.

.

mercoledì 24 aprile 2013

Adesso Adem

Botti sulla Champion, anzi crauti, mentre sul Governo, Renzi porterebbe più un sapore di Rauti, ipoteca della Deutsche Bank sulla finale quindi, peccato, avrei preferito una bella paella, sempre così colorata e ideale per mescolare sapori diversi, un piatto ricco di metafore, attuale, perché la sua ricetta è basata proprio sulla globalizzazione degli ingredienti, ma ieri il Barca è sembrato svuotato come il Monte dei Paschi di Siena, troppo più cattivi i tedeschi, anche più di Mussari, di Monti e anche dei Tremonti Bond, mentre per Ludwigzaller la partita ha detto che Prandelli sarebbe l’ideale anche come prossimo James Bond, e la Bond girl della foto è in realtà la stagista del Gat sotto dettatura notturna. Flautolenze a parte, deliri da insonnia e torte volate in faccia al Dorf, la sfida di domenica mi elettrizza più di un tratto ferroviario, sullo sfondo delle labbrate che a un tratto volarono fino a fare il giro del mondo, una vergogna che ha macchiato la maglia Viola e per la quale il Signor Rossi non si è neanche dimesso, e allora già vedo un gol forse due di Ljajic, e i titoli, “Due schiaffi a Delio”, si, deve andare a finire così per forza, sembra più scritto dello stesso titolo che potrebbero già mandare alle stampe. E’ un disegno del destino già esposto agli Uffizi nella speciale galleria dei nostri sogni, un capolavoro di quello stesso destino che ha inchiodato Napolitano al Colle e il povero Prodi a Colle Val d’Elsa, e chi di spada ferisce di spada perisce caro Delio, perché adesso la spada dalla parte dell’elsa ce l’ha Adem. “Adesso Adem”, altro titolo alle stampe, mentre masticabrodo si rivedrà il film della sua crisi di nervi, e purtroppo per lui ritroverà una Fiorentina che gioca come a lui non è riuscito far giocare, e sarà matato proprio da chi userà quelle specifiche motivazioni per attivare ed orientare i comportamenti in direzione del gol. Tieni le mani a posto Delio, mastica pure per scaricare la tensione, c’è gente che ha fatto la tua stessa professione e che oggi pur non essendoci più si agita a vedere certi comportamenti, non riposa per niente in pace, e non ha nemmeno la ciccingomma, e penso ai comportamenti poco consoni anche della politica che dovrebbe in qualche modo rappresentare il Paese, forse questa era meglio se non la scrivevo perché mi sa che lo rappresenta benissimo, comunque certi spettacoli indegni tra franchi tiratori e tiratori di labbrate non sono un bell’esempio. Ci vuole più rispetto per i morti.

149 commenti:

  1. Hai saltato una frase trascrivendo il mio post Leo. Un vecchio trucco ma permettimi un po' infantile. Incollo: Stamattina avevo scritto: "se davvero Ventura pensa di mettere in crisi il nostro centrocampo con una linea mediana formata da due centrocampisti di ruolo affiancati da Cerci e Santana, anche mettendo in conto i rientri dei due centravanti, e ci riesce, complimenti a lui. A me pare che la nostra organizzazione di gioco e i nostri uomini in campo siano troppo superiori. Non va sottovalutato Ventura, che con questo sistema di gioco si sta salvando facilmente. Altra cosa è però venirlo a praticare a Firenze. Si rischia la goleada". I fatti mi hanno dato ragione per 40' come al solito. Dal 40' in poi sono emersi i soliti limiti credo fisici e di concentrazione. Il gioco del Toro non ha molte soluzioni ma i tagli in area possono essere letali.
    Leggendo il commento per intero si capisce chiaramente che l'espressione "per 40' come al solito" si riferisce non alle mie capacità di previsione ma al fatto che di solito dopo circa 40' minuti di gioco incassiamo un goal. Questa volta ti è andata male, ritenta!

    RispondiElimina
  2. Stanotte il Vampirone Cincimorto ha fatto cacca piuttosto presto, verso le due: c'è un nuovo outing, concerne la sua perdita di facoltà mentali, è un po' più imbarazzante che quella sul simpatizzare e sul non vedere le partite ma tant'è. Lud, il fatto è che c'avevi visto giusto come al solito, potresti essere più diretto!

    RispondiElimina
  3. Questa non la sapevo, all'impudenza non c'è confine:

    «Licenziato in tronco e senza stipendio dopo il balzo pugilistico contro
    Ljajic (maggio 2012), Rossi incaricò i propri legali di contrastare la
    decisione della Fiorentina: la lettera inviata dagli avvocati dell’ex
    allenatore è conservata negli archivi della società viola, anche se
    dalle minacce di causa non si è poi mai passati agli atti concreti».

    RispondiElimina
  4. Io sono diretto di solito, credo che in media i miei post siano tra i più corti Blimp. Solo che Leo voleva alimentare l'idea che io soffra di deliri di onniscenza, mentre mi limito ogni tanto a fare qualche previsione senza ovviamente la pretesa di poterle azzeccare tutte. D'altronde quindici giorni fa quando ipotizzai la vittoria del Barcellona non potevo sapere che Messi avrebbe fatto l'errore classico dei grandi campioni che inguaiò anche il Brasile contro la Francia ai tempi di Ronaldo: voler scendere in campo per forza probabilmente su pressione degli sponsor.

    RispondiElimina
  5. Non ammettere sistematicamente di aver torto quando lo si ha è in effetti delirio paranoico, Lud.

    RispondiElimina
  6. E' morto Er Pecora.

    RispondiElimina
  7. Le previsioni sono previsioni, nemmeno Gianni Brera le azzeccava tutte e per scherzo diceva di avere un pendolino molto prima che Mosca usasse lo stesso trucco ma con meno eleganza. Ripeto: se le azzeccassi tutte sarei corteggiato dagli scommettitori. Intanto Gat si esibisce in una serie di complicati insulti.

    RispondiElimina
  8. Già annotato, Lud. Certo che si sbagliano le previsioni, Lud! Poi, però, occorre ammettere di averle sbagliate e siccome esse sono così aleatorie non gasarsi troppo quando le si azzeccano.

    RispondiElimina
  9. Pollock, piluccando tra i tuoi vecchi pezzi a scopo di crestomazia, vedo allusione al Marchese Martelloni su Cerci e materia calcistica: non ricordo se l'ho già detto, ma devo segnalarti che il Marchese non sa nemmeno se la palla è tonda o quadra e si beffa sempre del mio interesse per quel dominio, vantando orizzontalità a due nelle occasioni in cui la plebe, per dirla con lo Schreber, si arrapa per una finale del Mondiale o per le alterne vicende della Viola.

    RispondiElimina
  10. Dietro la previsione si annida un ragionamento. Il ragionamento, ancorchè corretto e lucido, è sempre minacciato dalle circostanze. Pare infatti che Berlusconi abbia alla fine negato a Renzi il ruolo di primo ministro. Ho sbagliato una previsione ma contemporaneamente se ne è avverata un'altra mia. Avevo scritto infatti che Berlusconi avrebbe tessuto l'elogio di Renzi finchè quest'ultimo era in ombra nel Pd, ma l'avrebbe attaccato e fatto attaccare dai suoi giornali una volta divenuto pericoloso rivale. Silvio, che non è scemo, non cederà certo il primato a Matteo senza combattere. E i sondaggi dicono che solo Renzi può batterlo. Tanto più un Renzi che avesse affrontato da premier la prossima campagna elettorale.

    RispondiElimina
  11. Sì, Lud, mi sembra la classica vecchia tattica degli Orazi e Curiazi di affrontare gli avversari uno alla volta dopo averli divisi. Prima Berlusconi ha usato Renzi contro Bersani e adesso affronterà Renzi usando tutta la sua artiglieria pesante di giornali e tv. Visto che si parla di previsioni azzeccate, mi ricordo, nell'autunno 2011, tutti quelli che esultavano pensando che Berlusconi fosse finito, mentre io dicevo di non fidarsi di quell'uomo, che ha mille risorse. La mia attuale previsione è che entro un anno si andrà alle urne e vincerà Berlusca (spero che questa mia previsione finisca come quella del Barcellona vincente contro il Bayern).

    RispondiElimina
  12. Diciamo dunque, Lud, che quando sbagli previsione la colpa è sempre delle circostanze ma il tuo ragionamento è sempre corretto e lucido, il che rischia di porti fra i paranoici alla Cagaldo o alla Pseudosenese, fra coloro cioè che hanno il nucleo dell'io così fragile da aver bisogno di un muro di cinta altissimo per difenderlo. Circa poi la retromarcia del Padrone dello Stalliere intorno a Palmirenzelli hai avuto senz'altro ragione, e accortamente, in tempi ben più rapidi di quelli che io, ad esempio, prevedevo. Che solo Palmirenzelli possa battere in challenge il Padrone dello Stalliere si sa invece da un pezzo, da quando il PD scelse con chiaroveggenza, per l'appunto, il Pirla alle primarie. L'integrazione di Anto, che ho appena letto, è preziosa: del resto il Padrone dello Stalliere è un animale politico notevolissimo, dal fiuto sensibile e nevratile di segugio.

    RispondiElimina
  13. Mi interesserebbe un medaglione, in morte, del Sopra su Er Pecora.

    RispondiElimina
  14. interpretazione molto forzata, quest'altra volta sforzati di usare un lessico più chiaro, perchè uno che esprime un concetto e lo chiude con "per 40' i fatti mi han dato ragione come al solito", in italiano si riferisce a quanto aveva appena detto e non ad altro concetto inespresso come le caratteristiche della Fiorentina. Chiunque abbia letto l'ha preso, giustamente, per una autosbrodolata, i più generosi l'hanno interpretata in senso autoironico ma io non ci giurerei.

    RispondiElimina
  15. perchè ti interessa tanto? era un altro elettore di Grillo?

    RispondiElimina
  16. Perché (come sotto ho scritto) è appena deceduto, Jordan, che sei entrato nel dibattito, dunque davvero alla cazzo di cane.

    RispondiElimina
  17. E' saltata una virgola, dopo il «dunque», nel mio ultimo post.

    RispondiElimina
  18. Che Berlusconi possa vincere le prossime elezioni, ancora una volta è ragionamento e non previsione alla cieca. Berlusconi durante le ultime elezioni doveva vedersela con una destra nata per fargli concorrenza: Monti, Casini, Fini hanno provato a togliergli più consensi possibili. Tra un anno quest'area contigua al Pdl non esisterà più e Monti rischia seriamente di uscire di scena definitivamente come gli altri due hanno già fatto. A quel punto i voti di Berlusconi aumenteranno di almeno un 3-5% come i sondaggi già indicano. Viceversa il Pd potrebbe subire una scissione a sinistra che lo indebolirebbe. In definitiva il favorito sarebbe Berlusconi seguito a ruota da Grillo, a meno che il Pd non si ricompatti affidandosi a Renzi e operando un rinnovamento radicale di uomini e programmi.

    RispondiElimina
  19. Era una battuta, Colonnello, magari non ti è piaciuta, ma l'interesse per il decesso di un uomo dell'ultra-destra da parte tua mi ha solleticato la curiosità, tutto qui. Quanto alle teorie Luddiane sui veti alla candidatura di Renzi, sembra che sia stato soprattutto Napolitano ad avere perplessità per la giovane età e la scarsa esperienza internazionale in un momento così. D'altra parte lui propende da sempre per Amato e probabilmente lo incarica. Gli altri ondeggiano tra un "so" ed un "ni" e si prendono quello che gli danno. Anche il PD, del resto. teoricamente suo partito, non lo ha indicato in maniera decisa con Marini e la Finocchiaro che la son legata al dito.

    RispondiElimina
  20. Non è una mia teoria ma una dichiarazione di Renzi, Jordan. Nel futuro c'è da aspettarsi che Berlusconi attacchi Renzi apertamente e se per caso saltasse fuori una casetta a Montecarlo o una storia extraconiugale vedrai che il Giornale non si fa scrupolo a pubblicarla e magari la inventa.

    RispondiElimina
  21. Non si sa nemmeno quando ci saranno le elezioni e cosa succederà in questi tempi in cui può succedere di tutto, ma come siete bravi a fare previsioni! Io spero in Renzi, l'ho già detto, ma prima deve convincere i suoi cosa che ancora non ha fatto.

    RispondiElimina
  22. In generale prevedere e analizzare in anticipo, razionalmente e non con il pendolino, fa parte del gusto di chi commenta sui blog o scrive sui giornali. Faccio l'esempio di Ljajic. A inizio anno mi faceva piacere prevedere che avrebbe sfondato e incominciato a segnare come poi è accaduto. Perchè? Perchè è inutile scrivere che Pizarro è bravo, lo sappiamo tutti ed elogiarlo ancora alla fine sarebbe ripetitivo. Molto più divertente è puntare su un giovane non ancora esploso e prevedere per lui una carriera radiosa. Mi pare che questo sport sul blog lo pratichino tutti ed è giusto così. Tu Jordan ad esempio lo hai fatto per Neto, e non è detto che tu non abbia ragione alla fine, essendo quest'ultimo ancora giovane e suscettibile di migliorare.

    RispondiElimina
  23. Chiarificatore24 aprile 2013 09:52

    Berlusconi pone il veto sul presunto berlusconiano Renzi. Nel frattempo lo stratega doroteo de noantri, alias l’ineffabile Orfini, e Ranieri, sbatteranno la testa contro il gigante Napolitano. L’ immenso Re Giorgio, salverà volutamente il nostro principale patrimonio politico nazionale, Matteo Renzi ,da un incarico che avrebbe accettato per senso dello Stato ma che lo avrebbe solo logorato inutilmente, visto che c’è bisogno semplicemente di un onesto, competente e preciso mediatore-traghettatore di un Parlamento di ipocriti, incapaci nominati, verso le elezioni anticipate tra un anno, massimo due, affrontando alla meno peggio le urgenze economiche e sociali, e facendo almeno la riforma elettorale. Amato probabilmente sarà l'incaricato,mentre l’inetto, incapace, e affossa PD, Enrico Letta sarebbe il meno indicato, e danneggerebbe troppo, con la sua evidente inadeguatezza, l’immagine del PD. Speriamo che Napolitano si ricordi anche un pochino del PD e salvi il PD, ed il paese, dall’ambizioso, sputtanato ed inetto Letta. Renzi nel frattempo incassa l'unanimità a sinistra ed anche di più, sul suo nome per il futuro. Come faranno i giovani turchi dorotei del PD, dopo averlo proposto ora come Presidente del Consiglio, a non sostenerlo in futuro?

    RispondiElimina
  24. Blimpe, a me più che altro è sembrato un teatrino, quello tra il Gat e il Delfino.... "come osi, lombrico!" - "ma guardi che non ero io, ho riportato quello che ha detto quell'altro" - "ah, sì, scusa, carissimo, non avevo capito, è quell'altro che...".
    Un gioco delle parti, insomma.

    RispondiElimina
  25. No, Jordan, è che non c'entrava un tubo e il mondo non si divide in persone di destra e in persone di sinistra, alternativamente obliterabili, onde se muore un sinistro a te non te ne frega nulla e sarebbe curioso se tu chiedessi a un sinistro cosa ne pensasse e viceversa. Sopra, che è dell'area, mi può dare un parere interessante su quella figura. Lud, sul Bayern hai sbagliato, stop: non è che ce lo fai dimenticare sollevando una tonnellata di post a schermo.

    RispondiElimina
  26. Comunque, rotto per rotto, adesso lancio la mia nuova previsione: al ritorno il Barcellona vince 6-1 e va in finale (a ganar, ovvio...)

    RispondiElimina
  27. Anto, se non andrà come dici, con ragionamento lucido e corretto, sarà stata colpa delle circostanze (ahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  28. Lud, il tuo ragionamento non è convincente. Avevi scritto che il Barça avrebbe vinto sicuro, lo vedevo favorito anch'io pur senza la tue certezze, e siamo stati smentiti, soprattutto chi come te ne aveva fatto un dogma. Magari se rigiocano da capo vincono i catalani, chi lo sa, ma il Bayern ieti ha ridato l'ennesima prova del fatto che, anno dopo anno, è diventato sempre più forte. Io ti troverei molto più credibile se ammettessi la cantonata, anzichè arrooccarti in una difesa che non ha nè posta in palio nè, in generale, un senso.

    RispondiElimina
  29. La politica non è scienza esatta, diceva Machiavelli, Blimp, sennò a quest'ora Cesare Borgia avrebbe unificato l'Italia e nelle piazze ci sarebbe il suo monumento al posto di quello di Garibaldi. Per le previsioni calcistiche si può dire lo stesso. Gioca la Fortuna non nel senso di buona sorte, naturalmente, ma di circostanze appunto.

    RispondiElimina
  30. Di certo se Renzi fosse l'avversario sarebbe trattato a pallettoni come qualunque altro avversario ma non bisogna essere maghi per immaginarlo. Solo che ancora non lo è, deve ancora guadagnarsi il ruolo di sfidante e che venga bombardato prima ancora di arrivare mi sembra più difficile, si rischia di fargli solo reclame. Insomma non credo che Berlusconi si spenda ancora in una battaglia aperta anti-Renzi, magari comincia a dare istruzioni a Sallusti di mettere qualche sassolino qua e là. Come capo-governo oggi erano più i rischi di sputtanamento che le probabilità di affermazione, per questo credo che il Berlusca, vecchia volpe, non lo avrebbe certo ostacolato.

    RispondiElimina
  31. Sì, ma cosa c'entra con Bayern-Barcellona? o con la forza attuale del Bayern?

    RispondiElimina
  32. Beh, sì, Anto, sarebbe triste, come scrivevo sotto, dover rubricare Lud fra i paranoici narcissici alla Cagaldo o alla Pseudosenese: io mi sto battendo contro questa deriva o questa minaccia che dir si voglia. No, Vita, Niccolò diceva che occorreva prevedere anche le mutazioni di fortuna. L'aporia di quelll'immortale capitolo XXV è che presupporrebbe in astratto un Principe inumano, capace di essere a volta a volta respettivo o impetuoso: invece il Machia deve arrendersi al fatto che squadra che vince nonsi cambia, onde siamo portati a fossilizzarci nelle nostre opinioni, nei nostri approcci alla realtà e nelle nostre previsioni perché per un po' «ci ha detto bene».

    RispondiElimina
  33. stefano vienna24 aprile 2013 10:18

    Chiari, tu sei troppo buono con Napolitano che, nonostante le buone intenzioni, è sempre alla fine ostaggio di Berlusconi che ormai ha capito come usarlo, blandirlo e convincerlo. A ottant'anni le lusinghe sembrano sempre sincere. Poi naturalmente il PD ci mette del suo perchè è diviso. Uscita di scena l'opzione Renzi, non solo il PD dovrà fare un governo con il PDL, ma Berlusconi può tranquillamente scegliere chi tra gli esponenti del PD lo guida. E chissà chi sceglie? Letta chiaramente, che ha lo stesso appeal di Alfano, ovvero null, nichts. E l'Italia sembra quasi come uno dei pianeti visitati dal Capitano Kirk dove ci sono regole assurde e rituali incomprensibili. Il tempo passa, mentre ci voleva ora un governo dei Quarantenni, di ricambio generazionale, Renzi leader e tutti ministri giovani. Ma in Italia questo è impossibile perchè conta solo la carta d'identità, scambiata per esperienza. Sarà che siamo un paese di vecchi, sarà che l'ha capito pure la Meloni. E ve lo dico, io avrei fatto anche la Meloni ministro, anche la Lorenzini, un Tosi. Se doveva essere inciucio almeno potevamo usarlo per ripartire da zero e dare speranza ai giovani e ai giovanissimi. Invece no, il sistema sceglie solo ottantenni e quelli fanno comodo a uno scaltro Berlusconi.

    RispondiElimina
  34. Scusa, Vitalogy, mi appariva il tuo nick, a cuasa del maledetto disqus, per un post invece di Lud cui ho appena risposto.

    RispondiElimina
  35. stefano vienna24 aprile 2013 10:21

    Non per farmi i fatti vostri, ma quanti anni avete? Perchè in questo paese si dà per scontato che la nuova generazione debba essere inaffidabile e impreparata per definizione?

    RispondiElimina
  36. Chi dà per scontato, Stefano? Chi? La casta arroccata.

    RispondiElimina
  37. Blimp, se non va come dico (ripeto: 6-1 del Barca e approdo in finale) fa niente, tanto avevo già cannato la previsione iniziale.
    Se però per caso ci azzecco, me ne vanto per decenni.

    RispondiElimina
  38. Anto... ahahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  39. Coscienza africana



    Ieri si e'avuta coscienza di cosa e' divenuto il Barca. Dopo anni di dominio
    di gioco, che tuttavia non hanno portato tutti gli allori derivarnti da
    tale supremazia, e'naturale che l'usura psicofisica degli attori e gli
    avversari che studiano le giuste vie di contrasto, portano al risultato
    di Monaco. Solo Messi e Messi li avevano salvati dall'orrendo Milan
    e dal buon ma non eccelso PSG. Non penso che abbiano bisogno di una
    radicale trasformazione, ma si rende necessario aggiustarsi il make up,
    magari portando qualche variabile al solito tran tran tattico. Il Bayern
    ha solo confermato la sua grandezza, e, a parte l'appeal mediatico,
    credo che assumere Guardiola che rivoltera' come un calzino un
    meccanismo oliato che gira alla grande, sia un rischio superfluo per me
    incomprensibile.

    L'onesta' intellettuale deve stare sempre al primo posto e per questo va notato
    che gli arbitri a Monaco hanno una diversa concezione del regolamento
    dei fuorigioco: contro di noi il guardalinee di Ovrebo fu quasi
    decisivo, contro i gobbi no, ma il secondo gol era da annullare netto,
    come ieri clamorosamente quello di Gomez.



    Lele

    RispondiElimina
  40. Disqus colpisce ancora mescolando i commenti. Quello su Machiavelli è mio.

    RispondiElimina
  41. stefano vienna24 aprile 2013 10:29

    Mi sembra che purtroppo sia opinione condivisa nel paese, mi sembra di notarlo anche qui, ma, se mi sbaglio, meglio. Per me è invece un dato incontrovertibile che leader vecchi portano necessariamente alla conservazione e a una perdita di dinamismo. Basterebbe leggere le biografie dei grandi della Storia. Forse l'unico che è migliorato con l'età è stato Chuchill.

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore24 aprile 2013 10:29

    Stefano, Napolitano non è ostaggio di Berlusconi, è semmai questo Parlamento di ipocriti e nominati ad essere ostaggio di Napolitano. Ora serve solo un Governo mediatore -traghetto. Renzi entrerà in scena, per nostra fortuna e per fortuna del paes,e nel prossimo Parlamento che sarà non di nominati, ma di scelti dal popolo, e con gli ipocriti ridotti al lumicino.

    RispondiElimina
  43. A proposito di circostanze, ieri sera secondo voi Guardiola non c'entra nulla? Possibile che sia stato davanti alla tv in America come ho letto e non abbia almeno fatto qualche telefonata al tecnico del Bayern attuale per fornire qualche dritta sui punti deboli del Barcellona?

    RispondiElimina
  44. stefano vienna24 aprile 2013 10:32

    Ho detto involontariamente ostaggio di Berlusconi perchè Berlusconi sa piegarlo ai suoi voleri. E' un problema tipico dell'età avanzatissima, il codice penale ha un reato apposito: circonvenzione di incapace. Come la sorella di Alberto Sordi.

    RispondiElimina
  45. Non solo, Anto, se si va in cerca della punta che segna a raffica, dello scafatone di peso, siamo sul sentiero sbagliato.

    RispondiElimina
  46. Lud ho riportato uno scritto da cui si capiva bene l'autoreferenzialismo che ti assale quando scrivi di pallone, o almeno tenti, come tutti. Jordan ti ha già spiegato cosa si evince dal tuo lessico, il colonnello pure. Io non alimento nessuna leggenda ma tu continui a non voler scrivere di prendere clamorosi abbagli su certe valutazioni, è da ieri sera che ti s'incancrenisce la mano ogni volta che saresti preso nel dover vergare "si mi sono spenzolato a vanvera", non ti riesce, hai paura che simili macchie non siano smacchiabili come sul giaguaro. Io aspetto che tu ammetta, senza ricorrere a maturazioni e basi gettate, per lenire il tuo ego smisurato, di aver scritto un minchiata riguardo al Barcellona, forzata dalla tua esaltazione pro-Prandelli nell'aver giocato, quasi da pari, con un Bayern, a tuo vedere, che ricalcava (ma non nei valori, intendevi altro. Ricalcava....come i tatuaggi) quello da lui affrontato 3 anni fa. Ti ho spiegato in tutte le salse che non era così, adesso dopo 4 schiaffi nel muso dei blaugrana sei ancora li che scivoli....ti arrampichi......sono io che alimento la teoria sulla tua infallibilità ah ah ah ah ah bisognerebbe crearne una ad hoc in cui ti si vede in una percentuale decente azzeccarne qualcuna eh eh eh eh eh eh ehe h

    RispondiElimina
  47. Beh, con Mario Gomez saremmo su quello giusto, ehehehe. Ma è fantacalcio pure quello.

    RispondiElimina
  48. stefano vienna24 aprile 2013 11:05

    Anto,

    quando una persona ha 88 anni non dovrebbe stare lì, punto. Lo dicevo a mò di battuta, ma è empiricamente dimostrabile: solo nei pianeti visitati dall'equipaggio dell'Enterprise si arriva a vedere cose di questo tipo. E non a caso, perchè chi scriveva gli episodi di Star Trek non era uno sprovveduto, tutte quelle società erano sempre sul punto di estinguersi. Poi arrivava il capitano Kirk e metteva le cose apposto.

    Poi pensatela come vi pare, ma mia moglie tedesca quando vede Napolitano pensa veramente di stare a vedere un film di fantascienza.

    RispondiElimina
  49. Ieri hai distorto il mio discorso tagliando una frase Leo, questo è incontrovertibile. Volevi farmi apparire delirante e convinto di avere sempre ragione. Ma quel "come al solito" non si riferiva a me ma alle difficoltà della Fiorentina a fine primo tempo. C'è poco altro da aggiungere.

    RispondiElimina
  50. Riguardo al Berlusca su Renzi, provate a immaginare che il veto posto dal padrone dello stalliere sia proprio il grimaldello per poter far vincere le "sole" primarie a Renzi, ma ben altro ?! Chi osteggia lui, partorisce una compattezza di voti per l'osteggiato, sia persona singola che di partito. Sarebbe un teatrino di nulla, sono due faine entrambi ed il gioco delle parti è antico quanto il mondo. E' pure possibile che sia cambiato tutto da quella famosa visita, non ha la sfera di Lud.

    RispondiElimina
  51. Ok, Stefano, ma Kirk chi è? Renzi?

    RispondiElimina
  52. Come si leggeva il tuo scritto te l'hanno spiegato sia Jordan che il Blimp, due che con il lessico non giocano, uno di loro è autorità in materia, quindi ci andrei cauto con lo stravolgimento degli scritti. Ma intanto tu sposti, come sempre, l'oggetto del contendere, perché non hai argomenti per controbattere a quanto ti viene sollevato come appunto, la butti sul personale quando di attacchi alla persona non v'è traccia. Solo una previsione intempestiva e coglionesca nella distribuzione dei valori, passa il Barça (sono più forti giocano meglio etc.etc.etciù!!!!) il Bayern ricalca quello, quasi, battuto da Prandelli, quindi la differenza sostanziale minima del valore della squadra bavarese non avrebbe impedito al Barça di avere la meglio nonostante il parrucca, antipatico più dell'orchite, aveva chiaramente espresso un concetto, non rivelatosi profetico a differenza dei tuoi, in cui nessun addetto ai lavori, italiano o europeo, aveva avuto il coraggio di mettere in dubbio. Solo tu sei stato, invano, ad aspettare, qualcuno lo smentisse. Adesso dopo soli 90' minuti di disfida ti rifugi negli attacchi personali e gli stravolgimenti. Non attacca Lud, o argomenti, o cenere da cospargesi abbondante in segno di pentimento e verrai perdonato. Ma fallo eh eh eh eh

    RispondiElimina
  53. stefano vienna24 aprile 2013 11:27

    Elvis è vivo, Obama è musulmano, 9/11 l'ha organizzato la CIA.

    Questo è il tuo livello. Non è la sfera di cristallo che ti manca, è qualcos'altro. E scusa per la franchezza.

    RispondiElimina
  54. Pollock, Disqus è davvero un grosso problema, non si capisce più nulla... Il consiglio per tutti è aggiornare la pagina due volte, così viene fuori il nick giusto.

    RispondiElimina
  55. stefano vienna24 aprile 2013 11:33

    No, Kirk non è Renzi. Mantenendo l'analogia, forse un invasione di alieni sarebbe la vera soluzione.

    Quello che dicevo, prima, è che si poteva fare un governo Renzi (ma solo perché è, tra le nuove leve, quello che ha più visibilità) e poi pescare tra i partiti le donne e gli uomini più capaci e con una carta d'identità dove c'è scritto 'nato nel 197... o nel 198.... che, in nessun paese moderno, verrebbero definiti 'giovane'.

    A 40 anni non si è giovani, un giovane è uno di 25.

    RispondiElimina
  56. Era solo un'ipotesi Stefano, vorrei essere infallibile ma non mi sono iscritto al corso di Ginevra eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  57. Hai ragione, in Italia uno di 40 è considerato "giovanissimo"... a me va bene, per carità, ehehehe, ma in effetti è assurdo.

    RispondiElimina
  58. Può essere, Anto, e il «Dott.», se segui questa pista (il Cagaldo non laureato lo è alla maniera dei posteggiatori abusivi romani: «Avanti così dottò, bene dottò, un po' più a sinistra e semo a cavallo dottò, ancora un pelo dottò... crash! Iel'avevo detto de fermassi, dottò!»), riporterebbe a Mergda tua immmaginaria co-provinciale. Curioso che l'ubriacone molesto schiacci la mia immagine su quella del Corvo, vedendomi come lui quale grande obeso (magari anche bancario... ahahahahahahahahahahah!):

    RispondiElimina
  59. Avete visto che è tornato in circolo Oscar Giannino? In un paese normale sarebbe bruciato a vita, ora è di nuovo a sdottoreggiare (preso sul serio dai timonieri corrotti dei talk-show politici Rai), dall'alto delle sue lauree immaginarie aldesche e dei suoi master in cucina lucana. Ha solo cambiato abbigliamento, per rifarsi immagine (adesso casual, basta gessati pigiameschi e bastoni con pomello dorato, alla Joe Banana), e barbazza e baffozzi li tiene sapientemente trascurati, senza più svolazzi ottocenteschi. Comuqnue dice sempre le solite cazzate, ma su questo potevamo andare tranquilli.

    RispondiElimina
  60. La notizia che Berlusconi ha detto no a Renzi campeggia su Repubblica. Per me è normale che Berlusconi non faciliti quello che allo stato attuale può fargli perdere le elezioni.

    RispondiElimina
  61. Chiarificatore24 aprile 2013 11:53

    Infatti, Colonnello, Giannino è molto stimato dal Simpatizzante ( affinità elettive?), che un giorno mi volle vendere come grande e titolato economista. Lo smentii, qualificandolo per quello che è, un semplice giornalista economico, ben prima che la cosa venisse fuori clamorosamente.

    RispondiElimina
  62. Incarico a Enrico Letta.........almeno è "giovane"

    RispondiElimina
  63. http://espresso.repubblica.it/dettaglio/hacker-pubblicano-le-mail-dei-parlamentari-m5s/2205531

    RispondiElimina
  64. Chiarificatore24 aprile 2013 11:57

    L'incarico a Letta significa che Napolitano non ha alcuna pietà per il PD.

    Tra lui ed Amato, anche solo come traghettatore di un governo a termine, sarebbe più idoneo, come capacità, Amato.

    L'inetto ed incapace Letta evidentemente ha più sostegno politico.

    RispondiElimina
  65. Chiari, perché secondo te Enrico Letta è "inetto ed incapace"?

    RispondiElimina
  66. Probabilmente devo fare un aggiornamento come feci anche la volta scorsa, questo comporta la nuova installazione e quindi il bisogno di reimportare tutti i commenti. Non so se ho tempo, voglia poca, comunque io per evitare il problema aggiorno la pagina una volta, e il titolare del commento torna magicamente al suo posto.

    RispondiElimina
  67. Chiarificatore24 aprile 2013 12:03

    Oltretutto l'inetto Letta è anche milanista fanatico.

    RispondiElimina
  68. «Repubblica» on-line dà prossimo l'incarico a Letta e riporta il monito di Alfano: «No a nuovo caso Marini!». E' grottesco che il PD si faccia indicare dal PDL i propri candidati interni e che ne subisca anche i richiami d'ordine quanto a fedeltà: un partito esposto ormai a tutte le tempeste ma che si può rovesciare anche con un alito di bimbo. Che dire dell'Enrico? Per lo zione (che conosco e che nel privato è persona squisita, dai modi e dalla sensibilità d'altri tempi: purtroppo è malefico fuor di lì) Saviane coniò l'indimenticabile Lecca-Lecca: il nipote vale molto meno, una sorta di viscido anellide tipicamente d'apparato e di salotto, con un sorrisino alla conte zio manzoniano con trent'anni in meno («eh, la so lunga io!»), interprete ideale per un Uriah Heep dickensiano dei più ributtanti, non ha un'idea in capo, non una visione del mondo e della società, è un puro intrigante, il tipo che pulisce il culo alle vecchie e compra loro il pane e la frutta ogni giorno per intascare l'eredità a spese degli eredi naturali. Certo che per Renzi è manna dal cielo, a confronto lui sembrerà Bismarck. davanti agli elettori al prossimo appuntamento alle urne.

    RispondiElimina
  69. stefano vienna24 aprile 2013 12:07

    Elementare Occam. Ma certo qualcuno può sempre ricamare sugli eventi recenti una teoria che dimostra l'opposto. Il problema che la teoria in questione richiede due pagine di tesi, antitesi e subordinate. Mentre la tua solo due righe.

    RispondiElimina
  70. Non preoccuparti, Pollock, va bene anche così, sono problemi di ricchi, pensa a chi si affida al Giannelli per tirare avanti.... ahahahahahahahaahahahahahah!

    RispondiElimina
  71. È stata scelta appositamente una figura scialba. Amato era troppo odiato, Renzi troppo dotato di appeal. Una occasione perduta: Berlusconi ha dimostrato di non avere nessuna intenzione di sacrificarsi per il bene del paese.

    RispondiElimina
  72. stefano vienna24 aprile 2013 12:08

    L'ho capito, ma insomma poi tra le ipotesi bisogna anche decidere quale è più plausibile.

    RispondiElimina
  73. stefano vienna24 aprile 2013 12:10

    Sei un economista, chiari?

    RispondiElimina
  74. stefano vienna24 aprile 2013 12:17

    Con Amato era una riedizione del governo Monti. Non si poteva, dai. Letta è comunque meglio, nella disgrazia si intende. E non temere per Renzi, per lui cambia poco. E anche per il terzo posto cambia poco.

    RispondiElimina
  75. Chiarificatore24 aprile 2013 12:24

    Anto, ricordami tu qualcosa di rimarchevole, di significativo, che Letta abbia mai detto o fatto.

    Bersani s'è dimesso, e lui?

    RispondiElimina
  76. Beh, Chiari, non rispondermi con un'altra domanda, rigirando la frittata, ehehe.


    Enrico Letta mi sembra, nel disastro generale, uno dei meno peggio... comunque se Giorgio I avesse incaricato Amato, pure più esperto, ci sarebbe stata una sommossa popolare.

    RispondiElimina
  77. Chiarificatore24 aprile 2013 12:30

    Stefano nel vecchio PCI mi occupai di politica economica, anche a livello nazionale. Però sono laureato, con lode, in Lettere e Filosofia.

    RispondiElimina
  78. La plausibilità o meno di un ipotesi non credevo scatenasse tutto 'sto malessere Stefano, datti pace, non vale la pena incazzarsi per quei dementi.

    RispondiElimina
  79. Chiarificatore24 aprile 2013 12:36

    Anto, la mia era certo una domanda, ma retorica, che includeva già la risposta: nulla.
    Quanto ad Amato,sono d 'accordo.
    So per certo però che Napolitano, solo per la sua competenza, lo avrebbe preferito, ma ha poi valutato gli aspetti politici.
    Un Governo Letta-Alfano, è quanto di più squallido si ricordi, a memoria d'uomo, speriamo che faccia alla svelta la riforma elettorale e che si vada subito al voto.

    RispondiElimina
  80. Colonnello, so che non sono fatti miei, ma confesso di essermi incuriosito: quali sono esattamente i rapporti fra te e il Gat?


    Ti definisce "un quasi ex amico", "super dotto", "un tempo garbato, quasi affettuoso, solidale per via di vaghe affinità, che per la mia visione rigorosa dei fatti del pallone, difforme dalla sua romantica, sognatrice, omologata alla massa, mai davvero penetrante, ho trasformato, senza rendermene conto, in un veemente nemico".

    Poi però, parlando di Ujfalusi, dice: "Ufo, di cui s’invaghirono torme di ingenui ungulati a cominciare dal sognatore Don Diego (ahimè emigrato altrove)".

    RispondiElimina
  81. Gat sta un po' annoiando, gli manca la sintesi, per leggere i suoi post si fa troppa fatica. Ricordo che siamo al tempo di Twitter.

    RispondiElimina
  82. Beh, Chiari, nella finanza e nelle banche i laureati in lettere e filosofia sono, come saprai, sempre più pregiati (tanto si tratta di vender chiacchiere, e la tecnica di tutto il resto, diceva Orson Welles, si impara in un pomeriggio... ahahahahahahahahahahah!). Condivido il tuo giudizio sull'Enrico, come avrai letto sotto, ma è vero quel che ti dice Stefano, che Amato avrebbe provocato le barricate. Il problema era non ridursi a questo: una volta che ci sei, hai solo carte cattive da giocare. E non credere che voteranno una nuova legge elettorale: con chi, se non s'intendono nemmeno fra loro? E comunque se è vero che la Gelmini torna ministro potete andare a cahare tutti quanti. Anto, ma nessun rapporto, chi sogna è lui: io ho vissuto a Bologna, dunque conosco tanta gente che conosce lui (ma lui non lo sa: mi immagina, come vedi recentemente, perfino grande obeso, proiettando su di me il corvinismo... ahahahahahahahahah! Non mi ha mai visto, io due volte in luoghi musicali bolognesi). Io con Yo el supremo dialogavo anche, per quel che è possibile in quel luogo di merda e per quel che le sue cognizioni di calcio permettono, finché non cominciò ad attaccare Eduardo con motivazioni razziste e io gliene dissi quattro, anzi otto. Allora prese cappello e cominciò (prima il vezzo era l'insulto generale alla plebe) a insultare il prossimo nel dettaglio, me e Drago e come vedi adesso gente di grandissima qualità come il Sopra e Deyna. A me del personale aldino frega nulla, ma se lui crede di sostenere le sue idee, imperfette e inassistite da esperienza di prima mano sul football, con offese scentrate si espone a rappresaglie per lui rovinose. Del resto la sua prosa, come puoi riscontrare dal suo ultimo post, pur non immune da insulti verso di me e anche di più verso il Sopremo, guadagna di molto quando non lui non ne fa un panforte di aggressioni balorde, in quei casi si rende illeggibile come Marco da Siena. Ad ogni modo è anche sobillato privatamente dalle pie donne inginocchiate sul Monte degli Olivi (ahahahahahahahahahahahahahahah!) e la sua fissa esclusiva su Montolivo e Corvino e il suo fondamentale disinteresse alle sorti viola renderebbe privo d'interesse il dialogo con lui se anche fossi ancora su cloaca. Con Rodri cerca di mettersi di nuovo sul proscenio (la critique des beautés che auspicava Sainte-Beuve gli è estranea, lui cerca i riflettori, brerianamente, solo tramite la stroncatura) ma la cosa non regge, sia perché il bersaglio è chiaramente sbagliato e senza séguito tra i tifosi (mentre con Corvino poteva tirarsi dietro gli antidellavalliani e i vedovi del Giubba) sia perché Rodri non è comunque figura che appassioni nel pro e nel contro. Così si condanna all'afasia prolissa, se mi è consentito l'ossimoro.

    RispondiElimina
  83. Salve ragazzacci;non vi ho tradito,il problema è che ho la possibilità di postare solo con l'iphone e sul sitollock ho avuto un sacco di problemi.Però leggere vi leggo eh!Così in questi giorni ho postato un pò sul sitone,ma mi rendo conto che ormai quel sito è un "dead man walking".Tra troll,dementi,stagiste ed amenità varie provo ribrezzo.Infatti ci posto solo per accanirmi con quel decerebrato del Gatto.Da oggi dovrei aver la possibilità di postare da pc,per cui eccomi qua.
    Entro a gamba tesa su discussione attuale:il Bayern odierno è MOLTO più forte di quello del 2010.E lo dice uno che di Prandelli è un grandissimo estimatore.Ma la realtà dei fatti è incontrovertibile.La partita di ieri è emblematica:questi crucchi vanno a velocità tripla degli altri mantenendo un alto tasso tecnico,dovuto a grandi giocatori.Sul fatto "fisico" non faccio illazioni stupide,ma cercherei di capire come è possibile e studiare i loro metodi di allenamento.Perchè corran veramente come dei pazzi,TUTTI,per 90 minuti.Hanno fatto un pressing totale,in ogni zona del campo per ripartire in massa non appena conquistata palla.Con rammarico e dolore devo ammettere che è una squadra stellare,non nei singoli(come Messi,Xavi,Iniesta),ma nel complesso.Magari perdon la finale(e ne avrei piacere a prescindere da Real e Borussia),ma ieri m'hanno impressionato.Con la Juve pensavo fosse anche demerito dei gobbi,ma 3 indizi fanno una prova.E visto che sognare un costa nulla,una remontada epica la vedrei veramente bene!

    RispondiElimina
  84. DKNE, se c'è un allenatore al mondo capace di fermarli è Mou. Se nemmeno lui ce la fa, allora sono forti forti forti forti forti forti e altro che 2010 (anche se non riesco a metterli sul piano del Bayern di Franz)!

    RispondiElimina
  85. Pollock, perché ci proponi quella foto sotto?

    RispondiElimina
  86. Chiarificatore24 aprile 2013 13:29

    Non c'è dubbio che l'incarico a Letta, invece che al preferito Amato, sia un capolavoro politico di Napolitano che così obbliga il PD a non dividersi, ed a comportarsi da Partito Politico.Inoltre dopo le insopportabili metafore da Bar Sport di periferia di Bersani, Letta sembra persino uno decente.
    Resta il fatto che non si ricorda nulla di significativo che Letta abbia mai detto o fatto, e che non si capisce perché, nel PD, lui non si sia dimesso come Bersani.
    Un Governo Letta-Alfano è quanto di più squallido si ricordi a memoria d'uomo, però forse necessario per uscire da questa situazione bloccata, per fare almeno la riforma elettorale e per farci rivotare il prima possibile.
    Corta e proficua vita al Governino Letta!

    RispondiElimina
  87. Ora che posso scrivere ne approfitto per chiedere una cosa a Deyna,anche se non è il "post" adatto:perchè ce l'hai con Viviano?Io da tifoso viola quando Viviano sbaglia provo dolore,mi sanguina il cuore;perchè Viviano è veramente tifoso viola,come non abbiamo in squadra dai tempi di Flachi.Ci sente forse più di noi;ed io sono assolutamente dispiaciuto,oltre al fatto che la Fiorentina prende gol,anche e soprattutto per lui.Alle volte ho l'impressione che tu non aspetti altro che Viviano commetta errori per "attaccarlo".Ma a te non dispiace per lui,vero tifoso viola?Non sei disposto a dargli delle attenuanti?Capisco che essendo giocatore difeso dal Gat tu possa avere un motivo per dargli contro..ma preferirei che lo scontro volgesse su altri giocatori su cui avete divergenze(che ho ovviamente anche io,escluso Viviano per quanto sopra detto);Gonzalo,Roncaglia etc etc.Sono l'unico che soffre quando Viviano sbaglia(a parte il soffrire intrinseco all'errore del portiere che significa gol contro la Fiorentina si intende)?

    RispondiElimina
  88. DKNE, siccome quando Viviano sbaglia, visto il suo ruolo, è gol puoi immaginare quanto soffriamo noi! Deyna è indispettito per questo. Io ho creduto in una sua ripresa, domenica scorsa però è ricaduto nella sua insufficienza. Bastasse il tifo, DKNE, quanti a Firenze sarebbero campioni! Bisogna accettare che tra le due cose non vi sia equazione.

    RispondiElimina
  89. Due fatti Dkne voglio comunque sottolinearli. Anzi tre. 1. Ieri erano in campo sette undicesimi della squadra che ha perso a Firenze, l'ottavo è infortunato. 2. La squadra da noi battuta aveva in campo atleti già maturi, che avevano superato i 25 anni. Dopo i 25 anni non ci sono miglioramenti epocali nei giocatori. Un Robben e un Ribery o un Gomez erano molto bravi già tre anni fa ed erano anche più giovani. Terzo: tre anni fa il Bayern vinse tre titoli in Germania (campionato, coppa e supercoppa) e fu finalista di Champions. Tutto ciò per non perdere il senso della misura. Aggiungerei che sicuramente il Barcellona è più debole rispetto al tempo di Guardiola e ieri aveva in campo un Messi che è stato obbligato a giocare dagli sponsor (e si sa cosa comporta la discesa in campo del campione azzoppato: vedi Ronaldo nella finale dei Mondiali Francia-Brasile). Infine sottolineo che tutti gli juventini d'Italia stanno sposando la tesi del super Bayern come strategia assolutoria nei confronti della Juve di Conte.

    RispondiElimina
  90. Lud, ancora un altro tuo post sull'argomento e confesseremo di essere gli autori dell'attentato alle Twin Towers, altro che ammettere che il Bayern di ieri val meno di quello che il Giubba non battè per malefatte ovrebiche!

    RispondiElimina
  91. Te ne sottolineo anch'io qualcuno, Lud, di fatti:

    1) Quattro elementi nuovi su 11 possono rafforzare tantissimo una squadra, se sono gente che fa la differenza.

    2) Dopo i 25 anni non ci saranno miglioramenti epocali sul piano tecnico, ma la piena maturità mediamente si raggiunge intorno ai 28, l'esperienza conta tantissimo, e le squadre che vincono le coppe ci arrivano molto spesso col mix di "forze fresche" e over 30 di lunga esperienza internazionale. Drogba, Lampard e Terry l'anno scorso, sono solo l'ultimo degli esempi in ordine cronologico. E comunque nel 2010, il Bayern giocava con tanti elementi sotto i 25 anni, mi vengono in mente Muller, Alaba, Contento, Badstuber, questi senza andare a cercare info su wikipedia.

    3) La base del Bayern è la solita del 2010, ma in 3 anni l'amalgama può fare passi da gigante fino a portarti a giocare a memoria.

    Di quello che dicono sul Bayern, francamente, noi potremmo anche infischiarcene.

    RispondiElimina
  92. di quello che dicono i gobbi

    RispondiElimina
  93. Violapower è una forza (tranquilla) della natura: sono smarrito davanti a tanta grandezza! Dorf, vuoi trasmettere anche questa, col link del sitollock?

    RispondiElimina
  94. Vitalogy non scherza nemmen lui, in serena potenza di argomenti: linee brunelleschiane.

    RispondiElimina
  95. E' la Bice che mi invia gli aggiornamenti

    RispondiElimina
  96. Violapower rispondendo seriamente al Gat e Zemanviola prendendolo per i fondelli (sempre il Gat) stanno togliendo lavoro a Deyna.

    RispondiElimina
  97. Interessante affermazione di Beldì a conferma del discorso che facevo ieri :" A rivelarlo, ospite negli studi di Italia 7, il regista televisivo e tifoso gigliato, Paolo Beldì. “A distanza di tempo posso rivelarlo, un anno e mezzo fa parlai con Andrea Della Valle ed ebbi l’impressione che stesse pensando di cedere il club – ha aggiunto il primo regista di ‘Quelli che il calcio…’ condotto da Fabio Fazio – Oggi invece è una persona totalmente diversa, pienamente coinvolto nel progetto viola e tornato il tifoso appassionato che si vede ogni domenica che la Fiorentina gioca in casa”.

    RispondiElimina
  98. Un giorno amaro,oggi.Questo periodo di "dies irae" che non accenna a terminare,questo spazio temporale che procede per palliativi,soluzioni tampone ed estemporaneità sventolate come scalpi di guerra...guerra tra poveri di spirito,d'animo,di senso di responsabilità.Guerra psicologica ed intellettuale,di schieramento e che per lungo tempo ha segnato il dialogo tra uno zio ed un nipote che oggi sono li,in un governo di larghe intasature.Nel giorno nel quale ci lascia colui che lasciava dietro di se un buon profumo di campagna,colui che l'aveva sempre dritto(il suo manganello),colui che si stagliava nel firmamento come impareggiabile statista,colui che dall'alto del suo metro e 60 cm ci guardava come uno zio Sam che richiama all'ordine(mai trasmutato in disciplina),colui che sdoganò di mala voglia l'affaire-Fiuggi,luogo diuretico ma non di purghe...ecco...in un giorno nel quale il mondo perde Teodoro Buontempo,il nostro paese esulta per un Presidente del Consiglio poco carismatico(anzi),afono al momento del bisogno di parola forte;tutto questo è uno Zenit(non Spallettiano)e un Nadir;c'è una povertà ideologica,una sostanziale inadeguatezza dei politici,dell'establishment,tanto che ritorna alla mente la pessimistica descrizione desanctisiana della cultura e della vita italiana tra Rinascimento e Risorgimento,con un tutto unilaterale.L'Italia non credo si rispecchi in Letta,uomo d'inciucio,con incarico poco meritocratico ma dal sapore andreottiano del "famose du' risate,mannamolo avanti e vedemo...".Chiudo,chiedendo perdono per la lungaggine,citando Chesterton ed il suo pensiero che si cuce addosso a colui che sul sitone chiede continue conferme per il suo ego:"Coloro che usano l'intelletto non lo venerano,lo conoscono troppo bene;coloro che venerano l'intelletto non lo usano".Un saluto romano a tutti voi sitollockiani,voi(noi)unico reale esempio di democrazia,dove ne destra ne sinistra dividono,anzi fortificano;noi,dove un vomere traccia e una spada difende......(dite che è apologia?Ma da mesi parlate solo del Pd....eh sù,par condicio! ah ah ah ah ah ah ah ah ah).(Delfino...affiora come stronzo nell'acqua,come servo fedele,come Venerdi di Robinson Culoè,come Fantozzi del Duca Conte Semenzara...affiora e riporta,vile),

    RispondiElimina
  99. LUDWIGZALLER,a te si addice l'aggettivo che io attribuisco al mare:tenace.Superba la battuta su Guardiola,che in spanghlish,avrebbe dato suggerimenti al trombato trionfatore di Germania.Notevole,come il lampo che spiega la genialità di Galliani,che prendendo spunto dalle gesta del Capitano Kirk,aveva pensato di risolvere i problemi del Milan con Krkic.....e con Capitan Spockia.Notevole.Oggi giorno di battute pesanti,tipo "Spalletti alla juve","Robben alla juve"....proprio vero,i giornalisti di una volta non ci sono più.

    RispondiElimina
  100. Governo di larghe intasature... ahahahahahahahahahahahah! Ti trovo in forma sublime, o sublime Sopra: ti avevo snidato di prima mattina su Buontempo anche perché sicuro che il lutto ti avrebbe tirato fuori il meglio. Sai, mica solo per i comunisti vale quello che voi dicevate un tempo ghignando (= sono grandi solo ai funerali).

    RispondiElimina
  101. stefano armandi24 aprile 2013 15:09

    Comunque forse così gli italiani aprono gli occhi perchè non potranno dire che è colpa della sinistra. Un quasi ottantenne, come notavo prima, purtroppo perde visione storica, non è più in grado di cavalcare l'onda, come diceva Tolstoy. Ti dico, si sarebbe quasi riabilitato dopo vent'anni di disgrazie.

    RispondiElimina
  102. stefano vienna24 aprile 2013 15:11

    Quando una società sta morendo, si mette al comando uno come Letta. Perfetta l'analisi di Colonel. Ma sei veramente il grande Don Diego?

    RispondiElimina
  103. Evacuazioni africane



    Sono appena tornato dal bagno dove la notizia di Letta mi aveva fatto precipitare.

    Se dall € non si esce nell'€ si muore



    Lele

    RispondiElimina
  104. LELE....bagno...Letta....precipitare......Direi ci siamo!

    RispondiElimina
  105. Stefano, qui io sono Colonel Blimp, l'altro è morto asfissiato dai miasmi di cloaca: requiescat. Caro Lele, Letta ci alletta ma non alletta ma chi la fa l'aspetta.

    RispondiElimina
  106. Non vorrei tromboneggiare e non vorrei nemmeno che sembrasse che io parli pro domo mea, ma un Paese che destina alla cultura e all'istruzione meno di tutte le altre nazioni d'Europa non può pretendere di avere una classe politica migliore di questa. Tutto parte dal congiuntivo e dalle date delle grandi battaglie, dai teoremi di Euclide e dallo iodato di potassio, dai verbi in -mi e dal velo di Maya. Direte: già bisogna arrivarci! Ecco, appunto: si sono fermati prima, i nostri rappresentanti in Parlamento e grazie a questo sono arrivati là dove un fastidiosissimo e sfigatissimo (sono tutti così i giudici, come disse il Berlusca a un giornalista americano) magistrato ha impedito che giungesse, con non meno diritti, un Fabrizio Corona.

    RispondiElimina
  107. VENETOVIOLA,siamo un paese unico:unico con la parola "Repubblica" con due "B",l'unico che prima di formarsi come stato aveva già una sua lingua(pur con differenze dialettali),l'unico con un articolo della Costituzione(il n.9)che spinge a perorare l'arte e la cultura come elementi fondamentali per il paese,l'unico che ha il Corpus Enciclopedico non traducibile in nessuna altra lingua(Decreto del PDR),l'unico scelto dalle Major americane del cinema come soggetto di uno stupendo documentario che pone il Bel Paese come luogo,come location ideale per qualsiasi genere cinematografico,l'unico che assomma tante opere d'arte e artisti o scrittori(Venezia da sola ha più opere d'arte di tutta la Francia intera!)...l'unica che non merita di essere sgovernata,come oggi e da tempo accade.C'è un'accisa sui carburanti(0,3%)che dovrebbe andare al Min.Beni Culturali ma nulla è mai arrivato a destinazione,il 64% dei visitatori di musei e gallerie sono stranieri,l'Archivio Vasari sta per essere acquistato dai russi(ci sarà un motivo che non sia solo il riciclaggio?)....dove stiamo andando?Dissennatezza,incuria sia della Res Publica,sia degli abitanti(italiani),questo trasmette la politica oggi.

    RispondiElimina
  108. Bravo Blimp hai toccato il punto fondamentale. Ma dove vogliamo andare se prima tutto non passa dalla educazione (a tutti i livelli). Il post di Sopra è magistrale ma su una cosa non concordo con lui. Quando dice che l'Italia non merita questa gente. Non è vero Sopra, non è vero. Questi non vengono da Marte o da Venere (anche se alle volte ce lo chiediamo) ma sono solo il compendio di quello che è la nostra Società. Ma come vogliamo noi combattere l'evasione fiscale se quando viene l'idraulico o l'elettricista siamo i primi a non farci fare la fattura per risparmiare. Come pretendiamo che i nostri figli si comportino bene se ci azzuffiamo per salire in treno o nell'autobus, se nelle autostrade non rispettiamo le code e ci buttiamo da un lato all'altro per fregare una posizione ad un altro, se per una cazzo di pratica in comune passiamo davanti perché il funzionario è nostro vicino di casa? Ma quando il popolo italiano farà mea culpa? Quando comincerà a dire che se non cambiamo noi per primi non possiamo pretendere che cambino quelli che ci rappresentano. Come possiamo pretendere che il Paese cambi quando non viene insegnata a scuola un minimo di educazione civica, quando i modelli dei nostri figli sono Corona e Belen anziché Verdi e la MOntalcini, il tutto perché abdichiamo in favore della televisione dal ruolo di genitori? Ci piace troppo dare la colpa agli altri, puntare il dito e dire che sono tutti colpevoli fuorché noi...ma così non è!

    RispondiElimina
  109. e...VENETO...dove non riusciva ad arrivare l'intelligence(eh eh eh eh)italiana è arrivata l'elettronica:Corona è stato catturato per l'intercettazione del segnale del suo navigatore satellitare(Fiat 500)..ringraziamo la Fiat!!!Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah...20 giorni di pedinamento e osservazione eppoi Corona scappa dalll'uscita secondaria della palestra....Scuola di Polizia(il film)ci fa' 'na sega!!!!Ah ah ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  110. Quesito:quando interverrà il carceriere a ricordare,come Torquemada,che " domenica c'è il match con la Sampdoria....".Tranquillo GUBERNATOR,siamo sul pezzo,come dissero le due partner del Rocco nazionale....eh eh eh eh ehe he .......

    RispondiElimina
  111. Caro Sopra, il Disqus mi ti ha mimetizzato in quanto Colonel Blimp, imprestandomi evidentemente accento del nordest, visto che recidivi... Che non vi sia scollamento fra gente e politici lo dico da sempre, quello è un alibi per continuare a essere quel che siamo, delle bestie. Purtroppo valgono piatti determinismi geografici, aveva ragione per noi lo Hegel delle «Lezioni di filosofia della storia»: da noi butti un seme e spunta un baobab, «la campagna ti campa» dicono diversi dialetti del sud, la vita facile e il grande retaggio del passato viziano all'individualismo. I popoli del nord sono obbligati dal clima prima di tutto a serrare i gomiti: se passi dalla Renania heideggeriana, caro Sopra, vedrai, al margine dei boschi, cataste priramidali di ciocchi di legna che gli uomini validi tagliano quando hanno tempo. Li tagliano per chi non può e o non ha: passa la vecchierella e prende qualche pezzo. Questo è comunismo: a ognuno secondo il bisogno. Tu fallo da noi, alla prima notte sparisce tutto il mucchio e magari lasciano una scritta irridente per quei fessi che si sono stancati e hanno perso tempo per gli altri.

    RispondiElimina
  112. Su dai, non ti abbattere Blimp, se non ricordo male qualche frasetta nel mio dialetto la conosci eh eh eh

    RispondiElimina
  113. Brevemente su Viviano, DKNE: anni fa, quando giocava nel Cesena e i primi tempi a Brescia, speravo che un giorno sarebbe tornato, lui tifoso, alla casa madre [da cui però fuggì al momento delle difficoltà, ricordiamolo]. Perché mi pareva un portiere promettente, e avere in squadra un fiorentino tifoso viola in linea teorica mi piace. Poi però non gli ho più visto fare miglioramenti, e i difetti si sono incancreniti, lasciando posto, dopo l'infortunio, anche a problemi di spinta sulle gambe. Per questo e solo per questo non lo voglio in porta alla Fiorentina, penso che ci voglia di ben meglio. Quando gioca bene però non ho problemi a dirlo, contro Parma e Milan gli ho dato 7.5, purtroppo il resto del suo campionato non è stato all'altezza. Nessuna antipatia, comunque, anzi l'ho sentito commentare per Viola Channel la partita col Montreal, parlava anche di musica [Metallica, ecc], pare anche abbastanza simpatico. Colonnello: il ritratto che ha fatto di te il GAT è terrificante, sei un mostro uscito dalle pagine più notturne e cupe di Victor Hugo: c'è da provar disgusto a starti accanto in qualche locale, mentre attenti nell'ombra alla virtù di povere vittime ignare!

    RispondiElimina
  114. Done, cani e bacalà no i xe boni se no i xe pestà (così faccio felice il Veneto), caro Deyna.

    RispondiElimina
  115. Sì ma io giorni orsono ho fatto un'accorata difesa della tua figura sul sitone, esaltando pure la tua misoginia, e ora vengo a scoprire che ho protetto un Rasputin, ahahahahahahaha

    RispondiElimina
  116. Hai ragione Blimp. Il comunismo è di per sè una ideologia impegnativa. Non dico sbagliata ma impegnativa. L'applicazione in Italia sarebbe stata difficilissima visto il carattere nazionale. L'ho sempre pensato e mi è capitato anche di scriverlo.

    RispondiElimina
  117. Rasputin è Corvino, devi scegliere qualcos'altro, Deyna. Ho letto con ritardo la tua arringa, ti ringrazio caldamente ma per la parcella provvede il Chiari, dovresti saperlo. Frattanto, a costo di dare un dispiacere a Jordan (a me, lo dà), annuncio che secondo Sarti non ci sono sul mercato portieri migliori di Viviano.

    RispondiElimina
  118. Il ritratto di Gat è degno di Dickens. Mi risulta infatti che Blimp si guadagni da vivere schiavizzando bambini abbandonati che obbliga a mendicare per le vie di Firenze come in Oliver Twist. Finirà sicuramente impiccato al Fatal Albion Tree.

    RispondiElimina
  119. Eh ma Rasputin Corvino è mia - era ironica, ma fu invece adottata da altri seriamente - la posso stornare quando voglio! La dichiarazione di Sarti mi fa pensare che tutte le squadre europee abbiano blindato i loro portieri, altrimenti non si capisce. A me comunque piace molto il portiere polacco dell'Arsenal, quello giovane, ha un grosso potenziale e ottima presenza fisica...Se Jojo dovesse andare là, proverei a inserirlo nell'affare.

    RispondiElimina
  120. Io penso invece che schiavizzi gente più cresciuta, di sesso femminile, ahaha. Sicuramente il regista che si prenderà la briga di girare il remake di Martha di Fassbinder lo terrà in seria considerazione.

    RispondiElimina
  121. Ah questa poi! Ti ho fatto danno, allora, perché ho sempre creduto che fosse dl Vampirone Cincimorto! Te l'ha dunque mutuata. Su Sarti non so, mi chiedo se non ci siano amicizie private a giocare, perché il dato tecnico negativo è flagrante e purtroppo non fragrante.

    RispondiElimina
  122. DKNE da parte mia non ci sono pregiudizi nei confronti di Viviano, devo dimenticarmi della sua fede viola per non inquinare quello che è e rimane un giudizio tecnico, sono sulla stessa posizione di Deyna, non mi entusiasma e non perché sia scarso ma perché appartiene a quella schiera di portieri che in fondo all'anno ti toglie qualche punto, poi ci sono altre categorie, quelli che parano il parabile e quelli che ti danno punti in più in fondo ad un campionato. Lui ce li ha tolti e per quanta simpatia provi nel vedere un tifoso in porta preferisco pensare alla mia squadra mettendoci un non tifoso che almeno non mi provochi danni. Per il prossimo anno spero di vedere guantoni differenti a difesa della porta, non dico neanche Neto, improponibile ormai se non lo si manda a crescere e dimostra il diritto a difenderci sgombrando anche lui il campo da dubbi e da qualche ruggine che i due anni di panca gli hanno procurato. Lo ritengo più forte in ogni caso.

    RispondiElimina
  123. Pare che Jovetic sia molto vicino all'Arsenal, che offre 28-30 milioni di euro.
    Forse nella trattativa si potrebbe inserire il portiere polacco che diceva Deyna...

    RispondiElimina
  124. Comunque penso che si debba anche vedere se l'Arsenal arriva fra le prime quattro del camionato inglese e quindi si qualifica per la Champion's: attualmente è terzo con un punto di vantaggio sulla quarta e due sulla quinta (sono Chelsea e Tottenham), che però hanno una partita da recuperare in più.

    RispondiElimina
  125. A proposito del campionato inglese, Deyna, il tuo pupillo Suarez ha dimostrato di avere mordente, ahahahaha

    RispondiElimina
  126. Forse mi sono spiegato male.Razionalmente è ovvio che per il bene della Fiorentina è meglio avere un portiere migliore;e non voglio nemmeno aprire un dibattito su Viviano-Neto.Quello che volevo capire era se ero il solo che quando Viviano fa una cappella o non fa un miracolo soffro doppiamente rispetto a quando la Fiorentina prende gol con altri in porta.Mi dispiace proprio tanto.E sinceramente anche appellarlo a presa di giro Viviunodinoi non appartiene alle mie corde,essendo lui un tifoso viola.Tutto qua.

    RispondiElimina
  127. Di Marzio parla di un contatto Torres-Fiorentina.....qualcuno gli dica che è una squadra forte solo nel calcio femminile! ah ah ah ah

    RispondiElimina
  128. Sul mercato italiano può darsi, son tutte mezze pippe, del mercato internazionale credo che Sarti ne sappia il giusto, tirchio com'è non ha di certo l'abbonamento a Sky. Comunque, se è vero che l'ha detto, mi meraviglia, non mi sembra fosse entusiasta di Viviano, come invece Albertosi che lo ha allenato da ragazzo e ne è amico, e Sarti, per carattere, dice male di tutti.

    RispondiElimina
  129. Mai usato appellativi, solo che quando vedo un errore m'incavolo e lo infamo senza vedere la carta d'identità o la passione per i colori. Mi sarebbe piaciuto se lui, da tifoso, fosse stato al livello di Boruc, sai che gioia averlo fra i pali ?! Purtroppo gli sta sotto.

    RispondiElimina
  130. DKNE a me di Viviano e del suo esser tifoso viola non me ne potrebbe importar di meno, anzi ne provo quasi dispetto perchè l'ha usato o l'ha lasciato usare per vincere la concorrenza interna con un giovane portiere più bravo di lui. Con questo quando sbaglia e lo sbaglio ci costa un goal non son certo felice, ci mancherebbe altro, però che mi dispiaccia di più che se il goal lo pigliasse un altro, no di certo. Anche perchè se piglia un goal la Fiorentina mi ci incazzo tanto che il di più non esiste.

    RispondiElimina
  131. Pedinamenti africani




    Avendo seguito l'Arsenal diverse volte, se fosse vera l'offerta di 24 mln di sterline per il cartellino, per la societa' serebbe dura rifiutare ma, nonostante 400 mila mese di stipendio, non credo che ci vada. E' squadra che attualmente non ci vale, ad andar bene arriva 4° tutti gli anni, magari gli appeals sono lo stipendio citato e la Premier, ma Jovetic ha ben altri estimatori e noi piu'forti con prospettive reali da top team.

    Lele

    RispondiElimina
  132. Vero Lele, in prospettiva lo saremmo già ma l'Arsenal è tutt'ora su ben altro piano rispetto a noi, sempre in CL, sempre fra le prime in Inghilterra, pagherei di tasca per raggiungere quella dimensione in pianta stabile.

    RispondiElimina
  133. A me questa storia che i giocatori sono condizionati dalla Champions non convince. Credo invece che scelgano in base a precise indicazioni economiche. L'Arsenal d'altronde è un grande club, se poi fallisce la qualificazione quest'anno la otterrà magari il prossimo.

    RispondiElimina
  134. Aggiungo che l'Arsenal può essere il cavallo di Troia per approdare in Premier League: Jovetic potrebbe fare qualche campionato di alto livello da titolare e poi magari trasferirsi a squadre che lottino per il titolo, come accaduto ad altri giocatori, tipo Adebayor, Nasri o Van Persie.
    Essendo io simpatizzante (ehehehe) dei Gunners, se proprio JoJo deve andare via da Firenze, mi auguro che vada all'Arsenal (spero però che ci rimanga per anni, magari vincendo il titolo).

    RispondiElimina
  135. Futuro africano


    Secondo me non ci manca nulla, LEO, a parte l'ovvio divario di fatturato. Entrassimo in CL e lo stadio da fare, la nostra dimensione crescerebbe a dismisura.
    Abbiamo anche quattrini da spendere con le cessioni eventuali( uno tra Savic e Roncaglia vedrai che se ne va) e Cerci, con un bilancio sano. Se poi Jovetic decide di lasciarci, lascia pure un bel gruzzolo, ma quello piu' importante, le basi tecniche e manageriali sono di prim'ordine. A parte i gobbi, il Milan ha trazione anteriore poi il nulla, l'Inter deve rifarsi tutta, magari con i quattrini dei nuovi soci non so, la Roma quando smettera' la luce del calcio( di fronte a tanto genio non faccio distinzioni di tifo) non sara' facile e dietro sono poco, insomma il futuro ci arride.

    Lele

    RispondiElimina
  136. Sulla situazione in Italia disegni uno scenario molto verosimile, salvo emiri o russi dell'ultim'ora non ci saranno sussulti che modificheranno la gerarchia che si va delineando, fermo restando che l'iniquità dei diritti tv è uno scandalo tutto italiano che crea gap considerevoli nei bilanci e non sappiamo su quali basi 'sti bacini vengono considerati, o meglio, si conoscono ma si fa ancora spallucce sugli scompensi ingiustificati. Fuori dagli italici confini, per tornare appetibili anche per le televisioni internazionali serve che il movimento torni ad essere competitivo, se non vincente, almeno in pianta stabile negli ultimi turni delle competizioni europee, all'impoverirsi dei risultati degli italiane si sono sgonfiate pure le entrate esigibili nella vendita del prodotto. Adesso in Spagna stanno riformando la defiscalizzazione che avvantaggiava i club iberici rispetto a quegli europei, i bilanci, di tutte, in futuro saranno sempre più monitorati, è di pochi giorni fa la notizia di sponsorizzazioni fittizie per Malaga e Barcellona per ammortare gli stipendi. Insomma, in un calcio più pulito e più equo ci saranno sempre più "sorprese" di outsider che sanno lavorare bene a scapito di transatlantici che potevano permettersi di accumulare errori ma la cui opulenza economica copriva a piene mani qualunque bega. Di qui a dire che si accorciano certe distanze con alcuni club ce ne corre, il fatturato (nonostante i debiti) dell'Arsenal non l'avvicini costruendo uno stadio ma iniziando a fare un marketing ed un merchandising serio e redditizio, partecipando alle coppe europee con un qualche risultato degno di nota, di fatto, devi crearti un appeal che nel nostro caso è poco oltre la fase embrionale. L'anno passato ci siamo salvati alla penultima, l'anno prima un anonimo 9° posto, c'è da lavorare.

    RispondiElimina
  137. Solo per ricordarne qualcuna, DDV parlò di "mamma Ebe" alludendo al 99,9% all'ex addetta stampa ma il Gat da allora iniziò a chiamare così Corvino; l'anno scorso scrissi "Montoschettino" e il Gat iniziò a parlare di "Don Schettino da Vernole"; Deyna ironicamente definisce Rasputin l'ex DS e il Gat lo piglia alla lettera; Lele di recente chiama Montolivo "il cappone" e il Gat se ne appropria per apostrofare i nostri difensori argentini: niente mai che sia farina del suo sacco, copia proprio tutto dagli altri, come Venditti e Zucchero.

    RispondiElimina
  138. Non so come dicevate voi, ma alle elementari a Sesto negli anni '80 si diceva "ricopione"

    RispondiElimina
  139. Chiarificatore24 aprile 2013 20:47

    L'essere "ricopione", Vita, è la tara non solo del Simpatizzante ma del grosso dei giornalisti italiani, in particolare quelli sportivi ma non solo, privi di vera professionalità e persino delle nozioni fondamentali che dovrebbero sempre stare alla base del loro mestiere, poveri di robusta cultura, anche generale, di titoli, faciloni, presuntuosi tuttologi, spugne divulgatrici di neologismi da quattro soldi e che sguazzano nei luoghi comuni.

    RispondiElimina
  140. stefano vienna24 aprile 2013 20:48

    A differenza del GAT, quel giannelli lì è insopportabile però qualche battuta carina ogni tanto la fa.
    Notizia: Primo gol di Rossi in allenamento.
    Commento: Scommetto che in porta c'era Viviano.


    E lo dico da estimatore di Viviano.

    RispondiElimina
  141. Chiari sono d'accordo, il Simpatizzante però si distingue anche per un senso dell'umorismo sotto i tacchi, perde anche il confronto col Giannelli ahahah come ci fa notare Stefano.
    Nel frattempo ennesimo gol del Grande Lewandowski, uno che anni fa, quando era ancora in Polonia e i giornali lo accostavano a noi, faceva insorgere tutti gli anti-Corvino ("Ma che gente compra? Sveglia, Firenze non è Lecce!"). Magari gli avessero permesso di fare l'avvicendamento col Gila, a suo tempo.

    RispondiElimina
  142. Giannelli è pagato per. Fate caso che, pur ricevendo quintali di concio da altri utenti ogni giorno, non replica mai, mai sul personale attaccato. Se ne frega, non porta idee sue, non ci mette la faccia, svolge freddamente una lavoro da salariato. Circa l'Aldorf: la mancanza di trovate, di punti di condensazione del discorso, di trilli formulari, di callidae iuncturae ammiccanti, di densi sottintesi del witz è ciò che rende le sue pizze così illeggibili, oltre che per la loro inconsistenza di contenuti tecnici, ed è ciò che ne fa l'anti-Sopra. In terra di Francia uno come lui sarebbe morto prima di nascere, i Galli detestano sopra ogni cosa la lourdeur. E' che l'ironia è incompatibile con una personalità paranoica, costantemente e trucemente vigile sul proprio «sé grandioso», come lo chiama Otto Kernberg, il massimo studioso delle affezioni narcissiche. L'ironia presuppone distacco ed empatia in dialettica reciproca, presuppone il gioco del fuori-dentro, pienezza d'esistenza e visione binoculare di essa. Aldorf grida la sua intangibile superiorità e ruggisce l'inferiorità altrui, con cavernicolo apriori: questo non dà niente e non fa, ovviamente, ridere se non di lui e di quella pretesa.

    RispondiElimina
  143. Ahahahaha... In culo al Real! Forza Borussia!!!

    RispondiElimina
  144. Aspetto a festeggiare, comunque grande lezione di calcio di Jürgen Klopp a Mourinho. Sì, Suarez ha voluto emulare Gian Belaldo Lugosi [ahah], ed è pure recidivo! ViviUno di Noi©, specifico, non prende pel culo il giocatore, ma la situazione nefasta che gli han creato intorno, con l'imposizione dell'Icona della curva tra i pali della Fiorentina.

    RispondiElimina
  145. http://www.youtube.com/watch?v=zq7xyjU-jsU

    RispondiElimina
  146. Si profila una finale fra magia crauti, giustamente per quanto visto anche stasera, bel Borussia, grande Lewandowski, idem Reus, Hummels (nonostante l'errore grave), un po' in ombra Gotze, ma un giocatore come Pepe nella Fiorentina farebbe tanta panca e non si capisce come nel Real le giochi tutte. Ha responsabilità enormi su tutti e tre i goal su azione del Borussia, una copertura sul giocatore che a certi livelli uno così non entrava neanche nello spogliatoio. Scarsissimo. Presuntuoso il Real che ha nel solo CR7 l'unico davvero umile nella squadra, il che è tutto dire. Mourinho quando incontra allenatori preparati va sempre in bambola, ha costruito i suoi successi europei forgiando gruppi che si basavano sul carattere e sullo spirito di sacrificio dei giocatori, c'è riuscito con squadre come Porto e Inter ma quando la caratura dei giocatori era superiore, Chelsea e Real, non è andato mai oltre la vittoria del campionato. Bravissimo a creare gruppi e motivarli, numero uno in questo, ma con limiti tecnici evidenti ogni volta che ha incontrato allenatori preparati e quando non è riuscito a far correre i cavalli di razza. Il 4-1 lascia pochissime possibilità di passaggio turno, il Borussia visto contro il Malaga pare capace di complicarsi la vita all'inverosimile ed il Real 3 goal può segnarli a chiunque ma con quella difesa ha davvero pochissime possibilità di spuntarla. Questo Borussia non è stato in grado d'impensierire minimamente il Bayern in campionato ma si sa, non è che siano più forti i bavaresi rispetto a tre anni fa.

    RispondiElimina
  147. Fiorentina: Corvino tratta il nuovo Boniek
    20.12.2008 13.23 di Redazione TMW. articolo letto 3720 volte
    Fonte: di Marco Meucci per violanews.com
    Si chiama Robert Lewandowski l'ultima idea di Pantaleo Corvino. Il ventenne attaccante del Lech Poznan, squadra che affronterà l'Udinese nei sedicesimi di Coppa Uefa, è entrato nel mirino del ds viola. Lewandowski ha già esordito con la nazionale maggiore polacca nel settembre 2008 subentrando a gara in corso. Il costo dell'operazione dovrebbe aggirarsi intorno ai 6 milioni di euro a dimostrazione che pantaleo Corvino continua a monitorare il mercato internazionale.
















    Si sollevarono subito ululati di sdegno: Corvino va a cercare il solito giovane bidone nell'est invece di puntare su quelli affermati, DV braccino corto ecc.. E poi il Gila voleva il nulla in panca sennò perdeva gli ormoni per strada.

    RispondiElimina
  148. stefano vienna25 aprile 2013 00:38

    Mmhhh, chissà chi si è opposto?

    RispondiElimina