.

.

mercoledì 7 agosto 2013

Dilemmi, stemmi e stimmate

Uno dei grandi dilemmi della vita che poi ti spingerà ad approfondire la psicanalisi, quello insomma, che una volta appurato che Freud non è uno dei tanti nomi accostati alla porta della Fiorentina, ti aiuterà a capire molte cose di te, e tra le tante sicuramente la più importante, quella che ti tormenta anche in queste giornate calde alleviate solo da un po' di Branca Menta da bere rigorosamente col bicchiere scolpito nel ghiaccio, sempre che tu abbia in casa un guanto di ferro, anzi, chi è che non ne ha uno in casa che usa per disossare il prosciutto, e che torna molto più comodo per tenere in mano il bicchiere del Branca Menta evitando così che ti vengano i geloni. Dicevamo dilemmi che diventano magnifici stemmi di famiglia, insomma, noi tutti ci chiediamo da sempre che cosa ha influito nella scelta della nostra squadra del cuore, motivazioni che non possono essere solo geografiche, perché ci sono gobbi fiorentini, e anche fiorentini chini per non dire gobbi a raccogliere i gobbi prima di gratinarli in forno quando non è così caldo. A Firenze pensiamo con cognizione di causa che la nostra fede sia la più illuminata, certo forse lo penseranno anche gli altri, ma a noi di quello che pensano gli altri non c’interessa niente, perché il Viola, Firenze e il lampredotto, sono stimmate, la prova che siamo stati scelti, del resto se uno ha per idolo Dalì, non può fare l’architetto comunale. Non a caso la nostra origine è il Rinascimento, noi siamo tifosi rinascimentali figli di uomini di quel periodo come Niccolò Machiavelli, perché come lui i tifosi Viola sono acuti ma anche spregiudicati, qualche volta anche pregiudicati come Silvio che però non è acuto ma rossonero. Siamo così generosi che molti lo omaggiano addirittura di una doppia e così lo chiamano Macchiavelli, come è scritto anche sulla statua al lui dedicata all’ingresso degli Uffizi, di origini popolane guelfe come io per esempio che sono popolano di parte Bianca. E per capire meglio come mai ci consideriamo dei prescelti bisogna aver letto “Il principe” scritto nel 1513 quando ancora non esisteva la differenza tra fuorigioco attivo e passivo. Un testo che lo spiega molto bene e lo dico con certezza e anche con quella certa arroganza tipica di chi non sa una sega e ha la fortuna di parlare dell’unica cosa che sa a spizzichi e bocconi, perché a questo proposito ho seguito un corso serale in via dell’Ardiglione dove veniva riassunta la letteratura italiana per chi non ha molto tempo da perdere, e su Machiavelli il corso durava 5 minuti, il tempo per spiegare in sintesi appunto “Il principe”, ovvero, ci è stato spiegato da uno che durante il giorno fa il benzinaio alle Cascine del Riccio, che per arrivare al potere bisogna essere dei figli di buona donna. E i tifosi Viola sono proprio così, soprattutto in San Frediano dove non ci arrendiamo mai e ci arrangiamo sempre per raggiungere il nostro scopo, me l’hanno detto proprio in via dell’Ardiglione quando al corso si è parlato delle differenze con il Foscolo, parlando di Jacopo Ortis che amava Teresa ma lei non gliela dava e lui si è ucciso, un comportamento che non è nella nostra natura perché se non ce l’avesse data a noi, per tigna gli si sarebbe trombato la sorella anche se era più brutta. E poi siamo curiosi perché l’intelligenza ci avanza e non si può congelare, noi per esempio non ci saremmo mai potuti accontentare di quanto scritto da Gadda in “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana”, riassunto il mercoledì sera da un appassionato del genere che per 40 anni ha fatto il pollaiolo in vie dell’Orto, e che sarebbe anche un buon romanzo se l’autore alla fine si ricordasse di dirci chi è l’assassino. Noi siamo la migliore tifoseria del mondo, in assoluto, e non solo per quanto ho già cercato di spiegare sopra, dedicando tempo importante alla cultura, ma perché abbiamo inventato soprattutto una cosa, che per spiegarla bene c’è bisogno di raccontare la storia di John Greenwood il dentista di George Washington, l’inventore del trapano elettrico che permise così a George Washington d’inventare il dolore da trapano elettrico. Il 27 settembre 2002 i tifosi Viola hanno inventato il dolore per il fallimento della Fiorentina.

100 commenti:

  1. Pollock, io non sono di Firenze né della Toscana, nemmeno di origine familiare, il fatto è che da bambino visitai Firenze e la trovai bellissima, in più in quegli anni giocava Antonio, per cui scelsi la Fiorentina come squadra del cuore e, si sa, la squadra scelta da bambini rimane per sempre. Preciso comunque che non sarei mai potuto essere uno strisciato, se non avessi scelto la Fiorentina probabilmente sarei un tifoso del Toro o del Genoa.

    RispondiElimina
  2. Vorrei tornare sull'interessantissimo tema della lista dell'Europa League accennato ieri da Blimp e ingiustamente non approfondito.
    Se la lista per il preliminare comprende veramente 25 giocatori, non capisco perché dovrebbero restar fuori Mati e Vecino (o Ilicic).
    Attualmente la lista comprenderebbe:
    Portieri: Neto, Munua, Lupatelli
    Difensori: Roncaglia, Rodriguez, Savic, Tomovic, Hegazy, Compper
    Esterni: Cuadrado, Joaquin, Pasqual, Alonso
    Centrocampisti: Valero, Pizarro, Aquilani, Ilicic, Ambrosini, Vecino, Bakic, Wolski
    Attaccanti: Gomez, Rossi, Ljajic, Iakovenko

    Sono 25, forse dimentico qualcuno?
    Ho lasciato fuori i partenti: Vargas, Olivera, Romulo, El Hamdaoui.

    Probabilmente da qui alla fine del mercato daremo in prestito Wolski e compreremo un centravanti di riserva, sempre 25 saranno.

    RispondiElimina
  3. colonel.blimp7 agosto 2013 08:13

    Direi che è giusto, Anto, e che Calciomercato ha sfavato. C'è squilibrio fra difesa e centrocampo, ma allo stato attuale è quel che offre la nostra rosa.

    RispondiElimina
  4. Premesso che rispondo sempre volentieri alle osservazioni educate e che non mi riferivo a Salvatore parlando di scarsa calma, perchè mi pare sia ponderato, vorrei dir qualcosa ancora su Aquilani. Non ho il tempo di analizzare ogni singola partita, ma sicuramente nella prima di campionato Aquilani non giocò per problemi fisici e di condizione, mentre nella successsiva circostanza citata da Salvatore era al rientro da un infortunio. In seguito può anche darsi che qualche volta a titolo di esperimento Montella l'abbia escluso all'inizio. Ma strada facendo è apparso chiaro che Aquilani se stava bene era titolare inamovibile e intoccabile. Di qui il concetto dei "tre tenori" a tutti ben noto. Ma esaminiano le alternative. Quelle per Ljajic sono Rossi e Gomez. Quelle per Aquilani erano Migliaccio e Mati. La stagione di Migliaccio e Mati è la prova provata che il titolare era Aquilani. Dopo la squalifica qualcuno credo anche qui provò a dire che con Migliaccio eravamo più coperti, riproponendo la teoria del cagnaccio di Sandrelli, ma poi Montella scelse in altro modo. La discussione è interessante e di buon livello mi pare e sono significativi anche gli interventi di Anto e Deyna sul concetto di "titolare" nel calcio moderno. Non mi pare neanche che si tratti di un muro contro muro perchè mi sono sforzato di arricchire sempre con nuove osservazioni i miei argomenti. Questa sarebbe la mia colpa, cioè impostare discussioni così. Ma ricordo che la teoria della fasificazione di Popper dice appunto che una teoria può sempre essere falsificata ed è proprio evidenziandone i punti deboli che si affina. A me piace una discussione come questa e non sono minimamente interessato a parlare dei fatti miei o della intelligenza mia e altrui. Non posso non rispondere Pollock perchè sono stato un ragazzino alle medie in Toscana come te. E lì mi hanno insegnato, od ho capito da solo, che se te le danno le devi ridare, è tassativo.

    RispondiElimina
  5. Blimp, leggo adesso però, dall'articolo di calciomercato.com cui accennavi, che "Dei venticinque giocatori, diciassette sono liberamente inseribili in lista dall'elenco dei contrattualizzati per la Fiorentina, mentre otto sono riservati a giocatori “cresciuti in casa”, ovvero atleti che a prescindere dalla loro nazionalità sono stati tesserati nei loro club o in un'altra società della stessa federazione nazionale (nel caso della Fiorentina la FIGC), per almeno tre anni nell'età tra i 15 e i 21. Degli otto almeno la metà deve essere cresciuto nel club che partecipa alla competizione. "
    Quindi 8 giocatori devono essere cresciuti in Italia, per 3 anni dai 15 ai 21 anni, il guaio è che con queste caratteristiche abbiamo solo Lupatelli, Pasqual, Aquilani, Ambrosini, visto che Rossi è cresciuto nel Manchester United. Ma se è così, ne resterebbero 4 (non 2) fuori dalla "mia" lista di qui sotto.

    Si sa qualcosa di più preciso, visto che i regolamenti sono abbastanza complessi e non mi fido di quello che dice un solo sito?

    RispondiElimina
  6. Al di là della lista vedo troppa concorrenza in avanti. Non capisco quando potranno avere spazio certi giocatori. Certo ci sono molte partite, ma temo ad esempio che Mati abbia ancora meno possibilità dell'anno scorso visto che c'è Ilicic.

    RispondiElimina
  7. colonel.blimp7 agosto 2013 09:07

    In avanti, Lud? Sono quattro attaccanti. Mati può fare il vice-Pizarro, Ilicic no. E ora un po' di lettura di Fiorentinanews, a riprova che la teoria jordano-snappica dell'offerta «prendere o lasciare» a 1,2 era un sogno oppiato (ripeto, a un'offerta come quella Ljajic poteva solo sbottare in rutto fantozziano alla cipolla rossa).


    «L’incontro di ieri con il padre di Ljajic, Samir, e l’agente Furtula è
    saltato anche perché hanno capito che il no della Fiorentina al
    passaggio al Milan di Adem è definitivo. La società ha offerto al
    giocatore un contratto con ingaggio da 1,6 milioni netti sino al 2018,
    con una clausola rescissoria di 12 milioni di euro, ma valida solo per
    l’estero».

    RispondiElimina
  8. La concorrenza mi sembra ci sia soprattutto a centrocampo, visto che in avanti abbiamo due attaccanti (di cui un centrale e una seconda punta), un fantasista che può fare la seconda punta e un'ala che può fare la seconda punta. Poi ci sono diversi trequartisti a centrocampo che possono essere eventualmente utilizzati come seconde punte. Quello che ci manca è un centravanti di riserva.

    RispondiElimina
  9. Ljajic è un affare. Puoi anche dargli 1,7 quest'anno e promettergli fino a 2,5 il prossimo. Basta condizionare il tutto a presenze, assist, reti e farlo giocare. Se si ripete e segna più di dieci reti il suo valore di mercato si definisce.

    RispondiElimina
  10. Buongiorno a tutti! Ciao Anto. Come hai giustamente scritto, la questione è un po' più complessa, proprio perché la lista dei 25 non è libera. Pepito però è cresciuto nel Parma, quindi è uno dei sette "vincolati". La questione cavillosa riguarda Ljajic: Adem è nato il 29 settembre 1991, dunque ha compiuto 21 anni il 29 settembre 2012. E' arrivato a Firenze nel gennaio 2010: è perciò in Italia dalla stagione 2009-2010 e prima dei 21 anni, ha disputato anche le stagioni 2010-2011 e 2011-2012. Insomma, tre stagioni oppure no, visto che la prima non è intera? A conti fatti, di quei sette posti, la rosa attuale ne può riempire cinque o sei, a seconda di come si consideri Ljajic.

    RispondiElimina
  11. L'espressione "in avanti" includeva attaccanti, mezze punte, esterni alti. Ce ne sono davvero tanti.

    RispondiElimina
  12. Ho scritto sette, ma era otto!

    RispondiElimina
  13. Buongiorno Colonel.blimp! Vorrei solo sottolineare che parlavo di 1,2 milioni netti di base, a cui aggiungere i bonus. D'altronde, quando leggo cifre fisse sui giornali, capisco che siano balle, perché Pradè è il maestro dei contratti con bonus.

    RispondiElimina
  14. E naturalmente sono certo che anche Jordan parlasse di cifre base.

    RispondiElimina
  15. Peccato che non riesci a rendere niente, ed anche in questa risposta si è visto quanto hai capito di quello che ti è stato chiesto e quanto sei stato capace di rispondere. Il solito niente portato avanti all'infinito. Riprovo a non considerarti, a saltare lo spamm, sicuramente avrò pace, sei una nonciclopedia del calcio parlato, visto e giocato. Dovremmo applicare la teoria Francis così la smetteresti di illuderti che qualcuno considera intelligente anche mezzo rigo scritto da te.

    RispondiElimina
  16. Il punto non è 1,2 o 1,6 ma se c'è volontà di rimanere, non saranno 200 mila euro a stabilire il confine fra un si o un no, se c'è volontà al rinnovo con premi e clausole si arriva al punto d'incontro. Io rimango possibilista. Chissà se avrà spazio per giocare, il nocciolo rimane questo.

    RispondiElimina
  17. colonel.blimp7 agosto 2013 09:42

    Io credo davvero, Snappo, che siano fissi e non mi sembra che Jordan parlasse di bonus. In effetti, Anto e Snappo, si capisce che è quella clausola che obbligherebbe a tagliare due centrocampisti, non una sovrabbondanza teorica. L'articolo non era chiaro nel mettere in correlazione la due cose e ancora una volta, Anto, si tu che hai messo luce.

    RispondiElimina
  18. Sempre riguardo alla lista per l'Europa, non è detto che debbano saltare due centrocampisti. Ad esempio, se si mettesse in lista Madrigali e non Hegazy, si escluderebbe un solo centrocampista della lista fatta stamattina da Anto.

    RispondiElimina
  19. colonel.blimp7 agosto 2013 10:21

    Eh sì, Snappo, ma in difesa già siamo giusti, se in più levi Hegazy per un ragazzino si prendono troppi rischi.

    RispondiElimina
  20. Il mio era solo un discorso teorico, Colonel.blimp, per fortuna non scelgo io, altrimenti povera Fiorentina!!!!

    RispondiElimina
  21. Blimp, grazie per aver detto che metto luce (d'altronde il mio nick è in onore della "Luce"), ma in realtà sulla questione per me è buoi pesto.
    Su Giuseppe Rossinon sono tanto sicuro, Snappo, è del 1° febbraio 1987, ha fatto 15 anni il 1° febbraio 2002 e nell'estate 2004 è andato dal Parma al Manchester United; è vero che nel gennaio 2007 (prima di compiere 20 anni, quindi) è tornato a giocare (in prestito) al Parma fino al giugno successivo, ma siamo sicuri che ci siano i tre anni richiesti dalla norma?
    Su Ljajic: è arrivato a Firenze nel gennaio 2010 e ha compiuto 21 anni il 29 settembre 2012, come giustamente hai riferito qui sotto. Il problema è: i tre anni richiesti devono considerarsi anni solari (e quindi avrebbe dovuuto giocare da noi fin dal settembre 2009) o possono essere considerate tre stagioni (o porzioni di stagione) calcistiche?
    Io spero che in società ci sia qualche esperto di regolamenti internazionali e che non si vada alla cieca su interpretazioni di norme che potrebbero rivelarsi non condivise dall'UEFA: vorrei evitare un altro caso Casarsa - Schalke 04 già nei preliminari di EL.

    RispondiElimina
  22. Se saltano due giocatori della "mia" lista di qui sotto, penso che saranno due tra Vecino, Bakic e Mati, se ne saltano tre allora penso che starà fuori anche Hegazy, come dice Snappo.

    RispondiElimina
  23. Che regolamento assurdo...Ma l'Inter del triplete chi aveva in rosa quell'anno?

    RispondiElimina
  24. Resto del parere che il confine tra maleducazione e critica, offesa e discussione non vada superata e faccio appello a tutti. Grazie. Anche per moltissimi non è necessaria questa richiesta e con questi mi scuso.

    RispondiElimina
  25. Non lo so, ma tieni conto che Balotelli e Santon, per dire, erano prodotti del loro vivaio e che comunque mi sembra che le regole per la lista CL siano diverse da quelle per la lista EL (altrimenti sarebbe troppo facile!).

    RispondiElimina
  26. "18,10 Un "calciatore formato dalla società" è un calciatore che, tra l'età di 15 (o l'inizio di stagione durante la quale compie 15 anni) e 21 (o la fine della stagione durante la quale compie 21 anni), e indipendentemente dalla sua nazionalità ed età, è stato tesserato con la sua società attuale per un periodo, continuo o meno, di tre intere stagioni (vale a dire un periodo che inizia con la prima partita ufficiale del relativo campionato nazionale e termina con l'ultima partita ufficiale di tale rilevante campionato nazionale) o di 36 mesi. " Ho paura che Ljajic non ci rientri nè per stagioni giocate (2 e 1/2) nè per periodo solare.

    RispondiElimina
  27. Esatto SNap, come sempre. I regolamenti sui bonus che trovo molto intelligenti, sono additivi che appesantiscono le retribuzioni solo in caso di risultati, quindi di prevedibile aumento delle entrate.

    RispondiElimina
  28. Altre VERGOGNOSE righe di Borgi:

    "NESSUNA INSUFFICIENZA, PERO'... Ormai è un plebiscito, la Fiorentina lotterà per lo scudetto. Se la giocherà con la Juve, ma chiunque si esponga in materia la mette sopra Napoli, Lazio, Inter e Milan. Ancora più in basso la Roma. Noi (ancora una volta) stiamo con i piedi per terra, anche se un pò ci pensiamo. Manca però un tassello: il portiere. Caro Neto, niente di personale, ma i 20 giorni di Moena ti hanno disegnato bravino ma incerto, concentrato ma pauroso, volenteroso ma timido... troppo timido per una formazione spavalda come quella viola. La Fiorentina 2013-2014, Neto sarà d'accordo, è una squadra fatta di campioni, con un gioco consolidato, mix ideale di gioventù, entusiasmo ed esperienza. Insomma, una squadra quasi perfetta. Appunto caro Neto... quasi".

    RispondiElimina
  29. Ok, grazie Jordan, quindi Rossi va bene (dal 2001-02 al 2003-04 al Parma), se ho ben capito.

    Quanto a Ljajic, l'inciso "(o la fine della stagione durante la quale compie 21 anni)" mi fa capire che Ljajic è considerato prodotto del nostro vivaio in quanto ha giocato tre intere stagioni: 2010-11, 2011-12 e 2012-13 (stagione in cui ha compiuto 21 anni). E' giusto?

    RispondiElimina
  30. Io a Moena non c'ero, a questo punto chiedo ai "nostri" inviati Snappo e Orcio: è vero che nel corso del ritiro Neto è stato "bravino ma incerto, concentrato ma pauroso, volenteroso ma timido... troppo timido"?

    RispondiElimina
  31. Al solito ottimo Jordan, nostro indiscusso Pat, che ci ha dato la norma esatta! Concordo con l'interpretazione di Anto: anche Ljajic fa parte degli otto, in quanto ha compiuto 21 anni il 29 settembre 2012, e perciò la stagione 2012/2013 si considera per intero, oltre alla 2010/2011 e alla 2011/2012 che erano intere senza ombra di dubbio. Che ne pensate? Riguardo all'ultima parte della regola - precisato che questi cavilli mi annoiano a morte e dunque non me ne sono mai occupato, e perciò stiamo facendo solo un discorso tra amici - mi pare che non sia così: in altre parole, occorre presentare una lista A di 25 giocatori, di cui 8 con il vincolo di cui stiamo parlando, più una lista B di 4 giocatori cresciuti nelle giovanili.

    RispondiElimina
  32. Ciao Anto, io rispondo per la mia parte di ritiro, ossia per i primi sei giorni. Confermo ciò che ho scritto all'epoca: Neto in allenamento ha fatto cose mirabili. Grande esplosività e mi è parso tuffarsi con lo stesso profitto sia a destra che a sinistra. Riporto una parte di ciò che ha scritto Angelo Giorgetti - a mio giudizio persona serissima e giornalista molto capace - oggi su "La Nazione" riguardo alla valutazione tecnica di Neto: "Tutti sono convinti che il giovane ma non più giovanissimo portiere brasiliano, 24 anni, abbia diritto a una chance per mettere in mostra negli stadi il talento che dispensa con grande generosità negli allenamenti". Altro che bravino ma incerto...

    RispondiElimina
  33. Geniale Poeta, non pensi che quest'estate i Della Valle abbiano ideato un trapano unico nel suo genere? È un trapano che contemporaneamente inventa il dolore da calciomercato per Agnelli, Marotta, Berlusconi e Galliani, e il godimento da calciomercato per noi!

    RispondiElimina
  34. Ciao Anto, nella settimana che sono stato in Val di Fassa ho visto qualche allenamento e due amichevoli. Neto nelle amichevoli è stato impegnato in quella con la Cremonese, risultando decisivo in un paio di interventi. Sempre in amichevole negli angoli mi è sembrato ancora un po' timido nelle uscite, ma su questo sappiamo da altri che l'occhio all'uscita lo alleni giocando, giocando e poi giocando. In allenamento l'ho visto molto tonico e reattivo: belle parate. Poi ero presente quanto Marione Gomez lo ha infilato di testa e ci hanno costruito un articolo sulla sua solitudine, ecc. Questo il link del gol: http://www.violanews.com/news-viola/video-vn-gomez-segna-incornando-di-potenza-20130723/

    Dal vivo più mi sembrava sulla traiettoria, ma il colpo di testa era una vera fucilata da pochi passi: e infatti tutti hanno applaudito a lungo Marione. In altra partitella ha preso un gol sul suo palo sempre da Gomez in girata: l'ha sparata anche qui all'incrocio. In tutti i casi in allenamento parliamo di partitelle su campi ridotti, dove viene messa a fuoco la capacità di far girare palla e di eludere il pressing avversario. Io non boccerei Neto, oggi, purtroppo, i suoi detrattori hanno capito che va contestato dal punto di vista della personalità, della timidezza, ecc...

    RispondiElimina
  35. In conclusione, aveva ragione calciomercato.com e dalla "mia" lista vanno tolti due elementi. E' probabile che vangano tagliati i due più giovani e meno esperti, cioè Vecino e Bakic; bisogna però vedere le condizioni fisiche di Mati, nel qual caso rientrerebbe Bakic come riserva di Pizarro.
    Ilicic non ho dubbi che nella lista sarà presente (salvo alzate di capo sul fatto che non vuole giocare interno).

    RispondiElimina
  36. Un mangiaebevi, insomma.

    RispondiElimina
  37. Il vero gossip dell'estate, solo per voi e solo sulla Ribblogghita

    RispondiElimina
  38. E 'unnè una "lernia", mangia i' peggio che c'è, avanzi di' giorno prima compresi!

    RispondiElimina
  39. Sopravvissuto7 agosto 2013 13:54

    Leone di Lernia (il prefisso "lern" purtroppo non implica che il personaggio abbia fatto uso del verbo inglese " to' learn") è notoriamente milanista (come ogni essere umano con deficit cognitivo) e nella foto lo vediamo, spedito da Galliani, con retino per tentare di raccattare alcuni giocatori, chiaramente pesci piccoli,dopo aver preso un granchio con Liajic; lo stesso retino, più grande, verra dato in dotazione con la muta ufficiale del Milan ad ogni calciatore e occorrerà per continuare a raccogliere la palla in fondo alla porta difesa (?) da Abbiati. Al mio paese l'arnese con rete per prendere palloni in acqua si chiama "coppo", strumento che metaforicamente Galliani ha già preso, visto che in tribuna a Firenze molti gridavano "Dagli uno schiaffo sul coppo! Fagli un coppino!".

    RispondiElimina
  40. Se davvero arrivasse anche Julio Cesar, dovrò scusarmi col mio informatore per tutti gli insulti che gli ho rivolto, e rendergli il merito di aver azzeccato tutti gli acquisti dell'estate, dato che verso fine maggio mi aveva predetto "Joaquin, Mario Gomez, Ilicic, Julio Cesar, un centrocampista".
    Finora è stato impreciso sulle cessioni: mi aveva detto "Jovetic al Chelsea" (anche se perlomeno aveva azzeccato il paese di destinazione, mentre i giornali italiani lo davano per sicuro ai gobbi per un'offertucola oscena) e "via anche Ljajic", previsione che spero si rivelerà scazzata fino in fondo.
    A proposito di Adem, trovo meravigliosa la "clausola anti-Milan", populismo da tifo applicato alla realtà dei professionisti, che va a bissare il "non ho il permesso di parlare con la Juventus", una goduria insperabile in questo mondo fino a pochi mesi fa: rendiamo ancora grazie a Diego Armando Della Valle!

    RispondiElimina
  41. Mamma mia, con Julione Cesar, Pizarro e Ljajic confermati, Gomez e Rossi di punta, e un Ralf/Medel a centrocampo, si sogna davvero in grande. Non mi convince del tutto la difesa, ma ci possiamo forse permettere un reparto non di lusso.

    RispondiElimina
  42. Concordo sul centrocampista, posto che sia di piede buono, magari non necessariamente eccelso. Con un giocatore del genere la difesa sarebbe più protetta, specie negli ultimi 30 minuti, dove solitamente soffriamo per impossibilità a mantenere ritmo, pressing e possesso per tutti i 90'. Così, ne sono sicuro, la difesa serebbe riabilitata, e di parecchio. Comunque un passo alla volta: primo spero nella conferma di Ljajic

    RispondiElimina
  43. Siamo a quanto pare al terzo Marione almeno della storia viola dopo Ciuffi e Cecchi Gori, ovvero Marione Gomez. Diventerà difficile capire a chi è intitolata la curva Marione.

    RispondiElimina
  44. Sì appunto, un Ralf o un Medel, o un giocatore del genere, abbastanza buoni con i piedi - anche se non trascendentali - per giocare nella Maquina, e dighe invalicabili davanti alla difesa, a caccia di palloni. Bravi anche negli inserimenti al tiro, tra l'altro, in particolare il cileno. La conferma di Ljajic per me è decisiva per il Quarto, ma se ne è già discusso ampiamente...

    RispondiElimina
  45. Grazie a Orcio e a Snappo per le risposte :)

    RispondiElimina
  46. Bellandi Anto, per un ligure questo è il minimo!

    RispondiElimina
  47. Questi i 26 convocati dal tecnico Vincenzo Montella per le partite contro Villarreal e Sporting Lisbona:

    Alonso, Ambrosini, Aquilani, Borja Valero, Bakic, Compper, Cuadrado, Gomez, Hegazi, Iakovenko, Joaquin, Ljajic, Lupatelli, Matos, Munua, Neto, Pasqual, Pizarro, Rodriguez, Roncaglia, Rossi, Savic, Tomovic, Vecino, Vargas, Wolski.





    C'è Vargas!!! Evidentemente sperano di metterlo in mostra affinché qualcuno lo compri.


    Inoltre non ci sono Ilicic e Mati (non so perché).

    RispondiElimina
  48. Perché hanno letto i nostri discorsi di stamattina ahahahahahah ... sono un po' acciaccati e restano a casa al calduccio! Vargas, visto che non lo vuole nessuno, sperano che si faccia male così lo stipendio glielo paga l'Inail ahahahahahah ... sono una vera carogna!

    RispondiElimina
  49. Ilicic potrebbe essere indietro con la preparazione poichè arrivato dopo oppure in punizione per le dichiarazioni sul ruolo, Mati potrebbe essere o acciaccato o vicino a una cessione. Non vedo molte altre spiegazioni possibili.

    RispondiElimina
  50. Io spero che Vargas nelle due amichevoli segni 7 gol, tutti con tiri al volo nel sette e che il padrone del Monaco si veda entrambe le partite.

    RispondiElimina
  51. ... magari avendo accanto il Gat, che sembra bazzichi spesso da quelle parti, ahahahahahah

    RispondiElimina
  52. colonel.blimp7 agosto 2013 16:37

    Mati si sa che non sta bene. Ilicic è dato come acciaccato dai vari siti.

    RispondiElimina
  53. http://www.violanews.com/news-viola/sky-prade-ha-smentito-i-contatti-con-julio-cesar-20130807/

    RispondiElimina
  54. Ah ecco, è che io ho quasi smesso di leggerli, salvo una volta la settimana fiorentinanews e una volta al mese firenzeviola, almeno di media. Violanews e il sifone invece non li apro da mesi, mentre il sitollock lo apro più volte al giorno anche quando non scrivo.

    RispondiElimina
  55. Uhm... Sarà la solita smentita da prassi (vedi Rossi e Gomez) ?

    RispondiElimina
  56. E' una smentita ufficiale, ma di sicuro il Guetta, lo Sborgi, il Calamai e tutta la banda ne sanno più di lui, cosa vuoi che ne sappia il DS della Fiorentina se trattano uno o no? Comunque se le liste europee devono esser presentate entro il 12 o lo uffcializzano prima o in EL non gioca, mi sembra fantasia allo stato puro.

    RispondiElimina
  57. Purtroppo la malattia mi divora. Anni fa leggevo solo il sitone, poi scoprii fiorentinanews e firenze viola, e un'occhiatina gliela dò giornalmente, specie in periodo di mercato. Poi il Colonnello lodava gli approfondimenti di violanews, e ho aggiunto alla lista pure quello [ogni 3/4 giorni]. Una volta ogni par di mesi dò un'occhiata a Guetta, del sito di Prizio dimentico l'esistenza stessa [non volontariamente], per non so quale curioso processo mentale.

    RispondiElimina
  58. C'è da dire che sia per Gomez sia per Rossi Pradé aveva detto che interessavano ma costavano troppo, mentre per Julio Cesar è stato più categorico, affermando di non aver mai avuto contatti né con il QPR né con il giocatore. C'è però da dire anche che spesso le smentite non vogliono dire niente.

    RispondiElimina
  59. Può darsi Anto, a volte preludono l'acquisto a volte lo chiudono definitivamente, a me pare un'operazione assurda da un punto di vista economico ed anche tecnico, Julio Cesar ti può giocare un anno o due al massimo, Neto molti di più; chiaro che il potenziale espresso dal giovane è ancora distante da quello migliore del più vecchio ma non correrei il rischio e destinerei quei soldi ad altri settori.

    RispondiElimina
  60. Sopravvissuto7 agosto 2013 17:48

    I tre o quattro siti "storici" offrono notizie, gossip, non-notizie e mai un'ammenda a bischerate scritte o ventilate. Con questi siti non si interagisce con costrutto, non si procede per premesse, dimostrazioni, conclusioni e manca soprattutto una visione eterogenea delle situazioni, manca il punto di vista "distaccato", manca la complementarità tra utenti. La caratteristica saliente del Sitollock fonde l'essere "agorà" con l'essenza tecnica profusa da tutti i surfer, nessuno escluso. Questo blog è un "Beautiful" per la vita che avrà, la bellezza dei suoi protagonisti (se siete tutti come me è così) e per le caratteristiche insite nel termine inglese...è "Milagro" per la capacità di iniziare ogni dì con un affresco (editoriale?) mai inerente lo squallore italiano contemporaneo (e perché sopporta dei semi-troll come me)...è Dallas perché c'è il cattivo (Galliani? Agnelli?) ma anche il grande tenutario (Jock Stein/Diego)...è "Sentieri" perché siamo partiti da stradine (non le Quattro Strade) per arrivare sul viale più importante del calcio, quasi una "Flamingo Road"....E quindi siamo pronti per "Un posto al sole".

    RispondiElimina
  61. Uno dei racconti della raccolta di Woody Allen Getting even (in italiano Saperla lunga) si intitola Viva Vargas ed anticipa i temi del film Il dittatore dello stato libero di Bananas (titolo originale Bananas). Rendo così omaggio alla imprevedibile ma da me auspicata convocazione di Juan Manuel Vargas per la prossima amichevole col Villareal. Un grandissimo rinforzo (se posa il fiasco).

    RispondiElimina
  62. Io sono pro-Neto, com'è noto, ma il clima che gli hanno creato attorno lo trovo molto, molto rischioso, e potrebbe anche compromettere l'intera nostra stagione. Julio Cesar [della contabilità si preoccuperà in caso chi deve] sarebbe senza dubbio alcuno il massimo per l'immediato, per una squadra che vuol vincere. Ho visto come ha parato al QPR, ed ha ancora una reattività e un'elasticità eccezionali, come ha dimostrato anche col Brasile alla Confederations Cup. Al mondo c'è veramente poco di meglio oggi, se c'è. Buffon per esempio sta attualmente molto sotto. Julio Cesar ha solo accusato un calo di forma, soprattutto psicologica, dopo il triplete, ma si è ripreso alla grande, e col carattere sfrontato che ha, e la sua esperienza, sarebbe una garanzia tra i pali e per l'ambiente. Dopo uno o due anni potrebbe tornare in porta l'erede Neto, possibilmente dopo aver fatto esperienza, perché il potenziale che ha è impressionante. Mi sembra la soluzione migliore. Sono nettamente contrario invece ai vari Agazzi, Sorrentino, Sommer, ecc, per motivi diversi tra loro.

    RispondiElimina
  63. Purtroppo mi pare sia andata persa l'immagine. Vargas avrà la maglia 66, quasi il numero dell'Anticristo e se dovesse restare sarà un'arma letale.

    RispondiElimina
  64. Vorrei anche aggiungere che la nuova Fiorentina ha bisogno di uno che vada sul fondo e crossi, perchè così si deve servire un Gomez. Pasqual non è sufficiente e un altro grande esterno che sappia crossare è grasso che cola.

    RispondiElimina
  65. Io non lo so cosa ci sia di vero nel tutto, posso fare solo congetture come tutti qui escluso quelli che sono veramente vicino a chi dirige le danze (e non son tra questi tutta quella banda di sregolati che giocano a fare i grandi informati su giornali e TV). Se un DS dice che non ha mai contattato nè la società nè l'agente del giocatore in genere non dice balle clamorose, può essere che i contatti ci siano anche stati ma gestiti da quella miriade di intermediari che preparano miriadi di proposte e poi si fanno avanti. Di sicuro l'affare non è vicino alla conclusione come dicono se no fuori con questi discorsi non sarebbe venuto. Se non è vicino alla conclusione e visto che le liste per l'EL devono essere consegnate il 12, cosa fanno? prendono un portiere che non può giocare nell'obiettivo che è stato dichiarato come forse il più importante? E, a parte tutti i discorsi, l'affare non può essere imminente anche perchè le condizioni che potrebbe offrire la Fiorentina comportano una riduzione di ingaggio tale che difficilmente Julio Cesar la potrà accettare se non di fronte alla comprovata assenza di alternative, cioè in chiusura di campagna acquisti che credo sia troppo tardi per noi.

    RispondiElimina
  66. Vedere El Loco Vargas tornare agli antichi splendori è un sogno che penso abbia sfiorato ognuno di noi, ma temo che la convocazione non sia in chiave viola...

    RispondiElimina
  67. Resta il fatto che per un Gomez in area un Vargas sulla fascia è manna dal cielo. E questo ormai credo sia il nostro futuro, Deyna, che come vedi non disdegno affatto, pur evidenziando che siamo agli antipodi del gioco dello scorso anno. Che gli diano la maglia e il numero mi pare comunque strano. Con altri partenti non è stato fatto.

    RispondiElimina
  68. E' vero, ma deve essere uno che vada sul fondo, crossi e sia astemio.

    RispondiElimina
  69. Con Ljajic il miracolo a Montella è riuscito. Ma se dovesse rimanere firmi subito il contratto, per carità. Se dovesse fare una grossa stagione questo entra nel mirino di Fester.

    RispondiElimina
  70. Da appassionato come ho detto tante volte di essere, leggo pochissimo di calcio: nessun giornale sportivo, nessun sito tranne Fiorentina.it per una rapida scorsa e Firenze viola sempre in modo rapido. Qualche volta provo a fare ricerche in inglese per vedere se ci sono anticipazioni, ma di solito i siti inglesi dipendono da quelli italiani per quanto riguarda i rapporti Italia-Inghilterra.

    RispondiElimina
  71. Le due situazioni mi sembrano diverse, Vargas ho tema che non sia recuperabile.

    RispondiElimina
  72. Anto, è un alcolizzato cronico, come Adriano, c'è poco da fare. Un conto è essere intossicato dalla Nutella, un conto dall'alcool.

    RispondiElimina
  73. La convocazione di Vargas è l'estremo tentativo viola di trovare un acquirente, anche per pochi spiccioli. In caso contrario, resterebbe una sola via: rescissione consensuale, forse persino con un modesto incentivo economico.

    RispondiElimina
  74. http://www.violanews.com/calciomercato/ag-julio-cesar-stiamo-parlando-coi-viola-20130807/



    Questo vuole 3,2 milioni netti all'anno, mi sembra evidente che non verrà.

    RispondiElimina
  75. Fortunatamente la porta la chiudono loro a qualunque trattativa. Meglio così.

    RispondiElimina
  76. Contatti tra intermediari di secondo livello probabilmente cercati proprio dal giocatore che sa di essere in una situazione delicata. Eppure per il Ceccarelli, tanto per dirne uno, era già comprato! Che banda di incompetenti! L'ho detto e ripetuto, prima di firmare per un anno a 1,5 o giù di lì, che è ciò che gli può offrire la Fiorentina se presa dalla disperazione, si deve esser convinto che non c'è proprio di meglio, quindi si dovrà essere all'ultimo giorno di mercato, il che, per noi, è decisamente troppo tardi. No way. Il messaggio di Pradè lo leggo invece come un chiaro: "Smettetela di rompere i coglioni!"

    RispondiElimina
  77. Il Julio Cesar della Confederations sarebbe senza dubbio grande portiere, ma è fuori mercato per la Fiorentina, non solo e non soltanto per l'immediato, ma, soprattutto, per il futuro. Ha un triennale a 3,2 milioni netti! Sarebbe pazzia pura.

    RispondiElimina
  78. L'unico dubbio che ho su Vargas è l'assegnazione del numero e della maglia, che non sono stati assegnati agli altri partenti come Zohore, Cassani e altri rimasti a casa. Può darsi che lo si voglia "mettere in vetrina" però.

    RispondiElimina
  79. sopravvissuto7 agosto 2013 19:36

    Come un Armagnac del '45. In una teca di vetro.

    RispondiElimina
  80. colonel.blimp7 agosto 2013 20:09

    Purché non si scoli anche l'Armagnac.

    RispondiElimina
  81. sopravvissuto7 agosto 2013 20:21

    Come direbbe Balotelli "Armagnac? Uno dei tre moschettieri!" ah ah ah ah.....

    RispondiElimina
  82. colonel.blimp7 agosto 2013 20:21

    Dopo Esopo, Fedro, La Fontaine, Perrault, i Grimm, Andersen, il più grande favolista della letteratura mondilae:


    «l Milan non molla Ljajic ed è pronto a ricucire i rapporti con la Fiorentina, logoratisi negli ultimi giorni. Le frizioni non sono dovute all'offerta avanzata dai rossoneri ai viola e, inviata anche in forma ufficiale via fax, ma per alcune dichiarazioni rilasciate dai dirigenti dei toscani. Adriano Galliani ha chiesto e ottenuto un incontro con i Della Valle, occasione utile per un confronto diretto e per sistemare la questione. Il Milan potrebbe aumentare leggermente l'offerta iniziale pari a circa 8 milioni, convinto anche di poter recuperare nel week-end il terreno perso».



    L'imbecillità s'impone solare soprattutto nel passaggio in cui il servo parla di un voler ricucire i rapporti ma accusa i dirigenti viola di averli logorati: che fa Galliani, viene a Canossa per essere stato lui offeso? I DV non incontreranno mai un Ladro cui non cederanno mai Ljajic, ma quel devastato dal föhn più che dal fhon è stipendiato in nero per tenere calma una piazza in rivolta per il nulla di mercato rossonero e per le prime figure di merdissima nelle amichevoli.

    RispondiElimina
  83. Questi sono stronzi nell'animo. I rapporti si sono lacerati perchè dopo averci scippato Montlivo cercano di fare lo stesso con Ljajic. I rapporti si logorano perchè è contro i regolamenti andare a contattare e tentare di contrattare un giocatore che è di altri riempiendo le tasche di parenti e procuratori. O falsi il problema non è un'offerta ufficiale finalmente fatta, anche se ridicola, alla società, ma l'averlo fatto dopo aver già trovato un accordo con parenti e pseudoprocuratori. E' da banditi! e sono recidivi.

    RispondiElimina
  84. Sopravvissuto7 agosto 2013 21:08

    Una non-notizia. I ragazzini crederanno a quello che c'è scritto. O il favolista ha bevuto Armagnac?

    RispondiElimina
  85. http://www.fiorentina.it/notizia.asp?IDNotizia=136600



    Il non-titolare fisso intanto parte dall'inizio, e Rossi in panca...

    RispondiElimina
  86. colonel.blimp7 agosto 2013 21:36

    E' un segnale di Montella alla Società, Deyna, e/o della Società al Milan e ai suoi caudatari.

    RispondiElimina
  87. Se Ljajic vince la concorrenza di Rossi rimane sempre qualcosa di inespresso in questo progetto, visti i costi sopportati per prendere Rossi. E vengono al pettine ugualmente certi nodi di programmazione di cui tante volte ho parlato.

    RispondiElimina
  88. Il dualismo io non lo vedo, ero paradossale...Ci sarà posto per entrambi, nessuno dei due mette in panchina l'altro, sul lungo periodo. 50-25 [gare che ha in canna Rossi] fa 25...più l'utilizzo di Ljajic come trequartista, che lo può portare tranquillamente a una 40ina di partite totali.

    RispondiElimina
  89. Sopravvissuto7 agosto 2013 23:42

    LUD, sarà un'amichevole e non certificherà nessuna gerarchia; eccetto Gomez, per motivi noti e integrati dai "Seminatori d'oro" del Sitollock (io appartengo agli Inseminatori d'oro), nessun ah il posto assicurato, garantito; questa scelta societaria avalla la nuova mentalità da grande squadra/club della Nostra compagine. Liajic titolare è un' opzione scelta da Montella (ti avrà letto, vorrà rassicurarti?), Rossi in panca è un'altra opzione. Montella poteva tenere Rossi&Liajic in panca e giocare con Cuadrado e Joaquin a supporto di Gomez, sarebbero state "opzioni". Il fatto che rimanga qualcosa di inespresso è un tuo parere (troppo tranciante) condivisibile o meno ma giudicare un "progetto" dando ad esso già (anche) una proiezione mi sembra una delle tue forzature. I nodi al pettine: basta pettinare una figlia o una donna (bellissimo farlo), vanno via(i nodi) pian piano e con pazienza, denti del pettine larghi, lavoro di divisione delle ciocche, uso del balsamo. Bene, Montella è il balsamo, le "opzioni" sono i denti del pettine, la divisione delle ciocche è il saper stare al proprio posto ed essere pronti. Questo esempio tricologico serve anche per mettere alla berlina il disagio psicologico (e tricologico!) di Galliani. Potrebbe essere un segnale di Montella, facilissimo da codificare se facciamo 1+1=2 : "Non vedo Adem sereno e concentrato...", quindi non gioca l'amichevole di alcuni giorni fa; "lo noto e voglio farlo notare, Adem è concentrato, presente, attivo, convinto e lo faccio giocare...". Eppoi il mister sarà anche padrone di provare, testare le sue idee, cosa fa parte con i presunti titolari dal 1o agosto e poi quando dovesse servire un cambio importante, quando alla bisogna si dovrà integrare o variare l'assetto della Maquina, il Vincenzino, dovrà attendere perché non ha provato? LUD, invece di vedere qualcosa di inespresso (tue parole) con Rossi in panca, perché non vedi qualcosa di espresso con Adem in campo? Faticoso? Distonia nei confronti della stessa distonia?

    RispondiElimina
  90. ... e poi ci sono le sostituzioni, durante la partita...

    RispondiElimina
  91. Sopravvissuto8 agosto 2013 00:04

    Al terzo rigo è "ha" e non "ah"....

    RispondiElimina
  92. Sopravvissuto8 agosto 2013 00:06

    JORDAN, attendi 6/7 post per la bambolona?...eh eh eh eh eh.......

    RispondiElimina
  93. colonel.blimp8 agosto 2013 00:13

    Una grande squadra non ha undici titolari. E questa si chiama programmazione. Il progetto sarà inespresso se non giungerà a risultati.

    RispondiElimina
  94. sono in agguato, pronto per lo sprint, ma per ora siam troppo lontani, se no resto sui pedali

    RispondiElimina
  95. Gli hanno scritto che, forse, gioca Ljajic a i' posto di Rossi, in un'amichevole a i'cardo e vi basta pe' lanciavvi a sbuccia' i'gladio? Lo sa quante vorte e giocherà uno e quell'artro starà a guardare? o quante vorte gli entra uno e sorte quell'artro? Aenne! o che vi garbaa di più quando e ci toccaa a tene' 'n campo uno che gli strascicaa e piedi perchè di meglio un s'avea?

    RispondiElimina
  96. Se lo stronzo dolesse lo sa' che urli! i' troia Su'mà gli ha raggiunto i'cormo! Galliani e verrebbe a chiarire? Icche? Se chiarisce e l'arrestano, 'ntanto e tira aria bona dalle su' parti! Dentro e la chiave ni' Naviglio!

    RispondiElimina
  97. E ora, lanciato dal grande Nevrastenix, come i'Petacchi de' tempi d'oro, vinco lo sprint pe' la bambolina, Segna poeta!

    RispondiElimina