.

.

lunedì 22 dicembre 2014

Quando le disposizione tattiche sono troppo vaghe

Fiorentina Empoli è la classica partita trappola che devi vincere perché quelli che hai davanti non fanno provincia, poi invece succede che il calcio non guarda in faccia nessuno, che non si fa con le figurine e neanche con le targhe, ed era stato fin troppo facile prevedere che sarebbe stata una partita scorbutica. L’Empoli infatti è una squadra che gioca bene, bisognava sfruttare al meglio il possesso palla e il tasso tecnico superiore, non certo dilapidare occasioni su occasioni per il raddoppio, e regalare un gol che era già stampato come avvertenza sui biglietti d’ingresso alla stadio, tanto era stato ampiamente considerato il pericolo maggiore. Così non è stato, la squadra ha continuato a fare i conti con lo scarso apporto del reparto offensivo, ha sbagliato con Borja Valero un gol di testa da un metro, e ha sbagliato all’inizio del secondo tempo il raddoppio almeno un paio di volte. Partita complicata anche da un palo è giusto ricordarlo. E’ un vero peccato chiudere l’anno così, perché la squadra a tratti è stata persino sontuosa, mentre in altri ha mostrato tutte le sue pecche, specie nel primo tempo in un paio di ripartenze sprecate malamente dall’Empoli. E la pecca più grande è targata Marocco, visto che ancora una volta c’è stato bisogno di strappare un giocatore al Ramadan per mancanza effettiva di punte. Ancora bene invece Mati Fernandez e Pizarro che sembra vivere una seconda giovinezza, Cuadrado perde la sfida personale con Sepe, bene ancora Vargas e il suo sinistro, mentre la difesa è purtroppo da bocciare in blocco per l’imperdonabile leggerezza sul calcio d’angolo, e nei suoi singoli scelgo di buttare giù dalla torre Basanta, grave il suo errore che nel primo tempo manda in porta Tavano, che per fortuna fa molto peggio di Gomez. I detrattori sosterranno che sono disposizioni di Montella. Per me la delusione più grande rimane proprio il tedesco, perché deve far gol e non lo fa, quando deve far alzare la squadra non ci riesce, non difende un pallone, anche se io continuo a sperare in lui che insieme a Rossi sono indispensabili al raggiungimento degli obiettivi. E poi Borja Valero che gli c’è voluta tutta la partita per rendersi conto della cazzata che aveva fatto sbagliando quel gol di testa, e così alla fine quando ha fatto mente locale, ha dato di matto facendo anche in quel caso il gioco dell’Empoli. Questa volta però non si dice che sia stato il Mister a dare disposizione di buttarla fuori, però neanche di buttarla dentro, la colpa del napoletano in questo caso è stata proprio quella di lasciare troppa libertà di scelta al giocatore. La partita invece andava chiusa, bisognava imporre ai giocatori di fare gol visto che abbiamo giocato quasi costantemente nella loro metà campo, le occasioni andavano sfruttate, questa è stata la colpa della Fiorentina e soprattutto di Montella, l’Empoli dal canto suo ha disputato una gran partita, organizzato e sempre pronto a ripartire. Ci poteva stare anche la beffa nel finale. Comunque non c’è mai da stare tranquilli, no, non mi riferisco al rendimento interno, e nemmeno alle scelte di Montella, so che vorreste rifarvela con me perché lo difendo, e io a mia volta vorrei sfogarmi con voi perché tendete a santificare i giocatori. Come si dice, ognuno c’ha le sue, ma il mio “non si può mai stare tranquilli” non è riferito neanche allo sciame sismico, che molti di voi reputano dovuto alla mancato utilizzo di Marin, e del quale siamo per una volta d’accordo, non è legato ad una attività vulcanica. Sul fatto che non ci sono vulcani nel Chianti non ci piove, mi riferisco al fatto che ieri due malviventi sono evasi da Sollicciano. Non bastava il pareggino interno con l’Empoli che è peggio di mangiare un panettone scelto a caso da uno dei pancali della Coop (provate un panettone vero di pasticceria), in San Frediano la gente vive nel terrore che possano tornare a delinquere con le loro attività criminose. Lo vive peggio di una sostituzione all'ottantesimo di Montella. Per sicurezza la Polizia sta sorvegliando Palazzo Vecchio, per evitare che quei due tornino a fare gli assessori. Come a Milano del resto in serata si è temuto che tornasse Mazzarri.

38 commenti:

  1. Per fortuna non ho visto la partita, così ho evitato di incazzarmi. No n posso commentarla, dico solo che, a fronte di un rendimento esterno quasi da scudetto, in casa abbiamo un ruolino da lotta per la retrocessione. Vista la classifica, possiamo recuperare sempre, ma bisogna cambiare registro rispetto a un 2014 che, considerato come anno solare, è stato nel complesso più che mediocre.

    RispondiElimina
  2. Buondi' a tutti.
    Rispondo ora a Jordan su Sepe: sono per i colpi di fulmine

    RispondiElimina
  3. Dai Belva, non ti far impressionare da una partita giocata bene. Sepe è portiere tutto sommato mediocre, assolutamente niente di speciale. Ieri era semplicemente "jeanned'arquisé", come dicono i francesi. Vale a dire miracolato. Per una volta.

    RispondiElimina
  4. La squadra era scesa in campo con giusto atteggiamento, ancor più nella ripresa dove si vedeva che voleva chiuderla.
    Intensità io ne ho vista, così come ho visto i letali contropiede degli azzurri; tutto previsto: la squadra gioca bene, attacca, ha intensità, ha superiorità ma concede ("deve", lo abbiamo scritto e lo ha affermato anche Monty, causa modulo con calamita offensiva) opportunità agli avversari.
    Io ho contato due tiri di Cuadrado con belle e ratti e parate di Sepe, un gol divorato da Valero di testa, due colpi di testa di Gomez (miracolo in controtempo di Sepe, palo) due tiri (Mati-Joaquin) pericolosi (ma alti), un tiro ciccato a 7 metri dalla porta (sinistro) da Gomez, 2 rigori solari.
    La palla non é entrata....that's football!
    Io da incompetente avrei messo dentro Marin o Minelli (se c'era, neanche lo ricordo). Aquilani per Joaquin non si sa perché, tatticamente.

    RispondiElimina
  5. Sopra, Montella ha cannato un'altra volta i cambi che, per me, sono stati senza senso. Purtroppo è una costante che si ripete. Detto questo, ieri non abbiamo giocato affatto male e meritavamo ampiamente di vincere. Purtroppo alcune partite girano così. perché, come hai detto, questo è il football. Ed è anche il bello del football.

    RispondiElimina
  6. Sento che corrono insistenti voci che parlano di un possibile ritorno di Mutu a Firenze. Al di là di ogni sentimentalismo alla Deyna, il giocatore è finito nelle barbe. Allora, dato che Neto oramai sta andando verso Roma, sarebbe forse preferibile cedere il brasiliano a gennaio, in cambio della metà di Destro, che Garcia non vede proprio e che a noi farebbe un gran comodo.

    RispondiElimina
  7. quest'anno abbiamo perso punti in 3 modi diversi:
    1) partite contro avversari che si sono dimostrati più forti (Roma, Napoli)
    2) partite dove abbiamo giocato di merda (Sampdoria, Lazio)
    3) partite dove abbiamo fatto il nostro gioco ma non siamo riusciti a buttarla dentro (Genoa, Sassuolo).

    Quella di ieri appartiene alla terza categoria, e quando i punti persi così iniziano a essere 6, girano i coglioni. C'è poco da fare: l'anno scorso i nostri terminali offensivi erano Rossi e Cuadrado, quest'anno uno è rotto e l'altro gira a vuoto, Gomez ancora ha il malocchio, Marin non si capisce dove sia, di fatto resta solo Mati. Ma ieri punizioni non ne sono arrivate. Seconda presenza per El Hamdaoui, mi pare chiaro che Ilicic è fuori. Abbiamo bisogno di Rossi presto, anche solo perché a lui, ogni tanto, i rigori li fischiano...

    RispondiElimina
  8. perché mi alzo tardi

    RispondiElimina
  9. Anche Toni a quell'età pareva finito, siamo andati a recuperarlo in discoteca, abbrutito dal calcio arabo. E tuttora segna in serie A. A volte le motivazioni fanno la differenza. E non mi si venga a dire che Toni era molto più serio, perché i suoi vizietti li ha coltivati anche lui, eccome...

    RispondiElimina
  10. Sicuramente ma ne faccio una questione simbolica. Gli undici dell'Empoli, tanta corsa, disciplina tattica, umiltà.
    Dall'altra parte, eccessi di protagonismo, crolli nervosi nel finale, un po' di sufficienza da parte di qualcuno. Cambi - mi dispiace dirlo per il Boss - che non comprendo e una collocazione in campo del colombiano per cosi dire, strana.
    L'Empoli ha fatto catenaccio? Non più di quello fatto da noi a Cagliari

    RispondiElimina
  11. Dal 20' del primo tempo e dal 10' del secondo, le distanze tra i reparti sono state tenute?
    Pizarro ha fatto un figurone perché loro pressavano direttamente i difensori.
    Il giropalla, a parte i primi dieci minuti della ripresa, era veloce?
    Hai visto Inter - Lazio? Quale partita è stata più divertente?
    I cambi del Mancio sono serviti?

    RispondiElimina
  12. Neto a gennaio senza contratto firmato vale un'elemosina di chi te la vuol dare, ben lontano dal valore della metà di Destro. Non inventiamo cose fuori dal mondo. ll valore di cartellino dei giocatori in fine di contratto è zero a giugno e pochi spiccioli a gennaio se qualcuno ha proprio fretta di pigliarli. Vedi Giovinco.

    RispondiElimina
  13. MCGUIRE,stavolta più o meno tutti concordi su prestazione, cambi errati (o discutibili), Sepe Perinizzato.
    Tutti concordi! Sarà pecche é Natale?? Ehehehehehe...

    RispondiElimina
  14. Ok.
    Se Neto va a Roma farà panchina (De Sanctis ha appena rinnovato) almeno sino a giugno. E li é graticola.

    RispondiElimina
  15. Davvero non vedo l'utilità di andare a recuperare l'ex Fenomeno, con tutto il rispetto per il suo passato. Una volta c'è andata bene, ma non vuol dire che sia sempre possibile ripescare un vecchio campione. Ho detto Destro, per via del fatto che la Roma vuol prendere Neto e noi non abbiamo molte possibilità di trattenere il brasiliano. Da qui la suggestione. Molto meglio un Destro, ad esempio, di un Vasquez, che pare la fotocopia di Ilicic.

    RispondiElimina
  16. Se Neto fa panchina a quella pippa di De Sanctis mi taglio le palle col mestolo (ovvio che si fa per dire).

    RispondiElimina
  17. Piuttosto stringerei per un piede educato come quello del MudoVazquez, adorabile.

    RispondiElimina
  18. Fermo restando che ha sbagliato la società a non far firmare Neto quando era tempo, e che non gli imputo irriconoscenza [e perché mai, quando l'han tenuto fermo due anni e mezzo rischiando di rovinarlo, mettendogli poi in concorrenza uno di livello come Tatarusanu?], una società cinica ora prospetterebbe la linea dura, minacciando di tenerlo a marcire fino a giugno, se non firma. Sarebbe una scelta giustificata anche tecnicamente, Tata è un portiere di livello non troppo inferiore. Evidentemente proprio non ci pensano a versare uno stipendio sopra il milione...

    RispondiElimina
  19. JORDAN, già c'é POLLOCK con le sue foto che attenta i genitali, in discesa libera in alcuni giorni...

    RispondiElimina
  20. Mc, Destro vale una ventina di milioni, diciamo dieci per la metà, Neto a gennaio senza contratto firmato poco più di zero. La Fiorentina per trattenerlo si doveva comportare in altra maniera, anche le dichiarazioni di ieri di ADV non sono state certo concilianti e quando uno ha il coltello dalla parte della lama (perchè l'ha preso lui da quella parte) e fa anche lo sborone, si taglia.

    RispondiElimina
  21. Se ADV ha detto così, penso, sarà perché non ci sono più margini per una firma. Non mi sono sembrate dichiarazioni da sborone, ma da uno che ha ricevuto un no.

    RispondiElimina
  22. Ma io mi "taglio" le mie, mica le tue! In linguaggio orsolinico ritengo impossibile (fino a rischiare delle cose che ancora mi servon parecchio) che Neto possa essere ritenuto da un qualsiasi allenatore dotato di cervello inferiore a quella pippa di De Sanctis.

    RispondiElimina
  23. Lasciando perdere l'aspetto economico [non mi sembra operazione fattibile], Destro a Firenze a gennaio mi pare cosa poco sensata: sarebbe un terzo centravanti, che chiuderebbe ancora di più Baba, e c'è Gomez da rilanciare, almeno per rivenderlo bene a giugno. Cercherei piuttosto una seconda punta, se non Mutu perlomeno Sau...

    RispondiElimina
  24. Se avesse ricevuto un no l'avrebbe detto, credo che non abbia ricevuto niente, anzi, che direttamente nemmeno ci abbia parlato, ma che riporti ciò che gli dicono quelle menti sublimi che ci hanno portato a questi punti, in primis lo Gnigni che è il vero problema di questa Fiorentina.

    RispondiElimina
  25. Muriel a Firenze, dopo gli estenuanti, durissimi allenamenti del ginnasiarca Montella...

    RispondiElimina
  26. così ingrassa cnque chili!

    RispondiElimina
  27. Beh a breve si saprà...

    RispondiElimina
  28. Sì, uno come Muriel lo vedo del tutto incompatibile con gli allenamenti leggeri di Montella, se non l'ha messo in riga fisicamente il ciclista Guidolin dubito ci riesca Vincenzino...

    RispondiElimina
  29. Quella di Destro era una provocazione per stimolare la discussione, ma non mi dispiacerebbe poter metterci le mani sopra in prospettiva. La perdita di Neto è grave, ma l'ambiente fiorentino non ha fatto moltissimo per aiutarlo, diciamo la verità, e l'avergli affiancato Tatarusanu penso lo abbia definitivamente convinto a togliere le tende. Peccato, ma così va il mondo. Quanto a chi vorrebbe "El Mudo" Vasquez, ricordo che con Ilicic abbiamo già dato. Ampiamente dato, se ci mettimo pure Viviano.

    RispondiElimina
  30. Ieri sera alla DS Di Natale, involontariamente, lo ha distrutto dicendo chiaramente che non si allena e non fa vita da atleta

    RispondiElimina
  31. Montella ha parlato di ritocchino "sugli esterni". Bassi o alti?

    RispondiElimina
  32. Piuttosto, e qui lancio un'altra provocazione, non sareste d'accordo nel cedere a gennaio Cuadrado? Magari al ManUtd, carico di soldi e di voglia di spenderli?

    RispondiElimina
  33. Non è una provocazione. E' una constatazione. È inutile se non torna sulla fascia

    RispondiElimina
  34. mah, con Vargas ce l'ha fatta... Non penso che il punto siano i metodi d'allenamento, ma la tempra del giocatore.

    RispondiElimina
  35. E dato che sono in tema di provocazioni, ne azzardo un'altra: vorreste Sarri al posto di Montella sulla panca viola? (Personalmente sarei per il sì)

    RispondiElimina
  36. Il fatto che Montella abbia chiesto uomini di fascia non mi fa pensare che sia ipotesi così peregrina. Se pensa di utilizzarlo in pianta stabile come trequartista è da internare.

    RispondiElimina
  37. su Vazquez non dico niente, al Fantacalcio mi sta rendendo alla grande ma non gli ho ancora visto fare una partita intera, potrebbe essere una soluzione low cost (4-5 milioni) ma non lo vedo acquisto decisivo.
    Muriel sarebbe l'ennesima scommessa, con potenzialità enormi ma in prospettiva anno prossimo, a noi serve qualcuno da far giocare, o sbaglio?
    Di Destro (che comunque dovremmo pagare, perché la Roma ci investì 17 milioni per prenderlo da ragazzino e anche se non sta rendendo non vuole perdere soldi) non ce ne faremmo assolutamente niente, di tutto abbiamo bisogno tranne che del terzo centravanti. Florenzi ci darebbe la tigna e la quantità di cui abbiamo bisogno, ma Montella ieri una cosa giusta l'ha detta: ci manca il giocatore con il guizzo che sblocca queste partite. Di sicuro non è Florenzi.
    Aggiungo che a giugno dovremo fare una scelta tra Gomez e Baba.

    RispondiElimina