.

.

domenica 8 febbraio 2015

Cosa non si farebbe per battere l'Atalanta

E’ troppo importante la vittoria di oggi contro l’Atalanta per non chiedervi cosa dareste via pur di ottenerla. Vi invito a non essere scurrili. Poi raccolgo tutto ciò che sacrifichereste e lo vendiamo, il ricavato andrà interamente a favore delle vedove di Marko Marin. C’è preoccupazione in San Frediano non tanto perché si gioca al Franchi, c’è la moglie del mio dottore che è da subito dopo la vittoria contro la Roma che compra una mela al giorno, e il più preoccupato è il marito. Vincere vorrebbe dire scavalcare Lazio e Sampdoria, poi sedersi a pranzo tranquilli a mangiare gli spaghettoni con le sarde. Di certo, almeno io non darei via l’uvetta e i pinoli in cambio della vittoria, perché mi servono come al Milan un allenatore. Poi dedicherei il pomeriggio a gufare le altre bevendo alla salute di Genoa e Sassuolo qualche bicchiere di Scalabrone, sempre se avanzato dal pranzo della domenica. Nel caso non fosse avanzato allora dormirei felice facendo sogni rosé. Si dice che anche l’Accademia della Crusca, pur di battere la squadra di Colantuono, sia disposta a chiudere un occhio e ad accettare anche “qual è” con l’apostrofo. Sarebbe un’offerta imperdibile, e resa possibile solo dal fatto che l’Atalanta di solito è ostica proprio come l’italiano. Il Bambi dopo aver saputo della mia iniziativa benefica ha deciso di mettere a disposizione la borsa falsa di Gucci rubata alla moglie del Colonnello. Vista l’importanza dell’eventuale vittoria che coinciderebbe con la speciale maglia celebrativa per i 150 anni di Firenze Capitale, anche la Riblogghita ha pensato al jeans celebrativo per il record dei commenti, da indossare oggi per andare alla stadio. Devo dire che ho già ricevuto la promessa da uno di voi, che in caso di vittoria metterà a disposizione la propria preziosa protesi, non posso dire chi è per motivi di privacy, e poi perché è sempre molto riservato e ci tiene a rimanere nell’anonimato (spesso cambia nick proprio per motivi di privacy). Un tipo di protesi che sono sicuro potrà risultare utile anche a qualcuno di voi e quindi ognuno potrà comprarla con la speranza che non ci sia un altro che nel frattempo voglia dare via il culo. In attesa delle vostre offerte voglio rivelare quello che metterò io a disposizione, e anche per dare il buon esempio offro la mia collezione di Alan Ford della quale chiedevo 500 euro, ma visto che nessuno si è presentato per acquistarla ci riprovo. O meglio, diciamo che ho cambiato sistema e invece di venderla la ripropongo per uno scambio merce. Basta trovarsi d’accordo con uno di voi, insomma, in cambio della vittoria con l’Atalanta io metto a disposizione la mia collezione di Alan Ford, se c’è uno di voi che in cambio della vittoria con l’Atalanta mette a disposizione 5 banconote da 100 euro l’una, sentiamoci in privato anche prima della partita.


146 commenti:

  1. Tutti a dormire o tutti già allo stadio per la partita di mezzogiorno?

    RispondiElimina
  2. Pare si giochi con il 3-5-2 con Joaquin e Pasqual esterni. Insomma, il solito modulo che da più di due mesi funziona, con Diamenti trequartista al posto di Cuadrado. Badelj sembra che giochi (giustamente, visto che appare in crescita).

    RispondiElimina
  3. Vabbè, stamane ci sono solo io. L'anno scorso, di questi tempi, battemmo l'Atalanta con gol di Ilicic e Wolski.
    La formazione che schierammo un anno fa era questa:
    Neto; Diakitè, Savic, Compper; Cuadrado, Anderson, Pizarro, Borja Valero, Vargas; Ilicic, Matri.
    A voi fare un confronto fra la formazione e quella di oggi

    RispondiElimina
  4. ¡Argentina campeón sudamericano sub 20!

    RispondiElimina
  5. Anto non ti preoccupare, non si vede nessuno perché ci sarebbe da dare qualcosa in cambio della vittoria, e il bello è che invece danno di braccini ai Della Valle...

    RispondiElimina
  6. Io per la vittoria concedo il mio pomeriggio: se vinciamo, invece di dormire, questo pomeriggio vado in bici.

    RispondiElimina
  7. Consigli per gli acquisti?

    RispondiElimina
  8. ..ridateci le Falkland e pigliatevi le Marche..questo è il mio Buon Giorno al mondo intero.

    RispondiElimina
  9. https://www.youtube.com/watch?v=YaoNphQxXyo

    RispondiElimina
  10. ..sucamelo Bettega..sucamelo...

    RispondiElimina
  11. Sottoscrizione per le vedove di Marin: allora passo all'incasso, lato creditori (credo in compagnia di Ljuka e qualcun altro (senza apostrofo)).

    RispondiElimina
  12. ..ti (affettuosamente) detesto.

    RispondiElimina
  13. I love Ciuascolo

    RispondiElimina
  14. ..questo quadro mi fa schifo..BLOG LIBERO...BLOG LIBERO...

    RispondiElimina
  15. http://www.firenzeviola.it/news/galliani-sollevero-un-putiferio-contro-la-juve-173009

    RispondiElimina
  16. Mah, il figlio di Simeone segna tanto ma non mi pare un craque, Angel Correa [dell'Atletico, operato mesi fa al cuore] è forte, Driussi bravo ma difficilmente inquadrabile in Europa, mi piace Mammana, difensore. Nella Colombia ho visto bene Joao Rodriguez e Lucumí.

    RispondiElimina
  17. Scatto sull'attenti.

    RispondiElimina
  18. Las Malvinas son Argentinas!

    RispondiElimina
  19. Se ci metti un italiano pare che abbia una racchetta ai piedi, come sulla neve.

    RispondiElimina
  20. A pochi minuti dall'inizio della partita la domanda è una sola, e rivolta al Colonnello: "Vuoi una borsa di vera pelle e artigianato fiorentino al posto di quella contraffatta di Gucci? Allora caccia i sordi!!

    RispondiElimina
  21. Ho visto giocare, sulla spiaggia, la coppia Romario-Edmundo. Spettacolo.

    RispondiElimina
  22. E dopo che ha ri-visto le immagini, cosa farà? Ricusa il risultato?
    Se mostrano le immagini del passato ci saranno ricusazioni di interi campionati...

    RispondiElimina
  23. Pollock, col disegno di oggi, la conferma che sei andato.

    RispondiElimina
  24. Io per la vittoria di oggi metto a disposizione la mia collezione di Ford...

    RispondiElimina
  25. Dopo alcune siliconate, un siliconato.

    RispondiElimina
  26. I fumetti, no, come ebbi a dire a Foco una volta, sono come l'oro della Banca d'Italia, li puoi usare solo per una finale di CL.
    PS Oggi saraghi di Terracina a pranzo! Sapore di casa tua"!

    RispondiElimina
  27. Formazione: a questo allenatore potete comprare tutti gli attaccanti che volete, non mette due punte nemmeno davanti ad un isis col coltello in mano.

    RispondiElimina
  28. Luoghi comuni:
    -Trapattoni difensivista, ahahahahah Rui Bati Edmundo Olivera, poi Chiesa.
    -Montella offensivista....ahahahahah!

    RispondiElimina
  29. forza viola sempre

    RispondiElimina
  30. Me lo diceva un mio amico che fa la spola con Rio, cose incredibili...Diceva che sulla spiaggia dava spettacolo anche Junior

    RispondiElimina
  31. Questo è ovvio. I tecnici passano ( speriamo ) la fede resta.

    RispondiElimina
  32. Oggi partitaccia da italiani, 3-1 con gol di Diamanti, e dei subentrati Ilicic e Gilardino.

    RispondiElimina
  33. Vedo ora Pek in panca.

    RispondiElimina
  34. ahahah, in onore di questo pronostico ti passo anche uno streaming orridamente italiano: http://atdhe.mx/soccer/watch-ac-fiorentina-vs-atalanta-bergamo-7681d
    (in realtà è perché oggi sono a casa di mio padre e lui vuole l'italiano)

    RispondiElimina
  35. A proposito, spero che tu mi dia ragione sulle due punte...Non è che Baba era indisponibile, lui non concepisce due punte. Tre poi...

    RispondiElimina
  36. Avesse Rossi le concepirebbe, non concepisce Babacar assieme a Gomez, e su questo tutti i torti non glieli dò...Anche se doveva fare più prove, almeno.

    RispondiElimina
  37. no, secondo me in questo caso dici una cazzata pregiudiziale e ingiusta, dato che con 2 punte ha giocato per parecchio tempo e ha iniziato l'anno con due centravanti titolari. Ma non mi sembra il momento di discuterne, ora, buona partita.

    RispondiElimina
  38. Ahah provo questa per ora

    http://atdhe.eu.com/v-94125-t-today



    Questa partita non si merita una telecronaca argentina!

    RispondiElimina
  39. esatto. Lui vorrebbe una prima e una seconda punta, ha provato con le due prime punte e non gli è piaciuto. Anche a me piacerebbe che riprovasse, però il punto è quello, non un presunto difensivismo.

    RispondiElimina
  40. quando gioca Mati ogni partita merita una telecronaca argentina!

    RispondiElimina
  41. Ahah si è appena bloccato, provo il tuo

    RispondiElimina
  42. Per me di cazzate ne dici in quantità industriale, ma per me va benissimo così, il blog è più ilare.

    RispondiElimina
  43. ah ma sicuramente, io ne dico un sacco. Però questa tua, per me, lo è. Ciao.

    RispondiElimina
  44. ZEMAN, Andrea e Diegone in tribuna!

    RispondiElimina
  45. DEYNA: Partitone di Diamanti, 6------------. Pek 7 politico.

    RispondiElimina
  46. Pasqual di testa sembra fatto apposta per farci rivalutare Pasqual di piede.

    RispondiElimina
  47. Certo che Andrea Della Valle che balla in tribuna dopo il gol.... non si starà vittoriocecchigorizzando per piacere a ZV?

    RispondiElimina
  48. Si capisce che negli enigmatici schemi montelliani, la seconda punta è Basanta.

    RispondiElimina
  49. Grossa pisciata di Tata-Pasqual in comproprietà. Se un portiere non va a prendere quei cross lenti sul secondo palo non so quando mai uscirà dai pali e un marcatore non si può fare uccellare di testa in quel modo su un cross lento e telefonato come quello.

    RispondiElimina
  50. Dalla Fiesole non ho capito bene il gol preso; a parte la buca di Pasqual abbiamo avuto l'impressione che Tata abbia scazzato l'uscita. delucidatemi per favore

    RispondiElimina
  51. Ma a te non ti vengono quei due triangoloni di play a rompere i coglioni sul video? è roba solo brasiliana? Comunque in italiano c'è anche rojadirecta dxtv italia.

    RispondiElimina
  52. no, da me si vede bene

    RispondiElimina
  53. Partita talmente lenta che si poteva vedere Borja invecchiare in secondo per secondo. Centrocampo senza ossigeno, ne in testa, ne nelle gambe. Il resto viene da sé.
    Per l'ennesima volta prendiamo gol da cross da destra ad uscire, particolare che evidentemente la difesa a tre e Pasqual soffrono abbestia. Pek, volenti o nolenti, è una siringa di adrenalina. Ricordatevi che io avrei comprato Zappacosta.

    RispondiElimina
  54. Ho già scritto, l'ha scazzata sì, o, meglio, l'ha solo abbozzata ed è tornato indietro, ma quei palloni sono suoi. Ciò non toglie che pasqual in marcatura sia inguardabile.

    RispondiElimina
  55. esattamente, prendiamo gol sempre in quel modo, con l'inserimento sul secondo palo di uno che il terzino sinistro dovrebbe marcare, solo che tra Alonso e Pasqual, in marcatura...

    RispondiElimina
  56. è la seconda partita in cui Joaquin non riesce a difendere e costringe a superlavoro Tomovic.

    RispondiElimina
  57. grandissimo Alino!

    RispondiElimina
  58. Belin che gol Alimo!

    RispondiElimina
  59. insegnate a rinviare a Tata, però!

    RispondiElimina
  60. Eh Alino Superstar. ..l'Arno cancella il Nilo

    RispondiElimina
  61. Ma vaffanculo difesa di merda

    RispondiElimina
  62. ahahahahahahahahhahahahaha
    w il Piave, w la Serenissima, w San Marco!

    RispondiElimina
  63. E IL CAPITANOOOOOOOOOOOOO

    RispondiElimina
  64. Grandissimo Mati, sul gol

    RispondiElimina
  65. saluti dal Nordest

    RispondiElimina
  66. Vittoria mai in dubbio. Va bene, portiamo a casa tre punti.

    RispondiElimina
  67. Beato te che un tu l'avevi mai in dubbio. Ai 43' mi toccavo le palle

    RispondiElimina
  68. Ci hanno reso pari pari il goal a pera che gli si è fatto fare noi. Ma se si deve pati' così in casa con l'Atalanta!

    RispondiElimina
  69. Il 4-3-3 del secondo tempo velocizza un poco e, sopratutto, libera il sinistro di Alino che deve mangiare meno campo per trovare la palla. Borja non in condizione fatica a correre e a prendere decisioni, mentre Badelj dimostra di soffrire il ruolo di regista. Mati in difficoltà, svuota le scarpe dalla polverina magica rimasta giusto in tempo per farcela vincere. Savic cresce, nonostante attorno siano affidabili come una skoda dell'87. Mario a me è piaciuto, grande tigna e verve motificata solo dalla lentezza del nostro gioco nel primo tempo. Salah ci farà godere. Mercato di gennaio per la prima volta decisivo e arricchente.

    RispondiElimina
  70. Va benissimo, squadra che non si arrende, un po' cacasotto nel finale quando si è visto che temevano il terzo gol dell'Atalanta. Però è dovuto entrare Pizarro per puntellare il centrocampo "business as usual"

    RispondiElimina
  71. Non afferri il sarcasmo?
    Diamanti è l'unico che può tirare in porta e acquisto fantastico, partita squallida come il gioco di Montella.

    RispondiElimina
  72. Dimenticavo: Diamanti. Se fossi svizzero andrei a cercare qualche mio vecchio post!

    RispondiElimina
  73. Tata 6
    Tom 5.5
    Savic 7
    Basanta 7
    Pasqual 7
    Borja 6
    Mati 7+
    Badelj 6
    Joaquin 6.5
    Gomez 6.5
    Diamanti 8
    Pek 6.5
    Salah +.5
    Rosi s.v.
    Montella 7+

    RispondiElimina
  74. Non lo direeeee. Qui siamo in un covo montelliano. Ssssshhhh.

    RispondiElimina
  75. concordo, sia su Salah sia su Mario, che ha fatto una delle sue migliori partite da quando è in viola. Sulla difesa, il punto è che la difesa a 3 senza filtro a centrocampo né sulle fasce è davvero esposta, e lì Savic si salva per classe superiore, Basanta per fisico, Tomovic non si salva proprio.

    RispondiElimina
  76. Partita che apprezzano solamente gli ammiratori della filosofia olandese, "un gol più degli avversari".....

    RispondiElimina
  77. un 3-2 diretta conseguenza di un difensivismo esasperato, ovviamente...

    RispondiElimina
  78. Onore delle armi a Colantuono, che viene sempre a Firenze a giocarsela la partita! E' un po' lagnone (tipico dei romanisti), ma come allenatore non mi dispiace, soprattutto ora che Reja sembra andare all'Hajduk. ahaahahah

    RispondiElimina
  79. ...ho visto solo il primo tempo..o mio Dio no..ancora Pasqual? No..Pasqual è improponibile...toglietemi Pasqual...Pasqual non si può vedere..SUCCHIATEMELO...Manuel Pasqual e fatevi le seghe con Alonso...godo anche se non tifo più...godo perchè Firenze gode..MANUEL e io godo..MANUEL e io godo..e che gli Anti Pasqual me lo possano sucare fino in fondo....non ho vinto un cazzo ma godo alla facciaccia di tutti quanti...FIRENZEEEEEEEEEEEE!!! SOLO FIRENZE!!!! inculo a tutti.

    RispondiElimina
  80. Gioco mirabolante, fuochi d'artificio, tiri in porta a gogo sbagliati per la troppa velocità.

    RispondiElimina
  81. Riavvolgendo il nastro, quella di oggi è sembrata la prima partita del post Cuadrado, o quantomeno quella che si immaginava. Se la juve maramaldeggia in serie A è per demerito delle avversarie che non riescono a esprimere continuità di risultati. Il Napoli ci ha messo mezzo campionato per collezionare tre successi di fila.
    Sotto gli occhi di chi gli paga lo stipendio oggi Montella - parso a tratti in leggera confusione - ha trovato in Alino e nella zampata di Pasqual chi gli ha risolto la partita.
    Colantuono aveva sparigliato le carte molto bene nel primo tempo di una gara giocata all'insegna del cross a tutti i costi.
    Proprio quando l'oggetto del desiderio di Berlusca non ci stava capendo più niente, Alino ha segnato con una prodezza individuale. Come tante volte erano stati gli errori dei singoli a decidere il risultato. Partita del post Cuadrado ma anche del post Vio: andato via lui (ideatore della barriera doppia a Milano) si è tornati temibili sui piazzati.
    Una tribù di pellerossa ha lasciato la riserva per spostarsi all'ombra delle Piramidi. Per ora mandano solo timidi segnali di fumo.
    Vedere Rosi che caracolla sulla fascia che fu della Vespa fa un po' tenerezza. Un po' come il culetto dei bambini. Quello di Montella no, è di un'altra caratura

    RispondiElimina
  82. Partita giocata al minimo, il problema rimane sempre che Pizarro è indispensabile. Diamanti ha la caratteristica, ottima, di tirare in porta appena può. Su Gomez e Salah concordo con Foco, l'egiziano tende a tener troppo palla, ma mi ha destato un'ottima inpressione, per tecnica, grinta e velocità.
    Per me i migliori in campo sono stati Diamanti, Mati e Savic, poi Gomez e Basanta.

    RispondiElimina
  83. Faccio notare che è partita la formazione di martedì al netto del Pek. Qualche tossina era preventivabile, soprattutto contro una squadra di corsa come l'Atalanta.

    RispondiElimina
  84. Quando è entrato Pek siamo divenuti padroni del campo

    RispondiElimina
  85. ...L'IMPROPONIBILE ah ah ah ah

    RispondiElimina
  86. L'approccio alla gara è difettoso, come troppe volte è capitato, ma oggi vedo il bicchiere decisamente mezzo pieno. Vedo finalmente qualcosa di nuovo nella gestione del mister. Azzeccato il cambio di modulo imposto nella ripresa che ci mette al riparo dalle scorribande atalantine sulle fasce, una vera spina nel fianco nei 45° iniziali. Di qua con Gomez e di là con Zappacosta, un vero gioiello, questo ragazzo italiano. In mezzo sotto tono lo spagnolo, giustamente sostituito, Badelj di nuovo come mezz'ala, prevalentemente sinistra nel primo tempo, ma a volte si è cambiato con Mati, lasciando a Borja la gestione (???) della manovra. Le occasioni sono fioccate nella ripresa dopo un primo tempo in cui Sportiello ha fatto da spettatore, Alino magistrale, Joaquin una volta spostato a sinistra è sparito e l'ingresso immediato di Salah è una mossa che ho molto apprezzato. L'egiziano, così, a prima vista, mi ricorda un po uno venuto dal Brasile qualche anno fa. Mi pare un anarchico, il talento è infinito e si vede subito, se riescono a tenergli a freno la testa Cuadrado diverrà presto solo un simpatico intermezzo. Speriamo. Dietro si gigioneggia ancora troppo, il fido Tom stavolta me la combina grossa e una volta sotto il tunnel spero ringrazi il buon Pasqual, misteriosamente preferito al bravo (e basta) ragazzo Alonso per un mezzo campionato, che dopo aver ciucciato sulla prima rete atalantina fa pari e patta e ci regala i tre punti. Avanti così adesso.

    RispondiElimina
  87. Oggi lenti e prevedibili, fasce messe male causa un pressing molto molto alto dei bergamaschi.
    Geometrie prevedibili, primo tempo con pochi cross ma soprattutto poca profonditá.
    Atalanta onesta e brava a sfruttare l'unico giocatore sopra la media, Papu Gomez.
    3 gol su 5 (eccetto quello di Diamanti e quello di Basanta) sono venuti da diagonali fatte veramente male, senza occuparsi dei propri avversari.
    Nel secondo tempo la viola serra le fila, sposta il baricentro e addirittura arriva la montellata-cuadratesca: Joaquin a sinistra. Spingiamo di più a destra e gli ultimi due gol arrivano con azioni proprio su quel lato!
    Tatticamente nel 1o tempo Colantuono azzecca tutto, nella ripresa il tasso tecnico viola smonta il fortino della Dea.
    Salah sembra un fattore, porta scompiglio e ha un tocco edmundesco, similfelpato.
    TATAAAAÁ: 5,5: oggi a me non é piaciuto, poteva far suoi più palloni.
    TOMO 6: recupera un voto nel secondo tempo, mentre nel primo é in affanno.
    BASY 6,5: roccioso e risolutivo, ottimo nel suo gol modello-Vio.
    SAVIC 7: guida e lotta senza affanni, capitan futuro viola.
    PASQUAL 7: anche lui recupera un punto nella ripresa, chiaramente meglio da fluidificante che da difensore. In 4 giorni protagonista!
    JOAQUIN 5,5: oggi era dura, raddoppiato e soprattutto mai assistito dai compagni.
    VALERO 6,5: effervescente finché ha ossigeno.
    BADELJ 6: sta imparando le veroniche e le piroette del Pek ma rischia troppo (come il Pek!).
    Rallenta la manovra, dimenticando la sicurezza mostrata a Roma.
    MATI 6,5: trottola continua, fatica a trovare guizzi ma sforna due assist da...Stockton!
    DIAMANTI 7+: he's the man!
    GOMEZ 6+: va a cercarsi il pallone ovunque, segno che sta bene. Mangia un paio di golletti ma non in maniera evidente o clamorosa. Molto al servizio del collettivo.

    ROSI SV
    PEK 6,5: la sua impronta c'é. Equilibratore e propulsore.
    SALAH 6+: ci farà divertire; sicuro, faccia tosta, ottimi piedi.

    MONTELLA 6,5: cambi azzeccati (eccetto Rosi?!), mette in campo una squadra non in soggezione ma poco audace, per i primi 45'. Negli spogliatoi cambia l'atteggiamento dei suoi, in panca lui si sbraccia e....mette l'ultimo arrivato (Salah)...quindi Marin...non era pronto!

    RispondiElimina
  88. bah, secondo me abbiam vinto meritatamente, dopo esser andati sotto per un nostro "infortunio", abbiamo rimontato e sfiorato il gol in diverse occasioni. c hanno pareggiato, sempre per uno svarione misto a d un sacco di culo, e ce l'abbiamo fatta lo stesso. giocatori nuovi, che devono trovare la forma. l'atalanta è squadra ostics per tutti <(ha battuto l inter 2 settimane fa a milano), davanti ho visto soluzioni nuove, e tanti gol non sono arrivati per il solito "pelino". insomma, avanti così e non stiamo a cianciare.

    RispondiElimina
  89. Eppoi stacco. Parlare di culo di Montella oggi o di confusione mi sembra esagerato, o forse vediamo partite diverse. L'errore di oggi è il solito (ed è quello per cui continua a non convincermi e per il quale non lo ritengo ancora un grande allenatore) e cioè il non saper tenere alta la concentrazione della squadra tra una partita e l'altra. Prova ne è l'ennesimo approccio alla gara sbagliato che ci costa un primo tempo penoso raddrizzato grazie al solito gol su piazzato arrivato grazie ad uno schema a blocchi. Ma nella ripresa sbaglia ben poco, aggiusta modulo e squadra, si vede più velocità e convinzione, l'Atalanta non passa più il centrocampo ed andiamo meritatamente avanti. Poi si becca il solito gol da poponi, segno che già iniziavamo a sedersi. Su questo aspetto c'è da lavorare, in serie A non si può concedere niente a nessuno. Se riuscirà a farlo capire alla banda si potrebbe sentire della buona musica. Le speranze non le ho perse ancora del tutto.

    RispondiElimina
  90. Come promesso, vado a farmi un giro in bici. A dopo

    RispondiElimina
  91. credo che nel primo tempo Montella abbia sbagliato, perché la punta unica può funzionare quando giochiamo di rimessa come con la Roma, ma se dobbiamo recuperare un gol e fare gioco, Gomez lì isolato diventa inutile. Però sì, è stato bravo a correggere l'errore e a portare a casa il risultato, bene così.

    RispondiElimina
  92. Valto, loro sono molto forti sugli esterni, se avesse giocato da subito con due punte avrebbe indebolito troppo la mediana, per come la vedo io... il problema è nella testa, quando giochi in casa contro avversari più deboli devi entrare subito concentrato e deciso altrimenti, anche vincendo ugualmente, rischi di perdere per strada il doppio delle energie, come successo oggi...

    RispondiElimina
  93. Adem ha emulato Alino. L'ha buttata dentro da solo

    RispondiElimina
  94. Senza scherzi, io ho visto un primo tempo al limite dell'osceno, dove le azioni migliori le ha fatte l'Atalanta, lineari veloci, infatti è arrivata al tiro più volte graziandoci pure alla fine dello stesso. Nel secondo tempo c'è stato un miglioramento è vero, ma volevo anche vedere! Nonostante questo di schemi, verticalizzazioni, non se ne parla, mette troppi portatori di palla, troppa staticità fa risultare lenta la manovra, come da copione montelliano. E mica è una novità, è più di un anno...
    Infatti si sblocca per un'azione, prodezza, personale di Diamanti, l'unico con palle e piedi oltre che corsa.
    Sono arrivati tre punti, benissimo, a tre minuti dalla fine contro l'Atalanta in casa che aveva fatto cinque gol in undici partite... Se, a parte i punti, si deve essere soddisfatti, vuol dire che si intende il calcio in maniera, rispettabilimente, molto diversa.

    RispondiElimina
  95. Parlate di gioco, ma vedendo la Roma a confronto noi oggi si sembrava il Real Madrid.Il secondo tempo ha superato la metà campi una volta e hanno fatto gol, dopo che Chop ha sbagliato un gol incredibile, peggio di quelli di Gomez

    RispondiElimina
  96. Ed occhio al Sassuolo di DiFramcesco oggi senza Berardi, Sansone e Zaza( che ovviamente rientreranno contro di noi). Con l'attacco titolare oggi Miha ne prendeva altri 5

    RispondiElimina
  97. Ho visto un pezzetto della Roma: hai ragione, penosa. Non hanno metabolizzato lo schiaffo che gli abbiamo dato. Peccato siano così lontani.

    RispondiElimina
  98. Tatarusanu 5; Tomovic 5.5, Savic 7, Basanta 7; Joaquin 5+, Mati Fernandez 6.5, Badelj 5+, Borja Valero 5.5, Pasqual 6--; Diamanti 7, Gomez 6.5 [Rosi s.v., Salah 6.5, Pizarro 6.5]. Brutta Fiorentina, specialmente nel primo tempo, che come prevedibile soffre non ritrovando le praterie di Roma, bensì yuna squadraccia arroccata a difesa del fortino. Tutto è bene ciò che finisce bene, ma è troppo stancante per il cuore portare a casa il risultato solo all'ultimo tuffo, contro una squadra di scalzignudi. Tatarusanu oggi fa un passo indietro, cicca diverse giocate di piede - e per un portiere è un difetto minore, per me - ed è incertissimo nell'uscita poi abortita che frutta il primo gol atalantino. Continua comunque il periodo di valutazione per il prossimo anno, tra molte luci e qualche ombra. Tomovic si perde l'uomo sul secondo gol, spinge abbastanza nella ripresa, ma non raggiunge la sufficienza. Bene invece Savic e Basanta, autorevoli in anticipo e nei recuperi, con la seconda perla stagionale in zona gol per l'argentino, che rischia addirittura la doppietta. Andiamo invece male sulle fasce, con un Joaquin senza benzina [l'unico brivido, non del tutto positivo, lo dà nell'azione in disimpegno nella propria area, con sombrero all'attaccante] ed un Pasqual che causa un gol e mezzo, rifacendosi solo parzialmente con il semplice gol. Difensivamente, al solito, una tragedia, e manca di ispirazione anche in avanti. Negativi nel mezzo Badelj e Borja, il primo troppo macchinoso, il secondo involuto e a corto di inventiva. Meglio Mati, anche se a intermittenza, che riesce a creare dal nulla il gol della vittoria. Voglioso e vivace Diamanti, se non è un campione serve almeno a suonare la carica, anche se nel secondo tempo si incamponisce in tiri improbabili da ogni dove - perfino da calcio d'angolo - mancando malamente il bersaglio e l'occasione per servire compagni ben piazzati per la conclusione. Il gol però lo riscatta completamente e anche di più, con la finta di tiro alla Falcao '82, e la conclusione mancina di giustezza. Bella partita di Gomez, infine: gli manca un gol, ma la prova è di livello, per pericolosità, grinta e partecipazione alla manovra. Non ha fortuna in un paio di occasioni. Tra i subentrati, il Pek dimostra che basta la sua sola presenza a cambiare il verso [citazione non renziana, meglio specificare...] di una gara. Dal momento in cui entra, la Fiorentina sale e le trame si illuminano, con la perla di un lancio lungo sul piede di Salah da applausi a scena aperta. Bene Salah, da sùbito in partita, rapido, scaltro e "cattivo", con una tecnica molto interessante.

    RispondiElimina
  99. Penso che tra l'essere soddisfatti ed il sostenere che si è vinto per culo ci sia una bella differenza senza per forza dover intendere il calcio in maniera diversa. Comunque, per me, il terzo posto è andato e non da oggi. A questo punto cerchiamo almeno di RIarrivare quarti, sperando non salti fuori qualcuno a dire che è difficile se non impossibile anche la quarta piazza. Miha inizia a battere in testa, non vorrei (per lui) che gli acquisti di gente con nome pesante e l'allargamento della rosa evidenzino limiti che un allenatore che ambisce a top team non deve avere, vedremo. Il resto sono tutti avversari nettamente alla portata.

    RispondiElimina
  100. mi pare ci siano alcune inesattezze in questa lettura... innanzitutto non direi proprio che l'Atalanta attaccava sempre dalla stessa parte, il primo gol ne è l'esempio lampante, azione sulla sinistra, cambio di campo con cross e gol dell'esterno destro... Joaquin quel ruolo lo ha fatto anche contro gente molto più forte senza nessun tipo di problema, diciamo che un trentatreenne che sta in quella zona di campo ha/avrebbe bisogno di riposo ma è stato preso Rosi... il pareggio è arrivato su punizione, è vero, ma ci sono state altre occasioni, dopo, per Basanta e lo stesso Gomez a due passi dal portiere... poi che il primo tempo sia stato penoso l'ho anche scritto ma il vantaggio nella ripresa è arrivato a coronamento di un ottimo periodo di gioco e abbiamo fatto tutto da soli, da lì in poi...

    RispondiElimina
  101. Se ti riferisci a me, non ho detto vittoria di culo. Ribadisco che non mi piace il gioco asfittico per l'assenza di punte e di velocità, gioco datato che si affida alle invenzioni dei singoli. Non sono soddisfatto della classifica, a mio avviso con la rosa a disposizione essere a 7 dal Napoli , avere agganciato la Samp solo oggi è deficitaria.
    Poi, sono venuti tre punti e certo che anche se si giocava meglio non potevano essere quattro. Ma sono sempre più convinto che il primo anno fu un caso.

    RispondiElimina
  102. Lele non mi riferisco ne a te ne a Belva sotto... è un discorso sul sentiment in generale... sulla classifica e tutto il resto lo sai che la penso come te e non cambio certo idea con la partita di oggi... sulle due punte, è + una questione di velocità di gioco e di cattiveria agonistica, secondo me... avesse messo Baba o Gila subito e fossimo andati ugualmente a due all'ora e con la testa sempre al ristorante (e speriamo poco altro...) romano di martedì notte il risultato sarebbe stato lo stesso... ne sono praticamente certo...

    RispondiElimina
  103. "Fo pe' diglielo!!!!!" Ah ah ah ah tifose contre DV

    http://video.repubblica.it/sport/le-tifose-viola-contro-della-valle-lasciate-senza-biglietti-per-londra/191295/190234

    RispondiElimina
  104. Due punte servirebbero soprattutto per tenere bassa la difesa avversaria, che nel primo tempo coi nostri così messi, ci scherzava. Inoltre dare più profondità.
    Va beh, sembro un disco rotto e l'abbozzo qui.

    RispondiElimina
  105. Questo il comunicato della Juve in risposta a Galliani (non lo pigliano nemmeno per il culo)

    “Il Sig. Geom. Adriano Galliani, Vice Presidente Vicario e Amministratore Delegato dell’AC Milan SpA e Vice Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie A è tornato nelle ultime ore alle sue antiche passioni: la televisione e la geometria.

    Galliani pare però ignorare leggi dello stato, regolamenti approvati all’unanimità dall’Assemblea della LNPA e soprattutto il “campo”.

    Galliani insomma getta in pasto ai media una polemica speciosa e farsesca perché tenta goffamente di mascherare agli occhi dei tifosi milanisti il chiarissimo risultato sul campo della partita di ieri. Tre a uno.

    Questa è la sostanza, il resto per completezza di informazione, segue:

    Galliani pare ignorare che è la legge Melandri ad affidare ai club la produzione delle immagini televisive e tale indicazione è stata doverosamente ribadita anche nelle “Linee Guida per la vendita centralizzata dei diritti audiovisivi”, approvata all’unanimità dall’Assemblea della Lega Calcio. Pare ignorare che la stessa Lega, proprio per evitare qualsivoglia manipolazione, riserva a se stessa la designazione dei broadcaster nelle singole partite e, di conseguenza, dei responsabili della regia e dei producer.

    Pare ignorare che la produzione in capo ad un soggetto diverso dal club è un’opzione, che interviene solamente quando il club comunica alla Lega Calcio di non essere in grado di provvedere diversamente. Pare ignorare che molte società hanno scelto di delegare tale produzione, poiché in tal senso sensibilizzate da un soggetto che agisce sul mercato in veste di advisor della Lega stessa, di procacciatore di sponsor per le società e perfino di produttore d’immagini.

    A nulla vale la parziale retromarcia compiuta dal Milan (aka da Galliani, che continua ad essere l’unico rappresentante della società in Lega Calcio), che invoca un affidamento a registi indipendenti. Galliani pare ignorare che tale opzione non è prevista da alcun regolamento e dovrebbe essere soggetta ad un dibattito e ad una riforma. Pare ignorare che tale schiera di registi indipendenti sarebbe verosimilmente formata, se non addirittura fornita, dall’advisor/procacciatore/produttore già menzionato che si troverebbe nella singolare posizione di scrivere le regole, eseguirle e trarne anche i profitti.

    Galliani, poi, pare ignorare che ogni grafica (linee etc) viene effettuata dai broadcaster in post-produzione e non ha nulla a che vedere con la produzione live delle immagini, che in ogni caso viene gestita operativamente dal regista e dai producer designati dalla Lega, senza intromissioni da parte di altri soggetti.
    Galliani, infine, pare ignorare che da decenni la sua figura professionale ha agito in seno a due comparti principalmente: il calcio e la televisione. Quindi pare ignorare che ogni evoluzione, tecnologica, normativa e regolamentare è passata sotto ai suoi occhi, se non addirittura da lui decisa.”

    RispondiElimina
  106. stefano vienna8 febbraio 2015 17:57

    Effettivamente, comunicato stampa impeccabile. La farsa del Geometra è veramente ridicola.

    RispondiElimina
  107. Il geometra non si ricorda più come si festeggia

    RispondiElimina
  108. Certo che la sconfitta di Parma rischia di farci mangiare mani e piedi.Proprio contro di noi doveva giocare sapendo( anche se poi non si è avverato) che avrebbero riscosso? Comunque quella partita la rimpiangeremo alacremente

    RispondiElimina
  109. Per me il segreto della gran Fiorentina è tutto nelle distanze tra i reparti che, quando tenute corte, permettono un centrocampo senza interditori e almeno un esterno più propenso all'attacco. È da un po' che la difesa rimane più bassa, rispetto al momento del ritorno del 3-5-2, e questo rallenta il gioco. Gli spazi dilatati, infatti, favoriscono il portar palla a discapito del fraseggio. È un peccato che questa leggera flessione nella compattezza di squadra sia coincisa col ritorno del miglior Gomez, che con la velocità di squadra di un mese fa, avrebbe potuto fare sfracelli, adesso. Badelj, in loco del Pek, non riesce a cucire i reparti non perché sia scarso, ma perché privo della rapidità che Pizarro ha nello smarcarsi e nel proporsi per l'appoggio. Quando Pek si alza, anche camminando, anche facendo passaggi di pochi metri, si porta dietro i difensori che sono mentalmente portati a cercarlo sempre e, quindi, cercano di accorciare le distanze da lui.
    Dunque dal centrocampo. Badelj, inoltre, è più portato a cercare zone di campo adatte a ricevere il pallone in sicurezza, quindi a smarcarsi su metrature più ampie, mentre il Pek chiama il pallone anche in mezzo a due avversari.
    Oggi il 4-3-3 ci ha avvicinati grazie alla qualità di Alino, capace di farsi raddoppiare dall'avversario, ma più portato di Cuadrado a fraseggiare e a muoversi senza palla.
    Il primo gol dell'Atalanta è figlio, oltre che della poca presenza fisica di Pasqual, anche di uno dei difetti strutturali della difesa a tre. Difendendo a tre, infatti, è molto difficile stabilire le distanze da tenere tra i centrali, soprattutto quando vengono attaccati con lanci diagonali e inserimenti in corsa da dietro. Le linee tra i centrali e gli esterni non possono essere dritte, ma devono per forza rimanere sfalsate per non schiacciarsi troppo. Una soluzione potrebbe essere il centrale di centrocampo che indietreggia a formare una linea di quattro in difesa con l'esterno a marcare gli inserimenti sulla fascia, ma non abbiamo un centrocampista con queste caratteristiche.
    Comunque io credo che il mercato ci abbia portato diverse possibilità di cambiare modulo e, quindi, di adattarci all'avversario e alle sue contromosse. Salah è un vero attaccante da 4-3-3, oltre che un uomo rapido nello stretto che potrebbe sbloccare molte partite. Alino sa aggredire lo spazio o l'avversario e in più, da centrocampista, può portare quegli strappi che possono dar senso al tiki taka.

    RispondiElimina
  110. "Una soluzione potrebbe essere il centrale di centrocampo che indietreggia a formare una linea di quattro in difesa con l'esterno a marcare gli inserimenti sulla fascia, ma non abbiamo un centrocampista con queste caratteristiche": è per questo che invoco l'arrivo di un simil-Javi Martinez, di un Iturraspe, con Pizarro [finché dura] in regia decentrata alla Xavi. Per quanto riguarda la difesa, però, ho visto fare gli stessi errori anche con la difesa a quattro, mi pare proprio un limite strutturale della squadra. E' giusta l'osservazione che fai sulle distanze, ma in altre squadre schierate a tre dietro non vedo questo tipo di errori, o li vedo in numero normale...

    RispondiElimina
  111. Galliani dimentica il regolamento dell'International Board, il quale recita "To close to call" (frase ellittica del soggetto, che sarebbe il calciatore che sta tirando/scattando), cioè "troppo vicino/attaccato" per fare la chiamata dell'offside e quindi - sempre l'Intermational Board recita "No fly", cioè non sbandierare. Regole, re-go-le.
    Quindi si può applicare, eventualmente al gol di Pasqual, dato che qualcuno (Belva?) ventilava un potenziale fuorigioco di Pasqual.

    RispondiElimina
  112. Non si chiama proprio così ma va bene lo stesso.

    RispondiElimina
  113. La vita c'è la complichiamo anche sul facile, non saremmo Viola se non facessimo la classica penichella pomeridiana, a volte Gonzalo, altre Savic, oggi ë toccato al Tom l'attacco di narcolessia altrimenti la partita era già incasellata anche se l'Atalanta é squadra che da sempre ci complica la vita, non riuscendoci alla fine.
    Senza Cuadrado e con Alino siamo più imprevedibili anche perché un vero trequartista/seconda punta come lui non lo vediamo da anni, inutile l'aver sperato che Mati o Borja ne fossero all'altezza, i risultati si sono visti, ed anche con quei pochi sprazzi visti da Salah per il dinosauro si prospettano periodi di messi abbondanti. Non che la cessione del colombiano abbia comportato un rafforzamento, di certo gli acquisti fatti non si rileveranno un'indebolimento, vedremo se poggio è buca fan pari. I punti fatti a questo punto della stagione non sono pochi, per come la vedo dovremmo replicare il risultato degli ultimi due anni, al netto di fantasiosi 4-3-3, risorse male allocate e moduli vincenti, quand'anche smontare il giocattolo al mister avvallando acquisti non voluti e sinergici alla visione di gioco o al modulo, ma questi si sa, son deliri da anonima alcolisti.

    RispondiElimina
  114. Non sono d'accordo. Il gol atalantino è arrivato a difesa a quattro schierata. Idem il secondo. Per me si deve giocare a tre dietro sempre, le orrende prove a quattro sono tra le principali cause della classifica.
    Il calcio è molto più semplice di come lo si vuole presentare coi moduli, contano i movimenti, l'attitudine, la voglia, la corsa sempre che si sappia dove andare, cioè movimenti senza palla. La nostra squadra è imbottita di centrocampisti che amano avere il pallone tra i piedi, e grazie a Dio è arrivato uno che risolve, Diamanti ( DEYNA oggi minimo 7.5 ) e uno che attacca gli spazi come Pasqual ( grazie a lui le due vittorie ) sennò eravamo sempre lì a trastullarsi a zero all'ora.

    RispondiElimina
  115. Non ho visto trastullamenti a zero all'ora ma diverse soluzioni per creare le occasioni che ci sono state, raramente così abbondanti, non che una vittoria coi bergamaschi debba farci gridare al miracolo ma va considerato pure da quanto i nuovi acquisti stanno giocando con l'ossatura portante della squadra; che si possa solo migliorare lo ritengo pacifico, che poi questo porti ad un salto di qualità che ci proietti in zona CL é tutto da vedere, penso di no, faremo il "solito" quarto posto, presumo, che possa essere anche il quinto cambia poco, per il terzo servirebbe un Rossi sano ma ho perso ogni speranza al riguardo. Senza idee e giocatori decenti non saremmo dove siamo oggi e non é pensabile che il merito sia solo dei giocatori o demerito solo del mister qualora dovessimo peggiorare altrimenti si finisce col ragionare da posizioni precostituite senza andare da nessuna parte. Caro Lele.

    RispondiElimina
  116. Volevo rispondere a te ed ho risposto a Foco, iPad di merda!

    RispondiElimina
  117. stefano vienna8 febbraio 2015 19:07

    Il tridente atipico Salah-Gomez-Diamanti a me è piaciuto come la rinuncia a Valero nei tre di centrocampo. Badelj dalla sua oltre a maggiore fisicità, utile se davanti hai tre attaccanti, ha una discreta visione di gioco e, essendo meno abile palla al piede, se ne libera più velocemente. Mi sembra un centrocampo più equilibrato e più adatto a supportare un attacco atipico.

    RispondiElimina
  118. Patiamo quelli che corrono, finchè corrono, anche perché non abbiamo più il possesso palla dei tre tenori. Due non c'erano e il terzo è a scartamento ridotto. Per questo stiamo troppo lunghi ed i difensori, non avendo il coraggio di salire si mettono in crisi da soli lasciando quella terra di nessuno che i corridori avversari infestano. Poi le banane finiscono, i bergamotti si calmano ed i cosiddetti valori tecnici vengon fuori. Dovevamo vincere più facile e l'avremmo fatto senza la pecionata del secondo goal tipica di chi si distrae perché crede di aver già vinto. meno male che i bergamotti ci copiano e ci rendono, tale e quale, il goal del vantaggio. Insomma tutto è bene quel che finisce bene ma, soprattutto nel mezzo, senza Pizarro siamo orfani e Borja non è nemmeno cugino di quello che conosciamo mentre Aquilani è in restauro. Resta il solo Mati, a sprazzi geniale, ma anche lui discontinuo, e Badelj non è un play, mi sembra gli manchino soprattutto i tempi e la voglia di prendersi responsabilità.
    Tatarusanu 5+ spadella l'uscita sul primo goal, fa un rinvio criminale, sui piedi degli altri sul 2-1, quando aveva la palla in mano e poteva perdere tutto il tempo che voleva. Per il resto sembra sicuro, ma oggi non arriva alla sufficienza. Tomovic 6; non gioca male anche se non chiude bene sul secondo goal, l'uomo e suo e la zona anche. Savic 7 difensore in netto crescendo, con le responsabilità migliora, il che è ottimo segno, Basanta 6+ secondo goal in poche partite e rischia il terzo in acrobazia. Dietro non si comporta male anche se giocare con Pasqual davanti non è il massimo; Joaquim 5,5 tre partite la settimana a correre per tutto il campo a 33 anni si sentono, era il caso di fargli tirare il fiato di più. Mati 6+ dei centrocampisti è quello più tonico anche se va un po' a sprazzi, ottimo l'assist del pareggio, Badelj 6- non è un play, non può giocare al posto di Pizarro non avendone la rapidità di pensiero e l'autorità, può essere invece una discreta mezzala, Borja Valero 6- dà tutto quello che può ma oggi non può molto, forse per certi acciacchi fisici, Pasqual 6 gli si deve dare per il goal della vittoria, ma prima ci aveva fatto perdere e dietro conferma lacune insite nel DNA irrecuperabili; Gomez 6+ non segna ma fa il centravanti e non è poco. Alò goal ci va vicino, alla prossima due; Diamanti 6,5 un gran goal e una grinta che trasmette a chi gli sta vicino, finchè dura grande acquisto, Salah 6,5 dà una mostra dei suoi mezzi, rapidissimo, tignoso,bisogna vederlo meglio e più a lungo ma sembra ci sia; Pizarro 6,5 entra e le cose vanno meglio, magari anche perché gli avversari sono in riserva, ma le cose vanno meglio, Rosi n.g. della serie chi l'ha visto, pochi minuti, troppo poche per un giudizio, ma in quel ruolo perché non provare Richards?

    RispondiElimina
  119. Ineccepibile; Salah lo voglio vedere più avanti, in condizione. A prima vista mi pare molto attaccante, con poca attitudine a difendere. Ma se avesse i "numeri", citando a caso Edmundo, mi importa sega

    RispondiElimina
  120. sono mesi che chiedo di provare l'inglese esterno nel 352...

    RispondiElimina
  121. Dai via, pensavo e speravo fossero finiti gli esperimenti prandelliani con De Silvestri esterno di centrocampo, quale che sia il modulo...

    RispondiElimina
  122. per me lì ci può giocare alla grande, se poi l'alternativa deve essere Rosi...

    RispondiElimina
  123. A me ha molto rassicurato la prestazione di oggi, seppur breve e in spazi intasati: i miei dubbi erano - e sono - tutti sulla dribblomania del soggetto, ma mi sembra che abbia giocato intelligentemente, muovendosi anche per i compagni e facendo e cercando sponde. Segno che la testa per giocare per la squadra c'è. Denilson non lo avrebbe mai fatto nemmeno se gli dicevi che per regolamento la palla non va toccata più di tre volte...

    RispondiElimina
  124. Ora, va bene togliersi lo smoking, ma restare in canotta e ciabatte insomma...

    RispondiElimina
  125. ottimo Leone, spero di leggerti più spesso...

    RispondiElimina
  126. ognuno ha le sue idee, per carità... io Richards esterno in un 352 ce lo proverei, ma l'allenatore non sono e allora avanti con Joaquin finchè ce la fa eppoi.... Rosi....

    RispondiElimina
  127. Non ho argomentato con motivazioni precostituite, mi sembra.
    Mi pare che ci si dimentichi che abbiamo vinto a due dalla fine con l'Atalanta in casa. La staticità è il marchio doc montelliano, può non garbarti perché credi che sia bravo, ma il fatto resta. Diamanti ha cambiato la partita, lui e il suo modo di giocare che lo porta ad inventare di sana pianta un gol( se lo avesse fatto Mutu, lo sai il Deyna...ahahahahah ) ma manovre che liberavano al tiro con movimenti studiati non ce ne sono stati.
    Senza stare a fare paragoni sennò verrei chiaramente maleinterpretato, vedendo il Sassuolo o Samp, vedi giocatori che vanno alla conclusione perché azione studiata.
    Noi ci intasiamo piano piano, poi palla a Joaquin, Diamanti, Mati che improvvisano e inventano, sennò buio pesto.

    RispondiElimina
  128. Infatti ho detto che ha il talento di Denilson, non che farà il Denilson.

    RispondiElimina
  129. " Non saremmo dove siamo" Leo,siamo a pari punti dalla Samp e a sette dal Napoli che è una galassia dietro a quello di Mazzarri, .. di cosa stiamo parlando?

    RispondiElimina
  130. Ti rispondo qui Lele perché sotto é troppo in basso. Che la staticità sia un marchio di fabbrica montelliano é tesi precostituita perché lontano dalla realtà, inavvenuta, sovente, al contrario con le squadre chiuse Montella raramente ha saputo trovare grimaldelli o cambiato marcia con dei cambi, sono due fasi differenti di gioco, abbiamo fatto tanti punti fuori casa perché quando ci affrontano a viso aperto sono cavoli degli altri, quando di chiudono, nostri. Perché porti i punti della Samp per sminuire i nostri ?! Ma alla Samp c'è il tuo ex-idolo, neo fenomeno che non vince con il Sassuolo in casa priva dell'attacco, oppure potremmo parlare delle milanesi, davanti a noi 11 anni su 12 e che da un paio di anni ci leggono la targa (vedi i nerassurdi) o da un anno non sanno di che colore abbiamo la maglia (vedi Bilan a dei livelli patetici nonostante gli osanna di Menez). Se chi ci sta davanti si chiama Samp o Lazio ci può anche stare di quando in quando, sul ciclo lungo ci leccano le scarpe spesso, comunque aspetterei la fine di questo campionato per vedere se la classifica sarà questa. Certo se i riferimenti si chiamano Napoli o Roma allora mi arrendo, se ti pare di avere organico paritario é perfino inutile stare qui a discutere, si può anche credere che siamo meglio della Juve è che non vinceremo lo scudo neanche quest'anno perché vittime delle circostanze, nel mondo dell'uso pia si può pensare anche ad una CL con un Pasqual migliore in campo, come oggi, utile per spezzare le reni ai bergamaschi.

    RispondiElimina
  131. Per me ha molte caratteristiche per farlo bene: passo,corsa, fiato, piede non ignorante. Ora se l'alternativa deve essere Rosi quando Richards ce l'hai in casa mi sembra volersifar male da soli. Se poi mi dici se vale la pena spendere 1,7 netti di stipendio per pòrovare Richards esterno di centro campo, ho più di una perplessità anch'io, ma quelli li spendi lo stesso pertenerlo in panca, è qualcosa di deciso a prescindere.

    RispondiElimina
  132. Tavecchio-Lotito system:

    Nuovo attacco di Pino Iodice, ds dell'Ischia Isolaverde, nei confronti di Claudio Lotito, patron della Lazio ma anche della Salernitana, i cui rapporti con i vertici del calcio italiano sono spesso finiti sotto accusa negli ultimi tempi. Stavolta però il dirigente campano, raggiunto dai colleghi di tuttolegapro.com, sembra intenzionato a fare sul serio: "Ho ricevuto una telefonata da Claudio Lotito, il quale mi ha letteralmente minacciato, dicendomi che sta facendo circolare un documento di sostegno all'attuale governance della Lega Pro e ha testualmente detto che se le società non avessero firmato quel documento lui non ci avrebbe fatto ricevere i contributi relativi al settore giovanile. Contributi che deve elargire la Federazione Italiana Gioco Calcio: un fatto gravissimo perché so per certo che questi soldi sono nella disponibilità della Lega. Laddove non ci dovessero arrivare in questi giorni, come dispongono i regolamenti, questo sarebbe veramente grave.

    Perché la Lega Pro ha elargito un anticipo relativo a una parte del minutaggio e in questi giorni, con una lettera che Macalli a dicembre ha trasmesso a tutte le società, c'era stato detto che ci avrebbero dato anche la contribuzione per i settori giovanili.

    Ribadisco: non ricevere quei soldi sarebbe gravissimo perché Macalli dimostrebbe che in Lega comanda la volontà di Lotito. Voglio pensare che quest'ultimo lo faccia solo per intimorire perché come con me lo ha fatto con altre società: lui intende appoggiare l'attuale governance ed è consapevole di essere in minoranza, essendo solo 20 le società in accordo con l'attuale guida in Lega Pro. Insomma, fa sudditanza psicologica arrivando a minacciare, e mi assumo la responsabilità di quel che dico, che se le società non firmeranno i soldi non arriveranno. Per questo intendo denunciare Lotito alla Procura Federale. Ho gli elementi per poterlo fare, non posso dire di più.

    Il suo comportamento da guascone è grave: si veste nei panni di amico di Tavecchio, dice di essere influente, cercando di fare terrorismo psicologico sui colleghi presidenti in Lega con metodi e atteggiamenti che devono essere denunciati perché vogliamo dirigenti che non assumano questo comportamento. Vogliamo persone di spessore nella gestione degli enti federali e non possiamo permettere a una persona come Lotito di spaziare dalla Federazione alla Lega di Serie A a quella di B e anche a quella di Lega Pro. Altre società temono di parlare, io no. Parlo molto onestamente, senza nessun problema. Oggi purtroppo non sono potuto andare a Salerno a vedere la partita (vittoria dei granata per 2-1 NdR) perché sono a casa con la febbre. Mi dispiace perché mi sarebbe piaciuto andare a vedere la partita per dirgli queste cose in faccia".

    RispondiElimina
  133. Gol sbagliato gol sùbito.Maledetto Dyabala,che hai sbagliato??A proposito,ancora un grande Ranocchia nell'occasione!

    RispondiElimina
  134. stefano vienna8 febbraio 2015 22:18

    Montella è un allenatore con alti e bassi. Nei bassi includerei gran parte del campionato passato e quasi tutto il girone d'andata. Non lo reputo un valore aggiunto a livello tattico, ma pochi allenatori lo sono anche perchè ormai nel calcio è difficile sorprendere tatticamente l'avversario, almeno in Italia. Detto questo, anzi proprio per questo rendimento molto altalenante, forse è meglio giudicare Montella partita dopo partita. Oggi, m'è piaciuto sopratutto nel secondo tempo dove finalmente s'è visto qualcosa di nuovo e la partita l'ha letta bene. Ha in mano una rosa, secondo me, molto buona, ma non è ancora abbastanza esperto per saperla sfruttare al meglio. O forse, più che di inesperienza, si tratta di rigidità mentale, difetto che però può essere facilmente rimosso. Credo e spero che, nel post-Cuadrado, Montella si rimetta un pò in discussione e ne approfitti per rimettere in discussione un pò delle sue convinzioni tattiche. Ne guadagnerebbe lui e noi tutti.

    RispondiElimina
  135. stefano vienna8 febbraio 2015 22:42

    http://www.treehugger.com/urban-design/you-cant-set-shop-side-expressway.html


    Firenze vs. incrocio tra due autostrade presso Atlanta

    RispondiElimina
  136. stefano vienna8 febbraio 2015 23:20

    https://www.youtube.com/watch?v=3x3OsCqyNS0

    RispondiElimina
  137. stefano vienna8 febbraio 2015 23:28

    Su youtube più video di Salah oggi che sintesi di tutta la partita

    RispondiElimina