.

.

mercoledì 17 giugno 2015

Penso ai Bianchi invece che ai Viola

Oggi voglio essere addirittura propositivo, abbandono il ruolo del tifoso passivo in attesa che prima o poi trascorrano le fatidiche ore decisive per Longo, e penso al Calcio Storico. In città il malessere sale perché i giorni passano senza che arrivino novità, forse oggi parlerà ADV e forse no. Forse parlerà, forse arriverà. Tutto forse. Le uniche certezze sono Pitti Uomo e i mutui a tasso fisso. Ma intanto con i Bianchi una finale l’ho raggiunta anche quest’anno. E se la parola chiave non è più “lampredotto” ma “chiarezza”, vorrei ricordare alla società che le persone più chiare oggi sul mercato, ancora più di Rogg, sono gli albini. Mi sorge quasi il sospetto che siano rimasti bruciati dall’epilogo del caso Neto e che a forza di rinviare qualcuno stia pensando di diventare il nuovo portiere. Arrivare ad effettuare delle scelte è tanto più complesso a seconda di quante sono le teste  che devono prendere certe decisioni. Ma non è solo il numeroso organigramma in se a prevedere una certa macchinosità, potrebbe essere molto più complesso di quello che sembra. La Rita per esempio ha sei shampoo diversi nella doccia, e se ogni volta mi chiedo quante teste abbia mia moglie, oggi a maggior ragione mi chiedo chissà quanti shampoo ci saranno nelle docce del viale Fanti. Che poi per me il discorso dello shampoo è oltretutto una beffa, delle volte chiedo proprio alla Rita di farmi squillare i capelli perché non li trovo. Non mi interessa se la Fiorentina è rimasta l’unica società ancora senza allenatore, come sempre rimango un inguaribile ottimista, e dopo il dolore dell’esonero di Montella anche un inguaribile reumatico. Capelli o non capelli, dolori o non dolori, 50 anni suonati o non 50 anni suonati, ancora mi difendo. Non per vantarmi ma la ragazza della lavanderia mi ha strizzato l'occhio. E io voglio essere felice soprattutto per voi che mi sembrate sul pessimismo andante, perché quando sei felice, tutte le persone intorno sembrano felici. Quando sei triste, tutte le persone intorno sembrano felici. Il fatto che ancora non c’è  l’allenatore dimostrerebbe che la Fiorentina non aveva pianificato affatto l’arrivo di Paulo Sousa, e che quindi pensasse davvero di riattaccare i cocci del rapporto con Montella. Il piano B non c’era perché la volontà era quella di proseguire con il tecnico napoletano, poi forse Diego ha scelto diversamente, e oggi la Fiorentina si scontra proprio con le difficoltà tipiche dei contratti da rispettare. O forse il ponderare le scelte è solo il marchio tipico della società, sinonimo di garanzia circa la serietà quando si devono fare determinati passi. Ho solo qualche perplessità, se penso che l’altro giorno mentre camminavo una fica pazzesca mi ha salutato, sono rimasto basito e quello dietro di me prima l'ha abbracciata e poi baciata. Visto a non essere veloci?






232 commenti:

  1. http://www.gazzetta.it/Calcio/Copa-America/17-06-2015/copaamerica-vidal-incidente-cile-ferrari-juventus-120201534281.shtml

    RispondiElimina
  2. Bell'editoriale che condivido in toto, tranne l'ultimo pezzo della fica pazzesca eh eh eh eh (mi fai schiantare Gianni, anche se quella del cane Franco è ancora irraggiungibile). Battute a parte, mi ritorna in mente la barzelletta di Barry, due vogatori e sei coordinatori, poi ci si chiede perché si perde contro chi ne ha cinque a remare.....Nemmeno tre settimane all'inizio della preparazione, ancora senza allenatore, non gli viene il dubbio che tanti proclami sarebbe meglio risparmiarseli ?! Persino in B le panchine sono tutte assegnate.

    RispondiElimina
  3. LOUIS, dove sei stato a mangiare sul magno? prima di trasferirmi a viareggio stavo ai suoi piedi, conosco bene dove mangiare e magari ti posso dare qualche consiglio.

    per l'attacco, partendo dal presupposto che sono solo chiacchiere da bar, meglio ancora che Destro sarebbe Zaza, a cui non pensavo più prima della notizia di stamane

    RispondiElimina
  4. io "sogno" la coppia Pato-Salah con un 10 alle loro spalle.

    RispondiElimina
  5. Passator Cortese17 giugno 2015 09:24

    Infatti secondo me, a ben vedere, l'unica cosa strana accaduta alla Fiorentina in questi ultimi tempi sono state certe, e sottolineo certe, dichiarazioni del suo allenatore dopo la sua stagione migliore a Firenze.
    Tutto il resto è una conseguenza, più o meno condivisibile ma non strana, di questa emergenza provocata da questa stranezza.
    Una conseguenza che chiede i suoi tempi.

    Non confondiamo quindi, in questa situazione, i pretestuosi isterismi dei giornalai locali che devono esasperare, strumentalizzare, manipolare ogni situazione per vendere e per vendersi, con il grosso dei Tifosi Viola ben consapevoli di quanto sopra per quanto, come il sottoscritto, estimatori del tecnico esonerato ed ansiosi di vedere al più presto un suo, almeno promettente, sostituto.

    RispondiElimina
  6. stefano vienna17 giugno 2015 09:28

    Attesa snervante soprattutto per i giornalisti. La squadra però non è da rifondare: se va via Gomez serve un attaccante che si aggiunge a (Baba, Salah, Bernardeschi, Gilardino, e il punto interrogativo Rossi). Difesa secondo me rimane il reparto più collaudato(magari mi sbaglio): serve un terzino destro e, se si vende Alonso, un terzino sinistro. A centrocampo si deve ripartire da zero, ma lì deve essere l'allenatore a spiegare prima come intende organizzare il gioco.
    Insomma un attaccante e un terzino li possono scegliere Pradè, Angeloni o questo Pereira. Per il centrocampo si sta perdendo tempo, ma ancora siamo nei limiti.

    RispondiElimina
  7. stefano vienna17 giugno 2015 09:32

    L'isteria ha colpito come un'epidemia tutti i giornalai, quelli pro-Montella e quelli anti-Montella. Non sanno cosa scrivere? Venissero sulla Riblogghita, con un paio di copia e incolla l'articolo è pronto. Umiltè!!!!

    RispondiElimina
  8. Passator Cortese17 giugno 2015 09:33

    Ben detto.

    RispondiElimina
  9. http://www.ristorantedafranco.eu/


    di ritorno dal mare, ho voluto rifare il passo del Magno dove con amici viareggini andavamo in bici diversi anni fa... la salita del Pedona me la ricordo ancora, piuttosto dura.... mi son fermato al primo posto con un po di parcheggio... credo sia impossibile per qualunque cristiano poter anche solo pensare di fare un pasto completo, in questo posto... io scoppiavo già dopo gli antipasti... consigli sempre ben accetti...

    RispondiElimina
  10. Sono d'accordo con te, Stefano. La squadra ha bisogno di essere ringiovanita e rinsanguata, specie a centrocampo, ma non certo rifondata. Pertanto occorre un allenatore che sappia lavorare coi giovani (cosa che Montella purtroppo non sapeva fare) ed occorre anche essere consapevoli che per noi la prossima sarà un'annata interlocutoria nella quale l'obiettivo massimo sarà quello di confermarsi nelle prime sei. Secondo me, se vogliamo fare un ragionamento serio, dobbiamo partire proprio da questo assunto. Bisogna renderci conto che un ciclo, sicuramente positivo, si è appena concluso e che bisogna aprirne un altro e che troveremo sulla nostra strada avversari diversi. Sicuramente saranno meno insidiose Napoli e Lazio, ma contemporaneamente saranno più competitive le milanesi. Per lo scudo la Juve sarà ancor più favorita e noi dovremo essere bravi a saper sfruttare le eventuali defaillance degli altri.

    RispondiElimina
  11. che Napoli e Lazio saranno meno insidiose aspetterei fine agosto per dirlo... considerando anche la nostra, di forza...

    RispondiElimina
  12. Waiting for a Man..... Ci sarebbe l'hombre vertical che allena l'Egitto, io lo prenderei......

    RispondiElimina
  13. Sottolineo il "POTREBBERO incontrarsi....".

    RispondiElimina
  14. Intanto blitz alla Infront, a Sky, a Mediaset..... Contratti da ispezionare, turbativa d'asta (non l'allenatore del Bassano, Asta), fondi neri.... Ma va?

    RispondiElimina
  15. SE NON È un ultimatum, poco ci manca. La Fiorentina ha ‘chiesto’
    a Paulo Sousa di liberarsi definitivamente dal Basilea entro la
    giornata di oggi. Al più tardi domani mattina. Oltre non può – e non vuole – aspettare, anche perché le opzioni tenute in piedi con gli altri allenatori (Donadoni
    in primis) sono in scadenza. Intendiamoci, per la società viola il
    portoghese è l’allenatore designato per la prossima stagione, ma il
    ritardo accumulato per tanti motivi non può aumentare ulteriormente. Questione di serietà certo, ma soprattutto di organizzazione.
    La precisione svizzera in questo caso sta giocando un brutto scherzo
    alla Fiorentina e, soprattutto, a Paulo Sousa che sta continuando a
    discutere con la sua quasi ex società i dettagli del divorzio. Non è
    escluso che ci siano anche questioni economiche in ballo, oltre alla
    necessità di trovare (e annunciare) il suo sostituto.

    ANDREA
    Della Valle, intanto, difficilmente sarà a Firenze per partecipare a
    Pitti, come invece si pensava. Nessun mistero o voglia di stare lontano
    dalla Fiorentina, ma questioni di lavoro. Il fratello Diego ha
    prolungato il suo viaggio legato alle aziende di famiglia e il patron
    viola dovrà seguire alcune importanti questioni legate alla Tod’s. Ma è
    in costante contatto con la dirigenza e anche lui aspetta solo di dare
    il benvenuto al nuovo tecnico. Magari proprio con un blitz in sede.

    RispondiElimina
  16. Siamo in grosso ritardo su tutto...Se viene Paulo Sousa, un buon rinforzo potrebbe essere Meli del Boca, tanta corsa e garra, buon uso dei due piedi, e una capacità negli inserimenti da sfruttare meglio. Forse ancora porta troppo palla, ma ci si può lavorare bene, è un '92. Ieri intanto discreta partita dell'Argentina, che liquida un deludente Uruguay [senza Suarez] con un altro gol del Kun. Da registrare tuttavia la difesa, e anche il centrocampo per partite più impegnative non mi convince molto.

    RispondiElimina
  17. ciao Deyna, tu che sei un conoscitore del calcio argentino, che ne pensi di Peruzzi? terzino destro ex Catania.

    RispondiElimina
  18. Ma quante macchine c'hanno? Evidentemente una (minimo) per continente. E quando sono in Inghilterra? Per esempio Salah ha comprato la Ferrari o simile quando era al Chelsea (e quella che aveva a Basilea?), poi dopo poco lo mandano in prestito in Italia, gli tocca a comprarne un'altra con la guida a sinistra, poi Murigno lo rivuole, borda un'altra Ferrari. Son problemi anche questi, eh...

    RispondiElimina
  19. Mi piaceva molto prima dell'infortunio, molto concentrato e roccioso in marcatura, bravo nella scelta di tempo, buona corsa, forte di testa, anche se molto migliorabile in fase offensiva. Al Boca mi sembra tornato su buoni livelli, mi piacerebbe in Viola, è ancora giovane

    RispondiElimina
  20. Peruzzi si ruppe. Fa per noi, quindi.

    RispondiElimina
  21. si, perchè in quel Catania mi fece una buona impressione, è un 1992 e potrebbe fare al caso nostro, sperando sia integro...

    RispondiElimina
  22. se dovesse saltare Sousa, un Allenatore molto bravo coi Giovani è Davis Mangia, un gran lavoratore di campo e meticoloso nella cura dei particolari, ho studiato ad un corso i suoi metodi e devo dire che mi è piaciuto il suo modo di approcciarsi al Calcio.

    RispondiElimina
  23. Non ricordo bene cosa ebbe, mi pare una lesione parziale ai legamenti del ginocchio non operata ma non son sicuro...Mi sembra ben recuperato però

    RispondiElimina
  24. confermo sulle porzioni abbondantissime, ci andavo diversi anni fa avendo un paio di amici che lavorano lì come camerieri; la prossima volta che ripassi di lì fermati nel ristorante esattamente accanto, "le meraviglie": a mio avviso, come qualità/prezzo è uno dei migliori, si mangia davvero bene e alla stessa cifra di franco. la carne è veramente molto buona; ci vado spesso, questa domenica mi sono preso il filetto con la cappella di fungo, esagerato.
    poi adesso hanno aperto in un vecchio macello una bisteccheria sul Pitoro - non so se conosci, penso di sì -, poco dopo, a panicale per la precisione. dicono sia buona ma non l'ho ancora provata, in tutta onestà.
    settimana scorsa, poi, rimanendo in tema di mangiate rustiche sui colli del camaiorose-massarosese, sono stato pure "da Doriano", a gualdo: tavoli all'aperto, panorama spettacolare, carne molto buona, anche se le porzioni non erano assolutamente paragonabili.

    RispondiElimina
  25. squadra da rifondare da zero no, da cambiare sostanzialmente sì: dalla trequarti in su, è la stessa da 3 anni, senza ingressi di peso, e 3 anni fa era stata costruita con poche risorse e tanta fantasia. Un centrocampista forte, un attaccante di affidamento, un terzino di spinta sono le cose inderogabili.

    RispondiElimina
  26. Lo saranno inevitabilmente, perché la Lazio dovrà giocare comunque una coppa (cosa che non ha fatto quest'anno) ed il Napoli, come noi, ha chiuso un ciclo e deve ripartire.

    RispondiElimina
  27. stefano vienna17 giugno 2015 11:29

    Il vantaggio è che, almeno si spera, dove intervenire è chiaro e lampante. Le incertezze riguardano più che altro chi tenere o chi vuole restare. Salah, Gomez, Bernardeschi, lo stesso Joaquin, Pizarro,Alonso: al momento questi sono i punti interrogativi che mettono in apprensione. Ho dimenticato qualcuno?

    RispondiElimina
  28. Berna tenere a vita, Gioacchino tenere un anno, Pek tenere un anno, Alonso vendere se abbiamo il sostituto. Gomez sono sempre stato per venderlo, avendo Baba, ma non per svenderlo.

    RispondiElimina
  29. stefano vienna17 giugno 2015 11:47

    D'accordo su tutto, speriamo però che si stanno muovendo in questa direzione. Pare torni Vecino.

    RispondiElimina
  30. che ne pensate di Obiang della Samp per il centrocampo?

    RispondiElimina
  31. L'hanno venduto in Inghilterra per sei milioni.

    RispondiElimina
  32. Secondo chi i bilanci li sa leggere davvero, le banche europee presentano bilanci falsi. Tutte dovrebbero portare i libri in tribunale, nessuna esclusa e la prima, o quasi, è la Deutsche Bank.
    Mesi fà la BCE, indisse uno stress test bancario, la cui commissione era composta da funzionari delle stesse, cioè controllori ed i controllati sono gli stessi...ahahah.
    Insomma, in pancia le banche hanno a bilancio attivo crediti inesigibili, robaccia da bruciare, dunque Draghi, a capo della BCE, banca privata proprietaria di varie banche private tra cui la Banca d'Italia, ha dato ordine ai vari governi di attingere ai conti correnti dei cittadini attraverso legge criminale già passata in Senato promossa dalla marionetta di Rignano. Ora la si attende alle Camere dove verrà senz'altro votata in notturna nel silenzio del giornalismo mafioso e connivente al potere.
    Tutto questo lo scrissi anni fà, quando fu chiaro dove portava il percorso di tracciabilità dei c/c con la quasi abolizione del contante, azzeramento criminale del segreto bancario, telematizzazione di tutti i pagamenti, obbligo di trasmissione dati del c/c ai ministeri economici. Ed eccoci al dunque, sembra che le sofferenze delle banche oltrepassino i 300 mld.
    Ma nel frattempo si è parlato di Ruby, mafia capitale, candidati governatori impresentabili, riforma della scuola.
    Prosit.

    RispondiElimina
  33. ok, grazie...peccato.

    RispondiElimina
  34. stefano vienna17 giugno 2015 12:08

    In una Europa, dove gli individui si stanno chiudendo sempre più in loro stessi, l'unione è un modo per scaricare i problemi da un'altra parte. Immigrazione, finanza, disoccupazione: non ci sono soluzioni pragmatiche, quindi si preferisce chiudere gli occhi, far finta di nulla. Qui in Austria, la gente torna a coltivarsi un pezzo di terreno, anche in mezzo alla città. Non c'entra nulla, ma volevo dirlo lo stesso.

    RispondiElimina
  35. Comunque, per parlare di cose serie, quelle che determinano veramente la nostra vita, io in Brasile ho seguito Pato per quattro partite consecutive, fatte da titolare e da centravanti vero. Se costa il giusto, e lo ignoro, se ha veramente voglia di farsi il culo atleticamente, che spero sia il primo punto all'ordine del giorno del prossimo allenatore, può essere la pedina che ci vuole.
    Le alternative, almeno di qualità, sono fuori mercato. Sembra che si possa prendere per meno di quello che ci vorrebbe per un Darmian...
    Per me lui, Salah, Berna, Baba ( e Denis o Gila per riservare ) siamo a posto.
    E via Gomez Rossi a qualsiasi condizione.

    Poi mano al centrocampo, da arare e riseminare.

    RispondiElimina
  36. Squadra da rifondare? Dipende da chi sarà l'allenatore e come fa giocare le sue squadre. Se fosse Sousa e lui volesse dare continuità al suo concetto di calcio, mancherebbero un terzino, tre centrocampisti e almeno un paio d'esterni veri d'attacco, praticamente un reparto completo e un innesto per ognuno degli altri due, se non è una rifondazione questa...
    L'importante è che non si ripetano gli errori del dopo Prandelli in sede di mercato e alcuni degli ultimi due anni. Acquistare per acquistare non è mai una strategia intelligente.
    Per me le due pecche, ormai , storiche della Fiorentina sono i due terzini che non riescono a fare bene le due fasi. Un problema che, secondo me, non nasce tanto dal fisico o dalla tecnica, quanto dai tempi d'inserimento che noi sballavamo quasi sempre. Poi, certo, io vorrei gente più in grado di andare via nell'uno contro uno, visto che la timidezza nel proporsi e nell'affondare sugli esterni, per me, è stata una delle cause maggiori del gioco orizzontale.
    Dietro Gonzalo e Savic, in una difesa a quattro, possono andare discretamente bene, però se ci priviamo del regista che torna a farsi dare il pallone, bisognerà potenziare in maniera pesante le fascie, anche con gente tecnicamente dotata.
    In quanto è vero che un mediano davanti alla difesa può fungere meglio da schermo, ma il rovescio della medaglia consiste nelle difficoltà che potrebbero verificarsi nello sviluppo dell'azione partendo dalla difesa e, a quel punto, le fascie malamente guarnite potrebbero acuire il problema.
    In mezzo, col ritorno di Vecino, al momento abbiamo solo interni, e anche pochi visto che mi pare di capire si va verso la conferma di una linea mediana di tre. Inoltre nessuno, nemmeno l'uruguagio, ha caratteristiche di contenimento. Davanti Baba potrebbe reggere l'impatto di una stagione da titolare ( se non ora,quando?), mancano più che altro gli esterni e abbondiamo di seconde punte ( Salah e Berna per me sono seconde punte adesso). Ci rimane il solo Joaquin che potrebbe tornare a giocare come un tempo, nel suo ruolo d'origine, ma serve gente nel ruolo, tra campo e panchina.

    RispondiElimina
  37. magari, l'ho scritto sotto, la coppia Pato-Salah con un rifinitore che giochi per loro sarebbe devastante.

    RispondiElimina
  38. Facundo è quello calmo

    http://www.firenzeviola.it/curiosita/argentina-il-fratello-di-roncaglia-stende-l-arbitro-181209

    RispondiElimina
  39. pato e isla, molto bene.

    RispondiElimina
  40. Ci fosse Pato vedo più adatto un 4231. Salah gioca meglio se parte da dietro, sulla destra ed il Pato che io ho visto, può fare la punta centrale con cui dialogare.
    Micidiale sarebbe se Baba si mettesse in testa corsa e sacrificio, tipo Eto'o interista, ed essere l'esterno dalla parte opposta.
    Ma è fantascienza.

    RispondiElimina
  41. Ma quale sgarbo?
    http://www.violanews.com/calciomercato/gazzetta-isla-alla-fiorentina-per-riparare-lo-sgarbo-neto-20150617/

    RispondiElimina
  42. http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/06/17/calcio-follia-del-fratello-di-roncaglia-stende-larbitro-con-un-pugno-in-faccia/38468


    Alla Monzon...

    RispondiElimina
  43. LELE, vogliamo discutere dell' "beil-in" del governo italiano??? Altro furto autorizzato, altro che decreto Amato..

    RispondiElimina
  44. Le pecche storiche delle Fiorentina dellavalliana in termini di mercato mi paiono queste, e vedo che si ripeteranno anche quest'anno. Non avendo la capacità di scoprire giovani talenti (se non quando sono già stati scoperti da qualcun altro, e quindi vanno pagati sette o otto milioni, come faceva Corvino con Jovetic e Ljajic e altri), si ricorre a giocatori per così dire "già in opera" e di livello medio. Però si vuole spendere poco. Quindi si va su quei giocatori sui quali non si apra nessuna asta. Se si apre un'asta, allora la Fiorentina subito si ritira .Così si prendono giocatori medi, ma solo quelli che nessuno cerca. Qualche volta va bene (Borja, Gonzalo, Mati Fernandez), ma è evidente che in ogni caso giocatori già noti che però nessuno cerca difficilmente faranno la differenza nel medio periodo. Altrimenti sarebbero già stati cercati.

    La giusta linea di spendere poco porta talvolta al risultato opposto: si aspetta, si aspetta, pensando di tenere sulla corda il venditore e costringerlo alla fine ad accettare il prezzo che si vuole pagare. Ma succede sempre più raramente. Così alla fine, dovendo comunque coprire dei ruoli, si devono utilizzare quei soldi, che sarebbero bastati per una seconda scelta, per andare su una terza scelta. Avendo voluto prendere per il collo il venditre di una seconda scelta, si finisce - l'ultimo giorno di mercato - per essere presi per il collo dal venditore di una terza scelta.

    Io credo che, dovendo giustamente avere molto riguardo per il bilancio, l'urgenza primaria della Fiorentina dovrebbe essere quella di dotarsi di una struttura con competenze tanto eccellenti in grado di arrivare ad individuare giovani campioni quando ancora nessuno li conosce, ed arrivarci in silenzio. Con capacità, perseveranza e programmazione, in questo modo in qualche anno si può metter su una squadra competitiva spendendo poco. Una volta esplosi, i campioni vorranno andarsene? Bene, facciamo cassa tranquillamente perché nel frattempo abbiamo trovato altri sconosciuti più bravi di loro.

    RispondiElimina
  45. stefano vienna17 giugno 2015 13:21

    Un possibile problema tattico è che sia Salah sia Bernardeschi preferiscono partire da destra. Lo stesso Joaquin gioca preferibilmente da quella parte. In generale, spero che Sousa sia un allenatore meno fondamentalista, più pragmatico. Per dirla tutta, a me il centrocampista davanti alla difesa non mi ha mai convinto, tranne alcune eccezioni tipo Mattheus e Sammer e forse Dunga. In generale, io giocherei sempre con due interni, addirittura con un 4-4-2 classico, ma pare che sia fuori moda, forse non rende più nel calcio di adesso.
    Foco, la differenza la fanno solo i grandissimi terzini, nella mediocrità del calcio italiano, due terzini decenti bastano e avanzano. E comunque fatemi togliere un sassolino dalla scarpa: da quando è arrivato Montella i centravanti hanno sempre fatto pochi goals, sarà stato un caso?

    RispondiElimina
  46. FOCO, tutto plausibile ma il rooster ancora non sa di che morte deve morire...

    RispondiElimina
  47. stefano vienna17 giugno 2015 13:24

    E a destra teoricamente c'è pure Ilicic, che a differenza degli altri tre, non si adatta a giocare in un'altra zona di campo.

    RispondiElimina
  48. L'analisi tecnica è inconfutabile. Perplessita': saranno sufficienti quei pochi giorni a Moena per preparare una stagione con impegni su tre fronti? L'esperienza dell'anno scorso aveva indotto Montella a fare un "richiamino" in Austria forse non a caso. Inoltre: gli attuali centrocampisti in rosa hanno caratteristiche e tenuta per operare un pressing alto efficace e non effimero?
    Da ultimo : l'esigenza terzini è conclamata come necessita' vitale da tutti gli studi statistici reperibili agevolmente in rete che mostrano la genesi del 70% delle reti subite. Non solo: non so se per scelta di Montella o per pochezza di chi giocava ma le statistiche dimostrano che ceduto Cuadrado, la fascia destra ha inciso in pericolosita' un 30% in meno di quella sinistra.
    Il paradosso è che con Alonso (!) In campo, a sinistra si è sempre proposto il maggior volume di gioco. A prescindere da come poi è stato (se lo è stato) concretizzato.
    Col nuovo tecnico che porterà ovviamente le sue idee, tutto questo è destinato a cambiare. Se Sousa non ha deciso di spendere tutte le sue ferie a
    visionare dvd delle partite viola, a Moena in poco tempo dovrà studiare le caratteristiche di tanti, troppi singoli

    RispondiElimina
  49. Lo scrissi: uno del marketing al marketing (hanno competenze all'interno del loro organigramma i DV), un cassiere alla cassa (e basta), uno all'economato (e basta), uno alla scouting(con sodali), uno sul mercato (con un paio di ganci), uno alla comunicazione (uno)...... Macché.....

    RispondiElimina
  50. non è fantascienza, dovrebbe essere Bravo il Mister a fargli capire l'importanza del sacrificio per la squadra. a me non piace il centrocampo a 2 prefersico il regista + 2 interni e il 10 (se hai quello giusto) a tuttocampo, però se prendiamo 2 tipo Yacob me lo faccio piacere.

    RispondiElimina
  51. Salah nel Basilea giocava alto a sinistra

    RispondiElimina
  52. stefano vienna17 giugno 2015 13:28

    Ma non era meglio il buon Corvino tuttofare?

    RispondiElimina
  53. Ilicic, Alonso, Pasqual, Salah, Bernardeschi, Vargas....li dovrebbe allenare Mancini.

    RispondiElimina
  54. Magari Isla...

    RispondiElimina
  55. stefano vienna17 giugno 2015 13:30

    Ho capito, ma io l'ho visto questi mesi a Firenze, e le cose migliori le ha fatte partendo da destra. Poi sia lui sia Bernardeschi li puoi adattare, questo è chiaro.

    RispondiElimina
  56. È così. Resta il fatto che grazie a Macia Borja Mati Pek e Badelj sono costati tutti assieme meno di 15 milioni. Un miracolo a mio avviso che forse si sarebbe potuto ripetere

    RispondiElimina
  57. stefano vienna17 giugno 2015 13:32

    Mi sa che devo starti leggermente sulle palle, ma è veramente per colpa di Vargas?

    RispondiElimina
  58. Sì, quando sono ripartito ho visto anche il secondo ristorante... conosco anche il Pitoro... faccio un pensiero anche agli altri due che hai consigliato... quella zona della lucchesia mi è rimasta un po dentro...

    RispondiElimina
  59. Francia e Germania sono esposte in Grecia per 160 miliardi (fonte Sole 24h). L'Italia per 40.
    È ovvio che il peso della Grexit debba ricadere sui contribuenti europei. Se il tuo ex socio ha messo i soldi in banca (ma non credo) darà anche lui l'obolo

    RispondiElimina
  60. stefano vienna17 giugno 2015 13:35

    Avesse la testa, Baba sarebbe ideale come esterno destro d'attacco.

    RispondiElimina
  61. Do a Sousa lo stesso credito che detti a Montella tre anni fa, quando credo che neanche lui avesse un quadro tecnico di una rosa che fu composta quasi in un solo mese. La mia idea sulle pecche della rosa di questi ultimi tre anni le conoscete, tecnicamente buonissima ma tatticamente assemblabile solo tenendo conto di alcune imperfezioni croniche. Sui terzini rispondo a Stefano sotto.

    RispondiElimina
  62. Mc, rispondo quassù. Io non ho le tue certezze e non vedo perchè a noi un fine ciclo dovrebbe rafforzarci mentre a Napoli l'effetto dovrebbe essere, SICURAMENTE, opposto. La Lazio, è vero, farà le coppe, noi no? Domando. Solo che loro, nel migliore dei casi, faranno quella che conta, con relativi assegni in arrivo. Non dico nulla finchè le bocce son ferme, dovessi fare una previsione SUL NULLA, oggi, 17/06/2015, direi che riuscire a finire ancora tra le prime sei sarebbe un mezzo miracolo.

    RispondiElimina
  63. Cosa? Non mi stai sulle palle, anzi...cosa scrivi? Era una battuta (pur non essendo un tennista)...giocatori mancini- Mancini.........

    RispondiElimina
  64. postato una settimana fa, solo per chi possiede più di 100k liquidi in c/c e solo se la banca si trova in difficoltà...

    RispondiElimina
  65. Volevo dire che io penso che col nuovo tecnico cambierà tutto. Dobbiamo ragionare cancellando gli schemi di Montella e le sue scelte di impiego dei singoli. Se fossi Sousa cercherei di portare a tutti i costi gente nuova che conosco e di cui mi fido. Azzeramento degli schemi e forte rinnovamento dell'organico.
    Scurdammuce 'o passato paisa'

    RispondiElimina
  66. 100.000 euro e attuano il prelievo, le banche i. Crisi o dissesto. Nessuno lo ha scritto o lo dice ma....gli azionisti? Sono loro che devono risponderne..... Troppo comodo...! Io sono già andato a togliere 1.000 euro da un conto è altri 1.000 da un altro conto..... Ahahah ahahaha ahahaha ahahah ahah.....

    RispondiElimina
  67. sono d'accordo con Te. A me la cosa non dispiace a patto che si lavori veramente coi Giovani e con un Allenatore che tenda al bel gioco e sappia insegnare Calcio. Per quanto riguarda il presente, secondo me si sta spendendo del tempo prezioso non solo per l'allenatore ma anche per far capire a tutti che a Firenze si parla di Calcio e non di plusvalenze e pratiche. Prendiamo una strada e percorriamola, con chiarezza e con la Società che lo dichiari ai Tifosi, ai procuratori e ai giocatori: nei prossimi 3 anni cercheremo di fare questo, questo e questo altro...

    RispondiElimina
  68. Yes.
    La questione fondamentale è che noi abbiamo una rosa competitiva ma gli altri sembra che alzeranno ancor più il loro tasso tecnico, creando divario...mentre la viola difficilmente alzerà il livello dei protagonisti... Spero non sia così.
    Io temo più Ibra al Milan, rispetto a Dzeko alla Roma, per dire....La Roma è già avanti e toccherebbe a noi colmare il divario, il Milan è dietro ma può passarci davanti....

    RispondiElimina
  69. stefano vienna17 giugno 2015 13:47

    Scusa, ma quando si nomina Vargas divento suscettibile...

    RispondiElimina
  70. infatti Sopra, se noi rimarremo così, ed è tutto da vedere, perchè qualche big potrebbe partire, in caso di mancanza di liquidi, già saremmo, sulla carta, peggio di almeno tre squadre... il Milan sembra lanciato a tornare quello di qualche anno fa, quindi fuori portata per noi, rimangono Inter e Napoli... tutto, ovviamente, su una carta ancora da scrivere, troppo presto per fare previsioni, ripeto...

    RispondiElimina
  71. Come lui...... Anche se non gli nomini Stefano

    RispondiElimina
  72. Montella ci aveva provato, a mettere Baba ala sinistra una volta: non andò bene...

    RispondiElimina
  73. Corvino è venuto a Firenze nel 2006 e se ne è andato nel 2012. Sei anni. Quanti giovani - non pagati sette o otto milioni - ci ritroviamo oggi - dopo sei anni - da far giocare in prima squadra? Abbiamo oggi qualche ruolo coperto da un talento sconosciuto scoperto, e pagato poco, da Corvino? Eppure sei anni di fila non sono pochi.
    Corvino è bravo a fare trading commerciale nel settore del calcio, non a costruire squadre competitive.Se in un certo momento il trading si fa bene sui portieri, lui è capace di comprarne sette, e lasciarci senza terzini. Non è così che creano squadre atte a partecipare a competizioni sportive; così al massimo si fanno plusvalenze, da utilizzare per altro trading.

    RispondiElimina
  74. Io pure do lo stesso credito a Sousa. Montella però ripartiva dalle macerie con una mission e relativa carta bianca agli operatori di mercato.
    Sousa si accolla una eredità pesante e con pesanti vincoli di mercato. Dovrà giocoforza mediare tra qualche vecchio senatore e nuovi arrivi.
    Io auspico acquisti anche giovani ispirati dal tecnico piuttosto che "occasioni" di mercato tipo Inler per intenderci.
    Se non governa la squadra a dovere sin da subito, come fa a lavorare serenamente?
    L'ambiente non gli farebbe passare 13 punti in 11 partite nel girone di andata come a Montella che aveva un appeal consolidato e sapeva come si comunica depistando

    RispondiElimina
  75. Le Tue analisi tattiche sono perfette, mi permetto di aggiungere che con i terzini che spingono dovrebbe esserci un centrocampista, possibilmente il centrale, che rincula al posto del difensore centrale che scivola in fascia quando l'attaccante avversario va a smarcarsi preventivamente al posto del terzino che ha fluidificato. Questo la Fiorentina montelliana non lo aveva, per caratteristiche e/o per scelta tecnico tattica. Per questo mi piacerebbe vedere 2 fluidificanti veri con un centrale davanti alla difesa tatticamente impeccabile, coi terzini liberi di andare sapendo che alle spalle c'è chi è capace a filtrare l'azione avversaria.

    RispondiElimina
  76. vedremo Lele, spingersi oltre un certo limite non conviene nemmeno a chi col sistema si arricchisce... col qe ricorda che la stessa bce sta ingurgitando debito pubblico a gogo, è per questo che, secondo me, la Grecia, la terranno dentro l'europa, in un modo o nell'altro, già si parla di un intervento della bce stessa e di un haircut al 25% per i greci... ed è proprio per questo stesso motivo, che i greci sanno, e per il quale tirano la corda fino al limite estremo...

    RispondiElimina
  77. Matri ha avuto la stessa media gol avuta in Juve e Milan, Toni è resuscitato dai morti, Gilardino quasi... Hai ragione: una storia di fallimenti...

    RispondiElimina
  78. stefano vienna17 giugno 2015 13:54

    Quello che anche i Della Valle forse non hanno capito, è che un anno di transizione si può anche mettere in conto, però devi ripartire con le idee chiare, puntando sui giovani e mettendo le basi per una crescita futura. Qui invece ancora non si sa se Bernardeschi rinnova (prende 200.000 euro l'anno), Baba un giorno firma e l'altro pure, e usciamo dalla vicenda Neto che rimane incomprensibile...
    Si arrivasse pure settimi per un anno o due, ma almeno si deve intravvedere una programmazione coerente nel medio-lungo periodo. Anche sullo stadio, va bene dire che finchè non c'è lo stadio, ci si deve momentaneamente ridimensionare, ma poi lo stadio devi provare seriamente a costruirlo, fosse anche un investimento maggiore di quello preventivato all'inizio. Insomma servono segnali positivi, più che grandi acquisti.

    RispondiElimina
  79. Il problema tattico che dici su Salah e Berna si riaggancia alla battuta di Sopra, ovvero abbiamo un'abbondanza di mancini che, per natura, sono portati a calcare la zona di campo che permette di liberare il sinistro per calciare, quindi la destra. Lo stesso Ilicic, pur partendo da dietro, va ad occupare zolle molto simili. Il centrocampo a quattro preferisce mediani più che interni, il 4-4-2 è ancora molto usato, spesso variando in un 4-2-3-1 in fase di non possesso però le caratteristiche dei due centrali sono quasi sempre di contenimento e rilancio, difficilmente propedeutiche all'inserimento.
    I terzini, per me, sono fondamentali per tutte e due le fasi da quando gli è stata data una certa similitudine di compiti, ovvero da quando il modulo di riferimento è diventato il 4-4-2. Sono l'ago della bilancia tattica, secondo me, perché spostano le marcature quando difendono ( adesso esiste solo la zona in difesa) e creano superiorità numerica in attacco. Un terzino che sa fare bene le due fasi equilibra la squadra.

    RispondiElimina
  80. concordo, a me stanno pure bene un paio di campionati di transizione, a patto che servano da base per costruire un futuro prossimo migliore, se devono essere anni come quelli trascorsi dalle milanesi, senza il cinese o il fondo all'orizzonte, allora cominciano le magagne e le incazzature...

    RispondiElimina
  81. ancora è presto per essere pessimisti: la scelta dell'allenatore è la stessa di 3 anni fa, cioè una scommessa. Quella volta ci andò bene, magari ci va bene anche questa. Preferirei ovviamente prendere un allenatore già affermato a una scommessa, ma tanto non decido io.
    E continuo a pensare che quello che farà la differenza sarà il mercato. La vicenda Montella e l'incertezza su Sousa hanno creato malumore e pessimismo intorno alla Fiorentina. Ma le nubi possono essere diradate facilmente, bastano 2 o 3 acquisti di peso. Però bisogna farli...

    RispondiElimina
  82. Io credo che nella prossima stagione dovremo fare la corsa su noi stessi e non sulle altre se non vogliamo bruciare il tecnico. La serie A va conosciuta, sul campo ma soprattutto fuori. A Basilea è diverso . Mi dice uno che sta la' che Sousa gira regolarmente in moto. Pressioni minime

    RispondiElimina
  83. stefano vienna17 giugno 2015 14:00

    Baba e Bernardeschi per esempio. Comunque era una provocazione, Corvino non era certo perfetto, nè accentrare tutto era la soluzione ottimale allora anche se i problemi nacquero quando Prandelli cominciò a reclamare a sè diritti di Veto su acquisti e soprattutto sulle cessioni (Osvaldo e Dainelli ad esempio cacciati senza una logica, nonchè il caso Mutu). Adesso però arriviamo all'estremo opposto.

    RispondiElimina
  84. Ma il mio ragionamento è molto semplice. La Lazio non aveva le coppe adesso le ha (CL od EL si vedrà). Non è arrivata molto davanti a noi, appena cinque punti, quindi credo che sarà più abbordabile. Il Napoli si sta "italianizzando", dunque ridimensiona obbiettivi e ambizioni rispetto al recente passato. Quanto a noi ho detto che l'obiettivo è quello di rimanere nelle prime sei, ringiovanendo la squadra. Mi sembra una prospettiva plausibile per un nuovo inizio di ciclo.

    RispondiElimina
  85. Ho capito che rischi. Anche Montella se è per questo.
    Sai come si dice a Roma?
    " L'uomo ricco non è quello che ha i soldi ma quello che non ha niente da perdere"

    RispondiElimina
  86. L'ho postato più di un anno fa', Sopra.

    RispondiElimina
  87. Sicuramente bisogna creare un ambiente molto ricettivo e in questo serve anche un presenza forte e legittimante della società. Nessun dubbio iniziale e se qualcuno mostra poca convinzione, via.
    Sui giovani sono d'accordo, anche perché l'esperienza limitata del tecnico non fa pensare a un possibile travaso di fedelissimi in viola.
    Avremo un Baba investito per contratto di un ruolo di leader, Borja che a livello tecnico è molto amato dagli stessi calciatori, Gonzalo ormai Fiorentino per scelte di vita, Rossi, gran calciatore e ragazzo, la legittimazione del tecnico passa attraverso il loro comportamento.

    RispondiElimina
  88. Perché essere pessimisti quando non c'é un trofeo da difendere? Abbiamo vinto qualcosa?
    Se non sarà quarto posto non mi strappo i capelli.
    Un nuovo tecnico ha bisogno di tempo soprattutto se non ha allenato in serie A

    RispondiElimina
  89. stefano vienna17 giugno 2015 14:07

    Ma quanti terzini ci sono in Serie A che sanno fare bene le due fasi? Questo è l'appunto che ti rivolgevo. C'è una penuria impressionante, tanto che un Alonso alla fine è uno dei meno peggio. Poi, se vuoi i terzini offensivi, non puoi giocare con i tre tenori, altrimenti è un suicidio. Ve la siete presa tanto con Tomovic che in proiezione è scarso, ma con i tre tenori servivano terzini più bravi a difendere che ad attaccare. Per questo sono stato molto critico di Montella, non c'era una logica di squadra come si è visto nelle partite decisive, solo una filosofia piacevole da vedere. Un bel marchio su un prodotto non soddisfacente.

    RispondiElimina
  90. Piacerebbe anche a me, credo che se li avessimo avuti quest'anno, avremmo avuta molta più verticalità.

    RispondiElimina
  91. comunque in città continuano a girare voci sul fatto che Sousa non viene annunciato perché si sta facendo un tentativo in extremis per Spalletti. Non so quanto siano credibili, vi riporto quello che si sente dire in giro. Dico dal primo giorno che prendere Spalletti sarebbe la maniera migliore per liquidare le voci di ridimensionamento e riconquistare la piazza. Vediamo se ci stanno provando sul serio, e se lui ci sta, ovviamente.

    RispondiElimina
  92. stefano vienna17 giugno 2015 14:13

    In sintesi, che Montella non abbia vinto nulla perchè non aveva i terzini adatti non mi convince per nulla. Non è che potevi lasciare Gonzalo e Savic a difendere il fortino da soli. Poi certo avesse avuto Maldini e Roberto Carlos si sarebbe pure vinto qualcosa.

    RispondiElimina
  93. Qualcuno c'è in giro, ma il punto è che non sono stati giudicati una priorità in fase di mercato. Con i tre centrocampisti ( basta co 'sti tre tenori, ve prego), a parer mio, servivano terzini con le stesse caratteristiche di tutte le difese a quattro. Se i movimenti fossero stati giusti e si fosse aggredita la facia con più forza, avremmo sofferto di meno anche in difesa e a centrocampo. Troppe volte in mezzo al guado ci sono costate parecchio. Ma non me la prendo con nessuno, non eravamo strutturati per non avere difetti.

    RispondiElimina
  94. Il prossimo tecnico dovrà, come primissima cosa, preparare la rosa con dei metodi assolutamente diversi. I gap si colmano in primis con la corsa e ritmo.
    Disamine tattiche...dipende da chi va e resta. Ma non sposerei mai Salah dalla destra. Se Berna gioca nel solito solco, chi è Berna in confronto?
    Se il ragazzino, che mi pare ben montato, vuole un posto, che stia zitto, pedali di molto e dimostri.

    RispondiElimina
  95. Resterai deluso. Acf Fiorentina non è una Onlus: produce utili per autoalimentarsi (per ora).
    È anche un volano di immagine.
    La chiarezza comporta assunzione di responsabilita' ed è impopolare.
    Tutto ciò ha conseguenze sul rendimento in campo perché i giocatori queste cose le sanno e alcuni scelgono Firenze proprio in quanto piazza senza pressioni a vincere.
    Caro Giglio, possiamo prendercela con Montella quanto vogliamo ma con la juve a Firenze hanno giocato con le mutande alle ginocchia

    RispondiElimina
  96. Più ripetute e lavoro sul fondo vero Giglio?

    RispondiElimina
  97. Ambiente giusto allora, salvo LELE, per Sousa sarà serenità......eheheh eheheh

    RispondiElimina
  98. Vai LELE...

    RispondiElimina
  99. Vai DEYNA....

    RispondiElimina
  100. Anzitutto farei come Zeman alla Lazio : pronti via, abbassare di 3 kili tutti i pesi forma. Le vacanze montelliane un ricordo lontano.

    RispondiElimina
  101. Bernardeschi giunse bambino a Firenze, nel 2003. Corvino quindi, arrivato nel 2006, non c'entra nulla. Se non sbaglio fu Giovanni Galli a trovarlo.
    Intanto, nel primo anno di Corvino a Firenze il Pescara trovò Verratti nel Manoppello. L'anno dopo la Juventus con 80mila euro prese Ciro Immobile dal Sorrento.
    Corvino invece faceva trading coi Vanden Borre, Gulan, Da Costa, Jefferson, Hable .... certo, su cinquanta affari di puro trading, involontariamente ti capita anche un Babacar.
    Confermo che per me le società calcistiche hanno lo scopo sociale di partecipare alle competizioni sportive della loro disciplina. Il trading si fa - anche on line - in borsa. Non critico, e se uno è bravo me ne compiaccio per lui, ma osservo che è un'altra cosa, e a me, come tifoso, non interessa.

    RispondiElimina
  102. La genesi della prima Fiorentina Montelliana fu, secondo me, molto casuale, soprattutto a livello tattico. Il primo ad arrivare, mi sembra, fu Roncaglia, presentato come terzino che poi si rivelò abbastanza inadeguato al ruolo e fisicamente troppo basso per fare il centrale in coppia. Per me il 3-5-2 nacque soprattutto per lui e Cuadrado che, all'epoca, non aveva ancora una collocazione certa, visto che all'Udinese aveva fatto il terzino e fu spostato a centrocampo da Cosmi nella seconda parte del campionato precedente. E in alcuni casi anche al centro, come mediano incursore ( fece un gol maradonesco al Parma, in quella posizione). In un modulo simile si poterono sfruttare le doti tecniche dei nostri centrocampisti titolari, un po' meno quelle di Mati che non aveva ancora completato il suo percorso a ritroso dalla trequarti alla mediana. Con lo Sporting aveva giocato a sprazzi da metodista, ma senza entusiasmare. Romulo, terzino alla brasiliana sia a destra che sinistra, fu riciclato in mediana portando tanto fiato e altrettants confusione. La difesa a tre, inoltre, permetteva a Nastasic di crescere tranquillo da terzo centrale di sinistra, ruolo che pareva tagliato per lui. Nastasic però giocò solo la prima per poi essere venduto e sostituito con Savic, destro di piede e centrale di ruolo nella difesa a quattro con esperienze da terzino destro in nazionale del Montenegro. All'inizio in quel ruolo gli fu preferito Tomovic, destro anche lui, che aveva giocato esterno a Lecce, anche a centrocampo a sinistra nel 3-5-2 come contrappeso difensivo di Cuadrado sul lato opposto. L'attacco era abbastanza sguarnito, senza un centravanti fino alla fine del mercato, quando arrivò Toni, con El Ham che era poi una seconda punta come Jovetic e il giovanissimo Seferovic.

    Tutto questo sproloquio per sottolineare che neanche nel primo anno, quello ganzo, c'è stata una linea di costruzione della squadra molto chiara.
    E che tutto quello che è venuto appresso, per me, più che un progetto tattico complesso e in divenire, è stato solo un tentativo, anche abbastanza riuscito, di assemblaggio di pezzi variegati. Anche avallato da un tecnico alla seconda esperienza vera da allenatore in serie A.
    Se si esce da questo modo di fare mercato per puntare più alla complementarietà dei singoli, allora Sousa avrà anche più facilità nel presentare le sue idee. Altrimenti ci sarà sempre bisogno di un lasso di tempo a pedere per costruire in corso d'opera, anche rischiando di sprecare risorse.
    La valitazione del rischio non passa solo per il cartellino del prezzo.

    RispondiElimina
  103. Non lo so mica, perchè se compri sette portieri poi ne fai giocare uno e gli altri come li rivendi per fare plusvalenze? I giovani buoni bisogna scovarli e poi farli crescere, giocare e valorizzare se vuoi fare il mesitere dell'allevatore (che a Firenze non so quanto sarebbe sopportato). Se li prendi per tenerli in panca ci rimetti ranno e sapone. Per prendere un giovane di Corvino, Mazuch, non era certo un fenomeno, ma nell'Anderlecht i suoi campionati da titolare li ha fatti, qui non ha mai visto la prima squadra. L'hai comprato a 500000 e rivenduto a 300000.

    RispondiElimina
  104. scusa Louis, non c'entra con questo, ieri Ti ho copiato la "cosa" dell'allenamento, lo voglio attaccare in bacheca per i ragazzi...posso? Grazie.

    RispondiElimina
  105. Per farsi perdonare ci danno Isla e poi vogliono prendere Salah? ma dove le trovano queste cazzate i giornalisti?

    RispondiElimina
  106. A me basta vedere come viaggiano gli altri. Ieri ho visto il Cile, esempio E pare uno sport diverso, come il Bayern o Atletico
    Credo che una preparazione inglese sia da copiare, vanno a mille e per una stagione intera. Joaquin sì, penso che abbia dato il suo fisicamente massimo, non so Vargas, da di fuori sembra che possa fare ancora meglio.
    Col Perù non ha mostrato una grande resistenza. Almeno per ora.

    RispondiElimina
  107. Toni ha fatto 8 gol, con Mandorlini 41 in due anni e con 1-2 anni di più. Gomez ha fatto pena, Matri ha giocato poco, qui e altrove, ma alla Juve era il terzo dopo Morata e Llorente. Ha segnato parecchio solo Pepito anche se ha ballato una sola estate, ma lui i gol li fa da solo ed ha battuto anche parecchi penalties.

    RispondiElimina
  108. E' un anno che te lo dico. Alle condizioni di gennaio era da pigliare al volo (prestito gratuito con diritto di riscatto a dieci milioni).

    RispondiElimina
  109. non hai visto Joaquin e Vargas dimagrire?

    RispondiElimina
  110. Intanto in Polonia il culto continua...

    RispondiElimina
  111. Bene. Perché allora negli ultimi due anni la squadra si è spompata per un mese e mezzo nel girone di ritorno?

    RispondiElimina
  112. parlo più per quello che faccio coi ragazzi... dicendo però che anche i grandi migliorano se utilizzano l'attrezzo lo penso seriamente:la via di mezzo è quello che ci vuole, Lele ha ragione quando dice che il modello inglese andrebbe preso come riferimento, anche loro però stanno cambiando metodologia,più palla e meno corse che comunque servono per la resistenza allo sforzo, guarda, lo scorso anno un Allenatore che conosco che è stato a Moena a studiare Montella mi ha detto che hanno faticato pochissimo,il preparatore aveva "studiato" un lavoro meno aerobico e più intenso, chiaramente qualcosa hanno sbagliato. Ritengo comunque che l'aspetto psicologico influisca tanto anche sulle gambe e sul fiato.

    RispondiElimina
  113. stefano vienna17 giugno 2015 16:03

    Romulo portava pure confusione, ma recuperava palloni e rientrava velocemente per riequilibrare il conto in difesa sulle ripartenze avversarie. Ma nel calcio di Montella queste cose notoriamente non servono a nulla, quindi si regalò al Verona, dove un mediocre allenatore di provincia lo utilizzo per proporre un calcio vecchio e noioso. E noi s'è continuato a proporre calcio champagne... Foco, la cessione di Romulo è stato per me il primo campanello d'allarme, oggettivamente inspiegabile.

    RispondiElimina
  114. Grazie. Esaustivo. Comunque montelliano DOC

    RispondiElimina
  115. Non ho voglia di leggere tutti i commenti. La notizia di Fox Sport
    secondo cui la Fiorentina sta trattando Pato l'avete già commentata?

    RispondiElimina
  116. Ho capito. Arrivo in ritardo

    RispondiElimina
  117. veramente era più un desiderio di qualcuno di noi di vedere Pato in Viola, più che commentare una notizia, ne abbiamo parlato con Lele.

    RispondiElimina
  118. stefano vienna17 giugno 2015 16:11

    Lele, e tu Valero e Mati li puoi pure allenare 24 ore al giorno, ma non avranno mai la corsa e il ritmo di un Romulo (vedi sopra).

    RispondiElimina
  119. si, infatti Montella, che si è portato dietro lo stesso preparatore che aveva coi Giovanissimi Nazionali, lavora sulla falsa riga del Settore Giovanile.

    RispondiElimina
  120. Per me avete troppa fretta nell'appiccicare etichette, ve l'ho già detto. Su Romulo mi sono divertito ad affibbiargli i difetti che gli venivano imputati allora, tanto per far notare che il tempo che passa cambia anche le valutazioni. Romulo, comunque, il Verona l'ha pagato cinque milioni e mezzo ed è ancora del Verona. Ci sarebbe servito? Sicuramente, ma evidentemente i proventi della sua vendita sono stati giudicati utili per portare qualcuno di migliore, o per mettere a posto i conti con una plusvalenza del 100%. Date alla figura dell'allenatore troppo potere e troppa importanza, le squadre si costruiscono in molti, almeno da noi.

    RispondiElimina
  121. stefano vienna17 giugno 2015 16:21

    Scusa, Foco, non ti voglio convincere, ma spero veramente che Montella arrivi ad allenare una grandissima squadra così da avere a disposizione un Romulo che non fa confusione e un Tomovic che sa pure attaccare gli spazi. Forse alla fine la Fiorentina non è la dimensione giusta per Montella, qui bisogna arrangiarsi con quello che si ha a disposizione sacrificando utopie controproducenti. Ovvero l'opposto di quello che ha fatto Montella. La campagna acquisti che auspichi tu richiede la lampada di Aladino, poi certo la speranza è che si possa fare di meglio. Su Romulo ripeti il solito mantra: non è stata colpa di Montella, gliel'hanno imposto per fare cassa. Montella è stata la vittima di un progetto tattico poco chiaro. Riscontri però non ci sono. Romulo disse che la scelta fu del tecnico.

    RispondiElimina
  122. Su Romulo mi limito a dire che è stato ceduto e che all'epoca nessuno si strappò i capelli, forse anche perché si era in piena luna di miele con l'allenatore. Quando poi lo si usa per dare maggior forza alle proprie tesi contro l'ex tecnico, lo trovo scorretto, appunto perché allora nessuno lo pianse. Per voi può trattarsi di adorazione, per me è solo amor di verità.
    Personalmente non ho riscontri in grado di convincermi appieno che si andasse per forza dietro ad un'idea astratta di calcio e basta, anzi i fatti che ho valutato mi portano a dire che è stato scelto un sistema il più confacente possibile alle caratteristiche della gra parte della rosa. Rosa sulla cui costruzione negli anni voi vedete un solo responsabile, io diversi.

    RispondiElimina
  123. Ottimo, Stefano.
    Ricordo una dichiarazione in conferenza di Montella irridente verso Romulo,
    professionista esemplare, utile spesso quando chiamato a fare la sua parte.
    Ma si sa, il calcio di Montella...

    RispondiElimina
  124. Non è vero che nessuno disse nulla. Io, esempio.
    Romulo pianto? No, ma scaricato senza motivo apparente, si. A meno che coi 5 mln fosse arrivato qualcuno migliore. Ma non fu così. Fenomeno? Titolare? Certamente no, ma serviva? Si.
    Trovo scorretto invece valutare Romulo oggi dopo un lunghissimo infortunio. Da noi avrebbe aiutato certamente il centrocampo gelatina, ma Montella, non i DS, lo fece fuori.

    RispondiElimina
  125. Quando era al top pensavo che sarebbe diventato uno dei primi cinque al mondo

    RispondiElimina
  126. Mati deve giocare da metodista.
    Valero corre e tanto invece. Ma male ed inutilmente. Non fare confusione che col calcio di Montella andava come Don Chisciotte in pressing isolati senza nessun costrutto, anzi pressing dannoso perché Montella non ha mai saputo organizzarne uno collettivo.
    Ah il calcio di Montella...
    Ma il Madagascar ce l'ha l'allenatore?

    RispondiElimina
  127. stefano vienna17 giugno 2015 16:43

    Mi ricordo che mio padre che segue la Fiorentina da anni disse che Romulo era il miglior acquisto di quella stagione e quando arrivò Ambrosini al suo posto per poco non gli venne un infarto. Mi ricordo quelle dichiarazioni di Montella, ma a quanto pare ce ne siamo resi conto solo tu ed io.

    RispondiElimina
  128. Ravanelli, dopo il suo approdo in Inghilterra, disse che lassù non ci si allenava quasi per niente. E lo credo,visto che hanno almeno tre competizioni ed un campionato che non si ferma mai.
    Per me l'allenamento col pallone è il metodo migliore, ma risente dei periodi di inattività, come la sosta natalizia. Io ritengo che il calcio di oggi richieda metodi di allenamento differenziati a seconda dei ruoli, perché i chilometri percorsi sono diversi, come sono diversi i "modi" di correre, chi lavora più in orizzontale, chi in allungo ecc. Un terzino non lavora come un mediano e un centravanti ha sollecitazioni diverse da un esterno, i carichi e le sofferenze cambiano. L'ideale, per me, sarebbe un allenamento comprensivo di fondo che possa allenare anche l'attenzione. Una cosa la sto pensando insieme a fisioterapisti e ex atleti di fondo.

    RispondiElimina
  129. Joaquin mi pare lo stesso, Vargas veniva da sovrappeso esagerato.
    Guarda che vanno viste le resistenze e velocità, su Joaquin non ho nulla da dire, anzi. Su Vargas a mio avviso può fare meglio, mi pare corra meno dello spagnolo.

    RispondiElimina
  130. Io non lo valuto, l'ha valutato la Juve. Serviva, certo, ma nel suo ruolo. E nel suo ruolo non avrebbe cambiato di una virgola la nostra impostazione tattica e nemmeno i problemi che avete sottolineato a centrocampo. Per questo vi contesto il tirar fuori Romulo per contestare il gioco di Montella.
    Perché, appunto, non c'entra niente. E comunque tra adorare un tecnico e giudicarlo l'origine di tutti i mali ci passano milioni di sfumature, ma questo lo rigettate.

    RispondiElimina
  131. Da quello che ho visto mi pare meno muscoloso, il che è senz'altro un bene dopo le cure del Milan. Ma dovrebbe aumentare i giri.
    Dipende da lui, se ha voglia è un attaccante completo.

    RispondiElimina
  132. vero! non a caso nei settori giovanili che si rispettino hanno inserito istruttori che lavorano per reparti, spesso sono anche laureati in scienze motorie così da saper abbinare i carichi di lavoro coi recuperi, fondamentali per non rompersi. Comunque un amico che giocava col Q.P.R. mi ha detto che loro tra il primo e il secondo tempo per non perdere il ritmo spesso continuano il lavoro di corsa lenta e stretching dinamico con andature e skip. comunque vanno forte.

    RispondiElimina
  133. Vanno forte ( e sembrano andar forte) anche per ragioni tattiche,secondo me. Hanno molto spazio da loro, almeno per l'80 % delle partite, ovvero quelle in cui si affrontano squadre radicate al loro modo di vedere il calcio, con molti ribaltamenti di fronte e squadre allungate. Di Salvo se lo litigarono tutti, ad un certo punto, poi però certe fisse passarono, da loro. La metodologia cambia molto, insieme ai cambiamenti sul campo e un Ventrone, oggi, sembra preistoria. Io sto pensando un allenamento aerobico per centrocampisti da fare in zone ridotte e con bersagli mobili in modo di lavorare sul fondo mantenendo una soglia dell'attenzione alta e in grado di creare un equilibrio fisico-mentale in grado di permettere decisioni rapide in fasi di sforzo. In modo di allenare contempraneamente fiato e testa, senza sollecitare il fisico in sforzi che ad un centrocampista non verrebbero richiesti.
    Logicamente per altri ruoli le cose cambiano come cambiano anche dimesioni del campo di allenamento e scelte richieste.

    RispondiElimina
  134. stefano vienna17 giugno 2015 17:21

    A me sembra lecito criticare una scelta di Montella, la rinuncia ad un centrocampo più dinamico. Come per te è lecito dire che il problema erano i terzini. Ma, a differenza tua, io ammetto che un Tomovic non ha nelle corde la fase offensiva e che ne avessimo avuto uno con entrambe le caratteristiche Montella avrebbe avuto vita più facile. Tu neghi tutto a prescindere, che Montella non voleva Romulo (cosa risaputa), e che Romulo avrebbe dato più dinamicità al centrocampo (cosa Vista da tutti nel primo anno).

    RispondiElimina
  135. Certo che i parametri servire/non servire tra noi e i gobbi sono incoerenti per una valutazione oggettiva. Quello che non serve a loro, in linea di massima serve a noi.
    Su Romulo tu ed io ci siamo già confrontati in precedenza, non c'entra nulla adorazione, c'entra che a noi Romulo avrebbe fatto comodo in un centrocampo leggero, così fatto da desideri del tecnico, e che unicamente per volere di Montella ce ne siamo disfatti.
    Salvo poi affermare che a certi livelli, dichiarazione sua dopo il Siviglia, serviva più fisicità.

    RispondiElimina
  136. stefano vienna17 giugno 2015 17:29

    Valero corre, ma non è veloce in progressione e non ha il fisico nè la testa per rincorrere gli avversari, nasce trequa. Mati un pò meglio.

    RispondiElimina
  137. Aggiungo che Romulo nasce esterno destro e sinistro, ma che il primo anno si adatto' degnamente anche interno.
    Viste le rese di Aquilani, Borja, Pek, averlo ceduto senza metter qualcuno che apportasse un poco di muscoli e corsa, è stata operazione a mio avviso che abbiamo pagato con tante, troppe partite con affanno a centrocampo.
    5 milioni sono nulla. E comunque erano 5? Mi parevano meno.

    RispondiElimina
  138. Vista da tutti in un mese, visto che dopo Aquilani, risolti i suoi problemi, è diventato titolare incontestabile. È questo genere di forzature che nego. Oltre al fatto che un terzino ci avrebbe migliorato a centrocampo in maniera così sensibile da fare meglio del quarto posto, cosa che, implicitamente, si sostiene. E si sostiene adesso, cosa che mi dà ancora più fastidio. Perché se i "se" e i "ma" non passano se applicati, per esempio, alla mancanza di Rossi e Gomez, anche per certi versi giustamente, non vedo come possano essere accettate accuse retroattive su scelte di mercato di due anni fa. Poi Montella può pure andare affanculo per me, m'interessa solo che le valutazioni siano più obiettive possibili.
    E combacianti con le mie, ovvio ahahahahahahahahah

    RispondiElimina
  139. Ma le rese del trio sopra nel primo anno furono eccezionali e qui si ritorna al discorso che feci qualche giorno fa, sul chi avesse avuto poca lungimiranza sul centrocampo, che per me furono i dirigenti.
    Anche perché tra Rebic, Vecino e Wolski sono stati spesi quasi tredici milioni e non chiedo su espressa richiesta dell'allenatore.
    Transfermarkt dice 2 per una metà e 3,5 per l'altra.

    RispondiElimina
  140. ?!? e chi è, Wolski?

    RispondiElimina
  141. Dar via Romulo è stata una cazzata. E lo dissi già allora.
    Serve, jolly, corre, buona tecnica, fa qualche gol, ottimo professionista, non rompe le palle, sta dove lo metti, costa il giusto di stipendio, ed è anche costato pochissimo. Risultato, vale mooooolto di più della sua valutazione economica e tecnicamente a sua sostituzione arrivò Ambrosini.
    Ma a Montella non piaceva e lo scredito' addirittura pubblicamente.
    Usa così nel calcio di Montella?
    Anche io sono molto democratico, basta che mi dai ragione.
    Ma in questo caso ce l'ho. Rassegnati.

    RispondiElimina
  142. Ascolta, se sei il tecnico devi capire prima di tutti se in tre possono ripetere lo stesso magnifico primo anno. Il migliore in assoluto della loro carriera.
    E poi Romulo io tecnico in rosa me lo tengo comunque, per le ragioni che ho scritto sotto.

    RispondiElimina
  143. Tragedia greca. Attesa la catarsi,

    RispondiElimina
  144. Troppi amici gobbi mi dicono di Salah alla Juve.
    Sanno qualcosa che noi ignoriamo?

    RispondiElimina
  145. Sopra, mi meraviglio di te! Ma davvero dai credito ai tifosi gobbi? I più bugiardi d'Italia? Ma che vuoi che sappiano. Davvero qui si comincia ad andare in paranoia. Ma per favore...

    RispondiElimina
  146. Non mi risulta che il Verona l'abbia pagato cinque milioni e mezzo, credo non sia arrivato nemmeno alla metà col riscatto. Alla Juve è in prestito? Dopo che si è rotto l'ho perso di vista. E' un giocatore con dei limiti e dei grossi pregi, se si sa impiegare può essere anche parecchio utile,ma non è certo giocatore da fraseggi orizzontali. Giocatore lineare di fascia, con grandi polmoni, grande abnegazione, corretto e volonteroso. Probabilmente a Montella serviva a poco ma per me, sulla fascia, sia e destra che a sinistra è meglio di Tomovic e Pasqual messi insieme.

    RispondiElimina
  147. Mi fido di te.

    RispondiElimina
  148. Una tifoseria che si abbevera a Tuttosport...

    RispondiElimina
  149. Fonte Transfermarkt: 2 prima metà, 3,5 riscatto.
    Anche per me sulla fascia sarebbe andato bene, soprattutto con la difesa a tre. Ma, appunto, sulla fascia, nel mezzo non sarebbe cambiato niente.

    RispondiElimina
  150. Hanno letto La gazzetta dello Sport

    http://www.violanews.com/calciomercato/anche-la-juve-si-inserisce-su-salah-20150617/

    RispondiElimina
  151. Ma è sulle fasce che abbiamo i più grossi problemi, e lui è ambidestro gioca indifferentemente a destra e a sinistra. Che una volta l'avesse fatto giocare sulla fascia sinistra! Con questo e lo ridico, non è Pelè, non ci far dire cose che non diciamo. Non credo nessuno abbia detto che se rimaneva si vinceva lo scudetto o anche solo che si arrivava in Champions, ma che era un elemento utlle, se saputo adoperare (e Montella non sapeva) quello sì e l'ha dimostrato un povero allenatore normalissimo come Mandorlini. Ma non è anche quello col quale Toni ha fatto 41 gol in due campionati a 37-38 anni? ed a 36 con il grande Montella quanti en aveva fatti? 8? Solo per vincere la scommessa col Guetta! Con questo ora non fate nascere un'altra leggenda metropolitana, non vorrei Mandorlini, l'ho definito un allenatore normale, eppure....

    RispondiElimina
  152. Cazzari che leggono cazzate scritte da altri cazzari

    RispondiElimina
  153. Come cazzo avremo fatto ad arrivare quarti,proprio non me lo spiego.

    RispondiElimina
  154. E' incredibile come Deyna sia ancora amato, venerato quasi dai tifosi del Legia e della Polonia...Ci sono pochi casi al mondo di un amore così viscerale verso un giocatore di quasi 40 anni fa

    RispondiElimina
  155. Ieri Orrico in tv ha un po' stroncato Zaza definendolo non da juve. Mancanza di passo e di velocita' rispetto a Berardi.
    Siccome Zaza è un prototipo di giocatore tecnico che gradisco, mi rendo conto della incredibile evoluzione del calcio ad alto livello degli ultimi anni e di come sono rimasto indietro nei gusti agli anni 80

    RispondiElimina
  156. Beh,hanno due ruoli estremamente diversi. Zaza l'avevo proposto su questi schermi prima dell'affare Gomez e insieme a Soldado. Lo avevo visto fare meraviglie con l'Atalanta primavera e nel campionato con l'Ascoli in cui fece una marea di gol, tutti di grande fattura. Certo, caratterialmente è un po' bizzarro, però mi sembra un bel clone del Vialli centravanti di venti e passa anni fa. Ha il difetto di non saper gestire le forze, essendo un generoso, e di essere innamorato del gesto tecnico, però mi sembra uno completo e cattivo il giusto.
    Rispetto a Berardi, che trovo anche molto buono, è più utilizzabile in vari contesti tattici, perché il calabrese è, ancora, troppo legato alla posizione di esterno da 4-3-3. In questo gli è superiore anche Bernardeschi, più malleabile.
    Se Zaza trova un equilibrio nervoso, anche nel pressing e nella gestione degli sforzi, diventa un centravanti molto, molto temibile.

    RispondiElimina
  157. Anche Antonio a Firenze è amato. Non è amato dalla Fiorentina, ma dai fiorentini sì.

    RispondiElimina
  158. Grande minchiata di Vidal, pare. Finisce in manette per guida in stato di ebbrezza. Non so quanti danni ha fatto, spero pochi. Siamo alle solite: testa di calciatore...

    RispondiElimina
  159. Evidentemente non corre solo in campo. Anche sulla sua Ferrari non scherza.

    RispondiElimina
  160. Transfermarkt può dire quello che gli pare ma non mi risulta fosse in comproprietà. Era in prestito con diritto di riscatto che il Verona ha esercitato, anche se in ritardo c'è chi dice a 2,5 chi a 3,5

    RispondiElimina
  161. uno che ha que' capelli vuoi che sia furbo?

    RispondiElimina
  162. Furbo e intelligente ci dice Lele lo sia, magari si fa trasportare da qualche eccesso...

    RispondiElimina
  163. Gran giocatore, comunque

    RispondiElimina
  164. stefano vienna17 giugno 2015 20:35

    Il Basilea prenderà l'allenatore dei Red Bull Salzburg, così dicono qui in Austria.

    RispondiElimina
  165. Bobby Caponata17 giugno 2015 20:42

    Bravo Jordan, e mi dà da preoccupare anche il Berna con quella testa mal messa..

    RispondiElimina
  166. Visto che i'poeta continua finocchio e 'nvece che la topa e ci dà i'carcio 'n costume, rifacciamoci l'occhi un po' da noi

    RispondiElimina
  167. Bobby Caponata17 giugno 2015 20:45

    Tornato a casa http://www.firenzeviola.it/news/ufficiale-aston-villa-quadriennale-per-richards-181235

    RispondiElimina
  168. Ma chie? Vidal? o che gioha a tennis anche con lui? Attento che un l'arroti co' i carretto!

    RispondiElimina
  169. a gorfe, a gorfe. E ci aveo ancora negli occhi la Scarlette e ci aveo i'capo'n ciampanelle

    RispondiElimina
  170. Bobby Caponata17 giugno 2015 20:49

    Maglie per tutte le tasche.. http://www.firenzeviola.it/indiscrezioni-di-fv/le-coq-tre-fasce-di-prezzi-per-le-nuove-maglie-181225 .
    Tanto io i soldi ai francesi non glieli dò...

    RispondiElimina
  171. No lo conosce di fama per i cavalli...Te lo spiega poi lui, diciamo che sa investire bene quel che guadagna

    RispondiElimina
  172. mi sembra che dimorto e l'investa la gente. meno male che gli è gobbo.

    RispondiElimina
  173. Bono te, che l'hai tifato in finale CL!

    RispondiElimina
  174. Quando si dice stile.
    Spalletti:" Ho conosciuto Sousa di persona. La Fiorentina sceglie bene i suoi allenatori"

    RispondiElimina
  175. stefano vienna17 giugno 2015 21:00

    A me invece piace come scelta. Curioso per le maglie, e visto che allo stadio non posso andarci, stavolta mi compro quella da 100 euro.

    RispondiElimina
  176. Buonasera a tutti, mi associo al Grande Jo, passera, passera, passera....





    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/hphotos-xaf1/v/t1.0-9/11406924_839824402732648_8370589369013106317_n.jpg?oh=e0e6b0369316042a1792e971e402b39e&oe=55EB1FF7

    RispondiElimina
  177. Bobby Caponata17 giugno 2015 21:11

    Scherzo, anch'io approvo la scelta ma.... pero' i francesi.. vabbè vedremo. :-) Certo è, che più brutta di quella di quest'anno sarà dura.. c'ha fatto perdere dai 5 agli 8 punti.

    RispondiElimina
  178. @ Giglio: certo che puoi, tra l'altro non era nemmeno farina del mio sacco, l'ho "rubata" da un cugino che ancora fa del calcio giocato a livello dilettantistico il sale della "sua" vita... è che in quelle righe ci ho rivissuto anni di passione calcistica e mi faceva piacere condividerle con Voi...

    RispondiElimina
  179. Anche per quello che ricordo io Romulo era in prestito con un diritto di riscatto intorno ai 3 milioni... Jo, ha altre caratteristiche rispetto a Tomovic, uno è un marcatore adattato da Montella a fare addirittura l'ala destra offensiva... ruolo magari più congeniale al brasiliano che a me, comunque, è piaciuto molto di più nel ruolo dove lo ha "lanciato" proprio Montella, interno destro di un centrocampo a 5. Posizione nella quale è stato impiegato quasi sempre anche da Mandorlini. Non ha i tempi del centrocampista centrale ma con la corsa e la grande abnegazione supplisce alla lacune di posizione che un esterno di nascita, inesorabilmente, non può non avere.

    RispondiElimina
  180. @ Belva: lassa perde Orrico, oramai è bono giusto per dì un paio di cazzate da Bonan, ed in seconda serata...

    RispondiElimina
  181. Grande Louis. Per sua stessa ammissione - sentito con le mie orecchie - nel programma lo pagano per fare il bastian contrario.
    Poi ho appena letto quello che ha detto sul Juan dei poveri che lo rimpiangono, per cui con me ha chiuso ah ah ah ah

    RispondiElimina
  182. @ Mc: non so se il Napoli si stia italianizzando, non seguo il calciomercato sin dai primi di giugno perchè c'è da diventar matti. Intanto han preso Sarri che, se lasciato lavorare e con un minimo di carta bianca, potrebbe sorprendere molti... poi direi che hanno un assegno circolare di nome Gonzalo Higuain che, se sfruttato a dovere, potrebbe fargli rifare una squadra a misura del tecnico e della quale invece penso proprio ci sia da guardarsi con molta attenzione. La Lazio vedremo che coppa farà e come investirà gli eventuali introiti dalla qualificazione ai gironi di champions, io non la metterei dietro così facilmente. Quanto ad Anderson sicuro partente, anche lì, aspetto di vederlo con la sciarpa del nuovo club al collo.

    p.s. Lele; il tuo Gervinho già a svernare coi petrodollari?

    RispondiElimina
  183. stefano vienna17 giugno 2015 21:29

    Lo ha lanciato Montella in quel ruolo, anche per questo non capii bene il motivo della bocciatura, come continuo a non capirla.

    RispondiElimina
  184. A centrocampo mi convince poco perchè non ha molto senso tattico (anzi non ce l'ha per nulla), mentre sulla fascia l'ho visto, qui in Brasile, devastante, se gli fai fare quello che sa e può fare, se lo copri un po' dietro e lo lanci quando parte in velocità. L'ho visto mettere in crisi da solo la difesa del Santos in una finale di paulista e giocava nel Santo Andrè. Lo so che Tomovic è un difensore e, come tale, è senz'altro meglio di Romulo, ma siccome gli facevano fare l'ala, Romulo sarebbe stato dieci volte meglio.

    RispondiElimina
  185. Aveva inventato una sorta di doppia fascia tenuta da Cuadrado e Romulo, ci si alternavano un po'. Poi rientrato Aquilani esperimento finito.

    RispondiElimina
  186. stefano vienna17 giugno 2015 21:38

    Bucciantini: Paulo Sousa un allenatore in mano ai procuratori. Ma perchè Montella non ha il procuratore?
    Bucciantini: Paulo Sousa deve iniziare a fare allenatore (dopo sei stagioni). Ma perchè Montella arrivò a Firenze con sei anni di esperienza?
    Onestamente, mi spiace perchè mi sta pure simpatico, ma qui siamo al livello di Bucchioni, l'alter ego.

    RispondiElimina
  187. stefano vienna17 giugno 2015 21:45

    Manca una voce più equilibrata, come per esempio è stata per tanti anni quella di Salvatore Napolitano.

    RispondiElimina
  188. Bomba?





    http://zonacalcio24.altervista.org/ultimora-uefa-si-va-verso-lesclusione-dalle-coppe-di-lazionapoli-e-samp/

    RispondiElimina
  189. stefano vienna17 giugno 2015 21:51

    Il Basilea ha comunicato di aver rescisso il contratto con Paulo Sousa.

    RispondiElimina
  190. La prima affermazione sarebbe bene che un giornalista serio come dicono che sia bisognerebbe chiarirla un po' di più. Io credo che dica del vero, ma non si può tirare il sasso e nascondere la mano, lo psso fare io sul sitollock, non può farlo un professionista dell'informazione.

    RispondiElimina
  191. stefano vienna17 giugno 2015 22:05

    Ho capito, ma Bucciantini ha scoperto l'esistenza dei procuratori adesso che arriva Paulo Sousa?

    RispondiElimina
  192. Il Milan è arrivato decimo, li dovrebbe far uscire tutti e tre, Lazio, Napoli e Samp. Credo che l'unico che rischia davvero è la Lazio. Il Napoli era nella stessa situazione l'anno scorso e fu ammessa alla Champions, la Samp ha un'accusa di responsabilità oggettiva, in genere per quello soprassiedono.

    RispondiElimina
  193. Il problema non è avere il procuratore che ce l'hanno tutti, ma essere legati a certi carri, ed è questo che si dovrebbe chiarire quando si fanno certi sottintesi.

    RispondiElimina
  194. Prestito oneroso con diritto di riscatto o comproprietà, le differenze sono minime. Ciò non toglie che è stato pagato due milioni quando è andato a Verona e 3 e mezzo quando hanno preso l'intero cartellino. Su Transfermarkt sono abbastanza precisi, essendo crucchi, poi, al limite, ci sarà il bilancio ad indicare i numeri reali.
    Tomovic che fa l'ala me lo sono perso, comunque il ragazzo è un terzino, non certo un centrale, questo prevede che sappia tenere la fascia come ha fatto anche molto bene in certe partite. Poi c'è anche un grado di bravura dei calciatori, non è che se uno fa cagare è automatico che sia colpa di Montella. Al Romulo mediano, all'epoca, gli si rimproverava la confusione tattica ed il fatto che portasse troppo palla, anche qui. L'anno prima, comunque, un grande allenatore ,a Udine, lo mise attaccante esterno, relegandolo alla panca sempiterna, data la prestazione.
    Alonso centrale lo vedo molto anche io e non certo perché ce lo ha messo Montella, quanto per motivi fisici che lo strutturano più in quel ruolo che sulla fascia dove soffre nei primi metri sullo scatto e negli ultimi rincorrendo. Potrebbe essere un Chiellini più dotato tecnicamente che un terzino sinistro di valore assoluto.

    RispondiElimina