.

.

martedì 3 gennaio 2012

Pubalgia canaglia

Nel calcio di quando portavamo la Belstaff, quello per intendersi dei capelli lunghi di Pagliari e dei rigori da fermo di Casarsa, c'era anche un sacco di pubalgia a giro per i campi. E forse Casarsa li tirava da fermo proprio per quello,  per non soffrire troppo nella rincorsa. Appariva all'improvviso e s'inghiottiva fior fiori di giocatori per annate intere. Non era una malattia era un pozzo senza fine. Intristiva le giocate con una subdola convivenza, coabitava solo con le prestazioni dal cinque in giù, e non si vedeva mai la fine, gettando nello sconforto generazioni di tifosi, che la odiavano al pari del professore di matematica. Oggi che è cambiato il modo di giocare, e che è aumentata persino la velocità, oggi che saltano i legamenti al pari degli allenatori del Palermo, e che il professore di matematica probabilmente è morto, dov'è finita tutta quella pubalgia? Anche Albano che al tempo ne aveva denunciato l’esistenza dolorosa scrivendo un pezzo struggente, con la sua scomparsa ha dovuto correggere l'originale “ pubalgia canaglia” in una più malinconica “ nostalgia canaglia” che in una recente intervista ha spiegato essere proprio riferita a quella stessa pubalgia che non c'è più. L'ultimo caso recente, e considerato per questo ormai una eccezione da mostrare ai giovani fisioterapisti, è stato quello di Liverani, che da fermo non tirava i rigori ma ci ha giocato l'intera carriera. Per trovare una risposta al perché si sia estinta una patologia così tanto specifica della professione, c'è chi ha studiato la sentenza Bosman, crocevia di cambiamenti epocali. Ci sono tutta una serie di studi medici che indicano la scomparsa della pubalgia riferita proprio al fatto che i calciatori professionisti aventi cittadinanza dell'Unione Europea potessero trasferirsi gratuitamente in un altro club. La pubalgia come lo zuccotto, anche quello a proposito, ma dov'è finito? Custodito in un contenitore trasparente che ne mostrava un trionfo di arrogante pan di spagna, una ricetta che risaliva addirittura a una invenzione di Caterina de' Medici, quello però a dire il vero lo sappiamo bene noi tifosi Viola dov'è finito. Da quando Vargas è arrivato a Firenze, ha assorbito l'intera produzione di quelli che son rimasti solo dei nostalgici pasticceri, e visto che al suo interno c'è anche un bel po' di liquore, a mangiarne troppi il rischio è sempre quello di ribaltarsi. Almeno diglielo a tuo cugino, quello è un peruviano che vuoi ne sappia del liquore dentro lo zuccotto. Più complessa da spiegare invece è la scomparsa della pubalgia, ma tendo a fidarmi della teoria legata alla legge Bosman, che ha trovato proseliti anche ad Arcore. Gli enormi vantaggi piovuti addosso ai calciatori avrebbero attirato intorno ai ragazzotti del calcio fior fiori di pubalgie, perché è sempre e solo una questione di testa. Oggi il calciatore medio la pubalgia ce l’ha in testa e non più vicino all’inguine, questa è la mutazione, è diventata cioè un pensiero fisso e non più una patologia dolorosa. Persino i calciatori più brutti, un tempo costretti a correre non solo con la pubalgia ma anche con il tetano pur di giocare, oggi hanno tutti un gran pezzo di pubalgia al fianco. Veline, attrici e showgirl sono l’aggiornamento di quella che un tempo era solo una sofferenza, e che invece oggi è diventato un gran bel sollievo, proprio lì vicino all’inguine.

22 commenti:

  1. Chiarificatore3 gennaio 2012 10:49

    Vedo che sei in forma nonostante gli stravizi, o poeta, e che la mia provocazione di ieri a qualcosa è servita.  E’ così vero quanto scrivi che bisognerebbe aggiustare anche il detto di Boskov sulla testa dei calciatori. In Costa Rica dicono, più o meno,  così:” estos son hombres  que  tienen solamente una cabeza, pero la pequena”. p.s. Lo spagnolo l’ho imparato solo praticandolo e guardando film americani in lingua originale sottotitolati,mi perdonerete gli errori di scrittura.

    RispondiElimina
  2. Però la Pubalgia Canaglia c'è sempre stata. Di Casarsa, appunto, si diceva che se la curasse al n° 10 della strada dove lui abitava al numero 9, no? 

    RispondiElimina
  3. Quella cui fai riferimento era una pubalgia sommersa, la mia invece è quella ostentata insieme ai tatuaggi.

    RispondiElimina
  4. Sommersa? Ma se lo sapevano tutti! Però hai ragione, oggi sono dei palloni gonfiati di niente, motivo per cui è sempre più difficile avere un idolo calcistico

    RispondiElimina
  5. Marco Bernacchioni3 gennaio 2012 11:22

    L'hanno sempre avuta in testa! 

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore3 gennaio 2012 11:25

    Ah, complimenti! Bella la "schiuma" che hai messo in copertina.

    RispondiElimina
  7. E no caro Marco, il centravanti con la topa in testa fa parte dell'ultima generazione degli ostentatori, quella a cui mi riferivo e come appunto dimostra la foto .

    RispondiElimina
  8. Chiari te lo spagnolo tu l'ha' 'mparato come i'francese e i'brasiliano io, ni' modo meglio, su i'pezzo! E un ne 'mporta miha esse' giohatori di carcio pe' ave' la pubalgia. Anche noi e la ci s'è avuta, no? Peccato, almeno per me, qui' passato più o meno prossimo.

    RispondiElimina
  9. Marco Bernacchioni3 gennaio 2012 11:29

    Quindi, essendo al passato (più o meno prossimo) si può parlare di Pubalgia come Nostalgia del Pube?

    RispondiElimina
  10. Le ultime notizie danno Behrami affetto da Lombalgia. Che abbia visto il blog di Pollock e sia rimasto folgorato dalla lombata del Cecchini lassù in cima?

    RispondiElimina
  11. Esatto, anzi il titolo è una crasi, la "pubalgia" non è canaglia, è la "nostalgia canaglia" proprio del pube. A proposito di "schiuma" lo sai come la chiamano gli americani? "Bush", che sarebbe "cespuglio", ti puoi immaginare con quante battute per quel bischero di presidente che avevano prima.

    RispondiElimina
  12. La lombalgia è mal di schiena, non sarà mica che s'è rigirato? No, perchè la lista, anche in viola, la un sarebbe mica corta!

    RispondiElimina
  13. Behrami ha la lombalgia, ma in testa ha una topa punk

    RispondiElimina
  14. topank o topunk ?

    RispondiElimina
  15. Babacar ce l'ha rasata, Jo-Jo cespugliosa (ma ora se l'è accorciata), mentre a Cerci i'pelo e continua a piacegli, quell'artro se la tien con la passata (se no la gli scappa). Ma tutti e ce l'hanno 'n capo, meglio così che peggio.

    RispondiElimina
  16. Dicono che tira più un pelo di "pubalgia" che una coppia di bovi, ma voi nemmen quello, tutti fermi e zitti. LF c'è SLF, non ve lo scordate, o magari vu eri tra quelli che pensavan si parlasse di Fiorentina? O icche vu volete dire della Fiorentina, oggi il gordo e il regime in conferenza ci hanno riempito di banalità, se gli capita l'occasione...Ma se Gilardino l'era così sfavato da un anno, o icche l'hanno fatto ni'frattempo? e siamo ancora a aspetta' l'occasione? in clima di svendite magari ce ne danno tre a i' prezzo di due e se son tre terzini sinistri, 3x3 = 9 e ecco i'centrattacco!

    RispondiElimina
  17. ...e un possono scrivere, hanno tutti le mani impegnate...

    RispondiElimina
  18. Pollock, domani prova con qualcosa tipo "Mercato, si spera di avere il in POPPA", o "La società non sta a SEDERE" o addirittura "In curva si ricorda il POMPA". Per le foto, vedi tu.

    RispondiElimina
  19. Tutte e due le mani? accidenti, beati loro! o icche l'hanno pe' arma, i re travicello piovuto a granocchi?

    RispondiElimina
  20. Te l'avevo detto, visto Pippobaccello che suggerimenti m'ha dato? Poppe, sedere e pompa, c'ha le mani occupate mentre con la bocca gonfia la signorina per la notte.

    RispondiElimina
  21. pfffff ... pfffff ... pfffff ... pfffff ...

    RispondiElimina
  22. non ti sbagliare con la borsa dell'acqua calda, sennò ti ci vuole il compressore

    RispondiElimina