.

.

venerdì 5 giugno 2015

La guerra dei comunicati

La guerra dei comunicati è servita a mostrare soprattutto che nella Fiorentina le guarnizioni non tengano, filtra infatti ridicolo e tristezza dalla coppa che non si è vinto, la stessa tristezza che spinge le nonne dei vegani a rifugiarsi a piangere in cucina. Non ho guarnizioni originali a portata di mano, e nel frattempo che intervenga la casa madre con i ricambi originali, mi preoccupo che qualcuno possa soffrire per Montella, già ci sono i lunedì a dimostrazione che la vita è dura di suo. La vita non è come nei film dove i baci sono belli anche sotto la pioggia perché sono l'inizio di un grande amore. Nella realtà sono solo l'inizio di un mese di antibiotico. Nella vita sarebbe bello sapere come stai anche quando nessuno te lo chiede. La vita è quando te la ritrovi lì con te, quasi nuda, e ti batteva forte il cuore. Poi le dicesti arrivederci e uscisti dalla sauna pensando, cazzo, mai una bella fica. Almeno con Montella prendiamola a ridere, o a sorridere come fa lui tanto per rendergli pan per focaccia del Pugi, e lo dico pensando che in vita mia ho quasi trombato un sacco di donne. Queste si che sono riflessioni amare. E se proprio Montella continuerà a farci stare così male malgrado queste mie raccomandazioni, posso garantire che nella droga non c'è né olio di palma né margarina. La droga è sana e possiamo tutti utilizzarla per superare indenni questa avvilente guerra dei comunicati. Posso cercare di distrarvi ancora per un attimo prima che si scateni l’inferno dei lanci Ansa, e per farlo mi prendo la libertà di raccontarvi un' indiscrezione sulla finale CL di domani. Vi ricordate la Bice? Ebbene, ha lavorato duramente in questi mesi, in incognito, si è infiltrata a Vinovo come donna delle pulizie (dovendo sottostare alle volontà sessuali ricorrenti di Nevded per essere assunta), oggi è suo lo scoop sull'infortunio di Chiellini al polpaccio mentre si allenava per la mercatura di Messi cercando di prendere a calci una lepre. Per tornare sulla guerra dei comunicati che è persino più brutta dello stesso Chiellini, ognuno ha cominciato a scoprire  le proprie carte per rimarcare i rapporti di forza, così come ogni volta che una madre fa indossare al proprio bimbo le calze coi sandali, la Germania detta nuove condizioni all'Europa. Montella è troppo furbo per farsi stanare da un comunicato di mezza serata senza capo e ne coda, e ce lo conferma la Bice nei suoi mesi di anonimato nascosta a cercare le verità del napoletano. Ha capito per esempio che lui usa il tiki taka ma solo in campo, mentre per non far scoprire alla compagna che cosa gli regalerà per il compleanno, dissemina la cronologia di falsi indizi. In attesa che si cambino le guarnizioni bisognerà ripensare alla comunicazione, passaparola, comunicati e titoli di coda sono sorpassati da linguaggi più moderni, i tempi cambiano e mi viene in mente che un tempo il gioco di sguardi era un'arma di seduzione. Ora devi sperare che la tipa ti sbatta addosso mentre controlla le notifiche sul telefonino. Come uscirne adesso? Io la soluzione ce l’avrei anche, con un bel comunicato naturalmente. Forse basterebbe solo che Montella dichiarasse “Ho cosparso il capo di cenere e mi ha licenziato”. Purtroppo non resta che aspettare, magari anche solo la conferma che Salah rimanga, o i rinnovi di Baba e Bernardeschi. Chi lo sa. E in mancanza di una sana condivisione degli obiettivi, cosa dobbiamo aspettarci per oggi; rassicurazioni oppure altri comunicati?






490 commenti:

  1. So che è da tanto che aspettavate le parole di lui. Finalmente eccole:

    Marco Bucciantini

    Vediamo un po': la Fiorentina adesso ha un direttore sportivo che deve scovare giocatori (Angeloni), un direttore sportivo che deve trattarli (Pradè), un direttore sportivo che deve venderli (Pereira). E un altro dirigente che (solo lui) può firmare acquisti o cessioni (Cognigni). Però forse non ha un allenatore.

    RispondiElimina
  2. Passator Cortese5 giugno 2015 08:04

    Non si sa esattamente in che modo si fossero lasciati giorni fa per cui risulta difficile giudicare quale delle parti, rispetto a quel modo, sia inadempiente.
    Certamente il metodo scelto dalla Fiorentina per forzare questa situazione di stallo, esistente in ambo le parti, è tutto da discutere, ma è un modo per provare a sbloccarla, diciamo così, unilateralmente.
    Io francamente più che impegni generici, che lasciano il tempo che trovano, da chiedere, vedo, nonostante la buona stagione che si è chiusa, tanti problemi da risolvere, a partire dall'attacco, dove a ben vedere, in un modo o nell'altro lo sono quasi tutti.
    E non sembrano problemi risolvibili in pochi giorni.
    E stiamo parlando del reparto in definitiva decisivo e ad oggi più forte ed attrezzato della rosa, ma che, se non si provvede, potrebbe diventare il meno.

    RispondiElimina
  3. Passator Cortese5 giugno 2015 08:08

    Quando parlo di impegni generici da chiedere, che lasciano il tempo che trovano, mi riferisco a quelli di rafforzamento che dovrebbe garantire la società.

    RispondiElimina
  4. Cazzo!!!! Ma come chiudo ieri a 199 e riapro stamattina a più di 500.
    Montella ha dimesso ADV?
    Morti & feriti?
    Certo che non si pensa mai a noi poveri lavoratori con prole.....

    RispondiElimina
  5. Non gliel' ha chiesta pubblicamente, non fare confusione, la risposta al comunicato è pubblica perché questa metodologia l'ha scelta proprio ADV. Montella nel comunicato sostiene che sono mesi che ne parlano. E non certo pubblicamente.

    RispondiElimina
  6. Che i programmi siano chiari per rispetto alla maglia e ai tifosi lo ha sottolineato pure lui e non può permetterselo, la proprietà non deve spiegazioni pubbliche ma la sua conferma lo è dato che mai è stato messo in discussione. Le cose stanno così, nessuna confusione da parte mia.

    RispondiElimina
  7. Io ho una mia teoria, che sarà strampalata ma di cui mi sono convinto nell'ultimo mese, più o meno dopo le disfate col Sevilla. Il punto di partenza per me è che Montella non è un cretino, anzi, per cui ha capito di aver fatto delle cazzate nel mese orribile di aprile e ha capito di dover rendere conto alla società (e ai tifosi) del crollo della squadra in quel mese, da dopo il ritorno contro la juve. A quel punto è passato all'attacco e ha rovesciato la frittata, facendo sì che fosse la società a doversi giustificare sui programmi mentre lui fosse quello ch doveva decidere se rimanere o meno. Nel contempo ha preso le distanze dai tifosi per far capire di non essere un capopopolo e ha voluto dimostrare nelle ultime partite che la squadra è con lui e che lo spogliatoio è unito, a suo favore. In sintesi, io penso che voglia rimanere, senza pagare il dazio, facendo però la figura di quello che fa una gentile concessione.

    RispondiElimina
  8. " bisognerà essere chiari al riguardo indipendentemente dalla mia presenza o meno, " questo è un passaggio del comunicato di Montella. Ma come si permette, indipendentemente dalla sua permanenza urge chiarezza, roba da manicomio, e chi glielo ha chiesto che di chiederlo lui, già da stipendiato non può rivolgersi così ma addirittura la invocherebbe se non lo fosse. Chi difende simili posizioni è un po' in confusione, non si sono mai visti simili rapporti in ambienti lavorativi, solo nel calcio c'è chi si crede dio e chiede chiarezza anche senza averne titolo.

    RispondiElimina
  9. Se la proprietà (secondo quello che deduco dai comunicato perché ripeto non ho nessuna certezza) non gli risponde nel merito (sui programmi intendo) e sceglie la strada di un comunicato pubblico per sollecitare una risposta, Montella non fa altro che ricordare dove erano rimasti prima di lasciarsi. E infatti dichiara sorpresa per un tale comunicato.

    RispondiElimina
  10. Io datore di lavoro non devo pubbliche spiegazioni sugli obbiettivi e sui programmi, tu dipendente con contratto in mano e regolarmente retribuito hai due opzioni:
    1) Te ne vai rispettando il contratto con tanto di clausola se non ci stai più bene
    2) Rimani senza porre condizioni e continui a lavorare senza che io debba garantirti un beneamato cazzo perché ho obblighi sul bilancio e la gestione non spetta a te e nemmeno me la faccio spiegare da un subordinato
    Nel mondo reale funziona così, nel calcio, e fra tifosi che prendono posizioni inconciliabili con la realtà no.

    RispondiElimina
  11. Sopravvissuto5 giugno 2015 08:50

    Martedì sarò a Firenze per due giorni....come sempre toccherà a me risolvere la questione.
    Porterò i due (Andrea e Vincenzo) a pranzo a Ponte a Ema e poi sanciremo l'accordo.

    RispondiElimina
  12. Te lo ripeto allora, sono mesi che stanno parlando dei programmi. E non pubblicamente. Sui punti 1 e 2 si sono detti cose che ne tu e ne io sappiamo. Verrà il momento che ne sapremo di più e su quello discuteremo. Su quello.

    RispondiElimina
  13. Belvaromana575 giugno 2015 09:00

    Mi ritrovo abbastanza in questa tesi, secondo me affatto peregrina per come ricordo il personaggio in altre piazze.
    Tutto è possibile. Beati quelli che hanno la verità in tasca

    RispondiElimina
  14. Di reale invece c'è che adesso (forse) ci manca l'allenatore ah ah ah

    RispondiElimina
  15. Io c'ho le tasche bucate, e pensa te che ho sempre creduto che me lo si dicesse in riferimento allo spendere.

    RispondiElimina
  16. Bobby Caponata5 giugno 2015 09:05

    Stamani invece mi sono svegliato al "grido" Forza Vincenzo sputtanali tutti!!

    Mah... sarà il caldo.

    RispondiElimina
  17. Hanno fatto pace anche Ramazzotti e Barbarossa dopo il litigio alla Partita del Cuore... peccato, è caduta la speranza che si ammazzassero a vicenda

    RispondiElimina
  18. Ah ah ah ah ah grande Vita.

    RispondiElimina
  19. Ma sputtanali chi? Come? E soprattutto perché?

    RispondiElimina
  20. Belvaromana575 giugno 2015 09:12

    Ciao BURAN!
    Oggi secondo Rialti Acf Fiorentina vuole esercitare la clausola che consente di assorbire al proprio interno tutto lo staff tecnico che attualmente fa capo a Montella.
    Sembrerebbe che cominciano ad arargli la terra intorno ma invece a me Mamma Ebe in sogno ha detto che è perché non vogliono lasciarsi mai

    RispondiElimina
  21. Bobby Caponata5 giugno 2015 09:13

    Perchè il comunicato di ADV sa di uno che vuole incastrare Montella o a rompere e tenersi i cocci o a restare e ingoiare il fatto che non avrà le garanzie richieste.. Poi mi sbaglierò..

    RispondiElimina
  22. Ma scusa, da che mondo e mondo (come dice Leo più sotto) un dipendente può mettersi a pretendere delle garanzie dal suo datore di lavoro?
    E certo che ADV vuole incastrare Montella: deve decidersi. Quali siano i programmi della società lo sa da tre anni, lui dice che ne parlano da tre mesi: se gli va bene rimane, se non gli va bene che se ne vada, al Napoli, alla Roma, allo Swansea, affanculo, dove vuole lui.

    RispondiElimina
  23. stefano vienna5 giugno 2015 09:18

    Ciao Anto, ho provato la stessa tattica al mio primo posto di lavoro, mi hanno cacciato seduta stante. E prendevo uno stipendio di 1.000 euro. Montella deve difendere il suo brand, non poteva accettare supinamente di venire messo in discussione. Ormai gli allenatori sono delle aziende, contando che, fuori dal calcio, un'azienda che fattura 2 milioni l'anno, ha in media 15 dipendenti.

    RispondiElimina
  24. Bisogna vedere che livello di abbelinataggine hanno in società. Il comunicato di ieri sembra voler sparigliare le carte.

    RispondiElimina
  25. Ecco, uso le parole di Leo:

    "Rimani senza porre condizioni e continui a lavorare senza che io debba garantirti un beneamato cazzo perché ho obblighi sul bilancio e la gestione non spetta a te e nemmeno me la faccio spiegare da un subordinato"

    RispondiElimina
  26. stefano vienna5 giugno 2015 09:21

    L'ha chiesta in pubblico precedentemente, in conferenza stampa. Sull'opportunità del comunicato ho molti dubbi, mi astengo però perchè non conosciamo tutti i retroscena. Rimane una situazione surreale.

    RispondiElimina
  27. stefano vienna5 giugno 2015 09:22

    Perchè avevamo un allenatore?

    RispondiElimina
  28. Bobby Caponata5 giugno 2015 09:23

    L'errore di fondo è che non è un dipendete ma un libero professionista che sposa una causa in base a degli accordi presi e ne ha poi tutto il diritto a reclamarli.
    E ripeto, Montella non vuol rompere per non tenersi i cocci (perdere la clausola) e allo stesso tempo continua a chiedere il rispetto degli impegni...

    RispondiElimina
  29. Ma che ci sarebbe da "sputtanare"? Boh...

    RispondiElimina
  30. Bobby Caponata5 giugno 2015 09:26

    Estremizzando il concetto, è come ingaggiare un artista e promettergli tournee nei teatri più prestigiosi del mondo e poi farlo esibire alle feste dell'unità... :-)

    RispondiElimina
  31. Ma quali impegni? La società deve mantenere degli impegni? Sono tre anni che è qui, sa benissimo quali sono i programmi.

    RispondiElimina
  32. Allora, seguendo il tuo ragionamento, Gomez potrebbe anche lui dire di mantenere gli impegni e garantirgli un gioco che gli faccia avere 4 palle gol a partita.

    RispondiElimina
  33. Bobby, a me sembra che la frittata sia completamente rigirata.

    RispondiElimina
  34. Ma che garanzie, forse che non lo pagano puntualmente, ha paura di non riscuotere in tempo? Perché oltre a questo non ha diritto di pretendere altro, casomai di suggerire, discutere etc.. Le citate "garanzie" fanno parte del "chiagni e fotti" messo su per mera convenienza personale.

    RispondiElimina
  35. stefano vienna5 giugno 2015 09:30

    Comunque, il primo a spostare il confronto dal privato al pubblico è stato Montella. Finora la società non s'era sbilanciata, e forse faceva bene a non sbilanciarsi. Sul fatto che era meglio si telefonassero ieri pomeriggio, forse la telefonata c'è stata, magari anche tesa, e i Della Valle hanno deciso di lavare i panni in pubblico. Probabilmente sbagliando perchè la risposta di Montella, a mò di supercazzola, mette oggettivamente in difficoltà la società che ha due opzioni: o fa mea culpa e accetta l'interpretazione di Montella che si tratta solo di un malinteso -e di una cattiva comunicazione della società- oppure lo licenzia e gli deve pagare lo stipendio. Insomma Montella gli ha ripassato il cerino con molta astuzia. Lo dicevo che, a differenza di Prandelli, il napoletano è un osso duro.

    RispondiElimina
  36. A questo punto, se Montella rimane, la società ci fa una figura pessima e va ritenuta corresponsabile di tutto quello che combinerà Montella, nel bene e nel male.

    RispondiElimina
  37. Bobby Caponata5 giugno 2015 09:35

    “Rimango sorpreso dal comunicato della società poiché sono mesi che stiamo parlando dei contenuti del progetto tecnico futuro". Ne parla lui da mesi e la società non gli ha mai detto niente in contrario... Poi quali siano gli argomenti in discussione non lo so ma pare evidente che un certo percorso all'inizio fosse stato tracciato e poi abbia in seguito subìto qualche deviazione. Infine ripeto, poi mi sbaglierò..

    Di Gomez non credo che la società sia stata così idiota da promettergli una cosa del genere :-)

    RispondiElimina
  38. La Società che ingaggia un tecnico è sempre corresponsabile, dato che appunto lo sceglie

    RispondiElimina
  39. Non lo sapevo, non leggo Trottosport

    RispondiElimina
  40. Ah ah ah ah , no è vero. Guerini.

    RispondiElimina
  41. stefano vienna5 giugno 2015 09:39

    La società ha solo una cosa da fare, abbozzare e smetterla di chiedere il rispetto del contratto con quella stupida clausola rescissoria, ovvero dire a Montella: noi siamo disposti a liberarti senza clausola, però se vuoi restare si riparte uniti e tutti insieme con una bella conferenza stampa congiunta alla presenza di Diego. Alla fine, finchè c'è il ricatto della clausola, non sapremo mai se Montella vuole restare oppure no.

    RispondiElimina
  42. Ma un contratto, nell'ambiente calcistico, sarebbe "un ricatto"? Cosa c'è di più onesto, chiaro, leale del rispetto di un contratto liberamente sottoscritto? Non a caso si dice "onorare".

    RispondiElimina
  43. Io invece non sto vedendo molta differenza tra la risposta via Ansa di Montella e la reazione di Prandelli. Quando nel 2010 DDV disse "Prandelli dica che non andrà alla Juventus", il giorno dopo Prandelli in sala stampa disse di esser pronto a rinnovare per altri 5 anni e contemporaneamente disse che la società doveva informare i tifosi che qui non si può sognare. Ieri ADV emette un comunicato il cui senso in sintesi è "Montella dica subito che resta" e Montella risponde "io resto, però [supercazzola]...". A me sembra il solito film, dove colpevole è l'allenatore, perchè se vuoi andartene te ne vai, ma di screditare pubblicamente i programmi della mia società non può e non deve permettersi nessuno, a partire da un allenatore che in carriera non ha vinto un cazzo e che il sui punto più alto finora l'ha avuto qui con i mezzi che gli ho messo a disposizione io.

    RispondiElimina
  44. io credo che montella stia cominciando a far perdere la pazienza a tutti, oramai. continua su questa storia della chiarezza: ma di cosa stiamo parlando? i piani sono sempre stati quelli, non sono cambiati: 4-6 posto, se siamo particolarmente bravi o fortunati si può arrivare terzi; magari, una coppetta in bacheca. gli investimenti ci sono sempre stati. ha firmato un contratto fino al 2017 con dei progetti che sono stati mantenuti e che proseguiranno. non capisco cosa diavolo voglia dalla società, che peraltro mi pare piuttosto mite (il comunicato - seppur abbia avuto il risultato sperato - è discutibile, ma in altre situazioni dopo una situazione del genere si dava una pedata) ed ha più volte detto: " IL PROGETTO CONTINUA, COME SEMPRE, E NOI VOGLIAMO MONTELLA". questo ha fatto la società, è stata chiarissima e non interpretabile. montella deve solo rispondere "sì" o "no"; a me i "sì, ma.." sono sempre stati sul cazzo.

    contento per l'arrivo di pedro pereira che tra l'altro nel braga ha fatto grandi cose, portando anche la squadra in CL. mi piace una dirigenza ramificata, in grado di scovare piccoli bastardi per il mondo a basso prezzo;


    NOTA IMPORTANTE: mi pare non l'abbia sottolineato nessuno, ma l'arrivo di pedro pereira è un tassello fondamentale: si occuperà del mercato estero con angeloni e soprattutto delle cessioni fuori dall'italia: l'avete capito che stiamo liquidando Ramadani o no?
    se le idee messe sul piatto si realizzeranno sarà una grande fiorentina.

    RispondiElimina
  45. stefano vienna5 giugno 2015 09:46

    Buran, nel mondo reale, se vuoi cambiare lavoro, non devi pagare nessuna clausola rescissoria al tuo ex-datore di lavoro. Al Massimo devi dargli un preavviso di tre mesi.

    RispondiElimina
  46. stefano vienna5 giugno 2015 09:47

    Tutto nasce da quella stupida clausola rescissoria, come dice da sempre Jordan. In questo, anche Valtolin ha ragione, la causa ultima del deja-vù è che la società ha ripetuto lo stesso errore commesso all'epoca con Prandelli. Un allenatore che vuole andare via deve essere lasciato libero di andare dove vuole lui. Se poi resta, tanto di guadagnato, vuol dire che ha voglia ed entusiasmo per andare avanti. Lo dico contro i miei stessi interessi: io Montella l'avrei cacciato già dopo la prima di campionato contro la Roma.

    RispondiElimina
  47. sono d'accordo.

    RispondiElimina
  48. Bobby Caponata5 giugno 2015 09:48

    buran un contratto è un accordo tra le parti che prevede delle regole. La società paga Montella perchè faccia bene il suo lavoro. Da parte sua Montella si impegna a fare un certo tipo di lavoro se la società gli offre gli strumenti adeguati per farlo.
    Sono quelli che stanno discutendo.. che la società sembra portare per le lunghe cercando di far ricadere la responsabilità sull'allenatore con comunicati pubblici come quello di ieri sera.

    RispondiElimina
  49. stefano vienna5 giugno 2015 09:50

    Vita, da anti-montelliano della prima ora, il tuo discorso non quadra: Montella non è libero di andarsene dove vuole lui per via della clausola. Se mi licenzio e mi faccio assumere da un'altra azienda, non devo pagare nessuna clausola, né tantomeno la deve pagare il mio nuovo datore di lavoro.

    RispondiElimina
  50. Nel mondo reale però un contratto può magari essere davvero un mezzo ricatto, anzi di questi tempi è molto probabile che lo sia, nell'ambiente calcistico a certi livelli no, specie quando corrono certe cifre e vigono certe regole.

    RispondiElimina
  51. stefano vienna5 giugno 2015 09:53

    Bobby, a parte il comunicato in sè, la società sbaglia in partenza, quando mette la clausola. La clasola rescissoria è un ricatto bello e buono, tra l'altro dubito che valga al di fuori del calcio, ovvero se Montella decidesse di adire alle vie legale, cosa però che non può fare per via delle regole federali.

    RispondiElimina
  52. stefano vienna5 giugno 2015 09:56

    Magari, adesso stavo organizzando il viaggio a Tbilisi per la Supercoppa Europea.

    RispondiElimina
  53. ?!?!?!? Adire la via legale per quale motivo? Guarda che se l'allenatore firma un contratto NORMALE, la società ha diritto di usufruire delle sue prestazioni fino al termine. L'eventuale clausola è un vantaggio PER LUI se si vuole liberare prima della scadenza.

    RispondiElimina
  54. Io credo che, essendoci la clausola, Montella non sia libero di licenziarsi e firmare subito altrove; immagino che la clausola preveda che se è lui a licenziarsi (perchè contratti che ti impediscano di licenziarti credo non esistano) debba almeno star fermo un anno (o pregare la società di non osservare tale clausola), altrimenti che clausola sarebbe se bastasse licenziarsi per eluderla? Secondo me prima o poi toccherà a Montella uscire allo scoperto, e pregare pubblicamente la società di concedergli la grazia.

    RispondiElimina
  55. A questo punto temo per la mia agognata tournée con le cosiddette grandi del panorama calcistico europeo, che essendo tali hanno anche allenatori carichi di entusiasmo.

    RispondiElimina
  56. Guarda che ti sbagli, Montella non è libero di andare dove vuole lui per via del CONTRATTO firmato fino al 2017.

    RispondiElimina
  57. sopravvissuto5 giugno 2015 10:05

    Tournée con Ramazzotti o Barbarossa?

    RispondiElimina
  58. O che palle con questa clausola! Montella è sotto contratto e non è libero di accasarsi altrove che ci sia la clausola o non ci sia. Ve lo volete mettere nel capo? Un contratto in vigore non si può rompere il maniera unilaterale ed il fatto di poterlo fare pagando la clausola rescissoria è un vantaggio per il dipendente ma non aggiunge un cazzo di niente ai poteri contrattuali della società. Un dipendente si può licenziare sì ma non può svolgere attività per tutta la durata del contratto che ci sia o no la clausola recissoria. Se invece è la società ad esonerarlo, cioè è lei a rompere il contratto, è obbligata a pagarlo fino alla fine (vedi Prandelli, Spalletti etc....).

    RispondiElimina
  59. Quello di Gomez era un paradosso...
    Devo ancora capire quale deviazione ha seguito il percorso.

    RispondiElimina
  60. Mi sto lentamente facendo l'idea che Montella sia l'allenatore ideale per la Fiorentina.
    Società e mister, ognuno nel proprio campo, fanno errori e tendono a reiterarli puntualmente e caparbiamente come fosse sbagliato il mondo intorno a loro.

    Una cosa però occorre dirla: chi si ostina a ridurre il rapporto società-mister a mero rapporto datore di lavoro-lavoratore, sbaglia e indirettamente dà ragione alla visione che riduce i tifosi a clienti.
    Già il ruolo del dirigente prevederebbe atteggiamenti differenti (reciproci sia chiaro), a certe cifre ed in quell'ambiente poi, secondo me, tutto si può fare fuorché considerare "normale" il rapporto di lavoro instaurato.

    Mi astengo da ulteriori considerazioni poiché, a suo tempo, la situazione giubba mi procurò conati per mesi, se continua così mi do ai canapi di Foco......

    RispondiElimina
  61. Passator Cortese5 giugno 2015 10:11

    Caro Vitalogy, la profonda differenza sta nel fatto che Montella non ha mai fatto ipocriti proclami d'amore eterno per Firenze, ma al contrario, pretendendo la clausola rescissoria per firmare il rinnovo, in qualche modo si è messo subito sul mercato.
    C'è poco da fare, a questo punto chi decide è il mercato, nel rispetto dei contratti incluse eventuali clausole.
    E sarà il mercato la misura dell'entusiasmo.
    Se Sinisa non avesse trovato di meglio sarebbe rimasto con entusiasmo a Genova.
    Spalletti stesso, che pure ama Firenze e la Fiorentina, sarà entusiasta di andare dove lo paghino quanto pensa di valere.

    RispondiElimina
  62. Quali strumenti: i campini per allenarsi, le tute, i fischietti, le magline? Queste cose mi pare ci siano.Dubito che nel contratto ci sia scritto che devono comprargli Tizio e Caio. E poi: "la responsabilità" di che?

    RispondiElimina
  63. Allora non hai capito. Con contratto in vigore nessuno può accasarsi altrove. Si può licenziare sì, ma va ad imparare l'inglese, a spese sue, perchè in caso di dimissioni non ha diritto agli emolumenti. Questo sempre. Non c'entra un cazzo la clausolo rescissoria che, e lo ridico per la centesima volta, è solo a vantaggio del dipendente. Infatti quanto sopra può essere superato in caso di pagamento della stessa. Siccome nel caso di montella nessuno la paga che ci sia o non ci sia è lo stesso.

    RispondiElimina
  64. stefano vienna5 giugno 2015 10:13

    No, Jordan, se un dipendente si licenzia, rinuncia allo stipendio ed è libero di trovarsene un altro. Dove sta scritto che devi restare fermo un anno o due?. Sarebbe come dire che uno che si licenzia deve per forza prendere il sussidio di disoccupazione senza potersi cercare un posto di lavoro.

    RispondiElimina
  65. E' scritto nei contratti, se no sarebbe troppo facile. Ha rotto un impegno, non è gratis. O perchè credi che facciano tutte queste manfrine?

    RispondiElimina
  66. Fra l'altro una società esonera l'allenatore dalla conduzione tecnica della squadra, non lo licenzia. L'allenatore viene pagato e rimane a disposizione, non a caso delle volte viene richiamato

    RispondiElimina
  67. ..... la parola di sicurezza sarà, LUCIANO

    RispondiElimina
  68. La fine del comunicato di Montella è chiara e vuol dire: "O fave, comunque sia, io le dimissioni non le dò, se volete licenziatemi voi"

    RispondiElimina
  69. stefano vienna5 giugno 2015 10:22

    Ma perchè queste manfrine le fanno solo i Della Valle? Ce lo vogliamo chiedere? Non mi sembra che per prendere Montella si pagò Pulvirenti, ovvero manca, come nel caso dei giocatori, l'investimento iniziale che può giustificare inserimenti di condizioni che costringono il giocatore a restare o a non giocare altrove.

    RispondiElimina
  70. Ma tu sei duro! tu continui a rimanere affezionato alla clausola rescissoria CHE NON C'ENTRA UN CAZZO. Le condizioni che impongono il rispetto dei contratti e che non permettono di fare quello che dici tu (licenziarsi ed andare dove ti pare) esistono in tutti i contratti. La clausola l'ha voluta Montella,perchè, presuntuoso com'è, pensava che ci fosse qualcuno disposto a pagarla per superare lo scoglio del vincolo contrattuale che, ripeto, esiste sempre.

    RispondiElimina
  71. stefno vienna5 giugno 2015 10:31

    Fuori dal calcio, alcune società fanno firmare contratti simili, tipo se ti licenzi non puoi lavorare per società dello stesso comparto per un anno, ma il motivo è che puoi divulgare a dei competitors informazioni riservate. Onestamente, non ne vedo l'opportunità per un allenatore. Ho capito che non è la clausola in sè, ma il contratto stesso, però ne faccio una questione di opportunità. Non si può tenere un allenatore controvoglia dicendogli se ti licenzi perdi due milioni di euro l'anno e vai a chiedere i sussidi di disoccupazione. Non c'è neanche un danno patrimoniale, come nel caso dei giocatori. E' normale e legittimo che quello non si licenzi, mica è scemo.

    RispondiElimina
  72. Quando Prandelli disse di non credere nella cittadella che difatti non c'è e non la vedremo per i prossimi dieci anni, sempre che rimangano i DV per questo periodo ancora, ci fu chi s'incazzò gridando che un dipendente non poteva dubitare o mettere alla berlina i programmi societari; questo che chiede chiarezza sui programmi e gli obbiettivi, pubblicamente, lo si difende a spada tratta come se avesse motivo o ragione di chiedere garanzie dopo tre anni filati d'europa. Chiedere coerenza alle persone e come far piovere nel deserto.

    RispondiElimina
  73. Infatti in genere si trova un accordo, tra persone intelligenti (if any) e se non ci sono più le condizioni per continuare ci si lascia, magari trovando l'accordo con il nuovo datore di lavor (if any) per avere qualche vantaggio (prestito di qualcuno ad esempio). Ma si fa in silenzio, senza battere tamburi e grancasse perchèsi vuole essere assolti dal pubblico. Dai discorsi che si son fatti, io, pubblico, giudico che sarebbe bene darci un taglio, mi sembra siani svanite le condizioni di base per un rapporto proficuo. Ma in queste trattative si fa decisamente cagare.

    RispondiElimina
  74. Bobby Caponata5 giugno 2015 10:37

    Non lo so quali accordi erano stati presi ma di fatto da mesi ne stanno discutendo. Quindi non chiederlo a me, posso solo tenerne comunque in considerazione quando ragiono sull'argomento.

    RispondiElimina
  75. GeppettoDanese5 giugno 2015 10:38

    ah, quindi ancora non lo sai che i programmi societari prevedevano la salvezza tranquilla? E' stato Montella a fare il miracolo

    RispondiElimina
  76. Bobby Caponata5 giugno 2015 10:39

    Il "mezzo ricatto" nessuno ti costringe a firmarlo..

    RispondiElimina
  77. Infatti io li condanno tutti e due, anche se Prandelli ci andò giù molto più peso. Li condanno soprattutto per questa mania di vociare nel megafono. Queste storie ri risolvono tra quattro mura e si viene allo scoperto solo col finale.

    RispondiElimina
  78. Bobby Caponata5 giugno 2015 10:41

    Io al tempo defesi anche Prandelli o almeno fino a quel punto.

    RispondiElimina
  79. A me non piace affatto come si sta comportando Montella e ancor meno mi è piaciuto come si era comportato, all'epoca, Prandelli.

    RispondiElimina
  80. più che liquidando Ramadani credo che stiamo prendendo altri Ramadani per altre aree, cosa giusta...

    RispondiElimina
  81. Nel mondo reale si parla di altre cifre, di altra attività e di altri tipi di contratto. Le clausole di termination comunque devono sempre essere ben specificate

    RispondiElimina
  82. Se ti riferisci a me (che avrei un nome e cognome + un nick che si ridonda anche su quello del blog) io non sto difendendo proprio niente. E' che a differenza tua ho meno fretta di emettere giudizi. Ti ripeto che una volta capito meglio (se mai si saprà) su cosa realmente si sta disquisendo, farò le mie valutazioni. Spero che tu possa continuare ad emettere liberamente su questo blog i tuoi bei giudizi, anche se io dichiaro di non avere gli elementi sufficiente a farlo.

    RispondiElimina
  83. pedro pereira è un diesse, non so quanto bravo onestamente, ma il braga ha fatto grandi cose. ramadani è un procuratore, fa solo i suoi interessi e di calcio ne capisce il giusto, casomai sa cogliere occasioni.

    RispondiElimina
  84. ah ah. stai scherzando, spero.

    RispondiElimina
  85. Nel calcio c'è una società che ingaggia per un tot di tempo un professionista patentato iscritto all'albo degli allenatori . Vigono regole e modalità differenti rispetto ad es. a un disoccupato che non sa dove battere il capo e va alla Manpower per trovare da lavorare, o anche da un metalmeccanico, o un impiegato, che ha un normale contratto da lavoratore dipendente.

    RispondiElimina
  86. come ho detto ieri sera, e mi sembra che LOUIS, FOCO e JORDAN fossero sulla stessa linea, la guerra dei comunicati è una roba ridicola e imbarazzante. Tra Montella che fa l'oracolo e la società che gli dice di fare presto non so chi mi fa più cadere i coglioni. Sogno un presidente che parli con Montella e o la convinca in 10 minuti o gli dia un calcio nel sedere nei successivi 5...
    In questo modo assurdo, invece, si rischia di stare insieme solo per non aver voluto perdere un euro in un senso o nell'altro, ma senza nessun tipo di fiducia e di progetto condiviso.
    Come dico ormai da quasi un mese, in questi termini è molto meglio cambiare allenatore. Se la società vuole, ci mette un minuto...

    RispondiElimina
  87. Pereira è uomo di Mendes come Ramadani di Zahvi.

    RispondiElimina
  88. stefano vienna5 giugno 2015 10:49

    Non credo che i Della Valle capiranno, magari abbozzeranno. Io mi chiedo però se questa volta impareranno che gestire un fine rapporto con un allenatore o anche un rilancio non si basa su clausole contrattuali. E si ritorna sempre lì, serve qualcuno in società o anche fuori che possa consigliare ai Della Valle come muoversi in un mondo diverso da quello a cui sono abituati. Ma i Della valle si sono autoisolati dal mondo del calcio, non si fidano di nessuno che abbia calcato un campo di calcio. Insomma chi è causa dei propri mali...

    RispondiElimina
  89. per carità, pollock, nessuno di noi ha la palla di vetro; converrai però che montella sta tenendo un comportamento un po' ambiguo, no? i progetti la società mi pare li abbia ampiamente rispettati, e lui il contratto l'ha prolungato 12 mesi fa fino al 2017: un anno dopo si conclude quella che per molti è una delle migliori stagioni dei dellavalle (ed in effetti, seppur ci sia rammarico, i traguardi sono molto buoni): di cosa sta parlando, dunque?
    poi sarei uno di quelli che se c'è da cambiare tanto per (i nomi che sono usciti non mi piacciono), allora meglio tenere montella, anche se avrei preferito altro, utopisticamente (bielsa, spalletti); però insomma, di certo non sembra faccia i salti di gioia e temo che sia uno stato d'animo pericoloso in un allenatore.

    RispondiElimina
  90. per carità, il braga è sotto il controllo di mendes, però pereira resta un diesse (che di fatto, se n'è andato); sarebbe come dire che macia è stato uomo di ramadani. poi boh, staremo a vedere, ma secondo me è una mossa molto positiva e va nella direzione di liberarsi dei procuratori.

    RispondiElimina
  91. Bobby Caponata5 giugno 2015 10:53

    Lo sanno loro.. altrimenti non avrebbero da discutere, no? :-)

    RispondiElimina
  92. Infatti la mia impressione è che, forse per andare nel solco tracciato da Atletico Madrid e Sevilla, la società stia virando verso gli accordi con i famosi fondi di investimento. Sinceramente non è che mi piaccia molto.

    RispondiElimina
  93. Appunto, di cosa si sta parlando? Io non lo so e non penso che lo sappia nessuno. E quindi, almeno io non sono in grado di emettere un giudizio.

    RispondiElimina
  94. Bobby Caponata5 giugno 2015 10:57

    No, quando se ne uscì col discorso della cittadella ero d'accordo eccome.. Poi per fortuna anche i DV si sono dati una calmata con le dichiarazioni "roboanti" :-)

    RispondiElimina
  95. COMUNICATO:
    con il presente Comunicato, Comunichiamo che, il Comunicato con la Comunicazione che Comunicherà cosa Comunicare, sarà presto Comunicato, perchè chi ha Comunicato con il Comunicato la Comunicazione non ha Comunicato cosa voleva Comunicare e quindi Comunicheremo col prossimo Comunicato la Comunicazione da Comunicare...

    RispondiElimina
  96. ..a questo punto, e poi stacco per davvero la spina, le due...persone perbene (cosi LELE non s'offende), non stanno facendo altro che consolidare la loro posizione che almeno è coerente, da 13 anni la mantengono e la consolidano..tanto di cappello per la coerenza...sorpresa invece da parte mia per il comportamento di mister Montella che ritenevo di ben altro spessore..sai perfettamente alle dipendenze di chi lavori, da quelli sei in pratica partito e cominciare dalla merda dicono aiuti poi nella vita, ti sei bene o male fatto un nome, non sarai Mu Mu ma neppure sei più lo sconosciuto aeroplanino che si apprestava a sedersi in panca, dunque...dunque evita questi tira e molla patetici e lassativi..programmi non te ne possono dare perchè dovrebbero inventarseli..avrai compreso in 3 anni come funziona, se hai culo arrivi in semifinale, se toppano inter e milan arrivi quarto, se incontri Siena e Chievo puoi addirittura arrivare in finale di Coppa Italia..questo è...lo è stato dal 2002 in poi e lo sarà per sempre fino a che Dio in cielo non li fulminerà...Montella, caro mio, se resti mi deludi e parecchio, dimostrerai di dar ragione a chi ti ritiene scarso come tecnico..per me sarai comunque molto scarso come uomo.

    RispondiElimina
  97. Sopravvissuto5 giugno 2015 11:14

    Comunicato di Montella...

    RispondiElimina
  98. Marco Bucciantini scrive:
    "Vediamo un po': la Fiorentina adesso ha un direttore sportivo che deve scovare giocatori (Angeloni), un direttore sportivo che deve trattarli (Pradè), un direttore sportivo che deve venderli (Pereira). E un altro dirigente che (solo lui) può firmare acquisti o cessioni (Cognigni). Però forse non ha un allenatore".



    Ne evinco che non ha la minima idea di ciò di cui sta parlando, perché - ammesso che resti - il direttore sportivo è solo Diprè, e Conhinhi non è "un altro dirigente" qualsiasi, ma il Presidente, seppure di rappresentanza. Qualcuno gli spieghi la differenza tra direttore sportivo e direttore tecnico. E costui sarebbe quello che dovrebbe far chiarezza sulla situazione della Fiorentina?

    RispondiElimina
  99. stefano vienna5 giugno 2015 11:16

    I due comunicati hanno ricompattato i tifosi, fanno venire voglia di cambiare sia allenatore sia proprietà.

    RispondiElimina
  100. Woyzeck su sitone:E ti pareva che non arrivasse l'articoletto di propaganda per Montella della Lanza?... La realtà purtroppo è ben diversa, e i toni dei comunicati lasciano pochi dubbi sul fatto che ci si trovi di fronte a due separati in casa, bloccati da una parte, la società, dal fatto che non può esonerarlo altrimenti dovrebbe pagargli lo stipendio, e dall'altra, Montella, incatenato dalla clausola rescissoria e dal fatto che, alla fin fine, nessuno se lo pigliava... e il prossimo anno parte quindi già gravato da enormi problemi strutturali che sarebbe stato molto meglio risolvere con decisione adesso, senza aspettare che esplodano durante la stagione... ma purtroppo una società debole non può che produrre frutti rachitici...

    RispondiElimina
  101. Non mi meraviglia che alcuni di voi vedano nel comunicato di Montella, un modo per smascherare i DV. Lui, un capetto del rione che solleva i sudditi contro il feudo per metterlo di fronte alle responsabilità. Uuahahahahah!
    Vabbe', lasciamo stare.
    I DV hanno sbagliato.
    Si sono fatti innervosire ed hanno emesso un comunicato di pancia che, se si può condividere se si chiacchiera in salotto, è una cazzata farlo ufficialmente.
    Sono settimane che dico che la strategia della società doveva essere il silenzio assoluto. Non ha da dire, giustificare, dichiarare, proclamare niente, nulla, zero.
    Quali sono gli obiettivi lo hanno detto fino alla noia, gli investimenti in relazione al fatturato pure, quindi dovevano star zitti, non devono spiegazioni di niente.
    Al piccolo Montella, non riferito alla statura, non deve restare che fare il suo dovere, che è quello di adempiere con professionalità al contratto da lui liberamente firmato. Punto.
    Alternativa, che dia le dimissioni.
    Il fatto che non lo faccia, nonostante che quanto voglia restare a Firenze con entusiasmo lo credono solo quelli che pensano all'esistenza di Babbo Natale, addirittura risponde a mezzo ansa, conferma la pochezza, il subdolo, la mancanza di palle dell'omuncolo. Uno zero assoluto, che è un onta per Firenze.
    Oltre, ovvio, alla venalità, che certo non dimentica.

    RispondiElimina
  102. stefano vienna5 giugno 2015 11:23

    Deyna, però un direttore tecnico vero e proprio non ce l'abbiamo. E non penso lo avremmo mai, visto che dovrebbe essere un uomo di calcio, a cui i Della Valle sono notoriamente allergici.

    RispondiElimina
  103. stefano vienna5 giugno 2015 11:25

    Lo chiamai Masaniello, ti do il permesso di usarlo...

    RispondiElimina
  104. Sopravvissuto5 giugno 2015 11:26

    "Di rappresentanza", vero ma non so se ridere o piangere!

    RispondiElimina
  105. stefano vienna5 giugno 2015 11:26

    Comunque c'è Diprè che era intenzionato a comprare la Fiorentina...

    RispondiElimina
  106. Deyna mio arrivi tardi, questo commento di Bucciantini ve l'ho regato come il primo di questa che sarà una lunga giornata. Insomma si sta facendo la Giunta.

    RispondiElimina
  107. Sopravvissuto5 giugno 2015 11:27

    O squadra, meno vorticoso...
    Siamo così, STEFANO, peggio dei fiorentini di città....siamo cosiiiii.......attaccati alla viola.

    RispondiElimina
  108. Sostanzialmente la vedo così anch'io. C'è un contratto, se Montella non ha mai chiesto di poterlo rescindere, la società non deve dire nulla di particolare inerente al rapporto con il tecnico.

    RispondiElimina
  109. A quel che si può capire Pereira prende il posto di Macìa, che era il dt...Sperando gli diano più spazio e mano libera.

    RispondiElimina
  110. L'ho riproposto tra le recenti...

    RispondiElimina
  111. Sì, ma la società non può manco aspettare di sapere un giorno prima del ritiro chi sarà l'allenatore...

    RispondiElimina
  112. Ceccarelli dice che Pereira è un uomo di Ramadani, sotto leggevo che è un uomo di Mendes...Come stan le cose?

    RispondiElimina
  113. Ti sono grato perché racconti la parola di LUI

    RispondiElimina
  114. Basterebbe un comunicato.

    RispondiElimina
  115. Bucciantini deve indagare.

    RispondiElimina
  116. è un diesse, questo è il suo mestiere. al braga ha senz'altro collaborato con mendes perché tutto era gestito da lui. ma di mestiere, fa il diesse. prendila come una fuga alla macia: se ne va perché non vuole sottostare ai voleri di procuratori. io la leggo così, quantomeno, mi pare abbastanza delineata.

    RispondiElimina
  117. ma è montella che non ha chiara la situazione e chiede chiarimenti, che peraltro ha ricevuto pur non essendo necessari. qua tutti la situazione l'abbiamo ben chiara, mi pare.

    RispondiElimina
  118. Vedremo icchè fa, allora

    RispondiElimina
  119. Il livello di ridicolo toccato ieri sera è difficilmente superabile, secondo me. Ognuno la puó vedere come gli pare, ma , a mio avviso, c'è una tendenza ad alzare il livello dello scontro quantomeno autolesionistica. E anche inutile, per giunta. Questa storia dei comunicati mi fa un pochino vergognare e, per me, sottilinea il fatto che questa società può programmare su carta quanto cazzo vuole, poi arriva l'emotivo di turno che affigge il manifesto sulla pubblica piazza.
    Sta succedendo un po' troppo spesso, ultimamente. Io da tifoso vorrei commentare decisioni prese in una stanzetta chiusa, magari a notte fonda, giuste o sbagliate che siano, non una sfida al coltello tra guappi.
    E a me si placa l'ottimismo e mi viene da pensare che certi livelli sono ancora lontani anni luce dall'essere raggiunti. Speriamo solo che Salah non sappia ancora leggere l'italiano.

    RispondiElimina
  120. sbaglio o montella dopo l'incontro con ADV, cognigni e co. di qualche giorno fa disse, insieme agli altri, "ci siamo chiariti, adesso ci prendiamo qualche giorno per decidere serenamente"? dunque non capisco perché, di nuovo, ha ricalcato sulla questione chiarezza col comunicato di ieri; poteva casomai dire "non ho ancora deciso, datemi più tempo", seppur in tutte le altre squadre oramai la situazione sia delineata

    RispondiElimina
  121. stefano vienna5 giugno 2015 11:50

    Che ci capisce qualcosa per me può ambire al premio Nobel...

    RispondiElimina
  122. appunto. Si prendano le proprie responsabilità e lo caccino, se i rapporti sono a questo livello.

    RispondiElimina
  123. Montella che prima bacchetta i tifosi che lo fischiano dopo l'umiliante 0-8 delle semifinali e li invita a ricordarsi della "dimensione", Montella che ora si erge a paladino dei tifosi [da rispettare]...

    RispondiElimina
  124. concordo, esattamente di vergogna e imbarazzo parlavo ieri sera. Mi dispiace, ma in questa vicenda vedo l'inadeguatezza anche personale di ADV, sinceramente Diego almeno avrebbe convinto Montella o gli avrebbe dato un calcio nel sedere, mettersi a fare i comunicati intimidatori e allo stesso tempo ribadire fiducia è una roba che non sta in piedi.

    RispondiElimina
  125. Continuo a credere, come scriveva qui ieri anche qualcuno che non ricordo, che Montella stia aspettando che De Laurentiis lo chiami e che De Laurentiis aspetti a chiamarlo in attesa che i Della Valle si rendano conto che nessuno pagherà la clausola, e che quindi tanto vale lasciare andare Montella dove vuole.
    Se questo non accade, Montella resta. Resta a culo torto. Ci conviene?

    RispondiElimina
  126. Non vogliono cacciarlo e prendersene la colpa, non vogliono nemmeno regalargli uno stipendio, credo.

    RispondiElimina
  127. io in semifinale 2 gol di Salah me li ricordo, ma evidentemente me li ero sognati...
    In ogni caso Montella non disse niente dei fischi ma solo delle prese di culo, da cui poi anche il comunicato della curva prese le distanze. Ricordo che qui dentro l'unico a dire che le prese di culo erano giustificate ero io.

    RispondiElimina
  128. ho capito ma allora non prendere una squadra di calcio! Cioè avere una squadra di calcio implica delle responsabilità, ma ti pare?
    O Montella è buono e lo si tiene o non lo è e lo si caccia. Così funziona, normalmente...

    RispondiElimina
  129. Eh parlo della debacle totale iniziata appunto dalla semifinale di ritorno a Firenze con la juve...

    RispondiElimina
  130. quindi sostieni che non abbiamo fatto gol nelle partite in cui non abbiamo fatto gol? Effettivamente...

    RispondiElimina
  131. no. Lo dico ormai da troppo tempo. La Fiorentina merita un allenatore che ci vuole stare. Se Montella vuole andar via, medaglietta e arrivederci, altro che comunicati e clausole!

    RispondiElimina
  132. Dico che siamo crollati durante e dopo la partita di ritorno con i gobbi, considero quel periodo decisivo.

    RispondiElimina
  133. ma poi chi è che rispetta i tifosi? Quelli che fanno i comunicati per far restare un allenatore che schifano? Lo dico ormai da troppo tempo. La Fiorentina merita un allenatore che
    ci vuole stare. Se Montella vuole andar via, medaglietta e arrivederci,
    altro che comunicati e clausole!

    RispondiElimina
  134. le partite decisive sono quelle perse, notoriamente... Quelle prime sono scontate e quelle dopo sono balneari.

    RispondiElimina
  135. Oh, se non vogliono cacciarlo e non vogliono regalargli lo stipendio, vogliono le dimissioni e che stia fermo? O voglio che alleni? Perché l'arrapatissimo Buck dice che adesso vogliono Paulo Sousa allenatore.
    Almeno anche se avevamo una soluzione alternativa, adesso è bella che sputtanata.
    Qui fanno come quello che andava a cacare tutti i giorni in mezzo alla piazza del paese.

    RispondiElimina
  136. Beati voi. Io non l'ho chiara per niente. E siccome ho sempre ritenuto Montella persona seria, il fatto che continui a sostenere che sono mesi che stanno parlando di programmi, non mi lascia proprio così sereno. Ma queste sono solo supposizioni perché non lo so se poi sia vero che non le abbia avute o che qualcuno gliele avrebbe dovuto dare. Voglio capire meglio. Se poi i fatti mi dimostreranno che Montella si è comportato male, non avrò nessuna remora ad emetterne un giudizio negativo.

    RispondiElimina
  137. ribadisco il concetto: via Montella da Firenze. Siamo solo noi adoratori a dirlo, noto...

    RispondiElimina
  138. L'andata con la juve evidentemente non è stata decisiva, se siamo stati eliminati nonostante quel gran vantaggio...Il ritorno in una semifinale di coppa è sempre la fase decisiva, a meno di non aver già risolto la pratica all'andata [cosa che era stata quasi fatta, patrimonio disperso criminalmente].

    RispondiElimina
  139. ma appunto, FOCO, non sanno che vogliono, deve decidere Montella. Ma Montella ha comprato la Fiorentina e non lo sapevamo?
    Ma sapete quanto me ne frega a me della volontà di Montella? Io voglio che la Fiorentina abbia un allenatore bravo, e sta alla società procurarselo, stop.

    RispondiElimina
  140. ma infatti l'anno prossimo io giocherei direttamente solo ad aprile...

    RispondiElimina
  141. Sopravvissuto5 giugno 2015 12:06

    A questo punto...come tenere un figlio al liceo o all'università ma lui non vuole studiare.
    Non so, non andando a guardare siti o riferimento, se nelle altre squadre/società ci sono o ci sono state questioni gestite in modo poco chiaro come a Firenze.
    Immaginate anche quel mister che è stato bloccato dalla viola ed é in attesa...
    (Mica mi vorrete dire che la Società non ha bloccato già un sostituto...?)

    RispondiElimina
  142. Montella sta aspettando un'offerta decisa con annesso l'annullamento della clausola - che in sala stampa ha creativamente negato, pare - ADV non vuol passare per il colpevole della cacciata di un allenatore che vuole andarsene, e non vuol pagare lo stipendio a due tecnici. Siam messi bene.

    RispondiElimina
  143. E' illogico come chi schifa Montella ma ne chiede il rispetto del contratto.

    RispondiElimina
  144. Quello arriverà a novembre.

    RispondiElimina
  145. appunto. Capisci perché parlavo di vergogna e imbarazzo?

    RispondiElimina
  146. Sopravvissuto5 giugno 2015 12:08

    Acido, DEYNONE.

    RispondiElimina
  147. appunto. Ma finché lo scriviamo qua è un conto. Stavolta l'ha scritto ADV in un comunicato, ma come si fa?!

    RispondiElimina
  148. ecco, evitiamo questa roba. Cambiamolo subito, per carità.

    RispondiElimina
  149. Scusa, ma come sai che da mesi stanno parlando di programmi? E' l'unico aspetto chiaro?

    RispondiElimina
  150. E chi lo nega, è anche il mio.

    RispondiElimina
  151. Spero non divenga il Delio Rossi della situazione...

    RispondiElimina
  152. l'ha detto Montella. Magari mente. Ma se mente, la società lo dica e agisca di conseguenza...

    RispondiElimina
  153. Sopravvissuto5 giugno 2015 12:14

    Sondaggio
    - con Montella già confermato i post su 'Ghita sarebbero stati in meno?
    1): "SI"
    2) : "NO"
    3): "NON CONOSCO LA VICENDA"
    4): "CAMPO CENT'ANNI SE MI FACCIO I CAZZI MIEI"
    5): "POLLOCK HA PERCENTUALE DI DENARO DALLA VICENDA".
    6): "CON BELLE FIHE POTEVANO ESSE DI PIÚ"

    Io voto la N.5..... Ahahaha ahahahah ahahahaha ha....come Lele!!

    RispondiElimina
  154. W i comunicati.

    RispondiElimina
  155. Non ho risposte.

    RispondiElimina
  156. E' non a caso nel comunicato di Montella.

    RispondiElimina
  157. A me, dopo il comunicato di Montella, pare che non ci sia più spazio per le ambiguità: l'allenatore dice che da mesi si discute sempre e solo del progetto tecnico.
    O dice la verità, e allora la proprietà può chiudere la questione rapidamente chiarendo tutti i dubbi sul progetto del tecnico.
    O mente, e allora la proprietà ci dica "il nostro allenatore vi prende per il culo" e lo cacci seduta stante, che di bugiardi non abbiamo bisogno.
    Non sarebbe più semplice fare così, con decisioni semplici, comprensibili e alla luce del sole, che ricompatterebbero tutta la piazza intorno alla società in un attimo?

    RispondiElimina
  158. "Salve mister, sono il Presidente. Felice che le nubi si siano dissolte e che ora siamo tutti gasati ed entusiasti. Mi raccomando, eh, non si dimentichi mai di ricordarmi il rispetto che devo ai tifosi e alla maglia. Anche a Diego ogni tanto gli dia un colpetto di telefono per questo, gliene sarà grato. Vedrà, vedrà come le risponderà. Ci conto. Ora senta, mister, volevo dirle, pensavo di essere da lei al ritiro di Moena verso la metà di luglio, per ..."


    "Beh, Presidente, se sarò disposto ad essere a Moena con entusiasmo e professionalità, sarò lieto ed onorato della sua visita."


    "Mah, mister ... perché .... se, se sarò disposto ... perché 'se' ... il suo comunicato, che abbiamo tanto apprezzato, mi pareva che dicesse che lei era disposto ..."


    "Certo, glielo confermo Presidente. Sono disposto. Ora dobbiamo vedere i programmi tecnici futuri, sono quelli che mi faranno andare a Moena con entusiasmo e professionalità, con i quali sono dispostissimo ad andare a Moena, sempre col suo permesso naturalmente."


    "Il programma, Mister, glielo abbiamo detto: prenderemo Tizio Caio e Sempronio. Entusiasmo e Professionalità li abbiamo cercati sul mercato, ma almeno in Europa e Sudamerica non li abbiamo trovati. Giocano per caso in Africa?"


    "Lei sa, Presidente, che io vorrei invece Giuseppe, Antonio e Palmiro."


    "Mister, Giuseppe, Antonio e Palmiro li abbiamo contattati, Ma per prenderli tutti e tre ci voglio quaranta milioni. Noi quest'anno possiamo metterci una quindicina di milioni. Considerate le cessioni, possiamo arrivare a prendere Tizio, Caio e Sempronio, che coprono gli stessi ruoli, come mi dice il buon Daniele".


    "A me Giuseppe, Antonio e Palmiro non servono."


    "E allora, mister, non mi dica: si vuole per caso dimettere?"


    "Fossi sce... Ehm, no Presidente. Va tutto bene, però per il rispetto che dobbiamo ai tifosi e alla maglia ..."


    "Grazie, mister .... me ne stavo dimenticando."


    "Dicevo: per il rispetto che dobbiamo ai tifosi e alla maglia, dovrò fare un comunicato Ansa per avvertire che con Giuseppe, Antonio e Palmiro posso garantire di arrivare al massimo diciottesimo ..."


    "Vuol retrocedere, mister?"


    "Bisogna essere coscienti delle proprie dimensioni, Presidente."


    "E' sicuro di non poter riuscire a raggiungere la salvezza? Sa, i tifosi con un comunicato come dice lei ci potrebbero restare male ..."


    "Disposto a valutare, con entusiasmo e professionalità. Valuterò. Mi dia qualche giorno, però."

    RispondiElimina
  159. La Fiorentina merita, i DV molto meno, Montella non ne parliamo......

    RispondiElimina
  160. Sopravvissuto5 giugno 2015 12:36

    Le persone più intelligenti sono quelle in grado di cambiare idea.
    Qui stiamo (tutti tutti) diventando tutti da Q.I. 190.....
    (Stiamo capendo...).

    RispondiElimina
  161. C'è un'alea che cuba circa 12 ml€ da una parte (5 di clausola che non prendi + stipendio LORDO per due anni che devi dare) e non si sa quanto da quell'altra.
    Ma sicuramente tutto per il bene della Fiorentina e nel rispetto massimo dei tifosi........

    RispondiElimina
  162. Comunque, nella sceneggiata napoletana, i protagonisti sono tre: "Isso", "Issa" e "O' Malamente".
    Finora non mi è nemmeno chiaro chi siano Lui e Lei, ma soprattutto devo capire chi sia "O Malamente".

    RispondiElimina
  163. Io devo proprio vivere su un altro pianeta.... sicuramente....


    ... ma un soggetto (qualunque esso sia) che sente il bisogno di scrivere un comunicato per sapere da un proprio dipendente se rimane o se va via mi sembra che abbia qualche problema... E' come se domani chiedessi su FB alla mi' moglie se mi vole ancora o se c'ha un altro... 13 anni di calcio, e non averci ancora capito un cazzo nulla... e quando dico nulla sto pure largo... ma siamo sicuri che le scarpe non gliele venda qualcun'altro a queste volpi?

    RispondiElimina
  164. È che probabilmente non esiste, checché se ne dica. Mi sembrano quelle cene tra amici con l'immancabile coppia che parte da un discorso sull'accoppiamento delle lontre per iniziare una scenata che lascia il resto della comitiva nell'imbarazzo.
    Fortunatamente, almeno nella vita reale, ho smesso di accettare inviti di comitive.

    RispondiElimina
  165. Il comunicato io l'ho letto come un invito a Montella a dimettersi, cui lui ha risposto picche.
    Comunque, sì, la gestione della faccenda è ridicola

    RispondiElimina
  166. Cara, compra anche il filetto, per un altro paio di mesi si mangia.

    RispondiElimina
  167. Anto, tu hai ragione... io e Big Jo sono settimane che auspichiamo una cosa tanto semplice quanto indolore: una rescissione contrattuale... Montella ha sicuramente qualche parola con altri club, è già un milionario, non credo faccia problemi altrimenti sarebbe davvero una testa di bip... la società, d'altra parte, perde sì la clausola che è una boiata come scrivo da mesi, ma risparmia due anni di ingaggio e si prende un altro allenatore... ma è così difficile da capire e da fare per gente che prende milioni per fare il dirigente e, possibilmente, dentro 4 mura senza tirar sempre su un puttanaio del genere? Possibile che tutti i giorni ce ne sia una per incazzarsi e intanto c'è chi ha già preso e firmato Dybala e Kedira? E ti credo che vingono scudetti a ripetizione questi... bravi loro certo, ma con una concorrenza di rintronati come questa vincerei anche io...

    RispondiElimina
  168. ma esiste un'opzione, nel mondo reale, in cui i 5 milioni della clausola vengono incassati? No, non è mai successo. Quindi quei 5 milioni non esistono e non vanno contati, perché sono una cifra puramente virtuale.

    RispondiElimina
  169. se poi tu credi che a Montella, a 40 anni, convenga stare fermo due anni a incassare, fottendosi la carriera...

    RispondiElimina
  170. Assolutamente non credo questo, sarebbe matto ed io invece credo che si ritenga molto furbo.

    RispondiElimina
  171. tra l'altro la mia impressione è che tra Pradé, Angeloni, Pereira, mi sembra che stiamo prendendo diversi dirigenti che ne sanno di calcio e che potrebbero fare ottimi mercati. Davvero vogliamo rovinare tutto con l'ennesima telenovela sull'allenatore?

    RispondiElimina
  172. appunto. Quindi questi 12 milioni di cui parli non esistono.

    RispondiElimina
  173. Guarda che con il mio commento non salvo nessuno.
    In attesa di riuscire a capire come sono andate le cose, ammesso e non concesso che si possa un giorno sapere, penso ci sia proprio rimasto poco da salvare.

    RispondiElimina
  174. Sopravvissuto5 giugno 2015 13:09

    Perciò trombi poco, cacciatore solitario...,

    RispondiElimina
  175. No. Bene che vada non c'è rimasto molto da salvare.

    RispondiElimina
  176. Bè se lo cacciano, non possono essere certi che ritrovi subito.
    L'eventualità che dopo questa sceneggiata qualcuno ci pensi due volte a metterselo in casa c'è.
    Allora 1.8 che grossolanamente al lordo fanno 3.6 per due anni fanno comunque 7.2.

    RispondiElimina
  177. GeppettoDanese5 giugno 2015 13:14

    A me pare che Buk, nonostante per alcuni sia il megafono di Diego, navighi a vista sull'allenatore. Ogni settimana è un nome nuovo

    RispondiElimina
  178. Esattamente come col giubba.
    E non sono mai stato uno sdaiolo.....
    E allora si ritorna lì: comunicati a parte siamo comunque certi di una cosa: i DS passano, i DG passano, I Coach passano, i Giocatori, seppur campioni, passano...... continuate voi che avete la soluzione e quindi non siete parte del problema.

    RispondiElimina
  179. Sottoscrivo abbestia

    RispondiElimina
  180. Non ritengo Montella fatto della stessa pasta del Giubba, ma potrei sbagliarmi.

    RispondiElimina
  181. Proprio per questo.
    L'unico elemento UGUALE, immutabile, certo e sicuro come il fair play finanziario qual è?

    RispondiElimina
  182. Aggiungerei che questi sono quelli che hanno pure pretese di ribalta internazionale......
    Così le figure dimmerda le facciamo pure in eurovisione.
    Ma sempre tramite Viola Chanel n°5.......

    RispondiElimina
  183. Zaph, io davvero non mi capacito di come ancora non abbiano capito come gira questo mondo... Sprovveduto (usiamo il singolare e lasciamo perdere il piccolopirla) non è di certo, sennò non sarebbe diventato milionario in così pochi anni e allora, davvero, non mi capisco come si possa, ogni volta, fare delle figure che nemmeno in terza categoria. Di sicuro mi incazzo, e non da ora...

    RispondiElimina
  184. O malamente diranno di sicuro che è il mostro Cognigni. Non si sa perché ma è così

    RispondiElimina
  185. "....la Fiorentina è un semplice hobby...." mica l'ha detto il magazziniere.
    Qui parecchi pensano che ZV e io (anche se meno assiduo e battagliero) abbiamo la fissa..... forse uno shock infantile.... un rifiuto dell'autorità paterna..... o peggio....
    In questi momenti mi l'unica cosa che mi viene da dire è "ma magari...."

    RispondiElimina
  186. La società vuol far dimettere Montella, anzi addirittura lo schifa, secondo alcuni commenti. Da cosa si evince questa "verità" non si sa. Esiste qualche comunicato di forte critica, o almeno qualche mezzo discorso al riguardo?

    RispondiElimina
  187. per quanto mi riguarda sai che io non Vi ritengo in fissa... ho scritto molto in passato in merito... e non ho più voglia di essere frainteso e di passare per checca o sdaiolo o altro... purtroppo gli anni passano e le cose non migliorano... vabbè, sperare non costa nulla anche se chi visse sperando...

    RispondiElimina
  188. E con uomini che capiscono di calcio e di mondo del calcio era risolto due mesi fa senza dirlo a nessuno e senza spendere una lira (non credo che gudagnarne fosse nel più ottimistico dei budget). Si va verso la conclusione peggiore, rimane obtorto collo perchè non ha di meglio o non gli hanno lasciato avere di meglio.

    RispondiElimina
  189. A me pare il contrario: Montella vuole che la Fiorentina lo licenzi. Così si accasa senza la penale della clausola rescissoria.

    RispondiElimina
  190. Bobby Caponata5 giugno 2015 14:05

    La società non ha intenzione di allontare Montella ma neanche di
    programmare il prossimo campionato come vuole il tecnico. Montella
    secondo me con la clausola non ha alternative. Situazione di stallo che
    scontenta un po' tutti, specialmente Montella che si ritrova in una situazione
    che lo potrebbe "penalizzare" professionalmente. Io comunque sono fiducioso
    che alla fine metteremo su una rosa discreta con la quale potrà
    lavorare bene e spero finisca così.
    Non ce lo vedo invece nella
    parte di quello che sta facendo delle storie per liberarsi senza
    clausola e la società per ripicca non lo molla.. Poi tutto è possibile.

    RispondiElimina
  191. lo deduco da quello che alcuni commentatori dicono su quanto è brutto e cattivo Montella...

    RispondiElimina
  192. Scandicci Antonietto

    MONDELLA EST RIMUSTO!!! Li DVD e AVD se son occhiati in giro/*giro e hanno boccato: de meglio ce sono ma ce fanno spende un sacchetto de Euri, tinemo lo nuestro che in fen de cunti semo semper Quartini intro canpeonado e se laziesi se stromettono femo la Light Campions..... e bavi Braccini , ma nos Tifoni semo DIMENSIONATI e ce staria bien l'Omoplano.... FORZA VIOLA!!

    RispondiElimina
  193. Anche questa è una legittima opinione ma è appunto un'opinione, un'interpretazione della situazione basata su una buona dose di speculazione . Chi lo ha detto che la società non vuole programmare? E soprattutto cosa vuole concretamente il tecnico? Boh..

    RispondiElimina
  194. il tecnico ha già un accordo da mesi con altre squadre, si sa. Il fatto che poi questo non si verifichi ovviamente non può scalfire questa tesi...

    RispondiElimina
  195. Può anche essere, infatti è un comportamento da omuncolo.
    Ha un contratto, che lo rispetti.
    Non ti va? Dai le dimissioni.

    Tutto il resto è companatico per cercare di inventarsi responsabilità da dare alla società.

    RispondiElimina
  196. quindi la tua ricostruzione è che Montella vorrebbe andare da un'altra parte, ma la società lo vorrebbe tenere a tutti i costi, anche costringendolo con la clausola. Ho capito bene?

    RispondiElimina
  197. sono d'accordo con te, mi pare una gestione pessima della vicenda da parte della società, e lo dico a prescindere dal giudizio sul tecnico...

    RispondiElimina