.

.

giovedì 5 febbraio 2015

I contorni dei miei pensieri

Dopo Innsbruck, Bolzano. Ho festeggiato la vittoria contro la Roma in una birreria, e come da programma ho bevuto fino a quando ho chiuso gli occhi convinto che Savic avesse i tratti del viso più gentili di quelli di Alain Delon. Quando ho visto che Pizarro era più slanciato di Tatarusanu ho capito che avevo festeggiato a dovere. Ho mangiato e bevuto come in un banchetto romano protratto fino a tarda notte, banchetto romano prima che perdessero contro di noi. Poi per loro è iniziata  l’era dello street food. Ho avuto un momento di scompenso solo quando il “saccarometrico” mi ha fatto credere che Neto aveva rinnovato dopo solo 5 minuti di tribuna, poi quando Werner mi ha detto “No Cianni non ha rinnofato, è zoltanto la birra che te lo fa credere!!!”. Per festeggiare ho bevuto un ultima “scura”. O forse era già tutto scuro per me e la birra era chiara. Da lì ho cominciato a perdere conoscenza, i pensieri a perdere i contorni, l’Inter a perdere ancora. Ho raccontato una strana storia a Werner su quella ragazza che stava seduta al tavolo di fronte. Anche Werner ha bevuto pur non avendo da festeggiare un cazzo, se non da buttar giù, insieme alle salsicce, una riunione di condominio dove aveva dovuto redigere anche il verbale. Gli ho detto che la ragazza di fronte era così seria perché non se la sentiva di invecchiare. Che le rughe e i capelli bianchi diventano manifestazioni dirette del Demonio, il male assoluto, più ancora di Montolivo e le emorroidi, luridi vessilli del decadimento fisico, che non possono essere tollerati al pari delle dichiarazioni di Raiola. Via libera quindi alle creme, alle maschere, agli impacchi a base di bava di lumaca Montolivo, al lifting, al botulino, all’acido ialuronico, alla tinta per capelli e al trapianto con i peli presi dal culo. Lui mi ha fermato e mi ha detto” Cianni, ma perché spendere tanti soldi in prodotti di bellezza quando si può semplicemente e gratuitamente controllare i muscoli della propria faccia?”. Non me l’aspettavo quella domanda del cazzo, ho preso tempo bevendo ancora, poi ho ribattuto convinto che quella ragazza per rimanere splendidamente così giovane aveva rinunciato giustappunto a qualsiasi forma di espressione, smettendo di sorridere e facendo finalmente emergere il tripudio di depressione e desiderio di morte che alberga in ognuno di noi. Come se ad allenarci ci fosse Montella. Come per qualcuno se Mario Gomez avesse ricominciato a buttarla dentro. Un viso di cemento e il brio tutto festoso di Pirlo. Ha più di 50 anni quella ragazza. Gli ho detto. Non ha sorriso neanche quando è nata la figlia, e ha smesso di farlo all’età di 10 anni dopo aver baciato per l'ultima volta Ken il fidanzato della Barbie. Sono 40 anni che è inespressiva. Ha smesso di ridere molto prima del fallimento di Cecchi Gori. Si è imposta di credere che la vita fa schifo a prescindere dalla Fiorentina che intanto era diventata Florentia Viola. “Cianni che cazzo dici! Io la conosco qvella lì, si chiama Christine, non ha 50 anni e ha sempre riso come una pazza. Era la ragazza più felice del mondo, e con la sua bella scvarpa Fiola girafa per Bolzano orgogliosa. L’hanno portata da tutti i medici possibili, sono ormai più di 10 anni che non ride più. Io ho avuto una storia con la sua migliore amica, e anche lei befefa come te e mi raccontava strane storie. L’ultima volta che si è ubriacata con la weiss mi fatto una confidenza pregandomi di mantenere il segreto, ma io quando befo un po’ e ho le riunioni di condominio non riesco a mantenere i segreti. Mi ha detto che aveva smesso di sorridere da quando sono arrivati i Della Valle”.


107 commenti:

  1. Le seconde case danno grane Boss

    RispondiElimina
  2. Bello questo Edit, bello e profondo, non avevo dubbi che il Trentatrentino potesse farti solo bene.

    RispondiElimina
  3. Mi chiedevo: ma il tabellone della Coppa Italia non veniva fatto in base ai piazzamenti in campionato? Se sì, com'è che la prima, la seconda e la quarta stavano dalla stessa parte e la terza nell'altra?

    RispondiElimina
  4. Scrivo e poi leggerò: era ora! Foto Riblogghitesca, finalmente!!

    RispondiElimina
  5. Inciuci Tavecchieschi, hanno provato a fare la formuletta da Champions League....Sempre le stesse, avanti...

    RispondiElimina
  6. La vita é magia...

    RispondiElimina
  7. Pollock, mostra un sorriso di Gaia aggiornato, Daje......!

    RispondiElimina
  8. Comunque con la tizia....Nun cè semo persi gniente (con la gn di Cognigni).....
    Immagino Garcia, da Fiorentina-Roma di camoionato a Roma-Fiorentina di Coppa Italia, non é invecchiato in quei 10 giorni, non avendo sorriso. Mai.

    RispondiElimina
  9. Ci penso io a rovinarvi l'inizio giornata... bona la Wiess, n'ho sganasciata una domenica sera...


    Su Tuttosport si parla del
    possibile cambio in panchina della Fiorentina per fine stagione.
    Vincenzo Montella potrebbe, infatti, lasciare Firenze (LO VUOLE IL MILAN): i viola avrebbero fatto un sondaggio per Walter Mazzarri, su cui c’è anche la Roma. Attenzione anche alla candidatura di Stramaccioni, attualmente all’Udinese.

    RispondiElimina
  10. Mi ha un po colpito sta roba, è la frase di un noto procuratore tifoso Viola di cui per correttezza non faccio il nome...







    "Il
    giorno prima di sbloccarsi in coppa Italia con l'Atalanta Mario era all
    isolotto a prendere in silenzio in un angolo lezione di golf. Educato.
    Solitario. Triste. E tutti intorno a sparlare di lui. Vai a allenarti.
    Che ci fai qui a perdere tempo. Tira in porta. Con una mancanza di
    rispetto allucinante. Perché?"

    RispondiElimina
  11. ah, mi scordavo: "Mazzarri no. Chiunque, ma Mazzarri no.

    RispondiElimina
  12. Un saluto romano a VALTOLIN....
    Da Padova a Treviso-aereoporto bufera di neve e gelo...Oggi giornata da sauna e massaggi direi!
    Fortunatamente il Fay protegge, ZEMANVIOLA...E con le Tod's sulle quali a Casette d'Ete hanno investito (know-how, etc.) anche i piedi stanno bene. I Della Valle investono sempre.....ahahah ahahah...,
    LOUIS, cosa hai letto stamane, un delirio di Jodorowski? Una visione di Borges?
    Quel che hai citato farebbe contento chi vuol giubilare Monty....
    Mazzarri? Credo che sia su una comoda poltrona Frau, ad assistere alla fiction Appiano Gentile (ancora per poco)....
    POLLOCK, Mancini- secondo ciò che hai scritto- sta cristallizzando il tempo, non sorride più! Altro che criogenia....ahahah....ahahahaha....
    "In questa Inter si vedono segnali....", si.....di crisi tecnica accentuata!

    RispondiElimina
  13. sorride poco, Firenze, con il tempaccio che c'è stamattina. La pioggia lava via i postumi della vittoria, la moglie di Joaquin che ieri faceva colazione trionfante in una pasticceria di via Marconi oggi se ne starà a casa ad annoiarsi, e la città attende l'Atalanta come si attende quel parente antipatico che ogni volta ti provoca sui tuoi punti deboli.
    Arriverà la primavera, e con la primavera arriverà anche Lei, quella che se non la incontriamo 4 volte tutti gli anni i cardiologi di Careggi iniziano a protestare per assenza di lavoro, quella contro cui più soffriamo e più godiamo.
    Oggi faccio contento il SOPRA citando l'odiato Puzzone: meglio una partita contro la Juve che cento contro l'Atalanta...

    RispondiElimina
  14. Mica scemo lo Jodo...

    RispondiElimina
  15. Mortacci sua! Mia moglie é "specializzata" in Jodoroschite, ci sono sempre tante giovani con lui!! Sai che George Harrison lo ha pregato per recitare in suo lungometraggio?? Un grande, Jodo!

    RispondiElimina
  16. L'ho conosciuto anni fa tramite una mia amica psicoterapeuta, personaggione. Poi vabè, il seguito che ha è discutibile, come tutti i seguiti, del resto. Ma la sua visione è interessante...Dal punto di vista cinematografico, un peccato non sia riuscito a girare Dune, chissà cosa ne sarebbe venuto fuori, in mano sua.

    RispondiElimina
  17. L'ho letto anch'io quel post su fb e non faccio fatica a considerarlo riportato più o meno in maniera corretta (magari un filo di colore, da chi ha la tessera da giornalista in tasca....).
    Senza voler fare sociologia d'accatto penso che NOI FIORENTINI (eheheh.....) siamo questi (chi più chi meno), e mi viene in mente il BOSS che a volte pare esagerato nella sua strenua difesa del tecnico, ma che penso indirizzi la propria ironica (raramente sarcastica, poco fiorentina insomma) battaglia proprio verso questo tipo di manifestazioni che trascendono il sacrosanto diritto di critica.
    L'estremizzazione dei giudizi, esternati senza un filo di umanità e quasi mai supportati dalla conoscenza dei fatti sta diventando un tratto caratteristico dell'Italia intera, ma questo è un altro discorso.

    RispondiElimina
  18. Cuccureddu sta facendo adepti...

    RispondiElimina
  19. È un tratto caratteristico di tutto il mondo globalizzato. Internet consente di scambiare il sapere con la semplice conoscenza

    RispondiElimina
  20. Firenze, Italia, mondo

    RispondiElimina
  21. Cioè, Gomez gioca a golf? Ecco perché lo svizzero lo odia tanto

    RispondiElimina
  22. Apprendo con meravigliato stupore che la formazione la fa Mario Gomez.Che decide e costringe Montella a mettere i giocatori che vuole lui.E questo si deduce inequivocabilmente dal fatto che Mario abbia detto,nel post partita,che i suoi due gol sono stati merito di due buoni cross di Manuel.Il che mi porta a chiedermi:ma quando il grandissimo gioco di Montella del primo anno si basava sul possesso palla,sul giocare con JoJo-Lijaic-Cuadrado,costretti tra l'altro ad abbandonare la Fiorentina dai cattivino in società,che hanno fatto di tutto per mandarli via nonostante le preghiere reiterate dei sopracitati giocatori che sarebbero pure rimasti "a gratisse",chi giocava sulla fascia?Già prima di arrivare Gomez si era cautelato con Montella costringendolo a far giocare Pasqual.Questi tedeschi che voglion far sempre tutto come più gli aggrada mi cominciano a stare antipatici!

    RispondiElimina
  23. È sicuramente così... Anche se vista l'uscita della Roma ora a noi cambia poco (Lazio e Napoli, in C.Italia, valgono quanto la Juve, o almeno fanno in modo che la valgano), però resta scandaloso il principio

    RispondiElimina
  24. Un passaggio, aggredito dal lavoro e dai postumi della torba scozzese, per dire che martedì sera, poco prima delle 23, ridevo mentre inviavo ad un amico romanista il seguente messaggio:

    "Scusa, volevo dirti che alla tua porta è arrivato il postino, che come sai suona sempre due volte. Il suo nome è GOMEZ".

    à bientôt mes amis

    RispondiElimina
  25. O Dkne, spero che Tu non ti offenda se affermo che quello che Tu hai scritto è una serie di immani scempiaggini. Invero, come si può pensare - ohibò - che la formazione la detti Mario Gomez, che la presenza di Pasqual (capitano, al suo decimo anno nella Fiorentina) sia imposta da Mario Gomez e che Montella sottostia a tutto questo? Mi dispiace ma chi (Tu o chiunque possa essere stato) ha solo pensato una cosa del genere appare fuori dal mondo.

    RispondiElimina
  26. Anto io prendo le informazioni direttamente da chi sa tutto e non sbaglia mai;e il tale gravita per zone svizzere.Se tu non sei informato non puoi dare colpa a nessuno!

    RispondiElimina
  27. DKNE1, che invito come solito a partecipare attivamente al blog (ahahaha ahahah ahahah ahahahah!), quel che hai riportato é frutto di un acquisto- di qualcuno sedicente tifoso- sbagliato alla bottega dei funghi......

    RispondiElimina
  28. Io l'ho conosciuto una decina d'anni fa, compravo sempre il fresco mensile "XL" de La Repubblica, su cui aveva una rubrica fissa di esoterismi e se non ricordo male pure la corrispondenza sui problemi psicologici dei lettori. Matto da legare per i rimedi che suggeriva, ma avevo l'impressione che più che altro ci facesse, che gli piacesse provocare, insomma il suo esser sopra le righe lo trovavo divertente. Dopo qualche anno il mensile perse di qualità (soprattutto nell'ampia critica musicale, che era la parte che mi interessava di più), pur avendo rincarato il prezzo iniziale di lancio, così col tempo ho perso l'abitudine di compralo, fino a dimenticarlo. Non so se Jodo ci sia ancora, tantomeno se la rivista esista ancora o no. Tra l'altro vi scriveva, in qualità di free-lance, pure non ancora conosciuto Saviano poco più che 25enne ma molto coraggioso, che si intrufolava in certi ambienti napoletani e riportava quanto vedeva e quanto gli veniva raccontato.

    RispondiElimina
  29. Soprattutto(che saluto cordialmente) è conseguenza di risorse male allocate

    RispondiElimina
  30. Comunque Anto,visto che sono buono,ti riporto le esatte parole del Messia:" Di qui appunto l'importantissima richiesta di Gomez di avere accanto Pasqual, che mostra come Mario sia in grado di formulare richieste in merito ai giocatori da avere accanto, richieste che vengono soddisfatte."

    RispondiElimina
  31. Viene fuori anche la figura di un allenatore che comincia a vincere solo quanto esegue gli ordini di un suo giocatore.

    RispondiElimina
  32. DKNE1, ma infatti sostengo da tempo che lo svizzero, per quanto sostenga di essere un estimatore di Montella, sembra il suo peggio nemico, descrivendolo per metà come un fanatico ideologo incapace di adattarsi alla realtà e per metà come un inetto e muto esecutore di disegni altrui... Ma se Montella fosse veramente come lo descrive LUD, non sarebbe da esonero immediato?

    RispondiElimina
  33. Ed il Messia,alla fine manco rendendosene conto,ci dipinge un Montella asservito ed inutile in fase decisionale.Prima gli acquistano un centravanti che lui non avrebbe mai voluto(ahahahahhahaah);poi lo stesso centravanti,che il mister non voleva(ahahahahah) gli impone i giocatori da far giocare.Insomma,alla luce dei fatti Montella risulterebbe un manichino inutile.Tanto è vero che il Messia,aggiungendo carico da 11,ci dice che Montella in sala stampa,quando afferma che Gomez è stato un acquisto da lui voluto,lo fa solo per non inimicarsi la società.Che bel Mister avremmo se le cose dette dal Messia fossero vere….

    RispondiElimina
  34. Ahahahah.......ahahaha ahahahaha..........appena finirò la seconda serie di massaggini andrò a leggere....ahahahaha ahahahahaha

    RispondiElimina
  35. risposta da ignorantoide: "so una sega"

    RispondiElimina
  36. Domanda da ignorantoide: "Se il Parma va in default, quindi messa in mora, quindi stop ed esclusione dal campionato......tolgono i punti ottenuti (a chi li ha ottenuti!) a chi ha vinto contro i crociati?".

    RispondiElimina
  37. ma quindi noi a maggio ci presentiamo a Dortmund con un po' di milioncini come facemmo a Villareal, vero?

    RispondiElimina
  38. comunque la sequela di banalità superficiali che lo svizzero riesce a infilare quando parla di questione extracalcistiche me lo fa rivalutare come esperto di calcio...

    RispondiElimina
  39. http://www.violanews.com/altre-news/calamai-la-fiorentina-lavora-a-2-3-colpi-importanti-per-giugno-20150205/

    RispondiElimina
  40. E' stato più difficile oltrepassare l'Appenino che bucare la difesa della Roma. Anto, non passare notizie dove si dice che Montella resterà. Potresti bloccare il traffico fino a Valdichiana.

    RispondiElimina
  41. I luoghi comuni sviluppati sulle parmigiane.....e Parma..

    RispondiElimina
  42. Because we got more than 30Cocuzze by Cuadrado and Dortmund is going to fall to Bundesliga 2 (despite I'm a little sorry, I feel sympathy for them remembering many finals ended into the Gobbi's ass), such as Villareal did when they sold us Borja Valero Iglesias, Gonzalo Rodriguez, and Giuseppe Rossi.
    Mi fanno una sega le stagiste

    RispondiElimina
  43. Ahahah, i famigerati atti psicomagici! Alcuni divertentissimi, peraltro.

    RispondiElimina
  44. Comunque...

    https://www.youtube.com/watch?v=7J5UjOL_2KI

    RispondiElimina
  45. Questo è un complotto antiargentino!


    http://www.violanews.com/news-viola/minutella-il-fantasma-viola-che-resta-in-attesa-20150205/

    RispondiElimina
  46. ahah esatto, chissà quanti lettori seguivano i suoi consigli...

    RispondiElimina
  47. Spero che i suoi assistiti italiani finiscano lì, mica ne avrà altri per giugno?

    RispondiElimina
  48. Non so se l'avevate già fatto notare, ma il procuratore di Rosi è lo stesso di Diamanti e pure di Gilardino. Sempre tattica è.

    RispondiElimina
  49. Se è come dice Scholes, abbiam fatto l'affare. Vediamo un po', nella Fiorentina e nella Colombia è abituato a essere una delle 2/3 stelle della squadra, al Chelsea è uno dei tanti. Molto dipenderà da quanto ci mette a capire ed accettare questo fatto, insomma se torna umile come ai tempi del suo arrivo a Firenze, quindi una questione di testa, non di doti tecniche e atletiche, che ne ha abbastanza per ben figurare pure a quei livelli. Anche perchè il Mou penso che lo vorrà riportare sulla fascia.

    RispondiElimina
  50. Non è che ci sia andato giù tenero...

    http://www.firenzeviola.it/news/scholes-cuadrado-rischia-di-perdersi-al-chelsea-172847

    RispondiElimina
  51. SOPRA, se il Parma (non ci credo) va in default, la strada è stata già, cervelloticamente, tracciata con la Salernitana. Tutti vincono le successive (e la viola lo prende in saccoccia).
    VAL, se il Borussia (non ci credo) retrocede, chi resterebbe alla Fiorentina, da poter comprare con le 30 cocuzze? Tutte le grandi si fionderebbero sul cadavere (e la viola lo prenderebbe in saccoccia). Però, già che c'eri, potevi scrivere 33...
    Boss, Scholes non ha proprio tutti i torti... Qualcosina rischia.

    RispondiElimina
  52. Ha il vantaggio che gli avversari ancora non lo conoscono e dovranno prendergli le misure. Anche gli arbitri. Giocherà nei tre dietro il centravanti.
    Willian ha uno score basso

    RispondiElimina
  53. per me come esterno nel 4-2-3-1 di Mourinho, contro difese meno scaltre di quelle italiane, può fare tanto.

    RispondiElimina
  54. Oggi me ne hanno raccontata un'altra. E va a pro di Montella... Non vi preoccupate, niente contro i DV, solo una scena come se ne vedono tante sui campi di calcio... Poi martedì sera m'è garbaho parecchio, e non mi riferisco ai tatticismi, altre bischerate cui solo i fissati come me fanno caso... Poi ho letto di Mazzarri, eppoi di Di Francesco, poi quattro chiacchere con amici calciofili che mi pigliano pe i culo quando esprimo certi dubbi sul mister... Porca puttana Vincè, se continui così mi tocca davvero venire a chiederti di restare...

    RispondiElimina
  55. A proposito di Parma:
    http://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/parma/2015/02/05/news/fallimento_contratti-106599584/?ref=HRERO-1
    230 giocatori a bilancio! Che minchia di gestione!

    RispondiElimina
  56. Bernardo Vitale Brovarone
    1 h ·
    Clamorosa esclusione di Stevan Jovetic dalla lista UEFA del Manchester City

    RispondiElimina
  57. Povero Jojo, mi dispiace tantissimo di come gli sta andando il PL. Chissà tra 6,7 anni torna anche lui a Firenze..

    RispondiElimina
  58. sì, ho visto. Torna, Jojo, questa squadra aspetta a'tte!

    RispondiElimina
  59. lo vo a pigliare in collo!

    RispondiElimina
  60. magari, sai quanto bene gli voglio, per me resterà sempre il 19enne che ci manda avanti in Champions a suon di gol, fin da quella splendida serata di Lisbona...

    RispondiElimina
  61. io la mattata la farei uguale Corto, tanto uno più, uno meno, eheheheh

    RispondiElimina
  62. Purtroppo dopo l'infortunio non sembra essersi ripreso del tutto, ma ti accompagnerei volentieri. L'unico segno a Firenze Bolatti l'ha lasciato su Jojo.

    RispondiElimina
  63. Si hai risposto al mio post incompleto, infatti ho aggiunto che ti accompagnerei. Jojo è l'unico giocatore per il quale mi è veramente dispiaciuto vederlo partire negli ultimi anni. I primi anni a Firenze era un fantastico folletto. Un bravissimo ragazzo per giunta, e forse questa sua caratteristica lo rende meno incisivo sul campo da gioco. Gli manca un po' di cattiveria. Ma lo riprenderi subito

    RispondiElimina
  64. Understood, VITALOGY...Now is more crear the hide meaning in that post. So? We wanna reach Piecknizecvacczz come cacchio é il nome del terzino, Mikhatarian (impossibile!!?)? Who?

    RispondiElimina
  65. Io penso che al City non ci starà ancora a lungo, e in tal caso mi candido anch'io come tassista Manchester-Firenze. Ma temo che, se dovesse tornare in Italia, sarebbe per una strisciata, o per una romana o per una napoletana.
    P.S. Bolatti non lo prese, gli entrò in scivolata e il ginocchio di Jojo girò mentre lo stava dribblando secco.

    RispondiElimina
  66. Who? Daltrey, Townshend, Moon

    RispondiElimina
  67. non posso per rispetto ed accordo con la mia fonte, ma credimi che è una bischerata come se ne vedono a decine su tutti i campi dalla A alla Terza cat.

    Uno screzio tra mister e giocatore, nulla di che... ma la ragione ce l'ha in quel caso Montella, indiscutibilmente...

    RispondiElimina
  68. davvero, te lo avrei fatto sentire in diretta la sera della chiusura, pareva ni fosse morto i' gatto... io, in confronto, sembravo uno contento, ahahah

    RispondiElimina
  69. Abbiamo già dato, fratello...

    RispondiElimina
  70. Stasera il Boss a 100 lo trascino io...





    Così Calamai sul mercato: “Ritengo dal punto di vista tecnico che sia
    stato un mercato ottimo, perchè Cuadrado per caratteristiche è un
    solista e non aveva grande voglia di restare. Al suo posto sono arrivati
    tre ottimi giocatori come Diamanti, Salah e Gilardino. Continuo a
    pensare che Rosi non sia un acquisto molto utile, se non per stare nella
    rosa. Magari mi aspettavo che su 33 milioni incassati da Cuadrado, ne
    venissero reinvestiti una 20ina subito, dimostrando una maggior
    progettualità. Da casa Fiorentina mi hanno invece spiegato che davvero
    fino agli ultimi giorni non avevano certezze sulla cessione del
    colombiano e quindi non hanno avuto i tempi tecnici. Ma da quello che mi
    hanno fatto capire, nel giro di 2 mesi la Fiorentina piazzerà 2-3 colpi
    importanti, possibilmente italiani, da inserire poi il prossimo anno in
    rosa. Baselli? La Fiorentina si è spaventata di fronte alla richiesta
    dell’Atalanta di 8 milioni, spero che poi non ci si debba pentire come
    accadde con Verratti”.

    RispondiElimina
  71. Già, ci sarebbe anche questo...

    Sono passati altri 6 mesi e la situazione di Nicolas Minutella è sempre la stessa. Interessante centrocampista classe ’95, l’argentino raccontava a settembre (LEGGI)
    le sue speranze di tesseramento per fine 2014. E invece ad inizio
    febbraio il passaporto comunitario non è ancora stato approvato e così
    il giocatore ex Velez e All Boys continua a vivere da fantasma nella Fiorentina, e aspettare. Abita a Firenze ormai da quasi un anno, essendo arrivato nel marzo 2014 per sostenere qualche mese di “prova” prima del tesseramento, inizialmente previsto per l’estate scorsa.
    E invece sono arrivati solo rinvii. Una situazione che ricorda da
    vicino quanto accadde a Matìas Vecino, anch’egli prelevato dalla
    Fiorentina in Sudamerica con l’obiettivo di inserirlo in rosa come
    giocatore comunitario. Sette mesi di attesa vana (da gennaio ad agosto
    2013) prima di decidere di tesserarlo come extracomunitario.

    Vedremo come andrà a finire per Minutella che nel frattempo continua ad allenarsi ormai quasi sempre con la Primavera
    – complice l’abbondanza della rosa di Montella – dove peraltro potrebbe
    giocare solo in qualità di fuori quota, se mai avesse tutti i documenti
    necessari. Lo descrivono come un centrocampista di talento e visione di
    gioco, una mezzala dai piedi buoni. Peccato però che nel frattempo
    Nicolas, che tra un mese e mezzo compirà 20 anni, abbia perso praticamente una intera stagione. Ma non il buon umore,
    come testimoniano le sue continue foto sui social network, sempre in
    tenuta rigorosamente viola. Perchè la speranza di giocare nella
    Fiorentina, per lui, non si è intaccata neanche un po’.

    RispondiElimina
  72. Perdono anche col 100-100-30... Se è vero che vendono le partite, stavolta non ci possono rompere i coglioni a noi, visto che siam gli unici ad averci perso!

    RispondiElimina
  73. non mi ricordo ora da chi l'ho sentito ma c'era uno che diceva che Ibarbo lo avevano preso rotto ed infatti quando l'ho visto in panchina, eppoi in campo, mi sono stranito...

    RispondiElimina
  74. A Parma hanno un discreta tradizione con i fallimenti aziendali, perché rovinare la striscia di orrori!

    RispondiElimina
  75. MI ricordavo male su Bolatti o meglio avevo orecchiato male.

    RispondiElimina
  76. Eh no, ora lo racconti, l'aneddoto.

    RispondiElimina
  77. Doctor Who.
    Pinball wizard era Cuadrado, per me.

    RispondiElimina
  78. Mi sembra che si fece male da solo, Bolatti non lo toccò

    RispondiElimina
  79. CORTO, il Parma ha combinato un'inguacchio con il Gorica, in Slovenia, che narrarlo avrebbe il gusto di una piccola calciopoli! Giocatori trasferiti/parcheggiati per 50.000 euro, poi tornati a 2.000.000 e rivenduti sempre agli sloveni a 4.000.000 milioni, giovani usati per plusvalenze sulla loro pelle...Allenatori in Slovenia pagati da Parma, fatturazioni fantasiose, giocatori "finti", odore di scommesse......Mamma mia!
    E come al solito chi doveva vigilare? 230 calciatori? E Tommasi dove cacchio era??? E Tavecchio??!? Il sindacato si muove quando? Quando un burattinaio aziona i fili?
    In un paese serio sparirebbe il Parma, radierebbero chi ha messo su il baraccone italo-sloveno, condannerebbero i controllori non ligi al dovere.
    Il Parma giocò contro la Fiorentina (al di là della prova viola) con ardore e motivazione, poiché sapevano che il lunedì sarebbero arrivati gli stipendi, cosa non avvenuta poi.

    RispondiElimina
  80. Il ciuffo del Mancio basta e avanza






    05 febbraio alle 17:34
    "Essere il Mancio". Il
    Mancio ha (aveva) un bel ciuffo, il profilo elegante, è stato un gran
    bel giocatore (non un campione), ha personalità ma come allenatore e
    conoscitore di calcio è davvero molto sopravvalutato.

    Uno
    che come manager del City riesce a spendere 22 milioni per farsi
    comprare Balotelli, con tutti i giocatori che uno sceicco poteva
    mettergli a disposizione, dice già molto sulla sua cifra calcistica.

    Il
    calcio regala carriere insperabili e forse per questo puntualmente c'è
    sempre chi è pronto ad offrirgli le chiavi di casa a scatola chiusa.

    Lui,
    dall'alto del sentirsi il Mancio, inizia a fare e disfare, acquista di
    tutto eccetto ciò che serve e i risultati sono spesso deludenti. Ma siccome è il Mancio, gode di un credito inusuale.

    Mazzarri non ha il fisic du role per allenare l'inter, troppo ignorante,
    troppo limitato con quel suo modulo di gioco da calcio di provincia,
    forse inadatto alla gestione di grandi calciatori. Detto ciò
    calcisticamente vale 100 volte il Mancio.

    E
    allora si arriva al problema vero dell'Inter: la mancanza di ambiente,
    la mancanza di società, l'incapacità tutta aziendale di individuare i
    valori, l'esigenza di ovviare a tutto questo attraverso l'uomo forte
    alla Mourinho, l'uomo della provvidenza cui affidarsi mani e piedi.

    Il
    Mancio ha vinto una premier col City e vincere (va detto) non è mai
    facile; ma è pur vero che nessuno (tranne il PSG) sul pianeta ha speso
    quanto il City. ha vinto con l'Inter negli anni in cui calciopoli aveva
    spazzato via la Juve e i suoi grandi giocatori, alcuni dei quali passati
    in nerazzurro. Uno di questi Ibra rientra tra quei 3 giocatori al mondo
    che vincono i campionati da soli (e niente tolgo al suo talento se per
    circostanze misteriose non riesce a fare altrettanto in Europa).

    Adesso
    il Mancio, giunto all'Inter, si è fatto comprare di tutto, ma non ha
    comprato ciò che realmente serviva. Podolski è un acquisto sbagliato, un
    giocatore sopravvalutato. Buon tiro ma non cambia passo, non è rapido e
    a parer mio farà molta fatica in italia. Shaqiri invece è buono,
    compatto e rapido, piccolo ma difficile da spostare è un profilo
    interessante soprattutto in prospettiva. Per il resto rimangono i
    problemi di una squadra che si presenta con Ranocchia in difesa, medel,
    Kuzmanovic a centrocampo e ci metto anche Guarin (un giocatore che non
    ha una posizione definita). tanti troppi equivoci tattici che rendono
    l'Inter una squadra poco solida. Si è speso ma male.

    Tuttavia il Mancio e il suo ciuffo continuano a imperversare laddove altri sarebbero già a casa da tempo.

    RispondiElimina
  81. Folle banderuola. Prima tira merda, poi lo chiamano e gli fanno due moine e va tutto bene. No comment se no mi levano la tessera (tanto per quello che me ne fo ormai!)

    RispondiElimina
  82. L'avessimo fatto noi...

    http://www.calciomercato.it/news/316762/roma-subito-tegola-ibarbo-fuori-cinque-settimane.html

    RispondiElimina
  83. Penso che tra Verratti e Baselli ce ne corra...

    RispondiElimina
  84. Concordo. Di Mancini giocatore ho un ricordo personale. Trofeo Saint Vincent - Valle d'Aosta. Finale Fiorentina Samp. Ero dietro la panchina di quel sergentaccio di Boskov. Vedevo e sentivo tutto. Nel primo tempo Mancini non aveva visto palla. Ciondolava distratto. Ad inizio secondo tempo si sente un urlo disumano di Boskov:" Mancioooo entra in partita cazzooo!!
    Iniziò a giocare e, purtroppo, ci fece neri

    RispondiElimina
  85. Forse parli di Saleh Gomaa, un '93 che pareva anche a me molto forte, lo seguii anche nell'Egitto olimpico, oltre che in uno dei miei compattini, eheh. Credo che ora giochi in Portogallo, ma l'ho perso di vista.

    RispondiElimina
  86. Lo penso anch'io. Il pregio principale di JC74 è la sua istintualita' che lo rende imprevedibile per gli avversari ma pure per i nuovi compagni. Come ha mirabilmente scritto Lele, lui è un autodidatta del dribbling nel senso che sfrutta l'arrivo in velocita' e qualche finta. Però la velocità è quella che è e la governa bene, secondo me meglio di Willian. In più ha doti di elasticità muscolare che gli consentono di evitare i pestoni avversari. Con Marcelo al Mondiale sbaglio' tutto. Era stanco e volle provare a saltarlo individualmente. La stella James lo stava oscurando

    RispondiElimina
  87. Se non era campione Mancini chi altri, in italia? Senz'altro tra i dieci italiani più determinanti in serie A che ho visto da quando seguo il calcio [77/78], a stare stretti.

    RispondiElimina
  88. LOUIS, Bergomi ha avuto il coraggio di affermare, oggi "Vedremo dopo il mercato estivo di Mancini che Inter sarà...".
    Mercato estivooooo?!?!?!?!?!?!?' Ancora??!?!?!

    RispondiElimina
  89. Montella poi gli fece lo spot sulla capacità di fare la "transizione" a uso e consumo delle richieste del Mou. Dietro avrà Ivanovic che è un gran terzino

    RispondiElimina
  90. Credo che il capitolo Cuadrado sarà rapidamente chiuso. La popolarità di questo Salah nel mondo arabo si può trasformare in un incredibile volano di promozione per Acf Fiorentina e il suo merchandising.

    RispondiElimina
  91. Al Chelsea ha preso il numero 74. A parte questa inezia siamo d'accordo, Mourinho cerca di far subordinare il primadonnismo delle sue primedonne alla sua vanità (e ricambia facendo da unico parafulmini davanti all'opinione pubblica quando loro sono in difficoltà, assumendosi tutte le colpe per conto loro, facendosi criticare per non far criticare loro, risultando antipatico per non far risultare antipatici loro...), e quelli che hanno accettato questo patto hanno vinto.

    RispondiElimina
  92. ahahahahah, povero Zio... se vanno avanti di questo passo il mercato estivo lo fanno da Stefan...

    RispondiElimina
  93. infatti sul Mancini giocatore non condivido assolutamente quel che scrive l'autore, ma sull'allenatore, seppur con un eccesso di enfasi ed esagerazione, direi che ci siamo...

    RispondiElimina
  94. Grande Belva, il mitico trofeo Saint Vincent... che m'hai rimesso in mente...

    RispondiElimina
  95. Però è vero Deynone, codesti compattini portano un po zima... Eppoi un giorno ci dovrai far conoscere chi è che si mette a farne di Stambouli, credo che nemmeno un intermediario o un osservatore, ahahahah

    RispondiElimina
  96. Io per 10 anni registravo su Vhs tutti i servizi sulla VIOLA della Domanica Sportiva!

    RispondiElimina
  97. E comunque, si fa per ragionare, quello nerazzurro è un marasma, però vedergli pigliare Santon e Brozovic un po mi ha fatto rabbia.

    RispondiElimina
  98. Il processo di italianizzazione del Milan...ahahah ahahahah ahahahahahah......quando la volpe non può arrivare all'uva.....ahahahahah.ahahahhah..dalla boutique al pizzicarolo dietro casa....ahahaha ahahaha....Le milanesi regalano sprazzi di vero humor!
    POLLOCKONE , dovremmo preparare un editoriale sulle stronzate milanesi, entrambe le squadrette, intendo...

    RispondiElimina
  99. Santon...su....su....Ma dove giocava? Che mercato aveva?

    RispondiElimina
  100. Non stiamo parlando di Roberto Carlos, per carità, ma è comunque un '91 che ha fatto un centinaio di presenze in Premier, con un riscatto a 4 milioni è un'operazione non male, secondo me, e che potrebbe essere anche alla portata dei Nostri...

    RispondiElimina
  101. ...Ivanovic, un quasi-colpo del Corvo, non arrivato a gennaio all'ultimo secondo...

    RispondiElimina
  102. stefano vienna6 febbraio 2015 01:02

    Lasciamo Jojo al City, riprendiamo Ljajic. Anzi, fossi Montella, il primo giocatore che comprerei una volta arrivato al Milan o al Napoli sarebbe Adem.

    RispondiElimina