.

.

sabato 28 febbraio 2015

Roma città Eternit

Chiedimi se sono felice dopo il sorteggio: “Sei Felice?”. "No sono Gianni". Non tanto perché l’urna ci ha regalato la Roma, sono Gianni perché giocare contro una squadra italiana toglie il fascino della partita di coppa. Roma città  Eternit. Non solo cancerogena, caotica, se si pensa che esiste un solo bar dove non hanno idee su come sistemare i problemi del Paese, e siccome si trova in Parlamento, non basta il grande raccordo anulare per consentirne un accesso meno congestionato. Città pigra ma allo stesso tempo palestra di vita, dove in molti praticano il metodo Ponzio Pilates. Ovvero la forma di democrazia più difficile da applicare, quella di un padre romanista che permette ai figli di essere laziali. Il problema che innesca il mio calo del desiderio per questi ottavi di finale si può riassumere con il fatto che lo scontro da dentro o fuori sarà con una squadra con la quale abbiamo già giocato in campionato e in Coppa Italia, e il dentro e fuori è roba seria per giocarselo nella routine di un menage di coppia, e non di coppa, è come fare la fidelity card per andare con la stessa puttana 6 o 7 volte di seguito. Poi nel calcio il dentro o fuori è tema attuale, non a caso si sta pensando all’elettronica, ed è anche la domanda che assilla le donne con cui vado a letto. Le mie insomma sono solo delle leggere puncicate. Confesso che peggio del sorteggio con un’altra italiana avrei potuto considerare forse il Greatest Hits di Gigi D’Alessio, non tanto per la musica che propone, ma in quanto napoletano come Montella. Il danno psicologico è quindi di quelli importanti, è una cottura sbagliata di un prodotto selezionato con cura, diciamo un pollo del Valdarno poco cotto. Anzi, così crudo che si mangia le patate. E’ una delusione troppo grande, come quando mi innamorai di una donna e mi eccitai pensando che mi avesse chiamato con un sensualissimo “Pssssss”, per accorgermi invece che era solo la mia bambola gonfiabile che si era bucata e che si stava sgonfiando. Purtroppo la realtà per noi tifosi Viola è sempre più triste di quanto uno possa mai immaginare, lasciamo stare la vicenda Neto, l’addio di Cuadrado, l’inadeguatezza di Montella, Salah è un resto sbagliato, riflessioni amare del tipo "pensavo che più lento del 23A non ci fosse niente prima che ci comprassero Badelj", lasciamo stare il mercato di gennaio, la preparazione sbagliata, lo Statuto chiuso per i cantieri della tramvia. Il sorteggio è aldilà persino del fatto che a marzo sei ancora in lotta su tre fronti malgrado la società faccia schifo e la squadra non sia allenata da Di Francesco, questo sorteggio è anche più del film che ti sei fatto con la tua nuova ossessione, dove fai la doccia, effusioni e sesso compreso. L’urna mi dice che sono congelato nell’angolo mentre passo shampoo, balsamo e trattamento nutriente alla fidanzata. Comunque esorto tutti ad avere fede, anche in assenza di un sorteggio con le autoreggenti, poi lancio un sondaggio per capire se la Fiorentina secondo voi passerà il turno:
A) Si
B) A
C) B

69 commenti:

  1. Il sorteggio infame conferma che il Turn-Over col Torino non aveva da esserci, almeno non di quelle dimensioni. Ma a Firenze ormai si viene come si andasse ad una sfilata di moda: per farsi Notare da qualche compratore facoltoso. Il tifoso pollo ci casca e un po' ci gode pure, ma il problema e' il manico: sono i Della Valle che ci perdono i milioni della CL, per l'ennesima volta. Sono loro che non sanno ancora gestire l'area tecnica e distribuire incentivi adatti giusti ai dipendenti. Andrea, in particolare, troppo buono per il mondo del calcio dovrebbe far sentire loro un minimo di pressione verso il raggiungimento di obiettivi concreti e che portano ad una crescita seria e progressiva.
    Ma proprio lui sembra il Primo che s'accontenti dei complimenti, forse si dovrebbe arrivare alla conclusione che Andrea stesso sia un dipendente con incentivi sbagliati?

    RispondiElimina
  2. D) Mi avvalgo della facoltà di non rispondere

    RispondiElimina
  3. E) Non credo.

    RispondiElimina
  4. Percentuali di passaggio del turno secondo me:
    Roma 55%
    Fiorentina 45%


    In semifinale di Coppa Italia:
    merde 65%
    Fiorentina 35%

    RispondiElimina
  5. è quasi un luogo comunque dire che Firenze non è una piazza come tutte le altre, che a Firenze i tifosi capiscono di calcio, o quantomeno sono convinti di capirne, e che a Firenze piace prima di tutto il bel calcio, lo show, l'offensività, imprevedibilità.
    Cercavo di spiegarlo a un amico romanista l'altra sera, dicendogli che dopo Montella vorrei un matto come Bielsa o come Klopp, spiegandogli quanto questa città abbia adorato Malesani e atteso Zeman: "vedi, noi tanto lo sappiamo che, a meno di miracoli non si vince: e, non potendo vincere, vogliamo seminare il panico su ogni campo. Perché solo in questo modo è possibile il miracolo."
    È per questo che un giocatore che fuori Firenze nessuno ricorda se non per le follie, come Edmundo, qui è così adorato. Ed è per questo che Salah è già l'idolo assoluto. Ero in Fiesole giovedì, e ogni volta che toccava il pallone sentivi un brivido in tutta la curva. Perché è il giocatore che appena tocca il pallone ti fa credere che tutto sia possibile, che quella giocata possa concludersi in 10 modi diversi di cui 9 ti faranno godere, che non esistano limiti alle possibilità di Firenze. Che i miracoli siano possibili. Come Edmundo, come Mutu. Un'altra incarnazione di quello spirito del calcio matto e funambolico che questa città ama. Un giocatore fatto per far godere Firenze in maniera totale e assoluta per qualche mese, regalarci brandelli di miracolo e poi sparire, come si confà agli spiriti.

    RispondiElimina
  6. Se resta quanto Mutu a me va bene.

    RispondiElimina
  7. 3 anni (gli ultimi 2 non li conto, ovviamente), ci farei la firma.

    RispondiElimina
  8. Valto sto perdendo il conto delle persone che non credono che Salah rimarrà.......... anzi credono che a fine stagione andrà proprio via.
    Tu, il Giannelli (scusa) e compagnia cantante, fatela finita di turbare i miei più reconditi sogni malati.
    O sapete qualcosa e lo dite adesso o tacete per sempre........

    RispondiElimina
  9. non conosco i termini dell'accordo, quindi cosa vuoi che dica? Se i termini sono quelli che ci sono raccontati (prestito gratuito e ingaggio fino all'estate, poi un milione per il rinnovo del prestito a ingaggio spartito per un altro anno, poi diritto di riscatto a 15 e di controriscatto a 22), darei per scontato che ci godremo Salah per un anno e mezzo (come Edmundo, al netto del carnevale) e poi ci troveremo con una buona plusvalenza, quindi benissimo. Poi invece magari gli accordi sono diversi, ma boh. Intanto godiamo. E la prossima volta che mi citi insieme al Giannelli ti mozzo entrambe le teste...

    RispondiElimina
  10. Hahahahahaha!!!!!
    Potrebbe essere una soluzione per smettere di litigare con me stesso.
    Hehehehehehe....

    RispondiElimina
  11. Per me le possibilità sono le seguenti:
    Europa League: Roma 50% e Fiorentina 50%
    Coppa Italia: Rube 55% e Fiorentina 45%.
    Insomma praticamente ce le giochiamo pressoché alla pari. In questo momento siamo al livello delle due SKyfose e i duelli saranno con tutta probabilità decisi da episodi.

    RispondiElimina
  12. Se a Firenze ci fosse un giornalismo serio sarebbe la prima domanda da fare a Pradè in ogni conferenza stampa, invece nessuno chiede mai i termini esatti della faccenda Salah...Se le cose stessero così, è evidente che se gioca bene come ora è perso, perché il Chelsea non ha nessuna difficoltà a controriscattarlo a 20 milioni.

    RispondiElimina
  13. Credo purtroppo che la Roma sarà aiutata in modo schifoso, sono già preparato. La juve ha troppa più abitudine a queste sfide, non la vedo bene per noi.

    RispondiElimina
  14. Dipende da chi perderà più pezzi strada facendo. A Torino hanno fuori gioco Pirlo per dieci giorni per esempio. Qua sono infortunati due centrocampisti, in un reparto dove siamo corti di già.

    RispondiElimina
  15. Propendo per le percentuali di McGuire50, percentuali che chiaramente poggiano o ruotano intorno al numero che ha posto nel suo nick!
    La domanda che formulo stamane (io sono come la maggior parte dei sitollockiani, sono già avanti, godo al presente temendo il futuro è pensando alla caducità della gioia calcistica fiorentina): sfavoriti in Coppa Italia contro la Roma (e giocavamo fuori casa) e passiamo comunque il turno con prestazione quasi perfetta (first half down, 2nd half going up)......
    Sfavoriti contro il Tottenham e passiamo il turno (ritorno: first half with fear, 2nd half with strikers totally involved just to reach the score)....
    Nel frattempo da dopo Parma-Fiorentina non perdiamo neanche un match....
    (Arriva arriva la domanda, wait...)
    Sulla bilancia alcuni utenti (sia qui sia nella cantera di Fiorentina.it) vogliono convincere EL (EL!) pueblo che era meglio vincere con il Torino e perdere o pareggiare con il Tottenham (quindi andare fuori dalla Coppa!).
    Ecco la domanda: ma di che cazzo stiamo discutendo? Chiedo ancora: è se avessimo perso o eravamo fuori dall'EL???
    Ancora presagi negativi, ancora ad iniettare dubbi e mistificazioni sulla Fiorentina?
    Rischio di essere carta carbone di Pollock ma neanche capisco gli aventiniani...boh....

    RispondiElimina
  16. Tenerani oggi scrive che è una operazione da 20 milioni. Se è così sono tanti.
    Poi ci sono tre milioni di ingaggio che ballano.
    La volontà del giocatore, da ultimo. Si accontenta di giocare in EL?

    RispondiElimina
  17. Magari, anche grazie a lui, alla fine del prossimo anno potrebbe giocare in CL...

    RispondiElimina
  18. Per me:

    Europa League: Roma 55% e Fiorentina 45%
    Coppa Italia: Rube 60% e Fiorentina 40%.

    RispondiElimina
  19. Beeblebox e MC, a me interessa poco passare il turno, nel senso che preferisco fare percentuali sulle possibilità vincere una coppa. La viola, in entrambi i casi, non supera il 10-15%; per motivi diversi, e non tutti prettamente tecnico tattici. Meno in EL, a mio parere (7 partite contro 3). Se poi si elimina Juventus e Roma, anche senza vincere alcunché, vorrà dire che me ne farò una ragione.
    Sul bel ragionamento di VAL, vorrei aggiungere che il "funambolo matto" viene da lontano, nel calcio fiorentino. Quasi sempre straniero, spesso ala, sempre attaccante. Il "fil rouge" che unisce i calciatori come Julinho, Chiarugi, Bertoni, Baggio, Edmundo, Mutu e Salah attraverso decenni di storia viola non è facile da spiegare, se non si conosce la città. Provo con tre parole: la scommessa, l'impudenza e la presunzione. Quasi sempre difetti, a volte gravi, di noi fiorentini (in senso lato, ovviamente). Difetti che a volte fanno avverare i miracoli.
    Vincere di presunzione, con Roma e Juventus. Sì. Penso che questo sarebbe anche possibile farlo.

    RispondiElimina
  20. Capisco il fascino che evocano certi nomi, ma la realtà è che oggi sono stato un'ora a parlare con Ficini.

    RispondiElimina
  21. Di sicuro non avrebbe avuto alcun senso prendere decisioni sul turnover (giusto o sbagliato che fosse..... e che sarà) facendosi influenzare dai possibili esiti di un sorteggio a cui ancora dovevi arrivare.
    Passata l'incazzatura contro eupalla statisticamente parlando avevamo qualcosa più del 25% di probabilità di trovare un'italiana, fra queste ancora un 25% esatto di trovare Roma ma anche Napoli o Internazionale Milano e perché no anche il Torino.
    Levato l'ultimo che sarebbe stato in testa alle mie preferenze secondo me non ci è andata nella maniera peggiore perché Napoli ed Inter li vedo in crescita, mentre la Roma decisamente no.
    Detto che comunque siamo agli ottavi e quindi scarzignudi non c'è ne sono, rimane in bocca tutto l'amaro del poco europeo ed un retrogusto di prova molto più mentale che calcistica in senso stretto.
    Pollock direbbe che le spagnole stanno peggio....

    RispondiElimina
  22. Io con una Ficona.

    RispondiElimina
  23. Montella tranquillo in conferenza stampa. Non si percepisce ansia nell'ambiente. Ed è giusto così.
    È stato fatto molto sino ad ora.

    RispondiElimina
  24. Se VERAMENTE Salah è questo per me 20 ml€ non sono tanti affatto.
    Capisco chi dice che l'anno prossimo con una preparazione tutta italiana potrebbe essere diverso.

    RispondiElimina
  25. Il Boss non si azzarda in un quartier di bell

    RispondiElimina
  26. ....e fiche eheheheheheh

    RispondiElimina
  27. Per gli amanti del vino oggi ho selezionato una bollicina rosè di Sangiovese

    RispondiElimina
  28. Giusto. Parole sante, o santé con il rosé...

    RispondiElimina
  29. Non ho più trovato un rosè valido da quando ho assaggiato quello di un contadino pugliese assaggiato in vacanza a Marina di Mancaversa (Nardò, Gallipoli) ribattezzata quasi immediatament

    RispondiElimina
  30. Quello pugliese è sempre stato tra i migliori. Questo è una novità



    http://www.gonews.it/2014/04/03/vinci-vinitaly-dianella-si-presenta-con-un-nuovo-rosato-frizzante-a-base-di-sangiovese/

    RispondiElimina
  31. Ficini una volta lo notai tra la gente sugli spalti mentre giocavo una partita nell'empolese. Era il famoso anno di Firenze, lo "beccai" proprio perchè vidi uno in completa tuta e giaccone Viola ed ovviamente attirò la mia attenzione.

    Su Salah. Il Chelsea (Abramovich) può avere tutti i soldi che vuole ma se non è prevista una clausola di controriscatto e la Viola decide di spendere i 20 (non quindici come si è erronemente letto) milioni che servono per riscattarlo dopo tratta con chi vuole e a cifre immagino ben più alte...

    Poi, oh, nessuno che vede la possibilità di tratternerlo? Vabbeh, scherzo dai...

    RispondiElimina
  32. Ciao Louis, io la vedo come te. Un Salah su questi livelli vale già una trentina di milioni, se continua così potrebbe superare i 40 tranquillamente. Ricordiamociche riscattare Cuad ci è costato nelle tre tranches circa 25 mln.
    Certo vedere andar via un Salah così, sarebbe un colpo al cuore come quello che non provo dai tempi di Batistuta e Rui Costa...

    RispondiElimina
  33. esatto Corto, Cuad alla fine ci è costato di più e possiamo già dire di non rimpiangerlo... bisognerebbe solo sapere che accordi ci sono con gli inglesi, sapere cioè se c'è un diritto di riscatto libero o vincolato alla volontà del Chelsea che potrebbe essersi tenuto la facoltà di riprendersi il giocatore, ovviamente, nel caso, incentivando la Fiorentina...

    RispondiElimina
  34. infatti, il calcio del dopo Bosman è questo: una volta ci guadagni, un'altra ci rimetti, fa parte del gioco...

    RispondiElimina
  35. In conferenza Montella ha chiaramente tirato la volata al rinnovo di Aquilani

    RispondiElimina
  36. Io Aquilani lo terrei. É fisicamente inaffidabile. Nel senso che è soggetto a lunghi stop. Tuttavia non dimentico quanto di buono ha fatto vedere. É uno dei pochissimi a poter giocare in mediana tipo Pizarro anche se in modo diverso... Meno trottolesco. É bravo negli inserimenti sotto porta e batte discretamente i calci di punizione. In linea di massima un giocatore sul quale contare.

    RispondiElimina
  37. il punto è che temo che ci siamo già goduti gli unici due anni di continuità fisica di Aquilani, e che ora sia tornato quello di prima, con la tendinopatia che di fatto gli impedisce di allenarsi seriamente e lo rende un mezzo giocatore, costantemente inespresso, com'è stato per quasi tutta la sua carriera, nonostante le doti tecniche indubbie.

    RispondiElimina
  38. Rispondo qui ad un commento illuminante di BelvaRomana:


    Mi fa piacere che Montella sia tornato bello tranquillo e sereno, ma qui si rivela il limite principale dell'ambiente e, soprattutto, della società, ovvero quanto siano al ribasso gli incentivi che la proprietà (Andrea in primis) riesce a trasmettere all'area tecnica. Abbiamo passato un sedicesimo di finale in una competizione dove con molta probabilità usciremo al prossimo turno. Per arrivare a questa vittoria di Pirro, abbiamo in pratica ridotto al lumicino le possibilità di arrivare ad un più fattibile -almeno relativamente- terzo posto. Con tutto quello che una partecipazione alla CL comporta in termini di fatturato.

    Montella sa che ormai anche per questa stagione verrà ricordato come uno degli allenatori emergenti di valore. Per la sua carriera, la bella prestazione con il Tottenham è un passo in avanti importante. Qui si spiega anche l'assurdo turnover contro il Torino.

    Purtroppo da quando Diego non si occupa più della Fiorentina, una forma di buonismo, ingenuità, scarsa comprensione delle dinamiche motivazionali ha preso il sopravvento rendendo il famoso salto di qualità alquanto utopico. E non mi riferisco alla ridicola favola dei braccini perché i Della Valle hanno investito il giusto. Ma se investi e poi non sai trasmettere ai dipendenti ile giuste motivazioni, anzi lasci che le loro motivazioni e interessi personali prendano il sopravvento su quelli societari, allora diventa difficile raggiungere gli obiettivi prefissati.



    Concludo così: se Diego fosse venuto alla vigilia di Fiorentina-Torino, dubito fortemente che Montella avrebbe fatto un turnover così massiccio. Purtroppo, voglio bene ad Andrea, una brava persona, ma che avrebbe problemi a gestire un convento di suore orsoline.

    RispondiElimina
  39. Che dire, se le cose stanno così spetta allo staff medico svolgere le dovute analisi. Non ho idea dell'entità dei guai fisici. Certo è che se c'è in ballo una contrattazione - un tira e molla - è sicuro che anche gli eventuali acciacchini sono stati messi in conto dalla società.
    Comunque giovedì non mi è dispiaciuto affatto. Almeno fino a maggio (sperando di continuare su tutti e tre i fronti) ci servono quasi tutti!! Soprattutto a centrocampo, visto che il fantastico Valero è in fase calante.

    RispondiElimina
  40. Roma 80% Fiorentina 20%


    In Coppa Italia, molto dipende se la Juve esce dalla CL. Se passa il turno, diventiamo noi i favoriti, altrimenti la vedo comunque 50-50.


    A differenza della Roma che soffriamo -soprattutto Gervinho che infatti non c'era né al ritorno né in Coppa Italia-, i bianconeri ci soffrono e difficilmente schiereranno la formazione titolare.

    RispondiElimina
  41. credo che in tal caso ci vada l'altra finalista di coppa

    RispondiElimina
  42. no, ci va la quarta, a meno che un'italiana non vinca la Champions: http://kassiesa.net/uefafiles/2015-18-uefa-access-list-explanations.pdf

    RispondiElimina
  43. Concordo in pieno, senza dimehnticare inoltre l'età.

    RispondiElimina
  44. Ocampos a quel che ho capito non è venuto perché è stato inserito nell'operazione-Cuadrado Salah. Altrimenti sarebbe stato acquistato con parte dei soldi incassati da Cuadrado. Devo dire che mi dispiace aver perso l'opportunità di prendere tutto per noi Ocampos, giovane di grande prospettiva. Salah va capito a che condizioni è qua.

    RispondiElimina
  45. STEFANO, se ti fanno l'antidoping risulti positivo. Però sai che ti apprezzo (lo scrissi) perché sai cambiare idea.....

    RispondiElimina
  46. Ocampos era uno dei più forti della sua generazione, in Argentina. Ha fatto, secondo me, come tanti altri nelle sue condizioni, una scelta sbagliata per un giovane, si è lasciato attirare dai petrodollari ed è finito in una società senza arte ne parte. Adesso è già sul bancone delle occasioni. Sarebbe un giocatore da prendere ma noi adesso con Salah siamo appostissimo. Fosse arrivato lui assieme a Cuadrado, chissà... magari riportando il Cuad a destra, ma sono solo discorsi teorici. Per adesso i fatti stanno dimostrando che aver definito un capolavoro tecnico finanziario la cessione di trecciolino al Chelsea non è stata un'esagerazione. Il tempo confermerà o smentirà. Comunque il rendimento di JC11 non era più in linea con la valutazione di cartellino e ingaggio. La sua partenza ha sbloccato altri giocatori psicologicamente e tatticamente, responabilizzandoli. A volte una squadra la si può rinforzare anche ripulendo lo spogliatoio da malumori striscianti.

    RispondiElimina
  47. Non entro nel particolare del turnover in occasione della gara col Toro, non penso sia quello il problema. Ma quello che dice Stefano, sul resto, è tutt'altro che campato in aria. Abbiamo buttato troppi punti nelle partite da vincere, quasi esclusivamente in casa e questo per me è un problema di mentalità che manca ancora a questo ambiente, società/squadra. Spiace dirlo e mi costa tantissimo ma quello che viene fatto da anni a gobbilandia andrebbe preso ad esempio. Coi giocatori e gli allenatori non si può diventare amici e/o troppo permissivi, in settimana ho visto un caporeparto "ribaltare" un neoassunto perchè perdeva tempo e ritardava delle consegne. Ero a "vedere" un lavoro presso un potenziale cliente, un grosso gruppo nell'ambito alimentare del nordest che ha aperto un distaccamento qui da noi. Questo è il clima che si respira dove il rendimento vuol dire soldi e non si capisce perchè il calcio, in troppe piazze, sia visto come un paradiso, a maggior ragione visti i soldi che girano. E' legittimo pretendere e spremere i dipendenti perchè possano rendere il massimo, nell'interesse loro e di chi li paga. Sembrano due discorsi separati ma credetemi che non è così. Ecco, io vorrei una gestione più "cattiva" e presente dell'area tecnica tutta, sono convinto che il gap sarebbe accorciato senza dover sempre chiedere soldi al padrone.

    RispondiElimina
  48. Sì, beh, ma Diego si è fatto prendere per il sellino per anni da Prandelli

    RispondiElimina
  49. Fate l'antidoping anche a me, allora. Stefano calca un po' troppo la mano, come sempre. Ma le sue considerazioni sono piuttosto sensate, mi pare. Va da sé che spero siano del tutto erronee.
    Louis, ci siamo. Niente altro da aggiungere. Se non che, quando uno deve fare quello cattivo lo fa, punto e basta. Il problema è che la gestione "militaresca" funziona solo in emergenza e per brevi periodi. L'errore, semmai, è quello di cambiare un po' troppo atteggiamento. Comportamenti ondivaghi confondono i dipendenti, secondo me.
    Ergo, il problema della viola è la tripla faccia, indiscutibilmente SergioLeoniana. Il buono (ADV), il brutto (Guerini), il cattivo (Cognigni).

    RispondiElimina
  50. Penso anch'io che l'ingaggio pesante era d'ingombro

    RispondiElimina
  51. ... sono d'accordo Ljuk, probabilmente ci vogliono anni per creare certi meccanismi, il dipendente deve avere la consapevolezza che deve dare il massimo, sempre. Probabilmente da noi ci sono troppi passaggi prima che arrivino certi messaggi, però da fuori è praticamente impossibile poter dare un giudizio ma una juve o una roma capelliana la partita di domenica sera mai e poi mai l'avrebbero pareggiata...

    RispondiElimina
  52. Beh, non proprio, il tradimento per me inizia appena dopo il passaggio del girone di CL, prima c'erano i limiti tecnici-tattici del Giubba a frenare il progetto, non gli incentivi. Da allora Diego ha smesso di seguire il calcio, ha delegato ad altri che a loro volta hanno delegato ad altri, creando un vuoto di autorita' che poi spiega tante cose ovvero le tante opportunita' gettate al vento (e milioni di entrate potenziali non realizzate). Montella da buon napoletano e' abbastanza furbo per uscirne alla grande senza perderci la faccia come il Giubba. Ripeto, quest'anno il terzo posto, anzi il secondo era alla portata, e' mandato il manico, il bastone e i dipendenti tutte queste motivazioni per centrare un bene comune, anziche' concentrarsi su quello individuale, non le hanno. Come e' logico non le abbiano. Nemmeno le orsoline senza manico le avrebbero.

    RispondiElimina
  53. Le cose cambiano... Il Montella sotto pressione e a rischio di perdere credibilita' ha cominciato a cambiare atteggiamento e scelte verso Fine dicembre e i risultati positivi si sono visti. Il Montella incensato giustamente dopo Londra, ti tira fuori un assurdo Turnover e pregiudica gravemente la ricorda al terzo posto.

    RispondiElimina
  54. Ecco i convocati per domani, Mario Gomez è stato lasciato a riposo a Firenze.

    Alonso, Aquilani, Babacar, Badelj, Borja Valero, Diamanti, Gilardino, Gonzalo Rodriguez, Ilicic, Joaquin, Kurtic, Lazzari, Lezzerini, Neto, Pasqual, Pizarro, Richards, Rosati, Rosi, Savic, Salah, Tomovic, Vargas.

    RispondiElimina
  55. Il tradimento comprovato è dell'ultimo anno, in effetti. Non mi sembra che Montella stia tradendo.

    RispondiElimina
  56. Non ho detto questo, anzi, per me è un problema di incentivi, anzi di assenza di incentivi, i dipendenti si adattano. In una società di calcio o in un altro settore, cambia poco. Dopo Londra, Andrea rimane con la squadra, mi aspettavo ingenuamente per tenere alta la tensione in vista della partita col Torino. E che succede? Turnover massiccio. Qualcosa non quadra.

    RispondiElimina
  57. Tanto il campionato ormai l'abbiamo mollato. Beati i Della Valle, 30 milioni della Champions League non ci servono. Ridicolo, così non andiamo da nessuna parte.

    RispondiElimina
  58. Spero giochi Gilardino che le motivazioni -e le palle- le ha. Babacar, se anche avesse la testa da calciatore -cosa ancora da dimostrare-, ce l'ha sicuramente da un'altra parte.

    RispondiElimina
  59. Non sono erronee e nemmeno eccessive. Domani ci presentiamo a Milano con Babacar e Diamanti. Salah entrerà gli ultimi 15 minuti e Gomez a riposo a Firenze. A volte mi chiedo perché da piccolo non ho iniziato a tifare per i gobbi. Ah certo, vuoi mettere superare i sedicesimi di Europa League...

    RispondiElimina
  60. Quindi.. siamo perduti!? 'ccidenti..

    RispondiElimina
  61. A questo punto mi tocca dar ragione a Jordan. I Della Valle -in quanto proprietari- si divertono a perdere milioni di euro, spero solo nel calcio, altrimenti gli azionisti del gruppo Tod's si sarebbero defilati da tempo. Forza Neto!

    RispondiElimina
  62. Stefano, non ti lasciare trasportare... non è una questione di uomini, ma di mentalità che va inculcata nella testa di quegli uomini... I merdosi hanno vinto campionati con i Torricelli, i Carrera, i Di Livio, i Porrini e potrei continuare all'infinito... oggi ci sono i Padoin ed i Barzagli che a Torino sembra diventato Nesta... io sogno, un giorno, di avere una "cattivera agonistica ed una fame insaziabile nei nostri uomini guida"... ce la farò prima di tirare le cuoia? Dopo, stai tranquillo, che anche con i Babacar e i Diamanti vedi sputare sangue e tornare a casa gente con in mano un parastinchi avversario... Son cresciuto calcisticamente con questa mentalità nella mia infima carriera e mi piacerebbe vederla anche nella squadra che amo.... spero, tanto non costa nulla...

    RispondiElimina
  63. Dopo aver perso un sacco di punti a cavolo s'era ritornati in corsa per il terzo posto. A me girano fortemente, spero che almeno giochi Salah dal primo minuto, che a Montella -visto anche l'infortunio di Basanta- non rinunci a Savic come fece inconcepibilmente domenica scorsa. E poi non voglio passare per menagramo.

    RispondiElimina
  64. Inzaghi ha sostituito Montolivo... ora vinceranno di sicuro.

    RispondiElimina
  65. Pare di no. Leggo su Fiorentina news:
    "Ocampos: con la Fiorentina era già tutto definito, poi la cessione di Cuadrado ha fatto saltare la trattativa"

    RispondiElimina
  66. il Milan porta a casa un risultato positivo contro una diretta avversaria, grande serata...

    RispondiElimina
  67. Vittoria epica, che andava giustamente festeggiata ed un paio di pintoni di birra mi ci son voluti tutti per rendere omaggio al lieto evento. Sfatiamo finalmente il tabu nerazzurro in quel di Milan, imponiamo il nostro gioco, la derelitta Inter ci grazia solo nel finale quando siamo ridotti prima in dieci dall'unico errore di Montella che non si accorge che il mio maestoso Tom (dove cazzo è Facundo, giubilato in pubblico anche dal paziente Gasp) ha preso una tranvata n'i capo mica da ridere eppoi addirittura in nove dalla colossale sfiga che ci attanaglia e assottiglia numericamente una rosa dall'infinito potenziale. Abbiamo trovato un campione che decide le situazioni, gol decisivo a parte, ad un certo punto SIMSALAHBIM se ne è uscito da un tritio di interisti alla maniera EDMUNDESCA di un Lazio-Fiorentina di fine anni 90. Godiamoci questo cavallo di razza che sconquassa qualsiasi difesa con la leggerezza di una piuma incastonata nella velocità di un pendolino. E GRANDE anche Montella che azzecca formazione, cambi (pecca di cui sopra a parte), gestione della gara e aspetto psicologico. E' questo che voglio vedere sempre, anche in casa con il Chievo di turno. Ancora esemplare Neto, in gran crescita Badelj, bravi Aquila, Alino e Lerc, decisivo sul gol vittoria. Andiamo avanti così, nulla è precluso. Forza Viola!

    RispondiElimina