.

.

sabato 6 dicembre 2014

Pubblicità

E’ lo zero a zero che non ti aspetti, lontano dalle aspettative, quasi vicino alla delusione. Tempo da lupi, sciopero dell’autobus e del gol. Squadra che vince non si cambia e allora la prossima si cambia. Non mi è sembrata una Juve irresistibile, dentro a una partita con poche emozioni e tiri rari come gli operai nei cantieri della tramvia. Addirittura senza quasi polemiche, a parte un rigore all’inizio e uno alla fine che si annullano. Si è visto il sacrificio, la determinazione e l’agonismo, la certezza di una striscia positiva che si allunga, e di una difesa puntuale e precisa come le infiltrazioni mafiose a Roma. Mettiamo fiducia nelle gambe e la prua verso Cesena dove riprenderci subito il sapore della vittoria. Rimane solo il rammarico della consapevolezza che scialiamo soprattutto in trasferta. Il Franchi per le feste potrebbe tranquillamente essere adibito ad ospitare e nutrire le renne di Babbo Natale. Comunque direi tignosi, capaci di giocarcela con tutti, anche se un po’ bloccati. Sono mancate solo un po’ le emozioni, ma avevamo un ricordo troppo fuorviante di quel quattro a due, che era stato come cenare con una donna che mangia il grasso del prosciutto e cucina ricette immorali, se è vero che la società trasforma in immorale quasi tutto ciò su cui punta per ottenere la felicità. Quella era stata una cena che
anticipava una notte di sesso, ieri invece lo è stata con una donna che nascondeva i propri pensieri dissimulando sentimenti e propositi. Come se il mangiare non fosse “femminile”, o come se fosse una donna che non meritava di mangiare tanto come un uomo. Quella del quattro a due era una cena con una donna emancipata, che mangiava tanto e senza pregiudizi. E’ stata comunque una Fiorentina affidabile, solida, che ha dimostrato di essere competitiva, e che poi alla fine è anche il sapore più buono che mi rimane in bocca. Per me rimane un’ottima partita, mi è piaciuto Mati, tutta la difesa in blocco tranne i piedi di Neto, ed è evidente che a questa squadra manchi più di tutto Giuseppe Rossi. So anche che è bastato un pareggio sostanzioso contro la prima della classe per rinfocolare certi pruriti antimontelliani, io però andrei per gradi, e prima di pensare a mandare via qualcuno penserei più che altro a trattenere, e mi viene in mente più Napolitano che Montella, cercando cioè di trattenere il Presidente almeno fino alla befana visto che vuole dimettersi, altrimenti il discorso di fine anno chi lo fa? Montella in napolitano? E siccome anche un blog come questo ha bisogno di sostentamenti, ci sentiamo dopo la pubblicità.

92 commenti:

  1. ...e prima che cominciate a recriminare sul mancato utilizzo di Marin, vi chiedo se per voi è altrettanto inaccettabile che la vostra donna non si lavi i piedi.

    RispondiElimina
  2. Ok, Pollock che finalmente intravede squarci di... limiti, è una bella novità. Va detto subito che un punto non va buttato, e lo annovero tra le altre cose positive, la difesa anzitutto, ermetica, che ha concesso due tiri in porta ai primi della classe, con un Basanta svettante, e un Mati predicatore nel deserto che certo non mi sorprende. Ci metto pure Cuadrado, e di seguito spiego perché.

    Le cose che non vanno sono molte e TUTTE previste da tempo. La più eclatante e visibile è la pena che si prova per Gomez. Ricordo quando, da centravanti che poteva scegliere in quale club approdare, ci scelse per la qualità della manovra d'attacco. E noi pensavamo avesse ragione. Mi piacerebbe poter entrare nei suoi pensieri, che interpreto come un, cazzo che errore ho fatto. Lui certo non ha fatto sfracelli, ma acquistarlo per metterlo in condizioni tattiche tali da risultare castranti per le sue caratteristiche, già note da quasi un decennio, quelle che lo avevano elevato tra i migliori in Europa, mi pare di una evidenza solare. Simil gestione Ilicic. Cuadrado non può essere la sua spalla per mille motivi. Solo Baba, in assenza di Rossi, si integrerebbe alla perfezione con lui, senza contare che, altra cappella sesquipedale, tenere in panca il nostro migliore in attacco, è roba da neuro.
    Scendendo, Montella ha tenuto in campo un Joaquin ectoplasma, tale da esentarlo da qualsiasi voto, un bel n.g. rappresenta la sua prestazione.
    Con questo giocatore che non c'era ed uno, Juan, con caratteristiche non complementari, sperare in una buona prova del tedesco è utopia pura, troppo ampi gli spazi tra loro, gli avversari ci navigano e nel frattempo si fumano anche una sigaretta. E poi puntuale come un orologio, la sostituzione con Baba, ennesima prova di incompetenza.
    Ieri si presentava una buona occasione per stirare i gobbi, già asfittici col Toro, con un ex, Pirlo, che cammina, ma noi abbiamo risposto con Pek ( leggo che a qualcuno è piaciuto...) e un Borja attualmente improponibile, e me ne dispiace molto. Quindi, attacco regalato, centrocampo idem. Abbiamo un tecnico modesto tatticamente, ancorché presuntuoso, secondo, terzo, esimo ad altri attualmente in A, senza sognare altre galassie tipo Bielsa o Spalletti. E poi, o non era il tecnico che cercava sempre e comunque un gol più dell'avversario? Altra favoletta creata ad arte. 15 punti con 5 prossime squadre inferiori, addolciranno la pillola, ma la valutazione di base resterà stabile. Mi rammarico pensando a quanto sia distante la data di fine rapporto.

    RispondiElimina
  3. Mi ero dimenticato di Marin. Già mi sembrava di sparare sulla Croce Rossa.

    RispondiElimina
  4. Parte razionale:giocavamo contro la Juve,che in Italia è uno schiacciasassi da tre anni.Prende un gol ogni 3 partite e segna quasi sempre.Ieri ha pensato soprattutto a difendersi non rischiando niente,mostrando un latente timore reverenziale nei nostri confronti;per me è un punto d'oro,soprattutto ed essenzialmente perchè le prossime 5 partite abbiamo avversari "abbordabilissimi"(Empoli,Chievo,Parma,Palermo,Cesena).Lele dice 15 punti,stesso mio pensiero;diciamo che 13 non mi farebbero shifo(4 vittorie ed un pareggio).La formazione iniziale era quella giusta,penso auspicata da tutti.Ed adesso la parte irrazionale.Come ho postato ieri all'intervallo dallo stadio,avrei tolto Joacchino(non per demerito) mettendo Marin e spostando Cuadrado sulla fascia.Marin,con Mati e Cuadrado,è l'unico in grado di saltare l'uomo.Ieri era fondamentale in quanto i gobbi non hanno lasciato il minimo spazio e le uniche azioni che sembravano dare senso di pericolosità erano venute da Mati e Cuadrado che saltavano l'avversario.Montella ha forse avuto timore.Marin,visto in coppa,mi pare sia in forte rilancio.Giocatore straordinario (quello che era a Brema),ieri lo avrei veramente voluto vedere in campo nella ripresa,anche per capire a che punto è(contro avversari degni di questo nome).Col senno di poi è facile,io ho avuto la sensazione che il Mister non abbia voluto rischiare niente.Una eventuale vittoria,con i possibili punti da prendere nelle prossime 5,avrebbe aperto scenari sino a 2 settimane fa impensabili.Intanto,per esempio,domenica prossima c'è Milan-Napoli.E da qui alla fine altri scontri diretti.Alla fine del girone di andata potremmo essere molto,molto vicini al terzo posto.

    RispondiElimina
  5. Postilla per il Colonnello:su Marin non ci provare.Qua sulla ghita,il sottoscritto(mi pare con Deyna e con qualcun'altro),ha esultato e gioito per l'acquisto del tedesco.E ho sempre detto che è un fenomeno(se torna ai livelli di Brema);probabilmente il miglior colpo degli ultimi anni.Mi dispiace non essere svizzero,non avere la precisione svizzera e la costanza altrettanto svizzera(ma anche lucchese) di tenere i post sin dall'86.

    RispondiElimina
  6. Altra postille:ieri Gonzalo immenso,difensivamente non ha sbagliato niente.Preciso,cattivo e pulito.Che stia tornando ai suoi livelli?Gat che osterà qualcosa in tal senso?O la stagista per paura di essere licenziata stenderà un velo sulla prestazione dello spagnolo?Neto sicuro tra i pali,ma icchè l'ha fatto ai piedi?Che gliè venuto i calli?Urge raddrizzamento veloce!

    RispondiElimina
  7. Gomez:mai pericoloso,ma servito male.Allo stadio si è avuto comunque la sensazione di una sua crescita,soprattutto fisica.Ha fatto a sportellate da solo con tutta la difesa,con cattiveria;ironico che l'unico cross della partita sia stato fatto quando lui è uscito.Deve migliorare a prescindere,ma non può essere servito come il Bati,ma come Toni.Vicino alla porta e sul primo movimento.Basanta:bel giocatore e come direbbe Deyna(anzi,mi sa che l'ha già detto) ha portato negli undici una garra che non avevamo.Anche lui,come del resto tutta la difesa,è stato uno dei migliori.Forse soffre trovando un giocatore stile Di Natale,ma se gli avversari vanno di fisico e di potenza mi pare se la cavi molto,ma molto bene.

    RispondiElimina
  8. Metti da quasi tutti.

    RispondiElimina
  9. Questa è sempre la donna di qualcun altro

    RispondiElimina
  10. La data di fine rapporto è lontana ma forse avra' anche lui il tfr in busta paga

    RispondiElimina
  11. Ah ah e ci pagherà le tasse. Ho già pronte le bottiglie di Krug per quando se ne andrà, ma sarà sempre troppo tardi.

    RispondiElimina
  12. È vero. Una partita che ha delineato i meriti ma anche i limiti di giocatori e tecnico nel complesso. Poi c'é il Montella delle dichiarazioni post partita da decrittare. Quando dice che la squadra ha dato più del massimo secondo me vuol dire che a fine primo tempo i giochi erano un po'fatti. Non puoi pressare per 90'. Poi si è giocato in ripartenza senza linfa nuova in velocita'. Ma sarebbe bastato il rigorino di Pek o una palla sporca in area per commentare una debacle con effetti pericolosi sugli umori di tutto l'ambiente. Dico democristianamente: va bene così

    RispondiElimina
  13. Oggi ho trovato un salame di cinta che mi ha parlato al cuore più di qualche donna. Poi pane integrale vero. Per il più classico e godurioso degli accostamenti che sostituirà il più canonico pranzo. Sangiovese in purezza senza aggiunta di solfiti. Tutto direttamente dai produttori.

    PS: Lele non ci provare!! Io mi tengo Montella e a te lascio volentieri la convinzione che non sia un valore aggiunto.

    RispondiElimina
  14. Io lo zero a zero me lo aspettavo: per questo non sono scontento. Anzi, lo ho perfino pronosticato ad un amico, che stava per giocare un "over" in ricevitoria. Discussione rapida, lui è rimasto della sua idea e ha perso. Io, che non gioco mai, ho scommesso con lui e vinto una pizza. Detto questo, la gara non mi è piaciuta, per vari motivi, non tutti da ascrivere alla viola. Juve irriconoscibile: sarà quel che sarà, ma Conte se le gioca, le partite. Fiorentina troppo poco presuntuosa, una volta tanto. Ciò nonostante la sua gara l'ha giocata, costruendo anche qualche occasione. Montella ha fatto i suoi errori, schierando Joaquin (essendo il miglior ex giocatore che abbiamo in rosa, tre partite a fila non poteva reggerle), schierando Gomez (se giochi come hai giocato, meglio il Baba, che nel casino Cuadradesco si trova meglio). Non schierando, almeno nel secondo tempo, una formazione meno timorosa. Però attenzione: ha sistemato la difesa (su suggerimento dei "ghitanti"?), con i tre Caballeros in gran spolvero, a parte un'unica "poponata" del montenegrino, sul finire.
    Ha sistemato anche il centrocampo, asportando chirurgicamente Aquilani. Checché ne dica il Lele, a me il Pek e Borja non sono dispiaciuti affatto (abbi pazienza, ognuno ha suoi gusti). Il Mati di adesso come adesso è fuori scala (bastava un filtrante un po' più spinto, appena un po', e saremmo a parlare di una grande azione viola conclusa in gol da Gomez). Il Tigna è un problema: peccato, non farlo giocare, ma ho la sensazione che senza di lui la squadra abbia più equilibrio, senza tener conto del rinnovo sì/no.
    In attacco, alcuni problemi vanno risolti (più casa che trasferta, secondo me): Cuadrado e Gomez cagliano; Alonso va tenuto su (basso son dolori), per cui Vargas non può essere utilizzato; Marin, anche da subentrante, non sono certo riesca ad adeguate garanzie fisiche. Kurtic (almeno questo Kurtic) a destra non si può vedere.
    Su Cuadrado ci sarebbe da scrivere. Mi limito a ricordare che lui, anche dando per scontata l'assenza di killerbeppino, in questa squadra non ci sarebbe dovuto essere, mentre ci sarebbe dovuto essere un centrocampista di quelli bravi bravi. La squadra avrebbe avuto un'altra fisionomia, è incontestabile. Qui Vincenzino dovrà lavorare parecchio. Con le alternative possibili, o insistendo con la coppia cagliante. Io sono fiducioso: con il caglio, in fin dei conti, ci si fanno diverse cose buone.
    Neto: poco impegnato, ma sempre più sicuro. I piedi? Niente di peggio del solito. E neanche di meglio, purtroppo. Lavorare tanto sul controllo, Norby.

    RispondiElimina
  15. ...a dare adeguate... refuso.

    RispondiElimina
  16. avessi alle mani una così accetterei che un si lavasse anche ...

    RispondiElimina
  17. P.S. sui piedi, boss: solo se puzzano.

    RispondiElimina
  18. Un Lele molto, troppo, duro nel posto sotto.

    RispondiElimina
  19. sì però il rigorino lo poteva dare anche a te nel primo tempo...

    RispondiElimina
  20. Finalmente UNO che rileva la prestazione di Joaquin per quello che è stata. Bravo Valto (detto da uno, e lo sai, che non avrebbe preso lo spagnolo a quelle cifre...).

    RispondiElimina
  21. È vero, Lou. Forse troppo. È che ne ho piene le scatole di scuse, giustificazioni, ipotesi. Nel 2014 si possono contare sulle dita di una mano le partite dove abbiamo espresso gioco di livello. Ieri avevo detto che avrei accettato un punto, ma con atteggiamento verso i tre punti. Il punto è arrivato, ma è un punticino perché frutto di un percorso dove la vittoria era impossibile e vietata dalle scelte tecniche. L'unico tiro in porta è una prodezza di Cuadrado da 30 metri, il resto è aria fritta, Questo allenatore che cambia Gomez con Baba, e tiene fuori un Marin, è uno come tanti se ne trovano, altro che gioco di attacco, schemi, avveniristici o moduli innovativi. Io sono troppo duro, ma voi non volete accettare e riconoscere l'evidenza. E certamente mi aspetto, dopo che avremo spiezzatoo le reni al Cesena esprimendo il miglior calcio d'Europa, una vagonata di peana.

    RispondiElimina
  22. Sarà un valore aggiunto quando, nel caso, lo dimostrerà. Come fece nel primo anno. Dopo di allora naviga nella media.

    RispondiElimina
  23. Contro la Rube non credo. Al fischio finale c'é stato un primo piano di Rizzoli che ha
    emesso un sospiro liberatorio del tipo"anche questa è andata come doveva"

    RispondiElimina
  24. che io abbia un debole per Gioacchino è noto, come lo sono anche i suoi evidenti limiti. Però continuo a pensare che con meno di 2 milioni di cartellino e poco più di 1 di ingaggio, non pullulino, sul mercato, gli esterni di classe in grado di passare da riserva di lusso a titolare inamovibile senza battere ciglio.
    In quel ruolo i nostri avversari hanno Callejon, Insigne, Mertens, Hernanes, Pereyra, Honda, Bonaventura, tutti su livelli economici imparagonabili.
    Poi non credo gli si possa chiedere di fare l'esterno a tutta fascia per più di 3 partite di seguito, ma questo Montella lo sa bene, credo.

    RispondiElimina
  25. L'evidenza caro Lele sono 29 o 30 vittorie in trasferta (ormai abbiamo perso addirittura il conto). Che non mi sembra proprio un navigare nella media, e che insieme al Sangiovese in purezza mi hanno ispirato questa tua visione senza colori del gioco montelliano.

    https://www.youtube.com/watch?v=qi1W51K9OF4&feature=youtu.be

    RispondiElimina
  26. Da amante del dandling....

    RispondiElimina
  27. Valto hai ragione, ma quelli che mi porti a paragone sono stratitolari, da noi, se tutto va (andasse?) bene, Gioacchino non gioca... il battere o meno ciglio dipende dal carattere e dalla professionalità dell'atleta. Oltre che dallo stipendio, e lui non prende poco...





    tutto questo detto è lampante il fatto che con il suo iserimento in squadra (e quello di Basanta) si siano ritrovati equilibri e, per ora, risultati...

    RispondiElimina
  28. tra Insigne e Mertens il titolare è uno solo, e spesso anche tra Honda e Bonaventura, così come Pereyra ieri non avrebbe giocato, almeno in quel ruolo, se ci fosse stato Lichsteiner.
    Per me il fatto di non poterci permettere un cartellino da 1,8 milioni e un ingaggio da 1,2 milioni per una riserva che all'occorrenza fa anche, e bene, il titolare, sarebbe indice di rinuncia a qualsiasi ambizione di terzo posto, ma ne abbiamo già parlato.

    RispondiElimina
  29. Non ce l'ho, chiedilo a Lele eh eh. Comunque io sono provinciale e mi accontento di arrivare quarto, anche se poi i punti li facciamo in trasferta.

    RispondiElimina
  30. Punto d'oro, ieri sera.
    Magari Montella sta capendo la gestione dei match che non si possono vincere a tutti i costi, che poi ti costano 3 punti secchi- come già successo.
    Molte volte ci siamo lamentati dell'incapacità di gestione del risultato, della troppa voglia di spingere- rischiando di prendere gol.
    Sull'ipotesi a bilancia dovremmo sempre porre tutti i fattori, anche quelli indipendenti dalla volontà (o dettami) della squadra.
    Di norma l'uomo non può fare nulla, o quasi, contro ciò che non é controllabile da lui stesso, quindi contro l'incontrollabile Juventus, cosa fare?
    Ricordiamo- scritto ieri sera- che era la Juventus che le vince quasi tutte.
    Poi, che potevamo osare é vero ma se analizziamo l'ultimo episodio "dubbio" (mano di Pizarro) possiamo notare che é vero l'assunto che alla fine la Juve ti punisce. Rizzoli poteva condannarci (o esaltarci sul fallo/braccio di Chiellini) e come sempre i dettagli avrebbero fatto la differenza.
    Oggi dettagli enorme- non aver perso, non aver concesso nulla alla Juventus, rischi leggerissimi, un buon punto, imbattibilitá- mi rinfrancano.

    RispondiElimina
  31. allora siamo in due, firmo subito per il quarto...

    RispondiElimina
  32. Se non sono titolari sono tra i 13/14 giocatori che fanno parte delle rotazioni principali ed hanno tutti parecchi anni meno del nostro, io non ne faccio una questione di stipendio ma di età/opportunità dell'acquisto.... ma, appunto, se ne era già discusso.... comunque, ripeto, sei l'unico che ha evidenziato l'importanza di Joaquin nella partita di ieri sera... ciauzzz

    RispondiElimina
  33. Lele, hai ragione in tutto ma la tua/mai/di altri soluzione attualmente non porterebbe benefici.Presumo, perchè non sono dell'ambiente e mai ci ho bazzicato, che la costruzione di una squadra richieda tempo, sudore e dev'essere graduale, in base a chi dai in mano l'opera di costruzione avrai, col tempo, determinati risultati.Montella iniziò alla grande con una rosa nuova per 10 undicesimi, la cosa mi fece piacere ma mi puzzò pensando agli in inizi della Roma del Mago, tanto per fare un esempio, gli anni successivi hanno trovato conferma in quel che pensavo, quell'anno fu più che altro il frutto di una stagione superlativa di coloro che dettavano i tempi, Montella, a mio parere e col senno di poi, ci mise davvero poco del suo.La domanda adesso è: esonerare Montella per fare cosa? Per prendere chi? Gli uomini ad agosto o se li è scelti lui o gli sono stati imposti, in entrambi i casi non è cosa che depone in suo favore, il Campionato è avviato e nessuno al mondo puoi pretendere che arrivi e sistemi gli eventi come ci piacerebbe che fossero e allora? Via Montella a chi diamo in mano questo Circo? A Ballardini? Ultima domanda: l'agosto scorso c'era la possibilità di modificare radicalmente la nostra Storia, se ciò non è avvenuto di chi cazzaccio è la colpa? Ho capito, l'altro era lo scemo del villaggio, la macchietta, il fallito e tutto quello che volete, questi chi cazzo sono? Mi sono sfogato.

    RispondiElimina
  34. L'evidenza, caro Pollock, non la volete vedere, sono una partita vinta in casa su cinque, sono i 20 punticini in un campionato possibilissimo. Non è colpa mia se siete gente che si accontenta di un allenatore medio. Con uno vero eravamo in scia Roma. Frattanto mi preparo alla beatificazione quando vinceremo le doverose 5 prossime partite.

    RispondiElimina
  35. È che non mi garbano i medioman, ( Zeman @) Lou e Zeman. Io rilevo la a mediocrità da tempo, ero contrario all'esonero in corsa, favorevolissimo allo scorso giugno. Con chi? Mica ci sono solo Bielsa e Spalletti, gente che fa un altro mestiere, osservo che al nostro gente da noi schifata, Sinisa, Pioli, Gasperini, gli dà lezioni ogni domenica. Senza contare che un semplice e non presuntuoso Iachini, se la gioca con tutte senza paura. Questo per dire che non sponsorizzo nessuno in particolare, solo vedo che con lui ci si impantana. Mi date del duro perché vado oltre al punticino, perché non parto mai per il pareggio, mai l'ho fatto nella vita. Ripeto, non schifo aver mosso la classifica, schifo l'assunto che con quelli in campo, vincere era semplicemente impossibile. Alla faccia di un tecnico medio che afferma il falso, cioè che ha formato una squadra votata a farne uno più degli altri...Ieri si è visto un tiro uno in porta! E dopo il Napoli, la madre di tutti gli obbrobri, il licenziamento era per me auspicabile.

    RispondiElimina
  36. Anche qui, Lou, ho da dire, scusate l'insistenza. Mentre attendi Rossi, chiedi un attaccante...e che ce ne facciamo se non li mette? Ha uno dei migliori in Italia, Baba, uno che ha mostrato le sue qualità, Marin e non giocano mai con Gomez. A che serve un altro?

    RispondiElimina
  37. condivido la critica al Montella rinunciatario del finale di ieri, non l'idea che pareggiare con la Juve sia da esonero, né quella che Gasperini, Pioli e Sinisa gli siano superiori, per non parlare di Iachini, che a me piace e credo che si farà, ma è inesperto quanto il nostro e non sta ancora rendendo quanto la sua rosa (tutt'altro che da neopromossa, come budget) gli permetterebbe.
    Se mi parlare di gente di fascia superiore, di grandi di livello internazionale o quantomeno italiano, cambiamo anche subito. Se deve venire uno dei tanti mestieranti o un altro giovane emergente ma meno talentuoso, no grazie.

    RispondiElimina
  38. ..e intanto il coglionazzo che allena a Londra s'è cicciato il secondo ah ah ah ah...ciuccia Mou, ciuccia ah ah ah, goduria infinita!!

    RispondiElimina
  39. ciucciato...andava meglio quando lo rubavi al Mago eh? Succhiamelo

    RispondiElimina
  40. 2 a 1...a me e quando parlo prima

    RispondiElimina
  41. ...naturalmente buttato fuori uno del Newcastle..il piagnina.uehhh uehhhh...zeru tituli del cazzo

    RispondiElimina
  42. FINITAAAA...7 di recupero gli hanno concesso...a casa pela balit, ciucia rani, testa ad quarel...forza Van Gaal, vallo a prendere!!!

    RispondiElimina
  43. Valto, non ho mai invocato l'esonero in corsa, fatto salvo dopo il match col Napoli. Dopo ha mostrato che la squadra ancora è con lui, aspetto determinante, ambiente che ha permesso di risalire e inanellare tre vittorie, contro avversari inferiori, ma sempre tre vittorie. Ora abbiamo l'occasione per risalite, aggiungo doverosamente, quindi niente cambio, ad oggi. Non ne faccio una questione meglio uno o un altro, e nemmeno che con Bielsa si cominci a vincere, sono viola da troppo tempo e se tifo viola non è per vincere qualcosa, per quello ci sono altre realtà. Voglio solo far notare che Montella non è granché, non ha il presunto talento, ma è uno come tanti. Non ho detto nemmeno che i succitati siano migliori, ho detto che sin qui gli hanno dato lezioni. E per continuare a dire, la domanda "e allora chi si prende?" è tendenziosa, porta ad un pericoloso percorso di piazza secondo il quale a Firenze dopo Montella finisca il calcio. Sinisa e Gasperini davanti a noi con metà della nostra squadra, Pioli che è venuto a Firenze con la cattedra, dimostrano il contrario.

    RispondiElimina
  44. Fare filotto è importante perché ora stanno trovando la forma e poi come ogni anno, dopo Natale la perdono

    RispondiElimina
  45. E dopo quelle cinque, abbiamo Roma e Atalanta in casa...quindi sei partite da tre punti, una da tripla.

    RispondiElimina
  46. La squadra è in crescita evidente a centrocampo po e in difesa. Pek e Borja stanno ritrovando una forma fisica molto buona e Mati è in piena fiducia. Dietro si stanno perfezionando i meccanismi tra i tre, anche facilitati, finalmente, dalla presenza di un marcatore mancino a sinistra. Joaquin è stato perfetto nel ruolo di esterno a tutto campo, almeno finché ha retto, quindi un'oretta.
    Davanti, invece, c'è ancora molto da lavorare. Io non ce l'ho con Cuad, che ritengo un punto di forza, ma trovo che i benefici dello schierarlo punta, siano molto inferiori rispetto agli scompensi. Ne risente Gomez, perché Marione è giocatore che gioca sui tempi, attendendo l'occasione per fare il movimento giusto e staccarsi dal marcatore, mentre Cuad è portato all'azione personale.
    Le caratteristiche di Gomez sono essenziali e hanno bisogno di essere assecondate più di quelle degli altri attaccanti. Cuad non è una presenza in area, non impegna il centrale, non si muove senza palla. Il risultato è che Gomez ha due marcatori fissi addosso e non ha mai l'occasione di prenderli sul tempo. E quindi fare il Gomez.
    In estate scrissi che Marin non faceva per noi, adesso ammetto che potrebbe essere il giocatore della svolta. Il tedeschino ha un cambio di passo diverso da quello di Cuadrado, è un rifinitore, quindi molto più attento ai movimenti altrui, taglia dentro come non fa nessuno in rosa.
    Siamo quasi al massimo, per come la vedo io, qualche altro aggiustamento in attacco e finiremo ai soliti 34-35 punti il girone d'andata. E con una squadra che avrà appena cominciato a girare.

    RispondiElimina
  47. Sarò ondivago, ma non mi va di criticare troppo le sostituzioni del terzo quarto di gara. Con Cuadrado ad innesco cileccato, gli unici che gli potevano garantire la superiorità numerica erano Mati e Gioacchino (ieri meno, va detto). Ci sta, quindi, sostituire Gomez e non il torero. Su Aquilani e Kurtic si può discutere, ma si dovrebbe anche considerare che Allegri stava inserendo (aveva inserito) il suo capocannoniere ed il suo centrocampista più in palla.Teoricamente, nelle intenzioni nerofurbette, si poteva leggere il tentativo di vincere. Essersi coperto un pochetto non mi pare un peccato così grave. Potevi vincere, rischiando di perdere. Sicuri che ne valesse la pena?
    Sul filotto (5 su 5), non ci conterei troppo.

    RispondiElimina
  48. Sottoscrivo in pieno. Che Cuadrado torni a fare il Cuadrado e linfa nuova in attacco con Marin che conosce i movimenti del Karina boy

    RispondiElimina
  49. Immagini suggestive.

    http://it.violachannel.tv/dettaglio-pagina-video/items/data_05-12-2014_fiorentina---juve-dalla-torre-di-maratona.html

    RispondiElimina
  50. Molti dovrebbero cambiare sport..............

    RispondiElimina
  51. Corretto da JINGLE....allora beccatevi questa!!

    RispondiElimina
  52. Dopo due anni e mezzo di Montella penso si possa dare un giudizio definitivo, ognuno ha ovviamente, e legittimamente, il suo. Se mi chiedete se lo confermerei a fine anno la risposta è NO. Questo non vuol dire che non lo apprezzi e che non riconosca che ha fatto del buono, sarebbe ingeneroso e fuori dalla realtà. Dopo il Napoli lo avrei cacciato a calci nel sedere. Ha avuto il merito di sfruttare la sosta tenendo unito lo spogliatoio e apportando qualche miglioria. Nulla di che, intendiamoci, ha fatto quello che chiunque con un po di sale in zucca farebbe, probabilmente qualche consiglio è arrivato ed ha avuto l'intelligenza di porgere orecchio... Ha riequilibrato la squadra, si è affidato a gente con più chilometraggio ed ha addirizzato la rotta. Ovviamente non basta, le famose 5 vittorie adesso servono e non perchè c'è il battaglione col fucile spianato, semplicemente abbiamo da raddrizzare una classifica che ancora non soddisfa. Per niente. Ad ogni modo, e per tornare al NO di inizio post, ho colto nel passare delle settimane e dei mesi, in questi due anni e mezzo, dei limiti di concetto, di carattere e impuntature che non penso miglioreranno col passare delle domeniche. Ho apprezzato invece la valutazione del potenziale dei giocatori nella quale ha sbagliato davvero poco. Con chi sostituirlo? A me Iachini piace, così come mi garberebbe vedere il toscano Sarri. Spalletti è un sogno, anche per me, ma ce lo regalerà mai Diego?

    RispondiElimina
  53. suppongo tu abbia "paura" che Sinisa lo faccia risorgere...

    RispondiElimina
  54. Ottimo, più politico di me, ma ottimo.
    P.S. ma ieri Joaquin rimane un ectoplasma, ah ah.

    RispondiElimina
  55. Ennesima impresa di Wenger.

    RispondiElimina
  56. A grandi linee sono d'accordo con Louis. Anch'io non confermerei Montella a fine stagione. Le ragioni sono molteplici, ma la più importante, a mio parere, risiede nel fatto che troppo spesso non fa tesoro degli errori. non li somatizza, ma è portato a ripeterli serialmente. Certamente Montella ha pure delle ottime doti, ma, dopo il primo anno, pensavo che fosse capace di migliorarsi ancora. Invece questo, ahimé, non è accaduto. Sul chi vorrei come sostituto il mio parere è noto fa tempo: Spalletti uber alles, Bielsa a seguire e sennò Iachini (perché chi a vinto diversi campionati di B qualche buona dote la deve pure avere). Sarr sarebbe pure interessante, ma temo che non sia allenatore da squadre importanti- Diego ci regalerà un di questi, e soprattutto Luciano? Mah, è la domanda delle cento pistole, la cui risposta la sa solo DDV.

    RispondiElimina
  57. Ho impressione che uno bravo davvero, è passato da qui nel momento sbagliato, Sinisa. La sua Samp, in rapporto alla sua qualità, gioca bene e quasi mai senza due o tre punte vere. Peccato.

    RispondiElimina
  58. No, credo proprio che Sinisa non sia uno di quelli bravi. Almeno qui a Firenze ha dimostrato tutto, meno il fatto di essere bravo. Alla Samp sta facendo bene e son contento per lui, ma quanto a gioco la Samp non è che faccia sfracelli. Tutt'altro. Sfrutta la mediocrità del nostro campionato, aiutata da una discreta dose di buona sorte.

    RispondiElimina
  59. Sottoscrivo Mc, Sinisa sta facendo MOLTO bene, ma se critichiamo Montella per il gioco non possiamo rimpiangere il serbo...

    RispondiElimina
  60. Montella 2?

    RispondiElimina
  61. Mah, ora ha una rosa pazzesca, la nostra è buona, quella è altra roba. anni fa fece molto bene.

    RispondiElimina
  62. No, anche io pensavo così, mi sono un po' ricreduto, ha messo sotto Milan e Napoli, con l'Inter a perso male, ma dai, hai visto con chi gioca? Vorresti calcio champagne?

    RispondiElimina
  63. Intanto se finisce così, per la gioia di Zeman, il Sassuolo ci passa davanti. Oh ma questo Sassuolo è un incubo, nevvero Montella?

    RispondiElimina
  64. Discutere Neto con la palla tra i piedi, oppure i suoi criticati rinvii....ah ah ah ah ah ah ah ah.....Allora De Sanctis cos'é? Uno che scherza con il fuoco? Ah ah ah ah ah ah ah ah.....
    Magari la Roma farà l'impresa ma sta diventando d'oro anche il punto casalingo con il Sassuolo, per noi!! Ah ah ah ah ah ah ah......ah ah ah ah ah...Yanga che dimentica di essere un difensore su Zaza...ah ah ah ah ah...
    Cross completamente sbagliato Holebas e diventa "traversa clamorosa" ah ah ah ah ah ah ah ah.......
    Stanno spostando la chiesa prefabbricata a Garcia, il profeta......ah ah ah ah ah..
    Che campionato!!!

    RispondiElimina
  65. E De Rossi non può più chiedere assistenza a Carminati...

    RispondiElimina
  66. No, calcio champagne no di certo, ma qualche schemino che non sia palla lunga e pedalare sì.

    RispondiElimina
  67. Sinisa-Montella sarebbe un mix quasi perfetto per un allenatore della Viola. A giugno vorrei un Maestro come Bielsa, un ottimo tecnico come Spalletti, o uno bravo ed esperto. Scommesse come Iachini, Sarri, Di Francesco ecc no, non vedo cosa potrebbero portare più di Montella. Senza contare che dovrebbero fare esperienza ad alti livelli a spese nostre, ancora una volta...

    RispondiElimina
  68. Ma non fa questo, Mc. Forse non hai visto le sue partite.

    RispondiElimina
  69. Grandi a Roma, un rigore fasullo, un gol con fuorigioco.

    RispondiElimina
  70. Ljajic, quello che segna solo gol non decisivi...

    RispondiElimina
  71. Le ho viste, Lele e fondamentalmente non ho visto molto di più del lancione su Okaka. Che poi questo basti in un campionato italiano non vuol dire che Sinisa sia diventato improvvisamente quel mostro della panchina che non è mai stato.

    RispondiElimina
  72. Berardo: "Immagino uno streaming buono per il tuo ipad a Montenero. Per fortuna Gomez non ha segnato, non sarebbe stata bella la tua esultanza nel bel mezzo del requiem e di tutti quegli ex voto": genio, ahahaha

    RispondiElimina
  73. Iachini ha già fatto diversi anni di gavetta... non è il pivello che molti credono, basta documentarsi... ciao Deynone...

    RispondiElimina
  74. Io vedo grande solidità difensiva nonostante uomini da raccapriccio presi individualmente, pressing e corsa continue, e ripartenze veloci giocate su pochi essenziali ma studiati schemi. Mica male, considerato il materiale umano a disposizione...

    RispondiElimina
  75. Roma e Juventus. Non esiste, per me, nulla di più odioso in questo giochino... ZV, ma come cazzo fai a simpatizzare per questi luridi?

    RispondiElimina
  76. Sì che ha fatto gavetta, ma io intendevo come esperienza di livello in serie A...Comunque mi piace come fa giocare il Palermo, a scanso di equivoci.

    RispondiElimina
  77. Deyna, ho scritto che sta facendo MOLTO bene, basta però intendersi e sapere cosa vogliamo. Non vincere per non vincere, se ci interessa rifarsi gli occhi e vedere qualcosa di nuovo allora non è Miha quello che fa per noi. Credi che a "garra" Beppone Nostro stia messo peggio? Io mi prendo "Picchia per noi, Iachini picchia per noi..." tutta la vita....

    RispondiElimina
  78. Deynone, una possibilità, prima o dopo, gli va data. Pensa a quando prendemmo lo "sconosciuto" MalesaN... Eppoi vedere sulla panca uno Vero, che sputa sangue per la causa, uno che verrebbe in ginocchioni nella Sua Firenze... sarebbe, per me, una gran soddisfazione. Poi, ovvio, se arriva Luciano, tutti questi discorsi cadono... Ma siccome non arriva...

    RispondiElimina
  79. Io non capisco invece come si faccia a non stare per l'altra squadra qualunque essa sia [eccezione il milan, da qualche anno] quando si tratta di juventus. La Roma ha le sue pecche, ma dai tempi di Viola per me è simbolo di antijuventinismo, quando rubavano gli scudetti anche a loro, e Nela quasi picchiava in campo Platini. Con Falcao, Conti, Cerezo, Erickson, Zeman, Spalletti, Garcia, inoltre, hanno quasi sempre portato avanti il bel gioco in italia.

    RispondiElimina
  80. io mi ricordo quel Roma Udinese ed un certo Carnevale, mi ricordo lo spalmadebiti, mi ricordo le prepotenze e la strafottenza della loro tifoseria e mi fermo per carità di patria Viola... possano NON vincere nulla per l'eternità...

    RispondiElimina
  81. Ljajic, Jovetic e Cuadrado rappresentano tre potenziali fuoriclasse che non lo sono per un'indole refrattaria alle regole tattiche di base. Per essere grandi nonostante l'anarchia, servirebbe loro una cifra tecnica e fisica ancora superiore e, ormai, inarrivabile. Forse li accomuna anche una visione esagerata del loro talento.
    Sono calciatori che hanno dato il meglio di loro stessi quando erano considerati poco, giovani o irrimediabilmente persi e non si sono evoluti, bloccando il loro processo di crescita dopo i primi buoni risultati.

    RispondiElimina
  82. Della tifoseria nulla mi importa, l'unico neo fu il caso-Carnevale. Che tendo però a rimuovere, nel quadro complessivo che ti ho detto. E poi ti parlo chiaro: va bene la sportività, ma se c'è l'occasione di mandare in B la juve e Rossi non si pazzinizza mancando un gol a porta vuota, lo inseguo col bastone per tutta Firenze, eheheh

    RispondiElimina
  83. E mi ricordo anche, per fortuna, quel famigerato spareggio uefa a Perugia, quando li purgò un certo Pruzzo Roberto, ho goduto giorni, settimane...

    RispondiElimina
  84. appunto, avevano la palla che ballonzolava sulla linea di porta e ... ci mandarono in B, perchè dovrei tifare o anche solo simpatizzare per loro? Potessi farli sparire dalla geografia calcistica assieme agli strisciati lo farei, ma non posso quindi mi limito ad odiarli...

    RispondiElimina
  85. stefano vienna6 dicembre 2014 21:18

    Lo dico con la morte nel cuore, ma Ljajic è già adesso il più forte giocatore della serie A, il processo di messizzazione -di cui parlavo qui due anni fa- va avanti e lo porterà al top europeo e mondiale. Solo Rossi gli s'avvicina, ma purtroppo non gioca. E purtroppo, dopo Batistuta, sarà la seconda volta che si manda un giocatore a Roma e si fa vincere lo scudetto.

    RispondiElimina
  86. Esatto Louis

    RispondiElimina
  87. Dopo una cena nella quale spadroneggiavano cannolicchi all'agro, misticanza, spaghetti n.5 con vongole, olio casereccio (i 33x3 ulivi piantati illo tempore dal mi' babbo danno prodotto sopraffino da centellinare), posso dire che tolta la Juve vedo un campionato che per 6 o 7 squadre prevede belle sorprese e nulla di deciso. Mai come ora tocca alla squadra viola e al suo tecnico.
    Il Sassuolo che ci fece dannare, oggi ha fatto dannare la Roma...
    Il GenoPerin che ci fece maledire le repubbliche marinare sta in alto...
    I gobbi con noi han fatto pari e patta...
    La Lazio già sente odore di "rimandato" per Pioli...
    Il Napoli acquista punte quando il problema lo ha in difesa...
    Forza viola, sei la meno peggiore!!

    RispondiElimina
  88. Eccoli.....

    RispondiElimina
  89. I piedi di De Sanctis invece ti piacciono?

    RispondiElimina
  90. Io non credo che tra iachini e Sinisa ci sia una grossa differenza nel concepire il gioco del calcio. Sono tutti e due allenatori tradizionali che, anche per le esperienze personali, sono più portati a conoscere la fase difensiva che quella offensiva. A me interessa vincere, il resto son discorsi, e son convinto che, con i mezzi a disposizione, è più facile e probabile far punti alla Sinisa-Jachini che alla Montella.

    RispondiElimina