.

.

venerdì 23 agosto 2013

Il Guetta come Emilio Fede

Sono riuscito a vedere solo gli ultimi venti minuti, nel primo tempo ho sentito invece la radiocronaca in streaming  delle pubblicità su Radio Blu, nella quale, intervallata tra la trippa del mercato centrale, “Reme facciamo il bagno insieme” e tutti i peggio ristoranti della Toscana, mi è parso di capire che si è giocato bene. Sentire la partita su Radio Blu è diventato come vedere un film su Rete Quattro, il Guetta come Emilio Fede, gli inviati come vecchi giornalisti buttati per strada davanti al tribunale con l’autobus alle spalle, secondo me per fare il vero salto di qualità dovrebbe ingaggiare anche Mastrota o la Foliero e fare una radiovendita del materasso Fabbricatore. Mi sembra davvero troppa la differenza tra le due squadre, anche in questa fase della stagione dove una preparazione più avanzata può spostare i valori in campo favorendo la squadra con meno qualità, ma penso che alla fine non potremo esimerci e ci toccherà vincerla a mani basse questa coppa. Non ci potremo certo sottrarre al nostro strapotere tecnico, bellissima anche la nuova maglia che se ho capito bene non indosserà più Adem Ljajic, non so nel senso che non ho capito bene se anche le parole di Andrea Della Valle facevano parte della gragnola di spot pubblicitari del Guetta, oppure erano realmente un estratto dell’intervista al presidente. Mi sembra che sia stata una bella Fiorentina quella vista nella prima partita ufficiale, che senza tanti indugi abbia lasciato il suo biglietto da visita in bella vista sulla scrivania verde di questa nuova stagione, si dice poi che la mancanza dello sponsor sulla maglia sia dovuto al fatto che tutta la pubblicità del mondo sia stata rilevata in esclusiva da Radio Blu e che dalla prima di campionato venderà anche il tanto agognato spazio del gol vociato dal Guetta, che sarà quindi sostituito in modo da inserire nel fatidico momento dell’orgasmo del gol il nome urlato dell’azienda di turno, più volte consecutivamente a seconda della tariffa versata nelle casse dell’avido. Per correttezza ed onestà devo integrare un particolare della serata con Draga Popescu che avevo omesso per evidenziare solo le mie qualità amatorie, mentre invece tra noi c’è stato molto di più, direi anche una sorprendente profondità intellettuale per essere stato un approccio così furtivo, stupefacente se si pensa alle difficoltà di due lingue diverse sorrette solo da un inglese con la stampella tipo quello di Benigni in “Down by law” , insomma, c’è stato anche il modo di confrontarsi aspramente sui temi della vita, e quindi non solo di non concludere, perché a un certo punto mi sono sentito un po’ psicanalizzato proprio come il sub nervoso,e allora ho rubato le parole a Woody Allen per uscire fuori da una situazione che mi vedeva accusato di voler fare sesso senza protezione, penso di aver fatto un figurone sparandogli una frase di grandissimo effetto, bella come il gol spaccaporta di Cuadrado, “Ma perche'...  perche' devi sempre incasellare le mie voglie animalesche dentro categorie psicanalitiche?", gli ho detto, togliendole il reggiseno. Scusate ma dovevo chiudere l’argomento della trasferta in Romania e con questo raccontarvi anche che ho salutato il mio collega rincuorandolo, mi è sembrato alla fine anche abbastanza sereno, forse perché ha preso la decisione dopo 15 anni di psicanalisi di dargli un altro anno di tempo al suo dottore e poi di andare a Lourdes. Un veloce passo indietro per dire che ho rivisto i filmati della presentazione della squadra su Viola Channel, e mi sembra che sia stato un’altro grande bagno di entusiamo, anche se questo non l’ha fatto “Reme” e non l’ha pubblicizzato il Guetta, sullo sfondo della nuova tribuna che è veramente molto bella. Se è vero che la partenza di Ljajic è ormai cosa fatta vediamo adesso come la società investirà il ricavato della sua vendita, chissà quanti nomi ruotano ancora nel capoccione di Pradè o nell’hard disc cerebrale di Macia, uno, un paio, non si sa, l’importante è che sia quello giusto, per inserire l’ultimo grande tassello che ci dovrà portare a lottare su tutti i fronti, e va scelto bene, molto bene perché potrebbe essere quello decisivo, del resto mi viene in mente Eva,  chissa' quante foglie di fico avra' provato, prima di dire "Prendo questa!".

160 commenti:

  1. Credo si debba ringraziare Borja Valero prima di tutti se la partita di ieri è andata bene. Il centrocampo tiene e Borja ne è il motore esattamente come lo scorso anno. Anche in assenza di Pizarro il possesso palla è stato garantito. E possesso palla significa palloni serviti agli attaccanti e meno rischi per la difesa. Finchè le cose vanno così la Fiorentina viaggia senza scosse. Le discussioni invece di questi mesi erano orientate tutte sull'attacco. Qui si nota senz'altro una condizione ancora fragile delle due punte ma un buon senso della posizione e buoni movimenti e impegno di entrambi. Credo sia apparsa evidente la differenza rispetto all'anno scorso, quando uno Jovetic spesso fuori area favoriva gli inserimenti sulle ali di Cuadrado, molto più avanzato, e di Ljajic: un modulo molto interessante che sarà difficile rivedere per tante ragioni: Cuadrado gioca più indietro, Ljajic andrà via e Gomez non ha le caratteristiche del falso centravanti. Ora il gioco di attacco mira a servire le due punte classiche, Gomez centrale e Rossi a far movimento, con cross e lanci. Resto un ammiratore dell'innovativo modulo della seconda metà dello scorso campionato, ma anche questa formula potrebbe risultare molto produttiva (purchè la condizione fisica di Rossi e Gomez cresca parecchio). I limiti prevedibili della squadra si possono prevedere ragionevolmente. È una squadra che vince solo tenendo palla, quindi con forte dispendio fisico, nel momento in cui conoscerà un calo fisico potrà conoscere una crisi. Ecco perchè avere centrocampisti di scorta sarebbe stato molto utile, ma al momento non mi pare che il reparto sia stato rafforzato. In avanti invece abbiamo molti ricambi, interessanti e da provare, come Iacovenko e Joaquin. Un difensore esperto può essere utile ma sono convinto che la difesa soffra soprattutto l'arretramento del baricentro per motivi di calo atletico. Anche ieri è stato così. Sono difetti strutturali del Montellismo.

    RispondiElimina
  2. Cuadrado ha giocato ieri sera come tutto l'anno passato, padrone della fascia spingendosi in avanti, fraseggio a centrocampo e copertura in difesa quando serve e quando ha fiato. Nessuna novitá quindi, neanche nel modulo adottato per alcune gare l'anno scorso, già definiere innovative un 4-3-3 ce ne vuole. Altre considerazioni sono ovvie quanto scontate però non è male inserier Iako fra il novero delle giovani promesse l'anno prossimo, come '87 sará giovane fino ai 30.

    RispondiElimina
  3. Anch'io mi sono stupito quanto ieri ho letto le parole di Gianni Mura ("Giovani da seguire: Bardi, Baselli, Iakovenko, Gabbiadini e Nico Lopez"), vito che Iakovenko ha 26 anni.

    RispondiElimina
  4. L'errore è tutto di Mura e mi scuso ma non sono una enciclopedia del calcio, comunque è importante che sia stato inserito tra le possibili sorprese del prossimo campionato. Sono un po' stufo dei post ad personam di Leo, Anto. E' evidente che cerca la risposta mia per poter inanellare altri insulti. Va beh, spero che si stanchi. Ieri avevo fatto qui gli auguri a Gomez e li avevo ripetuti anche sul sito maggiore onde schierarmi tra quelli che da ora in poi lo sosterranno al 100%. La società ha fatto le sue scelte ora è nostro preciso dovere e piacere sostenere chi è stato scelto e lo merita, nel caso sia di Rossi e Gomez per serietà, umiltà e valori tecnici e sportivi.

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo più o meno con i voti del Sopra, nessuna insufficienza, faccio solo alcune considerazioni (banali, magari):
    1) fino al 20' del secondo tempo abbiamo dominato, poi siamo crollati fisicamente, non avevamo più benzina, ma anche nell'ultima mezz'ora ci siamo comunque difesi ordinatamente e senza affanni;
    2) senza Pizarro il gioco ne risente, è inevitabile che si cambi registro: Ambrosini ha giocato bene, ottimo in fase di interdizione e sui colpi di testa (a centrocampo e in difesa di testa erano tutte sue), in fase di impostazione ovviamente ha molti limiti, ha fatto anche due bei lanci ma non ha la capacità di dialogare nello stretto; Valero ottimo finché ne aveva, Aquilani ha dato il suo,come sempre, e ha dimostrato di sapersi inserire bene in zona gol, more solito;
    3) come l'anno scorso ci è capitato diverse volte, abbiamo dormito clamorosamente sul gol subito: non son d'accordo con Leo, Roncaglia ha fatto quel che doveva fare, ossia scalare al centro, a marcare l'avversario dovevano andare Cuadrado o un centrocampista;
    4) Neto sul gol avversario nulla poteva: se ti scagliano una sassata di testa da 5 metri o te la tirano addosso o non la prendi; magari un portiere fuoriclasse avrebbe fatto il miracolo, ma qui si pretende troppo: la colpa è della disposizione della squadra che ha lasciato completamente solo lo svizzero, non del portiere;
    5) non male l'intesa fra Rossi e Gomez, che mi sono piaciuti: il primo si è mosso molto e ha aperto gli spazi per il compagno e per gli inserimenti dei centrocampisti, il secondo è in ritardo di condizione (uno col suo fisico comincia a carburare ad ottobre) ma anche al 50% ha fatto vedere cosa deve fare un centravanti e quali movimenti deve fare, come dice Deyna: di fatto si è procurato almeno tre palle gol, compreso il gol del 2-0 (autorete, ma merito suo);
    6) Ljajic ingiudicabile, è entrato quando abbiamo smesso di far possesso palla; dispiace che se ne vada, perché è quello che si sa destreggiare meglio nello stretto (Ilicic si esalta nei grandi spazi);
    7) Roncaglia e soprattutto Gonzalo sono tornati quelli del girone di andata dello scorso anno.

    RispondiElimina
  6. Boh, magari invece Mura si è confuso e voleva dire Bakic.

    RispondiElimina
  7. Grande Delirio Rossi in un'intervista alla Gazzetta: "Serve pazienza. Neanche Gesù il mondo l’ha fatto in un giorno, e lui con tutto il rispetto è un bel po’ meglio di noi!" Ahahahahah!

    RispondiElimina
  8. Perché dovresti stancarti, scrivi quello che ti va io faccio altrettanto, non ho insultato ho precisato diverse inesattezze che avevi scritto, mica viene soffocata la libertá di espressione.

    RispondiElimina
  9. Adesso riciccia fuori la juve che offrirebbe Marrone e 5 milioni per Ljajic ahahahaha ma non sanno proprio cosa farne, di questo Marrone ahahahaha

    RispondiElimina
  10. Io penso Anto che il gioco di Montella presenti un lato oscuro: quando la condizione cala il centrocampo non tiene più palla e la difesa si trova scoperta. Non sono così sicuro che dipenda dalla bravura dei singoli difensori, per quanto averne uno di grande valore a guidare il reparto non sarebbe certo una brutta cosa. Questo male oscuro può presentarsi in una singola partita oppure anche in una serie di partite. E alla fine influenzare il risultato finale del campionato come è successo lo scorso anno. L'unico modo di ovviare era acquistare altri centrocampisti da inserire quando Valero e Pizarro dovranno tirare il fiato. Non so fino a che punto la rosa soddisfi questa esigenza. In avanti Rossi e Gomez debbono affrettarsi a raggiungere una buona condizione perchè il Grasshopper non è la Juve o il Milan e in campionato se non hai una buona condizione rischi di essere neutralizzato dagli avversari. Il bellissimo 4-3-3 dello scorso anno, infine, sarà sempre tra i miei rimpianti. Ma anche il più grande amore si deve dimenticare!

    RispondiElimina
  11. Adem lo vogliono tutti, sarà un caso? Perchè non si prova a fargli una offerta di ingaggio davvero consistente e si sta a vedere? Quest'anno si risparmia un milione di euro, l'anno prossimo, se va via, potremmo accorgerci di averne persi venti se il giocatore ha questo trend di crescita.

    RispondiElimina
  12. Mah, il bellissimo 4-3-3 dello scorso anno di cui parli mi sembra un qualcosa di mitologico, tipo quegli animali come il Basilisco, il Dahu o l'Anfesibena.
    Per quanto riguarda il centrocampo, in effetti, in caso di partenza di Ljajic (spero di no, ma ormai sembra che purtroppo non ci sia niente da fare) penso che bisognerebbe subito reinvestire la cifra incassata per acquistare Nainggolan.

    RispondiElimina
  13. Lud, mi sembra in effetti che la società gli abbia fatto un'offerta di ingaggio consistente ed è un mese che sta a vedere.
    A quanto pare, è lui che se ne vuole andare, a questo punto sono d'accordo con Lele, rimanga solo chi è convinto, gente come Gomez e Ilicic hanno rifiutato altre squadre per venire da noi, può essere dannoso anche per lo spogliatoio trattenere a forza un giocatore che vuole andarsene. Il campionato inglese lo aspetta.

    RispondiElimina
  14. Non è assolutamente un animale mitologico ma il modulo che ci consentì di ripartire dopo la crisi del 3-5-2 nel girone di ritorno (ma non dalla prima partita del ritorno). La differenza è apparsa chiarissima ieri sera: Cuadrado per segnare ha dovuto fare tutto il campo, nel girone di ritorno dello scorso anno arrivava in zona goal più fresco perchè operava essenzialmente dalla metà campo in su. Questo modulo inoltre esaltava le doti di Ljajic, che andò a segno in pochi mesi a ripetizione. Nessuna fantasia, Anto: riguardati i punti che abbiamo fatto e le cronache delle partite. Ma ripeto, non si deve dividere meccanicamente il ritorno e l'andata ma individuare il momento preciso in cui abbiamo cambiato modulo, mi pare tra febbraio e marzo.

    RispondiElimina
  15. Boh, a me il modulo è sempre sembrato lo stesso (Montella ha sempre detto che cambiava poco, a seconda dei movimenti di Cuadrado e Pasqual) e che abbiamo giocato bene per tutto l'anno, salvo poche partite (Roma e juve fuori casa, mi vengono in mente). Nel girone di ritorno sono calati Roncaglia, Toni e Jovetic e per fortuna è sbocciato Ljajic.

    RispondiElimina
  16. A me è sembrato che la partita di ieri sera mostrasse un cambiamento vistosissimo, Cuadrado partiva molto più di lontano e i movimenti degli attaccanti erano diversissimi. Poi naturalmente ognuno è libero di pensarla come vuole.

    RispondiElimina
  17. Tot capita tot sententiae

    RispondiElimina
  18. Ieri Cuadrado ha dovuto fare mezzo campo di corsa (vuoto) e quando è arrivato a tirare era così stanco che ha fatto una scureggina invece di un tiro. Una partita un goal. Nel girone di ritorno diciotto partite quattro goal compresa una pisciata del portiere ed un tiro da trenta metri, cazzo come gli voleva dire arrivare più fresco in zona goal. Non c'è stato nessun cambiamento drastico di modulo, ma una maggior elasticità di movimenti nella partita stessa, con gli stessi elementi. Solo davanti i movimenti sono un po' cambiati perchè son cambiati gli interpreti, da una prevalente coppia Toni-Jovetic, ad una prevalente Jovetic-Ljajic. Ieri i movimenti davanti erano diversi perchè c'erano Gomez-Rossi, che è qualcosa che somiglia di più alla prima, ma si tratta di cambiamenti marginali. Ma tu se' duro!

    RispondiElimina
  19. Le opinioni le rispetto. Che il gioco con Ljajic, Jovetic e Cuadrado fosse uguale a quello di ieri sera non è opinione ma fatto acclarato che potrà piacere o non piacere. E questa ultima è l'opinione. Per quanto riguarda Cuadrado Jordan se gli dai maggiore libertà di spaziare in avanti rende di più sicuramente. E goal come quelli di ieri sera non so quanti potrai vederne da parte di Cuadrado nel campionato italiano e contro squadre attrezzate e meno ingenue.

    RispondiElimina
  20. Non fosse uguale...

    RispondiElimina
  21. Lud, anch'io rispetto le opinioni, ma per favore non spacciare le tue opinioni per fatti acclarati.

    RispondiElimina
  22. Savic, come spesso, peggiore in campo: vendere per far cassa. Cuadrado anche quest'anno sarà il nostro giocatore migliore, il più decisivo, il più stellare. Come esterno di centrocampo a cinque. E adesso Jorginho Jorginho Jorginho. E Compper per Savic. E Alonso per Pasqual.

    RispondiElimina
  23. No il fatto è certo, e direi che anche Jordan concorda. Poi tu mi dirai: preferisco Rossi e Gomez, perché finalizzeranno di più, hanno più istinto del goal. E su questo possiamo discutere. Anzi può essere che sia proprio vero.

    RispondiElimina
  24. Che il gioco offerto da un trequartista una seconda punta e un esterno sia uguale o identico a quello offerto da una seconda punta una prima e un esterno acclara il fatto che per alcuni il calcio é tabù. Dato che quest'anno ci aspettano tutti al varco sarà il campo a stabilire la bontà delle scelte fatte e se sarà ripetuta la passata stagione, si spera anche meglio, con un piazzamento identico verranno meno tante congetture e falsi problemi paventati al vento. A prescindere dal modulo che ricalca quello dell'anno passato, quel 3-5-2 che tante soddisfazioni ha dato e continua a fornire come si é visto ieri sera, di acclarato al momento c'è solo questo.

    RispondiElimina
  25. Cuadrado è un giocatore di fascia, prorompente, le sua azioni caratteristiche sono proprio quella di ieri, saltar l'uomo e prateria davanti. Non è Ribery nè lo puoi far giocare come tale. Può partire un po' più avanti quando la situazione tattica lo richiede ed allora il centrocampista dalla sua parte o il difensore di destra lo deve proteggere, o può partire basso quando tutta la squadra è più raccolta perchè ha polmoni e gambe per farlo. Così un 4-3-3 diventa un 3-5-2 e viceversa, ma senza gridare la miracolo. Che Gomez che centravanti è, nel DNA, abbia movimenti diversi rispetto a Jovetic che centravanti non è nè vuole esserlo è persino ovvio, che li abbia diversi da Toni è già meno ovvio, fatto salvo il campo d'azione ovviamente più vasto in proporzione ad età e forza atletica. Che Rossi non abbia ancora i movimenti in verticale che Ljajic ha imparato da poco, ma che Pepito di sicuro non si è scordato è anche evidente, ma ha in compenso un senso del campo e un'intuizione dei movimenti dei compagni che il serbo, per ora, si sogna. Comunque anche lui, oggi, gioca diverso. E allora? Elasticità mentale, please, nessuno è uguale a un altro, ma il gioco scorre ed i gol si comincia a farli e le occasioni da gol a venire (ieri almeno cinque, clamorose di fronte a due pecionate in dfesa).

    RispondiElimina
  26. stefano vienna23 agosto 2013 11:24

    Salvate il soldato Adem! Da procuratori, faccendieri e parenti serpenti. Se avesse avuto un pò di sale in zucca, si sarebbe evitato due mesi di supplizio e avrebbe pensato solo ad allenarsi e a giocare. Invece no, e io comincio a dubitare che diventerà un grande campione.

    RispondiElimina
  27. Circa il gol subìto, trovo psichiatricamente rilevante l'accusa a Neto di mancata uscita. Di contro, trovo che, una volta visto libero allo scocco l'avversario, un portiere come Boruc, un portiere molto «fisico» con copertura oranghesca della porta, avrebbe fatto un passo avanti sbracciandosi e occupando quanto più spazio a 360 gradi per sconcertare lo svizzero. Probabilità di farlo sbagliare o di incocciare fortunosamente la palla, in quel caso, del 20% o poco meno. Come ha fatto Neto, dello 0%.

    RispondiElimina
  28. Una partita vissuta senza troppi patemi, finché il fiato ha retto, pero' non é facile dare un giudizio, visto il numero di errori nell'ultimo passaggio e in difesa degli svizzeri : parte delle nostre occasioni sono venute da loro cappelle, e se fosse stato Neto ad aver subito il primo gol nostro, sarebbe già stato impallinato da tutti, o almeno da quelli che non hanno mai messo un piede su un campo di calcio e pero' la sanno lunga su cosa fare nei casi di tiri da cinque metri....muovere le braccia cosi', i piedi cosà, uscire, non uscire e compagnia bella. Tutti annebbiati da moviole e ralenty, dove il tempo si dilata e il cervello si annacqua. D'accordo quindi con Montella nel dire che il ritorno sarà insidioso e se sicuramente saremo piu' in condizione, loro cercheranno di fare meno errori: il 2a1 non dà grandi garanzie, solo il gioco e lo stato di forma lo fa.
    Peccato solo che Lijaic non voglia piu' rimanere qui, perché porta sempre un vento di pericolo e di imprevedibilità nei pressi dell'area altrui, da fuoriclasse "in nuce". Vabbé, cazzi sua

    RispondiElimina
  29. Il gioco è lo stesso, gli interpreti dell'attacco sono diversi.

    RispondiElimina
  30. Leggi Jordan sopra. Il gioco non può essere lo stesso!

    RispondiElimina
  31. Direi invece che Neto ha fatto proprio lo stesso, ha allargato le braccia gli è andato incontro ha anche saltato per ampliare la copertura della zona tiro, ma quello gli ha piazzato una sassata a fil di palo. Fagni una sega! Sulle seconda palla, al 90' invece gli è andata bene perchè gliel'han tirata addosso, ma anche lì la difesa aveva paurosamente scazzato e questo è il problema ricorrente su queste palle alte in area, problema che dovrebbe preoccupare. Comunque se mi trovi Boruc disponbile anch'io lo ripiglio per l'immediato. Però se si ha pazienza, senza fare processi assurdi su ogni pallone che entra in porta, magari tra qualche mese abbiamo un quasi Boruc di 24 anni.

    RispondiElimina
  32. Forse non mi sono spiegato. Lo schema e il tipo di gioco - in generale - è quello, poi è chiaro che se i giocatori in campo hanno caratteristiche diverse lo interpretano in maniera diversa. Anche l'anno scorso, allora, si cambiava a seconda che in attacco ci fosse Toni, o Jovetic, o Ljajic, o El Hamdaoui o Larrondo.

    RispondiElimina
  33. Ieri un tifoso intelligente ha proposto lo scambio Ljajic Pjanic. Sarebbe ottimo visto che tutti e due vogliono cambiar aria. Ma Ljajic non accetterebbe temo.

    RispondiElimina
  34. questa me l'hai fregata sul tempo perchè la volevo dire io.

    RispondiElimina
  35. Parola d'ordine per il ritorno: non fate entrare allo stadio tifosi salernitani!

    RispondiElimina
  36. Blimp, ho rivisto l'azione del gol, solo un pazzo o un genio sarebbe uscito. Quanto poi al passo in avanti, rischiava di farsi uccellare con un pallonetto sul secondo palo (ti ricordo che Anatole era completamente solo e che in teoria poteva anche tirare verso il secondo palo, dove non c'era nessuno dei nostri, il portiere deve coprire tutta la porta non solo il primo palo).

    RispondiElimina
  37. L'idea in effetti sarebbe ottima.

    RispondiElimina
  38. se ci tirano una bombetta puzzolente siamo nella merda!

    RispondiElimina
  39. A me fa incazzare che su un goal simile ci sia da discutere. Vuol dire che qualsiasi goal si pigli si darà la colpa al portiere. Che bella annata!

    RispondiElimina
  40. Bisogna dire che Andrea Della Valle è un grande Presidente, è intelligente, colto, appassionato, molto simpatico e innamorato della Fiorentina. Va però detto che quando parla spesso fa danni, ieri poteva evitarsi sia le parole su Ljajic che quelle su Neto.

    RispondiElimina
  41. E in più diranno che Neto non l'ha presa!

    RispondiElimina
  42. Posso essere d'accordo per quanto detto su Neto, ma su Ljajic in che cosa avrebbe sbagliato? Nel far capire che, per una ragione o per un'altra il ragazzo non vuole rimanere a Firenze? Beh, ce ne faremo una ragione. Il giocatore è forte, ma non indispensabile a questa squadra.

    RispondiElimina
  43. Anatole ha fatto una buona partita, è un giocatore interessante anche per una provinciale italiana stile Chievo. Mi è sembrato mezzo guercio, ma non credo influisca sul suo rendimento.

    RispondiElimina
  44. La cosa che più mi sembra manchi a Neto - ma forse fa parte del pacchetto "personalità" - è proprio la presenza a dominare l'area, quella "sfera energetica" di raggio 2 metri intorno a se', che spaventa gli avversari, li allontana, o li induce a tirargli addosso. Può anche darsi che giocando acquisisca sicurezza, e migliori anche in questo. In fondo Toldo, portiere che per certi versi ricorda, migliorò molto in ciò, negli anni. Senza stare a tornare sulle responsabilità di Pradè, analizzando solo il lato tecnico, la perdita di Ljajic per me sarebbe irreparabile. E' l'unico in grado di inventare qualcosa palla al piede negli spazi stretti in prossimità dell'area [Ilicic e Cuadrado quasi solo in spazi larghi], e sarà situazione in cui ci troveremo per gran parte delle partite, con gli avversari a chiudersi. E' anche l'unico ad avere un piede notevolmente sopra la media, a livelli d'eccezione, sui calci piazzati. Non sono nemmeno d'accordo con Jordan sulla sua presunta incapacità di leggere i movimenti dei compagni, ha questa dote in misura non certo inferiore a Rossi, anzi. Ma aspetto la fine del mercato per giudicare.

    RispondiElimina
  45. Vigile per non passare con un 2-1 fuori casa bisogna che la squadra si suicidi in massa altrimenti il discorso é ampiamente chiuso, per passare le cavallette devono farne 2 e una squadra come la nostra se gli concedi spazi e ti sbilanci ti fucila sul posto.

    RispondiElimina
  46. Sì, Deyna, ottima disamina, ed è quel che emerge nel gol subìto ieri sera, sul quale non ha reali colpe, ha solo il demerito di non essere (al momento) quel grande portiere che avrebbe avuto il 20% scarso di probabilità di respingere culosamente per tostezza selvaggia, solo per essere lui e non altri.

    RispondiElimina
  47. La cosa che manca a Neto é una difesa che non faccia battere a rete un giocatore indisturbato a 5-6 metri dalla porta, non manca poco. Poi si vorrebbe che la pezza da mettere fosse un riflesso felino al limite della casualità o un'uscita che se la canna torna in panchina fino a Giugno. Sono episodi successi in amichevole e ieri sera in campo internazionale, almeno un paio a partita, per carità possono starci ma non affibbiamo colpe che non ha.

    RispondiElimina
  48. Ufficiale: anche El Ham in prestito. Fronte cessioni disastroso: risparmiamo sugli ingaggi, così, ma non rientra grana e le lacunette che abbiamo non sono sanabili per questo.

    RispondiElimina
  49. Ma infatti già ieri non ho parlato di errore...Parlo più in generale, al di là dell'episodio. Non mi sembra un portiere che impaurisce gli avversari, ecco, uno che se l'attaccante è di spalle ha paura di sentirselo spuntare da dietro a travolgerlo.

    RispondiElimina
  50. Deyna, mi sembra che tu sopravvaluti troppo l'iomportanza di Ljajic, che, a mio parere, è ancora un giocatore per molti versi acerbo e che deve dimostrare una continuità che, per ora, ha avuto per soli tre mesi.
    La sua perdita sarà certamente dolorosa. ma, mettiamocelo bene in testa, non perderemo un Messi.

    RispondiElimina
  51. Un Messi no, ma un Goetze sì, a volare bassi...

    RispondiElimina
  52. Povero Neto! Mi sembra l'essere umano descritto, con raccapricciante meraviglia, ne "La sentinella" di Asimov: ha solo una testa, due occhi, due gambe....ma, soprattutto, due sole mani!!! Tutti gli altri appartenenti alla categoria, comprese schiere di giornalisti e torme di tifosi, sono gli 'alieni' del racconto: troppo superiori, in tutto e per tutto. La vedo dura, a Firenze, per lui!

    RispondiElimina
  53. Credo proprio che tu sia un simpaticissimo inguaribile ottimista.

    RispondiElimina
  54. Deyna ma un portiere di 24 anni che in 3 anni ha giocato dieci partite per di più intervallate e che è messo sotto accusa anche quando piscia, vuoi che abbia presenza in area e impaurisca gli avversari? E' altro che devi vedere se ha, e lui ce l'ha. L'abitudine a stare in campo, il possesso dell'area, l'ascendente su comoagni ed avversari li si ottiene giocando e con la fiducia in se stessi e del prossimo. Sarà dura per lui per questo incomprensibile ostracismo dei media e, quindi, di parte dei tifosi, ma ce la può fare lo stesso con un po'di aiuto di Eupalla perchè ha tutte le doti per crescere e diventare un grande portiere.

    RispondiElimina
  55. La dirigenza, forzata da siti e blog, ha voluto soddisfare la sete d'acquisti, dimenticando quelli da esodare e ora la questione è esondata...ah ah ah ah ah ah! Quelli che ieri sera hanno visto la pagliuzza negli occhi di Neto non sentono la trave nel loro sedere!!! Poveretti, insoddisfatti sessualmente, fautori dell'uno contro cinque per un piacere mentale che li rende ancor più insoddisfatti, seguaci di Adriana mano amica, cultori della masturbazione tecnico tattica ("ma la faccio con la solita destra? Ma no, provo la sinistra! Anzi metto lo smalto e infilo la mano da sotto...."). Se il gol di ieri sera del Grasshoppers è colpa di Neto, allora tutti i portieri in giro per il mondo sono palmipedi, papere. Liajic: l'attesa non giova a lui, soprattutto se la viola inanellerà vittorie; nessuno, sembra, lo sta emarginando ma è lui che si sta ponendo ai bordi del progetto. Impossibile anche continuare a farlo giocare, titolare o spezzoni, contravvenendo alle direttive della Società. Urge risoluzione, tecnica o contrattuale. Impensabile farlo giocare contro il Catania, sarebbe ingiusto.

    RispondiElimina
  56. Non ho detto che è incapace di leggere i movimenti dei compagni, ho detto che Pepito, in questo è molto meglio, e non è la stessa cosa, perchè Pepito è molto bravo nella materia.

    RispondiElimina
  57. Colonnello ma tu credi sia facile vendere gente che ha 1 milione l'anno netto di salario? L'è grassa se te lo pigliano in prestito e gli pagan lo stipendio!

    RispondiElimina
  58. E chi è quel grande portiere, sul mercato, che avrebbe avuto il 20% di possibilità di prendere il tiro di Anatole? Agazzi o Sorrentino o anche Sommer che l'ha preso peggio il giorno prima? Via non scherziamo! Se quel tonto di Andrea per dar retta ai bercianti prende uno di questi mi fa incazzare sul serio.

    RispondiElimina
  59. Goetze ha fatto 3 anni ad alto livello non 3 mesi, vola più basso Deyna eh eh eh eh parlo dell'oggi non fra un anno o due se tutto va bene.

    RispondiElimina
  60. Sono due talenti con la testa connessa ad intermittenza, se viaggiano senza corrente sono un lusso, se accendono la lampadina cambiano il risultato di una partita, considero Miralem superiore ad Adem, come presenza, fisico e intuizione, ad oggi molto più determinante.

    RispondiElimina
  61. Sulla questione nutella un applauso al Sopra. Ma anche sul resto!

    RispondiElimina
  62. IL GUITTO CON POCA FEDE....Siamo noi tifosi a rendere possibile il pascolo di questa gente?Sedicenti giornalisti, addetti ai lavori che non sono in grado di scrivere, proclamare, affermare "Scusate, oggi è una bella giornata -calcisticamente parlando- quindi ci soffermeremo su....." e quindi basterebbe un'intervista ad un personaggio sopra le righe (non Blimp, lui è sopra le fighe), dei dati sui calciatori, aneddoti, momenti ilari; ma 'sti tizi sanno che stiamo bene anche se per due ore non pubblicano notizie? Sanno che le non- notizie sono il male per una società, per i calciatori, per gli addetti ai lavori? Oppure questi sanguisuga sono un male necessario? Per me no. Rischiano di essere malattia e cura, elidendo loro stessi come esseri umani. Come persone vere. Nessuno della galassia giornalistica viola si è soffermato sulla scoppola presa dall'Udinese contro il dopolavoro delle ferrovie dell'est, a sancire definitivamente che le squadre materasso esistono, ma i materassi stessi esistono se ci sono le reti.......Gli avversari dell'Udinese avevano reti, come la viola, e come noi han dormito sonni tranquilli...non come gli untori, insonni nella ricerca di motivi di rottura, di scorno, di "contro". Avranno notti ancor più ,insonni, perchè non sanno che l'inferno non esiste, l'inferno è in te stesso ogni volta che sbagli, fai del male, erri e senti dentro qualcosa che ti "mangia". De' guitto, ti ricrescerà sempre il fegato, viola e bello....ma qualcuno lo mangerà. Prima o poi definitivamente.

    RispondiElimina
  63. La sensazione è che per Ljajic sia finita la pazienza di tutti, dalla proprietà allo staff tecnico. Adem non si esprime perché non ne ha mandato da parte di chi lo ha messo in questa situazione. E questi signori sono, verosimilmente, Galliani e la combriccola di parenti/ amici di famiglia irretiti dal pelato. I quali, preso atto che una cessione al Milan non avverrà mai in questo mercato, puntano a presentarsi a gennaio davanti ai dirigenti viola per strozzarli con un accordo che poi tireranno fuori il primo febbraio. La tattica è sempre quella brevettata e questo mi fa pensare che si andrà allo scontro con il giocatore che rifiuterà ogni proposta di cessione. Pradè ha detto chiaramente che un accordo di rinnovo si può trovare in qualsiasi momento della stagione, dichiarazione che mi fa credere che per Nutellino si prospettano mesi ai mergini della squadra, allenamenti solitari e allontanamento dallo spogliatoio. È giusto? Umanamente non mi piace , ma di fronte ad un sistema che porta ad una perdita economica e a tensioni che potrebbero compromettere una stagione, non trovo altre vie. Galliani col suo modus operandi, mira ad impoverire tecnicamente e finanziariamente il club e ad infondere motivi di instabilità. Un piano criminale completo. Lotito sarà uno stronzo, ma è l'unico che coi suoi modi è riuscito a stabilire le giuste distanze tra società e le pretese di giocatori e procuratori. Anche a costo di rimetterci qualche volta.
    Comunque si risolva questa vicenda, è chiaro che davanti rimarremo in pochi. Urge un attaccante versatile in grado di sostituire i titolari. Spero ancora in un Castillo o un Rebic, in fondo non siamo così esposti nel budget.
    Su Neto non esprimo giudizi perché la partita di ieri non ha dato spunti per valutarlo. Il fatto che i soliti cerchino di crecifiggerlo per la partita di ieri non è altro che un'ammissione di guerra da parte di gente che preferisce il " lo dicevo io" all'avere una squadra forte e tranquilla. Un problema la Fiorentina ce l'ha e sono loro.

    RispondiElimina
  64. stefano vienna23 agosto 2013 15:02

    Hai centrato il vero problema, pseudo-tifosi anonimi che cercano di influenzare in qualche modo l'opinione pubblica. Non dimentichiamoci che il calcio per molti non è uno sport, ma un business e l'anonimato di Internet agevola il doppio-giochismo. Su Ljajic, deluso è dir poco, un giocatore deve pensare a giocare, non farsi irretire dai familiari e perdere concentrazione. Basta comunque che vada all'estero e amen. Davanti abbiamo comunque alternative importanti e chva farlo allenare con il fratello di Vargas già a giugno.

    RispondiElimina
  65. stefano vienna23 agosto 2013 15:04

    manca un pezzo...

    RispondiElimina
  66. Il calcio è fatto di scommesse e previsioni. Sennò che gusto c'è. L'anno scorso ho definito Ljajic "la mia scommessa" e ho fissato in 7-8 goal il limite oltre il quale la sua valutazione sarebbe aumentata. Se si scegliessero solo giocatori "sicuri" nemmeno Baggio sarebbe arrivato a Firenze bambino e senza curriculum. Ma se ne intuivano le potenzialità esattamente come si intuiscono quelle di Ljajic. Ormai anche le grandi società scommettono sui giovani. La Fiorentina che l'ha sempre fatto non deve smettere di farlo. Duque do' ragione a Deyna e dico che puntare solo sui campioni affermati è miope.

    RispondiElimina
  67. In generale è vero, ma resta il fatto che se campioni affermati fanno a gara per venire, mentre certi giovani vogliono andarsene in squadre più blasonate e/o che li pagano di più, cosa ci vuoi fare?

    RispondiElimina
  68. Baggio senza curriculum? A 17 anni contribuì in modo determinante al ritorno del Vicenza in serie B segnando diverse reti e mettendo in mostro classe sopraffina nonché doti di trascinatore, altro che un Verratti qualsiasi, al quale la tua affermazione più si confà.

    RispondiElimina
  69. Ahi ahi ahi, mi sa che ha ragione Foco...

    http://www.violanews.com/calciomercato/intanto-ljajic-rifiuta-atletico-madrid-e-roma-20130823/

    RispondiElimina
  70. Ma anche Ljajic è tutt'altro che senza curriculum, via! Solo che nessuno sa con certezza come si comporterà un ventiduenne.

    RispondiElimina
  71. Beh, a 22 anni su Baggio c'erano molte certezze.

    RispondiElimina
  72. stefano vienna23 agosto 2013 16:31

    Forse la Fiorentina aveva già in mente l'ipotesi tribuna per costringerlo a firmare un rinnovo o per accettare un trasferimento gradito, si spiegherebbe così anche l'acquisto di Ilicic. Anche le frasi sul caso Montolivo andrebbero interpretate così, Montolivo rifiutò altre società. La cosa assurda è che Galliani riprova la stessa tattica già usata due anni fa come non fosse successo nulla.

    RispondiElimina
  73. In effetti io mi aspettavo che lo mandassero in tribuna già ieiri sera,probabilmente non l'hanno fatto per dargli ancora una chance oggi nell'accettare la proposta di contratto. Certo se è vero che, come si legge, all'incontro di oggi lui non partecipa e ci manda Ramadani e il paparino e che ha già rifiutato l'Atletico Madrid, si comincia male. Col Catania secondo me finirà in tribuna, salvo novità nel WE.

    RispondiElimina
  74. Prima dici che Baggio non aveva curriculum quando venne a Firenze, ora che ce l'aveva, al pari di Ljajic, ma in questo caso affermi che lo ha adesso, dopo tre anni di permanenza. Tranquillo, sono io che non capisco alla prima, domani chissà.

    RispondiElimina
  75. Probabilmente ha ragione ma tieni conto che Laudisa è della GdS che è l'organo agit-prop di Galliani, quindi che lui enfatizzi che Ljajic abbia rifiutato Atletico e Roma rientra nel gioco delle parti.

    RispondiElimina
  76. Una costante del "metodo Galliani" è la formulazione di un'offerta. Per Montolivo fu di 4 milioni più mezzo Paloschi e mezzo Strasser, per Ljajic 8 milioni pagabili in 4 anni. La prima irricevibile per motivi tecnici ed economici, la seconda per modalità di pagamento. La formulazione di una proposta ufficiale d'acquisto li mette a riparo da accuse di malversazione, in quanto possono esibire fax se chiamati in causa. Da tifoso, pretendo a questo punto che il Milan sia considerata squadra nemica, al pari della Juventus, e che vengano ripagati con la stessa moneta.

    RispondiElimina
  77. Tanto è che successe la rivoluzione quando i Pontello lo vollero cedere agli Agnelli. Paragonare poi un 17enne con un 22enne non so che senso abbia. Cosa vuol dire che Baggio non aveva curriculum a 17 anni? e che curriculum vuoi che avesse? Comunque confermarono l'opzione e lo presero ad una cifra nemmen così male (mi pare fossero 5-6 miliardi di lire dell'epoca) nonostante avesse un ginocchio in mano, tanto è che in viola giocò dopo quasi un anno. Chissà se aveva curriculum! I giovani si prendono ancora, si prendono i Seferovic, i Mark Dabro, forse i Rebic, poi qualche melone esce bianco. Succede

    RispondiElimina
  78. Il senso del mio discorso era che se si crede in un giovane per averlo visto giocare e avendone osservato la tecnica e le potenzialità non è necessario che abbia tre anni di risultati ad alto livello alle spalle per prenderlo in considerazione. Si prende e basta, sennò si costruiscono squadre solo coi giocatori già affermati ma si spende di più e si corre comunque il rischio di sbagliare. Non a caso su Ljajic ci sono moltissime squadre.

    RispondiElimina
  79. stefano vienna23 agosto 2013 16:51

    Io comunque ho fiducia nella società e penso che siano preparati ad ogni evenienza. Mi scoccia solo dover leggere i commenti dell'amichetto di Galliani che si spaccia per tifoso viola. E ricordiamoci quello che ha detto Montella sulla vicenda.

    RispondiElimina
  80. Gli undici goal fatti da Ljajic, le numerose presenze in serie A, ma soprattutto l'averlo visto giocare, bastano e avanzano visto che gli stanno dietro fior di club in tutta Europa. Su Baggio a suo tempo fu fatta una grande scommessa da Pontello che lo pagò carissimo ma senza nessuna oggettiva certezza che sarebbe diventato uno dei primi al mondo. Nel calcio sui giovani si è sempre puntato, oggi più di prima. E Ljajic è uno dei giovani di punta del panorama mondiale.

    RispondiElimina
  81. stefano vienna23 agosto 2013 16:58

    Galliani che punta sempre giocatori viola è da conspiracy theory: Pallavicino fece il doppio gioco, ma forse non è l'unico. Per avvicinare un giocatore bisogna comunque già avere un sentore e alcune informazioni riservate, insomma magari qualcuno vicino alla squadra...

    RispondiElimina
  82. stefano vienna23 agosto 2013 17:00

    Ma ve lo ricordate Pallavicino che si vantava di essere un grande tifoso viola? A me il dubbio venne quando gli sentii dire che De Ceglie era il più forte terzino destro europeo. Ma quello che è successo dopo è stata veramente una cosa indegna.

    RispondiElimina
  83. E dai! il paragone tra il prendere un ragazzino di 17 anni e rinnovare a cifre iperboliche ad uno di 22 non ha senso e lo puoi fare solo tu. I ragazzi di 17 anni si prendono anche adesso, da qui a costruirgli una squadra addosso di serie A ci corre!

    RispondiElimina
  84. STEFANO, Galliani ha costruito i 4 undicesimi delle sue squadre con svincolati o colpi da Banda Bassotti; nessuna meraviglia. L'unica vendetta può e deve essere il manto erboso. ANTO, da Liajic in persona non si è visto nessun cenno, nessuna parola, nessun atteggiamento che possa far pensare a un'apertura verso la Maquina, anzi! Troppo tempo passato, troppa acqua passata sotto Pontevecchio, troppo preliminare già "superato", troppo primo match di campionato alle porte...cosa dovrebbe o potrebbe succedere affinchè Liajic firmi, dopo quasi tre mesi? Entro 48 ore, credo, scadrà il tempo che si son dati (Società e calciatore) e quindi la clessidra si sta svuotando, rimarrà un cono vuoto ed uno pieno, quale toccherà a noi?

    RispondiElimina
  85. Una curiosità: su transfermarkt, tra gli assistiti della Lian Sports, la società di Ramadani, Ljajic non compare. È fonte attendibilissima dal momento che se si va sul sito della società, si viene rimandati sulla pagina proprio di transfermarkt.

    RispondiElimina
  86. In attesa di notizie, mi limito a osservare che la Fiorentina ieri sera è stata capace di dominare e di vincere anche senza Ljajic.

    RispondiElimina
  87. stefano vienna23 agosto 2013 17:24

    Sopra, ma perché blateri cose senza senso, sarebbe il secondo giocatore che ci sfilano sotto il naso in meno di due anni (un caso unico in Italia), e comunque io non ho bisogno di vendette perché ho piena fiducia nella società che non cambierei certo con quella del Milan. Ti ripeto: non finirà come con Montolivo.

    RispondiElimina
  88. stefano vienna23 agosto 2013 17:25

    E quindi oggi si sono incontrati per caso? Che vuoi dire?

    RispondiElimina
  89. LUD, Baggio da minorenne aveva fatto già una quindicina di gol in Serie C1 (non quella derelitta di oggi, bensi quella selettiva e combattiva,oltre che tecnica, di 30anni fa). In A illuminò subito gli stadi,non dopo tre anni come Liajic. Va bene essere oltranzisti, anche io ho giocatori-fissa, ma alcuni paragoni sono irriverenti. Per chi ha dato e firmato per la Nostra Viola.

    RispondiElimina
  90. Voglio dire che non risulta tra le procure della Lian. Sicuramente c'è una delega, ma il procuratore non è Ramadani. Cosa che sicuramente ha dilatato la trattativa, visto che chi parlava con la società non aveva potere decisionale.

    RispondiElimina
  91. stefano vienna23 agosto 2013 17:31

    Come ha detto Montella: avrebbe più bisogno Ljajic di crescere in un ambiente sano. Comunque ieri Ljajic è entrato, quindi non si può proprio dire che s'è vinto senza Ljajic. A me tra l'altro ha impressionato Mati in quei pochi minuti.

    RispondiElimina
  92. stefano vienna23 agosto 2013 17:33

    Mantra per le prossime ore:


    ADV: "Non si ripeterà un caso Montolivo"
    Montella: "Ha più bisogno Ljajic della Fiorentina che viceversa"

    RispondiElimina
  93. Nemmeno tanto per il terzino, ma per il destro.

    RispondiElimina
  94. stefano vienna23 agosto 2013 17:41

    Non penso che un procuratore abbia potere decisionale. Adesso comunque c'è Ramadani e c'è Cognini e proveranno a convincerli a rinnovare. Chiaro il disegno dei due Ljajic, dire no e dare più tempo a Galliani eliminando altre pretendenti. Chiara sarà anche la risposta della società.

    RispondiElimina
  95. Sono con Foco, milan società nemica al pari della juve, e doveva esserlo non da oggi. Rafforzare invece sinergie con altre squadre, chissà che non lo stiano già facendo col Verona, ad esempio...

    RispondiElimina
  96. Comunque, a giudicare dalle foto, Ljajic al summit c'è.

    RispondiElimina
  97. Ecco un altro esempio di totale distorsione del mio pensiero: mai paragonato Ljajic a Baggio. Ho solo detto che Pontello spese moltissimo per Baggio, una cifra enorme in rapporto all'età. E ciò perché nel calcio ci si prende dei rischi se si ritiene che un giovane sia di valore. Ci sono diverse squadre mi pare che puntano con decisione su Ljajic anche se la sua esplosione in termini di goal è avvenuta solo negli ultimi sei mesi. E ciò perché Adem è veramente forte.

    RispondiElimina
  98. Impagabile la maglietta di Ljajic, con le foto di Muhammad Alì, dopo il caso Delio...

    RispondiElimina
  99. Ciao Stefano! Intendevo dire che ieri Ljajic non ha partecipato alla fase in cui la Fiorentina ha dominato e vinto la partita, essendo entrato a metà ripresa.

    RispondiElimina
  100. stefano vienna23 agosto 2013 17:47

    Sì, ma col padre accanto, appena prova ad alzare un dito, Samir(?) lo fulmina...

    RispondiElimina
  101. stefano vienna23 agosto 2013 17:49

    Ma perchè c'è ancora chi ti prende sul serio?

    RispondiElimina
  102. stefano vienna23 agosto 2013 17:51

    Figurati, sono d'accordo. Ilicic, Joaquin, Mati sono le principali alternative. Se va via Ljajic, allora servirebbe un altro attaccante, ma più per fare turnover se serve.

    RispondiElimina
  103. Il caso Ljajic è molto complesso e richiede una analisi adeguata. Considerarlo un "oggetto" di proprietà della Fiorentina che Galliani prova a rubare è semplicistico. Lui cosa vuol fare? La Fiorentina lo vuol davvero tenere o ritiene di poterne fare a meno? Fino a che punto la Fiorentina intende spingersi nel rinnovo, a quali cifre? E perché non si è rinnovato al momento giusto?

    RispondiElimina
  104. Non lo Sopra ma comunque non mi puoi attribuire una bischerata che ti viene in mente.

    RispondiElimina
  105. Io ho una grande preoccupazione: se Ljajic dovesse andar via come faremo a consolare Bucciantini? Ahahahahah

    RispondiElimina
  106. stefano vienna23 agosto 2013 18:00

    Ero messo peggio di Bucciantini, ma nel calcio contano anche altri valori. Come giocatore, continuo a reputarlo un fuoriclasse assoluto. Quando riparte violagol?

    RispondiElimina
  107. stefano vienna23 agosto 2013 18:01

    Sembra un'arringa di Ghedini. Ma almeno ti pagano?

    RispondiElimina
  108. Io sono meno "assatanato" di voi su Ljajic, pur ritenendolo bravo e in ascesa. Però, adesso faccio un ragionamento all'incontrario: sono certo che per lui sarebbe meglio restare a Firenze per completare la sua crescita. Se dovesse privilegiare il guadagno immediato e andar via, lo riterrei meno sveglio di quel che ho sempre pensato e a rischio di perdersi per strada. A lui la scelta. Violagol riparte lunedì prossimo. E ci sarà già nella prima puntata Massimo Cervelli!

    RispondiElimina
  109. Jordan sempre per citare uno che la pensa diversamente da me ma ha le idee chiare non ci investirebbe più di tanto perché non crede che ne valga la pena. Io sarei tra quelli che gli darebbe molto perché ci crede. In ogni caso poi c'è la sentenza Bossman che impone di essere previdenti se non si vogliono perdere i giocatori.

    RispondiElimina
  110. Lud, ti stai ponendo delle domande delle quali conosci da tempo le risposte. La famiglia Ljajic ha da tempo un accordo col Milan (raggiunto in tempi sospetti dal punto di vista dei regolamenti). Il ragazzo rimarrebbe volentieri a Firenze con Montella ancora per un paio d'anni, ma il suo parere, sembra, conti molto poco rispetto a quello del padre. la Fiorentina si è spinta a raddoppiagli l'ingaggio che aveva e che ora ammonterebbe a 1,3 milioni di euro e non può spingersi oltre per non rovinare lo spogliatoio (es. Cuadrado prende 0,7 milioni, Borja Valero 1,3 e dunque non puoi dare a Ljajic, che ha giocato bene solo tre mesi, molto più di loro). Infine non si è rinnovato l'anno scorso all'inizio della stagione perché non c'era nessuno che avrebbe scommesso un euro sul giocatore che fu in bilico fino all'ultimo per andare in prestito al Toro.
    Ma queste ono cose che tutti conoscono, anche tu. Per favore non continuiamo a ripeterci. Altrimenti diventiamo noiosi come bisbetiche zitelle.

    RispondiElimina
  111. Che padre e figlio non siano d'accordo lo scopro ora, quindi di scontato c'è poco.

    RispondiElimina
  112. Allora non leggi, perché il fatto è da tempo arcinoto e convalidato da dichiarazioni dello stesso Montella.

    RispondiElimina
  113. Ufficiale, non c'è accordo, come prevedibile: Nutella sul mercato o in tribuna per un anno.

    RispondiElimina
  114. Amo quest'uomo, platonicamente, ma lo amo.

    RispondiElimina
  115. "Allora non leggi" non scriverlo più Mc, occupi righi sulla riblogghita. L'evidenza saltiamola.

    RispondiElimina
  116. Peccato quelle che sono andate di fuori, altroché.

    RispondiElimina
  117. Ahahahahahahahahh!!!!!

    RispondiElimina
  118. Pedullà spara un Ramadani che propone Rebic per ammorbidire la Fiorentina su Ljajic. Peccato che Ramadani non è l'agente di Rebic. Ormai si mettono le ipotesi nel cappello e se ne estrae una al giorno.

    RispondiElimina
  119. Io non sono di quelli che mi dispero per l'eventuale partenza di Ljajic, giocatore molto promettente, ma con pochissimo carattere, guaio grosso per chi vuol giocare ad alti livelli. Certamente, fossi uno dei DV, non lo venderei al Milan, a costo di tenerlo un anno in tribuna ad ingrassare e rinunciare ad 8 micragnosi milioni in quattro rate. E credo proprio che loro siano per questa linea dura, se il piccolo serbo (o meglio, la pletora di familiari, ruffiani, mestatori che lo circonda) si ostinasse a rifiutare il trasferimento all'estero. Un anno di fermo potrebbe essere davvero esiziale per lo sviluppo della sua carriera.

    RispondiElimina
  120. La mamma degli scemi è sempre incinta.

    RispondiElimina
  121. Montolivo fu fatto giocare per esiguità di Alternative. Adesso è importante non trovarsi con un giocatore fuori rosa e mancanza di alternative. Io credo che in caso di rifiuto di ogni soluzione proposta, il giovanotto non giocherà neanche le partitelle del giovedì. A meno che non sia lui a chiedere di rinnovare e quindi poter tornare a giocare. L'emarginazione dalla rosa è qualcosa che ti fa perdere molto, basta vedere in che condizioni è arrivato El Hamdaoui. Ci si allena poco, male e controvoglia sapendo che non si giocherà. Si perdono abitudini che servono per farti rimanere atleta, siano psicologiche, fisiche o alimentari. Ve li immaginate i sabato sera di Nutellino fuori rosa?

    RispondiElimina
  122. stefano vienna23 agosto 2013 20:08

    Ecco, sei veramente l'avvocato dello zio Fester in incognito, ma quando te ne torni a pascolare nel tuo ovile...

    RispondiElimina
  123. Appena Adem finirà nella sua squadra del cuore.

    RispondiElimina
  124. Tu hai il difetto di far dire agli altri quello che pare a te. Io non gli offrirei più di quel che dicono gli hanno offerto (il raddoppio dello stipendio 100 pi+, 100 meno) e questo è vero, ma non perchè non credo che non ne valga la pena (anche se son molto meno sicuro di te e Deyna sulla faccenda) ma perchè il farlo rischierebbe di portare più danni della grandine nello spogliatoio come si è già spiegato io ed altri fino alla nausea e come ha ricordato lo stesso Montella non più tardi di ieri. O pensi che quel "deve capire le logiche di spogliatoio" si riferisse a cosa?

    RispondiElimina
  125. Rispondo ora a STEFANO, VIENNA : non blateravo nulla due ore fa su Galliani e Liajic, facevo una scherzosa ma amara constatazione; è la terza volta che scrivi in maniera un po' piccata (Milano-Zurigo-Lud fu la prima) ma io non stavo ne contrastando un tuo scritto ne scrivendo qualcosa contro la viola. Se non ti è chiaro io sono affinché non si ripeta, come te e tutti pi, un Montolivo-bis; Liajic o rinnova e gioca o parte all'estero dietro congrua cifra. Tutto qui. (P.S.: "blaterare" mi sembra un po' brutto e basso come termine.....Con stima reiterata nei tuoi confronti, ti saluto e ti ricordo che anche quando scrivo battutacce vetero-nostalgiche sono solo battute, come un Guazzanti jr. qualsiasi! Un abbraccio virtuale e un saluto romano....eh eh eh eh eh).

    RispondiElimina
  126. stefano vienna23 agosto 2013 20:53

    Guarda sopra, a me sembrava il contrario, hai cominciato tu a rispondere a dei post che ho scritto sull'avvocato di Galliani alias storico svizzero alias tifoso viola. E non mi sembra che abbia mai cantato bandiera rossa, quindi rilassati e non difendere chi non è più difendibile.

    RispondiElimina
  127. Che logica di spogliatoio è però dare 2.5 milioni+bonus a un giocatore fermo da due anni, reduce da una doppia rottura ai legamenti dello stesso ginocchio?

    RispondiElimina
  128. Non lo so, perchè se è vero che non mi risulta che Ramadani abbia la procura di Rebic, di certo è un mestatore che nelle terre serbo-croate ha molti agganci e quindi gli affari li potrebbe anche favorire. Del resto mi sembra, ma questa è mia impressione, che in questa faccenda Ljajic sia rimasto fregato anche lui e che sia e si senta un po' in debito con la Fiorentina per un conclusione che doveva essere diversa. Perciò, anche se non in termini così espliciti come dice l'articolista, qualcosa di vero ci potrebbe anche essere nella proposta di favorire l'affare Rebic.

    RispondiElimina
  129. E dai, Deyna! Pepito Rossi viene di fuori e, a parte che non prende tutto quello che dici, è uno nuovo, come nuovo è Gomez. E' diverso da un giovane che ha giocato insieme a tutti gli altri e che lui solo, è premiato per un'annata straordinaria di tutta la squadra, non solo sua, triplicandogli lo stipendio. L'aumento lo vogliono anche gli altri o che è così difficile da capire?

    RispondiElimina
  130. Ludwig, 4-3-3 mode on: "La mamma degli schemi è sempre incinta".

    RispondiElimina
  131. Ma gli altri mica sono in scadenza...

    RispondiElimina
  132. In tempi sospetti è un eufemismo, dici pure completamente irregolari. Sarebbe contro il regolamento anche se iniziassero a parlarne oggi e son già diversi mesi che son d'accordo.

    RispondiElimina
  133. e che vuol dire? Cominciano a boticare, a far flanella e la grande armonia di gruppo va a puttane.

    RispondiElimina
  134. Io penso che se c'è una cosa che non ci manca sono le alternative: Ilicic, Wolski, lo stesso Jaoquim, Vecino e persino Mati Fernandez. Tutti diversi da Ljajic ma tutti possono giocare più o meno nella stessa zona di campo pur con caratteristiche diverse, quando non si voglia ricorrere ad una seconda punta vera come Yakovenko o come, forse, se arriverà, Rebic.

    RispondiElimina
  135. Fossi in un gruppo, mi darebbe altrettanto fastidio veder arrivare uno da fuori, rotto, che non ha contribuito a niente, e vederlo prendere quasi il triplo di me, se la mettiamo così.

    RispondiElimina
  136. Mah, a me sembra che nessuno sappia come stiano veramente le cose. Comunque pare che Ljajic dopo sia andato ad allenarsi e che abbia rimandato tutto a dopo Catania. Tra le mille anomalie di tutta questa storia c'è, a mio avviso, anche questo comportamento. Uno che vuole andar via se ne frega bellamente di allenamenti e della prossima partita. Se Montella lo vede veramente combattuto, per me lo manda in campo per fargli capire che è importante e potrebbe essere una gran mossa in caso di grande partita. Un gol di Nutellino e grandi manifestazioni d'affetto dei tifosi. Magari decide di decidere lui.

    RispondiElimina
  137. Non è che se continuiamo a scrivere di nutella lui rimanga come per magia, si è scritto fino alla noia sul rinnovo possibile di un anno fa e nessuno può avere certezze al riguardo, sappiamo solo che quest'anno gli è stato offerto, più del doppio più bonus, e lui l'ha rifiutato quindi al diavolo lui e tutto il suo entourage, parenti compresi. Ha dato l'ennesima dimostrazione, semmai ne mancava ancora una, di avere un cervello grande quanto una noce, siamo ai livelli del primo Cerci, di un Cassano qualsiasi, di un Balotelli, l'occasione la sta gettando lui non noi, lui pensa di essere già arrivato ma deve confermarsi, di sicuro nel milan rischia di fare la fine di Krcic, prospetto mai espresso compiutamente e di lustrare le scarpe al faraone, di sicuro al Balo ma dato che li è difficile che ci finisca vedremo dove e quando spiccherá il volo. La conferma che non ci fermeremo a questa annata è giunta dal rinnovo di Montella, se ha prolungato significa che garanzie e rassicurazioni sono giunte riguardo a investimenti e prosecuzione del solco tracciato, figuriamoci se vale la pena, con questa rosa, di preoccuparsi per un 22enne che ha deciso che sia meglio mollarci per garantirsi una scorta di nutella sufficiente fino ai tris-tris-tris nipoti. Solo i maniaci possono mettere al centro di tutto un singolo giocatore, che ancora deve dare certezze di tenuta caratteriale ancor prima che tecnca, e costruirci intorno una squadra capace di vincere qualcosa alla svelta; per questo c'è Rossi, Gomez é quel popò di rosa alle spalle. Avanti il prossimo e occhio alle cantonate, per parecchi qui dentro Romizi pareva pronto per la prima squadra, e non è l'unico, anche Mounir è stato sponsorizzato fino lla noia l'anno passato, quest'anno c'è andata bene ad alleggerirci almeno dell'ingaggio.

    RispondiElimina
  138. Romizi io e un altro paio di maniaci lo proponevamo all'epoca di Sinisa, claro che nella Maquina sarebbe potuto essere al massimo una buona alternativa, crescendo dietro ai titolari. Pare però aver preso la brutta strada degli infortuni cronicizzati...Ljajic è giocatore di tutt'altro livello.

    RispondiElimina
  139. Ma Rossi è considerato uno dei migliori attaccanti in circolazione, da tutti e specialmente da chi ha giocato con lui (ne abbiamo due, e non di poco conto nello spogliatoio, in squadra), anche se proveniente da infortunio, non è strano che abbia uno stipendio alto.

    RispondiElimina
  140. Si fa per chiacchierare, adesso il caso è questo e di questo si chiacchiera. Ognuno fà le sue congetture. Il ragazzo ha talento, molto e come tutti i tifosi, anche alcuni qui dentro vorrebbero avere più talenti possibili in squadra. Che la discussione non produca niente è ovvio, mica decidiamo noi. Per parlar d'altro basta proporre argomenti, solo che fino a lunedì notte siamo tutti un po' a corto. Per me si può parlare di tutto, anche e soprattutto di fica. Però, personalmente, gradirei un po' più di amichevole goliardia e un po' meno riferimenti personali. È fastidioso leggere sempre i soliti screzi, in fondo è uno spazio aperto.

    RispondiElimina
  141. Il discorso delle logiche di spogliatoio Montella lo ha fatto a Ljajic non a Rossi, vuol dire che lo stipendio di Rossi non provoca malumori, quello che vorreste dare a Ljajic o che lui vorrebbe, sì, evidentemente. .

    RispondiElimina
  142. Vorrei sapere che ha fatto finora per essere considerato un tale fenomeno. Una sola stagione a livelli notevoli, la penultima [ma con valanghe di rigori], per il resto attaccante da una decina di gol a stagione [rigori compresi, sempre tanti], media gol ridicola anche in nazionale...E prima di infortunarsi, l'ultima stagione, era tornato alle medie precedenti. Forte, per carità, ma sopravvalutatissimo, infatti non era mai uscito dal Villareal.

    RispondiElimina
  143. Foco hai ragione e l'amichevole goliardia c'è con chi la usa, come te per esempio e con tanti altri, ma se uno schianta le palle per mesi con le solite teorie dopo che gliele hai confutate millanta volte e dopo che lui le ha ripetute, sempre uguali, senza batter ciglio, alla fine fa anche perdere la pazienza

    RispondiElimina
  144. Della situazione di Ljajic si capisce sempre meno, ma io oggi ho fatto un ragionamento, magari sbagliato, ma che vi voglio esporre.
    Abbiamo acquistato Ilicic ad inizio agosto, ma si sapeva che lo volevamo e che lui voleva venire da noi sin da maggio - giugno, quando lui disse chiaramente che voleva venire alla Fiorentina. Si può quindi supporre che i contatti con il Palermo e con il giocatore siano iniziati a marzo - aprile. Dato che oramai pare ovvio che Ilicic sia stato acquistato per sostituire Ljajic (ero perplesso su questo acquisto, ma vista la situazione col Nutella le perplessità mi sono svanite), viene da pensare che fino dalla primavera la nostra dirigenza ha subodorato che le speranze di far rinnovare Ljajic non erano tante. Si può allora pensare (sono tutte supposizioni, mi rendo conto) che la Fiorentina abbia iniziato le trattative per il rinnovo da parecchio, almeno da gennaio forse, e che Ljajic abbia sempre preso tempo (le dichiarazioni dei dirigenti "c'è tempo" " non c'è fretta" mi sono sembrate sospette: excusatio non petita...), per cui Pracià si siano voluti cautelare capendo che in realtà non c'era la volontà nutellica di rinnovare.

    RispondiElimina
  145. Foco lui non vuole andar via adesso, non chiede di meglio che giocare regolarmente fino a giugno per poi andarsene a parametro zero. Siccome questa però è la soluzione Montolivo che nessuno alla Fiorentina vuole, bisogna che ad un certo punto si mettan la carte in tavola. O firmi il rinnovo, o accetti un trasferimento o te ne stai in tribuna un annetto, insomma o vinci al Totocalcio, o vai in Perù o sposti la Chiesa.

    RispondiElimina
  146. E' molto probabile ed è molto probabile che gli agenti del bandito fossero già andati a quei tempi a mettersi d'accordo con Furtula e Samir, se no mal si spiega la resistenza al rinnovo già da allora.

    RispondiElimina
  147. Infatti, alla fine il sospetto è quello, il modus operandi di Galliani ormai è noto

    RispondiElimina
  148. E' un giocatore che a vent'anni, nel 2007 fu ceduto dal Manchester al Villareal per 11 milioni e che nel contratto con la Fiorentina ha una clausola rescissoria di 35 milioni (Ljajic non la vuole nemmeno di 15). Tra un Giuseppe Rossi prima dell'incidente ed il Ljajic di oggi io non avrei dubbi su chi prendere. Domani si vedrà.

    RispondiElimina
  149. stefano vienna23 agosto 2013 22:52

    Ma certo che è andata così, Anto. Non facciamoci prendere in giro da chi viene di proposito a creare confusione. E per adesso quello scuro in volto è Ramadani. Quindi fiducia nella società.

    RispondiElimina
  150. stefano vienna23 agosto 2013 22:56

    Bravo Jordan. E comunque su Internet finchè uno cela di proposito la propria identità si fa sempre bene a sospettare. A me se mi volete vedere basta che passiate per Vienna, invito tutti, quelli col saluto romano e quelli con la maglia del Che.

    RispondiElimina
  151. Stefano, cosa ci vuoi fare, sono un ingenuo, me la sono data solo oggi. Per fortuna i nostri dirigenti sono più furbi di me e stanno agendo di conseguenza.

    RispondiElimina
  152. Personalmente credo che il gioco d'anticipo di Pradè con Ilicic alla fin fine sarà stato un capolavoro di sagacia. ANTO, sono rimaste le ultime 24 ore al serbo.

    RispondiElimina
  153. Vorrei solo testimoniare il mio affetto nei confronti del Sopra, che risponderà da par suo se lo riterrà opportuno, che considero un 'caro amico' del blog. Una volta affermai: "il Sopra si ama e basta!". Lo ribadisco.

    RispondiElimina
  154. Caro GONFIA, io vi adoro tutti, TUTTI; con Stefano credo sia stato il classico fraintendimento, qui ai remi abbiamo tutti stesso ritmo e stessa direzione, quella della viola! Or ora ho scritto, velatamente contro Marco Siena( sul sitone), il quale afferma che Neto fa una mezza papera ieri sera, poi scrive che "...si trova il colpo di testa in mano..."; quindi Neto non para mai! Sarà stato ben piazzato, magari! Ha avuto senso della posizione. No, per il senese o papera o se la trova in mano, Neto non para mai......

    RispondiElimina
  155. Non avevo dubbi Sopra e ti ringrazio. Mi spiace per Neto, che ritengo un validissimo portiere. Se supera questa fase e rimane, come spero, assisteremo alla prematura estinzione dei rospi.

    RispondiElimina
  156. Sopra è un esempio di simpatia e di compagnonaggine. È sempre un piacere leggere i suoi deliri. Purtroppo ha un difetto ma ci si passa sopra. Ah, poi oltre a quello è di destra eheheheh . Un giorno me lo porteró in Sri Lanka, magari trova per ricambiare qualche cingalese in riserva. Grande Sopra!

    RispondiElimina
  157. Sottoscrivo in toto!

    RispondiElimina
  158. Foco gli argomenti portati possono anche essere gli stessi, dipende come li affronti e se sei in grado di far evolvere la discussione ad un punto che rappresenti una conclusione, se mi ricopi la stessa identica frase, o concetto, per mesi e a quello ti fermi tu non stai (non tu) portando argomenti ma lanci provocazioni e basta perché sei consapevole di non avere i mezzi per portare avanti il dibattito, a me quelli così non li faccio neanche sedere al tavolo dove chiacchiero.

    RispondiElimina