.

.

lunedì 22 aprile 2013

L'intimidatorio Roncaglia

La vittoria di ieri racconta due storie diverse che si toccano, quella della zona più sudamericana di Brozzi  che ha visto i natali del match winner, un luogo dove al posto della spiaggia d’Ipanema c’era una piaggia deserta dove hanno costruito un ipermercato. L’umiltà di Romulo è dovuta proprio al crescere lì, non tanto tra le favelas quindi, ma tra le fave di quella periferia, e ieri è stata festa per il ragazzo cresciuto con il mito di Pippucci,  convinto dalla famiglia che il suo futuro poteva essere solo quello di commesso a vendere i tostapane. La vittoria della Fiorentina sul Toro premia finalmente questo ragazzo educato, professionista sempre disponibile, che salva la Fiorentina da quelle partite marchiate a fuoco che rimangono nella storia del rammarico di una società, come quella di Cesena, ancora lì a ricordarcelo come fosse ieri. E lo scampato pericolo è merito anche di Roncaglia, un’altra storia questa che vedremo più avanti perché l’argentino pur non essendo stato della partita è stato determinante lo stesso. Una partita venuta giù di testa come dalla piattaforma, un tuffo al cuore, difficile da giudicare se come nei tuffi dovessimo togliere il voto migliore e quello peggiore, rimarrebbe forse l’eleganza di quei primi 40 minuti senza uno spruzzo, e poi l’errore di concentrazione dopo l’ingresso in campo nel secondo tempo, diciamo un pessimo ingresso in acqua. Rimane forse la bocciatura definitiva di Viviano, e rimane la consapevolezza che Cerci sarà comunque un’altra bella operazione di Corvino, difficile che possa tornare, il modo di esultare dimostra che non ne ha molta voglia, ma il suo valore ci permetterà di chiudere altre operazioni importanti. Voto alto allo stadio pieno, un pubblico finalmente protagonista, evidentemente apprezzate le iniziative della società che ripaga la fiducia della gente con uno spettacolo accompagnato da una girandola di emozioni dal finale con il botto. Intanto il Milan è lì, l’asticella non è poi così alta, un punto solo che basterebbe visti gli scontri diretti, perché non crederci allora, probabilmente la benzina giusta per affrontare le ultime partite, con la sveglia sul comodino che suona ricordandoci di quel calo di concentrazione del secondo tempo che stava compromettendo partita e speranze Champion. E ora la storia di Roncaglia che tra l’altro non si capisce il perché non abbia trovato spazio nella partita, tra un Tomovic irriso da Santana e un Savic inadeguato su Cerci, lui che è il più veloce e feroce della compagnia, ed è proprio grazie a quella sua ferocia che la Fiorentina vince una partita che aveva ormai il sapore del sugo bruciato, una storia fatta anche di prepotenze, quelle continue appunto di Roncaglia su Romulo,  di un argentino rissoso nei confronti di un brasiliano anche troppo buono, insomma, in settimana Roncaglia si doveva ricordare di andare a comprare il pane e non aveva neanche un straccio di fazzoletto, allora ha usato la bicicletta di Roncaglia per farci un nodo, quello che è successo ieri all’ingresso in campo di Romulo è poi solo cronaca, l’argentino l’ha terrorizzato “Ricordati che dobbiamo vincere sennò passo alla Mini”, e l’auto nuova a cui tiene così tanto lo ha spinto furiosamente verso un gol salva partita e carrozziere.

117 commenti:

  1. Chiarificatore22 aprile 2013 08:18

    Inspiegabile anche secondo me l'accantonamento di Roncaglia, e non mi riferisco solo al quello, clamoroso, che riguarda la partita di ieri che poteva costarci la vittoria, ma lo dico in generale. Certo Roncaglia va utilizzato nel suo ruolo che lo tenga il più possibile fuori dalla nostra area dove la sua irruenza ed i suoi limiti nel gioco aereo potrebbero costarci troppo, ma nella rosa nessuno ha le sue notevoli doti in marcatura sull'attaccante avversario più rapido, nei raddoppi, sull'anticipo, nello stroncare sul nascere le ripartenze avversarie, unite alla capacità tecnica e atletica di rovesciare l'azione, di partecipare al gioco, e di proporsi anche pericolosamente in attacco quando se ne presenta l'opportunità, per non parlare della grinta, della personalità contagiose. Non lo venderei mai. Tomovic al contrario non mi convince del tutto, non mi sembra un calciatore da (questa) Fiorentina , per la rosa darei piuttosto un'occhiata a Piccini che sta facendo il fenomeno nello Spezia.
    Non sono d'accordo poi con chi ha detto che la partita di ieri ci lascia un Larrondo da rivedere ed un El Hamdaoui da non rivedere più. Se devo giudicare per la partita di ieri e più in generale sulla base di quanto hanno fatto vedere finora e dovessi fare una scelta tra i due, io direi semmai l'opposto. Larrondo è stato secondo me quello che ieri ha deluso di più, inspiegabilmente non pervenuto anche quando la Fiorentina, fino al tre a zero, girava a mille; speriamo che nelle partite che restano ci convinca, anche se non saranno certo partite da esperimenti. El Hamdaoui , invece, anche ieri, secondo me, ha dimostrato, nel poco tempo avuto a disposizione, il suo talento, purtroppo per vari motivi ancora inespresso a Firenze. Se non esistono controindicazioni fisiche, disciplinari o professionali, io ci penserei bene prima di privarmene nella rosa del prossimo anno.

    RispondiElimina
  2. L'esclusione di Roncaglia ci ha già danneggiato in più partite ed è enigma da chiarire (in fondo, il solo della gestione Montella, per il testo limpida nei suoi meriti, enormi, e nei suoi difetti, parchi). Guardando il calendario e considerando che alla prossima il Toro ha il derby e che il Siena ha 30 punti, la pastetta Cairo-Berlusca può in effetti anche andare a monte, fra due giornate, e il Toro è squadra che imbarca generosamente ma che può anche sbrindellare la difesa di merda milanista: tutto sta a vincere con la Samp, per noi, e a fiatare così sulla pelata di Fester magari dopo una buona scorpacciata d'aglio e peperoni. Circa la prestazione di ieri del Tifosincampo, inviterei alla completezza, pur nel bleah. Scrivevo ieri sera:

    «VIVIANO 5,5 : Esce sùbito con gran tempismo e pragmatismo, di testa, su
    Cerci lanciato. Sul gol di Barreto è coperto e non avrebbe potuto far
    niente comunque, però è troppo spostato sulla sua destra. Ciaffa in
    uscita alta un traversone, pericolosamente e goffamente, all’inizio
    delle ripresa, becca gol pollesco al centro della porta da Santana,
    salva alla grande (alla Banks, direi) su testa di Bianchi, incassa un
    gran gol da Cerci, uno tra i più grandi mancini d’Europa indubbiamente,
    ma il tiro non era angolatissimo seppur velenoso, rimedia su Bianchi in
    scivolata dopo che Tom aveva battezzato in fallo laterale il pallone, fa
    uno scartino da brivido ma necessario su appoggio temerario
    all’indietro di un compagno (se rinvia di prima l’avversario rimpalla).
    Di tutto un po', insomma, ma il totale è insufficiente e la squadra non
    può segnare ogni volta quattro gol per ammortare quelli che il suo
    portiere ha sull’anima».

    Su cloaca solito deserto da post-vittoria, che il Multinick cerca diligentemente di riempire, come da contratto ceccarellico, con qualche attendamento sciapo. Lo pseudosenese incompetente e sfigato è atteso più tardi, se non sarà inibito anche dall'ennesima prova-choc di Cerci (pippa fantasmagorica... ahahahahahahahahahahah!), la caponatomane scema e cozza chissà, la botta è stata per lei tremenda, visto che alle prodezze del garrinchino (che era doveroso fischiare quando aveva maglia viola... ahahahahahahahahahahahah!) e alla vittoria della Fiorentina si è aggiunta la sconfitta del Milan con tanto di asticella in culo al Cretino Tiroideo (dies nigro signanda lapillo). Martedì notte dovrebbe uscire dalla bara transilvana quel coglione fallito e pagliaccesco dell'Aldo e subito dopo il Dubbio rintronaho con la calcolatrice guasta in mano: argomento, Montolivo e Corvino, forse per variare un po' anche le conseguenze della scoperta dell'America sul degrado indio del campionato italiano. Mercoledì tornerà Giannelli, come nulla fosse, annunciando tonfo con la Samp, analizzando uno a uno i nostri giocatori e dichiarandoli pellegrini, rivelando la destinazione di ognun d'essi al mercato estivo, caldeggiando la soluzione-Tutunci. E Deyna pollo che risponde a questo e a quello: uno di questi giorni, quando è di ritorno sul sitollock dalle sue polemiche col nulla spinto sopra citato, il Sanfredianino gli fa trovare la porta chiusa col lucchetto e la password cambiata all'archivio di tope fresche.

    RispondiElimina
  3. Per Mauro che, ricorderete, ci definiva «totalmente fuori dalla corsa Champions», siamo una «buona squadra fortunata». Si attende la cazzata giornaliera di Navarro, che ci definiva la peggiore delle sette davanti e assolutamente impossibilitata per questo a raggiungere il terzo posto. Ieri sera, Civoli e lo Zazzeruto distrutti, ammutoliti.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore22 aprile 2013 08:49

    "Le conseguenze della scoperta dell'America sul degrado indio del campionato italiano". Ahahahahahahahahahahah!!!!!! Strepitoso già di prima mattina il Colonnello!!! Ahahahahahahahahahahahahahah!!!!

    RispondiElimina
  5. Blimp preoccupa la calma dimostrata dai zozzoneri sulla questione Champions. Nonostante la situazione se la sentono in tasca e non mostrano alcuna preoccupazione. Addirittura dimostrano sufficienza nei confronti della Fiorentina. Vada per il Fester ma che la esprima in un certo qual modo anche un signore sicuramente pacato e piacevole come Allegri mi fa riflettere alquanto...Confido nel Catania anche se mi aspetto in settimana la scure del giudice sportivo per la invereconda rissa di ieri...prevedo numericamente abbondanti squalifiche per i catanesi. E intanto al Milan le fanno giocare quasi tutte dopo di noi.......alla faccia della regolarità del campionato!

    RispondiElimina
  6. La partita col Catania è ita: gli etnei, caro Veneto, non hanno più nulla da chiedere al loro bel campionato e sono nella cordata Galliani in Lega. Ricordo che affettavano la stessa calma quando li bruciammo per il quarto posto, al terzo anno di Prandelli in panchina. E' da grande club di mascherare l'affanno con l'altera sicurezza di sé.

    RispondiElimina
  7. Veneto, il Milan ci teme, la sicurezza è solo di facciata.
    Certo loro hanno il destino nelle loro mani, con tre gare su cinque in casa e le due in trasferte a Pescara e a Siena: ritengo che faranno quattro vittorie e un pari, per cui noi dobbiamo vincerle tutte, sarà difficilissimo.

    RispondiElimina
  8. Domenica noi abbiamo la partita più difficile, a Genova, contro un Delio Rossi che ottiene i suoi risultati migliori contro le grandi squadre e che ha attaccanti veloci che noi sicuramente soffriremo. Bisogna però assolutamente vincere, anche per mettere ansia ai rossoneri.

    RispondiElimina
  9. Palle di vetro africane



    Non sono un veggente, ma questa situazione me l'aspettavo. Inutile stare a
    pensare cosa faranno i rossoneri e dove raccoglieranno favori, noi
    dobbiamo seguire la strategia, eh eh, tracciata dopo il pareggio con
    Milan: vincerle tutte. Anche ieri si e' visto che se in CL ci va il
    Milan e'l'emblema del decadimento del nostro campionato, raramente
    squadra europea e' cosi' povera tecnicamente. La Samp gioca da far
    schifo, se senza Icardi, solo Eder ha qualita' di buon livello, quello
    che mi preoccupa (e che modestamente dico da tempo), e' la capacita' di
    Montella a tenere alta la concentrazione, ad essere cattivi nel
    perseguire l'obiettivo, una delle rare pecche che si intravedono
    al nostro grande allenatore.



    Lele

    RispondiElimina
  10. Vi invito ad andare a guardare la foto della pagina personale della Zia su cloaca.

    RispondiElimina
  11. Interessante, su cloaca, la distorsione del vero di quel monomaniaco di Lud, che parla di «schiaffoni di Miha», laddove gli unici che abbiamo visto, a Firenze, sono quelli di Delio, un suo diletto sul quale non ha capito una mazza e che rimuove completamente.

    RispondiElimina
  12. Pollock, odo note sinistre, beethoveniane:

    «La partita vera si giocherà in estate. C'è nuovamente la possibilità di volare con un campionato a nostra dimensione. Sapremo sfruttarla?».

    Quel che stiamo facendo adesso di bellissimo in fondo non conta, è scontato e insufficiente, Pollockone, alle porte s'avvista infatti una nuova pontellizzazione, i vuturisti hanno ancora in cantina striscioni e manifesti, Tutunci veglia nell'ombra, Della Valle scarpari.

    RispondiElimina
  13. Lele sono d'accordo con te però bisogna anche dire che la reazione di ieri al pareggio è stata prodromo di una mentalità che si sta formando. Come ho già detto, fino a qualche mese fa la partita di ieri non l'avremmo vinta e forse anche persa. Io credo che siamo davvero una grande squadra in formazione. Mi permetto anche di far notare, anche se so che il Blimp e Leo mi si scateneranno contro e mi trafiggeranno con i loro strali, che la mancanza del nostro vecchio capitano ieri ha dimostrato come non sia proprio esattamente facile sostituirlo soprattutto quest'anno che si sta esprimendo a livelli di assoluto valore. Per il resto la difesa sta facendo acqua da troppe gare. Mi sa che siamo tutti concentrati a guardare cosa ci darà il mercato in avanti mentre forse sarebbe il caso di vedere se ci porterà qualcosa dietro (io sono per Sylvestre). Intanto certifichiamo che Comperr è un gran colpo. Preso a 0 euro questo è un ottimo professionista.

    RispondiElimina
  14. Avevo notato anch'io, Colonnello, l'attribuzione "Ludica"degli schiaffoni, un giochino che vorrei che lo Zaller ci spiegasse di cosa sa, altrimenti possiamo iniziare a scrivere che l'unico a dare schiaffoni è stato Prandelli, se c'è tutta questa libertà di scrivere menzogne, anche se non capirei mai comunque a chi potrebbero giovare.

    RispondiElimina
  15. Pollock nel suo pezzo s'affisa su un dettaglio non irrilevante: l'esultanza di Cerci, comunque non ipocrita come quella del Cretino Tiroideo, appare un segnale lanciato alla Fiorentina: da voi non ci torno. Bene, ma noi i quattrini dobbiamo recuperarli e il Toro 5 milioni da versarci per la comproprietà non ce li ha, dunque lo riscattiamo e lo vendiamo dove vuole lui.

    RispondiElimina
  16. ...e comunque in vista della trasferta a Sampdoria...occhio a Munari, De Silvestri e Palombo...quest'anno abbiamo la tendenza a far segnare tutti gli ex che ci si palesano davanti!!!!!!Occhio quindi a D'Agostino (Pescara), Miccoli (Palermo) e Della Rocca (Siena), Osvaldo e Balzaretti (Roma....e per fortuna che Lobont gioca fuori!)

    RispondiElimina
  17. Sono contrario all'ipocrisia, quindi che uno esulti se fa goal, soprattutto un goal importante (una pareggio insperato) e bello, lo trovo più che naturale. Ovvio non deve dileggiare e far versacci perchè quello è altro, ma esultare ed abbracciare i compagni mi sembra più che lecito. Quindi l'esultanza di Cerci non mi scandalizza affatto e non ci vedo nessun segnale. E' uno spontaneo e per me non è un difetto.

    RispondiElimina
  18. Non credo che l'anamnesi di Montella sia difficile da fare per la partita di ieri, la squadra ha palesato quelli che sono i suoi limiti attuali essendo un prolungamento delle capacità del condottiero. La testa va e viene e la presenza in campo di Pasqual non avrebbe né migliorato né peggiorato il quanto visto, oltretutto è nelle sue corde il saper incidere quando si gira a mille (non sempre) ma è una sua peculiarità il non saper cambiare marcia quando un compagno toppa, figuriamoci se è in grado di suonare la carica con un piffero incrinato.

    RispondiElimina
  19. Jordan secondo me i versacci aveva anche cominciato a farli ma è stato sommerso dagli abbracci dei compagni. Francamente mi è sembrata una esultanza parecchio "incattivita" ma sarà stata una mia impressione. In altri siti si da per scontato che rientrerà da noi per poi essere venduto. Mi sembra evidente che Cerci da noi non giocherà più e anche le dichiarazioni di Vincenzino seppur pacate e tranquille mi sembra facessero sotto traccia capire che così sarà. Bene comunque perché ci farà fare dei bei soldini. Certo che se fosse vero quello che si scrive tra lui, Roncaglia e Jovetic (che non vedo come possa andare al City se compreranno anche Cavani) la Fiorentina nel prossimo mercato sarà una Cassa di risparmio fatta società di calcio. Con i pochi dindi che girano in Italia e con i Pracia al timone potremmo davvero far un mercato sfavillante.

    RispondiElimina
  20. BLIMP,la disamina del match fatta come DEYNA si discosta solo nei voti,con sfumature che comunque bocciano la difesa di ieri,eccetto Commper-ato-a-zero-euro...esaltano la mediana eccetto Valero...rimandano le punte al temperino.Il match di ieri non può essere archiviato senza tener conto che era un'esame di maturità,o lo abbiamo dimenticato perchè s'è vinto così,un po' alla Dutch-style(cfr.un gol in più degli avversari)?Superato,e non importa come.La disamina a metà aprile non può non tener conto che la squadra,la rosa sta reggendo ritmi alti e giustamente ora conta più la testa,il cuore piuttosto che le gambe e abbiamo una grande fortuna(o abilità)dettata da Pradè e Macia:i calciatori che giocavano solo con i piedi sembra non ci siano più a Firenze,ora abbiamo gente che sta dando veramente quel "quid" in più che occorre,che servirà per sbrogliare matasse,partite,risultati.Questa stagione sta preparando l'assetto finale della Maquina,sta carburando e registrando le aree di sofferenza del mister,della squadra per poi ovviare nei prossimi 2/3 mesi alle carenze.La società è matura e non si è mai affidata a piagniste alla Gallianii,piazzate alla De Laurentiis,proclami Agnelliani,pianti Morattiani,mai.La società ha dato un imprinting a tutto l'universo viola,ha dato e sta dando lezioni di stile e di calcio e pazienza se Galliani afferma che il Milan è più forte della Juve,in fondo ogni "polis",ogni aggregazione umana,ogni tribù,ogni comune ha il suo diversamente abile(mentale) che va ascoltato,gli va data ragione,va compreso e poi,via... dietro con le prese per il culo...d'altra parte Solovev raccontava di quel popolo che praticando un foro nella parete della loro isba,poggiandovi sopra le labbra gridava "Buco mio salvatemi!",e allora è bello immaginare Adri-ano Galli-ani di fronte a quel buco(o ano come il suo suffisso al nome e cognome???!!ah ah ah ah ah!),che tenta di convincere qualcuno o qualcosa che non c'è nella realtà,tipo il gioco del Milan,tipo Eupalla...chiamati e invocati a salvarlo dal sorpasso ventilato da noi tutti(non paventato!!!No,ho imparato COLONNELLO).

    RispondiElimina
  21. Milan - Catania 3 punti, salvo sorprese. Milan - Torino, boh, dipende da quante pere prendono i cugini nel derby ma a 36 punti con tre giornate alla fine non possono più sbagliare n-i-e-n-t-e. Pescara - Milan 3 punti. Milan - Roma, possibile un pareggio di fine stagione, fra zozzi non si fanno piaceri. Siena - Milan, speriamo manchi un punto ai bianconeri e che se la giochino alla morte. Teoricamente il Milan potrebbe fare dagli 11 ai 15 punti. Con 15 vanno in CL e chiuso il discorso, con meno dipende da quello che facciamo noi, penso non ne faranno più di 11, tre vittorie e due pareggi, sta a noi farne di più. Mica facile.

    RispondiElimina
  22. Veneto, quella di far segnare gli ex, più che tendenza di quest'anno, mi pare una nostra regola costante nella storia, almeno per quanto io ricordi. Miccoli ce ne ha già fatti una caterva negli anni scorsi, ma di lui non mi scandalizzo perchè è uno che i gol li ha sempre fatti; Maggio è già uno che ne segna meno, ma ci sono stati 2-3 anni in cui puntualmente ce lo infilava tra Samp e Napoli; per citare solo qualche esempio tra i più clamorosi di anni più lontani, ne ricordo uno incredibile da 30 metri che ci infilò Bettarini quando ci allenava Trapattoni e lui era passato al Bologna.

    RispondiElimina
  23. VENETO,non puoi aver dimenticato che le squadre di Ventura giocano al calcio,che riescono ad imporsi più per turbinio di movimenti(mai casuali)che per capacità tecniche dei singoli.Personalmente ieri sono stato molto sorpreso dei primi 44 minuti del Torino,una squadra che ha sempre offerto belle prestazioni,che invoglia a giocare,a divertirsi.Il "quid" che intendo io è più sottile e specifico:è quello che alberga in ogni singolo calciatore della rosa,quell'una tantum che raramente si era visto in tempi recenti,quella capacità di incidere,anche per 3 minuti in un'azione,in una conquista perimetrale,in uno schema,in qualcosa di ragionato e mai casuale(cosa rara per i subentranti).La vittoria di ieri è figlia di quel "quid" che ha spinto Montella a far entrare Romulo e non Jovetic,cosa che Stramaccioni avrebbe fatto....ah ah ah ah ah ah...non ha punte,il mister meneghino!Venga a ripetizioni da Vincenzino,che gli dimostrerà come con gente che non ha superato i 7 gol,e di professione fa l'attaccante,si possano segnare oltre 60 gol e stare dietro le migliori due(il Milan non conta).

    RispondiElimina
  24. Considerato che ha segnato il gol di un pareggio insperato coronando una rimonta da 0-3 a 3-3, considerato che il gol era pure bellissimo, veramente alla Robben (il Robben di qualche anno fa), considerato che è un istintivo, l'esultanza di Cerci non mi è parsa niente di scandaloso, tra l'altro non è che abbia fatto chissà cosa. Piuttosto, visto che dallo streaming l'audio andava e veniva e certe cose non si capivano, chiedo a chi ieri era al Franchi: come è stato accolto Cerci? E' stato fischiato? E' stato applaudito? E lui come ha reagito?

    RispondiElimina
  25. Ignorato.Rari fischi,più di paura(nostra).

    RispondiElimina
  26. Valderrama... ahahahahahahahahahahahah! Però almeno lui era divertente, nel surplace, il Cretino Tiroideo fa invece venire il latte alle palle, caro Sopra, ed è latte magro. Quell'imbecille dello Pseudosenese si ridicolizza vieppiù continuando la campagna contro un gran giocatore (pippa fantasmagorica, per lui... ahahahahahahahahahah!) che ieri ha fatto di Savic quel che voleva, l'ha tagliato di netto tre volte nel primo tempo (due pericolosamente: in una lo anticipa Viviano, nell'altra fortuita deviazione di uno dei nostri in area che storna la palla dall'angolino basso dove Viviano stava guardandola, dalla sua poltrona Frau con posacenere e accendisigaro, dolcemente insaccarsi), mentre nella ripresa, a parte il gol disumano, si segnala almeno la volata furibonda, in cui sembra Yamaha accanto a triciclo montenegrino, che per nostra grazia viene sciupata da eccesso di altruismo in area (ed eravamo sul 3 a 3!). Quel che colpisce, in personalità maniacal-paranoiche come lo Pseudosenese e il Vampirone Cincimorto, è la capacità di distruggersi a fuoco lento in pubblico per tenere fede ad apriori arbitrari, loro consiogliati dall'incompetenza e imposti a suon d'insulti. Non c'è solo "Kommper", c'è anche "Olivera" e per Ljajic ha dovuto prendere ripetitore per due anni. Caro Anto, non è stato né applaudito né fischiato, è stato trattato come un qualsiasi avversario.

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore22 aprile 2013 12:26

    Ragazzi, ma quando è che cominciamo a dire che quattro gol, e sottolineo quattro, uno diverso dall'altro, uno più bello dell'altro, tutti di splendida fattura, come quelli che ci ha regalato la Fiorentina ieri, di questi tempi, anche il Barcellona di Messi fa fatica a farli nella stessa partita? E comunque è l'unica altra squadra al mondo in grado di farli?

    RispondiElimina
  28. Mi sembra che certi nostri giocatori siano però parecchio stanchi, alla fine della stagione. Non penso sia un caso che nelle ultime partite il miglior difensore sia stato Compper, cioè quello che ha giocato meno e che l'ultimo gol di ieri sia stato interamente confezionato da tre giocatori (subentrati a partita in corso, tra l'altro) che hanno giocato e giocano molto meno dei titolari.
    Quanto a Roncaglia, secondo Montella non è in forma, mah.


    P.S.: Lele, Valderrama era lentissimo, era un numero 10 vecchio stampo che non difendeva mai, ma era gran giocatore, di tecnica cristallinamente sudamericana.

    RispondiElimina
  29. A me è piaciuta molto anche l'azione del Toro che ha portato al gol di Santana, semplice ma ben orchestrata. Per inciso, il difensore che ha salvato il gol su tiro di Cerci che Viviano ormai aspettava di battezzare in fondo alla rete, è stato Gonzalo, che si è immolato facendo scudo col corpo, deviando.

    RispondiElimina
  30. Chiarificatore22 aprile 2013 12:35

    Cerci ha esultato come era giusto e prevedibile che esultasse, per ragioni oggettive e soggettive. Dobbiamo accettarlo. Resta il fatto che uno come lui, non in grado di garantire continuità e completezza di apporto al gioco nel corso dei 90 minuti come richiede la Fiorentina barcellonesca di Montella, per quanto bravo, rischierebbe di non adattarsi.

    RispondiElimina
  31. Blimp nella occasione "Yamaha" quello saltato a mo' di triciclo è stato Gonzalo se non ricordo male. Comunque non sono d'accordo con te. Nel primo tempo Savic lo ha controllato molto bene e Cerci ha avuto solo l'occasione del tiro deviato da Gonzalo dopo pochi minuti. Per il resto la sua partita si condensa nel (meraviglioso) gol ma per il resto ha fatto pochino. Poi sta nelle sue caratteristiche che qualche volta abbia saltato Savic ma nel complesso non mi è sembrato straripante. Per dirti io se dovessi dare un voto darei un bel 7,5/8 a Cuadrado mentre a Cerci un 6,5 (considerando un + 1 per il bellissimo gol) massimo.

    RispondiElimina
  32. Io sono per la cessione a caro prezzo di Cerci, per i motivi che dice il Sopra, ma anche per timore che da non titolare fisso la sua testa riprenda a dare brutti segnali. Tra lui e Jojo [Facundo spero resti] sono una 40ina di milioni da immettere sul mercato, ci prendi un forte centravanti, un bel portiere, un difensore di livello ed anche il sostituto del Pek, forse.

    RispondiElimina
  33. Devo dire che Santana è un giocatore che mi è sempre piaciuto, forse sono una mosca bianca tra i tifosi viola, ma l'ho sempre stimato forte. Il suo problema è sempre stato l'essere sovente soggetto a infortuni, ma quando sta bene garantisce grande tecnica, corsa, dribbling, impegno e disciplina tattica.

    RispondiElimina
  34. Anche a me Santana è sempre piaciuto molto, col tempo ha dovuto cambiare modo di giocare - ai tempi del Chievo e del Palermo al dribbling univa uno scatto micidiale, era immarcabile, dopo gli infortuni è molto meno esplosivo - ma questo ne ha acuito l'intelligenza tattica e delle giocate.

    RispondiElimina
  35. Lele, Veneto credo si riferisse a Pasqual, con quel "vecchio capitano" anch'io lì per lì c'ero cascato

    RispondiElimina
  36. Erano Rodri e Savic, Veneto, e del primo tempo dimentichi le altre due occasioni che ho citato. Io gli assegno 7, prendi nota che, non bastando Savic, come Sopra rileva, andava costantemente raddoppiato. A Cuadrado ho dato 8,5 ma non li comparo, hanno caratteristiche, anche tattiche, differenti. se poi mi chiedi di scegliere scelgo ovviamente come il Real, contro il quale dovremo fare barricate. Santana al meglio è quello di ieri (7,5), Anto: è un altro che nella carriera è stato molto limitato dai guai fisici, si mormora che non sia galvanico per entusiasmo negli allenamenti senza palla ed è un musone che ha bisogno della fiducia e della centralità nell'équipe per esaltarsi. Fondamentali eccellenti, intelligenza degli spazi sublime, astuzia arghentina. Dopo il grave infortunio, però, non ha più ritrovato la velocità cerciana della giovinezza.

    RispondiElimina
  37. Santana a Firenze è stato vittima della sua muscolatura fragile e di Prandelli che lo faceva giocare ovunque (mediano, mezzala, trequartista) approfittando (anche per carenza di alternative) della sua intelligenza tattica ma non certo mettendone in evidenza le qualità principali. E' un esterno alto tatticamente intelligente, cioè che conosce i tempi, quando andare avanti e quando stare indietro, ma non è certo un centrocampista a tutto campo.

    RispondiElimina
  38. Santana l'ho adorato.Sfortunato,atteso ma ingrato:in scadenza se ne andò senza ripagare chi lo aveva curato,atteso e mai messo da parte.

    RispondiElimina
  39. Oltre ad avere una rosa di alto valore tecnico, nel caso in cui dovessimo autofinanziarci abbiamo un valore alto anche economicamente, tra giocatori di nostra proprietà e altri parcheggiati in giro per la Serie A e la Serie B.
    Mi viene pure riferito, da caro amico che lavora presso una struttura della società, che il gruppo di quest'anno si distingue anche per educazione e rispetto verso le persone che lavorano intorno a loro, con Pasqual, Cuadrado e Borja che spiccano particolarmente, e la coppia Toni-Aquilani a intrattenere i vari inservienti perculeggiandoli bonariamente.
    Su Cerci, penso anch'io che non voglia tornare, ma se rifiuta noi penso che poche società in Italia possano permetterselo (a parte strisciate, romane e Napoli, che non credo lo vogliano): Parma, Udinese, Samp, e -se si salvano- Genoa e Palermo; in alternativa penso possa interessare a qualcuno di quei club russi che pagano cose tipo 11 milioni per Bocchetti.

    RispondiElimina
  40. Jordan, io mi ero volutamente trattenuto dal citare il Giubba ma adesso che l'hai fatto tu esce fuori dai cespugli chi sai, con lo schioppo in mano, e parte un tormentone fino a domani: potevi davvero esimerti... Il Dubbio da spanciarsi: sostituzione disastrosa di Mati per Aquilani, che ha aperto praterie per il centrocampo torinista, dice il Fava. Peccato che Aquilani sia stato sostitutio da Romulo e solo dieci minuti dopo Mati abbia rilevato Ljajic. La boiata inventata di sana pianta fa il paio con una famosa stroncatura, l'anno scorso, di Romulo subentrato, diceva il Dubbio rintronaho, a sinistra quando invece entrò a destra: Jordan e io ci facemmo le pazze risahe, lui se la cavò dicendo che quando era entrato Romulo aveva spento la tele (e dunque, di cosa parli, o Fava?). Badate poi che fa anche il precisino, tira fuori i numeri, le medie, le cartesiane, le disequazioni lineari, sto cazzo al ragù (tutti sballati, se uno va a controllare). Dubbio, una fava sicura! Questi simpatizzanti che non guardano le partite sono una manna per i momenti morti, postprandiali, del sitollock, quando non c'è topa ad accogliere erezioni puramente fisiologiche.

    RispondiElimina
  41. Violapower indisponente: dopo che ha scritto lui inutile aggiungere altro, è l'Omero dei blog viola. Gravissima, la sua assenza dal sitollock, gravissimo, il suo persistere in cloaca!

    RispondiElimina
  42. Se Mazzarri rimanesse a Napoli, per il suo gioco contropiedista Cerci sarebbe perfetto.

    RispondiElimina
  43. Su Cerci la penso come Deyna: fortissimo, ma non lo riscatterei. Io lo lascerei agli amici granata, contenti loro e contenti noi.

    RispondiElimina
  44. COLONNELLO,ti faccio notare che nessuno aveva mai,sino a un'ora fa,attuato un'azione di disturbo/webmercato sul sitone come l'ho fatta io,sia con Zemanviola sia con Violapower;ho agito alla Galliani...eh eh eh eh eh e il messaggio era chiaro!Comunque è fremente,palpabile l'attesa per l'uscita del (Washington)Post del vate,detto anche Totanic,uno che si credeva un transatlantico lussuoso e da vip,mentre in realtà era un pesce.Comunque il Disquis crea problemi di identità,GUBERNATOR...,si capisce chiaramente la strategia:dove non posso eseguire fermo coattivo del soggetto,faccio caciara con i nick e così divido e impero.Ma dai....ci accodiamo al PD,Partito Debersanizzato e facciamo il nostro PD,Pollock Dedisquisizzato.

    RispondiElimina
  45. http://m.youtube.com/#/watch?v=d7R7q1lSZfs&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3Dd7R7q1lSZfs

    RispondiElimina
  46. o lasciami butta' gli ami, se no da qui a sabato di che si parla ora che gli hanno anche eletto i'presidente?

    RispondiElimina
  47. Totanic..... ahahahahaha

    RispondiElimina
  48. Se non lo riscatti, Anto, perdi quattrini, perché il Toro non ha cinque milioni per riprenderselo. Totanic... ahahahahahahahahahahahahahahahahah! La provocazione su Ranocchia è, in effetti, atta a stanare il Vampirone Cincimorto, ma poi c'è l'assurdo rimpianto per Roncaglia da parte degli ungulati, i tre gol incassati da mettere sul gobbo a Rodri, Montolivo (voto: 8,73) che ieri predicava nel deserto, Santana lasciato andar via a costo zero dal Panzone di Vernole, Viviano che stava per parare il tiro di Santana e allora avreste gridato alla prodezza o plebe dissennata da baruzziana! Ahahahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  49. Leggo Kurt e penso a quanti neuroni perdiamo ogni giorno, dopo i vent'anni, che non recupereremo più. Ha disegnato il profilo di una squadra in lotta per la salvezza e siamo noi, a un punto dalla Champions. Parla anche di un centrocampo che langue aspettando palla da un incontrista (?!). Kurt, Kurt, la chatte est là, direi volendo parafrasare Verlaine: ma tu non hai occhi per quel ricciuto spettacolo...

    RispondiElimina
  50. Colonnello ad una squadra che becca tre gol in mezzora dal Torino rischiandone almeno altri due se dici che gli manca capacità d'interdizione non è che tu dici una cosa tanto strana. In un centrocampo con i tre dell'Ave Maria se non corrono parecchio gli esterni (che nel caso avevano i cavoli loro e, con la dfiesa a quattro, non è che possano aiutar molto il centrocampo, ma, caso mai, essere aiutati) quando gli altri alzano i ritmi e noi dobbiamo rifiatare c'è da dir parecchi Pater Noster. Se avessi un Dunga lo metterei subito.

    RispondiElimina
  51. No, Jordan, quel che non va è profilare una situazione da catastrofe per una squadra che sta facendo grandi cose e parlare di attesa di palla da incontrista da parte dei tenori, che è un nonsenso. Se in porta gioca Boruc e almeno uno dei due polli di terzini di ieri è sostituito dal Fac la partita finisce 5 a 1 e fine della radiofonia. Che poi abbiamo i difetti dei nostri pregi, come in tutte le cose, è chiaro: ma i nostri pregi compensano a iosa e non vi rinuncerei per alcun difetto. Se poi hai Davids o Vieira (sodezza più tecnica) da proporre bene, ma al mondo quella è merce rara: vedi che sperano che Clasie possa fare il caso, speriamo.

    RispondiElimina
  52. Concordo peraltro che per questa squadra il 3-5-2 sia il meglio.

    RispondiElimina
  53. Si poteva pensare ad un inserimento in squadra di Cerci, dove peraltro non so, perchè o fa l'esterno destro o fa l'attaccante. E nell'uno e nell'altro caso non avrebbe garanzia di un posto da titolare. Ma è stato lo stesso Cerci a chiarire che di tornare a Firenze non ne ha voglia, esultando platealmente dopo il goal. Non credo abbia digerito le critiche del pubblico fiorentino così come la bocciatura del tecnico. Credo che se andrà definitivamente per soldi o contropartita tecnica (D'ambrosio o Ogbonna). C'è infine la possibilità di rinnovare la comproprietà per un anno in attesa dell'esplosione definitiva del giocatore e dell'acquisto definitivo del cartellino di Cuadrado, che è tutt'altro che scontato.

    RispondiElimina
  54. Colonnello sul goal di Santana ad esempio è vero che Viviano s'impapera, ma perchè Santana aveva tirato nel mezzo, quindi male, però era arrivato solo al limite dell'area dopo un'azione che si era bevuta in tre passaggi in orizzonali tutta la difesa e la mediana viola. Prima del goal del 3-1, su azione fotocopia, torinista (non mi ricordo il nome) solo davanti a Viviano che sbarella sopra la traversa. Hai concesso cinque palle gol in mezzora al Torino su una partita che doveva essere morta, non è tutta colpa del portiere o del fatto che giochi Facundo o meno. Per mezzora non l'abbiam vista mai. Con questo per un tempo abbiam giocato alla grande, la Fiorentina è quarta e ad un punto dalla terza, a meno di cali di concentrazione imprevedibili il quarto posto è assicurato ed era risultato insperato ed insperabile in partenza, però se qualcosa non va bisogna dirlo, proprio per migliorare in vista del rush finale e per ripartire più forti ancora.

    RispondiElimina
  55. Io, Jordan, prima di Clasie vorrei un portiere, anzi un Portiere, e vorrei che in difesa giocassero i migliori (Montella, con l'esclusione del Fac, col tardivo inserimento di Compper e con la sopravvalutazione di Savic dimostra di non aver ancora occhio per i difensori). Rodri non deve essere affrontato in campo aperto, perché lì e sui cross non è il massimo: lo teniamo così com'è in considerazione di tutto quel che vale, ed è molto, nel resto, o abbiamo carte migliori sul mercato? Insomma, viste le finanze della Viola e le sue modalità di gioco (spettacolari e redditizie, dobbiamo dire, a questo punto), non si può né si deve che essere molto contenti. Sul prossimo mercato si agirà per il meglio ma voglio dirti che, se non riusciamo ad agganciare il mediano completo, fra giocare con questi e giocare con un mediano cazzutissimo ma che non si amalgama per piedi, io rimango con questi.

    RispondiElimina
  56. Su Cerci, Lud, si discute per accademia, come su Jojo: entrambi se ne andranno, per tante ragioni che non hanno riparo.

    RispondiElimina
  57. Personalmente rinnoverei la comproprietà col Torino di un anno in attesa di capire se Cerci si inserisce stabilmente in nazionale e se Cuadrado può essere acquistato a titolo definitivo. A quel punto, dopo i mondiali, deciderei se optare per il rientro eventuale a Firenze o la cessione ad un congruo prezzo. Se però il Torino fosse disposto a trattare Ogbonna per la metà di Cerci più uno dei nostri difensori chiuderei subito la partita.

    RispondiElimina
  58. Ma Ogbonna non vale poi una messa. e Cerci vale una decina di milioni e forse dodici oggi: a Firenze non vuol tornare e si capisce.

    RispondiElimina
  59. BLIMP,sai che Jovetic occorrerà in Europa....Su Ogbonna ho riserve,preferirei un Benatia,anche se ha caratteristiche diverse,tra le quali la duttilità.

    RispondiElimina
  60. Sono contento, Jordan, che rivedendo il gol di Cerci tu non l'abbia giudicato più imparabile: Viviano non stacca. Ormai possiamo affermarlo, questo portiere non ha colpo di reni né spinta dal ginocchio. Ribadisco quanto detto tempo fa: quando giocavamo noi gli allenatori a queste cose facevano attenzione e contro portieri come questo ci avrebbero detto di tirare in porta da tutte le posizioni. Ma oggidì si bada agli schemi ossessivamente e non alle singole debolezze dell'avversario (gran cazzata). Sinceramente, direi che finora ci è andata anche troppo bene, quindi.

    RispondiElimina
  61. LUD,se Cerci l'anno prossimo disconnette non prendiamo nulla,poco....Jordan,io vedo in Pereyra dell'Udinese un gran bel giocatore,te?Osservata sua presenza,sue capacità nel fulcro della manovra friulana?

    RispondiElimina
  62. Savic è un '91, parlare di sopravvalutazione è come camminare su un campo minato ubriachi, la sua stagione è ampiamente positiva, ha commesso degli errori al pari di Facundo, Gonzalo e Tomovic. Adesso Compper pare il salvatore della patria ma non va escluso che avendo giocato con il contagocce, da Gennaio, sia anche in forma smagliante, in ogni caso il pacchetto arretrato è mediamente buono, in toto, altrimenti non saremmo quarti ad un punto "solo" con i tre tenori ed un esterno pazzesco. Roncaglia si trova meglio a quattro, Savic può giocare sia a quattro che a tre, dipende anche da chi ha davanti come esterno, Pasqual non fa testo, Cuadrado è altra pasta, nasce terzino di spinta non scordiamolo. La grana è fra i pali, il secondo goal non è tiro potente né carico d'effetto (come sottolinea Deyna giustamente) anche di piede, un portiere di serie A, ci arriva, non si può cadere sempre in ritardo come sacchi di patate su ogni tiro che passi a 30 cm dal corpo, se si rimane sul 3-1 si assiste ad altra partita, si è dato fiato ad un topolino stretto all'angolo da tre leoni, non va. Maturità vuole che a partita chiusa, si tenga palla senza rischiare nulla salvo il gusto di arrotondare ancora. Il Torino è stato fatto grande da noi nella ripresa, e tizio e caio nello schieramento non significano niente, gli stessi giocatori avevano rifilato 3 pappine in mezz'ora e non si può pensare siano schiantati fisicamente, tutti, nella ripresa; oltretutto uno dei 3 cambi è avvenuto al 41' del secondo tempo e degli altri due hanno uno solo ha contribuito al risultato finale, Romulo e non solo per il goal. Quando una difesa si fa recuperare 3 goal è inutile additarne un paio, ha fatto recere tutta, complice anche un centrocampo che si era messo a filtrare 'sta cippa salvo il solo Pek a dannarsi l'anima e suonare la sveglia.

    RispondiElimina
  63. Continuo a ritenere Sylvestre una opportunità. Montella lo conosce e sa come farlo giocare. L'ho detto anche qualche tempo fa, mandando i ragazzini (Hegazy e Camporese) a farsi le ossa in buona serie A (Chievo, Torino ma anche Sassuolo se arriva come sembra) l'acquisto di Sylvestre e la trasformazione di Migliaccio in centrale (rimango convinto potrebbe essere un ottimo giocatore in quella posizione) potremmo aver sistemato la difesa per il prossimo anno senza spendere chissà che cifre. Il mediano dai piedi buoni in teoria lo abbiamo e si chiama Sissoko. Se troverà la forma (cosa però non scontata) potrebbe essere una carta per il prossimo anno. Anche Mati ritengo si potrebbe trasformare da trequartista a centrocampista ma là serve tempo e se si va in coppa (tocchiamo il toccabile) tempo per esperimenti ne avremo poco. D'altro canto trasformazioni di questo tempo se ne sono viste moltissime (anche clamorose come nel caso di Pirlo) e non vedo perché non Fernandez. MI ha colpito, invece, l'albanese del Toro ieri. Un giocatorino interessante.

    RispondiElimina
  64. Savic è stato sbolognato dal City (ma era caldeggiato da Jojo, della scuderia Ramadani, il City ti dava una cifra inumana per Nasty, cosa vuoi, rifiutarlo?), è giocatore sopravvalutato per il rendimento palesato, su ciò non si sono dubbi perché il suo 2013 è stato cattivo ma è sempre stato riproposto anche dopo prestazioni pessime. E' completo nel repertorio ma amnesico, con scarsa cura della posizione e delle distanze coi compagni, avventuroso. Il mondo è pieno di difensori che avrebbero tutte le doti (come di mezzali capaci di fare duemila palleggi tacco punta) e che fanno marcare regolarmente il loro avversario (Ranocchia è un altro buon esempio). Savic per 10 milioni, come favoleggiano, può andarsene, visto che Ramadani mette sul piatto anche lui per lasciarci Ljajic. Che poi la sua gioventù faccia sperare in una maturazione non v'è dubbio ma il City non è squadra che può aspettare e, spero, nemmeno noi il prossimo anno, soprattutto in un ruolo dove un Compper, se hai l'occhio dei nostri dirigenti, lo trovi sempre e costa un cazzo.

    RispondiElimina
  65. A me sbolognato non pare proprio, ha investito molto su Nastasic ma visto il campionato del City non è che gli abbia cambiato la vita pure lui. Savic non si è deprezzato dopo quest'anno, semmai il contrario se offrono 10 milioni e quando un giocatore si rivaluta nel cartellino non ha fatto certo un campionato insufficiente, semmai il contrario, aridaglie. Non parlo solo di prospettiva vista l'età, parlo a ragion veduta di valore attuale, ha fondamentali, tutti, di prim'ordine ed in una difesa a tre se si affranca dai raddoppi di Pasqual può solo fare al meglio quello per cui madre natura l'ha dotato tecnicamente. Non si parla d'eccellenza europea ma non lo si può dire neanche per Roncaglia e Gonzalo, anche per loro l'eccellenza è altra materia. Di sicuro sugli ultimi due si è già visto pregi e difetti massimi, sul montenegrino ancora il giudizio va sospeso, nel bene e nel male, il potenziale è ancora in divenire.

    RispondiElimina
  66. Concordo con Leo su Savic, i difensori della sua età che giocano in A mi pare si contino in una sola mano, e di fenomeni del ruolo mi pare non se ne stiano vedendo neanche tra quelli più maturi delle strisciate.

    RispondiElimina
  67. Nasty è anche più giovane e ha qualità più importanti in ogni dominio, oltre a una personalità straripante. Il giudizio degli addetti sul campionato di Nasty è unanimemente entusiastico. In Germania sembra che offrirebbero quei quattrini (dieci) per Savic (io ne dubito). Quest'anno ha giocato troppo, per un giocatore cui non si negano qualità (ho detto che è completo per un difensore ed è anche ciò che inganna) ma lo stare in campo e il mentale, e ciò gli ha nuociuto. E' vero che Pasqual davanti è un handicap per chiunque, a tre, ma ieri eravamo a quattro, ad esempio. Era un giocatore che quest'anno doveva giocare meno e che da Compper doveva essere rilevato ben da prima. Rodri per alcuni aspetti è d'eccellenza realizzata e Roncaglia è mastino di qualità superiore. Titolare per il vertice Savic non è, quindi o si vende bene o matura ma non in prima squadra, partendo da panca. Insomma, il suo lancio da titolare fisso mi è parso prematuro e di un difensore meno che mai io valuto quel che potrebbe fare ma piuttosto quel che impedisce di fatto all'attaccante.

    RispondiElimina
  68. Sono stato al cinema.

    RispondiElimina
  69. Per quel che ho visto - tra Partizan, City, Montenegro e Fiorentina - Savic renderebbe al meglio o a destra in una difesa a tre, o al centro in una difesa a quattro. Quando è venuto a Firenze ha dovuto trovare posto a sinistra nella difesa a tre, perché a destra furoreggiava Roncaglia, allora inamovibile, e come terzino sinistro [come ieri] in una difesa a quattro, pur se bloccato, è improponibile. Ha i difetti di esperienza che dice il Colonnello, essendo un '91, ma anche due mancanze minori che devono far valutare bene la scelta dei compagni di reparto: di testa è bravo ma non proprio svettante [quindi centrale assieme a Rodriguez in una difesa a quattro lo vedo azzardato], e tecnicamente un po' elementare in proposizione. Di contro, è molto forte in marcatura, anticipa, sta sul pezzo. Comunque abbiamo difensori con carenze, ognuno la sua, e bisognerebbe prima pensare a che modulo vogliamo mettere in campo, che filosofia di gioco, e poi scegliere. Orban ad esempio a me piace perché migliora la nostra difesa, senza togliere niente: ha classe, è forte di testa, è mancino, chiude e spinge bene, si inserisce in avanti. Silvestre sarebbe pure lui un ottimo acquisto.

    RispondiElimina
  70. Ahahahahahahahahahahahah... Pollock! Intanto sappi che Sconcerti continua a vederci sovradimensionati (ma lui tifa per noi, intendiamoci! Non sia mai!) e dice che il Milan è più squadra: metti in riserva per il pezzo di domani.

    RispondiElimina
  71. Ecco, riprendendo uno spunto di Deyna, direi che abbiamo difensori ognuno con carenze particolari e il gioco è di metterli assieme, come in un puzzle, per farle sparire (Compper per ora è quello che ha meno mostrato debolezze individue e in genere mi piace perché non beve la finta, qualità per me suprema per un difensore, insieme alla tranquillità): in ciò finora Montella non ha dato il meglio del suo repertorio.

    RispondiElimina
  72. Infatti nel primo tempo li abbiamo asfaltati e lui c'era, al pari del secondo tempo in cui siamo spariti per mezz'ora abbondante, non è lui il male Colonnello, né Roncaglia la cura, fidati. In ogni caso Nastasic che è forte l'ho sempre detto ma non ci corre la luna fra i due.

    RispondiElimina
  73. Compper era fuori rosa da un bel po' quando lo abbiamo preso, da un paese diverso e mentre la nostra squadra, tutto somma, girava; aggiungiamo che uno della sua costituzione fisica un po' ci mette per entrare in condizione, per cui trovo plausibile il suo inserimento graduale. Di Savic è certamente meglio Nastasic, si sa, ma se non promette di diventare il non-plus-ultra, il nostro resta comunque un bel prospetto, secondo me di offerte superiori agli 8 milioni ne avrà abbastanza.

    RispondiElimina
  74. No, Vita, Compper è arrivato in piena nostra crisi e in Germania non giocava perché voleva andar via.

    RispondiElimina
  75. Esatto Deyna, Roncaglia gli è dietro in qualche fondamentale come centrale, più di qualche fondamentale, Gonzalo gli è dietro anni luce quanto a velocità. Non abbiamo difensori d'eccellenza in nessun ruolo ma mediamente molto buoni e, nel complesso, superiori alla media come reparto. Con un portiere che infonda sicurezza e li guidi bene possono solo migliorare il livello complessivo.

    RispondiElimina
  76. Nastasic comunque è difensore di altro pianeta, un '93 che già gioca come un veterano, con classe, tecnica e personalità. Claro che tecnicamente ci abbiamo perso, vendendolo, ma passata la rabbia del momento ho capito che era una cessione inevitabile. Quando vedevo Savic al Partizan me lo immaginavo in futuro in coppia con Nasty a Firenze, pensate voi. Poi le sue partite al City avevano smontato i miei entusiasmi...

    RispondiElimina
  77. Caro Deyna, magari alla fine di quest'anno lo tenevi, ma alla fine del precedente e volendo trattenere Jojo, con un'offerta come quella, come facevi? Vedi, basterebbe Nasty per cantar le glorie del Corvo, ma pensa poi alla plusvalenza di 6 milioni che faremo con Cerci, all'altra con Jojo... Insomma roba che la calcolatrice del Dubbio ci s'è bahata... ahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  78. Ma più che parlare di difensori.....quando arriva un portiere con la P maiuscola ?! Ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  79. Compper conferma le buone qualità che gli avevo visto in Bundesliga [colpo di testa, serenità, durezza al bisogno], arricchite da una tecnica migliore di quanto ricordassi. Molto spartana, si intende, ma ricordavo di ben peggio.

    RispondiElimina
  80. Compper lo credevo meno dotato tecnicamente, ha un bel tocco invece, e lo conferma quanto i compagni lo cerchino in appoggio.

    RispondiElimina
  81. Anche nel goal di Cerci sembra che non la veda. pesticcia, si muove in ritardo perchè legge in ritardo la traiettoria o non la legge affatto e ci va col braccio (sbagliato) dando l'impressione di sperare di incocciare il pallone senza guardarlo.

    RispondiElimina
  82. La brutta prestazione di Savic di ieri è dovuta soprattutto all'errore di Montella che lo ha piazzato in un posto dove non sa stare. Per come l'ho visto io fino ad oggi il suo ruolo è il centrale difensivo, indifferentemente in una difesa a 3 o a 4. E' un tignoso, molto positivo se gli dai un uomo e gli chiedi di seguirlo anche in bagno. Uno stopperone vecchia maniera, di quelli che mi piacciono e ritengo molto utili in una difesa. Ieri gli hanno voluto far fare il marcatore in un cantone ed in più far ripartire l'azione sul suo settore come fosse Pasqual. Inutile lamentarsi poi se le prestazioni sono quelle che sono. Io, a parità di offerta vendo sempre Roncaglia e non lui, perchè ha molti più margini di miglioramento e continuo ad essere convinto che sia uno di quelli su cui proseguire il progetto. Deyna, 40 milioni tra Cerci e Jovetic scordateli pure, il campionato del Montenegrino lo valuta, ad oggi, intorno ai 25, se trovi uno che te ne da 15 per Alessio fammelo conoscere e sento se gliene avanza uno anche per me, visto che ama buttarli dal finestrino...

    RispondiElimina
  83. Infatti Colonnello, ho scritto che la nostra squadra girava ma ho aggiunto quel "tutto sommato" che era un riferimento al gennaio nero in cui Compper arrivò, avevamo perso terreno rispetto a dicembre ma la classifica era tuttavia da Europa League; non volevo dire che il giocatore era fuori rosa perchè scarso, ma semplicemente che essendo fuori squadra era difficile che fosse in condizione di esser gettato nella mischia da subito, considerate anche la stazza fisica e la necessità di integrarsi nella nuova realtà a campionato in corso. Per quello che ha mostrato in queste poche partite mi è sembrato un altro affarone dei Pracià, ma non ci trovo nulla di scandaloso nell'inserimento graduale che gli è stato riservato.

    RispondiElimina
  84. Chiarificatore22 aprile 2013 20:59

    E' già superata Donna Cesira, Pollock. Il PD di Renzi è (ri)partito, trionfa oggi in Friuli con la giovane e bella democratica Debora Serracchiani, e Grillo, come prevedevo, inizia già a sgonfiarsi tra gli elettori.

    RispondiElimina
  85. Così i titoli: «Regionali Friuli, vince Serracchiani. Aveva detto: “Sì a Rodotà, no a inciuci”»: sì, è proprio «il PD di Renzi»...

    RispondiElimina
  86. Un plauso alla bella e giovane Serracchiani, quindi... ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  87. La mia tesi avversata anche da Traversi è che i difensori vanno in crisi quando calano le energie e la squadra arretra. Ciò avviene precisamente a partire dal 40' del primo tempo. Abbiamo preso un sacco di goal in quei 5 minuti e poi nei primi minuti del secondo.

    RispondiElimina
  88. Parco portieri da rifare,Tomovic gia' riscattato,occorre una robusta quercia difensiva(che non e' Ogbonna)di alto livello,un ottimo tornante di sinistra,una punta di dimensione europea(gia' affermata,prestante,tonica,risolutiva).Tra le punte rimangono Jovetic,Rossi,Wolsky,Liajic e sostituire El Ham e Larrondo con la punta forte sopracitata e un bel tipo,alla Destro o alla Immobile(che i movimenti li ha) o Borriello,da me rimpianto quest'anno.

    RispondiElimina
  89. Elezioni Friuli astenuti oltre il 49%.......Vince la Serracchiani .....In numeri assoluti perdono tutti centro destra - 203.000 voti,centrosinistra - 144.000 voti rispetto alle precedenti regionali.....il M5S raccoglie 101.000 voti e perde sulle politiche.....Ma il dato importante è la fuga dalle urne !!!! e qualcuno dovrebbe preoccuparsene, perchè il 40% dei voti sul 50% di votanti da come risultato circa il 20% dell'elettorato!!!!!

    RispondiElimina
  90. Chiari, quando l'affluenza è bassa o bassissima (Friuli V.G. e Sicilia) la sinistra vince. E' quando entrano in campo in massa le forze reazionarie che non abbiamo scampo.

    RispondiElimina
  91. Chiarificatore22 aprile 2013 21:39

    Gonfia e Pollock, la Serracchiani, solo perché s'è appoggiata a Renzi ed ha preso le distanze dal gruppo dirigente del PD, pur con una affluenza molto inferiore e pur dopo lo sfascio del gruppo dirigente del PD, ha preso più voti, in termini assoluti, di quelli che aveva preso poche settimane fa alle politiche Bersani, Grillo invece perde clamorosamente. Solo questo ho voluto rimarcare in risposta alla tua simpatica Donna Cesira, Pollock. Poi i problemi che dire voi di disaffezione restano tutti. Dategli un po' di tempo a Renzi! Eh eh eh.

    RispondiElimina
  92. LUDWIGZALLER,hai ragione e questo sta a significare che e' vero cio' che ha sempre affermato Montella:La palla la dobbiamo avere noi;quindi se subiamo,con pallino in mano agli avversari e giocatori poco adatti all'interdizione,la difesa imbarca azioni pericolose e conseguente gol.Poi,se Traversi ti avversa,ritienilo un complimento...disquisendo con lui diamo ragione al COLONNELLO...non si puo' scrivere ad uno che beve assenzio,ad uno che simpatizza con argomenti "tosti",centrati e specifici riguardanti la viola.Proverei a chiedere a Gat,a bruciapelo,chi erano i due che,con colpo di genio,furono acquistati dal Monza e furono protagonisti di una bell'esordio in A,con gol da distanza siderale fatto dalla punta a Garella(3-1 il risultato contro il ciuccio)....sfido che non lo sa.Noi si,senza andare su nessun annuario.

    RispondiElimina
  93. Caro Gonfia, era la ragione per la quale la DC s'arrangiava per non votare mai se non tra marzo e giugno: se fa troppo caldo o fa tropo freddo i vecchi e i demotivati e i ricchi non vanno a votare, votano solo i trinariciuti, dicevano. Certo, la buffonata dell'elezione presidenziale ha creato grande disaffezione al voto, anche perché il grillismo è sembrato impotente a impedirla e allora ciao (in Italia si fanno le rivoluzioni solo se si è sicuri di essere maggioranza, ma allora non sono vere rivoluzioni... ahahahahahahahahahah!) ma la Serracchiani, come Barca, Civati, Puppato, Orfini, rappresenta il sano di un partito putrido: sono minoranza ma su quella si può lavorare per un nuovo soggetto di verità. Intanto, resistere resistere resistere!

    RispondiElimina
  94. Chiarificatore22 aprile 2013 21:45

    La Serracchiani, Colonnello, durante la campagna elettorale in Friuli ha voluto e chiesto accanto a sé solo Matteo Renzi. Rodotà andava bene anche a me, se ci fossero state le condizioni per una sua elezione, e non sono certo che andasse davvero bene anche a Grillo che lo ha proposto solo per spaccare il PD e pochi mesi fa lo aveva messo in testa alla casta dei pluri-pensionati da mandare "affanculo". Detto ciò io sto meglio e dormo meglio con Napolitano Presidente.

    RispondiElimina
  95. Rodotà è in prima fila nelle battaglie sulla eutanasia con cui concordo. Ma la parte cattolica del Pd non l'avrebbe mai votato.

    RispondiElimina
  96. A me, caro Chiari, chi voleva Rodotà presidente ed è contro l'inciucio, come la Serracchiani, appare ben ancorato a sinistra e infatti Barca, quando ha fatto il nome di Rodotà (e poi ha parlato di una possibilità frontista incredibilmente fatta cadere) all'ultima assemblea, è stato subissato di grida e insulti. A Grillo non andava così bene che lo ha tenuto candidato fino all'ultimo e il buon Rodotà ha detto che dal suo partito non ha avuto una telefonata (chi poteva dubitarne?). Comunque l'inciucio ha fatto chiarezza, trovo che le elezioni siano andate benone e siano promettenti per nausea indotta: come Luzi diceva del teatro di Racine, il male è una perpetuazione d'ordine e il mio cattolicesimo ha sapori agostiniano-giansenisti che apprezzano la calata delle maschere (anche per questo confesso che da sempre il più consentaneo a me dei blogghisti è il mio dirimpettaio in nero, il micidiale e feerico renudista Sopra, cui passo vanamente lime infilate nei panini al salame).

    RispondiElimina
  97. E se la parte cattolica non l'avrebbe votato, caro Lud, vuol dire che quello non è un partito ma un'accozzaglia permanente a permanenti fini elettoralistici.

    RispondiElimina
  98. Colonnello, non a caso lo Psiconano ha reintrodotto le due giornate per votare, evitando a quelli che hai citato di fare a meno della giornata al mare. Ancora mi lambicco il cervello per capire chi sono i 101 franchi tiratori su Prodi, lo dico solo per curiosità, non voglio che si apra un dibattito, ormai è andata, ma volevo dirlo. Comunque non toccate il Renzi al Chiari, diventa peggio di Buck! Ahahah

    RispondiElimina
  99. Caro Gonfia, è Palmirenzelli, un Lud su Prandelli maggiorato di una Nuvola su Montolivo... ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  100. Non sopi scopre ora la presenza dei cattolici nel Pd e la loro influenza sulla non approvazione di leggi sulla eutanasia o le unioni civili. Rodotà si lludeva di poter far breccia in questo elettorato. Il discorso di Napolitano ha poi fatto vedere che non era forse il caso, anche per motivi di dignità, di concedere a Grillo tutto ciò che voleva. E il risultato della Serracchiani, paradossalmente, si deve anche alla mancata elezione di Rodotà.

    RispondiElimina
  101. Non si scopre

    RispondiElimina
  102. Chiarificatore22 aprile 2013 22:19

    Colonnello mi fa piacere che ti piaccia non solo come donna ma anche politicamente la Serracchiani, le dirò di farti la tessera del PD ( eh eh eh) e ti confermo che s'è appoggiata a Renzi, condividendo Renzi in comizi congiunti in Friuli, per vincere. Barca, ottimo Ministro del Governo Monti, come dirigente nazionale del PD è già sputtanato perché ha appoggiato Rodotà troppo tardi, intempestivamente e inopportunamente in contrapposizione a Napolitano dopo che Napolitano aveva accettato ( facendo così il Barca una gaffe clamorosa), non trovando per questo alcun consenso nel Partito. Grillo ha sostenuto incoerentemente Rodotà, certamente sino all'ultimo ma solo per spaccare il PD per i motivi che spiega Ludwig qui sotto. Se Grillo voleva davvero far fuori Berlusconi perché non ha votato Prodi, proposto correttamente dal PD anche tenendo conto che era gradito ai grillini?

    RispondiElimina
  103. Colonnello, ricordi al Gazzettino Toscano la rubrica "Silenzio! Parl'i' Chiariiiiiiiiii!!" E' indubbiamente una potenza, mentre io, in questi ultimi tempi, mi sono sentito una radice quadrata,ahahah!

    RispondiElimina
  104. Chiarificatore22 aprile 2013 22:26

    Caro Colonnello, puoi aggiornarti in tempo reale se vuoi, La Serracchiani sta, proprio ora, su La 7, prendendo le distanze da Orfini in sua presenza, sostenendo apertamente Renzi.

    RispondiElimina
  105. Chiarificatore22 aprile 2013 22:30

    Orfini ha or ora proposto furbescamente Renzi Presidente del Consiglio subito, la Serracchiani gli ha detto che la sua proposta assomiglia al " vai avanti tu che a me scappa da ridere". Orfini, sputtanato tra l'ilarità generale.

    RispondiElimina
  106. Ma perché incoerentemente? Rodotà è una persona perbene e di sinistra, incoerente è stato rifiutarlo, soprattutto dopo che per due mesi si era cercato (a parole) l'intesa con Grillo (in efetti solo i suoi voti). Prodi è stato candidato dopo Rodotà, logica voleva che il PD appoggiasse Rodotà e del resto nemmeno i PD hanno votato Prodi. E poi se vuoi far fuori Berlusconi proponi Marini, vai all'inciucio, ci governi, voti con lui l'Umberto2? Ma dààààààài! Effettivamente Renzi presidente del consiglio adesso è impensabile: lui già lavora al logoramento del prossimo presidente del consiglio, mica vuol fare il logorato. E' una gara di surplace su pista: mi sembra ancora di sentirlo, De Zan, quando il primo a partire è Turrini: «Turrini Turrini Turrini... Morelon!».

    RispondiElimina
  107. Chiarificatore22 aprile 2013 22:58

    Incoerentemente da parte di Grillo, Colonnello, perché Grillo stesso, pochi mesi prima,aveva messo Rodotà, nel suo blog, in testa ad una lista della casta di pluri-pensionati da mandare "affanculo".
    Rodotà anche io lo considero un ottima persona e lo consideravo un ottimo candidato.
    Su Marini sai bene che non ero d'accordo, quindi con me anche qui sfondi una porta aperta.
    Resta il fatto che se davvero Grillo voleva far fuori Berlusconi poteva votare Prodi, gradito dai suoi elettori.

    RispondiElimina
  108. Ti ripeto che il prima precede il dopo: se il Pd voleva far fuori Berlusconi non aveva che a votar Rodotà, piddino e presnnte dalla prima votazione. E ti ripeto che il PD ha dimostrato di non voler far fuori Berlusconi con ben 101 voti contari dalle sue file. Non pochi mesi fa ma due anni fa Grillo ebbe quelle parole ( e Rodotà fu critico un anno fa sul grillismo) e succedono tante cose in due anni: del resto Rodotà era il terzo nell'ordine dopo due rinunce (Gabbanelli e Strada), votato dal popolo web mica da Grillo, non è mica un nome uscito dalle sacre stanze come Marini; il popolo PD si sta facendo già sentire, del resto, è contro l'inciucio ma sono sussulti di un partito moribondo, Renzi è ad portas.

    RispondiElimina
  109. No dai, passi ancora Togliatti - l'unica cosa in comune con Renzelli comunque era una certa dose di spregiudicatezza, non altro - ma accomunare Renzi a Berlinguer è troppo, penso anche per il Chiari, ahah

    RispondiElimina
  110. Chiarificatore22 aprile 2013 23:59

    Ancora sulle cazzate del PD di Bersani riconosciute da tutti, Colonnello. Il PD s'è reso conto di aver sbagliato con Marini, ha cambiato rotta ed ha proposto, come era nelle sue prerogative essendo il primo partito, Prodi, contro Berlusconi e rivolgendosi a Grillo. E tu non rispondi sul perché a questo punto Grillo ha detto no a Prodi, dopo che aveva detto no anche ad un governo col centrosinistra , tutte cose che avrebbero steso Berlusconi.In politica, caro Colonnello, se non hai la maggioranza assoluta e se vuoi ottenere dei risultati, con qualcuno devi trattare, almeno per ottenere i risultati più importanti ( ad es. mettere in un angolo Berlusconi), altrimenti parli parli ma poi, pur essendo ormai ben rappresentato in Parlamento, resti con un pugno di mosche, e continuando a fare demagogia puoi regger più tempo con i tuoi militanti, ma il tuo elettorato inizia a non credere più in te, come s'è iniziato a vedere in Friuli.

    RispondiElimina
  111. Senza mai parlare,senza esporsi Berlusconi è il vero vincitore della querelle sul Presidente della Repubblica;prestate attenzione,supergiovani,perché il pump-man sta rinsaldando gli accordi,sta serrando le fila e il suo silente esercito è al lavoro,da tempo.Individuato un Principe,che potrebbe essere proprio Renzi,calerà un poker,dopo che gli avversari al tavolo pensavano ad un bluff e saranno andati a vedere con al massimo una misera coppia(senza figure)in mano.Attenzione e orecchie dritte,avanguardisti...

    RispondiElimina
  112. Chiarificatore23 aprile 2013 00:03

    Berlinguer fu un grandissimo segretario durante i primi sei anni della sua segreteria, negli ultimi sei , a partire dal rapimento di Moro, perse lucidità e spinta innovativa. Soffrì profondamente in questo periodo involuto, anche sul piano fisico.

    RispondiElimina
  113. Chiarificatore23 aprile 2013 00:06

    la spregiudicatezza è necessaria per vincere, e poi, se usata per nobili fini, può anche far fare grandi cose.

    RispondiElimina
  114. Chiari, quello che hai detto gli rende ancora più onore, come uomo, in primis, e come politico. Buonanotte a tutti.

    RispondiElimina
  115. Chiarificatore23 aprile 2013 00:09

    RenzellAAAAAAAAAAA!!!

    RispondiElimina
  116. Vincere contro un rintronato funzionario di partito senza palle e senza fantasia e contro uno strillone di piazza apprendista stregone è roba da ragazzi per uno che avrà tutti i difetti che volete ma coglione di certo non è. Con Renzi, se i suoi lo seguono, sarà altra battaglia.

    RispondiElimina