.

.

domenica 15 febbraio 2015

Da gustarsi in piedi come lo zucchero filato

Una vittoria a tre tocchi e in porta. Squadra lucida e senza sbavature almeno fino a quando i gol non si sono magicamente allineati al numero dei tocchi. E del gol di Berardi chi se ne importa. Così come se Neto non è più in porta. Quando il numero e la partita è quella perfetta. A Sassuolo (Reggio Emilia) la Fiorentina regala un soggiorno nel paese dei balocchi a suoi tifosi. Tutto incluso. Anche la cena di San Valentino dove c’è chi si è potuto innamorare definitivamente del gioco della squadra, chi della sua duttilità, del cambio di modulo, del turnover. Di Babacar. Tante luci ed emozioni come ad un luna park, o come in una Salah giochi dove le luci e gli scambi stretti ricordano tanto la manovra felice del flipper. Dove in tilt c’è andato solo il bel Sassuolo di Di Francesco. Un primo tempo da gustarsi in piedi come lo zucchero filato. Forse la Cuadratura del cerchio. Una partita che ci consegna una Fiorentina più ricca di variabili tattiche, più matura, più in forma. Lo stesso giorno della frana partenopea a Palermo. Domenica il Napoli dovrà affrontare l’Inter mentre noi il Torino. Di fatto si riapre anche la corsa per il terzo posto. La partita oltre a migliorare la classifica ci lascia sul tavolo il collaudo del mercato di gennaio, neanche fosse quello della caldaia che ci riscalda i cuori, cancellando il freddo che c’era entrato dentro dopo le razzie del Chelsea. Lasciando sul tappeto verde del Mapei Stadium il certificato di sano e robusto rafforzamento. Salah è giocatore di classe, imprevedibile, dal sinistro delizioso e allo stesso tempo affilato, giocatore che accende. Diamanti conferma ancora la bontà dell’operazione in entrata, mentre Gilardino aumenta le possibilità di scelta in attacco. In tutto questo ben di Dio deflagrano rumorose tutte le potenzialità di Babacar. Se ci mettiamo anche un certo Gomez e i rientri di Rossi e Bernardeschi diventa un reparto offensivo molto ricco, vario, pieno di qualità, che cancella il cerchio alla testa che a molti era venuto dopo la cessione di Cuadrado. Nelle ultime 12 giornate il ritmo è quello da scudetto, mentre l’ennesima vittoria in trasferta vede Tatarusanu splendidamente tutto vestito di Viola, come non ho ricordi. Tutto molto bello quindi se non fosse per Sanremo, per il desolante stadio vuoto di Palermo dentro al quale la squadra di casa avrebbe meritato ben altro entusiasmo. Se non fosse per la situazione drammatica del Parma. Se non fosse soprattutto per le parole di Lotito. Non basta la proposta di uno scambio con i due marò avanzata dalla curva laziale, perché il governo indiano non è fesso. Lo stadio vuoto di Palermo fa male come le parole del cravattaro. Lo spettacolo offerto da Fiorentina e Palermo devono essere l’antidoto a questo tipo di veleno, così come oggi dovranno fare anche gli altri, contro Lotito,Tavecchio e il calcio servo dei diritti tv. Per non chiudere però con parole così amare, visto il risultato della Fiorentina che è piacevolmente coinciso con San Valentino, l’ultimo pensiero vuole essere una sorta di passaggio di testimone con le giovani generazioni di tifosi che lo dovranno affrontare con meno disincanto di me, con la giusta passione. Onorandolo. Ieri ho regalato a Tommaso tutta la mia saggezza maturata tra i vicoli stretti di una San Frediano quando ancora non c’era l’obbligo della paletta per raccattare la merda dei cani dai marciapiedi. Gli ho consigliato a San Valentino di giocarsi sempre la carta della tenerezza. Per avere lo sconto con le puttane.





82 commenti:

  1. Allora....... Io ero uno di quelli che si era fatto venire il cerchio alla testa per la cessione di Cuadrado. Non tanto per la cessione in se, ma per le tipiche modalità da ultimo momento di mercato che sembravano non prevedere un piano B.
    Dopo tre partite che non sono tante ma neanche poche per poter toccare con mano la resa della squadra, lo dico: CONFESSO CHE HO SCAZZATO e di brutto, pare.
    La reazione di carattere della squadra alla cessione di uno dei giocatori più rappresentativi mi ha positivamente meravigliato.
    Un intero reparto, evidentemente liberato da un equivoco tattico, è sbocciato prepotente come le margherite a primavera sui campi.
    A più tardi, adesso altro calcio ma giovanile, allievi regionali in trasferta a Fucecchio.

    URRÀ

    RispondiElimina
  2. Non mi stupirei, giovedì, nel vedere di nuovo l'egiziano dietro Mario, dall'inizio. Una soluzione che, con Joaquin, potrebbe farci passare dal 3-5-2 ad un 4-3-3 cononico con pochi spostamenti nel corso della gara. Col Tottenham la partita va vinta prima, alla lavagna, perché loro, da quel punto di vista, sono ancora poco delineati. Bisognerà saper attutire le loro sfuriate e poi colpirli correndo su binari tattici ben studiati. Kane è una punta che può ricordare Zaza per movimento e pressing e, come il basentano, va isolato dal resto della sua squadra. Restando corti come ieri, si potrà spezzare in due il loro 4-2-3-1, un modulo in cui non è facile mantenere certe distanze tra i reparti.

    RispondiElimina
  3. Salah l'avevo visto solo su YouTube e non avevo idea di che tipo di giocatore potesse essere nel complesso. Ieri ho comunque capito che il calcio inglese è avanti anni luce rispetto al nostro; l'impatto dell'egiziano rispetto a quello di Cuadrado( seppur ancora poco attendibile visto la risibile quantità di minuti giocati ) non può essere casuale e basta.E dico questo pensando alla nostra trasferta di coppa.

    RispondiElimina
  4. Concordo. Stesso discorso vale per Gervinho che qua fa la differenza mentre in Premier no.

    RispondiElimina
  5. Tra l'altro vedo che in altri lidi si cerca di riaccendere polemiche sui moduli. Scordandosi ( a bella posta immagino) che prima di Sassuolo si è giocato 11 partite consecutive col 3-5-2, facendo 22 punti. Ma come spesso(sempre oserei dire)detto dal mister, il modulo é secondario rispetto all'atteggiamento della squadra. Personalmente ho sempre ritenuto che il 3-5-2 fosse il modulo più adatto, ma se Montella opta per il 4-3-3, in funzione della partenza di Cuadrado e degli arrivi di Diamanti e Salah, di certo non sarò triste o amareggiato. L'importante é vedere la stessa determinazione, voglia e furore agonistico, uniti alle capacità tecniche, viste ieri nel primo tempo. Ma, nonostante alcuni tra noi non siamo d'accordo, a me pare che l'unica verità è che Pizarro sia al momento imprescindibile; unico insostituibile, che sia 4-3-3 o 3-5-2 o qualsiasi altro modulo vogliate scrivere

    RispondiElimina
  6. Aggiungerei La Mela ad esempio.O lo stesso Jovetic; o Nastasic(Savic). Non possono essere solo casualità. Chi va là diventa normale( se non scarso), chi viene da scarso poco utilizzato diventa praticamente un campione

    RispondiElimina
  7. ..un saluto a tutti e 33...vi scongiuro..chiedetemi di smettere di trombare...vi prego..abbiate pietà....ieri mi son concesso una sosticina di un paio d'ore ed è andata a finire che ho trombato in quelle due ore meglio e di più delle 22 precedenti...Fiorentina alla Malesani abbestia...finalmente una squadra di VIVI...finalmente una freschezza che non vedevo dal 98...finalmente un attacco che pare conoscersi da sempre...ma se per anni mi hanno stracassato la minchia con Bananotelli, che dovrebbero dire di quello che abbiamo noi? Con la partita di ieri l'abbiamo definitivamente perso...se ne andrà a giugno per almeno 40 testoni...son contento per...loro...grande Viola comunque...Savic da paura, Pizarro da incorniciare..Salah, se è quello, è bravo davvero (e non è l'egoista che pensavo)..bravi tutti e finalmente godo...sesti dovremo arrivarci.Un saluto, vado a cercare le mutande smarrite 3 giorni fa...FiIRENZE NEL CUORE!!

    RispondiElimina
  8. Non sono d'accordo sulla superiorità del calcio inglese. Del resto stanno facendo male anche Falcao, Oscar, Di Maria e molti altri che scarsi proprio non sono. Per me la differenza è di ritmo. Ritmo che a volte è una cosa buona, in quanto aumenta in alcune circostanze può dar vita a belle partite, a volte meno, perché mortifica un po' il talento tecnico. Storicamente è un campionato abbastanza indigesto per i brasiliani, ad esempio, e per certi argentini più di tocco che di garra. Riguardo a Salah, penso solo che sia capitato nella peggior squadra possibile per lui. Il Chelsea ha una batteria di giocatori iper pagati e lui era svantaggiato da una gerarchia data anche dai cartellini del prezzo. D'altronde , col Basilea, aveva messo a ferro e fuoco le difese di Tottenham e del Chelsea stesso, praticamente da solo.

    RispondiElimina
  9. Serata magica che ho concluso inevitabilmente e giustamente a bagordi... Il mio Beppe poi, asfalta o napule e riaccende la fiamma della speranza...





    Primo tempo magistrale: distanza sempre perfetta tra i reparti, sublime modo di interpretare il modulo con uscite dell'azione a scalare sempre partendo dai due terzini (più Micah di Alonso), Pek è sembrato più giovane di dieci anni, ha dettato gioco, accorciato sugli attaccanti, pressato alto e ribaltato fronte di gioco con una velocità che non ci ricordavamo quasi più. Il Sassuolo non ci ha capito praticamente mai nulla; le catene sulle due corsie, soprattutto quella di destra dove Diamanti rimaneva più in zona, assieme all'inglese, hanno fatto a pezzi la difesa emiliana, Salah è un talento sconfinato che, a differenza di ricciolino perditempo, quando si trova in zona nevralgica (20/25 mt) gioca a due tocchi, spesso addirittura uno, non si perde in tante seghe e va al sodo. L'intesa col Baba, considerando che giocavano insieme per la prima volta, è sorprendente e letale per gli altri. Alino ha portato energia, tecnica, corsa e possibilità per Montella di tornare ad un centrocampo più leggero, ci pensa lui ad aggiungersi agli altri tre in fase di non possesso. Altra buona nuova è la posizione in campo dell'Egizio, i venti minuti di domenica scorse me lo avevano fatto sembrare come un anarchico cha ha bisogno di essere lasciato libero come il vento, ieri sera invece ho avuto la netta impressione che quello di seconda punta, attaccante esterno, in alcuni casi addirittura playmaker sia la sua dimensione di giocatore moderno, sembra quasi svolazzare sul campo, leggero come una piuma, micidiale nei pressi della porta. Come dicevo ieri sera, il pezzo che fa dopo pochi minuti addomesticando quel lancione di quaranta metri che arriva da dietro con campo scivoloso e difensore alle calacagna è roba sconosciuta per un buon 95% dei giocatori di questa serie A. E mi son tenuto basso. Anche in occasione del gol guardate a che velocità e con che precisione il pallone gli rimane sempre a giusta distanza per poter piazzare poi il piattone dove Consigli non può arrivare e sempre col difensore alle costole. Questa, signori, è merce di prima qualità. Operazione magistrale e avanti tutta.

    RispondiElimina
  10. Consapevole che quello che sto per scrivere potrebbe essere oggetto di querela, ma solo a me Salah in qualche movimento e in qualche fondamentale ricorda Edy?

    RispondiElimina
  11. Mi sono incazzato ed ho esagerato l'ultimo giorno di mercato perchè non mi hanno comprato il mediano (pensate ad un Allan al posto di Kurtic, ieri sera... sì, lo so, non è possibile, ma lasciatemi gongolare almeno oggi), sono un viziato e lo riconosco, però che la cessione di Cuadrado era un capolavoro tecnico e finanziario ve l'ho scritto chiaro e tondo sin dalla prima voce che è uscita in merito...

    RispondiElimina
  12. P.S: ma a sto giro possiamo sperticarci in complimenti a Montella? Dopo ieri e per ieri se li merita tutti

    RispondiElimina
  13. ah sì eh? Se non ho sentito male ieri sera è partito un certo coro...

    RispondiElimina
  14. Son d'accordo, credo si tratti di tipo di calcio diverso, più mazzolato, più atletico, magari più veloce che penalizza i tecnici puri. Falcao si è rotto tutto e per tornare ai livelli che aveva dopo quei tipi di incidenti ci vuole tempo, se ci si torna mai.

    RispondiElimina
  15. Con questa abbondanza è giusto ed inevitabile che Montella faccia un sano turnover; e per questo sarebbe fantastico andare avanti in 3 competizioni. Fuori dalle coppe, con tutti questi giocatori ( in attacco soprattutto), avere solo il campionato sarebbe deleterio per lo spogliatoio

    RispondiElimina
  16. Purtroppo col solito culo che abbiamo rischiamo nelle Coppe di aver da giocare solo quattro partite! Spero di fare il servizio agli inglesi, con i gobbi o di riffa o di raffa ce le mettan sempre dove non batte il sole!

    RispondiElimina
  17. I paragoni sono sempre delicati. Talvolta possono portare a conclusioni affrettate.
    Il dato oggettivo è che ieri la squadra ha mostrato una summa delle qualità espresse durante il ciclo Montelliano e di come si possono correggere i difetti.
    Era raro, prima, vedere concentrazione continua per 94 minuti. Mancò da ultimo anche col Palermo. Alino e Salah hanno mostrato carattere che difettava a chi hanno sostituito.
    Resta l'imprescindibilita' del Pek.
    La condizione psicofisica è ottimale.
    Il resto va verificato nel medio periodo

    RispondiElimina
  18. È tutto aperto. Dipende solo da noi. Impensabile che il Napoli continui a non esprimersi come ieri sera. La Gobba in coppa italia fa spazio alle riserve. Il Tottenham prese tre goal dall'Inter.
    La Viola è artefice del suo destino tanto più che ora il sistema di favoritismi lotitiani è uscito alla luce del sole

    RispondiElimina
  19. I malumori montelliani si sono sempre espressi a ridosso delle sessioni di mercato, ante e post.
    Il diverso piglio nelle dichiarazioni che esprimono leadership e le rassicurazioni sull'immediato futuro, fanno intuire che apprezza le scelte di mercato e le vede funzionali al gioco che vuole esprimere. Clima positivo che si riflette sul rendimento dei giocatori.
    Babacar è un centravanti di razza in grado di caricarsi sulle spalle da solo il peso del reparto. Il suo ciondolare sornione e i movimenti felpati ricordano uno dei più grandi di tutti i tempi che non nomino per scaramanzia.
    Da qui in avanti sarà dura per chiunque superare la Fiorentina

    RispondiElimina
  20. Sarà come dite voi, ma i fatti dicono che nelle coppe ci fanno il culo a strisce salvo rari casi. E a differenza nostra hanno, in conseguenza dei risultati raggiunti, più squadre in coppa. Inoltre i grandi giocatori( non tutti ovviamente) vanno in Inghilterra; e se non vanno lì vanno nelle due spagnole. Ma in Spagna sono solo due grandi squadre, in Inghilterra, con diverse sfumature, si può scegliere tra i due Manchester, Chelsea, Liverpool, Arsenal e Tott.

    RispondiElimina
  21. Chi focalizza tutto sui numerini mi fa incazzare per principio. Come se per vincere contassero i numerini e non come ci si muove in campo. Servono per discuterci su chi ha tempo da perdere e basta. Un 4-3-3 con una delle estreme che è Diamanti non può essere un 4-3-3. Finchè sta largo, come all'inizio, rimane avulso dal gioco e perdi una pedina importante, poi si rompe i coglioni e viene nel mezzo e gioca e allora è sempre un 4-3-3? Monco da una parte? A me è sembrato somigliasse di più ad un 3-5-2 con Richards e a fare da esterno e purtroppo Alonso a far casino da difensore dall'altra parte. Salah non è certo un esterno da 3-5-2 anche se ieri, nell'entusiasmo dell'esordio con goal, ha corso parecchio anche indietro, è di sicuro più un trequartista, ala sinistra da 4-3-3, e di là avremmo Joaquim, allora sì si potrebbe parlare dell'ideale svizzero. Però costerebbe il posto a Diamanti o non credo avremmo un centrocampo a tre, nel caso ci si mettesse il pratese, capace di sostenere tal potenza di fuoco. Insomma come la ruzzoli ti torna in mano e per me il 3-5-2 o similari, con la gente a disposizione e nonostante l'immissione in organico, finalmente, di un'ala sinistra, resta il modulo che ti permette di usare meglio il gruppo. Ma poi li metta come gli pare, se si gioca come ieri, va bene tutto.

    RispondiElimina
  22. Che i nostri "grandi club" attraversino momenti grami non è una novità. Il culo a strisce alla Juve glielo ha fatto anche il Benfica! Tra quelli che dici oggi, a parte il Chelsea ed il City che sono stramiliardari, non c'è però molto di meglio. Il Liverpool è in crisi nera e l'Arsenal anche. Il Tottenham è in EL come noi, stiamo a vedere.

    RispondiElimina
  23. Onore a Montella. Ieri si è visto il gioco del calcio. L'orchitico possesso orizzontale dei tre tenori con una punta abbandonata al suo destino va in soffitta! Finalmente.
    Montella 9 ieri, ma 4 per i lunghissimi mesi di equivoci tattici e stravolgimenti di ruolo.
    Ieri sembra ci si sia svegliati da uno stato catatonico, e anche bruscamente.
    L'equivoco Cuadrado seconda punta era un freno per la manovra ora con Salah, che spero qui avere degnamente presentato, si viaggia veloci in verticale.
    Se continua su questa strada chissà...
    E cmq grande Beppe.

    RispondiElimina
  24. La cosa più bella Salah l'ha fatta prima del gol: con Baba decentrato sulla sinistra, corre in un taglio in area suggerendo un passaggio facile e poi tira cercando d'esterno sinistro l'incrocio alla sinistra di Consigli. Per me ricorda Edmundo per la frequenza dei tocchi in velocità e per la predilezione per l'esterno del piede nel controllo palla. Il ruolo è abbastanza marginale, sull'assist a Baba sfonda da destra, sul gol va via centralmente. So di essere noioso, ma senza movimenti essenziali come quelli che hanno fatto prima lui e poi, contagiato, Baba, difficilmente si può avere un gioco d'attacco efficace. I due hanno avuto una bella intesa ma io credo che Mario sia ancora più facile da trovare di Kouma e, quindi, più semplice da servire, con susseguente aumento di pericolosità.
    Siamo più forti, come dissi dopo l'ultimo minuto di mercato, perché più assemblabili e in più modi. Sarà un girone di ritorno che ci costringerà a non a accontentarci mai del punticino e abbiamo iniziato a giocare di conseguenza. Già da dopo il pareggio dell'Atalanta della scorsa settimana.

    RispondiElimina
  25. Sul piano della potenza economica e dell'appeal nessun dubbio che sia così. Però, a livello tattico sono ancora dietro. E in più molti grandi giocatori non trovano un tipo di calcio che permetta loro di far emergere quello per cui sono stati strapagati, ossia le doti tecniche. Si vedono partite bellissime, è vero, ma si vedono anche enormi bagagli tecnici sprecati. Una cosa che li penalizza anche in campo internazionale, dove se si esclude la Champions vinta da Di Matteo in una maniera che farebbe rabbrividire Nereo Rocco, sono stati surclassati momentaneamente da Spagna e Germania.

    RispondiElimina
  26. Io penso che in questo momento di questa Fiorentina abbiano paura tutti, mi sento peggio solo degli stramaledetti gobbi e penso che nemmeno loro siano poi tanto tranquilli al pensiero di doverci affrontare in CI. Il potenziale di fuoco la davanti me lo gioco con tutti, agnellini compresi... con questo Salah, il Mario di Monaco, il novello Drogba ed Alino tuttocampista ci leggon la targa da i' primo all'ultimo.

    RispondiElimina
  27. Emundo aveva una tecnica di base probabilmente (anzi, per me, sicuramente) superiore, col pallone tra i piedi faceva cose che solo ad un altro ho visto fare... ma era molto più statico, come l'egiziano gli piaceva tornare indietro a prendersi il pallone, aveva anche lui una visione di gioco sconfinata, teneva più palla ma poteva permetterselo...
    questo mi pare più sobrio nel giocare, meno tocchi e più altruismo ma va detto che Edi in giornata di collegamento fisicomentale era un genio inarrivabile, Romario docet...

    RispondiElimina
  28. Lele, un altro anno di Montella si avvicina a grandi passi, ahahahah

    RispondiElimina
  29. Mica tanto facile il passaggio, un diagonale lungo a rientrare. Bella cosa fatta anche dal pantera nell'occasione. Ha una facilità di liberarsi al tiro o all'assist con una semplice culata o un movimento breve che fa sembrare scontato quel che facile non è per niente. Davanti aveva il Cannavaro 2 che non sarà Cannavaro 1, ma pur sempre un difensore scafato da mille battaglie. Lo ha uccellato tre o quattro volte, compresi i due gol, come un bambinello qualsiasi.

    RispondiElimina
  30. Ottimo Vincè, ho solo un'ultima richiesta: quel 4 la dietro DEVE giocare, e, Danielino, cerchiamo di fargli un bel contrattino che non ne troviamo altri così. Una bestia!

    RispondiElimina
  31. Non siamo più forti. Non è vero, purtroppo. Quelli che ci hanno fatto cambiare marcia sono tutti in prestito. Il Cuad era nostro.
    Su Alino ala, tendo a convenire con Jordan. Anche se, secondo me, non è sempre fuori dal gioco. Quando, con l'Atalanta, è stato spostato a destra, ha cambiato la partita. Si accentra e tira mica male, direi. Dipende. Per essere ala gli manca un po' la voglia di cross, ma quanto a saltar l'uomo ci siamo, direi. Diamanti meglio in casa che in trasferta, secondo me.
    Salah ha il passo della seconda punta, finalmente. Tecnico, veloce, essenziale. Ma Edy io non ce lo vedo, in lui. Non ancora, almeno. Il tiro di esterno del primo tempo il brasiliano l'avrebbe messo in porta, se non in rete. Quello che rivedo, è il Salah di Basilea. Grasso che cola, per la Viola.
    Foco, non son convinto. Per me l'egizio si trova meglio con il T'Challa, che è più tecnico di Gomez, anche se Marione è molto più "sul pezzo". In settimana vediamo.
    Montella: bene, bravo. Le Coppe saranno un test molto più probante, ma per l'itala gente potrebbe avanzare quello che si è visto ieri.
    I bagordi, Louis: pensa a me. Ieri, oltre alla Viola, anche finale Provinciale di volley, per mio figlio. Vittoria 3-0, asfaltati. Sotto con i regionali, adesso. Io? A letto con l'influenza.

    RispondiElimina
  32. Ljuka anche 33 milioni son nostri, se poi diventan tutti loro e non li spendono staremo a vedere, ma esser diventati più forti sul campo con 33 milioni più in saccoccia non è mica cosa da poco.

    RispondiElimina
  33. Intanto il Milan soffre (e non poco) contro l'Empoli

    RispondiElimina
  34. Che Lotito gestisca un sistema è una bufala, soprattutto se riferita agli arbitraggi, al massimo si occupa di diritti ty. Poi strano che dietro questa pagliacciata ci sia, come al solito, "La Repubblica".


    Il vero scandalo è il prestito perpetuo di Unicredit alla Roma, camuffato da prestito oneroso concesso da Goldman Sachs. Ma di questo "La Repubblica" non parla.

    RispondiElimina
  35. non possiamo permetterci 1,7 per un terzino, Louis...

    RispondiElimina
  36. lo so, caro Valto, è che sono "calcisticamente innamorato" di Micah e non mi spiego di come uno del genere non possa essere un punto fisso nella Viola... io lo promuoverei titolare di qui alla fine e, nel contempo, inizierei un'opera di convicimento logorante cercando di inserire magari una clausola rescissoria e la promessa di lasciarlo andare in caso di grande stagione e offerta congrua... un bel quadriennale a 1.5 mi sembrerebbe in linea col giocatore e le possibilità della Società... mi dispiace veder andare perduto un potenziale del genere...

    RispondiElimina
  37. Almeno per quest'anno siamo più forti, via.
    Baba è forte, molto, un paio d'anni fa su questo blog lo dicevo, quando sembrava si fosse perso. Però Mario è meno pirotecnico ma più "raggiungibile" nelle zone in cui si fa male. E Salah è uno sensibile ai movimenti, i suoi e quelli altrui.
    Gomez, di media, si libera sei, sette volte a partita in posizione velenifera, se il compagno è predisposto a leggere certe situazioni, ridiventa un fattore assoluto. Io prevedo molti gol tedeschi da un metro.
    Salah non lo volevo paragonare ad Edmundo, ma solo far notare le piccole convergenze, visto che era scattato l'accostamento

    RispondiElimina
  38. Coraggio, Ljuk, pensa che a me la febbre è costata un bel bisteccone un par di mesi fa, ti fa una sega a te, eheheh

    Su Edi-Salah, ho già diversi amici, fiorentini e non, che mi propongono il paragone, per me Edi è stao un mito, l'unica cosa, per ora, che ci rivedo, in Salah, è quella personalità e voglia di "scendere" fino al cerchio di centrocampo a farsi dare palla e prendere in mano lui la situazione, per il resto è presto, consideriamo che il brasiliano arrivò in Italia alla soglia dei 30 e questo ne ha appena 22...

    Per me siamo "diversi" rispetto a prima, non so dire se più o meno forti... sfruttiamo, adesso, il 100% del potenziale complessivo di questa rosa, penso si debba mantenere titolare Micah e almeno uno tra Alino e Salah... adesso, lo ripeto, per me, siam pronti a fare la guerra con tutti.

    RispondiElimina
  39. ma meno ancora possiamo permetterci un panchinaro da 1,7! ce l'abbiamo, li spendiamo, e facciamolo giocare, cazzo!

    RispondiElimina
  40. ma su quello sai che con me sfondi una porta aperta...

    RispondiElimina
  41. Per "sistema lotitiano" mi riferivo alla filosofia secondo
    la quale è il bacino di utenza e il ritorno economico che devono determinare le posizioni di classifica. Ora il meccanismo degli equilibri contrapposti dovrebbe bilanciarsi per un po', almeno fino al redde rationem finale tra le parti in contesa.
    È chiaro che Lotito è incappato in un trappolone organizzato per lotte di potere. I suoi accoliti piano piano si sfileranno per scaricarlo. Le simpatie politiche del genero di Mezzaroma sono note e la scelta caduta su Repubblica non è casuale

    RispondiElimina
  42. Intanto il Milan pareggia in casa con l'Empoli e non gli va neanche male. Lotito-Galliani han dovuto lasciare la presa per una settimana

    RispondiElimina
  43. Che ti devo dire, io non mi innamoro di nessuno in fase di giudizio, anche se mi può stare simpatico. Negare le innumerevoli cazzate sa di adoratori a prescindere, come sarebbe ingiusto trovargli difetti sempre a prescindere. Risulta strano che in tanti, quando denunciavano le storture tattiche, siamo passati per anti e che chi lo difendeva sempre a prescindere non colga che Montella ha virato verso le soluzioni che sempre i molti, noi in primis, gli chiedevamo. Cha l'abbia abbozzata con Ilicic, proposto spesso centravanti o ala, che abbia promosso Basanta, che si sia ricordato di Richards, che coi tre tenori non si hanno soluzioni verticali e si gioca intasati a due all'ora, che con una punta non vai da nessuna parte, che se non ne schieri un'altra che dia profondità e attacchi gli spazi, erano cconcetti detti e stradetti fino alla noia. Lui cocciuto ci ha fatto perdere mesi e punti.
    Ora si è redento? Evviva! E alla buon ora! Lo celebro correttamente visto che mi reputo, immodestamente, obiettivo ma con giusta misura perché attendo riprove. Son stati troppi i mesi di confusione. Certo che se si meriterà elogi, non mancherò. Tuttavia nessuno mi toglie dalla testa che se Cuadrado fosse rimasto, avrebbe continuato a schierarlo fuori ruolo. Poi per nostra immane fortuna è arrivato Mourinho con idee annebbiate.

    RispondiElimina
  44. Un consigliere federale non può dire che una squadra non può venire in serie A perché non ha bacino d'utenza e se lo dice deve essere preso illic et immediato a calci in culo e buttato fuori in una società seria che noi non siamo. Se poi gli abbian fatto il trappolone o se lo sia fatto da solo nel suo delirio di onnipotenza me ne importa poco. E' un cazzone presuntuoso amico di cazzoni ancor più pericolosi come denti gialli scarsocrinito ed il Tavecchio, che ha contribuito con i suoi lacchezzi a fare eleggere. se le perdiamo tutti facciamo festa e se qualcuno contirbuisce, finchè non fa di peggio, è un benemerito.

    RispondiElimina
  45. altri 2 gol di Toni. A 38 anni.

    RispondiElimina
  46. condivido in toto, la mia speranza è che, trattandosi comunque di allenatore giovane, siano tutti errori che possano servire alla crescita sua e, di conseguenza, nostra...

    RispondiElimina
  47. Conferme dei segnali di risveglio nerazzurri (un po mi preoccupano) ... laziali ancora attaccati ai coglioni...

    RispondiElimina
  48. Il prestito di Destro al Milan è stata una genialata.. Fa male alla Roma ed è ininfluente per quei morti.. Almeno per ora..

    RispondiElimina
  49. 0-0 in casa contro gente che non riscuote da mesi, ahahahahahahah RIDATEJE LUCIANO!



    ci godo, merde!

    RispondiElimina
  50. Anche gli scommettitori

    RispondiElimina
  51. È chiaro che dovrebbe dimettersi ma non gli conviene. Al netto dell'ipocrisia in ogni caso non ha detto nulla di nuovo.
    La Federazione esiste solo per assicurare liquidità al sistema. Il potere si esercita nella distribuzione delle risorse

    RispondiElimina
  52. ahah, davvero, sai quanti hanno strappato i bigliettini snai oggi...


    p.s. ho letto di chi insinua un pallotta alla parmigiana nei pagamenti, che si dice da quelle parti?

    RispondiElimina
  53. A proposito di Babacar...

    http://www.firenzeviola.it/primo-piano/baba-rinnovo-qui-sto-bene-state-tranquilli-173486

    RispondiElimina
  54. Tutti tengono famiglia

    RispondiElimina
  55. A Parma promisero il pagamento degli stipendi 4 giorni prima di Parma-Fiorentina, e i ducali vinsero; mercoledì scorso hanno promesso (di nuovo) il pagamento degli stipendi ai parmigiani, e loro hanno pareggiato oggi a Roma.
    Per la serie le motivazioni (vere o presunte) e come la mente possa lavorare su di esse...

    RispondiElimina
  56. Che palle...


    L’ex dirigente del Milan Ariedo Braida, diventato da
    pochi giorni direttore sportivo internazionale del Barcellona, ieri era
    sugli spalti del Mapei Satdium per assistere da vicino a
    Sassuolo-Fiorentina. Secondo quanto riportato dal Mundo Deportivo, la
    presenza di Braida al Mapei Stadium sarebbe dovuta ad un possibile
    interessamento futuro del club blaugrana per i due neroverdi Berardi e
    Zaza e per il viola Babacar.

    RispondiElimina
  57. Quando Babacar (a breve) avrà rinnovato con clausola rescissoria a 35/40 milioni se ne parlerà. Dimentichi, carissimo LOUIS, che il Barca ha il mercato bloccato, quindi.....

    RispondiElimina
  58. Un aggettivo per Garcia?
    Potrebbe essere: sopravvalutato? No perché arrivato 2o anno scorso e forse anche quest'anno.....

    RispondiElimina
  59. ma infatti Sopra, il mio "che palle..." è riferito a queste continue voci che escono fuori tutte le sante volte che uno dei nostri segna un gol o fa una grande prestazione... non ci fanno fare un pasto in pace, personalmente do molto più peso a queste parole “Ambisco a diventare titolare come tutti, ma sono giovane e devo
    lavorare tanto. Montella? È bravissimo, mi stimola sempre, ogni tanto mi
    può pesare ma mi dice tante cose perché mi vuole bene, c’è affetto da
    parte sua: io continuo a lavorare. Il rinnovo? ci stiamo lavorando
    sopra, qui a Firenze mi sento a casa. E’ praticamente 8 anni che sono
    qui e voglio rassicurare tutti che non sarà un problema il rinnovo”. e mi sento molto più ottimista dopo le dichiarazioni del pizzaiolo di qualche giorno fa...

    RispondiElimina
  60. Miha aveva costruito un giocattolino imbastito con autostima e senso di squadra. Il mercato invernale glielo ha smontato molto prima del naturale crollo a metà del girone di ritorno. Salutateli, a maggio saranno distanti.

    RispondiElimina
  61. aggiungerei peso a quel "forse"... quando ci sono repentini peggioramenti di rendimento come nel caso dei giallorozzi c'è del marcio sotto, di solito...

    RispondiElimina
  62. Se rimane Montella, rimane sicuro anche Baba.

    RispondiElimina
  63. stesso mio pensiero, avevo scritto qualcosa in merito, giorni fa... Er Viperetta sta venendo fuori alla distanza, ahah

    RispondiElimina
  64. Cazzo, non c'è riuscito nessuno, sarà mica manciomencio (ahahaha, mi fa sganascià il nomignolo, ho rubato il copyright) a rilanciare Freddy...

    RispondiElimina
  65. È la stessa cosa che mi ha detto un mesetto fa un mio amico tifoso del Doria: hanno rotto il giocattolo. Una squadra basata su giocatori con gran voglia di rivalsa e/o di farsi valere, un attacco con Okaka/Eder/Gabbiadini

    RispondiElimina
  66. La risposta doveva essere a a Foco qui sotto.

    RispondiElimina
  67. Manenti presidente del Parma.....

    https://www.youtube.com/watch?v=RBySq4ktB6c

    RispondiElimina
  68. cazzuto il Gerevini...

    RispondiElimina
  69. ..mi auguro facciano la fine del piacenza...scomparire...dissolversi...non voglio più trovarmeli davanti...l'espulsione di Valero me la porterò nella tomba...Tomba, emiliano di merda...Inzaghi..idem...Berti muori...Bersani vaffanculo...Emilia Paranoica!!!

    RispondiElimina
  70. non credo che l'obiettivo di Ferrero sia quello di costruire una squadra. Nei prossimi mesi scopriremo se c'è qualcuno alle sue spalle (si vocifera l'attuale proprietà del Verona) o se, semplicemente, fallirà.

    RispondiElimina
  71. Tutti in piedi sul divano, è stato un buon finesettimana.
    https://www.youtube.com/watch?v=fA17BmsklFA

    RispondiElimina
  72. Intanto l'Inter per rinforzarsi in difesa ha preso Felipe! Si sentono forti con Ranocchia!

    RispondiElimina
  73. Questo che senza un soldo vuol comprare il Brescia, poi il Parma, qualcuno dice che è anche dietro a Ferrero...ma chi l'ha sciolto?

    RispondiElimina
  74. Zv, e te lo domandi pure? Io sono indubbiamente quello messo meglio, me ne sto in crociera, prendo il sole, frequento (e, ogni QUATTRO notti, trombo...) strafighe ubriacandomi ogni sera con i dollaroni turchi. E pensa che la scorsa settimana ho pure avuto un incontro ravvicinato del SETTIMO tipo: Attracchiamo a Miami, vedo sulle scalette davanti a me una capa lucida che bestemmia in accento fiorentino, un paio di pantaloncini azzurri con una scritta in caratteri sovietici... Si gira e mi fà, in Giappone vacci te, o bischero, io aspetto la chiamata di du ciabattai...

    RispondiElimina
  75. L'ha presa bene...

    http://www.violanews.com/altre-news/jovetic-dopo-lesclusione-dalla-lista-uefa-pellegrini-mi-ha-ucciso-20150215/

    RispondiElimina
  76. Ferrero chi, er Viperetta? Poero Doria...

    RispondiElimina
  77. Arrancando lentamente sulla sabbia bagnata
    Per tornare sulla paca
    Dove ti sono stati rubati i vestiti
    Questa è la città costiera
    Che si sono dimenticati di chiudere
    Armageddon – vieni, Armageddon!
    Vieni, Armageddon! Vieni!
    Ogni giorno è come se fosse domenica
    Ogni giorno è grigio e silenzioso
    Nascosto sul lungomare
    A raschiar via una cartolina
    “Vorrei con tutto il cuore non essere qui”
    Nella città costiera
    Che si sono dimenticati di bombardare.
    Vieni! Vieni! Vieni – bomba nucleare!
    Ogni giorno è come se fosse domenica
    Ogni giorno è grigio e silenzioso
    Arrancando di nuovo su ciottoli e sabbia
    E una strana polvere si appoggia sulle tue mani
    (e sul tuo viso)
    Ogni giorno è come se fosse domenica
    Vinci un vassoio economico
    Bevi un tè economico insieme a me
    Ogni giorno è grigio e silenzioso.

    RispondiElimina
  78. Dietro Ferrero potrebbe esserci, nell'ombra, proprio è ancora l'ex proprietario del Sampdoria, che non vuole esporsi più.
    Il giocattolo verrà definitivamente rotto, divelto questa estate.

    Manenti: ancora silenzio assordante delle istituzioni calcistiche sul Parma Calcio.
    Il giornalista che lo pressa occupa il ruolo che dovrebbe coprire un ispettore della Figc, della Lega Calcio.
    Aprire un fascicolo per omessi versamenti (tasse, irpef, inosservato, etc. etc.) il 13 febbraio 2015, dopo che la Covisoc (7 mesi fa) aveva già segnalato le gravi inadempienze, qualifica i vertici e tutte le istituzioni sportive italiane.
    Così come il deferimento (ci sarà?) per Lotito e la sentenza richiederà minimo 6 mesi.
    Domanda: i dirigenti federali cosa fanno durante le loro giornate, le loro settimane, durante un mese?

    Il giornalista é una grande talpa, molto informato e documentato; cercano di spostare il focus e qualificano le domande come "polemica". Vergognosi, i due neoparmigiani, meriterebbero che Lucarelli aprisse la porta e desse loro una sberla.

    RispondiElimina
  79. Ma che ve ne frega di Ferrero e di Manenti, meteore alla Ghirardi, alla Gazzoni e degni successori, signorsì signori nessuno che per una mezza stagione buona avanzano pretese e per un quarto poco buona falliscono indebitandosi anche la paghetta settimanale futura, con il beneplacito della lega calcio che per anni ha permesso plusvalenze di milioni di euro con decine di calciatori semi sconosciuti. Quest cose ci furono anticipate dal buon S.Napolitano tempo fa, eppure.......
    Tornando a ieri, bella vittoria, di autorità, tecnica, fisica, tattica, schiantando in casa propria una delle formazioni più in forma e migliori, dal punto di vista del gioco, del calcio italiano. Il problema della Fiorentina si è sempre chiamato continuità, complice anche l'assenza di un reparto offensivo completo nei suoi elementi e nei ruoli chiave. Si è sopperito facendo fare tutti i ruoli a Cuadrado la davanti, spesso in solitario quanto a centravanti veri, difatti anche i suoi risultati erano scarsini assai; con il ritorno in forma di Gomez, l'arrivo di Alino, Babacar di nuovo abile e l'innesto di Salah, come per magia, la manovra non risulta né asfittica, né lenta o priva di sbocchi, con buona pace di chi individuava nel mister l'anello debole dell'equazione. Siccome, spesso, é facile parlare di schemi quando si vince sarebbe doveroso riconoscere quali attenuanti si devono concedere quando i risultati non arrivano, fra l'avere uno o due centravanti in pallla e un trequartista valido alle loro spalle, o il non averli, ci corre quanto il lottare per un piazzamento CL o lo stare al centro-basso classifica

    RispondiElimina
  80. Calcio di rigore di Vidal, portiere da una parte e palla dall'altra. Esemplare.

    RispondiElimina
  81. Ma invece il Prestito di Goldman Sachs alla Roma, con garanzia di Unicredit? Ne parla qualcuno? E stranamente proprio due giorni dopo Repubblica parte con la solita Macchina del Fango contro terzi. Film gia' visto.

    RispondiElimina