.

.

domenica 4 agosto 2013

Fiaccherai, donne e guai

Non penso affatto di esagerare se dico che Gomez-Rossi è da considerarsi la coppia d’attacco perfetta, una coppia che integra tutte le caratteristiche indicate sul manuale dei sogni, che si compensa come le proteine e i carboidrati alla mensa, un po’Totò e Peppino De Filippo e un po’ Sandra e Vianello. Chi ha scelto questa coppia ha voluto affrescare un capolavoro michelangiolesco sulle volte della nostra passione, l’unico problema sarà che a forza di guardare le volte anche mille volte, ci verrà il torcicollo dall’entusiasmo. Fisicamente agli estremi come Obelix e Asterix, uno potente e forte soprattutto di testa, l’altro agile che fa del dribbling e della tecnica la propria forza, uno quando è nato l’ha portato la cicogna, l’altro il carro attrezzi. Io dico che ci sono tutte le premesse per farci perdere il capo, da qua non si esce, bisognerà capire singolarmente come gestire la libidine prima di scoprire che anche Hegazy è il nipote minorenne di Mubarak, che in Curva Fiesole si gode più che a Palazzo Grazioli, bisognerà smettere per un po’ di lavarsi i denti per non essere accusati di farsi troppo l’igienista dentale che potrebbe portarci a forti penalizzazioni in classifica. Intanto Gervasoni ci ha già fischiato un rigore contro, Galliani per farci l’offerta si è appoggiato a Findomestic, mentre c’è chi rimpiangerà la pontellizzazione perché la smobilitazione cerebrale è più facilmente gestibile dell’entusiasmo, i picchi di autelesionismo infatti possono essere monitorati grazie ai farmaci, mentre una testa della classifica porterebbe inevitabilmente all’orgia dei sensi, e in un orgia non si sa mai cosa ti capita alle spalle, anche una testa di Galliani eretta, chi rosica insomma lo fa sempre con le spalle al muro in tutta sicurezza. Per gestire l’ubriacatura delle emozioni, più difficile da prendere ma anche più pesante da smaltire, un po’ come succede con la birra che ha gradazione saccarometrica, mi sento di consigliare visto che la nostra avrà gradazione insaccarometrica perché ottenuta con l’efficacia della coppia di bomber, consiglio di prendere le cose con calma, e per facilitare tutto ciò chiedo alla magnifica coppia d’attacco di fare un gol per volta, di cercare cioè di fare sempre le cose in ordine cronologico, perché così si fa meno confusione. Questa prossima esplosione di gioia mi ha ricordato un po' lo zio Gigi che teneva il cavallo in piazza Tasso, aveva un fazzoletto rosso annodato al collo, era comunista prima ancora che fiaccheraio, insomma, lui a volte mi ammoniva senza nemmeno essere un arbitro, anche se io non percepivo appieno quel pericolo, non riuscivo ad associarlo a San Frediano e più in generale all’Oltrarno, insomma lo zio Gigi mi diceva “E’ meglio se stai lontano dagli uragani, oggi”. Perché  il terzo scudetto si preannuncia proprio come un uragano, e Gigi che evidentemente vedeva ben oltre Borgo Tegolaio probabilmente si riferiva a questo, oggi capisco cosa intendeva, mentre in quegli anni pensavo fosse un po’ esagerato o al limite, stravagante, tanto da aver scambiato le rive dell’Arno con le coste della Florida. Un’altra cosa dello zio che non avevo capito, come quelli che avendo i Della Valle hanno tentato di cacciarli a favore di Zamparini, insomma, non capivo come mai lo zio fosse così orgoglioso quando raccontava di essere stato riformato, mentre io mi sarei sentito fisicamente limitato proprio come chi voleva Zamparini, invece lo zio faceva addirittura capannello in piazza della Signoria mentre raccontava storie e sistemava il sacco di biada appeso al muso del cavallo, la sua fiorentinità manifesta mi intimoriva, lui che prendeva servizio davanti a Palazzo Vecchio e poi spargeva la merda del suo cavallo nel cuore della città, la zia Liliana invece tutto il giorno in San Lorenzo a vendere quello che ancora era vero artigianato Fiorentino dal forte odore di cuoio, e se eri del Poggetto già ti consideravano uno straniero e cercavano subito di fregarti qualche dollaro. Lo zio Gigi pur non zoppicando mai fu riformato alla leva perché aveva una gamba  più corta delle altre due.

130 commenti:

  1. Montella su Ilicic: "Il giocatore si conosce. Prima di tutto viene la squadra e non ho mai pensato di farlo giocare mezzala sinistra, ma a destra. Sicuramente non possiamo cambiare modulo solo per Ilicic. Mi ha detto che non gli piace nemmeno giocare esterno nel 4-3-3 e ormai rimangono pochi ruoli". Dev'essere un vero genio, appena arrivato e già storce il naso per ben due ruoli possibili...

    RispondiElimina
  2. Siccome ci hanno speso una decina di milioni io mi chiedo chi l'ha chiesto se l'allenatore non sa dove metterlo e lo dice.

    RispondiElimina
  3. L'allenatore sembrava avesse intenzione di impostarlo come mezzala destra - ruolo di Aquilani - forse non han parlato bene con Ilicic prima dell'acquisto, dando la sua disponibilità a tutto scontata...

    RispondiElimina
  4. Spendere dieci milioni per uno che si pensa di impostare in un ruolo nuovo per fare la riserva ad un altro non mi sembra un gran programma. A me sembra invece che se lo sia trovato ed ora cerchi di capire che roba è. Ilicic comunque non dice che non ci gioca, dice che non è il suo ruolo che sa fare meglio altre cose.

    RispondiElimina
  5. Il Milan è andato a cercare quello che pare fosse il vecchio procuratore di Ljajic, un serbo - greco che parla solo il serbo e il greco e che pare che si fosse pure ritirato dall'attività. Però dicono che l'interessamento è recente, che non si sono mossi fuori dalle regole. Caro Poeta, questi più che con la Findomestic hanno similarità con la banda della Magliana. Se è tutto vero quello che dicono, avrebbero trovato in Ramadani un altro nemico da aggiungere all'albo, già molto ricco di suo. I mezzi che usano sono l' emblema di una disperata lotta per la sopravvivenza a certi livelli, un tentativo di prepotenza di gente costretta ormai a non poter vedere più in là di domani. Il blasone dà prestigio, ma quando non ci sono più i soldi diventa solo un pesante fardello che ti schiaccia e come specchio ti mostra rilflesse le tue attuali miserie.
    Il preliminare deve diventare la prima gioia, per poi reincontrarli nei loro stracci un giovedì sera e mostrar loro sul campo che è l'ora di un'eutanasia. La più dolorosa possibile.

    RispondiElimina
  6. Mi pare che abbia detto che non gli piace, il che non vuol dire che si rifiuta di giocarci...Ma insomma non è un bell'esordio.

    RispondiElimina
  7. Appunto, è ciò che ho detto, ma se fosse stato zitto o avesse parlato solo con Montella sarebbe stato meglio, ma questo mi sembra che le parole gli escano in automatico senza passare dal centralino, ha fatto incazzare anche Zamparini.

    RispondiElimina
  8. Non si sarebbero mossi fuori dalle regole? Contattare in qualsiasi modo un giocatore sotto contratto con altra società facendogli proposte contrattuali è fuori dalle regole. A meno che per il pelato non valga un regolamento FIGC dedicato con deroghe.

    RispondiElimina
  9. colonel.blimp4 agosto 2013 09:59

    Ilicic è pregevole in sé ma da quando si affacciò l'interesse per lui io non capii pur, ferrininamente, adeguandomi. Non è la prima volta che Montella esprime imabarazzo per l'aqcuisto dello sloveno, giorni fa postai intervista similare a quella che riporta Deyna. Può essere anche un segnale per la Società circa Ljajic, che Vincè non vuol perdere. Comunque l'affare col Palermo sa tanto di compenso per Viviano. Certo, fare i conti della lavandaia su tutto e poi mollare 10 milioni per uno che l'allenatore sembra volere come Prandelli voleva Osvaldo sembra incongruo. E adesso ri-divertiamoci al giochino dell'estate: si sono aggiunte due figurine, il Pascià Sahmir (penso a un patriarca campagnolo solgenitsiniano, di quelli che, se la moglie l'interrompe a tavola mentre lui parla, le invia uno scaracchio denso di minestra in faccia, tutto rosso d'ira e battendo il bastone sul pavimento brullo) e Furtula, dal nome così ominoso, un furetto ladro da «Mille e un notte», che entra nottetempo nel palazzo a rubar gioielli delle favorite e fa ricader la colpa sul buon Fali, salvato infine dalla sua bella Jasmine supplice con prove davanti al Sultano.

    RispondiElimina
  10. Certo Galliani che si mette d'accordo con uno che si chiama Furtula è tutto un programma!

    RispondiElimina
  11. "Mi ha detto che non gli piace nemmeno giocare esterno nel 4-3-3". Secondo molti frequentatori di questo blog Montella è quindi un asino che non si è reso conto che la Fiorentina non ha mai fatto ne' farà il 4-3-3. Grave poi un dissidio tanto aperto che fa sospettare che tecnico e giocatore non si siano parlati prima che Ilicic firmasse il contratto.

    RispondiElimina
  12. Il sospetto della compensazione per Viviano era venuto anche a me, però l'esposizione "responsabilità" della Fiorentina erano al massimo i tre milioni pagati all'Inter per il restante 50%. Ho sempre creduto invece che Ilicic fosse usato un po' come D'Agostino nel caso Montolivo, per far pressione su Ljajic (e c'è costato una cieha anche quello!) e le pressioni che sta facendo Montella oggi sono probabilmente nel senso che dici. "Non scherzate, io voglio il serbo, non crediate che poggio e buca faccia pari". Insomma, speriamo di no, ma il discorso con lo sloveno comincia proprio malino. Peccato perchè i numeri li ha, ma è anche lui una testa un po' svagata e lo vedo più attaccante da grandi spazi che da aree intasate come quelle che troverà spesso la Fiorentina. Meno male che ha, di sicuro, una bella botta da fuori che tante situazioni le potrebbe anche risolverle (se gioca).

    RispondiElimina
  13. In casa Milan è proprio una vita Agrama...

    RispondiElimina
  14. Montella ha spiegato che i numerini lasciano il tempo che trovano e fra il 4-3-3 e il 3-5-2 le differenze oltre ad essere sui particolari si annullavano nel corso delle partite. Basta vedere quello che è successo poi in campo per capirlo, cosa non alla portata di tutti. Riguardo Ilicic, sicuramente non conosce l'arte della diplomazia ad esternare simili pensieri ma non la conosce neanche Montella che le riporta ai giornalisti, mi pare che a sbagliare siano in due, il giocatore è più scusabile, il mister meno che gli deve spiegare dove e cosa vuole da lui. Penso che entrambi si renderanno conto che Gomez, Rossi e Ljajic (se rimane) non son fatti di ferro e ci sarà bisogno dello sloveno più davanti che dietro. Non ho mai capito perché modificare ruoli a giocatori che ne sanno già fare tre, certo se storce il naso anche per fare l'esterno.......

    RispondiElimina
  15. Nessuno l'ha mai detto. E' stato sempre detto che il modulo di Montella è variabile anche all'interno di una stessa partita. E' un frequentatore del sito in particolare che si fissa sui cartellini da mettere a tutto, mentre sono solo un mezzo per capirsi e non un fine di diatribe infinite sul sesso degli angeli.

    RispondiElimina
  16. Lud, è Montella stesso a perculeggiare più o meno apertamente i giornalisti fissati coi moduli, facendo chiaramente intendere che nel calcio i numerini non contano un cazzo. Certo che Montella ha giocato col 4-3-3, così come ha giocato col 3-5-2 [direi schieramento prevalente], così come con altri moduli, addirittura all'interno della stessa partita. Se parla in sala stampa o in un'intervista a quegli stessi giornalisti che deve fare? Si adegua al loro livello di comprensione. L'acquisto di Ilicic mi fa pensare a quelle situazioni che si imputavano a Corvino, ovvero l'acquisto di un giocatore non perché realmente utile e mancante in rosa in un ruolo scoperto, ma perché occasionissima del momento, che si valuterà giocando a Firenze. Poi mi pare chiaro ci siano anche altri motivi, come mantenere aperto il canale con Zamparini infuriato per Viviano, e non è nemmeno un male perché da quelle parti transitano sempre buoni giocatori. In futuro potremmo avere una corsia privilegiata per Dybala.

    RispondiElimina
  17. Leo, se Montella lancia messaggi, sempre che abbia capito il soggetto, difficilmente lo fa a casaccio. Deve tenere disciplina e sentirsi dire da un giocatore in conferenza stampa che non gli va bene questo e quello non credo lo possa lasciar passare sotto silenzio, tanto più che è un giocatore arrivato ieri e che deve esser messo subito in riga. Oltre a questo ci vedo, ma lì spero di sbagliare, anche un monito, avviso, richiamo o definiscilo come ti pare, a chi l'ha preso probabilmente presentandolo (ma qui faccio il maligno) come possibile sostituto di Ljajic.

    RispondiElimina
  18. Tecnicamente, Ilicic lo vedo proprio come te, e concordo anche sull'uso pressorio.

    RispondiElimina
  19. Basta. Qui si discute di cose irrilevanti. Se i "numerini" li usa il nostro tecnico mi pare evidente che qualsiasi appassionato abbia diritto ad usare la stessa terminologia. Nel discorso di ieri non mi pare aver colto alcun perculeggiamento. È stato invece usato una espressione chiarissima "esterno nel 4-3-3" cioè esterno alto ovviamente che per me descrive un tipo di ruolo e gioco precisi che ho cercato invano di far digerire agli Allenatori Patentati (ascoltami, i poeti laureati diceva Montale, Blimp, si muovono tra alberi dai nomi poco usati).

    RispondiElimina
  20. Finché tu non guardi le partite o le guardi non capendo cosa vedi è inutile che riscriviamo le stesse cose all'infinito, è inutile che te le fai spiegare o apri quotidiani per prendere spunti che da solo non saresti capace di prendere. Bisogna capire cosa succede in campo, non ti riesce, non è un disastro e puoi riportare le dichiarazioni come mantra per convincerti che qualcosa in fondo l'avevi capita, così non è. Buona pace per te.

    RispondiElimina
  21. Poi, giusto per tagliare la testa al toro, quante volte in queste amichevoli ci siamo difesi a quattro, e quanto volte l'anno passato si sono schierati quattro difensori su 38 partite, basta contarle.

    RispondiElimina
  22. http://www.tzetze.it/redazione/2013/08/pdl_shock_si_sono_dimessi_tutti/index.html

    RispondiElimina
  23. Tra le piante (non alberi) dai nomi poco usati, prego.
    Bossi, ligustri e acanti.

    RispondiElimina
  24. Jordan non voglio mettermi a leggere fra le righe per scovare risvolti psicologici per mettere punti fermi su un giocatore o su un altro. Pareva l'avesse richiesto espressamente Montella Ilicic, se poi è una manovra per pararsi dalla cessione di Ljajic hanno sbagliato i conti perché il mister non avrebbe da provare snaturamenti di ruolo pur di impiegarlo. La qualità dello sloveno è elevata, quella del mister molto di più, solo che se posso capire un giocatore che afferma non piacergli un'utilizzo in un ruolo o una posizione in campo capisco molto meno un allenatore che riporta certe cose davanti ai microfoni. Sta a lui sfruttarlo secondo qualità, elevate, e sta al giocatore ingollare qualche rospo se vuol giocare e partecipare al gioco della Fiorentina. Penso sia una bolla che si sgonfierà presto altrimenti sarebbe un nonsenso tecnico grave che non avrebbe spiegazioni, sia per chi lo ha comprato sia per chi lo deve utilizzare al meglio.

    RispondiElimina
  25. Ecco, una delle occasioni in cui il Chiari manca al dibattito è questa: chi sa cosa penserebbe di un'eventuale grazia di Napolitano a Berlusconi...

    RispondiElimina
  26. Ora vai anche a far lezioni a Coverciano? e chi sono se no gli allenatori patentati? perchè se è un'altra presa di culo allora mi fai incazzare sul serio e mi sento in diritto di dirti che, come al solito, non hai capito un cazzo. Il problema non è usare una terminologia, ma nascondercisi dietro per far finta di aver capito ciò che ti è più oscuro della selva selvaggia e aspra e forte dell'Alighieri. Esterno da 4-3-3 vuol dire indubbiamente un esterno alto, cioè uno che parte dalla fascia, prevalentemente, ma non solo, da centro campo in su, (se no non sarebbe "alto") almeno nella fase di possesso palla, quella che insomma prima si chiamava "ala". Il ruolo può però essere interpretato con varianti e dire, ad esempio, che Ljajic è un esterno da 4-3-3 o ci ha giocato per tutto il girone di ritorno rischia di essere una cazzata bella e buona in quanto Ljajic ben difficilmente parte o sta sulla fascia, il che è di base nella definizione di esterno. Ecco che qui le schematizzazioni e le definizioni sono più difficili e qui ci casca l'asino, cioè tu.

    RispondiElimina
  27. La grazia credo sia improponibile in quanto ha ancora parecchi carichi pendenti, cioè cause in corso, che credo ne impediscano, comunque, l'attuazione.

    RispondiElimina
  28. son d'accordo con te, Jordan," a pensar male si sbaglia di rado " afferma un detto molto pragmatico (ancorché spesso falso), fatto sta che quest'anno la panchina si é allungata, é migliorata in termini di qualità e ci sarà da gestirla. L'anno scorso poi nessuno ci conosceva, come giocatori e come gioco, e ora invece siamo attesi al varco da tutti gli addetti ai lavori. Da outsider siamo passati alla categoria di favoriti e ci dobbiamo aspettare ogni sorta di attacchi camuffati da complimenti per destabilizzarci, noi intrusi fra le strisciate, come già successo verso la fine del campionato scorso. Quindi io la vedo piu' difficile dell'anno scorso e posso solo confidare nelle spalle larghe dello staff (in senso esteso) per gestire malumori, esternazioni, e nervosismi vari. Finora ci sono riusciti benissimo, comunque "molti nemici, molto onore" (oggi sono in vena di proverbi da bar..)

    RispondiElimina
  29. Le partite le guardo tutte, vedo cosa succede e descrivo esattamente ciò che vedo. Ieri credo di aver descritto esattamente in un post ruolo e gioco di Ljajic, visto che nessuno ha trovato da ridire sui movimenti che ho descritto e individuato. Sul piano delle definizioni quel gioco corrispondeva a quello di un esterno nel 4-3-3, ruolo che Montella chiede a Ilicic di poter fare, credo anche in funzione di una partenza di Ljajic. Tutto questo è evidente e le discussioni in proposito irrilevanti ed infruttuose in sommo grado.

    RispondiElimina
  30. se secondo te ieri, nel secondo tempo, la Fiorentina giocava col 4-3-3 e Ljajic faceva l'esterno e tu ci ha' capito dimorto! E' entrato al posto di Pepito ed ha fatto, finchè è rimasto in campo Gomez, l'attaccante di movimento intorno a lui, poi è uscito anche il tedesco ed è entrato Yakovenko, lui si attaccante di fascia, dove infatti è andato a sinistra ed abbiam giocato anche senza il centravantone, con Ljajic libero di muoversi su tutto il fronte. Cercare di imprigionare nei numerini gli schemi di gioco della Fiorentina del secondo tempo è esercizio da enigmisti e lo lascio a loro, visto l'enorme numero di sostituzioni ed i continui riaggiustamenti tattici. Nel primo tempo invece era un 3-5-2 abbastanza classico. Montella per ora ha provato Ilicic come mezzala, provocando la dichiarazione dello sloveno che quello non è il suo ruolo e dice che gli ha detto (ma ancora non ce l'ha mai provato) che non lo è nemmeno l'esterno alto del 4-3-3.

    RispondiElimina
  31. Le partite le guardi ma sul capirle siamo distanti eoni da quello che succede in campo e vedo che il vizio di non saper replicare sul tecnico non lo perdi, ti ho scritto quante volte ci hai visti schierati a quattro, e non rispondi perché non sai e a domanda così banale crollerebbe tutto il castello di convinzioni che ti sei costruito per startene al riparo dal ricevere quesiti, evidentemente, scomodi. Su Ljajic esterno ti è stato scritto un tomo sul quale ti sei fermato alla prefazione ed anche qui è difficile fare interrogazioni dopo, per osmosi, appoggiandoci una mano sopra, al tomo, non si apprende, eppure sarebbe bastato leggerlo neanche mandarlo a memoria. Se il dialogo lo fai oscillare dal banale all'immaginario senza renderti conto della realtà intermedia ti vengono a mancare anche quelle peculiarità per saperti rapportare socialmente con altri, peculiarità che di solito si acquisiscono in età pre-adolescenziale. Praticamente, a rapportarsi con te, si deve sempre tenere conto di tutto ciò.

    RispondiElimina
  32. Ieri non ho visto la partita. Mi riferisco ad un post di ieri mattina.

    RispondiElimina
  33. Il bello è che non si rende conto nemmeno delle continue contraddizioni, bonarie nella loro involontarietà, in cui scade a mitraglia. Non vuole usare definizioni sciocche per imbrigliare un giocatore avendo in mente dei moduli (cosa di cui ci accusava ieri) ed imbriglia nei moduli i giocatori senza tenere conto delle definizioni. E' nato prima l'uovo o la gallina ?! Temo sia domanda indecifrabile pure questa. Non è competitivo sulla materia, non lo è mai stato ma continua a voler scriverne saccentemente.

    RispondiElimina
  34. http://www.firenzeviola.it/rassegna-stampa/julio-cesar-il-qpr-lo-mette-fuori-rosa-139758

    RispondiElimina
  35. Poeta, non è una novità, per questo il titolo trionfale di ieri della Gazzetta aveva del ridicolo. Trovato l'accordo col QPR per Julio Cesar! se li liberi da quell'ingaggio ti pagano anche il biglietto in prima per tutta la famiglia! Il problema sono i 3,5 milioni netti, per tre anni che sono un investimento di 21 milioni per un 34enne che, passato il mondiale, c'è il rischio che ti vada in pensione dorata. L'unica via che vedo è che si dimezzi almeno lo stipendio e che lo si prenda in prestito per un anno, cosa che potrà anche succedere ma, credo, non prima di fine agosto, quando noi invece dovremo aver già deciso su Neto, anche alle prese di culo del prossimo c'è un limite.

    RispondiElimina
  36. Uno che conclude " Tutto questo è evidente e le discussioni in proposito irrilevanti ed infruttuose in sommo grado." può essere solo mandato a fanculo e non se ne discute più

    RispondiElimina
  37. Sopravvissuto4 agosto 2013 12:36

    JORDAN, DEYNA: Berlusconi non può avere la grazia proprio perché ha troppo giudizi in sospeso (i suoi legali dovrebbero fare, in tempo breve, un grande slam in 5 processi!), poi non può avre grazia perché recidivo. Per prostituzione o atti sessuali con minori, unico caso, si va in galera anche a 90 anni. Diciamo che Berlusconi è all'ultima sigaretta, ammesso che sará dritta, altrimenti sarà una sigastorta. FOCO, sottoscrivo ciò che hai scritto, e aggiungo: Galliani sta facendo come quello che da il Viagra al ciliegio, sperando diventi durone.....ah ah ah ah ah ah ah.....Per quelli della Gazzetta è troppo difficile pensare, calcolare che: 1) se il Milan ha già impegnato i futuri soldi (futuribili.........!!??!?!.) della CL per prendere Balotelli con metodi da 1a e 2a Repubblica in combinata, 2) non è riuscito a vendere Robinho, 3) non riesce a dare via lo spompato-dalla-Satta Boateng(l'ha svuotato....eh eh eh eh), 4) non trova vu' cumpra' per Zaccardo, 5) Abate non parte poiché valutato troppo, 6) Honda sembra che costi, per il Milan, una cifra simil-Lentini della 2a Repubblica....Conclusione: dove prende i soldi per Liajic? Ah...! Lo pagherebbe in quattro anni! Galliani come Sopravvissuto: sono andato in concessionaria auto, vista la mia 230 cv, pagabile in 4 anni.....woooow! Si fa così anche per un asso del football. La prima pagina della Gazzetta di oggi fa sorridere, Galliani sembra il giudice Lombardini il giorno della perquisizione del suo ufficio...."Venite, venite carissimi......c'è tutto qui, nessun problema....!"; poi si chiuse da solo dentro, e sappiamo come finì. Quell'enorme salvadanaio che è il mare, al tramonto accoglie la monetina-sole......l'enorme Barnum del calciomercato attende le monetine-solo quelle-di Galliani...mentre il suo padrone è atteso da monetine come Craxi. (Garantito 100% Sopravvissuto).

    RispondiElimina
  38. E' il suo modo d'issare bandiera bianca. Domande irrisolte, risposte non pervenute e i mantra ripetuti all'infinito senza approfondimento, che ti perdi a fare a spiegare ?!

    RispondiElimina
  39. "Se non vuole firmare e vuole andare al Milan e fare lo “schiavetto” a Balotelli lo faccia pure, basta che il Milan lo paghi profumatamente." Un estratto di un commento fatto su Fiorentinanews sul casus belli Ljajic. Un genio!

    RispondiElimina
  40. Io devo confessare una cosa: le stesse perplessità che Lud nutre per l'acquisto di Gome io le nutro per l'acquisto di Ilicic. Posto che il giocatore, pure se poco continuo, è fortissimo, non capisco la necessità di comprare un giocatore per 10 milioni se poi non sappiamo dove metterlo, a quel punto conveniva spendere quei soldi per Nainggolan. Le polemiche sulla sua posizione in campo sono un inizio poco incoraggiante e denotano, come rilevato da Blimp già un po' di tempo fa e da Jordan e Deyna oggi, che non è stato un acquisto chiesto da Vincenzì, ma un giocatore in più che si è trovato in rosa. Forse è vero che rientra in accordi vari col Palermo ed è un risarcimento per il mancato riscatto di Viviano.
    Preciso che tutto il mio ragionamento vale se Ljajic rimane, altrimenti si trova un senso al suo acquisto.

    RispondiElimina
  41. Riposto volentieri il mio commento di ieri. Che non riguarda la partita col Limassol ma il ruolo di Ljajic lo scorso anno. ludwigzaller • un giorno fa −
    L'errore come ho già scritto a Leo, Jordan, è che tu definisci i giocatori pensando a certi moduli che hai in mente. Ed infatti evochi Zico o Baggio. L'anno scorso Lajajic faceva l'esterno di attacco nel 4-3-3, un ruolo che non dei precedenti molti netti credo nella storia dei moduli e dei ruoli. Per quel che ho visto occupava una circonferenza che intersecava grosso modo l'angolo esterno sinistro dell'area e il suo compito era quello di entrare in area palla al piede, saltare l'uomo sempre con palla bassa, chiedere il triangolo ai centrocampisti o a Jovetic, provare il tiro da dentro o fuori area. Memorabili certe avanzate seguendo la linea di fondo fino ad andare in porta da solo a sinistra o a destra. Questo modo di giocare a mio parere non è da punta classica, ne' da esterno classico ne' da trequartista classico, ma, appunto, da attaccante esterno del 4-3-3. Ruolo nuovo all'interno di un modulo nuovo.

    RispondiElimina
  42. Ma se il Parma ha speso 2 milioni per Munari, per Cassani quanto ci darà? Otto milioni?

    http://www.firenzeviola.it/news/cassani-spunta-l-interesse-del-parma-139760

    RispondiElimina
  43. Aggiungo che anche le brutte parole di Ilicic per Palermo e il Palermo non mi sono piaciute per niente.

    RispondiElimina
  44. se tu gli ricompri cazzellotti secondo della primavera per altri otto milioni per fare il giochino delle plusvalenze, magari sì.

    RispondiElimina
  45. Montella ha chiesto a Ilicic di fare l'esterno nel 4-3-3. Se vuoi mandare in culo il tecnico Jordan fai pure.

    RispondiElimina
  46. neanche a Zamparini che infatti ci si è incazzato. Il ragzzo ha bisogno di in addetto stampa dedicato

    RispondiElimina
  47. io mando in culo gli ignoranti come te che scrivono quello che scrivi tu e che non sanno condurre un dialogo. Il 4-3-3 e le altre definizioni non c'entrano un cazzo, ma tu non capisci nemmeno concetti così elementari, anzi li capisci benissimo ma sei un falso nelle barbe che, quando si accorge di non saper più cosa dire, fa il tonto e fa finta di non aver capito.

    RispondiElimina
  48. Leggi quel che ho scritto ieri e postato di nuovo oggi. Mi pare sia una analisi dettagliata che esprime il mio punto di vista peraltro largamente condiviso.

    RispondiElimina
  49. E Zamparini stavolta ha perfettamente ragione.

    RispondiElimina
  50. Qual è il tuo punto di vista? che uno che fa i movimenti che indichi sia per definizione un esterno alto da 4-3-3? Te l'ho già scritto ieri, se scrivi un vocabolario tuo. Per me Ljajic è uno che dà abbastanza pochi riferimenti ed ingabbiarlo in una definizione è abbastanza limitativo. Per me un esterno è uno che gioca essenzialmente sulle fasce, con questo può accentrarsi, chiudere al tiro, non è che debba stare con l'elastico legato alla linea laterale, però in prevalenza i suoi movimenti sono appunto "esterni" e quelli di Ljajic non lo sono. Ora fai un'inchiesta, un sondaggio per vedere qual è il punto di visto più condiviso, così risveglierai l'interesse di mezza Italia!

    RispondiElimina
  51. La parte che non ho capito è quella del ruolo nuovo e del modulo nuovo.

    RispondiElimina
  52. Tutto è spiegato nel nuovo libro sul calcio con vocabolario allegato di un tale di Massaciuccoli: "Il calcio secondo Ludwigzaller"

    RispondiElimina
  53. Ricordo al Poeta che "fiaccherai" fa rima con Calamai o anche con Panerai, nonché con "Jovetic alla juve mai" e con "Ljajic al Milan mai". Ora vado in spiaggia, ci si legge stasera.

    RispondiElimina
  54. Mi sembra di aver già scritto che sottovaluti la differenza tra il ruolo classico di esterno e quello di attaccante esterno nel 4-3-3 di Montella. In quest'ultimo caso l'esterno non deve crossare ma giocare basso incuneandosi in area e scardinando la difesa avversaria così: coi triangoli, gli uno contro uno ecc. A destra Cuadrado svolge un compito simile anche se con un raggio di azione più ampio. Tutti e due convergono sull'area per scardinare la difesa con palle basse. Nessuno di questi due aveva nel cross un'arma fondamentale. Credo invece che Gomez dei cross abbia bisogno. E la domanda infatti è: chi crossa per lui?

    RispondiElimina
  55. Mi riferisco al fatto Anto che il 4-3-3 stile Barcellona non ha antecedenti nella storia del calcio e per molti aspetti si differenzia radicalmente dal 4-4-2 il cui punto di forza è il gioco sulle fasce ed il cross, lo schema di Prandelli, cross di Vargas e tiro o colpo di testa di Gilardino. Qui l'esterno non va sull'out e crossa, entra in area palla al piede. Io non ho niente a che vedere con Torre del Lago, luogo che amo moltissimo e frequento per le opere e il paesaggio.

    RispondiElimina
  56. Sopravvissuto4 agosto 2013 15:00

    Jovetic sbarella con la Gazzetta.....Adem non si capisce neanche lui.....Ilicic che spara a casaccio.......'sti slavi hanno cotto il razzo con le loro dichiarazioni-non-dichiarazioni. (VIGILE, sono con te: molti nemici molto onore.

    RispondiElimina
  57. colonel.blimp4 agosto 2013 15:01

    Fali e' s'è incazzaho di nulla! «Il procuratore sono mi!». Galliani, con la sua manovra spericolata su una vecchia Taunus truccata, autista il galoppino Furtula, potrebbe averci fatto gioco. Lud, sono d'accordo sul 4-3-3 del Barcellona e che Ljajic rientrerebbe in quello schema, ma quando, l'anno scorso nel girone di ritorno, durante la partita si passava dal 3-5-2 di base al 4-3-3 l'interpretazione di Cuadrado era da tridente classico, di fascia avanzata come l'ha descritta Jordan. Anto, Munari ha giocato un buon campionato alla Samp.

    RispondiElimina
  58. e dove mai ho parlato di cross? Ho parlato di gioco su linee esterne, di ali che arrivano in fondo e crossano ce ne sono ormai poche, purtroppo. Il Barcellona comunque con quei piccoletti che corrono sulle fasce gli esterni li ha (Mata, Navas e compagnia), a Ljajic quel gioco non lo vedrai fare mai, è altra cosa.

    RispondiElimina
  59. A me pare che nel 3-5-2 della prima parte del torneo Ljajic giocasse più vicino alla prima punta (dovrei però rivedere le partite per essere più preciso) mentre a Cuadrado si chiedeva molto dispendio perchè doveva anche fare il difensore sulla sua fascia.

    RispondiElimina
  60. Cuadrado è uomo di fascia, è un esterno, che giochi più alto o più basso dipende dall'impiego, in un 3-5-2 deve occuparsi di tutta la fascia, con un difesa a 4 ha le spalle più protette, ma è comunque uno che ha gamba, che rientra tanto anche in quel caso. Ljajic non è uomo di fascia, non ci sta, svaria, cerca l'1-2 e la penetrazione in area con movimenti da seconda punta o da trequartista. Poi si può far giocare anche in una specie di 4-3-3 ma interpreta il ruolo a modo suo e definirlo esterno d'attacco in un 4-3-3 è, secondo me, definizione inesatta. Tipici esterni d'attacco del 4-3-3 sono Robben, Ribery, Mata, Navas. Joaquim. Il gioco di fascia, negli schemi montelliani, a sinistra, anche quando si gioca con la difesa a 4 è più facile lo faccia l'esterno basso, cioè Pasqual o, adesso, Alonso se opportunamente protetti anche in fase offensiva. Un altro che ha le caratteristiche dell'esterno d'attacco di 4-3-3 è Yakovenko.

    RispondiElimina
  61. Perché nella seconda parte del torneo quante volte si è giocato a quattro siamo ancora in attesa di risposta, che non arriverà mai. Nicchi come l'arbitro.

    RispondiElimina
  62. Quindi, attaccante!

    RispondiElimina
  63. Credo che Ramadani il greco se lo rinvolti e se lo metta in tasca quando gli pare, però se i rapporti tra il greco e lo scaracchiatore sono stretti potrebbero sorgere problemi.

    RispondiElimina
  64. Leo si è giocato dietro a 4 tutte le volte in cui dietro erano schierati non tre ma quattro difensori, cioè nel girone di ritorno quasi sempre. Salvo e non è un caso quando fu squalificato Ljajic.

    RispondiElimina
  65. Nel girone di ritorno quasi sempre. Siamo a cavallo! Lud, a volte un dignitoso silenzio vale più di mille parole. Anche quando ci siamo schierati a quattro ("quasi" sempre risparmiamelo, non buttarti senza paracadute) hai visto fare gli stessi movimenti agli esterni ed ai difensori ?! Che si passava sa quattro a tre, spesso, e a cinque in ripiegamento preferisco non dirtelo tanto non l'hai visto. C'hai messo un giorno per partorire questa risposta ?! Quasi sempre eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  66. Che significa quattro difensori? Se parli di caratteristiche dei giocatori, abbiamo giocato sia all'andata che al ritorno con Roncaglia/Tomovic, Rodriguez e Savic/Compper, più Pasqual. Se parli di posizioni sullo scacchiere, in nessuna partita del ritorno abbiamo giocato dal 1' al 90' con quattro difensori: a seconda delle situazioni la difesa scalava da 4 a 3, e viceversa. Da notare semmai che dei due esterni era Pasqual a scendere sulla linea a quattro dei difensori, e non Cuadrado.

    RispondiElimina
  67. Non mi sono spinto a citare pure le fasi in cui la difesa si addensava a cinque, non complichiamo troppo le cose, addirittura tre moduli in una stessa gara, senza considerare centrocampo e attacco, c'è di che impazzire!

    RispondiElimina
  68. Deyna è come spiegare ad un muratore una derivata di fisica quantistica, lui è bravo con la cazzuola e la malta che ne può sapere di altre cose. Buffo che non gli sia venuto a noia in tutti questi mesi di prendere queste risposte e poi buttarla sul bullismo o "renderle" parlando di calcio. Non ha mai reso nulla, prese ne ha prese in quantità eccessiva ma ha sempre tirato dritto. Pensa che a scrivere che sa difendersi qualcuno s'impressioni o tentare di fare la voce grossa d'intimorire ma dato che qui si parla di calcio dovrebbe arrendersi all'evidenza e mettersi a leggere per un bel pezzo senza proferire parola al riguardo. E' troppo orgoglioso per farlo, si crede competente, ma l'orgoglio in questi casi non serve, se la materia è ostica torna prima sui libri e dopo provaci.

    RispondiElimina
  69. Nella prima parte della stagione avevamo un centravanti classico, Ljajic ne assecondava i movimenti, Cuadrado era impegnato in copertura su tutta la fascia. E l'ho visto anche sbagliare una palla (mi pare a Udine) sull'out destro suo, ma praticamente sulla nostra linea di fondo. Cioè faceva anche il terzino. Nella seconda parte della stagione la difesa con 4 difensori incluso un Pasqual con compiti più difensivi e di copertura, dava la possibilità a Cuadrado di poter spendere meno e attaccare di più. Non c'era il centravanti classico. Cuadrado e Ljajic si posizionavano in maniera simmetrica a sinistra e destra nel 4-3-3, anche se la sfera di azione di Cuadrado era più ampia. Entrambi hanno tratto giovamento dal cambamento o aggiustamento tattico se preferite cominciando a segnare di più. L'anno prossimo questo modulo lo vedremo meno. Forse mai, mentre naturalmente il 3-5-2 sarà il modulo scelto con Gomez punta centrale e Rossi a girargli intorno. Poi vedremo cosa inventerà Montella.

    RispondiElimina
  70. Sopravvissuto4 agosto 2013 17:32

    Magari avessimo difeso veramente in quattro! Neanche Commper resisteva e spesso si lanciava con classe e stile sino alla trequarti.

    RispondiElimina
  71. Che ci si difendesse a 4 lasciando Cuadrado più libero non vuol dire che i difensori non potessero avanzare. Solo nel calciobalilla le posizioni sono fisse. I nostri difensori hanno sempre attaccato. Basta vedere quanti goal hanno fatto e quanto fiato hanno sprecato i vari Roncaglia, Gonzalo, Savic.

    RispondiElimina
  72. http://www.violanews.com/news-viola/fiorentina-offerta-del-milan-per-ljajic-inopportuna-20130804/

    RispondiElimina
  73. Cuadrado e Ljajic si mettevano in maniera simmetrica rispetto a Jovetic che faceva, o avrebbe dovuto fare, il centravanti al calcio d'inizip forse. Poi tutta questa simmetricità andava a farsi friggere e ognuno giocava secondo estro e inclinazione, se Dio vuole. Una difesa con 4 difensori fissi e gli esterni bassl bolccati non l'abbiamo mai avuta perchè è aldifuori delle concezioni tattiche montelliane, che sono quelle del calcio moderno, fatto di movimenti relativi di giocatori e perciò difficilmente ingabbiabile in definizioni. Quando Pasqual spingeva sulla fascia il modulo tornava ad essere molto simile ad un 3-5-2 con il centrale di sinistra che andava a proteggere la zona. Gli interpreti poi, come ha scritto Deyna, eran sempre gli stessi, quindi pensare a grossi sconvolgimenti tattici è puro parto di fantasia. E' cambiato qualcosa davanti per la diversa interpretazione del ruolo che davano Toni e Jovetic. La coppia Jovetic-Toni, giocava in un modo, quella Ljajic-Jovetic in un altro, evidentemente. Ljajic è migliorato molto perchè ha giocato di più ed ha capito quello che doveva fare.

    RispondiElimina
  74. Naturalmente si può sempre sostenere che il calcio è un caos e che gli schemi non esistono. Non mi meraviglia che questa tesi sia sostenuta da chi ha sponsorizzato lungamente il non-calcio di Sinisa Mihajlovic. Resta da capire come mai con Montella si vince e ci si diverte mentre con Sinisa si veniva messi sotto anche dal Chievo o dal Bari.

    RispondiElimina
  75. Sono schemi complessi questi, che prevedono il passaggio continuo da un modulo a un altro, se non hai notato che la difesa non era costantemente né a tre né a quattro nemmeno nel ritorno, non so che dirti [per limitarci solo alla fase difensiva]. Con Sinisa le posizioni in campo erano molto più vicine a quel che pretenderesti tu, con meno variazioni sul tema. Con Prandelli di più ancora, e i risultati non son dati certo dallo schemino: con lo stesso modulo, anche col Santo siamo arrivati quarti, come abbiamo fatto una seconda parte di stagione disastrosa, l'ultimo anno.

    RispondiElimina
  76. Nonostante i nostri sforzi sei tetragono a seguire un discorso tecnico serio, quindi è tempo perso. Confermi comunque la tendenza a mentire per colpire l'interlocutore. Io non ho mai sponsorizzato Mihajlovic, ho solo detto che, nelle condizioni in cui è stato costretto ad operare, pochi avrebbero fatto molto meglio, il che non vuol dire che avrebbe ottenuto gli stessi risultati di Montella se arrivato due anni dopo e con l'organico che è stato affidato a Vincenzo. Anzi io suppongo esattamente il contrario. Se poi pensi che la differenza di gioco e risultati sia tutta negli schemi di gioco è bene che ti limiti al Subbuteo perchè più in là è difficile che arrivi.

    RispondiElimina
  77. Non confondiamo però i gol segnati su palle inattive - tutti i difensori si propongono in queste situazioni, i nostri sono solo più bravi, e favoriti dagli schemi di Vio - con gli sganciamenti veri e propri, dovuti a situazioni di gioco. Savic e Gonzalo se non erro han segnato solo sfruttando calci d'angolo e di punizione, solo Roncaglia ha messo a segno due tiri da lontano. Altrimenti potremmo dire che anche Natali e Gamberini attaccavano...Coi difensori lo facciamo ancora poco, non siamo in pieno calcio totale. Magari con i Nastasic, gli Orban, i Mario Fernandes vedremmo anche quello.

    RispondiElimina
  78. Jordan devi sempre usare il singolare quando argomenti. Te lo consiglio. È molto più elegante. Altrimenti presti il fianco all'accusa di essere uno di quelli che si fanno scudo del fatto di essere parte di una maggioranza o presunta tale. Ai tempi di Hitler ad esempio un tedesco non nazista avrebbe potuto provare la sgradevole sensazione di non essere maggioranza. Salvo scoprire poi di aver avuto ragione. Leggi Canetti, leggi Croce. Essere maggioranza non vuol dir nulla. E resta da provare che tu lo sia. Per quanto riguarda gli schemi secondo me il calcio di Montella si distingue proprio per la pulizia formale e la chiarezza degli schemi. E gli schemi esistono. Non sono illusione. Tant'è vero che un buon allenatore che aveva studiato a Coverciano metteva sotto Sinisa col gioco anche con rose molto inferiori. Che il gioco di Sinisa fosse organizzato non lo credo proprio, Deyna. Io ricordo lunghe fasi della gara nel corso delle quali i giocatori vagavano smarriti e senza meta.

    RispondiElimina
  79. Sopravvissuto4 agosto 2013 19:38

    Scusate ma la parola "schema" non credo esista nel vocabolario di Sinisa Mihajlovic,non scherziamo. L'unica scusante per il serbo era il fatto di aver gestito una trasizione, di avere avuto calciatori che giocavano con gli infradito e gli anfibi. Con Mihajlovic sembrava un'evoluzione del non-gioco di Cavasin, la palla scottava, tutti declinavano l'invito a giocarla. La carriera di Mihajlovic (ripeto, come tecnico) è sotto gli occhi di tutti:non aveva identità il Bologna, non aveva identità la viola, non ha identità la Serbia (Catania è un discorso a parte, la piccola Udinese del sud). Montella aveva dato impronta al Catania, ha dato unicità e impronta alla Fiorentina. Uomini vicino, con Miha? Certo, per difendere! Quante volte ha impostato Behrami, e questo si commenta da solo. L'uomo non lo conosco e non mi permetto di giudicare, il tecnico non ha lasciato tracce. Concordo che anche con i giocatori dell'anno scorso Sinisa avrebbe combinato poco o nulla. Giovani, l'anno di Sinisa in trasferta ci prendevano a pallettate, ci umiliavano sul piano del gioco e dei risultati.(Maremma, sembra un post di uno o due anni fa.....!). LUD, nessuno difendeva o sponsorizzava Mihajolovic, semplicemente si tentava di difendere il difendibile (era un tesserato viola!) e si cercava di intravedere qualcosa di positivo (arduo).

    RispondiElimina
  80. Da Leo attendo il curriculum. Visto che ritiene di saperne molto lo dimostri. Ha fatto calcio professionistico? Ha allenato? Giocato? Scritto di calcio? E d'altronde se non hai testa tutto ciò conta poco. Cerci ad allenare lo voglio vedere. Direi inoltre che potrebbe risparmiarsi le offese ai muratori che in bocca ad uno di modesta istruzione stonano.

    RispondiElimina
  81. colonel.blimp4 agosto 2013 19:44

    Cuadrado, in qualsiasi schema possibile e immaginabile, può essere simmetrico a Ljajic come il pene alla vagina o come Publio Decio Mure a Metternich. Sinisa, Lud, lo introduci a capocchia, non c'entra proprio nulla, se non per il fatto che con lui qualche partita con tridente puro all'antica si è vista. Come organizzatore Sinisa ha mostrato del buono in difesa, poi solo nella valorizzazione di alcuni singoli. La difesa a tre di Montella è bloccata: i difensori non si sganciano, segnano su palle inattive o (come è successo col Fac) con mine da lontano.

    RispondiElimina
  82. Siccome ti si sta scrivendo in due, io e Deyna, più o meno le stesse cose, alle elementari mi hanno insegnato che si deve usare il plurale. Se c'è uno che guarda poco all'essere maggioranza o minoranza quello sono io, del resto non sono io che quasi ad ogni post chioso che son quasi tutti d'accordo con me o che sull'argomento c'è poco da discutere perchè è così. O chi è? Rileggiti almeno. Io ho le mie idee, in base a quello che so ed alla logica che mi riesce applicare, che poi siano d'accordo uno, dieci o centomila sinceramente m'importa sega. Se gente che stimo si mostra di parere decisamente contrario mi può portare a riconsiderare conoscenze e procedimento, ma sempre e solo cercando il vero, non certo il consenso del quale sei tu ad avere un bisogno disperato, sì che vai in paranoia perchè qui non ce l'hai. Spiattellare poi sul muso di gente che nemmeno conosci la tua presunta (perchè nemmeno io ti conosco, quindi dovrei fidarmi solo di quello che dici) cultura può indicare al massimo erudizione, ma una meschinità d'animo che con la cultura, quella vera, poco ha a che fare.

    RispondiElimina
  83. Parlavo di posizioni in campo, erano molto più fisse rispetto a quelle che vediamo nella Fiorentina di Montella. L'organizzazione poi dipende anche dalla voglia di sacrificarsi, di correre e di lottare per un obiettivo comune, da qui il rispetto delle distanze tra i singoli e tra i reparti, il coprirsi a vicenda, il rientrare, ecc ecc. Questo impegno e sentire comune è andato perso nell'ultima Fiorentina di Prandelli, la situazione si è protratta con Sinisa, per fortuna tutto è tornato con Montella, Macìa e Pradè.

    RispondiElimina
  84. Anche perché, con la tipologia di centrocampisti che abbiamo, se i nostri difensori si mettessero a fare i Krol e i Suurbier saremmo del gatto.

    RispondiElimina
  85. Non credo che Savic sia stato trasportato in volo dagli angeli nell'area avversa per colpire di testa come la casa della Madonna di Loreto. Ed infatti a fine partita i difensori erano molto stanchi. Rodriguez deve impostare e lo fa molto bene, ma lo si vede anche in avanti. Evitiamo di ragionare in base ad un modello astratto di calcio totale che esiste solo nella mente dei teorici. Cuadrado scardina l'area partendo da destra, Ljajic da sinistra, ma l'ho detto Cuadrado sembra avere un raggio di azione più ampia e sicuramente corre di più di Ljajic, è inesauribile.

    RispondiElimina
  86. colonel.blimp4 agosto 2013 20:03

    Esatto, Deyna. Cuadrado, Lud, è uomo di fascia, convergente solo in variante (pur micidiale), Ljajic invece puoi farlo partire dalla fascia ma svarierà imprevedibile e tra le linee su tutta la radiale con percussione messiana interna. Rodri imposta come nessun difensore in Italia, ma non lo «si vede molto in avanti» se non sbagliando la mescalina col chili nella preparazione dei frijoles.

    RispondiElimina
  87. E qui sbagli. Ognuno è responsabile delle proprie opinioni. A me hanno insegnato così, non alle elementari ma quando facevo il dottorato di ricerca in storia all'Istituto universitario europeo. Se avessi scritto: siamo in tanti a pensare che (esempio a caso) Carlo V ha sbagliato a ordinare il sacco di Roma mi avrebbero riso dietro. Io dovevo e debbo scrivere: secondo me, in my opinion, per ciò che ho compreso. Una opinione è sempre individuale e non è rafforzata dal fatto che la sostengono in due o in cento, ma dalle prove che porti a sostegno.

    RispondiElimina
  88. Cuadrad non resta mai sulla fascia, ma prova ad incunearsi in area tagliando in trasversale il campo più o meno all'altezza dell'area avversaria. Ci sono milioni di filmati su youtube.

    RispondiElimina
  89. colonel.blimp4 agosto 2013 20:18

    Come scrivevo, uomo di fascia, convergente solo in variante (pur micidiale). Basta leggere.

    RispondiElimina
  90. La sensazione di aver già vissuto una certa situazione riferita a qualcosa di letto e non visto, come si chiama? Déjà lu?

    RispondiElimina
  91. Ma lo vedi che parti sempre per la tangente con i tuoi studi che qui non contano niente per riappropriarti di un'identità che smarrisci ogni volta che si parla di calcio. Questo vuol dire buttare in vacca il contraddittorio perché perdi la bussola di cosa si sta parlando. Carlo V o i nazisti con quello che si parla non servono a una sega, prova a seguire il filo logico del discorso per una sola volta e rispondi nel merito di quello che ti viene contraddetto. Si usa il plurale perché in troppi la si vede alla stessa maniera, tu no, non è questo il problema, perché siete asimmetrici tu e il calcio, vedi cose non accadute e ti pare di descriverle, hai un concetto dei moduli, delle definizioni e del calcio in generale troppo superficiale e l'affronti con una presunzione che farebbe inorridire chi ne sa pure poco. La piaggeria che ostenti su altri temi non ha niente a che vedere con quello che si discorre e non ti aiuta certo a venire a capo del nodo inestricabile che ti attanaglia. Fossi almeno umile i toni sarebbero ben diversi ma preferisci scrivere di getto eventi mai, o quasi mai, verificatesi su un campo di calcio e vorresti pure che ti leggessimo senza venir assaliti da risa incontrollabili, il che sarebbe pure divertente se non ti prendessi sul serio ma visto che ti spacci pure (l'appassionato è andato a farsi friggere) per fine intenditore ecco che ci tocca, tutti quanti, riscriverti infinite volte le stesse cose. Che non leggi e non capisci.

    RispondiElimina
  92. Savic ha segnato di testa su palle inattive (corner e punizione).

    RispondiElimina
  93. Ma segue la palla o no?

    RispondiElimina
  94. Cosa vuol dire "segue la palla"?

    RispondiElimina
  95. Perle ai porci, Leo. Non sei neanche capace di discernere tra un argomento e un esempio. Resta il fatto che le opinioni sono sempre individuali e si argomentano. Noi pensiamo al plurale lo dice solo il papa.

    RispondiElimina
  96. Se vedessi una partita per la prima volta, contro le tue duecentomila, e mi chiedessero spiegazioni su quanto visto, al pari delle tue duecentomila, si chiederebbero cosa faremmo io e te nella stessa classe. Sei tu che devi dimostrarmi, una sola volta se ti riesce, di aver ragione su un solo argomento che riguarda lo sport pedatorio di cui si parla qui. Chiedere ad altri di dare dimostrazioni, che comunque hai ricevuto a piene mani (che ti piaccia o no), quando tu sei l'ultimo degli interlocutori con cui sia piacevole parlare di calcio è meno che divertente. A te non te lo chiedo, basta leggerti.

    RispondiElimina
  97. Porci è plurale, tu vuoi il singolare, rispondo per me. Porco sei tu.

    RispondiElimina
  98. Forse mi sono espresso male, non so. Diciamo che mentre la palla si sposta verso l'area avversa lui si sposta e partecipa all'azione offensiva cercando di farsi trovare pronto in area avversaria per colpire di testa. A me pare che accada di frequente.

    RispondiElimina
  99. Perle ai porci è un proverbio che suggerisce di non utilizzare concetti troppo complicati se l'interlocutore si sa già che non è in grado di capirli. Io ho citato Carlo V ma premettendo che era solo un esempio di argomentazione storica. Ogni storico che si rispetti ritiene individuali le proprie argomentazioni.

    RispondiElimina
  100. A me pare d'essere ai confini della realtà, in tal caso Lud non correggerti, ti sei espresso benissimo.

    RispondiElimina
  101. Sicuramente tu sei spesso oltre quel confine. Attendo il curriculum. Il mio l'hai visto e commentato. Ora tira fuori il tuo.

    RispondiElimina
  102. E me lo diceva anche a me l'allenatore dei Pulcini della Sanremese che dovevo, io stopper, sui calci d'angolo andare nell'area avversaria per sfruttare l'altezza sui colpi di testa. Ma di certo non partecipavo al gioco.

    RispondiElimina
  103. Carlo V gioca in mediana. Forte di testa e capace di seguire l'azione tagliando la linea trasversale della fascia incuneandosi al centro della trequarti servendo il difensore che si sgancia per ricevere il cross dalla linea di fondo per spazzare l'area avversaria impedendo al centravantone di appoggiare la mezz'ala che riceve il lancio dal portiere che ha ricevuto una punizione con retropassaggio del trequartista, anche lui sulla fascia, perché non sapeva a chi cazzo darla. Non ti prendo per il culo Lud, me ne guardo bene, ho solo pubblicato questo post per fotocopiarti un tuo quando tenti di scrivere di calcio. Più o meno ci siamo.

    RispondiElimina
  104. Il tuo, non richiesto, perché qui dei curriculum è come avere carta bianca, (sai cosa diceva Totò a chi gli sventolava carta bianca ?!) non elevano la discussione se chi lo snocciola non capisce un cazzo di calcio, e tu puoi avere anche 10 lauree ma sempre un cazzo di calcio capisci. Oltretutto il tuo di CV è per caso inerente ad un qualcosa appena vicino al calcio ?! Perché se hai titoli di quel genere o li regalano coi punti spesa o ti hanno preso per il culo. Rifattela con loro e non ci sfracassare.

    RispondiElimina
  105. Ho detto che voglio vedere il tuo. Sei tu l'intenditore, no? Allora vediamo se millanti credito o hai de titoli.

    RispondiElimina
  106. L'importante l'è che finisca in "ù" perchè fa rima co' "un si sopporta più" e "si rimanda a fare 'n cu" che lì un ci ha bisogno di curriculum e ci po' anda' anche di passo.

    RispondiElimina
  107. Jordan, te lo vorrei minacciare anch'io un esposto.

    RispondiElimina
  108. tante cose le ti sembrano e invece tu l'ha' sognae la notte. Siccome le squadre le devan rimane' corte, durante la fase offensiva e difensori e un rimangano a gioha' a terziglio co' i portiere, ma magari l'avanzano anche loro ma non a cazzo di cane, bensì mantenendo le distanze con quegli artri. Se c'è un carcio d'angolo (o cornere pe' quelli che sanno l'ingrese) o un carcio di punizione che presuppone un traversone, quelli più arti o più bravi di testa anche se difensori, e si portano 'n area o a' limiti pe' cerca' di capocciallo drento. A i' su' posto, ndreo e ci va quelli piccini e rapidi, perchè se vengan tutti a fa' mucchio e basta un rinvione pe' faccelo mette' ni' buhagigi. E le si chiaman palle inattive, senza nessun riferimento alle tue, ma pe' di' che i'pallone e un n'è 'n gioco, e si riparte co' i' gioho da fermo e così Savicce e quegli artri e possan anda' da centro campo all'area a posizionassi. Che l'ha capito o ti si dee fare i'solito disegnino? Fori che 'n questi casi e difensori, quando e son tre, e pensan poho alla fase offensiva e quati tutti e su' go' e l'hanno fatti su capocciate da palle inattive, 'nfatti.

    RispondiElimina
  109. Storie di blog

    RispondiElimina
  110. A noi che tu hai fatto il dottorato di ricerca in storia non ce ne potrebbe frega' de meno e se pensi di impressionare l'uditorio con le tue millanterie fai solo meschina figura. Vedi invece di rispondere a tono che non lo fai mai. Non ho mai detto che non sono responsabile delle mie opinioni, ma solo che non me ne frega niente di essere o meno in maggiornaza nel sostenerle che è l'esatto contrario di quello che stai cercando di imputarmi. Quando mai ho scritto che ho ragione perchè lo dicono tutti? guarda che invece tu l'hai fatto e proprio in questo topic.

    RispondiElimina
  111. Savic, Rodriguez, Compper e Tomovic partecipano poco o nulla alle azioni offensive, se si intendono - come tutti intendono - sganciamenti in avanti per crossare, arrivare al tiro da fuori, o penetrare in area con degli uno/due. L'unico che ha una certa licenza di fare le ultime due cose citate è Roncaglia, per via della micidiale legnata che ha da fuori, e dei trascorsi giovanili da punta. I centraloni che sulle palle inattive salgono in area avversaria per colpirla di testa non sono sintomo di nessun calcio offensivo o particolarmente evoluto, li usano tutti, compresa la juventus di Trapattoni e le squadre che praticavano il catenaccio.

    RispondiElimina
  112. allora minaccia, ma se non metti la museruola anche a quel maleducato che gioca a fare il bambino oppresso e poi cerca di prendere in giro, offendere e stuzzicare ad ogni post si va poco lontano. L'ho avvertito quattro volte prima di riarmare gli obici e lui nulla, seguita impeterrito a cercare di prendere per il sellino. se son le labbrate che cerca io gliele dò.

    RispondiElimina
  113. Era riferito allo scambio di opinioni che hai avuto con David.

    RispondiElimina
  114. Ah! anche quello è un bel cafone, fa un blog e poi non sopporta il dissenso, dice che mi voglio mettere in evidenza! Te lo immagini, scrivendo sul blog del Guetta! Dovrei essere scemo. Ma chi si crede d'essere? Lo faccia l'esposto che poi si ride!

    RispondiElimina
  115. In realtà ogni tanto si sgancia anche Tomovic, solo che poi tanto non è capace a crossare e allora non sa cosa fare.

    RispondiElimina
  116. Pollock, te scegli sempre e solo crema e cioccolato da i' Vivoli, mi par d'ave' capiho così, ma altri hanno pensaho bene d' assaggiare tutti i gusti. E difatti gli hanno svuotaho tutte le sorbettiere, che ingordi golosoni! Ma la Cassa Continua la 'un c'è più?

    RispondiElimina
  117. C'è ancora, ma pensavano fosse sufficente la loro di cassaforte, e così gli hanno alleggeriti di 15.000 €

    RispondiElimina
  118. Mah, ormai si sa quante casseforti sbarbano, più dei funghi in montagna di questa stagione. Non capisco ma mi adeguo, ferrinianamente come dice il Colonnello.

    RispondiElimina
  119. http://video.repubblica.it/dossier/top-flop/galatasaray-fatih-terim-show-colpo-dello-scorpione/136864/135410?ref=HREV-4



    Mitico Fatih

    RispondiElimina
  120. Raggi. Però.

    https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=ZbgVs-RdLSc

    RispondiElimina
  121. Il 70% del gol è di Llorris, però...Neto sarebbe già stato gettato in pasto ai piranha, per questo

    RispondiElimina
  122. Sopravvissuto4 agosto 2013 23:41

    LUD, Savic non partecipa al gioco d'attacco, dovrebbe avere 5 polmoni. Sicuramente si inserisce sui corner, come Gonzalo Rodruguez.

    RispondiElimina
  123. Se gli capita a Neto il Guetta paga un'altra colazione a 5000 persone.

    RispondiElimina
  124. colonel.blimp4 agosto 2013 23:53

    A Vivoli ho sempre preferito il Badiani, dove tra l'altro mi capita di vedere a volte il testa di cazzo incivile de quo: almeno di gelati ne capisce. Però, Jordan, tu su Neto hai fatto una questione personale e ubiquitaria, non ti ho mai visto così partigiano e infervorato su un giocatore o su un un qualsiasi tema calcistico. Quando parlavo del Nipote scherzavo ma a volte mi chiedo se non ci ero andato vicino... Lasciale a me, per esempio, queste sbandate, a te non si addicono.

    RispondiElimina
  125. colonel.blimp4 agosto 2013 23:59

    Leggo solo adesso: «presunto collega»... ahahahahahahahahah! «E de che?», potrebbe rispondere Pat... ahahahahahahahahahahah! Anche l'insulto è un'arte, se lo maneggi male ti si rivolta contro... ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  126. Hai un po' di ragione. Me lo son proprio preso a cuore, a livello quasi di fissazione. Ma è brasiliano, è bravo, mi sembra quasi di averlo scoperto a me, ed è un bravo figliolo, nel merdume diffuso che c'è anche in categoria e vederlo trattare così mi fa ribollire il sangue. Oltre tutto di calcio non ci capiscono un cazzo davvero, sono degli analfabeti totali, ruffiani, opportunisti, in genere in una parola sola: stronzi. Se ne salvano pochissimi e son più di trent'anni che, anche se di striscio, bazzico l'ambiente. Il tronfione gordo del berciador non è certo tra quelli.

    RispondiElimina
  127. e vuol fare l'esposto! se prima more!

    RispondiElimina
  128. sopravvissuto5 agosto 2013 01:07

    Grande domenica Sportiva, questa sera. Solo rotture di zebedei per noi, con Venerato che si limita fare un sunto dei quotidiani sportivi della domenica. Vi raccomando Civoli: "Il Milan parte dal terzo posto e deve solo migliorarlo....". Grandiosi. Neanche un filmato, solo inginocchiatoio per strisciate. Mah....faccio bene a non pagare il canone, come Chiari.

    RispondiElimina
  129. http://www.fiorentinanews.com/2013/08/alla-fine-bisognera-convincersi/

    RispondiElimina