abbiamone coscienza...

    RispondiElimina
  161. stefano vienna8 giugno 2015 00:15

    Se proprio dovessi dare un contributo alla discussione, sarebbe quello di chiedersi in quale situazione del cavolo si trova Pradè. Infondo è lui che ha portato Montella, è quello anche umanamente più legato e proprio in queste settimane avrebbe dovuto cercare l'accordo per il rinnovo. Insomma, se è vero che i Della Valle se le legano tutte al dito, il buon Pradè è il prossimo destinato a fare le valigie.

    RispondiElimina
  162. Qui si va nei pazzi. Uno Zamparini o un Cellino l'avrebbero strangolato, qui è sempre stato portato in palmo di mano, mai un mugugno anche quando s'è preso delle risolate memorabili. Ora gli avrebbero fatto il mobbing. Ma che è, una presa di culo?

    RispondiElimina
  163. stefano vienna8 giugno 2015 00:24

    ZV,tu quoque? E sono ormai settimane che parlo di falegnameria senza falegnami. Mi dirai che sei tu quello meno incoerente. Se pensi che i Della Valle fanno veramente cagare come sostieni, ti pare che riuscivano ad assumere un allenatore decente. In linea con la loro mediocrità, avranno assunto un allenatore mediocre. La mia è la vera coerenza anti-dellavalliana, tu sei tutto fumo e poco arrosto.

    RispondiElimina
  164. Sopravvissuto8 giugno 2015 00:24

    Sfidato, ZV.

    RispondiElimina
  165. "Una banda di femmine quando ci sfondano la porta con un contropiedaccio" può esser sembrata anche la juve, ieri, visto che ha preso secondo e terzo gol in contropiede, dal Barcellona, sull'1-1!

    RispondiElimina
  166. stefano vienna8 giugno 2015 00:26

    Sopra, e tu però mi devi fare da testimone (imparziale s'intende), la falegnameria senza falegnami è invenzione mia!

    RispondiElimina
  167. Sopravvissuto8 giugno 2015 00:28

    Cacchio, ho avallato l'acquisto e anche io credevo di trovare piallatori e Gepetto, invece al di là di Geppetto Danese (lavora all'Ikea?) c'è nulla...

    RispondiElimina
  168. stefano vienna8 giugno 2015 00:30

    Sì, noi da Matri, loro da Suarez. Uguale.

    RispondiElimina
  169. stefano vienna8 giugno 2015 00:32

    bè, qualche piallatore però deve esserci, infatti me le hanno piallate per benino…

    RispondiElimina
  170. Sopra ma se tu pensi che il problema siano i risultati non hai capito nulla, scusami tanto. Non c'è unità d'intenti, per usare un eufemismo, tra area dirigenziale (leggi Cognigni) e area tecnica (leggi Pradè-Macìa-Montella). Contrasti più o meno sopiti, Te lo devo ridire che l'80% del emrcato l'han fatto Gnigni-Ramadani-Zahvi? e che quelli arrivati per quella via giocavano da ultimo e per forza, alcuni perchè eran poca cosa, ma alcuni anche per motivi non chiarissimi. Che Macia si è visto bocciare almeno due acquisti importanti come Kranevitter (preso alla metà di quel che vogliono adesso) e Ocampos èanche noto. Macìa un certo punto ha sbattuto infatti la porta (piano perchè è un gentleman, ma l'ha sbattuta), guarda caso le cose son cominciate ad andare male, anche sul campo, subito dopo. Montella avrebbe voluto fare altrettanto ma ci rimetteva troppo ed allora è cominciata la manfrina. Secondo me ha sbagliato anche lui, se andava a parlare a quattrocchi forse si capivano, era interesse di tutti e due lasciarsi in pace. Invece non so perchè si è cominciato questo lenga lenga costellato di comunicati non so diretti a chi. Tra gli interessati basta ed avanza il telefono, evidentemente non sanno parlarsi senza testimoni.

    RispondiElimina
  171. Futuro Montella, oggi la decisione: 50% resta, 50% esonero..


    Pubblicato il:
    08 Giu 2015 00:00

    Autore:
    Gianni Ceccarelli, Fiorentina.it



    E
    finalmente arrivò il giorno della decisione. Di tutta la situazione
    legata alla permanenza o meno di Montella alla Fiorentina francamente
    non ne poteva più nessuno. Una serie di errori, incomprensioni,
    valutazioni, che hanno fatto ridere tutti, fuori dalle mura di Firenze e
    chi non è tifoso viola. Mai una stagione che possa iniziare nel modo
    più sereno e tranquillo possibile, mai certezze ma tanti dubbi. Una
    situazione dove le responsabilità, chi più chi meno, sono di tutti.
    Sarebbe troppo limitativo e sbagliato addossarle solo a un soggetto.
    Quindi,
    oggi i Della Valle decideranno se andare avanti con Montella oppure
    scegliere la dolorosa e costosa soluzione dell’esonero. Da giorni, come
    per tutta la giornata di ieri e di oggi il Direttore Generale Andrea
    Rogg e il Direttore Sportivo Pradè hanno lavorato molto per ricucire
    quello che per alcuni è uno strappo, per alcuni solo una serie
    d’incomprensioni.
    Secondo quanto raccolto da Fiorentina.it anche ieri
    sono proseguiti i contatti con Vincenzo Montella (ancora in Italia e
    solo oggi partirà per le vacanze in Madagascar). La situazione per la
    Fiorentina è la seguente: 50 % che Montella resti l’allenatore della
    Fiorentina, 50 % no.
    L’ultimo ‘strappo’, quello di sabato
    sarebbe soprattutto legato alla questione della clausola rescissoria.
    Clausola, che vale 5 milioni per i club che vorrebbero portare via
    Montella dalla Fiorentina e che lo stesso Montella (questo lo abbiamo
    saputo solo adesso) a gennaio aveva chiesto alla Fiorentina di poter
    togliere cancellare. Qui la domanda sorge spontanea: perché a gennaio
    Montella voleva togliere la clausola rescissoria? Perché aveva già
    deciso di lasciare la Fiorentina oppure perché non vedeva la società
    fare i giusti investimenti in fase di mercato con una squadra che si
    apprestava, dopo solo tre mesi, nel finale di stagione a giocarsi terzo
    posto, l’accesso alla finale di Coppa Italia e l’accesso alla finale di
    Europa League.
    Solo al suo ritorno in Italia si potrà sapere di questa sua scelta.
    Intanto,
    la Fiorentina, i Della Valle vogliono andare avanti con lui. Anche in
    questa ottica bisogna leggere la proposta che la società ha fatto
    pervenire a Montella: allungamento del contratto di ancora un anno per
    una programmazione a medio-lungo termine. Davanti a questa opportunità
    Montella, pare, avrebbe risposto di togliere la clausola rescissoria tra
    dodici mesi.
    Adesso
    non resta che attendere l’ultima decisione da parte dei Della Valle. Di
    sicuro Montella, che oggi partirà per le vacanze in Madagascar, si
    sente ancora allenatore della Fiorentina e partirà con questa
    convinzione, resta da capire se all’atterraggio ad Antananarivo
    (capitale del Madagascar) lo sarà sempre oppure sarà sostituito con il
    portoghese Paulo Sousa…

    RispondiElimina
  172. stefano vienna8 giugno 2015 00:46

    90% resta, 10% esonero.

    RispondiElimina
  173. stefano vienna8 giugno 2015 00:48

    A proposito, Valto, ma al momento attuale tu sei per l'esonero, vero?

    RispondiElimina
  174. Sopravvissuto8 giugno 2015 01:30

    Alex Vidal al Barça...

    RispondiElimina
  175. shhhhh! Non starai mica dicendo che a bucarci in semifinale è stato l'erede di Dani Alves? Era l'ultimo degli scarponi, dai, non confonderti...

    RispondiElimina
  176. Shhhhh, starai mica dicendo che il Siviglia vende i suoi migliori giocatori (scovati magari nelle serie minori) senza che i suoi tifosi o il suo allenatore parlino di ridimensionamento?

    RispondiElimina