.

.

lunedì 5 marzo 2012

Pirandelio

Diciamo subito che Pirandelio deve liberarsi dalla schiavitù psicologica del suo primo successo letterario, perché “Il fu Mattia Pasqual” o lo toglie, e non se lo meriterebbe, oppure lo arretra sulla linea difensiva, visto che questa Fiorentina non può fare a meno di un giocatore come Vargas, sempre decisivo nel bene e nel male, oggi però capace nuovamente di tagliare a fette la difesa dalla sua parte, e non farlo giocare è proprio roba da mattia. “Uno, nessuno e centomila”, sono invece i numeri crescenti dei tifosi capaci di dimostrarsi più un peso che un'arma, quando si arriva a fischiare un proprio giocatore in procinto di entrare a sostituirne un altro importante perso per infortunio, con davanti ancora un'intera partita da giocare già abbastanza complicata di suo. A quel punto il pericolo era quello che potesse calare la notte fonda della paura sul Franchi, e subito mi sono venuti in mente quelle quattro fave con l'aereo e il vaso da salvare, pronti a servirci l'amaro Montenegrino del suo infortunio. A me Cerci non sta certamente simpatico, anzi molto spesso l'ho preso di mira ironizzando per il suo comportamento a Firenze, ma di fronte all'importanza di quel preciso momento, il dovere del tifoso dovrebbe essere solo quello di incitare almeno prima e durante, mentre invece questo tipo di atteggiamento mi ha ricordato il Pirandelio più teatrale, quello nel quale il tifoso interpreta al meglio “l'imbecille”, e apre una discussione se è meglio avere lo stadio pieno di tifosi low cost, oppure più semplicemente vuoto, se la molla non deve essere quella della passione vera ma solo il sottocosto dell'offerta stracciata. Ho sempre preferito le Moras alle bionde e oggi ho avuto importanti conferme in merito, poi ho rivisto finalmente il Montolivo che susciterà rimpianti, e soprattutto i tre punti che sono il vero tesoro di giornata, di fronte a una partita già molto complicata anche prima dell'infortunio di Jovetic. A chi ha polemizzato con Boruc, reo secondo questi di non rilanciare celermente l'azione, dovrebbero invece offrirli i cinque euro per rimanere fuori, come del resto fuori dovrebbe rimanere anche Salifu, ma Pirandelio mi sembra ancora un po' confuso nella ricerca del modulo giusto e della formazione migliore, in cerca cioè di almeno “sei personaggi in cerca d'autore” se non sette. Devo dire che nella vittoria di ieri ho visto più una reazione di alcuni dei giocatori più importanti, che hanno dimostrato questa volta attaccamento e palle, e meno la mano dell'allenatore, che probabilmente è poco adatto a subentrare in corsa. Io però che voglio vedere sempre il bicchiere mezzo pieno, guardo avanti e non dietro vista la distanza di sette punti che ci separano dalla Roma, ma con la partita di Parma da recuperare, che alla fine potrebbe addirittura rilanciare il nostro campionato. Ieri è mancato purtroppo un sicuro protagonista al Franchi, Adrian Mutu, che anche se ormai nella fase calante della sua carriera, avrebbe ricevuto la meritata ovazione, alla quale probabilmente avrebbe risposto con l'inchino rivolto al suo vecchio pubblico, il quale, forse deluso proprio da quel mancato inchino, ha voluto farlo lui imitando il più esperto Schettino, accomunati entrambi dal metterlo in atto davanti a un Giglio, e con la stessa identica superficialità, per fortuna i fischi non sono come gli scogli, e la bionda moldava del capitano non vale certo la Moras, capace a differenza dell'altra, di portarci fuori dalle secche della bassa classifica. 

43 commenti:

  1. Colonel Blimp5 marzo 2012 01:09

    Ecco, la contestazione a Boruc per via del ritardo nel rinvio l'avevo dimenticata: lì, indubbiamente, si attingono vette himalaiesche (però anche semplicemente maialesche) di imbecillità solitamente interdette agli umani e alle quali solo l'ausilio di forze soprannaturali, evocate con patto di sangue, possono condurre. Siamo nel finale di un'importante vittoria scacciacrisi, il portiere temporeggia, come un indubbiamente mediocre buon senso imporrebbe, ma i Nobel dell'imbecillità, abituati a spettacoli troppo più insigni, incuranti peraltro del disturbo alla concentrazione (così facile, così scontata, si sa, in un portiere, che dietro ha solo la porta, e cioè il gol per gli avversari, che volete che sia) fischiano la meschinità polacca, quel cagasottesco rifiutarsi al gioco giocato, quel rimasuglio di indecorose meline d'altri tempi che i Della Valle, che non sanno nemmeno declinare alla fiorentina (come rimproverava loro uno striscione) la parola progetto (non si dice Mercafir, marchigiani semiterroni! Volete fregare noi che siamo del Nord boreale? E a ristrutturare i campini basta il mio geometra! E se dovete mettere altri 25 sacchi per ripianare il bilancio allora cazzi vostri che non sapete spendere, stai a vedere che dobbiamo preoccuparcene noi! Noi siamo tifosi, solo tifosi, però vogliamo tutto, e gratisse sai! E non c'è contraddizione perché siamo tifosi al quadrato, anzi di Cuadrado), hanno portato a Firenze, come se le partite del Barcellona non le vedessimo anche noi alla tele, brutti imbroglioni! Una noticina su Segnamai: credevo che le gesta 2008 di Siena fossero irripetibili ma, se non avete visto quel che ha combinato all'ultimo minuto di Inter-Catania, è come se aveste perso il gol di Maradona con l'Inghilterra, quello coast to coast. Chi lo chiama ancora in Nazionale, e che per cagate cosmiche del genere lo aveva stracazzato via da Firenze (di giuste ne ha fatte anche lui, non esageriamo, poro ingiubbottato!), è solo un perverso, l'ho finalmente capito: quelle prodezze all'incovercio se le vuole delibare in allenamento, filmarle di nascosto e riproiettarle la notte, per orge di risa sguaiate e singhiozzanti senza fine, una volta deposta la maschera, anzi la mutria, del savonarolesco moralizzatore che abbia ingoiato un Buffon di traverso.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore5 marzo 2012 07:33

    Come hai visto Pollock, tu ed io, alla vigilia della partita,una volta vista la formazione che intendeva mandare in campo, siamo stati facili profeti sulla pavidità tecnica, ed a questo punto mi chiedo se non si debba parlare anche di insipienza, FINORA dimostrate da Delio Rossi. Ma ti rendi conto che contro l’ultima in classifica a Firenze ci siamo presentati in campo con tre stopper, due terzini ed un solo attaccante di ruolo? Parliamoci chiaro, stiamo parlando  di un 5-3-1-1- che Rossi mi vuol far passare per un 3-5-2. Mi sento preso in giro. Come puoi pretendere che una formazione del genere non abbia problemi di gioco ed in attacco? Qui non è la paura che fa 90 poeta , è la paura che ha fatto il botto, infatti la forza delle cose ha imposto soluzioni diverse per il secondo tempo. Sui tifosi, niente da aggiungere alle vostre parole, Pollock e Colonnello , non a caso l’ho messi tra i principali responsabili della situazione assieme ai calciatori ed allenatore-i. Chiudo con una domanda a te Jordan su Romizi, che tanto mi manca. Non ti sembra che le ultime dichiarazioni del suo entourage e quelle di Teotino indichino chiaramente che a bocciare Romizi a Firenze sia stato solo ed esclusivamente Delio Rossi? Non pensi che sostenere che Salifu sia più pronto di Romizi sia da neurodeliri? Se Rossi non è responsabile di questo giudizio, perchè non parla visto che, la Fiorentina e la Branchini Band, tale  lo stanno facendo apparire?

    RispondiElimina
  3. Colonel Blimp5 marzo 2012 08:52

    Su Romizi, Chiari, sono d'accordo da sempre; circa Delio, finora anche per quello deludente (l'ho scritto per tempo, attirandomi strali), bisogna dire che nel secondo tempo ha trovato quadra, che Magic Raven gli ha tolto alternative in attacco col mercato di gennaio e che a centrocampo aveva gli uomini contati. Resta che Romulo deve avergli rigato l'automobile in un parcheggio, sennò non si capirebbe l'esclusione sistematica, ieri coonestata da una prestazione contro la Lazio da 5,5, l'unica volta che giocava da titolare con lui e in un primo tempo in cui tutta la squadra era affondata.

    RispondiElimina
  4. Colonel Blimp5 marzo 2012 09:34

    Pollock, ho usato il povero Segnamai, nel Gran Magazzino Viola, in ben due post per fare pubblicità al tuo sito: solo per ricordarti che io sono come il Multinick o come i fans di Cuadrado, non lavoro gratis... Attendo bonifico, che spero giunga con maggior celerità del  pagamento di Chairi per il Pigato.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore5 marzo 2012 10:31

    Ecco, hai scritto bene, Colonnello,Chairi il Pigato forse te lo potrà pagare, Chiari no.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore5 marzo 2012 10:34

    Quanto alla pubblicità del blog dei blog, cioè questo, se mi pubblicano quanto ho appena inviato ce n'è una fatta da me, forte ed esplicità. Resto anche io in attesa, quindi, di un consistente riconoscimento, tanto più bene accetto in questi tempi di crisi.

    RispondiElimina
  7. TOCCA L'ALBICOCCA5 marzo 2012 10:52

    E' un dato di fatto che mettersi a fischiare il portiere,elemento che più di altri necessita
    di tranquillità è l'ennesimo brutto capitolo nei rapporti tra la squadra e una città che ha
    perso il senso della misura ed anche un po' il senso del ridicolo.
    Passando alla partita,e quando si vince è meglio dirlo,questa squadra ha,a mio parere,
    un solo e grandissimo problema,ed è la totale mancanza di cambio di passo che nel calcio è tutto o quasi.
    E quando riesce farlo dura sempre poco ed in buona parte è dovuto ad un calo d'intensità
    della squadra avversaria.
    Se mancano Behrami e Jovetic,rimane il solo Vargas,il resto è lineare,piatto e quindi sempre prevedibile.
    Questo difetto,al di là di un buon secondo tempo(allora avevamo ragione che quello visto
    fino a ieri al 45° era uno che giocava alla meno),è "il difetto" anche di Montolivo,del
    resto anche l'espressione facciale del ragazzo è monocorde,lui che pesti una merda o
    che veda una bella fiha sempre quella faccia c'ha.
    Insomma che il cambiamento sia d'espressione o di passo fa poca differenza,non ce
    l'ha lui e non ce l'ha una squadra che ha consegnato a lui le chiavi del centrocampo.
    Delio Rossi,con questo materiale,può solo fare quel che ha fatto ieri,tenere legato
    Vargas alla panchina e slegarlo per 45 minuti,sperando che la frustrazione della catena
    produca glli effetti sperati.
    Ieri è andata bene,per molti mesi no,quindi Vargas quel comportamento da imbecille,
    sbracciandosi in modo plateale, quando è chiaro che un portiere non è lì per far divertire il suo cucciolo tirandogli la palla  ma per portare a casa il risultato,se lo doveva risparmiare.
    Se poi ha così voglia di correre ci sono più di una decina di partite per farlo,a cominciare
    da mercoledì a Parma,così da chiudere dignitosamente il suo campionato e poi salutarci
    perchè se è vero che non ci sono più le mezze stagioni a caratterizzare le nostre giornate,tanto più è impossibile pensare che ci sia un giocatore che delle mezze stagioni
    ha deciso di fare una sua caratteristica.
    Quella del cambio di passo non è un problema,è il problema,chi dovrà ricostruire questa
    squadra ne tenga di conto.
    Non so se Pizarro ha queste caratteristiche,lo spero,ce ne vuole comunque un altro lì
    in mezzo al campo ed un cambio di passo anche della dirigenza tutta,siamo diventati
    troppo prevedibili.
    Siamo prevedibili in campo,in sede dirigenziale e pure sugli spalti.

    RispondiElimina
  8. TOCCA L'ALBICOCCA5 marzo 2012 10:57

    Ve lo ricordate As Fidanken,il cocker di Drive In di cui un mitico Ezio Greggio ci decantava le sue innumerevoli performance mentra in realtà,impassibile, non batteva mai cigllio?
    Ecco,Montolivo è il nostro As Fidanken...

    RispondiElimina
  9. Alla fine il conto ve lo presenterò io cari Blimpe e Chiari, perché questa è una isoletta al di fuori del circuito del turismo, dove non esistono le infrastrutture necessarie ad accogliere la moltitudine sollecitata dalla vostra pubblicità, mandata in onda addirittura nella fascia del prime time. Vi ricordo oltretutto che l'atollo non è  votato alla filosofia del villaggio, e se arrivasse improvvisa una nave a scaricare gli amanti dell'all inclusive, sarete chiamati a ripulire la spiaggia dalle bottiglie di plastiche.

    RispondiElimina
  10. Chiari, non mi va di dirtelo di là perchè farei il gioco di personaggi che non stimo, però, consentimi, non è che se vai ripetendo che Romizi è andato via a causa di Rossi, questo diventa automaticamente vero.
    Nonostante le veline di apparato, internettiane o meno.
    Se in un caso, per constatare i fatti (Corvino=DG) ti è necessaria la delibera del consiglio di amministrazione, mi pare che in questo caso tu ti accontenti di molto molto meno.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore5 marzo 2012 13:48

    L’all inclusive l’hai escluso tu con i tornelli, Pollock,  ed hai fatto benissimo. Quindi spiagge da ripulire non ce ne sono. Io parlavo di un riconoscimento a piacere del tuo buon cuore, che so, una decina di litri di extra-vergine della Badia di Coltibuono. Poi sia chiaro che noi non siamo qui in ricreazione dal sitone ma per affinare i nostri pensamenti.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore5 marzo 2012 13:59

    Bel tentativo il tuo Zaphodb, di usare una mia battuta contro di me, peccato che tu non l’abbia fatto a ragion veduta. Io non ho ripetuto un mio convincimento ma ho semplicemente riportato i fatti e quello  che hanno detto altri, o in veste ufficiale o di inequivocabile. Tu invece stravolgi i fatti , li sminuisci a tua discrezione, o addirittura te li inventi. Provo e rimetterti di fronte alla realtà dei fatti INEQUIVOCABILI che ho riportato: 1)Teotino è la voce ufficiale della Fiorentina 2) Corvino non è il DG della Fiorentina 3) Rossi non ha mai voluto far giocare in serie A Romizi. 4) Romizi se n’è voluto andare a Bari perché Rossi non lo faceva mai giocare.

    RispondiElimina
  13. Colonel Blimp5 marzo 2012 14:51

    Ma guarda, Chiari, che l'extra-vergine della Badia fa schifo non meno del Gallo Nero: dammi retta, consuma il tuo chiaretto ligure d'ulivo, color pipì di bimbo malaticcio, che qui lo utilizziamo come olio dei freni.

    RispondiElimina
  14. Chiarificatore5 marzo 2012 14:57

    Sputa anche sul miglior olio d'oliva del mondo, Colonnello, poi mi  chiederai in regalo anche quello. Giuro che la rima è venuta per caso.Eh,eh,eh.

    RispondiElimina
  15. Devo dire Blimpe che l'olio extra vergine ligure per me è un grande olio, decisamente più delicato del nostro, ma non per questo qualitativamente inferiore, anzi, per condire un insalata per esempio lo preferisco. Devo confessare che è spesso il costo troppo elevato a non consentirne un uso più quotidiano, specie nella stagione dove si condisce a crudo, e poi ho un debole per le olive taggiasche conservate, che invece utilizzo spesso anche per cucinare.

    RispondiElimina
  16. Colonel Blimp5 marzo 2012 15:24

    Per condire un'insalata (pura, senza pomodori, ovviamente) ci vuole la vinaigrette, qualsiasi olio sarà sempre peggio. Frattanto: ma Memoria Storica non ha vergogna di farsi cogliere in Dubbio così facilmente? Mi spiace solo che abbiano coinvolto la memoria del povero Gufolino, che non c'entra nulla.

    RispondiElimina
  17. Chiari,
    anche Delio ha dichiarato che nel primo tempo il modulo era un 3-5-2, eppure, con un processo logico del tutto diverso (direi diametralmente opposto) da quello contenuto nella tua replica a me, hai asserito (probabilmente anche a ragione) che quello fosse un finto 3-5-2, ed un vero 5-3-2.
    Attento Chiari, chi di interpretazioni ferisce, di interpretazioni perisce.

    Sennò troppo comodo....

    RispondiElimina
  18. Circa le dichiarazioni di Teotino ti ho già detto sul sitone e te lo dici da te quando al punto1) qui sotto rispondi a Zaphodb. E' la voce ufficiale della società, e allora che vuoi che dica? che Romizi è stato emarginato per beghe del DS con i procuratori? I procuratori poi non mi sembra affatto che avallino la tua teoria, hanno anzi detto ufficialmente il contrario: "La colpa non è certo di Delio Rossi". E allora di chi è? Puoi dire che non sono attendibili per i loro rapporti pessimi con Corvino, ma non fargli dire l'opposto di quello che dicono.

    RispondiElimina
  19. L'olio d'oliva de' mi' olivi spremuto a i'' frantoio un lo cambio con nessuno. L'è poco, ma bono.

    RispondiElimina
  20. 1) Teotino è la voce ufficiale della Fiorentina (quindi dice quello che gli dicono di dire), 2) La carica di Corvino definiscila come ti pare, di fatto ha agito come mente tecnica decisionale al 100%, ed è quindi responsabile unico delle scelte di mercato. 3) Questo lo dici tu, può essere vero come no. Per me è più no che sì, 4) E' voluto andar via perchè non lo facevano giocare e non lo tenevano nella minima considerazione, per quali fossero le cause ed i colpevoli vedi punto 3.

    RispondiElimina
  21. Colonel Blimp5 marzo 2012 15:56

    E Delio, caro Jordan, è solo una marionetta...

    RispondiElimina
  22. Mi fa piacere Blimpe parlare di vinagrette, che io apprezzo molto utilizzando per esempio quella delle Maille fra le già pronte, ma comunque lontano dalla nostra tradizione che vede l'utilizzo quasi esclusivo dell'olio, dimmi se la tua  prevede sale, olio e aceto, oppure anche pepe e senape. Già che ci siamo voglio ricordare che all'aceto si può sostituire il limone.

    RispondiElimina
  23. Chiarificatore5 marzo 2012 16:48

    Zaphodb e Jordan, potete rigirarla come volete, divagare, cercare di farmi dire altre cose, ma  i quattro punti che  ho elencato qua sotto non sono interpretazioni ma fatti. Non li dico io, li espone  la realtà. Chiedete in giro se non credete ai vostri occhi. Eh,eh,eh.

    RispondiElimina
  24. Colonnello non ho detto questo, ho detto solo che Romizi probabilmente non gli è sembrato così importante da farci una guerra interna. Anche lui alla Fiorentina ci è appena arrivato e, magari, ci vuole rimanere. Comunque questo ha detto Leonardo Corsi, procuratore diretto di Romizi:  "Perchè non è stato preso in considerazione da Delio Rossi? Peccato, perchè avrei voluto vederlo almeno per dieci minuti con la maglia della Fiorentina. Però non ne faccio sicuramente una colpa a mister Rossi". E allora a chi ne fa colpa?

    RispondiElimina
  25. Ahhhh Chiari, Chiari, tu ormai utilizzi il blog come pezza d'appoggio, come strumento con il quale dare forza alle tue teorie sul Siton dei Sitoni, qua ti costruisci  gli alibi per rispondere poi alle accuse dei Marco da Siena di giornata. Mi sento strumentalizzato a blog da verifica incrociata, potrei però lenire le sofferenze del mio orgoglio da te ferito con una fornitura di 20 litri di olio extra vergine ligure con il quale condirò delicatamente la mia frustrazione.

    RispondiElimina
  26. TOCCA L'ALBICOCCA5 marzo 2012 18:03

    Chiari t'hanno beccato,hai diritto di non parlare e di sceglierti un avvocato,se non puoi permettertertelo te ne verrà assegnato uno d'ufficio.
    La cauzione è stata fissata nei 20 litri d'olio richiesti dalla parte offesa ed è immediatamente esecutiva...

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore5 marzo 2012 18:11

    Pollock e Tocca, tra un po’ questo blog  varrà come testo indiscusso al quale attingere il vero ed il giusto. Tutto questo senno che lo popola lo renderà un sorta di Bibbia. Il suo nomignolo universale sarà “La Fonte”. Di là già ora basta dire “Blog di Pollock” per suscitare rispetto. Io mi ci sono aggregato furbescamente giusto in tempo, che non so quanto durerà , quando si può  fare ancora a gratis. Quindi non vi devo alcun litro di olio. Eh,eh,eh.

    RispondiElimina
  28. Senape in semi di Digione, olio taggiasco e non kelemata (vero Pollock ?!), pepe macinato fresco e sale grigio bretone. Una vinagrette moderna non senza una strizzata di uno spicchio di limone. Provatela e fatemi sapere. 

    RispondiElimina
  29. TOCCA L'ALBICOCCA5 marzo 2012 18:22

    Leo,ma tutta 'sta roba va messa su Romizi o sul suo procuratore?

    RispondiElimina
  30. No sull'insalata da mangiarsi Cor-vino.

    RispondiElimina
  31. TOCCA non saprei chi merita simili prelibatezze. Opterei per il pepe di Cayenna, zenzero e coriandolo in quel caso, il tutto emulsionato con olio di semi e aceto di vino bianco della peggiore specie. Non per Romizi s'intende. 

    RispondiElimina
  32. Per quel che riguarda i numerini sarei più dalla parte del Chiari, schema che, con quegli interpreti, somigliava più ad un 5-3-2 di trapattoniana memoria. Comunque i numerini lasciano il tempo che trovano. Se non hai punte, o ne hai poche, devi avere inserimenti da dietro (facili battute di spirito mi siano risparmiate) veloci e frequenti e se mi metti in campo cinque difensori di ruolo più un mediano di rottura chi me li fa questi inserimenti? Hai una squadra a baricentro arretrato che non correrà tanti rischi (ma col Cesena di ieri a correr rischi ci voleva impegno) ma che farà anche tanto poco gioco e che ne venga fuori un primo tempo come quello che si è visto è quasi matematico. Uno schema così, se impari a ripartire (e noi non si sa fare nemmeno quello) va bene per giocare contro il Milan, o, magari, il Napoli, ma non col Cesena in casa.

    RispondiElimina
  33. Visto le reti che abbiamo preso sia con il 442 che con il 352 e visto l'attuale situazione di classifica penso che la formazione di ieri sia stata la più sensata. Invocare il bel gioco con la rosa attuale e con i giocatori attuali (Vargas, Cerci e Montolivo sul piede di partenza, 3 dei migliori per intenderci) non è realistico, ci si deve accontentare di quello che viene senza fare tanti sofismi. Delio l'ha capito da un mese e mezzo e se avesse saputo di questa situazione probabilmente non sarebbe neanche venuto. Ringraziamo il cielo di averlo, con un Marino, un Gasperini o un Cosmi non ci saremmo neanche salvati. Si vuol discettare di calcio come se fossimo al posto dell'Udinese o della Lazio quando invece bisogna guardarsi le spalle dal Bologna e dal Lecce e inseguire compagini tipo Catania e Atalanta, siamo seri. 

    RispondiElimina
  34. Non pretendo affatto calcio champagne, ma voglia di vincere contro il Cesena in casa, sì. Se si finiva 0-0, come si era incanalati fino all'autogoal, volevo vedere cosa dicevi. Schierare tre difensori centrali contro una squadra che ha una punta sola è da ghiozzi, e scusarsi dicendo che ci si era preparati come se ci fosse stato Mutu, peggiora invece che migliorare. Si è vinto, e tutto bene, speriamo in Eupalla sempre. Se ve l'avesse presentata Sinisa una formazione così in casa col Cesena l'avreste insultato fino alla settima generazione.

    RispondiElimina
  35. Jordan si è vinto in casa con il Cesena senza soffrire e non è finita 0-0. Se, se, se "E se domani", t'invito ad ascoltarla, bellissima, del '66, di una grande oltretutto.

    RispondiElimina
  36. Se si deve guardare solo al risultato finale, rendiamo grazie ad Eupalla e "gaudeamus igitur in serie A dum sumus". Se ci è permesso di fare dei commenti ognuno cerca di farli più intelligenti e logici che può. Per me la partita di domenica era stata impostata "ad cazzum" che poi sia andata a finir bene mi fa solo gioire.

    RispondiElimina
  37. E se domani.... si perde risiamo nella merda. Quindi occhio, almeno un pareggio necesse est. Vediamo se a Parma va a giocare col baricentro alto e senza difensori!

    RispondiElimina
  38. "ad cazzum" non l'avevo mai sentita, l'altro aggettivo dopo il "risiamo" si, vabbé che siamo in un sito anche culi-nario Jordan ma non approfittartene eh eh eh eh eh eh.
    Sul serio, parlare di moduli, in questo momento, lo ritengo un esercizio asfittico fine a se stesso. Servono altri 9-10 punti poi a nanna e via alla prossima stagione. Migliore di questa non è un auspicio ma un dovere. 

    RispondiElimina
  39. o cosa sentono le tue verginali orecchie! siam tutti bambini grandi e c..o (ti metto i puntini se no ti scandalizzi) l'ha detto anche Panariello in prima serata TV!

    RispondiElimina
  40. Panariello può. Noi no. eh eh eh eh In ogni caso Jordan, tu puoi avercela con il Pranda, con Delio o con chi vuoi, io rimango convinto che una società funziona quando ci sono gli uomini giusti al posto giusto ed il proprietario presente. E' successo fino ad un paio di anni fa e il disastro attuale non sia riconducibile da chi non c'è più ma dal disinteresse palesato ai piani alti. Autofinanziamento ?! Mi pare evidente che non sia stato centrato neanche questo obbiettivo, pur viaggiando su piani meno nobili. Il dover mettere ogni anno dai 20 ai 25 milioni per ripianare non depone, anche questo, a loro favore. Sono obbligati a farlo, il giocattolo è in mano loro e devono gestirlo come meglio credono. O torna la voglia e l'interesse, e sarò il primo a gioirne, o vivacchieremo fin quando non ci sarà un passaggio di mano. 

    RispondiElimina
  41. Voglia e interesse vuol dire soprattutto organizzazione e, è vero, persone giuste al posto giusto. Io non ce l'ho con Prandelli, ce l'avevo con Prandelli quando mi sembrava che sbagliasse e ce l'ho avuta col Prandelli degli ultimi mesi che ha concluso come peggio non poteva. Io non ce l'ho con Delio Rossi, l'ho salutato con entusiasmo, ho sospeso ogni giudizio per i primi mesi, perchè anche per lui, come per il predecessore, le difficoltà erano enormi e bisognava dargli tempo. Ora, dopo quattro mesi, si può cominciare a criticarlo quando sbaglia e per me domenica ha sbagliato. Non puoi obbligare nessuno a sperperare soldi nel calcio, si può pretendere però che le cose siano gestite molto meglio di quanto fatto negli ultimi due anni, ma, credo, che questo sia ben chiaro a chi, per aver gestito male, deve pagare 25 milioni a giugno.

    RispondiElimina
  42. 25 a Giugno, 20 l'anno passato, sempre a Giugno, eppoi mi chiedo che fine sta facendo l'imprenditoria attuale.....eh eh eh eh eh. Jordan te lo scrivo a chiare lettere: Natali e Montolivo via (sempre a Giugno, ma che sarà mai questo mese!) a 0 euro. Vargas idem per una cifra sotto i 10 milioni o giù di li, Cerci (sarà una TdC ma la qualità c'è) via pure lui e non a doppia cifra. Poi, chi ti rimane di veramente buono oltre Jovetic ?! Cassani non è nostro, Liajc crescerà (quando, dove...) gli altri ?! Mi tengo stretto Boruc, ha i suoi difetti, ma para. Nastasic deve giocare ancora tante partite, talento assoluto, ma deve crescere (ha solo 19 anni). Salifu, in un contesto da Juve o da Milan ottimo centrocampista ma qui da noi un giunco in mezzo alla tempesta. Romizi ?! Per me era buono ma nessuno l'ha visto.......Insomma, in un contesto simile, con una società composta da tante figure inutili, giocatori in scadenza o sul piede di partenza chi ci vorresti in panchina ?! Non basta Rossi, né Prandelli né Mourinho, ci vuole Padre Pio, nella speranza che metta in campo una difesa con meno buchi di quelli che ha nelle mani. Quest due anni orribilis vanno dimenticati alla svelta. A me dispiace per questi altri 25 milioni buttati al vento ma ne servono altri 25-30 per rifondare e partire di nuovo con un qualcosa di sensato. Ho poca fiducia che accada e mi girano fortemente i maroni. Ho adorato i DV nel periodo degli anni d'oro (finire in champions, vincere un girone, una semifinale uefa a me fanno godere come trofei, che ci vuoi fare ?!) non posso approvare il loro comportamento, il loro disimpegno dai risultati che erano li a portata di mano. Il passivo di 20-25 milioni l'anno l'avevi anche quando eri stabilmente in champions ma allora nella Fiorentina facevano ai cazzotti per venirci, oggi sembrano tanti topolini in fuga da Titanic.

    RispondiElimina
  43. Chi vuole autofinanziarsi deve trovare l'oro al prezzo dell'argento e non viceversa e nemmeno comprare solo argento per spendere poco, perchè un po' d'oro ci vuole. Gente come Cuadrado, Muriel, Ibarbo, Barrientos, Isla, Inler, Armero etc...quando sono stati presi costavan tre palanche. Ramirez è stato rifiutato da Corvino quando costava meno di 4 milioni. Bisogna esser vispi ed avere delle belle organizzazioni di reclutamento. Corvino ha deluso ampiamente sotto questo aspetto negli ultimi due anni. Purtroppo non si può cambiare per cambiare perchè non è nemmeno questione del singolo, ma dell'organizzazione che ha dietro e che la Fiorentina non ha. Non conosco bene Eduardo Macia ma non ha cattive referenze. Il problema della vicinanza della proprietà è per me un falso problema, quello vero è quello dell'organizzazione. Organizzata bene con gente valida nei posti giusti non importa la presenza del padrone, ma se è diretta da un bando di improvvisatori deve intervenire sì, ma solo a rattoppare. Che poi l'allenatore c'entri poco è vero, quando si parlò, qui, delle responsabilità, lo misi all'ultimo posto (ma tutti, anche il povero Sinisa). Credo che non sappiano dove sbattere la testa. L'ambiente non lo conoscono perchè non l'hanno voluto conoscere e di gente valida professionalmente e fidata a cui delegare il bastone del comando non credo ne abbiano. Si eran fidati di Corvino ma non possono non avere, dopo i risultati di questi due anni, più di un dubbio.

    RispondiElimina