.

.

mercoledì 3 dicembre 2014

Il bianco e il nero

Il 1° dicembre non ho solo strappato una pagina dal calendario di Emily Ratajkowski usato  per coprire alla Rita quello di Frate Indovino nudo, oppure ricordato che Woody Allen ha salutato per sempre anche i 70. Visto che siamo nella settimana della vera intolleranza al bianconero, voglio ricordare un 1° dicembre dove si è cominciato a rispondere alle intolleranze dei bianchi nei confronti dei neri, quando ancora non era salito alle stelle il prezzo della farina di Kamut. Un 1° dicembre che non era intollerante al glutine o al lattosio, e nemmeno alla classe arbitrale, era il primo dei primi dicembre del ‘55 quando un afroamericana di 42 anni rifiutò di alzarsi e cedere il suo posto a un bianco su un autobus a Montgomery, in Alabama, e non in piazza Gualfredotto. Venne arrestata dalla Polizia, processata e condannata per disordini, e il suo gesto ispirò il boicottaggio degli autobus di Montgomery da parte della comunità afroamericana e anche la tessera del tifoso. “La gente dice sempre che non mi alzai perché ero stanca, ma non è vero. Non ero fisicamente stanca o più stanca del solito dopo tre partite in una settimana. Non ero vecchia anche se alcune persone pensano che lo fossi. Avevo 42 anni come Minala della Lazio che invece ne dichiara sempre 17. No, la sola cosa di cui ero stanca era di cedere il posto per via di questa mania del turnover”. Noi invece alziamoci pure, dalla poltrona, dal divano o dal seggiolino numerato del Franchi, o anche da quello della tramvia, tanto per rimanere in tema, ma solo al gol contro gli sporchi bianconeri, che in quanto tali racchiudono tutto il peggio delle intolleranze. Altrimenti rimaniamo seduti
senza cedere di un centimetro alla sudditanza psicologica, e con una mano sul portafoglio procediamo spediti verso i tre punti, oppure Scandicci. E sempre con il bianco e nero voglio ricordare la nostra storia fatta di bacini d’utenza senza lingua, di diritti televisivi e rovesci radiofonici caratterizzati dalle urla del Guetta, il fair play finanziario disatteso dai pugni di Delio Rossi, e tante bestemmie creative che da queste parti vengono giustificate con la solita storia dell’intercalare. Fermi al Rinascimento e alla rinascita di Gomez, fermi come Ilicic, e anche se Firenze è più costellata dai cipressi che dai trofei, ha comunque una coreografia in bianco e nero capace di raccontare che siamo poveri ma belli. E poi il tempo vola e c’è stato il 2 dicembre del ‘23 quando nasceva la Divina Callas, mentre lo stesso giorno ma del ‘56 ottanta uomini (la prima vera rosa ampia), guidati da Fidel Castro, sbarcano a Cuba: è l’inizio della rivoluzione che ha dato spunto anche a quella  Pradè e Macia dopo la notte delle pernici. E siamo già ad oggi quando nel 1895 nasceva Anna Freud figlia di cotanto padre che si è dedicata alla psicanalisi infantile di cui io non ho mai potuto godere, stretto com’ero tra i meccanismi contorti della difesa dell’Io. Una difesa a tre nella quale non ho mai capito chi cazzo fossero gli altri due. Tutti ricordi in bianco e nero.



168 commenti:

  1. ...- 2 al lancio...BUONA GIORNATA.

    RispondiElimina
  2. .. .JORDAN apprezzerà. ..-2 al lancio...

    RispondiElimina
  3. ..chiudo..-2 al lancio..MANDIAMOLI A CASA

    RispondiElimina
  4. Ce l'ho messo io quello striscione!

    RispondiElimina
  5. ah ah ah ah..JORDAN l'arrampicatore...in tutti i sensi...ah ah ah

    RispondiElimina
  6. http://www.firenzetoday.it/cronaca/negroni-aperitivo-nasce-firenze.html...Balotelli e Pogba stavolta non c'entrano.

    RispondiElimina
  7. manca Balotelli

    RispondiElimina
  8. Buongiorno, frau Gaia....

    RispondiElimina
  9. Comunque per me tra i tanti Fiorentina Juve, quello che raggiunse l'apice fu il 3 a 3 per uno sfortunato autogol di Contratto. Lo scorso anno fu forse più esaltante, visto che poi si vinse, ma senza sminuire, anzi, anche frutto di molti fatti estemporanei. Oltre ai gol di Rossi vorrei ricordare la parata di Neto su Marchisio che evito' la debacle. Il valore che ha il match del 3 a 3, va di pari passo al valore delle due squadre di allora, ben più alto di oggi. Il colpo di testa di Giancarlo è immagine indelebile come la doppietta di Bertoni. Grandissima squadra, grandissimo allenatore.

    RispondiElimina
  10. Parallele italiane....LELE, a Roma non volevano essere da meno, rispetto alle vicende Mose, Expo, Coop Friuli, Laguna di Grado, etc. etc....

    1. Roma, Alemanno querela la Gabanelli: "Sulla mia onestà non si scherza" Durante la puntata di ieri Report ha tirato in ballo Mancini, fedelissimo del Sindaco, sugli appalti della Metro C (15-4-13, liberoquotidiano.it)
    2. Roma: arresti per associazione mafiosa. Indagato Alemanno. Ros in Campidoglio. Fra gli arrestati Mancini e Carminati, ex-Nar. (2-12-14, repubblica.it)

    RispondiElimina
  11. Mmmm... Uno non si può assentare un attimo. Tante novità, vedo.
    ZV: era ora, benvenuto. Un appunto, relativo a prima di Cagliari: i tre punti in due partite valgono ancora? Sai com'è, visto che a Cagliari non s'è perso... Urge una revisione del pronostico, veloce.
    LELE: sì, il 3-3 fu una grande partita. Pareggio rubacchiato, tra l'altro. Io però ho in testa il 4-1 del '75. Sai com'è, noi vecchiarelli... Alla simpaticissima "goeba" di quell'anno (Capello, Bettega, Furino, Anastasi), mancava un punto per vincere il campionato. Arrivarono da ogni dove, per festeggiare lo scudetto. Antogno, Caso, Casarsa (uno non lo ricordo, forse autogol), bandierine nerobrutte in tasca e a casa. Il Brivido titolò: "Lo spumante ha fatto pluff". Soddisfazioni di un adolescente dello scorso millennio.

    RispondiElimina
  12. ZV, son rimbambito io o il link non funziona? "La pagina non esiste", dicono. Un riassunto, a parole tue, sarebbe gradito.

    RispondiElimina
  13. Ho maledetto per anni l'incolpevole Contratto per quell'autogol, una vittoria quel giorno mi avrebbe ripagato [in parte] dello scudetto rubatoci un anno e mezzo prima, e ci avrebbe dato una bella spinta in quella stagione, anche se poi l'infortunio di Antonio avrebbe vanificato tutto comunque. Ero in Fiesole quel giorno, emozioni uniche...Il volo d'angelo di Antonio, i due gol di Daniel che scherzò Caricola e Scirea, Passarella gigantesco conducador, un gioco mai visto in quegli anni e nemmen dopo.

    RispondiElimina
  14. Guarda, quello che ha combinato Panzironi, fedelissimo di Alemanno, a capo di Unire lo conosco in prima persona. Oltre ad incapacità che hanno affossato un settore con indotto di 5.000 lavoratori cancellando l'ippica, salterà fuori anche la tresca Tor di valle/ stadio. Se finalmente così sarà, lo stadio i romani non lo vedranno mai. Come deve essere. E Pallotta? Veramente vogliono far credere sia lui a metterci i soldi? Ahahah. Poi leggo le critiche ai ciabattini...

    RispondiElimina
  15. Pensa che i romani riescono a far diventare i gobbi meno antipatici, il ché è impensabile. Ascolta, non ho potuto vedere tutta la partita di Cagliari, così ho atteso la DS. Bene, UN'ORA, CAZZO, solo a parlare della Roma, mi sono addormentato. Come ce li avevo sul culo quando in epoca Farcao, quando facevano gol partivano sotto la curva e tornavano in campo impuniti dopo 10 minuti...Poi l'interviste celebrative a bordo campo di Galeazzi, trash del trash.

    RispondiElimina
  16. la fiatata dell'anno. La condivido con voi nella speranza di neutralizzarla: http://www.violanews.com/esclusive/zoff-a-vn-la-juve-rischia-parecchio-a-firenze-non-ce-un-favorito-20141202/

    RispondiElimina
  17. ...speravo nessuno l'avesse notata...considerando però i gol sbagliati dal Cagliari la possiamo obiettivamente considerare una sconfitta..di conseguenza a Cagliari s'è perso...e rimangono quei famosi 3 punti..mi auguro fili come concetto..sperando di non sbagliarne noi venerdi per poi considerarla una vittoria..poi...Ljuka...chiedimi si Supermercati che l'è meglio.

    RispondiElimina
  18. LUD raggiunge l'apice dell'insipienza oggi, raccontandoci che nel primo tempo di Fiorentina-Juve, l'anno scorso, Montella avrebbe "optato per un prudente 3-5-1-1, con Giuseppe Rossi assistito da Aquilani". Aquilani trequartista in maglia viola davvero non si è mai visto, probabilmente LUD intendeva Borja Valero. I cronisti di Sky analizzando la gara (come visibile dalle grafiche in questo video https://www.youtube.com/watch?v=BqHv8RVc1PM) parlavano giustamente di un 4-3-2-1, con Borja Valero e Cuadrado a sostegno di Rossi. Montella fu sì in grado di cambiare la partita con le sostituzioni, ma le scelte degli uomini furono ben più importanti del cambio di modulo. Sulla carta, infatti, un 4-3-2-1 con Valero e Cuadrado a sostegno di Rossi è molto simile al 4-3-3 con Cuadrado e Joaquin a sostegno di Rossi che vedemmo nell'ultima mezz'ora. A fare la differenza furono gli uomini: Mati al posto di Aquilani fornì più dinamica offensiva (guadagnandosi il rigore del 2-1), e mettere Joaquin davanti non solo mise in difficoltà la difesa della Juve, ma soprattutto permise di arretrare Borja Valero a centrocampo, e non a caso sia l'azione del 3-2 sia quella del 4-2 partono da iniziative di Valero nella propria metà campo.
    Insomma: bravissimo Montella, ma il punto sono gli uomini e la lettura tattica della partita, non certo il passaggio della difesa a 3 a quella a 4...

    RispondiElimina
  19. ..è un articolo di Firenzetoaday estratto da FB, scrive della nascita del vostro Negroni..ma infatti mi è venuto fuori tagliato..

    RispondiElimina
  20. Un po' meno di 55 milioni. Almeno che gli juventini non siano tutti (e soltanto) attorno a me.

    RispondiElimina
  21. ..niente, non lo ritrovo

    RispondiElimina
  22. poi magari Sky si è sbagliata e giocavamo con la difesa a 3, questo a memoria non lo ricordo, ma in ogni caso sarebbe stato un 3-4-2-1, e sicuramente non con Aquilani trequartista. E il punto non è la superiorità del modulo (la Juve con il 3-5-2 ci ha messo sotto per un'ora), ma la capacità di cambiarlo leggendo tatticamente la partita e di inserire gli uomini giusti al momento giusto.

    RispondiElimina
  23. Il concetto fila, anche se il filo è un po' aggrovigliato. Chissenefrega: a Cagliari persa, siamo in credito di 3 punti. Bene. Raccontami dei Supermercati...

    RispondiElimina
  24. http://www.firenzetoday.it/cronaca/negroni-aperitivo-nasce-firenze.html...ci riprovo

    RispondiElimina
  25. http://www.firenzetoday.it/cronaca/negroni-aperitivo-nasce-firenze.html

    RispondiElimina
  26. ma vaffanculo va

    RispondiElimina
  27. Si scrive siano circa 8.00.000, sono come i topi...

    RispondiElimina
  28. Intanto si preannuncia un bel casino, venerdì sera, a Firenze. Sciopero Ataf di 24 ore, per il 5 dicembre. Raggiungere lo stadio con mezzi di fortuna: canotto, pattini, bici, deltaplano (da Fiesole, forse), animali domestici, anche auto. Però per favore, non cavalcando zebre...

    RispondiElimina
  29. Firenze, la città in cui nacque il Negroni


    Negroni: la storia di un aperitivo tutto fiorentino

    Il famoso cocktail nacque tra il 1919 e il 1920 a Firenze nel Cafè Casoni. Il suo ideatore fu il conte Camillo Negroni



    Potrebbe interessarti:http://www.firenzetoday.it/cronaca/negroni-aperitivo-nasce-firenze.html
    Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/FirenzeToday

    RispondiElimina
  30. ..arrivo a 300 COMMENTI da solo cazzo

    RispondiElimina
  31. Firenze, la città in cui nacque il Negroni


    C'era una volta, o meglio nel 1920, a Firenze il conte Camillo Negroni, un uomo vivace, ribelle, un grande viaggiatore che aveva vissuto sia a Londra che a New York.

    Il conte frequentava giornalmente il Cafè Casoni - che in realtà più che un bar era una drogheria - in via de' Tornabuoni (il locale oggi ospita il Caffè Giacosa). Un giorno decise che era stanco del solito Americano come aperitivo e chiese al barman di cambiare la ricetta classica (bitter Campari, Vermouth rosso e seltz) mettendo del gin al posto del seltz e aggiungendo una fetta di arancia e della scorza di limone nel bicchiere.

    Il vero segreto del Negroni, così è stato chiamato il cocktail in onore del suo ideatore fiorentino, sta nel bicchiere ghiacciato e nell’abbondante quantità di ghiaccio utilizzato per raffreddare la miscela.

    Come si legge nel libro scritto da Luca Picchi, autore del libro “Sulle tracce del conte. La vera storia del cocktail Negroni”, la ricetta originale, quella richiesta dal conte Negroni, è composta da 1/3 di vermouth rosso (probabilmente Martini), 1/3 di bitter Campari, 1/3 di Gordon’s gin, uno spruzzo di soda, mezza fetta di arancia e una scorza di limone.

    Nel corso degli anni “l’Americano del conte Negroni" è diventato uno degli aperitivi più richiesti in tutta Italia ed anche nel mondo.



    Potrebbe interessarti:http://www.firenzetoday.it/cronaca/negroni-aperitivo-nasce-firenze.html
    Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/FirenzeToday

    RispondiElimina
  32. A me tu mi par ringrullito.

    RispondiElimina
  33. Inizia la ricerca a random di "nemici tattici"....

    RispondiElimina
  34. ..sono ancora turbato..non posso...sento rumori..vedo ombre...FOCO mi ha messo ansia...ogni pacco recapitato a casa mia ho il terrore siano Hogan.. stanotte ho sognato di trovarmele sotto l'albero...stamattina ho ri-impacchettato l'albero...non farmi altre domande...

    RispondiElimina
  35. L'inferno non é soffrire, é l'orgoglio di soffrire.

    RispondiElimina
  36. ahah, può essere. Scusate se ho postato qua queste cazzate, che in effetti non riguardano chi discute qua. È che di fronte all'idea di un Montella che mette Aquilani trequartista e quasi seconda punta, ringrullirsi è quasi spontaneo.

    RispondiElimina
  37. ..Lele, la guardo pochissimo ma ti assicuro che se nel posticipo giocano le 3 MERDE GALATTICHE a strisce, è finita, domenica c'era l'inter ed ecco spiegato il tutto..

    RispondiElimina
  38. Vero che ce ne sono stati pieni di pathos, e quello col gol del fiesolano?
    O LJUKA, però Antogno un si po' leggere.

    RispondiElimina
  39. Se tu entri in quel vortice autistico dei numerini, non ne esci più.

    RispondiElimina
  40. Mi ricordo bene di Roncaglia, Savic, Gonzalo e Pasqual.
    Manuel falso 3? Facundo falso 2 è ormai acclarato. Nel caso, difesa a due. Considerando poi la capponaggine Gattiana, la difesa era a uno (Savic) e quell'uno anche un po' popone (Jinglenick). Non potevamo prendere meno di due gol.

    RispondiElimina
  41. Sono quasi costretto a vederla per i sunti, volevo sentire anche le dichiarazioni di Montella e Zdengo, ma non è stato possibile. Quando finalmente credevo l'avessero abbozzata con la partita Roma, hanno trasmesso addirittura un servizio sul suo mercato, e via un altro quarto d'ora di chiacchiere. Mi garba la squadra, Naingollan, Gervinho, Garcia, ma il contorno è spazzatura vera.

    RispondiElimina
  42. vero poi che la Roma è pompata, ma quando va bene, Noi che vada male o bene i secondi son quelli, alle 3 merde invece è riservato tutto lo spazio possibile, quando vanno bene perchè è logico, quando una va male perchè è logico, quando si incontrano perchè è logico, quando cambiano tecnico, quando cambiano presidente, quando giocano in Europa, poi c'è quella che non si è qualificata e allora discutono del suo futuro, poi c'è il campione che forse arriva, l'altro che non firma, la figlia del presidente che si tromba il mediano...è per questo che poi non capisco come si possa definire la Roma al pari delle altre.

    RispondiElimina
  43. Io mi forzo a scrivere Antonio perché l'han sempre chiamato tutti così, ma da piccolo lo chiamavo Antogno...

    RispondiElimina
  44. ???
    Comunque la storia del Negroni era già passata su questi schermi. Una quindicina di giorni fa, più o meno. Chiedi a Foco ed a Louis. Sei arrivato secondo, come la Roma di Spalletti (eheheh...).

    RispondiElimina
  45. Un uomo solo al comando, tra un "i carciofi dell'Esselunga sono buoni" e un "come stai"

    RispondiElimina
  46. Sì, non si può leggere. Ma allora era Antogno, cazz... Ops... perdindirindina.
    Lele, giovincello.

    RispondiElimina
  47. Alessiuccio "Cicciobello - Picchialessio" Tendi. Un gol ha fatto in carriera, o giù di lì. Però quando lo vedeva, Causio chiamava la mamma.

    RispondiElimina
  48. Un attimo di attenzione, poi potete tornare alle vostre cazzate: c'è un disperato appello dei familiari di tale Nick, che sarebbe stato sequestrato e forzato a venire in Ghita dal perfido Pollock. Sevizie inaudite subirebbe il poveretto, costretto a chiamarsi Zeman, a far la spesa all'Esselunga, a ingozzarsi delle scorte di nutella lasciate a Firenze da Ljajic. Poeta, se hai un cuore, da qualche parte, lascia al suo posto quell'orecchio e rilascialo.

    RispondiElimina
  49. Ecco svelato perché sei entrato nei meccanismi perversi della grande distribuzione caro Zeman, ieri ti domandavi perché eri costretto a girare con il carrello vuoto come certe domande o esistenze tra i corridoi dell'ossessione. Ora puoi rispondere.

    RispondiElimina
  50. Frustrante non avere coraggio di saltare una staccionata neanche molto alta...
    Noto tra l'altro che nell'accorpata oggetto di Opa, sembra esserci il Deserto dei Gob(b)i.......

    RispondiElimina
  51. Fintanto che Zeman non ammetterà di aver ceduto alla tentazione di attingere da scaffali a perdita d'occhio, certi dubbi sono leciti, così come la lecitina di soia aiuta le donne in menopausa.

    RispondiElimina
  52. ma può darsi benissimo che giocassimo a 3 e Pasqual stesse in linea con i centrocampisti, e magari nel secondo tempo si sia invece allineato a 4 coi difensori. Ma di certo non mi sognerei mai di dire che abbiamo fatto 4 gol ai gobbi in un quarto d'ora perché la posizione di Pasqual è cambiata di 10 metri...

    RispondiElimina
  53. E' inutile che fingi ancora che Zeman sia qui con noi, ormai sei stato scoperto, i trentatre trentini sono ologrammi.

    RispondiElimina
  54. Per dimostrare la mia coerenza editoriale pubblico anche questa foto ad integrazione delle altre.

    RispondiElimina
  55. Sono ologrammi con il 40% di sconto

    RispondiElimina
  56. Zeman all'Esselunga si adegua alle pratiche menzognere della Ghita

    RispondiElimina
  57. Ah ah ah, Zeman ma dove cazzo sei? E meno male che dicevi di Jingle!!!!

    RispondiElimina
  58. Svelato il perché sia stato assaltata la cioccolata da ZEMANVIOLA.....

    RispondiElimina
  59. E se anche Mister Karl Lagerfeld va al supermercato, significa che siamo avanti.....

    RispondiElimina
  60. ..ho appena finito di esternare...tranquilli ho parlato bene di tutti....4 ore per aprire il Bloggone, 5 per aprire il Sitone, poi mi si crea un errore e devo ripartire...e l'orario di lavoro è solo di 8 ore...p.s. FOCO dopo questa mandami pure a fare in culo

    RispondiElimina
  61. ..confermo il sequestro però ancora non mi è dato di capire il numero dei carcerieri..mi portano la Nutella a viso coperto...ho paura di loro dalle scarpe che indossano..

    RispondiElimina
  62. Sono amico del capitano da una vita, furono i compagni e nel giro a chiamarlo Antonio, i non addetti, me compreso, soprattutto Giancarlo. Antogno lo leggevo sulla Gazzetta. Giovincello eh? Ah ah.

    RispondiElimina
  63. L'inaugurazione dell'Esselunga dove fa la spesa Zeman

    RispondiElimina
  64. Andare a cercare la chiave della nostra rimonta sui gobbi l'anno scorso in un modulino, o in un numerino o in qualche altro spostamento tattico penso sia solo un puro esercizio di ridondanti seghe mentali tattiche. La partita iniziò in equilibrio, l'equilibrio fu rotto da un rigore regalato, poi arrivò il raddoppio gobbo regalato da uno sciagurato liscio difensivo di Cuadrado. Noi ci deprimiamo per il fatto di trovarci sotto 0-2 senza aver subito granchè, mentre i gobbi si galvanizzano costruendo a inizio ripresa 2/3 occasioni per lo 0-3, fallendole tutte anche grazie a un buon Neto. Poi ci viene concesso un rigore inaspettato (né netto né inesistente, diciamo uno di quei rigori che contro i gobbi mai ci darebbero, ma l'arbitro avendone regalato uno a loro si sente la coscienza sporca per il passivo troppo pesante, così ce lo dà) che riapre la partita, subito dopo Buffon ci fa un regalo restando immobile su un innocuo tiro di Pepito a due all'ora da fuori area che gli passa accanto. La chiave per me è qui, ed è di natura psicologica (altro che 4-3-3 o Cuadrado invertito): i gobbi in una manciata di minuti passano dalla sensazione -comprensibile- della partita già vinta in scioltezza al ritrovarsi sul 2-2 senza rendersi conto di come sia stato possibile, accusano il colpo com'è nella natura unama e si sfillacciano per 5 minuti come è nella natura umana dopo un colpo basso del genere. La nostra reazione uguale e contraria, d'altro canto, è l'inevitabile gasamento con presa di consapevolezza che possiamo farcela. I gobbi in maniera disordinata si sbilanciano nella nostra metà campo sperando di schiacciarci, ma ancora non si sono raccapezzati. Solo che, se generalmente 5 minuti di frastornamento sono troppo pochi per perdere una partita, quel giorno è successo che in 5 minuti la velocità di Rossi, Cuadrado e Joaquin è riuscita a infilarsi per ben due volte nelle prateria aperta dai gobbi, in entrambe le occasioni senza fallire il bersaglio. Anche perché tutti e tre sono forti e rapidi, nel 4-3-3 come nel 3-5-2 o qualsiasi altro modulo. Perché voler per forza complicare cose che sono molto più semplici delle seghe mentali sui numerini?

    RispondiElimina
  65. Ah, tu guardi il muro?

    RispondiElimina
  66. Oh, comunque i meriti vanno riconosciuti, il commento di LUD delle 14.40 m'ha fatto ridere davvero. L'unico, ma bello.

    RispondiElimina
  67. Comunque Zemanviola è il nuovo nick del Colonnello Blimp.

    RispondiElimina
  68. FOCOOOOOO....é vero? C'è accordo per acciaierie?!??

    RispondiElimina
  69. ..bene..e con quella delle scarpe siamo già sotto di 2...avanti cosi...se qualcuno la smette finirà 4 a 2...altrimenti vedremo di farne 7...

    RispondiElimina
  70. Ieri ho ascoltato Landini abbastanza ottimista, diceva che c'erano aperture o almeno non un muro come in precedenza. Foco aggiornerà. Ma a parte questo, ovviamente molto importante, una catastrofe si abbatte da tempo sulle PMI che notoriamente non hanno associazioni che tutelano le categorie, in pratica abbandonate al triste destino senza cortei o denunce di piazza. E sono la vera economia italiana.

    RispondiElimina
  71. Hai ragione Zeman, diciamo pure che quelle scarpe fanno cacare, suole di merda e la foto mostra chiaramente la qualità dei materiali.

    RispondiElimina
  72. ahah, vero, ma prendersela col GAT è sparare sulla croce rossa...

    RispondiElimina
  73. https://www.facebook.com/video.php?v=770819822966237&set=vb.252362491478642&type=2&theater

    RispondiElimina
  74. ah ah ah se riuscite a vederlo questo è bello ah ah ah ah

    RispondiElimina
  75. Perfido sceneggiatore!

    RispondiElimina
  76. Ma Avatar é un acquisto del mercato invernale?

    RispondiElimina
  77. Buongiorno a tutti, scusate se non ho risposto ma ho fatto il turno di notte.
    Allora, l'accordo è stato firmato. Gli esuberi sono stati assorbiti dagli esodi volontari che sono stati superiori alla cifra richiesta. Le retribuzioni saranno alleggerite dai tagli alla contrattazione integrativa che passa dai 17 milioni annui totatli a circa 8. Ci sarà la cassa integrazione ler due anni e per 400 dipendenti a rotazione. La produzione di acciaio fuso si attesterà su un milione di tonnellate l'anno, con una messa a regime parziale dei due forni.
    In pratica, il sito perde il 15% circa della sua forza lavoro, chi rimane subisce una decurtazione importante del salario, la produzione assicurata è quella minima per garantire la sopravvivenza dell'acciaieria in quanto tale.
    Per due anni sopravviveremo, peggio, ma sopravviveremo, poi si vedrà.
    Sono sollevato? Abbastanza. Deluso? Si, soprattutto da una parte dei miei colleghi. Adesso parecchi parleranno di vittoria, ma alla fine è una sconfitta che dimostra quanto siamo distanti dalla classe operaia che ha contribuito a far diventare grande questo paese.
    Vi ringrazio tutti per l'appoggio e la solidarietà che avete dimostrato per me in questi mesi. Sono stati forse più importanti di quello che credete, in un periodo che mi ha messo i nervi a dura prova.

    RispondiElimina
  78. Solita storia che si ripete, alla fine devi pure ringraziare e dimenticare ciò che ti hanno tolto, la fabbrica l'ho vissuta anch'io e, personalmente, quelli che alla fine ti deludono più del datore di lavoro è proprio la gente con cui hai condiviso il rancio e la polvere.Questo è sempre stata la cosa che più mi ha fatto incazzare, questione di pancia?? No, quella sarebbe comprensibile, il fatto è che siamo italiani, popolo più di merda non credo esista.Coraggio FOCO.

    RispondiElimina
  79. Ci scandalizziamo per la classe politica? La vorremmo azzerare e sostituire? Io azzererei un popolo non la classe politica che ha un'unica colpa: essere italiana.Hai voglia a mostrare gli Angeli del fango o quanto sono solidali gli itagliani, il 90% è da sopprimere, mi ci metto per primo in quel 90%.

    RispondiElimina
  80. Caro Foco, gli operai di adesso hanno soprattutto meno coscienza di classe di quelli di una volta, ma non è che 40 o 50 anni fa fossero tutte rose e fiori. Anzi. Però sicuramente c'era un senso di appartenenza e di solidarietà diverso. Gli esodati volontari se ne andranno all'estero col miraggio di far là quei soldi che non è riuscito loro di fare qua. Ma lavorare all'estero in proprio non è affatto facile. Bisogna conoscere abbastanza bene la lingua del paese dove ci si vuol trasferire, sapere con esattezza cosa si intende fare, avere a disposizione un piccolo capitale con il quale iniziare e, soprattutto, saper bene come muoversi in una realtà praticamente sconosciuta. Ad uno o due, forse andrà bene, quanto agli altri torneranno al paesello una volta terminati i soldi, più al verde di prima.
    A te, Foco, vorrei dare un consiglio da amico: cerca di coltivare la tua passionaccia per lo scrivere. Hai delle belle qualità di scrittore, che devi soltanto raffinare, credimi. Costruisci quindi una storia e scrivici un romanzo. Non dovrebbe essere difficile per uno come te. Quando l'avrai terminato ne riparliamo. OK?

    RispondiElimina
  81. Ciao Foco, ti sembrerà strano ma, almeno per quanto mi riguarda, avendo vissuto da dentro situazioni molto simili, proprio in una fabbrica metalmeccanica, sono io che ringrazio te perchè mi riporti sempre nella giusta dimensione e mi fai pesare la vita per quello che è. Tante persone dovrebbero prendere esempio da quelli come te, forse vivremmo un paese migliore. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  82. Sottoscrivo, grande ZV.

    RispondiElimina
  83. Io, Zeman, do la colpa alla mancanza di voglia di ragionare, a tutti i livelli. Siamo un paese che si divide accettando passivamente gli slogan che ci sembrano più convenienti e ci raccontiamo che quelli sono ciò che pensiamo. È più semplice e occupa meno ram. Alla fine, però, i contenuti diventano pericolosamente vicini allo zero. E in questa mancanza di pensiero generale, le varie espressioni politiche sguazzano,ognuna spingendo sulle password che solleticano i loro elettorati. In questi mesi ho visto novelli Che Guevara e Mussoliniani 2.0 uniti nelle urla contro tutto e contro tutti, motti rivoluzionari buttati a cazzo in contesti che c'entravano come me nel balletto classico. Gente che voleva riprendersi una fabbrica, parlando di difesa del lavoro a oltranza, che poi ha fatto a botte per mettersi in fila fuori dall'ufficio del personale per paura di non rientrare nel numero degli incentivati con 60.000 euro.
    Due mesi di sciopero, due stipendi persi, mandati a puttane da rivoluzionari da facebook che hanno avuto sempre in testa la cifra a quattro zeri.
    Ho il vomito, nonostante abbia mantenuto il lavoro.

    RispondiElimina
  84. Louis, io non sono meglio di tanti. Io la fabbrica l'ho accettata per redimermi da tutti i peccati fatti fino a quel bendetto 2001. È stata una sofferenza che però ho sempre creduto di meritarmi, per tutto quello che avevo mandato a puttane e per tutta la tranquillità che ho tolto a chi mi vuole bene. Adesso sono in pace con me stesso e la fabbrica è diventata parte della mia vita, necessaria per fat altro o aver l'illusione di poter far altro.
    È il mio lavoro, non lo amo, ma lo faccio meglio possibile e con tutta l'onestà possibile, perché la coscienza che mi ritrovo è implacabile nel giudicarmi.

    RispondiElimina
  85. Grazie Mac, la penso come te su chi ha scelto di mollare.
    Sullo scrivere, sono stato un po' bloccato da certe situazioni personali che mi hanno ovattato la testa. Ma riprenderó presto, magari con l'aiuto di qualcuno più preparato di me.

    RispondiElimina
  86. È tutto un teatrino, pare di vivere all'interno di un film del cazzo che mai ha una fine, trattano il problema del momento non per risolverlo ma per gli ascolti, disoccupazione e relativi drammi, il bambino strangolato, il disabile senza aiuti, lo sfrattato, il terremoto o l'alluvione...in ogni cosa compare il meschino di turno che si impadronisce del dramma per portarsi a casa la pagnotta dorata.FOCO, ho spesso pensato anch'io fosse un problema di "ragionamenti" sbagliati, non lo credo più, è proprio il sangue che scorre nelle vene che è marcio.Boh, sarà colpa del mio proverbiale ottimismo.

    RispondiElimina
  87. Vita perchè chi lo fa di calcio non capisce un cazzo. Ma questo è arcinoto.

    RispondiElimina
  88. Se mi dite come si fa a mettere un video che non è di youtube ve ne metto uno bellino

    RispondiElimina
  89. Che peeeeere.

    RispondiElimina
  90. Chi è? Ha sfaccettature interessanti

    RispondiElimina
  91. Complimenti. Purtroppo siamo di fronte ad una deriva senza ritorno. Noi italiani siamo un popolo con pochi e miseri ideali. Egoismo, in fondo si guarda solo al proprio orticello, il comune non ci appartiene per DNA. Ogni tanto ripenso al movimento del 68 che dalla Francia ci coinvolse, io allora ero spostato tra i conservatori, frequentavo scuola privata mai in sciopero, per questo classificato fascista. Vedevo il rosso come un toro, ma col tempo ho rivalutato quella passione, era genuina, non aveva, in linea di massima, uno scopo personale. Oggi un ventenne è una larva, non ha nemmeno la percezione di ciò che gli è stato sottratto da quando siamo entrati in Europa, del colpo di stato perpetrato che lo rende povero e non libero ogni giorno che passa. Larve che si cibano di droghe e social e iPhone, nessuno che metta il suo cuore oltre per un obiettivo. Guardo la tv, dove regna l'egoismo, prendiamo le tasse, i dipendenti vociano, sbraitano contro dentisti, professionisti vari perché evadono, ma sono furiosi solo perché loro non possono farlo, non per un senso civico corretto. Il nostro destino è segnato e ce lo meritiamo tutto.

    RispondiElimina
  92. Dovrebbe bastare copiare l'URL.

    RispondiElimina
  93. Lo vedo più da racconti però, almeno inizialmente...

    RispondiElimina
  94. Non ho URL. Ho un video ricevuto per whatsapp

    RispondiElimina
  95. Io mi vedo più come un novello Bucoschi ahahahahah

    RispondiElimina
  96. Allora non si può, credo.

    RispondiElimina
  97. Io manderei da Sarri anche lui...

    E’ già finita l’avventura a Bari di Rafal Wolski? Per Il Corriere del Mezzogiorno
    sì. Il giocatore in prestito dalla Fiorentina potrebbe tornare a
    Firenze già a gennaio al netto di un’esperienza in Puglia fino ad oggi
    completamente negativa. Non è servito il cambio tecnico sulla panchina
    dei galletti con l’arrivo di Nicola. Probabile che una volta tornato
    alla casa base, Wolski venga girato in prestito ad un’altra squadra.

    RispondiElimina
  98. Classica modella inglese da terza pagina di tabloid. Però brava in quello che fa.

    RispondiElimina
  99. se è un video girato con uno smartphone o roba del genere, per quel poco che ci capisco, credo tu lo debba prima caricare su una roba tipo FB o Youtube e poi copiancillare l'url...

    RispondiElimina
  100. e che fa?



    p.s. gran poppe...

    RispondiElimina
  101. SportMerdaset rilancia lo scambio Giovinco-Savic.

    Dunque, vediamo: Savic, 23 anni, titolare da 3 in una squadra di vertice in serie A, valutazione secondo Transfermarkt di 13 milioni, contratto fino al 2016; Giovinco, 27 anni, in panchina fissa da 3 anni, valutazione secondo Transfermarkt di 10 milioni, contratto in scadenza a giugno.


    È evidente che nessun ds al mondo scambierebbe un giocatore per uno che: a) vale meno; b) è più vecchio; c) non gioca da 3 anni; d) tanto scade a giugno e se proprio lo vuoi te lo prendi a parametro zero.

    Ma intanto abbiamo destabilizzato un po' l'ambiente in vista di venerdì...

    RispondiElimina
  102. Valto, se l'ambiente si destabilizza per queste "bombe" siam messi male...

    RispondiElimina
  103. Allora glielo ridico a quelle fave di mediaset. Giovinco a giugno per la Juve vale zero, quindi non possono scambiarlo con un cazzo di niente. A gennaio vale quel poco che gli dà chi lo vuole cinque mesi prima. Tutto questo se non rinnova il contratto. Se lo rinnova ai valori che vuole lui (3 milioni netti) esce dai nostri parametri e non ce ne importa più un cazzaccio di niente. Le valutazioni di transfermarkt sono a pipa di cocco o tengono conto di una realtà che non esiste (vincolo contrattuale con la società di origine). Non credo proprio che l'ambiente si destabilizzi per così poco, caso mai lo destabilizzano rompendo i coglioni al procuratore di Savic e complicandone il rinnovo contrattuale (ma lui è sotto vincolo fino al 2016).

    RispondiElimina
  104. Taccuino di un vecchio porco, Storie di ordinaria follia...Ahahahah

    RispondiElimina
  105. così?
    https://www.facebook.com/video.php?v=328283960688546&set=vb.100005208348717&type=2&theater&notif_t=video_processed

    RispondiElimina
  106. Ahahahahahahahahahahahahahahahahaahhahaahahahahahahahahahahahahahahahahah, genial!

    RispondiElimina
  107. Magari diciamolo a Zdengo

    RispondiElimina
  108. Questo è il video di Jordan

    https://www.youtube.com/watch?v=hjkXHT9Qstw

    RispondiElimina
  109. E allora amici cantiamo ti amo campionato ah ah aha haha ha haha ahah

    https://www.youtube.com/watch?v=6y1UbTMCi8Q

    RispondiElimina
  110. ah ah ah ah ah...JORDAN rubato e pubblicato ah ah ah ah

    RispondiElimina
  111. E questa è un esca prelibata per il GAT..

    https://www.youtube.com/watch?v=XQD1wJtkkU8

    RispondiElimina
  112. http://www.violanews.com/news-viola/tacconi-a-vn-la-fiorentina-deve-togliersi-dalla-testa-la-champions-20141203/

    RispondiElimina
  113. Sono tre giorni che lotto con sti str.nzi di Disqus per il recupero dell'account dopo tre anni (mi pare) di oblio completo e di scarsa e ahimè saltuaria lettura.
    Chiedo scusa al padrone di casa per i titoli, non sono più pratico dell'ambiente quindi se ho esagerato faccio ammenda.
    Il mio DIO personale ha finalmente traslocato qui per cui non mi potevo più esimere.
    Non riuscirò mai a mettermi in pari ma i post di FOCO sull'acciaieria (scoperti adesso) non me li perdo per niente al mondo.
    Scherzi (purtroppo) a parte ho visto al TG3 delle 14 un bel siparietto con il telecronista che decantava le magnifiche sorti e progressive del Nuovo Accordo (senza peraltro neanche farne la breve disamina odierna di FOCO, quindi senza in pratica farne la cronaca) e la trimurti sindacale schierata che faceva la ruota. Il tutto completato alle spalle da poche "ggiovani maestranze" che nonostante tutto non riuscivano a mostrare l'arcata dentale completa.
    Conosco la questione solo da stampa (quindi non la conosco) e sicuramente è un bene essere arrivati ad una fine massimamente "conservativa", però, e le parole di FOCO lo testimoniano, l'amaro in bocca rimane perché hai sempre ben presente di fronte a te una sensazione di precarietà ordinaria. Devi ringraziare perché chi poteva si è finalmente messo in gioco avendo calcolato che il tuo "titolo", dopo una permanenza eterna su montagne russe da voltastomaco, è arrivato al minimo della contrattazione ed è per Egli venuto il momento di comprare al massimo ribasso.
    Il tutto mentre diverse migliaia di persone hanno da trovare semplicemente il modo di vivere.
    Salute a tutti

    RispondiElimina
  114. ..questo mi è proprio da sempre stato simpatico...ma io dico, ma se un idiota del genere lo trovi sulle strisce mentre stai passando che fai? Pensi ai punti della patente o alla pulizia del mondo?

    RispondiElimina
  115. gobbo merdoso...

    affanculo lui e tutta la sua razzaccia...

    RispondiElimina
  116. Bentornato Zap

    RispondiElimina
  117. P.S. Come non essere d'accordo......

    RispondiElimina
  118. E' sempre ZaphodB. Lo vedo dalla mail

    RispondiElimina
  119. Si sono io ho fatto casino di nuovo..... meno male che dovrei avere le mani in pasta...... Probabilmente è l'ora di andare a casa......

    RispondiElimina
  120. Quando la Fiorentina ha un match contro il Milan o la Juventus, ogni volta da 6 o 7 anni, escono voci di calciomercato sui nostri calciatori.

    RispondiElimina
  121. meglio che non mi succeda, e meglio che non ti dica chi ho tra i clienti.... un altro di quella stramaledetta squadra, la rubentus anni 80, quella che ho odiato con tutto me stesso... guarda, in confronto baffino qui sopra era simpatico... quando torno a casa la sera mi do certe frustate, eheheheheheh

    e accidenti pure alla tessera del tifoso che mi impedisce di esserci, dopodoomani...

    RispondiElimina
  122. ..e lo intervistano pure sto verme, sui vari siti Viola leggo un'intervista a LUCIANO ogni 3/4 anni, il resto lo passano a cercare sti stronzi galleggianti..andate a sentire anche cosa ne pensa Platini che ci interessa tanto..ma roba da mat

    RispondiElimina
  123. https://www.youtube.com/watch?v=ZC19UZcqQwY

    RispondiElimina
  124. Godo ancora oggi a sentirla da Cucchi...







    https://www.youtube.com/watch?v=wMq_mPm19DI

    RispondiElimina
  125. Ciao Zaphobd, grazie per l'attenzione che hai avuto per la cosa.
    Dal tuo nick, mi sembra di capire che conosci bene la "guida intergalattica per autostoppisti" e non ti nascondo che ad un certo punto ho temuto che qualcuno venisse da me, dicendomi che la risposta alla questione era: 42.
    Comunque, ringraziandovi di cuore per il sostegno, vi prometto che da ora in poi sostituirò i miei post sulle angosce lavorative con quelle sulle sfighe sessuali. Che pure lì, da qualche tempo, comincio ad avere bisogno di un po' di tifo a favore ahahahahahahahah

    RispondiElimina
  126. https://www.youtube.com/watch?v=ceRtDGcgH1g

    RispondiElimina
  127. https://www.youtube.com/watch?v=XdijphGntAY

    RispondiElimina
  128. stefano vienna3 dicembre 2014 20:37

    L'anno scorso fa storia a sè, non m ricordo grandi mosse di Montella per raddrizzare la partita, che si raddrizzò per volere del Dio del Calcio. Difficile però che esso cominci a manifestarsi regolarmente ogni volta che incontriamo i gobbi.


    Una piccola coincidenza: mi sembra che mancasse Lichtsteiner l'anno scorso per squalifica o infortunio.


    E comunque quando entrò Gioacchino qualcosa di magico accadde. Buon segno che sia tornato in forma proprio alla vigilia. A partita in corso o nella formazione titolare, un Gioacchino bello carico rimane un'arma in più.

    RispondiElimina
  129. https://www.youtube.com/watch?v=NqvSzYP4w0k

    RispondiElimina
  130. Esistono ancora gli ITALIANI, onore a te Signor Martini...





    http://www.huffingtonpost.it/2014/12/03/azienda-eredita-operai_n_6260418.html?ref=fbpr

    RispondiElimina
  131. https://www.youtube.com/watch?v=qFMz2CbUNds

    RispondiElimina
  132. www.youtube.com/watch?v=SQNjVvhYfXw

    RispondiElimina
  133. un mio carissimo amico lo conosce personalmente e col suo gruppo suona insieme a Vinicio quando il Maestro li chiama... ecco un assaggino...https://www.youtube.com/watch?v=Z3crZwN-Els

    RispondiElimina
  134. https://www.youtube.com/watch?v=yPuiDrXp2XA

    RispondiElimina
  135. Non c'entra un cazzo ma mi piace e c'è la parola estate nel titolo del video...

    RispondiElimina
  136. Poi qualcuno mi dovrebbe anche spiegare come mai son 20 anni che l'andata è al Franchi..perchè la prima delle 2 è sempre perennemente in casa? Mi vedevo già ad aprile a gongolare per averglielo fatto perdere...è ovvio poi che.....qualcuno lo dovrà pur vincere...mi piacerebbe Noi...però....vabè...mi turerò il naso e che vada a Roma....ah ah ah ah

    RispondiElimina
  137. ...visto che vi è partito l'embolo...

    RispondiElimina
  138. https://www.youtube.com/watch?v=ot1KtplnrKo

    RispondiElimina
  139. ahahahahahah, credo che mi prenderò un mese di ferie tra aprile e maggio...

    RispondiElimina
  140. https://www.youtube.com/watch?v=mKOXWZ1HXeE

    RispondiElimina
  141. dedicata AL SECCO

    RispondiElimina
  142. https://www.youtube.com/watch?v=TykasRK08-k

    RispondiElimina
  143. ..il mio preferito IL NERO...Buona serata.

    RispondiElimina
  144. https://m.youtube.com/watch?v=T4UFjSGjdlY

    RispondiElimina
  145. Ci sarebbe Mina, Irene Grandi, Sergio Cammariere, la Gabbarani, Bocelli, Eliane Elias ecc ecc... ma naturalmente chiudo con lui, da non confondersi con Giorgio.

    https://www.youtube.com/watch?v=tHcsDtX7_qo

    RispondiElimina
  146. https://www.youtube.com/watch?v=Ut-rzX1NND4

    RispondiElimina
  147. epperò caz...vabè, IL FREDDO ce o metto io, p'er caldo ce pensate voi..poi nun dite che sò ggnorante.

    RispondiElimina
  148. Dopo aver cenato con riso mixato con peperoni arrosto, carciofi alla Giudia apro la Riblogghita e cosa scopro? Che non é più un problema esistenziale di 4-3-3 o 3-5-2, bensì che i trentatré trentini sono da ricontare!! Dopo l'arrivo tipo "Stargate" di ZAPHODB, dopo l'arrivo modello Kevin Spacey di ZEMANVIOLA....cosa succederà, ora?...................

    RispondiElimina
  149. Zap fa parte proprio di uno dei trentini. E un ritorno.

    RispondiElimina
  150. stefano vienna3 dicembre 2014 22:03

    Rivendendo quel Fiorentina-Juventus del ritorno di Baggio, c'era in panchina un grande allenatore che purtroppo andò via troppo presto, il mitico Sebastiao Lazaroni. A fine partita s'involò sotto la curva Fiesole. Molti lo ricordano solo per le interviste -tra l'altro esilaranti-, invece era uno che di calcio ci capiva più di tanti altri.

    RispondiElimina
  151. Ecco...... Probabilmente saper vivere è una condizione necessaria anche se non sempre sufficiente per saper come morire. Questo mi pare abbia saputo fare entrambe. Senz'altro la seconda ad altissimo livello.

    RispondiElimina
  152. Bel movimento di post quest'oggi,accompagnato da Faber postato da Anto leggo un sunto della giornata che lascia intendere che la Partita si avvicina con tutto il suo folklore,tant'è che domani capirò se ci sono spiragli per essere presente al Franchi venerdì sera.L'immagine del Che mi evoca ricordi di Cuba,una figura mito globale che pretese di riversare al mondo proprie utopie e ora attinge alla storia racchiuso in un'icona che è diventata un gadget,un poster,una maglietta e alla cronaca per il suo residuo stanco,Fidel.Saluto Zaphodb e misà che la conta dei trentini è da rifare,quì c'è movimento...

    RispondiElimina
  153. Chiudiamo, grinfos? .....-45 all'evento. (33 trentini, 45 ore, 3-5-2, 4-3-3, 4-2, 3-3, 2 Fidel, 1 avatar, 2 nick, 2 punte......che numeri!)

    RispondiElimina
  154. Era "Chiudiamo, Gringos...".

    RispondiElimina