.

.

martedì 9 dicembre 2014

El camarero

Alla fine di questo turno di campionato, più lungo e massacrante di un rave, abbiamo ritrovato a terra squadre importanti, collassate tra bottiglie vuote e allenatori bruciati, arbitri ubriachi, e il presidente della Samp impasticcato che girava con un uno strano velo in testa, tanto che un ragazzotto tra i più sobri gli ha ricordato che non era ancora la Befana. In tutto questo casino non vorrei che avessimo fatto i conti senza l’oste. In una giornata diventata una quattro stagioni, dove pur avendo la partita peggiore sulla carta, alla fine siamo tra quelli che ne siamo usciti meglio. Cosa vorrà dire? Forse che l’oste preferisce un menù alla carta? Forse che quelle squadre reputiate più deboli sono quelle che più di tutte possono metterti in difficoltà? Sembrerebbe così, almeno a vedere i sorci verdi che hanno fatto vedere l’Empoli al Napoli, il Sassuolo alla Roma e l’Udinese all’Inter. Dico questo perché so che l’amministrazione ha già fatto la somma del ricavato dalle prossime cinque partite, dividendi che nelle previsioni sono il massimo degli utili. Speriamo che la squadra non dia niente di scontato però, che non sottovaluti cioè come fanno certi ragionieri faciloni, le insidie di partite che nascondono proprio nell’approccio sbagliato, i pericoli maggiori. Ormai anche le cosiddette piccole si sono rinfurbite, studiano, bilanciano la peggiore cifra tecnica aumentando i ritmi, mostrando i denti, cercando di sorprendere con il pressing alto. Lo dico perché noi che abbiamo previsto di girare a 35, ci sentiamo i più forti e i più furbi, e così pensiamo di fare un solo boccone di quello che è l'avversario considerato di seconda fascia. Lo dico perché ho fatto lo stesso errore quando ho provato a fregare quelli che mi vogliono vendere qualcosa la sera quando anche la cena diventa un rave, e il telefono pompa forte. Avevo letto di questa tattica astuta messa a punto da un napoletano detto “o’ sorriso”, e alla fine ho voluto provare, ogni volta che mi chiama qualcuno al telefono per propormi offerte o cambi di gestore, dico sempre: “Perdone, pero yo soy un camarero.… el señor Vincenzo  no está en casa”. L’altro giorno, però, sono rimasto fregato come Benitez da Sarri, Garcia da Di Francesco e Mancini da Stramaccioni, che poi sono quegli allenatori che zitti zitti ti mettono a nudo le debolezze per lasciarti in mutande in mezzo a una strada, perché dall’altra parte il tipo si è qualificato come “…el camarero dell’operatore”. Mi ha preso in contropiede e mi ha fatto il contratto.


88 commenti:

  1. Per chi si fosse perso la befana...

    RispondiElimina
  2. ..ah ah certo che son conciati bene pure loro, se prendi in rassegna i 20 Presidenti della A italiana scopri che quello più lucido mentalmente è uno di 78 anni..e che Dio conservi sempre intatta la vergine Barbara.

    RispondiElimina
  3. Non ci sono più i valori di una volta...

    RispondiElimina
  4. ..comunque voglio scrivere una cazzata (e sarebbe la prima dopo anni e anni di attività nei Siti), ieri scrivevo che, tolto Lucian ONE e al limite Conte, tutti gli allenatori mi sembrano fatti col medesimo stampo economico, ecco, un allenatore che non mi dispiacerebbe avere (e giuro che non è per la vittoria di domenica scorsa), è lo Strama...se andiamo indietro a quell inter, fu la migliore del dopo portoghese della ceppa e lo rimane anche oggi dopo diversi tecnici cambiati.A me lo Strama attizza.Dico una puttanata?

    RispondiElimina
  5. Mai. Tu non scrivi mai puttanate. Il meretricio non si addice ai tuoi scritti, tu sei fedele a Spalletti.
    Il tuo inconscio disconosce l'infedeltà, motivo per il quale i Della Valle colmano il vuoto che loschi figuri hanno occupato per la tua Fiorentina- come una ragazza senza figura paterna che cerca uomo più grande d'età.
    N.B.: domenica il Rimini ha vinto 4-0, con tre pere di Pera...il Piacenza si allontana dalla vetta! L'Este tiene botta, grazie a Barrichiello (ha cambiato sport?!?).

    RispondiElimina
  6. Può darsi che diventi uno bravo, per ora no. Piuttosto mi cadono le braccia, se non altro, a leggere che il nostro azionista di maggioranza si dice soddisfatto dei risultati sportivi della squadra. Certo, come no, che bei risultati, noi siamo i "Se", siamo quelli che viviamo in proiezione, se facciamo 15 punti, in fondo il terzo posto è a soli sei punti, e voglio vedere dove saranno Genoa e Samp a gennaio ( ora il mese si sposta perché troppo vicino, ahahah ) se il rigore su Gomez...ed altre amenità. Intanto c'è gente che corre e sa dove, quella che è davvero terza e quarta, gente che attacca con attaccanti e non mezzoni, gente che non si dà arie da saputelli, lassù ci sono per davvero e frega nulla se hanno presidente con un cencio in capo.

    RispondiElimina
  7. Comunque, giusto onore alla foto.

    RispondiElimina
  8. Intanto ieri ho finalmente terminato il Lego, un altro modo per far girare le palle alla Rita.

    https://www.youtube.com/watch?v=sUtS52lqL5w

    RispondiElimina
  9. Ljuka, capisco, ma fino a un certo punto le proiezioni, visto il calendario favorevole, aspetto che vado sponsorizzando da tempo, capisco poco il tifoso viola che con l'avvento di Montella è diventato snob, capisco zero che il capo che si deve frugare e anche in profondità, si dica soddisfatto delle prestazioni sportive.
    Oddio, ognuno la felicità la trova come crede, ma un po' mi fa pensare, ci fa o ci è?

    RispondiElimina
  10. Lele, io credo si stia dando troppo risalto alle genovesi e credo anche sia un'arma a doppio taglio visto che tra un paio di mesi il Pollock ci sguazzerà felice e beato (prevedo almeno 5 Editoriali di perculeggio sfrenato).Gasperini non mi spiace ma la sua realtà sembra essere Genoa e nulla di più.Di Sinisa preferisco non parlare perchè, a mio parere, ha un solo lato positivo che è la grinta, per il resto è Anticalcio a livello amatoriale, è un Medioman più cattivo ma ci vuole pure poco.Genoa e Samp stanno trovando l'annata casualmente perfetta, hanno dalla loro la "pressione zero", la partenza senza aspettative e gli sta andando tutto bene.Sono episodi, un anno a loro, un anno il Verona, un altro il Sassuolo.Inoltre hanno alle spalle Società più o meno a livello della nostra e questo è l'handicap maggiore.La svolta DV è una, quello attualmente pagato per guardare, o prendono quella direzione o tutti gli anni saremo qui a ripetere le stesse cose.Noi si deve guardare a Roma (tanto per fare un esempio), non a Genova.

    RispondiElimina
  11. ...considerando allora che Montella va a napule e che comunque col napule si perde, tanto vale prendere Strama e se perde contro il napule non si scandalizzerà nessuno.

    RispondiElimina
  12. romano e coetaneo pure lui... sicuro di essere di Piacenza? ;-)

    RispondiElimina
  13. Pera chi? Ex Lucchese?

    RispondiElimina
  14. Oggi non mi va di fare il bischero, un abbraccio ad un grande, ciao Moreno...


    Ti stimo.







    http://sport.ilmattino.it/calcio/moreno-torricelli-l-amp-39-addio-al-calcio-dopo-la-morte-della-moglie/1050590.shtml

    http://www.ilmattino.it/FotoGallery_IMG/HIGH/20141205_25322_torricellif2.jpg

    RispondiElimina
  15. ..sicuro sicuro no, può anche darsi che l'aver vissuto l'adolescenza in Abruzzo confinante con le Marche abbia influito.

    RispondiElimina
  16. E intanto si apprende che Pradè frequenta Carminati...Pulizia, pulizia.

    RispondiElimina
  17. ..fosse uscita 2 anni fa questa notizia si era tutti sotto Rebibbia a chiedere la scarcerazione di Carminati....ma non li beccano mai quelli che dico io????

    RispondiElimina
  18. secondo GAT, il passaggio di Ilicic alla Samp "pareggia il tasso tecnico complessivo dei viola (ammesso che Marin dimostri la cifra minima di attitudini atletiche)".
    Personalmente penso che Ilicic alla Samp potrà fare bene, credo che sia un buon giocatore, semplicemente inadatto sia al nostro gioco sia alle pressioni e alle aspettative connesse a giocare a un certo livello, mentre in una squadra che gioca in spazi più ampi e senza obiettivi stagionali se non una comoda salvezza, avrà tutta la possibilità di dimostrare il suo valore.
    Ma dire che la Samp con Ilicic vale, come tasso tecnico, quanto la Fiorentina se non di più fa ridere. Fa davvero ridere.

    RispondiElimina
  19. ho letto bene? Le Marche? Eheheheheh

    RispondiElimina
  20. Fuori dal reale le bugie sono verità....Il calcio gonfiato (anche) di plus valenze sta presentando il conto a quasi tutte le squadre (Inter, Roma, Roma, Bologna, Siena...).
    Vero che ci sarebbe poco da essere contenti per la viola- due anni e mezzo di opportunità divorate per poco o per dabennadagine- ma da non snob voglio affermare che mi sta anche bene così.
    Non che io non sia ambizioso (cfr, rimprovero di Marco Siena al sottoscritto) ma dopo anni di lotte per la salvezza contro il Foggia, retrocessioni con VCG, atonia totale con Miha (rispetto per il serbo, comunque) e con la penuria di imprenditori dediti a una attività che fa salire la pressione e provoca ulcera (vedi alla voce "calcio"), io la vedo bene, la Viola.
    La nostra capacità di stare tra le prime 4 in Italia, equivale al miracolo del Chievo a stare in A.

    RispondiElimina
  21. Tra le elencate mancava il Milan.

    RispondiElimina
  22. Se il soggetto non fosse stato anziano, avrei pensato a Lapo...

    RispondiElimina
  23. Aridagli con l'anticalcio. Forse siete rimasti al nostro secondo anno, quando in effetti si faceva schifo, ma in un ambiente sabotato e marcio. Quanti e chi avrebbero fatto bene? Gli si dà un'etichetta, e vai. Io prima di giudicare la Samp l'ho voluta vedere, con Inter Milan Fiorentina, Napoli e ieri. Dov'è questo anticalcio? Non di certo uno che mette tre attaccanti veri sempre, una squadra che corre con un gioco pratico senza fronzoli, scarabocchi e piroette. Certo se si pretende di farne un Brasile con gli scarti che ha...poi Sinisa prima di tutto a Firenze sta sul culo, prima di riconoscergli qualcosa hai voglia, quindi minimizzano tutto il possibile. Intanto con quella squadretta, ce l'ha suonate ben bene e ci è davanti. Qui da noi siamo diventati tutti gauche caviar! Schifiamo i mediani, i centravanti, l'agonismo, la grinta, quale orrore! Diamo giudizi su chiunque ci stia antipatico, a prescindere dai suoi risultati, troviamo le scuse per Montella, i favori e il culo per tutti gli altri. Per me il leader dell'anticalcio, tolto il primo anno, è proprio lui, Montella. Dietro a Gasp e Sinisa con una squadra, anzi due, di valore triplo. A parte Eder, che prenderei di corsa e un po' Okaka, ditemi se vorreste UNO SOLO di quelli titolare con noi.

    RispondiElimina
  24. E' arcinoto (lo ha dichiarato lui stesso) che GAT non vede le partite di calcio. Ergo giudica per sentito dire. Nel suo caso, la fantasia prevale sulla realtà. Sempre. O quasi.

    RispondiElimina
  25. Lele, non mi far passare come sostenitore di Montella, ti assicuro che l'estate scorsa l'avrei liberato per Napoli prendendo UNO che era libero in quel e in questo momento (ma non so per quanto ancora), dico solo che il nome Sinisa è ricomparso da due anni ma nessuno ne parlava più, ad esempio, quando era a fare il ct in Serbia, di Gasperini si parla ora e se ne parlava ai tempi del primo suo Genoa, tra questi tempi è andato a far ridere all inter e, credo, al Palermo, lo scorso anno erano di moda Mandorlini e Donadoni, più indietro c'era Colantuono, ora Di Francesco, se subentrerà Ballardini non so dove e farà 10 partite utili si parlerà di lui.Fare miracoli quando sei sottoposto a pressione zero è molto più facile, cosa chiedevano all'inizio i tifosi liguri di entrambe le squadre? Una tranquilla salvezza, chiedi poco e magari ci scappa il tanto (ma è una stagione), ti dico anche che, a parer mio, Montella è allenatore di quella categoria.Per quanto riguarda Sinisa io la Samp non la seguo perchè già mi basta il pane secco che mi offre Montella, però ricordo, ad esempio, il Derby di Genova che vinse (irregolarmente) con un tiro in porta.Sono annate Lele, tranquillo che tra un paio di mesi di Genoa e Samp non sentirai più parlare.Sono comunque per cambiare il napoletano il prossimo Giugno, evitatemi però dei Guru di paese, evitatemi l'allenatore del momento, io ne voglio UNO e SOLO quello, mi accontento di un misero secondo posto e di mazzolare Madrid, Lione e Chelsea, non sono uno che pretende la luna.

    RispondiElimina
  26. Anche un orologio rotto due volte al giorno segna l'ora giusta...

    RispondiElimina
  27. Dopo Bernardeschi, tocca (modo molto minore) a Babacar.... Non se ne può più.....!!

    RispondiElimina
  28. Che palle, e pure lui in allenamento... Mi sa che il fato vuole che Ilicic continui ad avere delle chance di rivalutarsi

    RispondiElimina
  29. Il Parma...

    RispondiElimina
  30. SOPRA, avevo seguito l'affare Coop/Friuli-Venezia a Report. La Serracchiani si chiama fuori, lei che doveva controllare, girava l'onere dei controlli a terzi, quindi a suo dire non ha responsabilità. Ahahah! Expo, Mose, Roma, Coop e chissà quante sono quelle non emerse. E quando salterà fuori, spero presto, il pentolone pieno di sterco sulla lottizzazione e nuovo stadio a Tor di Valle, allora sì, altro che Carminati! Senza contare che abbiamo i killer della Troika che ci derubano da anni e continueranno a massacrarci con la complicità dei nostri politici traditori della Patria.
    Forza Salvini.

    RispondiElimina
  31. eh sì, Salvini, l'uomo che nel suo primo anno di mandato parlamentare, tra il 2008 e il 2009, è riuscito a votare la legge 133 che ha distrutto l'università pubblica, i piani per il post-terremoto all'Aquila (probabilmente il caso più immorale e vergognoso di corruzione e distruzione totale del territorio e delle sue comunità nella storia recente), la privatizzazione dell'acqua e il lodo Alfano per parare il culo a B.
    Lui sì che può salvarci dai traditori della patria! Coadiuvato tra l'altro da un partito la cui interessa classe dirigente lombarda è sotto processo per corruzione mentre quella veneta ha governo per 20 anni a sostegno di quei Galan e Chisso oggi sotto processo per aver svenduto le opere pubbliche al miglior offerente in tangenti...
    Se la salvezza è Salvini, povera patria.

    RispondiElimina
  32. L'Inter a gennaio non comprerà nulla. Non potrà farlo.
    L'Uefa ha giudicato inopportuno l'investimento (globale) di 30 milioni di euro (tra quel che dovrà a Mazzarri- se non si accasa- e quello che dovrà a Mancini!) e si prevede sanzione economica entro l'estate.
    Paolillo, un ex, (ascoltato alla radio, intervistato) ha affermato "Con la spesa di Mancini, potevano acquistare due calciatori".
    Di fatto anche andando male, malissimo, l'Inter non potrebbe prendere un altro allenatore.
    Non ha presentato piano di sviluppo economico attendibile (sempre all'Uefa), non ha presentato (unica!) dati sugli abbonati.
    Il Biscione é andato dalla padella nella brace e sembra che sarà difficilissimo per loro operare sul mercato anche in estate (a meno che non vendano alla grande).
    Idem per l'Italia il Parma: oltre il punto in meno ne arriveranno altri di penalizzazione (Irpef non versata 2013, contributi non versati ai calciatori da un anno, più stipendi arretrati). Chiunque arrivi dovrà pagare anche gli arretrati, se vorrà partire con la squadra (al Padova preferirono il fallimento totale per poter ripartire con zero debiti!). I capitali russi potrebbero essere a rischio embargo (come altri prodotti), così come i capitali russi a Cipro sono sotto osservazione (tutti, in generale) dalla Ue, cause provenienze illecite (riciclaggio, etc.).
    Il FairPlay da fastidio ma prima o poi arriva e frena o ferma le squadre...piano, lentamente ma arriva.
    Il Psg non ha preso Di Maria per blocco imposto dalla UEFA, ad esempio...
    Quindi, mi tengo i DV (che tengono al FP), ed eventualmente non avremo mai problemi con l'Uefa.

    RispondiElimina
  33. Vita, abbiamo nel passato 2 milioni di casi di allenatori fenomeni in una città e macchiette l'anno dopo o viceversa, ricordo il Mazzarri che ha compiuto un miracolone a Reggio e che fece beniccimo alla Samp, adesso è diventato un povero coglione, ricordo Donadoni cacciato da Napoli e diventato fenomeno a Parma, ricordo il grande Del Neri di Verona e Genova diventato lo zimbello a Torino, citiamo anche Medioman, fenomeno (per qualcuno) a Firenze e ridicolo nel resto del mondo..cioè...allora a tutti potremmo trovare l'alibi, la scusante, l'ambiente, tutto quello che vuoi...parliamo di antipatia verso Sinisa? E allora perchè non si nomina mai Delio Rossi che, con Amauri e gli altri manco mi ricordo ci portò alla salvezza vincendo a Milano e Roma? Chi dei nostri grandi Tecnici Emergenti ha mai vinto a Roma negli ultimi anni? Ci salvò pure Rossi ma di Rossi non si parla e non si accenna alla squadra che aveva in mano (al pari di Sinisa).Insomma, UNO e UNO SOLO non ha MAI fallito (ah già ma a Roma arrivava solo secondo, è vero), su quello bisogna puntare se si vuol cambiare il (nostro) mondo, il resto è fuffa, fanno volume ma sono nulla che si chiamino Sinisa o Mandorlini.Il fatto sai cos'è? Il fatto è che le due faine hanno bisogno di un SignorSI, uno che avvalli le loro scelte di mercato, un qualsiasi disperato che ha bisogno di portare a casa la pagnotta e allora firma senza neppure sapere come lavorerà.Io dico che con Lucian ONE si spende come ingaggio ma alla fine si risparmia su tutto il resto della rosa, basta lasciarlo fare e lasciarlo scegliere.Con 2 dell Entella e 3 del Trapani ribaltiamo il sistema.Dura farglielo capire.

    RispondiElimina
  34. Un politico che nasce con la Lega di Bossi, che doveva ripulire il paese, poi trovata con le mani nella marmellata, ovvio che errori ne ha fatti. La Lega non l'ho mai votata, ma ha anche espresso realtà gestionali locali molto apprezzate. Per tornare a Salvini, non so che lavoro fai, io nella mia storia professionale di errori ne conto molti, quindi non mi ergo a giudice se anche lui ne ha fatti. Da quando è il leader esprime pensieri simili alle mie convinzioni, ultimo temporalmente, l'assurdo embargo verso la Russia, voluto da Obama, che penalizza moltissimi imprenditori italiani. Il potere cerca di discreditarlo come fascista, per me è l'unico che non gira intorno ai problemi, perché giustamente vede nell'UE il cancro che ci uccide. Povera Patria è già con il PD. Peggio non si può.

    RispondiElimina
  35. stai praticamente dicendo che un cialtrone complice in tutto il marcio che ci ha portato fin qua, se riesce a smarcarsi per qualche settimana e a sparare qualche slogan a cazzo perché ha annusato che c'è una nuova nicchia di elettori da abbindolare, è il salvatore della patria. Mah. Continuiamo così, facciamoci del male...

    RispondiElimina
  36. Ma fatti te del male. Uno che difende gli italiani sarebbe uno slogan del cazzo? E dovrei stare in un euro che ci ammazza perché Prodi Napolitano Monti Letta Renzi ci vogliono imporre il regime tedesco? La Lega i provvedimenti criminali di Monti Letta e Renzi non li ha mai votati. Quei renziani inciuciati con Alfano che danno 30 euro al giorno ai clandestini che si spacciano rifugiati di guerra, ma che vengono da paesi dove la guerra non c'è, ma che tagliano i 270 euro al mese ai portatori di handicap come la Sla? Quello che fa manovre senza copertura se non con aumento di tasse? Graaaaaande Renzi!

    RispondiElimina
  37. E comunque, certo che la penso come lui, o se vuoi come la Meloni, un'altra che di errori ne ha fatti, e allora? Portami uno che mi trascina fuori dalla UE sedia elettrica e sto per lui. Chiunque si ribelli al regime. Se a te piace morire di morte lenta ma certa, ok, i gusti sono gusti.

    RispondiElimina
  38. Zeman, io personalmente non ho mai apprezzato nessuno (Spalletti a parte) tra tutti questi allenatori che hai nominato, perchè do importanza alla continuità e penso che nei loro alti e bassi non ci sia nulla di fenomenale. Di Mazzarri ne scrivo male non da ora ma dai tempi della Samp, di Mancini ne scrivo altrettanto male dai tempi degli pseudoscudetti con l'Inter post-Calciopoli (ma ne parlo male da tempi in cui ancora non andavo su fi.it, ovvero dall'anno in cui allenava proprio noi).

    RispondiElimina
  39. eh vabbé, chi è non d'accordo con il pagliaccio servo del sistema Salvini va accusato delle cazzate di Renzi. Complimenti per l'argomentazione. Ciao.

    RispondiElimina
  40. "E' il momento più magico dell'anno, stiamo vicini ai nostri bambini"
    © Mauro Biani

    Spieghiamo loro a cosa servono i tombini di ghisa.

    RispondiElimina
  41. Estremismi italiani.............!

    RispondiElimina
  42. L'argomentazione è che il blocco verso la Russia, assurdo politicamente, attuato per la consueta genuflessione verso gli USA, ha penalizzato l'export in quel paese e a me personalmente più 300 mila euro di fatturato. Ti basta come argomentazione? Il primo colpevole è Renzi che non difende gli interessi italiani, l'unico che lo fa è Salvini e per me viva Salvini come chiunque ci veda fuori dal regime Europa=Germania, dunque anche Le Pen. Ciao a te.

    RispondiElimina
  43. stefano vienna9 dicembre 2014 18:08

    Non per far polemica a tutti i costi, ma anni fa Firenze si divideva su Rui Costa, che, ad essere a manica stretta stretta, qualche piccolo limite l'aveva pure. Oggi invece Firenze si innamora di Mati Fernandez e di Valero. Sarò io che sono diventato vecchio, ma se venerdì sera ci fosse stato Rui Costa mandava due/tre volte Gomez davanti alla porta. E non che Mati qualche occasione per fare l'ultimo passaggio a modino non l'abbia avuta, ma invece una volta corta una volta lunga, una volta troppo a destra una troppo a sinistra.


    Ma senza scomodare Rui Costa, il tanto bistrattato Ilicic per me è più forte di un centrocampista alla Mati, almeno lo sloveno ogni tanto s'inventa qualcosa. Speriamo in Marin, ma di quest'andazzo temo che non lo vedremo molto spesso. Al posto di chi dovrebbe giocare: il funambolo Mati o l'eroico Valero?

    RispondiElimina
  44. Sono ogni giorno più convinto del fatto che, per la prima volta in vita mia, alle prossime elezioni, me ne starò a casa. Preso dalla disperazione avevo deciso di dar fiducia ai pentastellati nelle due ultime tornate. E come me tanti. Ma il problema lo sapete qual'è? E' che, parlando a destra e a manca con quelli che avevano fatto la mia stessa scelta ritrovo, più o meno, le parole che usa Lele nei suoi post qua sotto. Dico "problema" non certo perchè non condivida quanto ci sia scritto, anzi, il "problema", appunto, è proprio il fatto che il malumore, le palle piene, la voglia di liberarci da questo schifo sempre più compatto e quotidiano sta traslando da Grillo a Salvini. La paura di vedere, per l'ennesima volta, un nulla di fatto, anche con gli ottimi risultati che probabilmente la Lega prenderà alle prossime elezioni politiche per me è ormai troppa. O, forse, più che paura dovrei utilizzare il termine più appropriato e preoccupante: rassegnazione. La mia e quella di tanti, troppi italiani. I dati sull'affluenza alle urne sono forse il risultato più importante che si continua a far finta di non vedere...

    RispondiElimina
  45. Non possiamo cambiare gli italiani, quindi cambiamo il capo del governo.

    Dal Berlusca a Renzie come da Mazzarri a Mancini, da asiniS a Perdelio.

    Nel frattempo, vagamente consapevoli della vicinanza del burrone e della nostra inane impotenza, ci distraiamo devastando locali e povere malcapitate quaglie impagliate con la scusa di fare festa.

    RispondiElimina
  46. Vista l'ennesima tegola in attacco che questa volta colpisce Babacar, vediamo se Ilicic coglierà questa nuova opportunità. Speriamo.

    RispondiElimina
  47. Oh, siete belli caldi oggi, eh?
    Beati voi, io mi sono gelato le palle con un motore fuori dal capannone eheheheh
    Intervengo solo sul pallone, di altro non riesco. Come ho detto ieri, in modo abbastanza mal spiegato, io penso che le genovesi siano lì per una congiunzione favorevole che nasce dai problemi di programmazione di quelle squadre che dovrebbero essere di fascia superiore.
    Tra squadre costruite senza uno straccio di progetto tattico ( milanesi ) o che non riescono ad apportare correttivi a lacune storiche ( noi è il Napoli) , possono inserirsi formazioni poco dotate dal punto di vista della cifra tecnica, ma costruite con criteri semplici ma funzionali. Ed è quello che sta succedendo, secondo me. Paradossalmente sono convinto che sia più facile mandare in campo il Genoa che il Napoli, noi o le milanesi. Questo non vuol dire che Gasp e Miha siano dei mediocri, però. Gasperini è allenatore preparato, tarato per campionati tranquilli e squadre da minimo sindacale garantito. Non è attrezzato per panchine importanti che gli diano aut aut sui risultati, è abbastanza integralista su un certo tipo di modulo, però, nel suo ambiente, riesce a far quadrare quai sempre il cerchio.
    Miha è cresciuto dal punto di vista tattico, particolare che ora sfrutta almeno alla pari di quello motivazionale che era il suo punto forte e che da noi ha fallito a causa di uno spogliatoio infettato. Allora, però, aveva grosse lacune, figlie anche dell'esperienza avuta come secondo di Mancini, ovvero l'allenatore tatticamente più scarso mai visto da noi in Italia. A Firenze, a me, ha dato l'impressione di avere solo in'infarinatura elementare del mestiere di tattico. Moduli basilari e poco centrati, del tutto privi del " contorno" di movimenti e schemi.
    Adesso sta dimostrando di aver imparato molto e di saper riconoscere, in base alle caratteristiche dei suoi giocatori, i compiti da assegnare. Rimane un motivatore, ma ora riesce ad integrare la cosa con una certa sapienza tattica. Potrebbe allenare questa Fiorentina, con questa rosa? No.
    Ma probabilmente, questa rosa, non l'avrebbe neanche avallata. Troppo fuori da certi schemi la rosa e ancora non completo lui. Comunque, alla fine, i valori tecnici usciranno fuori, come quasi sempre succede in campionati lunghi e tosti come il nostro. L'Europa league sarà un bel traguardo e certi giocatori si accontenteranno. E noi festeggeremo il terzo posto.

    RispondiElimina
  48. stefano vienna9 dicembre 2014 18:18

    Su Salvini mi intrometto nella diatriba: se continuiamo così non ha senso restare nell'euro, ha ragione Lele. Io sarei per minacciare seriamente i tedeschi. Bisognerebbe che tutti i partiti -e soprattutto i leader maggiori- si mettessero seduti intorno ad un tavolo e prepassero una strategia seria per costringere i tedeschi a riscrivere tutta l'architettura dell'euro. Se non accettano, si minaccia l'uscita unilaterale. Forse a quel punto i tedeschi calerebbero le braghe. In questo senso, dubito che un leader come Salvini arrivi al 50% e possa poi decidere unilateralmente di uscire dall'euro ammesso che abbia le palle per farlo.


    Siamo notoriamente un popolo che si divide su tutto, figuriamoci sulle decisioni strategiche vitali. Per una volta, uniamoci.

    RispondiElimina
  49. Passando al faceto, ma poi non tanto, farei di tutto per far rientrare, in qualche modo, Eder nell'affare Ilicic per gennaio, ma anche a giugno prossimo se non fosse possibile. È tanto che mi convince e quest'anno mi pare ancora migliorato.

    RispondiElimina
  50. iniziavo a stare in pensiero, 3/4 settimane senza nessun infortunio mi sembravano già troppe... una capatina a Montenero che s'ha a fare?

    RispondiElimina
  51. Eder a me è sempre piaciuto, non un campione, ma nella nostra rosa d'attacco ci starebbe benissimo...Mi dispiacque quando sfumò l'affare con lui molto giovane, mi sembra che era praticamente già nostro e ce lo facemmo soffiare dall'Empoli, ci vedevo del buono.

    RispondiElimina
  52. E' vero, il suo comportamento da ex è inappuntabile. E' una cosa che avevo notato anche io e che mi fa molto piacere, anche per questo mi sto ricredendo sul personaggio. Fino ad adesso sta facendo un gran lavoro, se non gli smontano la squadra a gennaio potrebbe essere un osso duro sino alla fine.

    RispondiElimina
  53. Fu Corvo che lo mollò e lo lasciò a Vitale. A me non innamora, non è più giovanissimo e, ora come ora, la Samp è giocoforza una bottega cara... Se poi ci stanno a fare uno scambio alla pari con il biodano allora...

    RispondiElimina
  54. Sai una cosa? Prima che divenisse premier, parlai con un collaboratore vicinissimo a Renzi, che mi spiegò la tua ipotesi, che condivido, come l'allora convinzione dello stesso Renzi. E per questo all'interno di questo blog, scrissi che rappresentava l'ultima speranza per l'Italia. Arrivato in qualche maniera al comando, le sue ipotetiche intenzioni si sono arenate nel piacere della frequentazione dei palazzi buoni del potere, di cui ciba il suo ego smisurato, potere mai combattuto se non lontano da Bruxelles e soprattutto solo a parole.

    RispondiElimina
  55. stefano vienna9 dicembre 2014 18:31

    Sulla debolezza delle altre siamo tutti d'accordo, ma a noi manca più di qualcosa là davanti. Servirebbe un attaccante che abbia il guizzo (le altre uno o due giocatori del genere ce l'hanno). In alternativa, visto che Gomez deve essere messo nelle condizioni di segnare, servirebbe un trequartista che abbia nelle corde l'ultimo passaggio. Ecco, noi non abbiamo nè l'uno nè l'altro. Forse il trequartista potrebbe essere Marin oppure che si aspetti il ritorno di Rossi.


    Ma così diventa difficile recuperare i punti persi finora anche se davanti ci sono squadre complessivamente meno forti.

    RispondiElimina
  56. Dice che oltreché diritto, votare è anche un dovere, scritto nella Costituzione.
    Io ho scelto casa mia all'ultima tornata.
    Non ne sono profondamente convinto, ma lo "schifio" mi ha sopraffatto letteralmente.
    Mettere la scheda nell'urna (anche votando scheda bianca), fornire il documento, firmare il verbale, mi sono apparsi come atti automatici, inutili, svuotati del loro vero contenuto e diventati funzionali semmai ad una conferma di consenso comunque positivo verso un sistema da cui non ho più voglia di farmi prendere per i fondelli.
    Qualsiasi sia il mio modo di pensare, qualunque preferenza esprima, ho oramai la certezza di contribuire, senza scampo alcuno, alle immani porcherie cui ormai la politica di questo paese ci ha abituato.
    Ho vissuto la mia adolescenza nei '70 ed allora, come adesso, l'unico valido slogan rimane "Né con lo Stato né con le BR".

    RispondiElimina
  57. Ottimo, Foco condivido praticamente tutto e mi associo ai festeggiamenti per il terzo... posto, eheheheh

    RispondiElimina
  58. Bella Zaph, hai illustrato alla grande il mio stato d'animo in merito e che, ahinoi, credo sia quello di almeno il 40% degli italiani...

    RispondiElimina
  59. Eder è cambiato negli anni. Ad Empoli e prima, era un'ala. Adesso può fare la prima e la seconda punta. All'epoca del Corvo era molto meno buono.

    RispondiElimina
  60. E' una seconda punta, segna in genere pochino, ma quello che mi piace è che impegna sempre allo stremo le difese, è veloce, e apre molti spazi per i compagni, oltre a tirare bene dal limite. Nella rosa d'attacco, ripeto, lo vedrei bene, ma non ho idea di quanto chieda la Samp...

    RispondiElimina
  61. stefano vienna9 dicembre 2014 18:45

    Ci avevo sperato anche io e credo veramente che, come mi confermi, quella fosse la strategia di Renzi. Purtroppo a quei livelli devono essere molto, ma molto convincenti -stiamo parlando di interessi finanziari enormi. Il dubbio è che, una volta lassù, chiunque vada, poi le buone intenzioni si sciolgano come neve al sole.


    E a questo punto, all'interno di una democrazia rappresentativa, chiunque arrivi lassù investito di qualsivoglia velleità riformatrice vera dal voto popolare rischierebbe di diventare in un batter d'occhio il nuovo Monti. Anche su uno Tsipras o un Salvini non ci metterei la mano sul fuoco.

    RispondiElimina
  62. sì, dipende tutto dai soldi, as usual; penso che se a gennaio ci presentiamo e lo chiediamo ci prendono per il collo, ha fatto diversi anni tra A e B, buoni rendimenti in squadre di medio-basso cabotaggio... il salto di qualità sembra averlo fatto quest'anno, se ci stessero a fare uno scambio alla pari con Ilicicce ... ma non credo siano così fessi, eheheheh...

    RispondiElimina
  63. vero, come scrivevo sopra è il classico giocatore che ha avuto bisogno di più tempo per maturare ed arrivare al massimo delle proprie potenzialità, adesso in effetti è più completo ma credo che la Samp lo valuti almeno 7/8 milioni, così, a naso... ci conviene?

    RispondiElimina
  64. stefano vienna9 dicembre 2014 18:58

    Insomma per un vero cambiamento o arriva uno statista integerrimo, quasi un santo, oppure un tiranno fuori di testa. Mi sa che non arriva nessuno dei due e che le cose continueranno a peggiorare sine die.

    RispondiElimina
  65. Monti era già pro euro, elitario come formazione, uno che spregiava il popolo, un falso che ha fatto danni inenarrabili, uno che viveva per il rigore, altrui, che su tutti ha fatto credere il vero problema fosse lo spread, quando oggi ridotto a circa 130 cosa è migliorato? La vera economia scende a picco, mancano lavoro, produzione e consumi, ma le borse sono piene di soldi, segno che l'EU è una manna per gli speculatori. Poi ovvio che la mano non ce la metto né per Salvini, né su alcuno, ma altrimenti? Intanto guardo con interesse e tifo cosa succede in Grecia.

    RispondiElimina
  66. No, Zaph, allora i rischi erano molto minori, oggi la lotta è per la sopravvivenza. Moralmente ti capisco e approvo, ma scegli il tuo meno peggio, perché è in atto una guerra che tanti non hanno compreso perché gli italiani hanno ancora delle riserve. Ma sempre guerra è ed il nemico è il regime dei banchieri.

    RispondiElimina
  67. Lele, per me possiamo ancora riprovare e darlo, stavolta, a Salvini. Mi piace, però mi piaceva anche Grillo... Quanto potrà prendere mai? Il 20, il 25%? Non cambierebbe nulla, perchè ci saranno sempre il PD, Berlusca e tutti gli altri paraculi che chiedono qualcosa in cambio sennò ti gambizzano. Se non lo fanno per nulla... Intanto, se non sbaglio, hanno approvato, o stanno per approvare, la diminuzione della soglia di sbarramento... L'unica soluzione, estrema, è che si avveri la frase tanto qualunquistica quanto realistica: "Bisogna che si alzi un matto, una mattina..."

    RispondiElimina
  68. Per 7/8 milioni no, visto anche che ha 28 anni...

    RispondiElimina
  69. Magari non per il Requiem di Lud...

    RispondiElimina
  70. Venerdì scrissi che se avessimo battuto i gobbi avremmo chiuso l'andata terzi. Il pari ha un po' frenato la mia fantasia, ma poi il pari del Napoli l'ha riaccesa, facendomi rivalutare il nostro 0-0 contro le merde. Abbiamo 5 gare favorevoli, poi la Roma in casa, poi andiamo dal Genoa: con 15 punti (su 21, non pretendo il punteggio pieno...) di cui almeno 1 in casa del Gasp, se recuperassimo Pepito... Ma recupera??

    RispondiElimina
  71. LOUIS, il matto non lo faranno alzare mai; la tattica di anestetizzare il popolo sta funzionando, tutti (o quasi) si stanno accontentando "di avere un lavoro", di sbarcare il lunario. Non c'é più entusiasmo per nulla, le auto in strada "usate" iniziano ad essere tantissime, le piccole moltissime, le cinesi e le giapponesi avanzano senza problemi sul mercato.
    Il recupero crediti per un debito che invia ti "offre" uno sconto del 45% se paghi in una unica soluzione (conviene non pagare e attendere il Factoring!!), gli italiani che non ti aspetti sono dentro i megastore cinesi, la gente comoda scarpe tarocche per strada- senza più guardarsi intorno.
    Carrelli, al supermercato, raramente carichi e dentro il necessario.
    L'italiano non spende più per il superfluo, per il voluttuario, e spesso il superfluo era necessario (un massaggio alla colonna vertebrale sarebbe superfluo- se non lo ordina il dottore- eppure ce lo concedevano, le finanze), i centri abbronzatura stanno chiudendo, i parrucchieri fanno join-venture, per spedire un cartone di merce all'estero un commerciante/imprenditore deve riempire 20 moduli, la gente acquista le gomme per auto al supermercato (!!!!), il 30% delle autovetture italiane non ha l'assicurazione, fioccano i 3x2, i 5x3, le finanziarie se non paghi l'auto neanche la ritirano ma ti chiedono "Decida lei...come vorrebbe pagare?", chi ha un mutuo chiede la sospensiva, le bollette delle utenze hanno appena il 55% di reale consumo- il resto tasse, accise, anticipi di..., servizi, arrotondamenti, consumo presunto.
    In tutto questo i politici continuano a saccheggiare i soldi pubblici, al massimo se vanno dentro patteggiano e te li ritrovi tra i piedi! Tre vertici romani (vedi Report) condannati per danni erariali (circa 260 milioni di euro) rimessi in carica alla guida di "soldi pubblici", Galan arresti domiciliari in casa (500 mq, più bosco) completamente restaurata con soldi pubblici e acquistata con il 70% in nero (conclamato!!).
    E a chi dovrei pagare le tasse io?? Per chi? Per chi passa a ritirare la mia immondizia, tutta divisa e poi la caricano insieme in un grande tir???
    Per chi!? Per chi non ripara strade con buche da anni? Per chi? Per chi non usa i fondi per Genova perché manca una firma?
    Per chi pagare le tasse? Per gli organi del CSM che costano il quadruplo dell'analogo inglese e tedesco? Per chi? Per dare al figlio di Napolitano 60.000 euro al mese? Per chi? Per tutto l'entourage di Renzi messo a capo di istituzioni senza averne neanche i requisiti? Per chi? Per chi prende vitalizi da 7 o 8000 euro al mese? Per chi? Per chi indice consigli comunali alle 23,30 cosicché dopo la mezzanotte hanno doppia diaria? Per chi? Per lo stato che vorrebbe il mio 60%? Per chi? Per sindaci che viaggiano con auto di servizio anche per andare alla partita di calcio? Per chi? Per chi prende 4.000 euro per i portaborse, quando Le Iene hanno dimostrato e ridimostrato che i portaborse non ci sono, non esistono?!? Per chi? Per chi non paga neanche treni e autobus, e perché?? Per chi? Per chi vuole schedare i poliziotti mentre i dimostranti "non si possono toccare"? Per chi? Per uno che assale un'auto (vicenda Salvini) e non va neanche dentro? Per chi? Per chi mi fa assalire ai semafori dagli zingari? Per chi? Per chi non tutela i cittadini? Per chi? Per chi condanna uno che si difende da una rapina "per eccesso di difesa"?? Per chi? Per chi con gli autovelox ha deciso di fare cassa anche dove non si può? Per chi permette di vendere oggetti-fiori, scarpe, etc. Senza ritegno,per strada mentre chi paga le tasse e il suolo do negozio e l'affitto sta nelle regole?..non li reggo più........................bastaaaaaa? Scusate.

    RispondiElimina
  72. Giochino: quali delle principali figure dello staff confermereste, e quali no [molte altre scelte vengono di conseguenza]?


    * Montella 80% sì [non vedo emergenti migliori di lui, anche se a livello di gioco e di umanità mi incuriosisce Sarri, sta giocando senza Rossi e con un Gomez solo ora in relativo recupero, ecc], 20% no [Manca ad ogni modo il gioco d'attacco e dopo tre anni è grave, ma Bielsa e Spalletti non credo siano disponibili, come altri grossi nomi]

    * Pradè 20% sì [ha relazioni con importanti club della Premier e si sa muovere], 80% no [sbaglia costantemente la scelta dei giocatori in larga parte, come del resto a Roma, e un amico dei mafiosi io a Firenze non lo voglio, come non vorrei De Rossi]
    * Macìa 100 sì [capisce di calcio come pochi, scegli bene i giocatori quando glielo permettono, è persona squisita che può far crescere culturalmente tutto l'ambiente]

    RispondiElimina
  73. E poi stacco: @ Deyna. Su Montella: questo è il terzo anno di gestione, gli ho concesso attenuanti per tutta la passata stagione perchè le meritava e giocare un campionato intero senza Gomez e metà senza Pepito sono macigni per chiunque. Ma, dopo quasi tre anni, non si vede uno sviluppo, non solo offensivo, dei bagliori della prima stagione, anzi. In casa non vinciamo praticamente mai, soffriamo maledettamente le difese chiuse, la classifica non cresce di pari passo col progetto tecnico, sempre che ce ne sia uno. Anche dal punto di vista della mentalità, ed era proprio lì che mi aspettavo un cambio di passo, siamo ancora su frequenze piuttosto basse, squadra femmina, insomma. Per me, salvo cambi di marcia che ci facciano concludere la stagione con il terzo posto e magari una coppa italia (non pretendo l'altra, troppo difficile) gli estremi per cambiare, nell'interesse di ambo le parti, sia chiaro, ci sono tutti. Non è detto che, senza scomodare il Luciano, uno Iachini o un Sarri, con un nuovo DS che cambi anche radicalmente la gestione dell'area tecnica, magari anche rifondando una buona parte dello zoccolo duro della squadra, faccia peggio del napoletano.

    RispondiElimina
  74. http://www.gazzetta.it/include_hp/VideoWall.shtml?pos=0

    RispondiElimina
  75. Vabbe' però hai incontrato Pierini. Fattelo bastare. E paga la Tasi

    RispondiElimina
  76. Per me , andasse via Ilicic a gennaio, servirebbe una seconda punta briosa. La coperta è corta in attacco

    RispondiElimina
  77. ahahahah, pago, pago... fosse il male della Tasi...

    RispondiElimina
  78. Statista integerrimo?!? Vado a vedere sul vocabolario che significa

    RispondiElimina
  79. Già si conosceva dal '76 l'andazzo romano

    https://www.youtube.com/watch?v=euZRB-QzK6A

    RispondiElimina
  80. Ahah, mi concentrerei più su questo però:

    http://video.gazzetta.it/allenamento-militare-olympique-marsiglia/e507754e-1b8a-11e4-bbc2-3dee5c6b0964

    RispondiElimina
  81. Montella 50%. Per me una prima stagione ottima per risultati e gioco, una seconda con più ombre che luci nel gioco (con notevoli responsabilità sue) ma non proprio fallimentare nei risultati (nonostante l'alibi indiscutibile dell'attacco pesantemente menomato), una terza cominciata un po' in sordina sulla scia degli stessi fattori della seconda (infortuni e fissazioni sue), ma forse in ripresa e forse riaperta, quindi mi riserverò il verdetto per maggio.
    Su Pradè e Macia ho un po più di difficoltà a dire chi sì e chi no, perchè dovrei sapere con precisione chi ha scelto questo o quel giocatore. Per i ruoli che hanno e per le loro carriere pre-Fiorentina, a Macia attribuirei sicuramente Roncaglia, Gonzalo, Compper, Rebic, Wolski, Brillante, Alonso, Iakovenko, Hegazy, Vecino, Basanta, Tatarusanu, i vari slavi della Primavera. Pradè credo conosca solo quelli della Serie A e della Champions, quindi pensi gli si debbano attribuire Montella, Pizarro, Toni, Viviano, Tomovic, Gomez, Matri, Sissoko, Anderson, Ilicic. Poi ci sono Cuadrado, Borja, Mati, Aquilani, Joaquin, Kurtic, Richards, Marin, Badelj e Pepito che potrebbero essere dell'uno come dell'altro, forse della sinergia di entrambi. Se così stessero le cose: Pradè 60%, venendo da Roma anzichè da Lecce si porta dietro una rete di contatti con le big europee, ma con gli acquisti un po' ci indovina un po' no. Macia 60%, ottimo conoscitore di co-titolari sparsi nel mondo a prezzi più vantaggiosi di pari-livello italiani, ma come talent-scout mi lascia rimpiangere chi aveva portato Jovetic, Ljajic, Nastasic, Babacar e Neto. Entrambi da tenere solo se gli acquisti dell'uno convincono anche l'altro, presi singolarmente discreti ma non insostituibili, anche valutando le loro storie a Valencia-Liverpool-Atene e Roma.

    RispondiElimina
  82. Io non sono portato a sbilanciarmi troppo, perché certi giudizi, nel calcio, possono essere smentiti nell'arco di poche partite. Montella ha dalla sua un terzo posto rubato in maniera eclatante e un quarto posto raggiunto in mezzo ad una annata in cui ha fatto degli errori e delle cose buone, il tutto in mezzo ad una serie di eventi che avrebbe mandato ai pazzi allenatori con molta piu gavetta di lui. Poi penso che il nostro quarto posto fosse proporzionato alle nostre forze, al netto di Rossi e Gomez. Qualcuno poteva fare di meglio a livello globale? Mi pare poco probabile. Io ho sottolineato sempre quelli che mi sono parsi errori del tecnico, ma, in un giudizio complessivo, non mi sembra che l'allenatore sia stato un freno per una squadra delle nostre capacità tecniche. Per me, con questa squadra possiamo giocarci il terzo posto, il che significa che lo possiamo raggiungere o arrivare quarti, cose che, se accadranno, significheranno che ,ancora una volta, il tecnico avrà portato la squadra a dare il massimo delle sue potenzialità.
    In caso contrario, si potrà parlare di eventuale fallimento di questa annata.
    Riguardo ai direttori, io non capisco dove possiate individuare il lavoro di Pradè o quello di Macia e gli errori dell'uno o dell'altro. Io ancora non ho capito quali operazioni siano dell'uno o dell'altro.
    In generale penso che siano due dirigenti costretti, da un budget che non supporta certe pretese della società e della piazza, a camminare sempre sul filo tra la genialata ed il fallimento. È un rischio che hanno accettato di correre per non portare in Viola novelli Munari e avere almeno la possibilità di arricchire tecnicamente la squadra, a cifre poco sopra lo zero. Personalmente preferisco le scommesse ad una mediocrità sicura. Inoltre Pradè è il principale artefice dei milioni arrivati dai lasciti di Corvino, milioni non giustificati dai valori, come abbiamo visto.
    Ci giocheremo il terzo posto contro una squadra che ha un centravanti costato come due volte il nostro mercato di quest'anno, di qualcuno il merito sarà, o no?

    RispondiElimina
  83. Beh in effetti, anch'io ho premesso che vivisezionare gli acquisti come scelta dell'uno o dell'altro non è opera semplice. Ho provato a ipotizzare qualche deduzione ripensando alla tipologia di acquisti che entrambi facevano nei rispettivi ex club. Convinto, ad esempio, del fatto che Pradè non conosca minimamente un giocatore del Monterrey o del Sidney. O che Macia, più volentieri che spendere 9 milioni per il buon Ilicic da quel piazzista di Zamparini, cercherebbe di portare un Brahimi (oggi al Porto, l'anno scorso al Granada) dalla bassa Liga alla metà del prezzo dell'ex rosanero. E convinto anche -purtroppo- che l'anno scorso nessuno dei due avrebbe avuto l'ardire di offrire 9 milioni per l'ancora inesploso (e retrocesso) e sconosciuto Dybala, come invece fu fatto anni fa per Jovetic. Torno comunque a darti ragione se rileggo la mia lista di quelli che non saprei a chi dei due attribuire: la maggior parte degli acquisti più azzeccati rientra in tale lista. Ricordandoti però che nel Liverpool di Macia la stella era uno cresciuto nel settore giovanile, nella Roma di Pradè idem, e che la Fiorentina in due anni e mezzo di Pradè-Macia non ha ancora visto un giovane craque, se non tra i lasciti di Corvino, a cui tra l'altro dobbiamo anche il fatto di avere un portiere.

    RispondiElimina
  84. Non mi riferivo al tuo post, Vita, ma in generale. Io giudico il loro primo anno un miracolo tecnico ed economico, che ha permesso una rifondazione totale di una squadra a zero euro, garantendo anche valori tecnici buoni e duraturi. Sono stati presi giocatori considerati scommesse come nel recente passato e il tecnico li ha saputi far rendere al loro meglio.
    Non ho memoria di operazioni del genere fatte da altri con risultati simili. Magari con settanta, ottanta milioni a disposizione avrebbero dimostrato di non essere all'altezza, ma manca la controprova adesso e credo, ahimè, che mancherà sempre. Corvino diceva di dover friggere con l'acqua, ma mi sembra che questi con l'acqua ci abbiano fatto pure il dolce.
    Non mi innamoro di nessuno, ma sono convinto che il loro lavoro sia molto meno facile di Sabatini, Marotta, Bigon da un lato e di tutti quelli a cui non viene chiesto niente oltre assemblare una squadra capace di non retrocedere nel girone d'andata, nell'altro.
    Marin, ad esempio, è un calciatore che se fosse stato bene, avremmo visto solo nelle serate di Champions, se è con noi è perché ha il cinquanta per cento di possibilità di tornare un fattore, il rischio che non sia più lui è minimo di fronte alla possibilità di ritrovarsi un campione rinato con cinque milioni di riscatto. Le alternative sono poco superiori al prestito di Marrone, mi sembra.

    RispondiElimina
  85. Louis se io devo cambiare Montella per prendere Jachini o, peggio ancora, Sarri, mi tengo Montella. Questo a palle ferme, se poi l'ambiente si è usurato ed i rapporti guastati allora cambiare necesse est, ma non ne vedo per ora i segni.

    RispondiElimina
  86. Te l'ha detto Louis. Il Corvo l'aveva già preso e lo lasciò a Vitale per l'esosa somma di 600000 euro di cartellino.

    RispondiElimina
  87. Che segna pochino non è vero, nell'Empoli è stato il capocannoniere di serie B con 27 reti. Dipende anche da come lo fai giocare.

    RispondiElimina
  88. Ai tempi del Corvo aveva vent'anni ed un campionato di B nel Criciuma. Ma al Corvo lo segnalarono e praticamente lo prese, l'aveva già portato a Lecce l'anno prima e tenuto un mese in stage. Poi lo lasciò a Vitale ma, forse il "lasciò" non è il verbo giusto, glielo ciulò alla fine. I soliti rialzini di prezo che, anche se son di due lire, al corvo facevan girare i coglioni, ci ha perso Ranocchia e Balotelli per situazioni simili. Insomma lo riteneva già suo quando ecco che gli toccava a pagare 200000 euro di più! Certo che farsi fregare un giocatore dall'Empoli a quelle cifre è roba da ricovero.

    RispondiElimina