.

.

lunedì 9 febbraio 2015

Certi giocatori devono smetterla di essere decisivi


La vittoria nasce in gran parte nel primo tempo nel quale la Fiorentina riesce a incassare il pressing dell’Olanda senza andare in svantaggio. Morales della favola ci occorrono comunque tre gol per piegare gli orange, a dimostrazione di quanto sia stato difficile vincere, e quanto scorbutica risulterà alla fine la squadra di Colantuono. Punti preziosi che hanno un retrogusto invitante, quello di far apprezzare meglio anche il mercato di gennaio, grazie a Diamanti, ma anche alla facilità di fare calcio senza pregiudizi, con la quale si è presentato Salah nel nostro campionato. Se l’egiziano ha debuttato dopo solo un quarto d’ora dall’atterraggio significa che Marin aveva qualche problemino. Montella ha avuto il merito di saper cambiare volto alla squadra nella ripresa, ma se l’ha dovuto fare significa anche che ha dovuto rimediare a qualcosa che aveva comunque non completamente indovinato. Giuste le sostituzioni di Borja Valero e di Joaquin entrambi sottotono, e difesa ballerina soprattutto per la mancanza di filtro a centrocampo, con Tata in difficoltà su ogni cross e su ogni rinvio. A parziale scusante della squadra c’erano da smaltire ancora le tossine della partita di coppa, Fiorentina che infatti parte con la stessa formazione di Roma a parte il Pek, che una volta in campo ci ha permesso di ritornare ad essere padroni della partita. Più di tutti mi ha impressionato Zappacosta dell’Olanda. Bellissimo il trio là davanti con Diamanti, Gomez e Salah, se si pensa che c’è ancora fuori Rossi, e che Mati Fernandez ci delizia con giocate come quella sul gol vincente di Pasqual, c’è da stropicciarsi gli occhi una volta gestito fisicamente anche il delizioso Joaquin. Settimo risultato utile consecutivo dopo Parma tra campionato e coppe (cinque vittorie e due pareggi), e molte più soluzioni negli ultimi trenta metri con questi uomini, giocatori rapidi e tecnici, veloci anche di testa, non ce ne vorrà Cuadrado se cercheremo di consolarci così. Poi c’è da decidersi una volta per tutte circa i meriti e demeriti da assegnare ad un allenatore, comunque singolare quel certo modo di valutarne l’operato se i cantuccini sono finiti e rimangono solo i pregiudizi da inzuppare nel vin santo. E’ curioso verificare che a seguito di una sconfitta lo si mette in croce e a seguito di una vittoria si rincara la dose evidenziando la giocata del singolo per cercare di allontanarlo dai meriti di quella vittoria. Giocata del singolo che quando non avviene non è colpa del singolo che magari fa tardi la notte, o tromba dopo aver fatto tardi la notte, no, è sempre colpa dell’allenatore che non è in grado di metterlo in condizione di fare la giocata del singolo. Quando invece il giocatore fa la giocata vincente la colpa è comunque dell’allenatore che in mancanza di una manovra seria lo costringe a fare il lavoro per cui è pagato, invece di fare sempre tardi la notte o trombare dopo aver sempre fatto tardi la notte. Lionel Messi risulta ad oggi uno dei peggiori nemici degli allenatori, bestia nera non tanto degli allenatori avversari, ma soprattutto dei propri. Non a caso Guardiola è stato costretto ad andarsene e Carlo Ancelotti convive con Cristiano Ronaldo accettando a malincuore la sua capacità di decidere le partite, oltretutto, come se non bastasse l'essere così decisivo ai danni di Carletto, è anche un serio professionista che non fa nemmeno tardi la notte o tromba dopo aver fatto sempre tardi la notte. Il calcio non lo fanno più i bravi calciatori come una volta quando c’erano Maradona e Baggio, una partita non è più il frutto delle grandi giocate dei protagonisti, il calcio di oggi è solo il risultato di numeri come il 4 3 3 o il 3 5 2, di sostituzioni sbagliate, lavagne scarabocchiate e gesti dalla panchina che incidono sulla partita per lo 0,01%. Mi domando e dico come mai certi giocatori più fanno la differenza e più guadagnano, ci vorrebbero allenatori più preparati che non costringessero certi giocatori a fare quello che poi costringerà i presidenti a svenarsi per pagargli gli stipendi. Gente come Diamanti, sono giocatori schifosi in grado con una finta di spiazzare intere difese, sono loro la vera rovina degli allenatori.


64 commenti:

  1. Solito bell'editoriale. Curioso giustificare le capacità di un allenatore adducendo fantomatici schemi per le realizzazioni di un goal, ieri sono stati portati esempi di Samp e Sassuolo, difatti il goal degli emiliani lo ha segnato Acerbi, un difensore, lasciato libero davanti la porta con quattro sampdoriani in bambola, in bella posta a chi faceva la più bella statuina. Alla faccia dello schema, crossaccio dal fondo, quasi dalla linea di rimessa e tutti all'amo a guardare. E mancavano Zaza, Berardi e Sansone al Sassuolo. La replica della Samp è pure peggio, li la dormita collettiva l'ha fatta il Sassuolo, con Eder libero di battere vicino alla linea di porta, insomma, se questi sono schemi e questi gli allenatori bravi........partita orrida del resto quella di Genova, 0 emozioni, occasioni al lumicino, non prenderei nessuno dei due per la Viola. Sinisa l'abbiamo già preso ma nel momento sbagliato, è al primo anno buono da allenatore, conta il secondo più della meteora, Iachini e Pioli, giusto per portare altri esempi, hanno dato e stanno dando continuità alle loro carriere, su di loro una scommessa la farei, di contro, Di Francesco è al suo secondo anno, ottimo, al Sassuolo ma bisognerebbe vederlo al di fuori di questa società, se dovessero chiedermi di decidermi fra lui e Sinisa sicuramente Eusebio tutta la vita. Ma parliamo di allenatori capaci va! Goal che sblocca la partita fra juve e bilan, di Tevez, viziato da fuorigioco clamoroso, dev'essere uno schema pure quello. Schema juve. Non male nemmeno il goal del bilan contro la difesa titolare della juve. Splendido schema in quel di Cagliari, con goal di Ljajic innescato da un sombrero a difesa schierata e piantata in terra come querce secolari, bello il goal di nutellino però. Sombrero è uno schema, portato da Garcia immagino. Gran goal di Guarin su calcio d'angolo, inzuccata stratosferica su uno dei 10.345 angoli che vengono battuti in tutte le serie nei fine settimana, schemi studiati a tavolino. In breve, noi dobbiamo avvolgere gli avversari nelle spire dei nostri schemi, dei nostri movimenti, per definire bravo Montella si deve entrare in porta con la palla o irridere gli avversari con passaggini e tocchetti trotterellando in area nemica altrimenti Monty è un coglione che non sa dare un gioco e fa della staticità il suo marchio di fabbrica. Chissà se gli addetti ai lavori, la stampa, i tifosi avversari, i giocatori delle altre squadre pensano la stessa cosa. Ovvio che si, per noi arrivare quarti è un obbligo, un dovere e se non ci riusciamo è per colpa di quell'imbecille presuntuoso che non sa dare uno straccio d'idea ai giocatori.

    RispondiElimina
  2. Ciao Leo, bentrovato.

    Su Marko Marin: evidentemente non era un problema di condizioni fisiche, visto che in Belgio gioca, evidentemente proprio non piaceva a Montella.

    http://www.fiorentinanews.com/marin-da-panchinaro-nella-fiorentina-a-titolare-fisso-nellanderlecht/

    RispondiElimina
  3. Chi ha visto gli allenamenti, lo prendo col beneficio del dubbio ma hai visto mai.........non correva quando correvano i compagni, dopo pochi giri di campo si metteva a palleggiare da solo, durante la partitella non la passava mai e tirava in porta da tutte le posizioni, è venuto sulle palle ai compagni dopo nemmeno una settimana, Montella lo ha messo da parte come logica conseguenza vuole parlandone benissimo prima di sbolognarlo come copione impone. Una vera testa di minchia. Stessi problemi con Mou che non ha fatto niente per trattenerlo al contrario di Salah che un po' gli piaceva, a detta sua. Più che un po'. In Belgio è probabile che trovi la sua dimensione, un allenatore con poche palle gli farà vedere sempre il campo, tecnicamente non è certo una pippa.

    RispondiElimina
  4. Immaginavo qualcosa di simile, altrimenti non si spiegava... quello che intendevo è che i suoi problemi non sono fisici.
    Salah mi sembra di una pasta decisamente diversa, comunque.

    RispondiElimina
  5. Editoriale molto gradevole. Da vedova di Marin devo prendermi la presa per il culo. La situazione tra Salah w Marin e' pero' un po' diversa: Cuadrado non c'e' piu'. Avrebbe esordito Salah con Jc? Non lo sapremo mai, ovviamente. Anche prenfendo per buone le soffiate di Leo, che saluto, mi romane la sensazione che Marin ci avrebbe fatto comodo e molto. Ormai lo sapete il caso Marin ha rovinato la luna di miele con Monty.

    RispondiElimina
  6. Corto, piuttosto che far giocare Marin, Montella inseriva El Hamdaoui!!!
    A quel punto, tendo a credere a quanto riportato da Leo, perché l'unica alternativa è che Marin stia sul cazzo a Montella solo per il fatto di esistere (ti ricordi Benigni in "Non ci resta che piangere"? "Io Giachetti lo boccio!")

    RispondiElimina
  7. grazie poeta.
    È stato un bel gennaio, per una volta, e guardare la classifica non fa più male, finalmente. Ora però viene il difficile: Inter, Lazio, Udinese, Milan, Sampdoria, Napoli in poche settimane, con in mezzo due volte il Tottenham e due volte la Juve. Già tenere il quarto posto, in questi due mesi, sarà difficile. Ci si provi, la Fiorentina di ieri è una squadra che fino alla fine ci ha provato, bene così.

    RispondiElimina
  8. Wooow! Occorreva, in una giornata soleggiata e con belle prospettive, un articoletto di un sito per far cogliere che il problema non erano le gambe o i piedi di Marin bensì la testa e l'atteggiamento.
    Alcuni di noi l'avevano abbondantemente scritto.
    Comunque é andato (Marin) in Belgio, non in Liga o PL, da quel campionato (e dall'Anderlecht) noi abbiamo avuto Yakovenko.....basta pochissimo, ora, per capire.

    RispondiElimina
  9. Dono della sintesi, questa sconosciuta. Per me.

    RispondiElimina
  10. Mi sono sempre chiesto quale fosse il motivo di certi rituali montelliani, a partire dalle sostituzioni quasi sempre al ventesimo del secondo tempo.
    Ultimamente quando le cose non girano alla perfezione - e se pareggi 1 a 1 in casa con l'Atalanta è così credo - decide le modifiche degli assetti tra un tempo e l'altro. Mi torna alla mente il Montella calciatore, permaloso. Forse non se la sente di sostituire dal campo e preferisce spiegarsi nel chiuso dello spogliatoio, per non urtare le suscettibilità varie. Fosse così sarebbe apprezzabile. È costato qualche punto in classifica ma almeno non si è assistito mai in tre anni alle pantomime del calcio alla bottiglia o del gesto dell'ombrello di Chinaglia a Valcareggi

    RispondiElimina
  11. Vallo a dire a Brillante, bruciato all'esordio alla prima in trasferta con la Roma. Montella il lato permaloso non lo ha smarrito, quando ha da dire qualcosa è di una chiarezza disarmante, il povero Joshua lo sa bene. E manco era lui il destinatario.

    RispondiElimina
  12. E' facile sostituire l'ultimo arrivato Leo. Coi senatori credo sia più complesso.
    A onor del vero ero allo stadio e il ragazzo si vedeva che non riusciva a trovare la posizione. Spaesato.
    Non c'entra niente ma ieri sera metamorfosi di Guarin. Non so che ha bevuto ma sembrava Pogba

    RispondiElimina
  13. Nella speranza che con questo BELL'editoriale tu ti sia definitivamente sfogato con Marin e con chi lo sosteneva, dico che almeno sulle condizioni fisiche del tedesco avevo/avevamo ragione, non era quello il problema. Poi, da fuori, si ha sempre torto, non sapendo come stanno precisamente le cose, ma fa parte del gioco. Per come la vedo io Montella ha molto da affinare, sul piano della comunicazione. Troppo spesso gli ho sentito fare batture da bar dello sport, i bersagli sono stati molteplici, la società, alcuni suoi calciatori, gli avversari. In quel ruolo bisognerebbe sempre contare fino a dieci prima di aprire bocca, magari è solo una questione di esperienza. Si farà. Sulla partita di ieri; ho visto dei miglioramenti, l'Atalanta è una delle piccole più in forma ed ha alcuni giocatori che potrebbero giocare a livelli superiori (Moralez, Gomez, Cigarini, Zappacosta, Pinilla). L'approccio è ancora da registrare, e non poco. La tattica, la punta unica piuttosto che doppia, i moduli son tutte cose che contano ma fino ad un certo punto. La differenza a livelli massimi come una seria A la fanno le motivazioni, la concentrazione e la capacità di una società e di un allenatore di tenere sempre a stecchetta tutta la squadra, dalla punta di diamante al terzo portiere. Oltre, naturalmente, alla qualità complessiva dei giocatori. Ma la Rubentus non stravince solo perchè è la più forte, non ci sono 7 punti tra i gobbi e i romanisti se ci fermiamo alla sola qualità di chi va in campo. In questo Montellino di pappa ne ha da mangiare ancora tanta, ma tanta. Ci sono lacune in alcuni settori e limiti strutturali, il primo gol lo becchiamo perchè Pasqual ha limiti impressionanti sulle palle alte che arrivano sui cambi campo, ma lo sappiamo. Abbiamo solo un terzino destro, gli altri sono adattati e non viene impiegato mai, la difesa a 4 è una forzatura anche per le caratteristiche di Gonzalo che in quel modulo perde il 50% del suo potenziale... Insomma, troppe beghe per non parlare poi che in mezzo al campo, con solo tre elementi, concederemmo praterie sconfinate agli avversari. Ma un mediano non serve e allora voglio dare anche io, dopo il Calamai, un bel 7 al mercato!

    RispondiElimina
  14. Leo, mi sembrano esagerazioni... alcune, non tutte, di codeste cose le ho viste fare coi miei occhi, ad un altro, era brasiliano e l'allenatore uno di Cusano... poi la domenica giocava e ti vinceva le partite... Ora, Marin non è Edmundo ma non ci credo che avesse un atteggiamento del genere, almeno non fino a quel punto... ciao...

    RispondiElimina
  15. Montella come chiunque altro allenatore giovane che ti puoi permettere, avrà sempre qualcosa da affinare. Ma invece di stare a fargli le pulci su qualche sostituzione sbagliata, mi piacerebbe di più capire chi al posto suo può garantirci gli stessi standard di gioco e magari anche gli stessi margini di crescita.

    RispondiElimina
  16. Torno su Marin e poi mi taccio sulla questione, che di refrain ce ne sono a sufficeinza nel sitone. Supponiamo che il giocatore sia un testa di minchia individualista che hanno raccontato a Leo: ma allora che senso avrebbe avuto farlo riscaldare piu volte e non farlo mai entrare? Punirne uno per educarne cento? Sinceramente non capisco, anzi spero di ricordare male e che Marin non si sia mai alzato dalla panchina.
    Continuo a pensare che il prestito con dirittto di riscatto a otto milioni non fosse un cattivo affare. Salah e' piu pronto si dice: verissimo!infatti il riscatto e' fissato -sembra - al doppio!!!

    RispondiElimina
  17. Neanch'io ci credo molto. Dubito che un professionista che deve recuperare credito venendo da due stagioni nere, soprattutto per problemi fisici, arrivi a Firenze per prendere per il culo Montella. Magari quanto detto può anche essere successo, ma alla fine, a rapporti ormai rotti, insomma è un effetto, caso mai, non una causa. Con Marin Montella ha preso una probabile cantonata, non dico che ci avrebbe risolto tutti i problemi, ma l'avrei voluto vedere dietro al panzerone con Cuadrado messo dove deve stare e non nel mezzo a rompere i coglioni. Ora abbiamo Diamanti e Salah, magari è anche meglio ma il dubbio di quel che poteva essere rimane.

    RispondiElimina
  18. E prende tre milioni l'anno che, per ora, paga il Chelsea, ma, se lo riscatti, li devi pagare tu

    RispondiElimina
  19. JINGLE zallerizzato, si sta facendo mettere alla berlina.......(o alla côupé?).

    RispondiElimina
  20. Non ho mai visto un allenamento della Fiorentina quest'anno ed ho espresso un dubitativo alla premessa, non so darvi coordinate o tempistiche ma non mi riesce rimpiangere uno che il campo non l'ha mai visto e che viaggia sui si dice, mi pare, poteva essere. Nonostante i guai fisici al Chelsea non ci hanno pensato mezzo secondo a darcelo, se fa bene nell'Anderlecht non è automatico che avrebbe fatto bene da noi. Non credo che ci lasciano tutti fenomeni e arrivano tutti caproni. El Ham e Iako si è durato fatica anche a regalarli........e nemmeno è bastato quello.

    RispondiElimina
  21. Ho risposto sotto al Pat, Louis, non ho riscontro delle chiacchiere né le spaccio per vere. Solo se l'avessi visto coi miei occhi.

    RispondiElimina
  22. Ancora su Marin:

    http://www.violanews.com/altre-news/ex-dg-chelsea-su-marin-non-ho-mai-capito-perche-i-blues-lo-acquistarono-20150209/

    RispondiElimina
  23. Ci stiamo adeguando al sitone? Quando si vince un si commenta? Pollock prova a rimettere du poppe e du cosce magari l'è quello

    RispondiElimina
  24. Bukkio adesso sostiene - per la felicità di Lele - che Montella resterà a Firenze anche il prossimo anno.

    RispondiElimina
  25. eheh, un po contraddittorio l'ex dg... prima dice di non aver mai capito perchè lo presero, poi però, se torna quello di un tempo... forse allora un motivo se lo acquistarono c'era...

    RispondiElimina
  26. Bah, dice che se torna quello di un tempo va bene per l'Anderlecht, mentre per il Chelsea sarebbe troppo lento (non mi sembra sia lento, tra l'altro).
    Io me lo ricordavo come una grandissima promesso (al livello di Goetze e Reus, tanto per capirci), poi va a sapere cosa gli è successo...

    RispondiElimina
  27. Ciao a tutti, visto che ho promesso di non commentare più sul giocatore ex Chelsea, mi tocca fare una uscita allo special one:
    "Marko Marin: non lo conosco. Io conosco Biagio Marin, Enrique Martinez Marin. Ma questo Marko Marin non lo conosco"

    RispondiElimina
  28. Anche io penso che Montella alla fine rimarrà. Per comodità mi sono copiato tutti i miei post per riproporli uguali il prossimo anno. Tranne quello di Reja che si accaserà all'Hajduk sembra.

    RispondiElimina
  29. ahahahah, ciao Corto...

    RispondiElimina
  30. Ragazzi, mi attendono fagioli rifatti e salsiccia, non vi dico altro, ahahahah... scappo...

    RispondiElimina
  31. La notizia che molto probabilmente Montella ci allenerà anche il prossimo anno, è come avermi imposto della ghiaia per cena. Senza acqua.
    Eppure mi sono comportato bene, non ho mai tifato contro e mai mi passerà per la testa, perché devo subire una violenza simile? Un altro anno con lui, è al limite della pazienza...
    Tra l'altro questo tecnico vanta dei bonus incredibili, leggo amenità del tipo " finalmente ha apportato giusti correttivi velocemente" , cioè soltanto al 46' e non a 10' dalla fine...come se scazzare spessissimo la formazione, concedere quasi sempre il primo tempo agli avversari, e in questo caso rischiare il raddoppio bergamasco, sia un fatto normalissimo, un qualcosa che capita a tutti e deve capitare. E azzeccare le sostituzioni, wow!
    Certo, a differenza di qualche stolto che pensa sia prevenuto, se vedrò miglioramenti, sarò felice non per lui ma per gli interessi viola che vanno avanti tutto. Dubito fortemente, ma non ho alternative.

    RispondiElimina
  32. Lele, keep calm! Masaniello è in striscia positiva, a settembre una gara come quella di ieri non l'avrebbe vinta, magari ora abbiamo anche un po di sano culo, certo per far pari e patta con la sfiga ne dovremmo vincere almeno un'altra quindicina in zona Cesarini. Tutto questo per dire che ora va tutto bene e avanti con lui senza se e senza ma? No, assolutamente no. Chiedo solo di deporre le armi e lasciar correre il momento. Tra l'altro, con l'arrivo di Alino e quello del Messi d'Egitto vivo stati d'animo che mi riportano ai tempi belli, quelli tanto cari all'amico ZV che oggi si è preso un giorno di ferie... i tempi del Bati, di Edi e Rui. Un potenziale offensivo micidiale. Oggi abbiamo il tedescone nei panni del Re Leone, questo Salah un po anarchico ma dal talento sconfinato che pare reincarnare il brasiliano immenso e matto, Alino classe e grinta, Baba a mordere il freno eppoi c'è sempre il Fenomeno vero dietro la porta... Insomma, ammetto di aver dato anche col rosso e non solo col resto però mi sento fondamentalmente positivo dentro, andiamo a Sassuolo ed asfaltiamoli...

    RispondiElimina
  33. Louis sai quanto mi piace Gomez; difeso sempre, consapevole che le difficoltà erano imputabili agli infortuni e al dover riprendere condizione fisica e psicologica. Ma mettere Marione nella stessa frase con Bati per favore...

    RispondiElimina
  34. ahahahah, sono iperboli, caro Dkne!, volevo solo far passare il concetto che un reparto d'attacco così fornito e pieno di talento non si vedeva da quei tempi, poi è chiaro che i paragoni sui singoli non reggono, nemmeno Salah con Edi, però mi gasa questa batteria di attaccanti... ecco, solo questo volevo dire...

    RispondiElimina
  35. Su Marin non so se Montella ci abbia visto giusto o sbagliato, su Richards neanche, ma il rapido ingresso di Salah e il Basanta diventato titolare dovrebbero cancellare le insinuazioni sul tecnico che boicotterebbe certi acquisti. L'anno scorso veniva accusato di "non vedere" i giovani che qualcuno qui voleva titolari, ma quest'anno mi pare che Wolski e Rebic non abbiano trovato spazio nemmeno nelle cadetterie.

    RispondiElimina
  36. Io sono calmissimo, Lou, mica mi fo' venire i bollori per o'napuliell, lui se ne frega, ma io gli vo'riccamente ni'culo! D'altra parte lui prima o poi si leva, ma io resto viola fino alla morte. E anche dopo.
    Non dire a me di Salah e Diamanti, credo non ci sia uno più strafelice e l'ho scritto in tutte le salse. Salah l'ho visto diverse volte e sono iperpositivo, spero solo che il tecnico non arzigogoli con il suo ruolo, ma non ha le caratteristiche di Edi.
    Diamanti non è fortissimo, ma di più. Punto. Nonostante ai'lucchese gli sia venuta h a paresi alle dita!
    Io non mi esalto, per cosa poi, sono mesi che dico che le potenzialità della rosa ci avrebbero permesso un ben altro campionato, frenato per ora da Montella. Ma si è fatto il calcolo di quanti punti ha buttato?
    Va beh, ora vado a cena. Carpaccio di limousine e un Bolgheri. Altro che ghiaia!

    RispondiElimina
  37. e altro che salcicce e fagioli, ahahahah... lo so che di Diamanti e Salah eri strafelice... il Socio ora è in riflessione, ma vedrai che si ripiglia, quando la Viola vince passano tutti i malanni, ahah... così come non son matto da paragonare l'egiziano con il brasiliano...è il discorso che ho fatto anche a Dkne1, ho di nuovo l'ansia da attesa di vedere tutto quel ben di Dio là davanti, un po come ai bei tempi, con le dovute proporzioni, ovvio, almeno ci siam capiti... e spero che Masaniello non sciupi tanta grazia...

    RispondiElimina
  38. ...mi raccomando, tornami brillo pure tu come Louis e poi passatemi a prendere che si festeggia tutta notte il sesto posto e la semifinale..son tornati i tempi del Bati ah ah ah, ma che cazzo di vino circola in quelle zone?? Io bevo e alla fine quel che vedo è sempre sta cazzo di bottiglia vuota...Louis vede il Re Leone..si Leone di Lernia...mah....vado a finirmi di leggere il post di Marco va..l'ho cominciato dopo colazione....e l'altro "alticcio" è tutt'oggi che scrive e scrive e scrive bello allegro e pimpante...non all'era Glaciale, ma solo due mesi fa....che palle sti post lunghi...ronf...ronf...ronf...mi sono addormentato alla virgola....prima, adesso che non gli tocca più i due pupazzetti suoi....ah, interessante...si, si condivido....certo, bravo, ti ho letto con attenzione....mavaffanculo JINGLE che l'è meglio va.Addio.

    RispondiElimina
  39. https://scontent-a-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-xpf1/v/t1.0-9/10978654_914172388614440_5656555892478266241_n.jpg?oh=e79feab4a9fa5dea71bf9036f42d3281&oe=555ED904

    RispondiElimina
  40. Come tecnica, idee di giocate e soprattutto il correre portandosi a spasso il pallone attaccato al piede, Salah ha attinenze con Denilson, un gelato buttato al cesso.
    Il lucchese ha uggia ad ammettere lo sfondone, oggi si è eclissato. D'altra parte ha scritto per giorni Mutu fenomeno Diamanti mezzettone...Ti i immagini i peana se un gol del genere lo faceva lo squilibrato? Ahahah!
    Mi ripeto, la linea Salah Diamanti Joaquin dentro al centravanti più in forma, è tanta roba. Chissà se o napuliell lo sa.

    RispondiElimina
  41. ahahahah, lo sapevo che c'eri, era solo questione di.... tasti... quanto al vino, con tutto il rispetto per il piacentino, qui si viaggia in first class, anche di lunedì... T.V.B.

    RispondiElimina
  42. Gelato...ma che cazz di correttore! Talentoooooo!

    RispondiElimina
  43. Noi con un Bolgheri 14˙ due bicchieri sono sufficienti, vanno gustati, non bevuti.
    Te lassù ti tocca la Bonarda...
    Oh, un dillo a me che mi esalto, che m'offendo. S'è agganciato la Samp!!!!Altra robaaaaa!

    RispondiElimina
  44. ..pure io te ne voglio..poteva arrivare pure Del Piero e avevamo anche Chiesa da schierare...ti dico solo una cosa, alla prima che si perde non venire a rompermi i coglioni..non voglio sentire una mosca di lamentela volare..e domani un bel Editoriale contro i nasi finti, il tifo Viola, il parterre, i bottegai e la minchia...cazzo era il momento buono per farli smammare e quando arriva il momento cominciano a vincerne un paio...giusto per ributtare quintalate d'acqua sulla Rivoluzione che si sta compiendo.l'Avesse avuto Vittorio il culo di questi avevamo la maglia con 78 Stelle..altro che 30 sul campo di quelle merde.

    RispondiElimina
  45. Se la disegnava Pollock la faceva in linea con quelle laterali, così un c'era dubbio! Ahahahahah

    RispondiElimina
  46. Ce lo vedo coi righello pian pianino a fare una riga accanto ai fallo laterale!!!
    Poi, al netto dell'onesta' intellettuale, (!!!!!!!) giù con l'editoriale:
    o che tifosi vu' siete! Ma quale forigioho! Viva Montella! Un vu'conoscete l'arte della sconfitta, nemmeno quella della vittoria! I più be'gioho d'Europaaaaaa! Marin l'era buco! Ahahahahah!

    RispondiElimina
  47. Fratello, non verrò a romperti i coglioni, promesso... ma non mi puoi chiedere di tifare contro, anche se non è quello che intendi, lo so ... io sono un bischero e ne sono ampiamente consapevole, non scherzo, avrei potuto fare come quasi tutti i miei amici a 5/6 anni, comprarmi una bella maglietta di una di quelle tre schifezze e tifare per loro... e avrei risolto tutti i problemi, almeno questo tipo di problemi... poi, quel dieci con la maglia Opel, non so perchè, che cazzo ne so, è andata così... la rivoluzione non ci sarà, quando sarà il momento, per loro, se ne andranno, ma a noi non cambierà nulla, il tempo delle illusioni l'ho bruciato da un pezzo, il consiglio che mi viene di darti, in vino veritas, ahahah, è che forse dovresti accontentarti, come il bischero di Louis, di vivere alla giornata. Perchè è questo che sto facendo. T.V.B.

    RispondiElimina
  48. così gli dai l'idea per l'editoriale di domani, ahahahah

    RispondiElimina
  49. ..ti lascio con un pensiero ai miei EROI....sempre nel cuore!!!....a serio rischio bannaggio...libertà...libertà....

    RispondiElimina
  50. Ma un ni scrive miha lui, e gli passa i pizzini Montella! Icche' tu credi!
    Via, e c'ho fame. Bona!
    Ciao Zeman, prosit Bonarda.

    RispondiElimina
  51. ..buona cena...io preferisco digiunare e andare avanti con gli spilloni..c'ho due foto da sistemare..perde pure la squadretta de Roma...avanti cosi e vincono lo scudetto con Gila e Tata...quello andava in B con il meglio al mondo...mah...che cazzo di vita assurda..

    RispondiElimina
  52. Più o meno, come la Littorina sulla Porrettana dopo le recenti nevicate in Appennino... Notte a tutti...





    http://www.autoblog.it/post/395750/treno-vs-neve?utm_source=fb&utm_medium=ppc&utm_campaign=FB%2FBlogo

    RispondiElimina
  53. Oh, io sarò anche poco sportivo, ma nel fotogramma il piede destro di Pasqual mi pare perfettamente in linea col sinistro dell'atalantino, poi va bene che secondo i criteri di oggi si dovrebbe notare che la peluria del ginocchio sinistro di Pasqual è 1mm più avanti del piede d'appoggio dell'avversario, ma insomma... se ci annullavano questo avrei detto che contro di noi non sfuggono neanche le cose impercettibili, e mi ci sarei anche incazzato di brutto.

    RispondiElimina
  54. se ci ripenso mi fa una rabbia...

    RispondiElimina
  55. To close to call- no flag.

    RispondiElimina
  56. È così....il fenomeno Pioli se sta a smonta'.......
    È il Genoa tanto "battibile" non è.....
    Vai Vince' risistema i valori....

    RispondiElimina
  57. Come l'anno scorso, noi a inseguire il Napoli (difficile recuperare 7 punti con lo scontro diretto perso in casa... troppi punti buttati a cazzo, quando erano in crisi pure loro, ora solo un miracolo può portarci terzi), gli altri a inseguire noi

    RispondiElimina
  58. stefano vienna9 febbraio 2015 23:09

    Inizierà finalmente l'alternanza Valero-Mati?

    RispondiElimina
  59. Scomoda ancora una volta il nome del Fenomeno invano - definendolo pure quello vero - e rompo la società.

    RispondiElimina
  60. non voglio smorzare gli entusiasmi, né sul tecnico né sulla squadra. Ma il calendario sarà molto difficile nei prossimi due mesi.

    RispondiElimina
  61. e tu fa bene ma scappa lontano, tra fagioli rifatti e salsicciae parrà la contrarerea!

    RispondiElimina