.

.

martedì 20 agosto 2013

Short version 1

Calarasi suona come se fosse in provincia di Ragusa, ma vi assicuro che è in Romania, percorsa con una Hunday Tucson tra cani randagi, belle donne, caldo, e l’autostrada che non si paga. Mi sento solo, ho chiamato a casa per sentire voci di famiglia, mi hanno rassicurato, mi hanno detto che si stanno dando da fare, ho pensato a una bella sorpresa per il mio ritorno, no, stanno solo cercando di affittare la stanza dove scrivo. Wi Fi che va e che viene come le esperienze italiane di Osvaldo, si, è vero le donne sono belle, però sono macinate grosse, grezze insomma, niente a che vedere con lo charme delle francesi per esempio, molto più sofisticate, forse le uniche che riescono a guidare con le gambe accavallate. In Romania guidano con la sella. Sono con un collega un po’ nervoso, saranno forse le esperienze dolorose che l’hanno segnato, perché anche lui dice che sono belle ma allo stesso tempo dice che le butterebbe tutte in mare, o forse è solo perché fa il sub. Facendo una rapida analisi mi sembra di poter dire che in Romania le donne si dividono in due categorie, quelle con il cellulare e quelle con la cellulite, mentre il collega sub nervoso le trova tutte belle tornite, dice che sua moglie invece è troppo magra, “Falla mangiare” mi era sembrata una frase di circostanza abbastanza neutra, s’è incazzato subito tanto per cambiare e m’ha risposto “Si, ma da chi?”.  E’ esasperato e non solo dalla Romania, poi, bevendo una birra si è lasciato un po’ andare una volta dimenticati anche i nervi in camera, lui sostiene che la bigamia e la monogamia sono la stessa cosa perché in entrambi i casi c’è una donna di troppo. Non sarà facile arrivare a giovedì, lontano da casa, dalla Fiorentina che non riesco a seguire quasi per niente, con la Romania che è sfacciatamente troppo presente, e con il sub che quando non indossa le bombole mangia i bomboloni, e forse alla fine tra bombole e bomboloni si troverebbe bene anche con una bambola gonfiabile. Short version di fortuna, devo andare, non posso trattenermi, a colazione ho pensato a poche ma significative parole per rassicurare il collega nervoso e cercare così di salvaguardare anche la mia giornata, ho pensato di dirgli che almeno non sarà mai solo con la schizofrenia. A domani. Forse.

81 commenti:

  1. Oggi editoriale del Buk su Firenze Viola e su tuttomercato web (http://www.tuttomercatoweb.com/serie-a/fiorentina-bucchioni-un-giorno-da-ricordare-tra-festa-allo-stadio-e-mercato-475955), in cui lancia diversi messaggi da parte della società. Interessante soprattutto la parte in cui si dice che "gli obiettivi si possono raggiungere soltanto continuando a lavorare con umiltà, con grandi sacrifici, con concentrazione. Se qualcuno pensa di avere già vinto o di essere diventato un fenomeno, forse non sa chi sono i Della Valle e cos’è la Fiorentina. Chi vuol capire ha capito."

    RispondiElimina
  2. Non voglio gettare benzina sul fuoco, i dieci punti di ieri mi sembrano un articolo partito da alcune difficoltà reali, ma con l'idea di descriverne 10 come gli anni di vita della nuova ACF Fiorentina, ma....una cosa mi lascia perplesso: c'era proprio bisogno della festa di presentazione questa sera a 48 ore dalla trasferta di Zurigo per un preliminare importante per cominciare con il passo giusto la stagione? Io avrei lasciato qualche giorno in più per trovare la concentrazione necessaria e per non 'sballottare' troppo la squadra.

    RispondiElimina
  3. Il Buk è stato usato spesso come cassa di risonanaza per far sentire la voce del padrone, quindi quando manda questi messaggi va preso sul serio (mano quando divaga inventandosi cose sue). C'è solo da interpretare se il messaggio è fatto scrivere per pararsi il culo o perchè è la completa verità, come nel discorso Ljajic. Sembra che faccian di tutto però mi devono spiegare cosa han comprato a fare Ilicic mettendoci un bel po' di soldi pur non avendone nemmeno tanti di più a disposizione.

    RispondiElimina
  4. Sull'articolo dovresti conoscere il soggetto per decidere quanto sul serio va preso, è una specie di California Viola dei giornalisti. E' però segnale che i bastian contrari, dei quali il tipo è antesignano, son sempre all'erta e pronti a scatenarsi alla minima difficoltà. Sulla festa sono abbastanza d'accordo con te e non so quanto la squadra vi sia impegnata, spero lo stretto indispensabile.

    RispondiElimina
  5. È una campagna che appare meno logica e coerente di quella dello scorso anno. Allora fu disfatta la squadra e se ne costruì una dalle ceneri. Ma la scelta era giustificata dalla retrocessione sfiorata. E comunque si presero giocatori tutti adatti al progetto montelliano e ben assortiti. Quest'anno abbiamo molti doppioni e carenze altrove mentre non si sentiva forse bisogno di cambiare la squadra perché era andata bene. Dunque temo che Cognigni passato in secondo piano abbia voluto metterci del suo. Notoriamente quando ciò accade si fanno passi indietro come i gamberi.

    RispondiElimina
  6. Per quanto riguarda il mio presunto amore per Galliani mi limito a dire che forse anche Machiavelli non era così innamorato di Cesare Borgia. Può darsi che il mondo non giri secondo i principi da noi auspicati. Ma il punto sta nel saper fare le mosse giuste. La lotta è dura e non bisogna farsi uccellare. Invocare la morale serve a poco. Bisognava sapere che lasciare Ljajic senza contratto ci avrebbe esposto alla rapacità altrui, peraltro anche da noi praticata se c'è l'occasione. Non si è fatto ed ora paghiamo il fio di un errore tutto nostro.

    RispondiElimina
  7. Su Ilicic sono completamente d'accordo con te, come ho scritto qualche giorno fa.

    RispondiElimina
  8. Il mondo gira come gira, ma se la reazione di tutti è assuefarcisi, fare di ogni erba un fascio comparando la nostra "rapacità" a quella di un Galliani, dire che la morale serve a poco e a meno ancora le regole, che ci sono, ecco che girerà sempre peggio. Se a te, pur di condannare un giustificabilissimo non rinnovo del tuo beniamino attuale, va bene seguire questa filosofia dimostri la tua statura morale (ma tanto serve a poco). Ma quel che pensi si è capito, è inutile che tu lo riproponga a ogni topic per schiantare le palle dell'uditorio. La tua figura di merda l'hai già fatta, e basta!

    RispondiElimina
  9. Cognigni è la voce del padrone, leggi Cognigni e leggi Diego (nemmeno Andrea). Quindi se gli si vogliono dare le colpe di aver comprato quattro tre quartisti e nessun play si sbaglia indirizzo. Cognigni entra nel discorso Ramadani che ha ereditato da Corvino e nella faccenda spinosa del rinnovo di Ljajic, gli piace entrare nell'acquisto di Gomez, perchè dà visibilità, non tanto a lui, quanto alla proprietà che rappresenta e che non vuole essere offuscata dagli altri dipendenti, anche se bravi. Nel resto del mercato solo ratifica, ma le proposte e le strategie non son cero sue e non potrebbero esserlo, non diciamo cazzate.

    RispondiElimina
  10. Adesso a 6 si chiude, per Sommer. Si aspetta il primo mezzo errore di Neto. Nutella via, c'è bisogno di denaro per Rebic e il portiere. A mio avviso, all'ultimo tuffo via Savic e dentro Jorgino e un difensore. C'è ancora carne in pentola, saranno dieci giorni de fuego.

    RispondiElimina
  11. Nutella via? Sei sicuro? Certo a questo punto si capirebbe l'acquisto di Ilicic.
    E Sommer? Secondo mesi continua con Neto.

    RispondiElimina
  12. Sinceramente non condivido minimamente l'esegesi quotidiana che Lud fa di Galliani, da sempre uno dei peggiori dirigenti che si siano aggirati nel nostro calcio (peggiore per molti versi del peggior Moggi) e sicuramente tra i più antisportivi (vi siete scordati l'episodio di Marsiglia?).
    E' chiaro che se a Ljajic, o chi per lui, è stato già fatto firmare un qualsiasi impegno da parte del Milan, il giocatore è passibile di squalifica ed il Milan sarebbe punibile con un paio d'anni di blocco del mercato.
    Sinceramente spero che Ljajic venga venduto all'estero, in modo da far finire questa vicenda che ha davvero stancato, a prescindere dal valore vero o presunto del piccolo serbo.
    Quanto, infine, all'articolo di Cellini, concordo al mille per mille con Jordan. Il tizio in questione è una testina di cazzo mica da poco, sempre pronto a spargere veleni senza capire un acca di calcio, che per lui è e resterà per sempre un mistero gaudioso.

    RispondiElimina
  13. Colonnello ma l'hai letta la notizia dei 6 milioni per Sommer? Non c'è nulla di nulla, nemmeno la menzione di un possibile nuovo contatto (solo una settimana fa agente e Basilea avevano smentito qualsiasi contatto con società italiane), solo l'ipotesi che a 6 milioni ci possa essere un accordo. Sono calci in cielo, non sanno un cazzo ed inventano. Certo se il povero Neto sbaglia lo mangiano e mi sembra la situazione ideale per far bene, peggio di così non lo potrebbero far scendere in campo. Ora anche i farisaici Guetta e Ferrara fanno finta di fargli coraggio.

    RispondiElimina
  14. Riporto l'articolo apparso stamani su "As", un importante quotidiano sportivo spagnolo che segue soprattutto le vicende delle squadre di Madrid.

    "

    En Italia dan por cerrado el acuerdo por el traspaso de Ljajic entre
    la Fiorentina y el Atlético por 10 millones de euros, un hecho que, por
    desgracia para el club rojiblanco, no acerca el futbolista al
    Manzanares. Lo cierto es que en estos momentos, la llegada del serbio
    está prácticamente descartada. El motivo es que Ljajic, sin saberlo
    antes la Fiorentina, tiene un precontrato firmado con el Milán.

    Durante las últimas semanas, tanto el Atleti como Fali Ramadani,
    agente del serbio, han intentado encontrar una manera de anular el
    preacuerdo con el club italiano. De la mano de Andrea Berta, adjunto a
    la dirección deportiva del Atlético, los intentos fueron nulos y el club
    rojiblanco ya ha dado un paso atrás en sus contactos con el equipo de
    Florencia y el propio futbolista, pese a su fuerte voluntad de ser
    transferido a Madrid.

    Perder la opción de Ljajic supone un golpe duro para el Atlético, ya
    que era uno de los pocos jugadores a la vez asequibles y de calidad que
    quedaban en el mercado. El serbio llegaba para suplir la teórica baja de
    Adrián y ahora la dirección deportiva tendrá que buscar otras opciones,
    aunque la economía del club restrinja seriamente sus posibilidades.
    Tampoco hay que olvidar que Simeone sigue esperando un fichaje
    adicional, el de un mediocentro de carácter defensivo que refuerce la
    medular del equipo y dé un salto de calidad para afrontar la Champions.

    Lo que es seguro es que al Atlético le quedan dos semanas muy activas
    en este mercado de fichajes veraniego, que este año termina el 2 de
    septiembre. En estos momentos, la salida de Adrián parece la más
    probable y, de darse, mejoraría las posibilidades económicas del
    conjunto rojiblanco para abarcar otras opciones.

    De momento, las sensaciones tras el debut liguera son muy buenas y la
    dirección rojiblanca vive esta situación con tranquilidad. El Cholo,
    por otro lado, sigue en vilo esperando al menos un refuerzo más (y otro
    adicional si se marcha Adrián). La Supercopa ante el Barça será una
    buena barra de medir."

    RispondiElimina
  15. Ora vengon fuori con il precontratto firmato da Ljajic (o chi per lui) col Milan. Avevan detto lo stesso con Jovetic quando stava per firmare col City, ci sarebbe stato un precontratto fatto firmare da Marotta. Ammesso che sia vero son carta da cessi, se Ljajic firmasse per l'Atletico ed il Milan volesse impugnare il precontratto andrebbe di corsa, Galliani o non Galliani, sotto inchiesta. Anche Ljajic, ma sarebbe come quello che se lo taglia per far dispetto alla moglie. Son documenti paravento che servono a dare un po' di tranquillità al giocatore per fargli vedere che si fa sul serio, ma che hanno valore legale zero e pratico meno ancora. Sono con Anto, da quando han preso Ilicic ho sempre pensato che Ljajic fosse in corsia d'uscita, credo che cerchino di mandarlo all'Atletico o al Tottenham. Con il denaro che entra hanno due o tre alternative e credo che il portiere sia solo la terza, almeno oggi.

    RispondiElimina
  16. Avendo paragonato Galliani a Cesare Borgia pensavo di aver espresso un giudizio molto chiaro. Suggerisco di dare una occhiata a Wikipedia a chi non conosce Il principe di Machiavelli e la sua descrizione del Valentino.

    RispondiElimina
  17. Cesare Borgia era di un livello molto più alto di quello di Galliani, che al confronto è un misero rubagalline.

    RispondiElimina
  18. C'è una sola alternativa: o As ha scritto una sciocchezza o il Milan e Ljajic hanno violato le regole.

    RispondiElimina
  19. E' una vita che dico che Galliani, Ljajic ed il suo entourage (compreso Ramadani che fa lo gnorri) stanno facendo il gioco delle tre carte ai nostri danni. Mi sa che a questo punto l'abbiamo preso in saccoccia a meno che non intervengano gli organi disciplinari, cosa alla quale credo poco. Se come sembra è tutto vero il giocatore vivrà un anno di inferno a Firenze, se lo ricordi.

    RispondiElimina
  20. In un paese con un minimo di serietà, la giustizia sportiva avrebbe già aperto un inchiesta. Qui abbiamo Palazzi...

    RispondiElimina
  21. Fai come me Mc, come ha consigliato Francis, Stefano.....gli scritti di Lud saltali, giusto uno sguardo per farsi due risate. Reitera i soliti argomenti in cui ha già preso di coglione in coro da tutti, perché continuare a dargli soddisfazione ?!

    RispondiElimina
  22. Allora, che Ljajic abbia un precontratto con il Milan bisogna vedere se è vero o se è un'invenzione dei giornali.
    Prima ci deve aiutare a superare il preliminare con le cavallette svizzere, poi, se non vuole rinnovare il contratto, le alternative le abbiamo ben chiare: o accetta di andare a una squadra estera (Atletico Madrid o squadra inglese) oppure va in tribuna un anno, tanto abbiamo Ilicic.

    RispondiElimina
  23. Va beh! Forse una rilettura sarebbe utile McGuire.

    RispondiElimina
  24. Sulla questione portiere io mi sono fatto un'idea: hanno cercato di prendere Diego Alves del Valencia a inizio mercato, ma non ci sono riusciti perché lui chiedeva un ingaggio troppo alto, per cui a quel punto hanno deciso di puntare su Neto.
    Se dobbiamo dare retta ai mezzi di informazione, sembra che la società, dopo aver dato fiducia al Norberto, sia affannosamente in cerca di un portiere qualunque e sia altrettando affannosamente in cerca di una squadra cui rifilare Neto (il Sassuolo, ma lui avrebbe rifiutato, la Sampdoria che non lo vorrebbe), a due settimane dalla fine delle trattative. Tra l'altro è chiaro che le due partite con il Grasshoppers le deve giocare Neto che è nella lista Uefa, per cui verrebbe acquistato il nuovo portiere e verrebbe ceduto a un'altra squadra Neto negli ultimi tre giorni di mercato. Mi sembrerebbe un comportamento abbastanza dilettantistico, cui non credo.

    RispondiElimina
  25. Il Buk, nel già citato editoriale infatti scrive: "Più complessa la vicenda Neto. Il portiere brasiliano gode della fiducia di Montella, ma i troppi nomi che girano attorno alla porta viola non gli hanno fatto sicuramente bene. Certamente la situazione poteva essere gestita meglio a inizio mercato, ma la Fiorentina è convinta che nessun portiere tra gli italiani che si sono candidati attraverso i loro procuratori o le varie società di appartenenza, offra migliori garanzie di Neto. "

    RispondiElimina
  26. http://www.firenzeviola.it/notizie-di-fv/ambrosini-sceglie-l-attico-di-cecchi-gori-140531

    RispondiElimina
  27. Il precontratto è carta da culo e, come quello a suo tempo scarabocchiato col Depinizzato, non esibibile ma se davvero c'è esistono regole non scritte fra società che motivano il ritiro dell'AM dalla trattativa. Resta il Tottenham, che potrebbe non abbozzare ma in quel caso il giocatore e il suo clan, contro l'evidentemente desautorato (come dico da tempo) Ram farebbero valere la nolontà. A quel punto: al Milan sùbito per due soldi (mai i DV lo faranno) o Nutella a ingrassare in tribuna per un anno. Il ragazzo è cocciuto, si va verso la seconda ipotesi.

    RispondiElimina
  28. NOI CONTRO QUELLI DEGLI OROLOGI A CUCÙ, IL MILAN CONTRO LA SQUADRA DI COCU.........LUD, ieri eri più lucido ma l'avvicinarsi del match con quelli degli orologi a cucù ti fa sbarellare, guardando le cose solo da un lato: come reiterato in maniera zalleriana da altri utenti i doppioni (?) occorrono per una stagione divisa tra campionato, coppa europea, coppa Italia, eventuali infortuni, dipartite, squalifiche. Ambrosini doppione di chi? Di Migliaccio andato via? Yakovenko doppione di chi? Può sostituire Cuadrado o giocare a sinistra, ala pura. In difesa non ci sono doppioni, in attacco manca il ricambio per Gomez, Ilicic potrebbe occorrere per non sentir dire (Le Cassandre) "Eh, andato via Adem, non abbiamo un sostituto, uno di livello..."( al di la della diversità tecnico-tattica dei due). Se Liajic dovesse rompere con la viola abbiamo chi far giocare. Il silenzio sul serbo, rotto solo da quelli che scrivono con la vanga sul web, a me piace, sa di strategia, sa di capacità di stare al tavolo della trattativa. La spada di Damocle è sulla testa del Milan stasera, non certo della Fiorentina oggi o domani. Oggi sarà festa perché è marketing, perché sarà merchandising, sarà pubblicità, sarà Joma event, perché le grandi squadre fanno così, senza carri armati ma con i cari amati. BLIMP, la somma da versare per Sommer, sperando non sia soma ma la summa di capacità tecniche notevoli, avrebbe vasta eco e creerebbe un precedente: 6 milioni per un portiere svizzero!!!! Dieci o vent'anni fa avremmo riso come per una battuta del Martelloni (quella di ieri già ben rimessa sul mercato con ampi consensi!). ATTILA, mi fido (solo per una volta! Giuro!) di Teotino: se DV ha detto Adem no al Milan, sarà no! Se Ramadani non rompe trattative Liajic rimane. L'unica destinazione, che scrivo da un mese, plausibile sarà Londra, sponda Spurs; troppo chiaro l'ideale triangolo Baldini- Sabatini- Pradè: i primi due sono in "combutta" per fare affari, il terzo potrebbe chiedere un favore ad un amico, che autorizzerebbe un esborso più alto del previsto, giusto per fare anche uno sgarbo al nipote segreto di Enstein.....Galliani....figlio di Frank Enstein........................................(Garantito 100% Sopravvissuto)

    RispondiElimina
  29. La storia del pre - contratto non mi pare una cazzata. Ricordiamoci che il Milan ha proposto una sua offerta ufficiale, cosa che non avrebbe fatto prima di aver bloccato il giocatore, visti i modus operandi precedenti. Mi sembra poco probabile che questa carta abbia un valore così vincolante da precludere accordi con altre società. Il ragazzo ha un contratto in essere e quello è l'unico vincolo legale almeno fino a febbraio. Qualche tempo fa ci fu un intervento di Cantalamessa sul mercato del Milan e su Ljajic, cosa che mi sembrò strana. Che cazzo centra il legale del Milan con le chiacchiere di mercato? Comunque attorno al mercato della Fiorentina mi sembra ci sia una grande isteria giornalistica. Del padre di Nutellino che davano in arrivo prima di ferragosto non si è vista traccia, eppure era notizia certa per tutti. La crociata anti - Neto continua imperterrita senza dar risalto alle smentite dei nomi citati per la sostituzione. Dopo due sconfitte in amichevole si è passati dalla lotta per lo scudetto agli errori del mercato da analizzare. È roba da neurodeliri. C'è da sperare che la squadra sia tenuta a riparo da questo fuoco "amico", da questo stillicidio isterico e in qualche caso interessato credo.

    RispondiElimina
  30. Io sono d'accordo con chi attribuisce poca importanza al precontratto. Purtroppo ciò che conta è il contatto diretto tra il giocatore e la nuova squadra, cioè l'accordo verbale difficile da provare e perseguire. Le uniche difese nostre potevano essere rappresentate da una firma preoce o da una offerta cospicua. Il giocatore lasciato libero viene intercettato quasi sicuramente se è di valore. Se non fosse stato il Milan sarebbero stati altri.

    RispondiElimina
  31. e mi sembra che una volta tanto, BUK, informato evidentemente bene, abbia detto il giusto. Però i troppi nome che girano intorno alla porta viola chi li fa girare? Una stampa assetata di balle e poco professionale, senza dubbio, ma anche una società che sta un po' troppo zitta. Un bel comunicato stampa ufficiale non avrebbe stonato, invece si limitano a rispondere a domanda e non si incazzano nemmeno se non li prendono sul serio.

    RispondiElimina
  32. Attila in saccoccia l'abbiam preso per me con grosse giusitficazioni, per altri meno, quando un anno fa, una volta deciso di tenerlo, non gli abbiamo imposto di prolungare il contratto alle stesse condizioni per almeno un biennio. Che adesso è difficile lo sanno tutti. Anche la Fiorentina se no non si spiega l'acquisto di Ilicic che è indubbiamente una preparazione per andare "ai materassi".

    RispondiElimina
  33. Salvatore perchè tu ti meraviglieresti? Che abbian firmato o no (ed è molto probabile di sì) contatti li hanno avuti ed un accordo l'hanno trovato. Il problema è questo, lo scritto lascia il tempo che trova, anche se, uno che ci deve investire dieci milioni e passa, magari non vuol correre nemmeno il minimo rischio di casino con squalifica del giocatore o rischiare di andare contro una società importante anche se di banditi.

    RispondiElimina
  34. Trovo illogico emettere un comunicato ufficiale su illazioni, presunte trattative, invenzioni giornalistiche. La favola del precontratto appartiene alla sezione "No news- Start a new one", quelle che sono in frigorifero, accanto a quella "accordo Juve-Jovetic firmato a gennaio 2012". Le redazioni fanno un Briefing al mattino, decidono di gettare un sasso nel lago, convinti di poter creare una risacca dove l'acqua è ferma. I tifosi come noi provocano la risacca, per altri c'è una risata. Proviamo a metterci nei panni (unti) del Milan: non ha tre milioni per Honda, non aveva denaro per Balotelli (sappiamo della strana faccenda Unicredit-Balo- Prelim.CL), farebbe fatica a prendere Shako in prestito. Dove prenderebbe 8 milioni per Liajic? E se va fuori dalla CL? Chi farebbe credito a Galliani?? Lui creerebbe altro artifizio? Mah.... Neto: l'unico d'esperienza e blasone per sostituirlo era J.Cesar, inarrivabile. Assodato. Sommer: scommessa, la bilancia non penderebbe per lui, messo sul piatto al fianco del nostro brasiliano. E se Sommer fosse stato visto poche volte, tipo Perin l'anno scorso nel suo momento de mas exito?!? Sommer perché è ancora in Svizzera, il 20 agosto? Sorrentino: appartiene alla categoria dei buoni portieri italiani, ma mai con vette estreme. (particolare: a sua figlia a messo nome Viola........!). Se io guardo con occhi milanisti non ho possibilità economiche per Liajic, se guardo con occhi svizzeri vedo la Fiorentina come unica pretendente, come mia chance per non restare a fabbricare orologi in legno, qui nel cantone, anzi in un cantuccio....P.S.V. EINDHOVEN: Possa Stasera Vincere Eindhoven.

    RispondiElimina
  35. Anto all'inizio mercato hanno fatto una panoramica anche per il ruolo di portiere, non hanno sentito solo Diego Alves, anche se è quello che forse han cercato con più convinzione, ma anche Sommer, Mihaylov (io tutti questi ex-viola o giocatori nel mirino della Fiorentina che vanno a Verona mi destano qualche sospetto, Cirigliano, Mihaylov...sembra veramente una società sorella), Agazzi, Ruffier. Poi hanno fatto con Montella il riassunto ed hanno deciso che, per quello che offriva il mercato ed i costi coinvolti, si poteva provare a responsabilizzare il giovane Neto e veder come reagiva. Non credo sia cambiato niente da allora. Nonostante tutte le acrobazie dei media inconcepibilmente contro forse anche solo per avere un articolo al giorno da inventare, Neto si è impegnato e sta andando avanti senza errori o scosse ma anche senza grosse conferme per mancanza di occasioni. Tutto dovrebbe quindi concentrarsi in queste tre partite che contano e mi sembra un grave errore dare loro tutta questa importanza. Neto deve sapere che il suo destino non dipende da tre partite se no si rischia non solo di perdere le partite ma anche di perdere un giocatore. A questo punto non può più esistere bocciatura, qualunque cosa succeda, e questo è il messaggio, chiaro, che Montella deve trasmettergli, Ogni altro atteggiamento sarebbe sbagliato e colpevole.

    RispondiElimina
  36. Jordan, mi meraviglierei del contrario! E ovviamente concordo con Mc Guire 50, ma con questa giustizia sportiva Galliani dorme sonni tranquilli. Ci toccherà proporre un trasferimento in blocco della Procura di Milano alla Federcalcio ahahahah

    RispondiElimina
  37. Ci vuole una offerta migliore per tenere Ljajic, altrimenti lo puoi anche confinare in tribuna ma ottieni poco, salvo danneggiare lui e la Fiorentina. Meglio sarebbe stato attribuirgli una centralità nel futuro che al momento a mio parere non ha. Infatti la stampa lo giudica subentrante nella partita di giovedì. Ben che vada sostituisce Gomez o Rossi (a me piacerebbe vederlo in coppia con Rossi). Ma, ad ogni modo: contratto a salire che deve arrivare ai livelli di Jovetic in due anni posti certi obiettivi prefissati in termini di goal, presenze e assist.

    RispondiElimina
  38. Che noia, che barba, che palle, che noia, che barba, che palle! Povertà di argomenti elevata al massimo livello, si rasenta la perfezione.

    RispondiElimina
  39. E si sarebbe dovuo fa' la squadra puntando escrusivamente su uno stronzo che già da quarche mese gli ha probabirmente firmao un precontratto co' i' bandito pelato. Un si dovea prende' Gomez perchè gli dà ombra, e ora e bisognerebbe dagni la luna e magari una fettina di culo co' i' limone per fagni straccia' gli impegni presi co' gobbi rossi. Ma tu ci hai i'mar di capo forte! O rinnova a condizioni eque, o va 'ndo si dice noi, o sta a ngrassa' di Nutella un anno 'n tribuna. E ci costa? a monito pe' prossimi, gli è l'ora di falla finita di mangia' radicchio!

    RispondiElimina
  40. Fa venire il latte ai coglioni anche a leggero dall'estero, non sono qualità da poco, in qualcosa riesce, avrà un master in quello non ci piove.

    RispondiElimina
  41. Sembra filare Jordan ma non fila perchè perdere in una stagione sia Lajic che Jovetic non mi pare assolutamente buona gestione della società. Rilanci e offerte contrattuali d'altronde non dipendono dal buoncuore ma dal valore che attribuisci al giocatore. Atletico e Milan evidentemente ci credono di più. Difficile dire chi ha ragione, ma ho detto tante volte che il contratto a salire poteva essere la soluzione.

    RispondiElimina
  42. È tante volte ti è stato scritto la risposta, facile che uno sgabello sia più capace d'interagire e processare ragionevolmente con l'interlocutore di quanto sia capace tu. Ma lo sappiamo, eccome se lo sappiamo.

    RispondiElimina
  43. Ammesso che vada via, e un s'è perso, e s'è scambiao. Un 3x2, a i'posto di Icce uno e Icce due e s'è preso Pepito, Gomez e Ilicicce e ci è avanzao anche quarcosa pe' i' lesso (se si piglia 10 milioni da Nutellic). Per te e sarà peggio, pe' chi l'ha fatto gli è meglio. O stiamo armeno a vedere

    RispondiElimina
  44. Ho appena visto su skysport24 una intervista di oggi a Galliani, nessun giornalista ha fatto un qualche accenno su quanto riportato da AS. Il Milan avrà soldi e potere ma Firenze non può farsi prendere per il culo in cotal guisa. E' l'ora di finirla e qualcuno deve pure alzare gli scudi. Mi rendo conto, Jordan, che siamo noi i primi ad aver sbagliato non rinnovando il contratto a Ljaijc quando fu deciso di tenerlo, ciò non toglie che i giochetti di zio Fester & C che quando parla sembra appena uscito dall'oratorio sono diventati insopportabili.

    RispondiElimina
  45. Non ho ancora capito di quant'è il rinnovo che gli han proposto, se c'è: ieri ho letto di 1.2 più bonus...

    RispondiElimina
  46. Infatti, compagno di Lato e Szarmach, noi scriviamo, la stampa ipotizza ma nella realtà nessuno conosce un solo numero! L'unica certezza avuta nei giorni scorsi è che Gilardino un giorno andrà al Southampton, visto che lui va dovunque sia passato Osvaldo: Fiorentina, Bologna, Roma....eh eh eh eh eh eh.......! ATTILA, sicuramente Galliani e il suo Milan sono bloccati dalle due partite di CL, se i rossoneri passano il nasuto comprerà, impegnando tutto quel che enterà dalla coppa con le orecchie (come le sue).

    RispondiElimina
  47. Mi ripeto anch'io, l'ho detto un sacco di volte, ma mi ripeto: io sono per la linea dura, ha pagato con Jovetic, ha pagato con Pizarro, pagherà anche con Ljajic.
    O accetta una squadra estera che offra - milioni o va in tribuna un anno.

    RispondiElimina
  48. Spra, avendo le possibilità che credo i DV abbiano, per me il Milan Ljaijc quest'anno lo vedrebbe col telescopio spaziale hubble. Ed il nutellijc passerebbe un anno inseguito da 10.000 Delio Rossi.

    RispondiElimina
  49. ...stile Matrix per intendersi...eheh

    RispondiElimina
  50. In effetti "camerata di Lato e Szarmach" suonava male, eheh

    RispondiElimina
  51. Lo sono Attila e non solo i giochetti, ma l'ha' letto icche dice nevrastenix? come se l'avessi detto io! Non gli si può dar vinta al bandito pelato, anche a costo di rimetterci dieci milioni! Se vuole andare al Milan ci andrà quando sarà libero ma dopo aver pianto lacrime e sangue pe' un anno 'n tribuna. Artro che inno!

    RispondiElimina
  52. Punire uno, educare tutta la rosa?

    RispondiElimina
  53. presente e futura, l'avessero fatto con Montolivo, magari a Ljajic venivano meno grilli nel capo.

    RispondiElimina
  54. Faccio notare che alcuni di quelli che (giustissimamente) evocano per Nutella una linea rigida come la mia fava davanti alla foto odierna del pezzo pollockiano, due anni fa, dopo il famoso, cogniniano e bene augurante «La farsa è finita!», asserirono che spedire il Tonto con le Corna (Toronto, allora?) sarebbe stato impraticabile in quanto mobbing. As time goes by... Ovvero come cambiano la stadera i beniamini o gli antipatici...

    RispondiElimina
  55. «cognigniano», qua sotto.

    RispondiElimina
  56. Una domanda: quali sono gli esempi principali di giocatori tenuti un anno in tribuna oltre quelli della Lazio di Lotito? Si può tenere il giocatore in tribuna o diventa un ricatto? Ci sono esempi di ricorsi? Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare. Se ad un anno dalla fine del contratto si togliessero ad un professionista le mansioni per cui è stato assunto per obbligarlo a rinnovare secondo me per la società sarebbero dolori.

    RispondiElimina
  57. Per la Fiorentina attuale, con i "problemi" di abbondanza che dici, non dovrebbe essere difficile giustificare un'esclusione tecnica.

    RispondiElimina
  58. Intanto diventiamo tutti olandesi stasera. Che i delinquenti possano cominciare a ingoiar bile da subito.

    RispondiElimina
  59. Vedo più un problema giuridico, oltre al rischio che il giocatore accetti l'esclusione e si accomodi davvero in tribuna come ha fatto Diakithe.

    RispondiElimina
  60. Manca Bakkali, un diciassettenne che ha cominciato l'annata da fuoriclasse assoluto. Speriamo in Matavz.

    RispondiElimina
  61. Non sono tra quelli, quindi non rispondo. Ai tempi di Montolivo invocai la stessa linea dura, la dissonanza con voi era nel ritenere che, in quel panorama desolante di centrocampo, non fosse anche, a mezzo servizio, comunque utile. Quindi un problema di convenienza, quasi necessità tecnica, non di possibili problemi regolamentari. Il mobbing è altro non ci pigliamo per il culo. Se un allenatore preferisce ogni domenica a Ljajic, Ilicic o Joaquim o Wolski è mobbing? Se non sta in tribuna sta in panca, ma il campo non lo vede e non so chi possa dir niente. Diverso potrebbe essere, come fece Lotito con Pandev (che infatti in tribunale ha vinto e se ne è andato a zero) metterlo fuori rosa ad allenarsi con la primavera che è proveedimento punitivo che prevede una colpa e che deve essere ratificato. Ovviamente non voler rinnovare un contratto non è una colpa. Casi ce ne sono stati millanta, a mente ad esempio mi ricordo Jaquinta con l'Udinese e Amauri con la Juventus

    RispondiElimina
  62. Arance per tutti 'stasera, W Van Gogh, patate, polder massima espressione architettonica del mondo, boeri ovunque, biciclette, bionde anni '70 a svernare in Romagna....

    RispondiElimina
  63. Io sono su violachannel per la festa!

    RispondiElimina
  64. Se avessi 21 anni e avessi richieste da Tottenham e Atletico Madrid, oltre che un'offerta di rinnovo con clausola rescissoria non eccezionale (anche i 15 milioni che vuole la società, se crede in se stesso, non sono una cifra da capogiro) a più del doppio dello stipendio, rischiare un anno di inattività per andare in una squadra decadente a qualche spicciolo in più tra un anno, rimettendoci, tanto per incomnciare 750000 euro nel 2013-14, non mi sembrerebbe una grande soluzione. Certo è che il rischio di stare un anno fermo ci deve essere, e ben chiaro, se lo si porta in autostrada tra le braccia del bandito, ci va.

    RispondiElimina
  65. Ma dov'è il problema giuridico? L'allenatore deve chiedere al giudice la formazione da mandare in campo? ma quando mai?

    RispondiElimina
  66. Caso Schneider ad esempio: palese ed evidente scelta dell'allenatore di mettere fuori rosa il giocatore senza motivazioni tecniche ma solo perchè non rinnova. Non difficile da provare direi.

    RispondiElimina
  67. E allora? è intervenuto il giudice? non mi risulta. Poi, e lo ripeto, un conto è mettere fuori rosa, quindi assumere atteggiamenti punitivi (ma a te proprio leggere ti è difficile!) che devono essere giustificati da una colpa, un conto è fare scelte tecniche che nessun giudice può impugnare.

    RispondiElimina
  68. stefano vienna20 agosto 2013 21:23

    Certo che se Ljajic va a finire al Milan, Ludwig stappa lo champagne. Già me lo vedo al gol di El Sharawi...

    RispondiElimina
  69. Montella ha rinnovato. Almeno un timore ce lo saremo tolti,no?

    RispondiElimina
  70. Stefano mostri una rara ottusità. Jordan, se si analizza l'ipotesi del fuori rosa le difficoltà non sembrano poche, ed anche sul piano etico è discutibile imporre un rinnovo per questa via. L'argomento è molto discusso. Io sono sempre stato il più favorevole a che Ljajic restasse e firmasse, ma va preso atto che la società, anche con attenuanti, ha agito davvero in modo improvvido e non è riuscita a difendere il proprio patrimonio tecnico. Ora temo sia tardi. Vedremo a cose fatte in quanto si può quantificare la perdita.

    RispondiElimina
  71. Allora proprio non ci si capisce. Sei tu che fai casino con i fuori rosa e vai come sempre dritto per la tua strada. Io non ho mai detto di metterlo fuori rosa che, alla lunga, qualche problema potrebbe portarlo davvero, dico di non farlo più scendere in campo nemmeno per sbaglio, ma deve allenarsi, durar fatica e sul serio, perchè se fa il lavativo allora scatta il motivo per la punizione, si allena regolare e poi va in panca o in tribuna. Questo è lo scenario che deve avere ben chiaro ora che deve decidere, e se decide a bischero, lo deve provare sulla pelle. Perchè una firma su un rinnovo la può mettere anche a novembre, ma se non lo metti spalle alla parete non ci pensa nemmeno.

    RispondiElimina
  72. La mia sensazione è che questo attacco, che ha tanti nomi, possa creare problemi, perchè sono forse in troppi: mi sembra che Ljajic sia uno che se non gioca si incavola, e in un gruppo così numeroso possono nascere problemi. Secondo me la decisione di venderlo potrebbe dipendere anche da questo. Vendendolo si potrebbe trovare anche una tranquillità maggiore, Ljajic adesso porta via il posto di Rossi o altri, lo abbiamo visto contro la Cremonese.

    RispondiElimina
  73. Venderlo, se non vuol rinnovare è l'opzione due, ma venderlo non vuol dire darlo sotto costo a Galliani perchè già si son messi d'accordo. Venderlo a chi conviene alla società, di sicuro è meglio della guerra. La guerra da ultimo e per forza, ma se c'è bisogno "a la guerre, comme a la guerre" e lui deve saperlo.

    RispondiElimina
  74. Problema etico? per uno stronzo che ha firmato un precontratto con altri un anno prima di quando avrebbe potuto? Ma tu ci hai proprio male al capo. Scopri che la moglie è un anno che ti fa becco e ci hai i problemi etici? ma te un tu se' mica normale!

    RispondiElimina
  75. Un ciuco ha più capacità di discernimento, sono certo che certe scuole contavano un'alunno per classe, due quando si beccava un ripetente.

    RispondiElimina
  76. L'attacco per adesso ha tre interpreti, quattro se vogliamo metterci Jako. Ljajic con questi presupposti giocherebbe sempre. Forse non sempre da titolare, ma sempre. Cosa che non si può dire per gente come Llorente, Vucinic, Lamela, Destro, Robinho e tanti altri che avrebbero le stesse pretese di Nutellino se non qualcuna di più. Quindi, per questo, non capisco perché se non ci sono problemi altrove ce ne dovrebbero essere per noi. Ljajic non ha mai fiatato o espresso scontento per mancato impiego fino ad ora, quindi da cosa si deduce che potrebbe essere un problema in futuro? La ricerca di problemi ipotetici lasciamola ai giornalai locali, che devono inventarsi sempre qualcosa per poter far mangiare i figli.

    RispondiElimina
  77. Di attaccanti puri ci son solo Gomez e Rossi. Ljajic si adatta a fare la seconda punta nel 3-5-2 o l'attaccante esterno nel 4-3-3, per quanto vogliano dire qualcosa questi numeri, ché Montella esprime un gioco in cui c'è un tourbillon continuo di posizioni. Qui Ljajic è considerato solo attaccante, quindi aggiungiamolo ai due: abbiamo Ljajic, Gomez e Rossi, posto che non si prenda un centravanti di riserva [e serve]. A me sembran pochi, altro che problemi di abbondanza! Per il resto, Cuadrado, Joaquin, Ilicic, Yakovenko, Wolski se resta, sono tutti centrocampisti offensivi, con diverse caratteristiche, col solo Yako che si può adattare a punta.

    RispondiElimina
  78. Gran gol, goffaggine del portiere a parte...E anche questo è esploso, ormai lo possiamo dire. Dei quattro -ic di Corvino, rischiamo di trovarci a fine mercato con nemmeno uno rimasto. Non un grande risultato. Anche perché Nastasic e Jovetic perlomeno ci han portato bei soldoni, con Seferovic e Ljajic [ma spero ancora rimanga] ci perdiamo e basta.

    RispondiElimina
  79. «Abbiamo un anno di tempo per metterci al tavolo con il giocatore per parlare perché il contratto scade il 30 giugno. Tutte false le voci di un precontratto anche perché non ci può essere una situazione del genere per i regolamenti».


    Così Pradè. oggi. Si va verso un Montolivo-bis, dunque, contro ogni previsione. Che la cessione di Sefe fosse una cazzata era invece previsto dalla metà dei sitollockiani che non lo snobbava.

    RispondiElimina