.

.

mercoledì 21 agosto 2013

Short version 2

Il rinnovo di Montella è un buon punto di partenza mentre rinnovo una certa avversione per l’Est, meglio, decisamente meglio a ovest di Paperino, e anch’io sono a un buon punto perché domani sono di partenza. Il mio augurio che nasce ai confini con la Bulgaria mentre mi specchio nel Danubio blu è rivolto tutto alla partita di Zurigo, insomma, diciamo anche alla mia partenza per il Bel Paese, sperando comunque di fare la partita senza prendere nessuna ripartenza. Ho preso atto intanto che il mio collega sub e nervoso è più randagio di un cane randagio che a Calarasi è come il lampredotto a Firenze, un’istituzione, il sub nervoso è sentimentalmente randagio, non ama il collare e fa branco, visto che però sta tutto il giorno con me mi viene da pensare per una qualche proprietà transitiva che anch’io possa essere un randagio, con l’aggravante che la Rita il collare me l’ha messo. Lui dice che è molto tempo che è entrato in analisi per risolvere questo suo randagismo, io non credo che questo lo possa aiutare più di tanto, forse sarebbe meglio una lobotomia. Forse sono troppo metafisico, un po’ Guttuso da non confondere con Rino, insomma, cerco di guardarlo dentro sperando che non mi scopra come quando all’Istituto d’Arte mi pizzicò la professoressa a copiare il compito di metafisica dalla Lai. Sbirciavo nella sua anima, ma anche un po’ nella sua scollatura. Tanto per cambiare si è innervosito di brutto dopo aver letto che Ljajic avrebbe firmato una sorta di accordo con il Milan, ma si è innervosito di più quando gli ho chiesto del militare, secondo me è una balla, ma lui sostiene che gli è stato conferito un incarico speciale in caso di guerra, lui scelto tra milioni, il suo grado secondo quanto racconta, in caso di guerra dovrebbe essere quello dell’ostaggio. Domani ho il volo nel pomeriggio, forse il primo tempo se funziona qualcosa potrei vederlo di fortuna in streaming sul Frecciarossa, ma intanto questa insicurezza mi crea profonda prostrazione, è come scontare una condanna per un crimine che non ho commesso, almeno avessi un buon avvocato potrebbe spostarmi la condanna di qualche ora, o anticipare la partenza dell’aereo, mentre il mio avvocato d’ufficio mi ha detto “O tu vai in Perù, o sposti la Chiesa, o vinci al Totocalcio”.

120 commenti:

  1. Ieri ho deliberatamente inserito una dichiarazione a Radio Blu togliendo le virgolette per vedere che succedeva. A seguire ha commentato Leo il cui commento trascrivo: Leo lastra • 8 ore fa −
    "Un ciuco ha più capacità di discernimento, sono certo che certe scuole contavano un'alunno per classe, due quando si beccava un ripetente".
    Preciso che la frase di Leo va quindi così intesa:
    Leo lastra • 8 ore fa −
    "Un ciuco ha più capacità di discernimento di Gigi Simoni, sono certo che certe scuole contavano un'alunno per classe, due quando si beccava un ripetente".
    Condivido peraltro in pieno ciò che ha detto il competente ed intelligente Gigi: i dubbi di Ljajic potrebbero dipendere anche dal fatto che la campagna acquisti con l'arrivo di Gomez, Rossi e altri centrocampisti avanzati l'ha spostato dal centro del progetto viola ad una condizione marginale. Gigi smentisce ciò che è stato detto qui tante volte, che cioè avere tanti giocatori in concorrenza è sempre un vantaggio. Possono infatti sorgere rivalità e scontentezze. Per quanto riguarda Ljajic la peggior punizione è sfruttare fino a fondo il contratto che è in corso. Già quest'anno rimette 700 mila euro. Poi andrà credo al Milan, ma dire che io ne sono contento significa, Stefano Vienna, essere fuori di testa. Non pretendo che mi si legga attentamente, ma anche leggendomi di striscio non puoi non esserti accorto che io volevo fare di Ljajic il perno della nuova squadra attribuendogli posto fisso o quasi, ingaggio adeguato e un domani fascia di capitano.

    RispondiElimina
  2. Seferovic ha segnato anche ieri. Forse ora che si è smantellato l'attacco perdendo due giovani di grandissimo valore col terzo in via di fuga è più chiara la mia visione: era per evitare questo che avevo suggerito di comprare un centravanti giovane (Abumeyang, Gabbiadini, Guidetti) e di formare un reparto di attacco con Ljajic, Rossi, Abumeyang, Cuadrado, Seferovic caratterizzato da duttilità tattica ed anche più economico. Con i quattro in questione a ruotare senza gerarchie contendendosi il posto.

    RispondiElimina
  3. Aubameyang (si scrive così) però l'hai tirato fuori solo adesso, per mesi hai insistito solo su Gabbiadini (si parlava di cedere Jovetic alla juve in cambio - anche - di metà Gabbiadini) e poi hai virato debolmente su Guidetti.

    RispondiElimina
  4. Sulla linea dura nei confronti di Ljajic voglio precisare una cosa, visto l'osservazione polemica di ieri del Blimpe sul cambiamento di rotta rispetto al caso Montolivo. In effetti mi sono sentito chiamato in causa dal Colonnello in quanto, ai tempi dell'ultimo anno di contratto del Monto, avevo appoggiato la linea societaria di non metterlo fuori rosa e in tribuna, pensando che fosse una soluzione non consona allo stile Della Valle, che sono ben diversi da Lotito e che fosse giusto che la Fiorentina si comportasse signorilmente. Ebbene, il tempo ha dimostrato che mi sbagliavo, che sarebbe stato meglio adottare una linea molto dura nei confronti del Monto anche come monito per il futuro. È proprio avendo visto cosa è successo con lui che ora invoco la linea dura con chi cerca di fregarci.

    RispondiElimina
  5. Detto questo, adesso prima di scagliarci contro Ljajic aspettiamo e vediamo cosa succede, perché non conosciamo la verità sulla sua situazione e sui suoi movimenti.
    I dirigenti tutti (prima Cognigni, poi Mencucci, ora Pradé) ostentano grande sicurezza e grande calma, palesando di non avere alcuna fretta, potrebbe essere (è molto probabile che sia) una tattica per non arrivare alla rottura mediatica col giocatore, ma questo non vuol dire non voler perseguire una linea dura. Mi spiego: con Montolivo si era arrivati a una rottura pubblica evidente ("la farsa è finita), salvo poi farlo giocare sempre o quasi sempre, mi sembra più furbo adottare una linea morbida in pubblico e poi magari mandarlo in tribuna dicendo che "non è sereno" (anche per evitare accuse di mobbing). Pugno di ferro in guanto di velluto.

    RispondiElimina
  6. Ma niente affatto. Fai qualche ricerca e poi mi dici Anto, la memoria inganna. Io ho sempre fatto un identikit di giocatore ideale, giovane, già affermato, ma ancora in ascesa, che doveva secondo me essere inserito come centravanti. E ho sempre detto che Guidetti, di cui mi si imputò la scarsa altezza, ma anche Auba potevano essere perfetti, come altri da reperire sul mercato. Guidetti fra l'altro te lo davano secondo me gratis o quasi nell'affare Jovetic. Gabbiadini aspetta a dire che è un bidone, non è ancora iniziata la stagione. D'altronde non è questione di nome, ma di identikit del giocatore ideale.

    RispondiElimina
  7. Comunque non c'è imbroglio. Se finiti cinque anni alla Cornell University mi chiama l'Ucla, la Cornell non mi mette mica a fare il bidello un anno prima per punizione, via. Non cadiamo nel lotitismo. Questo giocatore andava messo sotto contratto per tempo se lo si voleva tenere.

    RispondiElimina
  8. Beh, che io mi ricordo di Aubameyang tu non hai mai parlato, hai sempre e solo parlato di Gabbiadini e poi di Guidetti, naturalmente vado a memoria, mostrami tu in quali post precedenti a oggi invocavi l'acquisto di Aubameyang. Io ricordo il Blimp che da gennaio caldeggiava l'acquisto di questo giocatore in svariati post, non ricordo te.

    RispondiElimina
  9. Tornando a parlare di portieri (a proposito, ieri i tifosi, con grande sensibilità verso Neto, hanno intonato il coro "Pradé compraci un portiere"), ieri hanno tirato fuori addirittura Iker Casillas! Posto che se arrivasse sarebbe magnifico, ma dubito che possiamo acquistare un giocatore che guadagna sei milioni netti all'anno (più o meno il doppio di Julio Cesar).

    RispondiElimina
  10. Credo che se non ti fidi dovresti essere tu a cercare mica posso perdere le giornate a fare queste ricerche. Comunque ripeto. Io non ho chiesto un giocatore in particolare ma un "tipo di giocatore" che non essendo ingombrante e costoso come Gomez potesse alternarsi con Ljajic e Rossi andandoci d'amore e d'accordo. Si poteva così fare il 4-3-3 come il 3-5-2 e rimediare ad assenze o infortuni. Il quarto poteva essere Thereau, Seferovic, Denis. Così la squadra sarebbe stata molto più equilibrata.

    RispondiElimina
  11. Dovresti giungere a conclusioni ovvie se tu capissi l'italiano e non dare interpretazioni tue, sballate come i tuoi ragionamenti, quando mi riferisco ad un ciuco adotto il singolare e parlando di classe, individuandone soltanto uno, il riferimento mi pare chiaro. Considera il sito una "classe", chissà chi sarà il ciuco.

    RispondiElimina
  12. Il problema è che il ciuco che hai commentato era Gigi Simoni, quindi mi sa che di asini qui ce n'è uno solo. Buone vacanze, Leo.

    RispondiElimina
  13. Mica può perdere giornate a cercare suoi scritti in cui forse, una sola volta ha nominato qualcuno che non ha mai considerato per indebolire la sponsorizzazione di Gabbiadini, anche tu Anto mi meravigli, perdile tu è dicci se ne trovi uno in cui lo menziona.

    RispondiElimina
  14. Non capisci l'italiano quindi ti auspico di non sostenere altri esami, non li passeresti Lud, neanche con tutte le raccomandazioni di questo mondo. Buon proseguimento anche a te, o illuminato.

    RispondiElimina
  15. Neanche io posso perdere tempo a fare ricerche, per cui mi fido della mia memoria che mi dice che tu mai hai caldeggiato l'acquisto di Aubameyang, ma che ci hai stressato per settimane, se non per mesi, con Gabbiadini. Come "tipo di giocatore", ripeto, Auba (giovane ma già molto affermato) non è assolutamente paragonabile a Gabbiadini (più giovane e non affermato).

    RispondiElimina
  16. Ciao Anto! Provo a ragionare come se fossero vere le ipotesi che si fanno sul caso-Ljajic. La soluzione ottima sarebbe stata, come osservò giustamente il Poeta tempo fa, prolungare il contratto senza possibilità automatiche di rescissione. Ma, allo stato attuale delle cose, l'unica prospettiva di accordo è legata proprio all'inserimento di una clausola non superiore ai 15 milioni. Ebbene, se così fosse, la storia di Ljajic in viola sarebbe ormai agli sgoccioli. L'anno prossimo non sarà difficile trovare un acquirente a quel prezzo. Non lo si troverebbe solo se Ljajic facesse un'annata da Nutellone. Con le valigie pronte, da gennaio sarebbe alto per il serbo il rischio di un sostanziale disimpegno mentale e quindi di un drastico calo del rendimento. Dato per vero, sulla base dell'ipotesi di partenza, che la storia di Ljajic volga comunque al termine, per la Fiorentina si tratta adesso di ottenere il massimo. Il rischio più alto è di perderlo a parametro zero l'estate prossima, quello più basso è di doverlo vendere ora a 8 milioni al Milan: come evitarli? Supponiamo che Ljajic veda come insopportabile la prospettiva di perdere un anno: a mio parere, in tal caso, il tempo gioca a sfavore della Fiorentina fino alla chiusura di questo mercato. Ma dal 3 settembre, la situazione si ribalterà. Da quel giorno, infatti, o Ljajic prolunga o si accomoda in panchina per tutto l'anno.

    RispondiElimina
  17. Ieri Salvatore avevo chiesto chi è che pratica la ritorsione consistente nel mettere il giocatore in tribuna a parte Lotito, escludendo certi casi limite di giocatori senza contratto e in tribuna come Iaquinta perchè non li vuol nessuno.

    RispondiElimina
  18. Ciao Salvatore, sono d'accordo, il fatto è che tutto dipende da quello che vuole fare Ljajic. Io spero che rimanga, ma se rimane deve essere convinto, altrimenti tanto vale che parta. Faccio mio il discorso fatto più volte da Lele, gente del calibro di Gomez, Ilicic e altri ha rifiutato altre squadre per venire entusiasta da noi, chi non è contento di starci può andarsene.

    RispondiElimina
  19. Il mercato finisce il 2 settembre. A oggi, gli exploit di Sefe venduto per tre panni di stoffa e un vaso di azalee, la dominante incertezza contrattuale su Nutella, l'enigmaticità dell'acquisto di Ilicic, il fatto che a sostituire il Pek, in una partita già decisiva per le sorti delle nostra annata, sia uno scarpone schiodato e dal cuoio cotto, gettato sprezzantemente da Galliani in riva all'Arno presso l'ansa di Rovezzano, danno ragione a Deyna e a Lud circa una campagna incompleta e pericolosamente illusoria un pubblico abituato a giudicare a un tanto al chilo.

    RispondiElimina
  20. Ci riprovo. Se io dico che cerco una macchina piccola ma scattante e veloce mi riferisco ad una tipologia che comprende la mini, la 500, la Audi A1. È la tipologia ad interessarmi mentre sono aperto a suggerimenti circa il modello e la casa produttrice. Io ho auspicato che si scegliesse una tipologia di centravanti e fatto alcuni nomi. Ma senza preclusioni. Gabbiadini ci era stato offerto, mentre Guidetti si poteva forse prendere quasi gratis. Se poi Pradè e Macia avessero portato Abu o un altro sarei stato ugualmente contento purchè rientrasse nella tipologia. Abu non l'ha certo scoperto nessuno, era un nome ben presente a tutti gli esperti e adatto a noi, forse un po' caro perchè già esploso.

    RispondiElimina
  21. Dimostrerebbe convinzione nel voler restare se firmasse un prolungamento dell'accordo senza clausole. Voler imporre una clausola bassa significherebbe esser pronto a spiccare il volo l'anno prossimo.

    RispondiElimina
  22. Se dici che cerchi una macchina piccola ma veloce e dici che vuoi una 500 o una Mini è una cosa, se due mesi dopo viene fuori che volevi una Alfa Romeo MiTo (che mai prima avevi nominato) è un'altra.

    RispondiElimina
  23. La cessione di Sefe ormai è fatta e ppurtroppo non ci si può fare niente, sugli altri punti (manca ancora il centravanti di riserva, oltre al regista di riserva, inoltre abbiamo Vargas, El Ham e Olivera da piazzare) aspettiamo il 2 settembre per giudicare.

    RispondiElimina
  24. Iaquinta quando era all'Udinese lo volevano eccome e per quello, siccome voleva fare il furbo anche lui, finì diversi mesi in tribuna. Leggi ed informati. Amauri con la Juve era ben sotto contratto e siccome non accettava trasferimenti che lo penalizzassero finì ad allenarsi con la primavera per un anno. Anche qui informati prima si parlare a vanvera com'è tuo solito.

    RispondiElimina
  25. No, perchè la Cornell non ha pagato 6,5 milioni per il tuo cartellino, ma la smetti di fare paragoni del cazzo! Il Lotitismo a Lotito ha voluto dire vendere De Silvestri a 6 milioni, recuperare Ledesma alle cifre che voleva lui e solo con Pandev gli han dato torto perchè ha esagerato e passato la misura. Pozzo con Jaquinta l'ha avuta vinta e la Juve è riuscita alla fine a vendere Amauri. Certo è meglio le guerre non farle, difficilmente non lasciano morti e feriti da tutte le parti, ma senza la paura della guerra è difficile che ci sia la pace.

    RispondiElimina
  26. 5 milioni per El Ham, dopo il campionato che ha fatto, sarebbero un gran bel rientro. In Maratona ieri gridavano «Oh Daniele, compraci un portiere!». Anche la Roma su Ljajic, in caso di cessione di Lamela.

    RispondiElimina
  27. By the way Aubameyang l'han pagato 15 milioni come Gomez e non credo proprio che venisse qui a far la riserva a Ljajic o, comunque, con meno garanzie di Gomez.

    RispondiElimina
  28. 13, non 15. Comunque, quanto l'avremmo pagato a Natale, su per giù, essendo immediatamente operativo e non futuribile come Pepito.

    RispondiElimina
  29. Jordan contro lo spirito di Monaco... Sono d'accordo.

    RispondiElimina
  30. Anche tra i tifosi viola le mamme dei cretini son sempre gravide.

    RispondiElimina
  31. La notizia del giorno - ed è una bellissima notizia - è comunque il rinnovo di Montella fino al 2017.

    RispondiElimina
  32. Anche 3,5 - 4 milioni per Mounir andrebbero bene.

    RispondiElimina
  33. E' vero, la clausolo dovrebbe essere dai 15 ai 20 milioni, per mettere una clausola sui 10-12 mlioni, a quel punto tanto varrebbe venderlo subito.

    RispondiElimina
  34. Si vis pacem para bellum

    RispondiElimina
  35. Ma il maniaco si riferisce a questa campagna estiva e viene fuori ora che avrebbe preferito Aubameyang a Gomez. Il che può essere discutibile, ma non certo per le ragioni sue che anelava solo a fare di Ljajic il punto focale della Fiorentina. Non lo sarebbe stato nè con Gomez, nè con Aubameyang. Che poi a gennaio sarebbe stato meglio puntare su uno già pronto mi sembra eravamo dello stesso partito.

    RispondiElimina
  36. se c'è di mezzo il Malaga gli è grasso che cola se fanno pari con Joaquim

    RispondiElimina
  37. Il 2 settembre è ancora lontano e dunque il giudizio sul mercato viola è parziale. Mi sembra che il Colonel.blimp propenda per una bocciatura. Io sono in completo disaccordo. Il mercato viola è partito da tre considerazioni tecniche: la prima è che la gran mole di gioco prodotta lo scorso anno ha sì garantito il secondo posto nella classifica dei gol fatti, ma con una bassa percentuale di realizzazioni in rapporto alle occasioni create. La seconda è che, avendo la possibilità di giocare in Europa, occorreva rimpolpare la rosa. La terza è la conferma della preferenza di un atteggiamento tattico teso al gioco offensivo. Date queste premesse, sono perfettamente logici gli acquisti di Gomez e Rossi per l'attacco, di Joaquin, Iakovenko e Alonso come alternative sugli esterni e il mancato arrivo di difensori. E i colpi Gomez e Rossi sono assolutamente straordinari! Ambrosini sostituisce in rosa Migliaccio, con un miglioramento evidente sotto tutti gli aspetti. Ilicic mi sembrava dovesse prendere il posto di Ljajic, beninteso nella rosa e non nel ruolo specifico. Con l'impostazione data al mercato, mancano un centrocampista bravo sia a contenere che a impostare e un vice Gomez. Queste due caselle non sono ancora state riempite anzitutto per la difficoltà a monetizzare gli addii dei giocatori giudicati superflui, e cioè Vargas, El Hamdaoui, Cassani, De Silvestri, Felipe, Olivera. Perciò, prevale adesso l'attesa per le classiche occasioni dell'ultimo minuto. Ma il giudizio complessivo, a mio parere, non può che essere molto buono, anche se si restasse così.

    RispondiElimina
  38. I 6,5 milioni pagati a suo tempo dalla Fiorentina per le prestazioni sportive di Ljajic coprivano gli anni del contratto e si azzerano a giugno 2014. Ciò anche in termini di ammortamento come ben sa Salvatore. Questa è la conseguenza della sentenza Bosmann, uno degli atti giuridici epocali nella storia delle normative sportive comunitarie. Quindi Ljajic è libero tra un anno. Per tenerlo, ripeto ancora, andava messo sotto contratto al momento giusto.

    RispondiElimina
  39. Su Seferovic voglio fare un ragionamento che prescinde dalla volontà del giocatore e del suo entourage. È stata fatta la scelta di puntare su Gomez, giocatore di caratura i nternazionale che garantisce risultati tecnici e prestigio. Gomez giocherà sempre, lo spazio per i rincalzi sarà minimo. Con questi presupposti Seferovic avrebbe dovuto andare in prestito o rimanere a scaldare la panca per almeno tre anni. Una situazione che non gli avrebbe mai consentito di affermarsi a pieno. Di fronte a questa prospettiva, la società ha deciso di liberarlo ad un prezzo che per un giovane in scadenza e con poche apparizioni in serie A è stato più che congruo. Tenerlo avrebbe significato non poterlo sfruttare e tantomeno valorizzare, col rischio di avere tra le file un giocatore scontento e bloccato nella sua crescita. Sono scelte che si fanno, come si fecero con Osvaldo che davanti aveva un totem come Gilardino, che non rinunciava neanche alle partitelle contro la primavera. Osvaldo ci avrebbe fatto comodo due anni fa, prima non avrebbe avuto spazio e forse oggi non sarebbe il gran bel centravanti che è diventato. Sul fatto della poca attenzione alla politica dei giovani, mi sembra che si dicano inesattezze. Abbiamo preso Dabro, classe '97 tra i più forti in assoluto, un prospetto che tra un paio d'anni sarà in prima squadra, non a marcire come sarebbe stato per Sefe, ma a crescere perché l'età sarà quella giusta. Abbiamo rinnovato il contratto di Babacar, che forse ci si dimentica che è un '93, che può aver deluso il primo campionato di serie B (infortunato per mesi), ma che era titolare in primavera con Sefe in panchina. Un attacco infarcito di giovani può essere affascinante, ma tanti ragazzini sono sempre tanti calciatori, oltre alla sicurezza sui risultati si sarebbe sommata anche la poca certezza della loro crescita, causa poco spazio.

    RispondiElimina
  40. Hai dimenticato "contratto a salire" e "4-3-3".

    RispondiElimina
  41. Son scomparsi due post che avevo appena letto, boh...
    Lud, sulla rosa d'attacco non ti seguo. Avresti voluto Aubameyang, Rossi, Ljajic e Seferovic, dici ora. Ma se Rossi è per te un titolare inamovibile, se Ljajic doveva essere al centro del progetto e altro titolare inamovibile, se tu vedi Cuadrado come terzo inamovibile in un attacco a 3 col 4-3-3...Auba quando mai avrebbe giocato? E Seferovic? Se mi dici che Auba, Ljajic e Rossi si sarebbero potuti alternare, significa che Ljajic e Rossi andavano a giocare sulle 25 partite a testa, e non è quello che si dice possa/debba accadere ora [anzi, con un altro modulo Ljajic ne gioca assai di più]?
    Per il giudizio al mercato, io aspetto la fine. Già il fatto che Ljajic vada o resti sposta tantissimo le conclusioni. Personalmente, e questo lo posso dire fin da ora, mi aspettavo un forte difensore, e un credibile vice-Pek, e non è detto che non possano arrivare [cfr. le parole di tempo fa di ADV, che lasciava presagire altri colpi, dopo Gomez].

    RispondiElimina
  42. In poche parole, non capisco perché se c'è Gomez si debba gridare allo scandalo se Ljajic non gioca 50 partite, mentre in una rosa che piace a te è normale che Adem rientri in una logica dell'alternanza.

    RispondiElimina
  43. Deyna l'ho detto tante volte. I giovani campioni che ho citato di sarebbero dovuti spartire la torta in amicizia. Gomez mi pare invece un inamovibile. Senza contare le risorse che ha assorbito. Di Auba si parla ora perché sta segnando. Penso che in futuro si parlerà anche di Seferovic, Gabbiadini e Guidetti. Tempo al tempo.

    RispondiElimina
  44. Visto che comincio ad essere in ansia da pre-partita con eliminazione diretta, faccio notare che fra i convocati per la partita di domani c'è anche Ilicic, inserito nella lista Uefa al posto di Hegazy che si è infortunato in Nazionale.

    RispondiElimina
  45. Di Auba si parla da gennaio (il Colonnello Blimp, suo grande sponsor, soprattutto). Scusa, ma domani tirerai fuori Leandro Damiao?

    RispondiElimina
  46. Se non ti entra in testa il discorso non ci posso far nulla Anto: io ho individuato un identikit di giocatore, che poteva adattarsi a diversi nomi chiarendo che non intendevo insistere sul singolo nome. E dunque: giocatore con caratteristiche di prima punta, giovane ma non in fasce, già affermato e con un giusto ingaggio. Uno che volesse giocare ma disposto anche a stare fuori. Non lo posso più ripetere.

    RispondiElimina
  47. Mi pare che Foco abbia chiarito il punto quando scrive: È stata fatta la scelta di puntare su Gomez, giocatore di caratura i nternazionale che garantisce risultati tecnici e prestigio. Gomez giocherà sempre, lo spazio per i rincalzi sarà minimo.
    Questo è quello che penso anch'io.

    RispondiElimina
  48. L'identikit di un'amante perfetta.

    RispondiElimina
  49. Si ma io non lo vedo come problema, lo vedo come un segnale di crescita di una società con rinnovate ambizioni. L'anno scorso abbiamo giocato con i giovani davanti e spesso le castagne ce le ha tolte dal fuoco il vecchio Luca. Le cose sono andate bene, ma ,volendo migliorare, l'unico modo era affidare l'attacco a gente più pronta e affermata. Se si vuol provare a dire la nostra, se ci si accontenta di essere sempre a ridosso allora è un altro discorso.

    RispondiElimina
  50. Veramente lo stai ripetendo in continuazione, così come io ti sto ripetendo che l'identikit di Gabbiadini e l'identikit di Aubameyang sono diversi (vedi il mio post su 500, Mini e MiTo)

    RispondiElimina
  51. Ma fino ad ora hai detto che Rossi dovrebbe giocare sempre o quasi [compatibilmente con le condizioni fisiche, sarebbe sottinteso, ma sempre tu dici che se ci hanno investito vuol dire che è completamente recuperato e in grado di giocare sempre], certamente sempre nelle partite più importanti; Ljajic dovrebbe essere messo al centro del progetto ed essere un titolare fisso; Cuadrado un altro inamovibile che vedi sempre e solo in un 4-3-3. Perché se viene Aubameyang - o anche Gabbiadini o Guidetti - i giovani campioni si dovrebbero spartire la torta in amicizia, se la non titolarità fissa la consideri un delitto per Ljajic e Rossi? E Seferovic quando mai giocherebbe, da quarta punta? Perché gridare allo scandalo se Gomez è un titolare inamovibile [sulla carta, perché poi nemmen lui giocherà 50 partite], mentre per Rossi deve essere scontato, e auspicabile per Ljajic, che "altrimenti se ne va dove ha il posto assicurato"? Si ignora poi il fatto che è Montella stesso a volere una punta di peso...

    RispondiElimina
  52. Ciao Foco! Sono tra quelli che hanno capito poco l'operazione Seferovic: pensavo che sarebbe stato prestato a una squadra di bassa serie A, in modo da fargli continuare il cammino di crescita che lo avrebbe portato definitivamente in viola tra un paio d'anni. Però riconosco la forte ragionevolezza delle tue considerazioni.

    RispondiElimina
  53. Quando i rincalzi dimostreranno di valere l'impatto tecnico garantito dal tedesco stai sicuro che giocheranno loro perché nessuno gode a tagliarselo con il mestolo per far dispetto alla moglie, è una legge del campo, quello piú forte gioca di piú e non per arroganza o costo del cartellino o ingaggio percepito ma perché al momento rappresenta una garanzia che chi ha fatto tre mesi ad alto livello ancora non da. Sono concetti semplici da mandare a memoria non servono geni, poi si puó discutere su tutti i giovani, i prospetti, le scommesse e quelli che si sono quasi consacrati quanto si vuole ma la sostanza non cambia. Se è quando il serbo dimostrerà di valere piú del tedesco sarà lui a trovarsi in questa situazione e metterà lui in panchina i suoi concorrenti e alternative e lo farà in qualunque squadra si troverà, oggi un Gabbiadini o un Seferovic non sono proponibili come tempi, spazio e opportunità in una squadra programmata per vincere qualcosa presto, molto presto. Almeno nelle intenzioni.

    RispondiElimina
  54. Infatti. Condividiamo il fatto e ne diamo valutazioni diverse. Io temo che Gomez sia troppo ingombrante, tu ne sei contento anche se comporta certe perdite e sacrifici. Io già da giovedi comunque tifo Gomez sia chiaro.

    RispondiElimina
  55. Haris mi piaceva molto, ma cercando di interpretare il ragionamento della società,senza tener conto di pretese da parte del giocatore che non sapremo mai, ho ritenuto la cosa non come poca considerazione, ma solamente come una soluzione onesta verso il giovanotto che rischiava di perdere opportunità restando. Di contro il club si trovava nell'impossibilità di valorizzarlo. Il prestito credo sia stato escluso a priori dal suo entourage. Il prezzo poteva essere fatto solo in base al trascorso del ragazzo e alla sua situazione contrattuale, e non credo potesse essere , con questi parametri, più alto.

    RispondiElimina
  56. http://www.firenzeviola.it/news/xabi-alonso-infortunio-in-allenamento-out-3-mesi-140603



    Una settimana fa avevo letto che era infortunato e non sarebbe rientrato prima di novembre, ma che scrivono mai sti giornali...

    RispondiElimina
  57. Si, giocherà 55 partite, tutte praticamente e gli altri si danneranno l'anima per ritagliarsi uno spazio a rotazione per giocargli accanto sperando di farne 25-30 se va bene. Già continuare a sostenere questa linea la dice lunga sulla tua capacità d'intendere e capire il calcio, il dover commentare un dato simile fa capire quanto bonariamente siamo costretti a prendersi col sorriso capendo bene cosa abbiamo al di la del monitor.

    RispondiElimina
  58. Scusa Leo, ma Gomez "rincalzi" non ne ha, a parte El Hamdaoui che vogliono sbolognare. Montella lo ha voluto e non credo che non voglia un sostituto, a meno di cambio di modulo, come d'altronde ci ha abituati. Sui giovani vorrei dire che è controproducente prendere dall'estero ottimi ragazzi e relegarli nelle giovanili. In quasi tutti i campionati ormai giocano anche i diciassettenni di valore. Sarebbe meglio acquistarli e lasciarli giocare dove si trovano, piuttosto che far loro disputare Campionati Primavera o Tornei di Viareggio di nessuna valenza tecnica, e richiamarli quando hai intenzione di lanciarli sulla ribalta principale. Se Dabro è così forte come dicono, fra un anno, se non avrà questa possibilità, si comporterà come Seferovic. Garantito al 101%.

    RispondiElimina
  59. Dabro è molto forte, ma è del '97 e non è titolare della prima squadra in Croazia. Ha tutto il tempo per fare un bel campionato primavera e allenarsi ogni tanto coi grandi. Tra un paio d'anni potrà essere un'alternativa e continuare a crescere. Se poi è Maradona se ne accorgeranno anche i tecnici e i tempi si accorceranno.

    RispondiElimina
  60. Con Osvaldo abbiamo cuccato 8 milioni e fu il Giubb'Infetto a volerlo via, Sefe prima riserva di Gomez avrebbe giocato le sue partite, in tre competizioni. no, Foco, cazzatona di Pradè senza attenuanti. La peggior cessione dell'era Della Valle.

    RispondiElimina
  61. Certo Foco, come Seferovic, con Gomez d'ingombro. Può darsi che tu abbia ragione, ma io la penso così, sono drastico.

    RispondiElimina
  62. Non propendo per la bocciatura, esordivo dicendo che il mercato finisce il 2 settembre e finivo parlando di campagna incompleta e illusoria: non è la stessa cosa davvero. Rossi non è un colpo di questo mercato, è un colpo che ha impedito Auba nel mercato precedente. E Ambrosini è tara baralla con Migliaccio.

    RispondiElimina
  63. Ottimo Gonfia.

    RispondiElimina
  64. Di Auba parlo io solo da un anno, qui.

    RispondiElimina
  65. Deyna, da comprarsi adesso, è lì che lo paghi poco di cartellino e che si modera l'ingaggio! Adesso o mai più! Un investimento alla Pepito ma più a breve termine e con maggiori garanzie di ripresa.

    RispondiElimina
  66. Circa l'attendibilità di certe persone dell'ambiente calcistico: Alfredo Pedullà: "Juve vicinissima a Marko Dabro"Confermando le indiscrezioni già circolate nei giorni scorsi la Juventus sarebbe vicinissima all'acquisto di Marko Dabro (15), giovanissimo attaccante croato. A riportare la notizia è Pedullà, direttamente dal suo sito Alfredopedulla.com : "Stiamo parlando di un attaccante del '97, quindi quasi di un...bambino. Però Marko Dabro viene considerato un fenomeno in prospettiva: prima punta molto duttile, nel senso che può giocare da seconda punta. Molto completo: destro, sinistro, colpo di testa. La priorità è quella di firmare il contratto con i croati del Cibalia, anche per una questione di riconoscenza. Diverse settimane fa vi avevamo parlato di un colpo in Croazia per il club bianconero: tutte le strade portano a Dabro".

    La Juventus si sta avvicinando con l'offerta ai 2 milioni richiesti dal Cibalia, ed avrebbe già parlato col padre del giocatore. Una volta formalizzato l'accordo resta da decidere se il giocatore arriverà a Torino a gennaio o direttamente a luglio. Il club bianconero avrebbe bruciato la concorrenza di Fiorentina e Liverpool.
    lì, 8 gennaio 2013
    Ahahahahah

    RispondiElimina
  67. C'è una teoria che non capisco tra quelle enunciate sul sito. Non capisco che differenza fa per un giovane che non gioca, il fatto che abbia davanti un campione affermato o un altro giovane. Se Ljajic avesse avuto davanti un Gabbiadini o similare, voi pensate che non gli avrebbe bruciato il culo nello stesso modo? Seferovic a otto cucuzze lo si poteva ottenere solo dopo un buon campionato di A ed il fatto che non sia stato rinnovato mi fa credere solo che il giocatore non avrebbe accettato il prestito o la panchina, non certo che Montella ed il suo staff non si sono accorti delle potenzialità dello svizzero. Di certo partendo dalla panchina per un campionato non avrebbe aumentato ne il suo valore ne la sua crescita tecnica.
    Il mercato quest'anno aveva il compito di migliorare una base già buona. Il centravanti tanto invocato è arrivato, la panchina è più ricca, ci sono più soluzioni. Ancora non è finito, ma più forti dello scorso anno mi sembra che siamo.

    RispondiElimina
  68. Ma infatti è quello che non capisco, si vuole Ljajic titolare fisso, e poi è auspicabile una soluzione di rotazione con un giovane [o meno giovane, nel casi di Auba]? Lo stesso Rossi lo si dà per titolare fisso, e poi mettiamo anche lui in una logica di rotazione? Perché in un caso chi va in panchina deve bubare e volersene andare, nell'altro no? Boh. La realtà è che una squadra di livello non può non avere una rosa d'attacco competitiva.

    RispondiElimina
  69. Dialogo tra sordi, io non mi riferivo alle caratteristiche tecniche ma come ho scritto le caratteristiche che volevo erano: a) prima punta b) giovane c) già affermato d) con giusto ingaggio. Questi elementi accomunano evidentemente molti giocatori come appunto Gabbiadini, Auba, Guidetti ed altri ancora. Sarebbe poi spettato alla società scegliere il più adatto tenendo conto delle necessità della squadra e del budget.

    RispondiElimina
  70. Foco, allora la vedi come me sui giovani ambiziosi e con indiscusse qualità. Per il momento, la Fiorentina rappresenta solo una rampa di lancio, vedi Jovetic, Nastasic, Seferovic ed ora Ljajic (Babacar non penso appartenga, purtroppo, a quella categoria. Le carte se le è giocate malamente anche nella Liga, e poi non finisce in -ic, ahahahah). Finché non saremo in CL sarà così, volenti o nolenti. In molti casi ci guadagni, ma se non riusciamo a trattenere i talenti emergenti siamo 'costretti' a fare campagne acquisti come quella di quest'anno, buona ma non ultimata a parer mio, che prevede l'arrivo di gente di qualità ma che ha già dato il meglio o perso il treno giusto. I DV vogliono cominciare a vincere e scommettono sull'esperienza, sperando che sia determinante anche in questo campo.

    RispondiElimina
  71. Sto sputtanando il sitone che se ne è uscito con un topic con una balla strepitosa che cioè Ljajic non potrebbe più giocare in EL o Champions con altra squadra se scenderà in campo col Grashoopers. Il regolamento è cambiato dal 2012-13 e la fase play-off non vale come discriminante come chiarimmo con SNap, ma che dei giornalisti non si informino prima di pontificare ufficialmente sul loro sito ha del clamoroso.

    RispondiElimina
  72. Ti dovresti meravigliare dei giornalisti che si informano, ahahahah!

    RispondiElimina
  73. Dialogo veramente fra sordi, io non ho parlato di caratteristiche tecniche. Gabbiadini e Guidetti non sono affatto già affermati, Auba sì, è per questo che ti dico che gli identikit sono diversi. Auba rientrava nei grandi investimenti, tipo Gomez, Yilmaz, Damiao, Negredo, Soldado, Osvaldo, non nei giovani promettenti.

    RispondiElimina
  74. Leo ancora una volta prende per mia una affermazione che mia non è e ci va giù duro: solo che è stato Foco a dire che Gomez praticamente le giocherà tutte. Se fossi in te Foco mi sentirei offeso. Ma poi anche te Foco cadi in contraddizione: se Gomez le giocherà tutte grande spazio per altri non resta. Anche perchè abbiamo un Rossi che prevedibilmente, se entra a regime, le vorrà giocare tutte anche lui, o una gran parte. E allora Ljajic rischia di essere una riserva di lusso. Questa mia opinione è stata confermata da Gigi Simoni il quale ha dichiarato che dopo gli ultimi acquisti Ljajic non è più così certo di essere titolare e che è anche per questo motivo che forse se vuole andare. Detto da me ha il valore che ha, detto da Simoni forse vale di più. Io penso altresì che Guidetti e Gabbiadini avrebbero accettato tranquillamente di partire dalla panchina, forse un po' meno Auba che è arrivato ad un livello professionale più alto. L'aspetto tattico diventa decisivo: in certe partite la prima punta è indispensabile o anche se il risultato non si sblocca. Io vomunque domani tifo Gomez, sia chiaro.

    RispondiElimina
  75. Al contrario, se io fossi un giovane che gioca poco, avendo davanti un Mario Gomez non mi incazzerei più di tanto, avendo davanti un Gabbiadini o similari (quindi non Auba) tirerei la testa nei muri.

    RispondiElimina
  76. A proposito di Guidetti, che sembrava veramente un ottimo prospetto, sapete che cosa gli sia successo? Da un anno, da quando è tornato al M. City, non ha più giocato una partita.

    RispondiElimina
  77. Occhio ragazzi! LZ è un G-man e ci ha fatto prigionieri. Tutto quello che diciamo potrà essere rivolto contro di noi ed abbiamo diritto ad essere assistiti da un avvocato. Cauzione: il valore di Guidetti, a parer nostro però. Ahahahah!

    RispondiElimina
  78. Credo abbia avuto un brutto virus

    RispondiElimina
  79. È stato pagato 13 milioni, ma è anche più giovane di Gomez di 4-5 anni e credo prenda molto meno come ingaggio.

    RispondiElimina
  80. Un virus che dura un anno? Che virus è? Questo?

    http://www.youtube.com/watch?v=4kNxv3EwfOc

    RispondiElimina
  81. Mah, a dire il vero oggi mi è stato chiesto conto di dichiarazioni di mesi fa! Quindi direi che quantomeno il gioco è reciproco.

    RispondiElimina
  82. Ancora non ho capito: se nella tua visione c'è un attacco con due punte più Cuadrado [4-3-3], e Ljajic e Rossi devono essere titolari fissi, come fa l'Auba [o anche il Guidetti o il Gabbiadini] a racimolare 25 presenze intere, diciamo, restando Ljajic e Rossi titolari fissi? E perché Ljajic dovrebbe accettare serenamente di lasciare spesso il posto ad Auba o agli altri citati, mentre dovrebbe minacciare di andare altrove se il posto è di Gomez, e ha davanti anche l'altro titolare fisso Rossi? Ma l'implicazione piu' grossa è questa: l'attacco titolare sarebbe Cuadrado-Rossi-Ljajic, un reparto che Montella non ha mai nemmeno lontanamente pensato, se non come soluzione d'emergenza.

    RispondiElimina
  83. Appunto! E' stato pagato 13 milioni + bonus, Gomez 16 + bonus, quindi siamo più o meno nella stessa fascia di prezzo (la stessa di Osvaldo, 15 milioni + bonus, mentre per esempio Negredo e Soldado sono stati pagati di più, rispettivamente 24 e 30 milioni di euro).

    RispondiElimina
  84. Ahah boh, avrà avuto degli strascichi o successivi infortuni, non so...Oddio il virus di Jorgensen lo ridusse a uno straccio per quasi un anno eh...

    RispondiElimina
  85. Gigi Simoni: "La mia sensazione è che questo attacco, che ha tanti nomi, possa creare problemi, perchè sono forse in troppi: mi sembra che Ljajic sia uno che se non gioca si incavola, e in un gruppo così numeroso possono nascere problemi. Secondo me la decisione di venderlo potrebbe dipendere anche da questo". A parte il trascurabile fatto che nemmeno Gigi Simoni è il Vangelo, egli ha parlato di "decisione di venderlo", cioè di decisione assunta dalla Fiorentina, e non di "decisione di andarsene". Per questi motivi, la testimonianza del Simoni non può essere utilizzata nel processo contro Leo ahahahahahahah

    RispondiElimina
  86. Non si possono mai anteporre gli interessi personali a quelli della squadra. Chiunque pensi di avere il posto fisso tra i titolari è meglio che vada altrove. Se la Fiorentina vuole diventare una grande squadra dovrà passare anche attraverso questi scogli, d'altra parte se il Sig Ljaijc andasse al Milan mica potrebbe arrogarsi il diritto di essere titolare fisso. Se la dovrebbe giocare con gli altri come dovrebbe fare anche qui. Ah già, dimenticavo, li guadagnerebbe il doppio, la differenza è solo questa. Il resto è trippa pe' gatti.

    RispondiElimina
  87. Ma Gigi Simoni lo sa questo?

    RispondiElimina
  88. Non è dichiarazione tua Ljajic al centro del progetto ma chiuso perché Gomez le giocherà tutte. O sei talmente falso da far finta di non rendertene conto o non sai o ricordi cosa scriv, un bel problema. Che non mi riguarda però.

    RispondiElimina
  89. La prima, benvenuta, risata di s.nap.

    RispondiElimina
  90. Forse non è così eretico ed assurdo dire che Auba sarebbe stato meglio di Gomez. Non sono però riuscito a scoprire quanto paghi Auba il Dortmundt.

    RispondiElimina
  91. Gigi Simoni ?! Ma tutti gli allenatori di questo mondo avrebbero puntato su Ljajic titolare fisso (50 e passa partite, ovvio) e avrebbero storto la bocca per un Gomez. Meglio un gabbia o un prospetto prima di lui pur di lasciare libero un trequartista di esprimersi liberamente. Chissà cosa pensa Messi dell'arrivo di Neymar, ci saranno dichiarazioni pure li su chi le debba giocare tutte, ma tutte tutte. Se una squadra come la nostra perde un Ljajic per motivi dipendenti anche dalla volontà del giocatore siamo dei coglioni e se non ci riesce lanciare un giovane della primavera é perché da noi se non giocano non rinnovano. È una visione del calcio che non condivido perché sbagliata e non veritiera, finché non saremo in una dimensione superiore all'attuale siamo squadra che andrà spesso incontro a simili situazioni, come succede al 90% delle altre europee, ed il valore dei giovani c'incastra il giusto.

    RispondiElimina
  92. Oggi no, domani chissà, ma sono previsioni non valutazioni basate sulla realtà attuale, dato che siamo a farle non costa niente scrivere Gabbiadini meglio di Gigi Riva, e così all'infinito, ma non significa parlare di calcio o essere ganzi se si realizza una previsione su 5, tanto vale prevedere il tempo o darsi all'oroscopo. Tu di Aubemayang parli oggi, la gabbianella l'ha i già scordata, in effetti come cozzata era di quelle col botto ma l' hai scritta per mesi e ormai cambiare non costa nulla ma ti è rimasta appiccicata.

    RispondiElimina
  93. Si da il caso che Montella volesse un centravanti e Ljajic non fosse sordo al richiamo delle sirene milanesi.

    RispondiElimina
  94. Del senno del poi, che ancora poi non è, son piene le fosse.

    RispondiElimina
  95. Non è né eretico né assurdo, è un'opinione, non la condivido, ma è un'opinione.
    E' eretico sostenere che Gabbiadini sarebbe stato meglio di Mario Gomez.

    RispondiElimina
  96. da gennaio ha ricominciato a giocare, ma mai in prima squadra. In Under 21 ha fatto 7 partite e 6 gol quindi almeno in piedi sta. però preferirlo, oggi, a Gomez, solo LZ. Quanto al paragone con Gomez che sempre il solito fa cercando di svicolare dalle cazzate che dice da alcuni mesi a questa parte, il punto non è su chi sia più forte tra i due, che, tra l'altro, hanno costi non così dissimili, ma il fatto che, tutti e due non avrebbero lasciato alcuno spazio al pupil del maniaco. Aubameyang non veniva certo a Firenze a cambiargli i pannolini, nemmeno lui!

    RispondiElimina
  97. Ho saltato Aubameyang nel precedente discorso, è ovvio che il paragone di cui parlavo con Gomez era tra loro due e non certo con Guidetti.

    RispondiElimina
  98. L'ho già detto, ma è un tentativo di svicolamento dalle cazzate che hai sostenuto finora. Il punto non è quello, chi è meglio tra Auba e Gomez, ma il fatto che tutti e due vengono o sarebbero venuti a Firenze per giocare e non certo per cambiare i pannolini a Ljajic, quindi, dal tuo punto di vista nutellocentrico non sarebbe cambiato niente.

    RispondiElimina
  99. Seferovic è un '92 che è venuto qui due anni fa, quindi come se ora venisse un '94, questo è un '97, è forte, ve l'ho detto da subito, ma se gioca un po' in primavera e lo aggregano spesso alla prima squadra credo sia già contento che è del resto cosa ha fatto finora in patria in una società di livello ben minore. Comunque il discorso generale è vero, tendiamo a tenere i giovani troppo in naftalina e, se uno è buono, non è affatto un bene. Finchè tenevano Seferovic in primavera mi sembrava un rincoglionito, appena hanno aperto le gabbie ha cominciato a volare. Lo stesso con Zohore che a vederlo giocare in primavera non si direbbe davvero che è il più giovane danese che abbia mai giocato in Champions. Arrivare con un sacco di progetti e ritrovarsi al Poggioloni non è che ti riempie l'animo di entusiasmo.

    RispondiElimina
  100. Non credo di cadere in contraddizione ,Lud ,per il fatto che non metto in diretta concorrenza Gomez con Ljajic che , secondo me, ha altre caratteristiche ed altro ruolo. Dico che Gomez, in buona salute, le giocherà tutte come tutte le giocheranno Iguain col Napoli, Balotelli col Milan, Klose con la Lazio e compagnia cantante. Ciò , però, non mi sembra sia un problema per Ljajic, mentre , sempre a mio avviso, lo sarebbe stato per un Seferovic che, nello stesso ruolo, avrebbe visto un po' bloccato il suo processo di crescita. I giovani in competizione ce li abbiamo avuti ( con Prandelli, dovresti ricordartelo) e questa cosa non ha fatto bene a nessuno dei due. Non abbiamo ottenuto tra i due neppure un attaccante ( per l'anno successivo) di sicuro rendimento. Per i nomi che abbiamo attualmente in attacco e per le sue caratteristiche, diverse da tutti gli altri, dico che Nutellino le giocherà tutte, alcune da titolare e alcune, probabilmente, partendo dalla panchina. Che poi sarebbe la stessa cosa che gli farebbero fare al Milan, dove ci sono dirigenti più illuminati dei nostri. Rimane il fatto che un centravanti lo prenderei e che per me potrebbe essere una vecchia volpe o un giovane che ancora debba cominciare ad assaggiare il calcio dei grandi o del nostro campionato. Uno a cui possa far bene anche stare a guardare Gomez dalla panca.

    RispondiElimina
  101. Mozione d'ordine: se rispondete sotto vecchi commenti, chi legge il blog secondo l'ordine temporale, riprendendo ogni tanto da dove era arrivato, perde molte risposte, o è costretto a riscorrere tutto molte volte a caccia delle novità: perché non rispondete di seguito, fidando nell'intelligenza dei lettori che possono tenere lamentele i vari fili nei quali si snoda la discussione.

    RispondiElimina
  102. Ovviamente non "lamentele" qui sotto, ma "a mente"

    RispondiElimina
  103. Ok, ho capito perfettamente
    :-)

    RispondiElimina
  104. Bisogna distinguere tra fatti e valutazioni. A me pare che sul piano dei fatti Jordan la pensi come me e come Gigi Simoni: lo spazio per Ljajic, coi nuovi acquisti si è ristretto. La sua centralità nel progetto tattico è meno evidente. Per Jordan ciò va positivamente valutato perchè essendo il giocatore ancora giovane, e non avendo egli dimostrato continuità, incentrare su di lui il progetto viola sarebbe stato temerario. Quindi se si accontenta di un incremento di ingaggio e del ruolo che Montella può assegnargli nel folto attacco, bene. Sennò pace. Io vedo invece il pericolo insito nel liberarsi dei migliori giovani per far posto a giocatori più esperti. Non è molto tempo che si sono rimpiante cessioni come quelle di Osvaldo e Pazzini. Ma siccome poi la Fiorentina viene prima di tutto, tiferemo per la squadra che andrà in campo e per Gomez augurandoci che faccia sfracelli e anzi sosterremo Gomez nel corso del suo ambientamento qualora dovesse conoscere qualche difficoltà temporanea. E credo di interpretare anche l'opinione di altri che sono dispiaciuti all'idea di perdere Ljajc.

    RispondiElimina
  105. Io l'avevo riprodotta pari pari. Non è colpa mia se Leo ha commentato che era il giudizio di un asino. Il fatto è che avevo tolto apposta le virgolette, una piccola trappola che mi sembra abbia funzionato.

    RispondiElimina
  106. Francis, allora Anto ha sbagliato rispondendoti? Secondo me no ed è giusto il botta e risposta a calare e non a salire. Per chi si collega saltuariamente può essere anche dispendioso, ma è molto più logico non dovendosi ripetere le affermazioni per riallacciare un commento di approvazione o contestazione.

    RispondiElimina
  107. Sono arrivati Gomez, Pepito e Joaquim, i primo titolare quasi per postulato, il secondo quasi appena ritrova la condizione fisica top ed il terzo che pure vorrà i suoi spazi, che gli spazi si siano ristretti anche senza il misterioso arrivo di Ilicic mi sembra quasi ovvio. Via in fondo è andato solo Jovetic, Luca aveva presenze episodiche, Larrondo e Seferovic eran giovani di studio. Son però aumentati anche gli impegni e alla fine in campo ci va chi gioca meglio e dà più garanzie. Infatti probabilmente, domani, prima partita che conta, Ljajic parte dall'inizio. Perchè al Milan con El Sharaawi, Balotelli, Boateng, Robihno, Niang, qualcuno gli garantisce sempre il posto negli undici? Mi sembra un approccio sbagliato questo e pretendere che a 21 anni con soli tre mesi giocati bene che una squadra che dice di voler puntare a posizioni preminenti in campionato ed in Europa, punti solo su di te mettendoti accanto solo dame di compagnia mi sembra un po' fuori dal mondo.

    RispondiElimina
  108. I pareri di Gigi Simoni, di Orrico, di Agroppi, di Suma, di Di Marzio, di tutti questi personaggi di un quadro di Bosch contano tanto quanto il calcio estivo. Zero. Liajic non può e non potrà mai essere al centro del progetto della Fiorentina per vari motivi, primo fra tutti il fatto che ha giocato da vero asso per 6 mesi, il precedente periodo il suo rendimento non è stato diverso da quello di un Lacatus o di un Kanchelskis d'epoca. Liajic è trasversale alla viola poiché nessuno, neanche Gomez è così centrale come qualcuno immagina; la Fiorentina da un anno (e per i prossimi quattro o cinque) ha come fulcro Vincenzo Montella e la sua capacità (dimostrata e da migliorare ulteriormente quest'anno) di miscelare tattica e calciatori, motivazioni e obiettivi, investimenti e resa. Gli apparenti titolari, dimostrato l'anno scorso, incidono molto ma non in maniera assoluta sul rendimento della Fiorentina. La Juve insegna che spesso il cuore (da me più volte ribadito) va messo da parte, il problema è che Noi, la tifoseria, il mondo viola sta tutto sotto lo stesso cielo, in realtà abbiamo orizzonti diversi, soprattutto la direzione tecnica, che è la forza vera della Società. Il Nostro Direttore Sportivo ha vinto il premio(2012/13) come migliore nel suo campo, ha già dimostrato di avere una vision sconosciuta anche a grandi dirigenti delle strisciate o dintorni. Seferovic e Liajic potrebbero essere due errori, ma abituiamoci a guardare lungo, ad avere un pensiero lungo e non mirato al breve, come in altri tempi passati; la società comunica e no fa proclami, gigioneggia con la stampa ma in silenzio, da un anno, piazza colpi invidiati, invidiabili, con giocatori all'apparenza poco papabili, in realtà abili per la Maquina. Qualcuno dimentica le capacità -solo sopita dalla retrocessione - di Ilicic, l'annata di Aquilani, la grinta di Roncaglia, la regia difensiva del primo attaccante della squadra, tale Gonzalo Rodriguez, un portiere tra i primi 4 del Brasile, un ex Under 21 spagnolo appena approdato, un "anziano" (Ambrosini) che se poco poco è anziano come Pizarro saremo a posto, uno spanish-bold a centrocampo che tutti ci invidiano, i DV che sono scesi con tuta mimetica e...............il 2 Settembre: l'uva migliore sarà pronta, e il vino sarà ottimo. Occhi lucidi domani, cuore caldo, passione accesa....si parte!

    RispondiElimina
  109. Oltre tutto se lo fai, se punti su di loro (anche perchè non hai risorse per fare altrimenti) dopo un po' si rompono i coglioni perchè non vincono niente e vogliono andar via lo stesso, vedi il suo amico quasi connazionale. Con un bell'attacco come piaceva a te arrivavamo di nuovo ottavi, magari Ljajic, individualmente, si confermava e batteva i piedi per andare dove poteva vincere qualcosa.

    RispondiElimina
  110. Ma chi è Jordan con la J maiuscola? Io non ci sto capendo nulla, visto che l'originale, con la j minuscola, lo contraddice.

    RispondiElimina
  111. Bene. Domani si incomincia per davvero e sono curioso di vedere cosa ci propone Montella. Uno dei miei assunti è che le amichevoli valgono zero. Quindi l'esordio è domani. Ed è da domani che si verificheranno le scelte fatte e l'impostazione tattica.

    RispondiElimina
  112. Mi pare che quello che ha scritto Salvatore faccia di te qualcosa peggiore di un asino quindi raglia, raglia pure che ti viene bene. Asino.

    RispondiElimina
  113. Una risposta troppo intelligente Sopra perché lui sia in grado di comprenderla, usa parole semplici, post più brevi, scendi di livello, magari ci arriva.

    RispondiElimina
  114. Che magari varrà per tutto l'anno, eh ?! Ti sopravvaluto, faccio esempi che ti lusingano, é bene che sia più diretto.

    RispondiElimina
  115. Può darsi. Sono due scuole di pensiero. Diciamo che la mia osservazione era dettata anche dal caldo...

    RispondiElimina
  116. nel caso non ti invidio, eheheh!

    RispondiElimina
  117. Sopra, e basta sputare sentenze che non si possono appellare, mi sembri il giudice Esposito. Domani invierò un emissario per scoprire che calzini indossi. Ahahahah!

    RispondiElimina
  118. Primo rito scaramantico della stagione:
    Grassophers-Fiorentina: 1-3 [x, Gomez, Ljajic, Gomez]


    ...e consueta immagine propiziatoria, sperando di poterla adottare tutto l'anno

    RispondiElimina