.

.

domenica 21 aprile 2013

Il vetro antiproiettile

Due facce della stessa medaglia, due tempi completamente diversi della stessa partita, un po’ come a Bergamo nella vittoria contro l’Atalanta. Da una parte il Paese che è tornato ad interessarsi della politica, che è stato vicino alla propria squadra, attento, che ha partecipato, tifato, imprecato quando Pizzarro/Bersani si è fatto portare via il pallone da Montolivo/Berlusconi. Dall’altra parte però lo spettacolo è stato agghiacciante, come assistere allo stupro della propria mamma al di là di un vetro antiproiettile, a me possono girare anche le scatole, ma penso soprattutto alla moglie di Napolitano che le scatole le aveva già preparate per il trasloco e Giorgio le ha detto di svuotarle. Menomale che oggi c’è la Fiorentina, menomale che il meteo ieri ha scazzato le previsioni così posso divertirmi con chi vive settimane appeso a un filo seguendo ora per ora, giorno per giorno il formarsi delle nuvolette sopra il nome della propria città. Ieri temporali una sega, solo le scoreggie della politica, rumorose e puzzolenti, ma al meteo almeno gli siamo andati nel culo, come spero oggi pomeriggio anche a Cerci, e mi piacerebbe sapere se il Marchese Martelloni lo rivorrebbe a Firenze, insomma, se dopo aver strappato la tessera del PD e dichiarato di voler passare al Sel, non rivoglia anche Delio Rossi per prendere a schiaffi Bersani.  La Bice che è molto bella si candida invece a novella Militella, e nella giornata della politica m’invia il suo striscione, un sunto della giornata che lei definisce un sunto bisunto, e così vorrebbe iniziare una nuova rubrica, ma io faccio mio lo striscione solo per dedicarlo a Montolivo e rigetto l’idea. No, la politica no, preferisco vivere, alla politica preferisco persino una conferenza stampa di Delneri che alla fine parla come Vendola, preferisco la pontellizzazione, i nasi e le parrucche di Moena, l’elettrizzante trama di un post di Marco Siena, preferisco Ramadani che è più strategico di D’Alema, Pallavicino che è più bugiardo di un franco tiratore. Vorrei tanto dire che preferisco anche Zamparini, Preziosi e Tutunci, ma non lo dico, magari nel segreto dell’urna li voto come avrebbero fatto il Vuturo e quei pochi rimasti su Fi.it che non siano il Giannelli. Si, con la politica solo rapporti protetti mentre con la Fiorentina vado a diritto, senza nessuna precauzione, il preservativo solo per qualche testa di cazzo a margine, per qualcuno che è diventato ex, insomma se il calcio è un troiaio, la politica è anche peggio, ma la Fiorentina no, è come quelle donne che trombano solo con te, che non cacano nemmeno perché sono troppo belle per farlo, si, voglio pensare solo alla Viola oggi, sperando di godere e poi stasera gufare il Milan, comodamente, il lampredotto è “bono” ma è scomodo perché va mangiato in loco, e allora per gufare in maniera informale ho comprato la porchetta, alla faccia del “mortadella” trombato, e guferò sul divano con un bel panino e una birra. Lo so che anche il calcio ha i suoi scheletri nell’armadio, Conte, Galliani e Liguori, per esempio, comunque mi sembra tutto meglio di quello che ha combinato Bersani, e poi non c’è niente di più divertente che della stagista e del Gat.

63 commenti:

  1. Ringrazio Blimp per la gentilezza con cui mi ha fatto le sue scuse per essere stato ingannato dal diabolico Disqus. Evidentemente lo scopo del sistema è favorire la nascita di un clima di omogeneità ed unanimismo. E Disqus lo persegue mescolando i post in modo che Blimp possa apparire un sostenitore di Prandelli ed io di Cerci. Un sistema tutto sommato condivisibile per evitare il conflitto. Non sono riuscito a capire come giocherà il Toro, ma se davvero Ventura pensa di mettere in crisi il nostro centrocampo con una linea mediana formata da due centrocampisti di ruolo affiancati da Cerci e Santana, anche mettendo in conto i rientri dei due centravanti, e ci riesce, complimenti a lui. A me pare che la nostra organizzazione di gioco e i nostri uomini in campo siano troppo superiori. Non va però sottovalutato Ventura, che con questo sistema di gioco si sta salvando facilmente. Altra cosa è però venirlo a praticare a Firenze. Si rischia la goleada.

    RispondiElimina
  2. Chi e' ieri che si e' dimostrato piu' contento della rielezione di Napolitano? Berlusconi. E ci credo, lui e' il vero vincitore di questa tre giorni di delirio elettoral-parlamentare. Mi spiego.
    E' chiaro che Napolitano ha posto dei paletti: mi faccio rieleggere, va bene, ma voi fate la legge elettorale nuova, andiamo alle urne e io mi dimetto, cosi' il nuovo Parlamento che verra' eleggera' il nuovo Presidente. Berlusconi cosi' ha evitato il settennato di un uomo di sinistra (tutti, e dico tutti, i candidati dei giorni scorsi erano di sinistra. Centrosinistra) e ha ottenuto di poter votare il futuro Presidente, che - lui si' - durera' in carica sette anni, con un Parlamento diverso dall'attuale, un Parlamento in cui pensa di avere la maggioranza in quanto pensa di vincere le prossime elezioni (e penso che le vincera' lui, in effetti). A quel punto verra' eletto Presidente della Repubblica o lui o uno dei suoi scherani, e a quel punto, con un Berlusconi Capo dello,Stato e un berlusconiano caopo del governo, o viceversa, quelli del PD staranno a pensare ancora che Rodota' e' "marchiato" dal moviento di Grillo, cioe' da un movimento che praticamente non esistera' piu'. Complimentoni a quei geni del PD, veramente.

    RispondiElimina
  3. La storia va studiata perché la storia si ripete

    RispondiElimina
  4. Anto però non è automatico pensare che la maggioranza voglia Grillo solo perché è in atto una crisi o un governo Grillo-dipendente. Se Grillo trova i voti farà sicuramente in futuro questo tipo di governo. Non avendoli non poteva pretendere di dettare lui le regole del gioco.

    RispondiElimina
  5. Anto mi sembra tu corra un po' troppo. Intanto Berlusconi le prossime elezioni le deve ancora vincere e se le vincerà o meno dipende da come, da oggi, si organizza il PD. Per me non ha sbagliato a non votare Rodotà, anzi, è l'unica cosa giusta che ha fatto in tutti i casini che ha combinato questa settimana. L'unica cosa giusta perchè è l'unico caso nel quale, forse nemmeno consapevolmente, ha tenuto conto della propria debolezza. Un partito di 450 rappresentanti che ne può mettere insieme dalla metà ai tre quarti qualunque decisione prenda. Per eleggere Rodotà, a parte le considerazioni di opportunità già fatte e che ritengo più che valide, doveva assicurare 342 dei 450 voti che aveva ed io dubito forte che avrebbe potuto farlo.

    RispondiElimina
  6. Pardon 342 su 495 o 297 su 450, dipende da dove si mette SEL

    RispondiElimina
  7. chiarificatore21 aprile 2013 11:20

    Forza Larrondaoui!

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore21 aprile 2013 11:33

    Anche il Franchi è tornato quello dei bei tempi.

    Tocca, lo so che ci sarai, è qui che manchi!

    RispondiElimina
  9. Ora si è trascurato la viola per star dietro al presidente e tra tre ore si gioca e non ci s'è nemmen pensato! Concentriamoci alla svelta e richiamiamo lo spirito benevolo di Eupalla sul Franchi!

    RispondiElimina
  10. stefano vienna21 aprile 2013 12:19

    ma non si gioca stasera?

    RispondiElimina
  11. Non guardo mai le previsioni meteo, tanto me le riportano il 60% delle persone che incontro, e spesso sono scazzate. Per oggi occhio a Cerci e all'arbitro, abbiamo un'occasione troppo ghiotta per avvicinare Galliani, mentre dobbiamo anche mantenere il vantaggio su Roma e Inter che sulla carta dovrebbero vincere, anche se se le mie gufate non mancheranno nè nei loro confronti nè verso il Napoli e il Milan, sì, avete capito bene, stasera guferò gli zozzoneri sbattendomene le palle di chi è il loro avversario, perchè fa comodo a noi, tanto non è che il Milan mi stia molto più simpatico delle merde.

    RispondiElimina
  12. Ecco, Jordan, dipende da come si organizza il PD. Il punto e' proprio questo. Gia' che si organizzi mi sembra una chimera, addirittura chiederi il come mi sembra fantacienza.

    RispondiElimina
  13. Forza Viola Forza Toro due colori un cuore solo.

    Pero' oggi i tre punti a noi, eh, che il Toro li faccia domenica prossima nel derby.

    RispondiElimina
  14. Importantissimo vincere oggi, altrimenti la partita di stasera [scenderà in campo motivata, la juve, o si abbandonerà al relax di uno scudetto già vinto, e all'abbraccio di Galliani?] non conterà nulla. Solita immagine beneagurante.

    RispondiElimina
  15. No Stefano, si sarebbe giocato la sera se la Juve avesse passato il turno. Si gioca regolarmente alle 15,00

    RispondiElimina
  16. Se si decidono a puntare su Renzi senza "se" e senza "ma" che è quello che ha indubbiamente maggior presa sulle folle che devono votare e la smettono di farsi la guerra all'interno sono già un bel passo avanti. Chi non ci sta confluisca in SEL o si faccia un altro partito come fece Mussi sette anni fa.

    RispondiElimina
  17. Ho perso 5 kg e 10 anni.

    RispondiElimina
  18. Il gol di Romulo vale 6 punti

    RispondiElimina
  19. Tanto per evidenziare le differenze di persona....Santana non esulta e sono passati anni....La caccola di Valmontone esulta sguaiatamente tanto quanto la merda trasferita a Milano e forse anche peggio......per il resto sofferenza a mille ma queste sono le partite che fanno grande una squadra. In altre occasioni avremmo perso. Siamo una grande squadra.

    RispondiElimina
  20. Fulmini africani


    Ciao a tutti, un fulmine he devastato il ripetitore interne, che e' stato repristinato solo adesso, quindi niente treaming e nessuna diretta mi ha fatto godere del risultato.Solo Rai Intl dove ho visto i gol e le interviste di Varriale. Volutamente non ho ancora aperto i vostri commenti e vi faccio delle domande.1) Chi non ha seguito Barreto nell'azione del gol? 2) Come ha giocato Cerci?.Io posso dire solo questo: gran gol di Ljajic, mirato e voluto e che dai gol si evince, correggetemi soprattutto Jordan ex portiere, che Viviano non riesce ad allungare le braccia, cosa gia' rimarcata diverse volte, non ultima la punizione di Balotelli finita fuori nel primo tempo quindi passata onisservata, sembra che si preoccupi di proteggersi nella caduta...Nel primo gol abbozza il tuffo poi si blocca, il secondo, anche se forte, il pallone gli passa a mezzo metro, il terzo, ok, non lo prende nessuno, anche se lo fa uno buono per le serie minori....Ma, dico io senza aver visto gli sviluppi del match, come si puo'mirare alto con un portiere che non prende i parabili?Se il Toro, che gioca un calcio sopraffino con un modulo unico, e' rientrato nella partita, non e' che lo si deve a Viviano?



    Lele

    RispondiElimina
  21. Penso che se tre gol come i nostri primi 3 di oggi li avesse subiti Viviano, lo avremmo fatto nero, e lo dice uno che spesso ha avuto da ridire su di lui e che pure oggi è rimasto perplesso in una occasione (il gol di Santana).
    Una volta avuto quel largo vantaggio ci siamo persi nelle leziosità, pensando già a dove brindare stasera, e stavamo per scrivere una di quelle partite storiche che ti segnano in negativo per almeno 30 anni. Dopo i primi 40 minuti salvo solo Pizarro (l'unico a restare sempre concentrato) e Cuadrado, oltre naturalmente a Romulo: giù il cappello davanti alla sua caparbietà, perchè quando ti fai riprendere 3 gol, le partite finiscono più spesso 3-3, o, se proprio una delle due segna ancora, a spuntarla è chi ha cavalcato la rimonta.
    Ottima la battuta d'arresto della Roma, che per noi reputo più utile, oltre che più inaspettata, di quella (peraltro non verificatasi) dell'Inter: una bella tarpata alle ali dell'entusiasmo sul quale stavano viaggiando.
    Non farò mai il tifo per i gobbi, ma non ho problemi ha ripetere che stasera spero vincano loro, tanto lo scudetto lo vincono a prescindere, una loro vittoria ci fa più comodo e il l'odio che provo verso il Milan è giusto di un capellino inferiore a quello che provo per la Rubentus.

    RispondiElimina
  22. Viviano oggi non mi è nemmeno dispiaciuto, è uscito a tempo fuori area un paio di volte, ha fatto un bell'intervento su Bianchi, insomma sembrava sveglio. Purtroppo ha delle tare, prima tra tutte l'agilità nell'andare a terra. Il goal di Santana non è facilissimo da prendere ma un portiere bravo di serie A lo deve prendere, se però per andare a terra ti ci vuole un quarto d'ora non lo prendi e se non hai nemmeno la reattività di piede per provare a respingerlo così ti fanno goal. Ne prese uno simile a Napoli alla prima di campionato con la scusante, allora, di avere gente davanti, ma anche lì ci si buttò goffo e lento e gli passò sotto la pancia. Purtroppo è stato un episodio decisivo, se non fanno quello e si resta sul 3-1 magari si calmano. Sul primo goal ci poteva far poco, era in netto ritardo perchè spostato, giustamente dall'altra parte, da dove veniva l'azione. Quello di Cerci è il tipico tiro che ti fa fare la figura del coglione senza molta colpa. La possibilità di prenderlo dipende dal culo di trovarsi nella posizione giusta di partenza, se sei appena un po' avanti, dove magari devi anche stare su un tiro da fuori, non lo pigli più. Che poi lui con i piedi a muoversi non sia un fenomeno è un'altra caratteristica che ha, ma, da dove era, prenderla non era facile.

    RispondiElimina
  23. Le esclusioni di Roncaglia vi rimangono più indigeste di una carrettata di fettunta. Santana non tocca boccia per 85 minuti, segna un gol sul quale Tomovic ovviamente sbaglia, ma non leggo nessuno, ripeto nessuno, che sottolinea di come lo stesso Nenad salvi capra e cavoli su Cerci lanciato a rete con due compagni soli in area di rigore sul risultato di 3-3 e che ci avrebbe mandato diritti nel guinnes dei primati dei bischeri. Tra l'altro gioca gara diligente e disciplinata ma, oramai si sa, l'erore dei due mondi non può star fuori, nonostante molto spesso, senza il gringo, arrivino i 3 punti... Errori in serie anche di Montella, oggi davvero aiutato da sanculovic: mettere Savic (osceno, ma non totalmente per colpa sua, appunto...), un centrale di difesa a fare il laterale fluidificante per bloccare Cerci è roba che nemmeno il peggior trapattoni. E riesce anche a perseverare nell'errore... Mi domando cosa avremmo scritto in caso di pareggio... Diciamo pure che ci è andata benone, ma gestendo così le partite è molto meglio rimanere ai campini durante la settimana, in Europa collezioneremmo solo figure barbine, con conseguenti prese per i fondelli dei tifosi strisciati dai quali siamo circondati...

    RispondiElimina
  24. Giusto Jordan, infatti quello che non mi è andato giù è solo il secondo goal, sugli altri lo assolvo ed ha fatto anche un bell'intervento su quel colpo di testa ravvicinato, ma hai già spiegato tutto, il secondo goal è parabile senza troppi patemi, in serie A, è quello che ha riaperto la partita.

    RispondiElimina
  25. Più che intercettare gli tirano sulle caviglie Louis. Oggi Tomovic è da insufficienza piena e lo dico senza pensare minimamente a contrapposizioni di partito. eh eh eh eh

    RispondiElimina
  26. Anche per me Leo non è sufficiente, ma nemmeno da 4, onestamente. E ripeto che Santana non ha fatto poi chissà cosa...

    RispondiElimina
  27. Lascialo stare il colonnello, ha le sue fisse, come noi le nostre, è ingeneroso a volte, generoso pure troppo, altre. Tomovic ha toppato come tutta la difesa, si salva compperone e basta oggi, ed è grave dato che si era sul 3-0 alla mezz'ora.

    RispondiElimina
  28. Louis lascia perdere le fittonate (lo so che ti consideri il procuratore non stipendiato del serbo...), Santana con Tom ha fatto quel che voleva sempre, le tre discese (fra cui quella del gol di Barreto) del primo tempo le hai dimenticate, nella ripresa poi Santana è alla radice di tutte le intraprese pericolose del Toro, Tom gli sta perennemente a tre metri, nel panico che sembra Pasqual, e non gli serve a nulla perché quello lo scherza lo stesso. Bada che per me Tom è preziosa riserva, ho sùbito salutato come molto positivo il suo acquisto, ma insomma dovevano bastare i primi 45 minuti, a Montella, per capire la solfa: Compper su Cerci e Fac su Santana, che è poi quel che ci voleva da subito. Ha rivoluzionato l'assetto che era andato bene a Bergamo ed ecco il risultato, fra quei due e Viviano abbiamo rischiato non solo di pareggiare, ma di perdere un match (se Cerci invece di far l'altruista entra in porta col pallone...) che il primo tempo aveva chiuso. Due soli spauracchi presentava il Toro: Cerci e Santana, e Montella li ha lasciati imperversare. Montella deve crescere nella maggior attenzione agli atouts dell'avversario (cfr. Diamanti, Pirlo, Totti e quanti altri quest'anno): non è trapattonismo, si può imporre il proprio gioco avendo le opportune accortezze. Il Brasile, a disprezzar l'avversario, ha perso non so quanti Mondiali: la spada ce l'hanno anche gli altri, anche se la tua ha lama di Toledo e hai sbuzzato mille spadaccini provetti.

    RispondiElimina
  29. Come previsto, partita «ipnotizzata»: 2 punti di svantaggio sembrano pochi, a cinque giornate dal termine, ma intanto il Milan ha sei punti da ritirare a tavolino, con Catania e Toro e solo noi le prossime due partite dobbiamo giocarle e sono partite ruvide.

    RispondiElimina
  30. Chiarificatore21 aprile 2013 21:42

    Vergognoso primo tempo della rube, di puro allenamento.
    Si prefigura un inverecondo biscotto, o anche peggio, ad esempio un gol del Milan attorno alla mezz'ora, tanto perché sia poco il tempo durante il quale bisogna far finta di volerlo recuperare.
    Spero di sbagliarmi.

    RispondiElimina
  31. La Fiorentina è una squadra che, costituzionalmente, non sa gestire molto bene le fasi di contenimento, a cui non piace giocare bassa. Così quando deve calare i ritmi o quando gli altri li alzano, rischia di andare in crisi. E' un difetto, anche serio, perchè o sei davvero il Barcellona (ma anche lui deve saper gestire bene le fasi di recupero) o la continuità di risultati te la puoi scordare. Ora il fatto mi sembra aggravato da una condizione fisica che, con i primi caldi, non mi sembra all'apice. Infatti chi decide gli orari delle partite ce le fa giocare tutte di pomeriggio, mentre il Milan gioca quattro volte su cinque dopo cena (e dopo di noi), Sarà un caso?

    RispondiElimina
  32. Colonnello la vis coglie anche te con quel 6 a Rodri che ha sbagliato tutto lo "sbagliabile" (due appoggi agli avversari, un lancio in fallo laterale, un retropassaggio da seppuku a Viviano, due mancate chiusure al centro, una su Cerci e una su Santana nel secondo tempo.....) ma il culmine lo raggiungi con Mati "..... si rende prezioso prendendo il timone di un centrocampo abbuiatosi....." dove, quando e come ?! La scossa l'ha data agli avversari, più soporifero di così il suo ingresso non poteva essere, ha avuto un'impatto sul match al pari di un Bolatti fuori forma; insomma a fittonate siamo messi bene tutti quanti, con Mounir vi è toccato alzare bandiera bianca, solo di passaggio nella viola e trombato senza attenuanti nonostante l'abbiate incensato senza merito alcuno ed averlo investito del ruolo di attaccante non di scorta, io su Mati ho fiducia ma se dovessi giudicarlo per quanto dato quest'anno, da dentro o fuori, fuori tutta la vita.

    RispondiElimina
  33. Chiari, ma cosa ti aspettavi? Era scritto, dopo la vittoria della Juve a Roma. Dài un'occhiata alle scommesse fin dal martedì... E purtroppo il Siena ha inopinatamente perso, mentre poteva oggi quasi chiudere il discorso-retrocessione, onde incontreremo loro e i palermitani ancora nell'incandescenza della lotta per la salvezza. Butta male, ma il nostro terzo posto non è adesso che ce lo siamo giocato.

    RispondiElimina
  34. Quanto avrà scommesso Buffon sul pareggio di questa sera?Mai vista una Juve così poco incisiva,poco ficcante,poco o nulla verticalizzante...mah...avranno deciso di farsi gli affari loro,i capi del calcio italiano......mah....

    RispondiElimina
  35. La vittoria all'ultimo minuto del Napoli almeno dovrebbe suggerire alle merde che a loro non conviene perdere oggi. Ma il pareggio e' ampiamente annunciato.

    RispondiElimina
  36. Tutti noi or ora smentiti...

    RispondiElimina
  37. 6 non è un gran voto per un Rodri ed è quasi quel che gli assegnano gli utenti di Fiorentina.it (5,78), i quali pure assegnano praticamente il mio 6+ (6,10) a Mati: io sono dunque vittima di una fittonata di massa. Ma mica cerco giustificazione nella massa: in fondo è la stessa che massacrava Cerci. Nel dettaglio, Mati ha preso il posto del Pek nella direzione del centrocampo, non ha ancora ritrovato lo smalto delle due belle partite precedenti l'infortunio ma è stato prezioso in un centrocampo affondato o affondante; inoltre, ha avuto la bella intuizione-assist. Rodri, come ho segnalato, ha mancato lo sbarramento a due convergenze ma con tutti gli appoggi che ha dato due o tre errori ci stanno, non è questo tutto lo sbagliabile: osserverei piuttosto che il direttore di difesa la palla di testa a uno libero in area, all'ultimo secondo di gioco, non deve lasciarla, usi gli strumenti che vuole. Per i due giocatori ho grande stima ma ero il solo, nel girone d'andata, a segnalare il numero di cross che fischiavano intatti dai nostri sulla nostra area e ho mollato un 4,5 una volta a Rodri, che ha sollevato scandalo presso il Sopra. Insomma, io non faccio il Pallavicino di nessuno, anche perché da Montolivo, per difenderlo, mi farei pagare troppo.

    RispondiElimina
  38. Caro Sopra, sai quanto mi piacerebbe aver pensato male degli julanisti! Ma quel che scrive sotto Chiari, di una maggior credibilità dell'1 a 1 rispetto allo 0 a 0, per un biscotto, mi lascia ancora nel cinismo.

    RispondiElimina
  39. Onestamente brucia vedere un Milan così inverecondo precederci in classifica. Juve vera comunque che sta mettendo ai paletti il Milan, magari ci scappa un pareggio, magari il secondo goal e buona notte. Peccato aver perso il treno a Gennaio, non solo in fase di rafforzamento. Se finisce così siamo ad un punto, si può tornare a parlare di CL, per niente teorica, calendari duri o meno.

    RispondiElimina
  40. La vittoria all'ultimo tuffo disegna eroi tutti i subentrati e una manica di polli quelli che hanno bruciato un triplice vantaggio. Solo su Mounir c'è convergenza, ormai improponibile il prossimo anno a differenza di Mati che gode di parecchi estimatori e che salvo infortuni avrà modo di rifarsi il prossimo anno.

    RispondiElimina
  41. Normale,anzi ordinari, gesti tecnico-calcistici di Montolivo o di Costant che Piccinni commenta con iperboli o aggettivi superlativi per niente attinenti,magari degni di uno Xavi Alonso,di uno Shaquiri,di un Pek....ma non di quei due esodati..

    RispondiElimina
  42. Effettivamente, al rientro dagli spogliatoi la Juve ha cominciato a giocare a calcio... Via, toccherà ringraziare anche i gobbi!

    RispondiElimina
  43. La samp presenta due pericoli: il dente avvelenato di Delio e la statistica, poichè non vincono da sei giornate. Icardi è uscito in barella, si spera che non giochi.

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore21 aprile 2013 22:37

    Che bello sbagliare le previsioni, eh eh eh.
    La Rube però ha dato il 60-70% non di più.
    Il Milan fa ridere.

    RispondiElimina
  45. Malfidenti (ma i gobbi non hanno fatto nulla per vincere). Questo Milan perderà altri punti per strada, ma temo anche noi.

    RispondiElimina
  46. Siamo di nuovo in lotta CL, aumenta il rammarico per le occasioni buttate, adesso sotto con le 5 finali.

    RispondiElimina
  47. Chiarificatore21 aprile 2013 22:39

    Fino al vantaggio, su rigore, i calciatori della rube erano fischiati dal loro pubblico per la scarsa determinazione.

    RispondiElimina
  48. I gobbi sono gente onesta, signori mia! E li abbiamo diffamati! vergogna! Chiedere scusa! Ovviamente cominciate voi... ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  49. Il pungiglione

    Mancavano sei partite alla fine oggi, le ultime,
    decisive per assegnare scudetto (pochi dubbi), posti Champions, diritto alla
    permanenza in serie A. Si entra in una fase in cui gli errori si pagano senza
    tempo o spazio per rimediarli, una fase in cui ci dovrebbe essere la più
    completa parità di opportunità e situazione per i vari competitori. A noi
    interessa in particolare la lotta per l’Europa e, in particolare, la lotta per
    il terzo posto Champions che ci vede impegnati in una difficile rincorsa al
    Milan. Tutte cose che si sanno benissimo. Sarebbe quindi giusto pretendere che
    calendari e orari degli incontri fossero
    fissati in maniera da non avvantaggiare nessuno. Anni fa, quando la TV non
    imperversava con i suoi milioni, era facile, le ultime giornate di campionato
    non solo venivano giocati tutti gli incontri in contemporanea, ma anche gli
    orologi degli arbitri eran sincronizzati perché non ci fossero nemmeno pochi
    minuti di slittamento. Ora c’è la TV e tra partite giocate al sabato, all’ora di pranzo e all’ora di cena tutto questo è utopia. Va
    bene, però sarebbe bene non esagerare e non trovare un altro modo di dare
    vantaggini sempre ai soliti. Con i primi caldi che arrivano sarà meglio per una
    squadra che ha fatto una lunga rincorsa e dà segni di stanchezza con secondi
    tempi spesso giocati in riserva, scendere in campo alle tre del pomeriggio o
    all’ora di cena? Il Milan di questi ultimi sei incontri ne giocherà quattro
    alle 20,45, uno alle 18,00 e solo uno, quello

    RispondiElimina
  50. Il Milan non ha un calendario facile, al pari nostro, la prossima col Catania che a S.Siro ha..... tradizione favorevole, gli mancherà ancora il Balo, dopo riceverà il Torino che domenica prossima ha il derby e se prende un altra bastonata si giocherà mezza salvezza con i rossoneri, poi avranno punti facili a Pescara e Roma e Siena nel rush finale. Spero in un Siena in cerca di un punto per la matematica salvezza all'ultima.

    RispondiElimina
  51. Il secol Torino, alle 15,00. Sarà un caso. Punto due, per due
    contendenti come Milan e Fiorentina, starà meglio chi gioca prima o chi gioca
    dopo, conoscendo quindi il risultato dell’altra? Il Milan giocherà cinque volte
    su sei dopo la Fiorentina, l’unica volta che giocherà prima sarà per l’incontro
    col Pescara già retrocesso. “Honny soit qui mai y pense” dicevano i francesi, a
    pensarci male ci s’azzecca diceva un altro. Ed allora mandiamo le api, con i
    pungiglioni roventi, ai soliti noti, a quelli che fanno questi calendari.

    RispondiElimina
  52. Partita da polluzioni multiple nel primo tempo e da retromutanda leopardato nel secondo. Nella prima fazione il Toro si espone in maniera suicida alle trame ragnatelesche del nostro centrocampo, aspettando per ripartire e lasciando assoluta libertà ai tre califfi. I quali ne prendono atto e, liberi di partire dalla nostra difesa a quella altrui, disegnano gioco in continuità. La viola è compatta da Gonzalo a Larrondo e questo è il motivo principale di una violenza tecnica perpetrata per 40 minuti. Nell'intervallo, essendo ancora vivo grazie ad un contropiede lanciato da Borja, annoiato da tanta facilità, Ventura passa coi disegnini giocatore per giocatore. I suoi davanti capiscono che devono schiacciare sulla nostra difesa, lo fanno in quattro, di fatto infilando una barriera tra difensori e centrocampo viola. Dietro i granata capiscono che devono saltare in nostro centrocampo con i lanci ed ecco che la partita cambia. La Viola è spaccata in due e in mezzo ci sono i quattro d'attacco del toro che non danno pace. Rimane anche più complicato rifornire gli esterni d'attacco, in quanto Tomovic e Savic sono pressati dalle ali avversarie. Una panciata di Viviano e un missile a 103 kmh di Cerci paiono rendere una bella giornata di sole il più schifoso dei pomeriggi, ma poi ci si ricorda chi siamo, come giochiamo e perché oggi vincere è assolutamente imperativo. Uno scambio tra riserve e il gol del meno atteso è servito. Perché di questa squadra si sentono parte tutti.

    La versione del Foco:


    Viviano 5,5: certe volte, dalla difficoltà che ha nell' andare a terra, mi fa credere che quel ginocchio non sarà mai a posto. Panciata sul gol di Santana, parzialmente riscattata da un bell'intervento su Bianchi e da una finta che lo poteva condannare all'infamia.

    Tomovic 5: non capisce le finte ed il convergere di Santana, il quale lo salta con troppa facilità.

    Gonzalo 6: bene, niente errori. Ma nemmeno grandi interventi.

    Compper 7: primo tempo imperiale su tutti quelli che passano dalla sua parte. Grande acquisto nel rapporto qualità/prezzo.

    Savic 6: Cerci fino al gol è inesistente. Puntuale in copertura, rimane dietro per caratteristiche. Nel secondo tempo questa è una delle cause dei problemi: troppa distanza dagli esterni d'attacco.

    Aquilani 6,5: fino a quando siamo i padroni lui califfeggia, andando a prendersi il gol e cercando giocate ad alto coefficiente di difficoltà. Nel secondo tempo in netta difficoltà.

    Pizarro 7: primo tempo da pezzo grosso, secondo a rincorrere gli altri. Prezioso in ogni angolo. In testa ha più strade di un TomTom.

    Borja 6: ha il demerito di lanciare Barreto nel gol che defibrilla un Toro ormai all'altro mondo. La sua partita prima e dopo la fa.

    Ljajic 7: primo tempo inappuntabile per attitudine. Darmian lo affronta con le giuste contromosse e lui insacca con un raggio laser su punizione. Contro il toro a testa bassa viene sacrificato. A mio avviso erroneamente.

    Cuadrado 7,5: giocatore senza termini di paragone, capace di spaccare le partite e dotato di un fisico prodigioso. Tiramolla e Beep Beep messi insieme nelle scarpe di un sudamericano.

    Larrondo 5,5: l'impressione che resta è che con Jovetic nel primo tempo saremmo stati sei a zero. Lotta ma in maniera poco funzionale. Paga il gap tecnico con gli altri compagni.

    Mati 6,5: mezzo gol è suo e dei suoi piedi. Speriamo che il prossimo sia l'anno di questo progetto di fuoriclasse.

    Romulo 7,5: a testa bassa subito dentro. Ci regala tre punti che potrebbero essere decisivi.

    RispondiElimina
  53. Due settimane fa il Milan era a +6 su di noi, anzi, a esser più pignoli era a +9 nel momento in cui ci stava battendo 2-0 a casa nostra, ah però! In quel gennaio dissi nero di non voler credere più alla Champions, ma ora mi resta diffcile non sperarci, se facciamo prestazioni del cavolo come quella di Cagliari (ma anche come per metà della partita di oggi) mi fanno incazzare.
    Quanto al posticipo di stasera, può esser vero che i gobbi non hanno giocato al Massimo, come dite voi, ma c'è poco da biasimarli, lo scudetto ce l'hanno già in tasca, era il Milan la squadra tenuta a mostrare più motivazioni, e così non è stato affatto. Il ritorno di Balotelli però porterà loro effetti benefici, sta a noi decidere se ripetere le migliori o le peggiori prestazioni di quest'anno.

    RispondiElimina
  54. stefano vienna22 aprile 2013 00:18

    Io dico solo una cosa: Roncaglia terzino destro, difesa a quattro fino alla fine.

    RispondiElimina
  55. stefano vienna22 aprile 2013 00:22

    E Mati, se ha un futuro a Firenze, è come vice-Pizarro, ma Montella ci deve lavorare giorno e notte.

    RispondiElimina
  56. Festività comprese.

    RispondiElimina
  57. Stefano, non è questione di lavorarci sopra ma di averlo in salute tre partite di seguito almeno. Sopra ma se hai visto la stessa partita di Deyna come mai la differenza cospicua nei voti?

    RispondiElimina
  58. Che Galliani l'abbia pensata così è evidente ma non credo che porti vantaggio, ormai: tanto noi dobbiamo vincerle tutte, se il Siena è salvo prima dell'ultima che giocherà contro il Milan e se la Roma non fa scherzi più a loro che a noi. Al contrario, una squadra meno scafata, più esuberante, meno speculativa come la nostra potrebbe essere disturbata dal conoscere il risultato della competitrice in anticipo.

    RispondiElimina
  59. Sono d'accordo, dubito abbiamo esperienza per gestire partite sapendo in anticipo il risultato di una diretta concorrente, vero è che le condizioni meteorologiche giocano più a favore del Milan, più fresche le loro partite, più bollenti le nostre. Pensavo ai giochi per la CL stra-chiusi ed invece...... preoccupiamoci del nostro orticello, a vincerle, anche se Delio li caricherà a molla per questa sfida, devono acquisire la matematica salvezza ed hai visto mai che se possa farci uno sgambetto gli dispiaccia.

    RispondiElimina
  60. stefano vienna22 aprile 2013 02:26

    Al massimo gli si concede di arrivare in ritiro due giorni dopo.

    RispondiElimina
  61. Non credo che il Torino, a meno che non abbia già trovato nel derby i punti sicurezza (cosa di cui dubito, il derby non lo perdono mai volentieri i gobbi anche se non serve più a nulla e lo scudetto matematico è sempre un obiettivo), sia in condizioni di far molti regali al Milan. Se domenica sera sarà sempre a 36 qualche paurina gli potrebbe anche venire. Il problema lo vedo più in noi. I risultati si ottengono sapendo difendere il solco e noi non sappiamo difenderne nemmeno tre in casa col Torino! A Genova con Rocky Balboa dal dente avvelenato bisognerà stare ben più attenti e concentrati. Se facciamo sei punti in queste due partite non credo li faccia anche il Milan, mi sembrano decisamente alle pompe. Purtroppo hanno il rientro del matto, senza di lui due partite un goal.

    RispondiElimina
  62. Non erano tre giornate ?!

    RispondiElimina
  63. Gliele hanno già ridotte a due, o che credevi?

    RispondiElimina