.

.

giovedì 12 febbraio 2015

Sanremo

E’ iniziato Sanremo, un travaglio televisivo che alla fine sembrerà lungo quanto un infortunio di Giuseppe Rossi. Al Bano e Romina Power si sono ritrovati sul palco dell’Ariston, come se per San Giovanni invece dei “Fochi” Nardella avesse organizzato una rimpatriata tra Vittorio Cecchi Gori e Gigi Radice. Dal quartier generale di Cellino San Marco fanno sapere che verranno pagati in lire. Intanto Carlo Conti ha già subito un duro attacco da parte di Matteo Salvini, il quale vorrebbe che almeno il Festival venisse presentato da un italiano. E’ come se un greco se la rifacesse con Massimo Giletti perché pur essendo di Torino somiglia molto di più a un Cretino, sputtanando di fatto la reputazione degli abitanti della quinta isola più vasta del Mar Mediterraneo. Nella prima puntata è salita sul palco la famiglia italiana più numerosa, 16 figli, un inno al trombare in chiara polemica con il Papa che solo pochi giorni fa aveva invitato a non fare figli come i conigli. Di fatto un invito alla procreazione illimitata che scontenta anche i produttori di profilattici e anticoncezionali. Carlo Conti ci presenta poi delle vallette atipiche, anche in questo caso abbiamo dovuto registrare le lamentele da parte dell’ambasciatore di Malta, il primo stato insulare sponsorizzato dalla Mapei. Le due cantanti, a Sanremo nell’insolita veste di affiancamento a Conti, una sorta di badantato mascherato, hanno nascosto il loro ruolo sociale usando l’ironia. Arisa ha dichiarato di aver accettato la proposta perché aveva una settimana libera. Emma invece è stata invitata a espletare quel ruolo dal conduttore più importante del Paese che è Maria de Filippi. La seconda puntata ha evidenziato il problema di una forte infiltrazione della mafia toscana che vede la presenza di Carlo Conti, Masini, Irene Grandi, Biggio dei Soliti Idioti, Raf e una manciata di cantanti tra i giovani. Seconda serata che per fortuna è stata illuminata da una bellissima Charlize Theron, dichiarata sul palco dell’Ariston patrimonio mondiale dell’umanità perché è riuscita con il suo splendore a distrarre il pubblico dal tentativo tutto toscano di promuovere subdolamente il Chiantishire. Sarà stato anche per questo che Charlize ha volutamente scambiato Carlo Conti per Morgan Freeman. Poi mi sono distratto un po' per vedere l’esordio di Cuadrado da titolare, ma non è andata meglio, allora ho cercato di ascoltare qualche canzone più attentamente in modo da non fare solo del gossip. Devo dire che la canzone migliore è stata la sigla del TG1, mentre l’onnipresente Beppe Vessicchio ha incarnato con la sua barba tutte le 50 possibili sfumature di grigio.

52 commenti:

  1. dice si voglia uno fra allan e fernando.. finalmente.

    col sassuolo come giocare? metterei dentro aquilani, badelj e staffetta mati-borja (o kurtic se la partita è in discesa). metterei poi diamanti vertice alto del rombo e davanti babà-salah. eviterei come la peste rosi, dunque, per far riposare gioacchino, farei il 4-4-2 col rombo in mezzo o 4-3-2-1, a seconda di come si consideri salah. dietro ovviamente richards, savic basanta e alonso.

    RispondiElimina
  2. sarà dura però vincere così

    RispondiElimina
  3. Un turnover importante per una partita molto importante, forse depistata delle sue difficoltà dal nome dell'avversario.

    RispondiElimina
  4. Trasformazioni tattiche...

    https://www.youtube.com/watch?v=EFjsSSDLl8w

    RispondiElimina
  5. Tatááâá....Gonzy-Savic-Basy.....Mati-Pek-Aquy-Badelj-Pasquy....Diamanti-Gomez.

    RispondiElimina
  6. le basi materiale del calcio europeo

    RispondiElimina
  7. sono d'accordo, difatti è dura gestire questo mese. ci sono cambi indolore (togliere gomez per baba-gila mi lascia piuttosto tranquillo); mettere aquilani in mezzo, pure. ma gli altri a centrocampo? soprattutto mati e pek, poiché far riposare questo borja non dovrebbe indebolirci troppo. sono dubbioso.

    RispondiElimina
  8. effettivamente comunque potremmo fare turnover col torino, poichè fra la partita col sassuolo e quella col totthenam c'è praticamente la solita settimana di riposo. fare giusto i cambi necessari, babà e aquilani, poi sotto coi soliti. al massimo, fuori gioacchino.

    RispondiElimina
  9. ma porca miseria

    RispondiElimina
  10. Questo video ha messo in crisi il Patriarca.

    RispondiElimina
  11. Cuadrado utilizzato da Montella piuttosto che da Mou.

    RispondiElimina
  12. Allan e Fernando? Sogni di una notte di mezzo inverno... Dovremmo aver venduto due Cuadrado e comunque non verrebbero lo stesso. Fucilate a caso.
    Sul turn over, sono dubbioso. L'unico senza problemi è Joaquin - Diamanti, a destra. Forse Baba-Gila per Gomez e Aquilani, se sta bene, per Borja. Pareggio, nulla più. Se i nostri, dietro, sono in serata.
    Diritti televisivi. Impressionante. In Spagna, terribile. L'Atletico meno di un terzo delle solite due. Bah! In Inghilterra sono su un altro pianeta (il Cardiff busca molto più di noi...), ma sono indiscutibilmente equilibrati, nella suddivisione. I crucchi, poi, sono crucchi e si vede: differenziale prima-ultima ridicolmente giusto. Così come la Francia. Complimenti. L'italietta, alla fin fine, neanche troppo male. Grazie, Val.

    RispondiElimina
  13. Trallallá......

    RispondiElimina
  14. Cardiff 80 milioni, pur retrocessa!

    RispondiElimina
  15. la "squadra di trentenni" aveva l'età media più bassa tra le "grandi", ma vabbé, ormai questa vulgata fantasiosa è passata e la do per persa...

    RispondiElimina
  16. Che cicala sciupata!

    RispondiElimina
  17. Soltanto che Mou e lo mette 'n panca e un lo leva più se seguita a adoprallo così

    RispondiElimina
  18. Mi riferisco all'ossatura. A quelli che hanno giocato 50 partite. Soprattutto il secondo anno.
    Poi, certo, ci sono stati gli uomini - plusvalenze

    RispondiElimina
  19. Savic e Neto non hanno fatto parte dell'ossatura e giocato tutte le partite?

    RispondiElimina
  20. Porto i saluti di Mareggini a Jordan. Ambasciator non porta pene...

    http://www.firenzeviola.it/l-esclusiva/mareggini-a-fv-tata-meglio-di-neto-diamanti-e-il-3-posto-173245

    RispondiElimina
  21. Neto gli è sempre stato sui coglioni a questo scarsone acculato che fuori da Firenze è tornato ai suoi livelli da divisione pro. Ora che mi dica che Tata esce bene significa solo che lui, oltre a essere stato scarso come portiere, proprio di calcio non capisce una sega. Oltre tutto mordere chi non gioca, un collega che non passa un buon momento è indice anche di scarso cervello e di malanimo.

    RispondiElimina
  22. Così ti sei guadanato un paio di post. Ma qui dormono, si va a ritmi svizzeri! Altro che Neto ci vuole! Dici ad esempio che Montella è il miglior allenatore della storia viola (del resto qualcuno ha avuto il coraggio di dirlo per Prandelli!) e vediamo se qualcuno si sveglia!

    RispondiElimina
  23. Comunque è vero!!! E' meglio Tata di Neto!!!!

    RispondiElimina
  24. A Viareggio ha marcato anche Dabro. Gli fanno fare due minuti a partita e lui fa goal, mica male. Altro mistero. Tenere Gondo a svernare in primavera e non mandarlo a giocare tra i professionisti e non lanciare questo ragazzo che era una promessa.

    RispondiElimina
  25. Se poi va da un'altra parte magari qualcuno s'incazza anche

    RispondiElimina
  26. Se Neto non passa un buon momento io allora sono un malato terminale.

    RispondiElimina
  27. Sportivamente non passa un buon momento. Da titolare si trova emarginato, offeso e impedito di esercitare la propria professione per la colpa di non aver voluto firmare un contratto. Che poi io e tu, per età e situazione economica globale si farebbe il cambio di corsa, è altro discorso, che c'entra poco.

    RispondiElimina
  28. Del resto l'ha detto anche Montella, che non le manda mai a dire dietro e che quella del portiere proprio non l'ha digerita. A risposta su Tata ha detto: "Lo sapevo che era un buon portiere, quasi al livello di Neto" e chi ha orecchi per ascoltare ascolti.

    RispondiElimina
  29. Oh Jordan, se l'è scelto. Legittimamente ma se l'è scelto recando un danno importante alla società. Avrà più tempo per trovare casa a Torino.

    RispondiElimina
  30. Chissà se la trova a Torino come dite tutti. Il danno importante la società se lo è fatta da sola non definendo un contratto quando aveva tutto il tempo e l'interesse per definirlo. Danno che ha fatto esplodere con quel comunicato del cazzo ed un comportamento al limite dell'illegale e dell'autolesionista. Ora voglio vedere se si fa male Tata prima di un incontro importante e ti tocca a rimettere in porta un portiere che hai sfiduciato,sputtanato e marginalizzato o ricorrere a quella ciocca di Rosati. Applausi o grandissime teste di cazzo.

    RispondiElimina
  31. credo che i rapporti tra la società e Gondo non siano propriamente ottimi: http://www.calciomercato.com/news/focus-primavera-gondo-il-nuovo-drogba-di-raiola-trascina-la-fior-809105

    RispondiElimina
  32. Ora non esageriamo, Gondo è un ragazzo dal fisico straripante che in categoria fa il vuoto grazie anche a quello. Tutto da vedere a livelli professionistici, non ha la tecnica di Babacar,nemmeno alla lontana. Però i procuratori alla Raiola ci puntano gli occhi su, lo gonfiano per poi rivogarlo a qualche sceicco coglione che ci punta il dollarone. Con questa gente ci devi convivere. Per questo era anche bene mandarlo a crescere in divisione pro, dove magari due gol a partita non li faceva ed il Raiola si calmava. E così vedevi anche cosa valeva Dabro che ha perso più di un anno a Firenze. A meno che non sia stato il Raiola ad imporlo per alimentare il teatrino.

    RispondiElimina
  33. la stampa italiana ancora rincorre questa roba che Guardiola andrebbe al Milan... Eh certo, dal Bayern al Milan, da Schweinsteiger a Muntari senza passare dal via... Guardiola andrà al Milan quando Messi giocherà nella viola...

    RispondiElimina
  34. eh, temo appunto che sia quello il rischio: se non sei tranquillo sul contratto, mandarlo in giro serve a poco... Boh sì, comunque concordo sul fatto che al momento il suo predominio sia tutto fisico, le (pochissime) volte che l'ho visto mi ha dato proprio quell'impressione. Dabro praticamente non lo conosco, non mi esprimo. Minelli sembra promettente...

    RispondiElimina
  35. Dabro è stato chiuso da Gondo e dal fatto che non ha ancora diciotto anni, quindi con un fisico ancora "in divenire" rispetto al titolare. Comunque è più di una promessa. Minelli è un valore tecnico assoluto nella categoria. Il fisico è un'incognita, ancora, ma tecnicamente è anche più forte di Berna alla sua età.
    Bangu è il piccolo fuoriclasse della squadra, predestinato da quando aveva quattordici anni, è stato strappato dal Corvo all'Atalanta con i modi che l'hanno fatto emarginare dall'ambiente negli ultimi anni con noi. È una mezzapunta per adesso, ma fisico e tecnica potrebbero farne un regista coi controcazzi.
    Tornando a Gondo, per me non lascerà segno. È buono, intendiamoci, ma la testa tende pericolosamente al "di cazzo". Gli farebbe bene un po' di B, ma non credo che lui e chi lo rappresenta ci si vedano molto.

    RispondiElimina
  36. Gli hanno offerto 1,4 e lui ha detto no. Chissà perché!! E chissà che se c'è qualcuno che ha fatto qualcosa di illegale quello non sia proprio Neto.

    RispondiElimina
  37. Rincorrere certe "notizie" non fa onore alla intelligenza di chi lo fa. Il Milan, lo sappiamo tutti, è da qualche anno diventato una squadra di secondo piano. Della passata grandezza è rimasta solo la boria, ma senza soldi la boria suscita solo compatimento.

    RispondiElimina
  38. Appunto, Dabro è stato chiuso da Gondo che è atleticamente più pronto (ma anche Dabro non è di certo mingherlino) ed ha un anno di più, ma non ce n'era proprio la necessità. Gondo avrebbe dovuto provarsi e crescere a livelli più competitivi mentre Dabro doveva giocare, ma giocare sempre, in primavera. Per me han fatto perdere un anno a tutti e due. La ragione, forse, sta in quello che scrivi in fondo e che avevo anch'io detto in precedenza. Al teatrino Rajola fa più comodo un fenomeno ragazzino che fa goal a grappoli in primavera che uno che magari viene scornato (ma se c'è cresce) in serie B o C1. Ma cosa gliene frega a Rajola se cresce, l'importante è venderlo bene. E noi dietro come le pecore, danneggiando anche gli altri, nostri, come Dabro appunto.

    RispondiElimina
  39. non la metterei sul piano del "limite dell'illegale", perché i contatti avuti da Neto con altre squadre prima di gennaio sono ben oltre quel limite... Poi che siano consuetudine e che la società si dovesse premunire sono d'accordo, ma non mettiamola sul piano della legalità, perché su quel piano ha torto Neto.

    RispondiElimina
  40. appunto. Giornalisti che scrivono queste robe e non si sentono ridicoli. Mah...

    RispondiElimina
  41. Un'altra puttanata clamorosa, e anche questa la dico da tempo, la stanno facendo con Lezzerini. Non si può tenere un portiere di 19 anni fermo un anno senza giocare, è criminale. Fu criminale con Neto ed è criminale con Lezzerini. Io non so quanto valga, ma così lo uccidi. Un portiere deve giocare, soprattutto a quell'età quando meccanismi, tempo e sicurezza devono essere assimiliati e divenire valori quasi istintivi.

    RispondiElimina
  42. Intanto questi rapporti tenuti da Neto o chi per lui son tutti da provare, mentre il mettere fuori squadra uno che finora era stato titolare, addirittura non convocarlo per un mese, l'additarlo al pubblico ludibrio, non è da provare, è un fatto. Ma più che l'illegalità mettevo in evidenza la coglioneria. Hai un portiere titolare, che continui a pagare e ti metti nelle condizioni, per puro dispetto, di non poterlo utilizzare più, nemmeno se ne avessi bisogno. Per me è coglioneria al quadrato.

    RispondiElimina
  43. Per me invece sono stati dei ganzi. Hanno visto lungo e i fatti hanno dimostrato che avevano ragione. Neto ha dimostrato di valere come portiere ma di valere poco come persona. Poi ognuno si tiene le proprie convinzioni

    RispondiElimina
  44. Ahahaha, e lo sapevo che ti facevo incazzare (e intanto sono quattro post in più per il Poeta...)

    RispondiElimina
  45. Non lo so perché ha detto di no, chiediglielo. Potrebbe anche essere perché in una società di merda che lo ha preso per il culo prima durante e dopo non ci vuol giocare più, a nessun prezzo, una volta finito l'impegno contrattuale.

    RispondiElimina
  46. saranno anche una decina se insiste

    RispondiElimina
  47. Io spero tanto che ne abbiano bisogno prima della fine ed allora mi spancerò dalle risate.

    RispondiElimina
  48. Per l'esattezza finora 18 su 53, il 33% voglio la percentuale!

    RispondiElimina
  49. Per quello che concerne Gondo e Dabro, credo che il secondo non sia stato ancora giudicato pronto per la primavera, visto che gli sono stati preferiti in parecchi, oltre al frencese. Per me c'è stato un problema di crescita fisica, infatti oggi l'ho visto più piazzato rispetto ai tempi dell'acquisto. A volte succede che in un processo di sviluppo fisico, un ragazzo possa avere dei piccoli problemi che ne mutano, a volte, anche il modo di giocare. Gondo è un '95, se non sbaglio e se non è andato a giocare, secondo me, è stato per scelta sua e di chi gli sta dietro. Una buona C la poteva anche fare. Il fatto che ti è rimasto in squadra, un po' ti condiziona, perché non lo puoi tener fermo.
    Lazzerini mi sembrava un ottimo prospetto, però rivedendolo lo scorso anno, mi ha dato l'impressione di avere grosse lacune che la primavera non poteva colmare. Magari mandandolo a giocare, queste lacune lo avrebbero portato a fare più che altro panchina e si rischiava di ritrovarsi un portiere incompleto e senza esperienza. Può essere che si sia scelto di farlo crescere tecnicamente tra i grandi per poi mandarlo a far esperienza con un bagaglio tecnico migliorato e, quindi, in grado di permettergli la titolarità.

    RispondiElimina
  50. Beh il milan non sarà più lo squadrone di fine anni '80, ma chi non vorrebbe allenare Montolivo?

    RispondiElimina
  51. Io un portiere di 18-19 anni che impara e progredisce senza giocare lo devo ancora conoscere. Il ruolo del portiere è particolare, il difficile non è essere reattivi e a posto atleticamente, ma avere il possesso della propria area, il tempo delle uscite, l'abilità nell'eseguirle con gli avversari che ti sgomitano, e il tutto con l'adrenalina dell'impegno agonistico. Non ti ci abitui se non giochi hai voglia di allenarti in settimana. Dabro non mi sembrava avesse un fisichino nemmeno quando era arrivato. Aveva 16 anni, chiaramente il fisico è da formare, ma più che altro la muscolatura, l'altezza mi sembra ci fosse già tutta. Insomma è un centravantone, non certo un centravantino. Gondo è del novembre del '96, tra lui e Dabro che un marzo '97 ci corrono quattro mesi, ma c'è chi sviluppam prima e Gondo son già anni che è il lega giovanile viola che è altra cosa del Cibalia.

    RispondiElimina